OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI ASSEMBLEA NAZIONALE GIOVANI IMPRENDITORI R, 3-4 MA O 201 UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI ASSEMBLEA NAZIONALE GIOVANI IMPRENDITORI R, 3-4 MA O 201 UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO"

Transcript

1 Imprese OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE ARTIGIANA IN ITALIA UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO ASSEMBLEA NAZIONALE GIOVANI IMPRENDITORI R, 3-4 MA O 201

2

3 CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI 7 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE ARTIGIANA IN ITALIA L'URLO UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO MAGGIO 2013

4 SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE ARTIGIANA IN ITALIA L'URLO GIOVANI IMPRENDITORI CONFARTIGIANATO - UFFICIO STUDI Il Rapporto di ricerca del 7 Osservatorio Confartigianato Giovani Imprenditori sull imprenditoria giovanile artigiana in Italia è stato coordinato da Enrico Quintavalle, Responsabile dell'ufficio Studi di Confartigianato Imprese con la collaborazione di Silvia Cellini dell'ufficio Studi e il contributo di Marianna Prato. All'elaborazione dei dati territoriali sul mercato del lavoro ha collaborato Fabiana Screpante dell'ufficio Studi di Confartigianato Marche. Alla predisposizione della ricerca e delle linee di analisi ha collaborato Stefania Multari, Direttore Relazioni Istituzionali. Al percorso di analisi e ricerca che trova la sintesi nel Rapporto hanno collaborato: Mercato del lavoro: Riccardo Giovani, Direttore Relazioni Sindacali - Imprenditoria giovanile: Stefania Multari, Direttore Relazioni Istituzionali - Impresa e innovazione: Bruno Panieri, Direttore Politiche Economiche - Fisco e finanza pubblica: Andrea Trevisani, Direttore Politiche Fiscali. Il Rapporto di ricerca è disponibile nell area riservata Ricerche e Studi del portale Confartigianato Il lavoro è stato chiuso per la stampa il 24 aprile 2013 Roma, maggio 2013 Copyright Confartigianato I testi e le elaborazioni realizzate per questa pubblicazione sono di proprietà di Confartigianato Imprese. Tutti i materiali, i dati, le immagini, le mappe e le informazioni di questa pubblicazione possono essere riprodotti, distribuiti, trasmessi, ripubblicati o in altro modo utilizzati, in tutto o in parte, senza il consenso di Confartigianato, solo dalle Organizzazioni aderenti a Confartigianato e società da esse controllate, a condizione che ne sia citata la fonte. In alcun modo i testi possono essere ceduti a terzi. I nomi di prodotti, i nomi corporativi e società eventualmente citati nella documentazione possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati di altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. 2

5 L'urlo (Skrik), di Edvard Munch, 1893, 83,5 x 66 centimetri, Nasjonalgalleriet di Oslo Il soggetto del quadro di Munch ed il titolo stesso della sua opera - cui si ispira anche il titolo di questo rapporto - è l Urlo. Ed in questa primavera del tredici, a noi è venuto spontaneo pensare a questo celeberrimo quadro per dare rappresentazione al sentimento diffuso di un angoscia individuale e collettiva. Soprattutto collettiva di una generazione, quella dei giovani che, come sul ponte del quadro di Munch, si affacciano su un mondo del lavoro minaccioso e sanguigno - un milione di giovani esclusi dal mondo del lavoro - generando nuove povertà e rendendo difficile il fare impresa. Ma dalla dimensione dello disperazione senza via di scampo abbiamo volto lo sguardo verso gli ambiti dell'innovazione, del capitale umano e delle tecnologie digitali. Se c è spazio per un agire razionale, - quello spazio pittorico non distorto dai gorghi di quell angoscia dirompente - a quello spazio ordinato abbiamo condotto l'analisi: uno spazio in cui possano esserci nuovi inventori e nuovi imprenditori. Attori di un pianeta salvato dalla catastrofe. 3

6 Indice L'URLO: I GIOVANI SENZA LAVORO, pag. 7 La fredda primavera del 'tredici', pag. 7 Scarsa liquidità e infiniti debiti dello Stato, pag. 9 La dinamica del mercato del lavoro, pag. 14 Cinque 'anni di guerra' per il mercato del lavoro giovanile, pag. 16 La dinamica dell'occupazione degli under 35, pag. 20 I giovani under 35 tra disoccupazione, scoraggiamento e sottoccupazione, pag. 21 I territori: i giovani under 35 per regione, pag. 23 I territori: i giovani under 35 per provincia, pag. 28 La dinamica dell'occupazione degli under 40, pag. 38 UN "PAESE VECCHIO" E LE CRITICITÁ DEL MONDO GIOVANILE, pag. 43 Un "Paese vecchio" tra sindaci e... calciatori, pag. 43 Sempre meno giovani, pag. 47 Troppi giovani inattivi senza studiare e troppi in casa fino a tarda età, pag. 48 Le criticità del sistema formativo, pag. 52 Paradossi tra lauree, difficoltà di reperimento e formazione professionale, pag. 55 Aumenta la povertà delle giovani famiglie, pag. 59 Quattro casi di bad welfare per i giovani, pag Più spesa per anziani e meno per la famiglia, pag Pensioni ricche oggi e rischi default pensionistico domani, pag Un decennio di spesa pubblica 'senza futuro', pag Con i soldi sperperati in baby pensioni avremmo potuto azzerare il fiscal gap con l'europa, pag. 67 INNOVAZIONE, VALORE DEL CAPITALE UMANO E IMPRESE, pag. 69 Innovazione come fattore chiave per la crescita, pag. 69 La miniera del capitale umano dei giovani under 35, pag. 71 Il driver della green economy, pag. 72 La formazione on the job nelle imprese, pag. 76 Le competenze della formazione on the job, pag. 77 4

7 GENERAZIONE DIGITALE, pag. 79 Giovani connessi e in mobilità, pag. 79 La mobilità per la partecipazione ai social networks, pag. 82 Gli 'smanettoni': le attività per gestire hardware e software, pag. 83 La comunicazione via internet: dalle mail ai social networks, pag. 84 L'utilizzo via web di giornali, radio, tv e contenuti multimediali, pag. 87 L'utilizzo dei servizi on-line, pag. 91 Gli acquisti via internet e i prodotti maggiormente richiesti on-line, pag. 93 Ancora scarsa la relazione via internet con la PA, pag. 98 IMPRENDITORIALITÁ E DIFFICOLTÁ DI FARE IMPRESA, pag. 101 Leadership europea per giovani imprenditori under 40, pag. 101 La difficoltà di fare impresa in recessione 2012, pag. 104 I settori drivers nell'artigianato, pag. 105 Il caso delle start-up, pag. 108 Il cattivo contesto per fare impresa in Italia, pag. 111 L IMPRENDITORIA GIOVANILE ARTIGIANA, pag. 115 Gli imprenditori artigiani under 40 per Provincia, pag. 126 L' analisi della serie storica , pag. 128 FONTI DEI DATI STATISTICI E BIBLIOGRAFIA, pag

8 6

9 Lettonia Estonia Lituania Lussemburgo Svezia Repubblica Slovacca Rormania Polonia Bugaria Germania Gran Bretagna Austria Irlanda Francia Belgio Danimarca Olanda Finlandia Repubblica Ceca Ungheria Spagna Cipro Slovenia Italia Portogallo Grecia -6,0 0,0-0,3-0,4-1,0-1,2-1,7-1,7-1,8-1,9-2,6-2,6-2,8-3,7 1,6 1,1 0,9 0,8 0,7 0,5 0,4 0,3 0,1 2,5 3,5 4,5 L'urlo: i giovani senza lavoro La fredda primavera del 'tredici' In questa primavera del 2013 si registrano numerosi segnali che confermano l intonazione recessiva dell economia italiana. Le ultime stime del Governo nel Documento di Economia e Finanza 2013 presentato lo scorso 10 aprile ritoccano al ribasso la dinamica del PIL, previsto per quest anno in discesa dell 1,3%. Con il calo del 2,4% del 2012, si delinea un altro pesante biennio recessivo dopo quello del L'andamento del PIL nel IV trimestre del 2012 certificato da Eurostat nelle 27 economie europee indica che, su base tendenziale, l'italia segna un calo del prodotto del 2,8%, facendo peggio di Cipro (-2,6%) e della Spagna (-1,9%) e collocandosi a grande distanza dal dato medio dell Eurozona (in flessione dello 0,9%). Fanno peggio dell Italia solo Grecia (-6,0%) e Portogallo (-3,7%). 6,0 4,0 2,0 0,0-2,0-4,0-6,0-8,0 La dinamica tendenziale del PIL al IV trimestre 2012 Var. % rispetto al IV trimestre 2011; dati destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi a prezzi 2005 Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat Le condizioni del mercato del lavoro sono critiche e richiedono cure shock per ridare fiato alla domanda di lavoro: a febbraio 2013 l'occupazione diminuisce dell'1,0% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente (-219 mila occupati) e il tasso di occupazione, pari al 56,4%, cala di 0,5 punti rispetto a dodici mesi prima; rispetto al picco pre crisi di aprile 2008, l'occupazione è crollata di 792mila unità. I disoccupati a febbraio sono 2 milioni 971 mila, in calo dello 0,9% rispetto a gennaio, ma in forte aumento su base annua (i disoccupati crescono del 15,6%, pari a +401 mila). La riforma del mercato del lavoro si sta rivelando poco efficace: il tasso di disoccupazione è dell'11,6% e da luglio mese di introduzione della riforma Fornero - è salito di quasi un punto (0,9); nel periodo esaminato fanno peggio solo altre economie del Mezzogiorno d'europa quali Cipro (+1,8 punti), Portogallo (+1,6 punti) e Spagna (+1,0 punti). Sul fronte del commercio estero si osserva che a febbraio 2013 le esportazioni cumulate negli ultimi dodici mesi salgono del 3,1% mentre le importazioni scendono del 6,5%, con un saldo commerciale positivo per 16,2 miliardi di euro; tale risultato è composto da un alto e crescente 7

10 saldo positivo della bilancia commerciale non energetica, pari a 77,1 miliardi di euro, e da un saldo energetico che segna ancora un elevato deficit, pari a 60,9 miliardi di euro. Il sostegno del saldo del commercio estero energetico è dato da prezzi del petrolio che rimangono elevati: a febbraio 2013, il prezzo medio del Brent valutato in euro nella media degli ultimi dodici mesi sale del 5,1% rispetto ai dodici mesi prima, impedendo una più consistente riduzione della bolletta energetica. Sul fronte del costo del credito, gli ultimi dati rilevati dall Eurosistema relativi a febbraio 2013 evidenziano che le società non finanziarie in Italia pagano un tasso di interesse del 3,48%, di 84 punti base superiore a quello medio dell Eurozona; lo spread con la Germania sale a 138 punti base e con la Francia a 113 punti base. Rispetto ad un anno prima è sceso di 31 punti base, ma tale diminuzione ci permette di avere un costo del credito più basso solo rispetto a quello spagnolo (3,59%). Una liquidità scarsa, ma costosa, penalizza la competitività delle imprese italiane, deprimendo gli investimenti e l occupazione e rallenta i processi di innovazione tecnologica. Tassi d interesse a società non finanziarie per totale prestiti nei maggiori paesi dell'area Euro Febbraio tasso medio per prestiti non c/c di qualsiasi importo (nuove operazioni) in ordine decrescente Var. rispetto febbraio 2012 Paese Tasso % in punti base Gap a febbraio 2013 in punti base con Italia Spagna 3, Italia 3, Area Euro 2, Francia 2, Germania 2, * Prestiti diversi da debiti da carte di credito (a saldo e revolving) e da prestiti rotativi e scoperti di conto corrente Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Banca Centrale Europea La crisi fiscale dello stato aggrava la recessione: nel 2012 in Italia si registra l aumento di 1,4 punti di pressione fiscale a fronte di una crescita di 0,8 punti della spesa sul PIL. Gli ultimi dati sui conti delle Amministrazioni Pubbliche evidenziano il boom del prelievo nel quarto trimestre 2012, con le entrate totali che arrivano ad assorbire il 56,3% del PIL, quasi due punti superiori al 54,5% del IV trimestre 2011; la pressione fiscale nel quarto trimestre 2012 arriva al 52,0%, con un aumento di 1,5 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente: tra settembre e dicembre 2012 passano dai cittadini allo Stato euro al giorno, euro all'ora, euro al minuto. Il boom della pressione fiscale % del PIL 44,0 43,0 42,0 41,0 41,7 42,7 40,6 40,9 41,4 43,4 42,2 41,9 41,3 41,0 40,5 41,0 40,4 40,1 41,7 42,7 42,6 43,0 42,6 42,6 44,0 40,0 39,2 39,0 38,2 38,0 37, Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat 8

11 Il critico quadro macroeconomico rende fragili gli indicatori di finanza pubblica: le ultime stime del Governo evidenziano un valore programmatico del deficit delle P.A. relativo agli anni 2013 e 2014, pari, rispettivamente, a 2,9 e 1,8 punti percentuali di PIL. Il saldo primario previsto per quest'anno è positivo e pari al 2,4%del PIL ed arriva al 3,8% nel La spesa pubblica è più della metà (51,2%) del PIL, in valore pari a 801,1 miliardi di euro per il La spesa primaria è di 714,4 miliardi di euro, pari al 45,6% del PIL. É in corso un processo di stabilizzazione della spesa primaria che nel 2013 sale di 0,6 punti di PIL rispetto al Il debito pubblico all'inizio dell'anno pre crisi - al I trimestre del era del 107,1% del PIL e sale al III trimestre 2012 al 127,3%. Il debito italiano prima dello scoppio della crisi era 38,1 punti superiore alla media dell'eurozona; il divario rimane pressochè invariato al III trimestre del 2012: 37,3 punti superiore al 90% della media dell'eurozona. Scarsa liquidità e gli infiniti debiti dello Stato Nella crisi di liquidità in corso l'alto debito dello Stato spiazza progressivamente il credito al settore privato: nei dodici mesi che vanno da febbraio 2012 e febbraio 2013 i titoli stato nel portafoglio delle banche sono aumentati di 84,2 miliardi di euro pari al 31,5% in più; al contrario i prestiti alle imprese sono scesi di 34,1 miliardi, pari al 3,4% in meno. Dinamica annuale della consistenza di alcune poste dei bilanci bancari Febbraio 2013; var. in milioni di euro su stesso mese 2012; titoli (BOT, CCT, BTP e CTZ) diversi da azioni e partecipazioni , , , ,0 0, , , , ,4 Sistema produttivo Famiglie consumatrici Titoli di stato italiani NB: Sistema produttivo= società finanziarie e famiglie produttrici Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Banca d Italia Queste condizioni particolarmente critiche per la liquidità aziendale vengono acuite dall'ingente posizione debitoria della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese fornitici. Ad introduzione dell'analisi sulle consistenze dei debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese scomodiamo Giacomo Leopardi con una parodia della più famosa delle sue Operette Morali "Dialogo di un venditore d'almanacchi e di un passeggere" scritta nel Dialogo di un venditore d'almanacchi e di un Gabelliere della Guardia di Finanza Venditore: Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi? Gabelliere della Guardia di Finanza: Almanacchi per l'anno nuovo? Venditore: Si signore. Gabelliere della Guardia di Finanza: Con un bel prodotto che vendete, credete che sarà in ordine la contabilità della sua azienda? Venditore: Oh illustrissimo si, certo. 9

12 Gabelliere della Guardia di Finanza: Mi dica, stiamo facendo verifiche per i contribuenti dello studio di settore XG99, Almanacchi, commercio e produzione, e verificando in particolare anomalie nelle situazioni debitore. Venditore: Prego, mi dica, illustrissimo, che informazioni le servono? Gabelliere della Guardia di Finanza: In particolare il livello dei debiti verso fornitori della sua impresa? Venditore: Debiti? Proprio non saprei. Gabelliere della Guardia di Finanza: Non vi ricordate di alcun debito della vostra azienda? Venditore: Qualcosa in verità, illustrissimo. Gabelliere della Guardia di Finanza: Mi dica, altrimenti rischia una sanzione molto salata... Venditore: All'incirca 3-4 mila fiorini, ma si tratta di una stima. Gabelliere della Guardia di Finanza: Mi dispiace, lei deve attenersi ai principi contabili e dare una valutazione precisa, al fiorino. Venditore: Eh, caro signore, piacesse a Dio che si potesse. Sono tanti i miei fornitori... Gabelliere della Guardia di Finanza: Ma le sembra una scusa per il caso? C'è un interesse pubblico nelle valutazioni del suo bilancio, sta facendo un reato molto grave. Venditore: Non lo credo cotesto. Ci sono anche i principi contabili che adotto che non mi consentono di farne una valutazione precisa. Gabelliere della Guardia di Finanza: No, caro venditore, il principio contabile si chiama così per darle la possibilità di contare i suoi debiti... Venditore: Oh feroce gendarme, neanche una valutazione approssimativa riesco. Gabelliere della Guardia di Finanza: Cotesto verbale dovrai pagare, non meno di 40mila fiorini. Questo dialogo di fantasia ispirato al famoso brano di Giacomo Leopardi serve per introdurre l'analisi sui debiti della Pubblica Amministrazione ed anteporsi - facendo da esauriente commento - a quanto dichiarato in audizione in Parlamento da parte della Ragioneria Generale dello Stato, l'organo dello Stato che ha come visione "garantire la corretta programmazione e la rigorosa gestione delle risorse pubbliche". Il resoconto dell'audizione dello scorso 15 aprile recita così: "Una quantificazione dell'ammontare delle somme dovute dal complesso delle amministrazioni pubbliche (...) ai propri fornitori può al momento essere effettuata esclusivamente tramite stime, tenuto conto sia dell'universo ampio e articolato di soggetti interessati (oltre 20 mila), sia della circostanza che le informazioni riportate nei bilanci degli enti, in considerazione dei principi contabili adottati, non sempre consentono di ottenerne una valutazione (anche approssimativa)." (Audizione della Ragioneria Generale dello Stato, Decreto legge 8 aprile n. 35, Audizione del 15 aprile 2013, grassetti sono nostri). Appare difficile per imprenditori che tengono un bilancio che "deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell'esercizio" art del Codice civile) comprendere come la P.A. non sia in grado mediante un sistema informatico di procedere ad una contabilizzazione certa e veritiera delle obbligazioni assunte dai numerosi centri di spesa coinvolti. Inoltre va ricordato che sono trascorsi oltre 20 anni dal Decreto Legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 che all'articolo 63 recita "Al fine di realizzare il più efficace controllo dei bilanci, anche articolati per funzioni e per programmi, e la rilevazione dei costi, con particolare riferimento al costo del lavoro, il Ministero del tesoro, d'intesa con la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica, provvede alla acquisizione delle informazioni sui flussi finanziari relativi a tutte le amministrazioni pubbliche". Va ricordato che la mancata applicazione della norma del 1993 che non consente una quantificazione certa dei debiti della P. A. avviene nonostante - solo considerando il periodo dal 2000 al la P.A. ha investito in software milioni di euro, con un investimento medio di milioni all'anno. 10

13 Ciò premesso passiamo ai dati. I dati Banca d Italia per febbraio 2013 indicano un debito pubblico che torna a superare il livello dei duemila (2.023) miliardi di euro. Il debito pubblico italiano in dieci anni cresce di 633,9 miliardi di euro e nell'ultimo anno la crescita è del 4,2%, pari a 80,9 miliardi. La spesa pubblica per interessi è ingente: nel 2012 ammonta a milioni, pari al 5,5% del PIL, e nei prossimi anni è destinata a salire e a superare i cento miliardi: nel 2017 il Documento di Economia e Finanza del Governo la colloca a milioni di euro, pari al 6,1% del PIL. La crisi fiscale dello stato conseguente all'alto debito pubblico e all'elevato onere per interessi ha scaricato crescenti debiti commerciali della Pubblica Amministrazione sulle imprese fornitrici, aggravando le condizioni di liquidità della imprese in un contesto di razionamento del credito. Il debito della P.A. ammonta a 91 miliardi, pari a 5,8 punti di PIL 1, di cui la metà di Regioni e Asl (44 miliardi, pari al 48,3%). Sono ceduti pro soluto a intermediari finanziari 11 miliardi di euro, di cui 4 di Regioni ed Asl. I dati Eurostat riportati da Banca d'italia (2013) evidenziano che l'italia è il Paese europeo con il più alto debito commerciale verso le imprese per beni e servizi - per la sola parte di spesa corrente - pari al 4,3% del PIL, superiore, tra i maggiori Paesi, al 3,4% della Francia (2 posto), all'1,4% della Spagna (11 posto) e allo 0,5% del Regno Unito (20 posto). Debiti commerciali delle Amministrazioni Pubbliche per beni e servizi Anni 2010, 2011-valori in euro per Paesi UEM, per altri (*) valute nazion., e relativi alla sola spesa corrente. Germania e Austria n.d. Paese Milioni di valuta nazionale % del PIL var. var. % rank var. Belgio ,8 0,4 0,4 23 0,0 Bulgaria (*) ,1 1,9 1,7 9-0,2 Repubblica Ceca (*) ,4 2,0 2,0 7 0,0 Danimarca (*) ,7 0,9 0,7 19-0,2 Estonia ,2 1,4 1,4 11 0,0 Irlanda ,3 2,4 2,2 5-0,2 Grecia ,7 3,5 1,2 14-2,3 Spagna ,7 1,6 1,4 11-0,2 Francia ,3 3,4 3,4 2 0,0 Italia ,8 4,0 4,3 1 0,3 Cipro ,3 0,1 0,0 25-0,1 Lettonia (*) ,0 1,2 1,1 16-0,1 Lituania (*) ,5 1,2 1,2 14 0,0 Lussemburgo ,9 0,4 0,5 20 0,1 Ungheria (*) ,0 1,4 1,3 13-0,1 Malta ,0 0,5 0,5 20 0,0 Olanda ,1 0,3 0,3 24 0,0 Polonia (*) , Portogallo ,0 2,3 2,1 6-0,2 Romania (*) ,7 3,1 3,1 3 0,0 Slovenia ,1 2,9 2,8 4-0,1 Repubblica Slovacca ,8 1,0 0,8 17-0,2 Finlandia ,3 1,9 2,0 7 0,1 Svezia (*) ,4 1,8 1,7 9-0,1 Gran Bretagna (*) ,0 0,5 0,5 20 0,0 Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat L'esame dei dati relativi ai debiti della spesa di parte corrente evidenzia che nell'ultimo anno disponibile, il 2011, il debito commerciale della P.A. italiana è quello che è aumentato di più in 1 Banca d'italia spiega che rispetto al 5% indicato nella Relazione Annuale di maggio 2012 e riportato in Confartigianato (2013), le differenze "sono riconducibili a una metodologia di stima più affinata e all aggiornamento delle fonti" 11

14 Europa: 0,3 punti di PIL in più contro la stazionarietà della Francia e del Regno Unito e la diminuzione registrata in Spagna. Il debito della P.A. verso le imprese in Italia è salito del 7,8%, per un ammontare di 4,9 miliardi in più in un anno: il debito della P.A. verso le imprese cresce al ritmo di euro/ora. Anche per il valore assoluto del debito verso i fornitori la P.A. italiana ha superato quella francese. Un dato evidenzia una accentuata traslazione delle criticità del debito pubblico sulle imprese fornitrici e sulle relative filiere: nel 2011 l'italia è 1 paese in Europa per crescita del debito commerciale della P. A. ed è solo 16 per crescita del debito pubblico. Come si evince dalla tavola successiva, tra i maggiori Paesi UE, la P. A. italiana è l'unica che registra una crescita del debito verso i fornitori; anche nel confronto con i Paesi periferici a maggiore crescita del debito pubblico - Irlanda, Grecia, Cipro, Portogallo e Slovenia - l'italia è l'unica che aumenta il debito commerciale della P. A. verso le imprese fornitrici. In Italia debito P. A. scaricato maggiormente su imprese fornitrici in punti di PIL - diff. debito vs. imprese tra 2011 e 2012 per debito pubblico var. IV trim IV trim Paese dinamica dinamica rank UE 25 debito P. A. vs. imprese debito pubblico per dinamica debito pubblico maggiori paesi UE* Spagna -0,2 7,8 6 Francia 0,0 3,7 8 Italia 0,3 1,5 16 Regno Unito 0,0 5,6 7 paesi periferici UE con maggiore crescita del debito pubblico Irlanda -0,2 14,2 3 Grecia -2,3 20,4 1 Cipro -0,1 10,3 4 Portogallo -0,2 14,6 2 Slovenia -0,1 8,3 5 *Germania e Austria dato n.d. Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat L'Italia è il primo paese europeo per rapporto tra debito della P.A. e fatturato delle imprese non finanziarie: la differenza con l'ue, pari a 1,3 punti percentuali di fatturato (2,4% in Italia contro 1,1% in media UE), vale 35,7 miliardi. Il debito della P. A. tende a crescere in presenza di alti tempi di pagamento: nel 2012 l'italia è il paese europeo con i più alti tempi medi di pagamento della P. A. nei confronti delle imprese fornitrici di prodotti e servizi che arrivano a 180 giorni, contro i 76 della media UE, il 136,8% in più. Addirittura 6 giorni in più della Grecia. 12

15 Italia Grecia Spagna Portogallo Cipro Belgio Francia Rep. Slovacca Ungheria Lituania Bulgaria Irlanda Romania Slovenia Austria Paesi Bassi Regno Unito Rep. Ceca Polonia Lettonia Danimarca Germania Svezia Estonia Finlandia Tempi di pagamento per la Pubblica Amministrazione nell EU 27 Anno 2012; giorni medi Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Intrum Justitia In Italia la Pubblica Amministrazione fornisce un cattivo esempio a tutto il sistema dei pagamenti. Nelle regioni del Nord Europa, in Germania, Finlandia, Norvegia e Danimarca, dove i tempi di pagamento sono più contenuti, la Pubblica Amministrazione, invece, fornisce il buon esempio, con tempi di pagamento bassi a cui si allineano le imprese private. Tempi medi di pagamento delle imprese: dove la Pubblica Amministrazione "dà il buon esempio" Anno tempi di pagamento in giorni mercato Germania Finlandia Norvegia Danimarca per confronto: Italia Imprese Pubblica Amministrazione differenza tra P.A. e Imprese Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Intrum Justitia La tendenza alla crescita del debito della P. A. verso le imprese si combina, in un mix tossico per la liquidità d'impresa, con flessione del credito bancario, tassi bancari ancora elevati e superiori alla media europea. I ritardi dei pagamenti delle forniture pubbliche e l'accumulo di crediti verso le imprese penalizzano tutta la filiera dei fornitori: molte piccole imprese, pur non vendendo direttamente alla P. A., sono subfornitori su cui vengono più facilmente traslati - dato il minore peso contrattuale - i ritardi: i giorni medi dei pagamenti tra imprese in Italia sono 96, ben 40 in più di quelli dell'ue a 27; solo la Spagna, con 97 giorni, evidenzia tempi più elevati di quelli italiani. Giorni medi di pagamento per tipologia di cliente anno 2011; giorni medi media europea, ponderata per il PIL; non vengono considerati i dati relativi a Malta e Lussemburgo Consumatori (B2C) Imprese (B2B) Pubblica amministrazione media Italia EU Diff. Italia-EU27 (val. ass.) media ponderata per spesa delle famiglie a prezzi correnti, fatturato al netto del VA e acquisti della P. A.; pesi costanti per tutti i paesi considerati Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat e Intrum Justitia In relazione alle nuove normative sui tempi di pagamento è stato ben indicato che "il rispetto stringente dei tempi di pagamento fissati dalla nuova direttiva europea, entrata in vigore il 1 gennaio 2013, riducendo l incertezza delle imprese in merito ai propri flussi di liquidità, potrebbe rafforzare gli effetti sulla crescita" (Banca d'italia, 2013, pag. 14). 13

16 feb-04 mag-04 ago-04 nov-04 feb-05 mag-05 ago-05 nov-05 feb-06 mag-06 ago-06 nov-06 feb-07 mag-07 ago-07 nov-07 feb-08 mag-08 ago-08 nov-08 feb-09 mag-09 ago-09 nov-09 feb-10 mag-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 nov-11 feb-12 mag-12 ago-12 nov-12 feb-13 La dinamica del mercato del lavoro In tutta Europa il mercato del lavoro presenta marcate criticità. La debole ripresa dopo la Grande recessione ha esaurito rapidamente i suoi effetti e dalla primavera del 2011 la disoccupazione è in crescita. Secondo l'ultima rilevazione Eurostat di febbraio 2013 il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell'area euro si attesta sul 12,0%, con un incremento di 1,1 punti percentuali negli ultimi 12 mesi. In Italia il tasso delle persone in cerca di lavoro arriva all 11,6%, con una crescita di 1,5 punti percentuali nell ultimo anno. Nel confronto con i maggiori paesi europei di cui sono disponibili i dati mensili di febbraio, il tasso di disoccupazione italiano ha quasi completamente annullato il divario con il tasso dell'area euro (12,0%); è migliore di quello della Spagna (26,3%), mentre è peggiore di quello della Francia (10,8%) e della Germania (5,4%). 12,0 11,0 10,0 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 Dinamica del tasso di disoccupazione destagionalizzato per l UE a 27, l Area Euro e l Italia Febbraio 2004-febbraio Tasso di disoccupazione destagionalizzato 12,0 11,6 10,9 Ue a 27 Area euro a 17 Italia Dati Eurostat Secondo le previsioni contenute nello European Economic Forecast - Winter 2013 pubblicato a febbraio 2013 dalla Commissione Europea, il tasso di disoccupazione nell Area euro crescerà ulteriormente nel 2013 arrivando al 12,2% della forza lavoro. Per l Italia la situazione sarà analoga: il tasso di disoccupazione nel 2013 salirà all 11,6%, valore inferiore solo a quella della Spagna, dove vi sarà un disoccupato ogni quattro persone attive sul mercato del lavoro (con un tasso di disoccupazione pari al 26,9%); il tasso italiano sarà invece maggiore di quello registrato in Francia (10,7%), Regno Unito (8,0%), Stati Uniti (7,6%), Germania (5,7%) e Giappone (4,3%). Prendendo ora in esame i dati Istat relativi a febbraio 2013 si rileva che gli occupati in Italia sono e scendono dell 1,0% ( unità in meno) rispetto allo stesso mese dell anno precedente, ma crescono dello 0,2% rispetto al mese precedente. Il tasso di occupazione destagionalizzato relativo alla fascia di età anni è pari al 56,4% ed è in diminuzione tendenziale dello 0,5% e in lieve aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente. Focalizzando l attenzione sulla dinamica dell occupazione per posizione, sulla base dei dati trimestrali della Rilevazione continua sulle forza di lavoro si osserva nel IV trimestre 2012 un calo dell'occupazione dipendente, che scende dello 0,9%, pari a unità in meno rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, mentre l occupazione indipendente è in lieve crescita dello 0,2%, pari a unità in più rispetto ad un anno prima. Per il lavoro dipendente si tratta del secondo trimestre consecutivo di flessione tendenziale dopo sei trimestri consecutivi di crescita mentre, specularmente, l'occupazione indipendente cresce per il secondo trimestre consecutivo dopo 14

17 I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. -5,9-5,9-4,5-3,7-3,6-2,7-2,7-3,1-3,0-1,9-1,9-2,0-1,3-1,4-0,9-1,0-1,4-1,4-0,9-0,5-0,8-0,9-1,3-1,4-1,5-0,5-0,5-0,7-0,1 0,4 0,4 0,0 0,1 0,4 0,2 1,2 1,5 1,5 0,9 0,8 1,1 0,9 0,8 0,5 0,2 0,7 0,5 0,2 1,0 0,9 1,4 1,6 1,4 2,0 2,7 2,4 2,7 2,6 2,5 2,3 2,3 2,0 1,9 3,0 una serie di cinque trimestri consecutivi di flessione. La Grande crisi e la mancanza di forza nella successiva ripresa hanno manifestato effetti depressivi più pesanti sull'occupazione indipendente, comparto del mercato del lavoro con una limitata copertura del sistema di ammortizzatori sociali. In questa posizione si ritrova il 24,5% del totale degli occupati, che rimane maggiormente esposto ai rischi dell attività imprenditoriale e di lavoro autonomo. 4,0 Dinamica occupati per posizione nella professione I trimestre 2005-III trimestre 2011; variazioni % su stesso periodo anno precedente 2,0 0,0-2,0-4,0-6,0-8,0 Dipendenti Indipendenti Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat Le condizioni del mercato del lavoro italiano sono particolarmente critiche, anche in prospettiva di lungo periodo. Prendendo a riferimento le proiezioni del quadro macroeconomico contenute nel Documento di Economia e Finanze 2013 presentato dal Governo lo scorso 10 aprile, a fianco di un calo del PIL del -1,3% previsto per il 2013, l'occupazione, misurata in unità di lavoro a tempo pieno (ULA), è indicata in calo dello 0,3% nel 2013 e in crescita (0,6%) nel Considerando le previsioni al 2017 l occupazione, misurata in unità di lavoro standard, sarà inferiore del 2,6% rispetto al picco pre crisi del 2007: a dieci anni dallo scoppio della crisi la perdita dell occupazione, nonostante il recupero successivo a quest'anno, rimane elevata e pari a unità in meno , , ,0 Dinamica dell'occupazione di lungo periodo: il lento recupero dopo la recessione del 2009 Anni ; valori ULA in migliaia. Anni calcolati con variazioni % da DEF del 10 aprile , , , , , , , , , Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat-Conti nazionali del 1 marzo 2013 e MEF (DEF 2013 del 10 aprile 2013) 15

18 Cinque 'anni di guerra' per il mercato del lavoro giovanile L analisi di lungo periodo dei dati sull occupazione evidenzia condizioni drammatiche per il segmento giovanile del mercato del lavoro. Due recessioni intervallate da una troppo debole ripresa hanno eretto un muro - quasi insormontabile - per l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. In questo paragrafo esaminiamo alcune delle dinamiche del lavoro dei giovani. Il principale indicatore che viene usualmente preso in esame per determinare le condizioni del mercato del lavoro giovanile è il tasso di disoccupazione dei giovani tra 15 e 24 anni. In Italia tale tasso, al netto della stagionalità, è strutturalmente più elevato rispetto alla media europea: a febbraio 2013 è del 37,8% contro la media dell Unione a 27 del 23,5% e dell Area euro del 23,9%. Registrano una più contenuta disoccupazione giovanile la Francia, con un tasso del 26,2%, il Regno Unito con il 21,1%, gli Stati Uniti con il 16,3%, la Germania con il 7,7% e il Giappone con il 7,3%, il valore più basso tra le maggiori economie avanzate. La situazione è sempre più drammatica in Spagna dove la disoccupazione giovanile tocca il 55,7%. Nell'ultimo quinquennio - che comprende le due recessioni - l'italia, dietro la Spagna, è il paese tra le maggiori economie europee con la più alta crescita della disoccupazione giovanile: tra febbraio 2008 e febbraio 2013 in Spagna il tasso di disoccupazione dei giovani under 25 cresce, infatti, di 34,9 punti percentuali, in Italia di 16,9 punti, in Francia di 8,4 punti, negli Stati Uniti di 4,9 punti mentre in Germania si apprezza una diminuzione di 3,4 punti. Gli ultimi dati mensili disponibili di Regno Unito e il Giappone mostrano aumenti di 7,4 punti e di 0,2 punti rispetto a febbraio Tasso di disoccupazione giovanile anni nel quinquennio in alcune grandi economie Febbraio degli anni ; in % della forza lavoro - tassi destagionalizzati e variazioni Febbraio Febbraio Febbraio Febbraio Febbraio Febbraio Paesi Var. ultimo anno in punti % Var in punti % Spagna 20,8 34,8 40,1 44,4 50,9 55,7 4,8 34,9 Italia 20,9 23,5 28,1 27,6 33,9 37,8 3,9 16,9 Area euro 15,2 19,1 21,1 20,6 22,3 23,9 1,6 8,7 Ue a 27 15,0 18,8 21,3 20,9 22,5 23,5 1,0 8,5 Francia 17,8 23,2 23,6 23,5 23,0 26,2 3,2 8,4 Regno Unito 13,7 18,0 19,9 20,0 21,7 21,1* -0,6* 7,4* USA 11,4 15,9 18,6 17,6 16,5 16,3-0,2 4,9 Giappone 7,1 8,9 9,2 8,0 9,1 7,3** -1,8** 0,2** Germania 11,1 11,2 11,0 9,0 8,1 7,7-0,4-3,4 * dicembre Variazioni calcolate rispetto febbraio 2012 e rispetto febbraio 2008 e quindi non confrontabili con quelle degli altri paesi ** gennaio Variazioni calcolate rispetto febbraio 2012 e rispetto febbraio 2008 e quindi non confrontabili con quelle degli altri paesi Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat Se prendiamo a riferimento la serie storica più lunga della disoccupazione giovanile utilizzando i dati trimestrali della Labour Force Survey di Eurostat dal I trimestre 2004 si osserva che tutti i maggiori paesi europei hanno registrato nella crisi una tendenza alla crescita del tasso di disoccupazione giovanile: successivamente per Italia, Francia e Regno Unito c è stata una stabilizzazione e recentemente un aumento, mentre per la Germania è iniziato un percorso di diminuzione e, all opposto, la Spagna ha iniziato un percorso di deciso aumento tanto che ormai è senza lavoro oltre la metà delle forze di lavoro giovani. 16

19 I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. I trim II trim. III trim. IV trim. 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Dinamica tasso di disoccupazione giovanile anni nelle maggiori economie europee I trimestre 2004-IV trimestre 2012; tassi destagionalizzati 55,3 36,9 26,4 20,7 8,0 Germania Spagna Francia Italia Regno Unito Dati Eurostat Sempre sulla base dell'analisi dell'intera serie storica dati trimestrali della Labour Force Survey di Eurostat, osserviamo come i maggiori paesi europei mostrino situazioni marcatamente differenti. Da un lato la Germania tocca il tasso di disoccupazione minimo proprio al IV trimestre 2012 mentre dall'altro il Regno Unito lo ha registrato all inizio del periodo esaminato, nel I trimestre Analizzando la variazione del tasso di disoccupazione giovanile al IV trimestre 2012 rispetto al valore minimo registrato, la Spagna è il paese che mostra lo scostamento maggiore (+37,8 punti percentuali) seguita dall Italia che presenta un ampio gap, pari a 17,2 punti percentuali in più rispetto al minimo. In Francia e Regno Unito, invece, si registrano scostamenti dimezzati rispetto a quello italiano, rispettivamente pari a +8,4 e +8,9 punti percentuali. Tasso di disoccupazione giovanile anni nel IV trimestre 2012 rispetto al minimo registrato dal I trimestre 2004 I trimestre IV trimestre 2012; Tassi destagionalizzati e variazioni in punti % Paesi Valore attuale Minimo del Trimestre di Variazione in punti % tasso disoccupazione giovanile tasso disoccupazione anni rilevazione IV trimestre anni (I trimestre 2004-IV trimestre 2012) del minimo rispetto al minimo (IV trimestre 2012) Spagna 17,5 I trimestre ,3 37,8 Italia 19,7 II trimestre ,9 17,2 Regno Unito 11,8 I trimestre ,7 8,9 Area euro 15,1 I trimestre ,9 8,8 Francia 18,0 I trimestre ,4 8,4 UE a 27 15,0 I trimestre ,3 8,3 Germania 8,0 IV trimestre ,0 0,0 Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat Dopo l'indicatore della disoccupazione under 25, esaminiamo in dettaglio l andamento dell occupazione per classi di età per analizzare nel dettaglio l'andamento nei diversi segmenti del mercato del lavoro giovanile. A tal scopo utilizziamo i dati Eurostat che forniscono, oltre alla comparazione internazionale, un elevato dettaglio delle classi di età rendendo possibile un analisi più approfondita. Osservando nel dettaglio le classi di età per i giovani under 35 vediamo che quella che nell ultimo anno conta meno occupati è la anni ( giovani), seguita dalla anni ( giovani), la anni ( giovani) ed infine la anni ( giovani). 17

20 Consistenza e dinamica degli occupati per classi di età IV trimestre 2008, 2009, 2010, 2011 e 2012-valori assoluti e variazioni assolute in migliaia, variazioni relative Classi di età IV trimestre 2008 IV trimestre 2009 IV trimestre 2010 IV trimestre 2011 IV trimestre anni 201,5 152,1 134,3 105,1 80,3 Under anni 1.190, , , ,6 973, anni 2.268, , , , , anni 3.286, , , , ,7 Confronto under e over anni 1.392, , , , ,0 Confronto under e over anni , , , , , anni 6.947, , , , , anni , , , , ,6 Totale occupati 15 anni e più , , , , ,0 VARIAZIONI ASSOLUTE Under 35 Confronto under e over 25 Confronto under e over 35 Lungo periodo: IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim anni -121,2-49,4-17,8-29,2-24, anni -216,9-62,9-32,9-27,2-93, anni -385,8-158,7-65,8-51,8-109, anni -601,0-216,5-132,4-131,0-121, anni -338,1-112,3-50,7-56,4-118, anni -206,2-315,2 64,2 74,1-29, anni ,9-487,5-248,9-239,2-349, anni 780,6 60,0 262,4 256,9 201,3 Totale occupati 15 anni e più -544,3-427,5 13,5 17,7-148,0 VARIAZIONI RELATIVE (%) Under 35 Confronto under e over 25 Confronto under e over 35 Lungo periodo: IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim IV trim su IV trim anni -60,1-24,5-11,7-21,7-23, anni -18,2-5,3-2,9-2,5-8, anni -17,0-7,0-3,1-2,5-5, anni -18,3-6,6-4,3-4,5-4, anni -24,3-8,1-4,0-4,6-10, anni -0,9-1,4 0,3 0,3-0, anni -19,1-7,0-3,9-3,9-5, anni 4,8 0,4 1,6 1,5 1,2 Totale occupati 15 anni e più -2,3-1,8 0,1 0,1-0,6 Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat Per un'analisi di lungo periodo abbiamo tenuto conto del picco dell'occupazione pre crisi dell'aprile del 2008 e abbiamo esaminato il periodo che va dal IV trimestre 2008 all'ultimo disponibile, il IV trimestre In questi ultimi quattro anni non cambia l ordine della performance negativa per classi di età: il maggiore calo lo riscontriamo sempre la classe anni ( giovani occupati), seguita dalla anni ( occupati), dalla anni ( occupati) ed infine dalla anni ( giovani), per una variazione complessiva che arriva a occupati in meno. Come vedremo nel dettaglio nel capitolo successivo, al calo degli occupati si sovrappone il calo demografico dei giovani. Abbiamo neutralizzato l'effetto demografico prendendo a riferimento il tasso di occupazione degli under 35 del IV trimestre 2008 e calcolato che il calo di occupati dovuto alla crisi è di quasi un milione di giovani, per la precisione, equivalente ad una diminuzione di 650 minori occupati al giorno. 18

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 RELAZIONE E ANALISI 1 Progetto e redazione della pubblicazione a cura dell Ufficio Studi e Programmazione per lo

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Quaderni di studi e statistiche sul mercato del lavoro Numero 3 Novembre 2011 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SEGRETARIATO GENERALE Ufficio di Statistica Coordinamento delle attività del

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Il sistema associativo Confindustria Lombardia

Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Confindustria Lombardia è un Associazione regionale con Quasi 20.000 imprese associate Oltre 900.000 lavoratori

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA.

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. I rincari del carburante non rappresentano più una sorpresa per gli automobilisti italiani. I prezzi della

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Sintesi del Rapporto 1 La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Ulteriore peggioramento della

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI Record negativo in quello di Catanzaro (144 giorni di ritardo). Male anche l Asl del Molise (126 giorni oltre la scadenza) e il Ministero dell Economia (82 giorni

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli