Regolamento di Mediazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento di Mediazione"

Transcript

1 Regolamento di Mediazione Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia

2 Indice art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 Allegato 1 Allegato 2 Ambito di applicazione Avvio del procedimento di Mediazione Il Mediatore La segreteria Diritto di accesso e trattamento dei dati personali Svolgimento della procedura di Mediazione Esito della procedura di mediazione Riservatezza Costi Determinazione delle spese di procedura Tabelle delle indennità Scheda di valutazione del servizio

3 art. 1 ambito di applicazione Il presente Regolamento si applica al procedimento di mediazione a fini conciliativi (di seguito Mediazione ) delle controversie civili e commerciali, vertenti su diritti disponibili, che le parti intendono risolvere con un accordo amichevole, ai sensi del D.Lgs n. 28/2010. Il Regolamento si applica a tutte le altre mediazioni amministrate da amar conciliazione (di seguito amar) Per i procedimenti di mediazione espressamente disciplinati da diverse disposizioni di legge, il Regolamento si applica in quanto compatibile. In caso di sospensione o cancellazione dal registro, i procedimenti di Mediazione in corso proseguono presso l organismo scelto dalle parti entro 15 giorni dalla data di sospensione o cancellazione. In mancanza, l organismo è scelto dal Presidente del Tribunale del luogo in cui il procedimento è in corso.

4 art. 2 avvio del procedimento di mediazione La Mediazione si avvia attraverso il deposito o l invio (con un mezzo idoneo a provare l avvenuto ricevimento: raccomandata A/R, fax, PEC) di apposita domanda presso la Segreteria di amar. Le parti possono utilizzare il modello di domanda predisposto da amar (reperibile sul sito oppure formulare una richiesta in carta libera in cui siano precisati i dati indicati al successivo punto 2.4. La domanda può provenire da una sola parte oppure da alcune o tutte le parti congiuntamente. La domanda può essere presentata anche nei confronti di più parti. La domanda di avvio deve contenere: i dati anagrafici ed identificativi della/e parte/i richiedente/i (generalità o denominazione sociale; residenza, domicilio o sede; recapiti telefonici ed eventuale fax e indirizzo ; Codice Fiscale o Partita Iva; nel caso di persona giuridica, qualifica della persona fisica istante per conto della stessa) e, se nominati, degli avvocati e/o degli altri consulenti che le assistono; i dati noti relativi a tutte le ulteriori parti coinvolte; l indicazione del valore attribuito alla lite a norma del codice di procedura civile una breve descrizione dell oggetto della lite e delle ragioni della pretesa. Alla richiesta deve essere allegato documento comprovante il pagamento delle spese di avvio del procedimento da parte di tutte le parti istanti. La Mediazione si considera avviata dal giorno del deposito o del ricevimento della richiesta presso la Segreteria di amar. Il Segretario Generale di amar designa un Mediatore e fissa il primo incontro tra le parti entro 15 giorni dalla data di ricevimento della domanda di avvio. Successivamente, la Segreteria di amar comunica alla parte non istante l avvio della Mediazione, invitandola ad aderire. Nella comunicazione di cui al punto precedente, che viene trasmessa anche alla parte istante, viene altresì indicata la sede ed il nominativo del Mediatore designato. La segreteria di amar effettua le comunicazioni relative all avvio della procedura valendosi dei recapiti forniti dalla parte istante. L istante può farsi parte attiva, con ogni mezzo idoneo, per effettuare le comunicazioni alla controparte. Durante i periodi di ferie adottati da amar ed indicati sul sito i termini di comunicazione dell istanza di Mediazione si intendono sospesi.

5 art. 3 il mediatore Il Mediatore viene nominato dal Segretario Generale di amar. Le parti possono scegliere di comune accordo un Mediatore fra i professionisti inseriti negli elenchi dell Organismo, consultabili anche sul sito ed indicarlo nella domanda congiunta ai fini della sua eventuale designazione. La nomina del Mediatore avviene in considerazione delle specifiche competenze professionali dei Mediatori iscritti nelle liste dell Organismo ed in base a criteri di equa distribuzione, tenendo conto, ove possibile, anche della nazionalità delle parti e del luogo ove deve svolgersi la Mediazione. Nelle controversie che richiedono specifiche competenze tecniche, il Segretario Generale può nominare uno o più Mediatori ausiliari. Il Mediatore non ha il potere di definire la controversia, né di imporre alle parti alcuna soluzione e si limita ad aiutarle nella ricerca di un accordo amichevole. Il Mediatore non deve trovarsi in alcuna delle situazioni di incompatibilità previste dall art. 51 del codice di procedura civile. Al momento dell accettazione dell incarico, il Mediatore deve sottoscrivere un apposita dichiarazione di imparzialità e aderire al codice etico dell Organismo. Sulla base di giustificati motivi le parti possono chiedere ad amar la sostituzione del Mediatore. Esaminata la richiesta, il Segretario Generale provvede all eventuale sostituzione del Mediatore. Nel caso in cui la Mediazione sia svolta dallo stesso Segretario Generale, competente a decidere sull istanza di sostituzione è il Presidente di amar

6 art. 4 la segreteria La Segreteria di amar predispone un apposito fascicolo per ogni procedimento di mediazione a cui viene assegnato un numero di ruolo progressivo per anno. Nel fascicolo vengono custoditi tutti gli atti del procedimento, escluse le eventuali comunicazioni riservate al solo Mediatore. La Segreteria cura la tenuta del Registro Generale dei fascicoli. La Segreteria provvede a tutte le comunicazioni con le parti che vengono effettuate utilizzando il mezzo ritenuto di volta in volta più idoneo. Su richiesta di parte la Segreteria attesta per iscritto: l avvenuto deposito della domanda di avvio; la mancata adesione al procedimento; l avvenuta chiusura del procedimento; l esito del procedimento.

7 art. 5 diritto di accesso e trattamento dati personali Le parti hanno diritto di accesso agli atti del relativo procedimento custodito in apposito fascicolo debitamente registrato e numerato. Il diritto di accesso ha per oggetto gli atti depositati dalle parti prima dell avvio della Mediazione e nelle sessioni comuni ovvero, per ciascuna parte, gli atti depositati nella propria sessione separata. I dati raccolti da amar sono trattati nel rispetto delle disposizioni del D. Lgs. n. 196/2003 (Codice Privacy) e successive modifiche

8 art. 6 svolgimento della mediazione Il procedimento di Mediazione si svolge presso una delle sedi di amar. Con il consenso di tutte le parti, del Mediatore e del Segretario Generale, la Mediazione potrà svolgersi anche in altro luogo idoneo. Con anticipo di almeno 3 giorni dalla data del primo incontro di Mediazione le parti possono depositare o far pervenire, presso la Segreteria di amar, una sintetica memoria scritta che riepiloghi i termini della controversia ed il suo stato attuale, nonché ulteriori documenti ed informazioni ritenuti utili ai fini del procedimento. Le parti partecipano all incontro personalmente; la partecipazione alla Mediazione per il tramite di rappresentanti è consentita solo per gravi ed eccezionali motivi e deve essere autorizzata espressamente dal Mediatore. Alle persone giuridiche è richiesto di partecipare alla Mediazione tramite un rappresentante munito dei necessari poteri per risolvere la lite. I poteri di rappresentanza e di firma dovranno essere adeguatamente provati al Mediatore prima dell inizio dell incontro. Le parti sono libere di farsi assistere da legali o altri consulenti o da persone di fiducia. Per le controversie di valore superiore a euro è richiesta l assistenza di un avvocato, salva espressa rinuncia. Il Mediatore conduce l incontro senza formalità di procedura, sentendo le parti congiuntamente e, qualora lo ritenga opportuno, separatamente; d intesa con le parti, il Mediatore può fissare eventuali incontri successivi. Non viene effettuata alcuna forma di registrazione o verbalizzazione dei vari incontri, tranne la redazione di un verbale di attestazione di presenza per le riunioni congiunte. Alcune fasi della Mediazione possono svolgersi in videoconferenza o telefonicamente, su indicazione del Mediatore, sentite le parti. Non sono consentite comunicazioni riservate delle parti al solo Mediatore, eccetto quelle effettuate in occasione delle sessioni separate. Solo in casi particolari, su indicazione del Mediatore in accordo con le parti, il Segretario Generale nomina un esperto individuandolo tra gli iscritti negli albi dei Tribunali. Il compenso spettante al Consulente non può superare la misura del 50% del costo complessivo della Mediazione e deve essere sostenuto dalle parti in egual misura. Salvo casi particolari, il procedimento di Mediazione si conclude nel termine di 45 giorni dalla data del primo incontro. In ogni caso, ai sensi del D. Lgs. n. 28/2010, il procedimento non potrà avere una durata superiore a quattro mesi.

9 art. 7 esito del processo di mediazione La procedura si considera conclusa quando: una delle parti non partecipa alla Mediazione; nel caso previsto all articolo 9.3 viene raggiunto un accordo per iscritto; viene riscontrata l assoluta impossibilità di raggiungere un accordo. Se è raggiunto un accordo, il Mediatore forma processo verbale al quale è allegato il testo dell accordo medesimo. Il processo verbale deve essere sottoscritto dalle parti e dal Mediatore, il quale certifica l autografia della sottoscrizione delle parti o la loro impossibilità di sottoscrivere. In conformità a quanto stabilito dall art. 11 del D. Lgs. n. 28/2010, quando l accordo non è raggiunto, il Mediatore può formulare una proposta di conciliazione. In ogni caso, il Mediatore formula una proposta di conciliazione se le parti gliene fanno concorde richiesta in qualunque momento del procedimento. La proposta può essere formulata da un Mediatore diverso da quello che ha condotto la Mediazione e sulla base delle sole informazioni che le parti intendono offrire al Mediatore proponente. La proposta può essere formulata dal Mediatore anche in caso di mancata partecipazione di una o più parti al procedimento. La proposta di conciliazione è comunicata alle parti per iscritto. Le parti fanno pervenire al Mediatore, per iscritto ed entro 7 giorni, l accettazione o il rifiuto della proposta. In mancanza di risposta nel termine, la proposta si ha per rifiutata. Salvo diverso accordo delle parti la proposta non può contenere alcun riferimento alle dichiarazioni rese o alle informazioni acquisite nel corso del procedimento. Se tutte le parti aderiscono alla proposta del Mediatore, si forma processo verbale con le medesime modalità stabilite al punto 7.2. In caso di rifiuto della proposta, le parti possono indicare, rispetto ad essa, le condizioni alle quali sarebbero eventualmente disposte a conciliare; in tal caso, qualora il Mediatore lo ritenga utile, fissa un nuovo incontro; altrimenti, dà atto delle posizioni espresse dalle parti nel verbale di fallita conciliazione di cui al successivo punto 7.9. Se la conciliazione non riesce, il Mediatore forma processo verbale con indicazione dell eventuale proposta da lui formulata; Il processo verbale deve essere sottoscritto dalle parti e dal Mediatore, il quale certifica l autografia della sottoscrizione delle parti o la loro impossibilità di sottoscrivere. Nello stesso verbale, il Mediatore dà atto della eventuale mancata partecipazione di una delle parti al procedimento di mediazione. Il processo verbale è depositato presso la Segreteria di amar e di esso è rilasciata copia alle parti che lo richiedono. Al termine del procedimento di mediazione, a ogni parte viene consegnata la scheda per la valutazione del servizio il cui modello è allegato al presente Regolamento. Le parti hanno l obbligo di compilare la predetta scheda che deve essere consegnata al Mediatore o alla Segreteria dell Organismo ai fini dell invio al Ministero di Giustizia.

10 art. 8 riservatezza Tutte le informazioni, gli appunti, le relazioni e gli altri documenti utilizzati nel corso della Mediazione sono riservati. Il Mediatore, le parti e tutti coloro che prestano la propria opera o il proprio servizio per amar o comunque intervengono nel corso della Mediazione non possono divulgare a terzi i fatti e le informazioni apprese nel corso del procedimento medesimo. A tal fine, i soggetti diversi dalle parti, presenti all incontro di Mediazione, dovranno sottoscrivere apposita dichiarazione. Rispetto alle dichiarazioni rese e alle informazioni acquisite nel corso delle sessioni separate e salvo consenso della parte dichiarante o dalla quale provengono le informazioni, il Mediatore è altresì tenuto alla riservatezza nei confronti delle altre parti. Le parti non possono utilizzare, nel corso di eventuali successivi procedimenti contenziosi promossi dalle stesse in relazione al medesimo oggetto, le dichiarazioni e le informazioni apprese durante la Mediazione. Le parti non possono chiamare il Mediatore, i funzionari di amar e chiunque abbia preso parte alla Mediazione a testimoniare in giudizio sui fatti e sulle circostanze di cui sono venuti a conoscenza in relazione al procedimento di mediazione. La previsione della riservatezza non si applica se e nella misura in cui il Mediatore è obbligato dalla legge a non applicare il principio di riservatezza.

11 art. 9 costi Le spese di avvio del procedimento e della Mediazione sono riportate nelle Tabelle delle Spese di Mediazione allegata al presente Regolamento. L importo delle spese di avvio del procedimento deve essere versato dalla parte/i istante/i prima dell invio della richiesta di avvio della Mediazione, oppure, in caso di deposito della richiesta presso la Segreteria, contestualmente allo stesso. Salvo diverso accordo scritto, le spese di Mediazione devono essere versate dalle parti ad amar antecedentemente alla data fissata per il primo incontro. Ove dette spese non siano state corrisposte anche da una soltanto delle parti, il Mediatore dichiara la sospensione del procedimento; intervenuto il pagamento entro 5 giorni lavorativi, il procedimento è immediatamente riassunto dal Mediatore, in caso contrario, il Mediatore ne dichiara l estinzione. In ogni caso, le spese di mediazione sono corrisposte prima dell inizio del primo incontro di Mediazione in misura non inferiore alla metà. L omesso pagamento, ad opera di una delle parti, delle spese di segreteria e/o di quelle di Mediazione nei termini di cui ai precedenti punti 9.2 e 9.3. è considerato quale mancata adesione di detta parte all esperimento del tentativo di Mediazione. L eventuale parte di spese di Mediazione non versate prima dell incontro e gli eventuali aumenti di legge indicati nell allegato 1 devono essere versati al termine del procedimento e sono condizione per il rilascio del verbale positivo o negativo. Le spese di Mediazione indicate sono dovute in solido da ciascuna parte che ha aderito al procedimento.

12 art. 10 determinazione delle spese di mediazione Ai fini della determinazione delle spese di Mediazione a carico delle parti, qualora il valore sia indeterminato o indeterminabile, ovvero sia divergente da quello asserito dalla/e parte/i istante/i in modo da rientrare in un diverso scaglione di riferimento di quelli di cui alla Tabella richiamata al punto 9.1 amar stabilisce le spese di Mediazione a carico delle parti e le comunica alle stesse. Qualora nel corso della procedura il Mediatore accerti che il valore della controversia è diverso da quello inizialmente indicato, ne dà avviso all Organismo che, effettuate le proprie valutazioni, provvederà a richiedere alle parti l eventuale integrazione delle spese dovute, pena la sospensione del procedimento ai sensi dell articolo 9.3.

13 tabelle delle indennità di mediazione allegato 1 Ai sensi dell art. 16 del DM 180/2010, l indennità complessiva di Mediazione che ciascuna parte deve corrispondere è determinata sulla base delle seguenti voci: Spese di avvio del procedimento di 40 (a valere sull indennità complessiva) Spese di Mediazione, in base al valore della lite e ridotte di un terzo nelle materie di cui all art. 5, comma 1 del D. Lgs. 28/2010 Eventuali aumenti delle spese di mediazione in caso di complessità, successo della mediazione e qualora il mediatore verbalizzi una proposta risolutiva Riduzione delle spese di mediazione in caso di mancata accettazione o comparizione della controparte. Di seguito si riassumono gli importi dovuti ed il momento in cui corrisponderli Tutti gli importi indicati sono al netto di IVA. SPESE DI AVVIO Le spese di avvio, pari a 40 per parte, sono dovute dalla parte istante al momento del deposito della domanda di avvio della Mediazione (nel caso di invio della domanda, le spese dovranno essere corrisposte preventivamente e alla domanda dovrà essere allegato documento comprovante il pagamento) e dalla controparte al momento dell adesione al procedimento. SPESE DI MEDIAZIONE Le spese di Mediazione comprendono sia i costi di amministrazione del procedimento sia l onorario del mediatore. Le spese di mediazione devono essere versate da ciascuna parte in misura non inferiore al 50% prima dell incontro di Mediazione. TABELLA DELLE SPESE NELLE MATERIE IN CUI IL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE E CONDIZIONE DI PROCEDIBILITA (diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica, risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, contratti bancari, contratti finanziari, condominio* e risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti*) EVENTUALI AUMENTI DELLE SPESE DI MEDIAZIONE Ai sensi dell art. 16, comma 4, del DM 180/2010, le spese di Mediazione devono essere aumentate delle seguenti voci che sono cumulabili: 20% tenuto conto della particolare importanza, complessità o difficoltà della mediazione che il Segretario Generale di amar comunica alle parti tempestivamente; 20% in caso di successo della mediazione 20% se il mediatore verbalizza una proposta di conciliazione L eventuale parte di spese di mediazione non versate prima del primo incontro e gli eventuali aumenti sopra indicati previsti per legge nonché le eventuali spese per prestazioni di esperti nominati ai sensi dell art. 6.7 del Regolamento,devono essere versati al termine del procedimento e sono condizione per il rilascio del verbale positivo o negativo. EVENTUALE RIDUZIONE DELLE SPESE DI MEDIAZIONE In deroga alla disposizione di legge di cui al DM 180/2010, in caso di mancata partecipazione di una parte e salvo il caso di formulazione della proposta, amar restituirà alla parte che abbia pagato le spese di mediazione l intero importo versato trattenendo unicamente una somma compresa tra 100 e 500, a seconda del valore della controversia, per le spese di segreteria e di rilascio del verbale di mancata conciliazione. a partire dal 20 marzo 2012 *

14 tabella delle indennità di mediazione allegato 1 TABELLA DELLE SPESE NELLE MATERIE IN CUI IL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE E CONDIZIONE DI PROCEDIBILITA Valore della lite Spesa ( per ciascuna parte ) Fino a Euro 1000 Euro 40 Da Euro 1001 a Euro 5000 Euro 85 Da Euro 5001 a Euro Euro 155 Da Euro a Euro Euro 235 Da Euro a Euro Euro 395 Da Euro a Euro Euro 660 Da Euro a Euro Euro Da Euro a Euro Euro Da Euro a Euro Euro Oltre Euro Euro TABELLA DELLE SPESE NELLE ALTRE MATERIE Valore della lite Spesa ( per ciascuna parte ) Fino a Euro 5000 Euro 300 Da Euro 5001 a Euro Euro 350 Da Euro a Euro Euro 420 Da Euro a Euro Euro 500 Da Euro a Euro Euro Da Euro a Euro Euro Da Euro a Euro Euro Da Euro a Euro Euro Oltre Euro Euro 7.000

15 tabelle delle indennità di mediazione allegato 2 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO Il sottoscritto residente in via cap., ha partecipato in data alla procedura di mediazione amministrata da (nome e cognome del mediatore) in proprio in rappresentanza di a norma dell art del Regolamento di Mediazione di A.M.A.R. Conciliazione consegna al Mediatore o alla Segreteria la seguente SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO ORGANISMO (accesso alla procedura, personale, locale, servizi) insufficiente sufficiente buono ottimo MEDIATORE (competenza, imparzialità, professionalità) insufficiente sufficiente buono ottimo PROCEDURA DI MEDIAZIONE (grado di soddisfazione) insufficiente sufficiente buono ottimo Suggerimenti per un migliore servizio Reclami Luogo data Firma Ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003 e successive modifiche e/o integrazioni la informiamo che i dati personali saranno trattati, anche con l ausilio di strumenti elettronici, direttamente e/o tramite terzi, esclusivamente per gli adempimenti previsti dal D.M. 180/2010 (Ministero della Giustizia). Luogo data Firma La compilazione e la consegna della presente scheda di valutazione al termine del procedimento di mediazione è prevista obbligatoriamente dall art. 7 D.M. n. 180/2010 (Ministero della Giustizia)

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Articolo 1 Premessa L applicazione del presente regolamento decorre dalle procedure di mediazioni avviate a partire dal 20 Settembre 2013. Il regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE. MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.)

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE. MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.) REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.) Normative di riferimento: - Decreto del Ministero della Giustizia et Ministero

Dettagli

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO SPECIALE DI MEDIAZIONE CITTADINI & SALUTE ISTITUITO PRESSO L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DI RAGUSA Ai sensi del Decreto Legislativo n. 28/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1. Il presente regolamento di applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi delle controversie civili e commerciali che le parti intendono risolvere bonariamente.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 817 del Registro degli Organismi di Mediazione presso il Ministero della Giustizia Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Aspiin il 10 marzo 2015 Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Regolamento in vigore dal 2/5/2013 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema

Dettagli

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l.

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi del DI 180/2010). 2. Il Regolamento

Dettagli

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito:

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito: CAMERA DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GROSSETO REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA Regolamento della procedura di mediazione 1 Oggetto e principi generali. Il presente regolamento (in seguito denominato Regolamento ) disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione di una controversia. Possono costituire oggetto

Dettagli

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 23 del Registro degli Organismi deputati a gestire procedure di mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 e s.m.i. REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Revisione IX del 15 aprile 2015 - In vigore dal

Dettagli

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE (d.lgs. 28/2010 e successive modifiche) AMBITO DI COMPETENZA Gli organismi di mediazione accreditati dal Ministero della Giustizia sono competenti in tutte le controversie

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento REGOLAMENTO DI PROCEDURA dell organismo di mediazione MediaTorino s.r.l., istituito ai sensi del D. Legisl. 4 marzo 2010, n. 28 e del D.M. del 18 ottobre 2010, n. 180 così come modificato dal D.L. 21.06.13

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

InMedio. Regolamento. Premessa

InMedio. Regolamento. Premessa InMedio Regolamento Premessa L organismo denominato Inmedio di qui a seguire indicato più brevemente organismo, svolge attività di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO La domanda deve essere depositata presso la Segreteria amministrativa dell Organismo di mediazione. ( attualmente presso la sala dell Ordine ) La parte

Dettagli

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l.

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. PREMESSE ADR Notariato Srl è un organismo di mediazione iscritto al registro tenuto ai sensi del Decreto del Ministero della Giustizia n. 180

Dettagli

Richiesta di avvio della procedura di mediazione

Richiesta di avvio della procedura di mediazione Spett. le Concordia Management s.r.l. Via Augusto Vera, 19 00142 - Roma (RM) Richiesta di avvio della procedura di mediazione via fax al n 06.23.32.83.52 via e-mail info@concordiamanagement.it via posta

Dettagli

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo,

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE

ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A1 - PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) Inserire numero totale parti istanti Nome e cognome, nato Il Codice Fiscale, residente

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Ai sensi della disciplina del D.Lgs. 4 marzo 200 n. 28 e successive modificazioni, e al D.I. 18 ottobre 2010 n.180 e successive modificazioni. Siracusa Via Francofonte, 2 Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA

REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni Il presente regolamento si ispira

Dettagli

INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* SPESE DI MEDIAZIONE

INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* SPESE DI MEDIAZIONE ALLEGATO A INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* (da versare a cura della parte istante al deposito della domanda e a cura della parte che accetta al momento

Dettagli

Sezione 1 Parti della controversia PARTE ISTANTE (1) PERSONA FISICA

Sezione 1 Parti della controversia PARTE ISTANTE (1) PERSONA FISICA All Organismo di Conciliazione dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Vicenza Organismo iscritto al n. 107 del registro degli organismi abilitati a svolgere la mediazione tenuto

Dettagli

dossier Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini

dossier Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini dossier 7 Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini La Risoluzione alternativa delle controversie (Alternative Dispute Resolution ADR) si è sviluppata negli USA dopo

Dettagli

RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE OBBLIGATORIA ( art.5 D.Lgs. n.28/2010 ) ****** ******

RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE OBBLIGATORIA ( art.5 D.Lgs. n.28/2010 ) ****** ****** SPETT.LE ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI IVREA Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Ivrea Iscritto al n.173 del Registro del Ministero della Giustizia Via Cesare Pavese, 4 10015 Ivrea (presso Ordine

Dettagli

Regolamento di mediazione

Regolamento di mediazione Regolamento di mediazione Gennaio 2015 www.adrcenter.com ADR Center è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Regolamento

Dettagli

Protocollo n. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE EX D. LGS. 28/2010

Protocollo n. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE EX D. LGS. 28/2010 Spett.le Organismo di Mediazione del Foro di Torre Annunziata c/o Consiglio dell'ordine degli Avvocati C.so Umberto I c/o Tribunale 80058 -Torre Annunziata (NA) Procedura n. Data deposito Protocollo n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 Ai sensi del D.lgs. 28/2010, del D.M. 180/2010 e del D.M. 145/2011 così come modificati dal D.L. 69/2013 convertito in L. 98/2013. ART. 1 - APPLICAZIONE

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Art. 1, ambito di applicazione. Ai sensi degli articoli due e cinque del D. Lgs. 04/03/2010 n. 28, come modificato dal D. L. 21

Dettagli

All Organismo di Mediazione

All Organismo di Mediazione TIMBRO SEGRETERIA MEDIATORI PROFESSIONISTI ROMA S.R.L. VIA POMPEO NERI N. 10-00191 ROMA CODICE FISCALE E PARTITA IVA: 12907191006 REGISTRO IMPRESE DI ROMA NUMERO REA: RM-1409481 CAPITALE SOCIALE: EURO

Dettagli

nella persona di (solo per le persone giuridiche) residente/con sede in via CAP C.F. P.IVA Tel Cell e-mail

nella persona di (solo per le persone giuridiche) residente/con sede in via CAP C.F. P.IVA Tel Cell e-mail Data di deposito Istanza Ora del deposito Sede di Organismo di Mediazione a norma dell'articolo 16 del decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28) ISTANZA DI MEDIAZIONE PROCEDURA OBBLIGATORIA GRATUITO PATROCINIO

Dettagli

DOMANDA / ISTANZA AVVIO PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE CIVILE FINALIZZATO ALLA CONCILIAZIONE

DOMANDA / ISTANZA AVVIO PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE CIVILE FINALIZZATO ALLA CONCILIAZIONE DOMANDA / ISTANZA AVVIO PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE CIVILE FINALIZZATO ALLA CONCILIAZIONE PRESSO ICAF ISTITUTO DI CONCILIAZIONE E ALTA FORMAZIONE SPORTELLO DI CONCILIAZIONE DI SESTO SAN GIOVANNI Area/e

Dettagli

All Organismo di Mediazione

All Organismo di Mediazione TIMBRO SEGRETERIA MEDIATORI PROFESSIONISTI ROMA S.R.L. VIA POMPEO NERI N. 10 CAP 00191 ROMA NUMERO ISCRIZIONE REGISTRO ORGANISMI DI MEDIAZIONE: 1028 CODICE FISCALE E PARTITA IVA: 12907191006 REGISTRO IMPRESE

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino Il sottoscritto (*): se persona fisica Nome

DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino Il sottoscritto (*): se persona fisica Nome DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino Il sottoscritto (*): se persona fisica Nome Cognome se diverso da persona fisica Società, associazione,

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE. A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante )

ISTANZA DI MEDIAZIONE. A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) Nome e cognome, nato Il Codice Fiscale, residente Prov. Via e n. CAP Tel. Cell. fax PEC/email

Dettagli

Domanda di mediazione

Domanda di mediazione Spett.le Organismo di Mediazione del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Sassari Via Roma 49-07100 Sassari Domanda di mediazione Il sottoscritto (Persona fisica/azienda), nato a il / / residente/con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 ASSOCIAZIONE NAZIONALE GEOMETRI CONSULENTI TECNICI, ARBITRI E MEDIATORI GEO-C.A.M. presso Fondazione Geometri Italiani via Cavour, 179/a - 00184 Roma C.F./P.IVA 11404391002 telefono 06 92957536 telefax

Dettagli

DOMANDA DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

DOMANDA DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Iscritta al n. 94 del registro degli organismi deputati a gestire procedure di mediazione finalizzati alla conciliazione, in forza delle disposizioni di cui all art. 20, comma 3 D.M. 180/10 PDG del 07

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ADESIONE ALLA DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino

DICHIARAZIONE DI ADESIONE ALLA DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino DICHIARAZIONE DI ADESIONE ALLA DOMANDA DI MEDIAZIONE All'Organismo di Mediazione del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Torino Mediazione n. IL sottoscritto (*): se persona fisica Nome Cognome se

Dettagli

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE WWW.IOCONCILIO.COM RES AEQUAE ADR srl omnibus aequa CHE COSA E UN SISTEMA ADR? La nostra ragione sociale è RES AEQUAE ADR, dove ADR sta per ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION,

Dettagli

Mediazione civile e commerciale

Mediazione civile e commerciale Cosa è la mediazione per la conciliazione?...3 Come si può avviare una mediazione?...3 Come viene scelto il mediatore?...3 Può la parte scegliere il proprio mediatore di fiducia?...3 La mediazione è obbligatoria?...4

Dettagli

Guida pratica alla. PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010. Realizzata da ADR MEDILAPET

Guida pratica alla. PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010. Realizzata da ADR MEDILAPET Guida pratica alla PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010 Realizzata da ADR MEDILAPET Nella presente guida sono descritte le varie fasi di una procedura di mediazione attivata presso ARD MEDILAPET.

Dettagli

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante )

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 Dlgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR 1. NOME: L organismo di mediazione è denominato: Mediamo ADR ; 2. SEDE: La sede principale è stabilita in Napoli alla Via San Giacomo,

Dettagli

Domanda di mediazione in materia civile e commerciale

Domanda di mediazione in materia civile e commerciale Il sottoscritto (persona fisica) Residente in (città e cap.) ASS-FORMAT-MEDIATION Organismo di mediazione Iscritto presso il registro del Ministero della Giustizia il 29 Marzo 2012 al n. 823 Piazza Bologna

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.Lgs. n. 28/10, deli DM attuativi e del dm 145del 26 agosto 2011 il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1 Sommario 1. Attivazione della procedura... 3 2. Nomina del mediatore... 3 3. Oneri delle parti... 4 4. Obblighi del mediatore... 4 5. Indennità... 4 6. Confidenzialità... 6

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Regolamento di procedura per l Organismo di mediazione Art. 1 Ambito di applicazione Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, come modificato dal d.l.

Dettagli

Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno

Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE E MEDIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE D.LGS N. 28 DEL 4.3.2010, ART. 5, COMMA 1, D.M. N. 180 DEL 18.10.2010 ART. 7, COMMA 5, lett. b), D.M. N. 180 DEL 18.10.2010, ART. 16 D.M. N. 180 DEL 18.10.2010,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA L Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici (di seguito ANIA), in considerazione della peculiarità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi dei Decreti

Dettagli

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP)

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) (All. A dello Statuto) REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli artt. 2 e 5 del D. Lgs. n. 28/10 e

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE in vigore dal 1 gennaio 2015 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale,

Dettagli

Organismo iscritto al n. 1020 del Registro del Ministero della Giustizia

Organismo iscritto al n. 1020 del Registro del Ministero della Giustizia Spett.le Alta Concilia s.r.l. Sede operativa: via Tenda, n. 2 70022 Altamura ISTANZA DI AVVIO DI PROCEDURA DI MEDIAZIONE AI SENSI DEL D.LGS 28/2010 (da trasmettere a codesto Organismo racc.ta a.r. / fax

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Art. 1 Disposizioni generali Art. 1.1 Premessa Art. 1.2 Cariche Art. 2 Avvio della procedura di mediazione 2.1 Richiesta di avvio 2.2 Avvio della mediazione 2.3

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa Art.1- Ambito di applicazione Il presente REGOLAMENTO si applica alle procedure di Mediazione amministrate da STUDIO IRIS finalizzate alla conciliazione

Dettagli

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28)

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28) ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28) (da consegnare a mano ovvero a mezzo raccomandata a/r presso la sede legale dell Organismo, oppure via e- mail

Dettagli

OrganismodiMediazioneObbligatoria

OrganismodiMediazioneObbligatoria DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA Il sottoscritto Luogo e data di nascita Residente in Fax cellulare P. IVA/ Codice fiscale o in proprio o quale legale rappresentante di (da compilare solo se il richiedente

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA Aequa Organismo di Mediazione Civile e Commerciale S.r.l. (di seguito anche Aequa ), C. F. 02504830429, con sede in Ancona, Via Sandro Totti

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi dell art. 2 del D.lgs. n. 28/2010, il presente regolamento é applicabile alla mediazione per la conciliazione di controversie civili e

Dettagli

Oggetto: Domanda congiunta di attivazione della procedura di mediazione ai sensi del d.lgs. n. 28/2010

Oggetto: Domanda congiunta di attivazione della procedura di mediazione ai sensi del d.lgs. n. 28/2010 All Organismo di Mediazione Forense di Bolzano del Consiglio dell Ordine degli Avvocati Palazzo di Giustizia, Piazza Tribunale, 1 39100 Bolzano Oggetto: Domanda congiunta di attivazione della procedura

Dettagli

ADR GESTIONE CONCILIAZIONE s.r.l. Iscritto al n 208 del Registro degli Organismi di Mediazione Ministero della Giustizia

ADR GESTIONE CONCILIAZIONE s.r.l. Iscritto al n 208 del Registro degli Organismi di Mediazione Ministero della Giustizia Prot. n / Sede di ISTANZA DI MEDIAZIONE (se persona fisica) nel caso di più parti compilare questa pagina per ciascuna Il/la sottoscritto/a, nato/a, il C.F residente in via tel. fax cell. e-mail Pec documento

Dettagli

Da inviare a mezzo raccomandata A/R indirizzata a: CSFO SOCIETA NAZIONALE PER LA CONCILIAZIONE E L ARBITRATO SRL

Da inviare a mezzo raccomandata A/R indirizzata a: CSFO SOCIETA NAZIONALE PER LA CONCILIAZIONE E L ARBITRATO SRL Spazio riservato alla Segreteria Data deposito... Sede ISTANZA UNILATERALE DI MEDIAZIONE AI SENSI DEL DLGS 28/2010 E DEL REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE PRESSO CSFO SOCIETA NAZIONALE PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Organismo di Mediazione Forense di Trento

Organismo di Mediazione Forense di Trento Organismo di Mediazione Forense di Trento iscritto presso il Ministero della Giustizia al n.167 del Registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione Largo Pigarelli 1 (Palazzo di

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM.

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM. ORGANISMO DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM. Il/la sottoscritto/a: Telefono Cellulare Fax E-mail Conto corrente bancario

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE ART. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento ( Regolamento ): - Organismo di mediazione, o anche Organismo, indica Alpi Concilia S.r.l., iscritta nell apposito registro

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA

REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1) Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Il presente Regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, di cui al D.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE ORDINE DEGL I A V V OCATI DI LECCE ORGANISMO DI CONCILIAZIONE REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE Art. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Conciliazione/Mediazione è una procedura, comunque denominata,

Dettagli

Da inviare a mezzo raccomandata A/R indirizzata a: CSFO SOCIETA NAZIONALE PER LA CONCILIAZIONE E L ARBITRATO SRL

Da inviare a mezzo raccomandata A/R indirizzata a: CSFO SOCIETA NAZIONALE PER LA CONCILIAZIONE E L ARBITRATO SRL Spazio riservato alla Segreteria Data deposito... Sede ISTANZA CONGIUNTA DI MEDIAZIONE AI SENSI DEL DLGS 28/2010 E DEL REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE PRESSO Da inviare a mezzo raccomandata A/R indirizzata

Dettagli

Svolgimento della procedura di mediazione

Svolgimento della procedura di mediazione Svolgimento della procedura di mediazione Per ogni distanza c è sempre un ponte. Svolgimento della procedura di mediazione La procedura di mediazione si articola nelle seguenti fasi principali: Verifica

Dettagli

Organizzazione Le incompatibilità ed i procedimenti a carico dei mediatori.

Organizzazione Le incompatibilità ed i procedimenti a carico dei mediatori. REGOLAMENTO della società LegalMedia - Organismo di Mediazione società a responsabilità limitata finalizzato alla conciliazione delle Controversie Civili e Commerciali Titolo I Organizzazione Le incompatibilità

Dettagli

RICHIESTA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE

RICHIESTA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE RICHIESTA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A1 Parte istante persona fisica CF,residente Via e n. CAP,Tel., Cell. Fax Tel., Cell., Fax PEC societa/ ente/ditta individuale CF,residente Via e n. CAP,Tel., Cel. Fax

Dettagli

ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE. Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov.

ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE. Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov. ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov., via, cap, codice fiscale, tel., cell., fax, e-mail, P.iva, in persona

Dettagli

*Nome *Cognome. *residente in Via/Piazza * CAP. *Comune *prov. *Codice Fiscale P.IVA. Fax e-mail. *denominazione *P. IVA / C.F.

*Nome *Cognome. *residente in Via/Piazza * CAP. *Comune *prov. *Codice Fiscale P.IVA. Fax e-mail. *denominazione *P. IVA / C.F. Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Savona Organismo di Mediazione Via XX Settembre 17100 Savona Tel. 019824785 Fax 019827118 PEC organismomediazione@ordineavvocatisv.it Sito internet www.ordineavvocatisavona.it

Dettagli

Mediazione e Conciliazione

Mediazione e Conciliazione Mediazione e Conciliazione Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. INDICE Decreto Legislativo 4 marzo 2010, n. 28...pag. 3 Decreto 18 ottobre 2010, n. 180...pag. 16 Circolare Ministero della Giustizia 4

Dettagli

ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE. Costi dei procedimenti di mediazione

ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE. Costi dei procedimenti di mediazione ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE Costi dei procedimenti di mediazione Per le spese di mediazione sono dovuti da ciascuna parte gli importi riportati nella sottostante tabella, che comprendono

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE Approvato con delibera consiliare del 19 Settembre 2013 coordinato con la Legge 98/2013

Dettagli

Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l.

Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l. Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l. INDICE TITOLO I - PARTE INTRODUTTIVA Art. 1: Definizioni Art. 2: Applicazione delle presenti norme TITOLO II - PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE Art. 3: Avvio

Dettagli

RISPOSTA DI ADESIONE ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ATTIVATA natura giuridica della parte

RISPOSTA DI ADESIONE ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ATTIVATA natura giuridica della parte RISPOSTA DI ADESIONE ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ATTIVATA natura giuridica della parte (es. persona fisica, società di persona, società di capitali, cooperativa, ente pubblico, associazione, condominio

Dettagli

DOMANDA CONGIUNTA DI MEDIAZIONE

DOMANDA CONGIUNTA DI MEDIAZIONE ON. LE ORGANISMO DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA PERSONA FISICA DOMANDA CONGIUNTA DI MEDIAZIONE Il/la sottoscritto/a residente in Prov. Via n. CAP Codice Fiscale telefono Cellulare

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE PRESSO AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010

ISTANZA DI MEDIAZIONE PRESSO AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 A Parte Istante (persona fisica o natura della persona giuridica)*(1) certificata 1 Numero di altre parti istanti: (in caso di più parti istanti è necessario compilare il modulo A+ RICHIEDENDO DI INVIARE

Dettagli

Oggetto: Domanda congiunta di attivazione della procedura di mediazione ai sensi del d.lgs. n. 28/2010

Oggetto: Domanda congiunta di attivazione della procedura di mediazione ai sensi del d.lgs. n. 28/2010 ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI BOLZANO Iscritto nel Registro degli Organismi abilitati al n. 459/2011 All Organismo di Mediazione Forense di Bolzano del Consiglio dell Ordine degli Avvocati Palazzo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 1. Fermo restando la forma libera della presentazione dell istanza di mediazione quest ultima, a norma dell art. 3) del regolamento di procedura dell organismo di mediazione

Dettagli

Come attivare una procedura di mediazione

Come attivare una procedura di mediazione Come attivare una procedura di mediazione MODULISTICA Per presentare la domanda di mediazione, occorre utilizzare l apposito modulo di avvio, disponibile anche in forma cartacea presso la Segreteria del

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE

DOMANDA DI MEDIAZIONE Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it DOMANDA DI MEDIAZIONE Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono disponibili

Dettagli

Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010

Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010. conciliaconsumatorilonato@gmail.com Parte istante A1 Natura giuridica* (1) Nominativo* (2) C.F.* P. Iva E-mail* (3) Tel.* Cap* Rappresentante (4) Cell.*(3)

Dettagli

N parti istanti UNICO CENTRO DI INTERESSE PIU' CENTRI DI INTERESSE Cognome e Nome o Denominazione di tutte le parti istanti 1-6- nato/a a* il* / /

N parti istanti UNICO CENTRO DI INTERESSE PIU' CENTRI DI INTERESSE Cognome e Nome o Denominazione di tutte le parti istanti 1-6- nato/a a* il* / / ALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di ORISTANO ISCRITTO AL N. 760 DEL REGISTRO DEGLI ORGANISMI ABILITATI A SVOLGERE LA MEDIAZIONE TENUTO DAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA VIA CARDUCCI

Dettagli