REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETUALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETUALE"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETUALE composta da dr. Tommaso Marvasi dr. Marina Meloni dr. Gabriella Muscolo presidente giudice giudice rel. Riunito in camera di consiglio ha emesso la seguente SENTENZA Nella causa di primo grado iscritta al n /2004, trattenuta in decisione all udienza del 1 febbraio 2007 sulle conclusioni precisate dalle parti come in atti e posta in deliberazione il 15 maggio 2007 alla scadenza dei termini dell art. 190 c.p.c. tra

2 Luis Vuitton Mallettier SA in persona del legale rappresentante, parte attrice, rappresentata dagli avv. Raimondo Becchis e Alessandro Masetti Tannini de Concina, ed el. dom. nel loro studio in Roma, via Piemonte 26 per procura in atti E Wang Guang Rong s.n.c., in persona del legale rappresentante, parte convenuta, rappresentata dagli avv. Alberto Michele Palombo e Domenico Festa ed el. dom. nel loro studio in Roma, via Duilio 13 per procura in atti. Oggetto: marchio. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO La Luis Vuitton Mallettier SA( d ora in poi Vuitton), società con sede in Francia, quale proprietaria di una serie di marchi a registrazione comunitaria ed internazionale, distintivi di svariati prodotti del settore della pelletteria, agisce contro la Borsetteria di Wang Guang Rong snc( d ora in poi la Borsetteria), titolare di una domanda di registrazione e nel corso del processo di una registrazione di marchio nazionale, distintivo di prodotti del medesimo settore merceologico, domandando: l accertamento della nullità, dapprima della domanda di registrazione e dipoi del marchio registrato per difetto di

3 novità e conflitto con marchio rinomato, l accertamento della contraffazione con i propri marchi, e della concorrenza sleale da imitazione servile dei propri prodotti, la condanna al risarcimento del danno, anche in via equitativa, la inibitoria dell uso del marchio, la condanna al pagamento della sanzione pecuniaria di euro 2.500,00 per ogni atto di mancata esecuzione dell ordine e la pubblicazione della sentenza. La Corsetteria, costituita, e Wang Guang Rong, intervenuto in proprio, contestano la confondibilità dei segni e dei prodotti e la sussistenza di danni e chiedono la reiezione della domanda. Nel corso della causa la Vuitton agisce in via cautelare per il sequestro dei prodotti distinti dal marchio contraffatto, la inibitoria dell uso del marchio, la distruzione e il ritiro dal commercio dei prodotti, la condanna al pagamento della sanzione pecuniaria e la pubblicazione; il tribunale con ordinanza, accoglie le domande cautelari, da eccezione di quelle di condanna alle sanzioni accessorie. Esperita consulenza tecnica d ufficio sull ammontare del danno, la parte rinuncia alle voci di danno emergente e lucro cessante da accertarsi in base alla propria contabilità e la causa, istruita documentalmente, è trattenuta in decisione. MOTIVI DELLA DECISIONE 1. Sul caso. Il caso in esame può essere ricostruito come segue, sulla base delle prospettazioni delle parti, dei documenti in atti, delle conclusioni dell

4 esperto e della valutazione delle prove effettuata dalla corte: la Vuitton è impresa collettiva di diritto francese, parte del gruppo MVLH MOet Hennessy Luis Vuitton ( d ora in poi gruppo Vuitton), leader nella produzione e distribuzione selettiva di beni di lusso in diversi settori merceologici, tutti distinti da marchi rinomati, quali ad es. Moet Chandon e Veuve Cliquot per lo champagne, Hennessy per il cognac, Celine, Givenchy, Kenzo, Christian Lacroix etc, distintivi di articoli di moda. La Vuitton ha proceduto alla registrazione di numerosi marchi, sia comunitari, sia internazionali, sia denominativi sia figurativi, e tra questi ultimi, in particolare i c.d. monogram, LV e floreale, estesi all Italia e per una serie di classi merceologiche, tra cui gli articoli e glia accessori di abbigliamento, le cui figure in particolare, consistono in rombi all interno dei quali è disegnato un fiore, stelle a quattro punte e cerchi con all interno fiore a quattro petali, intervallati dal monogramma VL, le cui due lettere sono in parte sovrapposte. Non è contestato tra le parti ed è comunque notorio, che tali marchi, soprattutto se distintivi di articoli di pelletteria, come borse, valigie portafogli ecc., hanno acquistato una particolare rinomanza su tutti i mercati, compreso quello italiano, e che i prodotti da essi distinti, divenuti sinonimo di lusso e moda, e venduti a prezzi molto elevati, sono destinati a una nicchia di consumatori specialmente attenti sia alla qualità del prodotto sia al suo carattere di status symbol.

5 Infatti i marchi e i prodotti Vuitton,, per effetto degli originari investimenti della impresa sia per l innalzamento della qualità dei prodotti, sia per la promozione del marchio a mezzo della pubblicità e della selezione dei distributori, sino al rifiuto di operazioni di merchanising e concessione in licenza del marchio, come emerso durante le indagini del consulente, hanno acquistato un vantaggio competitivo da immagine, veicolando alla percezione del consumatore il messaggio secondo cui l acquisto di un accessorio Vuitton è collegato a uno stile di vita caratterizzato da cosmopolitismo, lusso ed eleganza. Per siffatte ragioni i marchi Vuitton hanno un duplice potere, da un lato attrattivo della domanda di una categoria più ristretta di reali ed abituali consumatori, con un forte potere di acquisto su tutti i mercati, dall altro suggestivo verso un bacino più ampio di potenziali consumatori, con minore potere di acquisto e su mercati locali, che aspirano all acquisto, magari occasionale, dell accessorio distinto dal rinomato brand. In questo contesto si situa la allegazione della parte attrice, effettuata nel corso delle indagini del consulente dal responsabile anticontraffazione della società attrice, secondo cui la Luis Vuitton Mallettier, per propria politica aziendale non concede mai i suoi marchi in licenza e quindi non ha mai sottoscritto contratti relativi; il rifiuto di politiche aziendali di merchandising comprensive

6 di licenze può intendersi come prevenzione di qualsivoglia rischio di annacquamento o offuscamento del potere distintivo e attrattivo del marchio connesso all affidamento ad altri del suo uso. La Borsetteria mette in commercio, in un negozio di piccole dimensioni a Perugia, borse e accessori distinti dal marchio poi registrato da Wang Guang Rong, di produzione e importazione dalla Cina, a prezzi molto bassi e confusa insieme a svariata mercanzia della medesima provenienza. Il marchio registrato dal Wang Guang Rong, anch esso figurativo, consta di una stella a quattro punte, di cerchi con fiore a sei petali e di rombi in cui è disegnata una mezzaluna con cerchietto, intervallati dal monogramma ZH, con lettere sovrapposte. A un giudizio di comparazione analitico tra le due figure si evince la pedissequa riproduzione di alcuni elementi dei marchi Vuitton, tra cui la stella e la riproduzione quasi integrale di altri, quali il cerchio con fiore e il rombo, variando unicamente il numero dei petali del fiore contenuto nel primo e la figura all interno del rombo, nonché le lettere del monogramma, identico però per la grafica. A un giudizio immediato e sintetico poi appare evidente come le identità tra i due segni siano idonei a creare confusione in un consumatore medio, ma non

7 nel consumatore tipo del bene Vuitton sopradescritto, particolarmente attento al brand e più perito nella scelta, e come prezzo e differenti modalità di distribuzione escludano la confusione tra i prodotti anche per il consumatore medio. In base ad massima di esperienza può tuttavia ritenersi che se il consumatore abituale e fidelizzato, con le caratteristiche sopradescritte, non sarebbe mai sviato nella scelta del prodotto, determinandosi ad acquistare un falso, il consumatore potenziale e quello occasionale, attento al risparmio, ben potrebbe ritenere che non valga la pena di affrontare l ingente costo che comporta l acquisto di un accessorio Vuitton originale, dal momento che, con un prezzo ben più ridotto, può divenire proprietario di un prodotto così ben imitato, che, una volta tolto dal negozio e dalla vetrina, può apparire come originale agli occhi dei più, e comunque adempiere alla stessa funzione a cui è destinato e garantire altresì il medesimo elegante look del prodotto originale; Dunque se al momento della scelta la confusione è esclusa non soltanto per il consumatore di nicchia, ma anche per quello medio, dopo la vendita il pubblico indifferenziato dei consumatori, che orienta le dinamiche del mercato, può ben essere tratto in inganno circa la provenienza del bene dal gruppo Vuitton, integrando il noto fenomeno della post-sale confusion.

8 Infine, la merce importata dalla Borsetteria è stata sottoposta a sequestro dalle Dogane di Napoli e poi dissequestrata a seguito del decerto di archiviazione nel processo penale per mancanza di contraffazione, previa perizia tecnica eseguita su un portafogli, e le cui risultanze sono nel senso che i disegni di fantasia molto alla lontana, possono ricordare ma non confondere il motivo ornamentale (disegno floreale) denominato monogram. 2.Le questioni di definizione di marchio rinomato e del suo statuto di protezione. La prima questione posta dal caso in esame è quella definizione della rinomanza del marchio e della identificazione delle regole di protezione del marchio rinomato, questione rilevante per la decisione sia in punto nullità del marchio di parte convenuta per conflitto con il marchio rinomato anteriore di parte attrice, sia in punto contraffazione di quest ultimo. Infatti l art. 12 del dlgs. 30/2005 (CPI) in tema di novità del marchio, alla lettera f) vieta la registrazione di marchi identici o affini ad un marchio già da altri registrato nello Stato o con efficacia nello Stato, in seguito a domanda depositata in data anteriore per prodotti o servizi anche non affini, quando il marchio anteriore goda nella Comunità, se comunitario, o nello Stato, di rinomanza e quando l uso successivo senza giusto motivo trarrebbe indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del segno anterioreo recherebbe pregiudizio ad essi.

9 L art. 12 lett. g) detta la stessa norma con riferimento al marchio già notoriamente conosciuto ai sensi dell art. 6bis della Convenzione di Unione di Parigi per la proprietà industriale. L art. 25 commina la sanzione di nullità al marchio registrato in presenza di uno degli impedimenti di cui all art. 12. L art. 20 CPI sui diritti conferiti dalla registrazione del marchio, attribuisce alla lett. c) il diritto di vietare ai terzi l uso di un segno identico o simile al marchio registrato, per prodotti o servizi anche non affini, se il marchio registrato goda nello Stato di rinomanza e se l uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi. Le disposizioni sopratrascritte riproducono quelle del precedente d.lgs. 929/1942, come modificato dal d.lgs.480/1992, con la mera aggiunta dell anche, che estende la tutela rafforzata ai prodotti affini, con ciò recependo la giurisprudenza della Corte di Giustizia ispirata al criterio di ragionevolezza ( CGE C.292/00, 9 gennaio 2003 Davidoff vs Gofkid). Alcuni criteri per la definizione della rinomanza o notorietà del marchio al fine della applicazione dello statuto speciale di protezione sono dati dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia, a cui si è conformata la recente giurisprudenza di questo tribunale, e sono la diffusione della conoscenza del marchio da una parte significativa del pubblico interessato, secondo i criteri

10 della quota di mercato, la estensione geografica dell uso, la sua durata, l entità degli investimenti fatti; tale giurisprudenza non ha mai quantificato invece la percentuale di conoscenza richiesta per la notorietà ( vedi sul punto CGCE 14 settembre 1999, General Motors Corporation v. Yplon s.a. C. 342/92; CGCE 4 maggio 1999 Windsurfing Chiemsee Production v. Boots und Segelzubehor C-108/97 e C. 109/97 ;Trib. Roma 10 settembre 2005, Antartica v. Nasdaq Stock Market; Trib. Roma 28 settembre 2005, Hugo Boss v. Piscopo Editore). Il criterio della diffusione della conoscenza pone a sua volta alcune sottoquestioni, per la determinazione dell ambito temporale e geografico rilevante per tale conoscenza; per quanto attiene alla questione temporale, il momento rilevante per la notorietà o rinomanza differisce nel caso di decisione sulla novità del segno per conflitto con marchio notorio, in cui la diffusione della conoscenza deve essere accertata al momento della registrazione e di decisione sulla contraffazione del marchio notorio o rinomato, in cui la conoscenza deve essere accertata alla data dell illecito. Questione di più difficile soluzione è quella della definizione del mercato rilevante per la diffusione della conoscenza; a questo proposito la lettera f) dell art. 12 attribuisce rilevanza alla rinomanza del marchio nella Comunità, se comunitario, o nello Stato e la lettera g) richiama l art. 6bis della Convenzione di Unione di Parigi (CUP), che vieta la registrazione di un marchio già notoriamente conosciuto come marchio di una persona

11 ammessa al beneficio della presente Convenzione, i Paesi aderenti alla quale sono appunto costituiti in Unione per la protezione della proprietà industriale ; alla medesima ratio unionista risponde l Accordo di Madrid per la registrazione dei marchi internazionali. Dal testo dal tali disposizioni e cioè dal riferimento al mercato unico per il marchio comunitario e a quello unionista per il marchio internazionale, può ricavarsi un generale principio regolativo di rilevanza della omogeneità dei mercati, piuttosto che di territorialità degli stessi, per la definizione geografica della notorietà o rinomanza: con ciò le norme in esame recepiscono il dato ambientale proprio dell economia, della deterritorializzazione dei mercati, e quello sistemico del diritto comunitario ed internazionale, della libera circolazione delle merci e delle persone ( e quindi dei consumatori) sul mercato europeo e globale.. La stessa Corte di Giustizia, ha affermato, con riferimento al mercato del Benelux, rispetto al quale la ratio del principio affermato può rinvenirsi proprio nella omogeneità dei mercati nazionali che lo compongono, che è sufficiente alla notorietà del marchio essa esista in una parte sostanziale del territorio ( CGE C. 375/97 14 settembre 1999 General Motors Corporation v. Yplon). Una ulteriore questione è quella della definizione dell indebito vantaggio del registrante in conflitto con il marchio notorio e contraffattore di questo,

12 speculare all ingiusto profitto del titolare; a questo proposito il tribunale ritiene che entrambi debbano essere rapportati agli interessi lesi, cosicché l autore della contraffazione si avvantaggia della notorietà e del potere attrattivo di tale marchio, con conseguente pregiudizio delle legittime utilizzatrici, stante il potenziale annacquamento del carattere distintivo di esso ( Trib. Roma, 9 gennaio 2004 caso Adidas Salomon); L ultima questione, quella di definizione della confusione tra i segni da parte del consumatore è stata risolta dalla Corte di Giustizia che ha ritenuto che essa non è subordinata alla constatazione di un grado di somiglianza tra il marchio notorio e il segno tale da generare, nel pubblico interessato, un rischio di confusione tra gli stessi. E sufficiente che il grado di somiglianza tra il marchio notorio e il segno abbia come effetto che il pubblico interessato stabilisca un nesso tra il segno e il marchio di impresa, così estendendo la denotazione della confusione al rischio di associazione ( CGE C. 408/01 23 ottobre 2003 Adidas Salomon v. Fitnessworld Trad ). Il nuovo sistema del diritto del marchio risponde a una ratio di protezione del segno in funzione non tanto distintiva quanto promozionale, a tutela degli interessi professionali degli imprenditori alla salvaguardia degli investimenti aziendali e pubblicitari fatti per la conservazione e l incremento sul mercato del suo selling power, rimanendo affidata a differenti settori del diritto del mercato la tutela del consumatore dai rischi di decezione insiti in siffatta

13 evoluzione del sistema; di questo contesto normativo di massimizzazione del valore e del plusvalore attrattivo del marchio e insieme di sfavore per il parassitismo economico, è paradigmatico il rafforzamento della protezione dei marchi c.d. rinomati o notori, che si invera nella estensione ultramerceologica della protezione stessa. In questo contesto normativo di massimizzazione del valore e del plusvalore attrattivo del marchio, da un lato la confondibilità di un segno da registrare rispetto a un marchio rinomato deve essere accertata secondo il parametro del consumatore non soltanto attuale ma anche potenziale del prodotto, in ragione del rafforzamento della protezione del marchio che gode di rinomanza, che si estende alla aspettativa di attrazione e fidelizzazione di una clientela sempre più ampia, con un vantaggio competitivo remunerativo degli investimenti effettuati per la protezione del segno. Nel medesimo contesto, d altro canto, nella ipotesi di rinomanza del marchio la fattispecie di illecito contraffattivo in pregiudizio alla sua capacità attrattiva può essere ricostruita come autonoma rispetto a quella in pregiudizio alla sua capacità distintiva, con la distinzione tra contraffazione per dilution e turnishment propria della giurisprudenza europea e ripresa da quella comunitaria ( vedi ad es per una fattispecie in cui l accostamento avveniva a mezzo della pubblicità, il caso tedesco BGH 17 gennaio 2002, in cui si è ritenuta la contraffazione per offuscamento del marchio Champagne accostato nella pubblicità al Sekt,

14 bevanda notoriamente di prezzo e qualità inferiori nel messaggio Champagner bekommen, Sekt bezhalen ). In particolare nella fattispecie di turnishment l accostamento del marchio rinomato e dei prodotti da questo distinti, a segni e prodotti di minore notorietà e qualità, attraverso le diverse modalità di distribuzione sul mercato, i diversi prezzi e la diversa promozione, offusca nel segno il potere evocativo di una immagine di lusso ed eleganza e insieme di qualità, su cui esso fonda la sua capacità attrattiva, ledendone così il potere di vendita sul mercato, in riferimento sia al suo consumatore abituale, che è attratto anche dal messaggio veicolato, sia a un più ampio bacino di potenziali e occasionali consumatori, che sono indirizzati alla scelta proprio dal fatto che il bene distinto da quel marchio costituisce uno status symbol. Anche nella fattispecie di dilution inoltre, la confondibilità tra i segni e i prodotti rinomati si verifica non tanto al momento della scelta per l acquisto del consumatore, per tutte le ragioni sopraesposte, quanto in un momento successivo, con la c.d. post sale confusion, quando cioè il prodotto è utilizzato, e cioè, nel caso di un accessorio distinto da un determinato brand, quando questo è indossato al cospetto di un pubblico, che altro non è che un insieme di consumatori potenziali, il cui livello di attenzione è più basso, perché non indirizzato ad una immediata scelta per l acquisto( vedi CGE C206/01 caso Arsenal).

15 2.La nullità del marchio di parte convenuta. Nel caso di specie non è in contestazione la rinomanza del marchio Vuitton, sul mercato comunitario e internazionale, al momento della presentazione della domanda di registrazione del marchio da parte di Wang Guang Rong. Il marchio figurativo registrato da quest ultimo, a prima vista è idoneo a creare confusione con il rinomato marchio monogram nel consumatore potenziale, che vede l accessorio dopo la vendita, indossato dall acquirente, con il rischio di sviarlo dall acquisto del prodotto originale e con l appannamento della immagine di lusso ed eleganza del marchio Vuitton, ormai visto in differenti contesti. Ciò causa, da un lato un pregiudizio sia potenziale, sia attuale, alla rinomanza del marchio Vuitton, sotto il duplice profilo rispettivamente del suo selling power e del suo potere suggestivo, d altro canto, specularmente, un indebito vantaggio, senza giusto motivo, al Wang Guang Rong, che aggancia il proprio segno distintivo, e per l effetto il proprio prodotto, a quelli rinomati altrui, fidando sul fenomeno della post sale confusion per attrarre una clientela che mai acquisterebbe proprio quegli accessori se non creasse un nesso tra essi e quelli distinti dal marchio Vuitton.

16 Sussistono dunque tutti i presupposti per il difetto di novità del marchio registrato dalla parte convenuta per conflitto con i marchi rinomati Vuitton, ai sensi dell art. 12 lett. f) e g) CPI e per la dichiarazione di nullità del medesimo, da comunicarsi all Ufficio Marchi Italiano registrante. 4. La contraffazione dei marchi di parte attrice e sulla concorrenza sleale. Non essendo contestato poi che la rinomanza del marchio Vuitton perdurava anche al momento della messa in vendita degli accessori da parte della Borsetteria, e verificandosi anche in detto momento tutti i presupposti sopra elencati, l uso del marchio del Wang Guang Rong costituisce contraffazione dei marchi rinomati Vuitton e il titolare di questi ultimi ha il diritto di vietarlo ai sensi dell art. 20 lett. c) CPI. Tale uso integra altresì la fattispecie di concorrenza sleale per uso di segno distintivo idoneo a produrre confusione con i segni distintivi altrui e per imitazione servile del prodotto, ai sensi dell art c.c., fattispecie concorrente con quella dell illecito di contraffazione, secondo gli orientamenti della giurisprudenza di legittimità. Giacchè tale contraffazione ha come effetto la vanificazione degli investimenti fatti dalla impresa per la promozione dei marchi e dei prodotti, con la pubblicità ma anche con la selezione della rete di distribuzione, per garantirsi il consolidamento della immagine, la fidelizzazione di una certa fascia di

17 consumatori e la penetrazione di una quota di mercato più ampia di quella già acquisita, mantenendo così la propria competitività globale; dunque l illecito contraffattivi e concorrenziale è idoneo a causare danno al titolare del diritto di privativa. 5. Conclusioni. In conclusione, per le ragioni sopraesposte, le domande principali di dichiarazione di nullità del marchio della parte convenuta, accertamento della contraffazione e degli atti di concorrenza sleale, inibitoria dell uso del medesimo marchio, ritiro dal commercio e distruzione delle merci da esso distinte e condanna al risarcimento del danno debbono essere accolte. Il tribunale provvede con separata ordinanza alla prosecuzione della istruttoria per la liquidazione del danno. La domanda di condanna a sanzione pecuniaria può anch essa essere accolta, in ragione della sua efficacia deterrente, nella misura ridotta di euro 1.000,00 per ogni giorno di ritardo nella esecuzione della sentenza. Anche la domanda di pubblicazione può essere accolta, in ragione della sua funzione non tanto di informazione al pubblico dei consumatori, o risarcitoria del titolare della privativa,m a motivo di quanto sopraesposto sulle modalità di confusione e sviamento della clientela, quanto di efficacia deterrente di ulteriori di contraffazione e concorrenza sleale da parte di altri concorrenti sul medesimo mercato; per il miglior raggiungimento di tale scopo

18 appare opportuno disporre la pubblicazione non soltanto su riviste specializzate di moda, destinate ai consumatori e agli operatori professionali, ma anche sulla stampa quotidiana. La pronuncia sulle spese è riservata alla sentenza definitiva. P.Q.M. Non definitivamente decidendo: 1) dichiara la nullità del marchio registrato da Wang Guang Rong presso l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi al n ; 2) dispone la trasmissione della presente sentenza all Ufficio Italiano Brevetti e Marchi; 3)accerta la contraffazione da parte del marchio sub 1) dei marchi di parte attrice, numeri di registrazione internazionale , , , e numeri di registrazione comunitaria 15602, 15628, 15610, , e la concorrenza sleale di parte convenuta; 4) inibisce a parte convenuta l uso del marchio sub)1) 5)ordina il ritiro dal commercio e la distruzione della merce distinta dal marchio sub) 1;

19 6)fissa in euro 1.000,00 sanzione pecuniaria da pagarsi da parte convenuta a parte attrice per ogni giorno di ritardo nella esecuzione della presente sentenza; 7) ordina la pubblicazione del dispositivo della presente sentenza su due riviste del settore della moda a scelta della parte attrice e sui giornali quotidiani La Repubblica e Il Corriere della Sera a spese della parte convenuta; 8) provvede con separata ordinanza alla prosecuzione della istruttoria per la liquidazione del danno; 9) riserva alla sentenza definitiva la pronuncia sulle spese di lite.

CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 23/04/13 1

CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 23/04/13 1 CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 1 industriale: art. 125 CPI Art. 125 CPI Risarcimento del danno e restituzione dei profitti

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1402 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAISI, SAGLIA Istituzione del marchio «Made in Italy» Presentata il 18 luglio 2006 ONOREVOLI

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

La pubblicità oggi. Il 2013 il mercato pubblicitario registra un 18,9%

La pubblicità oggi. Il 2013 il mercato pubblicitario registra un 18,9% Google AdWords: Casi di contraffazione nell ambito del «keyword advertising» Avv. Raffaella Agostini La pubblicità oggi Il 2013 il mercato pubblicitario registra un 18,9% Settore stampa 26,1 % Televisione

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 In cosa consiste. 3 Come si effettua una ricerca di anteriorità. 3 Le banche dati dei marchi con effetto in Italia. 3 Come valutare i marchi anteriori identici e simili.

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. Avv. Rossella Masetti

DAL MARCHIO AL BRAND. Avv. Rossella Masetti DAL MARCHIO AL BRAND Avv. Rossella Masetti La tutela dell immagine aziendale Reggio Emilia, 21 Novembre 2011 MARCHIO IMPERIAL Segno distintivo che contraddistingue i prodotti e i servizi dell impresa Strumento

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

Tutela giuridica delle banche di dati

Tutela giuridica delle banche di dati Norme di riferimento Tutela giuridica delle banche di dati Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Legge 22 aprile 1941 n. 633. Protezione del diritto

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania. Sezione di Salerno. Sezione Prima -PRESIDENTE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania. Sezione di Salerno. Sezione Prima -PRESIDENTE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania Sezione di Salerno Sezione Prima composto dai Magistrati: DR. ALESSANDRO FEDULLO DR. FILIPPO PORTOGHESE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN BUONMARCHIO PRATO, 21.03.2014 Ing. Mari & C. Srl - Corso Garibaldi, 14 55100 LUCCA www.mari.it - info@mari.it lucca@mari.it MARCHIO: DEFINIZIONE SEGNO

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE Composta da: Dottor Umberto Scotti Dott.ssa Gabriella Ratti Dottor Maria Dolores

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 12 gennaio 2006 (C 361/04 P) Lezione del 28 ottobre 2010 Presentazione del

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

Accoglimento totale del 21/09/2015 RG n. 76328/2014-1

Accoglimento totale del 21/09/2015 RG n. 76328/2014-1 N. R.G. 2014/76328 TRIBUNALE di MILANO SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA A CIVILE TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA D IMPRESA A Nel procedimento cautelare iscritto al n.r.g.

Dettagli

La circolazione dei segni distintivi

La circolazione dei segni distintivi La circolazione dei segni distintivi Marchio, insegna e ditta Torino, 19 marzo 2008 Avv. Massimo Sterpi LA DITTA Segno distintivo dell impresa che consente l individuazione e la distinzione tra i vari

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE 44 CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! 55 COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE PREMESSAPREMESSA COME TUTELARE

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

Il quadro normativo di riferimento

Il quadro normativo di riferimento CORSO CTU Il quadro normativo di riferimento Torino, 19 novembre 2015 IL QUADRO DI RIFERIMENTO La piramide rovesciata: - responsabilità civile; - concorrenza sleale; - contraffazione CODICE CIVILE (responsabilità

Dettagli

Circolazione e tutela del software nella federazione russa

Circolazione e tutela del software nella federazione russa Circolazione e tutela del software nella federazione russa Nell esercizio di attività di impresa e commerciali nella Federazione Russa rivestono crescente importanza i software e le banche dati. Presentiamo

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA INVENZIONI Novità Attività inventiva (originalità) Industrialità MARCHI Novità Capacità distintiva (originalità) MODELLI E DISEGNI Novità Carattere individualizzante

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 9/12/2015 Privative e concorrenza Con il termine Proprietà industriale si intende una serie di istituti che, pur nella loro diversità, sono accomunati dalla circostanza

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente TAR Piemonte, Sez. II, Sentenza n. 1180 del 10 marzo 2007 Nel concorso per titoli ed esami indetto dalla ASL per la copertura di un posto di dirigente medico, la mancata predeterminazione dei criteri di

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A, Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa gazzetta ufficiale n. L 040 del 11/02/1989 pag. 0001-0007

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa

Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa PRIMA DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 21 dicembre 1988

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A Marchi Contraffazione ed usurpazione del marchio - Società di consulenza di proprietà industriale ed intellettuale Nome registrato come ditta e come marchio - Attività di produzione di sistemi multimediali

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 05475/2014 REG.PROV.PRES. N. 11439/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente Il Presidente ff ORDINANZA

Dettagli

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia - 10 dicembre 2013 - Camera di Commercio di Torino 1 PECULIARITA DI INTERNET visibilità

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n. 8841/1985 proposto

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 14 settembre 2010 (C 48/09 P) Lezione del 4 novembre 2010 Presentazione del

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

Centro Studi Anticontraffazione LA CONTRAFFAZIONE ON-LINE. Avv. Daniele Caneva Milano, 24 marzo 2011

Centro Studi Anticontraffazione LA CONTRAFFAZIONE ON-LINE. Avv. Daniele Caneva Milano, 24 marzo 2011 Centro Studi Anticontraffazione LA CONTRAFFAZIONE ON-LINE Avv. Daniele Caneva Milano, 24 marzo 2011 Due gruppi di illeciti che riguardano la violazione on-line di diritti di proprietà industriale e intellettuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FIRENZE IN DATA 11 DICEMBRE 2006 REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE Sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale composta dai magistrati,

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli