e.toscana Compliance visione d insieme

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e.toscana Compliance visione d insieme"

Transcript

1 Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione 1.7

2 DOCUMENTO: e.toscana Compliance visione d insieme EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Funzione Nome firma Emissione Specialista Tecnico Walter Volpi Centro Tecnico MICC Fabrizio Baldini Approvazione Responsabile LISTA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTI Versione Data Paragrafi Modificati Motivo Modifica Prima stesura Aggiunte e modifiche a tutto documento , 2.3, 3 Rivisti i soggetti e i ruoli Rivisti soggetti e ruoli del processo di certificazione, dettagliato il processo. Introdotte le sottosezioni 3.1 e Aggiornato il paragrafo , 4 Introdotti riferimenti ad RFC infrastrutturali Rivista la descrizione del processo di accreditamento. Eliminazione stato Ammesso. Modifiche varie al paragrafo Tutto il documento Correzioni, proposte e chiarimenti su tutto il documento (autore Riccardo Del Dotto) Pag. 2 di 11

3 1. Obiettivi Request For Comments (RFC) e.toscana Tipologie di RFC Soggetti e ruoli Descrizione del processo Il processo di accreditamento e.toscana Compliance Soggetti e ruoli Descrizione del processo Riferimenti Pag. 3 di 11

4 1.Obiettivi In attuazione della Legge Regionale n.1 del 2004 [1], Regione Toscana, di concerto e secondo gli indirizzi della Rete Telematica Regionale Toscana e del progetto e.toscana, ha realizzato una infrastruttura di tecnologie e servizi per la cooperazione applicativa denominata CART. Tale infrastruttura rende possibile e perseguibile lo sviluppo coordinato dei sistemi informativi pubblici valorizzandone e condividendone il patrimonio informativo in una logica di servizio per i cittadini, le imprese e la stessa pubblica amministrazione. CART definisce un architettura di cooperazione e la realizza in un infrastruttura che abilita l integrazione di componenti e servizi. CART promuove inoltre lo sviluppo e l evoluzione della infrastruttura individuando e sostenendo i requisiti che garantiscono l interoperabilità dei sistemi, la sicurezza dell informazione, la continuità nell erogazione dei servizi e l automazione di processi che coinvolgono più soggetti organizzativi. CART è quindi una infrastruttura tecnologica e di servizi a disposizione di tutti i soggetti pubblici e privati e rappresenta l opportunità per la pubblica amministrazione di mettere a fattor comune i patrimoni informativi secondo una logica di reciproco interscambio, di semplicità di soluzioni, di rispetto degli ambiti e delle prerogative di competenza, di sicurezza e titolarità nel trattamento delle informazioni. CART rappresenta un opportunità per il mondo delle imprese di investire in settori nuovi, di migliorare i propri prodotti, di ottenere valore aggiunto dalla creazione di un sistema che promuove l integrazione e il riuso di prodotti e soluzioni. Al fine di rendere disponibile l infrastruttura CART a tutti, è stato definito un regolamento [3] che ha l obiettivo di creare un contesto di concreto e utile confronto con il mondo delle imprese ICT e attivare un processo di accreditamento di prodotti e soluzioni aderenti agli standard infrastrutturali di e.toscana che prende il nome di e.toscana Compliance. L obiettivo di e.toscana Compliance è valutare la capacità di uno specifico sistema o software applicativo di cooperare in modo corretto attraverso CART con altri sistemi anch essi accreditati e integrati con l infrastruttura. Questa capacità è sostenuta da attività quali la definizione di standard per infrastruttura e per domini applicativi specifici, la definizione di requisiti che garantiscono la corretta integrazione e la capacità di riuso e di evoluzione, un processo di accreditamento di prodotti e soluzioni. Questo documento illustra i componenti del processo e.toscana Compliance e in particolare i concetti di RFC e.toscana e il processo di accreditamento e.toscana Compliance. Pag. 4 di 11

5 2.Request For Comments (RFC) e.toscana Il processo e.toscana Compliance coinvolge una molteplicità di soggetti all interno di una comunità (comunità CART) che realizza un contesto di concreto e utile confronto fra gli Enti RTRT e il mondo delle imprese ICT. La comunità ha tra i suoi obiettivi principali quello di combinare interessi e motivazioni diverse, individuare gli obiettivi della cooperazione, definire i requisiti e gli standard che sostengono la cooperazione, lo sviluppo e l integrazione di servizi. La comunità è il luogo da cui prende avvio la collaborazione tra i diversi soggetti che è presupposto fondamentale alla realizzazione della cooperazione applicativa tra i sistemi informativi degli enti. Questa collaborazione è particolarmente necessaria nella determinazione dei requisiti e degli standard che guidano l evoluzione del sistema. Per questi motivi, nell'attuazione del CART, è stato avviato un processo di definizione collaborativa di specifiche che riguarda sia l infrastruttura di cooperazione, sia i singoli domini applicativi e che richiede contributo a tutti i soggetti della comunità. Il processo è attuato attraverso l uso di documenti Request For Comments (RFC) e con l'attivazione di gruppi di discussione on-line su temi che riguardano la cooperazione applicativa. Un RFC e.toscana è un documento che tratta argomenti inerenti le interazioni e il formato delle informazioni scambiate tra soggetti che cooperano attraverso l infrastruttura CART. L obiettivo del documento è la realizzazione di uno standard aperto che include la definizione di tecniche, modalità, standard tecnologici e informativi, atti a garantire la circolarità delle informazioni nel rispetto dei livelli di sicurezza e riservatezza, e con una latenza nell aggiornamento dei patrimoni informativi dei diversi enti prossima allo zero. Un RFC e.toscana nasce per definire il protocollo che due o più organizzazioni devono utilizzare per scambiarsi informazioni riguardanti un tema di interesse comune (ad es. il Protocollo Informatico, la rete dei SUAP, la rete degli URP, ). 2.1.Tipologie di RFC La definizione e l adozione di standard aperti è un elemento chiave per definire un modello architetturale e realizzarlo in un infrastruttura che abilita l integrazione e la cooperazione di applicazioni esistenti. La creazione e la diffusione di standard aperti è quindi elemento fondamentale per attuare un concetto di apertura che riguarda non solo i singoli domini applicativi, ma anche e soprattutto lo sviluppo di soluzioni di integrazione e cooperazione. In e.toscana si individuano quindi due tipi di RFC: RFC Applicativi che descrivono gli standard relativi alla cooperazione in un particolare dominio applicativo in termini di soggetti coinvolti, modalità di cooperazione, specifiche tecniche di interfacce di cooperazione; RFC Infrastrutturali che affrontano tematiche quali il corretto utilizzo delle infrastrutture ed hanno la finalità di condividere gli strumenti e le procedure da utilizzare per fruire in modo corretto dell infrastruttura di cooperazione applicativa CART. Pag. 5 di 11

6 A titolo di esempio, negli RFC infrastrutturali possiamo indicare: la definizione di accordi di servizio, le definizione delle interfacce dell infrastruttura di cooperazione applicativa, la definizione dei parametri di monitoraggio di qualità del servizio. Tra gli RFC infrastrutturali di fondamentale importanza è l RFC che stabilisce quali caratteristiche deve avere il software che utilizza l infrastruttura di cooperazione. Attraverso tale RFC la comunità si dà un insieme di regole che definiscono il comportamento corretto da rispettare nell utilizzo dell infrastruttura. Di seguito è illustrata la struttura e il processo organizzativo della produzione di RFC Applicativi e Infrastrutturali e.toscana. 2.2.Soggetti e ruoli I diversi soggetti che costituiscono la Comunità CART collaborano tra loro proponendo, aggiornando e rendendo obsoleti gli RFC e.toscana, fornendo spunti riflessivi, approfondimenti di tematiche, ecc. E corretto quindi parlare di una comunità che sviluppa RFC e.toscana. Il termine sviluppa (e quindi di comunità di sviluppatori di RFC) è da intendersi in un contesto in cui gli RFC vengono proposti, discussi e resi standard attraverso un processo evolutivo del documento basato sulla collaborazione. All interno della comunità si individuano in particolare le seguenti categorie di soggetti: Enti (Comuni, Province, ASL, ): include i soggetti che utilizzano a scopi diversi i servizi dell infrastruttura. Attraverso gli RFC, un ente mantiene una vista sull insieme dei servizi proposti, sviluppati ed erogati attraverso l infrastruttura di cooperazione. Imprese: partecipano attivamente al processo di produzione di RFC tramite l ideazione, la discussione e l implementazione di RFC, esercitando un importante influenza sui percorsi di sviluppo. Un impresa può anche utilizzare i servizi di cooperazione per interagire con la Pubblica Amministrazione. Comitato e.toscana Compliance fornisce lo stimolo per la ricerca, l innovazione, la competizione per la produzione di nuovi RFC. Attua una forma di controllo sul grado di maturità di un RFC decretandone la transizione a standard e.toscana. Centro Tecnico e.toscana Compliance: costituito da esperti nel tema della cooperazione applicativa, partecipa al processo valutando la conformità delle proposte agli standard architetturali e tecnologici di e.toscana. Il Portale e.toscana Compliance (http://web.rete.toscana.it/ecompliance) costituisce il punto di incontro della comunità dei soggetti. Il portale permette la costituzione di un Team Virtuale di soggetti che collaborano alla produzione di RFC e.toscana, e condividono idee e competenze attraverso gli strumenti offerti dal portale (archivio RFC, forum di discussione, mailing list, ). I soggetti assumono ruoli diversi nelle fasi del processo di sviluppo degli RFC. In particolare si individuano i seguenti ruoli: Proponente: è il ruolo ricoperto dagli Enti e dalle Imprese che propongono un tema di interesse per la Comunità CART. Un soggetto Proponente esercita inoltre un ruolo di influenza sulle direzioni di sviluppo degli RFC. Pag. 6 di 11

7 Sviluppatore: è il ruolo ricoperto dai soggetti (Enti, Imprese, Centro Tecnico) che partecipano attivamente al processo evolutivo del documento tramite la produzione di nuove versioni degli RFC e.toscana o tramite contributi attraverso gruppi di discussione. Gestore: è il ruolo assunto dal Comitato per la e.toscana Compliance che, in collaborazione col Centro Tecnico fornisce stimoli agli sviluppatori e svolge un ruolo di coordinamento e decisionale nello sviluppo degli RFC e successivamente in quello della diffusione e distribuzione dei servizi. Supporta inoltre la comunità attraverso finanziamenti specifici finalizzati alla realizzazione di servizi tramite lo strumento delle Call For Proposal. 2.3.Descrizione del processo Lo sviluppo degli RFC avviene attraverso un processo di collaborazione tra i diversi soggetti che prende avvio da un RFC Presentato e termina con l approvazione di un RFC Standard. Il grado di maturazione del processo di sviluppo è indicato dallo stato assunto dall RFC e.toscana: Presentato : in questo stato un RFC è sottoposto dal Proponente all approvazione del Gestore che ne valuta l effettivo interesse per la Comunità CART; Discussione : in questo stato un RFC e.toscana è soggetto alla discussione della Comunità; Candidato : in questo stato RFC e.toscana ha subito il processo di maturazione e il Proponente lo giudica prossimo a diventare Standard; Standard : in questo stato RFC e.toscana è divenuto lo standard di riferimento nel contesto applicativo per cui è stato sviluppato. Un RFC standard è uno standard aperto, in quanto è un insieme di specifiche pubblicamente disponibili e mantenute tali nel tempo. Il processo di sviluppo dell RFC guida il documento attraverso i vari stati con l obiettivo di produrre un RFC Standard di qualità in tempi certi. Il processo prende avvio dalla presentazione di un tema da parte di un Proponente al Gestore attraverso il Portale e.toscana Compliance. Il Gestore valuta se il tema è interessante per la comunità, ed eventualmente promuove l RFC dallo stato di Presentato a quello di Discussione rendendolo visibile e sottoponendolo al giudizio della Comunità CART. Attorno all RFC in Discussione si costituisce in forma spontanea un team di Sviluppatori che lavora alla produzione di nuove proposte di revisione attraverso il Portale e.toscana Compliance. Gli Sviluppatori producono proposte di revisione all RFC aggiungendo ogni volta le modifiche ritenute necessarie al miglioramento della specifica. Il soggetto Proponente stabilisce quali tra le differenti proposte di revisione debba divenire oggetto di discussione, guidando il processo verso la produzione di una forma stabile dell'rfc. Il Proponente ha la responsabilità di stabilire il raggiungimento di tale forma stabile cambiando lo stato dell RFC in RFC Candidato attraverso il Portale e segnalando al Gestore l avanzamento del processo. Il Proponente deve quindi governare il processo di produzione di RFC cercando il compromesso tra la ricerca di nuove soluzioni e la Pag. 7 di 11

8 necessità di convergere verso standard aperti orientati alla realizzazione di servizi condivisi. Tutti i membri della Comunità CART sono chiamati ad esprimere un'opinione sull'rfc Candidato. Se la Comunità CART non produce osservazioni significative entro 20 giorni dall entrata nello stato di Candidato, il Gestore promuove il documento a Standard. In caso contrario, il Proponente o il Gestore possono rimettere il documento in Discussione. La possibilità di un RFC di diventare standard è subordinata quindi ad un ampia e aperta discussione da parte della comunità. E quindi necessario fornire un continuo stimolo agli sviluppatori degli RFC: di questo si occupa il Gestore che favorisce i rilasci in modo da stimolare il contributo attivo. Per lo stesso motivo, è anche necessario favorire la comunicazione e l organizzazione tra i soggetti della comunità: l uso intensivo della rete Internet e il Portale e.toscana Compliance sono fondamentali in questo senso in quanto offrono il canale e gli strumenti che permettono di abbattere i costi della partecipazione. Pag. 8 di 11

9 3.Il processo di accreditamento e.toscana Compliance La realizzazione di ogni servizio di cooperazione infrastrutturale o applicativo avviene nel rispetto dei documenti RFC Standard [5] e [6] che ne definiscono le caratteristiche e le modalità con cui esso deve integrarsi con l infrastruttura esistente. Per sostenere l attuazione dei requisiti posti dagli RFC è necessario un processo di accreditamento che, per ogni prodotto software sviluppato con funzioni di cooperazione applicativa interne alle RTRT, verifichi e certifichi il rispetto dello standard. 3.1.Soggetti e ruoli Come per la produzione di RFC, anche il processo di accreditamento coinvolge una molteplicità di soggetti: Enti (Comuni, Province, ASL, ): sono i soggetti che hanno acquisito o devono acquisire un prodotto software da un fornitore o che devono adattare un prodotto esistente per poter utilizzare i servizi resi disponibili dall infrastruttura. Imprese: sono i soggetti che partecipano attivamente allo sviluppo del prodotto software. Centro Tecnico e.toscana Compliance: è un insieme di soggetti esperti a cui è assegnata la responsabilità di verificare se il software prodotto è conforme agli RFC Standard e.toscana. Comitato e.toscana Compliance: è un insieme di soggetti che delega al Centro Tecnico la responsabilità di verificare la conformità software ed ha l autorità di certificare un prodotto e.toscana Compliant. I soggetti assumono ruoli diversi nelle fasi del processo di accreditamento. In particolare si individuano i seguenti ruoli: Proprietario: è il ruolo ricoperto dagli Enti e dalle Imprese proprietari dei prodotti software sottoposti al processo di accreditamento. Referente Tecnico: è il ruolo ricoperto dai soggetti (Imprese o strutture tecniche degli Enti) che hanno competenza tecnica sul prodotto software. Certificatore Tecnico: è il ruolo assunto dal Centro Tecnico per la e.toscana Compliance che verifica la conformità del prodotto software agli RFC e.toscana. Il Certificatore interagisce col Referente Tecnico per produrre le evidenze necessarie alla certificazione tecnica. Gestore: è il ruolo assunto dal Comitato per la e.toscana Compliance che decreta la conformità e.toscana dei prodotti che hanno ottenuto la certificazione tecnica. Anche in questo caso i soggetti coinvolti nel processo di verifica e accreditamento collaborano e interagiscono utilizzando il Portale e.toscana Compliance. In questo caso il portale è lo strumento che permette ad un Proprietario di richiedere la certificazione di un prodotto e di seguirne il processo fino all eventuale certificazione. Se il prodotto software è ritenuto conforme agli RFC, esso viene certificato e.toscana Compliant ed inserito nel catalogo di prodotti certificati pubblicato sul portale stesso. Pag. 9 di 11

10 3.2.Descrizione del processo La certificazione di un prodotto si svolge secondo un processo che prende avvio dalla sottomissione di un prodotto e termina con la decretazione di conformità e.toscana. L avanzamento del processo di certificazione del prodotto è indicato del suo stato: proposto : il prodotto è proposto al processo di accreditamento da parte del Proprietario attraverso il portale e.toscana Compliance. Candidato : in questo stato il prodotto attende il decreto di certificazione da parte del Gestore. Certificato : il prodotto ha completato il processo di accreditamento ed è pubblicato nell albo dei prodotto accreditati sul Portale e.toscana Compliance. Il processo inizia con la sottomissione di un prodotto da parte del Proprietario, attraverso il Portale e.toscana Compliance. La proposta di accreditamento deve contenere: (i) la descrizione del prodotto; (ii) il riferimento agli RFC applicativi che descrivono il dominio applicativo nel quale il prodotto si colloca; (iii) l indicazione di un responsabile; (iv) l indicazione del Referente Tecnico; (v) la documentazione tecnica del prodotto conforme alle specifiche [5] e [6]; (vi) se richiesto, il codice sorgente del prodotto (nel formato descritto da [5] e [6]) Il prodotto proposto è quindi sottoposto alla verifica tecnica operata dal Certificatore Tecnico che valuta la conformità agli standard e.toscana definiti dagli RFC infrastrutturali e applicativi. Durante la verifica il Centro Tecnico può richiedere al Referente Tecnico chiarimenti sulle caratteristiche del prodotto, sulla documentazione, sulle procedure di installazione, utilizzo e gestione, ed eventuali integrazioni alla documentazione fornita. Al termine della verifica il Centro Tecnico emette la documentazione tecnica che ha portato alle conclusioni espresse in un documento di certificazione. Il superamento della verifica comporta il passaggio del prodotto allo stato Candidato e la gestione del processo passa al Gestore che ne decreta formalmente la conformità dichiarando il prodotto Certificato. I prodotti Certificati sono inseriti nell albo dei prodotti accreditati pubblicato sul Portale e.toscana Compliance. Se, al contrario, il prodotto non supera la verifica tecnica, esso è dichiarato non conforme e il Gestore è informato della conclusione del processo di accreditamento. A fronte del rilascio di una nuova versione di un prodotto, il Proprietario deve inserire sul portale i dati della versione, la documentazione ed eventualmente il codice sorgente aggiornato 1. La documentazione dovrà essere sostitutiva delle precedenti versioni e dovrà riportare la descrizione completa del prodotto, evidenziare gli aggiornamenti rispetto all ultima versione e includere un breve storico dei nuovi elementi o modifiche introdotte. A seguito della sottomissione della nuova versione, il prodotto è nuovamente sottoposto alla verifica tecnica. La durata dell intero processo di accreditamento, dalla proposta alla decretazione di conformità (o di non conformità) non dovrà superare i tre mesi. Il Gestore ha comunque la facoltà di prorogare, su motivata richiesta del Proprietario o del Certificatore Tecnico, il termine del completamento della certificazione. 1 La sottomissione di una nuova versione non potrà tuttavia avvenire nel caso in cui sia in corso il processo di accreditamento di una versione precedente sottomessa dallo stesso Proprietario. Pag. 10 di 11

11 4.Riferimenti [1] LEGGE REGIONALE 26 gennaio 2004, n. 1 Promozione dell amministrazione elettronica e della società dell informazione e della conoscenza nel sistema regionale. Disciplina della "Rete telematica regionale toscana" Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 3 [2] CART, Processo di accreditamento e.toscana Compliance, 5 Aprile 2005 [3] CART, Processo di accreditamento e.toscana Compliance Regolamento, Regione Toscana, 5 Aprile 2005 [4] Portale e.toscana Compliance, [5] CART, Processo di accreditamento, RFC - Certificazione e.toscana Compliance di Proxy Applicativi, Regione Toscana, 2 Gennaio 2007 [6] CART, Processo di accreditamento, RFC - Certificazione e.toscana Compliance di applicativi SIL, Regione Toscana, 2 Gennaio 2007 Pag. 11 di 11

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5 Manuale d'uso e.compliance Versione 0.5 31/12/2007 1 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7

Dettagli

e.toscana Compliance http://web.rete.toscana.it/ecompliance

e.toscana Compliance http://web.rete.toscana.it/ecompliance e.toscana Compliance 1 Lo Strumento RTRT si è dotata con decreto dirigenziale 2479/2005 di un processo di accreditamento di prodotti e soluzioni agli standard infrastrutturali e applicativi. Il processo

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1. Piano d azione

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1. Piano d azione Pag. 1 di 6 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1 Piano d azione R EV. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

STATUTO. Coordinamento FREE

STATUTO. Coordinamento FREE STATUTO Coordinamento FREE Articolo 1 Denominazione e sede E' costituito Il Coordinamento delle FREE - Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica - è un Associazione che coordina Associazioni e Enti attivi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO STEFANO BARGIOTTI 1 Elementi specifici del progetto Sistema Integrato, Multiente, in tecnologia WEB per la gestione del protocollo informatico, gestione atti e flussi documentali Apertura

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici -APQ in Materia

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE Manuale d uso del processo e.toscana Compliance 2/60 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 Obiettivi del documento... 4 1.2 Abbreviazioni e sigle... 7 2 Il Numero

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde 1. Premesse 1.1 Per incarico della Regione Lombardia, Lombardia Informatica S.p.A. cura la realizzazione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e la sua

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 16959 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 DGR 1079/2008. Linee Guida per i siti web delle Aziende ed Istituti Pubblici del SSR e per l utilizzo della posta elettronica certificata.

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Il Servizio Servizi all infanzia del Comune di Firenze, si propone

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 13 del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non OGGETTO: Adozione del Manuale di conservazione della Comunità della Val

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTO NELLA GESTIONE DELL ENERGIA - ENERGY MANAGER Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice LEZIONE REDAZIONE E MODIFICA DI UNA PROCEDURA DI SISTEMA QUALITÀ DOTT. SANTE PIZZUTI Indice 1 INTRODUZIONE--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria informatica

Bachelor of Science in Ingegneria informatica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria informatica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze La formazione apre le

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani L innovazione tecnologica nel territorio toscano Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani Innovazione: : cogliere e indirizzare le nuove opportunità E-Business Politiche per le imprese E-Society Politiche

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un inca- rico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior

AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un inca- rico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior di Esperto in attività di ricerca e sviluppo nel settore dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Elenco revisioni. Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura. Linee guida per l erogazione Siti Web Istituzionali Rev.

Elenco revisioni. Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura. Linee guida per l erogazione Siti Web Istituzionali Rev. UAS Gestione portale Servizi ICT Pagina 1 di 7 Elenco revisioni Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura Indice Ambito di applicazione... 2 Definizioni... 2 Strumenti informatici...

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni COMUNE DI VILLA BARTOLOMEA (Provincia di Verona) Corso Fraccaroli 70, 37049 Villa Bartolomea VR Tel. 0442.659077 Fax 0442.659033 Progetto: Gestione Istanze (MyInstance) Piano di informatizzazione delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

AVVISO n.01/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior

AVVISO n.01/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior AVVISO n.01/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior di Esperto in gestione e valutazione di progetti ICT delle Amministrazioni

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Accreditamento al SID

Accreditamento al SID Accreditamento al SID v. 3 del 22 ottobre 2013 Guida rapida 1 Sommario Accreditamento al SID... 3 1. Accesso all applicazione... 4 2. Richieste di accreditamento al SID... 6 2.1. Inserimento nuove richieste...

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 0 12.07.2007 1ª Emissione Presidente Comitato di Certificazione Presidente

Dettagli

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale A. Pesaro 19 Giugno 2003 Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 17 luglio 2014 Allegato E PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PREMESSA II presente documento

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Direzione Generale Organizzazione e risorse Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo dell Amministrazione Elettronica MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Versione 1.0 28.9.2010 DOCUMENTO: Emissione

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA 1 INDICE ARCHITETTURA CONTENUTI ORGANIZZAZIONE SOGGETTI COINVOLTI RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI TECNOLOGICI 2 ARCHITETTURA

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 14 Dicembre 2011 IL RIUSO Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme

Dettagli