ECOSVILUPPO QUINDICI ANNI DI LAVORO E SOLIDARIETÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECOSVILUPPO QUINDICI ANNI DI LAVORO E SOLIDARIETÀ"

Transcript

1 Lavorare per il bene comune: promozione umana e qualità dell impresa cooperativa ECOSVILUPPO QUINDICI ANNI DI LAVORO E SOLIDARIETÀ

2 PRESENTAZIONE La cooperativa sociale Ecosviluppo si costituisce il 5 ottobre 1995 per iniziativa di alcune persone che, con l aiuto della cooperativa sociale Migrantes e dell associazione Mani Amiche, promuovono a Stezzano la realizzazione di questo progetto di impresa e di inserimento lavorativo. Dopo 15 anni la cooperativa sociale Ecosviluppo ha consolidato un esperienza tecnica e imprenditoriale che le consente di essere una realtà importante nel panorama della cooperazione sociale d inserimento lavorativo della provincia di Bergamo. Il breve ma intenso quaderno di esperienze che il Consiglio di Amministrazione della cooperativa sociale Ecosviluppo ha voluto realizzare, per celebrare questi primi 15 anni di attività, è anche un occasione per rileggere il percorso intrapreso e per mettere in evidenza come sia realizzabile il sogno di un economia sociale e di un successo d impresa, che riesce a valorizzare risorse umane che il mondo del lavoro ordinario spesso rifi uta o comunque non riesce ad impiegare. I servizi di igiene ambientale, come opportunità di qualifi cazione dell abitare il territorio e dei percorsi di inserimento e reinserimento al lavoro di persone svantaggiate, diventano così l ambito imprenditoriale in cui promuovere un esperienza di sussidiarietà attuata, perché ogni persona inserita al lavoro è una risorsa che produce reddito e valore sociale aggiunto. Questi non sono soltanto i temi chiave del fare cooperazione per Ecosviluppo, ma sono anche opportunità di crescita per la cooperativa in quanto impresa, per il territorio in cui essa opera, per le persone che con la cooperativa sono cresciute e hanno potuto trovare un occasione di riscatto. Un ideale d impresa che si alimenta di partecipazione diretta dei diversi portatori di interesse alle dinamiche dell economia, dell impresa, del lavoro e del mercato. Questa pubblicazione racconta e spiega una forma attuata di democrazia economica, ricercata attraverso l approccio che si esprime nello slogan adottato da Ecosviluppo per manifestare la propria visione imprenditoriale e sociale: Per un ecologia dello sviluppo umano. Alla fi ne di queste pagine abbiamo voluto aggiungere allo slogan anche la parola economia, per sottolineare che ricchezza e umanità devono trovare insieme le strade dell interesse comune e per assumere l impegno a proseguire il cammino intrapreso e mantenere al centro il tema del bene comune come motivazione per una crescita che sappia includere i lavoratori più deboli. La responsabilità sociale, nella nostra visione, non è solo un compito valido per l etica, ma è strumento di sostegno allo sviluppo; poiché attraverso queste azioni passa la strada della coesione sociale necessaria per la crescita economica. Per il Consiglio di Amministrazione Giuseppe Guerini

3 LE ORIGINI Il fenomeno della cooperazione sociale in Lombardia e nella provincia di Bergamo ha conosciuto nel periodo compreso tra la fi ne degli anni 80 e l inizio del 2000 un periodo di grandissima espansione e consolidamento, in parte favorito in parte istituzionalizzato dalla legge 381/91 che riconosce e formalizza la cooperativa sociale come impresa capace di coniugare l effi cacia e l effi cienza organizzativa di impronta aziendale con la solidarietà e il perseguimento di

4 STATUTO - Articolo 4 La cooperativa, in conto proprio o attraverso la collaborazione di altre cooperative e loro consorzi, intende realizzare i propri scopi sociali attraverso lo svolgimento di attività diverse fi nalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. La cooperativa si propone principalmente di creare condizioni ed occasioni di lavoro per persone con diffi coltà d inserimento nella vita sociale ed economica, mediante l esercizio di attività imprenditoriali, condotte nello spirito della mutualità, nonchè attraverso l accoglienza, il sostegno lavorativo e relazionale ed iniziative culturali e formative. Per il raggiungimento dello scopo sociale, la cooperativa potrà promuovere ogni iniziativa sia economica, sia sociale. In via esemplifi cativa: a) Istituire, gestire ed erogare servizi nell ambito della manutenzione ecologica ambientale: gestione di piattaforme ecologiche, raccolte differenziate dei rifi uti solidi urbani, riciclaggio di materie seconde, gestione di aree o impianti di compostaggio, smaltimento rifi uti solidi urbani non riciclabili, consulenza normativa, interventi di formazione sul territorio, e pulizia aree urbane. Lo svolgimento delle attività riservate agli iscritti in Albi professionali dovrà avvenire esclusivamente ad opera di professionisti in tal senso abilitati. b) Istituire e gestire laboratori per la produzione e la commercializzazione di manufatti in genere assumendo lavoratori in proprio o per conto terzi. c) Acquistare, prendere in locazione, comodato e in uso gratuito, fabbricati, macchinari, automezzi, materiale, apparecchiature e tutto quanto occorra alla cooperativa per l attuazione degli scopi sociali. d) Erogare servizi nelle forme e nei modi utili per il raggiungimento degli scopi sociali: manutenzione, pulizie e ristrutturazione di immobili per conto di privati e/o pubblici, confezionamento e assemblaggio di manufatti e cablaggi per conto di terzi. e) Fornire consulenza specifi ca e tirocini prelavorativi. f) Trasporto di cose in conto terzi; g) Disinfestazioni, disinfezioni e derattizzazioni; h) Commercio e intermediazione di rifi uti; i) Bonifi che e risanamenti ambientali; j) Spazzamento di rifi uti urbani; k) Espurgo di pozzi neri; l) Raccolta e trasporto di rifi uti solidi urbani e frazioni separate in modo differenziato, di rifi uti ingombranti, pericolosi, di rifi uti speciali assimilabili agli urbani; m) Stoccaggio, raccolta e trasporto per conto terzi di rifi uti speciali non tossico nocivi; n) Stoccaggio, raccolta e trasporto per conto terzi di rifi uti speciali tossico nocivi; o) Stoccaggio provvisorio di rifi uti solidi urbani in stazioni di trasferimento e di materiale proveniente da raccolta differenziata di rifi uti urbani e di urbani pericolosi in conto terzi, anche con gestione di isole ecologiche comunali e consortili; p) Commercio di materiali riciclabili, di imballaggi e delle merci indicate nelle mercuriali; q) Attività agricole e ortofl orovivaistiche di coltivazione e di commercializzazione dei prodotti e di accessori tecnicoprofessionali e hobbistici; r) Progettazione, realizzazione manutenzione di parchi, aree verdi e giardini; s) Custodia di parchi, giardini e orti botanici; t) Realizzazione e manutenzione di impianti elettrici, idraulici, attività di falegnameria, carpenteria, muratura, tinteggiatura, traslochi, sgomberi, manutenzioni varie; u) Recupero, distribuzione e vendita di generi per l alimentazione delle persone, degli animali e di utilizzo agricolo; v) Ritiro, distribuzione e vendita di generi vari tra cui l abbigliamento, mobili, oggetti da rigattiere, elettrodomestici, veicoli; w) Demolizioni, riparazione di autoveicoli, motoveicoli e biciclette, lucidatura e restauro di mobili per l arredamento; x) Pulizie ed attività accessorie, sia per enti pubblici che privati; z) Servizi cimiteriali in genere, ed in particolare servizi di custodia e attività di manutenzione; operazioni di inumazione, tumulazione, esumazione dalla terra comune, estumulazione dalla tomba o da loculo, traslazione di salme e resti; operazioni in camera mortuaria. A tali scopi, e solo in via esemplifi cativa, la cooperativa potrà : compiere tutte le operazioni mobiliari, immobiliari, fi nanziarie, commerciali che il Consiglio di Amministrazione riterrà utili e connesse agli scopi sociali; stipulare accordi e convenzioni con imprese, enti, istituti ed associazioni, prestare garanzie, fi deiussioni, mutua assistenza e credito; ricevere contributi, donazione e atti di liberalità. La cooperativa può svolgere la propria attività anche nei confronti di terzi non soci. La cooperativa inoltre, per stimolare e favorire lo spirito di previdenza e di risparmio dei soci, potrà istituire una sezione di attività, disciplinata da apposito regolamento, per la raccolta di prestiti limitata ai soli soci ed effettuata esclusivamente ai fi ni dell oggetto sociale. E pertanto tassativamente vietata la raccolta di risparmio tra il pubblico, sotto ogni forma. La cooperativa può inoltre costituire fondi per lo sviluppo tecnologico o per la ristrutturazione o per il potenziamento aziendale, nonché adottare procedure di programmazione pluriennali fi nalizzate allo sviluppo o all ammodernamento aziendale, ai sensi della legge n. 59 ed eventuali norme modifi cative ed integrative.

5 un bene comune rappresentato dall inserimento lavorativo di persone in condizioni di svantaggio. In questo contesto nasce la Cooperativa sociale Ecosviluppo, costituita a Stezzano, il 5 ottobre del 1995, grazie all incontro delle istanze di carattere solidaristico di un gruppo di volontari del territorio, prevalentemente provenienti dall Associazione Mani Amiche, con il movimento cooperativo della provincia di Bergamo che in quegli anni stava vivendo un periodo di particolare fermento animato in particolare da un gruppo di cooperative sociali aggregate nel consorzio Sol.Co Bergamo e in Federsolidarietà. Fra queste la Cooperativa Sociale Migrantes che contribuì con la partecipazione diretta alla fondazione della cooperativa Ecosviluppo. Mani Amiche è un associazione di volontariato da anni attiva nel territorio di Stezzano, per la promozione di progetti di solidarietà internazionale rivolti ai paesi del sud del mondo, con particolare attenzione all Africa, dove alcune persone del paese sono impegnate come volontari della cooperazione internazionale. Mani Amiche promuove interventi di sensibilizzazione sui temi dello sviluppo, del contrasto alla povertà e alla fame nel mondo e come molte realtà di questo tipo, si autofi nanzia svolgendo periodicamente la raccolta di carta, indumenti e metalli. Inoltre il recupero di oggetti usati consente di organizzare un mercatino dell usato che contribuisce a raccogliere risorse per sostenere i progetti. Seppure in forma molto elementare e con una forma organizzativa basata sul lavoro dei volontari Mani Amiche si trova a sperimentare una prima forma di raccolta differenziata e di riutilizzo di materiali di recupero che diventerà poi oggetto dell attività imprenditoriale della cooperativa Ecosviluppo. Gli anni 90 sono anche quelli dell esplosione del fenomeno migratorio, l Italia e in particolare le aree a vocazione produttiva manifatturiera come la nostra provincia, divengono aree ad alta densità di immigrazione. Il Paese è strutturalmente impreparato e il fenomeno assume aspetti complicati e di emergenza, gli enti pubblici organizzano le prime risposte di servizio e trovano nelle associazioni e nella cooperazione sociale un partner con cui avviare progetti e interventi. A Bergamo fra le prime realtà che provano ad organizzare servizi per persone migranti vi è la cooperativa sociale Migrantes che si occupava di servizi di primo ascolto e accoglienza presso dell Uffi cio Stranieri del Comune di Bergamo. Anche Stezzano è attraversata dai fenomeni migratori e la propensione alla solidarietà che Mani Amiche rivolgeva prevalentemente verso i paesi del sud del mondo, viene chiamata in gioco proprio nel suo territorio. Ci sono le prime famiglie che chiedono aiuto e al mercatino si possono acquistare oggetti a basso costo; ma si inizia a chiedere un aiuto per il lavoro, per la lingua, per le pratiche burocratiche. Nasce così l incontro, tra Mani Amiche e Migrantes, che è già una realtà organizzata in forma di impresa cooperativa in grado di valutare la fattibilità e la sostenibilità di un nuovo progetto d impresa sociale. Migrantes è una cooperativa sociale di servizi, realizza cioè interventi di tipo educativo e assistenziale che incontra quotidianamente persone che chiedono prima di tutto e sopra tutto lavoro. Il lavoro è la chiave d accesso all integrazione, è l occasione di riscatto e di promozione. Senza lavoro non si realizza ne solidarietà ne integrazione. Anche Mani Amiche riceve ogni giorno richieste di lavoro da parte di persone che hanno bisogno di aiuto. Appare subito evidente che non vi sarà mai assistenzialismo o solidarietà suffi ciente a dare opportunità reali senza costruire occasioni di lavoro.

6 Nasce così, da questo incontro e dalla sfi da del lavoro da creare, l idea di creare una nuova impresa che si preoccupasse di offrire un occasione di lavoro alle persone che chiedono aiuto. Il modello è quello della cooperativa sociale di inserimento lavorativo. Un lavoro però non si crea dal niente, occorre partire da qualche cosa da fare e che si sa fare. Qui l esperienza di Mani Amiche nella raccolta di materiali di recupero fa scattare il germe di un progetto d impresa. I rifi uti e il recupero di materiali di scarto, che nel frattempo stanno diventano a loro volta un fenomeno di grande espansione, cosi come la crescente sensibilità ai temi dell ecologia e dell ambiente, costituiscono il terreno su cui misurarsi con la sfi da del lavoro e dell impresa. La nuova cooperativa sociale avrebbe operato nel settore dell Ecologia, della raccolta differenziata e del riciclaggio dei rifi uti con un attenzione alla promozione umana, all integrazione sociale e allo sviluppo: Ecosviluppo appunto! Una buona intuizione imprenditoriale non sboccia se non trova condizioni favorevoli e spazio per svilupparsi. Negli anni 90 anche nella provincia, di Bergamo crescono le diffi coltà e le esigenze di trovare soluzioni alle crescenti complicazioni nelle procedure di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifi uti. In taluni casi le diffi coltà assumono la dimensione di un emergenza, che nel Comune di Stezzano si fece sentire nel corso del Questa congiuntura spinse gli amministratori pubblici del paese alla ricerca serie di misure di riorganizzazione dei servizi di igiene urbana a partire dalla differenziazione dei rifi uti. Arriva così la decisione di realizzare l isola ecologica e di affi darne la gestione alla neonata Cooperativa sociale, che proprio in quel periodo si affacciava sul mercato. Oltre alla gestione dell isola ecologica, l Amministrazione Comunale prese anche la decisione di affi dare alla Cooperativa sociale Ecosviluppo il servizio di raccolta differenziata a domicilio cosiddetto porta a porta. A questo primo incarico di natura pubblica, la cooperativa affi anca in breve tempo un offerta di servizi rivolti alla domanda privata di mercato, per realizzare attività di sgombero a domicilio, dimostrando subito una propensione imprenditoriale che ne caratterizzerà poi l evoluzione. Sulla scorta dell esperienza di Stezzano, anche altre Amministrazioni Locali, decisero di affi dare a Ecosviluppo i primi servizi ecologici legati alla differenziazione. Inizia intanto a crearsi un mercato dei servizi ecologici e ambientali con la strutturazione di regole e modelli gestionali che iniziano a diventare complessi. Se le prime attività avevano carattere sperimentale e anche di dimensioni contenute il fenomeno della raccolta e della differenziazione dei rifi uti assume in seguito una rilevanza crescente. Si avviano le prime esperienze complesse di esternalizzazione con affi damento mediante gare d appalto. Si aggiungono in questo modo altri servizi di raccolta per altri Comuni della provincia. L impresa è avviata, il lavoro cresce e a meno di due anni dalla costituzione Ecosviluppo realizza attività per un fatturato di circa trecento milioni di lire. Passione per il lavoro, desiderio di riuscire in un impresa ardita come quella di coniugare la solidarietà con l effi cacia organizzativa, tanti contributi dai volontari e dai primi lavoratori, disponibilità a rischiare soprattutto mettendo in gioco fi ducia e relazioni, sono stati gli ingredienti essenziali della partenza, che compensarono gli inevitabili defi cit organizzativi degli esordi, la scarsità di mezzi tecnici, le improvvisazioni sul lato tecnico e soprattutto gli affanni fi nanziari che un impresa che ha come principale capitale le persone incontra sul proprio cammino.

7 MISSION Ecosviluppo è un organizzazione cooperativa senza fi - nalità di lucro che persegue l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione dei cittadini mediante il recupero professionale di persone con diffi coltà d inserimento nella vita economica attiva. In conto proprio o in collaborazione con altri soggetti, persegue questo obiettivo attraverso lo svolgimento di molteplici attività nel campo della raccolta dei rifi uti, dell igiene urbana e della manutenzione del verde. Acquisendo lavoro in tali ambiti, crea occasioni di lavoro per persone con diffi coltà d inserimento nella vita sociale ed economica, operando nello spirito della mutualità, dell accoglienza e del sostegno relazionale. La cooperativa si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale ed in rapporto ad essi agisce quotidianamente. Tali principi sono la mutualità, la democraticità, l impegno, l equilibrio delle responsabilità, il rispetto dei ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le istituzioni pubbliche. Seguendo il 6 principio dell Alleanza Cooperativa Internazionale, cura gli interessi dei soci e della collettività, cooperando attivamente e interagendo in vari modi con le altre cooperative, a livello locale, nazionale ed internazionale. Nel perseguimento della sua missione si ispira in particolare ai seguenti valori: - l attenzione alla persona, intesa come essere in relazione, che deve stare al centro dell organizzazione cooperativa e costituire il fi ne ultimo del suo agire; - il lavoro, fondamento morale di un agire economico costruito sull onestà, sulla trasparenza, sulla responsabilità individuale e collettiva; - la democrazia, intesa come pratica sostanziale di pluralismo, diritto di espressione e libero confronto tra le diverse opinioni e i diversi punti di vista; - l imprenditorialità, che produce ricchezza e qualità dei processi e dei prodotti attraverso la valorizzazione delle competenze, delle specializzazioni professionali e dell effi cienza organizzativa; - la cittadinanza attiva, equa e solidale, come orizzonte etico assunto da cittadini responsabili attenti ai bisogni delle fasce più deboli e consapevoli dell importanza della sussidiarietà tra pubblica amministrazione e mondo dell associazionismo organizzato.

8 LA CRESCITA ECONOMICA La crescente domanda di servizi ecologici aveva posto i presupposti per un rapido e promettente avvio, tuttavia furono soprattutto le scelte imprenditoriali adottate in seguito a rendere possibile la sostenuta crescita imprenditoriale, di cui Ecosviluppo si è resa protagonista in questi anni di attività. Nella prima fase di sviluppo, tra il 1995 e il 2002, la Cooperativa riuscì nell impresa di dare continuità all impulso motivazionale volontaristico delle origini, conquistandosi spazio nel mercato dei rifi uti,

9 agendo anche in un quadro complessivo che comunque andava defi nendosi anche sul piano delle regole e dei requisiti che consentiva qualche fragilità nelle confi gurazioni organizzative. defi nendosi anche sul piano delle regole e dei requisiti che consentiva qualche fragilità nelle confi gurazioni organizzative. Ora, a partire soprattutto dalla metà degli anni duemila, nel settore dei servizi ambientali e di igiene urbana, è notevolmente aumentata la complessità e l attesa di qualità nell esecuzione dei servizi. La soglia dei requisiti tecnici ed economici per la gestione dei servizi e per il mantenimento delle autorizzazioni diventa sempre più elevata e impone necessariamente una svolta di professionalizzazione e di rigore organizzativo che è tutt ora in fase di implementazione nella cooperativa. Anche il contesto di mercato è ricco di concorrenti, in molti casi si tratta di grandi aziende, pubbliche o private, tecnicamente attrezzate, commercialmente molto orientate, ben strutturate sotto il profi lo manageriale e consolidate nella relazione con il territorio. Un settore cioè nel quale la sfi da si gioca sulle competenze e la capacità di reggere le regole della competizione e della concorrenza a cui, per Ecosviluppo, si aggiunge la principale fi nalità, è cioè il perseguimento dell obiettivo dell inserimento lavorativo di persone svantaggiate. LE PRESENZE TERRITORIALI PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI MILANO Albano Costa Serina Palosco Aicurzio Algua Dalmine Pedrengo Basiano Antegnate Dossena Ponteranica Brugherio Arzago d Adda Fornovo Pradalunga Bussero Azzano San Paolo Gorle Presezzo Caponago Bariano Grumello del Monte Romano Lombardo Carugate Bergamo Lallio San Paolo d Argon Cavenago Boltiere Levate Seriate Gessate Bracca Medolago Spirano Gorgonzola Brembate Morengo Stezzano Liscate Brembilla Mozzo Suisio Masate Calcio Nembro Trescore Melzo Capriate Oltre il Colle Treviglio Milano Caravaggio Orio al Serio Treviolo Pioltello Casirate Osio Sopra Urgnano Pozzo d Adda Cenate Sopra Osio Sotto Verdellino Rodano Comun Nuovo Pagazzano Verdello Roncello Cortenuova Paladina Zanica Trucazzano Vaprio d Adda Vignate Vimercate * in neretto le presenze attuali

10 Il ciclo di progressiva crescita imprenditoriale della cooperativa sociale ECOSVILUPPO si realizza sia nei comuni della provincia di Bergamo sia in un area della provincia di Milano. La dinamica di crescita imprenditoriale è evidenziata sia dai dati relativi alla crescita dei fatturati sia da quelli che riguardano il numero di lavoratori occupati, ma in particolare è importante evidenziare la quota di lavoratori svantaggiati che sempre è cresciuta in modo coerente alla crescita della dimensione produttiva. Questo conferma che la cooperativa sociale Ecosviluppo persegue senza cali di tensione l obiettivo della crescita imprenditoriale come strumento per creare opportunità di lavoro per persone svantaggiate. Si realizza così quella convergenza tra obiettivi di coesione, solidarietà sociale e attività d impresa capace di generare reddito e valore aggiunto anche in termini economici. Da notare che gli indicatori principali dei bilanci sono sempre in crescita (fatturato e stato patrimoniale) e che il valore degli investimenti realizzati dalla cooperativa (esemplifi cato dal grafi co sulla crescita del parco automezzi) è sempre in stato mantenuto alto, nei soli esercizi di bilancio degli anni 2008 e 2009 ci sono impegni per investimenti che superano i due milioni di euro. Queste scelte hanno portato Ecosviluppo ad essere un azienda solida e moderna, con attrezzature a automezzi sempre aggiornati e rinnovati, ma anche capace di investire per incrementare la coesione sociale e l integrazione dei propri lavoratori. FATTURATO - ATTIVO PATRIMONIALE - PATRIMONIO NETTO FATTURATO ATTIVO PATRIMONIALE PATRIMONIO NETTO Il raggiungimento di questi obiettivi imprenditoriali richiede un evoluzione costante delle professionalità sul piano tecnico, gestionale, organizzativo e amministrativo. Agli effetti del decollo imprenditoriale, possiamo dire che tre furono le scelte vincenti. La prima fu la scelta di stringere alleanze commerciali con una pluralità di attori pubblici e

11 I PARTNERS DI ECOSVILUPPO AZIENDE PUBBLICHE APRICA S.P.A. CEM AMBIENTE S.P.A. CEM SERVIZI S.R.L. ECOISOLA S.P.A. GE.S.I.DR.A S.P.A. ORIO SERVIZI S.R.L. PALOSCO SERVIZI S.R.L. S.A.B.B. S.P.A. S.A.T. S.R.L. SERVIZI COMUNALI S.P.A. AZIENDE PRIVATE ABB S.P.A. AIMERI AMBIENTE S.R.L. ALTACERRO S.R.L. BERGAMELLI S.R.L. COLOMBO BIAGIO S.R.L. COLOMBO SPURGHI S.N.C. CONSORZIO KARMA F.lli SALVETTI & C. S.R.L. GLOBAL SYSTEM INTERNATIONAL S.P.A. IMPRESA SANGALLI G & C. S.R.L. MONZANI AMBIENTE S.R.L. REA DALMINE S.P.A. ZANETTI ARTURO & C. S.R.L. ZUCCHETTI GIOVANNI & F. S.R.L. privati tra loro di diversa natura. Ciò risultò funzionale per accedere ad una maggior gamma di contratti e di rifl esso anche per la diversifi cazione delle committenze. Quindi non si trattò solo di appalti avuti dai Comuni tramite affi damenti o gare pubbliche, ma anche di commesse ottenute da aziende, singoli imprenditori, ma anche con le grandi aziende municipalizzate e sempre mantenendo un attenzione particolare al mondo della cooperazione e delle reti consortili che operano sia a livello locale che a livello nazionale e regionale: Ecosviluppo, infatti, è protagonista attivo nei consorzi Sol.Co Città Aperta di Bergamo, CS & L di Milano, CGM. Ecosviluppo è inoltre aderente e attivamente partecipe nell organizzazione di rappresentanza Confcooperative Federsolidarietà. La seconda scelta vincente per il decollo imprenditoriale di Ecosviluppo fu quella di impegnarsi in una serie di investimenti molto consistenti, soprattutto se rapportati ai volumi di SERVIZI EROGATI Raccolta rifi uti porta a porta Spazzamento stradale meccanizzato Pulizia manuale e igiene urbana Gestione aree ecologiche Trasporti rifi uti solidi urbani pesanti Trasporto rifi uti differenziati Trasporto e svuotamento cassoni Stoccaggio e differenziazione di materiali riciclabili Trasporto elettrodomestici e apparecchiature elettroniche

12 fatturato e al patrimonio dei primi anni, che furono impiegati principalmente per dotarsi dei mezzi di trasporto e dei mezzi tecnici per eseguire i servizi. Per avere un idea dell evoluzione quantitativa e qualitativa basta osservare che nel 1999 Ecosviluppo possedeva complessivamente 15 automezzi senza particolari dotazioni tecniche. Nel grafi co sottostante è possibile vedere l evoluzione del parco mezzi. PARCO MEZZI VASCHE COMPATTATORI SCARRABILI SPAZZATRICI AUTOVETTURE E ALTRI MEZZI Necessariamente per essere competitivi in questo settore, a fi anco della capacità organizzativa e della continua tensione agli investimenti per accrescere la dotazione di mezzi e attrezzature, è stata determinante la scelta di scelta di perseguire sistematicamente la qualifi cazione del personale e il conseguimento delle autorizzazioni tecniche necessarie al lavoro di mobilitazione e trattamento dei rifi uti in osservanza dei dettami di legge. Grazie alle autorizzazioni tecniche acquisite la cooperativa sociale Ecosviluppo è stata in grado di operare a norma di legge ampliando la gamma di attività che vanno dalla raccolta rifi uti allo spazzamento stradale meccanizzato, dalla pulizia manuale dei parchi alla gestione di piattaforme e isole ecologiche, dal trasporto di elettrodomestici e apparecchiature elettroniche allo svuotamento di cassoni e allo stoccaggio di materiali riciclabili. AUTORIZZAZIONI TECNICHE Cat 1 Cat 1 classe C Cat 2 classe D Cat 4 classe F Cat 5 classe F Cat 6 A gestione centri raccolta raccolta e trasporto rifi uti urbani assimilabili raccolta e trasporto rifi uti urbani non pericolosi raccolta e trasporto rifi uto da terzi raccolta e trasporto rifi uti pericolosi gestione isole ecologiche

13 IL RADICAMENTO TERRITORIALE Gli anni del decollo imprenditoriale coincidono anche con la crescita della presenza e del ruolo della cooperativa all interno delle reti della cooperazione sociale bergamasca. Gli anni della crescita si sono accompagnati con un progressivo radicamento territoriale ed una crescita delle relazioni sia con il mondo istituzionale, sia con le espressioni delle formazioni sociali del territorio, a partire da quelle che si occupano di persone svantaggiate e del loro reinserimento sociale.

14 Il radicamento territoriale ha bisogno di un luogo a cui sentirsi appartenere. Ecosviluppo per questo mantiene i legami col territorio ricercando un rapporto di collaborazione con le realtà rappresentative del paese di Stezzano, da cui proviene anche un gruppo signifi cativo di soci volontari che si è aggiunto al gruppo originario di Mani Amiche. L apporto di queste risorse è stato determinante non solo dal punto di vista delle relazioni col territorio ma grazie all attiva partecipazione di alcuni soci volontari al Consiglio di Amministrazione della cooperativa, si è potuto contare su risorse qualifi cate e competenti e su una forma di presidio della responsabilità sociale garantita proprio dalla presenza dei soci volontari. TIPOLOGIE SOCI SOCI LAVORATORI SOCI VOLONTARI SOCI COLLETTIVI ALTRI SOCI Ecosviluppo ha ricevuto molto dal territorio e dalle reti di collaborazione, ma in una coerente dinamica di tipo cooperativo la cooperativa sociale Ecosviluppo ha investito a sua volta nelle relazioni con il sistema territoriale, fi no a diventare una delle più signifi cative imprese che partecipano al Consorzio di cooperative sociali Solco Città Aperta trovandosi oggi in una posizione centrale nel settore delle politiche attive del lavoro del sistema cooperativistico bergamasco e lombardo, con importanti collaborazioni anche con le realtà delle istituzioni pubbliche e degli enti locali, dei servizi al lavoro pubblici e privati del territorio. In questo quadro vanno collocate pure le disponibilità che Ecosviluppo ha garantito in questi anni all assistenza tecnica di singole realtà cooperative, in particolare per le fasi di avvio o di riorganizzazione, tra queste in particolare si ricorda il percorso di collaborazione nato nell ambito dei progetti di reciprocità tra nord e sud del paese, promossi dalla rete CGM da Confcooperative-Federsolidarietà e dalla Conferenza Episcopale Italiana, che hanno visto Ecosviluppo realizzare un percorso di tutoraggio della Cooperativa La Svolta di Napoli. Tra le partnership più signifi cative, consolidate in questi anni, non si possono dimenticare le solide collaborazioni siglate con l Associazione Carcere e Territorio, per l inserimento lavorativo di persone detenute, i rapporti maturati con la Fondazione Opera Vismara Nuovo Albergo Popolare e la Comunità Ruah, a favore dell inclusione sociale di persone svantaggiate, oltre alle collaborazioni con enti e istituzioni per la realizzazione

15 ADESIONI A CONSORZI E COOPERATIVE Confcooperative Consorzio Gino Mattarelli Consorzio CGM Finance Confcooperfi di Consorzio Solco Città Aperta Consorzio Cascina Sofi a (CS&L) Consorzio Nazionale Servizi Consorzio Solco Cremona Cooperativa La Svolta Cooperativa L Impronta Cooperativa Pugno Aperto di attività di formazione e inserimento lavorativo. I risultati ottenuti sul piano imprenditoriale sono la condizione per perseguire gli obiettivi fondamentali della cooperativa Ecosviluppo, ovvero inserimento lavorativo e inclusione sociale: risultati che hanno probabilmente contribuito a dare credibilità ai progetti, I PARTNERS DI ECOSVILUPPO: ORGANIZZAZIONI NO-PROFIT Caritas Diocesana di Bergamo Associazione Carcere e Territorio di Bergamo Sportello Agora di Stezzano UILDM di Bergamo Nuovo Albergo Popolare Bonomelli di Bergamo Sportello Mestieri di Grassobbio Associazione Casa Amica di Bergamo Comunità Ruah di Bergamo Ruah Impresa Sociale Associazione Mosaico di Bergamo Commissione Sociale Carcere di Bollate Fondazione Cariplo Fondazione della Comunità Bergamasca Oltre Venture Capital Sociale PerMicro Cooperativa BIPLANO Cooperativa DELLA COMUNITÀ COOPERATIVA CAUTO COOPERATIVA SPAZIO APERTO CONSORZIO VESTI SOLIDALE

16 grazie ai quale è stato possibile ottenere fi nanziamenti dalla Fondazione Cariplo che ci stanno consentendo da un lato di potenziare l attività imprenditoriale con l impianto di un nuovo capannone per la gestione delle attività e dei mezzi; dall altro per incrementare la capacità di inclusione sociale con l acquisizione di un alloggio messo poi a disposizione dell associazione Carcere & Territorio. Oggi possiamo defi nire Ecosviluppo come una delle cooperative sociali di tipo B più strutturate e con il maggior numero di occupati della Lombardia. I PARTNERS DI ECOSVILUPPO: SERVIZI SOCIALI Servizio inserimento lavorativo (SIL) di Bergamo Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Treviglio Servizio di inserimento lavorativo (EIL) di Dalmine Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Gazzaniga Servizio di inserimento lavorativo (SIL) di Grumello del Monte Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Martinengo Servizio di Inserimento lavorativo (SIL) di Seriate Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Ponte San Pietro Servizio Integrato per il Lavoro (SIL) dell Isola Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Monza Casa Circondariale di Bergamo Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Melegnano Casa Circondariale di Monza Uffi cio per il collocamento mirato Provincia di Bergamo Casa di Reclusione di Milano-Opera Agenzia formazione orientamento lavoro (AFOL) Milano Est Casa di Reclusione di Milano-Bollate Servizio famiglia e persone fragili, ASL di Milano 2 Unità esecuzioni penali esterne (UEPE) di Brescia CPS, ASL di Milano 2 Unità esecuzioni penali esterne (UEPE) di Milano Uffi cio per il collocamento mirato Provincia di Milano Unità esecuzioni penali esterne (UEPE) di Bergamo Agenzia per l integrazione di Bergamo Servizio tossicodipendenze (SERT) ASL di Bergamo EVOLUZIONE INSERIMENTI LAVORATIVI NUMERO SVANTAGGIATI INSERITI

17 LO SVILUPPO DEL SETTORE SOCIALE Ecosviluppo nasce e cresce con l obiettivo principale di realizzare occasioni per integrare al lavoro persone svantaggiate nell accesso all impiego a causa di disabilità psichiche e fisiche, di problemi di dipendenza, di misure di restrizione della libertà (detenuti ed ex detenuti, affi dati dall autorità giudiziaria ai servizi sociali, persone sottoposte a provvedimenti di detenzione alternativa). Per realizzare effi cacemente l inserimento di questi lavoratori nell organico di una

18 TIPOLOGIE LAVORATORI SVANTAGGIATI ACCOLTI PENDENZE PENALI 21 INVALIDITÀ CIVILE 155 DISAGIO PSICHICO TOSSICODIPENDENZA ALCOLDIPENDENZA TOTALE 274 cooperativa sociale non si è suffi ciente un opera di selezione e avviamento della persona ad un comparto produttivo; ma è necessario realizzare una strategia complessiva di coinvolgimento della persona che spesso al bisogno di lavoro unisce altre esigenze, non sempre riconosciute, per le quali serve un progetto personalizzato con l individualizzazione dei programmi di lavoro e di integrazione sociale. L attività di inserimento lavorativo comporta un complesso di attenzioni ad aspetti sociali, psicologici e comportamentali delle persone che vanno oltre l adempimento delle mansioni tecniche sul posto di lavoro. Esse richiedono interventi di accompagnamento e cura delle relazioni con gli altri colleghi che realizzano la parte più delicata dell inserimento lavorativo - cioè il compagno di turno, il capo squadra, il responsabile operativo e tecnico. Frequentemente chi è escluso per lungo tempo dal lavoro deve affrontare diffi coltà psicologiche e relazionali complesse e ha bisogno di essere accompagnato all acquisizione di autonomia e responsabilità che vanno dalla gestione delle semplici regole di economia della vita quotidiana alla regolazione di una stabilità abitativa, dalla conquista di una nuova identità sociale al recupero di autostima. In molti casi serve lavorare molto introno al rispetto delle regole di civile convivenza e di uno stile di vita socialmente accettabile, allo sviluppo di relazioni costruttive in famiglia e nella comunità. L esigenza di dare adeguata strutturazione a queste esigenze legate ai percorsi di inserimento lavorativo è stata gestita dalla Cooperativa sociale Ecosviluppo in una prima fase attraverso l apporto di professionisti esterni che prestavano attività di consulenza. Da qualche anno si è istituito un unità operativa interna, denominata Area Sociale, dedicata alla gestione degli aspetti progettuali, sociali ed educativi del processo d inserimento lavorativo. Attualmente l Area Sociale di Ecosviluppo, è composta da uno psico-pedagogista e da un educatore, incaricati di predisporre e condurre i progetti personalizzati per l accompagnamento dei lavoratori in situazione si svantaggio; seguire i progetti di formazione e di tirocinio formativo e mantenere i rapporti con gli enti invianti e con le realtà del territorio. Sempre più frequentemente, in particolare negli ultimi anni caratterizzati dall esplosione

19 della crisi economica e fi nanziaria, la cooperativa Ecosviluppo è investita da richieste di assunzione di lavoratori colpiti dalla crisi, indirizzati in molti casi proprio dai servizi sociali dei comuni. Questo evidenzia come una realtà cooperativa dinamica e solida sul piano imprenditoriale, possa diventare una leva di solidarietà che va oltre l inserimento lavorativo di persone svantaggiate, diventando una risorsa occupazionale per un territorio. In questi anni Ecosviluppo quindi ha esercitato la propria funzione sociale anche come offrendo occupazione ad un crescente numero di persone che, a causa della crisi, diffi cilmente troverebbero impiego nel mercato del lavoro manifatturiero. PERCENTUALI LAVORATORI ORDINARI E SVANTAGGIATI TOTALE OCCUPATI 92 TOTALE OCCUPATI 103 TOTALE OCCUPATI 123 LAVORATORI ORDINARI SVANTAGGIATI (legge381) DISOCCUPATI DI LUNGO PERIODO Per un ecologia dello sviluppo umano: con questo motto, ispirato dal testo dello psicologo americano Urie Bronferbrenner la Cooperativa Sociale Ecosviluppo ha lanciato la propria sfi da imprenditoriale per i prossimi anni. Una sfi da che affonda le radici in questi prime brevi e intensi 15 anni di attività nel corso dei quali si sono consolidati rapporti di collaborazione con gli enti ed i servizi sociali che hanno in carico cittadini per i quali è necessario un percorso di accompagnamento e attenzione specifi ca per l inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro: le Unità Esecuzioni Penali Esterne del Ministero di Grazia e Giustizia (UEPE), gli Istituti Penitenziari, i Servizi d Inserimento Lavorativo (SIL), i Dipartimenti per il trattamento delle Dipendenze delle ASL, i SERT, i CPS ed i Dipartimenti di Salute Mentale delle Aziende Ospedaliere (Riuniti di Bergamo, Treviglio, Bolognini di Seriate), gli Uffi ci per il collocamento Mirato della Provincia. Il rilancio delle attività sociali all interno di Ecosviluppo si sta promuovendo anche mediante l attivazione di un organismo dedicato alla promozione e alo sviluppo di relazioni con il territorio e con i diversi portatori di interesse che devono interagire con la cooperativa affi nché questa possa realizzare la missione di perseguire l interesse comune della comunità locale in cui opera. La Commissione Sociale, nata come occasione di partecipazione dei soci volontari legati

20 LAVORATORI PER CLASSI DI ETÀ 2009 ETÀ > alla Cooperativa, viene oggi reinvestita di una responsabilità più ampia: quella di esser il luogo dell ascolto e del coinvolgimento dei diversi portatori di interesse che compongono la comunità di riferimento di Ecosviluppo. La Commissione opera su mandato del Consigli di Amministrazione per promuovere l informazione e la partecipazione attiva di soci e dei lavoratori, accrescere la consapevolezza della responsabilità sociale organiz- ENTI INVIANTI LAVORATORI SVANTAGGIATI PER INSERIMENTO LAVORATIVO TOTALE 19 TOTALE 25 TOTALE 22 8 UEPE CARCERE TRIBUNALE SERT CPS COLLOCAMENTO MIRATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli