Rimesse degli emigrati e sviluppo economico Rassegna della letteratura e indicazioni per la ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rimesse degli emigrati e sviluppo economico Rassegna della letteratura e indicazioni per la ricerca"

Transcript

1 Alberto Mazzali Andrea Stocchiero Marco Zupi Centro Studi di Politica Internazionale CeSPI Rimesse degli emigrati e sviluppo economico Rassegna della letteratura e indicazioni per la ricerca 1. Le rimesse dei lavoratori emigrati come risorsa finanziaria per lo sviluppo economico L ammontare delle rimesse rilevate statisticamente L andamento dei flussi aggregati di capitale estero verso i Pvs e le rimesse L interpretazione implicitamente psicologica dei flussi finanziari e la sottostima delle rimesse nel quadro delle rilevazioni statistiche L importanza dei flussi di capitale estero per lo sviluppo dei Pvs Le determinanti dei flussi di rimesse I fattori che influenzano i flussi di rimesse Le determinanti a livello microeconomico Le determinanti a livello macroeconomico I canali per il trasferimento di rimesse I fattori che influenzano la scelta dei canali per il trasferimento dei fondi I canali formali I canali semiformali e informali L impatto delle rimesse sullo sviluppo locale Le rimesse e i contesti economici dei paesi di origine Uso e impatto sullo sviluppo locale Emigrati agenti di sviluppo locale Condizioni, istituzioni e politiche per valorizzare le rimesse 56

2 5. Valorizzazione delle rimesse per lo sviluppo locale. Esperienze e agenda di lavoro Incentivi all uso dei canali formali di intermediazione finanziaria Le misure I risultati Condizioni economiche per un impatto positivo sullo sviluppo Le esperienze di coinvolgimento del settore non profit Le istituzioni di microfinanza Le reti di Credit Union Le associazioni di emigrati e la cooperazione internazionale allo sviluppo Un agenda per la ricerca in Italia 74 Note 79 Bibliografia 85 La ricerca è stata realizzata nel quadro del Programma Financing for Development e del Programma MigraCtion, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, Ministero Affari Esteri e Monte dei Paschi di Siena. Si ringrazia il Comune di Torino per il sostegno alla pubblicazione e alla presentazione della ricerca nel seminario Migrazioni e Cooperazione allo Sviluppo, tenutosi l 8 Luglio 2002.

3 Alessandro Rotta CeSPI Le rimesse dei lavoratori emigrati come risorsa finanziaria per lo sviluppo economico 1.1 L ammontare delle rimesse rilevate statisticamente Una tipologia di flussi finanziari che solitamente non viene indicata nei documenti sui flussi finanziari internazionali che legano paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo, e che invece costituisce il nostro specifico interesse, è rappresentata dalle rimesse dei lavoratori emigrati. Una voce trascurata oltre che notevolmente sottostimata, come vedremo, che costituisce uno dei flussi più significativi, in termini sia di quantità di risorse sia di continuità nel tempo. È curioso che una voce così importante in termini quantitativi, come le rimesse superiore ad esempio al flusso globale di Aiuti pubblici allo sviluppo cui bisognerebbe peraltro aggiungere, in termini di stima, il flusso finanziario che transita per canali informali, sia solitamente ritenuto un fattore residuale trascurabile e indipendente dalla dinamica degli altri flussi finanziari. Le rimesse dei lavoratori emigrati tendenzialmente cresceranno con gli anni, dal momento che le migrazioni internazionali continueranno ad aumentare. Negli ultimi 35 anni, a livello mondiale il numero dei migranti internazionali è raddoppiato 1. L Europa è la regione con il maggior numero di immigrati e il più alto tasso di crescita (dal 3,3% annuo, nel 1965, ad oltre il 5% nel 1990), mentre il Nord America, l Australia e la Nuova Zelanda sono le aree con la più alta percentuale di residenti nati all estero 2. Il dato statistico sulle rimesse, a monte, sconta però una difficoltà di definizione dello stesso fenomeno di migrazione internazionale. I tipi di mobilità delle persone sono molteplici, prima ancora che di difficile rilevazione. Attraversare il con- 3

4 Figura 1. Flussi di rimesse verso i paesi industrializzati, (milioni di dollari) Belgio Francia Grecia Italia Portogallo Spagna Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

5 Rimesse degli emigrati fine, cambiare il luogo di residenza e mantenere una nazionalità straniera nel paese ospitante, cioè i tre criteri caratterizzanti l emigrazione internazionale, non sono necessariamente collegati: esiste il frequente fenomeno dell emigrazione temporanea (senza cambiamento di residenza), esistono ancora forme di nomadismo come anche di trasferimenti transfrontalieri all interno di medesime aree di appartenenza etnica o nazionale, la problematica dei rifugiati e dei richiedenti asilo ha una sua chiara specificità, il fenomeno degli irregolari e dei clandestini ha una forte diffusione, esistono molti casi di figli di immigrati che mantengono la nazionalità dei genitori, pur essendo nati ed avendo vissuto la propria vita nel paese ospitante, sono esistiti casi di rimpatrio forzato da ex colonie. Le discrepanze statistiche tra paesi di origine e di destinazione sulle rilevazioni di stock e flussi di migrazioni sono molto significative, a cominciare dal problema dello sfasamento e della diversa periodicità dei censimenti della popolazione; del resto gli stessi criteri legali adottati per la definizione di immigrato non sono uniformi 3. Oggi 100 milioni di persone vivono fuori dal proprio paese di nascita, con lo status di emigrati o rifugiati. Cioè, una persona ogni sessanta sul pianeta. Di questi, quasi 80 milioni sono i lavoratori emigrati internazionalmente e le loro famiglie, i restanti milioni sono rifugiati. In Europa, meno del 5% delle persone sono cittadini stranieri e il caso italiano dimostra come molti vadano a colmare, in modo complementare, il vuoto dei lavori definiti, nella terminologia inglese, 3D (dirty, dangerous, and difficult: sporchi, pericolosi e difficili). Attraverso questi impieghi, la popolazione emigrata all estero attiva un circuito finanziario di valore assoluto. Un circuito non destinato a diminuire. L invecchiamento della popolazione dei paesi industrializzati comporta un effetto di attrazione di popolazioni giovani di immigrati: complessivamente, l Europa del 2010 avrà più pensionati che lavoratori; il Canada, per mantenere un rapporto di dipendenza minimo, ovvero tre lavoratori per ogni non lavoratore, dovrebbe aumentare del 50% i flussi annuali di immigrati. Per altro verso, lo sviluppo locale si dimostra il principale antidoto efficace all emigrazione: senza andare lontani nel tempo all esperienza italiana 4, la Corea del Sud era fino all inizio degli anni 80 terra d emigrazione (nel 1982 sono emigrati coreani), per poi avere un saldo quasi in equilibrio alla fine degli anni 80 (nel 1988 l emigrazione netta era di persone) e diventare terra d immigrazione dalla metà degli anni 90. Sul piano finanziario, il circuito delle rimesse dei lavoratori emigrati è particolarmente prezioso. Spesso, nel caso di molti paesi in via di sviluppo, si tratta di flussi che annualmente superano in valore assoluto quelli degli investimenti diretti esteri e degli aiuti. 5

6 Tabella 1. Maggiori paesi per flussi di rimesse in entrata 1999 Somma periodo Dollari Paese Dollari Paese India India Messico Portogallo Turchia Egitto Egitto Turchia Portogallo Messico Spagna Pakistan Marocco Spagna Bangladesh Grecia Giordania Marocco Rep. Dominicana Italia El Salvador Giordania Nigeria Libano Yemen Bangladesh Brasile Francia Indonesia Brasile Ecuador Algeria Pakistan Belgio Sri Lanka Yemen Algeria Rep. Dominicana Colombia Tunisia Tunisia El Salvador Francia Sri Lanka Perù Cina Polonia Colombia Giamaica Nigeria Guatemala Filippine Croazia Indonesia Cina Austria Albania Giamaica Italia Corea Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

7 Rimesse degli emigrati Un primo dato di particolare rilievo è l importanza che i flussi di rimesse hanno rivestito per gli stessi paesi industrializzati, a cominciare dall Italia 5. L Italia riceveva, nel 1970, 0,5 miliardi di dollari, che divennero 1,6 miliardi (nel 1980), per poi diminuire, scendendo a 1,35 miliardi (nel 1985), 1,26 miliardi (nel 1990) e poi rapidamente ridursi a 346 milioni (più o meno stabilmente dal 1995). Il paese che, a livello mondiale, dopo l India ha ricevuto complessivamente più rimesse attraverso i canali formali rilevati statisticamente nella bilancia dei pagamenti è il Portogallo. Nel 1975, il Portogallo ricevette rimesse pari a 1,1 miliardi di dollari, diventati quasi 3 miliardi (nel 1980), saliti ad oltre 4 miliardi (1990), fino al tetto di 4,6 miliardi (1992), per poi scendere a 3,8 miliardi (1995) e attestarsi intorno ai 3,35 miliardi negli ultimi anni. Altri paesi europei di più recente industrializzazione Spagna e Grecia si distinguono per il consistente afflusso di rimesse: rispettivamente, quasi 3,5 e 3 miliardi di dollari annualmente, negli ultimissimi anni. Venendo al caso dei paesi in via di sviluppo, riportati nella tabella 1, è evidente come il fenomeno delle rimesse interessi molti paesi asiatici (India, Pakistan e Bangladesh anzitutto), mediterranei (Egitto, Marocco, Giordania, Libano, Algeria e Tunisia), latinoamericani (Messico, Repubblica Dominicana, Brasile, Ecuador, Colombia, Giamaica) e molto meno paesi dell Africa sub-sahariana. Ultimamente, anche l area balcanica, come naturale, è molto più interessata dal flusso in entrata di rimesse (Croazia e Albania). Un paese che, invece, si colloca in una posizione di scarso rilievo, tenuto conto soprattutto della numerosità della popolazione, compresa quella emigrata, è la Cina. Le migrazioni cinesi costituiscono uno dei più importanti flussi migratori nel panorama internazionale non solo per la consistenza numerica delle popolazioni coinvolte, ma anche per l ampio spettro dei paesi di destinazione. I cinesi d oltremare hanno raggiunto un alto livello di inserimento economico nelle società di accoglienza 6, con conseguenze dirette sui flussi di rimesse (il risparmio è reinvestito, ad esempio in immobili, oppure per pagare il viaggio dalla madrepatria a lavoratori che si inseriranno nelle aziende cinesi). Proprio il caso cinese evidenzia come la rilevazione statistica affidata al circuito bancario risenta delle specificità culturali e storiche di ogni comunità nazionale: gli emigrati europei sono quelli più usi al ricorso al circuito bancario, mentre probabilmente i flussi di rimesse delle altre nazioni sono maggiormente sottostimati, a causa del maggiore ricorso a canali alternativi e informali per effettuare le rimesse. In ogni caso, è sufficiente notare che India e Messico hanno ricevuto, nel 1999, flussi di rimesse pari a un terzo del totale del flusso mondiale di aiuti pubblici allo sviluppo per capire l importanza di queste risorse. 7

8 8 Guardando sommariamente ai flussi di rimesse dall Italia verso i paesi in via di sviluppo e transitati per il solo canale rilevato statisticamente dalle fonti ufficiali, il primo dato rilevante è la relativa novità del fenomeno: nel 1991, le rimesse degli immigrati in Italia erano pari a 110 miliardi di lire, a fronte di un flusso in entrata di oltre miliardi di lire di rimesse di italiani all estero. Nel 1998, si registra il saldo negativo per l Italia della voce rimesse : a fronte di 535 miliardi di lire in entrata, si registrano oltre 760 miliardi di lire inviati all estero. Nel 2000, a 1.138,76 miliardi di lire di rimesse d immigrati in Italia hanno corrisposto 753 miliardi di rimesse di italiani all estero. Nella ripartizione per aree delle rimesse inviate dall Italia, il Nord Italia è l area di maggior importanza per il flusso di rimesse verso l estero (47% del totale italiano Tabella 2. Rimesse pro capite per principali province di invi (milioni di lire) Provincia Totale periodo (media annua) Roma ( ) Milano (78.429) Firenze (61.111) Lecce (13.427) Treviso (11.429) Varese (10.292) Bologna (9.481) Brescia (9.117) Torino (9.057) Napoli (8.300) Genova (7.894) Vicenza (7.638) Prato (6.799) Trento (6.619) Modena (6.614) Catania (6.505) Palermo (5.781) Bari (5.678) Fonte: Uic e Caritas, 2002 Laboratorio Cespi

9 Rimesse degli emigrati nel 2000): in particolare si distinguono la Lombardia (330,3 miliardi di lire, pari al 29% del totale italiano) e, al suo interno, la provincia di Milano (251,1 miliardi di lire inviati, pari al 22% del totale italiano). Come regione, la Lombardia è però seconda al Lazio (341,7 miliardi di lire inviati, pari al 30% del totale italiano), così come la provincia di Milano segue quella di Roma (335,5 miliardi di lire inviati, pari al 29,46% del totale italiano. Le province di Milano e Roma, quindi, spiegano da sole il 49,46% del totale delle rimesse dall Italia). Il 56,4% delle rimesse dalla provincia di Roma e il 63,2% di quelle dalla provincia di Milano provengono da immigrati filippini. Molte altre comunità nazionali spiegano la restante quota di rimesse nel caso romano, mentre in quello di Milano è la comunità cinese che spiega gran parte della restante quota (22,9% del totale provinciale). Peraltro, la provincia di Roma guida la graduatoria nazionale per entità delle rimesse da parte di ciascun immigrato: circa 1,145 milioni di lire annui, contro la media nazionale di lire. Sul piano dei continenti e paesi di destinazione, nel corso degli ultimissimi anni i paesi in via di sviluppo sono diventati destinatari di circa il 50% delle rimesse (la quota era dell 11,5% nel 1990), riducendosi il peso di Europa e Nord America. L Asia diventa, nel 1999, il primo continente, davanti all Europa (rispettivamente, il 39,8% e il 35,6% del totale delle rimesse; diventati il 43,9% e il 32,8% nel 2000). In termini di paesi, sempre nel 2000, le Filippine sono il principale beneficiario (387 miliardi di lire nel 2000), seguiti da alcuni paesi industrializzati (Stati Uniti, Inghilterra e Germania), da Cina (96,3 miliardi di lire), Francia e Marocco (38,9 miliardi di lire). Altri paesi in via di sviluppo sono stati il Senegal (15 miliardi di lire), la Romania (8 miliardi di lire), la Polonia (2 miliardi di lire), Albania e Tunisia (1 miliardo di lire). In termini di invii pro capite, le rimesse verso l India, l Est europeo e l Africa sono le più basse (rispettivamente, , e lire, nel 2000). Non sono, purtroppo, disponibili al pubblico, presso l Ufficio italiano cambi (Uic), dati che incrocino le province di origine dei flussi di rimesse con i paesi di destinazione; un elemento prezioso per l analisi del comportamento delle comunità immigrate presenti in Italia, in termini di fiducia nei confronti del canale bancario. 1.2 L andamento dei flussi aggregati di capitale estero verso i Pvs e le rimesse Il profilo aggregato dei flussi di risorse nette verso i Pvs offre alcune conferme e indicazioni generali. Con la crisi del 1982, si chiude la stagione dell indebitamento 9

10 Figura 2. Flussi aggregati netti verso i Pvs, (milioni di dollari) Rimesse estere Investimenti di portafoglio Crediti privati: obbligazioni Ide Crediti privati: banche commerciali Crediti Fmi Crediti pubblici Doni Fonte: World Bank, 2001 e 2002

11 Rimesse degli emigrati dei Pvs verso le banche commerciali, mentre parallelamente crescono i flussi di capitale privato investito (quadruplicano in pochi anni gli investimenti diretti esteri Ide). Negli anni 90, la situazione per i Pvs è profondamente cambiata: il dato aggregato indica un aumento delle risorse nette, e i flussi privati superano abbondantemente e permanentemente i flussi pubblici. Nel 1997, gli Ide superano i 170 miliardi di dollari e nel 1999 i 180 miliardi, una soglia mai raggiunta da nessun altro tipo di flussi finanziari. Emergono inoltre, sempre negli anni 90, canali aggiuntivi di finanziamento, come gli investimenti di portafoglio, completamente assenti fino ai primi anni 80. Gli investimenti di portafoglio superano il miliardo annuo e arrivano ben presto ad essere equivalenti al flusso annuo di Aps mondiale (doni e crediti d aiuto, pari a circa 50 miliardi di dollari annui). Il rallentamento dell economia mondiale è stato molto pronunciato nel corso degli ultimi anni: il tasso di crescita del Pil mondiale non aveva registrato livelli così bassi dal 1974, a seguito del primo shock petrolifero. Molti Pvs continuano ad avere scarso accesso ai mercati dei capitali, risentono della contrazione del credito internazionale e dell incertezza e maggiore avversione al rischio da parte degli investitori. Nel 2000, i flussi finanziari, soprattutto depurati dalla componente a breve periodo dell Fmi, pur in ripresa, continuano a rimanere ben al di sotto del picco raggiunto nel 1997, prima della crisi dell Asia orientale. I flussi finanziari netti di lungo periodo avevano raggiunto in quell anno 342,6 miliardi di dollari, per poi scendere a 334,9 (1998), 264,5 (1999) e 295,8 (2000). L accresciuta turbolenza dei mercati finanziari e le frequenti crisi finanziarie degli ultimi anni che hanno investito i Pvs sono altamente correlate al nuovo profilo privatistico dei flussi finanziari verso i Pvs. I flussi pubblici, rappresentati da doni e crediti pubblici, sono sostanzialmente stagnanti in termini correnti. Al contrario, aumenta nel tempo il peso dei crediti di breve periodo delle istituzioni finanziarie internazionali (Fmi), che, per la loro natura di strumenti di correzione degli squilibri temporanei della bilancia dei pagamenti, non si configurano come strumenti finanziari orientati allo sviluppo e che quindi, differentemente da quanto solitamente avviene, preferiamo distinguere dalle altre forme di indebitamento (crediti pubblici e privati). Oltre al valore assoluto delle rimesse, un dato di particolare interesse è peraltro costituito dal peso relativo rispetto agli altri aggregati finanziari internazionali, a cominciare dagli aiuti e dagli investimenti diretti esteri, come pure rispetto al 11

12 Figura 3. Rapporto percentuale rimesse/ide, America Latina e Caraibi Asia orientale e pacifico Africa sub-sahariana Europa e Asia centrale Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

13 Rimesse degli emigrati risparmio nazionale. Si tratta degli indicatori che meglio identificano il peso reale dei flussi di rimesse (transitati per il canale bancario) nella realtà economica dei paesi. Guardando a macroaggregati regionali, un primo elemento interessante è il caso dell Africa sub-sahariana. A dispetto del valore contenuto, in termini assoluti, del flusso di rimesse, è però vero che tale flusso è molto importante, tenuto conto del limitato ammontare di investimenti diretti esteri. Calcolando il rapporto percentuale tra afflussi di rimesse e afflussi di Ide, l Africa sub-sahariana è passata dal 60% (1980) al 93,4% (1988), per poi scendere in concomitanza con l incremento dei flussi di Ide ed attestarsi, in tutta la seconda metà degli anni 90, tra il 30 ed il 40%. Anche una regione particolarmente interessata dai flussi di Ide, come l America latina, risulta fortemente legata, in termini di afflussi finanziari esteri, alle rimesse, pari prima al 19,4% degli Ide (1980), poi al 58,5% (1990), infine al 20,2% (2000). L Est Europa e l Asia centrale hanno registrato, in termini di contabilità, un significativo incremento delle entrate valutarie tramite rimesse a partire dai primi anni 90, nella fase di consolidamento del processo di transizione dell economia verso forme di mercato. Il dato relativo alla regione Medio Oriente e Nord Africa non è riportato nella figura 2 non perché si tratti di una regione poco interessata dal fenomeno, ma perché all opposto il peso delle rimesse è estremamente alto, al punto da essere fuori scala rispetto alle altre regioni (nel grafico, la scala ha un valore massimo pari a 150%), non scendendo mai al di sotto della soglia del 300%. Anche in valore assoluto, l ammontare delle rimesse in tale regione è stato il più alto sino ai primi anni 90: 5,12 miliardi di dollari nel 1980, 10,5 miliardi nel 1990, 12,5 miliardi nel Dal 1996, l Asia meridionale ha superato la regione del Medio Oriente e Nord Africa in termini aggregati, raggiungendo nel 2000 i 18,4 miliardi di dollari. Misurando il dato delle rimesse, aggregato regionalmente, in proporzione alla ricchezza prodotta annualmente nel paese (Pnl in dollari correnti), l Asia meridionale e il Medio Oriente e Nord Africa si confermano come le due macroregioni con il peso relativo delle rimesse più alto (2-3%). Diversamente l Africa sub-sahariana, a conferma di una marginalizzazione crescente dai flussi finanziari internazionali in particolare da quelli rilevati dalle statistiche ufficiali registra un livello estremamente basso (compreso tra 0,3 e 0,6%), 13

14 Figura 4. Rapporto percentuale rimesse/pnl, ,5 3,0 2,5 America Latina e Caraibi Medio Oriente e Nord Africa Asia meridionale Africa sub-sahariana Europa e Asia centrale 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0-0, Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

15 Rimesse degli emigrati al punto che, nel 2000, è la regione con il più basso rapporto percentuale rimesse/pnl. Quest ultimo dato è confermato dai dati relativi al rapporto rimesse/aiuti a dono (esclusa l assistenza tecnica). In questo caso, infatti, all opposto delle altre macroregioni, l Africa sub-sahariana risulta ricevere stabilmente flussi di aiuto pubblico allo sviluppo in forma di dono superiori a quelli delle rimesse (quindi, il rapporto è sempre inferiore al 100%, ed è compreso tra il 6 e il 27%). Ben diverso è il caso delle altre regioni: nel 2000, l America latina riceve flussi di rimesse pari a cinque volte il flusso di aiuti a dono, oltre sette volte nel caso dell Asia meridionale, quasi quattro volte nel caso del Medio Oriente e Nord Africa. Misurando le rimesse dei lavoratori in termini di proventi da esportazione, paesi come Capo Verde e Repubblica Dominicana dimostrano la forte dipendenza dalle rimesse (il rapporto è, rispettivamente, di 16 a 1 e di oltre 1 a 1). Ma anche paesi di maggiore estensione e popolazione hanno valori significativi: Egitto, El Salvador e Giordania (un rapporto superiore al 75%), Grecia e Yemen (oltre il 50%), Bangladesh, Filippine e Pakistan (oltre il 25%), Turchia e Messico (attorno al 15%). In termini di rimesse pro capite, Nuova Zelanda, Portogallo e St. Kittis hanno tutti valori superiori ai 400 dollari annui. 1.3 L interpretazione implicitamente psicologica dei flussi finanziari e la sottostima delle rimesse nel quadro delle rilevazioni statistiche I numeri e gli indicatori statistici sono divenuti una preziosa fonte di analisi in campo sociale, ma non solo. La percezione delle informazioni relative alla finanza per lo sviluppo è oggi legata alla contabilizzazione dei flussi finanziari: un paese è considerato beneficiario di capitali esteri solo se questi rientrano nella contabilità dei flussi. La statistica finisce con influenzare molto la percezione dei fenomeni, dando loro un carattere di oggettività. Esiste, tuttavia, sempre uno scarto tra quello che viene rappresentato come dato contabile e quello che effettivamente è un processo reale, soprattutto quando si riconosca la componente qualitativa dei processi e come questa interagisce con quella quantitativa. C è, in sostanza, un rischio legato al regime e alla retorica dei numeri: i numeri sono considerati elemento incontrovertibile di conoscenza e fonte di giudizio. A Parigi si è formato un movimento in opposizione a quella che è stata definita infelicemente, ma con un innegabile impatto comunicativo la tendenza all economia post-autistica, intendendo appunto l at- 15

16 Figura 5. Rapporto percentuale rimesse/aiuti a dono, ,0 700,0 600,0 500,0 America Latina e Caraibi Medio Oriente e Nord Africa Asia meridionale Africa sub-sahariana Europa e Asia centrale ,0 300,0 200,0 100,0 0, Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

17 Rimesse degli emigrati tenzione ossessiva per i numeri, l uso incontrollato dei dati, che porta a far prevalere l astrazione dei numeri sulla realtà, la statistica sulla vita reale. Nel caso dell analisi dei flussi di capitale estero, assumiamo un dato statistico, puramente contabile, e gli attribuiamo meriti e responsabilità che sono invece del soggetto (banca commerciale, impresa privata, lavoratore emigrato, governo) che utilizza i diversi canali finanziari. Parlando oggi di indebitamento estero, risulta naturale associarlo al problema della crisi dei Pvs, considerandolo in sé uno strumento finanziario negativo, o quantomeno rischioso. Nel caso degli Ide, invece, immaginiamo una coincidenza piena di questo flusso contabile con le capacità imprenditoriali che gli sottostanno, considerandolo un flusso naturalmente positivo in termini di sviluppo. Sugli aiuti pubblici allo sviluppo manteniamo un incertezza di fondo, riconducibile alla natura ambigua dello Stato nei processi di sviluppo, circa l effettivo impatto di questi flussi sullo sviluppo e parliamo di paradosso micro-macro degli aiuti 7. Nel caso delle rimesse dei lavoratori, lo scarso prestigio di cui godono le figure dei lavoratori emigrati induce un ridimensionamento di fatto del valore del flusso in termini di sviluppo, solitamente trascurato. Più in particolare, nel caso degli Ide, è interessante notare come un semplice passaggio di proprietà in termini di capitale azionario, che non comporti alcun trasferimento di macchinario, venga contabilizzato come Ide. La stagione delle fusioni e delle acquisizioni, coi possibili ma non sicuri benefici in termini di economia reale, ampiamente nota nei paesi industrializzati, è una dimostrazione di cosa gli Ide possano in sostanza significare. Gli Ide spesso, soprattutto negli ultimi anni, sono utili e legittimi strumenti di diversificazione dei portafogli di azioni e obbligazioni che, in presenza di sistemi bancari e finanziari fragili, possono gonfiare il mercato delle borse emergenti, dei titoli azionari, del credito al consumo e del mercato immobiliare, generando un circolo vizioso che porta a maggiore inflazione, caduta del risparmio, peggioramento della bilancia commerciale, pressione ed incertezza sui tassi d interesse e di cambio, instabilità nel campo della produzione reale, fuga di capitali e crisi finanziaria. Solitamente, tuttavia, si assume che gli Ide corrispondano a maggiori capacità di produzione, legate alla nuova tecnologia incorporata e alla strategia delle imprese transnazionali volte ad aumentare la propria competitività internazionale attraverso delocalizzazione e rafforzamento della capacità esportativa dei Pvs. In realtà, 17

18 Figura 6. Rapporto percentuale rimesse/esportazioni, ,0 20,0 America Latina e Caraibi Medio Oriente e Nord Africa Asia meridionale Africa sub-sahariana Europa e Asia centrale 15,0 10,0 5,0 0, Fonte: Imf e World Bank, 2001 e 2002

19 Rimesse degli emigrati non è affatto dimostrato che l incremento di Ide corrisponda a maggiore sviluppo di un paese, anche se in termini assoluti, ed è il dato più citato, si assiste sempre ad un legame positivo tra Ide e Pil, il che è però semplicemente il risultato dell aumento complessivo dei capitali legati al processo di apertura commerciale che accompagna la crescita economica 8. Per quanto riguarda l indebitamento estero, al contrario, si tende ad assottigliare fino ad annullare la differenza nella natura e nella composizione del debito, che invece sono aspetti molto importanti. Indipendentemente da queste considerazioni e dalla sua evoluzione storica, l indebitamento estero è sommariamente considerato negativo, al punto da chiederne l abolizione come strumento di cooperazione allo sviluppo 9. È, invece, fondamentale distinguere tra debiti di breve, medio o lungo periodo, nei confronti di creditori privati o pubblici, verso governi o organizzazioni internazionali, a tassi d interesse fisso o variabile, negoziati in valute forti o in panieri di valute, in che rapporto sia lo stock o il flusso di debito o il servizio debitorio con il Pnl, i proventi da esportazioni o le entrate fiscali. Nel caso delle rimesse dei lavoratori, che qui specificamente interessa, è importante sottolineare la disattenzione generale all apporto finanziario del lavoratore emigrato quale agente di sviluppo. Atteggiamento che si riflette anche in altri ambiti. Fra tutti, può essere citato l apporto dei lavoratori immigrati al conto della previdenza dei paesi ospitanti. In base ai dati Inps, nel 2000, a fronte di persone con permessi di soggiorno per motivi di lavoro autonomo o dipendente comunicati dal Ministero degli Interni, risultavano lavoratori con iscrizione contributiva negli archivi Inps. I datori di lavoro italiani, cioè, hanno versato effettivamente contributi per circa la metà delle persone con permesso di soggiorno per lavoro e hanno fatto incassare all Inps circa miliardi di lire nel A fronte di queste entrate, le uscite per prestazioni di pensione, invalidità e vecchiaia (pari al 8 miliardi di lire), per cassa integrazione guadagni, disoccupazione e inabilità (110 miliardi di lire) e per prestazioni straordinarie unilaterali (25 miliardi di lire) 10 sono ammontate complessivamente a 143 miliardi di lire. Un saldo notevolmente positivo (oltre miliardi di lire) per le casse dello Stato italiano, che non viene solitamente ricordato. All opposto, si percepisce come onere la presenza dell immigrato, appiattito sul ruolo di assistito dal paese ospitante. Per quanto riguarda l Italia, ragioni storiche, legate al flusso migratorio in uscita, hanno aiutato a mantenere una certa attenzione verso il fenomeno (che ha oggi una consistenza esigua rispetto al complesso della bilancia dei pagamenti), anche 19

1974-79 % 1980-89 % 1990-99 % rimesse % pil mondiale

1974-79 % 1980-89 % 1990-99 % rimesse % pil mondiale Caritas Diocesana di Roma IL RISPARMIO DEGLI IMMIGRATI E I PAESI DI ORIGINE: IL CASO ITALIANO Ricerca curata dall equipe del Dossier Statistico Immigrazione della Caritas con il patrocinio dell ILO e il

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

La scoperta delle RIMESSE nel campo della finanza per lo sviluppo

La scoperta delle RIMESSE nel campo della finanza per lo sviluppo 2mondo04.qxd 21-07-2004 12:58 Pagina 8 EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÀ 8 La scoperta delle RIMESSE nel campo della finanza per lo sviluppo Prof. Marco Zupi, Vicedirettore CeSPI WHS Le rimesse dei lavoratori

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Minori e seconde generazioni

Minori e seconde generazioni Minori e seconde generazioni Sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, il livello minimo dall Unità d Italia: così segnala l Istituto nazionale di Statistica nel comunicato di febbraio che diffonde le

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

Banche latinoamericane e rimesse dall Europa

Banche latinoamericane e rimesse dall Europa Banche latinoamericane e rimesse dall Europa Premessa Il presente articolo è stato predisposto a cura del Coordinamento Ligure Donne Latinoamericane di Genova (associazione di promozione sociale registrata

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

Valorizzazione del risparmio dei migranti latinoamericani in Europa

Valorizzazione del risparmio dei migranti latinoamericani in Europa Forum Internazionale Rimesse e Sviluppo Valorizzazione del risparmio dei migranti latinoamericani in Europa Programma MIDLA Migración para el Desarrollo en America Latina Istituto Italo-Latinoamericano

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2014

Dossier Statistico Immigrazione 2014 Dalle discriminazioni ai diritti Dossier Statistico Immigrazione 2014 Rapporto UNAR a cura del Centro Studi e Ricerche IDOS Obiettivi del Rapporto Superare i luoghi comuni sulle migrazioni, a partire dal

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA Asher Colombo Elisa Martini LA PRESENZA STRANIERA COMPARAZIONI INTERNAZIONALI DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IN ITALIA Cittadini

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego

Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego ECNMIA PRDUZINE, CNSUMI, IMPRT-EXPRT E DETTAGLI PER L ITALIA Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego Sono relativamente pochi i Paesi che producono la maggior parte dei fertilizzanti

Dettagli

QUARTO RAPPORTO ANNUALE

QUARTO RAPPORTO ANNUALE QUARTO RAPPORTO ANNUALE Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 2014 LE NOVITA DEL QUARTO RAPPORTO ANNUALE 2014.

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012 Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012 a cura di Paolo Malanima Rapporto sulle economie del Mediterraneo Edizione 2012 a cura di Paolo Malanima 2 Elaborazione e impaginazione a cura di:

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Focus: il caso dell abitazione

Focus: il caso dell abitazione Focus: il caso dell abitazione I grafici sono stati elaborati nell indagine Le difficoltà d accesso all abitazione da parte degli immigrati curata da Paola Bertolini e Francesco Pagliacci in occasione

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47 Sommario Premessa 13 Introduzione. I rapporti con l estero del sistema bancario italiano dall unità alla fine della grande guerra 23 1. Capitali esteri, banche e sviluppo italiano nel periodo prebellico

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

CITTADINI NON COMUNITARI: PRESENZA, NUOVI INGRESSI E ACQUISIZIONI DI CITTADINANZA

CITTADINI NON COMUNITARI: PRESENZA, NUOVI INGRESSI E ACQUISIZIONI DI CITTADINANZA 22 ottobre 2015 CITTADINI NON COMUNITARI: PRESENZA, NUOVI INGRESSI E ACQUISIZIONI DI CITTADINANZA Anni 2014-2015 Al 1 gennaio 2015, in base ai dati forniti dal Ministero dell Interno, sono regolarmente

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE *

4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * 65 4. SERVIZI E REDDITIVITÀ DELLE BANCHE ITALIANE * In un precedente numero di Osservatorio Monetario (n. 1-2000) ci eravamo proposti di verificare il grado di diversificazione produttiva, misurata in

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

- Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda

- Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda 1 Testimonianza dal mondo aziendale Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda Relatore: Marco CAMURATI - Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda La funzione Risorse Umane si occupa di uomini

Dettagli

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Cresce la popolazione mondiale, crescono i migranti Oltre 232 milioni di persone più del 3% della popolazione mondiale hanno lasciato il proprio paese

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9 Capitolo 9 Aalborg Commitment 9 Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. Lavoreremo quindi per: adottare le misure necessarie per alleviare la povertà assicurare un equo accesso ai

Dettagli

La presenza straniera (specie in Lombardia)

La presenza straniera (specie in Lombardia) La presenza straniera (specie in Lombardia) Stranieri residenti in Italia (Fonte: Istat) I cittadini stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2009 sono 3.891.295 (pari al 6,5% del totale dei residenti).

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli