Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere"

Transcript

1 Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere Premessa Il presente progetto costituisce uno sviluppo ed un ampliamento delle attività condotte dal II Circolo Didattico di Viterbo dall anno scolastico 2009/2010 fino al 2011/2012, finalizzate al miglioramento delle competenze di lettura e alla costruzione di un atteggiamento, da parte del bambino/ragazzo, di interesse e di passione per libri e lettura che si mantenga anche nell'età adulta. Il progetto si pone l obiettivo di fornire una risposta formativa ad alcuni bisogni educativi emergenti, che in modo endemico e profondo interessano l infanzia, la popolazione giovanile ma anche quella adulta: l incremento del fenomeno dell analfabetismo di ritorno, che riconduce una alta percentuale di giovani adulti a condizioni di impraticabilità effettiva delle strumentalità della literacy di base; una sempre più diffusa crisi delle capacità immaginative e creative, caratteristiche che hanno da sempre connotato l infanzia e i giovani; una dilagante e pervasiva perdita della capacità di utilizzo del linguaggio in forme espressive alte e capaci di una comunicazione che non sia esclusivamente basica ed essenziale. Si riportano di seguito tre citazioni che molto efficacemente descrivono i fenomeni sopra indicati. A proposito di analfabetismo di ritorno: In Italia più di 2 milioni di adulti sono analfabeti completi, quasi 15 milioni sono semianalfabeti, altri 15 sono a rischio di ripiombare il tali condizioni Ne consegue che in Italia almeno un 66% di persone ha insufficiente competenza alfabetica e aritmetica funzionale. La media europea supera di poco il 50%. La Svezia è al di sotto del 30, mentre Germania e Inghilterra sono in linea con la percentuale europea. ( ) Secondo la FIEG (Federazione degli Editori) nel 2002 in Italia si sono vendute 102 copie di quotidiani ogni 1000 abitanti. La media europea, che comprende anche l Italia, è di 270. da Tullio De Mauro, La cultura degli italiani, Laterza, 2004 L immaginazione e il ruolo del fantastico nella letteratura: I notiziari televisivi, per quanto fantastici e spettacolari siano, non reggono il confronto con l ascesa rapida di crimini, perversioni ed invenzioni che, in quanto notiziari, cercano di riprendere e diffondere. Quando la normalità è così fantasticamente anormale, che ruolo possono avere nella nostra vita i prodotti artistici intessuti di fantastico? La violenza che incontriamo nella nostra esistenza non è forse molto più fantastica di quella presente in letteratura, nei film, nelle arti figurative, così che consumiamo il fantastico come innocuo cibo di scarto? Tuttavia c è un tipo di speranza e di fede in una letteratura e in una cinematografia fantastiche che controbilancia, se non annulla, la violenza dissennata, la banalità e lo sfruttamento che incontriamo negli spettacoli televisivi. Il fantastico lascia tracce di resistenza umana e propone alternative che danno alla mente la libertà di contemplare progetti futuri in cui i desideri possono essere esauditi. da Jack Zipes, Questione di fantasia in LiBeR, n.88, Ottobre-Dicembre 2010 La peste del linguaggio e la letteratura come antidoto: Una peste del linguaggio che si manifesta come perdita di forza conoscitiva e di immediatezza, come automatismo che tende a livellare l espressione sulle formule più generiche, anonime, astratte, a diluire i significati, a smussare le punte espressive, a spegnere ogni scintilla che sprizzi dallo scontro

2 delle parole con nuove circostanze. La letteratura (e forse solo la letteratura) può creare degli anticorpi che contrastino l espandersi della peste del linguaggio. La peste colpisce anche la vita delle persone e la storia delle nazioni, rende tutte le storie informi, casuali, confuse, senza principio né fine. Il mio disagio è per la perdita di forma che constato nella vita, e a cui cerco d opporre l unica difesa che riesco a concepire: un idea della letteratura da Italo Calvino, Lezioni americane, Garzanti, 1988 La consapevolezza di quanto qui brevemente richiamato induce a considerare libri e lettura come elementi centrali nella progettazione educativa. Infatti pedagogisti, educatori e letterati ritengono che il contatto precoce con i libri e la lettura determinano, nell ambito della formazione della persona, una serie di vantaggi quali: un precoce sviluppo del linguaggio, un vocabolario più ricco, una capacità futura di interpretazione ed uso creativo del linguaggio, una maggiore capacità di esprimere il proprio pensiero, dei tempi di attenzione più lunghi, una maggiore sensibilità e diversificazione di interessi, una più spiccata capacità di crearsi immagini mentali, un idea della lettura come fonte di piacere, il mantenimento nel tempo di un atteggiamento positivo per la lettura, l'informazione e la conoscenza. Tutto questo generalmente si traduce in un migliore rendimento scolastico, e conseguentemente in bambini che si muovono con più sicurezza e con maggiore autostima e in giovani capaci di esercitare il proprio ruolo attivamente e con piena consapevolezza nei contesti di vita e professionali. Dati identificativi dell' Istituto Denominazione Codice alfanumerico della Scuola Intitolazione Via Città, CAP e (Prov) Tel. Fax Indirizzo Dirigente Scolastico Insegnante referente IC Comprensivo Carmine VTIC ISTITUTO COMPRENSIVO CARMINE STRADA SALAMARO snc VITERBO (VT) Tel Fax VITTORI CLARA CHIANESE MARILENA Le finalità che il progetto si propone sono: FINALITA ED OBIETTIVI Utilizzare la lettura come opportunità di formazione integrale della persona; Educare i bambini ad una lettura attiva, consapevole ed appassionata; Indurre nei bambini e nei ragazzi il desiderio di leggere; Utilizzare i libri come strumento di integrazione di alunni stranieri e di alunni diversamente abili; Creare dei partenariati territoriali con le famiglie dei bambini, le biblioteche di pubblica lettura, gli educatori degli asili nido, i pediatri, i servizi per l infanzia e l adolescenza.

3 Conseguentemente vengono individuati i seguenti obiettivi: Affinare la conoscenza della lingua italiana; Utilizzare una pluralità di registri comunicativi; Potenziare il linguaggio emotivo e affettivo; Potenziare le capacità di attenzione e di ascolto; Formare ed affinare il gusto estetico; Esplorare l oggetto libro utilizzandolo come strumento di conoscenza e come veicolo di emozioni, anche nelle versioni on-line; Conoscere la biblioteca, casa dei libri; Sviluppare la capacità di lettura espressiva; Sviluppare le proprie capacità creative; Familiarizzare con i luoghi del libro ; Sviluppare capacità di lettura critica; Soddisfare il bisogno di armonia e di fantasia; Imparare a leggere le figure. Tutti gli alunni dell Istituto Comprensivo Carmine N. 4 scuole dell infanzia N. 2 scuole primarie N. 1 Scuola Secondaria I grado ALUNNI COINVOLTI METODOLOGIA La metodologia utilizzata nello svolgimento delle attività è quella dell animazione alla lettura : un metodo che utilizza un insieme di strategie e di attività, mirate ad avvicinare al libro e ad altri oggetti di lettura, facendo leva sulla motivazione interiore, sul bisogno di leggere. Le strategie di animazione realizzano il coinvolgimento intellettivo, fisico ed emotivo dell alunno facendo leva sulla motivazione e sulla partecipazione attiva alle attività proposte. Verranno progettati percorsi didattici diversificati per alunni dai 3 ai 14 anni, facendo uso di materiali e libri diversi ed adatti alle varie fasce di età. Per la selezione dei materiali da utilizzare si farà riferimento alla seguenti tabelle descrittive:

4 Tabelle di correlazione tra le principali caratteristiche degli stadi evolutivi e le caratteristiche del libro ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 0-3 Il processo di conoscenza della realtà avviene attraverso i 5 sensi e attraverso esperienze concrete. Acquisizione del linguaggio come nomenclatura e legata all interazione con l adulto. Grande piacere nella ripetizione di singole parole o brevi frasi. Forte egocentrismo e interesse per tutto quanto fa pare del proprio universo conoscitivo e affettivo. Il senso del comico è legato alla comparsa/scomparsa di oggetti o persone, dalla sostituzione di un vocabolo con un altro e dall accostamento incongruo di oggetti (o parti di oggetti) che appartengono a categorie logiche diverse. Attrazione per il movimento, il ritmo e tutto ciò che è mobile. Libri da leggere con il corpo, fatti di materiali morbidi o manipolabili. Libri, che offrono la possibilità di esperienze sensoriali multiple e che invitano alla partecipazione e alla integrazione associando oggetti con parole e offrendo la possibilità di un semplice botta e risposta. Molto adatti e graditi i materiali in rima e in generale il linguaggio con marcate componenti sonore, ritmato e ripetitivo. Illustrazioni che riproducono in modo chiaro e nitido oggetti di immediata riconoscibilità e possibilmente legate tra loro da nessi logici. Brevi, semplici storie legate ad elementi completamente riconoscibili da parte del bambino : routines domestiche, momenti rituali che scandiscono la giornata. Soggetto privilegiato delle storie è il bambino stesso. Storie a struttura cumulativa e/o ripetitiva con andamento prevedibile. Si vedano le collane: I morbidoni, Mondadori I bucoli, la Coccinella Libri da scoprire, Mondadori Libri di Lucy Cousins, Mondadori Libri tattili delle varie case editrici

5 ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 3-6 Capacità di memorizzare semplici sequenze e desiderio di ripetere quanto si è memorizzato Crescita rapidissima delle capacità verbali Elaborazione di concetti attraverso esperienze dirette Ricerca dell identità personale e necessità di modelli di riferimento Sviluppo della capacità di osservazione ed immaginativa. Grande curiosità (età dei perché) Sviluppo di un etica personale fortemente polarizzata (divisione netta tra buoni e cattivi e meccanismi primitivi di risoluzione di conflitti) Forse bisogno di rassicurazione affettiva in relazione all insorgere di paure e alla non completa distinzione tra realtà e fantasia. Senso dell umorismo legato all esagerazione, al senso di superiorità nei confronti di che si percepisce inferiore, o di chi è in possesso di meno informazioni e non può sapere in anticipo come evolverà una determinata situazione. Per essere totalmente comica tuttavia una situazione deve avere una parvenza di plausibilità: gli elementi narrati devono risultare possibili anche se altamente improbabili. Storie in rima ed altri testi che sfruttino la capacità di giocare con il linguaggio e quella di una facile memorizzazione. Fiabe tradizionali o anche eziologiche, che diano conto in chiave fantastica dell origine delle cose e dei fenomeni naturali Fiabe moderne o letterarie, racconti fantastici con animali parlanti, oggetti magici ecc. Gli argomenti da preferire sono quelli rassicuranti e il lieto fine è obbligatorio. Libri che convalidano i sentimenti e gli rendono chiaro che le emozioni che prova sono comuni a tutti, ed è necessario conoscerle per controllarle. Libri sull importanza di conoscersi e dell accettarsi. Sia il genere realistico che fantastico sono proponibili, purché le storie favoriscano l identificazione e siano basate su sentimenti autentici. Età dell oro dell albo illustrato da leggere insieme all adulto. Le storie di paura, specie se lette insieme ad un adulto soddisfano il desiderio/necessità di mettere in scena il mondo interiore. Le fiabe hanno tradizionalmente avuto questo ruolo. Il grande successo della narrativa horror tra i pre- e gli adolescenti testimonia l importanza di non censurare questa richiesta. Albi illustrati delle case editrici Arka, AER, Nord- Sud, C era una volta, Lemniscaat, Bohem, Babalibri, Emme, Topipittori, Patatrac e molte altre. Ballate riscritture di fiabe popolari di Roberto Piumini. Interesse per il gioco verbale.

6 ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 6-9 Sviluppo della capacità di lettura autonoma. Progressivo sviluppo di un forte senso di realtà e conseguente abbandono del pensiero animista. Affinamento del senso morale, accompagnato da capacità di giudizio morale più sfumate ed articolate. Spostamento progressivo dalla lettura letterale di testo e immagine verso la capacità di cogliere livelli diversi di significato. Riconoscimento di punti di vista diversi dal proprio. I primi libri da leggere autonomamente devono essere semplici e devono rispondere a caratteristiche grafiche che favoriscano (e non respingano) l approccio con la lettura. Nelle preferenze dei bambini di questa età si fanno strada i generi ( con incontrastato predominio dell horror). Molto favore incontra la narrativa di tipo realistico, possibilmente umoristica, narrata in prima persona o sotto forma di diario. Collane di narrativa di varie case editrici dedicate a questa fascia di età. Racconti mitologici e leggende. La mediazione di un adulto che ancora legge ad alta voce favorisce lo sviluppo dell interesse per tipi di storie più complesse. ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 9-11 Età di passaggio, con caratteristiche molto variabili da bambino a bambino. L accresciuta autonomia in tutta una serie di attività genera un forte bisogno di saggiare le proprie capacità e un atteggiamento di sfida nei confronti dell adulto. Forte interesse per la classificazione, il collezionismo, l organizzazione delle conoscenze, la soluzione di enigmi di ogni tipo. Progressiva differenziazione dei gusti maschili e femminili. Si consolida la lettura autonoma e si rafforzano le preferenze legate ai generi ( con horror, fantasy e giallo all apice delle preferenze). Il libro di avventura corrisponde ad un forte bisogno di proiezione del lettore ed è quindi una buona scelta a condizione che corrisponda alle reali capacità di lettura del bambino. La differenziazione dei gusti tra maschi e femmine genera una richiesta diversa di libri: da qui la fortuna delle collane che propongono storie al femminile che non hanno un corrispettivo al maschile, essendo i gusti dei maschi più legati alla letteratura di Classici Narrativa di genere (giallo, horror, rosa fantasy, fantascienza, avventura, umoristico). Alcune collane che tengono conto della differenziazione di gusti tra maschi e femmine.

7 Sviluppo del pensiero logicodeduttivo. Senso dell umorismo bizzarro, spesso legato ad argomenti proibiti ed alla trasgressività linguistica. Non di rado l umorismo è legato al nonsense. genere. Funzione importantissima dei libri che parlano dell esplorazione del sé e delle possibili relazioni con l altro. Il libro come specchio del proprio sentire e come finestra su scenari che ancora non si conoscono direttamente. AZIONI PREVISTE Attività di formazione del personale docente L attività di formazione ha avuto inizio nel II Circolo Didattico nell a.s. 2009/2010 e ha dato vita ad una serie di sperimentazioni condotte negli anni scolastici dal 2009 al Si prevedono incontri di formazione e di approfondimento di diverso tipo: GRUPPI DI LAVORO DI DOCENTI: Si incontrano periodicamente convocati dal coordinatore di progetto; hanno al proprio interno docenti rappresentanti delle varie scuole; realizzano un azione di pianificazione, ricerca e diffusione di materiali e di monitoraggio delle attività svolte. Realizzano approfondimenti, lavorando direttamente sui libri scelti dai cataloghi della migliore editoria per ragazzi, intorno alle seguenti tematiche: la diversità, l intercultura e l'inclusione; la costruzione dell identità nel bambino in rapporto alle figure adulte e al gruppo dei pari i temi storici e di attualità nella letteratura per l infanzia il fantastico e l immaginario arte, scienze e storia... oltre il sussidiario Consentono la diffusione di quanto viene attuato. GRUPPI DI FORMAZIONE: Hanno lo scopo di consentire degli approfondimenti sulla promozione della lettura a scuola attraverso il coinvolgimento di specialisti di settore. Progettazione dei percorsi per singola scuola e per classe/sezione Realizzazione delle attività; Monitoraggio e verifica; Progettazione degli sviluppi; Gestione della biblioteca scolastica. ATTIVITA Il Progetto intende promuovere nella scuola le seguenti opportunità relative alle varie fasce di età: 3/6 anni: Allestimento di di angoli di lettura nelle sezioni; Conferenze di servizio per genitori ed insegnanti con il coinvolgimento di pediatri coinvolti nel progetto Nazionale Nati per Leggere Momenti di lettura ad alta voce con il coinvolgimento di genitori; 6/11 anni: Allestimento di biblioteche di plesso con postazioni di computer con connessione per attività di lettura e ricerca; acquisto di tablet e relative applicazioni; Strutturazione di laboratori quali:

8 - Laboratorio di filosofia; - Laboratorio di ricerca con il libro di divulgazione; - Laboratorio su cinema e libro a confronto; - Laboratorio sulla storia della scrittura Attività di animazione con percorsi di lettura: Per diventare cittadini del mondo (letteratura sulla diversità, divulgazione sul tema dell educazione alla mondialità ) La costruzione dell identità; Io amo gli animali; L amicizia e lo stare insieme; La letteratura di genere: l umorismo il Fantasy il racconto di avventura ULTERIORI ATTIVITA': Attività di lettura per bambini diversamente abili con libri selezionati dalle bibliografie internazionali sull'argomento, Organizzazione di mostre mercato di libri; Sviluppo dei rapporti tra scuola e biblioteca comunale; Incontri con l autore; Visite in libreria e presso case editrici; Laboratori cre-attivi Esercizi di scrittura creativa; Laboratori di creazione del libro; Libro ed arte (leggere l arte e produrre, con mostra finale) Laboratori attivati Laboratorio di lettura tutte i plessi di Scuola dell Infanzia dell Istituto Un libro per amico classi 1 e A/B Primaria A.Grandori L isola delle fiabe classe 1 a C Primaria A.Grandori Nel mondo della fantasia e i libri straordinari classi 2 e A/B Primaria A.Grandori Uno scrigno di libri classe2 a C Primaria A.Grandori Nel mondo verde insieme al grillo parlante classi 3 e A/B/C Primaria A.Grandori Leggendo leggendo classi 4 e A/C Primaria A.Grandori Viaggio in 1^ classe classi 5 e A/B Primaria A.Grandori Un Italia da leggere classe 5 a C Primaria A.Grandori Emozioni tra le pagine classi 1 a e 2 a Primaria E.De Amicis Progetto lettura classi 3 e A/B Primaria A.Grandori Progetto lettura classi 5 e A/B Primaria A.Grandori Leggere leggeri tutte le classi Scuola Secondaria I grado B.Tecchi. MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA Il monitoraggio avverrà attraverso questionari e griglie di autovalutazione rivolta ai docenti e ai genitori degli alunni coinvolti nell attività. Saranno monitorati i seguenti aspetti: Efficacia interna: raggiungimento degli obiettivi progettuali Utilità- grado di soddisfacimento dei bisogni dei destinatari Efficienza dell organizzazione Rilevanza: congruenza tra obiettivi progettuali e bisogni formativi dei destinatari.

9 VERIFICA E VALUTAZIONE Per la verifica dei risultati saranno utilizzati i seguenti STRUMENTI ed INDICATORI: STRUMENTI: Questionari finali di rilevazione del gradimento e della soddisfazione dei bisogni formativi nei soggetti coinvolti Focus group e report periodici Osservazione sistematica dei comportamenti di operatori e studenti Analisi e le riflessioni operate dai protagonisti dell attuazione Griglie per la raccolta dei dati Relazioni analitiche di docenti e formatori Report periodici di responsabili e coordinatori Archiviazione digitale di tutti i materiali prodotti e messa in rete nei siti istituzionali dei vari istituti; INDICATORI : Numero di prestiti di libri effettuati; Incremento della lettura da parte dei bambini verificato anche attraverso un questionario ai genitori; Incremento della dotazione libraria dell istituto; Rispetto delle fasi di realizzazione del Progetto e delle attività previste; Miglioramento delle biblioteche scolastiche in termini di arredi e ambienti; TEMPI DI REALIZZAZIONE Il Progetto sarà attuato nell a.s. 2012/2013, ma si prevede la prosecuzione e l implementazione anche negli anni scolastici successivi.

10 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO Agnoli A., Biblioteca per ragazzi, Associazione Italiana Biblioteche, Roma, Augias C., Leggere, perché i libri ci rendono migliori, più allegri e più liberi, Mondadori, Milano, AA.VV., La biblioteca nel bosco. Percorsi di lettura e modelli di intervento tra educazione ambientale e letteratura per ragazzi, Editrice Bibliografica, Milano, AA.VV., Leggere prima di leggere. Dossier primi libri, in Sfoglialibro n.6, Novembre/Dicembre La differenza non è una sottrazione. Libri per ragazzi e disabilità. acura di Silvana Sola e Marcella Terrusi, Roma, Lapis edizioni, 2009 Belotti M., a cura di, Pianeta lettura: Riflessioni a più voci e proposte di intervento sulla pratica del leggere, Editrice Bibliografica, Milano, Belotti M., a cura di, Leggere oltre la scuola. Idee e percorsi per un progetto di educazione alla lettura, Editrice Bibliografica, Milano, Binazzi A., a cura di, Il laboratorio Biblioteca. Esperienze realizzate a Scuola-Città Pestalozzi, La Nuova Italia, Firenze, 1990 Cardarello R. e Chiantera A., Leggere prima di leggere: Infanzia e cultura scritta, La Nuova Italia, Firenze, De Marchi V., Per saperne di più. I libri di divulgazione per ragazzi, Mondadori, Milano, Denti R., Come far leggere i bambini, Editori Riuniti, Roma, Denti R., Lasciamoli leggere: Il piacere e l interesse per la lettura nei bambini e nei ragazzi, Einaudi, Torino, Denti R., Pitzorno B. e Ziliotto D, 100 Libri per navigare nel mare della letteratura per ragazzi, Salani Editore, Milano, Denti R., Un mondo da leggere, in LiBer 55, Luglio/Settembre Di Domenico G. e Rosco M., Comunicazione e marketing della biblioteca, Editrice Bibliografica, Milano, Fabri S., A cura di, Piccole biblioteche crescono, Mondadori, Milano, Federighi P., Le condizioni del leggere. Il ruolo della biblioteca nella formazione del lettore, Editrice bibliografica, Milano, Ferrieri L., La promozione della lettura in biblioteca. Modelli e strategie in un indagine nazionale sulle biblioteche pubbliche, Editrice Bibliografica, Milano, Ferrieri L., Targa M., Il libro sotto il banco, Editrice Bibliografica, Milano, Ficarelli E., e Miari E., a cura di, Ridere, sorridere, leggere. La difficile arte dell umorismo nei libri per ragazzi, Idest, Campi Bisenzio, Grandi W., I dolori del giovane mago, in LiBeR 53, Gennaio/Marzo Gherardi V. e Manini M., I bambini e la lettura: La cultura del libro dall infanzia all adolescenza, Carocci, Roma, Lastrego C., Testa F., Mi piace la biblioteca, Fatatrac, Firenze, Lastrego C., Francesco T., Mi piacciono i i libri, Fatatrac, Firenze, Lastrego C. Testa F., Il libro nel televisore, Fatatrac, Firenze, Lastrego C. Testa F., Biblioteca mia, Fatatrac, Firenze Lazzarato F., a cura di, Scrivere per bambini, Mondadori, Milano, Lumbelli L., a cura di, Incoraggiare a leggere. Intenzioni e comportamento verbale degli insegnanti, La nuova Italia, Firenze, Maragliano R., Didattica del libro. L insegnante come tipografo, Anicia, Roma, 1992.

11 Miari E., A che libro giochiamo?, Mondadori, Milano, Monfredini F., Parma M., Tirelli G., a cura di, Come giocare con immagini e parole. Otto laboratori sulla comunicazione, Editrice Bibliografica, Milano, Novara D, L ascolto si impara. Domande legittime per una pedagogia dell ascolto, Edizioni gruppo Abele, Torino, Ongini V., Lo scaffale multiculturale, Mondadori, Milano, Panzeri F., La biblioteca in classe, Editrice Bibliografica, Milano, Pennac D., Come un romanzo, Feltrinelli. Pietropolli Charmet G., Segnali d allarme. Disagio durante la crescita, Mondadori, Milano, Pitzorno B., Storia delle mie storie, Milano Pratiche Editrice, Rodari G., Grammatica della fantasia. Introduzione all arte di inventare storie, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, Salvatori M. L., La letteratura per ragazzi italiana dopo Rodari, in Il Pepeverde, n. 13/2002. Seveso L., a cura di, Che c è da guardare? Dibattito sull illustrazione per bambini e ragazzi in Italia, in LiBeR 52, Ottobre/Dicembre Sidoti B., Discorso a un aspirante animatore alla lettura, in Sfoglialibro, Aprile Sighinolfi V., Incontri con l autore tra scuola e biblioteca, Mondadori, Milano, Solomon N., I bambini e la lettura. Guida per genitori ed insegnanti, Armando, Roma, Tinker M. A., Prepariamo i bambini alla lettura, La Nuova Italia, Firenze, Tognolini, B e Valentino Merletti R., Leggimi forte, Salani, Milano, Valentino Merletti R., Leggere ad alta voce, Mondadori, Milano, Valentino Merletti R., Libri per ragazzi: come valutarli?, Mondadori, Milano, Vigo E., Parole animate. Idee e percorsi per un laboratorio tra lettura e scrittura, Editrice Bibliografica, Milano, Viola T. V., Sotto l ombrello del piacere di leggere, in Il Pepeverde, n. 13/2002. Zannoner P., Libro, facci ridere, Ricette di lettura e scrittura umoristica, Milano, Mondadori, Zannoner P., Come si costruisce un percorso di lettura, Milano, Mondadori, Zahler K. A., Ai bambini piace leggere, TEA, Milano, Zipes J., Oltre il giardino: L inquietante successo della letteratura per l infanzia da Pinocchio a Harry Potter, Milano, Mondadori, 2002.

Indice. UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM

Indice. UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM Indice UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM p. 1 CRITERI DI SELEZIONE DEI LIBRI DI GRANDI LIBRI PER PICCOLI LETTORI Un poster bibliografico

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

PROGETTO LETTURA UN LIBRO PER AMICO

PROGETTO LETTURA UN LIBRO PER AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALO V.le M. UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 E-mail comprensivocalo@libero.it TAIC82600L@istruzione.it Sito web www.scuolacalo.it PROGETTO LETTURA UN

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA Nello stendere la programmazione educativo-didattica per il corrente anno scolastico il team

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

CIASCUNO CRESCE SOLO SE SOGNATO. catalogo proposte formative 2013-2014

CIASCUNO CRESCE SOLO SE SOGNATO. catalogo proposte formative 2013-2014 LIBROTONDO SOC. COOP ONLUS GENOVA cooperativa sociale formazione, consulenza educativa progetti educativi e formativi per bambini, ragazzi e figure educative in famiglia, a scuola e in città CIASCUNO CRESCE

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2. Progetto di plesso di Educazione alla lettura

Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2. Progetto di plesso di Educazione alla lettura Scuola dell Infanzia Andersen Istituto Comprensivo Carpi 2 Progetto di plesso di Educazione alla lettura Anno scolastico 2013/2014 Motivazioni in relazione al contesto L educazione alla lettura è un attività

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo.

PROGETTO D ISTITUTO IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo. PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA Il Progetto si chiama In crescendo. Gli alunni conosceranno tutti gli strumenti del mondo, in particolare il violino, in quanto è quello sicuramente

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti...

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti... Scuola Statale dell'infanzia di "Lammari" Progetti educ.-did. anno scolastico 2010/2011 ********************************************************** AREA P.O.F. Linguaggi espressivo_creativi AREA P.O.F.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Bibliografia ragionata

Bibliografia ragionata Bibliografia ragionata (a cura di Viviana Rossanese) sez 1. NARRAZIONE INVENZIONE STORIE S. Giusti, F. Batini, G Del Sarto, Narrazione e invenzione. Manuale di lettura e scrittura creativa, edizioni Erickson,

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA - SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Porrettana 258 40037 SASSO MARCONI tel.051.841185 fax 051-843224 e-mail: ic.sassomarconi@libero.it -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino Piccoli saggi laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo condotto da Carlo Maria Cirino Progetto Didattica della filosofia coi bambini Destinatari Alunni di tutte le classi

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia

P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia FINALITA ESPRESSE NEGLI ORIENTAMENTI Promuovere lo sviluppo delle identità (permette al bambino di imparare a stare bene e sentirsi sicuro nell affrontare nuove

Dettagli

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese ISTITUTO COMPRENSIVO SAVIGNANO S. P. Via Don Gherardi, 1-41056 Savignano s.p. (MO) Tel 059730804 Fax 059730124 E-Mail - MOIC81400E@istruzione.it E-Mail certificata - MOIC81400E@pec.istruzione.it C.F. 80013950367

Dettagli

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A.Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola dell Infanzia H.C.Andersen Via Buozzi di fronte al Liceo Juvarra Scuola dell Infanzia G.Rodari via

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA Questo progetto nasce come continuazione e approfondimento del lavoro dello scorso anno, si è pensato di continuare in questa direzione prendendo

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

LABORATORI PERMANENTI ALL INTERNO DELLO SPAZIO

LABORATORI PERMANENTI ALL INTERNO DELLO SPAZIO RESPONSABILE DELLO SPAZIO ARCOBALENO SILVIA BARDUAGNI: Educatrice, da anni impegnata nella gestione di eventi volti a promuovere un approccio educativo che miri ad uno sviluppo armonico del bambino, facendo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti.

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti. ARTE E IMMAGINE CLASSE I SCUOLA PRIMARIA Osservare e Esprimersi e L alunno conosce e usa il colore. L alunno riconosce nella realtà e nella rappresentazione: relazioni spaziali, rapporto verticale, orizzontale,

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

si presenta STAMPATO IN PROPRIO

si presenta STAMPATO IN PROPRIO Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, la promessa di un mondo d armonia e generosità. Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui fa germogliare

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Istituto Comprensivo Statale Sesto 1 Scuola primaria L.L.Radice Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Motto della biblioteca In una vecchia soffitta buia e polverosa in mezzo a tante cose viveva

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Programma Biblioteca Scuola 2007-2008 La Biblioteca Comunale di Trento presenta il programma

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli