Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere"

Transcript

1 Libri e lettura tra i banchi di scuola: dalla competenza al gusto di leggere Premessa Il presente progetto costituisce uno sviluppo ed un ampliamento delle attività condotte dal II Circolo Didattico di Viterbo dall anno scolastico 2009/2010 fino al 2011/2012, finalizzate al miglioramento delle competenze di lettura e alla costruzione di un atteggiamento, da parte del bambino/ragazzo, di interesse e di passione per libri e lettura che si mantenga anche nell'età adulta. Il progetto si pone l obiettivo di fornire una risposta formativa ad alcuni bisogni educativi emergenti, che in modo endemico e profondo interessano l infanzia, la popolazione giovanile ma anche quella adulta: l incremento del fenomeno dell analfabetismo di ritorno, che riconduce una alta percentuale di giovani adulti a condizioni di impraticabilità effettiva delle strumentalità della literacy di base; una sempre più diffusa crisi delle capacità immaginative e creative, caratteristiche che hanno da sempre connotato l infanzia e i giovani; una dilagante e pervasiva perdita della capacità di utilizzo del linguaggio in forme espressive alte e capaci di una comunicazione che non sia esclusivamente basica ed essenziale. Si riportano di seguito tre citazioni che molto efficacemente descrivono i fenomeni sopra indicati. A proposito di analfabetismo di ritorno: In Italia più di 2 milioni di adulti sono analfabeti completi, quasi 15 milioni sono semianalfabeti, altri 15 sono a rischio di ripiombare il tali condizioni Ne consegue che in Italia almeno un 66% di persone ha insufficiente competenza alfabetica e aritmetica funzionale. La media europea supera di poco il 50%. La Svezia è al di sotto del 30, mentre Germania e Inghilterra sono in linea con la percentuale europea. ( ) Secondo la FIEG (Federazione degli Editori) nel 2002 in Italia si sono vendute 102 copie di quotidiani ogni 1000 abitanti. La media europea, che comprende anche l Italia, è di 270. da Tullio De Mauro, La cultura degli italiani, Laterza, 2004 L immaginazione e il ruolo del fantastico nella letteratura: I notiziari televisivi, per quanto fantastici e spettacolari siano, non reggono il confronto con l ascesa rapida di crimini, perversioni ed invenzioni che, in quanto notiziari, cercano di riprendere e diffondere. Quando la normalità è così fantasticamente anormale, che ruolo possono avere nella nostra vita i prodotti artistici intessuti di fantastico? La violenza che incontriamo nella nostra esistenza non è forse molto più fantastica di quella presente in letteratura, nei film, nelle arti figurative, così che consumiamo il fantastico come innocuo cibo di scarto? Tuttavia c è un tipo di speranza e di fede in una letteratura e in una cinematografia fantastiche che controbilancia, se non annulla, la violenza dissennata, la banalità e lo sfruttamento che incontriamo negli spettacoli televisivi. Il fantastico lascia tracce di resistenza umana e propone alternative che danno alla mente la libertà di contemplare progetti futuri in cui i desideri possono essere esauditi. da Jack Zipes, Questione di fantasia in LiBeR, n.88, Ottobre-Dicembre 2010 La peste del linguaggio e la letteratura come antidoto: Una peste del linguaggio che si manifesta come perdita di forza conoscitiva e di immediatezza, come automatismo che tende a livellare l espressione sulle formule più generiche, anonime, astratte, a diluire i significati, a smussare le punte espressive, a spegnere ogni scintilla che sprizzi dallo scontro

2 delle parole con nuove circostanze. La letteratura (e forse solo la letteratura) può creare degli anticorpi che contrastino l espandersi della peste del linguaggio. La peste colpisce anche la vita delle persone e la storia delle nazioni, rende tutte le storie informi, casuali, confuse, senza principio né fine. Il mio disagio è per la perdita di forma che constato nella vita, e a cui cerco d opporre l unica difesa che riesco a concepire: un idea della letteratura da Italo Calvino, Lezioni americane, Garzanti, 1988 La consapevolezza di quanto qui brevemente richiamato induce a considerare libri e lettura come elementi centrali nella progettazione educativa. Infatti pedagogisti, educatori e letterati ritengono che il contatto precoce con i libri e la lettura determinano, nell ambito della formazione della persona, una serie di vantaggi quali: un precoce sviluppo del linguaggio, un vocabolario più ricco, una capacità futura di interpretazione ed uso creativo del linguaggio, una maggiore capacità di esprimere il proprio pensiero, dei tempi di attenzione più lunghi, una maggiore sensibilità e diversificazione di interessi, una più spiccata capacità di crearsi immagini mentali, un idea della lettura come fonte di piacere, il mantenimento nel tempo di un atteggiamento positivo per la lettura, l'informazione e la conoscenza. Tutto questo generalmente si traduce in un migliore rendimento scolastico, e conseguentemente in bambini che si muovono con più sicurezza e con maggiore autostima e in giovani capaci di esercitare il proprio ruolo attivamente e con piena consapevolezza nei contesti di vita e professionali. Dati identificativi dell' Istituto Denominazione Codice alfanumerico della Scuola Intitolazione Via Città, CAP e (Prov) Tel. Fax Indirizzo Dirigente Scolastico Insegnante referente IC Comprensivo Carmine VTIC ISTITUTO COMPRENSIVO CARMINE STRADA SALAMARO snc VITERBO (VT) Tel Fax VITTORI CLARA CHIANESE MARILENA Le finalità che il progetto si propone sono: FINALITA ED OBIETTIVI Utilizzare la lettura come opportunità di formazione integrale della persona; Educare i bambini ad una lettura attiva, consapevole ed appassionata; Indurre nei bambini e nei ragazzi il desiderio di leggere; Utilizzare i libri come strumento di integrazione di alunni stranieri e di alunni diversamente abili; Creare dei partenariati territoriali con le famiglie dei bambini, le biblioteche di pubblica lettura, gli educatori degli asili nido, i pediatri, i servizi per l infanzia e l adolescenza.

3 Conseguentemente vengono individuati i seguenti obiettivi: Affinare la conoscenza della lingua italiana; Utilizzare una pluralità di registri comunicativi; Potenziare il linguaggio emotivo e affettivo; Potenziare le capacità di attenzione e di ascolto; Formare ed affinare il gusto estetico; Esplorare l oggetto libro utilizzandolo come strumento di conoscenza e come veicolo di emozioni, anche nelle versioni on-line; Conoscere la biblioteca, casa dei libri; Sviluppare la capacità di lettura espressiva; Sviluppare le proprie capacità creative; Familiarizzare con i luoghi del libro ; Sviluppare capacità di lettura critica; Soddisfare il bisogno di armonia e di fantasia; Imparare a leggere le figure. Tutti gli alunni dell Istituto Comprensivo Carmine N. 4 scuole dell infanzia N. 2 scuole primarie N. 1 Scuola Secondaria I grado ALUNNI COINVOLTI METODOLOGIA La metodologia utilizzata nello svolgimento delle attività è quella dell animazione alla lettura : un metodo che utilizza un insieme di strategie e di attività, mirate ad avvicinare al libro e ad altri oggetti di lettura, facendo leva sulla motivazione interiore, sul bisogno di leggere. Le strategie di animazione realizzano il coinvolgimento intellettivo, fisico ed emotivo dell alunno facendo leva sulla motivazione e sulla partecipazione attiva alle attività proposte. Verranno progettati percorsi didattici diversificati per alunni dai 3 ai 14 anni, facendo uso di materiali e libri diversi ed adatti alle varie fasce di età. Per la selezione dei materiali da utilizzare si farà riferimento alla seguenti tabelle descrittive:

4 Tabelle di correlazione tra le principali caratteristiche degli stadi evolutivi e le caratteristiche del libro ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 0-3 Il processo di conoscenza della realtà avviene attraverso i 5 sensi e attraverso esperienze concrete. Acquisizione del linguaggio come nomenclatura e legata all interazione con l adulto. Grande piacere nella ripetizione di singole parole o brevi frasi. Forte egocentrismo e interesse per tutto quanto fa pare del proprio universo conoscitivo e affettivo. Il senso del comico è legato alla comparsa/scomparsa di oggetti o persone, dalla sostituzione di un vocabolo con un altro e dall accostamento incongruo di oggetti (o parti di oggetti) che appartengono a categorie logiche diverse. Attrazione per il movimento, il ritmo e tutto ciò che è mobile. Libri da leggere con il corpo, fatti di materiali morbidi o manipolabili. Libri, che offrono la possibilità di esperienze sensoriali multiple e che invitano alla partecipazione e alla integrazione associando oggetti con parole e offrendo la possibilità di un semplice botta e risposta. Molto adatti e graditi i materiali in rima e in generale il linguaggio con marcate componenti sonore, ritmato e ripetitivo. Illustrazioni che riproducono in modo chiaro e nitido oggetti di immediata riconoscibilità e possibilmente legate tra loro da nessi logici. Brevi, semplici storie legate ad elementi completamente riconoscibili da parte del bambino : routines domestiche, momenti rituali che scandiscono la giornata. Soggetto privilegiato delle storie è il bambino stesso. Storie a struttura cumulativa e/o ripetitiva con andamento prevedibile. Si vedano le collane: I morbidoni, Mondadori I bucoli, la Coccinella Libri da scoprire, Mondadori Libri di Lucy Cousins, Mondadori Libri tattili delle varie case editrici

5 ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 3-6 Capacità di memorizzare semplici sequenze e desiderio di ripetere quanto si è memorizzato Crescita rapidissima delle capacità verbali Elaborazione di concetti attraverso esperienze dirette Ricerca dell identità personale e necessità di modelli di riferimento Sviluppo della capacità di osservazione ed immaginativa. Grande curiosità (età dei perché) Sviluppo di un etica personale fortemente polarizzata (divisione netta tra buoni e cattivi e meccanismi primitivi di risoluzione di conflitti) Forse bisogno di rassicurazione affettiva in relazione all insorgere di paure e alla non completa distinzione tra realtà e fantasia. Senso dell umorismo legato all esagerazione, al senso di superiorità nei confronti di che si percepisce inferiore, o di chi è in possesso di meno informazioni e non può sapere in anticipo come evolverà una determinata situazione. Per essere totalmente comica tuttavia una situazione deve avere una parvenza di plausibilità: gli elementi narrati devono risultare possibili anche se altamente improbabili. Storie in rima ed altri testi che sfruttino la capacità di giocare con il linguaggio e quella di una facile memorizzazione. Fiabe tradizionali o anche eziologiche, che diano conto in chiave fantastica dell origine delle cose e dei fenomeni naturali Fiabe moderne o letterarie, racconti fantastici con animali parlanti, oggetti magici ecc. Gli argomenti da preferire sono quelli rassicuranti e il lieto fine è obbligatorio. Libri che convalidano i sentimenti e gli rendono chiaro che le emozioni che prova sono comuni a tutti, ed è necessario conoscerle per controllarle. Libri sull importanza di conoscersi e dell accettarsi. Sia il genere realistico che fantastico sono proponibili, purché le storie favoriscano l identificazione e siano basate su sentimenti autentici. Età dell oro dell albo illustrato da leggere insieme all adulto. Le storie di paura, specie se lette insieme ad un adulto soddisfano il desiderio/necessità di mettere in scena il mondo interiore. Le fiabe hanno tradizionalmente avuto questo ruolo. Il grande successo della narrativa horror tra i pre- e gli adolescenti testimonia l importanza di non censurare questa richiesta. Albi illustrati delle case editrici Arka, AER, Nord- Sud, C era una volta, Lemniscaat, Bohem, Babalibri, Emme, Topipittori, Patatrac e molte altre. Ballate riscritture di fiabe popolari di Roberto Piumini. Interesse per il gioco verbale.

6 ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 6-9 Sviluppo della capacità di lettura autonoma. Progressivo sviluppo di un forte senso di realtà e conseguente abbandono del pensiero animista. Affinamento del senso morale, accompagnato da capacità di giudizio morale più sfumate ed articolate. Spostamento progressivo dalla lettura letterale di testo e immagine verso la capacità di cogliere livelli diversi di significato. Riconoscimento di punti di vista diversi dal proprio. I primi libri da leggere autonomamente devono essere semplici e devono rispondere a caratteristiche grafiche che favoriscano (e non respingano) l approccio con la lettura. Nelle preferenze dei bambini di questa età si fanno strada i generi ( con incontrastato predominio dell horror). Molto favore incontra la narrativa di tipo realistico, possibilmente umoristica, narrata in prima persona o sotto forma di diario. Collane di narrativa di varie case editrici dedicate a questa fascia di età. Racconti mitologici e leggende. La mediazione di un adulto che ancora legge ad alta voce favorisce lo sviluppo dell interesse per tipi di storie più complesse. ETA CARATTERISTICHE DELL ETA CARATTERISTICHE DEL LIBRO ESEMPI DI LETTURA 9-11 Età di passaggio, con caratteristiche molto variabili da bambino a bambino. L accresciuta autonomia in tutta una serie di attività genera un forte bisogno di saggiare le proprie capacità e un atteggiamento di sfida nei confronti dell adulto. Forte interesse per la classificazione, il collezionismo, l organizzazione delle conoscenze, la soluzione di enigmi di ogni tipo. Progressiva differenziazione dei gusti maschili e femminili. Si consolida la lettura autonoma e si rafforzano le preferenze legate ai generi ( con horror, fantasy e giallo all apice delle preferenze). Il libro di avventura corrisponde ad un forte bisogno di proiezione del lettore ed è quindi una buona scelta a condizione che corrisponda alle reali capacità di lettura del bambino. La differenziazione dei gusti tra maschi e femmine genera una richiesta diversa di libri: da qui la fortuna delle collane che propongono storie al femminile che non hanno un corrispettivo al maschile, essendo i gusti dei maschi più legati alla letteratura di Classici Narrativa di genere (giallo, horror, rosa fantasy, fantascienza, avventura, umoristico). Alcune collane che tengono conto della differenziazione di gusti tra maschi e femmine.

7 Sviluppo del pensiero logicodeduttivo. Senso dell umorismo bizzarro, spesso legato ad argomenti proibiti ed alla trasgressività linguistica. Non di rado l umorismo è legato al nonsense. genere. Funzione importantissima dei libri che parlano dell esplorazione del sé e delle possibili relazioni con l altro. Il libro come specchio del proprio sentire e come finestra su scenari che ancora non si conoscono direttamente. AZIONI PREVISTE Attività di formazione del personale docente L attività di formazione ha avuto inizio nel II Circolo Didattico nell a.s. 2009/2010 e ha dato vita ad una serie di sperimentazioni condotte negli anni scolastici dal 2009 al Si prevedono incontri di formazione e di approfondimento di diverso tipo: GRUPPI DI LAVORO DI DOCENTI: Si incontrano periodicamente convocati dal coordinatore di progetto; hanno al proprio interno docenti rappresentanti delle varie scuole; realizzano un azione di pianificazione, ricerca e diffusione di materiali e di monitoraggio delle attività svolte. Realizzano approfondimenti, lavorando direttamente sui libri scelti dai cataloghi della migliore editoria per ragazzi, intorno alle seguenti tematiche: la diversità, l intercultura e l'inclusione; la costruzione dell identità nel bambino in rapporto alle figure adulte e al gruppo dei pari i temi storici e di attualità nella letteratura per l infanzia il fantastico e l immaginario arte, scienze e storia... oltre il sussidiario Consentono la diffusione di quanto viene attuato. GRUPPI DI FORMAZIONE: Hanno lo scopo di consentire degli approfondimenti sulla promozione della lettura a scuola attraverso il coinvolgimento di specialisti di settore. Progettazione dei percorsi per singola scuola e per classe/sezione Realizzazione delle attività; Monitoraggio e verifica; Progettazione degli sviluppi; Gestione della biblioteca scolastica. ATTIVITA Il Progetto intende promuovere nella scuola le seguenti opportunità relative alle varie fasce di età: 3/6 anni: Allestimento di di angoli di lettura nelle sezioni; Conferenze di servizio per genitori ed insegnanti con il coinvolgimento di pediatri coinvolti nel progetto Nazionale Nati per Leggere Momenti di lettura ad alta voce con il coinvolgimento di genitori; 6/11 anni: Allestimento di biblioteche di plesso con postazioni di computer con connessione per attività di lettura e ricerca; acquisto di tablet e relative applicazioni; Strutturazione di laboratori quali:

8 - Laboratorio di filosofia; - Laboratorio di ricerca con il libro di divulgazione; - Laboratorio su cinema e libro a confronto; - Laboratorio sulla storia della scrittura Attività di animazione con percorsi di lettura: Per diventare cittadini del mondo (letteratura sulla diversità, divulgazione sul tema dell educazione alla mondialità ) La costruzione dell identità; Io amo gli animali; L amicizia e lo stare insieme; La letteratura di genere: l umorismo il Fantasy il racconto di avventura ULTERIORI ATTIVITA': Attività di lettura per bambini diversamente abili con libri selezionati dalle bibliografie internazionali sull'argomento, Organizzazione di mostre mercato di libri; Sviluppo dei rapporti tra scuola e biblioteca comunale; Incontri con l autore; Visite in libreria e presso case editrici; Laboratori cre-attivi Esercizi di scrittura creativa; Laboratori di creazione del libro; Libro ed arte (leggere l arte e produrre, con mostra finale) Laboratori attivati Laboratorio di lettura tutte i plessi di Scuola dell Infanzia dell Istituto Un libro per amico classi 1 e A/B Primaria A.Grandori L isola delle fiabe classe 1 a C Primaria A.Grandori Nel mondo della fantasia e i libri straordinari classi 2 e A/B Primaria A.Grandori Uno scrigno di libri classe2 a C Primaria A.Grandori Nel mondo verde insieme al grillo parlante classi 3 e A/B/C Primaria A.Grandori Leggendo leggendo classi 4 e A/C Primaria A.Grandori Viaggio in 1^ classe classi 5 e A/B Primaria A.Grandori Un Italia da leggere classe 5 a C Primaria A.Grandori Emozioni tra le pagine classi 1 a e 2 a Primaria E.De Amicis Progetto lettura classi 3 e A/B Primaria A.Grandori Progetto lettura classi 5 e A/B Primaria A.Grandori Leggere leggeri tutte le classi Scuola Secondaria I grado B.Tecchi. MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA Il monitoraggio avverrà attraverso questionari e griglie di autovalutazione rivolta ai docenti e ai genitori degli alunni coinvolti nell attività. Saranno monitorati i seguenti aspetti: Efficacia interna: raggiungimento degli obiettivi progettuali Utilità- grado di soddisfacimento dei bisogni dei destinatari Efficienza dell organizzazione Rilevanza: congruenza tra obiettivi progettuali e bisogni formativi dei destinatari.

9 VERIFICA E VALUTAZIONE Per la verifica dei risultati saranno utilizzati i seguenti STRUMENTI ed INDICATORI: STRUMENTI: Questionari finali di rilevazione del gradimento e della soddisfazione dei bisogni formativi nei soggetti coinvolti Focus group e report periodici Osservazione sistematica dei comportamenti di operatori e studenti Analisi e le riflessioni operate dai protagonisti dell attuazione Griglie per la raccolta dei dati Relazioni analitiche di docenti e formatori Report periodici di responsabili e coordinatori Archiviazione digitale di tutti i materiali prodotti e messa in rete nei siti istituzionali dei vari istituti; INDICATORI : Numero di prestiti di libri effettuati; Incremento della lettura da parte dei bambini verificato anche attraverso un questionario ai genitori; Incremento della dotazione libraria dell istituto; Rispetto delle fasi di realizzazione del Progetto e delle attività previste; Miglioramento delle biblioteche scolastiche in termini di arredi e ambienti; TEMPI DI REALIZZAZIONE Il Progetto sarà attuato nell a.s. 2012/2013, ma si prevede la prosecuzione e l implementazione anche negli anni scolastici successivi.

10 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO Agnoli A., Biblioteca per ragazzi, Associazione Italiana Biblioteche, Roma, Augias C., Leggere, perché i libri ci rendono migliori, più allegri e più liberi, Mondadori, Milano, AA.VV., La biblioteca nel bosco. Percorsi di lettura e modelli di intervento tra educazione ambientale e letteratura per ragazzi, Editrice Bibliografica, Milano, AA.VV., Leggere prima di leggere. Dossier primi libri, in Sfoglialibro n.6, Novembre/Dicembre La differenza non è una sottrazione. Libri per ragazzi e disabilità. acura di Silvana Sola e Marcella Terrusi, Roma, Lapis edizioni, 2009 Belotti M., a cura di, Pianeta lettura: Riflessioni a più voci e proposte di intervento sulla pratica del leggere, Editrice Bibliografica, Milano, Belotti M., a cura di, Leggere oltre la scuola. Idee e percorsi per un progetto di educazione alla lettura, Editrice Bibliografica, Milano, Binazzi A., a cura di, Il laboratorio Biblioteca. Esperienze realizzate a Scuola-Città Pestalozzi, La Nuova Italia, Firenze, 1990 Cardarello R. e Chiantera A., Leggere prima di leggere: Infanzia e cultura scritta, La Nuova Italia, Firenze, De Marchi V., Per saperne di più. I libri di divulgazione per ragazzi, Mondadori, Milano, Denti R., Come far leggere i bambini, Editori Riuniti, Roma, Denti R., Lasciamoli leggere: Il piacere e l interesse per la lettura nei bambini e nei ragazzi, Einaudi, Torino, Denti R., Pitzorno B. e Ziliotto D, 100 Libri per navigare nel mare della letteratura per ragazzi, Salani Editore, Milano, Denti R., Un mondo da leggere, in LiBer 55, Luglio/Settembre Di Domenico G. e Rosco M., Comunicazione e marketing della biblioteca, Editrice Bibliografica, Milano, Fabri S., A cura di, Piccole biblioteche crescono, Mondadori, Milano, Federighi P., Le condizioni del leggere. Il ruolo della biblioteca nella formazione del lettore, Editrice bibliografica, Milano, Ferrieri L., La promozione della lettura in biblioteca. Modelli e strategie in un indagine nazionale sulle biblioteche pubbliche, Editrice Bibliografica, Milano, Ferrieri L., Targa M., Il libro sotto il banco, Editrice Bibliografica, Milano, Ficarelli E., e Miari E., a cura di, Ridere, sorridere, leggere. La difficile arte dell umorismo nei libri per ragazzi, Idest, Campi Bisenzio, Grandi W., I dolori del giovane mago, in LiBeR 53, Gennaio/Marzo Gherardi V. e Manini M., I bambini e la lettura: La cultura del libro dall infanzia all adolescenza, Carocci, Roma, Lastrego C., Testa F., Mi piace la biblioteca, Fatatrac, Firenze, Lastrego C., Francesco T., Mi piacciono i i libri, Fatatrac, Firenze, Lastrego C. Testa F., Il libro nel televisore, Fatatrac, Firenze, Lastrego C. Testa F., Biblioteca mia, Fatatrac, Firenze Lazzarato F., a cura di, Scrivere per bambini, Mondadori, Milano, Lumbelli L., a cura di, Incoraggiare a leggere. Intenzioni e comportamento verbale degli insegnanti, La nuova Italia, Firenze, Maragliano R., Didattica del libro. L insegnante come tipografo, Anicia, Roma, 1992.

11 Miari E., A che libro giochiamo?, Mondadori, Milano, Monfredini F., Parma M., Tirelli G., a cura di, Come giocare con immagini e parole. Otto laboratori sulla comunicazione, Editrice Bibliografica, Milano, Novara D, L ascolto si impara. Domande legittime per una pedagogia dell ascolto, Edizioni gruppo Abele, Torino, Ongini V., Lo scaffale multiculturale, Mondadori, Milano, Panzeri F., La biblioteca in classe, Editrice Bibliografica, Milano, Pennac D., Come un romanzo, Feltrinelli. Pietropolli Charmet G., Segnali d allarme. Disagio durante la crescita, Mondadori, Milano, Pitzorno B., Storia delle mie storie, Milano Pratiche Editrice, Rodari G., Grammatica della fantasia. Introduzione all arte di inventare storie, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, Salvatori M. L., La letteratura per ragazzi italiana dopo Rodari, in Il Pepeverde, n. 13/2002. Seveso L., a cura di, Che c è da guardare? Dibattito sull illustrazione per bambini e ragazzi in Italia, in LiBeR 52, Ottobre/Dicembre Sidoti B., Discorso a un aspirante animatore alla lettura, in Sfoglialibro, Aprile Sighinolfi V., Incontri con l autore tra scuola e biblioteca, Mondadori, Milano, Solomon N., I bambini e la lettura. Guida per genitori ed insegnanti, Armando, Roma, Tinker M. A., Prepariamo i bambini alla lettura, La Nuova Italia, Firenze, Tognolini, B e Valentino Merletti R., Leggimi forte, Salani, Milano, Valentino Merletti R., Leggere ad alta voce, Mondadori, Milano, Valentino Merletti R., Libri per ragazzi: come valutarli?, Mondadori, Milano, Vigo E., Parole animate. Idee e percorsi per un laboratorio tra lettura e scrittura, Editrice Bibliografica, Milano, Viola T. V., Sotto l ombrello del piacere di leggere, in Il Pepeverde, n. 13/2002. Zannoner P., Libro, facci ridere, Ricette di lettura e scrittura umoristica, Milano, Mondadori, Zannoner P., Come si costruisce un percorso di lettura, Milano, Mondadori, Zahler K. A., Ai bambini piace leggere, TEA, Milano, Zipes J., Oltre il giardino: L inquietante successo della letteratura per l infanzia da Pinocchio a Harry Potter, Milano, Mondadori, 2002.

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Bibliografia ragionata

Bibliografia ragionata Bibliografia ragionata (a cura di Viviana Rossanese) sez 1. NARRAZIONE INVENZIONE STORIE S. Giusti, F. Batini, G Del Sarto, Narrazione e invenzione. Manuale di lettura e scrittura creativa, edizioni Erickson,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA I.C. CORIO SCUOLA PRIMARIA C.A.Anglesio di ROCCA CANAVESE Progetto di lettura Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA CLASSE SECONDA PERCHè UN PROGETTO DI SPERI MENTAZI ONE Gruppo di lavoro I.N. CURRICOLO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli