Prof.ssa Paola Vicard

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof.ssa Paola Vicard"

Transcript

1 Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls. Il data set si riferisce a 99 studenti di cui è stata rilevata la statura in cm. Barra dei comandi Somma automatica Tasto di incolla funzione Creazione guidata del grafico Figura 1. Costruzione della distribuzione di frequenza Per costruire una distribuzione di frequenze, come prima cosa occorre la statura massima e la statura minima rilevate. (In generale occorre conoscere la modalità massima e la modalità minima osservate nella nostra popolazione). Vediamo come si fa: - nelle celle F3 scrivere il titolo MAX= e nella cella F4 scrivere il titolo MIN= - nella cella G3 scrivere la formula =MAX(D4:D102) e nella ella G4 scrivere la formula =MIN(D4:D102) nel nostro esempio il massimo è e il minimo è Nota: in alternativa il massimo e il minimo possono essere calcolati usando le funzioni implementate in Excel. Per fare ciò occorre cliccare sull icona, selezionare le funzioni statistiche e tra queste scegliere MAX (se si desidera calcolare il massimo) 1

2 oppure MIN (se si desidera calcolare il minimo) 1. In entrambi i casi si apre una finestra di dialogo. Nella linea chiamata 1 scrivere D4:D102e poi cliccare OK. Una volta trovate le stature massima e minima, occorre passare alla suddivisione in classi dell intervallo di osservazione [158.8, 183.3]. la scelta del numero delle classi è piuttosto soggettiva ed in generale dipende dall obiettivo dell analisi statistica. Come visto nel corso di Statistica, le classi possono essere di uguale ampiezza o di ampiezza diversa. Qui consideriamo il caso di classi di uguale ampiezza. Supponiamo che nel nostro esempio si decida di avere 12 classi. Una volta stabilito il numero di classi e che queste hanno uguale ampiezza, possiamo passare a definire queste classi. Visto che min=158.8 e max=183.3, possiamo considerare che il carattere statura assume valore compresi tra 158cm e 185 cm; quindi l ampiezza dell intervallo con cui il carattere si può manifestare (questo intervallo è detto range) è pari a 27cm. - Nella cella F6 scrivere Range= - Nella cella G6 scrivere la formula =27 - Nella cella F7 scrivere Ampiezza classi= - Nella cella G7 scrivere la formula =G6/12. Come risultato si ottiene nella cella I3 scrivere il titolo Estremo superiore Statura - nella cella I4 scrivere l estremo della prima classe ossia (osservate che è ottenuto 158+ampiezza classe ossia ) - nella cella I5 scrivere l estremo superiore della seconda classe ossia (osservate che è ottenuto come estremo superiore della prima classe+ampiezza classe= ) - selezionare le celle I4:I5 e spostare il cursore sull angolo in basso a destra dello spazio selezionato. Quando il cursore appare come una crocetta, premere il tasto sinistro del mouse e trascinare il cursore fino a coprire la cella I15. Lasciando il mouse si otterranno come risultato gli estremi superiori di tutte le classi, ossia , 162.5, ,..., 185. Nota: alternativamente (e in modo equivalente) gli estremi superiori delle classi possono essere calcolati come segue: - nella cella I4 scrivere l estremo della prima classe ossia =158+G7 (ossia 158+ampiezza classe; ottenete ) - nella cella I5 scrivere =I4+G$7 ossia estremo superiore della prima classe+ampiezza classe (ottenete 162.5) - Posizionare il cursore nell angolino in basso a destra della cella I5 in modo che il cursore stesso diventi una crocetta - Quando il cursore appare come una crocetta cliccare e tenere premuto trascinando la formula fino a coprire la cella I15. Scritte le classi, occorre passare al calcolo delle frequenze. - Nella cella J3 scrivere il titolo Frequenza 1 Se l icona non è presente nella barra degli strumenti, è possibili cliccare su Inserisci e nel menu che si apre scegliere Funzione. Si apre una finestra di dialogo. In questa scegliere le funzioni statistiche e tra questa scegliere Max o Min a seconda che si debba calcolare il massimo o il minimo. Si noti che Excel dispone di un elevato numero di funzioni tra cui scegliere proprio usando Inserisci/Funzione. 2

3 - Selezionare le celle J4:J16 (ossia selezionare una cella in più di quante sono le classi; questa aggiunta è utile quando si analizzano dati continui perché la classe aggiuntiva può contenere valori maggiore dell estremo superiore scelto) - Scrivere la formula =FREQUENZA(D4:D102;I4:I15) e premere contemporaneamente i tasti Ctrl e Invio. La lista delle frequenze apparirà nelle celle J4:J16. Notare che Excel inserisce in ciascuna classe quelle osservazioni (nel nostro esempio, stature) che sono minori o uguali dell estremo superiore della classe associata (ossia sulla stessa riga). Nella figura di seguito vedete come appare il risultato finale nel foglio Excel. Per completare la tabella possiamo inserire il totale. - nella cella I17 scrivere Totale - nella cella J17 usare il tasto di somma automatica Σ Premendo questo tasto equivale a scrivere la funzione =SOMMA(J4:J16) e si ottiene il totale. Il totale deve essere uguale al numero complessivo di studenti di cui è stata rilevata la statura, ossia 99. Rappresentazione della distribuzione di frequenza mediante istogramma Impariamo a rappresentare una distribuzione di frequenze mediante un istogramma. L istogramma somiglia nel sua aspetto a un diagramma a barre ma si differenza in modo sostanziale nella definizione concettuale (che avete studiato nel corso di 3

4 Statistica). Queste differenze si manifestano anche nella costruzione pratica dell istogramma mediante il software Excel. Le principali differenze sono: 1) le colonne (barre) non devono essere separate da spazi vuoti (ossia le colonne devono essere contigue) perché i dati analizzati sono continui 2) per come abbiamo costruito la distribuzione di frequenza, ogni colonna si riferisce ad un intervallo (classe) di valori e nella distribuzione è etichettata con l estremo superiore. Da un punto di vista grafico questo è scorretto e quindi nella rappresentazione dobbiamo etichettare ciascuna classe con il suo valore centrale e non con l estremo superiore. Quindi occorre calcolare il valore centrale di ogni classe e porre questo nel grafico. Vediamo innanzitutto come calcolare il valore centrale delle classi. - cliccare sull intestazione della colonna J, ossia proprio dove è scritta la lettera J (vedrete che si seleziona automaticamente tutta la colonna J). Nella barra dei comandi cliccare su Inserisci e nel menu che si apre cliccare su Colonne (in questo modo avete spostato la colonna delle frequenze alla colonna K lasciando libera la colonna J dove calcolerete i valori centrali) - nella cella J3 scrivere il titolo Valore centrale - nella cella J4 scrivere la formula =I4-G7/2 il valore centrale è dato dall estremo superiore meno la semiampiezza della classe. - nella cella J5 scrivere la formula =(I5+I4)/2 (questa è la media tra estremo superiore e inferiore della classe) - copiare la formula trascinandola fino alle cella J15 - nella cella J16 scrivere Oltre Nota: il metodo sopra illustrato per calcolare il valore centrale delle classi vali in generale (ossia per classi di uguale e di diversa ampiezza). Se, come nel nostro esempio, le classi sono di uguale ampiezza, i valori centrali delle classi possono essere calcolati anche più velocemente. Vediamo come: - nella cella J3 scrivere il titolo Valore centrale - nella cella J4 scrivere la formula =I4-G$7/2 il valore centrale è dato dall estremo superiore meno la semiampiezza della classe. - Posizionare il cursore nell angolino in basso a destra della cella J4 in modo che il cursore stesso diventi una crocetta - Quando il cursore appare come una crocetta cliccare e tenere premuto trascinando la formula fino a coprire la cella J15. - nella cella J16 scrivere Oltre Produrre l istogramma delle frequenze (si possono rappresentare le frequenze perché le classi sono di uguale ampiezza) nelle celle K3:K16 (titolo incluso) usando i valori centrali come etichette dell asse X. - selezionare le celle K3:K16 (includendo nella selezione anche il titolo) - cliccare sull icona di creazione guidata del grafico per aprire la prima finestra di dialogo Passo 1 - Controllare che la pagina attiva sia Tipi standard - Tra le opzioni in Tipo di grafico selezionare Istogramma 4

5 - Selezionare la prima tra le Scelte disponibili nella parte destra della finestra di dialogo - Cliccare su Avanti Passo 2 - Controllare che la pagina attiva sia Intervallo dati - Confermare nello spazio sotto il grafico che Intervallo dati e Serie siano in Colonne - Sempre all interno della stessa finestra di dialogo cambiare pagina e passare da Intervallo dati a Serie - Nella parte in basso di questa finestra cliccare nello spazio bianco posto accanto alla dicitura Etichette asse categorie (X). Le etichette sono le modalità del carattere (ossia, nel nostro esempio, i valori in J4:J16) - per inserire le etichette di X, cliccare sulla freccetta rossa alla destra dello spazio bianco accanto alla dicitura Etichette asse categorie (X). - Selezionare le celle J4:J16 e premere Invio - Cliccare su Avanti Passo 3 - Sulla pagina Titoli, scrivere il Titolo del grafico (nel nostro esempio distribuzione di 99 studenti per statura); scrivere il nome dell Asse delle categorie (X) (nel nostro esempio Statura); scrivere il nome dell Asse dei valori (Y) (nel nostro esempio n di studenti) - Sulla pagina Assi, confermare che Asse delle categorie (X) è fissato su Automatico - Sulla pagina Griglia, deselezionare tutte i tipi di griglie - Sulla pagina Legenda, deselezionare l opzione Mostra legenda - Sulla pagina Etichette dati, assicurarsi che sia selezionato Assente - Sulla pagina Tabella dati assicurarsi che Mostra tabella dati non sia selezionato - Cliccare su Avanti Passo 4 - Posiziona il grafico Come oggetto in, ossia nel foglio di lavoro corrente - Cliccare su Fine Terminata questa fase, è ancora necessario apportare delle modifiche al grafico in modo da: 1) eliminare gli spazi vuoti tra le colonne 2) rendere chiara l associazione tra il segmentino sull asse orizzontale ed i valori centrali. Vediamo come fare. Innanzitutto, se, quando si seleziona il grafico, la barra degli strumenti per editare il grafico è ancora aperta chiuderla cliccando sulla piccola x nell angolo in alto a destra. Come modificare l area del grafico - Cliccare sull area del tracciato (per fare questo posizionare il cursore nell area all interno degli assi evitando le colonne e poi cliccare) - Nella barra dei comandi cliccare su Formato. Nel menu che si apre cliccare su Area del tracciato. Si apre una finestra di dialogo chiamata Motivo. - Tra le opzioni per Bordo, scegliere Assente - Tra le opzioni per Area scegliere Assente - Cliccare su OK 5

6 Come eliminare lo spazio tra le colonne: - cliccare su una delle colonne del grafico - nella barra dei comandi cliccare su Formato. Nel menu che si apre cliccare su Serie dei dati selezionati. Si apre una finestra di dialogo chiamata Formato serie dati. - Tra le pagine disponibili in questa finestra scegliere Opzioni. - Nello spazio destinato a Spazio tra le barre inserire 0 - Cliccare su OK Sistemazione dei segmentini sull asse delle X. - posizionare il cursore sull asse orizzontale e cliccare - Nella barra dei comandi cliccare su Formato. Nel menu che si apre cliccare su Asse selezionato. Si apre una finestra di dialogo chiamata. - Nella pagina Motivo: 1) tra le opzioni per Segno di graduazione principale, scegliere Interno 2) tra le opzioni per Segno di graduazione secondario, scegliere Interseca - nella pagina Allineamento fissare Orientamento a 90 - Cliccare su OK Alla fine di questa procedura otterrete il grafico seguente: Distribuzione di 99 studenti per statura n studenti Altro Statura Figura 2 Se non si è soddisfatti del grafico, è possibile anche cambiare la divisione in classi. In tal caso, è necessario ricostruire ex novo la tabella di frequenza e quindi il grafico. Le frequenze relative e percentuali Torniamo alla nostra distribuzione di frequenze. Osserviamo che le frequenze che abbiamo calcolato usando la funzione FREQUENZA di Excel sono le frequenze 6

7 assolute. A partire da queste è molto semplice calcolare anche le frequenze relative e le frequenze percentuali. Basta seguire gli stessi passi visti nella nota 1 per il caso dei caratteri quantitativi discreti. In sostanza, torniamo quindi al nostro foglio excel. Sappiamo che nella cella K17 si trova il totale. Quindi non ci resta che calcolare le frequenze relative dividendo ogni frequenza assoluta per il totale delle osservazioni (ossia 99). - Nella cella L3 scrivere il titolo Freq. Rel. - posizionarsi nella cella L4 e scrivere la formula =K4/K$17 - Posizionare il cursore nell angolino in basso a destra della cella L4 in modo che il cursore stesso diventi una crocetta - Quando il cursore appare come una crocetta cliccare e tenere premuto trascinando la formula fino a coprire la cella L16. Possiamo controllare di avere eseguito correttamente questo calcolo, facendo la somma delle frequenze relative. Infatti, sappiamo che questa somma è sempre pari a uno. A questo scopo - nella cella L17 usare il tasto di somma automatica Σ. Così si esegue in automatico il calcolo della funzione =SOMMA(L4:L16) e si ottiene il totale. Il totale deve essere uguale 1. Ricordiamo i passaggi per il calcolo delle frequenze percentuali. - Nella cella M3 scrivere il titolo Freq. % - posizionarsi nella cella M4 e scrivere la formula =L4*100 - Posizionare il cursore nell angolino in basso a destra della cella M4 in modo che il cursore stesso diventi una crocetta - Quando il cursore appare come una crocetta cliccare e tenere premuto trascinando la formula fino a coprire la cella M16. - Controllare che l operazione sia stata bene eseguita calcolando il totale. Ossia nella cella M17 usare il tasto di somma automatica Σ. Così si esegue in automatico il calcolo della funzione =SOMMA(M4:M16) e si ottiene il totale. Il totale deve essere uguale 100. Costruzione della distribuzione di frequenze e del grafico usando il comando Istogramma. Un metodo alternativo per la costruzione di tabelle di frequenze e di istogrammi consiste nell uso del comando Istogramma. Il comando Istogramma fa parte di quegli strumenti di Analisi dei dati che si rendono disponibili una volta installati cliccando, nella barra dei comandi, su Strumenti e scegliendo nel menu Componenti aggiuntivi. Una volta cliccato su componenti aggiuntivi si apre una finestra di dialogo. Controllare che sia selezionata la casellina relativa a Strumenti di analisi (se è già selezionata, mantenerla selezionata). Fatto ciò, cliccare su OK. Anche il comando istogramma si basa sull uso degli estremi superiori delle classi. Pertanto gli estremi superiori possono essere ricavati esattamente come visto a pag.2 della presente nota. 7

8 Possiamo quindi fare riferimento ai fini dell illustrazione di questo metodo alla lista Estremo superiore statura che si trova nelle celle I3:I15 (titolo incluso). Vediamo come procedere. - nella barra dei comandi cliccare su Strumenti - dal menu che si apre cliccare su Analisi dati - nella lista degli strumenti di analisi selezionare Istogramma e premere OK Si apre una finestra di dialogo in cui occorre inserire una serie di informazioni per la costruzione della tabella e del grafico: - per quanto riguarda Intervallo di input, posizionarsi nello spazio bianco accanto e cliccare sulla freccetta rossa a destra dello spazio bianco. Selezionare tutte le celle D3:D102 relative alla lista delle stature (titolo incluso). Premere Invio - per quanto riguarda Intervallo della classe, posizionarsi nello spazio bianco accanto e cliccare sulla freccetta rossa a destra dello spazio bianco. Selezionare tutte le celle I3:I15 relative alla lista degli estremi superiori delle classi (titolo incluso). Premere Invio - selezionare la casellina accanto ad Etichette (in questo modo si esprime che nelle liste di dati fornite nei due passi precedenti sono stati inclusi anche i titoli) - inseriamo l output in un nuovo foglio di lavoro e quindi controlliamo che sia selezionata l opzione Nuovo foglio di lavoro - infine non resta che selezionare l output grafico desiderato. Ai nostri fini basta selezionare la casella Grafico in output - Premere OK. A differenza dell istogramma prodotto con il metodo precedente, questo riporta sull asse delle X gli estremi superiori delle classi. Per una migliore rappresentazione, ossia per ottenere un risultato come quello mostrato in Figura 2, è necessario - sostituire nella tabella di frequenza data in output dal comando Istogramma i valori degli estremi superiori delle classi con i valori centrali (nel caso in cui detti valori centrali non siano stati calcolati, calcolarli usando il metodo visto a pag. 4 di questa nota). Come fare questa sostituzione. a) Una volta calcolati i valori centrali (nel nostro esempio consideriamo quelli nel foglio di lavoro dati nelle celle per J3:J15, titolo incluso) ricopiarli. Per fare questo occorre selezionare le celle J3:J15 nel foglio dati, cliccare su Modifica e poi scegliere nel menu Copia. b) Quanto copiato va poi incollato nel foglio di lavoro dove è l output del metodo istogramma (nel nostro esempio abbiamo chiamato questo foglio metodo Istogramma ). Passare al foglio di lavoro metodo Istogramma. Cliccare sulla cella A1 (ossia la cella con il titolo Estremo superiore Statura) quindi cliccare su Modifica e poi scegliere nel menu Incolla speciale. A questo punto si apre una finestra di dialogo e nello spazio dedicato a Incolla selezionare Valori. Premere OK. - Effettuare tutte le modifiche viste a pag. 5 della presente nota per: modificare l area del grafico, eliminare lo spazio tra le colonne, sistemare i segmentini sull asse delle X. Osservazione 1: qualunque dei due metodi illustrati venga usato per costruire la tabella, Excel lavora assumendo implicitamente che ciascuna classe sia aperta a 8

9 sinistra (ossia l estremo inferiore sia escluso) e sia chiusa a destra (ossia l estremo superiore è incluso nella classe). Osservazione 2: la funzione Istogramma consente anche: 1) di calcolare le frequenze percentuali cumulate e 2) di costruire la funzione di ripartizione. Per fare questo basta selezionare nella finestra di dialogo di Istogramma, oltre a Grafico in output, anche Percentuale cumulativa. Classi di ampiezza diversa Quanto illustrato fino ad ora si riferisce al caso di caratteri quantitativi raggruppati in classi di uguale ampiezza. Consideriamo ora il caso di classi di ampiezza diversa. Ricordiamo che come valore minimo abbiamo assunto 158cm e come valore massimo 185cm. Prendiamo come estremi superiori i seguenti valori: 162, 165, 167, 169, 171, 173, 175, 177, 179, 182, nella cella P3 scrivere il titolo Estremo superiore Statura - nella cella P4 scrivere l estremo della prima classe ossia 162 (ossia l ampiezza della prima classe è 4). - nella cella P5 scrivere l estremo superiore della seconda classe ossia 165 (ossia l ampiezza della prima classe è 3) - nella cella P6 scrivere 167 (ossia l ampiezza della prima classe è 2). - Procedere nello stesso modo inserendo uno dopo l altro gli estremi superiori fino a riempire la cella P14. Scritte le classi, occorre passare al calcolo delle frequenze ripetendo quanto visto a pag. 2 della presente nota. Ricapitolando: - Nella cella Q3 scrivere il titolo Frequenza - Selezionare le celle Q4:Q15 (ossia selezionare una cella in più di quante sono le classi) - Scrivere la formula =FREQUENZA(D4:D102;P4:P14) e premere contemporaneamente i tasti Ctrl e Invio. La lista delle frequenze apparirà nelle celle Q4:Q15. Excel non consente di effettuare un corretta rappresentazione grafica della distribuzione con classi diverse. Questo perché non dispone della possibilità di produrre grafici a colonne di base diversa. Noi potremmo, pertanto, anche calcolare le densità ma poi non abbiamo lo strumento grafico adeguato. Limitiamoci a vedere come calcolare le densità. Supponiamo di essere interessati in particolare al calcolo delle densità relative. Si ricordi che la densità relativa per la generica classe i è definita come segue: freq. rel. freq. ass. classe i densità relativa = = classe i ampiezza n ampiezza classe i classe i classe i Innanzitutto costruiamo la colonna per l ampiezza delle classi. - nella cella R3 scrivere il titolo Ampiezza - nella cella R4 scrivere l ampiezza della prima classe. Questa può essere calcolata usando una formula. Si ricordi che abbiamo fissato pari a 158 l estremo inferiore potenzialmente osservabile. Allora l ampiezza della prima 9

10 classe si calcola scrivendo =P4 158 (ossia come differenza tra estremo superiore ed estremo inferiore della classe) - nella cella R5 scrivere l ampiezza della seconda classe usando la formula =P5 P4 (ossia, anche qui, calcolando la differenza tra estremo superiore ed estremo inferiore della classe) - le ampiezze delle altre classi possono essere calcolate trascinando la formula. Trascinare la formula scritta nella cella R5 fino a coprire la cella R14. Avendo calcolato le ampiezze, possiamo costruire la colonna delle densità. Questo può essere fatto o calcolando prima la colonna delle frequenze relative e poi le densità oppure calcolando direttamente la densità. Dal momento che abbiamo già visto varia volte come calcolare le frequenze relative, consideriamo la seconda opzione e quindi calcoliamo direttamente le densità 2. - nella cella S3 scrivere il titolo Densità relativa - nella cella S4 scrivere la formula =Q4/(Q$17*R4). Abbiamo messo il $ davanti al codice di riga di Q17 perché nella cella Q17 si trova il totale. - Posizionare il cursore nell angolo in basso a destra di S4 in modo che il cursore diventi una crocetta. Cliccare e tenere premuto trascinando la formula fino a coprire la cella S14. 2 Rimane inteso che, qualora si scegliesse la prima opzione, il risultato finale sarebbe lo stesso. 10

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio1_dati.xls.

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo i dati nel file esercizio10_dati.xls.

Dettagli

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli.

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Esercizio 1 Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Tabella A 138 150 144 149 164 132 125 157 161 135 150 145 145 142 156

Dettagli

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Consideriamo i dati contenuti nel primo foglio di lavoro (quello denominato dati) del file esempio2.xls. I dati si riferiscono

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data

Dettagli

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra 4.5 Stampa 4.5.1 Stampare semplici fogli elettronici 4.5.1.1 Usare le opzioni di base della stampa Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando Stampa dal menu File o si utilizza

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Foglio elettronico Le seguenti indicazioni valgono per Excel 2007, ma le procedure per Excel 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE 1. PREPARAZIONE 1. Aprire Microsoft Office Excel 2007. 2. Creare una nuova cartella di lavoro. 3. Aggiungere due fogli di lavoro come mostrato in figura: 4. Rinominare i

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Costruire formule in Excel Per gli utenti di altri programmi di foglio di calcolo, come ad esempio Lotus 1-2-3,

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate Indice 1 Statistiche Univariate 1 1.1 Importazione di un file.data.............................. 1 1.2 Medie e variabilità................................... 6 1.3 Distribuzioni di frequenze...............................

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

progetti guidati EXCEL Dalla tabella statistica al relativo grafico

progetti guidati EXCEL Dalla tabella statistica al relativo grafico EXCEL progetti guidati Dalla tabella statistica al relativo grafico L interpretazione di dati relativi all andamento di un particolare fenomeno risulta più agevole se tali dati sono rappresentati in forma

Dettagli

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico IFTS anno formativo 2012-2013 Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico Esperto Salvatore Maggio FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica.

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. Il lavoro si presenta piuttosto lungo, ma per brevità noi indicheremo come creare la pagina iniziale,

Dettagli

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Premessa Excel 2003 è un programma della suite di office 2003, in grado di organizzare e gestire tabelle

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it TEST: Word & Excel 1. Come viene detta la barra contenente il nome del documento? A. barra del titolo B. barra di stato C. barra del nome D. barra dei menu 2. A cosa serve la barra degli strumenti? A.

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

[Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel

[Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel [Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel Aperta in Excel una nuova cartella (un nuovo file), salviamo con nome in una precisa nostra cartella. Cominciamo con la Formattazione del foglio di lavoro.

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Piccola guida a Microsoft Word 2003

Piccola guida a Microsoft Word 2003 Pagina 1 di 8 Indice Piccola guida a Microsoft Word 2003 ELEMENTI DI CARATTERE GENERALE I. Per visualizzare le barre degli strumenti II. Per inserire un intestazione o un piè di pagina III. Per modificare

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE DELLE COMPETENZE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA

PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE DELLE COMPETENZE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA MODULO 4 : EXCEL ESERCITAZIONE N 1 Dopo avere avviato il Programma EXCEL (Start-Programmi-Excel) eseguire le seguenti istruzioni: 1. Impostare le larghezze delle colonne con i seguenti valori: Col. A:

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Esportare dati da Excel

Esportare dati da Excel Esportare dati da Excel Per esportare i fogli di Excel occorre salvarli in altri formati. Si possono poi esportare direttamente i dati da un foglio di Excel in un foglio dati di Access, mentre per altri

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Inserimento Tabella Pivot 1 30/03/2009. Ing.

Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Inserimento Tabella Pivot 1 30/03/2009. Ing. Lezione del 17 marzo 2009 Tabella pivot e macro Tabella Pivot Inserimento Tabella Pivot 1 Strumento potentissimo per effettuare velocemente calcoli e aggregazioni su liste complesse Si seleziona la tabella

Dettagli

LA FINESTRA DI EXCEL

LA FINESTRA DI EXCEL 1 LA FINESTRA DI EXCEL Barra di formattazione Barra degli strumenti standard Barra del titolo Barra del menu Intestazione di colonna Contenuto della cella attiva Barra della formula Indirizzo della cella

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II 1. Riesame delle conoscenze 2. Lavorare sui grafici 3. Ridimensionamento di righe e colonne 4. Le formule 5. Utilizzo di

Dettagli

Libri di testo (suggeriti)

Libri di testo (suggeriti) AVVISO: dal prossimo mercoledì, faremo lezione 14:00 16:00 Fino ad avviso contrario, sempre nell aula P2 Sito del corso http://www.di.unisa.it/professori/zizza/lab_bio/inizio.htm Libri di testo (suggeriti)

Dettagli

Strumenti Informatici 8.1. Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS

Strumenti Informatici 8.1. Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS 1 Strumenti Informatici 8.1 Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS Il test della binomiale (o test dei segni) può essere eseguito con Excel impostando le formule adeguate

Dettagli

Appunti di Excel Macro Convalida Filtri Cerca.vert ---------------------------- Giuseppe Quaggiotto. Macro con Excel

Appunti di Excel Macro Convalida Filtri Cerca.vert ---------------------------- Giuseppe Quaggiotto. Macro con Excel Macro con Excel Le macro sono un insieme di comandi (istruzioni) per eseguire semplici e ripetitivie sequenze di operazioni. Le macro sono costruite con un linguaggio di programmazione detto Visual Basic

Dettagli

Videoscrittura con OpenOffice Writer V

Videoscrittura con OpenOffice Writer V Videoscrittura con OpenOffice Writer V Videoscrittura con OpenOffice Writer V 1. Importare fogli di calcolo o altri oggetti 2. Tabulazione 3. Realizzazione di un volantino con suddivisione in colonne 4.

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Il raggruppamento e la struttura dei dati sono due funzioni di gestione dati di Excel, molto simili tra

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

DIAGRAMMA CARTESIANO

DIAGRAMMA CARTESIANO DIAGRAMMA CARTESIANO Imparerai ora a costruire con excel un diagramma cartesiano. Inizialmente andremo a porre sul grafico un solo punto, lo vedremo cambiare di posizione cambiando i valori nelle celle

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Per ottenere le statistiche descrittive di una o più variabili in Excel occorre utilizzare le funzioni, che sono operatori matematici,

Dettagli

corretta Domanda testo lunedì 28 dicembre 2009 Pagina 1 di 34 Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura?

corretta Domanda testo lunedì 28 dicembre 2009 Pagina 1 di 34 Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura? Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura? che quei valori sono ricavati da una formula che quei valori non sono ammessi dalle regole di convalida dei dati che quei valori sono sbagliati perché nell'esercizio

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Grafici Grafico a barre Servono principalmente per rappresentare variabili (caratteri) qualitative, quantitative e discrete. Grafico a settori circolari (torta)

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel

Fogli Elettronici: MS Excel Fogli Elettronici: MS Excel Informatica - A.A. 2010/2011 - Excel 7.0 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di: organizzare insiemi di dati

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III

Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione 2. Tabelle Pivot per l'analisi dei dati 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione Somme

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

Formattazione e Stampa

Formattazione e Stampa Formattazione e Stampa Formattazione Formattazione dei numeri Formattazione del testo Veste grafica delle celle Formattazione automatica & Stili Formattazione dei numeri Selezionare le celle, poi menu:

Dettagli

9 Word terza lezione 1

9 Word terza lezione 1 9 Word terza lezione 1 Elenchi puntati È possibile inserire elenchi puntati tramite un icona sulla barra di formattazione o tramite il menu formato Elenchi puntati e numerati 2 Elenchi numerati Il procedimento

Dettagli