ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO"

Transcript

1 FONDAZIONE ISTITUTO PER LA FINANZA E L ECONOMIA LOCALE DELLA CAMPANIA IFEL CAMPANIA. DISCIPLINARE TECNICO Procedura aperta per l affidamento di servizi tecnico specialistici di tipo tecnologico per la manutenzione ed assistenza applicativa del software SisteMA61. 1

2 INDICE 1 PREMESSA GENERALE OGGETTO DELLE PRESTAZIONI OGGETTO DEL CONTRATTO CONCETTI GENERALI IL SERVIZIO APPLICATIVO SISTEMA REQUISITI TECNICI DI SISTEMA DESCRIZIONE DI DETTAGLIO DELLA FORNITURA PRESA IN CARICO DEL SISTEMA SOFTWARE SISTEMA IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE CORRETTIVA IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ADEGUATIVA IL SERVIZIO DI ASSISTENZA APPLICATIVA IL GRUPPO DI LAVORO RESPONSABILE DELLA FORNITURA DI SERVIZI RICHIESTI PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI ANALISTA FUNZIONALE ANALISTA PROGRAMMATORE DBA MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLA FORNITURA ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ I LIVELLI DI SERVIZIO VERIFICA DELLA FORNITURA

3 1 PREMESSA GENERALE I servizi di Assistenza Tecnica all Obiettivo Operativo 6.1. P.O. FESR Campania sono erogati dalla Fondazione IFEL Campania e sono articolati in linee di attività tutte rivolte all attuazione del citato obiettivo operativo e che si caratterizza per l adozione da parte della Regione Campania di un modello di governance / delega ad Enti Territoriali di scala subordinata (le Amministrazioni Comunali), per l attuazione di Programmi Integrati di Riqualificazione urbana e territoriale. Al riguardo, la Regione Campania si è dotata di sistemi informativi per il monitoraggio dei progetti finanziati con il Programma Operativo FESR , osservando quanto previsto dall art. 24 del Reg. (CE) n. 1083/2006, dal Quadro Strategico Nazionale, dallo stesso POR FESR. Per l obiettivo in oggetto, il sistema informativo approntato è denominato SisteMA61, la cui architettura ed organizzazione è in accordo con il quadro di governance multilivello citato, in cui le soluzioni tecnologiche adottate devono consentire: a) la condivisione informativa di tutti i processi attuativi e procedurali - in cui si articolano i PI realizzati dalle Città, rispondendo inoltre ad una logica di servizio a più attori (le Città), b) la centralizzazione alla Regione Campania delle funzioni di monitoraggio e rendicontazione dei P.I. citati, c) l interoperabilità con altri sistemi informativi e strumenti predisposti dalla Regione Campania ed in primis con il sistema S.M.I.L.E. (Sistema di Monitoraggio integrato locale europeo) atto a validare i dati di attuazione fisica/finanziaria/procedurale per tutti i Programmi regionali della Campania cofinanziati dal FESR SisteMA61 deve consentire, da un lato, di ottenere una accurata indicazione dell effettivo stato di avanzamento attuativo e procedurale dei PI realizzati dalle Città, dall altro l alimentazione / la produzione di un flusso costante di dati amministrativi e contabili inseriti dalle singole Città e consentire l arricchimento di ulteriori informazioni anche qualitative. In questo modello, le Città inviano alla Regione Campania, un flusso informatico di dati contabili per i necessari controlli e accertamenti, questi ultimi ad opera di IFEL Campania, con specifico riguardo alle funzionalità di (i) gestione degli andamenti procedurali ed attuativi dei Programmi Integrati su citati, (ii) osservanza della conformità normativa e procedurale (quest ultimo punto conduce alla necessaria previsione dei relativi interventi di adeguamento e verifica). In conclusione, il corretto funzionamento di SisteMA61 è indispensabile sia per la gestione dei citati Programmi Integrati - al fine di verificare costantemente lo stato di avanzamento delle attività programmate e ottenere informazioni sul grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati che per l efficace erogazione da parte di IFEL dei servizi di AT: entrambe le esigenze conducono alla rilevazione di fabbisogni di servizi di aggiornamento, adeguamento, manutenzione e sviluppo della piattaforma informatica, includendo l affiancamento e la formazione delle risorse coinvolte. 2 OGGETTO DELLE PRESTAZIONI 2.1 OGGETTO DEL CONTRATTO L oggetto della fornitura è rappresentato dall insieme dei servizi e delle attività volti ad assicurare la piena operatività del Sistema Informativo SisteMA61 (Sistema Informativo per la gestione ed il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale degli interventi cofinanziati dal PO FESR Campania Obiettivi operativi 6.1 e 7.1 della Regione Campania) ed a garantire le sue esigenze di 3

4 adeguamento, adeguamento e sviluppo operativo, secondo le indicazioni riportate di seguito: 1. Manutenzione Correttiva 2. Manutenzione Adeguativa 3. Assistenza Applicativa Tutte le tipologie citate includono attività di: a) rilascio di correzioni al software (patch), b) adeguamento dello stesso ai mutamenti legislativi, c) rilascio di nuove versioni del sistema standard standard. Tutti i servizi sopra indicati devono rispettare le caratteristiche minime stabilite nel Capitolato speciale d appalto, pena l esclusione dalla procedura di gara. 3 CONCETTI GENERALI 3.1 IL SERVIZIO APPLICATIVO SISTEMA61 SisteMA61 è il sistema informativo per la gestione ed il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale degli interventi cofinanziati dal PO FESR Campania , Asse VI, Obiettivo Operativo 6.1 "Città medie. Il sistema informativo è finalizzato alla raccolta, elaborazione e trasmissione dei dati relativi all'obiettivo Operativo 6.1 "Città medie", Asse VI del PO FESR e, per le attività ad esso strettamente correlate, all Obiettivo Operativo 7.1 Assistenza tecnica, Asse 7. Di seguito si sintetizzano le peculiarità dell Obiettivo Operativo 6.1 del PO FESR Campania che hanno reso necessaria l adozione di un sistema di monitoraggio: - esigenza di gestione di Programmi integrati, ancor prima che di progetti - gestione di tali Programmi ad opera degli Organismi Intermedi ) convalida delle spese direttamente in capo agli Organismi Intermedi - fruibilità via Web di tutte le funzionalità e di tutte le fasi progettuali - esigenza di demandare all Organismo Intermedio la convalida delle spese - esigenza di rispetto della separatezza dei ruoli e delle funzioni all interno delle varie Autorità cittadine (conformemente Sistemi di Gestione e Controllo) - duplice e contrastante esigenza di rispetto dell autonomia degli Organismi Intermedi e di controllo non invadente delle attività loro delegate - coadiuvare il Team dell Obiettivo Operativo 6.1 nella gestione e nell analisi dei dati di Programma e di progetto rispetto dell obbligo, per tutte le Città medie, di utilizzare un applicativo informatico di monitoraggio, un sistema organico e basato su modalità operative univoche e standardizzate che ha permesso anche di investire per tali attività parte delle risorse assegnate alle Città medie 3.2 REQUISITI TECNICI DI SISTEMA61 Anagrafica applicativo Scheda Anagrafica Applicativo SisteMA61 Nome breve applicativo software Nome lungo applicativo software Tipo applicativo software SisteMA61 Sistema informativo per la gestione ed il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale degli interventi cofinanziati dal POR FESR Campania Obiettivi operativi 6.1 e 7.1 Applicazione Web Data di realizzazione 2009 Piattaforma software lato server Web app: Jboss Dms: Alfresco 3.4d 4

5 Piattaforma software lato client Framework di sviluppo Spago Ambiente di reportistica (se presente) - DBMS Sistema Operativo Server Supporto Firma digitale (S/N) Volume dati trattati (in Giga Byte) Traffico dati (in Mega Byte) MS Internet Explorer, Firefox Oracle 9i Windows Server 2003 R2 N 20 GB per jboss 150 GB per Alfresco < 2MB per jboss Classificazione dell'applicativo Gestionale, workflow Descrizione funzionale Modalità di accesso Tipo di autenticazione (UserID e Password / Nessuna) Protocollo di comunicazione (se applicativo Web) Vengono gestiti i profili di accesso al sistema? (S/N) Numero di utenti utilizzatori del sistema Documentazione disponibile (S/N) Sorgenti software applicativo disponibili per manutenzione (S/N) Standard tecnologici supportati la gestione ed il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale degli interventi cofinanziati dal PO FESR Campania Obiettivi operativi 6.1 e 7.1 della Regione Campania Internet < > UserID e Password chiaro (HTTP) S ~ 220 S S XSL, XML, Web Services La documentazione tecnico/funzionale del sistema informatico SisteMA61 è disponibile in visione presso la sede di Napoli, Centro Direzionale Is. A6, e può essere consultata previo appuntamento, da concordare esclusivamente a mezzo FAX/PEC, ai recapiti evidenziati all articolo 1 del disciplinare di gara. 4 DESCRIZIONE DI DETTAGLIO DELLA FORNITURA Come su descritto, la realizzazione dello strumento software SisteMA61, la gestione del suo funzionamento, l aggiornamento, la manutenzione, l adeguamento alla normativa e il suo sviluppo nel tempo, rappresentano servizi le cui finalità sono: (i) permettere la visione integrata dell andamento complessivo dell attuazione dell ob.op del PO FESR Regione Campania e dei Programmi Integrati in cui si articola, attraverso la omogeneizzazione dei dati e delle procedure di inserimento e controllo degli stessi; (ii) accrescere l efficienza delle procedure di trasmissione dei dati dai sistemi informativi locali ai sistemi informativi regionali, razionalizzando e omogeneizzando le stesse. L elenco dei servizi che costituiscono la prestazione di servizi richiesta in oggetto, sono: 5

6 1. Supporto alla gestione del sistema software SisteMA61 : prevede le attività da svolgere per acquisire le conoscenze tecnico/funzionali del sistema informatico, con particolare riguardo alle procedure di raccolta dei dati, ai requisiti di rilevazione delle informazioni e di interoperabilità tra i diversi sistemi dei diversi soggetti. 2. Supporto alla manutenzione correttiva: comprende le attività da svolgere per eliminare i malfunzionamenti nel software applicativo, sulla base di criticità insorte e sulla rilevazione di esigenze segnalate da IFEL Campania. I malfunzionamenti e gli errori dei programmi devono essere opportunamente recepiti dal Soggetto aggiudicatario, attraverso la predisposizione di un apposito servizio di raccolta delle segnalazioni, attivo dalle ore 09:00 alle ore 18:00, dal lunedì al venerdì, festivi esclusi. Il servizio di manutenzione sarà erogato dal Fornitore con interventi diretti sia presso le sedi e gli uffici della Regione Campania che in teleassistenza o con interventi telefonici, a seconda delle necessità e della complessità degli interventi stessi. 3. Supporto alla manutenzione adeguativa: comprende le attività da svolgere per adeguare il software applicativo SisteMA61 ad eventuali cambiamenti dello scenario normativo di riferimento. Tali interventi devono essere opportunamente pianificati e realizzati nei tempi definiti con IFEL Campania. 4. Assistenza Applicativa: comprendente le attività da svolgere per: a. garantire il supporto tecnico agli utenti interni ed esterni (Organismi Intermedi) per il caricamento dei dati afferenti all Obiettivo Operativo 6.1; b. garantire il supporto tecnico-operativo necessario al completamento delle fasi di certificazione con la trasmissione dei dati fra il sistema SW oggetto della presente offerta, SisteMA61, ed il sistema unico di monitoraggio della Regione Campania. Di seguito, si descrivono in modo più dettagliato gli elementi che costituiscono la fornitura. 4.1 PRESA IN CARICO DEL SISTEMA SOFTWARE SISTEMA61 Comprende il subentro dell aggiudicatario nell attività di manutenzione correttiva, adeguativa e di assistenza applicativa del sistema informativo SisteMA61. In particolare tale attività deve essere completata in un periodo massimo di 30 (trenta) giorni a partire dalla data di avvio dei lavori. In caso di inosservanza del termine suddetto, IFEL Campania potrà chiedere la risoluzione del contratto. In questo caso la risoluzione si verifica di diritto secondo quanto stabilito dagli artt e ss. del codice civile. 4.2 IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE CORRETTIVA Comprende la correzione di eventuali sopravvenuti malfunzionamenti del Prodotto, consistente nella predisposizione e nell invio ad IFEL Campania di una nuova release contenente le correzioni del Prodotto atte a rimuovere il malfunzionamento. I tempi di risoluzione del problema sono in correlazione con il livello di gravità del problema e sono tali da garantire il rispetto degli SLA minimi richiesti, riportati più avanti. Le nuove release del Prodotto contenenti correzioni di malfunzionamenti verranno sviluppate presso il Fornitore ed installate presso IFEL Campania per la verifica preventiva e quindi la successiva installazione in produzione. 6

7 Il servizio sarà, in ogni caso prestato in relazione all ultima, inalterata, release del Prodotto resa disponibile dal Fornitore ad IFEL Campania. 4.3 IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ADEGUATIVA Comprende la predisposizione e l invio ad IFEL Campania di quelle implementazioni del Prodotto, originati da mutamenti della legislazione nazionale e comunitaria in materia. Le nuove release del Prodotto contenenti adeguamenti normativi, verranno sviluppate presso il Fornitore ed installate presso IFEL Campania. Anche in questo caso, come per la manutenzione correttiva, Il servizio sarà, in ogni caso prestato in relazione all ultima, inalterata, release del Prodotto resa disponibile dal Fornitore ad IFEL Campania. 4.4 IL SERVIZIO DI ASSISTENZA APPLICATIVA Infine, il servizio di assistenza applicativa prevede l erogazione di interventi tecnici relativi a: 1. garantire il supporto tecnico agli utenti interni ed esterni (Organismi Intermedi) per il caricamento dei dati afferenti all Obiettivo Operativo 6.1; 2. garantire il supporto tecnico-operativo necessario al completamento delle fasi di certificazione con la trasmissione dei dati fra il sistema SW oggetto della presente offerta, SisteMA61, ed il sistema unico di monitoraggio della Regione Campania. Tale servizio sarà attivato, nell ambito della durata del contratto, su specifica richiesta di IFEL Campania. Nell ambito del servizio di assistenza applicativa IFEL Campania si riserva la facoltà di richiedere la presenza in loco del personale del Fornitore per un massimo di 4 giorni lavorativi mensili per un totale, quindi, di almeno 76 giorni lavorativi per tutta la durata contrattuale. Sarà valutato come elemento migliorativo della fornitura l incremento del numero di giornate lavorative offerte presso la sede di IFEL Campania. 5 IL GRUPPO DI LAVORO Per il presente progetto, il Soggetto Aggiudicatario dovrà mettere a disposizione proprio personale rispondente ai profili di seguito specificati e dotato di caratteristiche professionali, quanto meno, equivalenti a quelle indicate. Per ogni figura professionale andranno forniti, in fase di offerta, i nominativi e i curricula professionali. In corso d'opera sono ammissibili eventuali sostituzioni di personale purché con figure rispondenti ai requisiti richiesti e previa comunicazione ad IFEL Campania con almeno quindici giorni di anticipo; IFEL Campania si riserva la facoltà di verifiche richiedendo documentazione aziendale a supporto delle qualifiche fornite. 5.1 RESPONSABILE DELLA FORNITURA DI SERVIZI RICHIESTI Entro 15 giorni solari dalla data di inizio lavori, il Fornitore dovrà designare il proprio Referente (anche identificato, nel corso del presente documento, quale Responsabile di Progetto) dandone comunicazione al Direttore dell esecuzione dell appalto per conto di IFEL Campania. Il Responsabile di Progetto: 1. gestisce e coordina le risorse che lavorano sul progetto (di cui conosce skill, specializzazioni ed attitudini); 2. è responsabile di tutti i rapporti con i referenti di IFEL Campania; 3. svolge attività di project management e fornisce gli stati di avanzamento del progetto; 7

8 4. si fa portatore delle problematiche rilevate nel corso del progetto, propone opportune soluzioni. Di seguito viene specificato il profilo professionale minimo richiesto per il Responsabile di Progetto Titolo di studio Laurea ad indirizzo tecnico scientifico o cultura equivalente (la "cultura equivalente", per non laureati, può corrispondere a 5 anni di esperienza lavorativa addizionale in ambito informatico) Certificazioni Certificazione Project Management Professional (PMP) rilasciata dal Project Management Institute (PMI) Esperienze lavorative Minimo 8 anni, di cui almeno 3 anni nella specifica posizione, con responsabilità di progetti complessi. Analisi e progettazione di sistemi informativi complessi, in tecnologia web. Consolidata esperienza nella conduzione di gruppi di progetto, nella pianificazione e nel controllo delle attività di progettazione software. Conoscenze Approfondita conoscenza del ciclo di vita del software e delle relative metodologie. Conoscenze ed uso di tecniche e prodotti software per project management e risk management. Completa padronanza delle tecniche di progettazione dei sistemi informativi e della conduzione di progetti, con particolare riguardo a sistemi di gestione e monitoraggio finanziario, fisico e procedurale dei fondi comunitari. Elevata capacità di coordinamento, motivazione e guida delle persone. Capacità organizzative e doti comunicative, per un'efficace relazione con la committenza e con gli utenti. Tematiche applicative in ambito Pubblica Amministrazione. 5.2 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI Le ulteriori figure professionali proposte dal Fornitore per le attività di realizzazione del progetto dovranno essere conformi, quanto meno, ai profili di seguito specificati ANALISTA FUNZIONALE Titolo di studio Laurea ad indirizzo tecnico scientifico o cultura equivalente Certificazioni Esperienze lavorative Conoscenze ITIL Foundations Minimo 5 anni Analisi e monitoraggio dei requisiti (AMR) nonché di Business Process Reengineering (BPR); Stesura della documentazione in modo preciso, esauriente ed a tutti i livelli contenente le caratteristiche tecniche da implementare; Conoscenze dei linguaggi di programmazione più utilizzati (java, j2ee, ecc.), framework e/o tecnologie open source ER per la progettazione degli schemi concettuali UML per la definizione dei domini delle applicazioni ANALISTA PROGRAMMATORE Titolo di studio Laurea ad indirizzo tecnico scientifico o cultura equivalente Certificazioni J2EE (Java Platform, Enterprise e Standard Edition 6) Esperienze lavorative Minimo 5 anni 8

9 Conoscenze DBA Titolo di studio Certificazioni Esperienze lavorative Conoscenze Completa autonomia nello sviluppo di applicazioni e servizi Web based. Preparazione ed esecuzione di unit test. Preparazione di documentazione di programmi e casi di test. Ambiente Linux BPEL ESB Spagic Configurazioni in alta disponibilità Laurea ad indirizzo tecnico scientifico o cultura equivalente ORACLE Certified Expert, Java Programmer Minimo 5 anni Completa autonomia nell installazione e configurazione di RDBMS Oracle Ottimizzazione di applicazioni Integrazione dati in ambienti eterogenei complessi Ambiente Linux Oracle Il Fornitore potrà fornire ulteriori profili professionali che reputerà utili al fine della realizzazione del Progetto. 6 MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLA FORNITURA 6.1 ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ La natura del servizio richiesto presuppone uno stretto collegamento tra il soggetto aggiudicatario ed il suo personale, con i referenti della Fondazione IFEL Campania per l assistenza tecnica nell ambito delle attività connesse all obiettivo operativo 6.1. del PO FESR Campania nonché i referenti dell Amministrazione regionale responsabile per l attuazione del medesimo obiettivo operativo 6.1. del PO FESR Campania. A tal fine il soggetto aggiudicatario per lo svolgimento del servizio dovrà garantire la presenza, presso gli uffici della IFEL Campania e/o presso gli uffici regionali, secondo un calendario di presenze definito in accordo con le esigenze della IFEL Campania e dell Amministrazione regionale. Il soggetto aggiudicatario dovrà altresì, previa indicazione del proprio referente, partecipare ad incontri, riunioni, tavoli tecnici e gruppi di lavoro con IFEL Campania, l Autorità di Gestione del POR FESR Campania, le altre Autorità del PO, i Responsabili delle Attività, gli Organismi intermedi e i Beneficiari degli interventi finanziati Le attività per l erogazione del servizio di manutenzione saranno svolte dal soggetto aggiudicatario presso le proprie sedi, a meno degli interventi per assistenza applicativa richiesti in loco da IFEL Campania, garantendo la disponibilità di opportuni canali di comunicazione con IFEL Campania (telefonici, mail, ftp, vpn, etc.) per l attivazione a fronte di malfunzionamenti e per la condivisione di dati ed oggetti di rilascio. Tutte le patch rilasciate dal Fornitore, sia nell ambito degli interventi di manutenzione correttiva che adeguativa, dovranno essere identificate mediante una codifica concordata che consenta di tenere sotto controllo la configurazione del software rilasciato. 6.2 I LIVELLI DI SERVIZIO Le richieste di intervento di manutenzione correttiva saranno concordate e formalizzate in modo tale da consentire al Direttore dell Esecuzione dell appalto per IFEL Campania di effettuare i necessari riscontri sul numero di malfunzionamenti verificatisi e sui tempi di ripristino e, quindi, di verificare il livello di qualità del servizio erogato dal Fornitore. 9

10 A tal fine, ad ogni malfunzionamento, il Fornitore concorderà con il Direttore dell Esecuzione uno specifico "livello di gravita", in accordo alle definizioni di seguito riportate e fornirà al Direttore dell Esecuzione la tempificazione dell intervento per la risoluzione del problema, coerente con i relativi livelli di servizio definiti: Livello di gravità 1: Problemi per cui l'intera applicazione è indisponibile agli utenti. Livello di gravità 2: Problemi per cui funzionalità critiche dell'applicazione sono indisponibili agli utenti. Livello di gravità 3: Problemi per cui funzionalità non critiche dell'applicazione sono indisponibili agli utenti. Livello di gravità 4: Problemi per cui funzionalità non critiche dell'applicazione sono indisponibili, ma non c'è immediato impatto sull'operatività degli utenti. Sarà oggetto di misurazione e valutazione il tempo di intervento, definito come il tempo intercorrente tra la segnalazione del disservizio al personale del Fornitore e la consegna ad IFEL Campania della patch che consente il ripristino della funzionalità della componente software cui si riferisce la segnalazione. Il Fornitore sarà tenuto al rispetto dei livelli di servizio (SLA) minimi richiesti di seguito specificati: Parametro da rilevare Livello gravità Livello di servizio (SLA) del problema Tempo ripristino del sistema 1 4 ore lavorative nel 90% dei casi entro 8 ore lavorative nel restante 10% Tempo ripristino della funzionalità 2 8 ore lavorative nel 90% dei casi entro 16 ore lavorative nel Tempo ripristino della funzionalità Tempo ripristino della funzionalità restante 10% 3 16 ore lavorative nel 90% dei casi entro 24 ore lavorative nel restante 10% dei casi 4 24 ore lavorative nel 90% dei casi entro 96 ore lavorative nel restante 10% Per quanto riguarda gli interventi di manutenzione adeguativa, il livello di servizio da garantire è il rispetto dei tempi di consegna concordati con il DEC per lo specifico intervento. 6.3 VERIFICA DELLA FORNITURA A fronte della consegna di ciascuna patch, IFEL Campania eseguirà la verifica della fornitura avvalendosi del supporto del Fornitore sia per la predisposizione dell ambiente di collaudo che per l'esecuzione delle prove presso la sede di espletamento dei servizi e la contestuale o successiva risoluzione di eventuali non conformità. Nel caso degli interventi di manutenzione correttiva, le operazioni di verifica saranno finalizzate ad accertare l effettiva risoluzione del problema; per quelli di manutenzione adeguativa, la verifica sarà finalizzata a controllare che quanto rilasciato sia rispondente alla normativa vigente in materia, alle specifiche contenute nel presente Capitolato Tecnico, nell'offerta Tecnica del Fornitore e nei documenti tecnici di dettaglio concordati tra le parti in fase esecutiva. A fronte di ciascun rilascio, il Fornitore dovrà proporre le modalità (specifiche) di test che 10

11 ritiene più opportune, specifiche che tuttavia IFEL Campania si riserva di modificare. Nel caso di esito positivo della verifica, IFEL Campania comunicherà l esito al Responsabile di Progetto. Nel caso di prescrizioni, il Fornitore dovrà provvedere alla risoluzione del problema entro 20 giorni lavorativi. Qualora le prove reiterate diano esito non positivo, IFEL Campania redigerà apposito verbale di non conformità e si procederà quindi ad applicare i comportamenti e/o le penali, nei modi illustrati più avanti. ******* 11

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli