M O D U L O D I C A L C O L O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M O D U L O D I C A L C O L O"

Transcript

1 M O D U L O D I C A L C O L O 3D Versione G R U P P O S I S M I C A S. R. L. - Pag. 1 -

2 3DMacro è prodotto da: Gruppo Sismica s.r.l. Viale Andrea Doria, Catania Telefono: 95/ Web: 3DMacro è distribuito in esclusiva da: OmniaTest s.r.l. Via Nina da Messina, Messina Telefono: 9/ Web: Supporto tecnico: Proprietà letteraria riservata Gruppo Sismica s.r.l. Settembre 213 Si ringraziano coloro che hanno collaborato alla stesura del presente manuale.

3 INDICE GENERALE 1. INTRODUZIONE E CAMPI DI APPLICAZIONE 4 2. RICHIAMI TEORICI 5 3. BIBLIOGRAFIA 8 4. SIMULAZIONE DEL RIBALTAMENTO FUORI PIANO DI UN PANNELLO LIBERO 8 5. TEST DEFORMAZIONE ELASTICA A TORSIONE 1 6. PANNELLO SOGGETTO A FLESSIONE ORIZZONTALE RIBALTAMENTO FUORI PIANO DI UN PANNELLO CON ENTRAMBE LE ESTREMITA VINCOLATE PROTOTIPO EDIFICIO 21

4 1. INTRODUZIONE E CAMPI DI APPLICAZIONE Nel presente documento si riportano i confronti e i calcoli condotti su esempi e modelli al fine di validare il modulo di calcolo tridimensionale di 3DMAcro (3D). Tale modulo rappresenta l'evoluzione dell'attuale versione di 3DMacro e permette di modellare il comportamento tridimensionale della muratura in modo da cogliere contemporaneamente i meccanismi nel piano e fuori dal piano. Questo modulo di 3DMacro si rivolge prevalentemente a tutti gli edifici che per geometria, o per la mancanza ammorsamenti ed elementi di controventamento, resistono al sisma impegnando in modo considerevole le pareti ortogonalmente al proprio piano. La categoria senz'altro più importante che rientra nell'ambito di applicabilità di questo modulo sono gli edifici a carattere monumentale (come chiese o palazzi storici) caratterizzati da notevoli valori di snellezza delle pareti. modellazione della facciata di una chiesa e dei cantonali modellazione dell'intero edificio di culto - Pag. 4 -

5 Nel campo degli edifici a carattere scatolare, il modulo di calcolo 3D non deve essere interpretato come alternativo delle verifiche dei cinematismi di ribaltamento fuori piano mediante l'analisi limite (lineare e non lineare). Applicare infatti modellazioni 3D di un edificio di questo tipo, al solo scopo di effettuarne i cinematismi, risulterebbe infatti eccessivamente oneroso visto che il calcolo tridimensionale richiede a differenza del calcolo piano una suddivisione in mesh più fitta (vedi figura precedente). I due strumenti, nell'ambito degli edifici ordinari (o scatolari), possono considerarsi complementari. Le verifiche mediante l'analisi limite restituiscono i coefficienti di sicurezza di tutte le pareti in modo sintetico, facilmente interpretabile e, soprattutto, senza bisogno di raffittimento della mesh; il modulo 3D potrà essere utilizzato per modellare situazioni particolari come pareti snelle o facciate non ammorsate, utilizzando ad esempio modelli di dettaglio che comprendono l'elemento esaminato e le pareti ad esso contigue. 2. RICHIAMI TEORICI La cinematica piana dei macroelementi (governata da 4 gradi di libertà) viene arricchita da ulteriori tre gradi di libertà necessari per la descrizione della risposta fuori piano e introducendo interfacce tridimensionali in modo da poter descrivere anche in termini costitutivi la risposta fuori-piano. Cinematica del modello 3D: (a) gradi di libertà nel piano, (b) gradi di libertà fuori-piano. Interfaccia tridimensionale

6 Le interfacce 3D vengono discretizzate sia nella direzione longitudinale che nella direzione trasversale, pertanto, a differenza del caso piano, il comportamento flessionale dell interfaccia viene riprodotto da più file di molle ortogonali. In ogni interfaccia, oltre alla molla longitudinale per lo scorrimento nel piano, sono state inserite due molle longitudinali, dirette trasversalmente alla muratura. Tali NLinks devono simulare i possibili meccanismi di scorrimento fuori-piano e la deformabilità a torsione della muratura. La procedura di taratura delle molle di interfaccia, analogamente al modello 2D, è basata unicamente sulla geometria della porzione di muratura da rappresentare e sulla conoscenza dei parametri macroscopici della muratura: di deformabilità e di resistenza. Essa è basata su una equivalenza tra la singola molla e la porzione di muratura che le compete, in base al proprio volume d influenza. Taratura delle molle ortogonali d interfaccia. Le molle ortogonali alle interfacce piane hanno il compito di regolare la risposta flessionale del pannello sia nel piano che fuori piano. Tuttavia, essendo il pannello dotato di tutti i gradi di libertà da moto rigido nello spazio, occorre introdurre degli NLink destinati al controllo dei meccanismi di scorrimento fuori piano del pannello. Pertanto in ogni interfaccia sono state inserite due molle contenute nel piano dell interfaccia e dirette trasversalmente alla muratura. Tali NLinks governano la deformabilità a taglio fuoripiano e a torsione del sistema e il meccanismo di collasso per scorrimento fuoripiano. La rigidezza di ciascuna delle due molle viene quindi determinate in modo da simulare la deformabilità a taglio fuoripiano dei due pannelli collegati, mentre la distanza tra le molle viene determinata in modo da ristabilire la deformabilità a torsione del sistema. Nella figura che segue sono rappresentati degli schemi meccanici relativi al comportamento tridimensionale delle interfacce, separando per comodità il comportamento flessionale da quello a scorrimento, nella stessa figura sono riportati i gradi di libertà considerati nella rappresentazione numerica, che risultano associati ai gradi di libertà dei relativi pannelli.

7 Comportamento meccanico delle interfacce: (a)comportamento flessionale; (b) comportamento a scorrimento nel piano e fuori-piano. L interazione tra le pareti in corrispondenza degli angoli (cantonali) o più in generale nei punti di intersezione tra due o più pareti richiede una modellazione apposita. Operando con un approccio semplificato, il distacco di una parete in corrispondenza di un ammorsamento d angolo può avvenire o mediante un meccanismo di scorrimento oppure per crisi flessionale associata al superamento della resistenza a trazione. La modellazione di tali meccanismi di crisi può essere efficacemente simulata attraverso degli elementi ad hoc detti elementi speciali d angolo. Si tratta di elementi prismatici rigidi (corrispondenti all'effettivo ingombro della zona di intersezione) che interagiscono unicamente con i pannelli, convergenti al nodo, mediante interfacce 3D. Meccanismi di rottura delle zone d angolo: (a) rottura per scorrimento; (b) rottura per distacco flessionale.

8 Modellazione dell'interazione d'angolo tra più pareti. Per ulteriori dettagli sulla taratura delle molle e sui legami costitutivi utilizzati si rimanda al manuale teorico e ai riferimenti bibliografici. 3. BIBLIOGRAFIA B. Pantò. "La Modellazione sismica degli edifici in muraura: un approccio innovativo basato basato su un macro-elemento spaziale. Tesi di Dottorato di Ricerca in Ingegneria delle Strutture (XIX ciclo). Tutor Prof. Ing. Ivo Caliò. Caliò, M. Marletta & B. Pantò. Un macro-elemento in grado di cogliere il comportamento nel piano e fuori piano di pareti murarie. Convegno dell'associazione Nazionale di Ingegneria Sismica (ANIDIS). Pisa, 1-14 Giugno 27. Caliò, M. Marletta & B. Pantò. A discrete-element approach for the evaluation of the seismic response of masonry buildings. 14th World Conference on Earthquake Engineering, Beijing (China), October Paper ID Caliò, M. Marletta, B. Pantò. Vulnerabilità sismica delle chiese a una navata nel Val di Noto. Atti XIII convegno ANIDIS, 28 Giugno-2 Luglio 29. Yi T, Moon FL, Leon RT, Kahn LF. "Lateral load tests on a two-story unreinforced masonry building". J Struct Eng-ASCE 26;132(5): Milani G, Lourenco P, Tralli A, "3D homogenized limit analysis of masonry buildings under horizontal loads". Engineering Structures 29 (27) SIMULAZIONE DEL RIBALTAMENTO FUORI PIANO DI UN PANNELLO LIBERO Pannello elastico rettangolare soggetto unicamente al peso proprio e successivamente a una azione orizzontale uniforme e intensità pari al peso del pannello (6KN). Comportamento elastico sia a flessione che a taglio, scorrimenti inibiti. Verranno confrontati gli spostamenti e le sollecitazioni elastiche ottenute con 3DMacro, soluzione teorica di una trave di Bernoulli con schema di vincolo a mensola caricata con carico flessionale q uniforme e vari modelli agli Elementi finiti.

9 Dati del modello E=25 KN/cm modulo di elasticità normale della muratura t=25 cm spessore del pannello L=5 cm larghezza di base H=3 cm altezza del pannello w=2 KN/m3 peso specifico della muratura numero elementi lungo la base=21; numero elementi in altezza=13; interasse molle 5cm; numero file fuori piano=8; Risultati 3DMacro Vb=6 KN u= cm taglio alla base applicato spostamento del baricentro dei pannelli di sommità Freccia Teorica 4 qh f 8EI spostamento nell estremo libero della mensola 3 I momento d inerzia fuori piano della sezione Lt 12 f 3 3 L V L 3 b b cm V 8EI 3 3 8E( Lt /12) Confronto, in termini di spostamento, tra il modello 3DMacro e modello agli Elementi Finiti con elementi 2D-shell quadrangolari e con elementi solidi: 3DMacro E.F. shell E.F. solid U max = cm U max = cm U max = cm

10 Confronto, dello stato tensionale ed in particolare del momento flettente fuori piano agente nelle interfacce con normale z (Mzx): 3 Mvert modello m ZX [KN*cm/cm] d [cm] M ZX =m ZX *d [KN*cm] 3DMacro E.F. shell TEST DEFORMAZIONE ELASTICA A TORSIONE Colonna in muratura di dimensioni pari a 1mx3m, spessore 25cm, soggetta a un momento torcente concentrato pari a 1KN*m, applicato mediante un frame posto in mezzeria. Materiale elastico lineare con modulo G=5KN/cm 2. La rigidezza delle molle viene determinata in modo da riprodurre la deformazione a taglio nella direzione ortogonale al pannello: 1 GA k m 2 h Con: A = area della sezione trasversale del pannello; G = modulo di deformabilità tangenziale della muratura; h = distanza tra l interfaccia e il baricentro del pannello. La distanza (d m ) tra ciascuna molla e la mezzeria della sezione del pannello viene determinata in modo tale da riprodurre la medesima rigidezza torsionale del modello, visto come un continuo elastico. Pertanto indicando con J il momento di inerzia polare della sezione, si ha: Pertanto risulta: 1 bs GJ 2 kd m J 3 ; 2 3 h d m J A

11 Dove si è indicato con b e s rispettivamente la larghezza e lo spessore del pannello; Vista assonometrica Vista laterale Vista in pianta Deformate del modello 3DMacro Di seguito si riportano gli spostamenti massimi del modello 3DMacro al variare della mesh: Mesh pannelli U max [cm] Rotazione [rad] 1x x x x Calcoli di validazione J = 1/3 * b * s 3 = 1 * 25 3 / 3 = [cm4]; k t =G * J / h= 5 * / 15= [KN/cm2]; =M t / (2Kt)=1 / (2 * )=2.88E-4 [rad]; U max = b 2.88E-4 * 1 / 2=.144 [cm] (momento d inerzia torsione) (rigidezza torsionale) (massima rotazione torsionale) (spostamento orizzontale massimo) 6. PANNELLO SOGGETTO A FLESSIONE ORIZZONTALE Nel seguente paragrafo viene simulato il ribaltamento di un pannello vincolato, nei confronti degli spostamenti orizzontali, alla base e in sommità. In particolare il pannello è vincolato alla base con vincolo incastro e in testa con vincolo di semplice appoggio, soggetto a una pressione uniforme, in direzione ortogonale al pannello.

12 moltiplicatore del carico 3DMacro - Modulo di Calcolo 3D Dati del modello E=25 KN/ cm 2 modulo di elasticità normale della muratura; s=25 cm spessore del pannello; b=2 cm larghezza di base; h=3 cm altezza del pannello; w=2 KN/m3 peso specifico della muratura; comportamento a taglio : elastico lineare; comportamento a flessione : elastico lineare a compressione, elasto-plastico a trazione; f c, f t = resistenza a compressione e trazione; u ty = spostamento di snervamento a trazione; u tu = spostamento ultimo a rottura per trazione; =u t /u yt duttilità a trazione; Modello 3DMacro non reagente a trazione (ft=fc/5),3,25,2,15,1,5 analisi limite 3DMacro,2,4,6,8,1 spostamento [cm] Deformata e curva di capacità Tale simulazione approssima il comportamento di un materiale a resistenza nulla a trazione. Il modello è stato sollecitato ortogonalmente al proprio piano da azioni uniformemente distribuite. I risultati del modello 3DMacro espressi in termini di moltiplicatore dei carichi (F orizz /W) sono messi a confronto nella figura sopra riportata con il moltiplicatore teorico determinato mediante l'equilibrio limite. Influenza della resistenza a trazione Nel grafico che segue viene mostra la variabilità della curva di capacità del sistema al variare della resistenza a trazione (si considerano i valori,1 Mpa -,15 Mpa -,2 Mpa,25Mpa) e comportamento non lineare infinitamente duttile.

13 F totale [KN] F totale [KN] 3DMacro - Modulo di Calcolo 3D MPA.1 Mpa.15 Mpa.2 Mpa,2,4,6,8 1 spostametno [cm] Influenza della duttilità a trazione Limitatamente al caso di resistenza a trazione pari a,25mpa è stata condotta un analisi di sensitività del modello nei confronti della duttilità a trazione. Le analisi sono state condotte considerando valori di duttilità variabili da 15 a 25; il grafico di seguito riportato illustra il confronto delle curve di capacità ,1,2,3,4,5 spostamento [cm] Determinazione del moltiplicatore del carico mediante analisi limite Di seguito si riportano i calcoli di validazione dei risultati ottenuti con il modello 3DMacro, utilizzando l approccio dell analisi limite. In particolare la forza limite a ribaltamento del sistema si può scomporre in due contributi additivi: la resistenza dovuta all azione stabilizzante del peso W del pannello (indicata con F N ) e il contributo dovuto all azione stabilizzante della resistenza a trazione (indicata con F M ). F F M U W F M M F N ; F M N W M ( ) W Il moltiplicatore del carico dovuto al solo contributo del peso proprio (trascurando quindi la resistenza a trazione della muratura), si può esprimere come segue: M N s' 2 h x x 1

14 con: s =s-c h 2 x=h / h 2 spessore del pannello al netto dell arretramento della cerniera plastica (c); distanza tra la cerniera plastica intermedia e la sezione di testa del pannello; distanza tra la cerniera plastica intermedia e la sezione di base. Il moltiplicatore ultimo del carico legato al solo contributo della resistenza a trazione della muratura viene determinato considerando il momento plastico della sezione (Mp). Con riferimento al comportamento infinitamente duttile il momento plastico può essere valutato considerando un diagramma delle tensioni uniforme pari al valore limite a trazione: 1 Mp ft b s 2 Applicando il principio dei lavori virtuali si ha: M W h 1 2 x 1 Mp 2 x Pertanto il moltiplicatore limite dei carichi risulta: M x x 1 2 x 1 Mp W h La tabella che segue riporta i moltiplicatori del carico per i differenti valori di resistenza a trazione: f t [KN/cm 2 ],1,15,2,25 N,256,256,256,256 F N [KN] 7,667 7,667 7,667 7,6667 Mp [KNcm] 529, 793, ,5 M,686 1,29 1,372 1,714 F M [KN] 2,572 3,859 41,144 51,431 Di seguito di riporta il confronto tra il carico ultimo ottenuto con 3DMacro e con l analisi limite, per i diversi valori di resistenza a trazione considerati: ft Fu_3DM analisi limite Fu_N Fu_M Fu_tot Mpa KN KN KN KN,1 7,6 7,6667, 7,6667,1 28, 7,6667 2, ,2389,15 38,3 7,6667 3, ,525,2 49,1 7, , ,8111,25 57,2 7, ,436 59,972

15 Confronto con una modellazione agli Elementi Finiti Di seguito si riporta il confronto tra il modello in 3DMacro e dei modelli agli elementi finiti, mediante il software ADINA, ottenuti utilizzando sia elementi piani 2D che elementi solidi. In particolare si ha: - Modello 1: Elementi Shell a 9 nodi, legame costitutivo Multi Linear Plastic; - Modello 2: Elementi 3D Solid a 27 nodi, legame costitutivo Concrete; La seguente tabella riporta i parametri meccanici elastici utilizzati per la modellazione agli elementi finiti: E f t f c KN/cm 2 - KN/cm 2 KN/cm 2 25,25,25-,1,25 Viste assonometriche dei modelli: (a)modello 2D Shell; (b) modello 3D-Solid. Di seguito si riporta il confronto del carico ultimo ottenuto con i modelli agli elementi finiti e con il modello 3DMacro al variare della resistenza a trazione e duttilità infinita. f t carico ultimo 3DMacro EF 2D shell EF solidi Mpa kn kn kn,1 7,6 2,6435 5,191,1 28,462 24,547 23,3197,15 38, ,84 34,4995,2 49,824 49, ,3718,25 57, , ,5

16 Taglio alla base [KN] Taglio alla base [KN] Taglio alla base [KN] Taglio alla base [KN] 3DMacro - Modulo di Calcolo 3D Di seguito si riporta il confronto tra le curve di capacità ottenute con i diversi approcci di modellazione utilizzati DMacro.25 MPa EF shell multilinear_plastic.25 MPa EF_3D solid.25 MPa,1,2,3,4,5 spostamento [cm] DMacro.2 MPa EF shell multilinear_plastic.2 MPa EF_3D solid.2 MPa,1,2,3,4,5 spostamento [cm] (a) (b) DMacro.15 MPa EF shell multilinear_plastic.15 MPa EF_3D solid.15 MPa,1,2,3,4,5 spostamento [cm] DMacro.1 MPa EF shell multilinear_plastic.1 MPa EF_3D solid.1 MPa,1,2,3,4,5 spostamento [cm] (c) (d) Confronto curve di capacità dei modelli duttili al variare della resistenza a trazione: (a),25mpa, (b),2mpa, (c),15mpa, (d),1mpa Di seguito il confronto tra i massimi momenti flettenti registrati alla base dei pannelli nel modello agli Elementi Finiti 2D e il momento plastico della sezione trasversale del pannello calcolato da un punto di vista teorico, assumendo una distribuzione triangolare delle tensioni. f t M p teorico M 2DShell [KN*cm/cm] M sezione = M 2DShell*l [KN*cm], ,73 346, ,8 56, ,54 78, ,49 898

17 (a) (b) (c) (d) Momenti flettenti a collasso registrati nel modello agli elementi finiti 2D: (a),25mpa, (b),2mpa, (c),15mpa, (d),1mpa 7. RIBALTAMENTO FUORI PIANO DI UN PANNELLO CON ENTRAMBE LE ESTREMITA VINCOLATE Nel seguente paragrafo si riporta il caso di un pannello rettangolare 4mx3m, spessore 25cm, soggetto unicamente al peso proprio e successivamente a una azione orizzontale uniforme. Le condizioni di vincolo sono incastro alla base e semplice appoggio lungo i lati verticali (viene vincolato unicamente lo spostamento orizzontale nella direzione ortogonale al pannello). - Analisi Elastiche Al pannello viene applicata una azione complessiva pari al proprio peso w=6kn. Si considerano i seguenti parametri elastici. E=25KN/cm2 modulo di deformabilità normale della muratura; G=5KN/cm2 modulo di deformabilità tangenziale della muratura;

18 Le analisi sono state condotte con 3DMacro e con modelli agli elementi finiti, utilizzando elementi 2D-shell ed elementi solidi 3D. Di seguito si riporta il confronto degli spostamenti massimi registrati in corrispondenza della sezione di mezzeria della parete. modello U max [cm] E.F. 2D (shell rettangolari),2862 E.F. 2D (shell triangolari),2885 E.F. 3D (solid),291 3DMacro, Configurazione deformata del modello 3DMacro : Vista assonometrica Vista laterale Vista in pianta Deformate elastiche del modello 3DMacro Spostamenti modello agli Elementi Finiti 2D rettangolari.

19 Di seguito si riportano le distribuzioni dei valori della componente fuori piano dei momenti flettenti agenti lungo le giaciture orizzontali (M zx ) e verticali (M xx ). Nella modellazione in 3DMacro i valori si riferiscono alle risultanti agenti in un macro-elemento (dimensioni 22cmx22cm) mentre le mappe di colore del modello agli elementi finiti si riferisce al valore agente per unità di lunghezza. Pertanto al fine di confrontare i due valori è necessario moltiplicare i valori ottenuti nel modello agli elementi finiti per la dimensione dell'elemento. M zx modello 3DMacro [KN*cm] M xx modello 3DMacro [KN*cm] M zx modello E.F. [KN*cm/cm] M xx modello E.F. [KN*cm/cm] Modello M ZX M XX E.F. 2D (shell rettangolari) [KN*cm] 113 [KN*cm] 179 E.F. 2D (shell triangolari) DMacro Confronto dei valori massimi dei momenti flettenti nei diversi modelli.

20 total force [KN] 3DMacro - Modulo di Calcolo 3D - Analisi Non Lineari Per le analisi si considerano i seguenti parametri di resistenza: f c =2.5 Mpa ; f t =.15 Mpa =1.5 c =.12 Mpa; =.3 resistenza a compressione e a trazione; duttilità a trazione; coesione e angolo di attrito a scorrimento. Confronto delle curve di capacità: DMacro EF shell EF_solid top displacement [cm] momenti flettenti e deformate a collasso ottenuti con il modello 3DMacro: 3 Moriz 4 3 Mvert Mzx (agente lungo le interfacce verticali) Mxx (agente lungo le interfacce orizzontali) Vista assonometrica Vista frontale Vista in pianta

21 8. PROTOTIPO EDIFICIO Di seguito si riportano i risultati di alcune analisi condotte su di un prototipo di edificio in muratura di mattoni di laterizio pieni e malta di calce, testato da Yi et al. nel 26 mediante prove cicliche quasistatiche. Particolari della geometria del prototipo (tratte da Milani et al. 27) Flessione taglio diagonale (cacovic) E [Mpa] f c [Mpa] f t [Mpa] (%) [Mpa] tan( ) 25 Inf Inf., Parametri meccanici utilizzati nel modello 3DMacro

22 Lo spessore delle murature è pari a 3cm al piano terra e 2cm al primo piano. Il modello è soggetto unicamente ai pesi propri dovuti alla muratura e alle strutture dei solai. Il peso complessivo (del modello) è risultato pari a 1175KN. Viste assonometriche del modello geometrico e computazionale in ambiente 3DMacro. I solai, realizzati con travetti in legno e tavolato continuo, sono efficacemente ammorsati alle pareti. Questi sono stati modellati come lastre ortotrope con spessore equivalente pari allo spessore del tavolato (2,54cm) e caratteristiche di deformabilità determinate a partire dai parametri geometrici e meccanici: Parametro Valore [Mpa] Ex 185 Ey 8 G 3333,2 Il peso proprio dell impalcato risulta pari a,4 KN/m 2.

23 Di seguito si riporta il dettaglio della risposta del modello, a confronto con i risultati della prova sperimentale. In particolare il primo grafico riporta il confronto della curva di capacità ottenuta con 3DMacro con i risultati ottenuti durante l esperimento, espressi in termini di spostamento del sendo impalcato (cm) in funzione del taglio alla base (KN) Confronto delle curve di capacità delle pareti A e B: risultati sperimentali e modello 3DMacro. Le figure sottostanti riportano il confronto del meccanismo di collasso ottenuto dalle elaborazioni numeriche del 3Dmacro con quello sperimentale. Confronto del meccanismo di collasso: (a) modello3dmacro; (b) prova sperimentale. Le figure che seguono riportano in varie viste il quadro di danneggiamento completo dell edificio considerando nelle prime immagini la presenza dei solai modellati con piastre ortotrope, e nelle ultime immagini trascurando completamente la presenza degli orizzontamenti.

24 Viste assonometriche Danneggiamento delle parete A e B Vista in pianta Danneggiamento parete 1 Danneggiamento parete 2 Deformate modello 3DMacro con indicatori di danno: modello con solai elastici

25 Analisi in direzione +x Analisi in direzione x Deformate modello 3DMacro con indicatori di danno: modello senza solai

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

Vulnerabilità sismica delle chiese a una navata nel Val di Noto

Vulnerabilità sismica delle chiese a una navata nel Val di Noto Vulnerabilità sismica delle chiese a una navata nel Val di Noto Ivo Caliò, Massimo Marletta e Bartolomeo Pantò Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università di Catania. Viale Andrea Doria

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di Basilicata marco.vona@unibas.it

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

Analisi di pareti murarie ai macroelementi

Analisi di pareti murarie ai macroelementi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE (CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA E DELL INGEGNERIA EDILE N. 4 ) DIPARTIMENTO DI INGEGNERAI

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e 1 2 Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a Metodo utilizzato da FaTA-e La presenza dei tamponamenti in una struttura in c.a., come evidenziato nei vari eventi tellurici avvenuti, riveste un

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

Modellazione numerica ed utilizzo di codici di calcolo commerciali (ovvero non fidiamoci degli ingegneri)

Modellazione numerica ed utilizzo di codici di calcolo commerciali (ovvero non fidiamoci degli ingegneri) Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia 26 novembre 2010 Modellazione numerica ed utilizzo di codici di calcolo commerciali (ovvero non fidiamoci degli ingegneri) Dott. Ing. Nicola

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

La valutazione dei cedimenti in fondazione negli edifici in muratura mediante analisi statiche nonlineari condotte in ambiente 3DMacro

La valutazione dei cedimenti in fondazione negli edifici in muratura mediante analisi statiche nonlineari condotte in ambiente 3DMacro La valutazione dei cedimenti in fondazione negli edifici in muratura mediante analisi statiche nonlineari condotte in ambiente 3DMacro Ivo Caliò, rancesco Cannizzaro, Bartolomeo Pantò Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009 www.dicea.unifi.it Anno accademico 2008/2009 Ingegneria Sismica CIS Emanuele Del Monte E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo Firenze, 12/03/2009 PRIMA PARTE CARATTERISTICHE

Dettagli

04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI

04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI 04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI 1 RIASSUMENDO: METODO DELL OSCILLATORE EQUIVALENTE Fajfar, P. 2000. A nonlinear analysis method for performance-based

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

Technical Advisory Italy -

Technical Advisory Italy - Innovative Earthquake Resistant Design The "InERD" Project Technical Advisory Italy - ArcelorMittal Commercial Long Italia Dott. Ing. Mauro SOMMAVILLA mauro.sommavilla@arcelormittal.com PRF208 INERDSOFT

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Valutazione prestazionale di edificio scolastico esistente mediante analisi non lineare a plasticità

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l.

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. Università degli Studi di Catania LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. RELAZIONE DELLO STUDIO TECNICO DELLA

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO

TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO RINFORZO CON COMPOSITI COSTITUITI DA MATRICE IN MALTA CEMENTIZIA E RETI IN FIBRE DI CARBONIO E IN FIBRE DI VETRO Silvia Briccoli Bati Dipartimento

Dettagli

5. ANALISI DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA D. Liberatore 1, G. Spera 1. 5.1 Descrizione dell edificio

5. ANALISI DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA D. Liberatore 1, G. Spera 1. 5.1 Descrizione dell edificio 5. ANALISI DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA D. Liberatore 1, G. Spera 1 5.1 Descrizione dell edificio La struttura, risalente ai primi anni 5, presenta una pianta ad L prospiciente

Dettagli

Analisi limite di un telaio

Analisi limite di un telaio Analisi limite di un telaio Si consideri il portale sotto, tre volte iperstatico, dotato di un momento limite superiore ed inferiore costante e pari a M0 Si assuma inoltre che lo sforzo normale (ed il

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Roma, 29 gennaio 2009 Convegno Sika INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO: utilizzo di materiali fibrorinforzati e malte da ripristino Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Ugo Ianniruberto

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Studio di programmi agli elementi finiti per l analisi di strutture

Dettagli

VERIFICA CERCHIATURE

VERIFICA CERCHIATURE Comune di: Provincia di: Lavoro: Montopoli V.A. Pisa Modifiche interne a fabbricato per civile abitazione in Montopoli V.A., via Masoria n. 5 Committente: Progettista: Dir. Lavori: Mario Rossi Montopoli

Dettagli

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Namirial SpA Il presente testo non vuole essere né una trattazione teorica, né un lezione sul tema della valutazione di vulnerabilità

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

STRUTTURE IN MURATURA

STRUTTURE IN MURATURA Le forze orizzontali agenti nel piano di una parete muraria sono dovute, oltre che alla massa della parete stessa, all azione su di essa trasmessa dai solai e dalle pareti trasversali. Queste azioni sono

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e 0 1 Piani di input e piani di calcolo reali in FaTA-e Dalla versione XX di FaTA-e è presente una nuova implementazione per il calcolo dei baricentri di massa e rigidezza. La nuova procedura consente di

Dettagli

MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica

MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica MURI ALTI IN LATERIZIO edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

UN NUOVO MACROMODELLO PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA SISMICA DI EDIFICI IN MURATURA

UN NUOVO MACROMODELLO PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA SISMICA DI EDIFICI IN MURATURA UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Ingegneria Dipartimento di ingegneria Civile ed Ambientale SEZIONE DI INGEGNERIA STRUTTURALE Bartolomeo Pantò UN NUOVO

Dettagli

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE Giuseppe Stagnitto Erica Barzoni ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Applicazioni ed approfondimenti del Corso di FONDAMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Appunti a cura degli studenti INDICE I - RICHIAMI

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche ed integrazioni)

CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche ed integrazioni) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Commissione Strutture e Geotecnica CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche

Dettagli

ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE

ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Bergamo, 20 Giugno 2008 ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE Confronto tra

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

Rinforzo di Strutture Murarie

Rinforzo di Strutture Murarie Rinorzo di Strutture Murarie Veriiche di elementi strutturali ricorrenti: Ribaltamento di pannelli murari Flessione di pannelli uori del piano Flessione e taglio di pannelli nel piano Architravi e asce

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Gaetano Manfredi gaetano.manfredi@unina.it Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

Concezione strutturale a sistema scatolare

Concezione strutturale a sistema scatolare Caratteristiche meccaniche principali della muratura: buona resistenza a compressione scarsa resistenza a trazione; in particolare la resistenza a trazione di un giunto maltablocco può essere dell ordine

Dettagli

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE.

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. PREFAZIONE A partire dal 1973, anno di fondazione di ANPEL (Associazione Nazionale Produttori Elementi

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

sintesi di tesi di laurea

sintesi di tesi di laurea sintesi di tesi di laurea Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile LM24 Anno Accademico 2012/2013 IL RUOLO DELLE FASCE DI PIANO NELLA VALUTAZIONE

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - PILASTRI È presentata nel seguito un ampia ed approfondita campagna di analisi numeriche condotte con il metodo degli elementi finiti. Le analisi

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA STIMA DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA E TECNICHE TRADIZIONALI E INNOVATIVE DI MIGLIORAMENTO SISMICO (corso di alta formazione con esame

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE.

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. STUDIO TECNICO Dott. Ing. Gino DI RUZZA Via Trecce, 2 03039 SORA (FR) ginodiruzza uzza@tin tin.it PROGETTAZIONI, CALCOLI ED INDAGINI STRUTTURALI INDICE STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. Impostazioni

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è di fondamentale importanza per poterne definire il

Dettagli

European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering EUCENTRE. Modelli di calcolo per la valutazione della risposta di solai EMMEDUE

European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering EUCENTRE. Modelli di calcolo per la valutazione della risposta di solai EMMEDUE European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering EUCENTRE Modelli di calcolo per la valutazione della risposta di solai EMMEDUE Indice. Scopo della ricerca ed impostazione del lavoro....

Dettagli