Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire."

Transcript

1 Esercitazione n. 7 di progettazione con PRO_SAP: Analisi dell interazione terreno-struttura In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare direttamente la verifica con PRO_SAP dell interazione terreno-struttura. Si utilizza allo scopo una struttura in c.a. formata da un telaio tridimensionale composto da travi (anche di fondazione), pilastri e solai di piano, con progettazione sismica eseguita secondo l Ordinanza P.C.M. n. 3274/2003 agli Stati Limite Ultimi. Nell esempio di seguito riportato le unità di misura utilizzate sono dan e cm. Per aprire l archivio predisposto è necessario utilizzare i seguenti comandi: Start Programmi PRO_SAP PROfessional SAP Esempi Esempio7.psp Viene visualizzata la finestra Informazioni su PRO_SAP in cui premere OK. Il comando eseguito consente di accedere alla sessione di PRO_SAP per lo svolgimento dell esempio guida. Per visualizzare in modalità solida la struttura attivare: Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire. Definizione del terreno di fondazione Di seguito è riportata la procedura per la definizione della stratigrafia del terreno di fondazione, attingendo dall archivio predisposto in modo automatico. Per eseguire l analisi della relazione terreno-struttura è necessario disporre della stratigrafia del terreno di fondazione, e delle proprietà dei terreni che compongono la stratigrafia. Per l apertura del Modulo geotecnico e l importazione automatica delle strutture di fondazione, è necessario eseguire i seguenti comandi: Dati struttura Analisi geotecnica Parametri strutturali L immagine riportata di seguito rappresenta la finestra principale di lavoro con lo schema delle fondazioni della struttura. (Definizione della stratigrafia di terreni) Per definire la stratigrafia del terreno è necessario attivare il seguente comando: Stratigrafia Il comando consente di accedere alla finestra Stratigrafia terreno per la definizione di una o più stratigrafie di terreno. Esempio guidato 7 Pag. 1

2 Nella pagina seguente è riportata l immagine della finestra Stratigrafia terreno, che contiene i comandi necessari alla creazione della stratigrafia di interesse. Nella finestra, all atto dell ingresso, non è presente alcuna stratigrafia. Per la definizione della stratigrafia di terreno, è necessario disporre dell archivio dei terreni. Nel presente esempio, per semplicità, viene utilizzato l archivio dei terreni predisposto in PRO_SAP. Per introdurre una stratigrafia è sufficiente attivare il seguente comando: Nuovo archivio stratigrafia Il comando consente di creare un nuovo archivio, che può essere composto da una o più stratigrafie archiviabili e recuperabili in successive sessioni di lavoro. Esempio guidato 7 Pag. 2

3 Nel presente esempio, non essendo presente alcun database di terreni, il comando Nuovo archivio stratigrafia carica in modo automatico il database di prototipo contenuto nella cartella Programmi PRO_SAP PROfessional SAP Data. Salvando i propri terreni nel database di prototipo è possibile, ad ogni nuova sessione, caricarli in modo automatico. Di seguito è riportata l immagine della finestra Stratigrafia terreno dopo aver attivato il comando Nuovo archivio stratigrafia. Per la creazione della stratigrafia da utilizzare nell esempio è necessario creare l archivio dei terreni. Per la creazione dell archivio dei terreni è sufficiente trascinare con il mouse i terreni dal database all archivio; eseguire il trascinamento dei seguenti terreni: 002) Sabbia compatta; 006) Ghiaia e sabbia compatta; 008) Limo argilloso; Per l inserimento del secondo strato di terreno, premere il comando: Inserisci strato inferiore Per la creazione del terzo strato di terreno, premere il comando: Inserisci strato inferiore. La mappatura degli strati si presenta come riportato nell immagine a lato. Per assegnare lo spessore e il terreno al primo strato (a partire dal piano di campagna) è necessario eseguire i seguenti comandi: fare clic con il mouse sul primo strato e assegnare nella casella di testo Spessore (cm) il valore 300 (spessore dello strato 300 cm), immediatamente verrà aggiornato lo spessore dello strato. Per associare al primo strato il terreno 002) Sabbia compatta, è sufficiente trascinare con il mouse il terreno prelevato dall ARCHIVIO TERRENI, sullo strato di interesse; lo strato di terreno si colora e si riempie di retino. Per assegnare lo spessore e il terreno al secondo strato (a partire dal piano di campagna) è necessario eseguire i seguenti comandi: Esempio guidato 7 Pag. 3

4 Fare clic con il mouse sul secondo strato e assegnare nella casella di testo Spessore (cm) il valore 200 (spessore dello strato 200 cm), immediatamente verrà aggiornato lo spessore dello strato. Per associare al secondo strato il terreno 006) Ghiaia e sabbia compatta, è sufficiente trascinare con il mouse il terreno prelevato dall ARCHIVIO TERRENI, sullo strato di interesse; lo strato di terreno si colora e si riempie di retino. Per assegnare lo spessore e il terreno al terzo strato (a partire dal piano di campagna) è necessario eseguire i seguenti comandi: Fare clic con il mouse sul terzo strato e assegnare nella casella di testo Spessore (cm) il valore 300 (spessore dello strato 300 cm), immediatamente verrà aggiornato lo spessore dello strato. Per associare al terzo strato il terreno 008) Limo argilloso, è sufficiente trascinare con il mouse il terreno prelevato dall ARCHIVIO TERRENI, sullo strato di interesse; lo strato di terreno si colora e si riempie di retino. Per modificare il nome della stratigrafia, fare clic con il mouse all interno della casella di testo, modificare il testo contenuto in stratigrafia 1 e premere Invio. Per assegnare la presenza della falda alla profondità di 150 cm dal piano di campagna, è sufficiente attivare l opzione Quota falda (cm) ed assegnare nella relativa casella il valore 150 e premere Invio. La mappatura degli strati si presenta come riportato nell immagine precedente. Premere il comando Salva archivio stratigrafia per memorizzare l archivio di stratigrafie generato, ed assegnare al file Esempio7.str il percorso Programmi PRO_SAP PROfessional SAP Esempi; premere il comando Salva. Premere il comando Esci per uscire dalla finestra Stratigrafia terreno, assegnare la stratigrafia agli elementi strutturali e rientrare nella finestra principale di lavoro del Modulo geotecnico. Per eseguire l interrogazione di un elemento è necessario attivare il comando Modifica proprietà elemento e fare clic con il mouse sull elemento di interesse. Fare clic sull elemento trave numero 60, per visualizzare i dati geometrici e la stratigrafia assegnata; la finestra principale si presenterà come l immagine riportata nella pagina seguente. Per eseguire l interrogazione di altri elementi della fondazione è sufficiente fare clic sugli elementi di interesse. Calcolo della costante elastica di winkler Per eseguire il calcolo della costante elastica di winkler è necessario definire i parametri di calcolo attivando il comando Impostazioni di calcolo Fondazioni superficiali. Il comando consente di visualizzare la finestre di definizione dei parametri di calcolo delle fondazioni superficiali. Nella cartella Cedimenti e Costanti di Winkler sono riportati i parametri di calcolo della costante elastica di Winkler, in particolare: Moltiplicatore base fondazione Coefficiente moltiplicativo della larghezza della fondazione per la determinazione dell altezza dello strato di terreno deformabile da analizzare nella determinazione del cedimento netto, tale valore viene fissato pari a 5. Esempio guidato 7 Pag. 4

5 Percentuale stato tensionale (%) Rappresenta il rapporto Sigm.Z/Car.Netto per la determinazione dell altezza dello strato deformabile su cui viene calcolato il cedimento netto, tale parametro viene lasciato pari a 0. Fattore di sicurezza del Carico Limite per la determinazione del Carico Netto confermare il valore assegnato pari a Premere il tasto Ok. Attivare il comando Fase di calcolo Fondazioni superficiali Costanti di Winkler per eseguire il calcolo e la visualizzazione dei risultati. Fare clic sulla cartella per visualizzare le opzioni di definizione della costante di sottofondo. Al termine della fase di calcolo viene visualizzata la finestra Costante elastica di Winkler fondazioni superficiali che riporta i seguenti parametri relativi alle travi di fondazione: Elemento Riporta la descrizione della tipologia e del numero dell elemento trave; Winkler Vert. (dan/cm3) Riporta il valore della costante di Winkler verticale; Winkler Oriz. (dan/cm3) Riporta il valore della costante di Winkler orizzontale; Carico Netto (dan/cm2) Riporta il valore del carico applicabile alla base della fondazione, al netto della pressione litostatica della colonna di terreno sovrastante la quota di imposta della fondazione. Cedim. Netto (cm) Riporta il valore del cedimento edometrico dovuto all applicazione del carico netto alla quota di imposta della fondazione. Sigm. Z/Car. Netto (%) Riporta il valore del rapporto tra la variazione dello stato tensionale alla quota Z di riferimento al disotto del piano di fondazione, e il valore del carico netto; serve per verificare se la profondità dello strato deformabile presa in Esempio guidato 7 Pag. 5

6 considerazione è sufficiente ai fini del calcolo del cedimento. Per visualizzare i risultati dell analisi in modalità grafica ad istogramma, è sufficiente premere il comando Grafico. (L immagine è riportata nella pagina precedente. Premere il tasto Esci per uscire dalla finestra e ritornare nella finestra principale di lavoro. Per applicare i valori ottenuti della costante elastica di Winkler al modello della struttura in PRO_SAP, è sufficiente utilizzare il comando Esci per uscire dalla sessione corrente di lavoro. Attivando il comando Esci viene visualizzata la finestra ATTENZIONE, che consente il salvataggio dei parametri calcolati nel Modulo geotecnico e l applicazione automatica agli elementi trave di fondazione di PRO_SAP. Premere il tasto Si. N.B. Rientrando in PRO_SAP gli elementi strutturali di fondazione acquisiscono i valori calcolati della costante di Winkler, in modo automatico. Effettuare il salvataggio del modello con le modifiche apportate con il comando: Salva assegnare il nome al modello realizzato. Controllo della modellazione Di seguito si realizza il controllo della modellazione geometrica della struttura. Contesto Check dati struttura Viene visualizzata la finestra pswin in cui è richiesta la conferma della riesecuzione del comando di controllo della struttura, premere il tasto Si. Al termine del controllo appare la finestra Controllo dello stato - report in cui sono riportati i controlli effettuati sulla modellazione geometrica della struttura. Premere il tasto X di uscita. Effettuare il salvataggio del modello con le modifiche apportate con il comando: Salva assegnare il nome al modello realizzato. Assegnazione dei carichi alla struttura Di seguito si realizza l applicazione dei carichi al modello della struttura. Nell esempio sviluppato, sono stati assegnati alla struttura i seguenti carichi: Peso proprio della struttura (carico calcolato e applicato alla struttura in modo automatico); Carico permanente e accidentale dei solai (carico calcolato e applicato alla struttura in modo automatico in base ai coefficienti contenuti nella Tabella dei carichi automatici visualizzabile con il comando Dati di carico Carichi solai e coperture); Carico dei tamponamenti (definito dall utente e successivamente applicato agli elementi di interesse). Sisma allo Stato Limite Ultimo, di tipo statico equivalente, con direzione X (CDC=Esk (statico SLU) alfa=0.0 (ecc. +)). Sisma allo Stato Limite Ultimo, di tipo statico equivalente, con direzione X (CDC=Esk (statico SLU) alfa=0.0 (ecc. -)). Sisma allo Stato Limite Ultimo, di tipo statico equivalente, con direzione Y (CDC=Esk (statico SLU) alfa=90.0 (ecc. +)). Esempio guidato 7 Pag. 6

7 Sisma allo Stato Limite Ultimo, di tipo statico equivalente, con direzione Y (CDC=Esk (statico SLU) alfa=90.0 (ecc. -)). Sisma allo Stato Limite di Danno, di tipo statico equivalente, con direzione X (CDC=Esk (statico SLD) alfa=0.0 (ecc. +)). Sisma allo Stato Limite di Danno, di tipo statico equivalente, con direzione X (CDC=Esk (statico SLD) alfa=0.0 (ecc. -)). Sisma allo Stato Limite di Danno, di tipo statico equivalente, con direzione Y (CDC=Esk (statico SLD) alfa=90.0 (ecc. +)). Sisma allo Stato Limite di Danno, di tipo statico equivalente, con direzione Y (CDC=Esk (statico SLD) alfa=90.0 (ecc. -)). Contesto Assegnazione carichi Vengono nascosti i comandi di generazione della struttura e visualizzati i comandi per la gestione dei carichi. Nel contesto di assegnazione dei carichi vengono effettuate le operazioni di assegnazione dei carichi di progetto che vengono gestiti all interno di Casi di carico, cioè archivi di carichi di tipologia omogenea. Per la visualizzazione dei casi di carico è sufficiente attivare il comando Dati di carico Casi di carico per accedere alla Tabella dei casi di carico. Utilizzando i tasti di scorrimento è possibile visualizzare i casi di carico inseriti. Nell esempio corrente non vengono realizzate modifiche dei carichi presenti sulla struttura. Controllo dei carichi applicati e analisi della struttura Di seguito si realizza il controllo dei carichi applicati al modello della struttura. Di seguito viene lanciato, in modo automatico, il solutore che realizza l analisi della struttura. Contesto Check dati di carico Per realizzare il controllo dei carichi applicati e permettere il proseguimento dell analisi. Questo comando non visualizza messaggi. Contesto Salvataggio dati per l analisi Questo comando effettua il controllo generale del modello e la scrittura dei file per l analisi; viene visualizzata la finestra Controllo dello stato - report che riporta i controlli effettuati sulla struttura. Premere il tasto x di chiusura della finestra. Contesto Esecuzione analisi In questa fase si ha l elaborazione dei dati del modello mediante il solutore Algor SUPERSAP. Al termine del processo di elaborazione dei dati, viene visualizzata la finestra Controllo dello stato - report che riporta i controlli effettuati sui dati ottenuti dal solutore. Premere il tasto x di chiusura della finestra. Definizione delle combinazioni Di seguito si realizza la visualizzazione delle combinazioni di carico per l analisi della struttura. La visualizzazione dei risultati può essere effettuata sui casi di carico e sulle combinazioni, mentre la progettazione avviene in base alle combinazioni di carico. Esempio guidato 7 Pag. 7

8 N.B. Nell esempio corrente le combinazioni sono già presenti. Per realizzare la visualizzazione delle combinazioni di carico è sufficiente attivare il comando: Dati di carico Combinazioni La generazione delle combinazioni dei casi di carico predisposti nell esempio corrente, è stata realizzata mediante i seguenti comandi: Impostazioni generali per la definizione dei parametri di combinazione dei casi di carico; S.L.U. strutt. S.L.U. sismica S.L.U. terreno per la generazione automatica delle combinazioni di carico. I moltiplicatori attribuiti in automatico ai casi di carico possono essere modificati facendo clic con il mouse sul numero riportato. Le combinazioni generate in automatico sono riportate nell immagine precedente. Premere il tasto Applica. Visualizzazione e controllo dei risultati dell analisi Di seguito si realizza il controllo dei risultati dell analisi della struttura. Nell esempio corrente, si eseguiranno solamente i controlli dei risultati legati all interazione terrenostruttura. Il risultato visualizzato nel modello corrente è il seguente: Azioni Fondazioni; Contesto Visualizzazione risultati Esempio guidato 7 Pag. 8

9 Per accedere ai comandi di visualizzazione dei risultati. Viene visualizzata la Barra dei risultati che raccoglie i comandi di controllo. Per attivare i comandi di visualizzazione dei risultati è necessario attivare il comando: Vedi combinazione Per la visualizzazione delle pressioni sul terreno generate dagli elementi D2, è necessario eseguire i seguenti comandi: Posizionarsi con i tasti di scorrimento sulla combinazione numero 1 Comb. SLU 1; premere il seguente comando: Azioni fondazioni Press. travi Il comando visualizza con mappa di colore le pressioni trasferite dalla struttura al terreno. L immagine riporta la mappa visualizzata. Per effettuare il controllo dei risultati, sul singolo elemento, è necessario visualizzare una tipologia di risultato e utilizzare il comando: Controlla Esempio guidato 7 Pag. 9

10 e fare clic con il mouse sull elemento che si desidera controllare (nell immagine riportata si è fatto clic sull elemento corrispondente all asse X); nella finestra visualizzata, sono riportati tutti i risultati del calcolo, il cui valore può essere controllato in varie posizioni dell elemento, impiegando l apposito cursore (scorrimento ascissa). Per visualizzare le pressioni sul terreno fare clic con il mouse sul + riportato nella finestra in corrispondenza dell opzione Stato deformativo Pressioni. Nella pagina precedente è riportata l immagine della finestra di controllo generale. Al termine del controllo premere il tasto di chiusura x. Calcolo della portanza delle fondazioni e definizione del fattore di sicurezza Per eseguire il calcolo della portanza delle fondazioni è necessario attivare i seguenti comandi: Dati di progetto Analisi geotecnica per attivare la sessione di lavoro. Premere il comando: Modifica proprietà elemento e fare clic con il mouse in corrispondenza di una trave di fondazione, ad es. la numero 65; viene visualizzata la tabella delle combinazioni di carico agenti sulla trave selezionata. Premere il comando: Espandi che consente di visualizzare la tabella delle combinazioni di carico con modalità estesa. Nella tabella ogni riga rappresenta una combinazione e sono presenti, tutte le combinazioni agli Stati Limite Ultimi generate in PRO_SAP, relative all analisi del terreno di fondazione. Nella tabella è riportato anche il codice di individuazione delle combinazioni sismiche. Nell esempio in oggetto, viene visualizzata la tabella riportata nell immagine. Premendo i consueti tasti di scorrimento della barra è possibile visualizzare tutte le combinazioni presenti nella tabella. Al termine del controllo premere il comando: Riduci per ridurre le dimensioni della tabella. Attivare il comando: Impostazioni di calcolo Fondazioni superficiali per accedere alle finestre di definizione dei parametri di calcolo delle fondazioni. Lasciare i parametri riportati nella finestra come sono definiti in modo automatico nella immagine della pagina precedente. Premere il tasto OK. Attivare il comando: Fase di calcolo Fondazioni superficiali Portanza per eseguire il calcolo e la visualizzazione dei risultati; al termine del calcolo viene aperta la Esempio guidato 7 Pag. 10

11 finestra Calcolo portanza fondazioni superficiali che riporta la sintesi dei risultati del calcolo di ogni elemento strutturale. Nella finestra sono contenuti i risultati relativi ad ogni singolo elemento; utilizzando la barra di scorrimento è possibile visualizzare i risultati di tutti gli elementi calcolati. Il significato dei coefficienti contenuti nella tabella è descritto nel cap. 23 del manuale di PRO_SAP, Analisi dell interazione terreno struttura: il Modulo geotecnico. Per controllare i risultati della portanza per la trave successiva a quella visualizzata, è sufficiente utilizzare i tasti della barra di scorrimento riportata nella finestra. La visualizzazione dei risultati relativi ad una trave esegue in automatico la visualizzazione, nella tabella delle combinazioni, delle combinazioni relative. Per visualizzare con istogramma i valori massimi di portanza ottenuti dal calcolo, è sufficiente attivare il comando: Grafico Cmb Max Esempio guidato 7 Pag. 11

12 Il significato dei coefficienti contenuti nella finestra è descritto nel cap. 23 del manuale di PRO_SAP, Analisi dell interazione terreno struttura: il Modulo geotecnico. Per ritornare alla visualizzazione precedente premere il comando Tabella. Al termine del controllo dei risultati premere il comando Esci. Assegnazione dei risultati ottenuti a PRO_SAP e calcolo del fattore di sicurezza Per assegnare i risultati di portanza ottenuti al modello strutturale, è sufficiente attivare il comando: Esci per uscire dalla sessione corrente di lavoro e ritornare alla sessione di lavoro di PRO_SAP; nella finestra ATTENZIONE, effettuare il salvataggio dell analisi geotecnica premendo il comando Si. In PRO_SAP attivare il comando di visualizzazione dei risultati per combinazione Vedi combinazione e posizionarsi con i tasti di scorrimento sulla combinazione numero 3 Comb. SLU 3 (con sisma); premere il seguente comando: Azioni fondazioni Sicurezza per valutare il coefficiente di sicurezza del terreno in combinazione 3. Nella tabella a mappa di colore è riportato un coefficiente normalizzato tale che: minore o uguale a 1 VERIFICATO maggiore di 1 NON VERIFICATO. Nell immagine è riportato il fattore di sicurezza in combinazione 3. Esempio guidato 7 Pag. 12

13 Per visualizzare il fattore di sicurezza in altre combinazioni è sufficiente posizionarsi con i tasti di scorrimento su un altra combinazione. Analisi dei cedimenti del terreno Per eseguire il calcolo dei cedimenti del terreno è necessario, nel Contesto di visualizzazione dei risultati, attivare il comando Dati di progetto Analisi geotecnica per attivare la sessione di lavoro. Definire i parametri di calcolo dei cedimenti attivando il comando: Impostazioni di calcolo Fondazioni superficiali attivare la cartella Cedimenti e Costanti di Winkler per accedere alle finestre di definizione dei parametri di calcolo dei cedimenti delle fondazioni superficiali. Lasciare i parametri riportati nella finestra come sono definiti in modo automatico. Il significato dei coefficienti contenuti nella tabella è descritto nel cap. 23 del manuale di PRO_SAP, Analisi dell interazione terreno struttura: il Modulo geotecnico. Premere il tasto OK. Attivare il comando: Fase di calcolo Fondazioni superficiali Cedimenti per eseguire il calcolo e la visualizzazione dei risultati; al termine del calcolo viene aperta la finestra Calcolo cedimenti fondazioni superficiali che riporta la sintesi dei risultati del calcolo di ogni elemento strutturale. Nella finestra sono contenuti i risultati relativi ad ogni singolo elemento; utilizzando la barra di scorrimento è possibile visualizzare i risultati di tutti gli elementi calcolati. Esempio guidato 7 Pag. 13

14 Per controllare i risultati sui cedimenti per la trave o la combinazione successiva a quella visualizzata, è sufficiente utilizzare i tasti della barra di scorrimento riportata nella finestra. Per visualizzare con mappa di colore i valori di cedimento ottenuti dal calcolo, è sufficiente attivare il comando: Grafico a mappa La legenda dello stato tensionale riporta i valori massimo e minimo di cedimento, riferiti agli elementi visualizzati e alla combinazione di carico corrente. La discretizzazione delle travi di fondazione avviene mediante elementi triangolari, su cui è possibile effettuare l interrogazione, per ottenere i risultati in modalità dettagliata. Per eseguire l interrogazione degli elementi è sufficiente fare clic con il mouse, all interno della finestra grafica, sull elemento triangolare di interesse e controllare i valori dei parametri nella finestra di testo. Per interrogare altri elementi è sufficiente operare nel medesimo modo. Esempio guidato 7 Pag. 14

15 Scorrendo mediante la barra riportata a destra della casella di testo, si possono visualizzare i risultati relativi a tutte le combinazioni. Per ritornare alla visualizzazione precedente premere il comando Tabella. Al termine del controllo dei risultati premere il comando Esci. Il significato dei coefficienti contenuti nella tabella è descritto nel cap. 23 del manuale di PRO_SAP, Analisi dell interazione terreno struttura: il Modulo geotecnico. Generazione della relazione di calcolo Al termine dell analisi è possibile generare la relazione di calcolo che contiene i parametri geotecnici e i risultati delle analisi eseguite. Premere il comando Relazione di calcolo Stesura relazione fondazioni superficiali viene visualizzata la finestra che contiene i comandi di modifica e stampa della relazione di calcolo. I comandi riportati consentono la modifica del testo con modalità analoghe ai più diffusi editor di testo. La relazione di calcolo contiene tutti i dati dei terreni inseriti e i risultati in termini di portanza e cedimenti. Per salvare la relazione di calcolo premere il comando: Salva relazione nella finestra Salva, assegnare il nome Relazione geotecnica e premere il comando Salva. Premere il tasto x di chiusura della finestra. Esempio guidato 7 Pag. 15

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 - Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato In questo Tutorial viene eseguito

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD)

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguita la modellazione di parti di struttura partendo da un disegno

Dettagli

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Capitolo 14 Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la generazione

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi In questo Tutorial si illustra la procedura per la modellazione 3D

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Modulo 1. Database: concetti introduttivi

Modulo 1. Database: concetti introduttivi Modulo 1 Database: concetti introduttivi Iniziamo questi primi passi introducendo alcune definizioni e concetti fondamentali sul software DBMS, basilare nella moderna gestione dei dati. 2 Il termine informatica

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari RIFERIMENTI Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari Esame di Laboratorio di informatica e statistica Parte 3 (versione 1.0) Il riferimento permette di identificare univocamente

Dettagli

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi:

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Capitolo 4 Esempi guidati Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Analisi di una sezione rettangolare in c.a. soggetta

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente RILEVA LIGHT Manuale dell Utente 1. COME INSTALLARE RILEVA LIGHT (per la prima volta) NUOVO UTENTE Entrare nel sito internet www.centropaghe.it Cliccare per visitare l area riservata alla Rilevazione Presenze.

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl 3 Indice Parte I Piano 2013 4 Parte II Calcolo fondazioni secondo NTC08 5 1 Travi... di fondazione 7 2 Plinti... di fondazione 8 3 Platee... di fondazione 16 Parte III Comandi calcolo geotecnico 17 1 Definizione...

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1 Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea 1-1 Introduzione Microsoft Word 2000 è un programma di trattamento testi, in inglese Word Processor, che può essere installato nel proprio computer o come singolo

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Manuale Utente. Software della Gestione Dati per il Luminometro CLA-1 Version 2.5

Manuale Utente. Software della Gestione Dati per il Luminometro CLA-1 Version 2.5 Software della Gestione Dati per il Luminometro CLA-1 Version 2.5 Manuale Utente Hitachi Chemical Diagnostics, Inc. Hitachi Europe, Ltd. Whitebrook Park Lower Cookham Road Maidenhead, Berkshire, SL6 8YA

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 INDICE INDICE...2 PREMESSA...3 MENÙ PRINCIPALE...4 ICONE UTILIZZATE PER ACCEDERE ALLE PROCEDURE PIÙ FREQUENTEMENTE USATE...5 ICONE UTILIZZATE NELLE PROCEDURE DI STAMPA...6 SISTEMA...7 SCRUTINI...7 CARICAMENTO

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record 5.3 TABELLE In un sistema di database relazionali le tabelle rappresentano la struttura di partenza, che resta poi fondamentale per tutte le fasi del lavoro di creazione e di gestione del database. 5.3.1

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Esercizio sui data base "Gestione conti correnti"

Esercizio sui data base Gestione conti correnti Database "Gestione conto correnti" Testo del quesito La banca XYZ vuole informatizzare le procedure di gestione dei conti correnti creando un archivio dei correntisti (Cognome, Nome, indirizzo, telefono,

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica CADMO Infor ultimo aggiornamento: febbraio 2012 Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica Premessa...1 Le Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica utilizzate da Outlook Express...2 Cose

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Quickstart. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Quickstart. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Quickstart Cos è GeoGebra? Un software di Matematica Dinamica in un pacchetto semplice da usare Per l apprendimento e la didattica a tutti i livelli scolastici Comprende geometria, algebra, tabelle, grafici,

Dettagli

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Capitolo 8 Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la modellazione dei carichi agenti sulla struttura,

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini Università degli studi di Verona Corso di Informatica di Base Lezione 5 - Parte 2 Disegni e Immagini In questa seconda parte ci occuperemo della gestione di disegni e immagini. In particolare vedremo come:

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a: Lab 3.1 Preferiti & Cronologia LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA In questa lezione imparerete a: Aprire l'elenco Preferiti, Espandere e comprimere le cartelle dell'elenco Preferiti, Aggiungere una pagina

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 1. Menù generale Inseriti i dati di configurazione in maniera completa, il sistema presenta una schermata d approccio all applicazione

Dettagli

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it TEST: Word & Excel 1. Come viene detta la barra contenente il nome del documento? A. barra del titolo B. barra di stato C. barra del nome D. barra dei menu 2. A cosa serve la barra degli strumenti? A.

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura Capitolo 4 Introduzione dati: generazione del modello della struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle opzioni per la realizzazione del modello della struttura. Sono riportati

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI pag. 1 / 12 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. STRATIGRAFIA E PARAMETRI GEOTECNICI ADOTTATI... 3 4. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI... 5

Dettagli

LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso

LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso Il programma è protetto da Password. Ad ogni avvio comparirà una finestra d autentificazione nella quale inserire il proprio Nome Utente e la Password. Il Nome

Dettagli

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione SK 1 Word Libre Office Se sul video non compare la barra degli strumenti di formattazione o la barra standard Aprite il menu Visualizza Barre degli strumenti e selezionate le barre che volete visualizzare

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE 1. PREPARAZIONE 1. Aprire Microsoft Office Excel 2007. 2. Creare una nuova cartella di lavoro. 3. Aggiungere due fogli di lavoro come mostrato in figura: 4. Rinominare i

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 2012 A COSA SERVE POWER POINT? IL PROGRAMMA NASCE PER LA CREAZIONE DI PRESENTAZIONI BASATE SU DIAPOSITIVE (O LUCIDI) O MEGLIO PER PRESENTARE INFORMAZIONI IN MODO EFFICACE

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

1. CODICE DI ATTIVAZIONE 2. TIPOLOGIE GARANZIE 3. CONFIGURAZIONE NUMERI DI SERIE 4. DOCUMENTI

1. CODICE DI ATTIVAZIONE 2. TIPOLOGIE GARANZIE 3. CONFIGURAZIONE NUMERI DI SERIE 4. DOCUMENTI Seriali Modulo per la gestione dei numeri di serie e delle garanzie Il modulo Seriali consente di registrare le informazioni relative ai numeri di serie (ed eventualmente le garanzie) degli articoli acquistati,

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

(OHQFRPRGLILFKHDSSRUWDWH5HOHDVH

(OHQFRPRGLILFKHDSSRUWDWH5HOHDVH (OHQFRPRGLILFKHDSSRUWDWH5HOHDVH Pagina 1 di 8 7DEHOOH!3HUVRQDOL]]D]LRQH(GLFROD!3DQQHOOR5LYLVWH D Aggiunto campo per gestire i codici agenzia per giorni della settimana (OHQFR5LYLVWH±,QVHULPHQWR5LYLVWH±0RGLILFD5LYLVWH

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Come attivare il software

Come attivare il software Come attivare il software Al fine di impedire installazioni non autorizzate, ai sensi della vigente normativa sui Diritti d Autore, questo software richiede l inserimento di un codice di attivazione ottenibile

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli