MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane"

Transcript

1 INCENTIVAZIONE RETAIL BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

2 PREMESSA 2 IL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE BONUS PERFORMANCE ANNUO PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO AD OSP, SPECIALISTA FRONT END, COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO, REFERENTE OPERATION E FIGURE OPERATION DI FILIALE E AREA TERRITORIALE QUESTA NOVITA SI INTEGRA CON IL MODELLO STANDARD PUR ESSENDONE SVINCOLATO IL PRESENTE DOCUMENTO DESCRIVE IN SEZIONI SEPARATE IL MODELLO STANDARD E IL "NUOVO MODELLO", SECONDO LA SEGUENTE ARTICOLAZIONE: "MODELLO STANDARD" PER DUP, DUP POLO ZSM, PROFESSIONAL COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE POSTESHOP "NUOVO MODELLO" PER OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION "MODELLO STANDARD" PER FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E AREA TERRITORIALE "NUOVO MODELLO" PER FIGURE OPERATION DI FILIALE E AREA TERRITORIALE DA SLIDE. 3 A SLIDE. 8 SLIDE. 9 SLIDE. 13 SLIDE. 14 SLIDE. 18 SLIDE. 19 SLIDE. 22

3 3 INCENTIVAZIONE RETAIL Modello Standard per: DUP, DUP POLO ZSM, PROFESSIONAL COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F, F, OPERATORE VENDITE POSTESHOP BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010

4 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMM.LE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE PTSHOP 4 VALORIZZAZIONE DEI CREDITI % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 90% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET ATTENZIONE: SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) => E NECESSARIO CUMULARE ALMENO 180 CREDITI SOMMANDO I CREDITI MATURATI SU CIASCUNO DEI DUE PRODOTTI. NON CI SONO VINCOLI DI PERCENTUALE MINIMA DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET SUL SINGOLO PRODOTTO, ES SE L UP X REALIZZA IL 60% DEL BUDGET SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) E IL 120% DEL BUDGET SU LIBRETTI RN MATURA 180 CREDITI ATTENZIONE: AI FINI DELLA VALORIZZAZIONE DEI CREDITI SI FA RIFERIMENTO ANCHE ALL ADDENDUM ALLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE DEL II PERIODO (3 MAGGIO-30 GIUGNO) E AL DOCUMENTO PUBBLICATO SU QDI Utilizzo degli extra crediti maturati nel II periodo verso III periodo e Bonus Performance Annuo TETTI MASSIMI NON VENGONO APPLICATI TETTI MASSIMI POSSIBILITA' DI "BUCARE" LA FACOLTA DI BUCARE UN PRODOTTO NON VIENE CONCESSA SU: BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) VIENE CONCESSA SUGLI ALTRI PRODOTTI DEL SET SOLO AI DUP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD. PER IL PRODOTTO BUCATO NON E POSSIBILE SCENDERE COMUNQUE AL DI SOTTO DELL' 85% DEL BUDGET ES. SE PER UN PRODOTTO SI REALIZZA L' 84% DEL BUDGET NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE

5 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMM.LE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE PTSHOP PRODOTTI 5 CPI= Postaprotezione Prestiti Personali + Postaprotezione Mutui Il perimetro di riferimento dei prodotti di Corriere Espresso Nazionale è quello dell ACCETTATO (per il budget ed il consuntivo si considera il totale accettato presso l up)

6 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMM.LE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE PTSHOP PRODOTTI E SOGLIE DI ACCESSO 6 * Se l UP non risulta abilitato ad uno o più di tali prodotti, la soglia di accesso si intende diminuita di 100 crediti per ogni prodotto non previsto ** Per gli SCCR assegnati all APF operanti in un ufficio che possiede anche l APF-F i prodotti di riferimento sono da considerarsi al netto dei prodotti di Finanziamento (Prestiti Personali, Prontissimo, Cessione del V e Mutui) e la soglia di accesso è pari a 500 crediti L Operatore Vendite PosteShop matura il bonus se l up raggiunge almeno il 90% del budget fatturato del canale PosteShop annuo (escluso fatturato vendita a catalogo impresa)

7 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMM.LE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE PTSHOP 7 VERIFICA DEI LIVELLI DI CONFORMITÀ E VALORIZZAZIONE ESITI ATTIVITÀ DI AUDIT Per i DUP che accederanno al sistema in coerenza con il meccanismo di incentivazione, verranno valorizzati gli ESITI * delle ATTIVITÀ DI AUDIT chiusi nell arco dell anno A) EXTRA BONUS** al DUP (600 euro per Centrali, Relazione, Transito / 300 euro per Standard, Servizio e Presidio) in caso di: Audit di compliance con grading positivo B) NON EROGAZIONE DEL BONUS** al DUP in caso di: Audit di compliance con grading insufficiente e non adeguato Follow up con grading insufficiente e non adeguato Il DUP Polo delle ZSM in implementazione, oltre al medesimo trattamento di tutti i DUP, fermo restando il meccanismo illustrato, riceverà anche l extra bonus dello stesso importo dell UP satellite in coerenza con le aree di responsabilità definite nel manuale delle ZSM * Come noto l audit si conclude con una valutazione complessiva articolata su 5 livelli: 1. Positivo 2. Positivo, con l evidenza di alcune aree di miglioramento 3. Adeguato, con l evidenza di alcune aree ritenute critiche 4. Non adeguato, soggetto a significativi miglioramenti 5. Insufficiente, sulla base della significatività delle problematiche riscontrate ** L extrabonus può essere corrisposto una sola volta nell anno per ogni Audit. Analogamente, l esclusione dall erogazione del bonus può avvenire una sola volta nel corso dell anno per ogni Audit o Follow up

8 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMM.LE, SCCR APF, SCCR APF-F, OPERATORE VENDITE PTSHOP IMPORTI DEI BONUS 8 * Per i DUP titolari di due o più UP con razionalizzazione oraria l'importo del bonus è pari a minimo 500, in caso di raggiungimento della soglia in un solo UP, e massimo 750 in caso di raggiungimento della soglia in due o più UP

9 9 INCENTIVAZIONE RETAIL Nuovo Modello per: OSP, SPECIALISTA FRONT END, COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO, REFERENTE OPERATION BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010

10 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION CARATTERISTICHE DEL MODELLO 10 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO DEL DUP BONUS RICONOSCIUTO AGLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, REFERENTE OPERATION, COLLABORATORE UP DT SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI CON LIMITE DI OSP E SPEC FE PREMIABILI IN RELAZIONE AL RUOLO MASTER/TURNO DEGLI UP LA SCELTA DEGLI OSP PREMIATI (E DELLE ALTRE FIGURE) È DISCREZIONALE, A CURA DEL DUP IN CONDIVISIONE CON IL DF SET PRODOTTI BPF (RL) TOTALE INCLUSO PAC + LIBRETTI (RN); TOTALE POSTA DESCRITTA (RACCOMANDATA+RACCOMANDATA1+ASSICURATA); CORRIERE ESPRESSO (NAZIONALE + INTERNAZIONALE) + PACCO ORDINARIO + PACCO ESTERO; SIM POSTEMOBILE; POSTESHOP* IL SET PRODOTTI È LO STESSO PER TUTTE LE TIPOLOGIE DI UP (CENTRALE, RELAZIONE, STANDARD, TRANSITO, SERVIZIO, PRESIDIO) Il perimetro di riferimento dei prodotti di Corriere Espresso Nazionale è quello dell ACCETTATO (per il budget ed il consuntivo si considera il totale accettato presso l up) * UP Canale Front End; Canale UP; SiS

11 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION VALORIZZAZIONE DEI CREDITI BONUS 11 % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 90% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET ATTENZIONE: SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) => E NECESSARIO CUMULARE ALMENO 180 CREDITI SOMMANDO I CREDITI MATURATI SU CIASCUNO DEI DUE PRODOTTI. NON CI SONO VINCOLI DI PERCENTUALE MINIMA DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET SUL SINGOLO PRODOTTO, ES. SE L UP X REALIZZA IL 60% DEL BUDGET SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) E IL 120% DEL BUDGET SU LIBRETTI RN MATURA 180 CREDITI ATTENZIONE: AI FINI DELLA VALORIZZAZIONE DEI CREDITI SI FA RIFERIMENTO ANCHE ALL ADDENDUM ALLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE DEL II PERIODO (3 MAGGIO-30 GIUGNO) E AL DOCUMENTO PUBBLICATO SU QDI Utilizzo degli extra crediti maturati nel II periodo verso III periodo e Bonus Performance Annuo TETTI MASSIMI NON VENGONO APPLICATI TETTI MASSIMI POSSIBILITA' DI "BUCARE" NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI SOGLIE DI ACCESSO Il Bonus può essere maturato solo da un numero limitato di risorse individuate discrezionalmente dal DUP (vedi slide 12)

12 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION BONUS 12 All interno degli UP che hanno superato la soglia d accesso per il Bonus sarà cura del DUP, previa condivisione con il Direttore di Filiale e in coerenza con quanto specificato nelle regole accessorie, individuare gli OSP/Specialisti Front End/Collaboratore UP Doppio Turno destinatari del Bonus * In coerenza con il dimensionamento organizzativo Negli UP Centrali, Relazione, Transito, Standard, Servizio e Presidio che hanno superato la soglia d accesso prevista, sarà erogato il bonus agli OSP che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale con un limite massimo stabilito per ruolo, secondo la tabella sopra riportata Inoltre sarà erogato il bonus agli Specialisti Front End (ove previste le figure professionali) che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale in Sala al pubblico, indirizzando la clientela verso le figure di front end dedicate alla vendita dei prodotti/servizi previsti dal sistema di incentivazione e/o ai CUPDT che abbiano significativamente contribuito al raggiungimento degli obiettivi garantendo la piena funzionalità dell UP Negli UP di Relazione, Transito e Standard Doppio Turno le risorse vengono individuate dal DUP tra OSP e Collaboratore UP Doppio Turno

13 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION IMPORTI DEI BONUS 13 * Si veda l approfondimento sui meccanismi di individuazione delle risorse che maturano il bonus (slide 12)

14 14 INCENTIVAZIONE RETAIL Modello Standard per: FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010

15 FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE 15 SET PRODOTTI STESSO SET PRODOTTI DEL DUP CORE NETWORK VALORIZZAZIONE DEI CREDITI % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 90% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET ATTENZIONE: SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) => E NECESSARIO CUMULARE ALMENO 180 CREDITI SOMMANDO I CREDITI MATURATI SU CIASCUNO DEI DUE PRODOTTI. NON CI SONO VINCOLI DI PERCENTUALE MINIMA DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET SUL SINGOLO PRODOTTO, ES. SE LA FILIALE/AT X REALIZZA IL 60% DEL BUDGET SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) E IL 120% DEL BUDGET SU LIBRETTI RN MATURA 180 CREDITI ATTENZIONE: AI FINI DELLA VALORIZZAZIONE DEI CREDITI SI FA RIFERIMENTO ANCHE ALL ADDENDUM ALLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE DEL II PERIODO (3 MAGGIO-30 GIUGNO) E AL DOCUMENTO PUBBLICATO SU QDI Utilizzo degli extra crediti maturati nel II periodo verso III periodo e Bonus Performance Annuo TETTI MASSIMI NON VENGONO APPLICATI TETTI MASSIMI POSSIBILITA' DI "BUCARE" LA FACOLTA DI BUCARE UN PRODOTTO NON VIENE CONCESSA SU: BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) VIENE CONCESSA SUGLI ALTRI PRODOTTI DEL SET; PER IL PRODOTTO BUCATO NON E POSSIBILE SCENDERE COMUNQUE AL DI SOTTO DELL' 87% DEL BUDGET ES. SE PER UN PRODOTTO SI REALIZZA L' 86% DEL BUDGET NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SOGLIA DI ACCESSO PARI A 880 CREDITI PER TUTTE LE FIGURE

16 FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE 16 FIGURE PROFESSIONALI % MINIME FIGURE VS BUDGET DI FILIALE DEL PERIODO RESPONSABILE COMMERCIALE COORDINATORE DI AREA* TUTTI GLI SPECIALISTI METODOLOGIE DI CANALE TUTTI GLI SPECIALISTI CANALE UP * TUTTI GLI SPECIALISTI DI COMPARTO SPECIALISTA PIANIFICAZIONE COMMERCIALE E SVILUPPO FIGURE DI AREA TERRITORIALE TUTTI I REFERENTI METODOLOGIE DI CANALE TUTTI I REFERENTI DI COMPARTO REFERENTE PIANIFICAZIONE COMMERCIALE E SVILUPPO SPECIALISTA PIANIFICAZIONE COMMERCIALE E SVILUPPO * Solo nelle Filiali ove è prevista la figura professionale come da modello organizzativo ufficializzato e solo per gli UP di sua competenza. I budget e i consuntivi da considerarsi per la verifica del raggiungimento della soglia di accesso e delle soglie di prodotto sono dati dalla sommatoria dei budget e dei consuntivi di tali UP

17 FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE PRODOTTI 17 STESSO SET PRODOTTI DEL DUP CORE NETWORK CPI= Postaprotezione Prestiti Personali + Postaprotezione Mutui Il perimetro di riferimento dei prodotti di Corriere Espresso Nazionale è quello dell ACCETTATO (per il budget ed il consuntivo si considera il totale accettato presso l up)

18 FIGURE COMMERCIALI DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE IMPORTI DEI BONUS 18

19 19 INCENTIVAZIONE RETAIL Nuovo Modello per: FIGURE OPERATION DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010

20 FIGURE OPERATION DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE CARATTERISTICHE DEL MODELLO 20 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO SET PRODOTTI DEL MODELLO STANDARD FILIALE /AREA TERRITORIALE BONUS E PREVISTO UN BONUS DESTINATO A TUTTE LE FIGURE OPERATION DELLA FILIALE O AT SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PREVISTI (LIVELLI MINIMI DI VALORIZZAZIONE CREDITI E SOGLIA DI ACCESSO IN CREDITI - PER FIGURA PROFESSIONALE SET PRODOTTI BPF (RL) TOTALE INCLUSO PAC + LIBRETTI (RN); TOTALE POSTA DESCRITTA (RACCOMANDATA+RACCOMANDATA1+ASSICURATA); CORRIERE ESPRESSO (NAZIONALE + INTERNAZIONALE) + PACCO ORDINARIO + PACCO ESTERO; SIM POSTEMOBILE; POSTESHOP* Il perimetro di riferimento dei prodotti di Corriere Espresso Nazionale è quello dell ACCETTATO (per il budget ed il consuntivo si considera il totale accettato presso l up) FIGURE OPERATION DI FILIALE E AT RESPONSABILI OPERAZIONI DI FILIALE, SPECIALISTI OPERATION, SPECIALISTI METODOLOGIE DI CANALE FRONT END E REFERENTI METODOLOGIE DI CANALE FRONT END *UP Canale Front End; Canale UP; SiS

21 FIGURE OPERATION DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE BONUS 21 VALORIZZAZIONE DEI CREDITI % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET(*) DI PERIODO 90% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET ATTENZIONE: SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) + LIBRETTI (RN) => E NECESSARIO CUMULARE ALMENO 180 CREDITI SOMMANDO I CREDITI MATURATI SU CIASCUNO DEI DUE PRODOTTI. NON CI SONO VINCOLI DI PERCENTUALE MINIMA DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET SUL SINGOLO PRODOTTO, ES. SE LA FILIALE/AT X REALIZZA IL 60% DEL BUDGET SU BPF RL TOTALE (inclusi PAC) E IL 120% DEL BUDGET SU LIBRETTI RN MATURA 180 CREDITI ATTENZIONE: AI FINI DELLA VALORIZZAZIONE DEI CREDITI SI FA RIFERIMENTO ANCHE ALL ADDENDUM ALLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE DEL II PERIODO (3 MAGGIO-30 GIUGNO) E AL DOCUMENTO PUBBLICATO SU QDI Utilizzo degli extra crediti maturati nel II periodo verso III periodo e Bonus Performance Annuo TETTI MASSIMI NON VENGONO APPLICATI TETTI MASSIMI POSSIBILITA' DI "BUCARE" NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI SOGLIA DI ACCESSO Maturano il Bonus tutte le figure Operation di Filale e di AT che accedono al sistema in coerenza con i meccanismi di incentivazione PARI A 600 CREDITI PER TUTTE LE FIGURE * I budget e i consuntivi da considerarsi per la verifica del raggiungimento della soglia di accesso e delle soglie di prodotto sono dati dalla sommatoria dei budget e dei consuntivi di tutti gli UP della Filiale/Area Territoriale del Canale Front End + Canale UP

22 FIGURE OPERATION DI FILIALE E DI AREA TERRITORIALE IMPORTI DEI BONUS 22

23 Regole accessorie 1) Partecipa alla iniziativa commerciale BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e applicato, nell ambito dell unità di appartenenza, sui ruoli coinvolti nel presente sistema di incentivazione 2) Il tempo minimo di applicazione, nell ambito dell unità di appartenenza, necessario per la maturazione del bonus è pari alla metà del periodo di riferimento 3) Gli Operatori di Sportello (OSP) degli UP Centrale/Relazione/Transito/Standard/Servizio/Presidio che potranno accedere ai bonus previsti per l iniziativa commerciale BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 saranno individuati esclusivamente in base all effettiva e prevalente applicazione in attività di sportelleria. In particolare saranno considerati solo coloro ai quali è stata pagata, nel periodo di riferimento, l indennità di cassa per un periodo superiore al 50% dei gg. di presenza nell UP premiato I giorni di ferie eventualmente fruiti nel periodo saranno considerati gg. di effettiva applicazione allo sportello. 4) Ai fini della determinazione del bonus individuale i giorni di ferie vengono considerati come giornate di effettivo servizio 5) Nelle Zone di Servizio Minori, ai fini della determinazione del bonus individuale, le giornate di attività lavorativa svolta all interno della ZSM (presso gli UP Satellite o presso l UP Polo) vengono considerate come giornate di effettivo servizio

24 Regole accessorie 6) Fermo restando i tempi minimi di applicazione nell ambito dell unità di appartenenza: - l importo del bonus da riconoscere è determinato in base al periodo di presenza/permanenza nella figura professionale incentivata; solo relativamente agli Operatori di Sportello il bonus di performance annuale non sarà riproporzionato; - in caso di cambiamento di figura professionale l importo del bonus è determinato pro-quota in base ai periodi di presenza/permanenza nelle singole figure oggetto di incentivazione; - in caso di trasferimento l importo del bonus è determinato pro-quota in base al periodo di presenza/permanenza nelle singole unità organizzative. 7) Il personale part-time accede ai meccanismi di incentivazione in proporzione alla durata della prestazione 8) Fermo restando ogni altra condizione, il pagamento del bonus relativo all iniziativa commerciale BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 avverrà nel corso del ) Il bonus che sarà erogato al lordo degli oneri previsti dalla Legge è riservato alle risorse che: - risultano in servizio alla fine del periodo (in servizio fino al 31 dicembre 2010) 10) I bonus previsti dall iniziativa vengono determinati in funzione dei risultati raggiunti ad incremento della produttività del lavoro 11) I bonus previsti per l iniziativa commerciale BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 costituiscono una integrazione straordinaria, di natura variabile, del trattamento economico ed assorbono e superano quanto eventualmente definito in precedenza relativamente alla quota variabile della retribuzione correlata al conseguimento di risultati e/o positive performance

25 Regole accessorie 12) La partecipazione all iniziativa commerciale BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 non comporta il sorgere di alcun diritto ad analoghe erogazioni future, anche a fronte di andamenti positivi dei medesimi indicatori considerati nell ambito del presente Sistema, e non costituisce condizione per la partecipazione, negli anni a venire, ad analoghe iniziative che Poste Italiane si riserva di confermare, modificare o non prevedere 13) E escluso dall attribuzione del bonus eventualmente maturato nel periodo di riferimento, il personale che, nello stesso arco di tempo, abbia tenuto comportamenti professionali non coerenti con il codice etico e il codice disciplinare di Poste Italiane e sia stato conseguentemente destinatario di procedimento disciplinare che abbia comportato l applicazione di un provvedimento disciplinare più grave della multa. L erogazione del bonus sarà quindi sospesa fino alla definizione dell eventuale intervento disciplinare 14) Durante il periodo di validità dell iniziativa, le presenti condizioni potranno essere soggette ad integrazioni, variazioni e/o proroghe in relazione a diversi scenari organizzativi e/o di mercato che si manifesteranno nel corso dell incentivazione in oggetto. In ogni caso le eventuali modifiche non inficeranno gli obiettivi eventualmente già raggiunti dai partecipanti 15) Della presente iniziativa viene data informativa alle OO.SS. ai sensi dell articolo 5, lettera A, punto C del CCNL

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 A PARTIRE DA QUESTO PERIODO IL SISTEMA BASE PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO AGLI

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA III PERIODO (1 luglio 30 settembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER PRODOTTO POSTACELERE 1 + PACCOCELERE

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL

INCENTIVAZIONE RETAIL INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE SIS

CAMPAGNA COMMERCIALE SIS (1 MARZO - 30 GIUGNO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTO: OFFERTA CANALE POSTESHOP PERIODO: 1 MARZO 30 GIUGNO 2011 UP COINVOLTI: SIS ATTIVI FIGURE COINVOLTE LIVELLO

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA III PERIODO (1 luglio 30 settembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE POLIZZE POSTAPROTEZIONE PICCOLA IMPRESA (2 novembre - 31 dicembre 2010) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTO: POLIZZE POSTAPROTEZIONE PICCOLA IMPRESA

Dettagli

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESE VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL (2

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) PREMESSA PRODOTTI: POLIZZE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI LE POLIZZE DANNI SONO COSTITUITE DA: Postapersona

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI (1 MARZO 30 APRILE) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER: POSTA PREVIDENZA

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU. Posteitaliane (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU. Posteitaliane (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 1 FEBBRAIO 2010 31 MARZO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL NUOVO CONTO BANCOPOSTA

Dettagli

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office 1 Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari Etica di vendita Proporre sempre

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI BONUS

Dettagli

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono

Dettagli

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 2 Punti di forza del Sistema Base 2009 Superamento della leva dei ricavi e sostegno dei risultati a volumi fin dai

Dettagli

Campioni New Business

Campioni New Business Campioni New Business 1 settembre 31 ottobre 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo venta è un processo delicato soprattutto quando venamo prodotti finanziari Etica venta Proporre sempre i prodotti più adatti

Dettagli

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale Iniziativa PAC Modalità e Condizioni Operative 1 giugno - 31 dicembre 2010 RUO SGRU - Gestione Corporate e Bancoposta

Dettagli

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale Iniziativa PAC Modalità e Condizioni Operative 1 giugno - 31 dicembre 2010 RUO SGRU - Gestione Corporate e Bancoposta

Dettagli

Pacchi & Go. to Target!

Pacchi & Go. to Target! 1 Pacchi & Go. to Target! Modalità e Condizioni Operative 1 maggio - 31 luglio 2009 Mercato Privati - Clienti Affari Caratteristiche generali 2 L iniziativa Pacchi & Go to Target! vuole focalizzare l attività

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE RETAIL II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti

Dettagli

Articolazione Servizi Innovativi

Articolazione Servizi Innovativi Articolazione Servizi Innovativi Incentivazione Commerciale 2011 -Quarto trimestre e Rush finale - settembre 2011 Sistema incentivante: Quarto trimestre 2011 (ottobre-novembre-dicembre) e Rush finale 1

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010)

La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010) SP Risorse Umane La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010) 1 Area test: 46 CD, rappresentativi di tutte le ALT PTL coinvolti: circa 2.500 Premio erogato: prima consuntivazione (marzo-giugno)

Dettagli

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni GI PArte!!! Vendita Grandi Clienti Nord Vendita Grandi Clienti Centro Sud Vendita PAC Modalità e condizioni operative 1 Gennaio - 30 Aprile 2011 RUO SOP Organizzazione

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO

Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO Nuove opportunità di Business : Portalettere 2 Per incrementare le nuove acquisizioni di conti correnti si stanno studiando nuove opportunità

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09 L iniziativa come è nata 2 Durata: dal 6 aprile u.s. al 31 luglio p.v.- con integrazione di un secondo nucleo di altri partecipanti

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09 Introduzione 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati al destinatario Sales link

Dettagli

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE TRASFERIMENTO FONDI (LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI TRASFERIMENTO FONDI E COSTITUITO DALLA SOMMATORIA DI VAGLIA POSTALE,VAGLIA ON

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU (2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011) Livello UP MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI CONTO BANCOPOSTA PIU PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011

Dettagli

Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009. SP Risorse Umane

Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009. SP Risorse Umane Sperimentazione Milano Aprile 09 Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009 Il contesto di riferimento 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09 Introduzione 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati al destinatario Sales link

Dettagli

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC)

Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC) SP Risorse Umane Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC) 1 Nell ambito delle disposizioni contenute nel Programma Statistico Nazionale 2008-2010 (art. 50, comma

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Mercato Privati 2 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE 1. SCHEMA GENERALE 2. ARTICOLAZIONE 1 QUADRIMESTRE

Dettagli

Iniziativa commerciale PosteMobile

Iniziativa commerciale PosteMobile 1 Iniziativa commerciale PosteMobile 2 febbraio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : attivazioni di SIM PosteMobile, richieste di Mobile

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO : RESPONSABILE

Dettagli

MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE. Data: ottobre Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane

MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE. Data: ottobre Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Data: ottobre 2010 Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane IncentivAzione 2010 Articolazione Servizi Innovativi 2 1. Premessa Il presente

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) estensione del periodo campagna al 30 aprile MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 1 FEBBRAIO 2010 31 MARZO 2010

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX (2 maggio 30 giugno 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO SU NUMERO CONTRATTI MECCANISMO SUI RICAVI PRODOTTO: HOME BOX PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO (22 maggio 30 giugno 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: CONTO IN PROPRIO PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO

Dettagli

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 1 Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 15 gennaio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati: Conti Correnti Retail (

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) PREMESSA PRODOTTI: POLIZZE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI LE POLIZZE DANNI SONO COSTITUITE DA: Postapersona

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 9 Luglio 2009 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2009 ha lo scopo di promuovere

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO (1 MARZO 16 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: FINANZIAMENTO (PRESTITI PERSONALI + PRONTISSIMO + CESSIONE DEL QUINTO + MUTUI)

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008 Campagna di prodotto Prestiti e Mutui : caratteristiche 2 Prodotti in campagna: Prestiti e Mutui BancoPosta Periodo di campagna: 2 maggio 31 luglio 2008

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 REGOLAMENTO 2 è legato ai risultati di tutto l anno sul budget complessivo e su un set di prodotti strategici che generano ricavi significativi e rappresentano una quota

Dettagli

Evoluzione Struttura Commerciale

Evoluzione Struttura Commerciale 1 Evoluzione Struttura Commerciale Nuovo assetto organizzativo di AT e Filiale Aprile 2015 Agenda 2 Razionali di Intervento Evoluzione della Struttura Commerciale Evoluzione dei Flussi Commerciali Nuovi

Dettagli

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio 1 Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : Posta Previdenza

Dettagli

CLASSIFICAZIONE UFFICI POSTALI

CLASSIFICAZIONE UFFICI POSTALI CLASSIFICAZIONE UFFICI POSTALI Roma, 22 gennaio 2003 CONTENUTI DEL DOCUMENTO - Linee di contesto - Nuovo modello di classificazione - Driver - Cluster LINEE DI CONTESTO Il modello di classificazione del

Dettagli

UFFICIO POSTALE TEST COORDINAMENTO COMMERCIALE

UFFICIO POSTALE TEST COORDINAMENTO COMMERCIALE Click to add title Click to change format Level 1 Level 2 Level 3 Level 3 Level 3 Level 1 Level 2 Level 2 Level 1 UFFICIO POSTALE TEST COORDINAMENTO COMMERCIALE Prime evidenze 12 Settembre 2007 1 Contenuti

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 integrazioni 2 Integrazioni Sistema di Incentivazione Base 2008 AMBITO UFFICI POSTALI AMBITO FILIALE 3 SCCR UP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD CON L AREAPRODOTTIFINANZIARI

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto 1. Il

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Provincia di Verona. Determinazione del Responsabile dell Area Servizi alla Persona - Attività Produttive Risorse Umane

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Provincia di Verona. Determinazione del Responsabile dell Area Servizi alla Persona - Attività Produttive Risorse Umane N. 94/I Reg. Determinazioni Valeggio s/m 12/06/2013 Determinazione del Responsabile dell Area Servizi alla Persona - Attività Produttive Risorse Umane OGGETTO: SISTEMA PREMIANTE LA PRODUTTIVITA' - ANNO

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA 2 maggio 31 luglio 2008 Integrazione Campagna di prodotto Prestiti: Professional Commerciale 2 Nei 171 UP con l Area prodotti finanziari - Finanziamenti in cui è presente

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate, di seguito denominata Agenzia, e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate, di seguito denominata Agenzia, e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza ACCORDO DEFINITIVO SUI CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO

Dettagli

Politiche di remunerazione Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano

Politiche di remunerazione Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano Politiche di remunerazione 2017 Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano Agenda 1 Informativa Remunerazione 2016 2 Proposta Politiche di Remunerazione 2017 2 Informazioni sulla remunerazione Tutti i criteri

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO 2010 I rappresentanti dell

Dettagli

Sistema Incentivante 2008

Sistema Incentivante 2008 Jesi, 25 marzo 2008 Sistema Incentivante 2008 Informativa agli Organismi Sindacali Aziendali ai sensi dell art. 44, comma 4, del CCNL 12/2/2005, così come modificato dall accordo di rinnovo dell 8/12/2007.

Dettagli

Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014

Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014 Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014 sottoscritto il 23,12.2014 a Roma In data intesa: 23.12.2014 le delegazioni sottoscrivono il seguente Verbale di PER L INPS Il Presidente delle

Dettagli

Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI ANNO 2011 LINEE GUIDA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI

Dettagli

DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno

DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno 2015: indirizzi alla dirigenza. La Giunta, vista la determinazione

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i)

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2013 (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) Entità del finanziamento A livello nazionale: 307 milioni di euro circa Per

Dettagli

PREMIO di RISULTATO. Indice

PREMIO di RISULTATO. Indice PREMIO di RISULTATO Indice 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GENERALI ED OBIETTIVI AZIENDALI... 2 3. PARAMETRI DI RIFERIMENTO... 2 4. CRITERI DI DETERMINAZIONE... 3 4.1 Indice di efficienza... 3 4.2 Indice

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE In sede di adeguamento del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi al D.lgs. n. 150/2009, avvenuto con deliberazione G.C. n. 86/2010,

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO VISTO

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO VISTO CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO 2012 I rappresentanti dell

Dettagli

SLC-CGIL Sindacato Lavoratori della Comunicazione di Napoli. Unione degli Industriali di Roma

SLC-CGIL Sindacato Lavoratori della Comunicazione di Napoli. Unione degli Industriali di Roma Unione degli Industriali di Roma CONFINDUSTRIA Addì 3 giugno 2002, in Roma, presso la Sede dell Unione degli Industriali di Roma TRA - la Società TELECOM ITALIA S.p.A, assistita dall Unione degli Industriali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA (26 novembre 2013) tra IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI Ai fini della ripartizione delle risorse di cui agli artt. 33, 62, 85, 87 del CCNL

Dettagli

Evoluzione Commerciale Imprese

Evoluzione Commerciale Imprese 1 Evoluzione Commerciale Nuovo assetto organizzativo di AT, Filiale e UP Giugno 2015 Agenda 2 Razionali di Intervento Superamento rete UPI Evoluzione della Struttura Commerciale di AT e Filiale Evoluzione

Dettagli

AREA DEL COMPARTO METODOLOGIA DEL SISTEMA PREMIANTE

AREA DEL COMPARTO METODOLOGIA DEL SISTEMA PREMIANTE AREA DEL COMPARTO CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLA PRODUTTIVITÀ COLLETTIVA PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI E PER IL PREMIO DELLA QUALITÀ DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DEL SISTEMA

Dettagli

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE CAPITOLO 1 _ FINALITÀ E DEFINIZIONI 1) Finalità La performance è misurata e valutata con riferimento all Azienda nel suo complesso,

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI RETENUS

UNIONE DEI COMUNI RETENUS UNIONE DEI COMUNI RETENUS CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2015 Il giorno 31 dicembre 2015 alle ore 13:30, in esecuzione alla deliberazione di Giunta dell Unione n. 72 del 23.12.2015 è

Dettagli

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007 CNS - Commerciale Retail 2 Iniziative di fine anno Gara di vendita UP Country Filiale Gare di canale PosteBusiness: UPPTB & Team SSPMI PosteShop: SIS & Sale Consulenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Relazione tecnico - finanziaria Allegata all Ipotesi di Contratto Integrativo di Sede relativo ai Criteri e modalità di utilizzazione del Fondo Unico di Amministrazione Anno 2015 riguardante il personale

Dettagli

Provincia di Avellino

Provincia di Avellino Provincia di Avellino REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999 e dell art. 10 del CCNL del 22.01.2004) Adottato

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e. finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli

Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e. finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli interventi per l inserimento/reinserimento lavorativo

Dettagli

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE INBOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI SIM POSTEMOBILE CON ATTIVAZIONE DI OPZIONI TARIFFARIE

Dettagli

COMUNE DI LANZO TORINESE Provincia di Torino

COMUNE DI LANZO TORINESE Provincia di Torino COMUNE DI LANZO TORINESE Provincia di Torino Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 195 del 20 DICEMBRE 2012 Attuazione dei principi contenuti nel Decreto Legislativo n. 150 del 27/10/2009 e s.m.i.

Dettagli

Piano di Trasformazione 2019 Sistema di valorizzazione professionale del Personale di Unicredit SpA. Milano, 4 febbraio 2017

Piano di Trasformazione 2019 Sistema di valorizzazione professionale del Personale di Unicredit SpA. Milano, 4 febbraio 2017 Piano di Trasformazione 2019 Sistema di valorizzazione professionale del Personale di Unicredit SpA Milano, 4 febbraio 2017 Approfondimento a cura degli Organi di Coordinamento di UNISIN Unicredit 1 2

Dettagli

COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA ANNO 2009.

COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA ANNO 2009. COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA ANNO 2009. RELAZIONE ILLUSTRATIVA TECNICO-FINANZIARIA Premesso che

Dettagli

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena Allegato A Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI CONTRATTUALI RELATIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Allegato tecnico a) al Decreto del Ministero della Salute del 21 giugno 2016 Allegato tecnico a)

Allegato tecnico a) al Decreto del Ministero della Salute del 21 giugno 2016 Allegato tecnico a) Allegato tecnico a) a) Metodologia per l'individuazione dei costi e per la determinazione dei ricavi delle Aziende Ospedaliere (AO), delle Aziende Ospedaliere Universitarie (AOU) e degli Istituti di Ricovero

Dettagli

Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale

Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale ORIGINALE C O M U N E D I M E S T R I N O P R O V I N C I A D I P A D O V A Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale DETERMINAZIONE NR. 39 DEL 01/07/2016 FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO

Dettagli

COMUNE DI SANT AGOSTINO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO

COMUNE DI SANT AGOSTINO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI SANT AGOSTINO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE DEGLI ENTI LOCALI E RELATIVO AI CRITERI DI QUANTIFICAZIONE ED IMPIEGO DEL FONDO RELATIVO ALLE RISORSE PER LA CONTRATTAZIONE DECENTRATA

Dettagli

PROMOZIONE I TUOI INVESTIMENTI IN BCC TI PREMIANO!

PROMOZIONE I TUOI INVESTIMENTI IN BCC TI PREMIANO! PROMOZIONE I TUOI INVESTIMENTI IN BCC TI PREMIANO! INDICE PREMESSA... 2 1. PERIODO DI VALIDITA DELLA PROMOZIONE... 2 2. DESTINATARI DELLA PROMOZIONE... 2 3. MODALITA DI SVOLGIMENTO DELL INIZIATIVA... 2

Dettagli

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE SEGRETARIALE N 2 DEL 09/01/2014 Oggetto: Conferimento incarico di posizione organizzativa del Servizio Registro Imprese, Albi e Ruoli alla Dott.ssa Anna Rita Fraraccio per l'anno 2014. =====================================================================

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA (art. 10 del CCNL del 22.01.2004 come disciplinato dall art. 8, comma 1, lett B e C del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

CCNL AGENZIA DEL DEMANIO 1 BIENNIO ECONOMICO

CCNL AGENZIA DEL DEMANIO 1 BIENNIO ECONOMICO CCNL AGENZIA DEL DEMANIO 1 BIENNIO ECONOMICO 2004-2006 www.fpcgil.it CCNL AGENZIA DEMANIO 1 BIENNIO ECONOMICO 2004-2006 Pag. 2 INDICE TABELLA A TRASPOSIZIONE AUTOMATICA NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE TABELLA

Dettagli

I trend in atto e l evoluzione della previdenza privata. Rafforzare l eccellenza operativa delle Casse di Previdenza

I trend in atto e l evoluzione della previdenza privata. Rafforzare l eccellenza operativa delle Casse di Previdenza I trend in atto e l evoluzione della previdenza privata Rafforzare l eccellenza operativa delle Casse di Previdenza 1 ottobre 2016 Indice Presentazione Deloitte Le Casse Previdenziali Un contesto in evoluzione

Dettagli

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO DI BASE MECCANISMO DI TEAM FIGURE COINVOLTE PER ENTRAMBI I MECCANISMI

Dettagli

Le modalità di utilizzo del fondo per le risorse decentrate

Le modalità di utilizzo del fondo per le risorse decentrate Le modalità di utilizzo del fondo per le risorse decentrate Costituzione ed utilizzazione 21 luglio 2017 Arturo Bianco Indice - La ripartizione del fondo - Le progressioni orizzontali - Le posizioni organizzative

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO

PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO In data 19 Luglio 2013, le parti sottoindicate sottoscrivono il seguente Accordo sulle quote totali

Dettagli