LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE"

Transcript

1 Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di

2 Materiale didattico non vendibile riservato ai partecipanti dell incontro LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Dispensa chiusa per la stampa il 09/11/2010 GRUPPO EUROCONFERENCE S.P.A. Via E. Fermi, 11/A Verona Tel. 045/ Fax 045/ sito internet: Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale Stampa a cura di Verona Grafica S.r.l. 2

3 INDICE ASPETTI CONTABILI DELLA TRASFORMAZIONE SOCIETARIA pag. 4 a cura di Fabrizio Bava ASPETTI CONTABILI DELLA SCISSIONE SCHEMI DI SINTESI pag. 15 a cura di Fabrizio Bava ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE SCHEMI DI SINTESI pag. 26 a cura di Fabrizio Bava ASPETTI CONTABILI DELLA LIQUIDAZIONE SCHEMI DI SINTESI pag. 48 a cura di Fabrizio Bava LA LIQUIDAZIONE: ASPETTI FISCALI SCHEMI DI SINTESI pag. 52 a cura di Norberto Villa FUSIONE E SCISSIONE: ASPETTI FISCALI SCHEMI DI SINTESI pag. 60 a cura di Norberto Villa TRASFORMAZIONE: ASPETTI FISCALI SCHEMI DI SINTESI pag. 63 a cura di Norberto Villa 3

4 ASPETTI CONTABILI DELLA TRASFORMAZIONE SOCIETARIA a cura di Fabrizio Bava 1 Le implicazioni contabili dell operazione di trasformazione societaria sono di seguito esaminate nei seguenti aspetti: 1) trasformazione di una società di persone in una società di capitali; 2) trasformazione di una società di capitali in una società di persone; 3) casi operativi: - trasformazione di una società di persone in una società di capitali in continuità dei valori contabili; - trasformazione di una società di persone in una società di capitali con il recepimento dei maggiori valori di stima. 1. Trasformazione di una società di persone in una società di capitali Il capitale della società risultante dalla trasformazione deve essere determinato sulla base dei valori attuali degli elementi dell attivo e del passivo e deve risultare da relazione di stima. 1.1 Relazione di stima e valori di bilancio La perizia deve accertare la consistenza effettiva del patrimonio, attestando che le attività non sono sopravvalutate e che le passività non sono sottovalutate. In particolare, la perizia deve attestare che il valore corrente dei beni non è inferiore a quello iscritto in bilancio. I casi possibili sono i seguenti: 1) i valori di bilancio dei beni sono superiori ai valori di perizia; 2) i valori di bilancio dei beni sono inferiori ai valori di perizia. 1) Valori di bilancio dei beni superiori ai valori di perizia. La società è obbligata ad adeguare i valori di bilancio a quelli di perizia soltanto se da questa risultano valori inferiori a quelli di libro. In tali ipotesi è possibile alternativamente: a) iscrivere appositi fondi di svalutazione delle voci dell attivo sopravvalutate, attraverso la riduzione delle riserve iscritte in bilancio; b) iscrivere il bene al valore risultante dalla perizia: ciò determina una riduzione del capitale netto per un importo corrispondente alla differenza tra il valore di libro e quello di perizia. a) Iscrizione appositi fondi di svalutazione. Nel caso in cui la perizia indichi, ad esempio, un valore di presunto realizzo dei crediti inferiore a quello contabile, la rilevazione contabile è la seguente: Riserva ex snc a Fondo svalutazione crediti.. 1 Estratto da: La trasformazione delle società, coatori C.Bertazzoni, L.Miele, Euroconference Editore,

5 Aspetti contabili della trasformazione societaria b) Iscrizione del bene al valore risultante dalla perizia. Nel caso in cui la perizia indichi, ad esempio, un valore delle rimanenze inferiore a quello contabile, la rilevazione contabile è la seguente: Riserva ex snc a Rimanenze.. 2) Valori di bilancio dei beni inferiori ai valori di perizia. Nel bilancio della società di capitali risultante dalla trasformazione è possibile: a) mantenere i valori contabili della società di persone; b) iscrivere i valori contabili superiori risultanti dalla perizia. Nel caso sub a) si ha la continuità dei valori contabili tra la società trasformanda e la trasformata. Nel caso sub b) le plusvalenze iscritte non sono fiscalmente imponibili, ma si viene a determinare un disallineamento tra i valori civilistici delle attività (rappresentati dai valori rivalutati a seguito della trasformazione) ed il valore fiscale (che rimane quello precedente la rivalutazione). In tale situazione, gli ammortamenti civilistici saranno determinati su una base differente rispetto agli ammortamenti fiscalmente rilevanti, così come le plusvalenze/minusvalenze da cessione civilistiche non coincideranno con le plusvalenze/minusvalenze fiscali. La scelta di iscrivere i valori contabili risultanti dalla perizia consente di migliorare la consistenza patrimoniale della società. 1.2 Capitale sociale Le società di persone non sono caratterizzate da un capitale sociale minimo, mentre le società di capitali non possono avere un capitale sociale inferiore a: , per le società per azioni ed in accomandita per azioni; , per le società a responsabilità limitata. Il capitale sociale della società di persone trasformanda può essere: 1) non inferiore all ammontare minimo imposto dalla legge alle società di capitali; 2) inferiore all ammontare minimo imposto dalla legge alle società di capitali. Nel caso sub 1) la delibera di trasformazione non deve procedere all adeguamento del capitale sociale, mentre nel caso sub 2) la delibera di trasformazione deve prevedere l aumento del capitale sociale mediante: a) conferimento di denaro; b) imputazione a capitale sociale di riserve (es.: riserve facoltative) libere iscritte nel bilancio della società di persone. 5

6 a) Conferimento di denaro Nel caso in cui l aumento di capitale sociale avvenga attraverso il conferimento di denaro la rilevazione contabile è la seguente: Banca c/c a Capitale sociale.. b) Imputazione a capitale sociale di riserve Nel caso in cui l aumento di capitale sociale avvenga attraverso l imputazione delle riserve (es.: riserva facoltativa) la rilevazione contabile è la seguente: Riserva facoltativa a Capitale sociale Riserve iscritte nel bilancio della società di persone Nel caso di trasformazione di una società non soggetta all IRES in società soggetta a tale imposta (art. 170 Tuir) le riserve costituite prima della trasformazione con utili imputati ai soci (a norma dell articolo 5), conservano il regime del momento in cui si sono formate, a condizione che, dopo la trasformazione, siano state iscritte in bilancio con indicazione della loro origine. L indicazione dell origine di tali riserve può avvenire, ad esempio, con la seguente rilevazione contabile: diversi a Riserva ex s.n.c. Utile d esercizio Riserva facoltativa.. Dal punto di vista fiscale, tali riserve non concorrono cioè a formare il reddito dei soci in caso di distribuzione e l imputazione di esse a capitale non comporta l applicazione del comma 6 dell articolo Scritture contabili della società di persone La società di persone deve redigere il proprio bilancio alla data in cui ha effetto la trasformazione 2. La redazione del bilancio alla data di trasformazione (es.: 30 settembre) viene attuata mediante le seguenti fasi: a) redazione del I bilancio di verifica (ante scritture di rettifica); b) scritture di chiusura di bilancio alla data di trasformazione; c) redazione del II bilancio di verifica (post scritture di rettifica); d) redazione dello stato patrimoniale e del conto economico. 2. Trasformazione di una società di capitali in una società di persone La trasformazione delle società di capitali in società di persone non richiede la relazione di stima del patrimonio sociale. 2 In caso di contabilità semplificata è comunque necessario procedere alla redazione di una situazione patrimoniale alla data di trasformazione. 6

7 Aspetti contabili della trasformazione societaria 2.1 Capitale sociale Le società di persone non sono caratterizzate da un capitale sociale minimo. 2.2 Riserve iscritte nel bilancio della società di capitali Nel caso di trasformazione di una società soggetta all IRES in società non soggetta a tale imposta le riserve costituite prima della trasformazione, escluse quelle di cui al comma 5 dell articolo 47 del Tuir, sono imputate ai soci, a norma dell articolo 5: a) nel periodo di imposta in cui sono distribuite o utilizzate per scopi diversi dalla copertura di perdite d esercizio, se dopo la trasformazione risultano iscritte in bilancio con indicazione della loro origine (es.: Riserve ex S.r.l.); b) nel periodo di imposta successivo alla trasformazione, se non risultano iscritte in bilancio o sono iscritte senza la detta indicazione. Tali riserve sono assoggettate ad imposta secondo il regime applicabile alla distribuzione delle riserve delle società soggette all imposta sul reddito delle società (art. 73 del Tuir). 2.3 Scritture contabili della società di capitali La società di capitali deve redigere il proprio bilancio alla data in cui ha effetto la trasformazione. La redazione del bilancio alla data di trasformazione (es.: 30 settembre) viene attuata mediante le seguenti fasi: a) redazione del I bilancio di verifica (ante scritture di rettifica); b) scritture di chiusura di bilancio alla data di trasformazione; c) redazione del II bilancio di verifica (post scritture di rettifica); d) redazione dello stato patrimoniale e del conto economico. 3. Esercitazioni Di seguito sono presentate le seguenti esercitazioni esemplificative: 1) trasformazione da una società di persone ad una società di capitali in continuità dei valori contabili; 2) trasformazione da una società di persone ad una società di capitali con il recepimento dei maggiori valori di perizia. 3.1 Trasformazione da una società di persone ad una società di capitali in continuità dei valori contabili Una S.n.c. composta da due soci con capitale sociale di sottoscritto in parti uguali intende trasformarsi in una S.r.l. Al perito incaricato della stima viene fornita la seguente situazione contabile riferita al 30 settembre 20 (dati in migliaia di euro). 7

8 3.1.1 Situazione contabile della S.n.c. (trasformanda) DESCRIZIONE II BILANCIO DI VERIFICA Dare Avere Fabbricati industriali Fondo ammortamento fabbricati industriali 600 Impianti 700 Fondo ammortamento impianti 600 Attrezzature industriali e commerciali 300 Fondo ammortamento attrezzature 270 Rimanenze di prodotti finiti 330 Rimanenze di materie prime 120 Crediti verso clienti 800 Fondo svalutazione crediti 30 Crediti diversi 300 IVA c/erario 48 Cassa 2 Risconti attivi 5 Capitale sociale 10 Utili esercizi precedenti 80 T.F.R. 180 Banca c/c passivo 450 Banca c/interessi passivi da liquidare 10 Debiti verso fornitori 940 Debiti verso enti previdenziali 50 Debiti diversi 250 Debiti verso istituti di previdenza 20 Debiti tributari 60 Ricavi delle vendite Variazione rimanenze prodotti finiti 30 Variazione rimanenze materie prime 20 Acquisti materie prime Spese per servizi 290 Retribuzioni 400 Oneri sociali 120 Accantonamento T.F.R. 30 Ammortamento fabbricati industriali 25 Ammortamento impianti 50 Ammortamento attrezzature 60 Svalutazione crediti 4 8

9 Aspetti contabili della trasformazione societaria Oneri diversi di gestione 36 Intessi passivi bancari 100 Imposte indirette 5 IRAP 35 Utile d'esercizio Totale Risultanze della perizia Il perito nella perizia attesta che il valore delle attività non è inferiore al valore iscritto in bilancio ad eccezione dei crediti verso clienti, la cui esigibilità è giudicata come risulta dal prospetto seguente: Attività di bilancio Valore di perizia Valore contabile Crediti verso clienti Crediti verso clienti 800 Fondo svalutazione crediti (30) Valore contabile Scritture contabili della S.r.l. (trasformata) Apertura generale dei conti della società trasformata 1/10/20.. diversi a Stato Patrimoniale Fabbricati industriali Impianti 700 Attrezzature industriali e commerciali 300 Rimanenze di prodotti finiti 330 Rimanenze di materie prime 120 Crediti verso clienti 800 Crediti diversi 300 IVA c/erario 48 Cassa 2 Risconti attivi 5 9

10 1/10/20.. Stato Patrimoniale a diversi a Fondo ammortamento fabbricati industriali 600 a Fondo ammortamento impianti 600 a Fondo ammortamento attrezzature 270 a Fondo svalutazione crediti 30 a Capitale sociale 10 a Utile d'esercizio 55 a Utili esercizi precedenti 80 a T.F.R. 180 a Banca c/c passivo 450 a Banca c/interessi passivi da liquidare 10 a Debiti verso fornitori 940 a Debiti verso enti previdenziali 50 a Debiti diversi 250 A Debiti verso istituti di previdenza 20 A Debiti tributari 60 Chiusura dei conti transitori di bilancio Rimanenze di magazzino: Var. rimanenze di prod. finiti Var. rimanenze di mat. prime a 330 Rimanenze di prodotti finiti a Rimanenze materie prime 120 Risconti attivi: Spese per servizi a Risconti attivi 5 Ridenominazione delle riserve: diversi a Riserva ex snc 135 Utile d esercizio 55 Utile esercizi precedente 80 Svalutazione dei crediti attraverso l utilizzo delle riserve: Riserva ex snc a Fondo svalutazione crediti 20 10

11 Aspetti contabili della trasformazione societaria 3.2 Trasformazione da una società di persone ad una società di capitali con il recepimento dei maggiori valori di perizia Una S.n.c. composta da due soci con capitale sociale di sottoscritto in parti uguali intende trasformarsi in una S.r.l. Al perito incaricato della stima viene fornita la seguente situazione contabile riferita al 30 settembre 20 (dati in migliaia di euro) Situazione contabile della S.n.c. (trasformanda) DESCRIZIONE II BILANCIO DI VERIFICA Dare Avere Fabbricati industriali Fondo ammortamento fabbricati industriali 600 Impianti 700 Fondo ammortamento impianti 600 Attrezzature industriali e commerciali 300 Fondo ammortamento attrezzature 270 Rimanenze di prodotti finiti 330 Rimanenze di materie prime 120 Crediti verso clienti 800 Fondo svalutazione crediti 30 Crediti diversi 300 IVA c/erario 48 Cassa 2 Risconti attivi 5 Capitale sociale 10 Utili esercizi precedenti 80 T.F.R. 180 Banca c/c passivo 450 Banca c/interessi passivi da liquidare 10 Debiti verso fornitori 940 Debiti verso enti previdenziali 50 Debiti diversi 250 Debiti verso istituti di previdenza 20 Debiti tributari 60 Ricavi delle vendite Variazione rimanenze prodotti finiti 30 Variazione rimanenze materie prime 20 Acquisti materie prime Spese per servizi 290 Retribuzioni 400 Oneri sociali 120 Accantonamento T.F.R

12 Ammortamento fabbricati industriali 25 Ammortamento impianti 50 Ammortamento attrezzature 60 Svalutazione crediti 4 Oneri diversi di gestione 36 Intessi passivi bancari 100 Imposte indirette 5 IRAP 35 Utile d'esercizio Totale Risultanze della perizia Il perito nella perizia attesta che il valore delle attività non è inferiore al valore iscritto in bilancio. I valori delle attività e passività iscritte nello stato patrimoniale sono i seguenti: II BILANCIO DI VERIFICA DESCRIZIONE Valore contabile Valore della relazione di stima Attività Fabbricati industriali Impianti Attrezzature industriali e commerciali Rimanenze di prodotti finiti Rimanenze di materie prime Crediti verso clienti Crediti diversi IVA c/erario Cassa 2 2 Risconti attivi 5 5 Totale attività Passività e patrimonio netto T.F.R Banca c/c passivo Banca c/interessi passivi da liquidare Debiti verso fornitori Debiti verso enti previdenziali Debiti diversi Debiti verso istituti di previdenza Debiti tributari Capitale sociale

13 Aspetti contabili della trasformazione societaria Utili esercizi precedenti Utile d'esercizio Totale passività e patrimonio netto Maggior valore del patrimonio Scritture contabili della S.r.l. (trasformata) Apertura generale dei conti della società trasformata 1/10/20.. diversi a Stato Patrimoniale Fabbricati industriali Impianti 900 Attrezzature industriali e commerciali 300 Rimanenze di prodotti finiti 500 Rimanenze di materie prime 120 Crediti verso clienti 800 Crediti diversi 300 IVA c/erario 48 Cassa 2 Risconti attivi 5 1/10/20.. Stato Patrimoniale a diversi a Fondo ammortamento fabbricati industriali 600 a Fondo ammortamento impianti 600 a Fondo ammortamento attrezzature 270 a Fondo svalutazione crediti 30 a Capitale sociale 10 a Utile d'esercizio 55 a Utili esercizi precedenti 80 a Riserva da trasformazione a T.F.R. 180 a Banca c/c passivo 450 a Banca c/interessi passivi da liquidare 10 a Debiti verso fornitori 940 a Debiti verso enti previdenziali 50 a Debiti diversi 250 a Debiti verso istituti di previdenza 20 a Debiti tributari 60 13

14 Chiusura dei conti transitori di bilancio Rimanenze di magazzino: Var. rimanenze di prod. a 500 Finiti Rimanenze di prodotti finiti Var. rimanenze di mat. a 120 Prime Rimanenze materie prime Risconti attivi: Spese per servizi a Risconti attivi 5 Ridenominazione delle riserve: diversi a Riserva ex snc 135 Utile d esercizio 55 Utile esercizi precedente 80 Rilevazione della fiscalità differita Qualora il recepimento dei maggiori valori di perizia non sia fiscalmente riconosciuto, l operazione di trasformazione origina un disallineamento tra i valori civilistici delle attività (rappresentati dai valori rivalutati a seguito della trasformazione) ed il valore fiscale (che rimane quello precedente la rivalutazione). In tale situazione, gli ammortamenti civilistici saranno determinati su una base differente rispetto agli ammortamenti fiscalmente rilevanti, così come le plusvalenze/minusvalenze da cessione civilistiche non coincideranno con le plusvalenze/minusvalenze fiscali. L indicato disallineamento tra valori civili e fiscali determina la necessità di iscrizione in bilancio di imposte differite, eccezion fatta per il caso in cui esistano scarse probabilità che insorga il relativo debito fiscale. La scrittura contabile è la seguente: Riserva da trasformazione a Fondo imposte differite 14

15 ASPETTI CONTABILI DELLA SCISSIONE SCHEMI DI SINTESI a cura di Fabrizio Bava DISPOSIZIONI CONTABILI Norme civilistiche sulla scissione (art quater) OIC 4 Fusioni e scissioni, gennaio 2007 DOCUMENTI CONTABILI NELLA SCISSIONE 1. Situazione patrimoniale ex art quater C.C. della scissa e delle beneficiarie già esistenti (art ter C.C.) 2. Situazioni patrimoniali dei patrimoni assegnati alle beneficiarie (art bis C.C.) 3. Bilancio e situazioni patrimoniali di chiusura della società scissa 4. Primo bilancio successivo alla scissione : bilancio di riapertura (art bis, co. 4 C.C.) 5. Primo bilancio d esercizio successivo alla scissione 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER consente di valutare compiutamente le società partecipanti alla scissione e le cause delle variazioni intervenute nel periodo di tempo successivo alla data di riferimento dell ultimo bilancio approvato (OIC 4) Deve essere riferita ad una data (unica per tutte le società): non anteriore di oltre 120 gg dalla data del deposito c/o sede società del progetto di scissione (art quater C.C., co. 1) può essere sostituita dal bilancio dell ultimo esercizio se è stato chiuso non oltre 6 mesi prima del deposito c/o sede società del progetto di scissione (art quater C.C., co. 2) 15

16 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER Si tratta di un bilancio ordinario infrannuale, costituito da: Stato patrimoniale e conto economico Nota integrativa (è raccomandata dall OIC 4, in forma semplificata, secondo le indicazioni dell OIC 30) Criteri di valutazione ordinari art C.C. Deve essere redatto secondo le regole previste per i bilanci intermedi dall OIC 30 (ad es. l ammortamento deve essere riproporzionato per tenere conto della minore durata dell esercizio) 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER Contenuto minimo della nota integrativa (OIC 30): descrizione dei criteri di valutazione, anche tramite rinvio a quanto indicato nel precedente bilancio d esercizio effetti dell eventuale cambiamento di principi contabili descrizione di effetti significativi sull utile dovuti a stagionalità o a fatti rilevanti di natura non ricorrente eventi successivi di rilievo principali impegni e passività potenziali variazioni nelle componenti del patrimonio netto criterio di calcolo delle imposte anticipate relative a perdite fiscali pregresse non riconosciute in precedenza ogni altra informazione ritenuta rilevante e/o richiesta dalle autorità competenti 2. SITUAZIONE DEI PATRIMONI ASSEGNATI (ART BIS C.C.) Valore effettivo del patrimonio netto assegnato alle beneficiarie e di quello eventualmente rimasto nella scissa, da indicare nella relazione degli amministratori OIC 4: nelle scissioni semplificate i valori devono essere inseriti nel progetto di scissione (o in un suo allegato) Quali beni delle società beneficiarie e scissa concorrono a costituire garanzia per i creditori (art quater, co. 3) Limiti quantitativi dell obbligazione solidale delle beneficiarie per passività non destinate nel progetto di scissione (art bis, co. 3) 16

17 Aspetti contabili della scissione 2. SITUAZIONE DEI PATRIMONI ASSEGNATI (ART BIS C.C.) PATRIMONIO NETTO EFFETTIVO PATRIMONIO NETTO RETTIFICATO CON ATTIVITÀ A VALORI CORRENTI Osservazioni: 1. Si considerano solo le attività trasferibili e suscettibili di esecuzione forzata 2. Non si considerano avviamento né attività immateriali non trasferibili 3. I valori correnti si determinano in conformità all OIC 17 (Bilancio consolidato) 4. Il valore corrente partecipazione FAIR VALUE (ART BIS E OIC 3) 2. SITUAZIONE DEI PATRIMONI ASSEGNATI (ART BIS C.C.) PATRIMONIO NETTO CONTABILE (o VALORE CONTABILE) (da situazioni ex art quater) PATRIMONIO NETTO ASSEGNATO EFFETTIVO (o VALORE EFFETTIVO) Solo attività suscettibili di trasferimento o di esecuzione forzata PATRIMONIO NETTO AI FINI DEL CONCAMBIO (o VALORE DETERMINATO AI FINI DEL CONCAMBIO) Comprende anche l avviamento e le attività immateriali 2. SITUAZIONE DEI PATRIMONI ASSEGNATI (ART BIS C.C.) PATRIMONIO NETTO DA ASSEGNARE ALLA BENEFICIARIA X ELEMENTO PATRIMONIALE VALORE CONTABILE VALORE EFFETTIVO Immobili Crediti verso clienti TOTALE PATRIMONIO NETTO ASSEGNATO Allegati Elenchi esplicativi contenenti esatta descrizione degli elementi patrimoniali da assegnare Il valore utilizzato per la determinazione del rapporto di concambio può essere indicato nel suo importo COMPLESSIVO (art bis, co. 2) 17

18 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Il bilancio di chiusura si riferisce al bilancio della società scissa nel quale emergono le attività e le passività assegnate alle società beneficiarie È importante collegamento con il primo bilancio successivo alla scissione BILANCIO DI APERTURA delle Beneficiarie La modalità operativa di redazione dipende dalla presenza o meno di retrodazione Tanti bilanci di chiusura, tante quante sono le beneficiarie 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Periodo interinale : il periodo che intercorre fra la data alla quale viene riferita la determinazione del rapporto di cambio (che coincide con la data di riferimento della situazione patrimoniale) e la data di effetto reale della scissione 10/5 20/11 Data di riferimento Efficacia rapporto di cambio scissione Tale periodo può ricadere per intero in un unico esercizio oppure avere inizio in un esercizio e terminare nell esercizio successivo 31/12 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Effetti reali: nel momento in cui avviene l ultima delle iscrizioni dell atto di scissione al Registro imprese Se scissione con beneficiarie già esistenti ( scissione per incorporazione ) possibilità di differire ( postdatare ) gli effetti reali solitamente all inizio dell esercizio successivo Possibilità di retrodatazione contabile e fiscale, nei confronti di ciascuna beneficiaria 18

19 Aspetti contabili della scissione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Retrodatazione contabile e fiscale: Obiettivo: evitare la redazione del bilancio d esercizio (e connessi obblighi fiscali) per la società scissa Non è possibile nella scissione parziale (la scissa deve redigere il proprio bilancio d esercizio) È possibile nella scissione totale a condizione che: Vi sia coincidenza tra le date di chiusura dell ultimo esercizio della scissa e quello delle beneficiarie preesistenti La data di retrodatazione contabile e fiscale è quella di apertura dell esercizio in cui si completa il procedimento di scissione OIC 4 esprime dubbi sull ammissibilità della retrodatazione contabile e fiscale nella scissione totale con beneficiarie neo-costituite 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione totale Esempio 1 Società Scissa A Esercizio 1/1 31/12 Società beneficiarie X e Y Esercizio 1/1-31/12 Data di efficacia della scissione: 30/9 Retrodatazione contabile e fiscale all 1/1 Retrodatazione contabile e fiscale La scissa non redige più il bilancio 1/1/.1-30/9/.1 1/1 30/9 Operazioni rilevate nel bilancio delle beneficiarie 1/1/.1-31/12/.1 Efficacia scissione 31/12 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione totale Esempio 2 Società Scissa A Esercizio 1/1 31/12 Società beneficiaria X Esercizio 1/1-31/12 Società beneficiaria Y Esercizio 1/7-30/6 Data di efficacia della scissione: 30/9/.1 Retrodatazione contabile e fiscale non ammessa 1/1 30/9 Operazioni rilevate nel bilancio della scissa periodo 1/1/.1-30/9/.1 Efficacia scissione 31/12 Operazioni rilevate nel bilancio delle beneficiarie: X: 1/1/.1-31/12.1 Y: 1/7/.1-30/6/.2 19

20 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione parziale Alla data di effetto della scissione (es.: 30/09) la scissa effettua una chiusura dei conti limitatamente alle attività ed alle passività assegnate alle beneficiarie Effettuazione delle operazioni di chiusura (ratei, risconti, ammortamenti pro-quota, ecc.) relativamente alle attività/passività assegnate Chiusura dei conti delle attività/passività assegnate Alla data di redazione del proprio bilancio (es.: 31/12) la società scissa produrrà un bilancio che tiene conto degli effetti della scissione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione totale È necessario tenere dalla data di inizio dell esercizio fino alla data di efficacia della scissione, tante contabilità sezionali quante sono le beneficiarie (OIC 4) Le modalità operative della tenuta delle contabilità sezionali sono libere Necessità di ripartizione dei costi comuni, l OIC 4 rinvia agli altri principi contabili, in particolare, OIC 13 (Rimanenze), OIC 23 (Lavori in corso su ordinazione), OIC 2 (Patrimoni destinati a specifici affari) 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione totale assenza di retrodatazione contabile e fiscale Alla data di effetto della scissione (es.: 30/9) la scissa: effettua le operazioni di chiusura (ratei, risconti, ammortamenti pro-quota, ecc.) effettua una chiusura dei conti Il bilancio di chiusura coincide con il bilancio d esercizio al 30/9, completo di stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa (art e ss. del C.C.) Lo stato patrimoniale deve fornire i dati completi alla data di efficacia reale della scissione, necessari per il bilancio di apertura delle società beneficiarie 20

21 Aspetti contabili della scissione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ SCISSA Scissione totale retrodatazione contabile e fiscale Il bilancio di chiusura è rappresentato da una semplice situazione contabile alla data di efficacia della scissione Le operazioni di gestione sono rilevate nella contabilità sezionale della scissa fino alla data di efficacia reale della scissione (30/9) Le operazioni di gestione dall 1/1 al 30/9 devono poi confluire nella contabilità delle beneficiarie (trasferimento dei saldi delle attività, delle passività, dei costi e dei ricavi) 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE È il BILANCIO DI APERTURA compilato da ciascuna beneficiaria con riferimento alla data successiva a quella di effetto reale della scissione Devono essere eliminati i saldi reciproci (operazione che può presentare complessità) È possibile assegnare patrimoni netti contabili negativi a condizione che: La beneficiaria sia una società già esistente Il valore economico della azienda assegnata sia comunque positivo 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE Attività/passività solo esclusivamente quelle relative al patrimonio netto assegnato alla beneficiaria I valori delle attività/passività sono quelli contabili presenti nel bilancio della scissa Devono essere comprese le attività completamente ammortizzate, le attività immateriali non iscritte ma iscrivibili ai sensi dell OIC 24 Se la beneficiaria è neocostituita, il bilancio di apertura è inventario iniziale (art C.C.) Devono emergere disavanzi/avanzi da concambio e da annullamento riferiti alla singola frazione di patrimonio netto assegnato 21

22 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE DIFFERENZE DA ANNULLAMENTO Presenza di un legame partecipativo (la beneficiaria ha una partecipazione nella scissa) Socio A 30% Socio B 30% La società beneficiaria deve annullare la partecipazione nella società scissa in funzione del patrimonio assegnato SOCIETÀ SCISSA 40% SOCIETÀ BENEFICIARIA X 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE DIFFERENZE DA ANNULLAMENTO Costo partecipazione annullata > Corrispondente patrimonio netto contabile assegnato DISAVANZO DA ANNULLAMENTO Costo partecipazione annullata < Corrispondente patrimonio netto contabile assegnato AVANZO DA ANNULLAMENTO 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE DIFFERENZE DA CONCAMBIO Si originano in seguito al concambio delle azioni della società scissa con le azioni della società beneficiaria Aumento di capitale sociale della beneficiaria > Corrispondente patrimonio netto contabile assegnato DISAVANZO DA CONCAMBIO Aumento di capitale sociale della beneficiaria Corrispondente < patrimonio netto contabile assegnato AVANZO DA CONCAMBIO 22

23 Aspetti contabili della scissione 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE Disavanzo da annullamento e disavanzo da concambio IMPUTATO, OVE POSSIBILE, AGLI ELEMENTI DELL ATTIVO E DEL PASSIVO: Sulla base dei valori correnti effettivamente sussistenti Nel limite del valore recuperabile attraverso l utilizzo Importante punto di riferimento (per disavanzo da concambio) perizia ex art C.C. Iscrizione della fiscalità differita sui maggiori valori iscritti (irrilevanza fiscale ex art. 173 TUIR) rimando all OIC PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE Disavanzo da annullamento e disavanzo da concambio PER LA DIFFERENZA AVVIAMENTO (se sussistono requisiti previsti dall OIC 24) Fiscalità differita sull avviamento? (l OIC 25 non affronta la questione): lo IAS 12 prevede la non iscrizione (ma nell ambito di una disciplina generale differente) Disavanzo da annullamento: attenzione a eventuali perdite pregresse. Se non può essere considerato avviamento riduzione di riserve o costo nel conto economico (OIC 17) 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE Avanzo da annullamento e avanzo da concambio Avanzo da annullamento: Relativo a beni rivalutati nella scissa o a utili della scissa RISERVA NEL PATRIMONIO NETTO Relativo a perdite future o a badwill per insufficiente redditività FONDI RISCHI Avanzo da concambio: Pur avendo una natura differente, il trattamento è il medesimo dell avanzo da annullamento Fiscalmente ricostituzione delle riserve in sospensione di imposta presenti nella scissa 23

24 4. PRIMO BILANCIO DELLE BENEFICIARIE SUCCESSIVO ALLA SCISSIONE Esempio: Scissione con effetti reali dal 30/9 Scissione totale Beneficiaria neocostituita bilancio 1/10-31/12 Beneficiaria già esistente, assenza di retrodatazione contabile e fiscale bilancio 1/1-31/12, con ricavi e costi del patrimonio assegnato a partire dall 1/10 Beneficiaria già esistente, con retrodatazione contabile e fiscale bilancio 1/1-31/12, con ricavi e costi del patrimonio assegnato a partire dall 1/1 Scissione parziale Beneficiaria neocostituita bilancio 1/10-31/12 Beneficiaria già esistente bilancio 1/1-31/12, con ricavi e costi del patrimonio assegnato a partire dall 1/10 ESEMPIO SCISSIONE TOTALE BENEFICIARIE NEOCOSTITUITE PROPORZIONALE ANTE SCISSIONE Socio X Socio Y 60% 40% SOCIETÀ SCISSA A Ramo az.le B Ramo az.le C POST SCISSIONE Socio X Socio Y Socio X Socio Y 60% 40% 60% 40% SOCIETÀ BEN. B SOCIETÀ BEN. C PN contabile Valore economico Ramo az.le B Ramo az.le C Totale scissa A PN: 400 C.S.: 100 Riserve: 300 Le azioni delle beneficiarie sono assegnate ai soci nella medesima percentuale di partecipazione alla società A. ESEMPIO SCISSIONE TOTALE BENEFICIARIE NEOCOSTITUITE PROPORZIONALE Società scissa A (effettua operazioni di rettifica) Ramo d azienda B assegnato alla società B diversi a Capitale netto di scissione B 300 Capitale sociale 75 Riserve 225 Ramo d azienda C assegnato alla società C diversi a Capitale netto di scissione C 100 Capitale sociale 25 Riserve 75 Assegnazione del ramo d azienda B diversi a Attività assegnate a B Passività assegnate a B Capitale netto di scissione B 300 Assegnazione del ramo d azienda C diversi a Attività assegnate a B Passività assegnate a B 900 Capitale netto di scissione B

25 Aspetti contabili della scissione ESEMPIO SCISSIONE TOTALE BENEFICIARIE NEOCOSTITUITE PROPORZIONALE Società beneficiaria B Costituzione della società Azionisti c/sottoscrizione a Capitale sociale 300 Rilevazione del ramo d azienda B assegnato Attività assegnate a B a diversi Società beneficiaria C Costituzione della società a Passività assegnate a B a Azionisti c/sottoscrizione 300 Azionisti c/sottoscrizione a Capitale sociale 100 Rilevazione del ramo d azienda C assegnato Attività assegnate a C a diversi a Passività assegnate a C 900 a Azionisti c/sottoscrizione

26 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE SCHEMI DI SINTESI a cura di Fabrizio Bava FONTI DI RIFERIMENTO PER LE DISPOSIZIONI CONTABILI Norme civilistiche sulla fusione (art quinquies) OIC 4 Fusione e scissione, gennaio 2007 DOCUMENTI CONTABILI NELLA FUSIONE 1. Situazione patrimoniale ex art quater C.C. delle società coinvolte nella fusione 2. Documenti contabili ed extracontabili per la determinazione del rapporto di concambio 3. Bilancio e situazioni patrimoniali di chiusura della società incorporata (o fusa) 4. Primo bilancio successivo alla fusione: bilancio di riapertura (art bis, co. 4 C.C.) 5. Primo bilancio d esercizio successivo alla fusione 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER consente di valutare compiutamente le società partecipanti alla fusione e le cause delle variazioni intervenute nel periodo di tempo successivo alla data di riferimento dell ultimo bilancio approvato (OIC 4) Deve essere riferita ad una data (unica per tutte le società): non anteriore di oltre 120 gg dalla data del deposito c/o sede società del progetto di fusione (art quater C.C., co. 1) può essere sostituita dal bilancio dell ultimo esercizio (approvato) se è stato chiuso non oltre 6 mesi prima del deposito c/o sede società del progetto di fusione (art quater C.C., co. 2) 26

27 Aspetti contabili della fusione 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER Si tratta di un bilancio ordinario infrannuale, costituito da: Stato patrimoniale e conto economico Nota integrativa (è raccomandata dall OIC 4, in forma semplificata, secondo le indicazioni dell OIC 30) Criteri di valutazione ordinari art C.C. Deve essere redatto secondo le regole previste per i bilanci intermedi dall OIC 30 (ad es. l ammortamento deve essere riproporzionato per tenere conto della minore durata dell esercizio) 1. SITUAZIONE PATRIMONIALE EX ART QUATER Contenuto minimo della nota integrativa (OIC 30): descrizione dei criteri di valutazione, anche tramite rinvio a quanto indicato nel precedente bilancio d esercizio effetti dell eventuale cambiamento di principi contabili descrizione di effetti significativi sull utile dovuti a stagionalità o a fatti rilevanti di natura non ricorrente eventi successivi di rilievo principali impegni e passività potenziali variazioni nelle componenti del patrimonio netto criterio di calcolo delle imposte anticipate relative a perdite fiscali pregresse non riconosciute in precedenza ogni altra informazione ritenuta rilevante e/o richiesta dalle autorità competenti 2. DOCUMENTI CONTABILI E EXTRA-CONTABILI PER DETERMINAZIONE RAPPORTO DI CONCAMBIO L OIC 4 non entra nel merito né delle tipologie di documenti né delle modalità di determinazione del concambio Le norme di legge ed i principi contabili nazionali non richiedono la redazione di uno specifico bilancio per la determinazione del rapporto di cambio In relazione al metodo (o ai metodi) scelti, può essere redatto un bilancio finalizzato a mettere in evidenza il capitale economico Si tratta di un documento che non deve essere presentato ai soci, ai cui si presentano i risultati derivanti dall applicazione dei diversi metodi attraverso le relazioni redatte dagli organi amministrativi 27

28 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Il bilancio di chiusura si riferisce al bilancio della società incorporata o fusa nel quale emergono le attività e le passività della società incorporata o delle società fuse La modalità operativa di redazione dipende dalla presenza o meno di clausole di retroattività degli effetti della fusione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Periodo interinale : il periodo che intercorre fra la data alla quale viene riferita la determinazione del rapporto di cambio (che coincide con la data di riferimento della situazione patrimoniale ex 2501-quater C.C.) e la data di effetto reale della fusione 10/5 20/11 Data di riferimento rapporto di cambio Efficacia fusione Tale periodo può ricadere per intero in un unico esercizio oppure avere inizio in un esercizio e terminare nell esercizio successivo 31/12 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Effetti reali: si producono dal momento in cui avviene la registrazione dell atto (presa in carico) presso il Registro delle imprese dell incorporante o dalla data dell ultima delle iscrizioni nel Registro delle imprese nel caso di fusione per unione L effetto reale non può essere mai anticipato o retrodatato Nel solo caso di fusione per incorporazione possibilità di differire ( postdatare ) gli effetti reali solitamente all inizio dell esercizio successivo È possibile la retrodatazione contabile e fiscale 28

29 Aspetti contabili della fusione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Retrodatazione contabile e fiscale: Obiettivo: evitare la redazione del bilancio d esercizio (e connessi obblighi fiscali) per la società incorporata È generalmente non ritenuta ammissibile nelle fusioni per unione (la società risultante dalla fusione non esisteva prima della fusione) La data di retrodatazione contabile e fiscale massima è: società con date di chiusura dell esercizio coincidenti: quella di apertura dell esercizio in cui si completa il procedimento di fusione società con date di chiusura differenti: quella di riapertura successiva all ultimo esercizio chiuso dell incorporante 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Fusione per incorporazione Esempio 1 Società incorporante A Esercizio 1/1 31/12 Società incorporate X e Y Esercizio 1/1-31/12 Data di efficacia della fusione: 30/9 Retrodatazione contabile e fiscale all 1/1 Retrodatazione contabile e fiscale Le società incorporate non redigono più il bilancio 1/1/.1-30/9/.1 1/1 30/9 Efficacia Operazioni fusione rilevate nel bilancio dell incorporante 1/1/.1-31/12/.1 31/12 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Fusione per incorporazione Esempio 2 Società Incorporante A Esercizio 1/1 31/12 Società incorporata X Esercizio 1/1-31/12 Inizio del procedimento di fusione: 1/10.1 Data di efficacia della fusione: 10/4/.2 Retrodatazione contabile e fiscale: 1/1/.2 La società incorporata redige il bilancio 1/1/.1-31/12/.1 Retrodatazione contabile e fiscale La società incorporata non redige il bilancio 1/1/.2-10/4/.2 1/10.1 1/1 10/4/.2 Operazioni Efficacia rilevate nel bilancio dell incorporante 1/1/.2- fusione 31/12/.2 31/

30 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Fusione per incorporazione Esempio 3 Società Incorporante A Esercizio 1/1 31/12 Società incorporata X Esercizio 30/6-30/6.1 Inizio del procedimento di fusione: 1/10.1 Data di efficacia della fusione: 10/4/.2 Retrodatazione contabile e fiscale: 1/1/.2 La società incorporata redige il bilancio 1/7/.1-31/12/.1 Retrodatazione contabile e fiscale La società incorporata non redige il bilancio 1/1/.2-10/4/.2 30/6/.1 1/10.1 1/1 10/4/.2 Operazioni Efficacia rilevate nel bilancio dell incorporante fusione 1/1/.2-31/12/.2 31/ BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Processo di formazione delle situazioni patrimoniali di chiusura Retrodatazione contabile situazione patrimoniale di chiusura, non è necessaria la redazione di un bilancio intermedio Assenza di retrodatazione contabile bilancio ordinario (generalmente infrannuale) per il periodo: inizio esercizio data di efficacia della fusione In entrambi i casi, deve essere tenuta separatamente la contabilità fino alla data di efficacia della fusione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Processo di formazione delle situazioni patrimoniali di chiusura Retrodatazione contabile situazione patrimoniale di chiusura, non è necessaria la redazione di un bilancio intermedio: le società incorporate si limitano a redigere una situazione contabile alla data di effetto della fusione chiudendo i conti patrimoniali e reddituali (senza quindi l effettuazione di rettifiche e senza la determinazione del risultato di periodo) il libro giornale di tale/i società consiste in una sorta di sezionale del libro giornale dell incorporante 30

31 Aspetti contabili della fusione 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Processo di formazione delle situazioni patrimoniali di chiusura Assenza di retrodatazione contabile, durata dell esercizio: di 12 mesi: nelle fusioni per incorporazione in caso di postdatazione degli effetti reali alla data di chiusura dell esercizio inferiore a 12 mesi: gli effetti reali si producono nel corso dell esercizio (in caso di durata dell esercizio inferiore a 12 mesi è necessario ragguagliare gli ammortamenti alla durata dell esercizio) 3. BILANCI E SITUAZIONI PATRIMONIALI DI CHIUSURA DELLA SOCIETÀ INCORPORATA O FUSA Fusione per incorporazione Esempio Società incorporante A Esercizio 1/1 31/12 Società incorporate X e Y Esercizio 1/1-31/12 Data di efficacia della fusione: 30/9 Assenza di retrodatazione contabile e fiscale Le società incorporate redigono il bilancio 1/1/.1-30/9/.1 1/1 30/9 Operazioni rilevate nel bilancio delle incorporate 1/1/.1-30/9/.1 Efficacia fusione 31/12 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) È il bilancio d apertura del complesso aziendale unificato: è redatto con riferimento alla data di efficacia reale della fusione, anche nel caso di retrodatazione degli effetti contabili consiste in una situazione patrimoniale in cui emergono i disavanzi/avanzi da concambio e da annullamento non è richiesta la N.I., ma è opportuna una nota esplicativa dei criteri di valutazione utilizzati, delle rettifiche operate e del trattamento degli avanzi e disavanzi Efficacia: solo interna nelle fusioni per incorporazione anche esterna, nelle fusioni per unione, in quanto corrisponde all inventario iniziale (art C.C.) 31

32 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) Processo di immissione dei dati dell incorporata (o della fusa) nella situazione contabile dell incorporante (o della società risultante dalla fusione) L incorporante, se deve essere aumentato il C.S. o costituito, rileva l aumento (o la creazione) del C.S. per concambiare ai soci terzi delle incorporate (o fuse) le vecchie azioni (quote) in loro possesso con le nuove azioni (quote) emesse Il processo (simile al processo di consolidamento) si differenzia tra: 1. Presenza della retrodatazione contabile 2. Assenza della retrodatazione contabile 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) 1. Retrodatazione contabile (fusione per incorporazione) L incorporata: tiene le proprie scritture contabili separatamente fino alla data di efficacia della fusione prepara una situazione contabile (patrimoniale e reddituale) alla data di efficacia della fusione L incorporante: prende in carico, sul suo libro giornale, tutti i saldi patrimoniali ed economici (in caso di concambio) estingue il credito verso i soci per l aumento del capitale sociale effettua le rettifiche di assestamento necessarie (segue) 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) 1. Retrodatazione contabile (fusione per incorporazione) Rettifiche di assestamento : Eliminazione delle operazioni infragruppo avvenute dall inizio dell esercizio fino alla data di efficacia della fusione (crediti/debiti, conti d ordine, costi/ricavi e utili interni) Eliminazione degli eventuali dividendi distribuiti dall incorporata dall inizio dell esercizio fino alla data di efficacia della fusione Eliminazione della partecipazione detenuta dall incorporante nell incorporata e dei saldi dei conti di patrimonio netto dell incorporata (ad eccezione delle riserve di natura fiscale che devono essere ricostituite nel bilancio dell incorporante ai sensi dell art. 172 del TUIR) 32

33 Aspetti contabili della fusione 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) 2. Assenza di Retrodatazione contabile L incorporata (o la società fusa) ha preparato un bilancio infrannuale ordinario alla data di efficacia della fusione L incorporante: rileva nella propria contabilità le attività e le passività così come risultanti dalla situazione di chiusura (eventuale) estingue il credito verso i soci per l aumento (creazione) del capitale sociale effettua le rettifiche di assestamento necessarie (segue) 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) 2. Assenza di Retrodatazione contabile Rettifiche di assestamento : Eliminazione dei soli crediti/debiti infragruppo esistenti alla data di efficacia della fusione Non si eliminano i ricavi/costi infragruppo, gli utili interni o i dividendi in quanto si considerano realizzati e sono iscritti nei rispettivi bilanci Nella fusione per incorporazione: eliminazione della partecipazione detenuta dall incorporante nell incorporata e dei saldi dei conti di patrimonio netto dell incorporata (ad eccezione delle riserve di natura fiscale che devono essere ricostituite nel bilancio dell incorporante ai sensi dell art. 172 del TUIR) 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) Differenze di fusione: Differenze da annullamento sono determinate dalla differenza tra il valore della partecipazione nella società incorporata iscritto nel bilancio della società incorporante e la quota di patrimonio netto contabile della incorporata di competenza dell incorporante Differenze da concambio sono determinate dalla differenza tra il valore dell aumento di capitale sociale della società incorporante e la quota di patrimonio netto contabile della incorporata di competenza dei soci terzi 33

34 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) DIFFERENZE DA ANNULLAMENTO Presenza di un legame partecipativo Socio A 50% SOCIETÀ INCORPORANTE 80% Socio B 50% La società incorporante deve annullare la partecipazione nella società incorporata in relazione alla corrispondente frazione di patrimonio netto. SOCIETÀ INCORPORATA 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) DIFFERENZE DA ANNULLAMENTO Costo partecipazione annullata > Corrispondente patrimonio netto contabile dell incorporata DISAVANZO DA ANNULLAMENTO Costo partecipazione annullata < Corrispondente patrimonio netto contabile dell incorporata AVANZO DA ANNULLAMENTO 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) DIFFERENZE DA CONCAMBIO Presenza di un legame partecipativo Socio A 50% SOCIETÀ INCORPORANTE 80% SOCIETÀ INCORPORATA Socio B 50% Socio C 20% La società incorporante deve aumentare il capitale sociale per concambiare le azioni possedute dal socio C 34

35 Aspetti contabili della fusione 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) DIFFERENZE DA CONCAMBIO Aumento di capitale sociale dell incorporante > Corrispondente patrimonio netto contabile dell incorporata DISAVANZO DA CONCAMBIO Aumento di capitale sociale dell incorporante < Corrispondente patrimonio netto contabile dell incorporata AVANZO DA CONCAMBIO 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) Disavanzo da annullamento e disavanzo da concambio IMPUTATO, OVE POSSIBILE, AGLI ELEMENTI DELL ATTIVO E DEL PASSIVO Sulla base dei valori correnti e nel limite del valore recuperabile Importante punto di riferimento (per disavanzo da concambio) (perizia ex art C.C.) Iscrizione della fiscalità differita sui maggiori valori iscritti (irrilevanza fiscale ex art. 173 TUIR, se non viene effettuato il riallineamento attraverso il pagamento di un imposta sostitutiva) 4. PRIMO BILANCIO SUCCESSIVO ALLA FUSIONE: BILANCIO DI RIAPERTURA (ART BIS, CO. 4 C.C.) Disavanzo da annullamento e disavanzo da concambio PER LA DIFFERENZA, ad AVVIAMENTO (se sussistono requisiti previsti dall OIC 24) Fiscalità differita sull avviamento? (l OIC 25 non affronta la questione): lo IAS 12 prevede la non iscrizione (ma nell ambito di una disciplina generale differente) Dis. annullamento: attenzione in presenza di perdite pregresse, se non può essere considerato avviamento, riduzione di riserve, l eventuale eccedenza costo nel conto economico (OIC 17) Dis. da concambio, attribuito ai valori correnti e/o avviamento (perizia ex art C.C. per assicurare effettività del capitale) 35

LA FUSIONE Aspetti contabili

LA FUSIONE Aspetti contabili Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Economia Corso di Tecnica professionale A.A. 2010-2011 LA FUSIONE Aspetti contabili Lezione del 29 novembre 2010 1 Bilancio post fusione Bilancio di apertura

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE 1 Operazione di natura straordinaria modificazione della forma giuridica senza che consiste nella -mutamento del soggetto

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE RECESSO DEL SOCIO ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE A) Valore di liquidazione della quota superiore al corrispondente valore contabile del patrimonio netto

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Stazione di Erba - Anni 30

Stazione di Erba - Anni 30 1 Stazione di Erba - Anni 30 2 3 Eurocombi S.r.l. in liquidazione Liquidatore Massimo Stoppini BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 BILANCIO DI ESERCIZIO 31.12.2013 _ Situazione Patrimoniale

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 1 ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 2 IL BILANCIO CONSOLIDATO I metodi di consolidamento 6) LE VARIAZIONI SUCESSIVE AL PRIMO

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE NOTA INTEGRATIVA Si illustrano di seguito tutte le informazioni utili per una migliore lettura del Conto Consuntivo 2010 costituito dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico. La struttura dello Stato

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2005 PRIMA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I bilancio di verifica al 31/12/200_ della società

Dettagli

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019 Sede in Perugia - via Mazzini 21 Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Il conferimento Disciplina fiscale ed opzioni contabili 1 Nell ambito dell imposizione diretta, il regime fiscale cui è soggetta l operazione di conferimento

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014 COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA Sede in VIA SCAGLIA EST 144-41100 MODENA (MO) Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Risultati del Gruppo FNM - Utile netto di Gruppo: 19,033 milioni di euro - EBIT: 17,144 milioni di euro

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 Criteri di formazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni Il

Dettagli

1 Gli aspetti fiscali

1 Gli aspetti fiscali Gli aspetti fiscali 1 2 1. Profili fiscali: il quadro normativo di riferimento Articolo 170 Tuir: trasformazione omogenea Neutralità fiscale Determinazione del reddito Trattamento fiscale delle riserve

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE Oneri pluriennali Il candidato, sulla base dei seguenti dati, determini l utile distribuibile. Spese di impianto 5.000. STATO PATRIMONIALE t Capitale

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore - Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 22 Febbraio 2008 1 Studio Legale Tributario in association with Definizione Il conferimento d azienda è un operazione

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014 ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Reg. Imp. 01765610447 Rea 171608 Sede in PIAZZA ARRINGO, 1-63100 ASCOLI PICENO (AP) Capitale sociale Euro 20.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate

Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO ASSEGNAZIONE E TRASFORMAZIONE AGEVOLATE: LE IMPOSTE DIRETTE Le operazioni di assegnazione e di cessione agevolate DAVIDE CAMPOLUNGHI Commissione Diritto Tributario

Dettagli

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A.

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. in SETTENTRIONALE TRASPORTI S.P.A. redatto ai sensi dell art. 2501-quinquies

Dettagli

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Reg. Imp. 96015140823 Rea 259417 Sede in VIA GARIBALDI 2 C/O UFFICI COMUNALI - 90018 TERMINI IMERESE (PA) Capitale sociale Euro 100.000,00 di cui Euro 79.250,00

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Pagina 1 di 9 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici MERCOGLIANO Denominazione: SERVIZI S.R.L. CON UNICO SOCIO PIAZZA MUNICIPIO N. Sede: 1-83013 MERCOGLIANO (AV) Capitale

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione delle dinamiche economico-aziendali 2) Rappresentazione della composizione patrimoniale dell impresa 3) Determinazione

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato

FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2012 SITUAZIONE PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI B) IMMOBILIZZAZIONI I. IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

G.IM S.r.l. con socio unico. Sede in Torino - Corso Dante 14. Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino

G.IM S.r.l. con socio unico. Sede in Torino - Corso Dante 14. Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino G.IM S.r.l. con socio unico Sede in Torino - Corso Dante 14 Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino al n. 08930370013 * * * BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P

Dettagli

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014 Sede in VIA SAN FRANCESCO DA PAOLA, 3-10123 TORINO (TO) Fondo di dotazione Euro 100.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A)

Dettagli

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 10408 ASSODOM Data di stampa 24/03/2015 VIALE GRAN SASSO 11 20100 MILANO MI Pagina 1 C.F. 02676930981 P.IVA 02676930981 BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 ATTIVITA' STATO PATRIMONIALE PASSIVITA' Saldo non

Dettagli

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in MANTOVA - VIA SANTA MARIA NUOVA, 15 Capitale Sociale versato Euro 10.000,00 Registro Imprese di MANTOVA n. 243667 Partita IVA: 02330440203 - Codice Fiscale: 02330440203 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

COSMO S.P.A. Bilancio al 31/12/2013

COSMO S.P.A. Bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 82005660061 Rea 179382 COSMO S.P.A. Sede in VIA ACHILLE GRANDI N. 45C - 15033 CASALE MONFERRATO (AL) Capitale sociale Euro 7.000.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2013 Stato patrimoniale attivo 31/12/2013

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013 FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI Registro Imprese 640399 Rea 8508/87 Sede in via Plebiscito, 102-00186 Roma Fondo Consortile 439.916,51 Codice Fiscale 08060200584 Partita IVA 01951041001 Bilancio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA TEMI SOTTOPOSTI AI CANDIDATI ANNO 2002 - SECONDA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA PROVA N. 1 Il candidato rediga il bilancio di verifica

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 444145/1996 Rea 0293663 ALER BERGAMO Sede in VIA MAZZINI 32/A - 24128 BERGAMO (BG) Capitale sociale Euro 99.874,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contabili. per correttezza tecnica come clausola generale di formazione del bilancio si

Dettagli

LURA AMBIENTE S.P.A.

LURA AMBIENTE S.P.A. LURA AMBIENTE S.P.A. Sede in VIA LAINATE 1200-21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) Codice Fiscale 02259590129 - Numero Rea VA 000000242557 P.I.: 02259590129 Capitale Sociale Euro 120.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli