Lex-Operators All together for women victims of intimate partner violence FORMAZIONE LEXOP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lex-Operators All together for women victims of intimate partner violence FORMAZIONE LEXOP"

Transcript

1 Lex-Operators All together for women victims of intimate partner violence FORMAZIONE LEXOP rivolta agli operatori della legge pubblici e privati della Provincia di Torino

2 Incontro formativo target pubblico: 22 febbraio e 7 marzo 2012 target privato: 14 e 22 marzo 2012 Argomento:processo di vittimizzazione e decision making docente: Massimo Giusio Direttore CESC Centro Europeo Studi Criminologi Conduzione e coordinamento: Anna Maria Zucca, presidente di Donne & Futuro (coordinatrice progetto Lexop area torinese Oggi vorrei affronta tare sinteticamente il tema del processo di vittimizzazione e dei decision making. La vittimologia ha poca rilevanza dal punto di vista della autonomia didattica e disciplinare ed è l ultima nata tra le discipline criminologiche. Le prime ricerche scientifiche sulla vittima per ciò che è e per ciò che fa risalgono alla seconda metà degli ani 40, quando si afferma negli Stati Uniti una corrente di criminologi ebrei, tra cui Mendelsohn che ha affrontato il problema dell Olocausto, ovvero della vittimologia di un itero popolo. Questi studiosi hanno allargato il loro ambito di ricerca a tutti quei fenomeni che possono servire ad affrontare il ruolo della vittima nella interrelazione con il reo. Si parla di descotomizzazione che significa riportare alla luce il ruolo del soggetto passivo, prima confinato dalla antropologia e dalla sociologia criminale. Balloni, criminologo italiano, si è occupato di vittimologia, affrontando il tema delle cause e delle conseguenze del ritardo della vittimologia dato che uno studio analitico sulla condizione della vittima, su una possibilità riparatoria e di una assistenza multidiciplinare rivolta alla vittima stessa inizierà solo negli anni 50 quando l attenzione si sposta su quei fattori che, nel binomio criminale, autolegittimano il reo a deumanizzare il suo soggetto passivo, come quelli culturali e di rarefazione degli anticorpi etico religiosi. Si tratta di una tecnica di neutralizzazione endopsichica che contraddistingue l autore, il quale tende a deumanizzare la vittima, a ricondurre il proprio agire aggressivo a motivazioni para razionali ( se lo è voluto, meritato, ha generato la mia invidia ). In criminologia si parla di fattori crimini repellenti e crimino impellenti. Nella mente del soggetto attore ci sono degli elementi crimino impellenti, secondo la psicanalisi già presenti nell inconscio prepuberale, che agiscono positivamente nella determinazione del soggetto a passare all atto (actingout) e fattori crimino repellenti,come il paradigma premiale e penale, non solo giuridico ma anche religioso. La religione ha avuto, infatti, una grande influenza nello studio della vittima. La vittimolgia che nasce nella seconde metà degli anni 40 è sostanzialmente una scienza descrittiva e si occupa di chi sono le vittime; cerca stabilire se ci sono dei soggetti più predisposti ad essere vittimizzati per fattori biologici ed anagrafici, se è possibile intervenire in chiave preventiva e se queste possibilità di analisi possono essere trasferite dall ambito della prevenzione primaria a quello della vittimizzazione secondaria. Dall esperienza criminologica americana e canadese sappiamo che chi è autore di un reato tra i 12 ed i 20 anni è stato egli stesso coinvolto in questioni di violenza in ambito familiare o scolastico oppure è stato spettatore di violenza. Una indagine condotta di recente negli Stati uniti (2008) tra i condannati a morte nel braccio della morte ha evidenziato che, su 500 condannati, più della metà sono stati a loro volte vittime e lo stesso fenomeno è stato riscontrato tra le condannate a morte donne poiché, più della metà, sono uxoricide e quasi tutte hanno subito violenza dall ex partner.

3 La catena delle vittimizzazioni, che deve essere spezzata, è uno degli oggetti di studio prevalenti della vittimologia; non esiste, infatti, solo la vittimizzazione secondaria con la retorica dei mass media e dei processi, ove la vittima deve ricostruire le tracce del proprio vissuto ed ove il processo rappresenta la sede elettiva del processo di vittimizzazione secondaria. La prevenzione della revittimizzazione è uno degli scenari di indagine più recenti della vittimologia italiana sopratutto ad opera del professore Gulotta che, negli anni 70, ha iniziato ad occuparsi di questa disciplina in termini di autonomia didattica e scientifica all interno nostre università; purtroppo però la vittimologia tende ad essere considerata in italia una sub disciplina secondaria della criminologia. Oggi la nozione di vittima è molto estesa (si parla, ad esempio, di vittime della crisi), c è un abuso straripante del termine vittima perché si è usciti dalla logica degli anni 50 secondo la quale la vittimologia veniva considerata quella scienza che si occupa delle vittime di un reato penale. Bisogna pertanto uscire da una impostazione di tipo riduzionizta. In Italia, su 3 milioni di reati, l autore viene identificato nel 4% dei casi (delitti contro il patrimonio), nell 8% dei casi (reati contro la persona) mentre, rispetto ai casi di violenza intrafamiliare, solo il 3-4% di essi si risolvono in una denuncia e la metà portano o al proscioglimento o alla remissione di querela; questi dati ci fanno pensare che le vittime non trovano quasi mai giustizia. Uno degli elementi che è stato approfondito dalla nostra criminologia, in particolare dal prof. Bisi, riguarda proprio una della tecniche di auto legittimazione culturale ed inconscia che interviene nell autore del reato quando è consapevole che la capacità di punire del sistema penale è sconfortante. Se la risposta penale è debole, si rafforza l impulso criminogeno; a questo fattore, si aggiunge la rarefazione degli anticorpi etico religiosi, ovvero l idea del premio e del castigo, dell inferno e del paradiso. Il paradigma basato sui premi e sui castighi che qualifica e punisce le condotte umane è stato un meccanismo che ha funzionato per molti secoli. Qualche anno fa abbiamo fatto un indagine nelle scuole superiori ed abbiamo rilevato che all inferno ed al paradiso credono ormai solo 10 ragazzi su 100. Come insegna il prof. Mantovani, il più grande insegnante di diritto penale del nostro paese, nel suo testo Il problema della criminalità (1984), più aumentano i fattori crimogeni esterni (famiglia, scuola, cattive compagnie, modelli di identificazione negativa) minore è la necessità di una predisposizione individuale al crimine. Possiamo osservare soggetti molto predisposti al crimine che non commettono crimini poiché non subiscono spinte esterne e, viceversa, soggetti poco predisposti all impulso criminogeno che, in presenza di maggiori fattori esterni, sono spinti ad agire in senso criminale. Si tratta, pertanto, di una legge di proporzionalità inversa. Maggiori sono le agenzie di controllo naturale e spontaneo (la famiglia, gruppi organizzati, la catena sociale) e maggiore sarà la necessità di un sistema penale forte: se tutte e due sono deboli, la società non può pretendere di combattere il crimine potenziandone le cause. In altri termini, non si possono diminuire il numero dei reati se si rafforza l ambiente crimonogeno. Negli anni 40 e 50, quattro grandi criminologi iniziarono a studiare la vittima per ciò che essa è e per ciò che fa. Ricostruirono l archetipo della vittima e la etimologia della parola: vittima deriva da victu, il cibo offerto agli dei per mitigarne la collera. Questo concetto si sviluppa intorno al 2500 e 3000 a.c. ed è presente già nei veda, i più antichi testi sacri identificati dagli storici delle religioni ove si può riscontrare l idea della vittima come pasto. L idea che si sviluppa nel pensiero simbolico e religioso intorno al secondo millennio è proprio quella di un sacrificio dapprima di tipo animale (la mucca più bella, il toro più virile) e, successivamente (X secolo), umano che possa ratificare l alleanza della comunità sociale con la divinità.

4 Quando si diffonde il sacrificio umano, la vittima diventa un membro della comunità di cui ci si deve dimenticare in fretta dopo che, attraverso di esso, sia stata placata la collera dello spirito. Il sacrificio ha una funzione immediata di espiazione collettiva, ricordandosi della vittima ci si ricorda del male commesso quindi, la vittima deve essere obliterata. A Roma nasce prima il termine victuma poi victima (termine latino tardo imperiale). Intorno al primo secolo dopo Cristo, i sacrifici delle vite umane tendono in tutto il mondo ad essere edulcorati ma la nozione di vittima e scarifico tornano alla ribalta nel medioevo. Il rapporto tra la violenza ed il sacro è importante: tutte le grandi religioni nascono come atti di violenza, si pensi alla storia di Caino ed Abele ed al fatto che il nuovo testamento si conclude con una vittima. La genesi storica e simbolica della scotomizzazione della vittima ha pertanto delle radici archetipiche storiche, religiose e sociali. I vittimologi degli anni 40 le analizzano compiutamente studiando le cause della shoah, ovvero perché il popolo ebraico subisce un destino di vittimizzazione collettiva. Tra questi spiccano il professor Mendelsohn, che ebbe la prima cattedra di vittimologia negli Stati Uniti nel 51, ed il professor Wertham (psichiatra e studioso di vittimologia delle origini) che, quando giunse negli Stati Uniti, eseguì una perizia su uno dei più grandi serial killer del paese, tale Peter Fish, individuando nel criminale una serie di fattori predisponesti alla violenza. Wertham riuscì a convincere il Presidente degli Stai Uniti a fare pressioni sul Governo poiché riteneva che, nella genesi della violenza, avessero un ruolo importante i fumetti. Il governo americano fece una inchiesta e scoprì che i fumetti contenevano tracce di pressioni violente; questa scoperta portò ad una presa di coscienza da parte della politica e della editoria ed alla soppressione dei fumetti ove nel finale vincevano i cattivi. Un altro grande protagonista della vittimologia è Wanettig che ricevette una cattedra di criminologia negli Stati Uniti e coniò il termine di precipitation, secondo il quale la vittima avrebbe un ruolo nello scatenare gradualmente l evento violento. Lo studioso è stato molto attaccato poiché non bisogna cadere nella tentazione di considerare il ruolo della vittima in termini di co-responsabilità (ad esempio pensare che se la sia cercata o che si fosse vestita in maniera provocante). Negli anni 40 il prof Manzini, grande penalista dell epoca, ha elaborato la tecnica difensiva della vis grata puellae, secondo cui esiste una forma di violenza in qualche modo gradita dalla vittima, cercando di dimostrare che non era possibile la penetrazione dinanzi ad una tenace resistenza da parte della vittima. Questa teoria ha avuto dei riscontri nei nostri Tribunali e si sono dovuti attendere gli anni 90 affinché si giungesse ad una visione di questa fattispecie come di un reato contro la persona anziché di un delitto contro la morale. Nella gerarchia piramidale del codice Rocco, ove prevaleva una impostazione gerarchia dei beni ed interessi giuridici tutelati, la morale stava in una posizione di inferiorità gerarchica; immaginate, quindi, quale fosse la degradazione del bene giuridico tutelato. Solo con la modifica dell articolo 609 c.p., avvenuta negli anni 90, questi reati sono stati collocati nella sfera di offensività giuridica più adatta, ovvero quella dei diritti contro la persona. Wanetting ed il suo concetto di precipitation sono stati quindi molto criticati perché non bisogna mai pensare che il comportamento della vittima, per quanto oggetto di studio, possa essere considerato connivente con quello dell autore. Nel nostro codice penale è tuttavia presente una attenuante riferita al comportamento della vittima che abbia in qualche modo concorso. Ci sono pertanto degli strumenti tecnico giuridico razionalizzati al fine di identificare un ruolo alla vittima nella psicodinamica del crimine ma vanno utilizzati con cautela poiché, per quanto possa essere provocatrice la vittima, la responsabilità dell autore deve rimanere inalterata. Si è giunti negli anni scorsi a rielaborare la teoria del campo (psicologia topologica), secondo la quale ogni vittima ha in se delle pulsioni favorenti.

5 Ritengo sia pericoloso questo discorso perché non bisogna mai cadere nel tranello di considerare minore la responsabilità dell autore sulla base di presunti comportamenti della vittima. È vero invece che la tolleranza o la passività della donna vittimizzata, seppur giustificata, tende a far sedimentare nella mente dell autore una autolegittimazione dell agire aggressivo e di folli convinzioni di meritevolezza e giustificazionismo. E una nuova responsabilità della vittima quella di tutelarsi appena può (discorso del decision making), vincendo quelle resistenze come l abitudinarietà della violenza e tutti quei meccanismi inibitori che, seppur comprensibili, tendono ad allontanare la donna dalla decisione di denunciare il compagno. Il compito degli studiosi, operatori, avvocati è quello di aiutare la donna ad esplicitare la violenza attraverso delle tecniche codificate che facilitino la narratività della vittima; un atteggiamento di grande interesse per ciò che la donna dice favorisce la narratività. In merito ai fattori della narratività cito il testo di Mastronardi sulla tecnica del colloquio che è rivolto ai clinici ma può essere interessante anche per i legali, i magistrati e gli agenti di polizia. Arriviamo agli anni 60 quando, anche in Italia, cominciano ad arrivare i germi della ricerca vittimologica, ovvero le prime indagini sul campo che riguardano le vittime nel rapporto con l autore del reato. L interesse non è ancora focalizzato sulla vittima in quanto tale (ad esempio sui fattori predisponenti) ma al suo rapporto con l autore della violenza. Non siamo ancora alla analisi vittimologica vera e propria, ovvero alla vittimalistica che considera la vittima in quanto tale, ovvero come individuo che ha subito un danno o un torto non necessariamente di rilevanza penale. Il secondo elemento di progresso degli anni 60. deriva dal fatto che le Nazioni Unite iniziano ad assumere delle risoluzioni sulla vittima nelle quali si formalizza un allargamento definitorio: si inizia a parlare di vittime collettive, vittime di catastrofi ambientali, dell ambiente sociale, economico finanziario. Il concetto di vittima diventa esteso, non più di vittima di un fatto penalmente rilevante, ma vittima di un fatto ingiusto o di una violazione di un diritto; la vittima diventa quel soggetto che, nel suo paese, è stato spossessato di un diritto di cui è titolare. Questa interpretazione evolutiva è stata rilevante nella giurisprudenza delle commissioni per il riconoscimento dello status di rifugiato. Negli anni 70 Guglielmo Gulotta raduna un gruppo di criminologi, psicologi e sociologi e fonda la società italiana di vittimolgia che si occupa di svolgere le prime indagini sul campo della violenze sessuale. Si arriverà a risultati sconcertati come quello secondo cui esiste una simmetria tra l esperienza di violenza vissuta e quella agita, un automatismo deterministico in base al quale, ad esempio, chi è stato vittima di pedofilia tende a riprodurne gli effetti in età adulta come autore. La psicologia sociale si sforza di ricostruire la eziogenesi di questo automatismo nel concetto di imitazione e riproduzione ( per approfondimenti si vedano Mastronardi e Balloni). Una delle modalità per spezzare la catena della violenza è quella di responsabilizzare la vittima che si trova spesso ad affrontare dei fattori antagonisti che le impediscono di tutelarsi adeguatamente nel processo di vittimizzazione. Si tratta dei fattori cosiddetti esorepellenti che incidono nella mente della vittima e le impediscono di tutelarsi; questi si differenziano dai fattori esoimpellenti che favoriscono invece l uscita della donna dalla violenza. Tra i fattori esorepellenti annoveriamo, in primis, lo stress che colpisce tutte le vittime di violenza. Un altro fattore importante è la carenza di elementi conoscitivi da parte della donna che non conosce i meccanismi o li conosce in modo distorto. Altri fattori di scoraggiamento sono la carenza del senso di giustizia individuale che è un concetto relativo (ciascuno ha il proprio senso di giustizia) e la presenza di tecniche di giustificazione della violenza subita che toccano il culmine con la sindrome di Abele.

6 Tra le cause di questa sindrome ritroviamo un senso di accettazione rassegnata per il proprio destino di vittima e la minimizzazione della rilevanza del danno in nome di una bilancia costi benefici del destino familiare. Un altra causa della sindrome di Abele si ritrova negli archetipi cristiani, come quello della beatificazione della sofferenza; si pensi che nella morale cristiana comune si ascolta spesso questo concetto della sofferenza, del sacrificio, della rinuncia, del patire come viatico per la salvezza. Infine, anche l incapacità della donna di essere autonoma economicamente sta alla base della sindrome descritta. Mastronardi sostiene che, tra le tecniche del colloquio con la vittima, sia importante insistere sul tema della necessità del cambiamento radicale poiché la vittima deve essere portata a percorrere tale sentiero. Una operatrice racconta di una donna che ha deciso di querelare il marito perché il figlio di 10 anni un giorno le ha detto: appena divento grande ammazzo io papa. Il bambino quando è spettatore di violenza tende a vestire i panni del giustiziere ed a diventare autore della violenza. Il nocciolo vero della questione sta allora nella opportunità di responsabilizzare la vittima. Il ruolo della vittima nella realizzazione del fatto assume diverse connotazione quindi dobbiamo capire i fattori inibitori e le persone che più agevolmente possono essere vittimizzate. Una indagine condotta presso le scuole piemontesi sul bullismo ha evidenziato una serie di vittime predisposte; si può parlare di predisposizioni vittimogene che sono legate a fattori di consolidamento di stereotipi sociali, ad esempio vengono vittimizzati con una percentuale doppia i ragazzi soprappeso e con gli occhiali. La scelta della vittima non è dunque causale. Stiamo parlando di vittime fungibili e infungibili, la cui distinzione viene di seguito descritta. Ci sono reati per cui la vittima ha una rilevanza essenziale, delitti in famiglia, delitti contro il patrimonio (truffe) e reati per i quali la vittima è fungibile, è casuale, pensiamo ai reati di terrorismo, di strage ove per l autore del fatto è irrilevante chi sarà la vittima. La vittima può incrementare con il suo comportamento certi stereotipi. A tal proposito stati condotti di recente degli studi da parte della associazione italiana di sessuologia di Roma su un campione di 3 mila italiani aventi ad oggetto i fattori che facilitano la violenza sulla donna. Il 43% degli uomini ha risposto che una diversa condotta della donna diminuirebbe le condotte violente. Se la ragazza fosse più costumata, ci sarebbe una minore propensione ad agire violenza su essa. Da questi risultati emergono i condizionamenti, gli stereotipi logori che inficiano il senso di giustizia collettivo. A settembre verrà rifatto questo questionario, ed a Torino ne saranno distribuiti mille. Lo stereotipo che la vittima se le è andata a cercare non è stato sconfitto e ci vorrà ancora del tempo prima che scompaia. Un altro stereotipo riguarda l abbigliamento della donna e persino gli operatori della forza pubblica domandano alla donna, in sede di denuncia, come fosse vestita al momento dei fatti. Domanda: in sede processuale l avvocato del reo può fare delle domande del genere alla vittima, ovvero chiedere come fosse vestita al momento della violenza, considerato che sono delle domande irrilevanti? Risposta: certamente perché l unico divieto che ha il legale è quello di fare delle domande suggestive che, secondo il pensiero prevalente, sono quelle a risposta implicita e che contengono già il germe dialettico finalizzato ad ottenere una risposta univoca. Succede di frequente che la destrutturazione della vittima è uno degli strumenti difensivi degli stupratori. Indagare sulle abitudini della vittima, sull abbigliamento, sulle sue frequentazioni serve a deumanizzarla per liberare la coscienza dell autore. Pensate alle vittime della omofobia: il fatto che molti ragazzi con un orientamento sessuale diverso non si rechino a fare denuncia trova ragione nella paura di quello che potrebbero sentirsi

7 dire in caserma, dagli amici e dai compagni. Ciò deve farci riflettere poiché la vita privata, le abitudini, la vita di relazione, le amicizie della vittima vengono spesso utilizzate come espedienti a favore del violentatore e contro di essa che, per qualche giorno, gode della simpatia dei mass media e poi viene dimenticata. Pensate al caso di Garlasco: i primi giorni dopo il fatto sembravano una occasione mondana di retorica e spettacolarizzazzione (i settimanali di gossip facevano le interviste alla cugina della povera vittima) ma si è finiti per arrivare ad una scotomizzazione della vittima che viene dimenticata. Le vittime che arrivano ad un reale risarcimento sono assai poche. Da anni, nel nostro sistema processuale penale, ci sono proposte di legge per ampliare i diritti processuali della parte civile ma si è ancora lontani da un cambiamento, la vittima è ancora vista come una sorta di testimone muta del crimine mentre quello che viene illuminato dal rito del processo penale è l autore. Qualcuno ha sostenuto che il processo penale sia strutturato come una forma di complotto della stato contro l imputato che deresponsabilizza se stesso attraverso una serie di tecniche di neutralizzazione (si veda Matza che ha studiato tali tecniche). Troviamo queste tecniche di neutralizzazione sia nella criminalità dei colletti bianchi che nelle bande giovanili analfabeti. Una di queste riguarda la fedeltà al patto, ovvero l impossibilità di venire meno al patto fatto con i complici. Una delle grandi scuole di pensiero della sociologia criminale rispetto alle cause della genesi dell impulso criminale (anni 40) è la teoria delle associazioni differenziali. Secondo questa teoria, quando il giovane esce da un percorso ove frequentava associazioni conformi, si identifica in associazioni differenziali, microgruppi ove la violenza, la gerarchia interna, il lessico criptico sono modalità consuete della azione. In questi microgruppi sostitutivi della famiglia e del nucleo sociale conforme, il giovane riorganizza la propria personalità. A tal proposito Luigi Berzano, sociologo della devianza di Torino, ha studiato il fenomeno dei giovani che lanciano i sassi dal cavalchia. Rispetto alla genesi dell impulso emerge che un depotenziamento dei legami familiari incrementa l appetibilità del microgruppo alternativo; quest ultimo prevede un percorso di leadership interno che passa attraverso una serie di prove iniziatiche di coraggio e di antisocialità. Più c è sfida al sistema normativo prevalente più c è l affermazione di una leaderschip nel gruppo. Per Berzano il depotenziamento del legame familiare e del valore della assertività paterna sono degli elementi che portano l adolescente ad affidarsi al microgruppo alternativo. Questa teoria delle associazioni differenziali ha avuto molto peso nella sociologia criminale americana ove è stata studiata tantissimo, ad esempio rispetto al fenomeno delle bande. Una delle forme di comunicazione interna delle associazioni differenziali è la criptolalia: i membri del gruppo si nutrono di criptolalia semplificata, un gergo interno comprensibile solo ai fratelli. Uno studio interessante è stato fatto alla professoressa Setten che ha confermato queste teorie. La rarefazione del legame familiare e del modello di identificazione paterna fa si che l adolescente vada alla ricerca di modelli di identificazione eroica esterna e li trovi nei microgruppi differenziali alternativi nei quali, per percorrere una carriera interna di affermazione, egli deve commettere dei gesti che frequentemente hanno la connotazione dell illecito penale. Altro scenario è quello vandalismo e della appartenenza ai non luoghi, ad es. i centri commerciali, che avrebbero sviluppato una vera mutazione sociale all insegna della spersonalizzazione dei rapporti anche se il sentirsi nell anonimato viene descritto come un rimedio ansiogeno. Una ricerca francese ha rilevato come questi non luoghi siano oggetto di vandalismo, di segni lasciati e di scritte. I non luoghi fanno insorgere il bisogno di lasciare un segno proprio perché al loro interno c è una spersonalizzazione del vissuto. Se volete approfondire il tema, consiglio il testo di Franco Angeli, Non luoghi e devianza. Una delle cose che ha più affascinato la vittimologia è la sindrome di Stoccolma.

8 Quali sono i meccanismi che la generano? Come possiamo trasferire questo paradigma sia al nostro oggetto di studio? Perché nella vittima c è ancora tanta resistenza a denunciare? Nell analisi dei meccanismi reattivi dell io, Freud prendeva in considerazione delle tecniche difensive inconsce che hanno una certa struttura e funzione, tra cui il meccanismo di identificazione con l autore. Secondo una prospettiva post freudiana, dopo un giorno o due, si sedimenta nella psiche della vittima un fenomeno di simpatia e neutralizzazione del danno subito. Nel 1973, in una banca di Stoccolma, avviene una rapina e gli ostaggi, già dopo le prime ore dal sequestro, sviluppano una forma di solidarietà verso i sequestratori. Questo fenomeno sarà molto studiato poiché, dopo pochi giorni dal sequestro, vi sono già rapporti fisici tra sequestratori e sequestrati, una signora-ostaggio si sposerà addirittura con uno dei rapinatori. Come è possibile che nella civilissima Svezia si avveri la profezia freudiana, secondo cui la vittima si identifica con l autore? Analizzando i fatti, si possono osservare tre meccanismi: in primis i sequestrati accolgono la liberazione dai sequestratori sbeffeggiando le forze dell ordine, i sequestrati tendono ad elaborare tecniche di neutralizzazione della colpa a favore dei sequestratori (si tratta di una dipendenza dell ostaggio dal sequestratore) ed, infine, dopo la liberazione i sequestrati mantengono dei contatti con i sequestratori. La criminologia e la psicologia cercano di approfondire quanto accaduto e, nel merito, vengono definiti tre modelli interpretativi. Il primo è quello freudiano e si riconduce al meccanismo di difesa inconscia fondato sulla identificazione: chi subisce una violenza tende incosciamente a mettersi dall altra parte, a capire le ragioni dell altro. Il secondo modello interpretativo è offerto dalla psicologia clinica non freudiana e riguarda la dipendenza della vittima dal carnefice. Secondo tale modello, nei momenti in cui la vita della vittima è legata a quella del sequestratore ed il sequestratore non uccide la vittima, si insatura un meccanismo di dipendenza psichica della vittima nei confronti dell autore. Pensiamo a quanto violenze quotidiane subiscono le donne sulla base di questa forma di dipendenza. Il terzo modello esplicativo fa riferimento al forte sentimento di gratitudine che prova la vittima verso l aggressore per la violenza più grande che avrebbe potuto subire e che non si è consumata. È stato notato che questo fenomeno è reciproco, anche l offendere inizia a coltivare sentimenti positivi verso la vittima. Dopo Stoccolma ci sono state decine di casi simili analizzati dai vittimologi che hanno rinforzato questa terza interpretazione, ovvero di un senso di gratitudine che scaturisce nella vittima dal convincimento che poteva uccidermi ma non l ha fatto. A mio avviso è fondamentale padroneggiare le tecniche del colloquio e vorrei sintetizzarvi alcuni comandamenti frutto della elaborazione di trenta anni di studio. Mastronardi e Gullotta hanno cercato di estrapolare, tra i vari stili di colloquio, una tipologia di colloquio criminologico. Noi eravamo abituati a studiare il colloquio con l autore del reato, si pensi che Lombroso si era fatto dare una autorizzazione per intervistare i condannati a morte. Lombroso era un personaggio eclettico, negli ultimi anni della sua vita si occupò di studiare le correnti medianiche durante le sedute spiritiche. Aveva l ossessione della misurazione di qualsiasi meccanismo che potesse orientare il comportamento umano ed, in particolare, dall idea che il comportamento umano fosse dominato da meccanismi deterministici, ovvero che in alcuni soggetti vi fosse la rielaborazione di tipi umani primordiali (il delinquente, il omicida, il violento). Secondo lo studioso i soggetti dominati da tali meccanismi erano dei malati da curare e non da punire. Questa prospettiva sposta il paradigma della funzione della pena: se il soggetto non è libero nella volontà, come può lo stato porre il fondamento della responsabilità e della colpa? Lombroso studiò a fondo la malvagità umana e la negò, ritenendo non fosse altro che il portato degenerativo della volontà umana.

9 Questa teoria fu molto utile alla classe borghese dell epoca poiché si sentì legittimata a sostenere che la colpa della devianza non fosse imputabile alla società. Lombroso aveva offerto un alibi a queste classi affermando che il criminale fosse un malato di stigmate degenerative che si può solo neutralizzare ed isolare. In tal senso non sarebbe stato utile lo strumento del carcere poiché il delitto è un inclinazione deterministica biologica dell individuo, circostanza che esclude il fondamento della punibilità. Queste teorie portarono pertanto Lombroso a riscuotere un grande consenso che gli valse sia l autorizzazione di analizzare i cadaveri dei più grandi criminali italiani, che quella di poter parlare con i condannati a morte e di ricostruire i loro percorsi interni durante le ultime ore prima della esecuzione. Nella sua opera palinsesti dal carcere ritroviamo proprio le interviste che Lombroso fece a questi condannati ove emergono una serie valori archetipici che egli codificò in maniera minuziosa. Questo libro ci fa inoltre comprendere l impostazione positivistica che considerava il comportamento umano non libero ma condizionato da fattori biologici. L impostazione dell autore fu contrastata dalla chiesa ed, in particolare, da padre Agostino Gemelli, incaricato dal Papa di fare una perizia su padre Pio. I risultati di questa perizia si possono trovare su google. Padre Gemelli demolì l edificio lombrosiano sulla base di una ricostruzione teologica, sostenendo che fosse impensabile la responsabilità dell uomo senza la categoria teologica del libero arbitrio. Si trattava anche essa di una posizione dogmatica che ha trovato, negli anni 40, un punto di equilibrio con la formulazione della volontà condizionata, secondo cui la volontà è libera ma esistono fattori di condizionamento. Si parla quindi, in criminologia, di libertà morale condizionata. Nel parlare con i condannati a morte, Lombroso inventò la tecnica del colloquio criminologico, nell ambito del quale cercava di capire come era nato l impulso e perché il reo aveva scelto una carriera di assassino o di grassatore. Uno dei reati più diffusi nel codice penale della seconda metà dell 800 era la grassazione, ovvero l estorsione. Gia all epoca di Carlo Alberto era prevista la pena di morte poiché si trattava di un danno grave per l economia piemontese. In merito alla metodica del colloquio, sappiate che questa rimase inalterata per un secolo. In una prima fase si cerca di ricostruire la personalità dell interlocutore ed, in particolare, il suo percorso formativo, di strutturazione della personalità, le vicende scolastiche e familiari ed il suo rapporto con le figure di autorità. È stato infatti stabilito un nesso tra la strutturazione delle personalità devianti ed un deficit di integrazione nel rapporto con le figure di autorità, legate sia al mondo delle istituzioni come la scuola che a quello della famiglia, ove i modelli educativi gentoriali troppo permissivi o troppo repressivi generano un impulso criminogeno più accentuato. La seconda fase del colloquio deve essere polarizzata al fatto, ovvero tendere alla ricostruzione minuziosa dei fatti subiti. È importante dimostrare interesse, dare del tu all interlocutore perché sembra che questo ne faciliti la narratività. La ricostruzione non può prescindere dalla selezione delle tracce amnestiche originarie ovvero dei ricordi strutturati. Pensiamo all episodio centrale nella storia del pensiero umano: la resurrezione di Cristo. Il primo a parlarne è Paolo, usando il termine anastasis. Noi abbiamo quattro ricostruzione della resurrezione di Cristo, che corrispondono ai quattro vangeli, quindi se fossimo giurati in un processo ed avessimo quattro versioni diverse del fatto, dovremmo rintracciare le tracce amnestiche, ovvero quei ricordi che ogni singolo testimone riferisce. Queste tracce sono importanti nell ascolto della donna che riferisce un fatto di violenza e noi abbiamo il dovere di chiederle se ha parlato con altri di ciò che ci sta riferendo. Nell ambito della prova più difficile del processo, ovvero la genuinità della prova testimoniale, si andranno a cercare le tracce amnestiche originarie che sono le più genuine poiché riguardano fatti di cui la donna non ha parlato con nessuno (quelle secondarie riguardano fatti narrati ad altre persone). Se la donna vittima di violenza ha parlato con qualcuno di quanto ha subito (ad es. i parenti prossimi), la sua testimonianza non sarà genuina, poiché saranno intervenuti dei

10 condizionamenti; quando si parla di un fatto con qualcuno, questo si modifica in relazione all opinione altrui. Se la richiesta di colloquio proviene dalla vittima stessa, da una associazione specializzata o dal servizio sociale, la collaborazione sarà maggiore. Il victim supporting è nato in Inghilterra negli anni 50 e vanta una tradizione incredibile. Secondo una delle acquisizione maggiori del victim supporting, se la donna si rivolge direttamente alla polizia, l ufficio che la riceve le chiede se vuole essere seguita da una associazione di victim supporting che la prenderà in carico fino alla definizione del problema, fino al completamento del suo percorso di riadattamento sociale, aiutandola da un punto di vista psicologico ed accompagnandola nel processo di devittimizzazione. In questa esperienza si collocano le attività dell Osservatorio Internazionale di Vittimologia, istituzione nata in Russia che quest anno avrà la sede a Torino, con il quale potremo portare avanti il nostro percorso di indagine statistico e scientifico su tali fenomeni. Un campo importante di studio riguarda le vittime di sette, nell ambito delle quali avviene il controllo mentale tramite la religione e le credenze immanentistiche. A Torino è presente una importante realtà che si rifà ad Akenaton, faraone egizio che cercò di introdurre il culto di una unica divinità, eliminando il politeismo. L osservatorio internazionale di vittimologia, oltre a fare ricerca e formazione, cercherà di fare in modo che la donna denunciante venga contattata velocemente da una agenzia di victim supporting.

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE Uno studio di Fiammetta Guerra 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte La questione riguardante il possibile effetto deterrente della pena di

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli