LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO"

Transcript

1 LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere che si estende (o mira ad estendersi) a tutta la comunità cristiana (universus = tutto quanto): il papa e l imperatore. A) L IMPERO [per comprendere adeguatamente la parte che segue, ripassa l Impero carolingio, la sua organizzazione, la sua frammentazione; trovi questi argomenti sul nuovo libro di testo alle pagine 15 22] L autorità politica universale dell imperatore si fonda su due distinte tradizioni che confluiscono nel pensiero politico medievale: a) L eredità giuridica e politica dell Impero romano, tale per cui la giurisdizione (imperium = potere di comando) dell Imperatore si estende a tutti i territori soggetti all Impero; b) Una concezione teocratica del potere, in base a cui si ritiene che ogni potere sia istituito da Dio: in questo senso, il potere laico è istituito da Dio per coadiuvare la Chiesa nella guida della cristianità, e chi lo detiene esercita un autorità che si estende a tutta la comunità di fedeli. L esempio più significativo della confluenza di queste tradizioni è rappresentato, nel IX secolo, dal tentativo di Carlo Magno di dar vita ad un Impero erede della tradizione imperiale di Roma (ciò giustifica l esistenza di un Impero in Occidente si ricordi che in Oriente vi è l Impero bizantino) tale da realizzare l unità politica della cristianità occidentale (la caratterizzazione cristiana dell Impero è al tempo stesso elemento di coesione e valida autorità su cui fondare la pretesa di universalità. Di qui l incoronazione da parte del Papa 1 ). La successiva divisione territoriale e la frammentazione politica che seguono al trattato di Verdun (843) e ai successivi accordi tra gli eredi carolingi, fa sì che nella realtà venga di fatto meno una compagine politica universale: il titolo imperiale è detenuto dal Re di Germania, ma tra la seconda metà del IX secolo e la prima metà del X secolo si moltiplicano i poteri locali da parte di signori territoriali (vedi oltre) che esercitano un potere di fatto sul territorio (successivamente riconosciuto da un autorità superiore). In molti casi 1 Rispetto all espressione comunemente in uso di Sacro Romano Impero, va precisato quanto segue: Carlo Magno e i successivi imperatori della dimastia carolingia avevano il titolo di Augusti; la formula Imperatore Romano viene utlizzata a partire da Ottone II di Sassonia ( ). Le espressioni Impero Romano e Sacro Impero, in riferimento ai territori sottoposti formalmente alla giurisdizione imperiale sono successive, risalgono, rispettivamente, all XI e al XII secolo. Tuttavia, Il titolo imperiale era interpretato senza soluzione di continuità, poiché gli imperatori si consideravano successori diretti di Carlo Magno (Carlo IV ( ) e Carlo V ( ) assumeranno questi ordinali nel titolo perché Carlo I era considerato Carlo Magno, Carlo II Carlo il Calvo e Carlo III Carlo il Grosso). 1

2 sono i vescovi ad esercitare, oltre che la propria funzione spirituale, un potere politico di natura signorile sul territorio di cui assumono la giurisdizione (poi riconosciuta di diritto). Tuttavia l ideologia universalistica continua a sopravvivere: nella seconda metà del X secolo Ottone I ( ) 2, nel suo tentativo di restaurazione politica dell Impero (Renovatio Imperii), si avvale della collaborazione dei vescovi e degli ecclesiastici, cui conferisce funzioni di giurisdizione e poteri temporali (riconoscendo una situazione di fatto, vedi sopra); proprio per il ruolo politico assunto dai vescovi, l Imperatore ne controlla le nomine. In questo modo, Ottone I cerca di ristabilire il controllo sui feudi maggiori che erano ormai riconosciuti ereditari dal capitolare di Querzy (877): alla morte del vescovo investito di funzioni di giurisdizione, infatti, queste ritornavano all Imperatore, dal momento che il vescovo non può avere eredi (legittimi) Questo tentativo di realizzare una convergenza politica tra episcopati e potere regio, quale base e fondamento del proprio potere, culmina con il Privilegium Othonis (962), documento con cui l Imperatore controlla l elezione del Pontefice (che è vescovo di Roma): mentre riconferma le donazioni territoriali 3 compiute dai sovrani carolingi al papa, il testo prevede che il pontefice, una volta eletto, debba prestare giuramento di fedeltà all Imperatore prima della consacrazione. La morte di Ottone I porta con sé la fine del sogno imperiale: i suoi successori non riescono infatti ad arrestare il proliferare dei poteri locali di matrice signorile (si ricordi, ancora una volta, che in molti casi i signori sono ecclesiastici). Questi centri autonomi di potere, di cui si parlerà in seguito, raggiungono la massima diffusione nell XI secolo. 2 Dal 951 Ottone era già riuscito ad ottenere la corona del regno d Italia (Regnum Italicum), entità politica dell alto Medioevo creata dai Franchi (781), dopo la conquista e in sostituzione del Regno longobardo. Si trattava di un entità per lo più formale, in quanto il potere sul territorio era di fatto esercitato autonomamente da signori locali. 3 Delle donazioni dei sovrani carolingi ai pontefici, connesse all origine del potere temporale dei papi, si parlerà diffusamente nel seguente paragrafo. 2

3 L Impero nell'anno 1000: in blu il "Regnum Teutonicorum" (Regno di Germania), in arancione gli Stati indipendenti ma formalmente parte dell'impero, a strisce blu le marche di confine, in grigio il "Regnum Italicum", in viola i territori sottoposti alla giurisdizione della Chiesa di Roma, che comincia ad estendersi anche verso la Pentapolis di Ravenna (vedi paragrafo successivo). A sud di Roma, si trovano i residui della dominazione longobarda (ducato di Benevento), mentre Puglia e Calabria sono territori ancora bizantini; la Sicilia dal X secolo è sotto il controllo dei Saraceni. B) IL PAPATO Le origini del potere temporale del pontefice risalgono al VII - VIII secolo, nel contesto della complessa e frammentata situazione politica della penisola italiana, segnata dalla rivalità tra Longobardi e Bizantini (che continuano a controllare importanti e ampie zone dell Italia, in particolare l esarcato di Ravenna ex capitale del regno degli Ostrogoti il ducato romano e vari settori dell Italia meridionale). L assenza di strutture politiche e amministrative centrali realmente efficaci, sia presso i Longobardi che presso i Bizantini, fanno sì che le popolazioni locali 3

4 individuino progressivamente nei vescovi reale e ormai radicata presenza sul territorio, unico elemento di continuità con l Impero romano tardo antico dei referenti non solo spirituali, ma anche delle autorità in grado di soddisfare le loro esigenze e i bisogni materiali di pubblica utilità. Così i vescovi finiscono, di fatto, per assumere sempre più incarichi e funzioni di natura politico amministrativa (pur non essendo dei funzionari pubblici, dipendenti, cioè, da un autorità politica centrale che conferisca loro tali funzioni). Tra questi, il vescovo di Roma, il papa, grazie a figure di spicco come Gregorio Magno ( ) 4, nel tempo riesce ad acquisire ed esercitare un vero e proprio potere politico su ampi territori circostanti l urbe (i quali andranno successivamente a costituire il cosiddetto patrimonium Petri). I successivi tentativi compiuti nel corso dell VIII secolo dai re longobardi per estendere il proprio dominio ai territori bizantini 5 (esarcato e ducato romano), inducono il papato romano a consolidare la autonomia politica di fatto raggiunta (anche a seguito della crescente debolezza delle autorità bizantine), temendo l aggressività dei Longobardi: così, quando nel 728 il re Liutprando conquista la città di Sutri ed il suo castello sottraendoli alle milizie bizantine, papa Gregorio II riesce ad ottenere dal sovrano longobardo la rinuncia ai territori conquistati (il che, ancora una volta, dimostra il ruolo di mediazione politica di fatto esercitato dai pontefici). Liutprando anziché restituire i territori acquisiti a favore dei Bizantini (i quali formalmente avevano l autorità su di essi) decide però di donare ai beatissimi apostoli Pietro e Paolo (vale a dire alla Chiesa di Roma) il castello di Sutri 6. Questa donazione costituisce formalmente il primo nucleo del potere temporale della Chiesa. In seguito i Pontefici, allo scopo di contenere l espansionismo longobardo e nel contempo rafforzare il ruolo politico acquisito sul territorio, troveranno vantaggioso allearsi con i re franchi in funzione anti longobarda: quando, tra il 751 ed il 752, re Astolfo invade l esarcato e il ducato romano, l allora papa Stefano II sollecita l intervento di Pipino il breve (re dei franchi), il quale nel 756 costringe Astolfo a consegnare al pontefice i territori bizantini, considerandoli, a tutti gli effetti, di legittima appartenenza del papa (sebbene di diritto appartenessero a Bisanzio). Pochi anni più tardi, nel 774, sconfiggendo definitivamente i Longobardi, Carlo Magno divenuto re dei franchi riconosce formalmente il territorio pontifico, legittimando l influenza ed il potere politico da tempo esercitati dai papi 7. Un 4 Per sottolineare il ruolo fondamentale svolto da Gregorio Magno quale mediatore politico (e non solo spirituale) presso la popolazione romana, basterà citare un episodio: durante i ripetuti attacchi portati ai territori bizantini del ducato romano e l assedio di Roma da parte del re longobardo Agilulfo tra il 593 ed il 598, Papa Gregorio I organizza la difesa della città e si pone come mediatore tra la popolazione cittadina e la massima autorità longobarda. Grazie ai buoni rapporti con la regina Teodolinda, cattolica, otterrà, inoltre, la conversione al cattolicesimo di buona parte dei Longobardi, originariamente ariani. 5 Si ricordi che i territori bizantini dell Italia centrale tagliavano in due i possedimenti longobardi, che potevano contare, oltre che sul pieno controllo dell Italia settentrionale, anche sui ducati di Spoleto e Benevento. 6 Oltre al castello di Sutri fanno parte della donazione anche i castelli laziali di Bomarzo, Orte e Amelia. 7 E dunque questo il primo nucleo territoriale di quello che sarà lo Stato pontificio, anche se si potrà parlare di vera e propria organizzazione statale dei possedimenti del pontefice soltanto a partire dal XIV secolo. 4

5 successivo documento redatto da Ludovico il pio (817), figlio di Carlo Magno, conferma ufficialmente i possedimenti del pontefice. Fino all XI secolo, tuttavia, non si può propriamente parlare di una supremazia del papa, vescovo di Roma, sugli altri vescovi, se non nei termini di un primato d onore: il papa ha la parola decisiva sulle questioni teologiche, ma le singole sedi vescovili decidono le proprie forme di governo ecclesiastico e di organizzazione della propria diocesi. Tra il X e l XI secolo, d altronde, il ruolo politico dei vescovi ha ricevuto un importante riconoscimento, come si è visto, da parte degli stessi Imperatori. Soltanto nel XII secolo, a seguito di un incisiva azione di riforma che ha il proprio culmine con la figura di Gregorio VII ( ), e nel contesto di una crescente rivalità con l Impero, si 5

6 realizzerà la struttura monarchica e accentrata della Chiesa, che comporta la dipendenza da Roma di tutti i vescovi: è solo a questo punto che la Chiesa di Roma diventa il vertice indiscusso della cristianità occidentale. Paradossalmente, il processo di riforma della Chiesa è avviato dall Imperatore Enrico III ( ), il cui obiettivo era quello di ottenere un controllo sistematico sulla Chiesa in particolare sulle funzioni temporali vescovili ponendo fine alle diffuse pratiche di corruzione (simonia e nicolaismo) e, soprattutto, allo scontro tra le fazioni aristocratiche che si contendevano la nomina delle cariche ecclesiastiche di alto livello. A questo scopo, sfruttando il privilegium Othonis, favorisce la nomina di pontefici di origine tedesca, con l intento di portare ordine in ambito ecclesiastico: ciò significa fare in modo che i vescovi vengano sottoposti sotto un più stretto controllo da parte di Roma. Questo tentativo determina la reazione da parte dei patriarchi (equivalente dei vescovi) bizantini, non disposti a riconoscersi subordinati al vescovo di Roma : si consuma così lo scisma 8 d oriente, da cui si origina la Chiesa ortodossa (1054). Al di là dei pretesti dottrinali, il motivo reale della frattura è legato alle tradizioni di autonomia delle chiese cristiane orientali e dei patriarchi in materia di organizzazione ecclesiastica e di culto (favorita anche dagli interventi degli Imperatori bizantini in materia religiosa per operare una forma di controllo politico). In questo contesto, si segnala l azione riformatrice di Niccolò II ( ), il quale, all inizio del suo mandato pontificio, nel 1059, compie due gesti dal chiaro significato politico: 1) Riforma il sistema di elezione del pontefice, riservandola al collegio dei cardinali 9 e alla successiva acclamazione da parte del resto del clero e del popolo; in questo modo, Niccolò II cerca di arginare il peso delle aristocrazie romane, ma soprattutto esclude l intervento dell Imperatore, negando di fatto il valore del privilegium Othonis: è un passo decisivo in direzione dell autonomia del papato rispetto alla tutela dell autorità imperiale 2) Stringe con i signori Normanni insediatisi da pochi decenni in Italia Meridionale gli accordi di Melfi, legittimando i loro possedimenti e riconoscendo la giurisdizione sui territori meridionali della penisola che avrebbero ulteriormente conquistato, attraverso il vincolo feudale: in questo modo, il pontefice ottiene una preziosa alleanza (i Normanni si riconoscono vassalli della Chiesa di Roma) con cui rivendica un ruolo politico di primo piano per il papato Per scisma si intende la frattura della cristianità dovuta al rifiuto, da parte di una collettività cristiana, di subordinarsi al pontefice di Roma 9 I cardinali sono prelati scelti dal pontefice per coadiuvarlo nella sua azione pastorale; sono così chiamati perché titolari di chiese o diocesi ritenute particolarmente importanti e chiamate, appunto, cardine della Chiesa di Roma 10 Tali accordi assumono per Niccolò II un chiaro significato antibizantino: Calabria e Puglia, infatti, sono ancora formalmente territori dell Impero d Oriente, la cui giurisdizione è di fatto esercitata da vescovi bizantini, ormai in rotta con la Chiesa di Roma (cfr. scisma d Oriente 1054). Il complesso quadro della situazione politica dell Italia meridionale è completato dalla presenza musulmana in Sicilia e longobarda in Campania (ex ducato di Benevento). Durante il XII 6

7 C) LA CONTRAPPOSIZIONE TRA PAPATO E IMPERO La compenetrazione di potere politico e potere religioso, le funzioni spirituali, civili e amministrative dei vescovi e la concezione teocratica del potere, ampiamente condivisa dalla mentalità medievale, finiscono, dunque, per determinare nel corso dei secoli una più ampia competizione tra il potere laico dell imperatore e il potere religioso e spirituale del Papa, tanto più che non c è una netta distinzione tra ambito temporale e ambito spirituale, tra sfera laica e sfera sacrale: se infatti il potere laico è istituito da Dio per guidare la cristianità, chi lo detiene dovrà agire in conformità alla legge divina, il cui interprete è il Pontefice, il quale, a sua volta, si trova ad essere signore territoriale, esercitando un potere terreno e non solo religioso (così come gli altri vescovi). Nell XI secolo la contrapposizione tra Papato e Impero si fa sempre più evidente sfociando in un vero e proprio scontro che si protrarrà nei secoli successivi ed è caratterizzato dal tentativo di ciascuna delle due parti di prevalere sull altra affermando la propria superiorità. TAPPE SIGNIFICATIVE DELLA CONTRAPPOSIZIONE TRA PAPATO ED IMPERO PERIODO PAPATO IMPERO Metà XI secolo I Pontefici tedeschi (la cui elezione è di fatto controllata dagli Imperatori Enrico III), allo scopo di riportare ordine in una Chiesa attraversata da fenomeni di corruzione, danno vita ad un incisiva azione di riforma, in base a cui gli ecclesiastici dipendono dal Pontefice, vertice di una struttura gerarchica Seconda metà XII secolo Prima metà del XIII secolo Gregorio VII Dictatus Papae: affermazione dell autorità universale del papato e della assoluta supremazia della Chiesa e del Pontefice su ogni altra autorità terrena (pag ) Innocenzo III e la teocrazia papale: un ordine universale basato sulla sede apostolica, la Plenitudo potestatis del Pontefice (pag ) Scontro con Enrico IV e lotta per le investiture (pag ) Federico I Barbarossa: il tentativo di restaurazione dell autorità imperiale nell Italia centro-settentrionale. Lo scontro con il Papato e con i Comuni (pag ) Federico II Imperatore e re dei Normanni in Italia meridionale: costruzione dell Impero mediterraneo e lo scontro con il Papato ed i Comuni (pag ) secolo i Normanni porteranno a termine la conquista del Meridione ed unificheranno tutto il territorio sotto un unico Regno 7

8 Inizio XIV secolo Bonifacio VIII : l autorità temporale deve soggiacere alla potestà spirituale (pag ). Lo scontro con la monarchia francese. [Ora studieremo il rinnovamento al vertice della Chiesa, pagine e la lotta per le investiture e il concordato di Worms, pagine 35 36] 2. I POTERI PARTICOLARI Al fianco di Impero e Papato, si vanno progressivamente costituendo sul territorio autonomi poteri di natura particolare; si tratta di poteri effettivi (poteri di fatto) che hanno origine diversa, coinvolgono una parte del territorio e delle popolazioni (poteri particolari), coesistono, si sovrappongono ed entrano in competizione tra loro e con i poteri universali: le signorie territoriali, i comuni e le monarchie feudali. A) Le signorie territoriali Le difficoltà dinastiche dei carolingi e la divisione territoriale dell Impero hanno determinato, come si è accennato in precedenza, un crescente processo di frammentazione politica: le strutture amministrative pubbliche del territorio vengono meno, così come l autorità centrale dello stato (il sovrano) dalla quale formalmente dipendevano. Questa situazione determina, tra il IX e l XI secolo, il proliferare di autonomi centri di potere locale, di origine privata, che dapprima integrano, per poi sostituire le funzioni pubbliche e la giurisdizione dello stato su quel determinato territorio. In altri termini, la dissoluzione del potere centrale si esprime in una pluralizzazione dei poteri locali, che si concretizza nel fenomeno delle signorie territoriali. Accade cioè che le funzioni amministrative prima esercitate da ufficiali e funzionari pubblici siano ora svolte da rappresentanti di famiglie eminenti grandi proprietari terrieri detti signori, i quali, laici o ecclesiastici, assumono direttamente su di sé l amministrazione della giustizia, l esazione delle imposte, il reclutamento militare ed altre funzioni civili, per quelle popolazioni e quei territori che si incaricano di difendere militarmente dalla minaccia delle invasioni 11. In altre parole, la difesa militare offerta dal signore che ha nella costruzione di fortificazioni, i castelli, l aspetto più caratteristico si traduce nell esercizio effettivo di una giurisdizione sul territorio e sulle popolazioni a cui si estende la protezione. A questo proposito, è importante sottolineare che 11 Nel X e nell XI secolo si assiste ad una seconda massiccia ondata di migrazioni da parte di popolazioni finora ai margini della scena europea: i Magiari da est, i Normanni da nord ovest ed i Saraceni da sud. Il vuoto del potere centrale, che lascia le popolazioni esposte al pericolo delle invasioni, è così riempito dai signori territoriali, che, sulla base della propria potenza privata (cioè dei mezzi, delle risorse e dell influenza di cui dispongono) organizzano autonomamente la difesa del territorio. 8

9 Il potere esercitato dai signori territoriali non si estende soltanto alle terre di proprietà del signore e alle popolazioni che le abitano (contadini e servi che le lavorano per conto del signore), ma anche alle terre di proprietari vicini che, o spontaneamente, o perché costretti, ricevono la sua protezione. Il potere del signore territoriale ha le caratteristiche di un potere pubblico (imposizione fiscale, amministrazione della giustizia, reclutamento militare ) ma non ha un origine pubblica, perché non è un potere delegato dal sovrano, ma un potere sorto autonomamente e spontaneamente dal basso; si tratta dunque di un potere di origine privata. Per indicare i poteri esercitati dai signori locali si usa l espressione poteri di banno (dal francese ban, comando ): inizialmente con questo termine si indicavano le funzioni che i sovrani delegavano ai propri funzionari (dunque un potere pubblico), successivamente però, nel contesto delle invasioni del X e XI secolo, con il venir meno di una struttura statale efficace, il potere di banno viene di fatto esercitato anche da signori locali che, pur non avendo un investitura (e quindi una delega) dall alto, si impongono con la forza o organizzano, come si è detto, la difesa del territorio e delle popolazioni, assumendone la protezione (origine privata). Il potere del signore può poi essere anche (ma non necessariamente) legittimato dall alto, da un autorità superiore, la quale, però, in questo caso si limita a riconoscere di diritto una situazione già esistente di fatto, attraverso la concessione di un diploma di districtus (potere di coercizione 12 ), che definisce i limiti entro cui si esercita la giurisdizione del signore, oppure con il ricorso al legame feudale, magari rinnovato (soprattutto nel XII secolo). Il potere esercitato è concepito dal signore nei termini di un bene patrimoniale, vale a dire che le funzioni da lui assolte sono considerate parte dei suoi beni personali da trasmettere in eredità, donare o vendere (in tal senso si può ancora una volta sottolineare come il potere signorile sia a tutti gli effetti di origine privata). Queste considerazioni consentono di effettuare un ultima importante e decisiva precisazione: signorie territoriali e legami feudali sono due fenomeni distinti, anche se spesso sovrapposti. Di per sé, infatti, non necessariamente i signori territoriali sono feudatari (anche se è un caso frequente), né, soprattutto, la concessione di feudi comporta una delega di poteri sui territori. Piuttosto, come si è visto, tali poteri sono l esito di un iniziativa autonoma e spontanea dal basso da parte del signore, e non il risultato di una concessione dall alto. 12 E interessante notare che il termine districtus finirà per assumere la connotazione territoriale di distretto, ad indicare l area entro la quale si estende il potere del signore. 9

10 [integra queste considerazioni con lo studio del sistema vassallatico e la definizione di feudalesimo, che trovi sul nuovo libro di testo alle pagine 19 21; e con il paragrafo 3. Le nuove invasioni e l incastellamento, alle pagine 25-26] Vedi anche il sito B) I Comuni 1. Le origini dei Comuni Tra la Fine dell XI e la prima metà del XII secolo, L Europa medievale conosce un fenomeno politico istituzionale nuovo: il sorgere del Comune. L affermarsi della città quale luogo politico autonomo (Comune) si ricollega: a) al rinnovato dinamismo economico e sociale delle città nell XI secolo ed alla consapevolezza, da parte della cittadinanza, di costituire un luogo distinto rispetto al territorio circostante; b) al processo di particolarizzazione del potere e all emergere di centri di potere locale, una volta venute meno le strutture istituzionali carolinge: in questo senso le autonomie cittadine si affermano contestualmente o in concorrenza con poteri signorili. Il fenomeno delle autonomie comunali, radicato nella riacquisita centralità delle città a seguito dell espansione economica dell XI secolo, ha una portata ed una dimensione europee, coinvolgendo l area di penetrazione carolingia. Tuttavia, il processo che porta alla formazione di comuni amministrati da cittadini segue vie e modalità differenti da zona a zona. La stessa tempistica non è facilmente decifrabile. In genere, infatti, la transizione dal governo vescovile/signorile all amministrazione cittadina è graduale, pur non mancando casi documentati in cui la nascita del Comune è il risultato di una ribellione nei confronti del preesistente potere. Laddove è documentabile soprattutto in area transalpina il passaggio avviene tra gli ultimi decenni dell XI secolo e gli inizi del XII secolo, mediante riconoscimento giuridico (ottenuto spesso dietro pagamento di una quota) della collettività quale spazio autonomo e distinto dal resto del territorio, che gode di una condizione di privilegio, per lo più di tipo economico, fiscale ed amministrativo: qui la Communio è la concessione ai cittadini di giurar tra loro un associazione di pace mediante un patto detto Coniuratio. In area italiana, il patto comunale non è documentabile come atto formale; le fonti parlano piuttosto di Concordia, ossia di un accordo tra cittadini eminenti per il mantenimento della pace interna, collocabile anch esso negli ultimi decenni dell XI secolo, anni in cui compaiono anche le prime magistrature espressione della cittadinanza, i Consules civitatis. Questa considerazione introduce un importante differenza tra la condizione dei Comuni sviluppatisi in area transalpina e lo status dei Comuni italiani. 10

11 2. I Comuni d oltralpe: la concessione dell autonomia Soprattutto in Francia, lo sviluppo delle autonomie comunali avviene attraverso la concessione di spazi di autonomia non politica entro un sistema di potere superiore (regio, vescovile o signorile) che riconosce alla città uno statuto privilegiato rispetto alla sudditanza delle popolazioni rurali, e conferisce limitati spazi di autodeterminazione prevalentemente in ambito economico e commerciale, senza sostanziali concessioni di carattere istituzionale (anche se non mancano esempi in tal senso). Ciò avviene: 1. mediante una charte de Commune, ossia un diploma regio o signorile che riconosce l associazione giurata (coniuratio) di burgenses (lett. abitanti del borgo), cui sono concessi privilegi di carattere fiscale, giuridico e amministrativo, entro un contesto in cui vige un potere superiore sulla collettività urbana; 2. mediante chartes de Franchise carte di franchigia che riconoscono privilegi a città o borghi in cui non appare una Commune costituita da burgenses mediante atto formale. Le città transalpine, quindi, tendono a farsi riconoscere formalmente come luoghi privilegiati e distinti dal resto del territorio: richiedono cioè un potere esterno e superiore (re, vescovo, signore) che sia in grado di legittimarle. 3. I Comuni italiani: un autonomo esperimento politico Sostanzialmente diversa si presenta la situazione dei Comuni italiani sorti tra gli ultimi decenni dell XI secolo e la prima metà del XII. Qui, infatti,l affermarsi delle autonomie cittadine implica la formazione di magistrature autonome, espressione della cittadinanza. Il Comune italiano si pone cioè come un autonomo organismo politico e istituzionale, cosciente di esercitare un potere pubblico a fianco o in concorrenza con altre istituzioni (Impero e/o poteri vescovili e signorili). Le prime magistrature comunali di cui si abbia testimonianza, infatti, sono i consoli il cui numero varia di città in città ed il cui mandato è a termine i quali, pur essendo il risultato dell accordo (concordia) tra le famiglie maggiorenti, si configurano come rappresentanti dell intera città, che inizialmente si affiancano, per poi subentrare, al precedente governo signorile - vescovile. In questo senso, i Comuni italiani presentano aspetti simili ai poteri signorili (tanto che alcuni storici definiscono i Comuni una sorta di signore collettivo): in entrambi i casi, infatti, abbiamo a che fare con poteri autonomi sul territorio che esercitano funzioni pubbliche. Si può dunque parlare a pieno titolo di autonomia politica del Comune e di Libertas, precisando, con la storica Gina Fasoli, che per libertà comunale si intende 11

12 un regime consapevole dei bisogni materiali e spirituali della città, capace di provvedervi direttamente in maniera rapida ed efficace in quanto era espressione della cittadinanza stessa e non di un altro ordine giuridico 13, e dunque, in ultima istanza, il diritto da un lato di eleggere propri magistrati, e dall altro di definire diritti, doveri, prerogative e responsabilità dei membri della comunità cittadina, ossia di esprimere proprie leggi. Questo aspetto emergerà esplicitamente nella seconda metà del XII secolo, allorché si delinea il conflitto tra i Comuni, recentemente formatisi, e l Imperatore Federico I Barbarossa, il cui obiettivo di ristabilire l autorità dello Stato sui territori italiani sottoposti all Impero si scontra con la difesa delle autonomie conquistate da parte dei Comuni dell area padana, pronti a federarsi in funzione anti - imperiale. [Ora studieremo il Comune, pagine e Federico Barbarossa: lo scontro Comuni Impero, pagine ] LA CONTRAPPOSIZIONE TRA POTERI UNIVERSALI E POTERI PARTICOLARI 1 PERIODO POTERE UNIVERSALE POTERE PARTICOLARE Federico I Barbarossa: il tentativo di I Comuni: la difesa dell autonomia restaurazione dell autorità imperiale politica esercitata di fatto. nell Italia centro-settentrionale (pag. L alleanza del papato in funzione ) anti imperiale (idem) Seconda metà XII secolo Prima metà del XIII secolo Federico II imperatore e re dei Normanni in Italia meridionale: costruire l Impero mediterraneo (pag ) I Comuni: la difesa dell autonomia politica esercitata di fatto. L alleanza del papato in funzione anti imperiale (idem) [Ora studieremo il Papato di Innocenzo III, pagine e la politica di Federico II, pagine ] C) Le monarchie feudali A partire dal XII secolo, alcuni gruppi signorili tendono a coordinarsi attraverso il legame feudale secondo due modalità: a) la concessione di feudi b) il fenomeno del feudo oblato: per evitare le numerose contese militari sorte fra signori locali alcuni signori offrono fedeltà al re, donandogli i propri beni signorili per poi riceverli in feudo (la cui ereditarietà è riconosciuta in tutti i territori dell eximpero carolingio. Cfr Capitolare di Quierzy 877 e Constitutio de feudis 1037) e ottenere la sua protezione in base al legame vassallatico. Ciò risulta più vantaggioso 13 G. Fasoli, Governanti e governati, in Scritti di storia medievale, a cura di F. Bocchi A. Carile A. I. Pini, Bologna

13 per il signore stesso in quanto vede riconosciuta da un autorità superiore l ereditarietà dei propri beni, evitando un pericoloso isolamento. In questo periodo, dunque, il feudo costituisce un fattore di ricomposizione del potere il cui vertice diviene il re (anche se è da escludere l immagine tradizionale della piramide feudale, mai esistita nei fatti). Altro fattore importante che riduce la frammentazione signorile a favore di un potere centralizzato nella figura del re è il recupero di un pensiero politico che affonda le proprie radici nel diritto romano (riscoperto proprio a partire dal XII secolo). L affermazione di fatto di nuove forme di potere particolari (Comuni e Monarchie) non più discendenti, cioè, da autorità universali (papato e impero) richiede una legittimazione giuridica ed un fondamento che superi una concezione semplicemente teocratica del potere. Tale fondamento è offerto dal diritto romano: le prerogative che esso attribuiva all imperatore (colui che ha l imperium, cioè il potere di comando) vengono ora attribuite alla figura del sovrano nel suo regno: rex est imperator (ha l imperium) in regno suo. In questo modo il re detiene un potere pubblico che gli deriva dal diritto, deve cioè gestire un potere che gli viene affidato al fine di conseguire un bene comune. In questo modo vanno via via configurandosi monarchie che si qualificano come ordinamenti giuridici autonomi e centralizzati [integra questa parte con il paragrafo Dalla crisi dello Stato alle monarchie feudali, a pagina 157]. [Ora studieremo la monarchia inglese e la monarchia francese, pagine ] 3. LA CRISI DELLE ISTITUZIONI UNIVERSALI [Ora studieremo la crisi delle Istituzioni Universali: L Impero, pagine e la crisi delle Istituzioni universali: il Papato e lo scontro con la monarchia francese, pagine ] LA CONTRAPPOSIZIONE TRA POTERI UNIVERSALI E POTERI PARTICOLARI 2 PERIODO POTERE UNIVERSALE POTERE PARTICOLARE Inizio XIV secolo Papa Bonifacio VIII : l autorità temporale deve soggiacere alla potestà spirituale (pag ) Filippo IV il Bello, re di Francia: rex est imperator in regno suo (idem) 13

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

IL LIBER PONTIFICALIS, I LONGOBARDI E LA NASCITA DEL DOMINIO TERRITORIALE DELLA CHIESA ROMANA

IL LIBER PONTIFICALIS, I LONGOBARDI E LA NASCITA DEL DOMINIO TERRITORIALE DELLA CHIESA ROMANA LIDIA CAPO IL LIBER PONTIFICALIS, I LONGOBARDI E LA NASCITA DEL DOMINIO TERRITORIALE DELLA CHIESA ROMANA FONDAZIONE CENTRO ITALIANO DI STUDI SULL ALTO MEDIOEVO SPOLETO 2009 PREMESSA Il lavoro che qui presento

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI

IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI Fra la seconda metà del Duecento e i primi del Trecento si assiste in Italia ad un fenomeno di grande importanza: il passaggio dalle

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Ufficio Studi e Rapporti Istituzionali USG 2 L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Benedetto XVI e i movimenti Il discorso ai vescovi portoghesi

Benedetto XVI e i movimenti Il discorso ai vescovi portoghesi Benedetto XVI e i movimenti Il discorso ai vescovi portoghesi dal Notiziario n. 21/2010 del Pontificio Consiglio per i Laici Negli ultimi mesi il Santo Padre è intervenuto ripetutamente a proposito dei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo

CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo Cos'è un tesoro? Un sogno? Un desiderio? La convinzione dell'irrealizzabile? Forse tutto questo insieme.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Ma il Vangelo non dice così

Ma il Vangelo non dice così ROBERTO NISBET Ma il Vangelo non dice così Esposizione delle differenze fra la chiesa cattolica romana e il Vangelo CLAUDIANA - TORINO www.claudiana.it - info@claudiana.it Avvertenza: Salvo pochi casi,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Le forme di Stato. L ordinamento patrimoniale

Le forme di Stato. L ordinamento patrimoniale Forme di Stato e e forme forme di di governo governo Le forme di Stato Forma di Stato: con questa espressione si intende indicare i complessivi rapporti che vengono ad intercorrere, in un dato ordinamento,

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TESTO PROVVISORIO ESC

TESTO PROVVISORIO ESC Convegno Internazionale San Josemaría e il pensiero teologico Roma, 14-15-16 novembre 2013 TRA CARISMA E DIRITTO: LA VITA DI UN SANTO Prof. Gaetano Lo Castro 1. Non legislatore: san Josemaría non apparteneva

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli