Macroeconomia: scuole di pensiero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macroeconomia: scuole di pensiero"

Transcript

1 Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla variazione dei PREZZI, quindi il MERCAT è di per sé in grado di allocare in modo efficace le risorse e di portare al conseguimento degli obiettivi macroeconomici. KEYNESIANI: sui mercati l aggiustamento all equilibrio si realizza mediante la variazione della QUANTITA prodotta; il MERCAT non riesce spontaneamente a risolvere le distorsioni prodotte ed è quindi necessario un intervento dello STAT al fine di correggere tali distorsioni e di perseguire gli obiettivi macroeconomici. Macroeconomia: scuole di pensiero LIBERISTI LEGGE DI SAY: l offerta aggregata crea da sé la propria domanda. Un eccesso di offerta viene eliminato da una riduzione di prezzo Questo vale nell economia di baratto (dove l offerta di un bene è allo stesso tempo domanda di un altro bene) Nell economia monetaria questo vale se sussistono due condizioni: Tutti i mercati sono perfettamente concorrenziali La moneta non viene tesaurizzata, ma impiegata totalmente per domandare un bene.

2 Macroeconomia: scuole di pensiero IMPLICAZINI MACRECNMICHE DELLA VALIDITA DELLA LEGGE DI SAY L economia raggiunge spontaneamente la PIENA CCUPAZINE (l eccesso di offerta può essere eliminato riducendo il prezzo cioè il salario) Se il mercato è in grado di allocare spontaneamente e in modo efficiente le risorse produttive non esiste ragione di un intervento della Stato che non sia quello di garantire il rispetto delle regole Un aumento dell offerta di moneta (poiché questa non viene tesaurizzata) ha un effetto inflazionistico: offerta di moneta ; domanda di moneta ; domanda di beni ; offerta di beni = (l economia è in piena occupazione); eccesso di domanda, quindi, prezzi. Macroeconomia: scuole di pensiero LIBERISTI IL CNSUM di BENI varia in funzione della variazione del tasso di interesse, ovvero del costo del denaro Se i tassi di interesse sono bassi le famiglie sono indotte ad aumentare i consumi attraverso l indebitamento o una riduzione del risparmio

3 Macroeconomia: scuole di pensiero KEYNES Economista inglese; negli anni trenta sviluppa una teoria in grado di spiegare la grave e profonda recessione della produzione industriale (GRANDE DEPRESSINE) la causa risiedeva nell insufficienza della domanda aggregata e nel circolo vizioso che si era determinato: la spesa aggregata era bassa perché era basso il reddito in conseguenza della disoccupazione e dei bassi salari determinati dalla riduzione della produzione conseguente alla bassa spesa aggregata la soluzione risiedeva in un intervento del governo per aumentare la spesa aggregata in modo diretto, attraverso la spesa pubblica, o indiretto, riducendo le tasse. Macroeconomia: scuole di pensiero KEYNESIANI PRINCIPI DELLA DMANDA EFFETTIVA (contrapposto alla Legge di Say) è la domanda aggregata a determinare il livello di prodotto dell economia. I mercati non sono in concorrenza perfetta ma in concorrenza imperfetta perché le imprese variando la quantità prodotta possono avere influenza sul prezzo. Le imprese hanno convenienza a tenere i prezzi fissi a un dato livello. Situazioni di eccedenza o di scarsità dei beni si riflettono sulla variazione delle scorte delle imprese e inducono ad aumentare o a ridurre la produzione. L aggiustamento all equilibrio si realizza mediante variazione delle quantità prodotte.

4 Macroeconomia: scuole di pensiero KEYNESIANI IL CNSUM di BENI varia in funzione del livello del prodotto dell economia. Le famiglie decidono quanto consumare e risparmiare sulla base del proprio reddito corrente Sopra la soglia del consumo di sussistenza gli incrementi di reddito non si traducono totalmente in incrementi di consumo, ovvero parte del reddito aggiuntivo viene risparmiato. I consumi possono essere incrementati da una IMMISSINE (quale ad esempio la spesa pubblica) che fa aumentare il prodotto dell economia e quindi il reddito secondo il principio del MLTIPLICATRE. Macroeconomia: scuole di pensiero IL MLTIPLICATRE KEYNESIAN Una variazione della domanda aggregata (esogena al consumo delle famiglie) determina una variazione del reddito di equilibrio più che proporzionale se esistono risorse produttive inutilizzate. La decisione del governo di costruire un opera pubblica (es. il ponte sullo Stretto di Messina) porta all acquisizione di materiali e beni intermedi e all assunzione di nuovi lavoratori, prima disoccupati o sottoccupati, questi utilizzeranno il salario (reddito) in parte per beni di consumo; l aumento di domanda per questi beni di consumo determinerà un aumento di reddito per i lavoratori assunti per la loro produzione e così via)

5 Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA: prime conclusioni l economia non è in grado di utilizzare spontaneamente tutte le risorse produttive perché la domanda aggregata è insufficiente lo STAT ha un ruolo fondamentale nel sostegno della domanda aggregata, esogena al consumo delle famiglie, e per il PRINCIPI DEL MLTIPLICATRE spinge l economia verso il pieno utilizzo delle risorse produttive. Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e PLITICA FISCALE l intervento dello STAT (ovvero la spesa pubblica) può essere finanziato in tre modi: con l indebitamento dello Stato, con l emissione di moneta o con la tassazione. L aumento delle tasse influenza la domanda aggregata riducendo il reddito disponibile delle famiglie e quindi la loro capacità di spesa e di domanda. Se l aumento delle tasse pareggia l incremento della spesa pubblica l effetto del moltiplicatore tende ad annullarsi (i redditi aggiuntivi sono pari alla riduzione del reddito complessivo delle famiglie): si ha soltanto una ridistribuzione del reddito verso le famiglie dei nuovi occupati.

6 Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e PLITICA FISCALE Per aumentare il reddito un aumento della spesa pubblica è più efficace di una riduzione delle tasse di pari entità. l aumento della spesa pubblica ha un effetto diretto sul reddito tramite la domanda aggregata la riduzione della tassazione ha un effetto indiretto attraverso il conseguente aumento del reddito disponibile che in parte va al risparmio delle famiglie. Per Keynes l inflazione deriva da un eccesso della domanda aggregata sul reddito nazionale anche l inflazione può quindi essere affrontata dalla politica governativa attraverso una riduzione della domanda aggregata (ad es. aumentando le tasse) Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e PLITICA FISCALE Inflazione e disoccupazione sono in alternativa o possono essere presenti allo stesso tempo? La crescita della domanda aggregata riduce la disoccupazione e genera inflazione, la carenza di domanda porta disoccupazione e ha effetti deflazionistici. Esistono tuttavia altri tipi di disoccupazione (frizionale, strutturale) e di inflazione (da costi) che non derivano da eccessi di domanda o di di offerta. Per i keynesiani i governi dovrebbero affrontare questi tipi di disoccupazione e di inflazione con apposite misure di politica economica, ma la gestione della domanda aggregata (attraverso la spesa pubblica) resta il problema centrale.

7 Macroeconomia: scuole di pensiero CURVA DI PHILLIPS e STAGFLAZINE Nel 1958 Phillips riuscì a dimostrare una relazione statistica tra l inflazione (misurata sui salari) e la disoccupazione nel Regno Unito tra il 1861 e il Sulla base dei dati elaborati da Phillips esiste una relazione inversa tra i due fenomeni che può essere rappresentata da una curva decrescente e convessa. Se questa relazione è così lineare le scelte di politica economica dei governi appaiono relativamente semplici per combattere la disoccupazione o l inflazione Dalla fine degli anni sessanta e, soprattutto, negli anni ottanta questa relazione sembra venuta a cadere: le economie dei paesi industrializzati hanno conosciuto periodi di elevata inflazione con disoccupazione crescente (STAGFLAZINE) 9 La curva di Phillips Tasso di inflazione salariale (%) Disoccupazione

8 Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e CICL ECNMIC Per i keynesiani il ciclo economico deriva dalle fluttuazioni della domanda aggregata, per questo è necessario intervenire con politiche di stabilizzazione che riducano l ampiezza delle fluttuazioni del ciclo economico. I fattori principali dell alternanza delle fasi del ciclo: l instabilità degli investimenti: gli investimenti delle imprese aumentano e si riducono molto di più dell aumento o della riduzione del reddito perché dipendono maggiormente dal tasso di variazione del reddito che dal suo livello assoluto le variazioni delle scorte delle imprese: queste aumentano quando la domanda cala e nel tempo portano ad una riduzione della produzione, viceversa si riducono quando la domanda aumenta e nel tempo inducono una ripresa della produzione Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e CICL ECNMIC Perché la fasi di espansione e di recessione persistono nel tempo? Gli effetti sul reddito, sulla produzione e sull occupazione dei prelievi e delle immissioni nel flusso circolare del reddito si manifestano con RITARD Esiste un effetto cumulativo tra andamento del ciclo e aspettative delle persone (la ripresa induce ottimismo che anticipa l incremento del consumo e degli investimenti, la recessione induce pessimismo che frena anticipatamente consumi e investimenti)

9 Macroeconomia: scuole di pensiero ANALISI KEYNESIANA e CICL ECNMIC Perché la fasi di espansione e di recessione finiscono? Nella fase di espansione viene raggiunto a un certo punto un tetto MASSIM di produzione Famiglie e imprese mantengono comunque un livello MINIM di consumo e di investimenti anche in fase di recessione I beni durevoli acquistati dalle famiglie (auto, elettrodomestici, ecc.) e i beni capitali impiegati dalle imprese (macchine, impianti, ecc.) prima o poi devono essere sostituiti La domanda aggregata è condizionata da eventi sociali, naturali e dalla situazione politica nazionale e internazionale Le misure di politica economica dei governi possono determinare la fine di una fase del ciclo La politica fiscale SCP: influenzare la domanda aggregata Espansiva aumento della spesa pubblica e/o riduzione delle tasse Restrittiva riduzione della spesa pubblica e/o aumento delle tasse biettivi principali: Prevenzione dei disequilibri (disoccupazione, inflazione) Limitazione delle fluttuazioni del ciclo economico

10 La politica fiscale Conseguenze sul bilancio dello Stato = entrate - uscite DISAVANZ: le uscite (la spesa pubblica) sono maggiori delle entrate (le imposte) AVANZ: le entrate (le imposte) sono maggiori delle uscite (la spesa pubblica) Politica fiscale espansiva: aumenta il disavanzo o riduce l avanzo del bilancio Politica fiscale restrittiva: riduce il disavanzo o aumenta l avanzo del bilancio NB: i paesi europei che partecipano all Unione Monetaria sono vincolati da un PATT DI STABILITA, ovvero il deficit dello Stato deve rimanere al di sotto del 3% del PIL. La politica fiscale Fattori che determinano l efficacia della politica fiscale Precisione nelle previsioni e nelle misurazioni degli effetti: spesso è difficile valutare i comportamenti delle famiglie e delle imprese Tempestività degli effetti: il ritardo nella risposta dell economia può portare ad effetti destabilizzanti invece che stabilizzanti (es.: nuove opere pubbliche decise in una fase di recessione, se vengono realizzate in ritardo, possono aumentare la domanda aggregata in una fase di espansione del ciclo economico, contribuendo alle spinte inflazionistiche)

11

12

13

14

15 La moneta Cos è la moneta: il denaro circolante (monete e banconote), i depositi presso le banche Funzioni della moneta mezzo di scambio riserva di valore unità di conto mezzo per trasferire il valore nel tempo

16 Il sistema monetario Banche commerciali: si rivolgono ad un pubblico indistinto senza limiti minimi nelle operazioni Banche di affari: procuratori di affari -> credito alle imprese, assistenza nelle operazioni societarie, soglia minima per le operazioni Passività bancarie: depositi dei clienti (a vista, vincolati, certificati di deposito, pronti contro termine) Attività bancarie: circolante e conto presso la banca centrale, prestiti interbancari a breve, prestiti a lungo La Banca Centrale Compiti: vigila sul sistema bancario provvede all offerta di moneta e conduce la politica monetaria Mansioni: emette banconote agisce come banca per il governo, le banche, le altre banche centrali estere, emette i titoli di debito pubblico (Bot, Btp, Cct) attua la politica monetaria e del tasso di cambio

17 fferta di moneta E determinata dall autorità centrale, ma può aumentare nei seguenti casi: riduzione del tasso di liquidità delle banche (causata ad es. dalla diffusione di Bancomat e Carte di Credito) afflusso di fondi dall estero disavanzo del settore pubblico -> lo Stato si indebita vendendo titoli: l offerta di moneta aumenta se i titoli sono venduti alla Banca Centrale o al sistema bancario, non c è aumento se i titoli sono venduti ai privati (che acquistano con moneta) Esiste comunque una relazione con il tasso di interesse: l offerta risponde alla domanda di moneta Domanda di moneta Esprime quanta moneta un economia vuole tenere invece di spenderla in consumi, attività finanziarie, ecc. Movente transazionale, ovvero la necessità di disporre di moneta per spendere il reddito in modo continuo Movente precauzionale, ovvero la necessità di disporre di moneta per affrontare gli imprevisti (es. guasto alla macchina) Movente speculativo, come mezzo per conservare temporaneamente ricchezza (es. operazioni sul mercato azionario posticipate in previsione di un calo dei prezzi delle azioni)

18 La politica monetaria Finanziamento del debito pubblico (M-L periodo) compravendita di titoli da parte della banca centrale provoca variazioni nell offerta di moneta l emissione di titoli di debito pubblico senza aumento dell offerta di moneta (vendita ai privati) spiazza gli investimenti del settore privato Variazioni dei tassi di interesse (Breve periodo) effetti sull offerta di moneta e sulla domanda aggregata (aumento del costo del denaro come freno agli investimenti) strumento impreciso di controllo della domanda aggregata, ma con possibilità di variazione nel breve periodo La domanda di moneta: L (= L 1 + L 2 ) Tasso di interesse L ( = L 1 + L 2 ) L 1 = movente transazionale + movente precauzionale L 2 = movente speculativo Domanda totale di moneta

19 Differenti visioni della domanda di moneta M S M S Tasso di interesse r 1 L Tasso di interesse r 1 Moneta Moneta L (a) Keynesiani (b) Monetaristi Equilibrio nel mercato monetario M S Tasso di interesse r 1 a b r e E Eccesso di moneta r 2 c d Carenza di moneta L M e Moneta

20 Effetto di una crescita nell offerta di moneta: il meccanismo di trasmissione dei tassi di interesse Tasso di interesse M S M S ' Tasso di interesse r 1 r 1 r 2 r 2 L I Moneta I 1 I 2 Investimenti (a) M S r (b) r I Differenti punti di vista sulla domanda di investimenti Tasso di interesse r 2 r 2 r 1 r 1 I Tasso di interesse I 2 I 1 I 2 I 1 Investimenti Investimenti I (a) Keynesiani (b) Monetaristi fig

21 Cambiamenti nei tassi di interesse e speculazioni Tasso di interesse r 0 r 1 Il calo del tasso di interesse è accompagnato da un aumento della domanda di investimenti in previsione di rialzi futuri I 2 I 1 Q 0 Q 1 fig Investimenti Q 2 Cambiamenti nei tassi di interesse e speculazioni Il calo del tasso di interesse è accompagnato da una riduzione della domanda di investimenti in previsione di ulteriori ribassi r 0 r 1 I 1 Q 3 Q 0 Q 1 I 3 fig

22 Il meccanismo di trasmissione dei tassi di cambio Tasso di interesse M S Tasso di cambio S 1 r 1 er 1 L D 1 Moneta Quantità di euro Il meccanismo di trasmissione dei tassi di cambio Tasso di cambio M Tasso di cambio S 1 er 1 er 1 X D 1 X 1 M 1 Export (X), Import (M) Quantità di euro

23 Il meccanismo di trasmissione dei tassi di cambio Tasso di interesse M S M S ' Tasso di cambio S 1 S 2 r 1 r 2 er 1 L er 2 D 1 Moneta (a) M S r D 2 Quantità di euro (b) r er Il meccanismo di trasmissione dei tassi di cambio Tasso di cambio M Tasso di cambio S 1 S 2 er 1 er 1 er 2 X M 2 X 1 M 1 X 2 Export (X), Import (M) (c) er M, X er 2 Quantità di euro D 1 D 2 (b) r er

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1 LA TEORIA DEL REDDITO NAZIONALE (*) COMPETENZE ABILITA /CAPACITA

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

KEYNES E IL MODELLO IS-LM

KEYNES E IL MODELLO IS-LM Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 KEYNES E IL MODELLO IS-LM Fabio

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE IX IL SETTORE PUBBLICO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 1.1. Gli

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli