Documento alla Commissione di studio in tema di adozioni internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento alla Commissione di studio in tema di adozioni internazionali"

Transcript

1 Documento alla Commissione di studio in tema di adozioni internazionali Relativamente alle Considerazioni del Decreto del 26/7/2013 di Costituzione della commissione di studio in tema di adozioni internazionali si rileva che: 1. Non esistono dati relativi al fenomeno dell abbandono dei minori: i rapporti internazionali si riferiscono ai bambini in stato di vulnerabilità che sono stati stimati in 143 milioni nel e in 163 milioni nel In tali rapporti si specifica che per vulnerabili si intendono gli orfani di uno o di entrambi i genitori: non per questo, quindi, necessariamente abbandonati e adottabili Non esistono dati sul numero dei decreti di idoneità pronunciati nel mentre nello stesso anno sono arrivati in Italia bambini con adozione internazionale. Se è pur vero che le coppie italiane dichiarate idonee all adozione sono in diminuzione, è anche vero che il calo non è così drastico. 3. I costi dell adozione internazionale e la crisi economica non possono certamente considerarsi le uniche cause del calo 6 delle adozioni internazionali in Italia. Crediamo invece che così come anche rilevato dalla Commissione per le Adozioni Internazionali 7 - la principale causa sia da ricercarsi nei cambiamenti politici, procedurali o legislativi dei Paesi di origine dei minorenni. E necessario leggere i dati di tale flessione estendendo l analisi al contesto internazionale e non imputandoli esclusivamente a 1 UNAIDS-UNICEF-USAID - Children on the Brink 2004, july 2004, pag 7: Entro la fine del 2003, è stato stimato che ci sarebbero stati 143 milioni di minorenni orfani di uno o di entrambi i genitori in 93 paesi dell'africa sub-sahariana, Asia, America Latina e nei Caraibi. 2 USAID - United States Agency for International Development, Lavorare insieme su un approccio globale, risposta coordinata ed efficace per I bambini vulnerabili, Dal rapporto si evince che I bambini vulnerabili sono stimati in 163 milioni e tra questi ci sono i bambini orfani di uno o di entrambi i genitori. Gli orfani di entrambi i genitori sono stimati in 18,5 milioni (dati riferiti al 2008). 3 Dal momento che Unicef ha richiamato questi dati in diversi Rapporti, è da segnalare quanto ha ritenuto utile specificare: UNICEF s statement that there are 163 million orphans worldwide has been widely misinterpreted as meaning that 163 million children are in need of new adoptive families. Many Westerners imagine that a significant number of these adoptable children are healthy infants and toddlers. But it s not so. UNICEF s statistic includes what it calls single orphans children who have lost one parent. As of 2007, roughly 18.5 million of these orphans had lost both parents. That is, of course, still a heartbreakingly large number. However, most of those are living with extended family, and are not in need of. As UNICEF s statement below puts it, Evidence clearly shows that the vast majority of orphans are living with a surviving parent, grandparent, or other family member. 95 per cent of all orphans are over the age of five. Il testo completo su : 4 I dati sono aggiornati al 2011 quando sono stati pronunciati 4523 decreti di idoneità. Giustizia Minorile, Dati statistici relativi all adozione, anno 2011, 5 Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali, Dati e prospettive nelle adozioni internazionali rapporto sui fascicoli dal 1 gennaio al 31 dicembre 2012,i n collaborazione con L Istituto degli Innocenti, pag.26 6 Del 22,8% nel Vedi: Presidenza del Consiglio dei Ministri op.cit., pag.5 7 Presidenza del Consiglio dei Ministri op.cit., pag.5 1

2 cause di carattere nazionale. Dal 2005 si è cominciato a registrare un forte calo delle adozioni internazionali in tutti i Paesi di accoglienza; unicamente in Italia che nel 2011 è stato comunque il secondo Paese al mondo per numero di adozioni - si è iniziato ad avvertire tale fenomeno solo lo scorso anno. Sulle Tematiche che saranno oggetto di approfondimento e studio da parte di Codesta Spett.le Commissione, si rileva che: 1. Riforma dell iter procedurale: i tempi lunghi dell adozione internazionale sono prevalentemente dettati dalla procedura estera che di norma ha una durata che va dai 2 ai 4 anni. I tempi italiani sono quelli dovuti all iter per ottenere il decreto di idoneità dal Tribunale per i Minorenni, che spesso supera gli 8 mesi previsti per legge. Tali termini sono ordinatori e non è opportuno che diventino perentori: la celerità dell iter adozionale non è affatto garanzia di qualità ma anzi presenta fortissimi rischi. L esperienza ci insegna che per dare una buona risposta ai bambini in stato di abbandono e per aiutarli a crescere sereni e recuperare i loro svantaggi è indispensabile poter disporre di famiglie che siano davvero una risorsa per questi bambini, sempre più grandi (età media 5 anni e 11 mesi), di cui l 11,1% con 10 o più anni 8. Rileviamo quindi che: - E fondamentale che le coppie candidate all adozione siano attentamente informate, formate e valutate sulla base delle loro risorse personali e di coppia e nell interesse superiore del minore, anche per prevenire eventuali futuri fallimenti adottivi ; - Venga implementata e favorita la collaborazione tra enti autorizzati e servizi territoriali, in modo che la durata dell iter per ottenere l idoneità sia occasione per poter approfondire e maturare la scelta e disponibilità adottiva; - Sia riconosciuto il ruolo insostituibile che la legge vigente assegna al Tribunale per i Minorenni nella valutazione di idoneità degli aspiranti genitori adottivi, nel superiore interesse del minore e a garanzia delle coppie stesse: il ruolo del Tribunale, seppur migliorabile nei tempi e nelle modalità, è garanzia di uniformità ed equità nei giudizi su tutto il territorio nazionale; - Sia previsto l acquisto immediato della cittadinanza italiana del minorenne adottato, così come anche indicato dalla Commissione Bicamerale Infanzia 9, nell interesse del bambino stesso che non deve attendere tempi più o meno lunghi - diversi a seconda del Tribunale competente - per la trascrizione del provvedimento di adozione nei registri dello stato civile. 8 Presidenza del Consiglio dei Ministri op.cit., pag.26 9 Commissione Parlamentare per l infanzia e l adolescenza, Documento conclusivo in merito all indagine conoscitiva sull attuazione della normativa in materia di adozione e di affido, Roma, 22/1/

3 2. Riduzione dei costi e introduzione di ipotesi di gratuità dell adozione internazionale: L adozione internazionale può arrivare a costare anche più di euro, un costo molto oneroso per una famiglia, specie in un contesto complessivo di crisi economica. Inoltre, le famiglie che hanno già adottato un bambino, spesso si trovano ad aver bisogno, nel corso del tempo, di un sostegno per far fronte alle loro particolari necessità (spesso hanno bisogni speciali), un aiuto che non sono sempre in grado di trovare nel servizio pubblico. Rileviamo quindi che: - E necessario operare una riduzione del carico economico dell'adozione internazionale sulle famiglie tramite meccanismi di controllo dell'attività degli enti, sgravi fiscali per le famiglie adottive e sussidi economici agli enti. - E opportuno richiedere requisiti di eccellenza degli enti autorizzati, con la possibilità di una maggior definizione non solo dei costi, ma anche del livello professionale offerto dall ente per l erogazione di servizi. In questo senso si è espresso anche il Comitato ONU 10, sia più recentemente la Commissione Bicamerale Infanzia 11 con l invito ad operare una ridefinizione in senso selettivo dei requisiti dell ente. Tra i primi requisiti che proponiamo di introdurre: la certificazione obbligatoria del bilancio; la tracciabilità dei trasferimenti monetari in Italia e all estero; requisiti di professionalità degli operatori dell ente e della qualità dei servizi offerti sia nel pre che nel post adozione. 3. Agevolazione dell adozione dei minori con bisogni speciali : i bambini che hanno bisogno di essere adottati, sia in Italia che all estero, sono sempre più grandi e/o con problemi di salute o con disabilità. Aumentando la complessità dell adozione aumenta il bisogno di sostegno alle famiglie adottive. I sostegni già previsti per legge dall art.6 comma 8 della legge 184/83 e introdotti con la riforma del 2001, sono stati attuati solo da una regione. Tale sostegno non è attualmente un diritto esigibile, in quanto subordinato alle disponibilità finanziarie dei rispettivi bilanci degli enti locali. Le famiglie, che possono essere risorsa per questi bambini, ancor più devono essere informate, formate, selezionate e sostenute nel corso del tempo. Allargare la possibilità di adottare bambini con bisogni speciali anche a single o a persone anziane equivarrebbe ad attribuire maggior complessità a persone con minor risorse, con rilevanti rischi di future crisi adottive. Rileviamo quindi che: 10 Comitato ONU, Osservazioni all Italia, 2011: in conformità con la Convenzione de L Aja e con l articolo 21(d) della Convenzione sui diritti del fanciullo, garantisca un monitoraggio efficace e sistematico di tutte le agenzie di adozione private, valuti di gestire o limitare l elevato numero di queste ultime e garantisca che le procedure di adozione non siano fonte di proventi finanziari per alcuna parte. 11 Commissione Parlamentare per l infanzia e l adolescenza, op.cit: alcuni enti autorizzati non sarebbero adeguatamente attrezzati né sul piano delle risorse né su quello delle competenze e indica come necessaria una razionalizzazione del settore mediante un innalzamento dei requisiti richiesti. 3

4 - E urgente l introduzione di interventi di sostegno, anche economici, alle famiglie adottive, in particolare per l adozione di bambini con bisogni speciali; - Occorre una verifica attenta delle famiglie che si rendono disponibili all adozione, a maggior ragione se disponibili ad adottare un bambino con bisogni speciali, offrendo loro una formazione, un sostegno ed un accompagnamento costanti, non solo subito dopo l arrivo del bambino in famiglia ma durante qualsiasi momento della vita, soprattutto in adolescenza ma anche in età adulta. - E urgente, per ottimizzare gli interventi, realizzare indagini quantitative sullo stato di benessere, nel corso del tempo, di tutti i bambini adottati in Italia, con bisogni speciali e non, così come anche raccomandato dal Comitato ONU Valutazione dell opportunità dell introduzione nell ordinamento italiano delle c.d. accoglienze innovative: La kafala: è giuridicamente distinta dall adozione e non rientra nel campo di applicazione della Convenzione de L Aja del Un suo riconoscimento in Italia potrebbe avvenire solo con gli effetti di un affidamento familiare. In linea con la giurisprudenza della Cassazione 13, non è però possibile riconoscere i provvedimenti di kafala disposti in capo a cittadini italiani, trattandosi di istituto che per sua natura riguarda le sole persone di cultura e religione mussulmana. Si rileva che: - Il riconoscimento del provvedimento straniero di kafala potrebbe avvenire in Italia solo con gli effetti di un affidamento familiare, e non certamente di un adozione, solo in virtù o della ratifica di Convenzioni Internazionali specifiche 14 ovvero attraverso la conclusione di Accordi Bilaterali specifici con i Paesi di origine dei minori. Gli istituti di soggiorno a scopo adottivo e gli affidamenti internazionali: previsti dalla normativa di alcuni Paesi stranieri per favorire l adozione di bambini grandi e/o con disabilità, sono considerati dalla maggior parte delle associazioni che si occupano di tutela dell infanzia non solo assolutamente inadeguati ma anche complessi e costosi e comunque non tutelanti il minore 15. L affido internazionale, poi, se dovesse essere regolamentato, potrebbe avere l unico scopo di un accoglienza temporanea di bambini e ragazzi che non siano in stato di abbandono. Si rileva che: 12 Comitato ONU, Osservazioni all Italia, 2011: garantisca un follow up sistematico sul benessere dei bambini adottati durante gli anni precedenti e sulle cause e le conseguenze dell interruzione dell adozione. 13 Cass. n.4868 del 2010; Cass. n del 2011; Cass. n. 996 del 24/1/ Vedi la Convenzione de L Aja del 19/10/1996 Sulla competenza, la legge applicabile, il riconoscimento, l esecuzione e la cooperazione in materia di responsabilità genitoriale e di misure di protezione dell infanzia, non ratificata dall Italia 15 Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza 6 Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell infanzia e dell adolescenza in Italia maggio 2013, pag.72 4

5 - E urgente regolamentare i cosiddetti soggiorni climatici o solidaristici, prevedendo la selezione ed il controllo delle famiglie ospitanti. Al riguardo, già nel 2009 il Gruppo CRC denunciava 16 : E elevato il rischio relativo all aggiramento della normativa che disciplina l adozione internazionale connesso alle richieste di adottare il bambino preventivamente ospitato; manca una valutazione preventiva dell idoneità delle persone ospitanti, con evidenti rischi per il buon esito del soggiorno, così come manca un albo o un elenco delle associazioni impegnate in questo settore e quindi di criteri condivisi sulla base dei quali valutare la loro idoneità ed il loro operato. Un ulteriore criticità consiste nel fatto che i minori temporaneamente accolti provengono sovente da Istituti, situazione particolarmente grave se si considerano le ricadute psicologiche negative sui minori che possono essere ad essa collegate: minori istituzionalizzati da anni, senza più rapporti con genitori sovente decaduti della potestà parentale, sono stati ospitati da famiglie in Italia, fino a 90 giorni l anno, per svariati anni, con la conseguenza di creare aspettative, illusioni, traumi al momento del distacco e del rientro nel Paese di origine. - Per queste ragioni si raccomanda invece uno specifico impegno del nostro Paese per sostenere iniziative in alternativa al soggiorno in Italia, nei luoghi e nelle realtà da cui provengono i minori, dirette a promuovere il loro diritto a crescere in famiglia, anzitutto quella d origine e quando questo non sia possibile, in un altra famiglia, adottiva o affidataria, secondo le situazioni. In questo senso gioca un ruolo fondamentale la Cooperazione Internazionale che, così come richiamata nei protocolli e negli accordi bilaterali, deve essere realizzata attraverso interventi idonei a sviluppare nel Paese una risposta in termini familiari (sostegno alle famiglie in difficoltà, affidamento familiare, adozione) creando così una progressiva alternativa alla necessità di ricorrere all espatrio di bambini dal proprio Paese di nascita a causa della mancanza in loco di alternative familiari possibili. CIAI Centro Studi Milano, 24 settembre Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza 2 Rapporto Supplementare alle Nazioni Unite sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell infanzia e dell adolescenza in Italia, settembre 2009, pag

Relativamente alle premesse contenute in:

Relativamente alle premesse contenute in: Relativamente alle premesse contenute in:. Proposta di legge n. 653 di iniziativa degli onorevoli Caruso e Chaouky, Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n.184, concernenti la riforma della disciplina in

Dettagli

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE.

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE. ADOZIONE: DIRITTO DEI BAMBINI SOLI E SENZA FAMIGLIA, NON DEGLI ADULTI CHE VOGLIONO UN FIGLIO Osservazioni critiche e Proposte relativamente a quanto affermato dall associazione Amici dei Bambini nel Manifesto

Dettagli

7 o rapportodiaggiornamento2013-2014

7 o rapportodiaggiornamento2013-2014 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE 42. Il Comitato raccomanda che l Italia: (a) introduca il principio dell interesse superiore del bambino come considerazione essenziale nella legislazione, incluse

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

Il Servizio Alto Adige

Il Servizio Alto Adige Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni M. Anglesio L abbandono dei bambini è una questione sociale, non solamente individuale. E necessario che l adozione acquisisca il suo carattere,

Dettagli

IL COMITATO DEI SINDACI

IL COMITATO DEI SINDACI IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare lo schema di accordo di programma con l Az. USL n. 2 di Urbino per l attivazione della Equipe adozione

Dettagli

INDICE. Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE CAPITOLO PRIMO LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA

INDICE. Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE CAPITOLO PRIMO LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA pag. Prefazione.... Elenco delle principali abbreviazioni... XV XIX Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA Guida bibliografica... 5 1. Premessa...

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una famiglia Legge 31 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 434 24/03/2015 Oggetto : Approvazione della 2a tranche di spesa presunta

Dettagli

CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE

CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Ambiente familiare e misure alternative CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE 42. Il Comitato raccomanda che l Italia: a) introduca il principio dell interesse superiore del bambino come

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Sottrazione internazionale di minori

Sottrazione internazionale di minori Sottrazione internazionale di minori 1) Che cosa s intende per sottrazione internazionale di minore Si parla di sottrazione internazionale di minore quando: il minore è stato illecitamente condotto all

Dettagli

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013 REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 213 Premessa Il Punto informativo svolge attività di accoglienza, informazione e orientamento rivolta a cittadini e servizi. E aperto al pubblico tutte

Dettagli

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015 IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA La storia: L.184/1983 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori L.476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni.

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni. PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA di iniziativa dei Consiglieri: Enrico Brambillla Alessandro Alfieri Agostino Alloni Mario Barboni Laura Barzaghi

Dettagli

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI di Nazzarena Zorzella (avvocata di Bologna) Associazione per gli studi giuridici sull immigrazione (ASGI) Fonti Normative Principi per il trattamento dello

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Il diritto di bambini e ragazzi alla famiglia: come rilanciare adozioni e affidi

Il diritto di bambini e ragazzi alla famiglia: come rilanciare adozioni e affidi Commissione parlamentare per l infanzia e l adolescenza, Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Convegno

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

TRA IL DIRE ED IL FARE

TRA IL DIRE ED IL FARE PROGETTO TRA IL DIRE ED IL FARE SOSTEGNO ALLE COMPETENZE GENITORIALI ADOTTIVE L intervento psico-sociale nel post adozione SOGGETTI ISTITUZIONALI Comune di Messina - Dipartimento sociale ASP5 Messina -

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Sintesi intervento della dottoressa Liviana Marelli - Il diritto alla protezione dei bambini e dei ragazzi è un concetto ampio che

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3047 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Norme per la promozione della partecipazione dei giovani immigrati al servizio

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE Consiglio Regionale della Basilicata - Gruppo LB / FRATELLI D ITALIA ALLEANZA NAZIONALE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE PROPOSTA DI LEGGE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE PER

Dettagli

Entrata in vigore. Art. 2

Entrata in vigore. Art. 2 Regolamento per la determinazione dei criteri di riparto, della misura, delle modalità e dei criteri per la concessione dei benefici da destinare al sostegno delle famiglie per adozioni e affidamento familiare

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A IL PERCORSO NORMATIVO IN MATERIA DI ADOZIONI A SCUOLA Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati MIUR 18 dicembre 2014 Due punti: Cosa ci dicono le Linee di indirizzo

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie StudieRicerche Collana della Commissione per le adozioni internazionali I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie Indagine conoscitiva sulle coppie che hanno adottato nel

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Marco Chistolini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

Ricostruire le fondamenta giuridiche, definire i confini e separare il grano dal loglio

Ricostruire le fondamenta giuridiche, definire i confini e separare il grano dal loglio Milano, 12 giugno 2014 Gent.mo Presidente del Consiglio, siamo molto contenti che il Governo abbia deciso di intraprendere la strada delle riforme anche nell ambito del terzo settore, riconoscendone ricchezza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3679 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO Modifiche al testo unico delle

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE COPROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA VOLTE ALLA PROMOZIONE DELL AFFIDO E SOSTEGNO AL SERVIZIO DEL CENTRO AFFIDI.

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE COPROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA VOLTE ALLA PROMOZIONE DELL AFFIDO E SOSTEGNO AL SERVIZIO DEL CENTRO AFFIDI. MANIFESTAZIONE DI INTERESSE COPROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA VOLTE ALLA PROMOZIONE DELL AFFIDO E SOSTEGNO AL SERVIZIO DEL CENTRO AFFIDI. CODICE CIG 7147914D3 1. PREMESSA Si intende realizzare le azioni necessarie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARUSO, CHAOUKI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARUSO, CHAOUKI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 653 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARUSO, CHAOUKI Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, concernenti la riforma della disciplina

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

Crescere i figli degli altri

Crescere i figli degli altri Crescere i figli degli altri 9 novembre 2011, Incontro di formazione FormAzione Joseph Moyersoen, esperto di programmi di cooperazione allo sviluppo in materia di giustizia minorile, giudice onorario presso

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori Introduzione ai diritti umani Scuole superiori Cosa sono i diritti umani? I diritti umani sono i diritti di ogni persona in quanto tale. Caratteristiche: Fondamentali Universali Inviolabili Indisponibili

Dettagli