Videoterminali uso corretto ed ergonomia. Prof.ssa Luisa Raggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Videoterminali uso corretto ed ergonomia. Prof.ssa Luisa Raggi"

Transcript

1 Videoterminali uso corretto ed ergonomia Prof.ssa Luisa Raggi

2 introduzione Il videoterminale (VDT) è ormai entrato a far parte degli strumenti comunemente usati sul posto di lavoro. Numerose attività professionali non potrebbero addirittura esistere senza l ausilio di un unità video. È evidente che l uso del computer ha rivoluzionato il mondo del lavoro e anche del tempo libero.

3 normativa UNI ENV che si applica al progetto di 1) spazio e attrezzature di lavoro 2) ambiente di lavoro 3) processo di lavoro UNI 10120: definizione e metodologia di rilevazione delle variabili antropometriche essenziali per una progettazione ergonomica UNI 7367, 7368, 7498, 9095, 9716: mobili per uffici (vedi anche VDT)

4 normativa ISO 7730: confort termico ISO 10075: carico di lavoro mentale ISO/CD 11226: valutazione delle posture di lavoro ISO/CD 11228: movimentazione manuale dei carichi ISO 5970: sedie e tavoli per scuole

5 normativa Il lavoro al VDT è regolato dal D.Lgs 81/08 artt I requisiti minimi di una postazione munita di VDT è l allegato XXXIV

6 normativa Titolo VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art Campo di applicazione Art Definizioni Capo II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO, DEI DIRIGENTI E DEI PREPOSTI Art Obblighi del datore di lavoro Art Svolgimento quotidiano del lavoro Art Sorveglianza sanitaria Art Informazione e formazione (il presente corso) Capo III SANZIONI Art Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente Art Sanzioni a carico del preposto

7 normativa La normativa che tutela la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro stabilisce anche delle regole che riguardano l'uso delle attrezzature con videoterminali (VDT). In virtù di questa regolamentazione, tutti i lavoratori che utilizzano un videoterminale sono soggetti al rispetto delle norme in essa contenute, escludendo però dalla categoria dei VDT, le calcolatrici, i registratori di cassa e gli strumenti informatici installati sui mezzi di trasporto. Rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs. 81/2008 anche i computer portatili, per i quali è previsto che un utilizzo prolungato di questi, implichi che il datore di lavoro debba dotare l'apparecchiatura informatica di una tastiera esterna, di un mouse e di un supporto sul quale collocare lo schermo.

8 normativa Volendo specificare cosa si intende per "videoterminale", l'art. 173 del decreto in oggetto afferma che si tratta di uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato. Lo stesso articolo definisce lavoratore, colui che all'interno dell'azienda utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per 20 ore settimanali senza contare le interruzioni e le pause giornaliere. In merito alla disciplina che regola l'uso di queste attrezzature, il datore di lavoro deve compiere un'analisi dei posti di lavoro nello stesso tempo in cui esegue la valutazione dei rischi, per rilevare: i rischi per la vista e per gli occhi i problemi legati alla postura e all'affaticamento fisico o mentale le condizioni ergonomiche e di igiene ambientale Successivamente dispone le misure idonee ad eliminare o ridurre questi rischi, tenendo conto della somma ovvero della combinazione della incidenza dei rischi riscontrati.

9 il lavoro al vdt Molto spesso si parla «lavoro al VDT» in termini molto generici, intendendo anche tutte le problematiche ad esso connesse. La vita pratica, invece, ci insegna che le attività svolte davanti allo schermo possono essere molto diverse tra di loro. I videoterminali non si trovano solo negli uffici, nelle scuole, ma anche nelle cabine di pilotaggio degli aerei, sul quadro comandi di una locomotiva o come componente della strumentazione di una macchina utensile. In linea di massima le attività al VDT possono essere suddivise nel seguente modo: attività svolte prevalentemente davanti allo schermo (dialogo con il PC) attività svolte prevalentemente con testi (data entry) attività miste uso sporadico dello schermo

10 L ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa legge, regolamento. Fu usata per la prima volta da Wojcieck Jastrzebowski in un quotidiano polacco del All inizio del ventesimo secolo l enfasi per l ergonomia fu concentrata sullo sforzo di adattare la gente al proprio posto di lavoro, con lo sviluppo di ricerche finalizzate a selezionare, classificare e preparare lavoratori che fossero adatti al lavoro da svolgere. Questi sforzi si dimostrarono ben presto inutili e si comprese che la finalità dell ergonomia doveva essere quella di adattare il posto di lavoro o comunque le esigenze lavorative alle esigenze del lavoratore. Così negli anni 50, con lo sviluppo industriale incominciò a svilupparsi la moderna scienza dell ergonomia, il cui fine è quello del benessere del lavoratore, creando un posto di lavoro sicuro e confortevole, così da consentire ai lavoratori stessi di raggiungere la massima produttività possibile. L ergonomia rappresenta quindi la scienza che studia le performance lavorative degli individui ed il loro benessere, in relazione alle finalità della propria attività, alle attrezzature di lavoro ed all ambiente di lavoro. Questo si traduce in pratica nella progettazione di prodotti e/o processi che utilizzino le capacità di un individuo, tenendo conto delle sue esigenze.

11 L ergonomia Da cosa nasce il nuovo obbligo di organizzare il lavoro secondo principi ergonomici? declino delle malattie da lavoro un tempo più frequenti (silicosi, asbestosi, saturnismo) costante aumento delle malattie occupazionali che colpiscono il sistema neuro-muscolare e scheletrico (sindrome del tunnel carpale, tendiniti, cervico-brachialgie, mal di schiena, bruciore agli occhi, lacrimazione, ) Tra gli obblighi del datore di lavoro (art. 174 del Testo Unico), c è la valutazione del rischio VDT con particolare riferimento ai rischi per la vista e per gli occhi, ai problemi legati alla postura e all affaticamento visivo e mentale, alle condizioni ergonomiche e di igiene ambientale.

12 L ergonomia Il rispetto dei principi ergonomici si può attuare intervenendo su tre livelli: concezione (progettazione) dei posti di lavoro scelta delle attrezzature definizione dei metodi di lavoro e produzione

13 L ergonomia ricapitolando: viene considerato videoterminalista il lavoratore addetto al VDT per oltre 20 ore settimanali. Tale riconoscimento implica mettere a norma: postazione lavorativa illuminazione pause e organizzazione del lavoro sorveglianza sanitaria

14 L ergonomia Allegato XXXIV Prescrizioni minime per posti di lavoro muniti di videoterminale

15 L ergonomia La normativa fornisce specifiche indicazioni in merito: al posto di lavoro, che: - deve essere ben dimensionato, illuminato e allestito, in modo che vi sia spazio sufficiente per permettere cambiamenti di posizione e di movimenti operativi; al piano di lavoro, che: - deve avere una superficie poco riflettente, - deve essere di dimensione sufficiente a permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio al supporto per i documenti, che : - deve essere stabile e regolabile - deve essere collocato in modo tale da ridurre al massimo i movimenti fastidiosi della testa e degli occhi allo spazio di lavoro, che: - deve essere sufficiente e permettere ai lavoratori una posizione comoda al sedile di lavoro, che: - deve essere stabile - deve permettere all utilizzatore una certa libertà di movimento ed una posizione comoda - deve essere del tipo ed avere dimensioni adatti alla persona che lo deve utilizzare - deve avere altezza regolabile e schienale regolabile in altezza ed inclinazione al poggiapiedi che sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderano

16 La postazione

17 In generale la prevenzione dei disturbi, collegabili alla postura, si ottiene: Assumendo una postura corretta di fronte al video, con piedi ben poggiati al pavimento e schiena appoggiata allo schienale della sedia nel tratto lombare, regolando allo scopo l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale; La postazione

18 In generale la prevenzione dei disturbi, collegabili alla postura, si ottiene: Assumendo una postura corretta di fronte al video, con piedi ben poggiati al pavimento e schiena appoggiata allo schienale della sedia nel tratto lombare, regolando allo scopo l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale; Posizionando lo schermo del video di fronte, in maniera che, anche agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello schermo sia posto un pò più in basso dell orizzontale, che passa per gli occhi dell operatore e ad una distanza dagli occhi pari a circa cm; La postazione

19 In generale la prevenzione dei disturbi, collegabili alla postura, si ottiene: Assumendo una postura corretta di fronte al video, con piedi ben poggiati al pavimento e schiena appoggiata allo schienale della sedia nel tratto lombare, regolando allo scopo l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale; Posizionando lo schermo del video di fronte, in maniera che, anche agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello schermo sia posto un pò più in basso dell orizzontale, che passa per gli occhi dell operatore e ad una distanza dagli occhi pari a circa cm; Disponendo la tastiera davanti allo schermo, salvo che lo schermo non sia utilizzato in maniera saltuaria; La postazione

20 Disponendo il mouse od eventuali altri dispositivi di uso frequente sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili; La postazione

21 Disponendo il mouse od eventuali altri dispositivi di uso frequente sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili; Eseguendo la digitazione e utilizzando il mouse, in modo da evitare irrigidimenti inutili delle dita e del polso, cercando di tenere gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro, in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle La postazione

22 Disponendo il mouse od eventuali altri dispositivi di uso frequente sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili; Eseguendo la digitazione e utilizzando il mouse, in modo da evitare irrigidimenti inutili delle dita e del polso, cercando di tenere gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro, in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle Evitando, per quanto possibile, posizioni di lavoro fisse per tempi prolungati. Nel caso ciò fosse inevitabile, sarà necessario sgranchirsi spesso (collo, schiena, arti superiori ed inferiori). La postazione

23 Si ritiene utile dare qualche consiglio anche sull uso del mouse e degli altri dispositivi di immissione dati ormai di uso comune in tutte le attività con i VDT e che possono contribuire notevolmente, se non utilizzati correttamente, a causare disagi nell operatore. Mentre si usa il mouse o un altro dispositivo di immissione dati sarà opportuno tenere la mano, il polso e l avambraccio in posizione neutra, rispetto alla tastiera; Quando si usa uno stilo o una penna ottica con tavoletta grafica, è importante non impugnare lo stilo con forza. La mano e le dita devono essere rilassate e la mano, il polso e l avambraccio devono essere tenuti in posizione neutra; Il mouse deve essere tenuto delicatamente appoggiandovi sopra le dita. La mano deve essere tenuta rilassata e le dita distese. Il mouse non deve essere impugnato con forza; È importante posizionare i dispositivi di immissione dati (mouse, trackball, stilo, tavoletta grafica, etc.) il più vicino possibile alla tastiera e tenerli al suo stesso livello, in modo da non doversi allungare per usarli; Il tappetino per il mouse deve essere di buona qualità, così da consentire il funzionamento ottimale del mouse e da ridurre al minimo i movimenti inutili della mano e del polso. Altri dispositivi oggi largamente usati sono le cuffie e gli altoparlanti. In questo caso è molto importante tenere presente le seguenti buone norme di utilizzo: l ascolto prolungato ad alto volume può causare danni permanenti all udito. Per evitare disturbi causati da rumori forti ed inattesi, è buona norma abbassare sempre il volume prima di collegare le cuffie o gli altoparlanti al VDT; se si usano le cuffie è buona norma aumentare gradualmente il volume, fino a trovare quello ideale per l ascolto.

24 I Computer Portatili

25 Uso corretto dei computer portatili In generale, l uso dei computer portatili comporta maggiori difficoltà nel mantenere una posizione ergonomica. Pertanto non dovrebbero essere utilizzati nel luogo di lavoro se non per brevi periodi. Il D.Lgs.81/08 regolamenta anche l uso prolungato del computer portatile. In particolare al punto 1 lettera f) dell allegato XXXIV è previsto che: L impiego prolungato del computer portatile necessita della fornitura di una tastiera e di un mouse o altro dispositivo di puntamento esterni nonché di un idoneo supporto che consenta il posizionamento dello schermo. Vista la larga diffusione di tali dispositivi si ritiene importante fornire alcuni consigli utili: non posizionare il computer portatile direttamente sulle gambe, ma tenerlo un po più in alto anche usando un idoneo piano di appoggio; se il sedile è troppo basso rispetto al piano di lavoro, sopraelevarlo con cuscini; se necessario, creare un poggiapiedi con un oggetto di dimensioni opportune; creare adeguati sostegni per le braccia quando si lavora sul divano o sul letto; regolare l inclinazione, la luminosità ed il contrasto sullo schermo in modo ottimale; cambiare spesso posizione facendo pause molto frequenti; evitare di piegare la schiena in avanti; mantenere gli avambracci, i polsi e le mani allineati durante l uso di mouse e tastiera, evitando di piegare o angolare i polsi; quando si prevede di dover effettuare un lavoro prolungato è bene munirsi e fare uso di tastiera/monitor e mouse separati rispetto al computer portatile.

26 Tutti pazzi per i tablet: sono l'oggetto del desiderio di oggi, forse ancora più degli smartphone. Ma per colpa di posizioni scorrette potrebbero provocare dolori a collo e spalle. Potevano mancare allora le raccomandazioni d'uso con il «bollino» della scienza? Ecco quindi uno studio dell'università di Harvard, accessibile a tutti sul sito web della rivista «Work: a Journal of Prevention, Assessment and Rehabilitation», che dà le prime indicazioni per prevenire il «mal di tablet». I Tablet

27 Il corretto uso dei tablet

28 L illuminazione L illuminazione dell ambiente di lavoro, sia essa naturale o artificiale, influenza con la sua qualità e quantità lo stato di salute degli occupanti l ambiente, la prestazione visiva e la sicurezza sul lavoro. Il sistema di illuminazione, nel suo complesso, deve essere progettato in modo da fornire le prestazioni desiderate, in funzione delle attività che si svolgono nel locale ed in armonia con il locale stesso. Ciò significa prevedere una favorevole distribuzione delle luminanze e dei contrasti nell ambiente, tenendo inoltre in dovuto conto l illuminazione sui piani orizzontali e verticali ed i loro rispettivi rapporti. Un posto di lavoro con il VDT interessa in genere tre compiti visivi: lettura di testi sullo schermo ricerca di lettere e/o simboli sulla tastiera lettura di testi accanto allo schermo o alla tastiera E pertanto le condizioni di illuminamento ambientale devono prendere in considerazione le caratteristiche richieste perché schermo, tastiera e testo scritto consentano una corretta prestazione visiva.

29 L illuminazione Per evitare abbagliamenti a volte bastano delle semplici operazioni di corretto posizionamento del monitor: - porre il monitor perpendicolarmente alle finestre e fra due impianti di illuminazione artificiale; se possibile deve esserci un corridoio fra le finestre e la workstation; - non porre il monitor direttamente sotto una mensola, che ha sopra una lampada; - regolare l altezza e l angolazione del monitor, così da evitare abbagliamenti da impianti di illuminazione al soffitto; -realizzare l illuminazione della stanza con lampade provviste di schermi ed esenti da sfarfallio, poste in modo che siano al di fuori del campo visivo degli operatori; in caso di lampade al soffitto non schermate, la linea tra l occhio e la lampada deve formare con l orizzonte un angolo non inferiore a 60 I riflessi possono essere ridotti: - minimizzando la quantità di superficie bianca intorno, fra cui anche quella della carta; - usando scrivanie il cui piano sia di materiale opaco; - regolando la quantità di luce generale nell ambiente, eventualmente supplendo, se necessario, con idonei sistemi di illuminazione localizzata; - indossando abiti di colore scuro, piuttosto che bianchi o di colori chiari.

30 L illuminazione Nella figura viene riportato un esempio di disposizione corretta di un posto di lavoro con il VDT, tenendo conto sia dell illuminazione naturale (finestre), sia di quella artificiale. In particolare le lampade consigliate per l illuminazione di un posto di lavoro con VDT, sono quelle bianche a tonalità calda, che emanano una luce tendente al giallo, montate a soffitto con paraluce a lamelle antiabbagliamento, in file parallele allo sguardo dell operatore, ma non sopra la sua testa.

31 Pause La tutela del lavoratore che utilizza videoterminali viene ulteriormente rafforzata dalla norma che stabilisce il diritto ad usufruire di una interruzione della sua attività attraverso delle pause o cambiamento di attività. Normalmente i contratti di lavoro contengono delle disposizioni che riguardano le modalità di effettuazione delle pause, le quali devono consistere in almeno 15 minuti ogni 2 ore trascorse di fronte ad un videoterminale. I lavoratori non possono rinunciare ad esse e non possono essere cumulate e poi godute alla fine della giornata lavorativa. Se poi il lavoratore presenta delle patologie particolari all'apparato visivo accertate dal medico competente, potrà stabilire con l'azienda tempi di interruzione diversi oppure concordare di effettuare una "pausa attiva", cioè lo svolgimento di un'altra attività lavorativa senza l'impiego di VDT, senza il movimento continuo delle braccia e delle mani, e senza l'assunzione di una postura uguale a quella tenuta lavorando ad un videoterminale. La legge prevede inoltre che un lavoratore addetto ai VDT debba essere sottoposto a visita medica di controllo ogni 2 anni se presenta delle limitazioni o se ha un'età superiore ai 50 anni, invece ogni 5 anni in condizioni di normalità visiva o con età inferiore ai 50 anni. Il lavoratore può anche richiedere personalmente di essere sottoposto a visita di controllo, qualora lo ritenga opportuno.

32 Il WIFI è pericoloso? Il wireless appartiene alla categoria di tecnologie che contribuiscono all'inquinamento elettromagnetico. Per molti potrebbe addirittura costituire un serio pericolo per la salute dell'essere umano. L'elettrosmog è un fenomeno che va esaminato con attenzione e valutato differentemente in base al dispositivo tecnologico che può alimentarlo. Sotto accusa, dopo i telefonini, è ora anche lo standard di comunicazione per reti senza fili IEEE , il quale viene considerato pericoloso per il campo elettromagnetico che produce. In molti Paesi tra cui l'italia, si è scatenata una lotta contro il Wi-Fi per via di servizi televisivi che ne hanno denunciato una presunta pericolosità. Il fenomeno oltre ad essere stato strumentalizzato dalla TV con la conseguenza di creare forti allarmismi, è stato preso di mira anche dal web, che ha diffuso notizie sconvolgenti senza alcuna base scientifica. In realtà occorre capire se questa tecnologia sia davvero pericolosa oppure se l'allarme Wi-Fi non sia altro che il frutto di una campagna di scorretta comunicazione da parte dei media e di ignoranza riguardo i fenomeni fisici che caratterizzano questo standard di comunicazione.

33 Il WIFI è pericoloso? I dati trasmessi dal Wi-Fi e dagli altri sistemi WLAN viaggiano nell'aria attraverso onde elettromagnetiche che provocano la variazione del campo elettrico e del campo magnetico nell'area circostante. A seconda del valore della frequenza, i campi elettromagnetici possono essere suddivisi in tre tipologie: 1) le frequenze basse comprese tra 0 e 100KHz 2) le frequenze medie comprese tra i 100 KHz e 10 MHz 3) le frequenze alte oltre i 10 MHz. La distinzione non è fatta solo in base al valore della frequenza ma anche tenendo conto delle caratteristiche fisiche di ogni banda e degli effetti che questi fenomeni fisici possono determinare. Le frequenze più dannose per l'uomo, sono quelle appartenenti al primo gruppo, in quanto quando un individuo viene a contatto con un campo elettromagnetico a bassa frequenza, si genera un'interazione che può determinare alterazioni all'interno dell'organismo. Questo effetto può essere indifferente se il sistema di autodifesa dell'organismo è in grado di ripristinare lo stato precedente alle alterazioni. Questa interazione non avviene nei campi elettromagnetici ad alta frequenza che causano, invece, il surriscaldamento dei tessuti biologici. Il campo elettromagnetico prodotto dalla rete Wi-Fi rientra nel gruppo dei campi elettromagnetici ad alta frequenza e, proprio per questo, è da considerarsi innocuo. Attualmente, gli studi dell' Organizzazione Mondiale della Sanità escludono che il Wi-Fi possa nuocere alla salute. Il fatto che la frequenza di lavoro del Wi-Fi sia pari a quella del microonde, ha destato molta preoccupazione; è fondamentale sapere, però, che la potenza del segnale emesso dalle reti wireless è straordinariamente inferiore, e che il wi-fi, così come ogni altro dispositivo elettronico, deve rispettare dei limiti massimi per quanto riguarda l'emissione delle onde elettromagnetica previsti dalle normative che tutelano la salute per l'uomo e per l'ambiente.

34 Sorveglianza sanitaria Problemi legati all affaticamento fisico e/o mentale possono essere generati da fattori di stress e la presenza di disturbi fra addetti ai videoterminali collegabili a questi fattori è stata largamente discussa e studiata. Molti aspetti delle condizioni di lavoro possono portare a disordini correlabili allo stress, sia nelle attività con vdt che in quelle senza. Comunque l'organizzazione di alcuni tipi di attività che utilizzano il videoterminale possono portare alla prevalenza di alcuni tipi di questi fattori di stress, come ad esempio la monotona funzione del data-entry con un alto carico di lavoro. Alcuni specifici fattori di stress sono presenti solo nel lavoro con il VDT, come tempi lunghi di risposta dell'apparato, il malfunzionamento del sistema e la non corretta progettazione dei sistemi di interazione uomo-computer.

35 Sorveglianza sanitaria Utili indicazioni per evitare i disturbi da affaticamento mentale, potrebbero essere le seguenti: Seguire le indicazioni e la formazione ricevute per l uso dei programmi e delle procedure informatiche Disporre di tempo sufficiente per acquisire le necessarie competenze ed abilità Rispettare la corretta distribuzione delle pause Utilizzare software per i quali si è ricevuta l informazione necessaria, Il conoscere poi il contesto finale in cui il risultato del proprio lavoro al videoterminale va a collocarsi è un elemento utile per l attenuazione di uno dei possibili fattori di affaticamento mentale.

36 Ergonomia nella scuola A livello Internazionale, le regole che stabiliscono come debba essere la "postazione di lavoro" sono contenute nella normativa ISO L'Italia ha recepito con la UNI 7713 la norma internazionale ISO Tale norma stabilisce le misure funzionali fondamentali per sedie e tavoli negli istituti d'istruzione. L'altezza del banco e quella della sedia dovrebbero essere proporzionali alla statura dello scolaro, per questo motivo la norma ISO ha individuato sette dimensioni diverse delle sedie e dei banchi.

37 UNI 7713 Schema riassuntivo della UNI 7713, con le sette diverse classi di rapporto tra dati auxologici dello studente e dimensioni dei banchi scolastici classe Statura di riferimento in cm Classe di statura in cm. Fino a 112 Da 112 a 127 Da 127 a 142 Da 142 a 157 Da 157 a 172 Da 172 a 187 Oltre 187 Altezza banchi 46 cm 52 cm 58 cm 64 cm 70 cm 76 cm 82 cm Altezza sedie 26 cm 30 cm 34 cm 38 cm 42 cm 46 cm 50 cm

38 L ergonomia nella scuola UNI 7713 A) I piedi devono poggiare completamente sul pavimento. B) Tra il femore e la parte inferiore del tavolo deve esserci spazio sufficiente ed un movimento non impedito. C) Nella parte anteriore del sedile non deve esserci pressione tra la superficie di seduta ed il femore. D) L'altezza del tavolo deve essere scelta in maniera tale che il gomito sia all'incirca sullo stesso livello del bordo anteriore del piano del tavolo, allorché gli omeri pendano verticalmente. E) Lo schienale deve sostenere in maniera stabile la schiena nella zona dei fianchi e sotto le scapole F) Tra la parte posteriore delle gambe ed il bordo anteriore del sedile deve esserci uno spazio libero. G) Tra il sostegno dei lombi ed il sedile deve esserci uno spazio libero adeguato per assicurare il libero movimento in posizione seduta.

39 Normativa: le sanzioni artt Art Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente Il datore di lavoro ed il dirigente sono puniti: a) con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da euro fino ad euro per la violazione dell'articolo 174, comma 2 e 3, 175, 176, commi 1, 3, 5, 177, comma 1, lettera b); b) con l'arresto da due a quattro mesi o con l'ammenda da euro a euro per la violazione dell'articolo 177, comma 1, lettera a). Art Sanzioni a carico del preposto 1. Il preposto e' punito nei limiti dell'attivita' alla quale e' tenuto in osservanza degli obblighi generali di cui all'articolo 19: a) con l'arresto fino a due mesi o con l'ammenda da euro 400 ad euro per la violazione dell'articolo 174, comma 2 e 3, 175; b) con l'arresto fino ad un mese o con l'ammenda da euro 150 ad euro 600 per la violazione dell'articolo 174, comma 1, lettera a).

40 Conclusioni. Si può affermare con molta serenità che nell ambito delle attività d ufficio, del settore della ricerca, dello studio e della formazione che prevedono l impiego di unità videoterminali, le situazioni lavorative che si incontrano sono generalmente molto controllate e difficilmente estreme. I posti di lavoro rispettano il più delle volte le esigenze specifiche di ogni singolo utente, che a volte per problemi propri di comodità e di impostazione del lavoro, preferisce posizionare e sistemare il proprio posto di lavoro in un modo piuttosto che in un altro. In generale comunque le apparecchiature e le attrezzature, che vengono messe a disposizione degli utilizzatori, sono quasi sempre delle ultime generazioni e quindi, rispondenti ai criteri sempre più avanzati della tecnologia.

41 Conclusioni. Si può affermare con molta serenità che nell ambito delle attività d ufficio, del settore della ricerca, dello studio e della formazione che prevedono l impiego di unità videoterminali, le situazioni lavorative che si incontrano sono generalmente molto controllate e difficilmente estreme. I posti di lavoro rispettano il più delle volte le esigenze specifiche di ogni singolo utente, che a volte per problemi propri di comodità e di impostazione del lavoro, preferisce posizionare e sistemare il proprio posto di lavoro in un modo piuttosto che in un altro. In generale comunque le apparecchiature e le attrezzature, che vengono messe a disposizione degli utilizzatori, sono quasi sempre delle ultime generazioni e quindi, rispondenti ai criteri sempre più avanzati della tecnologia. Agli studenti va ricordato che il corretto approccio alle postazioni informatiche va assimilato fin dall inizio del loro percorso scolastico, al fine di garantire lo sviluppo psicofisico in armonia con le stesse. Ciò determinerà l acquisizione di automatismi comportamentali in grado di minimizzare le patologie e le complicanze qui descritte.

42 Conclusioni. Si può affermare con molta serenità che nell ambito delle attività d ufficio, del settore della ricerca, dello studio e della formazione che prevedono l impiego di unità videoterminali, le situazioni lavorative che si incontrano sono generalmente molto controllate e difficilmente estreme. I posti di lavoro rispettano il più delle volte le esigenze specifiche di ogni singolo utente, che a volte per problemi propri di comodità e di impostazione del lavoro, preferisce posizionare e sistemare il proprio posto di lavoro in un modo piuttosto che in un altro. In generale comunque le apparecchiature e le attrezzature, che vengono messe a disposizione degli utilizzatori, sono quasi sempre delle ultime generazioni e quindi, rispondenti ai criteri sempre più avanzati della tecnologia. Agli studenti va ricordato che il corretto approccio alle postazioni informatiche va assimilato fin dall inizio del loro percorso scolastico, al fine di garantire lo sviluppo psicofisico in armonia con le stesse. Ciò determinerà l acquisizione di automatismi comportamentali in grado di minimizzare le patologie e le complicanze qui descritte. La tecnologia serve per migliorare il mondo che ci circonda, ma, come le medicine, va assunta nelle giuste dosi e con le corrette modalità, senza abusarne.

43 Videoterminali uso corretto ed ergonomia Arrivederci e buon lavoro Prof.ssa Luisa Raggi

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma Decreto Legislativo 626/94 Titolo VI D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA... Lungi dal volere riportare aridamente le prescrizioni in merito all uso di attrezzature munite

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI Formazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008 DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Presentazione informativa per chi lavora utilizzando attrezzature munite di videoterminali (VDT) inclusi gli studenti che frequentano il laboratorio didattico informatico. Ai

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT RISCHI FISICI - I VIDEOTERMINALI Definizioni (videoterminale, posto di lavoro e lavoratore) Videoterminale: uno schermo alfanumerico o grafico

Dettagli

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SCHEDA TECNICA N 17 LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3.

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Evitare riflessi e abbagliamenti Posizionare lo schermo e il tavolo parallelamente alla finestra per evitare riflessi e abbagliamenti fastidiosi

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII Opuscolo Informativo per il lavoratore Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII USO DEL VIDEOTERMINALE 1 INDICE GENERALE: Capitolo 1: Definizioni e normativa - Titolo VII D.Lgs. 81/08:.....pag. 4 Obblighi del datore

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Scheda Tecnica 06 - Uffici e lavoro ai vdtpagina 1 di 6 AZIENDA U N I T À SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - Unità Operativa

Dettagli

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò LINEE GUIDA SULL USO DEI Videoterminali Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE.

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione Quaderno n 3 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Quaderno n 3 Responsabile S.P.P. P.I. A. Moglioni Data

Dettagli

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa 2 Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali Guida informativa Guida informativa a cura di Giuseppe Piegari* *Presidente della Commissione per gli Interpelli in Materia di Salute e Sicurezza

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA Artt. 36 37 D.Lgs. 81/08 e D.Lgs. 106/09 Indicazioni operative ed informazioni per un corretto approccio alle apparecchiature munite di videoterminali R.S.P.P Ing.. Pasquale

Dettagli

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Manuale per un corretto uso delle Attrezzature Munite di Videoterminali, secondo il Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sui Luoghi di Lavoro Decreto

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Uffici VDTsch 06_2010_UPagina 1 di 11 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 06 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI UFFICI E LAVORO

Dettagli

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Lavoro al Videoterminale Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano

Dettagli

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo VII Attrezzature munite

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

Utilizzo dei videoterminali.

Utilizzo dei videoterminali. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BENEDETTO CROCE Infanzia Primaria - Secondaria 1 viale Dante n 29 81041 VITULAZIO (CE) COD.MECC. CEIC82500B C.F. 80101560615 TEL/FA: 0823/990417 E-MAIL ceic82500b@istruzione.it

Dettagli

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 Medicina del Lavoro IFO ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI Via Elio Chianesi, 53-00144 Roma Tel. 06 5266 5904 Fax

Dettagli

MAL DI SCHIENA DOVUTO AL MODO IN CUI LAVORO

MAL DI SCHIENA DOVUTO AL MODO IN CUI LAVORO MAL DI SCHIENA DOVUTO AL MODO IN CUI LAVORO La movimentazione di carichi può rappresentare una delle cause favorenti l insorgenza di disturbi e patologie. Necessario quindi procedere ad una corretta valutazione

Dettagli

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana Per il bene della vostra salute Quante ore al giorno state seduti? Ogni quanto fate una pausa di movimento o di rilassamento? Avete una postazione di lavoro

Dettagli

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE CORSO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI ESPOSTI A VDT LAVORARE AL VIDEOTERMINALE Titolo VII del D.Lgs 81/08 I^ PARTE I rischi per la sicurezza e per gli occhi Con il Decreto Legislativo 81/08

Dettagli

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici VIDEOTERMINALI Decreto Legislativo 81/2008 Decreto ministeriale 2 ottobre

Dettagli

Manuale informativo per operatori al VDT

Manuale informativo per operatori al VDT UFFICIO DEL MEDICO COMPETENTE Manuale informativo per operatori al VDT a cura di: Mariella Barbaresi - Alfredo Copertaro Aprile 2006 QUADERNI INDICE PREMESSA 1 QUALI SONO LE CONDIZIONI ERGONOMICHE MIGLIORI

Dettagli

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio?

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio? Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio Sei sicuro in ufficio? 1 Indice Premesse pag. 2 1 Armonia e benessere sul posto di lavoro pag. 3 2 Cos è il decreto legislativo n. 81 pag. 4

Dettagli

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T.

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T. = V.D.T. Corso di formazione SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPARECCHIATURE DOTATE DI SCHERMO IN GRADO DI RIPRODURRE DATI ALFA-NUMERICI, GRAFICI E IMMAGINI Titolo modulo Utilizzo di attrezzature

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA. Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT)

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA. Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT) FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT) dott. Piazza Augusto -ECO86 Biesse Studio -Lecco I pericoli presenti nel mio ambiente di lavoro

Dettagli

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione 31 Congresso Nazionale di Igiene Industriale Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione Relazione a cura Ing. Diego Cerra Solve Consulting s.r.l. 31 Congresso Nazionale

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO E TUTELA DELL AMBIENTE NELLE ATTIVITA DI UFFICIO ODCEC HOTEL RIVER PALACE Terracina 14 maggio 2013 Relatore Dott. Rocco Davide Chimico industriale L AMBIENTE DI LAVORO Per ambienti

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6 05 Rischio vibrazioni Introduzione Si ricorda che ai sensi dell art. 6 del D.Lgs 187/05 è necessario informare i lavoratori esposti a vibrazioni meccaniche, come previsto dagli artt. 21 e 22 del D.Lgs

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE. della PROVINCIA DI MANTOVA

AZIENDA SANITARIA LOCALE. della PROVINCIA DI MANTOVA Il lavoro al videoterminale - indice Introduzione 1. Come evitare i disturbi associati all uso del videoterminale 2. Videoterminale, tastiera e mouse 3. Condizioni ambientali 4. Il corretto posizionamento

Dettagli

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere L uso del videoterminale Informazioni utili per il vostro benessere Quando lavorate al videoterminale accusate dolori in corrispondenza delle spalle, braccia e mani? Soffrite di mal di testa oppure vi

Dettagli

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere L uso del videoterminale Informazioni utili per il vostro benessere Quando lavorate al videoterminale accusate una serie di disturbi, ad es. bruciore agli occhi, collo rigido, mal di testa, dolori in corrispondenza

Dettagli

Ergonomia e computer. Il piano di lavoro e l'hardware

Ergonomia e computer. Il piano di lavoro e l'hardware Ergonomia e computer Nell'uso quotidiano del computer si tende a trascurare l'ergonomia della postazione. Per aiutare a prevenire gli effetti di sbagliate abitudini di postura, indichiamo alcuni semplici

Dettagli

altri titoli l'autore Corrado landi Arredi per uffici Caratteristiche, norme, capitolati vai alla scheda del libro EPCLIBRI

altri titoli l'autore Corrado landi Arredi per uffici Caratteristiche, norme, capitolati vai alla scheda del libro EPCLIBRI altri titoli Corrado landi l'autore Arredi per uffici Caratteristiche, norme, capitolati vai alla scheda del libro EPCLIBRI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ARREDI PER UFFICI Caratteristiche, norme,

Dettagli

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Progetto: Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Dott. Gabriele Chiarandini Laurea in Scienze Motorie Laurea Specialistica in Scienza dello Sport Master in Posturologia Clinica La Posturologia

Dettagli

RISCHI IN UFFICIO Rischio Ergonomico e da Videoterminali D.Lgs.81/2008 Art.172-179 - All.XXXIV (videoterminali)

RISCHI IN UFFICIO Rischio Ergonomico e da Videoterminali D.Lgs.81/2008 Art.172-179 - All.XXXIV (videoterminali) RISCHI IN UFFICIO Rischio Ergonomico e da Videoterminali D.Lgs.81/2008 Art.172-179 - All.XXXIV (videoterminali) Homo erectus Homo sapiens Homo Sedens Ing. Sandro Di Remigio CE.P.A.S. Soc. Coop. a r.l.

Dettagli

Sondaggio internazionale sull ergonomia della postazione di lavoro di traduttrici e traduttori

Sondaggio internazionale sull ergonomia della postazione di lavoro di traduttrici e traduttori Sondaggio internazionale sull ergonomia della postazione di lavoro di traduttrici e traduttori Maureen Ehrensberger-Dow, Andrea Hunziker Heeb, Gary Massey, Ursula Meidert, Annina Meyer, Silke Neumann &

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE

DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIDEO TERMINALI ex Titolo VII D. Lgs n. 81/2008 e s.m.i (D.Lgs. 106/09) Azienda Istituto d Istruzione Sede Legale Via Sasso Marconi SIDERNO (RC) Sede Operativa

Dettagli

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52 Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse Umane Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda: premesse norma2ve DECRETO

Dettagli

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE Allegato 1 Circolare Interna n. 02 DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE E vietato introdurre o usare, nell edificio scolastico: - solventi, vernici, smalti, sostanze in genere, classificate tossiche,

Dettagli

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere

L uso del videoterminale. Informazioni utili per il vostro benessere L uso del videoterminale Informazioni utili per il vostro benessere Quando lavorate al videoterminale accusate una serie di disturbi, ad es. bruciore agli occhi, collo rigido, mal di testa, dolori in corrispondenza

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

Guida alla sicurezza e al comfort

Guida alla sicurezza e al comfort Guida alla sicurezza e al comfort Disponibile anche all'indirizzo Internet www.hp.com/ergo Codice documento: 297660-062 Nella presente Guida vengono fornite indicazioni utili per organizzare in modo appropriato

Dettagli

D.I.I.G.A. - Servizio Prevenzione e Protezione Facoltà di Ingegneria - Università Politecnica delle Marche

D.I.I.G.A. - Servizio Prevenzione e Protezione Facoltà di Ingegneria - Università Politecnica delle Marche D.I.I.G.A. - Servizio Prevenzione e Protezione Facoltà di Ingegneria - Università Politecnica delle Marche LINEE GUIDA SULL'USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE a cura di Fabrizio Francescangeli

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO 1 Dobbiamo capire per prima cosa se l associazione rientra nel campo di applicazione della norma 2 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Art.

Dettagli

Rischio chimico CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA SULLA SICUREZZA PER I LAVORATORI A RISCHIO MEDIO SCUOLE MEDIE SUPERIORI - Definizione di agente chimico

Rischio chimico CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA SULLA SICUREZZA PER I LAVORATORI A RISCHIO MEDIO SCUOLE MEDIE SUPERIORI - Definizione di agente chimico CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA SULLA SICUREZZA PER I LAVORATORI A RISCHIO MEDIO SCUOLE MEDIE SUPERIORI - A cura di: dott.ssa. PAOLA BORDON Consulente Qualità, Sicurezza e Igiene degli alimenti (HACCP) pb@bordonconsulting.net

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

note informative PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81

note informative PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano note informative PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 note informative relative

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLE

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLE AGGIORNAMENTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLE AGGIORNAMENTO DVR OBIETTIVO: creare le procedure e disporre di un DVR dinamico (aggiornato in tempo reale, riferito alle strutture e anche

Dettagli

APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE - STAFF DI PRESIDENZA - PERSONALE DI SEGRETERIA - ADDETTO ALLA BIBLIOTECA

APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE - STAFF DI PRESIDENZA - PERSONALE DI SEGRETERIA - ADDETTO ALLA BIBLIOTECA R o COMUNE DI PALERMO s o Istituzione l Scolastica i Scuola Secondaria di 1 Grado Cosmo Guastella n o Datore di Lavoro P i l o Prof.ssa Rita La Tona APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Informatica di base: software

Informatica di base: software by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Software Il software è l'insieme dei programmi che permettono

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Rossella Benatti RSPP Università di Brescia I Videoterminali 1 I VIDEOTERMINALI L uso di attrezzature munite di videoterminali si

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico composto da 10 pagine Si richiede l'apposizione del timbro postale per la data certa. Data / / Firma AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI articolo 17, articolo 28, e articolo

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE VIDEOTERMINALI & SALUTE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE VIDEOTERMINALI & SALUTE INFN ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell INFN 1 Il presente documento informativo è stato promosso dalla Commissione nazionale permanente

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto:

I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto: I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto: Infortuni e sicurezza sul lavoro QUAL E IL RUOLO DEL SERVIZO DI PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO (SPSAL)? L organo di vigilanza Oltre ad esercitare

Dettagli

Opuscolo informativo attività d ufficio

Opuscolo informativo attività d ufficio FONDAZIONE BRUNO KESSLERPag. Pag. 1 a 33 Argomento I disturbi più frequenti associati al lavoro al videoterminale sono dovuti alla cattiva progettazione delle postazioni e all uso inadeguato delle attrezzature

Dettagli

Scrivanie regolabili in altezza

Scrivanie regolabili in altezza Scrivanie regolabili in altezza - aggiungi benessere, attività fisica e comfort alla tua giornata lavorativa LINEAR ACTUATOR TECHNOLOGY Negli ambienti di lavoro moderni l ufficio è diventato molto più

Dettagli

Guida alla sicurezza e al comfort Guida per l'utente

Guida alla sicurezza e al comfort Guida per l'utente Guida alla sicurezza e al comfort Guida per l'utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Le

Dettagli

Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista

Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista Quaderno n.1 IRCCS Fondazione G.B. Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia ONLUS Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista Istituzione Promotrice:

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. L g s. 09.04.08 n. 81

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. L g s. 09.04.08 n. 81 DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. L g s. 09.04.08 n. 81 Perché il progetto DALLA SCUOLA UN LAVORO

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie

Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie Questa ricerca è stata sviluppata dal Centro di Ricerca in Ergonomia dell Azienda Sanitaria asl 10 a seguito di uno specifico finanziamento

Dettagli