Le fasi iniziali del processo esecutivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le fasi iniziali del processo esecutivo"

Transcript

1 Capitolo 7 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 7.1 Quale contenuto ha l elaborato peritale e quali controlli sono demandati alle parti? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice, prima della data fissata per l autorizzazione alla vendita, deve convocare l esperto per procedere alla stima del bene sottoposto a pignoramento e determinare il prezzo base per la successiva vendita. Al perito nominato dal giudice sono attribuiti gli incarichi specificati dall art. 173 bis disp. att. c.p.c.; tale articolo fissa anche i termini per il deposito dell elaborato peritale e per la presentazione delle osservazioni alla perizia, facoltà attribuita alle parti. Prima di dar corso al procedimento esecutivo vero e proprio, il giudice deve procedere alla nomina dell esperto (art. 569 c.p.c.); il perito è convocato con il provvedimento che fissa la data dell udienza per l autorizzazione alla vendita, ma è chiamato a comparire per il conferimento dell incarico, prima della data dell udienza. L art. 569, comma 1, c.p.c., come riformulato dalla recente riforma del 2005, non richiede la fissazione di apposita udienza per il giuramento del consulente ed il conferimento dell incarico e consente, pertanto, che la convocazione del perito possa avvenire anche fuori udienza; così non è richiesta in questa fase la presenza delle parti. La norma dispone che la nomina del perito e la sua convocazione, sia fatta entro giorni 30 dal deposito dell istanza di vendita e che tra la data del provvedimento e la data di fissazione dell udienza non intercorrano più di 120 giorni; si tratta, tuttavia, di termini ordinatori. Il contenuto dell incarico è precisato all art. 173 bis c.p.c. Il perito, oltre a determinare il valore del bene, deve svolgere una ulteriore e diversa serie di attività di verifica e di controllo. L art. 173 bis disp. att. c.p.c., comma 2, dispone che il perito, prima di ogni attività (quindi prima di iniziare le verifiche e le attività affidatigli) deve segnalare al giudice la eventuale incompletezza ed

2 Esecuzioni immobiliari inidoneità dei documenti ipo-catastali depositati dal creditore procedente (art. 567, comma 2 c.p.c.); la incompletezza della documentazione comporta che il giudice, relativamente agli immobili carenti della prescritta documentazione, dichiari la inefficacia del pignoramento e la conseguente estinzione della esecuzione; si ritiene, tuttavia, che a seguito di tale segnalazione il giudice possa concedere alla parte il termine per completare la documentazione, come previsto al comma 2 dell art. 567 c.p.c. Nella relazione di stima il perito, oltre ad attribuire ai beni pignorati il valore di vendita, deve specificare ulteriori aspetti: deve identificare ogni bene con i confini ed i dati catastali, fornirne una sommaria descrizione, indicare lo stato di possesso del bene, specificando, se è occupato da terzi, il titolo della occupazione, con particolare riferimento alla esistenza di contratti registrati in data antecedente al pignoramento; deve, inoltre, dare atto dell esistenza di formalità, vincoli o oneri, anche di natura condominiale, gravanti sul bene che resteranno a carico dell acquirente, ivi compresi i vincoli derivanti da contratti incidenti sulla attitudine edificatoria dello stesso o i vincoli connessi con il suo carattere storico-artistico; deve indicare l esistenza di formalità, vincoli e oneri, anche di natura condominiale, che saranno cancellati o che comunque risulteranno non opponibili all acquirente; deve verificare la regolarità edilizia e urbanistica del bene nonché l esistenza della dichiarazione di agibilità dello stesso. Il legislatore della riforma, mosso dall intendimento di accelerare il processo esecutivo, concentrando le attività, per arrivare già alla prima udienza di comparizione parti alla emanazione del provvedimento di vendita o di assegnazione, ha previsto, al comma 4 dell art. 173 bis disp. att. c.p.c., una particolare procedura di controllo delle parti sulle risultanze della relazione peritale, da compiere prima di tale udienza. Dispone l art. 173 bis c.p.c. che il perito, almeno 45 giorni prima della data fissata per l udienza di comparizione parti, deve inviare al creditori procedenti o intervenuti e al debitore, la sua relazione di stima dell immobile. A seguito dell invio da parte del consulente della relazione, le parti, hanno facoltà di depositare note alla relazione che devono inviare al perito, almeno 15 giorni prima della data di udienza di comparizione avanti al giudice. A tale udienza interverrà il perito per rendere i necessari chiarimenti sulla base dei rilievi formulati dalle parti. I termini fissati dall art. 173bis disp.att. c.p.c. hanno natura ordinatoria. 120 In conclusione risposta a 7.1 Il giudice della esecuzione, prima della fissazione della udienza per la autorizzazione alla vendita, solitamente nel medesimo decreto di fissazione della udienza, designa e convoca il perito, confe-

3 7. Le fasi iniziali del processo esecutivo rendogli l incarico di presentare una relazione di stima dell immobile, al fine di determinare il prezzo base per le vendite; la relazione deve inoltre contenere tutti gli elementi elencati ai nn. 1-6 del comma 1 dell art. 173 bis disp. att. c.p.c. Ma la norma prescrive al perito, prima di tali attività, di segnalare al giudice la eventuale incompletezza o inidoneità della documentazione ipo-catastale che il creditore deve depositare, perché provveda, in tal caso, alla dichiarazione di inefficacia del pignoramento ed all estinzione della procedura, relativamente agli immobili per i quali risulta carente la documentazione. Le parti, alle quali il perito deve inviare la relazione almeno 45 giorni prima dell udienza fissata dal giudice, potranno presentare i loro rilievi all elaborato peritale, inviandoli al perito entro i 15 giorni successivi; all udienza, alla quale comparirà il perito fornirà i necessari chiarimenti; le osservazioni saranno valutate dal giudice, che potrà disporre una eventuale integrazione della perizia o disporre la vendita. 121

4 Esecuzioni immobiliari 122 Caso 7.2 Quali controlli ed adempimenti devono precedere l udienza per la fissazione della vendita ex art. 569 c.p.c.? L udienza fissata per l autorizzazione alla vendita, deve essere preceduta dal compimento delle verifiche e degli adempimenti richiesti dalla legge, volti sia a verificare che la procedura si è regolarmente instaurata, sia a garantire il regolare svolgimento del processo esecutivo, la cui prima fase inizia con l udienza disciplinata dall art. 569 c.p.c., di comparizione delle parti, come denominata dopo la riforma del Prima di fissare l udienza, disciplinata dall art. 569 c.p.c. (ed anche, di convocare, con il medesimo decreto il perito) il giudice deve verificare che la procedura si sia correttamente instaurata; verificherà, pertanto, l esistenza del titolo esecutivo e del precetto, la corretta notifica degli atti e dell avviso ai creditori iscritti, l esistenza di pignoramenti precedenti da riunire al primo. L udienza è definita di comparizione parti (non più di audizione delle parti); il legislatore della riforma, con tale modifica, ha ritenuto di porre l accento sul fatto che anche il processo esecutivo soggiace al principio del contraddittorio, seppur limitatamente alle modalità della esecuzione. L udienza deve svolgersi alla presenza del creditore e del debitore e di tutte le parti che sono coinvolte nel processo esecutivo; il decreto di fissazione dell udienza è loro comunicato dal cancelliere, come disposto dall art. 485, comma 2, c.p.c., per le esecuzioni in generale, nei luoghi indicati all art. 489 c.p.c. La mancata comunicazione è sanata dalla comparizione. Dispone ancora l art. 485, comma 3, c.p.c., che, qualora risulti che la mancata comparizione della parte è dipesa da un difetto di comunicazione, il giudice fissa una nuova udienza della quale il cancelliere dà comunicazione alla parte non comparsa. La mancata notifica dell avviso al debitore non costituisce causa di nullità o irregolarità del procedimento; può essere dedotta solo dalla parte con opposizione agli atti esecutivi. Conforme: Cass., 25 agosto 2006, n Il debitore deve essere convocato per l udienza in cui il giudice dell esecuzione autorizza la vendita dell immobile ma, poiché il processo esecutivo non è caratterizzato dal principio del contraddittorio, la sua omessa audizione, non è, di per sè, causa di nullità del procedimento; essendo solo strumentale al migliore esercizio della potestà ordinatoria del giudice, essa può essere dedotta solo con l opposizione agli atti esecutivi contro l ordinanza di vendita nei casi in cui abbia influito, su quest ultima, viziandola.

5 7. Le fasi iniziali del processo esecutivo Il debitore che non compare all udienza, pur se ritualmente avvisato, non potrà eccepire la mancata o tardiva conoscenza dei provvedimenti assunti in udienza. Conforme: Cass., 22 febbraio 2006, n In tema di espropriazione immobiliare, una volta che il debitore sia stato posto in condizioni di comparire all udienza di cui all art. 569 c.p.c., il termine per la opposizione della esecuzione agli atti esecutivi contro i provvedimenti emessi dal giudice nella stessa udienza decorre dalla data di essi e non da quella di effettiva conoscenza. Se pure, infatti, il debitore che ha ricevuto la comunicazione dell avviso di comparizione, non ha l obbligo di comparire alla detta udienza, lo stesso ha, tuttavia, l onere di essere presente, onde svolgere tutte le attività idonee alla tutela delle proprie ragioni, mentre l omessa comparizione implica senz altro la applicazione del principio generale di cui all art. 176 c.p.c., a mente del quale la parte volontariamente assente nel processo imputet sibi ogni pregiudizievole conseguenza derivante dalla mancata conoscenza dei provvedimenti adottati in udienza. La mancata comparizione di tutte le parti alla udienza fissata ed a quella successiva, fissata ai sensi dell art. 631, comma 2, comporta la estinzione del processo esecutivo, che è dichiarata dal giudice dell esecuzione con ordinanza. All udienza è, inoltre, necessario che sia presente almeno il creditore procedente, o un creditore intervenuto munito di titolo esecutivo, legittimati a promuovere gli atti del processo esecutivo e, pertanto, legittimati a chiedere la fissazione della vendita; in difetto troverà applicazione la disposizione prevista dall art. 631 c.p.c. per inattività delle parti nel proseguimento del processo esecutivo, che prevede la dichiarazione di estinzione del procedimento, anche d ufficio (nuovo comma 2 dell art. 630 c.p.c., come modificato dalla l , n. 69). L ordinanza di estinzione di cui all art. 631 c.p.c. è, analogamente a quella di cui all art. 630 c.p.c. reclamabile, entro 20 giorni dall udienza in cui è pronunciata o dalla sua notifica. In conclusione risposta a 7.2 Prima di emettere il decreto di fissazione dell udienza di autorizzazione alla vendita (con contestuale nomina del perito e sua convocazione per il conferimento dell incarico), il giudice deve verificare che il procedimento si sia regolarmente instaurato, che nel fascicolo siano depositati tutti gli atti, ritualmente notificati, che siano stati effettuati tutti gli avvisi prescritti. Il decreto di fissazione deve essere comunicato alle parti del procedimento, chiamate a partecipare all udienza. La mancata partecipazione di tutte le parti a due consecutive udienze fissate dal giudice, ai sensi dell art. 631 c.p.c., comporta la estinzione del processo esecutivo. Quando all udienza non è, tuttavia, presente il creditore procedente o un creditore intervenuto titolato, che a questo si sostituisca nella richiesta di vendita, il processo si estingue, per inattività delle parti, ai sensi dell art. 630 c.p.c., con ordinanza pronunciata anche d ufficio dal giudice. 123

6 Esecuzioni immobiliari 124 Caso 7.3 Come si svolge l udienza di comparizione parti (art. 569 c.p.c.) e quali provvedimenti assume il giudice? La prima fase del vero e proprio procedimento esecutivo, inizia con l udienza di comparizione delle parti e dei creditori iscritti avanti al giudice. Il legislatore, perseguendo lo scopo di accelerare i tempi della procedura esecutiva, ha espressamente previsto che l udienza sia fissata dal giudice entro 120 giorni dal deposito della istanza di vendita (termine peraltro non perentorio). Tale udienza costituisce il termine per le parti (creditore e debitore) per proporre le istanze e le opposizioni, non solo fissate dalla norma in esame, ma anche da altre disposizioni di legge. In tale udienza sono state concentrate una serie di attività, volte a consentire l emissione del provvedimento di autorizzazione alla vendita, all udienza stessa. L udienza fissata ai sensi dell art. 569 c.p.c., assume nell ambito della procedura esecutiva fondamentale rilevanza; tale udienza non segna solo l inizio del vero e proprio processo esecutivo, ma anche il termine ultimo entro il quale, per espressa previsione della norma in esame o di altre disposizioni legislative, le parti possono fare osservazioni, proporre opposizioni, presentare istanze. Si è già visto che l udienza ex art. 569 c.p.c., comma 1, è stata preceduta dalla nomina del perito, dal deposito della relazione di stima e dall invio al perito delle eventuali osservazioni delle parti alla risultanze peritali. All udienza le osservazioni sono valutate dal giudice, in contraddittorio tra le parti; qualora il giudice ritenga necessario chiarire alcuni punti controversi, rilevanti al fine di emettere una ordinanza di vendita corretta, può disporre il rinvio dell udienza, per consentire al perito le ulteriori verifiche necessarie per arrivare alla determinazione delle modalità di vendita. Le osservazioni delle parti possono riguardare il valore dell immobile, la convenienza di vendere i beni in un unico o in più lotti, l opportunità di delegare la vendita al professionista; è, inoltre, la sede in cui rilevare eventuali errori nell indicazione dei privilegi e delle trascrizioni riportate in perizia. Le osservazioni non hanno valore vincolante per il giudice che le decide, con l ordinanza con la quale autorizza la vendita. L art. 569 c.p.c., comma 2, precisa, inoltre, che le parti, entro tale udienza, devono proporre le opposizioni agli atti esecutivi, dalle quali, ovviamente non siano già decadute. Con tale decadenza il legislatore ha inteso depurare il processo esecutivo da ogni nullità, relativa alla fase propedeutica ed iniziale del processo esecutivo; dopo tale udienza le parti possono far valere unicamente nullità originate da atti successivamente compiuti.

7 7. Le fasi iniziali del processo esecutivo Tale norma è espressione della particolare struttura che caratterizza il processo esecutivo, come una successione di subprocedimenti autonomi. Conforme: Cass., 20 giugno 2008, n Il procedimento esecutivo è strutturato come una successione di subprocedimenti, ossia di fasi autonome, strumentalmente propedeutiche a distinti provvedimenti successivi, ciascuno dei quali è immediatamente e direttamente impugnabile solo se è attualmente configurabile un interesse reale alla rimozione degli effetti del medesimo. Conforme: Trib. Ragusa, 20 febbraio 2008 Nell ipotesi di espropriazione immobiliare che è costituita dall insieme di più subprocedimenti, gli eventuali vizi radicali suscettibili di contestazione ex art. 617 c.p.c., che si ravvisano nel corso di ciascuno di essi, se non eccepiti, sono di volta in volta sanati dalla conclusione del subprocedimento a cui si riferiscono. Conforme: Cass., 16 gennaio 2007, n. 837 Risolvendosi l opposizione a norma dell art. 617 c.p.c. in una contestazione relativa a singoli atti che la legge ritiene indipendenti l uno dall altro, alla quale pertanto è estranea la regola della propagazione delle nullità processuali indicata dall art. 159 c.p.c., un tale principio trova applicazione anche con riguardo alle cosiddette nullità insanabili quali quelle attinenti al difetto dello ius postulandi o al difetto di rappresentanza o della capacità di agire che devono anche essere fatte valere nel termine fissato dalla norma anzidetta. Ciò perché la finalità del processo esecutivo di giungere a una sollecita chiusura della fase espropriativa non tollera che il processo possa trovarsi in una situazione di perenne incertezza. La struttura del processo esecutivo, infatti, non è assimilabile a un normale processo di cognizione posto che esso non si presenta come una sequenza continua di atti preordinati a un unico provvedimento finale, bensì come una successione di subprocedimenti, e cioè una serie di atti ordinati e distinti provvedimenti successivi. Conforme: Trib. Reggio Calabria, 1 luglio 2006 Avuto riguardo alla particolare conformazione del processo esecutivo, che si presenta strutturato non come una sequenza di atti preordinati all unico provvedimento finale secondo lo schema proprio del processo di cognizione ma come una successione di subprocedimenti, cioè come serie autonome di atti preordinati a successivi provvedimenti (atti esecutivi essi stessi), la portata precettiva dell art c.c. è limitata agli atti anteriori alla fase della vendita, che va dall ordinanza che dispone la vendita al decreto di trasferimento: onde ne rimane esclusa l ipotesi in cui la nullità riguardi la vendita stessa (intesa come fase o subprocedimento), risultando in tal caso il vizio comunque opponibile al terzo acquirente del bene espropriato. 125

8 Esecuzioni immobiliari Tale udienza, costituisce, inoltre, il termine per le parti per far valere nella procedura le facoltà ed i diritti loro riconosciuti. Il debitore, entro tale udienza, dovrà presentare, a pena di decadenza, l eventuale istanza di conversione del pignoramento, come espressamente sancito dall art. 495, comma 1, c.p.c. L udienza costituisce, inoltre, il termine ultimo entro il quale i creditori devono depositare l atto d intervento nella procedura esecutiva, per essere considerati intervenuti tempestivi e per poter partecipare, in concorso con gli altri creditori, alla distribuzione della somma. L udienza ha come scopo principale quello di disporre la vendita dei beni pignorati, con l emanazione dell ordinanza, prevista al comma 3, dell art. 569 c.p.c.: se non vi sono opposizioni o se su di esse si raggiunge l accordo delle parti comparse, il giudice dispone con ordinanza la vendita. Il contenuto dell ordinanza di vendita, le modalità ed i termini per procedere e partecipare alla vendita, sono dettagliatamente descritti al comma 3 dell art. 569 c.p.c. (argomento trattato più compiutamente al successivo capitolo 8). Con l ordinanza con cui provvede sulla istanza di vendita, il giudice può delegare la vendita, con le medesime modalità descritte all art. 569, comma 3, c.p.c., ai professionisti indicati all art. 591 bis c.p.c. Con la medesima ordinanza il giudice nomina, inoltre, custode, in sostituzione del debitore, il delegato alla vendita o l Istituto Vendite Giudiziarie (art. 559, comma 4, c.p.c.). In ottemperanza alla disposizione di cui all art. 499 c.p.c., il giudice, se ne ricorrono le ipotesi, dovrà fissare anche apposita udienza per la convocazione avanti a sé del debitore e dei creditori intervenuti privi di titolo (quali il sequestrante ed il creditore di una somma portata dalle scritture contabili), per procedere alla verifica dei crediti di tali intervenuti, mediante il riconoscimento o il disconoscimento da parte del debitore (art. 499, comma 4 e 5, c.p.c.). Con l ordinanza di vendita il giudice fissa, inoltre, al creditore procedente, che non vi abbia ancora provveduto, il termine per la notifica dell avviso ai creditori iscritti ex art. 498 c.p.c.; in mancanza di tale notifica, infatti, non si può dare corso alla vendita e l eventuale messa in vendita dell immobile, pur in mancanza di notifica dell avviso, può comportare, a carico del creditore procedente, il risarcimento dei danni subiti dai creditori iscritti non avvisati e, pertanto, non intervenuti a partecipare alla distribuzione della somma ricavata dalla vendita. 126

9 Conforme: Cass., 23 febbraio 2006, n Le fasi iniziali del processo esecutivo L art. 498 c.p.c. che prescrive di avvertire dell espropriazione in corso tutti i creditori aventi sui beni pignorati diritti di prelazione risultanti dai pubblici registri e che, in difetto di tale adempimento, vieta al giudice dell esecuzione di procedere all assegnazione o alla vendita, non contiene alcuna sanzione di nullità insanabile per il caso in cui l assegnazione o la vendita avvengano egualmente senza avviso, ma comporta che il creditore procedente è tenuto a rispondere, a norma dell art c.c., delle conseguenze dannose subite dai creditori iscritti a seguito del provvedimento di vendita o di assegnazione emesso illegittimamente, giacché la mancata notifica dell avviso, costituendo violazione di un obbligo imposto da una norma giuridica, concreta un ipotesi di fatto illecito extracontrattuale. L ultimo comma dell art. 569 c.p.c., dispone che la ordinanza di vendita debba essere notificata ai creditori iscritti non presenti all udienza; la mancata notifica dell ordinanza, come già quella dell avviso ex art. 498 c.p.c., espone il creditore procedente al rischio di dover rispondere dei danni nei confronti del creditore iscritto, che per tale irregolarità, non ha potuto partecipare alla distribuzione del ricavato dalla vendita. In conclusione risposta a 7.3 La prima fase del procedimento esecutivo inizia con l udienza di comparizione ex art. 569 c.p.c. e si conclude con la ordinanza di vendita o di delega della vendita al professionista. In tale udienza sono raggruppate le attività e sono assunti i provvedimenti, volti alla regolare messa in vendita dell immobile. All udienza si valuteranno le eventuali osservazioni delle parti alla relazione del perito. Ma tale udienza segna, soprattutto, il termine ultimo per le parti di proporre opposizioni agli atti esecutivi. Per il debitore segnerà il termine ultimo per presentare la istanza di conversione del pignoramento e per il creditore non munito di titolo esecutivo il termine per presentare un intervento tempestivo. All udienza devono essere convocate tutte le parti, così il debitore ed i creditori intervenuti, ai quali il decreto di fissazione è comunicato a cura del cancelliere. Con l ordinanza che dispone la vendita, il giudice fissa le modalità, i tempi ed i modi della vendita; disporrà che l ordinanza sia notificata agli eventuali creditori iscritti ai quali non sia stato notificato l avviso ex art. 498 c.p.c. e che non siano comparsi e fisserà l udienza, ex art. 499, comma 5, per il riconoscimento, da parte del debitore, dei crediti fatti valere dai creditori intervenuti, non muniti di titolo, sequestranti, ipotecari o creditori di una somma di denaro risultante dalle scritture contabili. Il giudice con l ordinanza, fissa al creditore il termine per la notifica ai creditori iscritti non presenti all udienza. 127

10 Esecuzioni immobiliari 128 Caso 7.4 Quali soggetti rivestono la funzione di custode e con quali compiti? L art. 559 c.p.c. prevede che i beni pignorati siano conservati da un custode; prevede, quale regola generale, che sino alla ordinanza che autorizza la vendita custode dell immobile pignorato sia il debitore che lo abita; disposta la vendita il giudice deve sostituire il custode, nominandone altro. I modi della custodia, i poteri e gli obblighi del custode e le disposizioni sulla cessazione della custodia, sono disciplinate dall art. 560 c.p.c. La disciplina della custodia, è in linea generale dettata dall articolo 560 c.p.c. che recita: la conservazione e l amministrazione dei beni pignorati o sequestrati sono affidate a un custode quando la legge non dispone altrimenti. L art. 559 c.p.c., comma 1, dispone che col pignoramento il debitore è costituito custode dei beni pignorati e di tutti gli accessori, comprese le pertinenze e i frutti, senza diritto a compenso. Il legislatore, anche dopo la riforma (l. 80/2005), ha confermato la regola che fa ricadere sul debitore gli obblighi di custodia, successivi al pignoramento. Tale regola è, tuttavia, valida solo per tutta la fase anteriore all udienza di fissazione della vendita; la regola non trova, tuttavia, applicazione neppure in tale fase iniziale, in tre ipotesi, previste ai commi 2 e 3 dell art. 559 c.p.c.: il giudice potrà sostituire il custode-debitore, su espressa richiesta di uno dei creditori (pignoranti o intervenuti); disporrà la sua sostituzione, d ufficio, nel caso in cui il debitore non occupi l immobile pignorato o anche, se lo ritiene opportuno, quando abbia conoscenza che il debitore non adempie ai suoi obblighi. Obbligatoria è la sostituzione del debitore con altro custode, in sede di autorizzazione della vendita o di delega delle relative operazioni; il giudice provvederà ad affidare la custodia al soggetto delegato alla vendita o all Istituto Vendite Giudiziarie. Anche tale regola trova un eccezione nell ipotesi, prevista al comma 4 di detto articolo, per il caso in cui il giudice per la particolare natura dei beni ritenga che la sostituzione non abbia utilità. Tale ipotesi, tuttavia, troverà applicazione, si ritiene, solo in casi sporadici, quando, ad esempio, il giudice ritenga un costo inutile nominare un custode diverso dal debitore, per beni di poco valore o che non abbiano rendite o, ancora, per i quali non si pongono particolari esigenze di conservazione e amministrazione; infatti, mentre l attività di custode del debito-

11 7. Le fasi iniziali del processo esecutivo re è gratuita, per i soggetti terzi è previsto il riconoscimento di un compenso, liquidato dal giudice a carico del creditore che ha richiesto la vendita. Nei casi di sostituzione del custode, ai sensi dell art. 559, comma 2, c.p.c., la scelta della persona diversa da nominare, è demandata alla scelta discrezionale del giudice; la scelta del custode, al momento della autorizzazione alla vendita deve, invece, ricadere su uno dei soggetti, indicati al comma 4 del citato articolo: sul professionista delegato alla vendita o sull istituto vendite giudiziarie. Il debitore non ha alcun potere di opporsi alle scelte del giudice; è, unicamente, previsto che il debitore debba essere sentito, quando la richiesta di sostituzione sia avanzata dal creditore pignorante o da un creditore intervenuto, prima del provvedimento di autorizzazione alla vendita (comma 2 della norma in commento). Il debitore, pertanto, non ha alcun potere di concreto intervento in tale decisione. Conforme: Trib. Monza, 7 ottobre 2002 Il debitore proprietario di bene immobile pignorato non è titolare di un interesse qualificato a svolgere la funzione di custode e ad utilizzare l immobile, essendo ogni valutazione al riguardo rimessa alla discrezionalità del giudice dell esecuzione, senza possibilità di alcun sindacato di merito da parte del debitore. Le determinazioni degli organi della procedura in ordine alle modalità di conservazione dell immobile pignorato e segnatamente il provvedimento che sostituisce il debitore come custode dell immobile e gli ordina di consegnarlo al nuovo custode, sono atti interni alla procedura esecutiva, di per sè esecutivi, senza necessità per la loro attuazione di ottenere altri accertamenti giurisdizionali. L art. 559, ultimo comma, c.p.c., sancisce, inoltre, espressamente, la non impugnabilità dell ordinanza con la quale il giudice dispone la sostituzione e sceglie il custode. Non impugnabili sono anche i provvedimenti assunti con ordinanza dal giudice dell esecuzione, previsti al successivo art. 560 c.p.c., che disciplina vari aspetti della custodia. La norma, confermando la regola che consente al debitore di abitare l immobile, prevede che tale autorizzazione possa essere revocata in ogni momento e sempre a seguito del decreto di trasferimento del bene all aggiudicatario; all ordinanza che dispone la liberazione dell immobile è attribuita efficacia di titolo esecutivo per il rilascio. 129

12 Esecuzioni immobiliari 130 Conforme: Trib. Napoli, 30 ottobre 2007 Deve essere dichiarata inammissibile la domanda cautelare proposta in via d urgenza dal custode giudiziario dell immobile pignorato finalizzata ad ottenere la liberazione immediata del bene staggito in vista delle operazioni di vendita dell immobile e della sua successiva consegna all aggiudicatario. In tale ipotesi, infatti, il custode ben può chiedere al G.E. l adozione del provvedimento di liberazione dell immobile ex art. 560 comma 3 c.p.c. provvedimento al quale è attribuita espressamente efficacia di titolo esecutivo per il rilascio dell immobile. L art. 560 c.p.c. definisce anche i compiti del custode, i suoi poteri ed i suoi obblighi. Il custode, sia esso il debitore o soggetto diverso, ha il potere dell amministrazione e gestione del bene, è tenuto a riscuotere i proventi delle cose pignorate, provvedendo al loro deposito fruttifero, con la diligenza del buon padre di famiglia; di tale gestione sarà tenuto a dare conto, presentando il rendiconto in cancelleria, nel termine fissato dal giudice, ed in ogni caso alla fine di ciascun trimestre, secondo le modalità prescritte dall art. 593 c.p.c., in materia di amministrazione giudiziaria. Conforme: Trib. Nocera Inferiore, 9 novembre 2005 Il custode dei beni pignorati è tenuto a custodire gli stessi, ai sensi dell art. 67 c.p.c., con la diligenza del buon padre di famiglia e risponde dei danni subiti dal proprietario del bene anche per colpa lieve. Conforme: Cass., 3 ottobre 2005, n Dopo il pignoramento di un immobile che era stato già dato in locazione, il locatore-proprietario perde la legittimazione sostanziale sia a richiedere al conduttore il pagamento dei canoni sia ad accettarli, spettando tale legittimazione in via esclusiva al custode, fino al decreto di trasferimento del bene, per effetto del quale la proprietà del bene e dei frutti si trasferisce all aggiudicatario. Pertanto qualora il locatore venga nominato custode dell immobile pignorato, mutando il titolo del possesso del bene, può richiedere il pagamento dei canoni solo nell esercizio del potere di amministrazione e gestione del bene. A tal fine, intrapresa dal locatore, dopo il pignoramento, azione per il pagamento dei canoni, per economia dei giudizi e in forza del principio di conservazione degli atti processuali, gli è consentito dichiarare in sede di appello, modificando la veste assunta, di agire in qualità di custode, ufficio comunicato al conduttore all atto della notifica del pignoramento contenente la relativa nomina. Per l esercizio di tale potere processuale non è necessaria l autorizzazione del giudice dell esecuzione, trattandosi di esplicazione di compiti di ordinaria amministrazione nella gestione dell immobile pignorato, ai cui frutti si estende il pignoramento. Un espresso limite al potere di gestione del custode è posto dall art. 560, comma 2, c.p.c.: il divieto di dare in locazione l immobile pignorato se non autorizzati dal

13 7. Le fasi iniziali del processo esecutivo giudice dell esecuzione ; tale autorizzazione è necessaria anche se il custode intende procedere al rinnovo di un contratto già in essere prima del pignoramento. Conforme: Cass., 13 dicembre 2007, n Anche se la locazione dell immobile pignorato è stata stipulata prima del pignoramento, la rinnovazione tacita della medesima richiede l autorizzazione del giudice dell esecuzione, in forza dell art. 560, comma 2, c.p.c.; peraltro, il custode giudiziario deve assicurare la conservazione e la fruttuosa gestione della cosa pignorata previa autorizzazione del giudice dell esecuzione, sicché è legittimato ad inviare la disdetta e a promuovere la procedura di rilascio per finita locazione. La norma citata, rettamente interpretata nel senso esposto, non suscita dubbi di incostituzionalità per violazione dell art. 3 cost., in quanto la peculiare funzione del pignoramento nell ambito del processo di esecuzione giustifica la particolarità della sua disciplina in cui si inquadra in modo armonico e coerente il suddetto comma 2 dell art. 560 c.p.c.. In relazione a tali poteri di conservazione ed amministrazione dei beni pignorati, il custode detiene corrispondenti poteri sul piano della legittimazione processuale; al solo custode è, infatti, riconosciuta la legittimazione per le azioni concernenti in genere la conservazione e l amministrazione dei beni. Conforme: Trib. Roma, 18 ottobre 2006 Il pignoramento immobiliare produce non soltanto l effetto di determinare l inefficacia degli atti di alienazione nei confronti del creditore pignorante e di quelli intervenuti nell esecuzione (art c.c.), ma anche l ulteriore effetto, pratico ed immediato, di privare il proprietario del potere di godere della cosa, facendone propri i frutti e le altre utilità, in quanto, salvo che la legge disponga altrimenti, la conservazione e l amministrazione dei beni pignorati o sequestrati spetta al custode, il quale, unitamente a poteri di carattere strettamente sostanziale, detiene altresì corrispondenti poteri sul piano della legittimazione processuale. Il custode è, così, l unico legittimato alla riscossione dei canoni dovuti in forza del contratto di locazione maturati successivamente al pignoramento e di quanto dovuto a titolo di danno e maggior danno ai sensi dell articolo 1591 c.c., nonché della penale per le controversie relative ai rapporti concernenti i beni sottoposti a sequestro giudiziario; così spetta unicamente al custode procedere con l azione di rilascio nei confronti nei confronti dell occupante sine titulo, ed alla liberazione dell immobile dopo la aggiudicazione. Conforme: Trib. Roma, 18 ottobre 2006 Il proprietario di un immobile pignorato non è legittimato attivamente a promuovere alcun giudizio di rilascio nei confronti di terzi, né di accertamento della inefficacia del contratto di 131

14 Esecuzioni immobiliari 132 locazione stipulato nella veste di locatore da persona diversa dal proprietario, in quanto tale legittimazione spetta esclusivamente al custode. La custodia disciplinata dagli artt c.p.c. si distingue dall istituto dell amministrazione giudiziaria, prevista dall art. 591 c.p.c. e regolata dagli artt c.p.c.; i due istituti hanno aspetti in comune con riferimento agli obblighi che competono al custode ed all amministratore giudiziario. L amministrazione giudiziaria è un istituto volto alla conservazione del valore di mercato dell immobile e può essere disposta dal giudice, quando non vi siano state offerte per la vendita e non vi siano state domande di assegnazione, o il giudice ritenga di non accoglierle. L amministrazione non può essere concessa oltre i tre anni e può essere affidata ad uno più creditori o all Istituto autorizzato, così anche al debitore se vi è il consenso di tutti i creditori. I compiti dell amministratore giudiziario sono analoghi a quelli già riferiti propri del custode, per il richiamo all art. 593 c.p.c. (relativo all amministrazione giudiziaria), fatto dall art. 560 c.p.c. in materia di custodia. In conclusione risposta a 7.4 Custode del bene, dopo il pignoramento, è ex lege il debitore, che può essere sostituito su richiesta dei creditori o su disposizione del giudice, in caso di inosservanza degli obblighi di custodia o quando l immobile non sia occupato dal debitore stesso. La sostituzione del custode-debitore con altro soggetto (persona incaricata della vendita o l Istituto Vendite Giudiziarie), è obbligatoriamente disposta dal giudice con l ordinanza non impugnabile con cui autorizza la vendita o dispone la delega delle relative operazioni. Il giudice pronuncia ordinanza, non impugnabile, di liberazione dell immobile, quando ritiene di non autorizzare il debitore a continuare ad abitare l immobile pignorato, se revoca detta autorizzazione e quando provvede all aggiudicazione o all assegnazione dell immobile; l ordinanza costituisce titolo esecutivo per il rilascio ed è eseguita dal custode. Il custode ha la legittimazione processuale per tutte le azioni inerenti i poteri sostanziali di gestione ed amministrazione che gli competeno; provvede alla riscossione dei frutti ed al loro deposito fruttifero, con obbligo di rendiconto al giudice della esecuzione, di cui è ausiliario ed a cui deve richiedere la autorizzazione per determinati atti di gestione: così necessita espressamente della autorizzazione per dare in locazione l immobile pignorato. Diverso dalla custodia è l istituto della amministrazione giudiziaria che viene disposta dal giudice, quando il bene rimanga invenduto e non vi siano offerte di assegnazione, per conservare il valore del mercato dell immobile e riscuotere le eventuali rendite; la disciplina della amministrazione giudiziaria è richiamata dall art 560 c.p.c., unicamente con riferimento all obbligo ed alle modalità di rendiconto.

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Nella procedura esecutiva esattoriale N... promossa da EQUITALIA CENTRO S.P.A. (Agente per la Riscossione Tributi della Provincia di Reggio Emilia) nei confronti di PIGNORAMENTO DEL / / R.P. IL GIUDICE

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)... 3 2. Dichiarazione

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c. INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) 1. Il titolo esecutivo... Pag. 1 CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.) 1. Il precetto... Pag.

Dettagli

COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA

COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA A cura di Caterina Cerenzia Convegno 27 gennaio 2012, Sala convegni C.so Europa, 11, Milano Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto.

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto. LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale II A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)...3 2. Dichiarazione

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE Primo incontro: Aspetti giuridici Tribunale di Monza e operativi della custodia nelle esecuzioni immobiliari in collaborazione con Monza, 29 giugno 2012

Dettagli

INDICE. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.

INDICE. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c. INDICE CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) 1. Il titolo esecutivo... Pag. 1 CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.) 1. Il precetto... Pag. 21 2. L

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE SOMMARIO Prefazione pag. 1 PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE CAPITOLO PRIMO FASE STRAGIUDIZIALE pag. 5 1. Aspetti preliminari pag. 7 F.1 Lettera di richiesta di certificato di residenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO INDICE SOMMARIO Presentazione.......................................... Gli autori............................................ Abbreviazioni delle principali riviste............................. V VII

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

IL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO L ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE

IL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO L ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE IL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO L ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE Le riforme intervenute nel 2005-2006 hanno interessato anche l espropriazione immobiliare, introducendo alcune rilevanti novità che hanno inciso

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Parte I Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Capitolo I Dal divieto di vendita forzata della quota alla riforma del 2005...» 3 1.1. Premessa:

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 *****

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 ***** ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico.

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. 1. Come si viene a conoscenza delle vendite giudiziarie

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari * * * Procedura esecutiva n. 521/2014 R.G.E. A cura di: ITALFONDIARIO S.P.A. - Avv. E. LAVATELLI * * * AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto Dott.

Dettagli

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori La riforma in tema di procedure esecutive Avv. Daniele Raynaud (Name Partner) Milano, 28 ottobre

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

valutazione immobiliare

valutazione immobiliare valutazione immobiliare in ambito giudiziario Relatore: Geom. Dario Mottadelli Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2013 programma PRIMA PARTE (durata 2 ore) SECONDA PARTE (durata 2 ore) introduzione Certificazione

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare. Parte speciale

LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare. Parte speciale LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale Nel numero precedente abbiamo trattato dell espropriazione forzata in generale ponendo

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO. Ufficio Esecuzioni Immobiliari. Avviso di vendita di beni immobili. (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc)

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO. Ufficio Esecuzioni Immobiliari. Avviso di vendita di beni immobili. (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc) 1 90/12 R.G. Esec. TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO Ufficio Esecuzioni Immobiliari Avviso di vendita di beni immobili (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc) Il professionista delegato, dott.ssa Gaffuri Silvana,

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

www.ufficialegiudiziario.eu 1

www.ufficialegiudiziario.eu 1 PROVVEDIMENTI CIRCA I MOBILI ESTRANEI ALL ESECUZIONE PER RILASCIO D IMMOBILE Art. 609 CPC (Provvedimenti circa i mobili estranei all esecuzione) [I] Quando nell immobile si trovano beni mobili che non

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione.

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. La riforma del processo esecutivo assorbe in maniera prevalente l intervento di riforma del processo civile con le leggi che si

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Direzione Regionale Toscana Agente della riscossione per la Provincia di Arezzo Pratica n. 1661 AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Equitalia Centro SpA, quale Agente della Riscossione per la Provincia di Arezzo,

Dettagli

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE Tutti, tranne il debitore, possono partecipare alle vendite giudiziarie. Non occorre assistenza legale. Ogni immobile è stimato da un perito

Dettagli

EVENTO FORMATIVO 27 MARZO 2015

EVENTO FORMATIVO 27 MARZO 2015 CORTE DI APPELLO DI PERUGIA U.N.E.P. Ufficio Esecuzioni EVENTO FORMATIVO 27 MARZO 2015 Fondazione Forense di Perugia Giovanni Dean Procedure Esecutive: Novità Normative **************************** Dr.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99)

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) Il professionista

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Firenze, martedì 26 maggio 2015 Università degli Studi di Firenze - Scuola di Economia e Management

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Direzione Regionale Toscana Agente della riscossione per la Provincia di Firenze Pratica n. 1288 AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Equitalia Centro SpA, quale Agente della Riscossione per la Provincia di Firenze,

Dettagli

Lotto 2 Appezzamenti di terreno in agro di Matera, zona industriale Contrada Serritello

Lotto 2 Appezzamenti di terreno in agro di Matera, zona industriale Contrada Serritello TRIBUNALE DI MATERA SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E. Dr. Laura MARRONE Professionista delegato: Avv. Mariano AGRESTI * * * * * - Espropriazione immobiliare n. 94/00 R.G.E.I. AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA

TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA N. 35/ 2004 Reg. Es. Imm. Il professionista delegato Dott. Antonio Cuculo nella procedura esecutiva proposta da omissis, nei

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE La Riforma delle procedure esecutive e i piani di riparto 30 Marzo 2006 PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE IL RENDICONTO DEL CUSTODE

Dettagli

TITOLO: Quesiti posti dalla stampa specializzata - Chiarimenti interpretativi Circolare dell Agenzia delle Entrate del 15 febbraio 2013, n. 1/E.

TITOLO: Quesiti posti dalla stampa specializzata - Chiarimenti interpretativi Circolare dell Agenzia delle Entrate del 15 febbraio 2013, n. 1/E. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2013 Circ. n. 12 22.02.2013-12/FS/om TITOLO: Quesiti posti dalla stampa specializzata - Chiarimenti interpretativi Circolare dell Agenzia delle Entrate del 15 febbraio

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (art. 569, 576 e 591 bis c.p.c.)

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (art. 569, 576 e 591 bis c.p.c.) Esecuzione immobiliare n. 95/2013 R.G.E. TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (art. 569, 576 e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Paolo Moca, con studio a Sulmona

Dettagli

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.)

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) ESECUZIONE N. 79/07 TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Edoardo Di Loreto con studio in Sulmona, Via Giovanni

Dettagli

TRIBUNALE DI LANCIANO

TRIBUNALE DI LANCIANO TRIBUNALE DI LANCIANO AVVISO DI VENDITA ESECUZIONE IMMOBILIARE NRGE 84/2007 -SETTIMO ESPERIMENTO- L Avv. Camillo Colaiocco con studio in Lanciano alla Via Floraspe Renzetti n.29, delegato ai sensi dell

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail.

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail. TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail. AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI I ESPERIMENTO L Avv./Dott..., Professionista

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

SEZIONE III^ CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI. contro *** AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

SEZIONE III^ CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI. contro *** AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE III^ CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura R.G.E. N. 2377/11 G.E. Dr. Marcello Piscopo Promossa da: BANCA POPOLARE DI MILANO S.C. A R.L. -creditore (omissis) -debitore contro

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

INDICE COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI

INDICE COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI Prefazione... VII COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI 1. Nozione generale... 3 2. La tutela giurisdizionale... 3 3. L autotutela o la tutela per autorità del creditore... 4 4. La tutela giurisdizionale

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.)

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) ESECUZIONE N. 09/10 TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Alessandro Margiotta, con studio in Sulmona, Via

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO

2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO 2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO 2.1 IL PROCESSO CIVILE Il processo civile viene promosso da una parte ricorrente o attore che chiama in causa di fronte al giudice, mediante l atto di citazione redatto

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Definiti i compensi dei custodi immobiliari

Definiti i compensi dei custodi immobiliari Definiti i compensi dei custodi immobiliari È stato pubblicato, con D.M. 80/2009, il regolamento nel quale sono contenute le tariffe degli onorari spettanti al custode giudiziario. Diamo uno sguardo a

Dettagli

------TRIBUNALE DI MILANO 3 SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E. DOTT. SERGIO ROSSETTI

------TRIBUNALE DI MILANO 3 SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E. DOTT. SERGIO ROSSETTI ------TRIBUNALE DI MILANO 3 SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E. DOTT. SERGIO ROSSETTI Nella procedura di espropriazione immobiliare R.G.E. 1215/09 + 1073/10 promossa da BBVA RENTING S.P.A. CONTRO

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail.

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail. TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sez. IV Esec. immobiliari G.E. Dott.. PROCEDURA ESECUTIVA N. R.G.E. Custode Giudiziario tel..mail. AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI I ESPERIMENTO L Avv./Dott..., Professionista

Dettagli

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE.

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Comune di Verrayes Comune de Verrayes Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Approvato con deliberazione di Consiglio n. 62 del 22/12/1998 INDICE

Dettagli

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore?

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore? L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO: NOMINA E REVOCA A cura di: Avv. Anna Nicola - ANAPI 1. Quali sono i requisiti per essere amministratore (art. 71 bis disp. Att. C.c.)? 2. A oggi c è una scadenza per la

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO.

GUIDA OPERATIVA AL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO. n. 5/2015 Roma, novembre 2015 GUIDA OPERATIVA AL NUOVO PROCESSO ESECUTIVO. Approfondimento sulla riforma della giustizia di cui al d.l. 83/2015, convertito dalla L. n. 132/2015. Il D.L. n. 83 del 27 giugno

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata CODICE CIVILE Libro Sesto Della tutela dei diritti Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti Capo II Dell'esecuzione forzata Sezione I Dell'espropriazione 1 - Disposizioni generali Art. 2910.

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli