TESTO TRATTO DAL DOCUMENTO GISCOR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESTO TRATTO DAL DOCUMENTO GISCOR"

Transcript

1 TESTO TRATTO DAL DOCUMENTO GISCOR 1

2 Che cosa sono le 100 domande sullo screening colorettale? Sono quattro documenti di domande e risposte sullo screening del carcinoma del colon retto (CCR). Tre sono rivolti sia agli utenti sia agli operatori dei programmi di screening. Un documento è rivolto ai soli operatori. I quattro documenti sono i seguenti: Un semplice esame contro il tumore del colon retto Altre informazioni sullo screening del colon retto Istruzioni per fare l esame del sangue occulto Screening del colon retto: informazioni per gli operatori Perché si fa lo screening colorettale? Il carcinoma del colon retto (CCR) è una malattia importante in termini di salute pubblica: è la seconda neoplasia più frequente nelle donne e la terza nei maschi. In entrambi i sessi rappresenta la seconda causa di morte per tumore. Il 90% delle persone si ammala dopo i 50 anni. Lo screening con il test per la ricerca del sangue occulto fecale è associato a una riduzione della mortalità per tumore colorettale di almeno il 20%. Perché fare le 100 domande sullo screening colorettale? Rispetto a quello citologico e mammografico lo screening CCR è quello più recente a livello nazionale. E sta vedendo una forte espansione, con più di 50 programmi attivi e altri di imminente apertura. Lo screening CCR presenta alcune particolarità rispetto agli altri due: è rivolto anche ai maschi e può essere attuato con due diversi test di screening. Inoltre, contrariamente agli altri due screening storici non esiste ancora un documento organico che raccolga le domande e le risposte per operatori e per utenti. Gli operatori dei programmi di screening CCR hanno sviluppato negli anni precise competenze nel rispondere alle domande degli utenti. La loro esperienza non è però condivisibile con i colleghi in quanto non è riflessa in documenti cartacei o elettronici. Per quanto riguarda gli utenti, gli opuscoli informativi che essi ricevono assieme agli inviti sono necessariamente concisi e non includono molte delle possibili ulteriori domande. Come è nato il Progetto 100 domande? L Osservatorio Nazionale Screening ha tra i suoi scopi quello di promuovere la qualità della comunicazione. Il Gruppo di Lavoro Interscreening sulla comunicazione (GDLIS), che raccoglie operatori del GISCi, GISMa, e GISCoR, ha tra gli obiettivi quello di sviluppare una informazione di qualità sugli screening oncologici. I primi due progetti riguardano il papilloma virus umano (HPV) e lo screening del carcinoma del colon retto. Sono davvero 100 le 100 domande? No, ma continuano a crescere e potrebbero diventare molte di più. Per esempio, si sono aggiunte quelle sulla rettosigmoidoscopia, un test di screening usato da alcuni dei programmi italiani. La revisione di questi documenti è anch essa prevista dal GDLIS. A chi sono destinate? Tre documenti sono destinati sia agli utenti sia agli operatori: uno contiene le informazioni di base sullo screening CCR, un altro delle informazioni più estese e un terzo le istruzioni per l esecuzione del test. Il quarto documento include informazioni specifiche per i soli operatori. 2

3 Qual è l obiettivo delle 100 domande? Fornire a utenti e operatori dei programmi di screening CCR una informazione di qualità sullo screening. Che cosa vuol dire una informazione di qualità? Una informazione di qualità deve essere chiara, accessibile, aggiornata, basata sull evidenza, trasparente sui propri limiti e capace di indicare ulteriori fonti di informazione. Deve inoltre identificare chiaramente i propri destinatari e obiettivi, e fornire informazioni coerenti con questi dal punto di vista grafico, dei contenuti e del linguaggio. Idealmente, dovrebbe essere sviluppata assieme ai destinatari, o comunque aver messo in atto un meccanismo di verifica con questi. Sottolineiamo però che l informazione scritta non è mai sostitutiva di una buona comunicazione interpersonale, ma complementare a essa. Come sono state sviluppate le informazioni di base delle 100 domande? I documenti Un semplice esame contro il tumore del colon retto e Istruzioni per fare l esame del sangue occulto derivano in gran parte dalla standardizzazione del materiale informativo del Veneto effettuata tra il 2005 e il Nel corso di quel lavoro lettere, opuscoli e istruzioni dei programmi del Veneto erano stati verificati in tre gruppi focus con utenti e riformulati da un gruppo di operatori. Nello sviluppo dei nuovi materiali si era tenuto conto anche dei risultati di altre due indagini qualitative condotte in Veneto e in Toscana nel 2004 e Da chi è formato il gruppo di lavoro delle 100 domande sullo screening colorettale? E formato da operatori con diversi profili professionali: medici, amministrativi, infermieri, assistenti sanitarie, psicologi, sociologi, oncologi, epidemiologi, la maggior parte membri del GISCoR. Gli operatori sono coinvolti nello screening CCR con varie modalità: dal contatto diretto con gli utenti nei front office telefonici e negli ambulatori di 1 e di 2 livello alla gestione dei programmi di screening e alla partecipazione a progetti di ricerca. Come possono essere utilizzate le 100 domande sullo screening colorettale? Potranno essere utilizzate dagli operatori dei front office telefonici o degli ambulatori di 2 livello. I programmi di screening hanno modalità organizzative molto diversificate. Le 100 domande potranno anche offrire agli utenti che ne avessero necessità informazioni più approfondite di quelle contenute negli opuscoli informativi degli screening. Che difficoltà ha presentato questo lavoro? Per molti degli aspetti esaminati non esistono studi controllati che forniscano una risposta. Si è quindi dovuto ricorrere alla migliore evidenza possibile o alle migliori pratiche e prendere della decisioni che fossero condivise. Si è trattato di un processo lungo e non facile. Si è anche cercato di coniugare la correttezza dei contenuti con la loro rilevanza per i destinatari (utenti e operatori) e la loro comprensibilità da parte di questi. E un approccio che ha posto continuamente il problema di scegliere: scelte lessicali, scelte tematiche (quali argomenti mantenere e quali togliere e in quali documenti), scelte riguardanti la struttura logico-organizzativa dei testi. Non è stato facile, in quanto gli operatori della sanità tendono a privilegiare la correttezza di quanto affermato rispetto alla sua comprensibilità da parte dei destinatari. La comprensibilità, in genere, si tende a darla per scontata. 3

4 BIBLIOGRAFIA 1. Ministero della Salute. Direzione generale della prevenzione. Screening oncologici. Raccomandazioni per la pianificazione e l esecuzione degli screening di popolazione per la prevenzione del cancro della cervice uterina, del cancro della mammella, del cancro del colon retto. Gruppi di lavoro nominati dal Decreto del Ministro della salute del 18 ottobre 2005, in applicazione della Legge 138 del 2004 (art. 2 bis). Roma, Osservatorio Nazionale Screening. Quinto Rapporto Come rispondere alle 100 domande più frequenti negli screening dei tumori della mammella. Vademecum per gli operatori di front-office - Dossier 36. Regione Emilia- Romagna. CDS Aziende USL Città di Bologna e Ravenna. Ravenna, Come rispondere alle 100 domande più frequenti negli screening dei tumori del collo dell utero. Vademecum per gli operatori di front-office Dossier 35. Regione Emilia-Romagna, CDS Aziende USL Città di Bologna e Ravenna. Ravenna, ONS - Osservatorio Nazionale Screening GISCi - Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma GISMa - Gruppo Italiano per lo Screening Mammografico GISCoR - Gruppo Italiano Screening Colorettale Qualità dei materiali informativi. In: Comunicazione. Bibliografia ragionata. Osservatorio Nazionale Screening. bibliografia.htm 10. Ricerca qualitativa. In: Comunicazione. Bibliografia ragionata. Osservatorio Nazionale Screening Cogo C. Screening del carcinoma del colon retto nell ULSS 4: revisione della fase pilota mediante gruppi focus con utenti. Centro regionale di riferimento-registro tumori del Veneto, Padova (informazioni: 12. Grazzini G. Il contributo degli utenti nella verifica di alcuni aspetti dei programmi di screening colorettale: l esperienza veneta e toscana. Comunicare con tutti, 3 Seminario sulla comunicazione nei programmi di screening oncologici. Roma, 12 Dicembre Piemontese ME. Capire e farsi capire. Teorie e tecniche della scrittura controllata. Tecnodid, De Mauro T. Guida all uso delle parole. Parlare e scrivere semplice e preciso per capire e farsi capire. Editori Riuniti,

5 1. Perché l esame del sangue occulto? I tumori dell intestino (colon retto) si sviluppano molto lentamente a partire da piccole formazioni benigne chiamate polipi (adenomi), che possono iniziare a sanguinare diversi anni prima della comparsa di altri disturbi. All inizio questo sangue non si vede a occhio nudo, ma può essere identificato con un esame delle feci chiamato ricerca del sangue occulto. Se lo troviamo quando è ancora molto piccolo, il tumore può essere curato in modo definitivo. Secondo l esperienza scientifica, fare l esame del sangue occulto ogni due anni dopo i 50 anni può salvare molte vite. 2. Un esame semplice Per fare l esame dobbiamo raccogliere un piccolo campione di feci e metterlo in un flaconcino. Potremo tranquillamente a casa nostra. Quello utilizzato nello screening è un test di ultima generazione : non sarà quindi necessario seguire una dieta particolare e basterà un unico campione di feci. 3. Per fare l esame Per fare l esame del sangue occulto con il programma di screening aspettiamo la lettera di invito, che verrà spedita a casa a chi abbia tra i 50 e i 69 anni. Una volta ricevuta, andiamo a ritirare il flaconcino nel posto e nel giorno indicati, oppure mettiamoci d accordo per un altra data telefonando al numero che troveremo nella lettera. L esame è gratuito e non è necessaria l impegnativa per farlo. La risposta ci verrà spedita a casa. 4. E se l esame risulta positivo? Su 100 persone che eseguono il test, circa 5 possono risultare positive per la presenza di sangue nelle feci. Questo può essere spesso dovuto a cause non tumorali, come per esempio le emorroidi, ma per accertarlo sarà necessario completare l esame con un altra indagine, chiamata colonscopia. 5. E prima del prossimo invito? Ricordiamoci: l esame del sangue occulto è molto efficace per individuare il tumore dell intestino, anche quando è molto piccolo e non avvertiamo nessun disturbo. Come ogni esame però, presenta dei limiti. Inoltre può capitare che un polipo o anche una lesione tumorale ci siano ma non sanguinino il giorno dell esame. Per questo è importante ripetere lo screening ogni due anni e non sottovalutare eventuali disturbi che possono manifestarsi anche dopo un esame di screening normale. Quindi rivolgiamoci al nostro medico se prima del prossimo invito (o se abbiamo un età non compresa nello screening) notiamo del sangue nelle feci o abbiamo dei disturbi intestinali duraturi. 6. Per avere ulteriori informazioni sull esame del sangue occulto fecale si può: telefonare al numero di telefono indicato nella lettera di invito allo screening parlare con il proprio medico guardare il sito: 5

6 Queste informazioni per utenti e operatori completano quelle contenute nei documenti Un semplice esame contro il tumore del colon retto e Istruzioni per fare l esame del sangue occulto. 1. MI AVETE MANDATO UNA LETTERA 1.1 Ho ricevuto a casa la vostra lettera: devo fare questo esame? E obbligatorio? No, non è obbligatorio. Noi però le consigliamo di farlo perché l esperienza scientifica ci dice che è un esame molto efficace. Se ha dubbi, ne parli con il suo medico, che saprà consigliarla. 1.2 Ho ricevuto a casa la vostra lettera: non voglio fare l esame. Noi consigliamo di farlo perché l esperienza scientifica ci dice che è un esame molto efficace. Ne parli anche con il suo medico, che saprà consigliarla. 1.3 Che cosa vuol dire screening? Perché non lo dite in italiano? In Italiano vuol dire setacciare, vagliare, selezionare, nella lingua comune. In ambito medico significa, invece, un programma organizzato di prevenzione o di diagnosi precoce. 1.4 Perché fare lo screening? E scientificamente provato che fare la ricerca del sangue occulto fecale ogni due anni dopo i 50 anni può salvare molte vite: si possono trovare tumori allo stadio iniziale, e quindi più facilmente guaribili, o togliere dei piccoli polipi prima che diventino tumori. 1.5 Chi può fare lo screening? Lo possono fare le persone, sia maschi che femmine, anche se non hanno sintomi, e di un età compresa tra i 50 e i 69 anni. Vengono invitati i residenti e domiciliati assistiti dall ASL, cioè le persone che hanno la tessera sanitaria. 1.6 Non mi avete ancora chiamato: che cosa devo fare? Lo screening procede per zone geografiche: pertanto può essere che si debba ancora arrivare a chiamare i residenti di alcune zone. Contatti il call center dello screening per avere informazioni. 1.7 Non ho ancora 50 anni: posso fare l esame? Lo screening inizia dai 50 anni perché la malattia è più frequente a partire da questa età. Se desidera fare l esame prima dei 50 anni le consigliamo di parlare con il suo medico. 1.8 Dopo i 70 anni non devo più fare l esame? La maggior parte dei programmi italiani e stranieri continuano a invitare le persone fino ai o 74 anni. Il nostro Servizio chiama fino a 69 ani. Si è dovuto scegliere un limite di età per motivi di costi. Però il rischio di sviluppare un tumore dell intestino continua a essere presente anche dopo i 70 anni. Le consigliamo quindi di parlare con il suo medico per continuare a fare l esame del sangue occulto ogni due anni. 6

7 1.9 Ho familiarità per polipi/tumori dell intestino e mi è arrivata la vostra lettera: lo faccio o no l esame? Se è già seguito presso un centro specializzato, non occorre che effettui l esame. Se no, le consigliamo di fare lo screening. In ogni caso parli con il suo medico per scegliere l esame più opportuno per la sua situazione: a volte potrebbe essere più indicato eseguire comunque una colonscopia Ho familiarità per polipi/tumori dell intestino e ho meno di 50 anni (o più di 70 anni): posso entrare nello screening? No, ma le consigliamo di rivolgersi al suo medico E davvero tutto gratuito? L esame è gratuito. Se fosse necessario completare il suo esame con altri controlli, anche questi saranno gratuiti. 2. COME FACCIO A FARE L ESAME DELLE FECI? 2.1 Come faccio a fare l esame delle feci? E un esame molto semplice. Basta che lei raccolga una piccolissima quantità di feci con un apposito bastoncino. Poi lo mette in una provetta. E un esame capace di trovare anche piccole tracce di sangue che non si vedono a occhio nudo. Segua le istruzioni che sono scritte nel foglio che le abbiamo dato assieme al flaconcino 2.2 Devo fare una dieta particolare prima di fare questo esame? No, può mangiare come al solito. 2.3 Sto prendendo del ferro: posso fare l esame? Sì, perché l esame non diventa positivo se si prende del ferro. 2.4 Avevo le mestruazioni fino a due giorni fa: posso fare l esame? Faccia l esame quando non ha più perdite di sangue da almeno cinque giorni. 2.5 Soffro di stitichezza: per fare l esame posso prendere un lassativo/ purga/supposta di glicerina? Si comporti come fa normalmente. 2.6 Ogni tanto vedo un po di sangue, ho le emorroidi: posso fare il test? Faccia lo stesso il test. Se il test è positivo, pur essendo le emorroidi la causa probabile della presenza di sangue, le consiglieremo comunque di fare la colonscopia. Ricordi che la diagnosi di emorroidi deve essere fatta da un medico. Se lei pensa di avere le emorroidi ma non ha mai fatto esami per capire la causa del sanguinamento è meglio che approfondisca la cosa con il suo medico anche se il risultato del suo test è negativo. 2.7 Ma allora, se l esame è negativo non sono sicuro al 100% che non ho un tumore? L esame del sangue occulto è molto affidabile perché è capace di trovare anche le più piccole tracce di sangue. Come ogni esame però, presenta dei limiti. Inoltre, può capitare che un polipo o anche una lesione tumorale ci siano ma non sanguinino il giorno dell esame. 7

8 Per questo è importante ripetere lo screening ogni due anni e non sottovalutare eventuali disturbi che possono manifestarsi anche dopo un esame di screening normale (dolori, stitichezza o diarrea persistenti, presenza di sangue nelle feci). 2.8 Perché fate fare solo un esame delle feci e non tre? Quello che usiamo nello screening è un test molto efficace. Si chiama di ultima generazione proprio perché permette di fare un solo esame. 2.9 Sto facendo la radioterapia per un tumore a un organo dell addome, posso fare l esame? No, è meglio che aspetti la fine del ciclo di radioterapia e che chieda al suo centro di oncologia. 3. IL MIO ESAME DELLE FECI E POSITIVO 3.1 Il mio esame delle feci è positivo: vuol dire che ho qualcosa di brutto? No, non è detto. L esame può essere positivo per tanti motivi. Per esempio, potrebbe avere delle emorroidi che causano piccole perdite di sangue che non si vedono a occhio nudo. Oppure potrebbe esserci un piccolo polipo, che si potrà togliere subito durante l esame di approfondimento. Noi le consigliamo l approfondimento proprio per vedere qual è l origine di questo sangue. 3.2 Il mio esame delle feci è positivo: può essere perché ho le emorroidi? Può anche essere quello: noi le consigliamo l approfondimento proprio per vedere se la causa può essere anche quella. 3.3 Il mio esame delle feci è positivo: può essere per del sangue che viene dallo stomaco? E poco probabile che il suo esame sia positivo per sangue che viene dallo stomaco. Se con la colonscopia non si trova niente, non deve fare altri esami a meno che non abbia dei disturbi. In questo caso ne parli con il suo medico. 3.4 Il mio esame delle feci è positivo: può essere perché mi sforzo per andare di corpo? Perché sono stitico? Perché ho sforzato? Perché ho preso un lassativo? Perché avevo la diarrea? Perché avevo l influenza intestinale? Potrebbe anche essere quello: noi le consigliamo l approfondimento proprio per vedere di capire la causa. 3.5 Il mio esame delle feci è positivo: può essere perché ho preso l aspirina? Può essere perché ho preso il coumadin? Potrebbe anche essere quello, ma le persone che prendono l aspirina o il coumadin possono avere un polipo come tutte le altre persone. Per questo è importante che lei completi l esame con le indagini che le abbiamo consigliato. 3.6 Il mio esame delle feci è positivo: può essere perché sto prendendo del ferro? No, perché l esame che ha fatto non diventa positivo se si prende del ferro. 3.7 Il mio esame è positivo: può essere perché ho mangiato della carne al sangue? No, perché l esame che ha fatto non diventa positivo con il sangue di origine animale. 3.8 Il mio esame delle feci è positivo: può essere perché ho mangiato cioccolato/rape rosse/peperoni rossi/pomodori/ciliegie/anguria eccetera? 8

9 No, perché il risultato non dipende dal colore di quello che ha mangiato. 3.9 Il mio esame delle feci è positivo: non si riesce a distinguere se è per il sangue di un tumore o di altro? No, non è possibile. Su 100 persone che fanno l esame, circa 5 risultano positive per la presenza di sangue nelle feci. Questo è spesso dovuto a cause non tumorali, come per esempio le emorroidi, ma per esserne sicuri bisogna fare un esame di approfondimento, chiamato colonscopia Il mio esame delle feci è negativo: posso stare tranquillo fino al prossimo invito? Il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci è un mezzo molto efficace per prevenire o diagnosticare precocemente i tumori dell intestino. Come ogni esame, però, presenta dei limiti. Consulti quindi il suo medico se in qualsiasi momento notasse del sangue nelle feci o dei disturbi intestinali significativi. Può capitare che un polipo o anche una lesione tumorale ci siano ma non sanguinino il giorno dell esame. Per questo è importante ripetere lo screening ogni due anni e non sottovalutare eventuali disturbi che possono manifestarsi anche dopo un esame di screening normale. Consulti il suo medico se compaiono dolori, stitichezza o diarrea persistenti, presenza di sangue nelle feci. 4. DEVO FARE LA COLONSCOPIA 4.1 Il mio esame delle feci è positivo: devo proprio fare la colonscopia (1)? No, non è obbligato a farla. Noi però consigliamo l approfondimento per la sua sicurezza: visto che ha iniziato lo screening, è bene andare fino in fondo. Se vuole può parlarne col suo medico. 4.2 Il mio esame delle feci è positivo: devo proprio fare la colonscopia (2)? L esame delle feci ci dice solamente che ci sono tracce di sangue. Se c è stato il sanguinamento la colonscopia ci dice da dove e perché. 4.3 Il mio esame è positivo: non posso fare un altro esame delle feci per vedere se è davvero positivo? Non voglio fare la colonscopia: il mio medico mi ha detto che posso fare altri tre esami delle feci per essere sicuri che il mio esame era davvero positivo. No, basta un solo esame positivo per consigliare la colonscopia. Infatti potrebbe esserci un piccolo polipo che però non sanguina il giorno che lei ripete l esame. 4.4 Il mio esame delle feci è positivo ma ho fatto una colonscopia 6 mesi/1 anno fa: non potete tenermela valida? Ha la risposta della sua endoscopia? Ce la può mandare? La facciamo vedere al nostro endoscopista e le facciamo sapere Non voglio fare la colonscopia. Posso fare al suo posto il clisma opaco? No, perché il clisma opaco non permette di vedere direttamente le pareti dell intestino. Inoltre non dà la possibilità di fare prelievi degli eventuali polipi. Se si vede qualcosa con il clisma opaco dopo si deve comunque fare una colonscopia. 4.6 Non voglio fare la colonscopia. Posso fare al suo posto la colonscopia con la TAC o quella con la risonanza magnetica (colonscopia virtuale mediante TAC a scansione; colonscopia virtuale mediante risonanza magnetica)? 9

10 Sono metodi ancora in fase di valutazione. Forse, in futuro potranno sostituire la colonscopia tradizionale, ma per il momento non ci sono ancora certezze sulla loro affidabilità. Ricordi che anche con questi esami la preparazione da fare è la stessa e ci può essere lo stesso disagio legato all indagine. Al momento attuale la colonscopia è l unico esame che permette di vedere tutto il colon. Inoltre, in molti casi può anche essere curativo, cioè permette di togliere direttamente i piccoli polipi. 4.7 Non voglio fare la colonscopia. Posso fare al suo posto la colonscopia con la capsula con la telecamera (Video Capsula Endoscopica -VCE)? No, perché non è in grado di valutare tutto l intestino ma solo la prima parte, chiamata piccolo intestino. Quindi è un metodo di indagine che non è adatto a trovare i tumori del colon. 4.8 Il mio esame è positivo: ma a voi dal laboratorio cosa dicono? C è un valore? Posso saperlo? ll valore del suo esame non è importante per il il livello di sanguinamento, ma il fatto che l esame ha mostrato delle tracce di sangue. Il test non fa una vera e propria diagnosi, per conoscere il motivo bisogna fare la colonscopia. 4.9 Come fanno a fare la colonscopia? Si introduce una sonda flessibile attraverso l ano. Con questa sonda il medico può vedere direttamente le pareti dell intestino (colon). Se c è un piccolo polipo lo può anche togliere subito, oppure può fare dei prelievi di tessuto Ma da dove vanno su? Vanno per via rettale ( per il sedere) E un esame doloroso? E un esame che può essere fastidioso, ma di solito è ben tollerato. Dipende poi molto dalle persone: alcune possono provare un dolore passeggero. Nel nostro programma, nei reparti di Gastroenterologia dei nostri ospedali viene effettuata la sedazione Mi danno qualcosa per dormire? Non posso farlo in anestesia? Non c è necessità di una anestesia vera e propria, cioè di farla addormentare. La sedazione, prima di fare l esame, permette di rilassarsi e di sentire meno fastidi Quanto tempo dura la colonscopia? In genere l esame dura 20/30 minuti; tra tutto un oretta e mezza circa. Le chiederanno di fermarsi finché non si sarà ristabilito e potrà andare a casa. Se avrà fatto la sedazione chieda a qualcuno di accompagnarla per guidare la macchina al ritorno; inoltre per tutto il giorno dovrà evitare attività che pretendano attenzione mentale Quanto è lunga la sonda? La sonda ha una lunghezza adeguata al nostro intestino: il medico infatti deve poter vedere le pareti di tutto il colon. La sonda misura cm e ha un diametro di circa 1-1,5 cm Se dovessero trovarmi un polipo lo tolgono sempre subito? Lo valuterà il medico (l endoscopista) durante l esame. Il fatto di toglierlo subito o no può dipendere dall aspetto, dalla grossezza, dalla posizione, dal numero dei polipi, da eventuali 10

11 terapie che lei sta facendo e da altri fattori ancora. In base a quello che vedrà, il medico le proporrà di toglierlo subito o di rimandare. Lei potrà fargli tutte le domande che le interessano I polipi sono sempre benigni? La parola polipo sta a indicare qualsiasi formazione che sporge in una cavità, come il dito di un guanto. Il fatto che sia benigno dipende dal suo aspetto al microscopio. E vero che la maggior parte dei polipi sono benigni, soprattutto quelli più piccoli. Ma deve sapere che quelli che si trovano nello screening, anche se avessero una iniziale degenerazione, si possono curare in modo definitivo solo con l asportazione durante l endoscopia Chi fa l esame? L esame sarà fatto da un medico endoscopista di un centro specializzato Sono bravi i vostri medici (endoscopisti)? I centri che abbiamo scelto per lo screening sono tutti centri specialistici con molta esperienza. Sono i reparti di Gastroenterologia degli ospedali di Mestre e di Venezia. Il nostro programma prevede anche un controllo regolare della qualità Posso fare la colonscopia in un ospedale di mia scelta? No, perché noi abbiamo scelto per lo screening soltanto alcuni centri specializzati e con molta esperienza. Se vuole fare la colonscopia in un centro di sua fiducia lo deve fare con impegnativa del suo MMG Come si fa la preparazione della colonscopia? Nel colloquio con il medico dello screening, preparatorio all appuntamento per la colonscopia, le verranno fornite tutte le indicazioni assai dettagliate per effettuare al meglio la pulizia dell intestino. Per alcune persone possiamo fornire anche un prodotto. Per situazioni particolari, il paziente acquisterà in farmacia un prodotto alternativo, più adatto alla sua situazione sanitaria E vero che è fastidiosa la preparazione intestinale? Può essere fastidiosa, alcune persone la tollerano bene, altre meno E vero che si devono bere tanti litri d acqua con un prodotto sgradevole? Bere molto è importante per far agire al meglio il prodotto. L acqua, o la bibita, oltre a diluire il prodotto, lava le pareti intestinali, trascinando scorie e feci. Può essere un po fastidioso, ma perché l esame riesca è necessario pulire bene l intestino. Altrimenti si può rischiare di dover ripetere l esame Devo proprio fare una dieta così liquida il giorno precedente l esame? Sì, perché l esame riesce solo se l intestino è stato pulito bene. 11

12 12

Altre informazioni sullo screening del colon retto

Altre informazioni sullo screening del colon retto Altre informazioni sullo screening del colon retto AGGIORNAMENTO: Queste informazioni per utenti e operatori completano quelle contenute nei documenti Un semplice esame contro il tumore del colon retto

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Prevenire il tumore del colon retto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 21-0 05/09/2012 INDICE Prevenire il tumore del colon. 4 Come si esegue

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LO SCREENING DEL CANCRO COLON-RETTALE AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 Dal luglio 2006 è iniziato il programma di screening del cancro del colon retto organizzato

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007 Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale Conferenza stampa per la presentazione della Campagna di prevenzione a favore

Dettagli

Le 100 domande sullo screening con la sigmoidoscopia.

Le 100 domande sullo screening con la sigmoidoscopia. Le 100 domande sullo screening con la sigmoidoscopia. AGGIORNAMENTO Le 100 domande sullo screening con la sigmoidoscopia è un documento di domande e risposte sullo screening per la prevenzione del tumore

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

La linea giusta è prevenire.

La linea giusta è prevenire. La linea giusta è prevenire. PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO I.P. Regione_ER_Opuscolo_Colon_14,7x19,7.indd 1 28/03/11 14.17 entile Signora e gentile Signore, mi rivolgo

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE TERRITORIO di riferimento PROVINCIA DI VARESE ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.199 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 744,48 abitanti per Kmq (01/01/2015) TOTALE COMUNI: 139 POPOLAZIONE

Dettagli

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita.

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Come tenersi aggiornati sui test offerti dal Ssn per il tumore del seno, della cervice uterina e del colon retto. Il vademecum del ministero Il ministero della Salute

Dettagli

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO COMUNICATO STAMPA LA PREVENZIONE PUO SALVARE LA VITA : APPELLO DELL ASL A PRESENTARSI ALL INVITO. RISULTANO POSITIVI CIRCA IL 6% DI ESAMI (162 SU 2.840), SUBITO INVIATI ALLA COLONSCOPIA DI APPROFONDIMENTO

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è la colonscopia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 23-0 09/09/2012 INDICE Che cos è la "colonscopia? 4 Chi fa la colonscopia e a

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Scrivere di screening: quando il Pap test è anormale. Anna Iossa

Scrivere di screening: quando il Pap test è anormale. Anna Iossa Scrivere di screening: quando il Pap test è anormale Anna Iossa Premessa 1..scrivere di screening è difficile. Comunicazione verbale Comunicazione scritta Da Scrivere di screening Materiali informativi

Dettagli

Commenti alla sezione 1: MI AVETE MANDATO UNA LETTERA

Commenti alla sezione 1: MI AVETE MANDATO UNA LETTERA COMUNICAZIONE - Screening del colon retto: informazioni per gli operatori ultimo aggiornamento 21 Agosto, 2007 TORNA AL MENU Queste informazioni per operatori completano quelle contenute nel documento

Dettagli

Screening del colon retto: informazioni per gli operatori

Screening del colon retto: informazioni per gli operatori Screening del colon retto: informazioni per gli operatori Queste informazioni per operatori completano quelle contenute nel documento Altre informazioni sullo screening del colon retto (pagina 8). Commenti

Dettagli

La linea giusta è prevenire.

La linea giusta è prevenire. La linea giusta è prevenire. PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO I.P. filo diretto con la sanità: www.saluter.it programmi di screening, che propongono controlli mirati

Dettagli

Le 100 domande sull HPV

Le 100 domande sull HPV Osservatorio Nazionale Screening Gruppo di Lavoro Interscreening sulla Comunicazione Le 100 domande sull HPV Versione 5 novembre 2007 Si suggerisce di consultare il sito per i regolari aggiornamenti 1

Dettagli

Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles

Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles 3 www.bowelscreeningwales.org.uk Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles Perché è consigliato effettuare lo screening per i

Dettagli

Screening del cancro del colon : a partire dai 50 anni Consulto il mio medico

Screening del cancro del colon : a partire dai 50 anni Consulto il mio medico Programma valdese di screening del cancro del colon Screening del cancro del colon : a partire dai 50 anni Consulto il mio medico Dépistage du cancer du colon Canton de Vaud Indice Decisione assistita

Dettagli

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI:

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LA COLONSCOPIA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO LA COLONSCOPIA Cos è la

Dettagli

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Qualche numero Sul territorio nazionale: Incidenza CRC: 52.000 nuovi casi diagnosticati

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. La guida rosa per la prevenzione. screening femminile. Programma di screening dei tumori femminili

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. La guida rosa per la prevenzione. screening femminile. Programma di screening dei tumori femminili LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA La guida rosa per la prevenzione dei tumori femminili screening femminile prevenzione del tumore del collo dell utero Ogni donna residente fra i 25 e i 64 anni ha

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

Screening del Carcinoma Colon Retto. nell ASL 4 Chiavarese

Screening del Carcinoma Colon Retto. nell ASL 4 Chiavarese Regione Liguria ASL 4 Chiavarese Screening del Carcinoma Colon Retto nell ASL 4 Chiavarese Maura Ferrari Bravo 10 gennaio 2009 Screening E un programma organizzato in cui viene sistematicamente invitata

Dettagli

Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica

Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica Esperienze di buona pratica nella gestione del secondo livello Screening ASL Città di Milano: la comunicazione telefonica Anna Dina De Mezza, Infermiera Professionale Comunicare con tutti 4 seminario su

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

Screening oncologici

Screening oncologici Screening oncologici Il Centro Screening Oncologici, fa parte della UOC di Igiene e Sanità Pubblica nel Dipartimento di Prevenzione ed il Responsabile della struttura è il Dott. Francesco Silvio Congiu.

Dettagli

BOZZA I MATERIALI INFORMATIVI DEL SECONDO LIVELLO DELLO SCREENING CERVICALE E DELLA TERAPIA DELLE CIN MAGGIO 2015. www.gisci.it

BOZZA I MATERIALI INFORMATIVI DEL SECONDO LIVELLO DELLO SCREENING CERVICALE E DELLA TERAPIA DELLE CIN MAGGIO 2015. www.gisci.it BOZZA I MATERIALI INFORMATIVI DEL SECONDO LIVELLO DELLO SCREENING CERVICALE E DELLA TERAPIA DELLE CIN MAGGIO 2015 www.gisci.it A cura di: Anna Iossa, Carla Cogo e Debora Canuti. In collaborazione con:

Dettagli

Gentile signora, Carlo Lusenti

Gentile signora, Carlo Lusenti Gentile signora, I programmi di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella e del collo dell utero sono in corso nella nostra regione dal 1996, rappresentando un elemento

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

E la vostra salute Siate coinvolti

E la vostra salute Siate coinvolti E la vostra salute Siate coinvolti Il finanziamento per questo progetto e stato fornito dal Ministero della Sanita e dell Assistenza a Lungo Termine dell Ontario www.oha.com 1. Siate coinvolti nella cura

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Aldo De Togni direttore Unità Operativa Organizzazione Oncologica Dipartimento di Sanità Pubblica Il tumore del colon-retto è un

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO 1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO SIGNIFICATO E RUOLO DEL CENTRO SCREENING NELLA GESTIONE E CONTROLLO DEL PROGRAMMA BOLOGNA, 10 MARZO 2005 dr.ssa

Dettagli

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione:

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: vaccinazioni e screening oncologici salute percepita e consigli dei sanitari Franca Mazzoli Marradi Coordinamento Regionale PASSI Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

IL MMG E LO SCREENING

IL MMG E LO SCREENING IL MMG E LO SCREENING Tirocinio Medicina Generale Siena 2009 RUOLO DEI MMG NEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICO 1. Progettazione 2. Correzione liste di invito 3. Firma dell invito personalizzato 4. Consegna

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche

Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche Il consultorio e il pap-test: la voce alle ostetriche Daniela Mantovanelli Annamaria Barbi Marisa Ferri Sonia Maistrello L ostetrica.ieri E considerata una delle più antiche professioni al mondo Nel 1500

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

Informazioni relative alla COLONSCOPIA E POLIPECTOMIA

Informazioni relative alla COLONSCOPIA E POLIPECTOMIA Informazioni relative alla COLONSCOPIA E POLIPECTOMIA 2 COS È LA COLONSCOPIA Il termine colonscopia indica una speciale tecnica che ci consente, attraverso l uso di un endoscopio, di esplorare l interno

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA CONVENZIONE CON ISTITUTO RAMAZZINI

ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA CONVENZIONE CON ISTITUTO RAMAZZINI ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI ATC SPA E FER SRL COME DA ORDINE DI SERVIZIO DEL 31-2-2012, L AZIENDA PUBBLICA DI

Dettagli

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE)

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE) BUONASERA A TUTTI E GRAZIE PER L'INVITO E L'OPPORTUNITA' CHE MI AVETE DATO DI RIFLETTERE SUL MIO LAVORO E DI CONDIVIDERE CON VOI QUESTE RIFLESSIONI IN RELAZIONE AL MANDATO DI QUESTA SERATA CHE E' RICOMINCIARE

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 1) LINEA DI ATTIVITA E TITOLO DEL PROGETTO: 16-3.1.1,16-3.1.1 a/b,17-3.1.2 Consolidamento,promozione e miglioramento

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it

SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it SC U.O. GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it M.04.F.CONS. REV. 2 DEL 26/03/2014 PAGINA 1 DI

Dettagli

Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA. Informazioni per le pazienti

Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA. Informazioni per le pazienti Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA Informazioni per le pazienti INDICE Che cos è e a cosa serve la pag. 3 Cos è un ciclo

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Workshop ONS Venezia, 26 maggio 2010 RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Tavola rotonda con le Regioni Gianni Amunni Istituto

Dettagli

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni In allegato all invito personale per la partecipazione al programma

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene

Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene Screening Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene Definizione Con il termine di screening, si intende un esame sistematico condotto con mezzi clinici, strumentali

Dettagli

www.italyontheroad.it

www.italyontheroad.it www.italyontheroad.it PREVENTION BREAST S CANCER PREVENZIONE DEL CANCRO AL SENO Informazioni generali e consigli. DIRITTO ALLA SALUTE PER TUTTE LE DONNE: partecipa ai programmi di prevenzione gratuiti

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Per seno e cervicocarcinoma già spedite nelle abitazioni degli utenti circa 8.000 missive di convocazione.

COMUNICATO STAMPA. Per seno e cervicocarcinoma già spedite nelle abitazioni degli utenti circa 8.000 missive di convocazione. REGIONE ABRUZZO AZIENDA SANITARIA LOCALE n. 1 Avezzano-Sulmona-L Aquila ---------------------------------- Sede Legale - Via Saragat 67100 L Aquila Ufficio Stampa Vittorio Tucceri 333/4647018 Giovedì 18-9-

Dettagli

Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino

Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino Screening del Cancro Colon Rettale (CCR) in Asl 5 Spezzino Gli screening oncologici Per la prevenzione dei tumori caratterizzati da lento accrescimento in Italia viene promossa la pratica dello screening

Dettagli

Prevenzione dei tumori del colon-retto

Prevenzione dei tumori del colon-retto Prevenzione dei tumori del colon-retto Il Carcinoma del Colon-Retto (CCR) rappresenta la seconda causa di mortalità neoplastica sia nei maschi, dopo quello del polmone, sia nelle donne dopo quello della

Dettagli

Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna

Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Non ti scordar di te Ricordati di partecipare agli screening del servizio sanitario regionale, e di fare solo gli esami che ti consiglia il tuo medico Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Non ti scordar

Dettagli

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale Progetto Donna e Salute Screening Citologico Azienda Ospedaliera e Ulss 16 di Padova Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale V.Savoca F.Sinigaglia M.Matteucci A.Del Mistro

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

FS procedura d esame

FS procedura d esame FS procedura d esame Preparazione Clistere (33 ml) auto-somministrato a domicilio 2 ore prima dell esame esame e ritirato gratuitamente in farmacia Esame eseguito in servizi di endoscopia ospedalieri Invio

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI HPV come test primario di screening 23-30 settembre 21-28 ottobre 2014 Cristina Larato PROTOCOLLO INVITO PAP TEST < 30 anni e rand cito Test HPV. Protocollo

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

L Informa-Tutti sui servizi per. la salute in Emilia-Romagna

L Informa-Tutti sui servizi per. la salute in Emilia-Romagna L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna IL NUOVO SERVIZIO INFORMATIVO CHE TI DICE dove andare cosa serve come fare quando hai bisogno di servizi sanitari e assistenza per te e per la

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Ins: nel laboratorio del Libro avevamo detto che qui, nel laboratorio multimediale, avremmo cercato qualcosa

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base l uso

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8!

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8! www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Quanto alcol sto

Dettagli

Cancro del Colon-Retto

Cancro del Colon-Retto Cancro del Colon-Retto Prevenzione, Screening e Sorveglianza Dott. Marco La Torre Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia Il carcinoma colon- rettale (CCR) è al

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2 PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 1) Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono

La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono La mammografia La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono essere considerati A. Salomon e Stafford L. Warren; all epoca la donna che si sottoponeva a questo

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita Tel@com srl GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Colloquio di vendita Il nostro processo comunicativo 1 Presentazione personale 2 Feeling 3Motivo dell'incontro 4 Presentazione Aziendale 5 Conferma

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli