La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate"

Transcript

1 La mobilizzazione del paziente anziano Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano 24 ottobre 2014 La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate Lombardi dr Giuseppe U.C.S.A. Fondazione Poliambulanza

2 PREVENZIONE valutazione del rischio ( scala di Norton, ecc. ) protezione da forze meccaniche ( piani di mobilizzazione, uso di supporti ) cura della cute e sostegno nutrizionale educazione sanitaria

3 %: incidenza nei reparti per acuti %: nelle RSA %: in assistenza domiciliare 70%: in persone di età > 70 anni %: pazienti diabetici - ulcera del piede

4 FATTORI CHE INFLUENZANO LA GUARIGIONE DELLE LESIONI Fattori Locali: disidratazione e secchezza cutanea macerazione (secrezione della lesione o da incontinenza del paziente) traumi ricorrenti tessuto necrotico insufficiente apporto di sangue pressione sulla ferita infezione della ferita

5 FATTORI GENERALI E SISTEMICI età del paziente situazione psico-sociale stato nutrizionale stato immunitario malattie metaboliche, vascolari, renali, immunologiche collagenopatie insufficienza cardiaca (funzione ventricolare sinistra) complicanze post-operatorie (tromboembolie, infezioni, intossicazioni) conseguenze da traumi acuti/shock (interventi con CEC) farmaci (corticosteroidi) iperpiressia

6 STADIAZIONE DELLE LESIONI CUTANEE La classificazione per stadi e la descrizione della lesione da decubito costituiscono il pre-requisito per l attuazione di protocolli di trattamento adeguati ed efficaci (evidenza C)

7 PERCHE UNA STADIAZIONE? omogeneità di linguaggio ( secondo me, oggi va meglio/peggio ) corretta trasmissione delle informazioni comparare le diverse rilevazioni effettuate in luoghi, in tempi e da persone diverse ( iconografia )

8 STADIAZIONE DELLE LESIONI CUTANEE perdita di sostanza

9 STADIO I iperemia della cute sana che non scompare dopo scarico della pressione

10 STADIO II lesione cutanea a spessore parziale che interessa l epidermide ed il derma (abrasione, vescicola)

11 STADIO III lesione cutanea a tutto spessore con degenerazione o necrosi del tessuto sottocutaneo ( estensione alla fascia)

12 STADIO IV degenerazione massiva, necrosi tessutale, danno muscolare ed osseo con lesione cutanea a tutto spessore

13 STADIAZIONE DELLE LESIONI CUTANEE colore 1979 AGRIS e SPIRA 1984 WOUND CARE CONSULTANT SOCIETY (WCS) MARION LABS

14 LESIONI DI TIPO MISTO presenza di vari tipi di tessuto che comprendono vari colori colore Lo stadio è indicato dal tessuto con grado più grave

15 REAZIONE DEI TESSUTI ALLE LESIONI La riparazione dei tessuti è costituita da un processo dinamico: infiammazione formazione di tessuto di granulazione rimodellamento tessutale ( fattori umorali, cellule, matrice extracellulare )

16 LA GUARIGIONE IN AMBIENTE UMIDO La rigenerazione cellulare avviene per migrazione delle cellule dermiche, che scivolano le une sulle altre dai bordi e dal fondo della lesione, per un meccanismo definito a salto di rana L essiccamento, la presenza di tessuto necrotico e di detriti rallentano questo processo L ambiente più favorevole alla ricostruzione del tessuto è l ambiente umido

17 MEDICAZIONI TRADIZIONALI Antisettici Creme, spray, paste collagenasi, ac. jaluronico, ZnO, collagene, estratti vegetali, fibrinolisina, antibiotico Garze impregnate cotone impregnato con vari prodotti: paraffina, vaselina, ac. jaluronico, collagene, jodoformio, ZnO, Adsorbenti compresse multistratificate in cotone

18 MEDICAZIONE AVANZATA Materiale di copertura delle lesioni che abbia caratteristiche di bio-compatibilità e che garantisca la creazione di un ambiente umido nell interfaccia tra lesione e medicazione. Accelera la riparazione tissutale perchè: mantiene un ambiente umido a contatto con la lesione permette lo scambio gassoso di O2, CO2 e vapore acqueo favorisce l isolamento termico e batterico ha potere adsorbente non aderisce all area cutanea lesa favorisce l autolisi della necrosi

19 MEDICAZIONE AVANZATA L utilizzo delle medicazioni avanzate è sconsigliato in caso di: - sanguinamento - tragitti fistolosi non esplorati - allergia ai componenti della medicazione - tumori cutanei - gangrena umida Se impiegate in modo appropriato offrono vantaggi come: - efficacia clinica - qualità di vita del paziente - economicità

20 PRODOTTI PER LE MEDICAZIONI AVANZATE favorenti la granulazione alginati / idrocolloidi / collageni medicazioni occlusive idrocolloidi / pellicole medicazioni semipermeabili pellicole / schiume di poliuretano Idrogel gel a base acquosa medicazioni interattive modulatori delle metallo-proteasi medicazioni biologiche pellicola di origine vegetale

21 IDROCOLLOIDI ( puri o composti ) Sistemi costituiti da più strati: la parte a contatto con la lesione è formata da sostanze assorbenti e gelificanti; la parte più esterna è fatta di poliuretano. Tra le due ci può essere uno strato di schiuma. Possono contenere adesivi. Interagiscono lentamente con gli essudati assorbendoli e trasformandosi in un gel. Rimangono impermeabili.

22 ALGINATI ( puri o composti ) Derivano da alghe brune e sono fatti di fibre morbide, non tessute. A contatto con l essudato tendono a trasformarsi in un gel di consistenza variabile. Possono essere associati a idrocolloidi, calcio o zinco. Assorbono e creano un ambiente umido. Possono avere una qualche azione emostatica

23 PELLICOLE IN POLIURETANO Sottili pellicole di materiale plastico ricoperte di adesivo, che aderisce solo sulla cute integra, impermeabili ai batteri ma non ai vapori. Mantengono un ambiente umido e una temperatura costante

24 SCHIUME IN POLIURETANO Schiume con potere idrofilo, assorbono gli essudati e sono permeabili ai vapori. Non lasciano residui. Rimangono impermeabili.

25 TRATTAMENTO LOCALE DETERSIONE: sol.fisiologica / ringer lattato / H2O DISINFEZIONE: l utilizzo dei disinfettanti locali è limitato dalla loro tossicità sulle cellule e verso alcuni fattori chemiotattici che favoriscono la riepitelizzazione

26 CONTAMINAZIONE COLONIZZAZIONE INFEZIONE Il laboratorio ci può aiutare poco. Per calcolare la carica batterica. occorre il rapporto fra il numero di batteri e la superficie interessata (= biopsia) Il tampone della ferita non deve essere utilizzato di routine perché la diagnosi di infezione della lesione rimane clinica E consigliato agire localmente con abbondante detersione seguita da disinfezione e l utilizzo di medicazioni antisettiche; gli antibiotici usati per via sistemica possono non raggiungere il tessuto infetto ischemico

27 DISINFEZIONE necrosi, detriti, infezioni evidenti o sospette, elevato rischio di colonizzazione batterica, nei soggetti a rischio di infezione Si raccomanda di: evitare prodotti citotossici evitare soluzioni colorate non abusare di H2O2, sostanze jodate e antibiotici topici preferire prodotti come clorexidina in soluzione non alcoolica 0.015%, ipoclorito di sodio 0.05%

28 CAMBIO MEDICAZIONE Le medicazioni dovrebbero rimanere in sede: in base alle condizioni cliniche in accordo con le raccomandazioni del produttore La lesione cutanea non infetta e granuleggiante andrebbe affrontata come una ferita chirurgica normale, cioè medicata il meno possibile

29 NON ESISTE una medicazione ideale che vada bene per tutti gli stadi della lesione Lo stesso prodotto non è efficace con la stessa intensità nelle varie fasi della riparazione tessutale

30 LESIONE INFETTA Obiettivo: abbattere la carica batterica 1. detersione ( sol. fisiologica o Ringer-lattato o H2O ) 2. disinfezione 3. medicazione: alginato + Ag / schiuma + Ag (garza jodoformica) 4. cambio medicazione. max 2 giorni

31 LESIONE NECROTICA (ASCIUTTA) Obiettivo: rimozione del tessuto non vitale, necrotico (debridment) 1. detersione (sol. fisiologica / Ringer-lattato / H2O ) 2. medicazione (pellicola di poliuretano / idrogeli / idrogeli + pellicola di poliuretano 3. rimozione chirurgica, parziale o totale (se c è sospetto di raccolta sottostante o se i bordi cominciano a staccarsi) 4. cambio medicazione..

32 LESIONE NECROTICO-FIBRINOSA (CON ESSUDATO) Obiettivo: rimozione del tessuto non vitale, necrotico debridment)/controllo del processo infettivo 1. Detersione (soluzione fisiologica/ringer Lattato/ H2O ) 2. Disinfezione 3. Medicazione: - schiuma di poliuretano - alginato/carbossimetilcellulosa 4. Cambio medicazione: max 2 giorni

33 LESIONE GRANULEGGIANTE (DETERSA, POCO ESSUDATO) Obiettivo: prevenire l essiccamento della lesione/ evitare la macerazione della cute peri-lesionale/ favorire la ricostruzione tissutale 1. detersione (soluzione fisiologica/ringer Lattato/ H2O) 2. disinfezione (?) 3. medicazione: - schiume sottili/garze impregnata/collagene - pellicola di poliuretano o garza di cotone come medicazione sec. 4. cambio medicazione: 2-3 giorni

34 LESIONE GRANULEGGIANTE (DETERSA, MOLTO ESSUDATO) Obiettivo: ridurre la quantità di essudato/ prevenire l essiccamento della lesione/ evitare la macerazione della cute perilesionale/ favorire la ricostruzione tessutale 1. detersione (soluzione fisiologica/ringer Lattato/ H2O) 2. disinfezione (?) 3. medicazione: - alginati/schiume - pellicola di poliuretano o garza di cotone come medicazione secondaria 4. cambio medicazione: 2 giorni

35 LESIONE IN FASE DI RIEPITELIZZAZIONE Obiettivo: favorire la ricostruzione tessutale/proteggere la cute neoformata 1. detersione ( sol. fisiologica o Ringer-lattato o H2O) 2. medicazione: schiuma di poliuretano 3. cambio medicazione: 3 giorni

36 IL G.P.

37 IL GEL PIASTRINICO È un EMOCOMPONENTE ( ad uso non trasfusionale ) È un Concentrato di piastrine ( Plasma Ricco di Plt ) lavorato al fine di ottenere un prodotto di consistenza gelatinosa in modo da renderne stabile l applicazione ( è un coagulo attivato con promotori della coagulazione: trombina e calcio ) Gli effetti rigenerativi e riparativi del GP su tessuti e ossa erano già conosciuti negli anni 70. Da alcuni anni viene utilizzato anche in Italia, soprattutto da atleti e sportivi.

38 Campi di applicazione Chirurgia ortopedica Chirurgia maxillo-facciale Odontostomatologia Nuovi campi di applicazione Patologia legamentosa del gomito Patologie tendinee Lesioni cartilaginee articolari Patologia degenerativa discale (neurochirurgia mininvasiva) Lesioni oculari Lesioni timpaniche ULCERE ( traumatiche, vascolari, da pressione, da radionecrosi )

39 Osservazione Il gel piastrinico, pur trovando indicazione terapeutica topica, quindi al di fuori della classica somministrazione infusionale/trasfusionale, mantiene qualità biologica e giuridica di prodotto derivato dal sangue umano e perciò soggiacente alla normativa specifica (legge 219/2005 e relativi decreti applicativi; Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n 191)

40 TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA LOCALE V.A.C. Therapy = Vacuum Assisted Closure NPWT = Negative Pressure Wound Therapy TNP = Topical Negative Pressure Applica una pressione subatmosferica (negativa) sul letto della ferita utilizzando un dispositivo di aspirazione ed un apposito sistema di medicazione. Velocizzare il processo di guarigione delle lesioni cutanee

41 Irrigare la ferita con soluzione Fisiologica, ponendo attenzione alle sottominature e alle tunnellizzazioni Detersione della ferita

42 Inserire la schiuma o il filler in garza

43 Coprire la medicazione con il film adesivo

44 Praticare un foro di circa 2 cm sul film e posizionare il pad (dispositivo per l aspirazione)

45

46

47 Strumenti pompe medicazioni

48 FORZA DELLE EVIDENZE A. la raccomandazione è supportata da evidenze scientifiche dirette, provenienti da ampi studi controllati, randomizzati, con risultati conclusivi (basso rischio di errore) B. la raccomandazione è supportata da evidenze scientifiche dirette, provenienti da piccoli studi randomizzati, da studi non randomizzati o da serie di casi con nessun controllo (moderato/alto rischio di errore) C. la raccomandazione è supportata da evidenze scientifiche indirette e/o da opinione di esperti

49 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E SITOGRAFIA ASL Brescia Regione Lombardia : Le ulcere da pressione: prevenzione e trattamento. Manuale di buona pratica assistenziale - operatori - altre professioni sanitarie - infermieri - 22/12/2011 Commissione Regionale Dispositivi Medici: Le medicazioni avanzate per il trattamento delle ferite acute e croniche. Dalle evidenze della letteratura alla pratica quotidiana. febbraio 2012 (Regione Emilia Romagna) Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola- Malpighi: Linee Guida Prevenzione e Trattamento delle lesioni da pressione, 2010

50

51

52 LESIONE DA DECUBITO SACRALE

53 LESIONE DA DECUBITO SACRALE

54 QUANDO IL GEL PIASTRINICO? Di fronte al fallimento di altre terapie Ulcere di vecchia data Ulcere infette Ulcere di difficile gestione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione Medicazioni avanzate Clinica Dermatologica Università di Pisa Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Direttore : Prof. G.Cervadoro Medicazioni avanzate: definizione Materiale di copertura

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I II Soluzione fisiologica o Ringer lattato pellicola semipermeabile

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera di Genova

E.O. Ospedali Galliera di Genova E.O. Ospedali Galliera di Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. Farmacia/S.C.Chirurgia Vascolare/S.C.Malattie

Dettagli

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO GIORNATA GERIATRICA REGIONALE CASERTA 16.10.2014 LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO Dott. ANTONIO MAZZEI Specialista Chirurgo del Territorio Asl Na 2 Nord Vacuum Assisted Closure

Dettagli

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione OBIETTIVI Garantire l integrità

Dettagli

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP]

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] Gestione del rischio clinico guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali ********** Capitolato Tecnico I prodotti oggetto della presente procedura devono essere conformi alle normative

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI GARZE IN TNT M0202010102 1A 1 compresse in tnt prepiegate, minimo 4 strati, non sterili, in confezioni da

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive.

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. Approccio terapeutico alle lesioni cutanee croniche deve seguire due direttive principali: Terapia locale

Dettagli

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate Approfondimenti L uomo da sempre ha cercato di migliorare il naturale processo di guarigione delle lesioni ulcerative. Infatti fin dai tempi degli antichi greci e degli egizi, soluzioni di acqua e sale,

Dettagli

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA OSSERVAZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE A cura di FASSIO ELISA PERONO MININO LAURA LESIONE DA PRESSIONE ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL DERMA E GLI

Dettagli

PELLICOLE TRASPARENTI (films)

PELLICOLE TRASPARENTI (films) PRESSIONE 1/11 PELLICOLE TRASPARENTI (films) NOMI COMMERCIALI Sono sottili membrane trasparenti di poliuretano con uno strato adesivo acrilico ipoallergico. Sono medicazioni non assorbenti, permeabili

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DELLE ULCERE CUTANEE ACUTE E CRONICHE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE ULCERE DA PRESSIONE Angelo Iannace Nelle

Dettagli

LESIONI DA PRESSIONE

LESIONI DA PRESSIONE PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE PROCEDURE OGGETTO: la presente procedura viene redatta per uniformare le modalità di trattamento delle LdP. SCOPO: fornire modalità

Dettagli

Eziopatogenesi. Definizione di piaga da decubito

Eziopatogenesi. Definizione di piaga da decubito Definizione di piaga da decubito Lesione tessutale con evoluzione necrotica, che interessa la cute, il derma, e gli strati sottocutanei, fino a raggiungere negli stadi più gravi i muscoli e le ossa Eziopatogenesi

Dettagli

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento U.O.S.D. di Chirurgia Vascolare A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico Milano Responsabile: dr. MP Viani Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento Dott. Paolo Insalaco Dirigente

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott..

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott.. Casa di Cura VILLA PIA Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau LESIONI DA DECUBITO Dott.. Sergio Barberini 1 Definizione Una piaga da decubito è una lesione tessutale con evoluzione

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

LE ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI:LA QUALITA INTEGRATA NELLA RELAZIONE CON IL PAZIENTE

LE ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI:LA QUALITA INTEGRATA NELLA RELAZIONE CON IL PAZIENTE LE ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI:LA QUALITA INTEGRATA NELLA RELAZIONE CON IL PAZIENTE Sistemica Diretta a correggere la malattia di base Terapia delle ulcere Locale Diretta a stimolare e correggere il normale

Dettagli

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO A cura di: Cristinelli Carolina Moscatelli Annalisa Viola Annalisa Anno Accademico 2005/06 INDICE

Dettagli

Trattamento delle lesioni da decubito

Trattamento delle lesioni da decubito Dossier http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad Informazioni dalla letteratura scientifica per una buona pratica infermieristica Trattamento delle lesioni da decubito Nonostante il trattamento delle

Dettagli

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE O VEGA Gel 3 Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE Dopo l applicazione di O3 VEGA Gel vengono liberati dal Dispositivo Medico perossidi oleosi in modo graduale e continuo per un periodo prolungato

Dettagli

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA Criteri di utilizzo Casi Clinici Cristian Nicoletti Responsabile Servizio Piede Diabetico e Vulnologia ( Vr ) Casa di Cura Dr Pederzoli Spa - Peschiera del Garda www.piede-diabetico.com

Dettagli

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT n. 2 Marzo 2013 1 TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO A cura di: Inf Barbara Boin Inf Lucia Campullu Inf Melissa Mazzetti Inf Elena Piccinelli Inf Angela Tenace 2 LESIONI

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione)

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) LE FERITE Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) Il 5,4 % degli accessi in Ps è dovuto a ferite Le ferite traumatiche sono più frequenti alle mani al volto

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

LE MEDICAZIONI AVANZATE. Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera

LE MEDICAZIONI AVANZATE. Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera LE MEDICAZIONI AVANZATE Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera Il dito nella piaga? Dal punto di vista dell'evidence Based Medicine, esistono ancora oggi aree d'incertezza in merito all'efficacia sia

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

Definizione di piaga da decubito

Definizione di piaga da decubito Definizione di piaga da decubito lesione tessutale con evoluzione necrotica, che interessa la cute, il derma, e gli strati sottocutanei, fino a raggiungere negli stadi più gravi i muscoli e le ossa Non

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE 1. OGGETTO

UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE 1. OGGETTO UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE PO_UOSDAD_LDP Pagina 1 di 30 1. OGGETTO La seguente procedura descrive le modalità previste per il trattamento locale

Dettagli

CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30

CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30 Innesto Eterologo 98 derma sostitutivo CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30 misura cm 8x10 8x120 è indicata per il trattamento di lesioni cutanee di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003

PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003 PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003 TRATTAMENTO Stadio Detersione Medicazione Cadenza Area circostante I con soluzione

Dettagli

Liliana CIANNARELLA. Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI. A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese. Anno 2013

Liliana CIANNARELLA. Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI. A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese. Anno 2013 E GIUSTO SOFFRIRE DI LESIONI DA PRESSIONE Liliana CIANNARELLA Angela LIBARDI Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese Anno 2013 1 PERCHE UN PROBLEMA RILEVANTE

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Associazione italiana ulcere cutanee A.I.U.C. Napoli 8/11 Novembre 2006 Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Giuseppe Nebbioso DISTRETTO SANITARIO di BASE 53 Unità

Dettagli

Evidenza clinica Cutimed Advanced wound care

Evidenza clinica Cutimed Advanced wound care Evidenza clinica Advanced wound care I prodotti di medicazione avanzata hanno dimostrato la loro effi cacia nella gestione di molte tipologia di ulcere diffi cili. Sul sito www.cutimed-sorbact.com è possibile

Dettagli

WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE

WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE 1 PRIMARY WOUND DRESSING 1PWD WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE PHYTOCEUTICALS AG OVERVIEW E una compagnia svizzera fondata nel 2007 che si occupa di: Sviluppo di medicine basate su estratti naturali Applicazioni

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

FERITE APERTE DA MORSO

FERITE APERTE DA MORSO FERITE APERTE DA MORSO dal primo soccorso alla chirurgia ricostruttiva Dott. Roberto Pedrale Dott. Igor Valtorta - Dott. Filippo Boriani Istituto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Università degli Studi

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical è una società inglese che produce medicazioni avanzate e gode di una ampia reputazione in Inghilterra e nel mondo. La mission

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI

LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI Centro di Riabilitazione Motoria Volterra Giugno 2013 LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI Antonio Miceli e Riccardo Moretti LESIONI DA PRESSIONE - PREVENZIONE E

Dettagli

La gestione delle lesioni cutanee

La gestione delle lesioni cutanee Università degli Studi di Pisa Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica La gestione delle lesioni cutanee Pisa, 2011 F U di rancesco ccelli Infermiere in Terapia Intensiva Neurochirurgica

Dettagli

GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI MEDICAZIONE SPECIALE E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART

GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI MEDICAZIONE SPECIALE E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI MEDICAZIONE SPECIALE E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO DOLORE NOCICETTIVO È solitamente ben localizzato, acuto

Dettagli

2. Scopo Garantire omogeneità alle modalità operative relative a prevenzione, trattamento e monitoraggio delle LdP.

2. Scopo Garantire omogeneità alle modalità operative relative a prevenzione, trattamento e monitoraggio delle LdP. Direzione Sanitaria Aziendale Protocollo Prevenzione, trattamento e monitoraggio delle Lesioni da Pressione negli utenti dei Servizi aziendali Redazione Cognome/Nome Prof. Martini Mauro Dott. Romagnoni

Dettagli

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali tra loro eppure ogni ferita necessita

Dettagli

èè una delle complicanze più temute del

èè una delle complicanze più temute del Nuove FRONTIERE Sostituti dermici, onde d urto e tutte le nuove terapie per curare il piede diabetico. èè una delle complicanze più temute del diabete e la parola amputazione è lo spauracchio di molti

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

Sheet1. circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante. circa cm 10 x cm 10 4.000 similari per ferite con

Sheet1. circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante. circa cm 10 x cm 10 4.000 similari per ferite con RIF. DESCRIZIONE MISUR FBBISOGNO NNUO Medicazioni assorbenti sterili contenenti alginati di calcio o circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante LOTTO 1 CIG 621638425C BSE

Dettagli

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej Commissione per la prevenzione, sorveglianza e trattamento delle lesioni da pressione Presidente dr. Rosolino Trabona S.C. Servizio

Dettagli

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O.

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O. Prevenzione le Lesioni da Pressione Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: S. Salvati, E. Fenicia, A. ispo, V. Crivaro Contenuti: Compiti e esponsabilità Definizione

Dettagli

Introduzione alla medicazione delle ferite Medicazioni pronte Non sterili Accessori Sterili Sterili post-operatorie Sterili per aghi cannula

Introduzione alla medicazione delle ferite Medicazioni pronte Non sterili Accessori Sterili Sterili post-operatorie Sterili per aghi cannula La Medicazione pagina Introduzione alla medicazione delle ferite 4 Funzioni della medicazione 5 Metodi di trattamento delle ferite 5 Medicazioni pronte 6 Non sterili 6 Covermed 6 Coverplast Latex-free

Dettagli

DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica

DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica PROTOCOLLO PER IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE Gruppo di Lavoro CPSI Coordinatore U.O.C. III Medicina Sonia Silvestrini

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

Liliana CIANNARELLA. Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI. A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese. Anno 2014

Liliana CIANNARELLA. Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI. A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese. Anno 2014 E GIUSTO SOFFRIRE DI LESIONI DA PRESSIONE Liliana CIANNARELLA Angela LIBARDI Concetta TALARICO Paola TRASPEDINI A.O. Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese Anno 2014 1 PERCHE UN PROBLEMA RILEVANTE

Dettagli

PROCEDURA. Procedura di indirizzo per la gestione delle lesioni da decubito: dalla prevenzione al trattamento

PROCEDURA. Procedura di indirizzo per la gestione delle lesioni da decubito: dalla prevenzione al trattamento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE BASILICATA Asl 4 - Matera SERVIZIO ASSISTENZA Pagina 2/19 SOMMARIO 1. SCOPO/OBIETTIVO...3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI...3 4.

Dettagli

WOUND CARE IN VETERINARIA

WOUND CARE IN VETERINARIA WOUND CARE IN VETERINARIA SEMPLICE. NATURALE. EFFICACE. one VET one VET è una innovazione per la terapia delle ferite specificamente formulato da una combinazione di estratti oleosi di Neem e Iperico che

Dettagli

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

CATALOGO ADESIVI CUTANEI

CATALOGO ADESIVI CUTANEI CATALOGO ADESIVI CUTANEI Rev 2015 ADESIVI CUTANEI Dermabond AHVM12 CODICE: AHVM12 Dermabond è un adesivo topico cutaneo liquido a base di 2-octil-cianoacrilato di colore viola (Violetto D&C N. 2 ). L alta

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

LE ULCERE DA DECUBITO. A.Bruttocao

LE ULCERE DA DECUBITO. A.Bruttocao LE ULCERE DA DECUBITO A.Bruttocao Premessa Le ulcere da decubito (UDD) nei pazienti anziani, sono causa di modificazioni strutturali cui vanno incontro la cute ed il tessuto sottocutaneo con conseguenti

Dettagli

Il supporto nutrizionale nel paziente con lesioni ulcerative cutanee. Dott Renato Borrelli Medico

Il supporto nutrizionale nel paziente con lesioni ulcerative cutanee. Dott Renato Borrelli Medico Il supporto nutrizionale nel paziente con lesioni ulcerative cutanee Dott Renato Borrelli Medico U.O. Dietetica e Nutrizione Clinica - ASL LECCE Fattori che aumentano il rischio di sviluppare ulcere da

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004 LA CHIRURGIA PLASTICA DELLE ULCERE DIFFICILI: LE LESIONI DA DECUBITO Dott. Pasquale Ziccardi U.O. di Chirurgia Plastica -Fondazione S. Maugeri-IRCCS Istituto di Telese Terme (BN) III Corso avanzato di

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito

l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito scarica la versione per ios l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito scarica la versione per android Woumed è un nuovo rivoluzionario

Dettagli

Le lesioni cutanee da compressione. Roberto De Gesu

Le lesioni cutanee da compressione. Roberto De Gesu Le lesioni cutanee da compressione Roberto De Gesu 1 Con il termine lesioni da pressione, si indicano quelle lesioni cutanee conosciute anche come ulcere da decubito o ferite da letto (bed sores). Consistono

Dettagli

È controindicata l applicazione di gel piastrinico su lesioni di natura oncologica o sede di exeresi di lesioni neoplastiche.

È controindicata l applicazione di gel piastrinico su lesioni di natura oncologica o sede di exeresi di lesioni neoplastiche. 1/5 APPLICAZIONE DI GEL PIASTRINICO AUTOLOGO Il gel piastrinico autologo è un emocomponente a uso topico (locale), non trasfusionale (senza infusione nel torrente circolatorio), ottenuto partendo dal sangue

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Le medicazioni avanzate

Le medicazioni avanzate Le medicazioni avanzate Perché un ulcera non guarisce?...2 Perché utilizzare medicazioni avanzate?...6 Che tipo di medicazione scegliere?...8 Quali sono le principali classi di medicazioni avanzate?...10

Dettagli

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009 Corticosteroidi topici 14.1.2009 Effetti degli steroidi topici! Si tratta dei farmaci più frequentemente prescritti e usati in ambito dermatologico.! Attività antinfiammatoria! Attività antimitotica! Attività

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica. I piani terapeutici. CPSE Annalisa Bagnati Sig.

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica. I piani terapeutici. CPSE Annalisa Bagnati Sig. Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica I piani terapeutici CPSE Annalisa Bagnati Sig.ra Tiziana Zambon Presso la s.s.v.d. AIP pervengono i piani terapeutici per: medicazioni

Dettagli

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE LE ULCERE VASCOLARI DELL ARTO INFERIORE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 ARTO INFERIORE Struttura complessa dell apparato motorio Possiamo distinguere tre grandi aree Coscia Gamba Piede La gamba si caratterizza per problematiche

Dettagli

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD CND M04010102 Dispositivo medico - Marcatura di conformità CE secondo D. Leg.vo 46/97 e successive modifiche attuativo della Dir. CEE 93/42 - Classe IIa - Organismo Notificato BSI British Standard Institution

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E DELLA SALUTE

Dettagli

GESTIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

GESTIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO Emissione Revisione n. Data Realizzato da Autorizzato da Firme Cucchi Augusta CdL Infermieristica Direttore Dipartimento Silvano Troiani CdL Infermieristica Mercuri Maurizio CdL Infermieristica Dirigente

Dettagli

SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee

SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee 1 Convegno ANIMO Formazione, ricerca e clinica in medicina interna: dalla teoria alla pratica SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee Castelfranco Veneto 15 marzo 2013 Loris Zorzi- Responsabile

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Grande così Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Sistema monouso per la terapia a pressione negativa Smith & Nephew è al tuo fianco per ridurre

Dettagli

DISTRETTO INDICE PROTOCOLLO DI PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IN ASSISTENZA DOMICILIARE. Emesso in Giugno 2009

DISTRETTO INDICE PROTOCOLLO DI PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IN ASSISTENZA DOMICILIARE. Emesso in Giugno 2009 Pag 1/34 INDICE 1- INTRODUZIONE Pag. 2 2 - OBIETTIVI Pag. 2 3 - CAMPO DI APPLICAZIONE Pag. 2 4 SISTEMA DELLE RESPONSABILITA Pag. 3 5 ALGORITMO GESTIONE COMPLESSIVA DELLE LESIONI Pag. 4 6 - LEGENDA Pag.

Dettagli

Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement

Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement Focus on Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement Mario Marazzi Responsabile S.S. Terapia Tissutale, Centro di Riferimento

Dettagli

Guida pratica all utilizzo delle medicazioni avanzate nel wound care

Guida pratica all utilizzo delle medicazioni avanzate nel wound care Guida pratica all utilizzo delle medicazioni avanzate nel wound care IN RIFERIMENTO ALLA GARA REGIONALE MEDICAZIONI AVANZATE E SPECIALI (ID.11PRE033) e (ID.11PRE033.1) DIPARTIMENTO SERVIZI CONDIVISI, Servizio

Dettagli

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI Superfici pulite ( lavate e asciugate) Rispettare concentrazione e diluizione Modalità d uso e tempo di contatto Destinazioni d

Dettagli

DETERSIONE: D. Selettivo = rimozione soltanto del tessuto devitalizzato preservando quello vitale

DETERSIONE: D. Selettivo = rimozione soltanto del tessuto devitalizzato preservando quello vitale DETERSIONE E DISINFEZIONE Costituiscono i caposaldi della terapia locale. Rappresentano il primo approccio alla lesione prima ancora di compiere la medicazione. Si riallacciano alle più antiche tradizioni

Dettagli