Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott"

Transcript

1 Close window to return to IVIS Enciclopedia della Nutrizione clinica del cane Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Medico Veterinario, Scientific Publishing Manager, Royal Canin Communication Group Medico Veterinario, Capo del Nutritional Research Program, Royal Canin Research Center Medico Veterinario, Direttore del Scientific Communications, Royal Canin USA This book is reproduced in the IVIS website with the permission of Royal Canin. IVIS thanks Royal Canin for their support.

2 Philippe HENNET DMV, dipl AVDC, dipl EVDC Nutrizione e salute orale nel cane 1 - Anatomia e fisiologia Periodontopatia e igiene orale Il ruolo del cibo nell igiene orale Bibliografia Informazioni Nutrizionali Royal Canin

3 Nutrizione e salute orale nel cane Philippe HENNET DVM, Dipl AVDC, Dipl EVCD Laureato presso la Scuola Nazionale Veterinaria di Tolosa nel 1988, il Dr. Philippe Hennet ha condotto nel un progetto di ricerca in endodonzia canina con la Facoltà di Odontoiatria di Tolosa, che ha portato ad una tesi di dottorato in Veterinaria nel Ha continuato la sua ricerca nell ambito di un periodo di residenza clinica presso la Dentistry Section della University of Pennsylvania Veterinary School di Philadelphia nel Il Dottor Hennet è oggi specializzato in malattie orali e otorinolaringoiatria presso la sua struttura di Parigi. È stato assistente in odontoiatria della scuola nazionale veterinaria di Alfort dal Dal 1995 è anche stato il co-organizzatore scientifico del corso di Odontoiatria della European School for Advanced Veterinary Studies (ESAVS) del Lussemburgo. Diplomato presso l American Veterinary Dentistry College (AVDC) dal 1993, e presso l European Veterinary Dentistry College (EVDC) dal 1998, è autore di numerose pubblicazioni in inglese ed in francese. La periodontopatia è la più comune malattia del cavo orale del cane. Qualsiasi animale di questa specie ne è colpito in qualche misura nel corso della sua vita. Curiosamente, in confronto ad altre malattie spesso viene trascurata, anche se è possibile trattarla o perfino prevenirla con le opportune attenzioni. Nell igiene orale, i benefici di qualsiasi intervento terapeutico sono di breve durata se non vengono mantenuti nel tempo con le cure giornaliere da parte del proprietario. 412

4 1 - Anatomia e fisiologia Denti (Figure 1 e 2) FIGURA 1 - VEDUTA LATERALE DELLA DENTURA DEL CANE M2 (109/209) M1 (109/209) PM4 (108/208) PM3 (107/207) PM2 (106/206) PM1 (105/205) Denti superiori Incisivi: I1 (101/201) I2 (102/202) I3 (103/203) Canini (104/204) FIGURA 2 - VEDUTA FRONTALE DELLA DENTURA DEL CANE Incisivi Canini 1 - Anatomia e fisiologia M3 (311/411) M2 (310/410) M1 (309/409) PM4 (308/408) PM3 (307/407) Canini PM2 (306/406) Incisivi PM1 (305/405) { { Denti superiori Denti inferiori Il cane adulto possiede 42 denti. La formula dentaria per ogni emiarcata è: I 3/3; C 1/1; PM 4/4; M 2/3. Denti inferiori Incisivi: I1 (301/401) I2 (302/402) I3 (303/403) Canini (304/404) Gli incisivi, che sono molto più grandi nell arcata superiore, sono indicati (dalla linea intermedia della dentatura) col nome di picozzo, mediano e cantone. I primi mammiferi primitivi che comparvero 250 milioni di anni fa durante l era Mesozoica erano già in possesso di due emimandibole connesse ventralmente da una sinfisi ed articolate alla cavità glenoidea dell osso squamosale da parte di un condilo (articolazione temporomandibolare). I denti coperti di smalto erano suddivisi in incisivi taglienti, canini a sezione rotonda e molari per macinare o fare a pezzi il cibo, impiantati nei margini alveolari della mascella e della mandibola. I mammiferi del giorno d oggi mantengono queste caratteristiche anatomiche essenziali, con modificazioni che dipendono dalla dieta (Lavergne & coll, 1996). I carnivori sono difiodonti (cioè dotati di due serie successive di denti, decidui e permanenti) ed eterodonti (con differenti tipi di denti che svolgono funzioni diverse). Gli incisivi - denti prensili presenti in numero di tre per ciascuna emimandibola o emimascella - sono dotati di una sola radice. I canini conici sono denti laceranti adatti alla dieta di un carnivoro. I premolari possiedono due radici, con l eccezione del primo, che è in regressione e presenta una corona formata da tre cuspidi lungo una linea. Si ha un occlusione alternata delle corone dei premolari mascellari e mandibolari con la necessità di un diastema fra i denti. Fauci Nella specializzazione dei carnivori, l articolazione temporomandibolare è localizzata nell estensione del piano di occlusione. È formata da una profonda fossa mandibolare a sezione semicilindrica ed orientata trasversalmente, delimitata ventralmente da un potente processo retroarticolare nel quale si inserisce trasversalmente il condilo mandibolare allungato. Questo meccanismo nel cane permette principalmente di alzare ed abbassare la mandibola ed effettuare movimenti laterali, che sono essenziali per lacerare le prede (Lafond, 1929; Gaspard, 1967). Occlusione dei denti permanenti nel cane. Si noti la regolare alternanza dei premolari mascellari e mandibolari: la cuspide principale dei premolari mascellari è alloggiata nella parte intermedia dello spazio interdentale dei due premolari mandibolari. Il canino mandibolare è posto nello spazio interdentale fra il canino mascellare e il cantone, formando così una potente triade. Nei cani delle razze mesocefale e dolicocefale, ed in alcune brachicefale, gli incisivi formano una chiusura a forbice (la cuspide degli incisivi mandibolari è a contatto del cingolo di quelli mascellari). Ph. Hennet 413

5 1 - Anatomia e fisiologia Fisiologia della manducazione Il termine manducazione designa tutte le azione coinvolte nell assunzione del cibo, compresa la prensione, la masticazione, l insalivazione e la deglutizione (Verchère et al, 1992). Contrariamente all uomo, i carnivori non masticano il proprio cibo. Lo suddividono in brandelli che non vengono completamente schiacciati e sono scarsamente insalivati, ma vengono deglutiti rapidamente. La manducazione consiste principalmente nello spezzare grandi porzioni di cibo. In ambito selvatico, i canidi catturano la loro preda grazie ai potenti canini di cui sono dotati. Gli incisivi servono a tagliare e lacerare grandi pezzi, che vengono poi introdotti più in profondità nel cavo orale. Questa azione può essere coadiuvata da scatti della testa guidati dai muscoli della collottola. Il pezzo di cibo ad esempio una massa muscolare viene tagliato dalle forbici formate dalle cuspidi dei denti ferini mandibolari e mascellari (Figura 3). Per consentire questo fenomeno la superficie vestibolare dei denti ferini mandibolari deve venire a contatto di quella linguale dei denti ferini mascellari attraverso un apertura della sinfisi ed una torsione esterna del corpo della mandibola (Gaspard, 1967). FIGURA 3 - SFORZO DI TAGLIO (Da Gaspard, 1967) FIGURA 4 - ROTTURA PER ESTENSIONE (Da Gaspard, 1967) I II III I II La biomeccanica mandibolare consente un allineamento delle cuspidi dei denti ferini della mandibola e della mascella (I), per esercitare una forza di taglio (II) che recide il cibo quando la bocca viene chiusa (III). Trattenuto dalle cuspidi dei denti ferini, il cibo viene allungato da un movimento laterale che ne determina la rottura. In ogni dato momento lavora solo una branca della mandibola (Lafond, 1929). Quando il pezzo è molle e meno voluminoso, il cane può serrare le fauci senza portare i denti ferini a contatto. Lo stesso fenomeno avviene quando l animale lavora simultaneamente con le due emimandibole. Qui il pezzo viene spezzato attraverso un azione di estensione associata a forze di taglio. La deformazione è accompagnata da movimenti laterali. I carnivori strappano il corpo elastico e dilaniano i tessuti fibrosi mediante lacerazione, che consiste nel muovere violentemente i denti mandibolari di traverso rispetto a quelli mascellari. Il cibo viene sottoposto ad un violento stiramento, che esita nella sua rottura in corrispondenza del punto di minore resistenza (Figura 4). Di fronte ad un corpo lungo e rigido, come un osso, il cane lo immobilizza fra le zampe anteriori premendone una estremità contro il suolo ed afferrandone energicamente l altra nella bocca. Quindi, ruota la testa da un lato all altro per sottoporlo a movimenti di flessione e torsione. Il corpo così sollecitato infine si spezza nel punto dei denti ferini. Quindi, viene compresso e poi schiacciato fra il primo molare superiore e la cuspide tubercolare del dente ferino inferiore. Queste tecniche di frammentazione del cibo e le principali forze che si sviluppano spiegano i potenti muscoli masticatori che consentono ai carnivori di chiudere le fauci. 414

6 2 - Periodontopatia ed igiene orale A differenza di quanto avviene nell uomo, nel cane le carie dei denti sono molto rare. Uno studio su 435 animali di questa specie presentati presso una struttura veterinaria specializzata in odontoiatria ha riferito che solo in 23 casi (5,3%) era presente la carie (Hale, 1998). La più comune affezione orale del cane è la periodontopatia, alla quale è dedicata la maggior parte di questo capitolo. Periodontopatia La periodontopatia è il risultato di una lotta a livello tissutale (periodonzio = gengiva, osso alveolare, legamento periodontale e cemento) fra i batteri che si accumulano sulle corone dei denti (placca batterica dentale) e il sistema di difesa dell individuo (Figura 5). > Epidemiologia 0 La periodontopatia colpisce tutti i cani nel corso della loro vita, anche se la prevalenza varia in funzione della razza e dell individuo. L accumulo della placca batterica dentale sulle corone dei denti lungo la gengiva porta ad una reazione infiammatoria della gengiva stessa nota come gengivite. Tradizionalmente, le superfici esterne (vestibolari) dei denti sono colpite più gravemente di quelle interne (palatine o linguali), e i denti mascellari sono maggiormente interessati di quelli mandibolari (Rosenberg & coll, 1966; Isogai & coll, 1989; Harvey & coll, 1994) (Figura 6). FIGURA 5 - PERIODONTOPATIA Placca sopragengivale (in caso di gengivite) Batteri circondati da una matrice protettiva Mineralizzazione e trasformazione in tartaro Edema gengivale 2 - Periodontopatia ed igiene orale FIGURA 6 - CONFRONTO DELLA PLACCA DENTALE SUI DENTI DEI CANI DI PICCOLA TAGLIA (Hennet & coll, 2004) Punteggio di placca dentale (Logan & Boyce) Denti mascellari C P3 P4 M1 TOTALE Studio di 4 mesi su 18 cani di piccola taglia (< 10 kg), di 1-8 anni di vita. La placca dentale è generalmente molto comune sul quarto premolare e sul primo molare superiore. Influenza della taglia del cane I cani di piccola taglia (peso inferiore a 8 kg) vengono colpiti più precocemente ed in modo più grave, in particolare a livello degli incisivi e delle superfici interne dei denti (Harvey et al, 1994). Quanto più il cane è piccolo, tanto maggiore è il volume relativo dei denti nelle fauci. Di conseguenza, nel caso della periodontite, la graduale distruzione dell osso alveolare lungo la radice può minacciare la solida struttura mascellare/mandibolare. È stato dimostrato che il rapporto fra altezza della mandibola e altezza del primo molare nel cane diminuisce significativamente in associazione con la taglia dell animale (Gioso & coll, 2001) (Figura 7). La perdita di pochi mm di osso in uno Yorkshire Terrier ha conseguenze maggiori di quelle che ha in un cane di grossa taglia. Le fauci possono diventare così fragili che si verificano delle fratture. Nello Yorkshire Terrier, le malattie orali rappresentano la ragione primaria di richiesta di una visita veterinaria in tutte le fasce di età (Veterinary Medical Data Base, ). Punteggio di placca dentale (Logan & Boyce) Denti mandibolari C P3 P4 M1 TOTALE Placca sopragengivale e sottogengivale (in caso di periodontite) Formazione di una tasca periodontale Tasca periodontale Distruzione dell osso interradicolare 415

7 2 - Periodontopatia ed igiene orale Rapporto fra l altezza della mandibola/dente ferino (D/C) 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Peso del cane (kg) FIGURA 7 - RELAZIONE FRA IL PESO DEL CANE ED IL RAPPORTO ALTEZZA DELLA MANDIBOLA (D) / ALTEZZA DEL DENTE FERINO MANDIBOLARE (C) (Gioso et al, 2001) Yorkshire kg Peso in kg Numero di cani studiati Rapporto: altezza della mandibola / altezza del dente ferino (D/C) < 5,0 33 (14,1%) 0,64 ± 0.019a 5,0-10,0 31 (13,3%) 0,76 ± 0.020b 10,1-20,0 53 (22,7%) 0,87 ± 0.015c 20,1-30,0 45 (19,2%) 0,97 ± 0.016d > 30,0 72 (30,8%) 1,00 ± 0.013e Il valore medio del rapporto D/C dei cani di peso inferiore a 5 kg è di 0,64, in confronto ad 1 per quelli che pesano più di 30 kg. Ciò significa che l altezza del dente ferino mandibolare di un cane di piccola taglia è quasi il doppio di quella delle fauci stesse (Gioso et al, 2001). È indicata la registrazione per lo Yorkshire Terrier, che ha un rapporto di 0,49. A = linea che unisce gli apici del dente ferino mandibolare, B = linea lungo la corticale ventrale mandibolare, C = altezza del dente ferino mandibolare, D = altezza della mandibola Radiografia del dente ferino mandibolare di un cane Influenza dell individuo La transizione dalla gengivite alla periodontite è un fenomeno specifico di ciascun individuo. Dipende dalla limitazione dello sviluppo dell infezione attraverso l igiene orale e/o il sistema immunitario locale del soggetto. Influenza dell età Uno studio ha dimostrato che nell 80% dei cani con più di 6 anni di vita portati alla visita con una periodontite moderata o grave era presente una distruzione dell osso (Hamp et al, 1984). La placca dentale sopragengivale viene gradualmente mineralizzata e trasformata in tartaro dalle secrezioni salivari. Il tartaro può diventare visibile poche settimane dopo che la placca ha iniziato ad accumularsi. In uno studio su giovani Beagle, a partire dall età di 26 mesi nel 95% dei casi era presente un notevole accumulo di tartaro, nonché una grave infiammazione gengivale accompagnata da periodontite (Rosenberg et al, 1966). La periodontopatia si aggrava naturalmente con l età. Esiste una significativa correlazione statistica fra l età e l indice gengivale (intensità dell infiammazione), quello del tartaro (quantità di tartaro), quello di mobilità del dente e quello di biforcazione (importanza del riassorbimento osseo interadicolare) (Harvey & coll, 1994). Ph. Hennet Gengivite nel cane. Accumulo di placca dentale con graduale formazione di tartaro, responsabile dell infiammazione della gengiva senza distruzione dei tessuti più profondi. Influenza del sesso Nella specie canina non è stata dimostrata alcuna predisposizione legata al sesso. > Le cause della malattia La placca batterica dentale è una pellicola batterica naturale (biofilm) che si sviluppa sulla superficie dei denti (Overman, 2000) (Figura 8). Nella cavità orale sono stati registrati più di 350 ceppi di batteri. Di conseguenza, la periodontopatia non è causata da uno solo. Questi microrganismi si accumulano dapprima in gran numero sulla superficie visibile dei denti (placca dentale sopragengivale) e poi dif- 416

8 fondono sotto la gengiva (placca sottogengivale). 1 mg di placca dentale contiene circa di batteri (Loesche, 1988). A contatto della gengiva, questi provocano naturalmente una reazione infiammatoria, nota come gengivite. I batteri che diffondono sotto la gengiva possono anche indurre gradualmente lesioni più profonde (distruzione della gengiva, anomalie del legamento periodontale, danneggiamento dell osso alveolare che sostiene il dente). Queste alterazioni situate in profondità allentano il dente, che diviene sempre più mobile. Ciò caratterizza la fase della periodontite. Il normale attacco del periodonzio al dente viene distrutto e migra verso l estremità della radice (perdita dell attacco) portando alla formazione di una tasca periodontale. La profondità di quest ultima dipende dalla concomitante velocità di recessione gengivale. FIGURA 8 - DENTE E GENGIVA SANI Placca sopragengivale Batteri Matrice contenente i batteri 2 - Periodontopatia ed igiene orale Il tartaro si forma per la graduale mineralizzazione della placca dentale determinata dai sali minerali (in particolare di calcio) apportati alla placca sopragengivale dalla saliva, oppure a quella sottogengivale dal fluido gengivale, in cui è immersa la fessura gengivale. Il tartaro non è responsabile della periodontopatia, ma una superficie ruvida costituisce un terreno ideale per lo sviluppo della placca batterica dentale. Nel caso della periodontopatia cronica, il tartaro è indivisibile dalla placca batterica dentale. Per consentire l eradicazione della seconda, bisogna eliminare il primo. Limitare la formazione del tartaro e, al tempo stesso, quella della placca batterica dentale è uno degli obiettivi dell igiene orale. Certi fattori (riduzione dell attività masticatoria, malocclusione dentale, persistenza di denti decidui, assenza di igiene orale) Il biofilm che costituisce la placca dentale è formato da numerosi batteri possono far progredire l accumulo della placca. Altri aspetti inseriti in una matrice glicoproteica che forma una sorta di colla naturale. che influiscono sulla capacità individuale di sviluppare una I batteri comunicano reciprocamente mediante segnali chimici che scatenano la produzione di proteine ed enzimi potenzialmente dannosi. normale reazione di difesa sono rappresentati da malattie sistemiche (diabete mellito, insufficienza renale, insufficienza epatica) e immunodeficienza innata o acquisita. La capacità individuale di sviluppare una reazione difensiva appropriata è un fattore innato. In generale il cane presenta un aumento di placca dentale e di accumulo di tartaro ed una gengivite più grave quando viene alimentato con cibi molli e appiccicosi piuttosto che con alimenti duri e fibrosi (Egelberg, 1965; Kaplan & coll, 1978). Questo apparente vantaggio dei cibi duri e fibrosi vale soltanto quando l alimento viene offerto sotto forma di pezzi di grandi dimensioni, che promuovono l uso dei denti. Igiene orale Anche se non tutti gli individui che presentano una gengivite sviluppano automaticamente una periodontite, la prima rappresenta lo stadio preliminare essenziale nello sviluppo della seconda. Il principio fondamentale dell igiene orale è quindi basato sul controllo della placca dentale sopragengivale. Uno studio su Beagle colpiti da periodontite lieve o moderata ha dimostrato che un trattamento periodontale professionale (ablazione, revisione sottogengivale e lucidatura) seguita da spazzolatura quotidiana contribuisce a ridurre la perdita iniziale dell attacco e assicura il mantenimento dei benefici ottenuti per un periodo di tre anni. In assenza di una spazzolatura quotidiana, che contribuisce a prevenire l approfondimento delle tasche e la perdita dell attacco, un trattamento periodontale aggiuntivo ogni 6 mesi nell arco di questo periodo non migliora la condizione periodontale, né lo fa lo stesso trattamento ogni 6 mesi (Morrison & coll, 1979). Periodontite nel cane. Distruzione del tessuto che assicura l attacco del dente. In mancanza di trattamento, ciò finisce per portare alla perdita del dente stesso. Ph. Hennet 417

9 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale A P. Hennet B L igiene orale può venire distinta in primaria (misure preventive attuate su gengive sane prima che si sviluppi la periodontopatia) e secondaria (prevenzione delle recidive, dopo un trattamento periodontale professionale di una periodontopatia preesistente). In tutti i casi, la prevenzione primaria è sempre auspicabile, perché va attuata più precocemente ed è quindi più efficace. Il cucciolo deve essere educato sin da un età molto giovane. L igiene orale si applica a tutti i cani e a tutte le razze, ma soprattutto a quelli piccoli e di taglia nana. > Spazzolatura La spazzolatura dei denti è lo standard aureo per il controllo della placca dentale sopragengivale. Nell uomo, è possibile vantare un efficacia dell ordine del 70% dell inibizione della placca dentale, almeno per le superfici vestibolari più accessibili (Mankodi et al, 1998; Van der Weijden et al, 1998). Studi condotti sui Beagle hanno dimostrato che la spazzolatura almeno tre volte alla settimana contribuisce a mantenere sane le gengive, mentre la stessa operazione una volta alla settimana non ci riesce (Tromp et al, 1986a). In presenza di gengivite, soltanto una spazzolatura quotidiana permette di ripristinare la sanità delle gengive (Tromp et al, 1986b). L unico studio clinico pubblicato sulla spazzolatura dei denti nel cane dimostra che, durante un periodo di 13 mesi, 49 proprietari su 51 (96%) si sono ricordati della cosa dopo ricevuto istruzioni sulla spazzolatura e 34 su 51 (67%) se ne sono ricordati dopo che era stato loro mostrato come spazzolare i denti; 15 proprietari su 51 (29%) spazzolavano sempre i denti del cane più volte alla settimana e 12 proprietari su 51 (24%) lo facevano ogni giorno o a giorni altern (Miller & Harvey, 1994). P. Hennet Aspetto dei denti dello stesso cane da destra (A) e da sinistra (B). A destra tutti i denti sono presenti ed i depositi di placca dentale e di tartaro sono molto scarsi. A sinistra il dente ferino mascellare è assente, il che significa che non si ha alcun effetto meccanico con quello mandibolare, portando ad un maggior accumulo di placca dentale e tartaro. Pur essendo un punto di riferimento per l igiene orale, la spazzolatura non è un compito facile da eseguire per i proprietari. L operazione può essere integrata dall impiego di sostanze chimicamente attive, fra cui la clorexidina è ancora la più efficace. In uno studio sui Beagle in cui è stato effettuato quotidianamente il massaggio dei denti e delle gengive con un gel dentale contenente clorexidina ed altri ingredienti, la placca dentale sulle superfici vestibolari è stata ridotta del 42-49% (Hennet, 2002). Indipendentemente dal fatto che questi prodotti vengano applicati mediante spazzolatura o massaggio, necessitano dell intervento del proprietario e della collaborazione dell animale. Queste limitazioni hanno naturalmente portato allo sviluppo di altri metodi di igiene orale che non richiedono l intervento diretto del proprietario. Questi mezzi indiretti comprendono le ossa da masticare a base di collagene, che possono o meno essere mangiate, e specifici alimenti per la salute dei denti. 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale Influenza della composizione del cibo Quando si modifica la composizione di un alimento, ma non la sua consistenza, non si osserva alcuna significativa influenza sullo sviluppo della periodontopatia. La carenza proteica non sembra avere alcuna conseguenza (Ruben et al, 1962). Una dieta proteico-lipidica (P-L) (50-50% sul peso secco) o l aggiunta di carboidrati (C) (60% C, 20% P, 20% L) non porta ad un aggravamento della periodontopatia (Carlsson & Egelberg, 1965; Egelberg, 1965). L osteopenia dell osso alveolare indotta dall iperparatiroidismo secondario con una causa nutrizionale (Ca/P = 0,1) non sembra influenzare l avvio e la progressione della periodontopatia (Svanberg & coll, 1973). Gli agenti attivi contro la placca dentale o il tartaro possono venire incorporati in una crocchetta o in una barra masticabile. Vengono poi rilasciati nell ambiente orale durante la masticazione. Sono stati studiati per primi gli agenti antitartaro come i polifosfati (Stookey et al, 1993). Questi sono polimeri dei fosfati (pirofosfato, polifosfato, esametafosfato), alcuni dei quali presentano delle proprietà di sequestro dei cationi bivalenti come il calcio (Figura 9). 418

10 La chelazione del calcio salivare è responsabile dell inibizione della formazione del tartaro. Per facilitarne il rilascio ed il contatto con il calcio presente nella saliva, i polifosfati devono essere incorporati nel rivestimento della crocchetta (Stookey & coll, 1993). L incorporazione può riguardare anche altri composti (polifenoli, oli essenziali, sali di ioni metallici, ecc.) che hanno mostrato un attività in vitro o in vivo sulla formazione della placca dentale. Sono necessari degli studi per valutarne l attività in queste condizioni, e per determinare il modo migliore per ottimizzare il rilascio di queste sostanze nel cavo orale (nel rivestimento esterno o nella crocchetta propriamente detta). Influenza della presentazione fisica del cibo Anche se sembra logico che un alimento molle o in pezzi molto piccoli non contribuisca alla funzione dei denti o alla manducazione dei canidi, l interesse per il ruolo svolto dal cibo è un fenomeno relativamente recente. FIGURA 9 - MECCANISMO DI CHELAZIONE DEL CALCIO SALIVARE DA PARTE DEL POLIFOSFATO DI SODIO 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale Studi condotti dai fisiologici hanno dimostrato che cani gastrectomizzati alimentati con un cibo molle sviluppavano una maggior quantità di tartaro (Ivy et al, 1931). In uno studio in cui un gruppo di cani è stato alimentato con fette di manzo intere, esofago, muscoli e un integrazione minerale e vitaminica e un altro gruppo è stato alimentato con lo stesso cibo macinato, i cani del secondo gruppo hanno presentato un maggior accumulo di placca dentale rispetto a quelli del primo (Egelberg, 1965). Molti altri studi hanno confermato questo fatto (Krasse & Brill, 1960; Kaplan et al, 1978). Oltre all assenza dell azione meccanica, un alimento molle può provocare una riduzione del flusso di saliva, una diminuzione delle secrezioni enzimatiche ed un atrofia funzionale (Sreebny, 1972). Tuttavia, non si può semplicemente giungere alla conclusione che un alimento sotto forma di crocchetta oppure duro sia generalmente più efficace di uno molle. Nello studio di Egelberg (1965) il fattore principale è il carattere fibroso del cibo piuttosto che la sua durezza. Uno studio multicentrico su 1350 cani del Nord America ha dimostrato che non esiste alcuna differenza significativa fra gli animali di questa specie alimentati esclusivamente con un cibo secco e gli altri. D altro canto, i cani che dispongono di un certo numero di oggetti da masticare presentano meno tartaro, meno casi di gengivite e meno alveolite di quelli che non ne hanno o ne hanno pochi (Harvey & coll, 1996). Il calcio libero (Ca 2+ ) nella saliva viene intrappolato da due molecole di polifosfato di sodio. Prende il posto di due ioni sodici (Na + ) ed è essenziale per la formazione del tartaro. Un alimento secco è potenzialmente utile per l igiene dentale se la forma e la consistenza delle crocchette sono specificamente studiate per una particolare taglia o razza di cane in modo da contribuire al meccanismo di spazzolatura passiva dei denti. Perché si eserciti un azione abrasiva sulla superficie del dente quando il cane mangia, la masticazione deve avvenire in modo tale che il dente penetri in profondità attraverso la crocchetta prima che questa si rompa. La taglia e la razza sono due parametri che influiscono sulla pressione esercitata sulla crocchetta al momento della prensione. Sono stati studiati dei dispositivi per valutare la soglia di penetrazione nella crocchetta prima che questa si frammenti. Ciò consente di confrontare vari tipi di prodotti di questo tipo (Figura 10). Forza (N) FIGURA 10 - FORZA NECESSARIA PER SPEZZARE LA CROCCHETTA: CONFRONTO FRA DUE DIFFERENTI TIPI DI CROCCHETTE PER CANI DI PICCOLA TAGLIA (Royal Canin, 2003) ,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 Distanza di penetrazione (mm) Crocchetta che si sfalda Crocchetta elastica Una crocchetta elastica che resista alla pressione esercitata su di essa per un periodo di tempo più lungo prima di spezzarsi consente al dente di penetrare più in profondità e quindi determina un effetto pulente più pronunciato. 419

11 Conclusione Il controllo dell igiene dentale con il cibo La possibilità di controllare la placca dentale e lo sviluppo della periodontopatia attraverso l azione meccanica di un osso da masticare o di specifici alimenti è stata recepita dall industria degli alimenti per animali da compagnia all inizio degli anni 90 del XX secolo. Sono stati condotti vari studi sul cane relativi a placca dentale, tartaro, colorazione e gengivite. Solo la placca dentale e la gengivite presentano un interesse di tipo medico. La colorazione dei denti, importante nell uomo per ragioni estetiche, non riveste interesse nel cane. Texturometro di laboratorio Royal Canin. Il texturometro viene utilizzato per misurare la resistenza della crocchetta alla forza delle fauci e dei denti del cane. Moduli intercambiabili simulano la forma e le dimensioni dei denti di cani di varie età e taglie. Dimensioni reali : 9 cm Dopo una settimana di alimentazione con una crocchetta specificamente studiata per l igiene orale, si è ottenuta una significativa riduzione del 19% della placca dentale in confronto al gruppo di controllo (Jensen et al, 1995). Più recentemente, si sono avute significative riduzioni del 39% della placca dentale e del 36% dell infiammazione gengivale dopo 6 mesi di alimentazione con lo stesso cibo fra cani di peso compreso fra 9 e 25 kg (Logan et al, 2002). In un altro studio sull effetto preventivo della somministrazione giornaliera di un osso alimentare nei cani del peso medio di 23 kg, è stata osservata una significativa riduzione della placca dentale all età di 12 e 21 mesi (ma non di 18 mesi) e della gengivite a 12, 18 e 21 mesi (Gorrel & Bierer, 1999). Sfortunatamente, le percentuali di riduzione non sono fornite in questo studio, ma un estrapolazione basata sui grafici dimostra una riduzione massima della placca dentale e della gengivite del 15-20%. Il miglioramento dell igiene orale ottenuto con il cibo o un integrazione della dieta è perciò un campodi ricerca in pieno sviluppo, che oltre all azione sul tartaro, deve anche esser rivolto alla placca dentale ed all infiammazione gengivale. Benché siano molto interessanti, i risultati sopracitati sono stati ottimizzati su cani di media taglia, che non rappresentano affatto il gruppo più gravemente colpito dalla periodontopatia. Quelli che pesano meno di 8 chili sono colpiti più gravemente dalla malattia. Gli studi devono essere condotti su razze specifiche (Yorkshire Terrier, Barbone, Bassotto, ecc..) per verificare se si possono ottenere gli stessi risultati. L autore ha condotto un indagine su 18 cani di piccola taglia (peso medio 7 kg) appartenenti ad uno di due gruppi a secondo della loro relazione genetica. Il gruppo di prova al quale è stata somministrata una barra masticabile per la cura dei denti ha presentato significative riduzione statistiche del 17% della placca dentale e del 45% del tartaro al termine di un periodo di valutazione di 4 mesi (Hennet, 2004). La metodologia di questi studi è stata messa in discussione, principalmente per quanto riguarda la valutazione della placca dentale (Hennet, 1999; Harvey 2002). Si potrebbe prendere in considerazione un miglioramento della metodologia per ottenere risultati che siano non solo statisticamente significativi, ma cosa più importante, biologicamente più significativi. Esempio di barra dentale per cani di piccola taglia che contribuisce a limitare l accumulo di placca dentale e tartaro. Si raccomanda di offrire per la prima volta questo tipo di integrazione dopo un trattamento di ablazione. La consistenza resistente, ma elastica, di questo tipo di barra richiede che il cane impieghi i propri denti per masticarla prima di inghiottirla. Conclusione Esistono vari modi per controllare la formazione della placca dentale e del tartaro attraverso la manducazione e tutti sono stati ampiamente studiati. La forma, la consistenza e l appetibilità del prodotto hanno ricevuto la massima attenzione, così come la possibilità di incorporare agenti chimici che agiscano sulla placca dentale, sul tartaro o sulla reazione infiammatoria. Queste innovazioni hanno indubbiamente determinato dei progressi nella prevenzione della periodontopatia. Stiamo assistendo ad una nuova era in nutrizione veterinaria. Dopo aver padroneggiato il cibo a livello dietetico, è necessario prendere in considerazione le specifiche caratteristiche di specie e delle varie razze. Oltre ad offrire un buon equilibrio nutrizionale, il cibo può anche svolgere un ruolo nella prevenzione di problemi di natura medica. Gli alimenti con un valore aggiunto nell igiene orale e le barre masticabili che favoriscono la masticazione ed hanno una consistenza che consente di sfruttare al massimo l effetto di autopulizia contribuiscono a ridurre l accumulo di depositi dentali e, forse, a prevenire la gengivite. Anche se la spazzolatura quotidiana resta il miglior modo per prevenire la periodontopatia, si raccomanda l impiego complementare di alimenti per la cura dei denti. 420

Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO

Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO Fino all 80% dei gatti ha problemi dentali I disturbi della salute orale sono molto diffusi

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it L OCCLUSIONE NEL CANE In medicina umana l ortodonzia si occupa del controllo e della correzione

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 1 DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA Denti e dentizioni DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 2 A seconda della loro morfologia distinguiamo quattro tipi di denti: - Gli incisivi - I canini - I premolari -

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 Educare i bambini ad acquisire e mantenere sane abitudini alimentari rappresenta un importante intervento di promozione alla salute Il progetto

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

Stomodine. Results. Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale.

Stomodine. Results. Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale. Evoluzione della Conoscenza Stomodine Results Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale. Pasquale D Urso Dr. Med. Vet. Giovanni

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI O IL PROFESSIONISTA È LA FONTE PRINCIPALE DI INFORMAZIONE, PER L 8% DEI PAZIENTI CHE SOFFRE DI PROBLEMI GENGIVALI 1 NUOVO colgate total pro-gengive sane riduce i problemi gengivali fino all 88% 2 Colgate_TPgH_AW.indd

Dettagli

«I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia

«I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia «I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia IL DENTE CORONA RADICE SMALTO DENTINA CEMENTO RADICOLARE POLPA OSSO ALVEOLARE GENGIVA

Dettagli

Vocaboli utili parlando di denti:

Vocaboli utili parlando di denti: Simona Minozzi Divisione di Paleopatologia, Storia della Medicina e Bioetica Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina Università di Pisa I denti rappresentano il tessuto

Dettagli

PERIOCID. Simit Pharma

PERIOCID. Simit Pharma PERIOCID Soluzione filmogena adesiva a base di Piperacillina Sodica per il trattamento delle tasche Parodontali, delle lesioni post estrattive, delle ferite a seguito di interventi chirurgici. PERIOCID

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 Il docente di Laboratorio "Esercitazione in Odontotecnica concorre a far conseguire allo studente, al termine del periodo quinquennale di istruzione professionale

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE E uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della carie, insieme alla: sigillatura dei solchi Fluoroprofilassi Igiene orale Controlli periodici CARIE E ALIMENTAZIONE PLACCA

Dettagli

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data...

Nome... Cognome... Classe... Data... Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

L IMPORTANZA DELL IGIENE ORALE IN CANI E GATTI. I denti di cani e gatti

L IMPORTANZA DELL IGIENE ORALE IN CANI E GATTI. I denti di cani e gatti L IMPORTANZA DELL IGIENE ORALE IN CANI E GATTI I denti di cani e gatti Nella cavità orale di cani e gatti trovano posto diversi organi, di cui i più importanti sono la lingua, i denti e alcune ghiandole

Dettagli

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana Guida interattiva all educazione orale nella prima infanzia A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana DALLA MAMMA AL BAMBINO Come mantenere sana la bocca dei nostri figli Educare i bambini

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

Attività ospedaliera con pazienti autistici

Attività ospedaliera con pazienti autistici Attività ospedaliera con pazienti autistici DIRIGENTE DR ARRIGONI CARLO RESPONSABILE DR TEALDI RODOLFO COLLABORATORI DR FIORELLINO MARIO MEDICO FREQUENTATORE INFERMIERE BONGIOVANNI ISABELLA GIRAUDI CARMEN

Dettagli

Antropologia dentaria

Antropologia dentaria Antropologia dentaria Perché studiare i denti? I denti come indicatori di: - aspetti genetici -fenomeni adattativi - dimorfismo sessuale - variabilità popolazionistica - stato di salute - dieta / stress

Dettagli

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia Come può modificare il suo livello di rischio? Dalla corretta attuazione di procedure preventive e terapeutiche atte a diminuire il livello di rischio per la Parodontite deriva una migliore probabilità

Dettagli

8) LE PATOLOGIE DENTARIE.

8) LE PATOLOGIE DENTARIE. 8) LE PTOLOGIE DENTRIE. 8.1) SN SEBSTINO. Patoloie dentarie. Lo studio ha interessato li individui adulti femminili e li: sono risultate conservate 32 arcate dentarie dei 52 individui del campione e, del

Dettagli

Clorexyderm Oto. evolution of knowledge. (Clorexidina 0,05, acido lattico e salicilico)

Clorexyderm Oto. evolution of knowledge. (Clorexidina 0,05, acido lattico e salicilico) www.icfsrl.com Results Clorexyderm Oto (Clorexidina 0,05, acido lattico e salicilico) evolution of knowledge Efficacia di Clorexiderm Oto nella prevenzione delle otiti batteriche e da sovraccrescita batterica

Dettagli

Guida per il paziente. Aver cura dei tuoi impianti

Guida per il paziente. Aver cura dei tuoi impianti Guida per il paziente Aver cura dei tuoi impianti Prenditi cura dei tuoi impianti esattamente come se ti prendessi cura dei tuoi denti naturali. Un approfondita igiene orale è necessaria per prevenire

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

La valutazione dell'efficacia dei prodotti cosmetici: Oral Care. Roberto Ferro Responsabile Affari Regolatori, Unilever Italia

La valutazione dell'efficacia dei prodotti cosmetici: Oral Care. Roberto Ferro Responsabile Affari Regolatori, Unilever Italia La valutazione dell'efficacia dei prodotti cosmetici: Oral Care. Roberto Ferro Responsabile Affari Regolatori, Unilever Italia Come nascono i claim cosmetici Consumer testing Idea! Marketing R&D Concept

Dettagli

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO Tommaso Favale, Lucia Giannini RIABILITAZIONE ORALE IN PAZIENTI ADULTI 1970 meno del 5% dei pazienti ortodontici aveva più di 18 anni 1990 25% del totale 2000

Dettagli

Aver cura dei tuoi impianti

Aver cura dei tuoi impianti Guida per il paziente Scovolini TePe Originali 0,4 mm 930410826 0,45 mm 930410840 0,5 mm 930410853 0,6 mm 930410865 0,7 mm 930410877 0,8 mm 930410889 1,1 mm 930410891 1,3 mm 935421305 1,5 mm 930513332

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

Via Lanino, 42 Saronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RISERVATO AL PERSONALE SANITARIO

Via Lanino, 42 Saronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RISERVATO AL PERSONALE SANITARIO Via Lanino, 42 aronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RIERVATO AL PERONALE ANITARIO Perché prescrivere la normale Clorexidina?! Attenzione Pigmenta

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE

TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE D E N T A L I M P L A N T S Y S T E M TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE QUESTO STUDIO UTILIZZA IMPIANTI DENTAL TECH. ed insieme vogliamo dare risposta

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

A) La Protesi Totale

A) La Protesi Totale A) La Protesi Totale A cura del dott. Raffaello Pagni e del dott. Alessio Casucci. Nei rari casi in cui un paziente, per mancanza di una corretta attuazione della Prevenzione, diviene completamente edentulo,

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians Close this window to return to IVIS www.ivis.org International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians May 19 21 2006 Rimini, Italy Next Congress : 62nd SCIVAC International

Dettagli

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 Indice Prefazione Traduttori Ringraziamenti XIII XV XVII PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 1. Metabolismo del calcio e del fosfato 3 L importanza del calcio nell organismo 3 Bilancio

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE Studio della distribuzione della Malattia o della Condizione Fisiologica nella popolazione e dei fattori ereditari, biologici, ambientali, sociali e culturali che

Dettagli

a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive

a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive INDICE INTRODUZIONE...9 1 - LA CARIE:...11 DEFINIZIONE

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

2-12 MESI 2-24 MESI LARGE BREED ORIGINAL LARGE ROBUST LARGE ATHLETIC

2-12 MESI 2-24 MESI LARGE BREED ORIGINAL LARGE ROBUST LARGE ATHLETIC Listino prezzi consigliati 2014 PER I CUCCIOLI 2-12 MESI 2-24 MESI LARGE BREED ORIGINAL LARGE ROBUST LARGE ATHLETIC Alimento completo per cuccioli da 2 a 12 mesi di tutte le taglie. Alimento completo per

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

Informazioni per i pazienti

Informazioni per i pazienti Informazioni per i pazienti Una migliore qualità della vita grazie agli impianti dentali SWISS PRECISION AND INNOVATION. 1 Indice Quanto sono importanti i denti per una buona qualità della vita? 4 Che

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale L APPARATO DIGERENTE un laboratorio chimico naturale Come fa il nostro organismo a sfruttare i principi nutritivi nascosti nel cibo? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 A.S. 2014/15 Classe 1 ODO A Docente: Prof. Angelo Lotrecchiano LIBRI DI TESTO ADOTTATI Anatomia, fisiologia

Dettagli

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6 Il Corso del Giovedì di Rimini: Piani di trattamento - Caso 2 Maschio, 57 anni, diabetico e iperteso, poca compliance, pensionato Presenza di edema, infiammazione e tartaro Il diastema non è peggiorato

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15.

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. E un iniziativa di guida per una corretta igiene orale Per rafforzare la relazione con i nostri clienti con pubblicazioni e articoli

Dettagli

Estetica in odontoiatria.

Estetica in odontoiatria. Estetica in odontoiatria. Il tema Estetica viene trattato nei seguenti 8 Files. 1) Introduzione all Estetica in Odontoiatria. 2) Nozioni cliniche di estetica del sorriso, utili al paziente. 3) Analisi

Dettagli

Costituente principale: Pollo Costituente principale: Agnello Difesa Immunitaria Nutrizione bilanciata Acidi Grassi Essenziali Salute dell apparato dentale Salute del sistema digerente Salute del sistema

Dettagli

Capitolo 3. COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO. a cura di Vittoria Perrotti

Capitolo 3. COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO. a cura di Vittoria Perrotti Capitolo 3 - Comparazione tra PERIMPiANTO E periodonto Capitolo 3 COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO a cura di Vittoria Perrotti 33 Implantologia Pratica Introduzione La stabilità a lungo termine

Dettagli

Patient Education. Migliora la qualità della tua vita. Impianti dentali Zimmer: La soluzione naturale

Patient Education. Migliora la qualità della tua vita. Impianti dentali Zimmer: La soluzione naturale Patient Education Le informazioni inserite in questo opuscolo sono materiale informativo redatto da Zimmer Dental, azienda leader nel campo della innovazione biomedica per impianti e protesi dentali. Per

Dettagli

Studio Ortodontico. Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia. Documento informativo per il paziente

Studio Ortodontico. Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia. Documento informativo per il paziente Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO ORTODONTICO Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia

Dettagli

Scovolini interdentali:

Scovolini interdentali: Scovolini interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una corretta igiene orale: questa la filosofia

Dettagli

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO ISTITUTO PROFESSIONALE PER ODONTOTECNICI SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO PAOLO GOTTA (C130) - MATERIA: ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO

Dettagli

Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali

Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali Caratteristiche del prodotto Equimatrix è un sostituto osseo naturale derivato dall osso equino utilizzando un unico processo di purificazione

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO. Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica

IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO. Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica VALORE DI UN SORRISO IL SORRISO È ESPRESSIONE DI VITA E SPECCHIO DEI SENTIMENTI. È IL MEZZO PIÙ SEMPLICE PER

Dettagli

Royal Canin presenta la nuova gamma Lifestyle Health Nutrition

Royal Canin presenta la nuova gamma Lifestyle Health Nutrition Dove e come vive il tuo cane? Lo stile di vita del proprietario può incidere sul benessere del cane Royal Canin presenta la nuova gamma Lifestyle Health Nutrition Un innovativa risposta nutrizionale studiata

Dettagli

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini Tecniche radiografiche odontoveterinarie negli equidi Nomenclatura: Schema di Triadan mascella o mandibola sinistra o destra 207 Numero del dente nella fila Dott. Fulvio Laus Ricercatore Universitario

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse scientifico-tecnologico Il recupero di un relitto DOSSIER PER GLI ALLIEVI Prova esperta pluridisciplinare PRESENTAZIONE DEL CASO Un Istituto scolastico

Dettagli

IMPLANTOLOGIA DENTALE

IMPLANTOLOGIA DENTALE IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica VALORE DI UN SORRISO IL SORRISO È ESPRESSIONE DI VITA E SPECCHIO DEI SENTIMENTI. È IL MEZZO PIÙ SEMPLICE PER

Dettagli

I DENTI. Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie.

I DENTI. Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie. I DENTI Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie. Per anni si e pensato che se in natura non ci sono dentisti, non c e ragione

Dettagli

ORAL BAR IGIENE ORALE

ORAL BAR IGIENE ORALE ORAL BAR IGIENE ORALE È il supplemento nutrizionale quotidiano che puoi affiancare all'utilizzo dell'alimento Dental per rinforzare la sua azione e prenderti cura al meglio dell'igiene orale del tuo cane.

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi per questo

Dettagli

PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE

PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE D A L L A P R E V E N Z I O N E A L L A C U R A LA CORRETTA IGIENE ORALE TUTELA LA SALUTE DI TUTTO L ORGANISMO

Dettagli

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente.

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente. PREVENZIONE INFANTILE L'infanzia è sicuramente il terreno più fertile per una corretta educazione sanitaria odontoiatrica. In queste fasce di età la prevenzione primaria è di particolare interesse. Essa

Dettagli

Carta Servizi PROTESI DENTALE

Carta Servizi PROTESI DENTALE Dott. Antonio Calabrese Carta Servizi PROTESI DENTALE La Protesi Dentale è quella branca odontoiatrica che si occupa della sostituzione dei denti naturali andati persi. Se uno o più denti sono andati perduti

Dettagli

Distrazione del segmento inferiore

Distrazione del segmento inferiore Distrazione del segmento inferiore Quello della vestibolarizzazione degli incisivi inferiori è da sempre un argomento molto controverso in Ortodonzia e comunque una delle manovre più richieste nella pratica

Dettagli

Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2

Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2 Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2 Sunstar Italiana s.r.l. Corso Italia 13 21047 Saronno (Va) Italia Tel. 02.96319003 - Fax 02.96319008 www.sunstargum.it - info.italy@it.sunstar.com SEGUICI SU

Dettagli

BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA

BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA TRASFORMAZIONE IN TESSUTO AUTOLOGO La rigenerazione tissutale guidata viene realizzata isolando un area senza osso dai tessuti molli che lo ricoprono.

Dettagli

Il sorriso è l espressione della salute

Il sorriso è l espressione della salute Il sorriso è l espressione della salute...esprimi la tua salute iniziando da un sorriso sano. PROGRAMMA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ORALE e IGIENE ALIMENTARE Introduzione L educazione alla salute rappresenta

Dettagli

Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata

Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata Cosa succede se non c é abbastanza gengiva cheratinizzata? Se non c é abbastanza gengiva cheratinizzata (il tessuto

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI

VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI USURA DELLA TAVOLA DENTARIA (CERVO E CAPRIOLO) ACCRESCIMENTO DEL TROFEO (CAMOSCIO MUFLONE STAMBECCO) A cura di: Sergio Marchetti Michele Rocca STRUTTURA DEFINITIVA

Dettagli

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione umberto buonanno I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione TESTO TERZA EDIZIONE Aggiornata ed ampliata SAB EDIZIONI LE PUBBLICAZIONI DI UMBERTO BUONANNO Nel 1980 viene pubblicato Morfologia e disegno

Dettagli

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI CISTI: una cavità patologica rivestita da epitelio PSEUDOCISTI: una cavità patologica non rivestita da epitelio Neoformazione cistica asportata Cisti Odontogene C.O.

Dettagli

Un dente mancante significa perdita di osso. Gli Impianti

Un dente mancante significa perdita di osso. Gli Impianti Un dente mancante significa perdita di osso Gli Impianti Un dente mancante si Perdere uno o più denti provoca un grande problema estetico, perdita di funzione masticatoria ed inabilità nel sottostare ad

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

La Prevenzione Dentale Oggi. Giuseppe Di Mauro

La Prevenzione Dentale Oggi. Giuseppe Di Mauro La Prevenzione Dentale Oggi Giuseppe Di Mauro In campo odontoiatrico è fondamentale il ruolo del pediatra che, per i suoi frequenti contatti con il bambino e i suoi genitori, può attuare un efficace programma

Dettagli

Apparato digerente dei mammiferi domestici

Apparato digerente dei mammiferi domestici Apparato digerente dei mammiferi domestici Prof. Daniele Galli L apparato digerente è formato da diversi organi che concorrono all espletamento della funzione digestiva che assicura all organismo le sostanze

Dettagli