Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott"

Transcript

1 Close window to return to IVIS Enciclopedia della Nutrizione clinica del cane Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Medico Veterinario, Scientific Publishing Manager, Royal Canin Communication Group Medico Veterinario, Capo del Nutritional Research Program, Royal Canin Research Center Medico Veterinario, Direttore del Scientific Communications, Royal Canin USA This book is reproduced in the IVIS website with the permission of Royal Canin. IVIS thanks Royal Canin for their support.

2 Philippe HENNET DMV, dipl AVDC, dipl EVDC Nutrizione e salute orale nel cane 1 - Anatomia e fisiologia Periodontopatia e igiene orale Il ruolo del cibo nell igiene orale Bibliografia Informazioni Nutrizionali Royal Canin

3 Nutrizione e salute orale nel cane Philippe HENNET DVM, Dipl AVDC, Dipl EVCD Laureato presso la Scuola Nazionale Veterinaria di Tolosa nel 1988, il Dr. Philippe Hennet ha condotto nel un progetto di ricerca in endodonzia canina con la Facoltà di Odontoiatria di Tolosa, che ha portato ad una tesi di dottorato in Veterinaria nel Ha continuato la sua ricerca nell ambito di un periodo di residenza clinica presso la Dentistry Section della University of Pennsylvania Veterinary School di Philadelphia nel Il Dottor Hennet è oggi specializzato in malattie orali e otorinolaringoiatria presso la sua struttura di Parigi. È stato assistente in odontoiatria della scuola nazionale veterinaria di Alfort dal Dal 1995 è anche stato il co-organizzatore scientifico del corso di Odontoiatria della European School for Advanced Veterinary Studies (ESAVS) del Lussemburgo. Diplomato presso l American Veterinary Dentistry College (AVDC) dal 1993, e presso l European Veterinary Dentistry College (EVDC) dal 1998, è autore di numerose pubblicazioni in inglese ed in francese. La periodontopatia è la più comune malattia del cavo orale del cane. Qualsiasi animale di questa specie ne è colpito in qualche misura nel corso della sua vita. Curiosamente, in confronto ad altre malattie spesso viene trascurata, anche se è possibile trattarla o perfino prevenirla con le opportune attenzioni. Nell igiene orale, i benefici di qualsiasi intervento terapeutico sono di breve durata se non vengono mantenuti nel tempo con le cure giornaliere da parte del proprietario. 412

4 1 - Anatomia e fisiologia Denti (Figure 1 e 2) FIGURA 1 - VEDUTA LATERALE DELLA DENTURA DEL CANE M2 (109/209) M1 (109/209) PM4 (108/208) PM3 (107/207) PM2 (106/206) PM1 (105/205) Denti superiori Incisivi: I1 (101/201) I2 (102/202) I3 (103/203) Canini (104/204) FIGURA 2 - VEDUTA FRONTALE DELLA DENTURA DEL CANE Incisivi Canini 1 - Anatomia e fisiologia M3 (311/411) M2 (310/410) M1 (309/409) PM4 (308/408) PM3 (307/407) Canini PM2 (306/406) Incisivi PM1 (305/405) { { Denti superiori Denti inferiori Il cane adulto possiede 42 denti. La formula dentaria per ogni emiarcata è: I 3/3; C 1/1; PM 4/4; M 2/3. Denti inferiori Incisivi: I1 (301/401) I2 (302/402) I3 (303/403) Canini (304/404) Gli incisivi, che sono molto più grandi nell arcata superiore, sono indicati (dalla linea intermedia della dentatura) col nome di picozzo, mediano e cantone. I primi mammiferi primitivi che comparvero 250 milioni di anni fa durante l era Mesozoica erano già in possesso di due emimandibole connesse ventralmente da una sinfisi ed articolate alla cavità glenoidea dell osso squamosale da parte di un condilo (articolazione temporomandibolare). I denti coperti di smalto erano suddivisi in incisivi taglienti, canini a sezione rotonda e molari per macinare o fare a pezzi il cibo, impiantati nei margini alveolari della mascella e della mandibola. I mammiferi del giorno d oggi mantengono queste caratteristiche anatomiche essenziali, con modificazioni che dipendono dalla dieta (Lavergne & coll, 1996). I carnivori sono difiodonti (cioè dotati di due serie successive di denti, decidui e permanenti) ed eterodonti (con differenti tipi di denti che svolgono funzioni diverse). Gli incisivi - denti prensili presenti in numero di tre per ciascuna emimandibola o emimascella - sono dotati di una sola radice. I canini conici sono denti laceranti adatti alla dieta di un carnivoro. I premolari possiedono due radici, con l eccezione del primo, che è in regressione e presenta una corona formata da tre cuspidi lungo una linea. Si ha un occlusione alternata delle corone dei premolari mascellari e mandibolari con la necessità di un diastema fra i denti. Fauci Nella specializzazione dei carnivori, l articolazione temporomandibolare è localizzata nell estensione del piano di occlusione. È formata da una profonda fossa mandibolare a sezione semicilindrica ed orientata trasversalmente, delimitata ventralmente da un potente processo retroarticolare nel quale si inserisce trasversalmente il condilo mandibolare allungato. Questo meccanismo nel cane permette principalmente di alzare ed abbassare la mandibola ed effettuare movimenti laterali, che sono essenziali per lacerare le prede (Lafond, 1929; Gaspard, 1967). Occlusione dei denti permanenti nel cane. Si noti la regolare alternanza dei premolari mascellari e mandibolari: la cuspide principale dei premolari mascellari è alloggiata nella parte intermedia dello spazio interdentale dei due premolari mandibolari. Il canino mandibolare è posto nello spazio interdentale fra il canino mascellare e il cantone, formando così una potente triade. Nei cani delle razze mesocefale e dolicocefale, ed in alcune brachicefale, gli incisivi formano una chiusura a forbice (la cuspide degli incisivi mandibolari è a contatto del cingolo di quelli mascellari). Ph. Hennet 413

5 1 - Anatomia e fisiologia Fisiologia della manducazione Il termine manducazione designa tutte le azione coinvolte nell assunzione del cibo, compresa la prensione, la masticazione, l insalivazione e la deglutizione (Verchère et al, 1992). Contrariamente all uomo, i carnivori non masticano il proprio cibo. Lo suddividono in brandelli che non vengono completamente schiacciati e sono scarsamente insalivati, ma vengono deglutiti rapidamente. La manducazione consiste principalmente nello spezzare grandi porzioni di cibo. In ambito selvatico, i canidi catturano la loro preda grazie ai potenti canini di cui sono dotati. Gli incisivi servono a tagliare e lacerare grandi pezzi, che vengono poi introdotti più in profondità nel cavo orale. Questa azione può essere coadiuvata da scatti della testa guidati dai muscoli della collottola. Il pezzo di cibo ad esempio una massa muscolare viene tagliato dalle forbici formate dalle cuspidi dei denti ferini mandibolari e mascellari (Figura 3). Per consentire questo fenomeno la superficie vestibolare dei denti ferini mandibolari deve venire a contatto di quella linguale dei denti ferini mascellari attraverso un apertura della sinfisi ed una torsione esterna del corpo della mandibola (Gaspard, 1967). FIGURA 3 - SFORZO DI TAGLIO (Da Gaspard, 1967) FIGURA 4 - ROTTURA PER ESTENSIONE (Da Gaspard, 1967) I II III I II La biomeccanica mandibolare consente un allineamento delle cuspidi dei denti ferini della mandibola e della mascella (I), per esercitare una forza di taglio (II) che recide il cibo quando la bocca viene chiusa (III). Trattenuto dalle cuspidi dei denti ferini, il cibo viene allungato da un movimento laterale che ne determina la rottura. In ogni dato momento lavora solo una branca della mandibola (Lafond, 1929). Quando il pezzo è molle e meno voluminoso, il cane può serrare le fauci senza portare i denti ferini a contatto. Lo stesso fenomeno avviene quando l animale lavora simultaneamente con le due emimandibole. Qui il pezzo viene spezzato attraverso un azione di estensione associata a forze di taglio. La deformazione è accompagnata da movimenti laterali. I carnivori strappano il corpo elastico e dilaniano i tessuti fibrosi mediante lacerazione, che consiste nel muovere violentemente i denti mandibolari di traverso rispetto a quelli mascellari. Il cibo viene sottoposto ad un violento stiramento, che esita nella sua rottura in corrispondenza del punto di minore resistenza (Figura 4). Di fronte ad un corpo lungo e rigido, come un osso, il cane lo immobilizza fra le zampe anteriori premendone una estremità contro il suolo ed afferrandone energicamente l altra nella bocca. Quindi, ruota la testa da un lato all altro per sottoporlo a movimenti di flessione e torsione. Il corpo così sollecitato infine si spezza nel punto dei denti ferini. Quindi, viene compresso e poi schiacciato fra il primo molare superiore e la cuspide tubercolare del dente ferino inferiore. Queste tecniche di frammentazione del cibo e le principali forze che si sviluppano spiegano i potenti muscoli masticatori che consentono ai carnivori di chiudere le fauci. 414

6 2 - Periodontopatia ed igiene orale A differenza di quanto avviene nell uomo, nel cane le carie dei denti sono molto rare. Uno studio su 435 animali di questa specie presentati presso una struttura veterinaria specializzata in odontoiatria ha riferito che solo in 23 casi (5,3%) era presente la carie (Hale, 1998). La più comune affezione orale del cane è la periodontopatia, alla quale è dedicata la maggior parte di questo capitolo. Periodontopatia La periodontopatia è il risultato di una lotta a livello tissutale (periodonzio = gengiva, osso alveolare, legamento periodontale e cemento) fra i batteri che si accumulano sulle corone dei denti (placca batterica dentale) e il sistema di difesa dell individuo (Figura 5). > Epidemiologia 0 La periodontopatia colpisce tutti i cani nel corso della loro vita, anche se la prevalenza varia in funzione della razza e dell individuo. L accumulo della placca batterica dentale sulle corone dei denti lungo la gengiva porta ad una reazione infiammatoria della gengiva stessa nota come gengivite. Tradizionalmente, le superfici esterne (vestibolari) dei denti sono colpite più gravemente di quelle interne (palatine o linguali), e i denti mascellari sono maggiormente interessati di quelli mandibolari (Rosenberg & coll, 1966; Isogai & coll, 1989; Harvey & coll, 1994) (Figura 6). FIGURA 5 - PERIODONTOPATIA Placca sopragengivale (in caso di gengivite) Batteri circondati da una matrice protettiva Mineralizzazione e trasformazione in tartaro Edema gengivale 2 - Periodontopatia ed igiene orale FIGURA 6 - CONFRONTO DELLA PLACCA DENTALE SUI DENTI DEI CANI DI PICCOLA TAGLIA (Hennet & coll, 2004) Punteggio di placca dentale (Logan & Boyce) Denti mascellari C P3 P4 M1 TOTALE Studio di 4 mesi su 18 cani di piccola taglia (< 10 kg), di 1-8 anni di vita. La placca dentale è generalmente molto comune sul quarto premolare e sul primo molare superiore. Influenza della taglia del cane I cani di piccola taglia (peso inferiore a 8 kg) vengono colpiti più precocemente ed in modo più grave, in particolare a livello degli incisivi e delle superfici interne dei denti (Harvey et al, 1994). Quanto più il cane è piccolo, tanto maggiore è il volume relativo dei denti nelle fauci. Di conseguenza, nel caso della periodontite, la graduale distruzione dell osso alveolare lungo la radice può minacciare la solida struttura mascellare/mandibolare. È stato dimostrato che il rapporto fra altezza della mandibola e altezza del primo molare nel cane diminuisce significativamente in associazione con la taglia dell animale (Gioso & coll, 2001) (Figura 7). La perdita di pochi mm di osso in uno Yorkshire Terrier ha conseguenze maggiori di quelle che ha in un cane di grossa taglia. Le fauci possono diventare così fragili che si verificano delle fratture. Nello Yorkshire Terrier, le malattie orali rappresentano la ragione primaria di richiesta di una visita veterinaria in tutte le fasce di età (Veterinary Medical Data Base, ). Punteggio di placca dentale (Logan & Boyce) Denti mandibolari C P3 P4 M1 TOTALE Placca sopragengivale e sottogengivale (in caso di periodontite) Formazione di una tasca periodontale Tasca periodontale Distruzione dell osso interradicolare 415

7 2 - Periodontopatia ed igiene orale Rapporto fra l altezza della mandibola/dente ferino (D/C) 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Peso del cane (kg) FIGURA 7 - RELAZIONE FRA IL PESO DEL CANE ED IL RAPPORTO ALTEZZA DELLA MANDIBOLA (D) / ALTEZZA DEL DENTE FERINO MANDIBOLARE (C) (Gioso et al, 2001) Yorkshire kg Peso in kg Numero di cani studiati Rapporto: altezza della mandibola / altezza del dente ferino (D/C) < 5,0 33 (14,1%) 0,64 ± 0.019a 5,0-10,0 31 (13,3%) 0,76 ± 0.020b 10,1-20,0 53 (22,7%) 0,87 ± 0.015c 20,1-30,0 45 (19,2%) 0,97 ± 0.016d > 30,0 72 (30,8%) 1,00 ± 0.013e Il valore medio del rapporto D/C dei cani di peso inferiore a 5 kg è di 0,64, in confronto ad 1 per quelli che pesano più di 30 kg. Ciò significa che l altezza del dente ferino mandibolare di un cane di piccola taglia è quasi il doppio di quella delle fauci stesse (Gioso et al, 2001). È indicata la registrazione per lo Yorkshire Terrier, che ha un rapporto di 0,49. A = linea che unisce gli apici del dente ferino mandibolare, B = linea lungo la corticale ventrale mandibolare, C = altezza del dente ferino mandibolare, D = altezza della mandibola Radiografia del dente ferino mandibolare di un cane Influenza dell individuo La transizione dalla gengivite alla periodontite è un fenomeno specifico di ciascun individuo. Dipende dalla limitazione dello sviluppo dell infezione attraverso l igiene orale e/o il sistema immunitario locale del soggetto. Influenza dell età Uno studio ha dimostrato che nell 80% dei cani con più di 6 anni di vita portati alla visita con una periodontite moderata o grave era presente una distruzione dell osso (Hamp et al, 1984). La placca dentale sopragengivale viene gradualmente mineralizzata e trasformata in tartaro dalle secrezioni salivari. Il tartaro può diventare visibile poche settimane dopo che la placca ha iniziato ad accumularsi. In uno studio su giovani Beagle, a partire dall età di 26 mesi nel 95% dei casi era presente un notevole accumulo di tartaro, nonché una grave infiammazione gengivale accompagnata da periodontite (Rosenberg et al, 1966). La periodontopatia si aggrava naturalmente con l età. Esiste una significativa correlazione statistica fra l età e l indice gengivale (intensità dell infiammazione), quello del tartaro (quantità di tartaro), quello di mobilità del dente e quello di biforcazione (importanza del riassorbimento osseo interadicolare) (Harvey & coll, 1994). Ph. Hennet Gengivite nel cane. Accumulo di placca dentale con graduale formazione di tartaro, responsabile dell infiammazione della gengiva senza distruzione dei tessuti più profondi. Influenza del sesso Nella specie canina non è stata dimostrata alcuna predisposizione legata al sesso. > Le cause della malattia La placca batterica dentale è una pellicola batterica naturale (biofilm) che si sviluppa sulla superficie dei denti (Overman, 2000) (Figura 8). Nella cavità orale sono stati registrati più di 350 ceppi di batteri. Di conseguenza, la periodontopatia non è causata da uno solo. Questi microrganismi si accumulano dapprima in gran numero sulla superficie visibile dei denti (placca dentale sopragengivale) e poi dif- 416

8 fondono sotto la gengiva (placca sottogengivale). 1 mg di placca dentale contiene circa di batteri (Loesche, 1988). A contatto della gengiva, questi provocano naturalmente una reazione infiammatoria, nota come gengivite. I batteri che diffondono sotto la gengiva possono anche indurre gradualmente lesioni più profonde (distruzione della gengiva, anomalie del legamento periodontale, danneggiamento dell osso alveolare che sostiene il dente). Queste alterazioni situate in profondità allentano il dente, che diviene sempre più mobile. Ciò caratterizza la fase della periodontite. Il normale attacco del periodonzio al dente viene distrutto e migra verso l estremità della radice (perdita dell attacco) portando alla formazione di una tasca periodontale. La profondità di quest ultima dipende dalla concomitante velocità di recessione gengivale. FIGURA 8 - DENTE E GENGIVA SANI Placca sopragengivale Batteri Matrice contenente i batteri 2 - Periodontopatia ed igiene orale Il tartaro si forma per la graduale mineralizzazione della placca dentale determinata dai sali minerali (in particolare di calcio) apportati alla placca sopragengivale dalla saliva, oppure a quella sottogengivale dal fluido gengivale, in cui è immersa la fessura gengivale. Il tartaro non è responsabile della periodontopatia, ma una superficie ruvida costituisce un terreno ideale per lo sviluppo della placca batterica dentale. Nel caso della periodontopatia cronica, il tartaro è indivisibile dalla placca batterica dentale. Per consentire l eradicazione della seconda, bisogna eliminare il primo. Limitare la formazione del tartaro e, al tempo stesso, quella della placca batterica dentale è uno degli obiettivi dell igiene orale. Certi fattori (riduzione dell attività masticatoria, malocclusione dentale, persistenza di denti decidui, assenza di igiene orale) Il biofilm che costituisce la placca dentale è formato da numerosi batteri possono far progredire l accumulo della placca. Altri aspetti inseriti in una matrice glicoproteica che forma una sorta di colla naturale. che influiscono sulla capacità individuale di sviluppare una I batteri comunicano reciprocamente mediante segnali chimici che scatenano la produzione di proteine ed enzimi potenzialmente dannosi. normale reazione di difesa sono rappresentati da malattie sistemiche (diabete mellito, insufficienza renale, insufficienza epatica) e immunodeficienza innata o acquisita. La capacità individuale di sviluppare una reazione difensiva appropriata è un fattore innato. In generale il cane presenta un aumento di placca dentale e di accumulo di tartaro ed una gengivite più grave quando viene alimentato con cibi molli e appiccicosi piuttosto che con alimenti duri e fibrosi (Egelberg, 1965; Kaplan & coll, 1978). Questo apparente vantaggio dei cibi duri e fibrosi vale soltanto quando l alimento viene offerto sotto forma di pezzi di grandi dimensioni, che promuovono l uso dei denti. Igiene orale Anche se non tutti gli individui che presentano una gengivite sviluppano automaticamente una periodontite, la prima rappresenta lo stadio preliminare essenziale nello sviluppo della seconda. Il principio fondamentale dell igiene orale è quindi basato sul controllo della placca dentale sopragengivale. Uno studio su Beagle colpiti da periodontite lieve o moderata ha dimostrato che un trattamento periodontale professionale (ablazione, revisione sottogengivale e lucidatura) seguita da spazzolatura quotidiana contribuisce a ridurre la perdita iniziale dell attacco e assicura il mantenimento dei benefici ottenuti per un periodo di tre anni. In assenza di una spazzolatura quotidiana, che contribuisce a prevenire l approfondimento delle tasche e la perdita dell attacco, un trattamento periodontale aggiuntivo ogni 6 mesi nell arco di questo periodo non migliora la condizione periodontale, né lo fa lo stesso trattamento ogni 6 mesi (Morrison & coll, 1979). Periodontite nel cane. Distruzione del tessuto che assicura l attacco del dente. In mancanza di trattamento, ciò finisce per portare alla perdita del dente stesso. Ph. Hennet 417

9 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale A P. Hennet B L igiene orale può venire distinta in primaria (misure preventive attuate su gengive sane prima che si sviluppi la periodontopatia) e secondaria (prevenzione delle recidive, dopo un trattamento periodontale professionale di una periodontopatia preesistente). In tutti i casi, la prevenzione primaria è sempre auspicabile, perché va attuata più precocemente ed è quindi più efficace. Il cucciolo deve essere educato sin da un età molto giovane. L igiene orale si applica a tutti i cani e a tutte le razze, ma soprattutto a quelli piccoli e di taglia nana. > Spazzolatura La spazzolatura dei denti è lo standard aureo per il controllo della placca dentale sopragengivale. Nell uomo, è possibile vantare un efficacia dell ordine del 70% dell inibizione della placca dentale, almeno per le superfici vestibolari più accessibili (Mankodi et al, 1998; Van der Weijden et al, 1998). Studi condotti sui Beagle hanno dimostrato che la spazzolatura almeno tre volte alla settimana contribuisce a mantenere sane le gengive, mentre la stessa operazione una volta alla settimana non ci riesce (Tromp et al, 1986a). In presenza di gengivite, soltanto una spazzolatura quotidiana permette di ripristinare la sanità delle gengive (Tromp et al, 1986b). L unico studio clinico pubblicato sulla spazzolatura dei denti nel cane dimostra che, durante un periodo di 13 mesi, 49 proprietari su 51 (96%) si sono ricordati della cosa dopo ricevuto istruzioni sulla spazzolatura e 34 su 51 (67%) se ne sono ricordati dopo che era stato loro mostrato come spazzolare i denti; 15 proprietari su 51 (29%) spazzolavano sempre i denti del cane più volte alla settimana e 12 proprietari su 51 (24%) lo facevano ogni giorno o a giorni altern (Miller & Harvey, 1994). P. Hennet Aspetto dei denti dello stesso cane da destra (A) e da sinistra (B). A destra tutti i denti sono presenti ed i depositi di placca dentale e di tartaro sono molto scarsi. A sinistra il dente ferino mascellare è assente, il che significa che non si ha alcun effetto meccanico con quello mandibolare, portando ad un maggior accumulo di placca dentale e tartaro. Pur essendo un punto di riferimento per l igiene orale, la spazzolatura non è un compito facile da eseguire per i proprietari. L operazione può essere integrata dall impiego di sostanze chimicamente attive, fra cui la clorexidina è ancora la più efficace. In uno studio sui Beagle in cui è stato effettuato quotidianamente il massaggio dei denti e delle gengive con un gel dentale contenente clorexidina ed altri ingredienti, la placca dentale sulle superfici vestibolari è stata ridotta del 42-49% (Hennet, 2002). Indipendentemente dal fatto che questi prodotti vengano applicati mediante spazzolatura o massaggio, necessitano dell intervento del proprietario e della collaborazione dell animale. Queste limitazioni hanno naturalmente portato allo sviluppo di altri metodi di igiene orale che non richiedono l intervento diretto del proprietario. Questi mezzi indiretti comprendono le ossa da masticare a base di collagene, che possono o meno essere mangiate, e specifici alimenti per la salute dei denti. 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale Influenza della composizione del cibo Quando si modifica la composizione di un alimento, ma non la sua consistenza, non si osserva alcuna significativa influenza sullo sviluppo della periodontopatia. La carenza proteica non sembra avere alcuna conseguenza (Ruben et al, 1962). Una dieta proteico-lipidica (P-L) (50-50% sul peso secco) o l aggiunta di carboidrati (C) (60% C, 20% P, 20% L) non porta ad un aggravamento della periodontopatia (Carlsson & Egelberg, 1965; Egelberg, 1965). L osteopenia dell osso alveolare indotta dall iperparatiroidismo secondario con una causa nutrizionale (Ca/P = 0,1) non sembra influenzare l avvio e la progressione della periodontopatia (Svanberg & coll, 1973). Gli agenti attivi contro la placca dentale o il tartaro possono venire incorporati in una crocchetta o in una barra masticabile. Vengono poi rilasciati nell ambiente orale durante la masticazione. Sono stati studiati per primi gli agenti antitartaro come i polifosfati (Stookey et al, 1993). Questi sono polimeri dei fosfati (pirofosfato, polifosfato, esametafosfato), alcuni dei quali presentano delle proprietà di sequestro dei cationi bivalenti come il calcio (Figura 9). 418

10 La chelazione del calcio salivare è responsabile dell inibizione della formazione del tartaro. Per facilitarne il rilascio ed il contatto con il calcio presente nella saliva, i polifosfati devono essere incorporati nel rivestimento della crocchetta (Stookey & coll, 1993). L incorporazione può riguardare anche altri composti (polifenoli, oli essenziali, sali di ioni metallici, ecc.) che hanno mostrato un attività in vitro o in vivo sulla formazione della placca dentale. Sono necessari degli studi per valutarne l attività in queste condizioni, e per determinare il modo migliore per ottimizzare il rilascio di queste sostanze nel cavo orale (nel rivestimento esterno o nella crocchetta propriamente detta). Influenza della presentazione fisica del cibo Anche se sembra logico che un alimento molle o in pezzi molto piccoli non contribuisca alla funzione dei denti o alla manducazione dei canidi, l interesse per il ruolo svolto dal cibo è un fenomeno relativamente recente. FIGURA 9 - MECCANISMO DI CHELAZIONE DEL CALCIO SALIVARE DA PARTE DEL POLIFOSFATO DI SODIO 3 - Il ruolo del cibo nell igiene orale Studi condotti dai fisiologici hanno dimostrato che cani gastrectomizzati alimentati con un cibo molle sviluppavano una maggior quantità di tartaro (Ivy et al, 1931). In uno studio in cui un gruppo di cani è stato alimentato con fette di manzo intere, esofago, muscoli e un integrazione minerale e vitaminica e un altro gruppo è stato alimentato con lo stesso cibo macinato, i cani del secondo gruppo hanno presentato un maggior accumulo di placca dentale rispetto a quelli del primo (Egelberg, 1965). Molti altri studi hanno confermato questo fatto (Krasse & Brill, 1960; Kaplan et al, 1978). Oltre all assenza dell azione meccanica, un alimento molle può provocare una riduzione del flusso di saliva, una diminuzione delle secrezioni enzimatiche ed un atrofia funzionale (Sreebny, 1972). Tuttavia, non si può semplicemente giungere alla conclusione che un alimento sotto forma di crocchetta oppure duro sia generalmente più efficace di uno molle. Nello studio di Egelberg (1965) il fattore principale è il carattere fibroso del cibo piuttosto che la sua durezza. Uno studio multicentrico su 1350 cani del Nord America ha dimostrato che non esiste alcuna differenza significativa fra gli animali di questa specie alimentati esclusivamente con un cibo secco e gli altri. D altro canto, i cani che dispongono di un certo numero di oggetti da masticare presentano meno tartaro, meno casi di gengivite e meno alveolite di quelli che non ne hanno o ne hanno pochi (Harvey & coll, 1996). Il calcio libero (Ca 2+ ) nella saliva viene intrappolato da due molecole di polifosfato di sodio. Prende il posto di due ioni sodici (Na + ) ed è essenziale per la formazione del tartaro. Un alimento secco è potenzialmente utile per l igiene dentale se la forma e la consistenza delle crocchette sono specificamente studiate per una particolare taglia o razza di cane in modo da contribuire al meccanismo di spazzolatura passiva dei denti. Perché si eserciti un azione abrasiva sulla superficie del dente quando il cane mangia, la masticazione deve avvenire in modo tale che il dente penetri in profondità attraverso la crocchetta prima che questa si rompa. La taglia e la razza sono due parametri che influiscono sulla pressione esercitata sulla crocchetta al momento della prensione. Sono stati studiati dei dispositivi per valutare la soglia di penetrazione nella crocchetta prima che questa si frammenti. Ciò consente di confrontare vari tipi di prodotti di questo tipo (Figura 10). Forza (N) FIGURA 10 - FORZA NECESSARIA PER SPEZZARE LA CROCCHETTA: CONFRONTO FRA DUE DIFFERENTI TIPI DI CROCCHETTE PER CANI DI PICCOLA TAGLIA (Royal Canin, 2003) ,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 Distanza di penetrazione (mm) Crocchetta che si sfalda Crocchetta elastica Una crocchetta elastica che resista alla pressione esercitata su di essa per un periodo di tempo più lungo prima di spezzarsi consente al dente di penetrare più in profondità e quindi determina un effetto pulente più pronunciato. 419

11 Conclusione Il controllo dell igiene dentale con il cibo La possibilità di controllare la placca dentale e lo sviluppo della periodontopatia attraverso l azione meccanica di un osso da masticare o di specifici alimenti è stata recepita dall industria degli alimenti per animali da compagnia all inizio degli anni 90 del XX secolo. Sono stati condotti vari studi sul cane relativi a placca dentale, tartaro, colorazione e gengivite. Solo la placca dentale e la gengivite presentano un interesse di tipo medico. La colorazione dei denti, importante nell uomo per ragioni estetiche, non riveste interesse nel cane. Texturometro di laboratorio Royal Canin. Il texturometro viene utilizzato per misurare la resistenza della crocchetta alla forza delle fauci e dei denti del cane. Moduli intercambiabili simulano la forma e le dimensioni dei denti di cani di varie età e taglie. Dimensioni reali : 9 cm Dopo una settimana di alimentazione con una crocchetta specificamente studiata per l igiene orale, si è ottenuta una significativa riduzione del 19% della placca dentale in confronto al gruppo di controllo (Jensen et al, 1995). Più recentemente, si sono avute significative riduzioni del 39% della placca dentale e del 36% dell infiammazione gengivale dopo 6 mesi di alimentazione con lo stesso cibo fra cani di peso compreso fra 9 e 25 kg (Logan et al, 2002). In un altro studio sull effetto preventivo della somministrazione giornaliera di un osso alimentare nei cani del peso medio di 23 kg, è stata osservata una significativa riduzione della placca dentale all età di 12 e 21 mesi (ma non di 18 mesi) e della gengivite a 12, 18 e 21 mesi (Gorrel & Bierer, 1999). Sfortunatamente, le percentuali di riduzione non sono fornite in questo studio, ma un estrapolazione basata sui grafici dimostra una riduzione massima della placca dentale e della gengivite del 15-20%. Il miglioramento dell igiene orale ottenuto con il cibo o un integrazione della dieta è perciò un campodi ricerca in pieno sviluppo, che oltre all azione sul tartaro, deve anche esser rivolto alla placca dentale ed all infiammazione gengivale. Benché siano molto interessanti, i risultati sopracitati sono stati ottimizzati su cani di media taglia, che non rappresentano affatto il gruppo più gravemente colpito dalla periodontopatia. Quelli che pesano meno di 8 chili sono colpiti più gravemente dalla malattia. Gli studi devono essere condotti su razze specifiche (Yorkshire Terrier, Barbone, Bassotto, ecc..) per verificare se si possono ottenere gli stessi risultati. L autore ha condotto un indagine su 18 cani di piccola taglia (peso medio 7 kg) appartenenti ad uno di due gruppi a secondo della loro relazione genetica. Il gruppo di prova al quale è stata somministrata una barra masticabile per la cura dei denti ha presentato significative riduzione statistiche del 17% della placca dentale e del 45% del tartaro al termine di un periodo di valutazione di 4 mesi (Hennet, 2004). La metodologia di questi studi è stata messa in discussione, principalmente per quanto riguarda la valutazione della placca dentale (Hennet, 1999; Harvey 2002). Si potrebbe prendere in considerazione un miglioramento della metodologia per ottenere risultati che siano non solo statisticamente significativi, ma cosa più importante, biologicamente più significativi. Esempio di barra dentale per cani di piccola taglia che contribuisce a limitare l accumulo di placca dentale e tartaro. Si raccomanda di offrire per la prima volta questo tipo di integrazione dopo un trattamento di ablazione. La consistenza resistente, ma elastica, di questo tipo di barra richiede che il cane impieghi i propri denti per masticarla prima di inghiottirla. Conclusione Esistono vari modi per controllare la formazione della placca dentale e del tartaro attraverso la manducazione e tutti sono stati ampiamente studiati. La forma, la consistenza e l appetibilità del prodotto hanno ricevuto la massima attenzione, così come la possibilità di incorporare agenti chimici che agiscano sulla placca dentale, sul tartaro o sulla reazione infiammatoria. Queste innovazioni hanno indubbiamente determinato dei progressi nella prevenzione della periodontopatia. Stiamo assistendo ad una nuova era in nutrizione veterinaria. Dopo aver padroneggiato il cibo a livello dietetico, è necessario prendere in considerazione le specifiche caratteristiche di specie e delle varie razze. Oltre ad offrire un buon equilibrio nutrizionale, il cibo può anche svolgere un ruolo nella prevenzione di problemi di natura medica. Gli alimenti con un valore aggiunto nell igiene orale e le barre masticabili che favoriscono la masticazione ed hanno una consistenza che consente di sfruttare al massimo l effetto di autopulizia contribuiscono a ridurre l accumulo di depositi dentali e, forse, a prevenire la gengivite. Anche se la spazzolatura quotidiana resta il miglior modo per prevenire la periodontopatia, si raccomanda l impiego complementare di alimenti per la cura dei denti. 420

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 8 n 4, 2005 La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento STEVEN J. COHEN, DDS GARY D. GLASSMANN, DDS RICHARD E.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano Color Coding System * Tip TipBook Book Italiano 2 acteongroup.com Introduzione Satelec produce generatori di ultrasuoni da più di 40 anni ed ha sviluppato il primo generatore piezoelettrico per il mercato

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE.

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola portoghese in cotto AA IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola di punta nella gamma Imerys-copertura, la sua onda molto pronunciata offre un compromesso ideale per i clienti alla ricerca

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA.

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. MINISTERO DELLA SALUTE LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. DICEMBRE 2009 Linee guida nazionali per la promozione della salute

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli