COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A."

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di stato SA (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. Signora Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con notifica del 17 aprile 2014, cui hanno fatto seguito informazioni inviate in data 2 maggio 2014, le autorità italiane hanno notificato un aiuto al salvataggio a favore di Blue Panorama Airlines S.p.A. (in appresso "BPA" o "l'impresa"). 2. DESCRIZIONE 2.1. Il beneficiario (2) BPA è una compagnia aerea italiana fondata nel 1998, attiva nel settore del trasporto aereo di passeggeri, che offre principalmente voli turistici, sia nel segmento "low cost" che nel segmento "executive". La maggior parte delle tratte servite da BPA è stagionale e occasionale. La sua quota rispetto al totale del traffico aereo di passeggeri in Italia è del 2,6% (e meno dello 0,2% del traffico nell'ue). BPA serve sia rotte locali (Calabria, Sicilia), che europee (Grecia, Spagna) e internazionali (prevalentemente verso destinazioni 1 turistiche popolari come il Messico, Cuba, il Brasile, ecc.)f F. BPA opera voli a partire dagli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa con una 1 Per il profilo dell'impresa si consulti: Hhttp://www.blue-panorama.it/it/about.htmlH. 2

2 percentuale di passeggeri, rispettivamente, del 2,29% e dello 0,89% rispetto al traffico passeggeri totale di tali aeroporti. (3) BPA è detenuta al 100% da Formula Blue S.r.l. con sede a Roma, in liquidazione dal 6 giugno BPA è stata dichiarata insolvente dal tribunale di Roma in data 17 marzo (4) BPA ha la propria sede a Roma, nella regione Lazio, una regione 2 non ammissibile agli aiuti regionali nel periodo F F. BPA occupa circa 450 dipendenti. Le autorità italiane hanno spiegato che, a causa della crisi economica e finanziaria, il settore dell'aviazione ha sofferto a tutti i livelli (compagnie di trasporto di passeggeri e di merci, imprese di gestione e manutenzione, etc.). Conseguentemente, anche il mercato del lavoro è fortemente colpito dalla crisi e offre agli impiegati di BPA prospettive estremamente limitate di trovare nuovi posti di lavoro La misura notificata (5) L'Italia intende concedere, attraverso il ministero dello Sviluppo economico, un aiuto a favore di BPA. La misura consiste in una garanzia statale per un periodo di sei mesi emessa dal ministero dell'economia e delle Finanze a copertura di una serie di linee di credito attualmente in corso di definizione (aperture di credito e bid/performance/advance payments) al fine di far fronte a un fabbisogno di liquidità pari a 12 milioni di EUR. (6) Non sono ancora state definite esattamente le condizioni per le linee di credito, ma le autorità italiane dichiarano che i tassi di interesse per tali linee di credito saranno conformi alle normali condizioni bancarie per le imprese attive e non 3 saranno inferiori al tasso di riferimento della CommissioneF F. (7) Inoltre, l'italia si è impegnata a far sì che la garanzia termini sei mesi dopo l'erogazione della prima rata delle linee di credito all'impresa e a trasmettere un piano di ristrutturazione o di liquidazione oppure una prova del fatto che il prestito è stato completamente rimborsato e/o che la garanzia ha avuto fine entro sei mesi dall'autorizzazione della misura di aiuto al salvataggio. (8) Infine, le autorità italiane hanno fatto presente che BPA non ha ricevuto alcun aiuto al salvataggio o alla ristrutturazione in passato. 2 3 L'attuale carta delle regioni assistite in Italia è stata stabilita mediante il caso di aiuto di Stato N 324/2007 Italia Carta degli aiuti a finalità regionale , GU C 90 dell' , pag. 4 e successive modifiche, la cui validità è stata prorogata fino al 30 giugno 2014 mediante il caso SA Proroga della carta degli aiuti a finalità regionale fino al 30 giugno 2014, consultabili ai seguenti link: Hhttp://ec.europa.eu/competition/state_aid/cases/250043/250043_ _55_2.pdfH. Comunicazione della Commissione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione (GU C 14 del , pag. 6). 3

3 3. VALUTAZIONE 3.1. Esistenza di un aiuto di Stato (9) L'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE stabilisce che sono incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza. Ne consegue che, perché una misura di aiuto si qualifichi come aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni cumulative: l'utilizzazione di risorse statali; un vantaggio economico selettivo al beneficiario; un (potenziale) effetto di distorsione della concorrenza e degli scambi commerciali all'interno dell'unione. Origine statale della misura (10) La misura notificata, una garanzia di Stato, viene concessa dal ministero dell'economia e delle Finanze attraverso il ministero dello Sviluppo economico. Pertanto, la garanzia comporta l'utilizzazione di risorse di Stato in caso di inadempienza del mutuatario ed è imputabile allo Stato italiano. Vantaggio economico selettivo al beneficiario (11) La misura notificata è selettiva dal momento che la garanzia di Stato sarà emessa a beneficio di una impresa specifica, BPA. La garanzia di Stato conferisce un vantaggio economico al beneficiario permettendo l'accesso a linee di credito cui non avrebbe potuto accedere sul mercato viste le sue condizioni finanziarie. Distorsione della concorrenza ed effetto sugli scambi (12) Quando un aiuto concesso da uno Stato membro rafforza la posizione di un'impresa a scapito di altre imprese concorrenti che operano sul mercato 4 dell'unione, queste ultime sono da considerarsi influenzate dall'aiutof F. (13) Il mercato dei voli turistici è aperto alla concorrenza nell'ue. BPA è attiva su destinazioni turistiche popolari, in Italia, in Europa e all'estero (Africa, Asia, America del Sud), talvolta in concorrenza diretta con altri operatori europei (si veda il punto (2)X). (14) Nel concedere a BPA l'accesso alla liquidità a condizioni che altrimenti non avrebbe potuto ottenere, la garanzia di Stato potrebbe migliorare la posizione concorrenziale di BPA rispetto ai concorrenti sul mercato interno. La misura pertanto falsa o rischia di falsare la concorrenza e incide sugli scambi tra Stati membri. Conclusione in merito all'esistenza dell'aiuto 4 Si vedano, in particolare, la causa 730/79, Philip Morris/Commissione (Raccolta 1980, pag. 2671, punto 11); la causa C-53/00, Ferring (Raccolta 2001, pag. I-9067, punto 21; la causa C-372/97, Italia/Commissione (Raccolta 2004, pag. I-3679, punto 44). 4

4 F (in (15) Alla luce di quanto precede, la Commissione ritiene che la misura costituisca un aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE. Le autorità italiane condividono tale parere Compatibilità dell'aiuto (16) La Commissione può autorizzare, considerandoli compatibili con il mercato interno ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera c) del TFUE, gli aiuti al salvataggio che soddisfano i criteri di compatibilità stabiliti dagli orientamenti sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in 5 difficoltà del 2004F appresso "orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione"). Ammissibilità agli aiuti al salvataggio (17) Conformemente ai punti 12, lettera a) e 14 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, sono ammissibili a tali aiuti soltanto le imprese in difficoltà. (18) Conformemente al punto 10 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, un'impresa si considera in difficoltà nei seguenti casi: ( ) c) indipendentemente dal tipo di impresa, qualora ricorrano le condizioni previste dal diritto nazionale per l'apertura nei loro confronti di una procedura concorsuale per insolvenza. (19) Come indicato al punto X(3)X, un tribunale italiano ha già dichiarato BPA insolvente. BPA si qualifica quindi come un'impresa in difficoltà ai sensi del punto 10, lettera c), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. (20) Conformemente al punto 12 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, un'impresa di recente costituzione che abbia iniziato meno di tre anni prima della notifica un'attività nel settore interessato non è ammessa a beneficiare di aiuti per il salvataggio. BPA non è un'impresa di recente costituzione in quanto le sue attività risalgono al (21) Infine, il punto 13 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione stabilisce che un'impresa facente parte di un gruppo più grande, o che viene da esso rilevata, non può, in linea di massima, beneficiare di aiuti per il salvataggio o per la ristrutturazione, salvo qualora si possa dimostrare che le difficoltà sono difficoltà intrinseche all'impresa in questione, che non risultano dalla ripartizione arbitraria dei costi all'interno del gruppo e che sono troppo gravi per essere risolte dal gruppo stesso. Come si è spiegato al punto X(3)X l'unica proprietaria di BPA è solo una holding, attualmente in liquidazione. Pertanto, si può concludere che le difficoltà dell'impresa sono intrinseche e non risultano da una ripartizione arbitraria dei costi all'interno del gruppo. 5 HOrientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltàh, GU 244 dell' , pag. 2, prorogati nel 2009, GU C 156 del , pag. 3 e nel 2012, GU C 296 del , pag. 3. 5

5 Tali difficoltà non possono essere risolte dal gruppo stesso in quanto anche la società proprietaria è in liquidazione. Condizioni di compatibilità di cui al punto 25 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione (22) Per poter essere dichiarati compatibili con il mercato interno, gli aiuti al salvataggio devono soddisfare le condizioni di cui al punto 25 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione (23) Conformemente ai punti 15 e 25(a) degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, un aiuto al salvataggio deve consistere in aiuti di tesoreria sotto forma di garanzie sui prestiti o di prestiti. Il prestito deve essere gravato da un tasso di interesse almeno equivalente ai tassi praticati sui prestiti concessi ad imprese sane. I prestiti devono essere rimborsati e le garanzie devono cessare entro un termine non superiore a 6 mesi dall'erogazione all'impresa della prima tranche. (24) La misura notificata è una garanzia di Stato a copertura del 100% delle linee di credito fino a un importo di 12 milioni di EUR che BPA utilizzerebbe per soddisfare il fabbisogno di liquidità, restare in attività e sostenere il piano di cessione dei propri attivi. Come indicato ai punti X(5)X e X(7)X, l'italia si è impegnata a far sì che i tassi di interesse per tali linee di credito coperte dalla garanzia di Stato siano conformi alle normali condizioni bancarie per le imprese attive e non siano in alcun caso inferiori al tasso di riferimento della Commissione applicabile per il periodo nel quale tali linee di credito saranno 6 concessef F. Inoltre, l'italia si impegna a far sì che la garanzia termini sei mesi dopo l'erogazione della prima tranche di qualsiasi prestito a BPA. Pertanto, la misura notificata soddisfa le condizioni di compatibilità di cui al punto 25, lettera a), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. (25) Conformemente al punto 25, lettera b), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, gli aiuti per il salvataggio devono essere motivati da gravi difficoltà sociali e non avere indebiti effetti di ricaduta negativa in altri Stati membri. Nel caso in esame, se l'impresa cessasse la propria attività, ciò comporterebbe sulla base delle informazioni fornite dall'italia gravi conseguenze sociali, una perdita diretta di quasi 450 posti di lavoro presso BPA, ma avrebbe anche un effetto indiretto su un considerevole numero di posti di lavoro connessi alle attività di BPA (imprese di trasporto merci, gestione e manutenzione). Come spiegato al punto X(4)X, la crisi economica ha avuto un impatto considerevole sul mercato del settore del trasporto aereo portando alla chiusura di imprese e a un calo delle opportunità di lavoro. Alla luce di queste considerazioni, l'aiuto sembra essere motivato da gravi difficoltà sociali. Inoltre, BPA è attiva su rotte internazionali ed europee, ma ha una presenza relativamente limitata negli Stati membri in cui è attiva. La sua quota rispetto al totale del traffico aereo di passeggeri in Italia è del 2,6% (e meno dello 0,2% del traffico nell'ue). Una percentuale così esigua sembra indicare 6 Comunicazione della Commissione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione (GU C 14 del , pag. 6). 6

6 che l'aiuto non ha indebiti effetti di ricaduta negativa in altri Stati membri. Sulla base di quanto precede, si può concludere che l'aiuto è conforme alle disposizioni di cui al punto 25, lettera b), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. (26) Il punto 25, lettera c), degli orientamenti sul salvataggio e la ristrutturazione stabilisce che gli Stati membri che notificano un aiuto al salvataggio debbano comunicare alla Commissione, entro sei mesi dall'autorizzazione della misura di aiuto per il salvataggio, un piano di ristrutturazione/liquidazione o la prova che il prestito sia stato rimborsato completamente e/o che la garanzia sia stata estinta. Nella loro notifica le autorità italiane si sono impegnate a comunicare alla Commissione, entro sei mesi dall'autorizzazione della misura di aiuto per il salvataggio a favore di BPA un piano di ristrutturazione/liquidazione o la prova che la garanzia sia stata estinta. Pertanto, la misura notificata è conforme al punto 25, lettera c), degli orientamenti sul salvataggio e la ristrutturazione. (27) Conformemente al punto 25, lettera d), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione, gli aiuti per il salvataggio devono essere limitati all'importo necessario per mantenere l'impresa in attività nel periodo per il quale l'aiuto è stato autorizzato. L'importo necessario dovrebbe basarsi sul fabbisogno di liquidità dell'impresa imputabile alle perdite. Per la fissazione dell'importo si terrà conto del risultato della formula di cui all'allegato degli orientamenti per 7 il salvataggio e la ristrutturazionef F. Gli aiuti per il salvataggio di importo superiore al risultato della formula dovrebbero essere debitamente motivati. (28) Dalle relazioni finanziarie dell'impresa per gli esercizi il risultato del calcolo della formula nel caso di BPA (EBIT svalutazione + (capitale netto di esercizio del 2013 capitale netto di esercizio del 2012)), escludendo l'accantonamento sul margine operativo (3,7 milioni di EUR) è di 24,4 milioni di EUR. Tale risultato deve essere diviso per 2 dal momento che l'impresa avrà bisogno di rimanere in attività per un periodo di sei mesi (il periodo per il quale l'aiuto è autorizzato). Il risultato finale di questa formula è pertanto di 12,2 milioni di EUR. (29) Trattandosi di un risultato negativo, la prima precondizione per l'aiuto al salvataggio a favore di BPA è soddisfatta. In secondo luogo, l'importo notificato di 12 milioni di EUR dell'aiuto al salvataggio per il fabbisogno di liquidità di BPA è lievemente inferiore al dato risultante dall'applicazione della formula. Pertanto, l'aiuto è limitato al minimo necessario, come richiesto dal punto 25, lettera d), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. (30) Infine, per quanto riguarda il rispetto del principio "una tantum" stabilito nella parte 3.3 e al punto 25, lettera e) degli orientamenti per il salvataggio e la 7 La formula si basa sul margine operativo del beneficiario (EBIT: utile al lordo di interessi, imposte e tasse) realizzato nell'esercizio anteriore alla notifica (2012), della svalutazione nello stesso anno di riferimento e della variazione del capitale netto di esercizio (calcolato come la differenza tra le attività correnti e le passività correnti) rispetto all'anno precedente quello di riferimento. La somma di tutti questi elementi viene poi divisa per 2, in modo da calcolare approssimativamente le esigenze di liquidità dell'impresa in un periodo semestrale vale a dire per la durata dell'aiuto per il salvataggio. 7

7 ristrutturazione, le autorità italiane hanno confermato che BPA non ha ricevuto aiuti al salvataggio o alla ristrutturazione negli ultimi dieci anni. Pertanto, la misura di aiuto notificata è conforme anche al punto 25, lettera e), degli orientamenti sul salvataggio e la ristrutturazione. (31) Alla luce di quanto precede, l'aiuto notificato soddisfa le condizioni di compatibilità di cui al punto 25, lettera e), degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. (32) Inoltre, l'italia dichiara che BPA non ha ricevuto alcun aiuto illegale in relazione al quale la Commissione abbia adottato una decisione negativa con un ordine di recupero. Pertanto, l'aiuto notificato soddisfa anche la condizione di cui al punto 23 degli orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione. 4. CONCLUSIONE: La Commissione ha pertanto deciso di non sollevare obiezioni in merito all'aiuto notificato dal momento che esso è compatibile con il mercato interno ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del trattato sul funzionamento dell'unione europea. Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione della presente. Ove non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l'esistenza del consenso alla divulgazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della presente lettera nella lingua facente fede sul sito: HXhttp://ec.europa.eu/competition/elojade/isef/index.cfmH. La domanda dovrà essere inviata a mezzo lettera raccomandata o fax all'indirizzo: Commissione europea Direzione generale della Concorrenza Protocollo Aiuti di Stato 1049 Bruxelles Belgio Fax +32(0) La prego di accogliere, signora Ministro, i sensi della mia più alta stima. Per la Commissione Joaquín ALMUNIA Vicepresidente 8

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.05.2009 C(2009)4152 Oggetto: Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà Signor

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

FONDO PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INTERVENTI SUGLI AIUTI DI STATO PER IL SALVATAGGIO E LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE IN DIFFICOLTA

FONDO PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INTERVENTI SUGLI AIUTI DI STATO PER IL SALVATAGGIO E LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE IN DIFFICOLTA FONDO PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INTERVENTI SUGLI AIUTI DI STATO PER IL SALVATAGGIO E LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE IN DIFFICOLTA Bari, 20 maggio 2011 1. Operatività del Fondo Il Fondo, istituito ai

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale Politica di recupero Principi e procedure Principi di recupero Esecuzione di una decisione di recupero Ricorsi dinanzi ai giudici nazionali e UE Insolvenza Mancata esecuzione Link e formazione 2 Principali

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

Imprese in difficoltà, operativo dal 5 luglio 2010 il Fondo per interventi di salvataggio e di ristrutturazione

Imprese in difficoltà, operativo dal 5 luglio 2010 il Fondo per interventi di salvataggio e di ristrutturazione PERIODICO INFORMATIVO N. 37/2010 Imprese in difficoltà, operativo dal 5 luglio 2010 il Fondo per interventi di salvataggio e di ristrutturazione È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 25

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo

Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 2.2.2010 C(2010) 684 Oggetto: Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo Signor Ministro, 1.

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.35413 (2012/NN) - Italia Aiuti destinati a compensare i danni arrecati dagli eventi sismici verificatisi nel maggio

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 09-XI-2006 C(2006) 5456 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Basilicata) Aiuto n. N 572/2005 Fondo di garanzia per il consolidamento delle passività delle PMI agricole lucane

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N.

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. Allegato CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 1. Obiettivi del Programma e linee di intervento previste

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE 25.2.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/3 II (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA.37347 (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA.37347 (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.02.2014 C(2014) 939 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento IT PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento 1. TASSI DI RIFERIMTO E TASSI DI ATTUALIZZAZIONE Nell ambito del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453 Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con lettera della

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

TRAFFIC POLICY 2015-2016. Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio

TRAFFIC POLICY 2015-2016. Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio TRAFFIC POLICY 2015-2016 Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio TRAFFIC POLICY 2015 2016 OBIETTIVI Il sistema di seguito esposto è concepito per incentivare, in modo trasparente e tale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

http://eur-lex.europa.eu/notice.do?mode=dbl&lang=it&ihmlang=it&lng1=it,it&lng2=...

http://eur-lex.europa.eu/notice.do?mode=dbl&lang=it&ihmlang=it&lng1=it,it&lng2=... Pagina 1 di 15 Doppia visualizzazione BG CS DA DE EL EN ES ET FI FR HU IT LT LV NL PL PT RO SK SL SV BG CS DA DE EL EN ES ET FI FR HU IT LT LV NL PL PT RO SK SL SV it it Comunicazione della Commissione

Dettagli

Informativa n. 5/2015

Informativa n. 5/2015 Studio Tecnico Associato Dott. Forestale Alessio Mugnaini - Dott. Forestale e Ambientale Luca Trabucco Informativa n. 5/2015 Egregio Imprenditore Agricolo, Con la presente condividiamo la pubblicazione

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 4 dicembre 2014 Istituzione di un nuovo regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di societa' cooperative di piccola e media dimensione.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Costituzione di liquiditá. Istruzioni

Costituzione di liquiditá. Istruzioni Costituzione di liquiditá Istruzioni Quadro A classificazione dell impresa Quadro B dichiarazioni ed impegni della/del richiedente Quadro C agevolazione richiesta 1. Beneficiari 2. Quando e dove si presenta

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Sommario della presentazione 1) Il ruolo delle restrizioni della concorrenza

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005 Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim Il testo in lingua italiana è il solo disponibile e facente fede. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI Articolo 7(3) data: 28/01/2005 COMMISSION OF THE EUROPEAN

Dettagli

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 8.04.2009 C(2009) 2462 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 2.7.2013 C(2013) 4052 final. Aiuto di Stato SA.36091 (2013/N) Italia "Piano riassicurativo agricolo annuale"

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 2.7.2013 C(2013) 4052 final. Aiuto di Stato SA.36091 (2013/N) Italia Piano riassicurativo agricolo annuale COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 2.7.2013 C(2013) 4052 final Oggetto Aiuto di Stato SA.36091 (2013/N) Italia "Piano riassicurativo agricolo annuale" Signora Ministro, 1. Procedimento 1. Con e-mail del 17

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno.

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-VII-2006 C(2006) 3193 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 9/2006 - Italia Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. Signor Ministro,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2008 C (2008) 8301 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369;

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369; COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.05.2009 C(2009)4363 Oggetto: Aiuto di Stato N 6/09 - Italia Incentivi agli investimenti in energia solare su discariche esaurite (Regione Piemonte) Signor Ministro, con

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 8 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 febbraio 2016 Modalita' di attuazione dell'articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Mercati e casi: Trasporti, poste e altri servizi Aiuti di Stato - Trasporti Bruxelles, COMP/F2/RD/SG/tt-D *2015/100946 Rappresentanza permanente d'italia presso l'unione

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.35205 (2013/N) Italia Aiuto per la ristrutturazione a favore di Abbanoa S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.35205 (2013/N) Italia Aiuto per la ristrutturazione a favore di Abbanoa S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 4986 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 398/98 - Italia (Piemonte) Testo unificato della PDL n. 275 e del DDL n. 291: Disciplina dei distretti dei vini

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 05.12.2013 C(2013) 8827 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore Bruxelles, 03/07/2009 5563 Unit G.3 D(2009) FM.ml/860288 Ministero dello Sviluppo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli