Votazione del 14 giugno 2015 sulla revisione della LRTV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Votazione del 14 giugno 2015 sulla revisione della LRTV"

Transcript

1 Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Documentazione Embargo , ore (o inizio della conferenza stampa) Votazione del 14 giugno 2015 sulla revisione della LRTV Informazioni del DATEC Comunicato stampa Schede informative o o o Il nuovo canone radiotelevisivo Servizio pubblico alla radio e alla televisione Revisione della LRTV: panoramica Argomentario Le informazioni sono disponibili anche sui siti internet del DATEC et dell'ufcom: o

2 Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Comunicato stampa Data: "Sì" alla revisione della LRTV: diminuzione del canone radiotelevisivo per la maggior parte delle economie domestiche Il 14 giugno 2015, il popolo svizzero sarà chiamato a votare la modifica della legge federale sulla radiotelevisione (LRTV). L'attuale canone, dipendente dal possesso di un apparecchio di ricezione, dovrà essere sostituito con un canone generalizzato, adeguandolo all'evoluzione tecnologica. Poiché il finanziamento sarà ripartito su più soggetti, il canone per le economie domestiche diminuirà da 462 a circa 400 franchi l'anno. Per le imprese, l'importo sarà calcolato in base alla cifra d'affari: se modesta, l'impresa non sarà più tenuta a pagare il canone. Il nuovo sistema è semplice ed equo, queste le parole del capo del DATEC, Doris Leuthard, che ha spiegato oggi a Berna la posizione del Consiglio federale. La revisione della LRTV rafforzerà inoltre il sostegno alle emittenti radiotelevisive locali con mandato di servizio pubblico. Oggigiorno le economie domestiche e le imprese che dispongono di un apparecchio di ricezione pronto all'uso sono assoggettate al pagamento di un canone, che serve a finanziare la SSR e le emittenti radiotelevisive locali con un mandato di servizio pubblico. Questo sistema di riscossione è stato introdotto in un'epoca in cui non esisteva ancora Internet. Nel frattempo, quasi tutte le economie domestiche e le imprese dispongono di un collegamento a Internet. Grazie a cellulari, tablet e computer, si può ormai fruire dell'offerta radiotelevisiva anche se non si possiede un classico apparecchio radio o un televisore. A fronte di questa evoluzione, il Consiglio federale e il Parlamento hanno deciso di sostituire il canone attuale, dipendente dal possesso di un apparecchio di ricezione, con un canone generalizzato e, di conseguenza, di modificare la legge federale sulla radiotelevisione (LRTV). La revisione della LRTV prevede di ripartire il finanziamento su un maggior numero di soggetti, diminuendo così il canone per economia domestica: secondo quanto riportato nel messaggio destinato al Parlamento, quest'ultimo passerà dagli attuali 462 franchi l'anno a circa 400. Per le imprese, invece, il canone sarà calcolato in base alla cifra d'affari. Le imprese che non raggiungono i 500'000 franchi l'anno saranno esonerate dal pagamento; a trarne profitto saranno circa il 75 per cento delle imprese, vale a dire i tre quarti del totale. Per un altro 9 per cento circa delle imprese il canone ammonterà a circa 400 franchi l'anno. Oggigiorno il canone di ricezione per ogni filiale si situa, a seconda del tipo di utilizzo, tra 612 e 1409 franchi l'anno. Poiché anche le imprese traggono vantaggio dalle offerte radiotelevisive, per esempio dalle trasmissioni economiche e dalle piattaforme

3 Comunicato stampa "Sì" alla revisione della LRTV: diminuzione del canone radiotelevisivo per la maggior parte delle economie domestiche pubblicitarie, il Consiglio federale reputa giusto che anche l'economia continui a partecipare al finanziamento. Per situazioni economiche particolari il nuovo disciplinamento prevede diverse eccezioni: chi beneficia di prestazioni complementari all'avs/ai o risiede, per esempio, in una casa per anziani, una casa di cura, un istituto o casa per studenti, non è soggetto al pagamento del canone. Chi non possiede un apparecchio di ricezione può richiedere l'esenzione per un periodo di cinque anni a decorrere dall'introduzione del nuovo canone (opting-out). L'applicazione di una soglia minima di 500'000 franchi fa sì che le aziende artigianali con una cifra d'affari contenuta siano esonerate dal pagamento. Il cambiamento di sistema non incide sui proventi, più precisamente non serve ad aumentarne il volume complessivo. Il nuovo canone è semplice ed equo. I telespettatori e i radioascoltatori pirata non potranno più eluderlo. Il finanziamento sarà ripartito su più soggetti, poiché oggigiorno praticamente tutte le economie domestiche e imprese possono ricevere programmi radiofonici e televisivi. Non saranno più effettuati gli onerosi controlli e diminuiranno le spese di riscossione. L'annuncio e la disdetta avverranno automaticamente sia per le economie domestiche che per le imprese, secondo quanto iscritto nel registro degli abitanti e rispettivamente nel registro IVA. La revisione della LRTV rafforzerà inoltre il sostegno a 21 emittenti radiofoniche e a 13 emittenti televisive con mandato di servizio pubblico locale. Agli attuali 54 milioni di franchi complessivi stanziati a questo scopo ogni anno, se ne potranno aggiungere altri 27. Oltre a queste misure, le emittenti beneficeranno di un migliore sostegno per la formazione e il perfezionamento dei collaboratori, nonché per il passaggio alle tecnologie digitali. Questo il motivo per cui le associazioni del settore approvano questa revisione. La modifica di legge obbligherà le televisioni regionali a sottotitolare le principali trasmissioni informative, ampliando così l'offerta per le persone audiolese. Il mandato di servizio pubblico della radio e della televisione è molto importante per la nostra società e democrazia. Secondo il Consiglio federale, una buona offerta in tutte le regioni linguistiche rafforza la coesione nazionale: la SSR e le emittenti radiotelevisive locali con un mandato d'informazione aggiornano quotidianamente su avvenimenti di portata nazionale e locale. Tutti traggono profitto da questa prestazione, tanto la popolazione quanto l'economia ed è per questo che ognuno è tenuto ad apportare il proprio contributo. Se accolta dal popolo, la nuova LRTV entrerà presumibilmente in vigore a metà Il passaggio al canone generalizzato si attuerà invece più tardi, a metà del 2018 o all'inizio del Indirizzo per domande / informazioni: Servizio stampa DATEC, tel Altri rimandi 2/2

4 Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM Scheda informativa n. 1 sulla revisione della LRTV Il nuovo canone radiotelevisivo Oggigiorno, le economie domestiche e le imprese che dispongono di un apparecchio pronto all'uso per ricevere programmi radiofonici o televisivi devono pagare un canone di ricezione che permette di sostenere la SSR e le emittenti radiotelevisive locali. Grazie a cellulari, tablet e computer è ora possibile fruire dell'offerta radiotelevisiva senza disporre di un classico apparecchio di ricezione. Il Consiglio federale e il Parlamento hanno quindi deciso di sostituire l'attuale canone di ricezione, legato al possesso di un apparecchio, con un canone generale e di modificare di conseguenza la legge sulla radiotelevisione (LRTV). Il nuovo sistema è semplice ed equo. Riduce l'onere finanziario per la maggior parte delle economie domestiche (400 franchi l'anno anziché 462), poiché il finanziamento è ripartito su una base più ampia. Per le imprese, l'importo del canone dipende dalla cifra d'affari; se quest'ultima rimane al di sotto dei 500'000 franchi all'anno non viene fatturato alcun canone. Grazie a tale soglia, tre quarti delle imprese non saranno soggette al pagamento del canone. Inoltre: I beneficiari di prestazioni complementari AVS o AI continuano ad essere esonerati dal canone. Coloro che risiedono in case per anziani, case di cura o case per studenti non sono più assoggettati all'obbligo di pagare il canone. Coloro che a casa rinunciano ai programmi radiotelevisivi possono essere esonerati durante un periodo transitorio di cinque anni. Ogni economia domestica paga il canone una sola volta; contrariamente a quanto succede attualmente, non vi saranno canoni supplementari per gli appartamenti di vacanza. Ogni impresa paga il canone una sola volta, e non più per ogni filiale come succede attualmente. I controlli nelle economie domestiche e nelle imprese sono soppressi. Il nuovo canone è sensato perché attualmente, in quasi tutte le economie domestiche e le imprese è presente un apparecchio in grado di ricevere programmi radiofonici e/o televisivi.... consumiamo sempre più programmi radiofonici e televisivi su smartphone, tablet e computer, ragion per cui l'attuale sistema diventa obsoleto.... i cittadini onesti non dovranno più pagare per gli ascoltatori e i telespettatori pirata. con il nuovo sistema, la maggior parte delle economie domestiche e delle imprese beneficerà di un canone più economico. 1

5 Cifre e grafici Grafico 1: Economie domestiche in grado di captare programmi radiofonici o televisivi (stato: 2013) 100% 99.4% 97% 96.8% 90% 80% 70% 60% Con possibilità di captare radio/tv Con possibilità di captare la radio Con possibilità di captare la TV 50% Fonte: NES New Establishment Survey von Mediapulse (stato: 2013) Grafico 2: Economie domestiche che dispongono di un accesso Internet 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 90% 92% 85% 89% 91% 83% 77% 71% 71% 58% 61% 50% 33% 10% Tutte le economie domestiche contano almeno una persona tra 16 e 74 anni 74 Fonti: Jahren Accesso Internet: UFS / Accesso Internet a banda larga: valutazione UFCOM Economie domestiche con accesso Internet, in % Economie domestiche con accesso Internet a banda larga, in % In Svizzera, il 92 per cento delle economie domestiche in cui vive almeno una persona tra i 16 e i 74 anni dispone di un accesso Internet e quindi della possibilità di ascoltare la radio. Il 91 per cento di tutte le economie domestiche fruisce di un accesso a banda larga che consente loro di guardare anche la televisione. 2

6 Dal sistema attuale a quello nuovo le economie domestiche Grafico 3: Economie domestiche oggi 4.8% 9.4% Grafico 4: Economie domestiche in futuro 6.7% 85.8% Economie domestiche che pagano il canone radio e/o televisivo Economie domestiche esentate Economie domestiche non annunciate Fonte: UFS e Billag SA Economie domestiche annunciate per la radio e la TV Economie domestiche annunciate per la radio Economie domestiche annunciate per la televisione Beneficiari di prestazioni complementari 2'688' % 146' % 205' % 285'344 8% Diplomatici 6' % Esentati dall'obbligo d'annuncio 44' % Non annunciati 164' % Totale economie domestiche '540' % Attualmente, l'85.8 per cento di tutte le economie domestiche paga un canone per la radio e/o la televisione. Il 4.8 per cento non è annunciato perché non possiede apparecchi di ricezione o perché si tratta di ascoltatori o telespettatori pirata. Il 9.4 per cento delle economie domestiche è esonerato (beneficiari di prestazioni complementari, persone bisognose di cure, diplomatici). 93.3% Economie domestiche soggette al canone Economie domestiche esentate Fonte: UFS, stima BAKOM Economie domestiche 3'302' % soggette al canone 1 Beneficiari di prestazioni 230' % 2 complementari Diplomatici 3 8' % Totale economie domestiche '540' % In futuro, praticamente tutte le economie domestiche saranno assoggettate al canone poiché quasi tutte sono in grado di captare programmi radiofonici o televisivi. Vi sono però alcune eccezioni: i beneficiari di prestazioni complementari AVS/AI rimangono esentati dal canone. Coloro che risiedono in una casa di cura non sono più soggetti al pagamento del canone. Inoltre, chiunque non possiede alcun apparecchio in grado di captare programmi radiofonici o televisivi può essere esonerato per un periodo di cinque anni ("opting out"). Con il contributo delle imprese, il finanziamento è ripartito su un maggior numero di assoggettati, cosicché gran parte delle economie domestiche pagherà una somma inferiore per la radio e la televisione; si passerà da 462 a 400 franchi l'anno. 1 Stima (senza considerare l'opting out) 2 Stima (il numero dei beneficiari di prestazioni complementari cala poiché ad es. le persone che risiedono in case di cura che sono esonerate dal canone) 3 Stima (comprese le persone di organizzazioni internazionali con lo statuto di diplomatico) 3

7 Dal sistema attuale a quello nuovo le imprese Grafico 5: Imprese oggi 4.8% 12% 0.8% Grafico 6: Imprese in futuro 9% 16% 82.4% 75% Imprese che pagano il canone radio/tv Imprese cha pagano il canone radiofonico Imprese che pagano il canone televisivo Imprese non annunciate Fonti: UFS, Billag SA Attualmente, sono soggette al canone tutte le sedi commerciali che dispongono di una radio o di una televisione, ossia anche ogni filiale o succursale. Numero di imprese annunciate e non annunciate (stato: 2012) Imprese annunciate per la radio e la TV 31' % Imprese annunciate solo per la radio 77'667 12% Imprese annunciate solo per la TV 5' % Imprese che non sono annunciate 533' % Totale imprese 647' % Non assoggettate Assoggettate, con tariffe più vantaggiose rispetto ad oggi Altri assoggettati Fonte: Messaggio concernente la revisione parziale della LRTV (13.048), AFC, UFS Il nuovo sistema prevede per le imprese un canone differenziato in funzione della cifra d'affari le imprese con una cifra d'affari annua inferiore ai franchi sono esonerate dal canone. Grazie ), a AFC, questa BFS soglia, il 75 per cento delle imprese non pagherà il canone. Il 9 per cento beneficerà di una tariffa più vantaggiosa rispetto ad oggi. Inoltre, ogni impresa pagherà un solo canone e non più uno per ogni sede commerciale. Struttura tariffaria secondo il messaggio concernente la revisione della LRTV (numero di aziende; stato: 2012): Cifra d'affari (in mio. di franchi) Numero imprese Imprese in % (arrotondato) Tariffa (in fr.) < '551 75% '843 9% '047 12% 1' '106 3% 2' '851 1% 6' ' % 15'600 > % 39'000 Totale imprese 572'424 4

8 Grafico 7: Imprese con accesso Internet 98% 100% 98% 100% 92% 85% 80% 60% 40% 34% 20% Imprese con accesso a Internet Imprese con collegamento a banda larga 0% Fonte: UFS/KOF Costi per la riscossione del canone Grafico 8: Costi per la riscossione del canone (in milioni di franchi, IVA inclusa) * 43* 39.4* 37.5* Con possibilità di rinunciare Senza possibilità di (durante 5 anni) rinunciare (dal 6 anno) Totale Organo di riscossione UFCOM Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) *Stima (l'importo effettivo dipende dai risultati del bando di concorso pubblico) Fonti: Messaggio concernente la revisione parziale della LRTV (13.048), Billag SA, UFCOM I costi per la riscossione del canone dovrebbero ridursi di circa un quinto. Attualmente, la Billag ha il compito di incassare il canone di ricezione presso le imprese e le economie domestiche. In futuro, sarà l'amministrazione federale delle contribuzioni ad occuparsi delle imprese, mentre per le economie domestiche, bisognerà ancora designare un organo di riscossione nel quadro di un bando di concorso pubblico. Il registro degli abitanti fungerà da base per le economie domestiche, mentre per le imprese si prende in considerazione il registro dell'iva. Spariranno gli annunci, le disdette e le verifiche complesse per stabilire l'obbligo di pagamento del canone. La revisione della LRTV prevede tuttavia che le economie domestiche che non dispongono di alcun apparecchio di ricezione radiotelevisivo possano ancora, per una durata di cinque anni, essere esonerate dal canone (opting out). Durante questo periodo i costi per la riscossione saranno più elevati. 5

9 Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM Scheda informativa n. 2 sulla revisione della LRTV Servizio pubblico alla radio e alla televisione Secondo la Costituzione, le radio e le televisioni contribuiscono alla formazione e allo sviluppo culturale, così come alla libera formazione dell'opinione e all'intrattenimento. Esse tengono in conto anche le peculiarità del Paese e le necessità dei Cantoni. La riscossione di un canone di ricezione radiotelevisivo permette attualmente di finanziare queste prestazioni in tutto il Paese e in tutte le regioni linguistiche. La sola pubblicità non basterebbe a tale scopo. La SSR adempie un mandato di servizio pubblico a livello nazionale e di regione linguistica. Diffonde informazioni su politica, economia, cultura, società e sport nelle quattro lingue nazionali. È inoltre incaricata di informare la popolazione in situazioni di crisi. Per l'adempimento del suo mandato, la SSR riceve una quota del canone pari a 1.2 miliardi di franchi all'anno. Il cambiamento di sistema non comporta alcun aumento dei proventi totali e la SSR non ottiene mezzi supplementari. Le emittenti radiofoniche e televisive locali forniscono anch'esse prestazioni di servizio pubblico. Le 21 radio e le 13 televisioni che adempiono un mandato di servizio pubblico, ricevono 54 milioni di franchi all'anno (ossia il 4% del provento totale del canone di ricezione radiotelevisivo). La revisione della LRTV prevede che otterranno fino a 27 milioni di franchi in più (aumento della quota del canone dall attuale 4% a 4-6%). Inoltre, beneficeranno di un maggiore sostegno finanziario per la digitalizzazione dei loro programmi nonché per la formazione e il perfezionamento professionale. Grafico 1: Evoluzione della quota del canone destinata alle emittenti radiotelevisive locali dal 2007 dal 2012 massimo secondo la nuova Quellen: RTVG, BAKOM LRTV in milioni di franchi 1 / 8

10 Il servizio pubblico a beneficio... della popolazione, grazie a: un'offerta radiotelevisiva affidabile e di qualità elevata, un'offerta equivalente in tutte le aree del Paese e le regioni linguistiche, il contributo alla formazione dell'opinione tramite contributi su temi provenienti dal mondo della politica e dell'economia, Servizi d'informazione alla radio e alla televisione in situazioni di crisi. dell'economia, grazie a: un'offerta affidabile e di qualità elevata in tutte le lingue nazionali, trasmissioni per i consumatori, trasmissioni borsistiche ed economiche, informazioni sul traffico, informazioni sugli eventi economici importanti, la possibilità per i clienti di seguire le trasmissioni radiotelevisive in alberghi, ristoranti, luoghi commerciali, zone d'attesa, ecc., piattaforme pubblicitarie allettanti con una buona portata. anche di tutti coloro che rinunciano alla radio e alla televisione perché il servizio pubblico informa sui temi d'attualità e contribuisce in maniera generale alla formazione dell'opinione, favorisce la comprensione tra le regioni linguistiche, rafforza la coesione della Svizzera, contribuisce all'informazione in situazioni di crisi. 2 / 8

11 Il paesaggio radiofonico e televisivo svizzero Le peculiarità del mercato radiotelevisivo svizzero: la Svizzera tedesca, la Svizzera romanda e la Svizzera italiana confinano con Paesi che presentano mercati radio/tv importanti, i Paesi limitrofi con la stessa lingua esercitano una forte concorrenza, le emittenti estere detengono quote di mercato molto elevate in Svizzera. Grafico 2: Ordini di grandezza Fonti: Ufficio federale di statistica (stato: 2013, arrotondato) Gli abitanti della Svizzera tedesca, della Svizzera romanda e della Svizzera italiana ricevono numerosi programmi dai Paesi limitrofi molto più grandi con la stessa lingua. In tutte le regioni linguistiche della Svizzera questi raggiungono una quota di pubblico superiore al 60 per cento. 3 / 8

12 Emittenti radiofoniche e televisive locali La revisione della LRTV migliora le condizioni quadro delle radio e delle televisioni locali. Per il loro mandato di servizio pubblico ricevono fino a 27 milioni di franchi in più all'anno, che si aggiungono ai 54 milioni di cui beneficiano già ora. Inoltre, 45 milioni di franchi saranno loro destinati per la digitalizzazione, la formazione e il perfezionamento professionale. Le 13 televisioni locali Offrono: una rete di televisioni regionali su tutto il territorio svizzero, informazioni regionali su politica, economia, cultura, società e sport, ad ogni regione la "propria" TV regionale, un arricchimento della pluralità delle opinioni, programmi bilingui nelle regioni di Bienne e del Vallese, 440 posti di lavoro. Ottengono attualmente la quota seguente del canone: Emittente Regione Quota del canone (dal 2012, arrotondato, in mio. di fr. l'anno) Léman Bleu Ginevra 2.16 La Télé Vaud - Friburgo 3.59 Canal 9 / Kanal 9 Vallese 3.53 Canal Alpha Arco giurassiano 2.79 Tele Bärn Berna 2.31 Tele Bielingue Biel/Bienne 2.11 Tele Basel Basilea 2.59 Tele M1 Argovia Soletta 2.38 Tele 1 Svizzera centrale 2.41 Tele Top Zurigo Svizzera Nordorientale 1.91 Tele Ostschweiz Svizzera orientale 2.32 Tele Südostschweiz Svizzera sud-orientale 3.52 Tele Ticino Ticino 2.97 Grafico 3: Quota del canone di ricezione nel finanziamento delle emittenti televisive locali 30% Canone di ricezione 70% Introiti commerciali Fonte: ORTV 4 / 8

13 Le 12 radio locali per le regioni di montagna e le regioni periferiche Offrono: informazioni attuali su politica, economia, cultura, società e sport, un contributo allo sviluppo della vita culturale nella zona di copertura, un arricchimento della pluralità delle opinioni nelle regioni di montagna e periferiche, programmi bilingui nelle regioni di Bienne e Friburgo, 340 posti di lavoro. Ottengono attualmente la quota seguente del canone: Emittente Regione Quota del canone (dal 2012, arrotondato, in mio. di fr. l'anno) Radio Chablais Chablais 1.21 Radio Rhône FM Basso Vallese 1.12 Radio Rottu Alto Vallese 1.64 Radio BNJ (RTN, RFJ, RJB) Arco giurassiano 2.51 Radio Freiburg/Fribourg Friburgo 2.11 Radio Canal 3 Biel/Bienne 1.35 Radio BeO Oberland bernese 1.41 Radio Neo1 Emmental 0.92 Radio Munot Sciaffusa 0.87 Radio Südostschweiz Svizzera sud-orientale 2.30 Radio Fiume Ticino Sopraceneri 0.83 Radio 3i Sottoceneri 0.69 Grafico 4: Quota del canone di ricezione per il finanziamento delle radio locali nelle regioni di montagna e in quelle periferiche 50% 50% Canone di ricezione Introiti commerciali Fonte: ORTV 5 / 8

14 Le 9 radio locali complementari senza scopo di lucro Offrono: un programma che, da un punto di vista tematico, culturale e musicale, si distingue dai fornitori commerciali nella zona di copertura, trasmissioni in diverse lingue, un contributo all'integrazione delle persone con un retroterra migratorio, offerte per le minoranze sociali e culturali, 100 posti di lavoro. Ottengono attualmente la quota seguente del canone: Emittente Regione Quota del canone (dal 2012, arrotondato, in mio. di fr. l'anno) Radio Cité Ginevra 435'000 Radio RaBe Città di Berna 305'000 Radio Kanal K Argovia centrale 347'000 Radio X Basilea Città 403'000 Radio 3fach Lucerna 268'000 Radio LoRa Zurigo 340'000 Radio Stadtfilter Winterthur 330'000 Radio RaSa Città di Sciaffusa 94'000 Radio Toxic Città di San Gallo 389'000 Grafico 5: Quota del canone di ricezione nel finanziamento delle radio locali complementari non commerciali 30% Canone di ricezione 70% Altri introiti Fonte: ORTV 6 / 8

15 La SSR Offre: 17 programmi radiofonici, 7 programmi televisivi, 1 servizio online per regione linguistica, contributi destinati all'estero. Grafico 6: Quota del canone di ricezione nel finanziamento della SSR 25% Canone di ricezione Introiti commerciali 75% Fonte: SSR Adempie un vasto mandato di servizio pubblico: informazioni diversificate e appropriate, offerte formative, prestazioni culturali, intrattenimento, informazioni sportive, offerta di programmi equivalente in tutte le regioni linguistiche, comprensione tra diverse regioni linguistiche e culture, coesione della Svizzera quadrilingue, contatto con gli Svizzeri all'estero, prestazioni per le persone portatrici di handicap sensoriali, informazioni in situazioni di crisi, in caso di pericoli naturali o di altre situazioni straordinarie. Quota di mercato della SSR A livello di pubblico la quota di mercato della SSR si attesta a 65.5 per cento per la radio e a 31.3 per cento per la televisione (media quotidiana su 24 ore, 2013). Grafico 7: Quote di mercato radio Grafico 8: Quote di mercato televisione 1.9% 28.6% SSR 31.3% SSR Emittenti estere Emittenti estere 5.9% 65.5% Emittenti private Fonti: Mediapulse, SSR 67.1% Emittenti private Fonti: Mediapulse, SSR 7 / 8

16 Solidarietà tra le regioni linguistiche La SSR fornisce dei programmi equivalenti in tutte le regioni linguistiche. Per coprire i costi, che sono proporzionalmente più elevati nella Svizzera romanda e nella Svizzera italiana rispetto alla Svizzera tedesca, la SSR applica una perequazione finanziaria interna. Fonte: SSR (cifre 2013) Mezzi finanziari a disposizione del servizio pubblico: confronto con i Paesi vicini Nei Paesi confinanti, i programmi del servizio pubblico dispongono di mezzi nettamente più elevati della SSR, sebbene quest'ultima adempia un mandato di servizio pubblico in quattro lingue. Fonte: SSR (cifre 2013) 8 / 8

17 Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM Scheda informativa n. 3 sulla revisione della legge federale sulla radiotelevisione (LRTV) Revisione della LRTV: panoramica Dal canone di ricezione al canone radiotelevisivo Oneri amministrativi Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Controlli, procedure Controlli presso le economie domestiche e le imprese (presenza di un apparecchio di ricezione?) Richieste di chiarimento e ricorsi Annuncio e disdetta Annuncio e disdetta individuali Privati: anche per i domicili secondari, le case per anziani, la locazione di appartamenti di vacanza Imprese: ogni filiale deve annunciarsi singolarmente Riscossione del canone Organo centrale di riscossione (Billag) per economie domestiche e imprese Nessun controllo, scompaiono le procedure per stabilire l'obbligo di pagare il canone. Annuncio e disdetta automatici in base al registro degli abitanti (economie domestiche) e al registro dei contribuenti IVA (aziende) Un solo canone per economia domestica e impresa e non più per i domicili secondari, gli appartamenti di vacanza o per ciascuna filiale. Economie domestiche: organo centrale di riscossione (mandato attribuito su pubblica gara), l'obbligo di pagare il canone si basa sul registro degli abitanti Imprese: Amministrazione federale delle contribuzioni, il rilevamento è effettuato in base al registro dei contribuenti IVA 1 / 3

18 Partecipazione finanziaria Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Importo annuo del canone Appartamenti di vacanza e secondari Per economia domestica: 462 franchi per la radio e la televisione Per impresa: 612 franchi minimo per la radio e la televisione domicili Pagamento del canone sia per il domicilio principale che per quello secondario Ascoltatori e telespettatori pirata Numero imprecisato di ascoltatori e di telespettatori pirata Eccezioni Economie domestiche: ca. 400 franchi Le imprese con una cifra d'affari annua inferiore a 500'000 franchi sono esonerate dal canone. Quelle con una cifra d'affari annua superiore a 500'000 franchi pagano il canone (min. 400 franchi) in funzione di quest'ultima. Pagamento del canone esclusivamente per il domicilio principale, e non più per gli appartamenti di vacanza e i domicili secondari Scompaiono ascoltatori e telespettatori pirata Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Privati Persone beneficiarie di prestazioni complementari all'avs/ai Persone senza apparecchio radiotelevisivo. Nessuna possibilità di esenzione retroattiva Nessun obbligo di pagamento del canone Persone residenti in collettività Obbligo di pagamento del canone (case di cura, ecc.) se si dispone di un ap- parecchio di ricezione privato Imprese Nessuna eccezione (tutte le imprese con un apparecchio radiofonico o televisivo devono pagare il canone) Persone beneficiarie di prestazioni complementari all'avs/ai Possibilità di esenzione retroattiva (fino a cinque anni) Esenzione dall obbligo di pagamento del canone su richiesta ("opting out") limitata a cinque anni a decorrere dall'introduzione del canone radiotelevisivo Sono esonerate dal canone le persone che vivono, ad esempio, in una casa per anziani o di cura, in un centro educativo o in una casa per studenti. Le imprese con una cifra d'affari annua inferiore a 500'000 franchi non pagano il canone 2 / 3

19 Condizioni quadro per le emittenti radiotelevisive locali e per la SSR Servizio pubblico Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Quota di partecipazione al canone destinata alle emittenti radiotelevisive locali e regionali 4% degli introiti complessivi 4 6% degli introiti complessivi Impiego delle eccedenze provenienti dalle quote di partecipazione al canone non versate Diffusione di programmi televisivi Diffusione fuori della zona di regionali copertura regionale soltanto in tecnica digitale su linea Sottotitolaggio Nessun adeguamento delle trasmissioni televisive regionali per gli audiolesi Nessun impiego previsto Fondi destinati alla formazione e al perfezionamento professionale nonché al sostegno a nuove tecnologie di diffusione e alla produzione televisiva in digitale Nessuna restrizione nella diffusione Sottotitolaggio delle principali trasmissioni informative regionali Trasmissioni informative regionali Nessuna limitazione tempo- Radiogiornale regionale limitato della SSR rale al massimo a un'ora al giorno Pluralità dei media Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Pluralità delle opinioni e dell'of- Deve essere garantita prima ferta. del rilascio della concessione Numero di concessioni impresa mediatica per ogni Un massimo di due concessioni radiofoniche e di due concessioni televisive Sostegno a nuove tecnologie di Contributi d'investimento a diffusione sostegno della costruzione di reti di trasmettitori Competenze nel settore della vigilanza Non deve più essere verificata prima del rilascio della concessione si possono intraprendere in qualsiasi momento misure a tutela della pluralità delle opinioni e dell'offerta Due concessioni radiofoniche e due concessioni televisive. Possibilità di concessioni supplementari se il programma è trasmesso attraverso nuove modalità di diffusione. Possibilità di sostegno diretto ai costi di diffusione delle emittenti radiofoniche Regolamentazione attuale Regolamentazione futura Vigilanza sui contenuti redazionali Contenuti redazionali su In- Convergenza delle compedella SSR ternet: Ufficio federale delle tenze. Contenuti redazionali comunicazioni (UFCOM) nei programmi radiotelevisivi e su Internet: Autorità indi- Contenuti redazionali nei pro- pendente di ricorso in materia grammi radiotelevisivi: Auto- radiotelevisiva (AIRR) rità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR) 3 / 3

20 Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Argomentario sulla revisione della LRTV Revisione della LRTV: posizione del Consiglio federale Il 14 giugno 2015 si voterà la modifica della legge federale sulla radiotelevisione (LRTV). In risposta all'evoluzione tecnologica, il disegno di legge prevede di sostituire l'attuale canone, dipendente dal possesso di un apparecchio di ricezione, con un canone generalizzato. Il nuovo sistema è semplice ed equo: siccome il finanziamento è ripartito su una base più ampia, la maggior parte delle economie domestiche pagherà meno. L'importo del canone per le imprese è calcolato in base alla cifra d'affari che, se modesta, determinerà l'esenzione dell'azienda. I tre quarti delle imprese non dovranno quindi pagare il canone. Indice dell'argomentario Situazione iniziale... 2 Il progetto in dettaglio... 3 Conseguenze della modifica di legge per le economie domestiche... 4 Conseguenze della modifica di legge per le imprese... 5 Aumentano i finanziamenti per le emittenti radiotelevisive locali... 6 Ulteriori modifiche... 6 Perché il Consiglio federale raccomanda di votare sì alla revisione della LRTV / 7

Revisione della LRTV: posizione del Consiglio

Revisione della LRTV: posizione del Consiglio Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Argomentario sulla revisione della LRTV Revisione della LRTV: posizione

Dettagli

Argomenti Pro 13.048. Dokumentation Documentation Documentazione. Legge federale sulla radiotelevisione. Modifica. Votazione popolare del 14.06.

Argomenti Pro 13.048. Dokumentation Documentation Documentazione. Legge federale sulla radiotelevisione. Modifica. Votazione popolare del 14.06. Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament 13.048 Argomenti Pro Legge federale sulla radiotelevisione. Modifica Votazione popolare del 14.06.2015 Dokumentation

Dettagli

Il nuovo canone radiotelevisivo sostituisce il canone di ricezione

Il nuovo canone radiotelevisivo sostituisce il canone di ricezione Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC 26 settembre 2014 / Scheda informativa relativa alla revisione della legge sulla radiotelevisione (LRTV) Il

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

INFORMAZIONI IMPORTANTI I CANONI RADIOTELEVISIVI IN SVIZZERA

INFORMAZIONI IMPORTANTI I CANONI RADIOTELEVISIVI IN SVIZZERA INFORMAZIONI IMPORTANTI I CANONI RADIOTELEVISIVI IN SVIZZERA La particolarità della Svizzera da ascoltare e guardare A COSA SERVONO I CANONI RADIOTELEVISIVI? Pagando i canoni radiotelevisivi si contribuisce

Dettagli

Il nuovo sistema di riscossione del canone radiotelevisivo

Il nuovo sistema di riscossione del canone radiotelevisivo Ufficio federale delle comunicazioni Il nuovo sistema di riscossione del canone radiotelevisivo, Direttore Incontro con la stampa UFCOM, 3 luglio 2012 Situazione iniziale: 4 premesse L'evoluzione dal punto

Dettagli

Ordinanza sulla radiotelevisione

Ordinanza sulla radiotelevisione Ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV) Modifica del 5 novembre 2014 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 9 marzo 2007 1 sulla radiotelevisione è modificata come segue: Art. 6 cpv.

Dettagli

Domande e risposte Informazioni per gli insegnanti

Domande e risposte Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/6 Compito Obiettivo La società Billag spiega sul suo sito come vengono concretamente applicate le disposizioni di legge in materia dei canoni radiotelevisivi, un tema

Dettagli

Modulo di notificazione

Modulo di notificazione Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM Obbligo di notificazione delle emittenti (art. 3 LRTV e art. 2 ORTV)

Dettagli

Il canone di ricezione, Internet e servizi multimediali

Il canone di ricezione, Internet e servizi multimediali Ufficio federale delle comunicazioni Sorveglianza e concessioni di radiocomunicazione Il canone di ricezione, Internet e servizi multimediali, Vicedirettrice, Capodivisione Sorveglianza e concessioni di

Dettagli

Canoni di ricezione radiotelevisivi: riesame del sistema di riscossione

Canoni di ricezione radiotelevisivi: riesame del sistema di riscossione Canoni di ricezione radiotelevisivi: riesame del sistema di riscossione Rapporto del Consiglio federale in adempimento al postulato CTT-N del 17 febbraio 2009 (09.3012) Gennaio 2010 Canoni di ricezione

Dettagli

Panoramica della prassi applicata da Billag. Versione 2.2. Data 1 giugno 2015

Panoramica della prassi applicata da Billag. Versione 2.2. Data 1 giugno 2015 Schweizerische Erhebungsstelle für Radio- und Fernsehempfangsgebühren Organe suisse de perception des redevances de réception des programmes de radio et de télévision Ufficio svizzero di riscossione dei

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

Disoccupati registrati (+368, +5.2%)

Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Persone in cerca di impiego registrate (+319, +3.0%) Tasso di disoccupazione (+0.2 punti percentuali) Documentazione per la stampa della Sezione del lavoro / 9 gennaio

Dettagli

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament 13.084 Argomenti Contro Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione.

Dettagli

Il servizio pubblico parte II Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico parte II Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/12 Compito Lavorando in piccoli gruppi, gli alunni riassumono i diversi aspetti del servizio pubblico e li presentano poi alla classe. Obiettivo Analizzare con precisione

Dettagli

Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale

Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Argomentario Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale Il

Dettagli

18 Finanze pubbliche. Introduzione

18 Finanze pubbliche. Introduzione 8 Finanze pubbliche Introduzione 3 Panorama 3 Le finanze del Cantone Ticino 4 Entrate e uscite del Cantone per categoria 4 Debito pubblico e altri indicatori del Cantone 5 Indicatori finanziari del Cantone

Dettagli

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione (OFAD) 837.141 del 31 gennaio 1996 (Stato 12 marzo 2002) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 109 della legge del 25

Dettagli

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca)

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) Sintesi L'analisi della programmazione di SRG SSR nel 2014 comprendeva i sei canali generalisti della

Dettagli

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale Votazione popolare federale del 18 maggio 2003 Domande e risposte «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte In generale Cosa chiede l iniziativa? Perché il Consiglio federale vuole mantenere il sistema

Dettagli

Indennità per la diffusione di opere e prestazioni protette in reti-cavo

Indennità per la diffusione di opere e prestazioni protette in reti-cavo ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa SSA Società svizzera degli autori SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica SUISSIMAGE Cooperativa

Dettagli

Iniziativa popolare «Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione!»

Iniziativa popolare «Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione!» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa popolare «Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione!» Stato luglio 2014 Domande e risposte Quante aliquote fiscali prevede l imposta sul valore

Dettagli

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015 2.06 Contributi Lavoro domestico Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Chi occupa lavoratori domestici è tenuto a versare contributi alle assicurazioni sociali, anche se il salario in denaro o in natura è

Dettagli

Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università

Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università (OAU) 414.201 del 13 marzo 2000 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 16 capoverso 1, 19 capoversi 1 e 2, 21

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

1 Iniziativa popolare «Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione»

1 Iniziativa popolare «Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione» Votazione popolare dell 8 marzo 2015 Spiegazioni del Consiglio federale 1 Iniziativa popolare «Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione» 2 Iniziativa

Dettagli

Tariffa A 2012 2017 SUISA. Emissioni della SSR SRG SUISA. Cooperativa degli autori ed editori di musica

Tariffa A 2012 2017 SUISA. Emissioni della SSR SRG SUISA. Cooperativa degli autori ed editori di musica SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica Tariffa A 2012 2017 Emissioni della SSR SRG Approvata dalla Commissione arbitrale federale per la gestione dei diritti d autore e dei diritti affini

Dettagli

Revisione parziale dell ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV)

Revisione parziale dell ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM 12 o giugno 2014 (indagine conoscitiva) Revisione parziale dell ordinanza

Dettagli

0.973.266.31. Accordo quadro

0.973.266.31. Accordo quadro Traduzione 1 Accordo quadro tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Romania concernente l attuazione del programma di cooperazione tra la Svizzera e la Romania destinato a ridurre le disparità

Dettagli

In un ottica di leggibilità e scorrevolezza, il genere maschile è impiegato per ambo i sessi per indicare le funzioni espresse in questo Statuto.

In un ottica di leggibilità e scorrevolezza, il genere maschile è impiegato per ambo i sessi per indicare le funzioni espresse in questo Statuto. Statuto della Società svizzera di radiotelevisione (SRG SSR idée suisse) del 24 aprile 2009 In un ottica di leggibilità e scorrevolezza, il genere maschile è impiegato per ambo i sessi per indicare le

Dettagli

Prospettive finanziarie della SRG SSR marzo 2010

Prospettive finanziarie della SRG SSR marzo 2010 Prospettive finanziarie della SRG SSR marzo 2010 L'essenziale in breve: 1. Il deficit strutturale è allarmante: se non invertiamo rotta, il deficit strutturale finirà per erodere il capitale proprio e

Dettagli

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 COMMENTO sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 Versione modificata del 7 maggio 2012 Introduzione L Accordo

Dettagli

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Commissione federale delle poste PostCom Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2013 1 INDICE I. Osservazioni generali 1. Panoramica

Dettagli

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (Legge sul traffico pesante, LTTP) 641.81 del 19 dicembre 1997 (Stato 1 aprile 2008) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Il 30% dei neonati ha una madre di 35 anni o più

Il 30% dei neonati ha una madre di 35 anni o più DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Comunicato stampa Embargo: 04.07.2013, 9:15 1 Popolazione N. 0352-1306-60 Movimento naturale della popolazione 2012 Il 30% dei neonati

Dettagli

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Legge per la diffusione di canali esteri nel Moesano Pagina 1 di 5 Indice A. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Principio...

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Tariffa comune 3a 2008 2016

Tariffa comune 3a 2008 2016 ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale SSA Società svizzera degli autori SUISA Società svizzera per i diritti degli autori di opere musicali SUISSIMAGE Società

Dettagli

Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV

Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV Perché cablecom cambia l offerta digital tv? Le crescenti esigenze dei nostri clienti richiedono

Dettagli

Il futuro della radio in Svizzera è digitale

Il futuro della radio in Svizzera è digitale Il futuro della radio in Svizzera è digitale Il gruppo di lavoro Migrazione digitale (DigiMig) pubblica il rapporto sull'abbandono delle OUC a favore del DAB+ Berna, 1 dicembre 2014 Sotto l'egida dell'ufficio

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici. 1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.ch 2 / 20 05.01.2015 Centro nazionale di prestazioni, Ernst

Dettagli

Tariffa Comune 7 2012 2016

Tariffa Comune 7 2012 2016 ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa SSA Società Svizzera degli Autori SUISA Cooperativa degli autori ed editori di opere musicali SUISSIMAGE

Dettagli

Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG

Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG 2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L'assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l'assicurazione invalidità

Dettagli

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Indipendenti Sommario 1. Obbligo di contribuzione 2 1.1 In generale 2 1.2 Contributi AVS/AI/IPG

Dettagli

processi Personale Finanze Incrementare la penetrazione complessiva grazie all online Puntare sulle produzioni proprie Mantenere l età media

processi Personale Finanze Incrementare la penetrazione complessiva grazie all online Puntare sulle produzioni proprie Mantenere l età media Società svizzera di radiotelevisione Strategia aziendale Offerta e mercato Incrementare la penetrazione complessiva grazie all online Sfruttare l interazione tra canali tradizionali e internet Puntare

Dettagli

Età pensionabile Per quanto riguarda l età pensionabile AVS, non sono necessarie modifiche per l anno 2015.

Età pensionabile Per quanto riguarda l età pensionabile AVS, non sono necessarie modifiche per l anno 2015. Personale Fine anno 2014 Operazioni di chiusura 2014 Raccomandazione: archiviazione certificato di salario via PDF Una volta stampati i certificati di salario consigliamo di archiviarli anche nel proprio

Dettagli

2 Iniziativa popolare «Sulle borse di studio»

2 Iniziativa popolare «Sulle borse di studio» Votazione popolare del 4 giugno 05 Spiegazioni del Consiglio federale Decreto federale concernente la modifica dell articolo costituzionale relativo alla medicina riproduttiva e all ingegneria genetica

Dettagli

Tariffa comune S 2011 2013 SUISA. SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini. Emittenti SUISA

Tariffa comune S 2011 2013 SUISA. SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini. Emittenti SUISA SUISA Cooperativa degli autori ed editore di musica SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini Tariffa comune S 2011 2013 Emittenti Approvata dalla Commissione arbitrale federale

Dettagli

Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate

Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 6 agosto 2008 Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate Nel 2008 le entrate della Confederazione

Dettagli

TITOLO I DEL SERVIZIO PUBBLICO DI DIFFUSIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA. Articolo 1.

TITOLO I DEL SERVIZIO PUBBLICO DI DIFFUSIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA. Articolo 1. Legge 14 aprile 1975, n. 103 - Nuove norme in materia di diffusione radiofonica e televisiva (legge abrogata dall'art. 28 legge 3 maggio 2004, n. 112, ad eccezione delle disposizioni che qui si riportano.

Dettagli

Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni

Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni 6 maggio 2014 Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni Indice Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto)... 1 Spiegazioni...

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.11.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.12.0 DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.20.0 ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE Giugno 2007 PREMESSA

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa

ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa SSA Società svizzera degli autori, cooperativa SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica SUISSIMAGE

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Polynomics AG Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Un azienda parastatale con un nuovo modello commerciale per il mercato pubblicitario digitalizzato Patrick Zenhäusern

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

Compenso per la cessione d uso di set top box con memoria e vpvr

Compenso per la cessione d uso di set top box con memoria e vpvr ProLitteris Società svizzera per i diritti d autore di opere letterarie, drammaturgiche e figurative, cooperativa SSA Società svizzera degli autori, cooperativa SUISA Cooperativa degli autori ed editori

Dettagli

Legge federale sugli assegni familiari

Legge federale sugli assegni familiari Termine di referendum: 13 luglio 2006 Legge federale sugli assegni familiari (Legge sugli assegni familiari, LAFam) del 24 marzo 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

151.3 Legge federale sull eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili

151.3 Legge federale sull eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili Legge federale sull eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili (Legge sui disabili, LDis) del 13 dicembre 2002 (Stato 1 luglio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE (2013) DEL MEDIATORE PER LE RADIOTELEVISIONI DELLE REGIONI SVIZZERE DI LINGUA ITALIANA

RAPPORTO ANNUALE (2013) DEL MEDIATORE PER LE RADIOTELEVISIONI DELLE REGIONI SVIZZERE DI LINGUA ITALIANA AVV. GIANPIERO RAVEGLIA MEDIATORE PER LE RADIOTELEVISIONI PRIVATE DELLE REGIONI DI LINGUA ITALIANA RAPPORTO ANNUALE (2013) DEL MEDIATORE PER LE RADIOTELEVISIONI DELLE REGIONI SVIZZERE DI LINGUA ITALIANA

Dettagli

Legge federale sulle abitazioni secondarie

Legge federale sulle abitazioni secondarie Legge federale sulle abitazioni secondarie (Legge sulle abitazioni secondarie, LASec) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 75 e 75b della Costituzione federale

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

L art. 17 del D.L. n. 201/2011 convertito nella Legge 214/2011, ha previsto che le imprese e

L art. 17 del D.L. n. 201/2011 convertito nella Legge 214/2011, ha previsto che le imprese e CIRCOLARE A.F. N. 58 del 19 Aprile 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Esercenti attività di impresa: il modello Unico vuole l indicazione della detenzione ovvero la non detenzione di apparecchi per i quali

Dettagli

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG 2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG Stato al 1 gennaio 2016 In breve L assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l assicurazione invalidità (AI)

Dettagli

Iniziativa parlamentare Consiglio nazionale (Gruppo popolare-democratico) Legge sull organizzazione delle poste. Modifica

Iniziativa parlamentare Consiglio nazionale (Gruppo popolare-democratico) Legge sull organizzazione delle poste. Modifica ad 02.468 Iniziativa parlamentare Consiglio nazionale (Gruppo popolare-democratico) Legge sull organizzazione delle poste. Modifica Rapporto del 13 febbraio 2006 della Commissione dei trasporti e delle

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007)

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) 6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) Richiamati gli articoli 6d e 11 della Legge concernente il

Dettagli

CCNL I N D U S T R I A A L B E R G H I E R A & R I S T O R A Z I O N E

CCNL I N D U S T R I A A L B E R G H I E R A & R I S T O R A Z I O N E CCNL I N D U S T R I A A L B E R G H I E R A & R I S T O R A Z I O N E PARERE CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL CCNL DELL INDUSTRIA ALBERGHIERA E DELLA RISTORAZIONE NEGLI ISTITUTI AFFILIATI A CURAVIVA SVIZZERA

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia 861.1 del 9 dicembre 2002 (Stato 1 febbraio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 9 della legge

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

780.115.1 Ordinanza sugli emolumenti e le indennità per la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni

780.115.1 Ordinanza sugli emolumenti e le indennità per la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni Ordinanza sugli emolumenti e le indennità per la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OEm-SCPT) 1 del 7 aprile 2004 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio federale

Dettagli

Sostituita. basate sul web

Sostituita. basate sul web Gennaio 2010 www.estv.admin.ch Info IVA 13 concernente il settore Telecomunicazioni e prestazioni di servizi in materia d informatica Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Novità legislative federali e cantonali

Novità legislative federali e cantonali 2/26 Novità legislative federali e cantonali Una panoramica sui diversi cambiamenti in ambito di imposte dirette I. Novità legislative federali Dal 1. gennaio 2011 sono previste importanti novità legislative

Dettagli

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia.

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia. Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale importanti per tutti coloro che lavorano a tempo parziale e allevano figli o assistono familiari. sull AVS, l AI, la previdenza professionale, nonché sull

Dettagli

L'importo annuo della prestazione complementare corrisponde alla differenza fra le spese riconosciute (fabbisogno) ed i redditi computabili.

L'importo annuo della prestazione complementare corrisponde alla differenza fra le spese riconosciute (fabbisogno) ed i redditi computabili. Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI 1. Diritto alle prestazioni Hanno diritto alle prestazioni complementari i cittadini svizzeri, domiciliati nel Cantone Ticino, ai quali spetta

Dettagli

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia N E W S D A L M O N D O 18 M A R Z O 2 0 1 5 Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati

Dettagli

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013)

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sugli assegni familiari (OAFami) 836.21 del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 3, 13 capoverso 4, 21b capoverso 1, 21e e 27

Dettagli

Comunicato. I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima

Comunicato. I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima Comunicato I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima Zurich Svizzera www.zurich.ch Zurigo Compagnia di Assicurazioni SA Zurigo Compagnia di Assicurazioni sulla Vita SA Media Relations Thurgauerstrasse

Dettagli

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale (http://www.admin.ch/bundesrecht/00568/index.html?lang=it). 15.xxx Messaggio concernente l introduzione della

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012

Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012 Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012 Stato al settembre 2011 Indice Introduzione 1 I Applicabilità / entrata in vigore 2 II Salari minimi 2012 3 In generale 3 Tavola sinottica dei salari minimi

Dettagli

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Indipendenti e datori di lavoro Sommario 1. Obbligo di contribuzione 2 1.1 In generale 2

Dettagli

STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO

STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO 8 maggio 2015 INDICE Art. 1 Nome e sede 4 Art. 2 Scopo 4 Art. 3 Comprensorio di attività 4 Art. 4 Organizzazione 5 Art. 5 Patrimonio e finanziamento 5 Art. 6 Organi

Dettagli

dossier politica Separare mandato di prestazioni e mercato Revisione della legge sulla radio e la televisione (LRTV)

dossier politica Separare mandato di prestazioni e mercato Revisione della legge sulla radio e la televisione (LRTV) Separare mandato di prestazioni e mercato Revisione della legge sulla radio e la televisione (LRTV) 27 febbraio 2004 Numero 4/2 dossier politica economiesuisse Federazione delle imprese svizzere Verband

Dettagli

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare.

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare. Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.095 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Contro Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare Dokumentation Documentation Documentazione

Dettagli

Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA

Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA 1 26 CANTONI Argovia, Appenzello Interno, Appenzello Esterno, Berna, Basilea Campagna, Basilea Città, Friburgo, Ginevra, Glarona,

Dettagli

del 17 dicembre 2010 (Stato 1 ottobre 2012)

del 17 dicembre 2010 (Stato 1 ottobre 2012) Legge sulle poste (LPO) 783.0 del 17 dicembre 2010 (Stato 1 ottobre 2012) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 92 della Costituzione federale 1 (Cost.); visto il messaggio

Dettagli

Argomentario Contro 12.074. Dokumentation Documentation Documentazione. Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione! Iniziativa popolare

Argomentario Contro 12.074. Dokumentation Documentation Documentazione. Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione! Iniziativa popolare Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 12.074 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomentario Contro Basta con l IVA discriminatoria per la ristorazione! Iniziativa popolare Votazione popolare

Dettagli

Caratteristiche degli operatori

Caratteristiche degli operatori RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Luglio 2013 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche e postali in Francia Dati 2012 Caratteristiche degli operatori Salvo ulteriori precisazioni, i dati contenuti in questo

Dettagli