Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT"

Transcript

1 Che cos è ITIL Sessione didattica su ITIL per Studenti di Ingegneria Informatica Politecnico di Torino Introduzione ad ITIL 17 Ottobre 2006 Information Technolgy Infrastructure Library COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli TORINO Tel Fax Cod. Fisc.. e Part. IVA Cap. Soc i.v. Registro Imprese Torino 5080 R.E.A Una situazione critica La sfida Supporto al Business Adeguamento tecnologico Qualità dei servizi Costi Supporto al Business Adeguamento tecnologico Qualità dei servizi COSTI GOVERNO ICT GOVERNO ICT

2 Processi e funzioni Perché orientamento ai processi Direzione SI applicativi Pianificazione Controllo Personale e Organizzazione Produzione TLC Tecnologie Esercizio Sistemi? Sicurezza informatica e standard Innovazioni e progettazione Tecnologie avanzate Progetto 1 Progetto 2 Progetto n Sviluppo Applicativo Per ottenere un operatività dei Servizi standard e ripetibile, ben documentata e suscettibile di miglioramenti continui. Per garantire un controllo continuativo dei costi e da qui individuare possibili riduzioni Per costruire una base affidabile per misurare gli indicatori chiave dei Servizi (Key Performance Indicator- KPI) Per contribuire a realizzare un governo dell Informatica più strutturato e trasparente Quale metodo? Quali strumenti? Quale metodo? Best Practice Per una migliore gestione dei Servizi IT (maggiore qualità e riduzione dei costi) sono necessari: Risorse professionali con competenze adeguate Strumenti informatici di supporto Processi e Best Practice ITIL è un insieme completo di indicazioni e di linee guida per organizzare ed erogare al meglio ( best practice ) i Servizi Informatici Un approccio basato su Best Practice significa considerare idee e condividere esperienze con chi ha svolto attività e risolto problemi simili nel passato, testandone il buon funzionamento e formalizzandole e integrandole nei processi attualmente in uso. "Best Practice" non significa re-inventare ma imparare da esperienze altrui di provato successo

3 Cosa è ITIL Che tipo di Modello Sviluppato alla fine degli anni 80, ITIL è diventato lo standard de facto nel SERVICE MANAGEMENT. Nato come una guida per il Governo UK (Office of Governement Commerce), ITIL si è rapidamente diffuso in tutto il mondo anglosassone, pubblico e privato, poi in Europa, negli USA e in Asia. ITIL e un modello più che un metodo, poiché non fornisce indicazioni operative univoche e vincolanti Il modello analizza e descrive i Servizi fondamentali come Processi, indicando gli obiettivi, le attività generali, gli input ed output L impostazione richiesta, sia in fase di analisi che di proposta evolutiva, è orientata ad individuare le attività già svolte in azienda (anche non formalizzate), e confrontarle coi Processi descritti negli schemi di ITIL Che cosa non è ITIL Le origini di ITIL ITIL NON DESCRIVE le singole operazioni, poiché questo è qualcosa che deve essere personalizzato e differisce da organizzazione ad organizzazione. Utilizzare ITIL NON implica un modo completamente nuovo di pensare ed organizzare i servizi, ma fornisce uno schema per collocare metodologie e procedure in un contesto strutturato. ITIL era in origine formato da 10 libri core, che coprivano le aree del Service Support e del Service Delivery. Queste pubblicazioni furono via via affiancate da altri 30 libri, che coprivano temi che andavano dal Cablaggio al Business Continuity Management. Attualmente, ITIL è stato semplificato e reso più coerente: tutte le informazioni sono state riunificate ed aggiornate in due libri o CD, relativi a Service Support e Service Delivery, a cui si sono aggiunte pubblicazioni su temi specifici, tra cui l Application Management e la Security.

4 itsmf L evoluzione L insieme delle Aziende che seguono ITIL o che sono interessate ad applicarlo è raggruppata nell IT Service Management Forum (itsmf) a livello centrale in Inghilterra e nelle molte Associazioni nazionali Queste Associazioni, o Forum, facilitano lo scambio di esperienze e contribuiscono con il lavoro di specifici Gruppi a definire le proposte di aggiornamento della libreria d sottoporre all OGC (Ente del Governo Inglese che attualmente gestisce ITIL) La struttura di ITIL sta evolvendo tenendo conto delle esperienze fatte e di nuove esigenze, verso una nuova Versione, denominata ITIL v3 (o Refresh Project), che sarà disponibile a partire dalla prima metà del Dentro ITIL Prospettiva aziendale Il Business Perspective Book aiuta l organizzazione IT a svolgere le propria attività in funzione delle effettive esigenze del business aziendale. Gli argomenti trattati sono: Business Continuity Management partnerships e outsourcing (source management) gestione dei cambiamenti

5 dell infrastruttura ICT Infrastructure Management analizza le varie problematiche relative alla gestione di un Sistema Informativo, dalla identificazione delle necessità del business, alla predisposizione di gare di fornitura. Gli argomenti trattati sono: Network Service Management Operations Management dei sistemi dipartimentali Installazione e accettazione computer Systems Management delle Applicazioni Application Management è uno dei moduli più recenti, copre il ciclo di vita dello sviluppo software e del successivo utilizzo. Pone l accento sulle interrelazioni tra la progettazione e sviluppo delle Applicazioni ed i successivi Servizi. della Sicurezza Supporto ai Servizi (Support IT Services) Security Management dettaglia le attività di pianificazione e gestione del livello di sicurezza adottato nell organizzazione. Include la fase di assessment dei rischi e della vulnerabilità, ma anche le ipotesi di implementazione di contromisure a costi sostenibili Service Support riguarda le attività che assicurano tutti i giorni al Cliente l accesso a servizi IT appropriati per supportare le proprie funzioni di business: Service Desk Incident Management Problem Management Configuration Management Change Management Release Management

6 Erogazione dei Servizi (Delivery IT Services) La certificazione Service Delivery descrive i processi necessari per erogare servizi di qualità e definisce i processi che in senso più ampio assicurano un miglioramento continuo : Service Level Management Capacity Management Financial Management Availability Management IT Service Continuity Management E stato sviluppato dalle due fondazioni EXIN (Olanda) ed ISEB (Regno Unito), in stretta collaborazione con OGC e itsmf, un sistema di certificazione su tre livelli relativo ad ITIL. Tale sistema è strutturato in modo tale che si possa certificare il proprio livello di conoscenze in coerenza con il contesto in cui tali conoscenze devono essere impiegate.i livelli di certificazione in ambito ITIL che si possono conseguire sono: Foundation Certificate in IT Service Management; Practitioner Certificate in IT Service Management; Manager Certificate in IT Service Management ITIL e GLI STANDARD IT Metodologie e Standard a confronto Governo IT Obiettivi di qualità COBIT ISO Definizione processi ITIL Best Practices Documentazione aziendale PROCEDURE INTERNE

7 ITIL e COBIT COBIT Strumenti e metodologie di riferimento sono essenziali per assicurare che le risorse IT siano allineate con gli obiettivi di business aziendali e che i servizi e i dati elaborati incontrino le esigenze di qualità, di sicurezza e di affidabilità richiesti. COBIT e ITIL non si sovrappongono, ma possono essere integrati per fornire un potente strumento di governo e controllo del Service Management. Le aziende che intendono utilizzare la metodologia ITIL all interno di un più ampio disegno di governance dovrebbero comprendere anche COBIT Control Objectives for Information and related Technology (COBIT), giunto alla quarta edizione, è un framework, che aiuta le organizzazioni a gestire i rischi IT e ad assicurare che i processi IT siano coerenti con le necessità di business. La missione di COBIT è: ricercare, sviluppare e rendere pubblico un set internazionale di obiettivi di controllo generalmente accettati e che possano essere utilizzati non solo dai tecnici ma anche dai manager e dagli auditor. Gartner Group June 2002 COBIT COBIT Le linee guida di COBIT indirizzano le fasi del controllo interno: Quali sono i migliori indicatori di performance Quali sono i fattori critici per il successo dei controlli Quali sono i rischi che potrebbero impedirci di raggiungere gli obiettivi Come possiamo misurare e confrontare i nostri risultati 4 DOMINI 34 PROCESSI 318 OBIETTIVI DI CONTROLLO

8 ISO ISO è l evoluzione del BS 15000, il primo standard a livello mondiale specificamente disegnato per definire le caratteristiche dei processi di Service Management essenziali per erogare servizi di elevata qualità. ISO ISO è la specifica formale che definisce i requisiti di una organizzazione per fornire servizi di gestione di qualità accettabile ai suoi clienti. Il suo Ambito comprende: i Requisiti per il sistema di gestione, La Pianificazione ed implementazione del Service Management, La Pianificazione ed implementazione di servizi nuovi o modificati; Il Processo di delivery del servizio; I Processi di relazione; I Processi di risoluzione; I Processi di controllo e di Release. ISO è il Code of Practice e descrive le best practices per i processi di Service Management. Il Code of Practice è particolarmente utile alle organizzazioni che desiderano prepararsi per essere valutate nei confronti della norma ISO o pianificano miglioramenti del servizio. ITIL e GLI STANDARD IT LINK utili Governo IT Obiettivi di qualità Definizione processi COBIT ISO ITIL Best Practices COSA FARE COME FARE Documentazione aziendale PROCEDURE INTERNE

9 Dentro ITIL Descrizione dei processi secondo ITIL Obiettivo Perché del processo Responsabilità Attività Strumenti Relazioni con gli altri processi Definizioni utili Vantaggi Possibili problemi

10 Composizione della sessione Obiettivi Il Service Desk non è un Processo, ma una funzione. Il Service Desk e i Processi del Supporto Servizi Il Service Desk è il principale punto di contatto tra gli Utenti e l organizzazione IT. I suoi compiti sono: fornire un unico punto di accesso ai Clienti gestire gli Incidenti segnalati dagli Utenti (1 livello) fornire l interfaccia per quanto riguarda le modifiche richieste dagli Utenti e per tutti i Processi di supporto al Servizio 1 2 Sinonimi? Input/Output del Service Desk Help Desk Call Centre Hot Line Service Desk Ha lo scopo di assistere l Utente nella soluzione dei Problemi nel minor tempo possibile, garantendo che le richieste non si perdano o vengano dimenticate. Come l Help Desk. Il nome pone l accento principalmente sull aspetto della chiamata telefonica. Anche nella denominazione Hot Line prevale il concetto dell assistenza in caso di problema. Il nome indica la maggiore estensione della funzione, orientata alla totalità del Servizio. 3 4

11 Le attività del Service Desk Input: richieste Utente (telefono, , fax), allarmi automatici di sistema, CMDB (Configuration Management Data Base), repository dei Problemi ed Errori noti Ricezione delle chiamate Registrazione degli Incidenti ed emissione RFC (Request for Change) Monitoraggio degli Incidenti Coordinamento del 2 e 3 livello di assistenza Coordinamento dei Fornitori esterni (assistenza tecnica) Informazioni agli Utenti Verifica SLA e Reporting Direzionale sulla qualità del Servizio Output: comunicazioni agli Utenti, registrazione Incidenti, Reporting Direzionale. 5 Identificare i Problemi Coordinare il supporto di 2 nd e 3 rd livello Informare gli Utenti Ricevere le chiamate Service Desk Gestire operazioni di routine (*) Richiesta di Modifica o Request for Change (RFC) Service Desk: attività Registrare Incidenti e RFC (*) Coordinare i fornitori esterni Monitorare infrastruttura 6 Funzioni e responsabilità del Service Desk Escalation Ricevere tutte le chiamate degli Utenti Registrare e monitorare gli Incidenti e le lamentele Mantenere gli Utenti informati sul progresso delle loro richieste Svolgere il 1 livello di analisi degli Incidenti Gestire le procedure di Escalation Gestire completamente il ciclo di vita della richiesta, fino alla chiusura Comunicare agli Utenti eventuali varianti pianificate al servizio Fornire suggerimenti per il miglioramento del Servizio Individuare necessità di formazione per gli utenti Identificare i Problemi, e contribuire alla loro soluzione Monitorare l andamento dei Livelli di Servizio (SLA/OLA) Rilevare il livello di soddisfazione degli Utenti (indagini periodiche). Tutte le richieste degli Utenti devono essere registrate, indipendentemente dal tempo ad esse dedicato. 7 Escalation Funzionale Utente Assistenza 1 livello OK? Assistenza 2 livello OK? Assistenza 3 livello La durata del colloquio telefonico deve essere più breve possibile, per mantenere l accesso libero agli altri Utenti (consigliato: 1-2 minuti) L analisi dell Incidente al 1 livello deve limitarsi a rispondere alla domanda:come posso sbloccare la situazione? Appena si ha la sensazione che non si riesce a trovare la soluzione, la questione deve essere passata al 2 livello (vedere i limiti imposti dagli SLA) 8

12 Relazione tra i Processi utenti Processi di cui si darà un cenno Incidenti Disponibilità Problemi Continuità Cambiamenti. Supporto Servizi Livelli Servizio Erogazione Servizi Release SERVICE DESK Capacità Configuraz. dei Costi SERVICE SUPPORT Incidenti richieste Problemi analisi richieste di cambiamento Service Desk Cambiamenti pianificazione verbali CMDB cambiamenti Rilasci rilasci pianificazione verbali di collaudo Configurazioni statistiche procedure di verifica 9 incident errori conosciuti cambiamenti rilasci relazioni tra CI Incident Management: attività Problem Management: attività Input: descrizione dell Incidente dal Service Desk, allarmi dei sistemi, procedure Identificazione e registrazione incidenti Classificazione e supporto iniziale Investigazione e diagnosi Monitoraggio e comunicazioni Risoluzione e ripristino Input: workaround da Gest.Incid., dettagli configurazioni da CMDB (Configuration Management Data Base), informazioni da Fornitori esterni, informazioni da sistemi interni Identificazione e registrazione Problemi Classificazione Investigazione e diagnosi Monitoraggio Controllo degli Errori conosciuti Output: completamento della registrazione dell Incidente, Richiesta di Modifica per la correzione definitiva, comunicazione agli Utenti, Reporting Direzionale Chiusura dell Incidente 11 Output: Errori conosciuti, RFC (Request for Change), aggiornamento registro dei Problemi Chiusura del Problema 12

13 Change Management: attività Configuration Management: attività Input: Richiesta di Modifica, Piano delle Modifiche (Forward Schedule of Change-FSC) Valutazione della Request for Change Autorizzazione e pianificazione delle Modifiche Predisposizione Servizio e DB Identificazione Coordinamento implementazione Supervisione CI (*) Valutazione delle Modifiche introdotte Reporting Output: aggiornamento Piano delle Modifiche, Change Mgmt, informazioni per Release M. e Configuration M. 13 (*) CI: Configuration Item Verifiche e controlli 14 Release Management: attività Service Level Management: attività Politiche e procedure di rilascio Costruzione del Catalogo Servizi Disegno e costruzione Definizione dei SLA (*) e trattativa Test e accettazione Definizione degli OLA (**) e trattativa Pianificazione rollout Controllo/ monitoraggio SL Comunicazione e training Reporting Distribuzione ed installazione 15 (*) SLA: Service Level Agreement (**) OLA: Operational Level Agreement Processo di miglioramento 16

14 Relazione tra i Processi Utenti Service Desk Un Utente chiama il Service Desk per segnalare la lentezza di risposta di un applicazione on line L Incident Management analizza la richiesta Il Problem Management ricerca le cause del Problema coinvolge il Capacity Management. e predispone una RFC Il Change Management coordina le attività necessarie all esecuzione della Modifica 17 SERVICE DELIVERY Disponibilità piano Disponibilità analisi degli impatti Capacità piano Capacità Livelli di Servizio Raggiungimento degli Obiettivi Continuità piano Continuità analisi rischi strumenti di gestione Costi budget e previsioni di controllo costi e addebiti 18 Relazione tra i Processi (2) Relazione tra i processi (3) Il Controllo dei Costi (o Financial Management) predispone il business case con la giustificazione economica del cambiamento L IT Service Continuity garantisce un eventuale ripristino gestendo i backup delle configurazioni Il Release Management assicura l esecuzione del Change predisponendo il rollout HW e SW Release M. aggiorna Configuration M. fornendo tutti i dettagli delle nuove versioni Availability M. è coinvolto nel verificare che il cambiamento assicuri i livelli di disponibilità richiesti Il Configuration M. assicura che il CMDB sia aggiornato costantemente durante tutta l esecuzione del processo 19 20

15 Strumenti Tecnologici di Supporto Gli strumenti Sistema di degli Incidenti/Problemi Sistema di Knowledge Management Sistemi Intelligenti di gestione telefonica Sistema di monitoraggio operativo Sistema di gestione SLA Data Base delle Configurazioni (CMDB) Sistema di delle Modifiche Sistema di delle Release Sistema di della Capacità Sistema di Project Management Network Mngt System Mngt DSL RELEASE CMDB CHANGE CAPACITY IVR-CTI Incident Problem KM SLA 21 Project Management 22 Indagini di Customer Satisfaction Metriche e KPI Spesso, anche se la qualità del Servizio erogato ci appare buona in base ai dati, espressi dal rispetto degli SLA, gli Utenti sono comunque non totalmente soddisfatti (qualità percepita). Questa situazione si verifica con: Analisi periodiche, con questionari definizione corretta delle domande definizione del campione significativo associata a piani di miglioramento mirati Verifica on-line della soddisfazione questionario di valutazione alla chiusura di un Incidente modello di valutazione su web I KPI, Key Performance Indicators, sono i parametri misurabili che permettono la valutazione dell efficienza di un Processo. La misurazione deve essere oggettiva, preferibilmente svolta da un sistema automatico. Numero di chiamate gestite Tempo medio di attesa in linea prima della risposta Numero e % delle chiamate perse (per attesa eccessiva) Durata media del colloquio telefonico Numero di Incidenti risolti durante la chiamata Correttezza delle registrazioni si applicano inoltre i KPI relativi alla degli Incidenti 23 24

Quattro passi verso la competenza

Quattro passi verso la competenza Quattro passi verso la competenza Incompetenza inconscia (non so di non sapere) Incompetenza conscia (so di non sapere) Competenza conscia (finalmente so di sapere) Competenza inconscia (non so di sapere)

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino Agenda Introduzione; Definizioni generali; ITIL nel mercato, richieste; Organizzazioni coinvolte; Modelli di miglioramento, Metodi e loro integrazione; ITIL:

Dettagli

ITIL cos'è e di cosa tratta

ITIL cos'è e di cosa tratta ITIL cos'è e di cosa tratta Stefania Renna Project Manager CA Sessione di Studio AIEA, Verona, 25 novembre 2005 Agenda ITIL: lo standard de facto Il framework I benefici e le difficoltà Il percorso formativo

Dettagli

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM 30 Novembre 2005 Sandra Foglia, Francesco Muscuso 1 d i gi t a l IBM d i g i t a l Data General Il contesto: IT Operations Area

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano DSSI, Direzione Specialistica Sistemi Informativi Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano 21 maggio 2007 Forum PA - ROMA Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Governo dei contratti ICT

Governo dei contratti ICT Governo dei contratti ICT Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere per governare, misurare per gestire Roma, aprile

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Incident Management Obiettivi Obiettivo dell Incident Management e di ripristinare le normali operazioni di servizio nel piu breve tempo possibbile e con il minimo impatto sul business, garantendo il mantenimento

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006 ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT 1 Motivazioni del progetto (1) Il Servizio Sistemi Informativi e Telematici del Comune di Udine è

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader CMDBuilDAY La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader 15 Aprile 2010 La ripresa nelle economie dei Paesi avanzati Valori % del PIL Mondo USA Giappone

Dettagli

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 modello d esame IS20F.IT Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 contenuto 2 introduzione 3 modello d esame 13 chiave delle risposte 31 valutazione EXIN International

Dettagli

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader Firenze, 30 Giugno 2010 Previsioni sull andamento del PIL nei principali Paesi nel 2010-2011 Variazioni %

Dettagli

MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI

MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI CONDUZIONE SISTEMI SPC LOTTO1 Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE 4 1.1. Autori...4 1.2. Modifiche Documento...4 1.3. Acronimi e Definizioni...4

Dettagli

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni Change Management Obiettivi Obiettivo del Change Management è di assicurarsi che si utilizzino procedure e metodi standardizzati per una gestione efficiente ed efficace di tutti i cambiamenti, con lo scopo

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005 Certification Europe Italia 1 IT Service Management & ITIL Ä La IT Infrastructure Library (ITIL) definisce le best practice

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

ITIL & Project Management Quali relazioni?

ITIL & Project Management Quali relazioni? ITIL & Project Management Quali relazioni? ing. Andrea Praitano Via Vallombrosa 47/a 00135 Roma Tel. 06.33 71 14 61 Fax. 06. 33 66 09 87 www.isipm.org email info@isipm.org Agenda Progetto vs Servizio;

Dettagli

Open Source System Management come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende. Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix

Open Source System Management come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende. Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix Open Source System come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix Open Source o software proprietario? il dilemma Soluzioni proprietarie?

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL

ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL 1 11 marzo 2009 InfoCamere Padova ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.it [www.comune.udine.it] ITIL per l IT Governance

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi

Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi Servizi ASP Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi Milano, 8 ottobre 2009 AIEA Sessione di Studio presso UGIS Contenuti I SERVIZI

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors 20141 Milano Via Valla, 16 Tel. +39/02/84742365-70608405 Fax +39/02/700507644 E-mail: aiea@aiea.it P.IVA 10899720154 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Verona Gentili Associati Il Consiglio Direttivo

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Business Continuity e ICT Governance. La metodologia ITIL. Sergio Cipri Segretario Generale itsmf Italia

Business Continuity e ICT Governance. La metodologia ITIL. Sergio Cipri Segretario Generale itsmf Italia Business Continuity e ICT Governance. La metodologia ITIL Sergio Cipri Segretario Generale itsmf Italia Cosa è ITIL ITIL è un insieme completo di indicazioni e di linee guida per organizzare ed erogare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese Lucidi di Gianmario Motta 2010 Governo dei sistemi informativi nelle imprese OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INTRODUZIONE: RUOLO DELLA IT NELLE IMPRESE

Dettagli

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.)

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Servizi Gennaio 2013 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241 - sales@scorylus.it

Dettagli

The Open Source Ticket Request System

The Open Source Ticket Request System The Open Source Ticket Request System Powered by Powered by Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente Würth Phoenix IT Management, Business Software and Process Consulting Società

Dettagli

Service Desk Incident Problem Management

Service Desk Incident Problem Management Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_2 V1.2 Service Desk Incident Problem Management Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

I processi di Incident management e Change management in Lombardia-Servizi. Gianluca Tricella

I processi di Incident management e Change management in Lombardia-Servizi. Gianluca Tricella I processi di Incident management e Change management in Lombardia-Servizi Gianluca Tricella Lombardia-Servizi: societa del Gruppo Lombardia Informatica dedicata alla progettazione e alla gestione del

Dettagli

La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management. Chiara Mainolfi

La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management. Chiara Mainolfi La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management Chiara Mainolfi EXIN AGENDA Quadro delle metodologie Percorsi di certificazione Schemi di certificazione A chi rivolgersi per

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

I EDIZIONE Corso di Alta Formazione

I EDIZIONE Corso di Alta Formazione LA GESTIONE STRATEGICA DELL ICT PER L INNOVAZIONE I EDIZIONE Corso di Alta Formazione Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Roma 19 aprile - 6 luglio 2010 DIREZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl 1 ready 2 use La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl tecnoteca@tecnoteca.com www.tecnoteca.com CMDBuild ready2use 2 CMDBuild ready2use

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Percorsi di avvicinamento ad ITIL: l esperienza di INVA S.P.A.

Percorsi di avvicinamento ad ITIL: l esperienza di INVA S.P.A. Percorsi di avvicinamento ad ITIL: l esperienza di INVA S.P.A. Roberto Ronzani Direzione Servizi e Gestione Operativa Milano, 17 Febbraio 2009 1 Argomenti 1. INVA S.p.A. 2. L avvicinamento ad ITIL: adesione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Innovare la Governance dell ICT

Innovare la Governance dell ICT Innovare la Governance dell ICT per ottenere qualità e creare valore Servono i profili professionali ICT giusti Marco Gentili Centro Nazionale per l Informatica nella PA 1 Domanda ed Offerta ICT Domanda

Dettagli

Gli strumenti dell ICT

Gli strumenti dell ICT Gli strumenti dell ICT 1 CREARE, GESTIRE E FAR CRESCERE IL PROPRIO SITO La rete è sempre più affollata e, per distinguersi, è necessario che le aziende personalizzino il proprio sito sulla base dei prodotti/servizi

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

ITIL in Poste Italiane parlare la stessa lingua, lavorare (meglio) allo stesso modo. Mauro Minenna - Giuseppe G. Pavone

ITIL in Poste Italiane parlare la stessa lingua, lavorare (meglio) allo stesso modo. Mauro Minenna - Giuseppe G. Pavone ITIL in Poste Italiane parlare la stessa lingua, lavorare (meglio) allo stesso modo Mauro Minenna - Giuseppe G. Pavone Perché ITIL in Poste Italiane ITIL in Poste per: Stabilire un vocabolario e creare

Dettagli

L'adozione di OTRS in base alle best practices di ITIL in DigiCamere

L'adozione di OTRS in base alle best practices di ITIL in DigiCamere L'adozione di OTRS in base alle best practices di ITIL in DigiCamere Alessio Cuppari ICT Services e User Assistance Manager Digicamere S.c.a.r.l. 4/17/2013 1 Il Sistema Camerale Lombardo Nota: le CCIAA

Dettagli

WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. L applicazione pratica dello schema ITIL

WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. L applicazione pratica dello schema ITIL WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE L applicazione pratica dello schema ITIL Sommario Introduzione...1 Motivi di scetticismo...3 > >Definizione delle aree di intervento...3 Risposte alle obiezioni più comuni...3

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti ATLAS Reply Modello, metodologia e servizi offerti Mission Atlas Reply nasce nel 2001 con questa mission: Allineare l IT alle necessità del business operando sull automazione dei processi, l efficacia

Dettagli

ICT Financial Management

ICT Financial Management ICT Financial Management L ICT ha un ruolo decisivo per lo sviluppo di servizi innovativi orientati all incremento dei ricavi ormai non più basati solo sui prodotti tradizionali e rappresenterà una leva

Dettagli

Un esempio di Audit presso un Centro Assistenza Clienti

Un esempio di Audit presso un Centro Assistenza Clienti Un esempio di Audit presso un Centro Assistenza Clienti a cura di Natale Prampolini, LA ISO27001, CISA, CISM, ITIL, ISO20000 Pag. 1 Obiettivi dell audit Organizzazione del CAC nell azienda Ruoli e responsabilità.

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Giovanni Belluzzo Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Riepilogo Ingegnere Elettronico, da circa 25 anni opero nel mondo ICT. Nel corso della mia carriera ho condotto

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Informazioni di controllo del documento

Informazioni di controllo del documento Dettagli del documento Informazioni di controllo del documento Nome del documento Obiettivo del documento ITIL_v3_Foundation_Bridge_Certificate_Syllabus_v4.1 Syllabus per il corso Bridge di aggiornamento

Dettagli