La Voluntary Disclosure Internazionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voluntary Disclosure Internazionale"

Transcript

1 La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

2 Premessa L esame del perimetro oggetto di voluntary disclosure internazionale deve essere condotto in base alle disposizioni in materia di monitoraggio valutario (legge 167 del 1990) vigenti in ciascuna annualità interessata dalla procedura. Nel corso degli anni, gli obblighi di rilevazione sono stati modificati una prima volta nel 2010, e una seconda volta nel 2013, per effetto della cd. Legge Europea. L art. 9 della legge n. 97/2013 (entrato in vigore il ) ha introdotto importanti modifiche, quali: Eliminazione delle sezioni I e III del quadro RW; Riduzione delle sanzioni; Estensione dell obbligo di segnalare la non produzione di reddito a tutti gli investimenti esteri; Nuovi obblighi per intermediari finanziari residenti; Ampliamento dei poteri d indagine dell Amministrazione Finanziaria In particolare, l art. 9 ha esteso gli obblighi di dichiarazione alle persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali (tra cui i Trust) residenti che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria siano titolari effettivi dell investimento secondo la legislazione antiriciclaggio.

3 Obblighi RW fino al 2009 TIPO DI ATTIVITA DETENUTA ALL ESTERO OBBLIGO DI COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Attività finanziarie estere (emesse da non residenti, compresi i titoli pubblici italiani emessi all estero) In ogni caso Immobili all estero Se sono assoggettati ad imposte sui redditi nello stato estero o comunque se sono dati in affitto In caso di cessione suscettibile di generare una plusvalenza imponibile in base all art. 67, comma 1, lettere a) e b) del TUIR Preziosi ed opere d arte Solo se impiegati in attività destinate a produrre redditi imponibili in Italia Attività finanziarie italiane (emesse da residenti, compresi titoli degli enti e organismi internazionali equiparati ai titoli di stato) Polizza di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione contratte con società assicuratrici non residenti In caso di cessione o rimborso suscettibili di generare plusvalenze imponibili in base all art. 67, comma 1, lettere da c) a c-quinquies) del TUIR Qualora il contratto non è concluso per il tramite di intermediario finanziario italiano o le prestazioni non sono pagate attraverso un intermediario italiano

4 Obblighi RW TIPO DI ATTIVITA DETENUTA ALL ESTERO OBBLIGO DI COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Attività finanziarie estere (emesse da non residenti, compresi i titoli pubblici italiani emessi all estero) In ogni caso Immobili all estero In ogni caso Preziosi ed opere d arte In ogni caso Attività finanziarie italiane (emesse da residenti, compresi titoli degli enti e organismi internazionali equiparati ai titoli di stato) Polizza di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione contratte con società assicuratrici non residenti In caso di cessione o rimborso suscettibili di generare plusvalenze imponibili in base all art. 67, comma 1, lettere da c) a c-quinquies) del TUIR Qualora il contratto non è concluso per il tramite di intermediario finanziario italiano o le prestazioni non sono pagate attraverso un intermediario italiano

5 Obblighi RW dal 2013: principali novità Il quadro RW deve essere compilato, ai fini del monitoraggio fiscale e, in ogni caso, ai fini dell Imposta sul valore degli immobili all estero (IVIE) e dell Imposta sul valore delle attività finanziarie all estero (IVAFE). L obbligo di indicare la consistenza degli investimenti e delle attività detenute all estero nel periodo d imposta sussiste anche se il contribuente nel corso del periodo d imposta ha totalmente disinvestito. In caso di partecipazioni in società residenti in Paesi non collaborativi, ovvero in caso di interposizioni fittizie, occorre indicare, in luogo del valore della partecipazione diretta, il valore degli investimenti detenuti all estero dalla società e delle attività estere di natura finanziaria intestati alla società, seguendo un approccio look through. Gli investimenti sono i beni patrimoniali collocati all estero e che sono suscettibili di produrre reddito imponibile in Italia: Queste attività vanno sempre indicate indipendentemente dalla effettiva produzione di redditi imponibili nel periodo d imposta (esempio: oggetti preziosi immessi in cassette di sicurezza all estero). Le attività estere di natura finanziaria sono quelle attività da cui derivano redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera. Queste attività vanno sempre indicate nel presente quadro in quanto di per sé produttive di redditi di fonte estera imponibili in Italia. Sono considerate attività estere anche le attività finanziarie italiane comunque detenute all estero, sia ad esempio per il tramite di fiduciarie estere o soggetti esteri interposti, sia in cassette di sicurezza, nonché le attività finanziarie estere detenute in Italia al di fuori del circuito degli intermediari residenti.

6 Obblighi RW dal 2013: principali novità (segue) Per l individuazione del valore degli immobili situati all estero devono essere adottati gli stessi criteri validi ai fini dell IVIE, anche se non dovuta (costo d acquisto, valore catastale, valore dichiarato nella dichiarazione di successione o in altri atti, valore di mercato). Per l individuazione del valore delle attività finanziarie devono essere adottati gli stessi criteri validi ai fini dell IVAFE. Pertanto, il valore è pari al valore di quotazione rilevato al 31 dicembre o al termine del periodo di detenzione. Per i titoli non negoziati in mercati regolamentati e, comunque, nei casi in cui le attività finanziarie quotate siano state escluse dalla negoziazione si deve far riferimento al valore nominale o, in mancanza, al valore di rimborso, anche se rideterminato ufficialmente. Nel caso in cui siano cedute attività finanziarie appartenenti alla stessa categoria, acquistate a prezzi e in tempi diversi, per stabilire quale delle attività finanziarie è detenuta nel periodo di riferimento il metodo che deve essere utilizzato è il cosiddetto L.I.F.O. e, pertanto, si considerano ceduti per primi quelli acquisiti in data più recente. Oltre al valore finale deve essere indicato anche il valore all inizio del periodo d imposta o al primo giorno di detenzione dell attività, i giorni di possesso nonché, per i conti correnti e libretti di risparmio, il valore medio di giacenza.

7 Obblighi RW A partire dal 2014, è possibile aggregare i dati per indicare un insieme di attività finanziarie omogenee caratterizzate cioè dai medesimi codici investimento e Stato estero (di detenzione): CODICE INVESTIMENTO 1 CONTI CORRENTI E DEPOSITI ESTERI 2 PARTECIPAZIONI AL CAPITALE O AL PATRIMONIO DI SOCIETÀ NON RESIDENTI 3 OBBLIGAZIONI ESTERE E TITOLI SIMILARI 4 TITOLI NON RAPPRESENTATIVI DI MERCE E CERTIFICATI DI MASSA EMESSI DA NON RESIDENTI 5 VALUTE ESTERE DA DEPOSITI E CONTI CORRENTI 6 TITOLI PUBBLICI ITALIANI EMESSI ALL ESTERO 7 CONTRATTI DI NATURA FINANZIARIA STIPULATI CON CONTROPARTI NON RESIDENTI 8 POLIZZE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE 9 CONTRATTI DERIVATI E ALTRI RAPPORTI FINANZIARI CONCLUSI AL DI FUORI DEL TERRITORIO DELLO STATO

8 Obblighi RW (segue) CODICE INVESTIMENTO 10 METALLI PREZIOSI ALLO STATO GREZZO O MONETATO DETENUTI ALL ESTERO 11 PARTECIPAZIONI PATRIMONIO DI TRUST, FONDAZIONI O ALTRE ENTITÀ GIURIDICHE DIVERSE DALLE SOCIETÀ 12 FORME DI PREVIDENZA GESTITE DA SOGGETTI ESTERI 13 ALTRI STRUMENTI FINANZIARI ANCHE DI NATURA NON PARTECIPATIVA 14 ALTRE ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA 15 BENI IMMOBILI 16 BENI MOBILI REGISTRATI (es. yacht e auto di lusso) 17 OPERE D ARTE E GIOIELLI 18 ALTRI BENI PATRIMONIALI 19 IMMOBILE ESTERO ADIBITO AD ABITAZIONE PRINCIPALE

9 Indice Premessa Calcolo dei redditi derivanti da attività estere di natura finanziaria L opzione per la determinazione forfettaria dei rendimenti Esempio di calcolo analitico e calcolo forfettario 9

10 Calcolo dei redditi derivanti da attività estere di natura finanziaria Gli obblighi di monitoraggio valutario devono essere coordinati con le regole fiscali di determinazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi, in base alle quali le attività finanziarie estere possono essere classificate nelle seguenti principali categorie omogenee: TIPOLOGIE CONTI CORRENTI, DEPOSITI E VALUTE ESTERE AZIONI, QUOTE DI SOCIETA E STRUMENTI FINANZIARI SIMILARI TITOLI DI STATO ITALIANI O ESTERI E ASSIMILATI; RELATIVI PCT O PRESTITO TITOLI TITOLI OBBLIGAZIONARI E ASSIMILATI DIVERSI DA QUELLI PUBBLICI; REALTIVI PCT O PRESTITO TITOLI FONDI COMUNI TITOLI ATIPICI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 44, c. 1, lett. a) del Tuir; art. 26, c. 2, Dpr. 600/73; Art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir Art. 44, c. 1, lett. e) e c. 2, lett. a) e art. 67, c. 1, lett. c) e c-bis) del Tuir; Art. 27 Dpr. 600/73 Art. 44, c. 1, lett. b) e art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir; D. Lgs. 239 del 1996 e Art. 2, c. 7, Dl.138 del 2011; Art. 26, DPR 600/73 Art. 44, c. 1, lett. b) e art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir; D. Lgs. 239 del 1996; art. 26, Dpr 600/73 Art. 44, c. 1 lett. g) e art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir; art. 10 ter c. 6 della legge 77 del 1983; art. 26-quinquies Dpr 600/73 Art. 5 e ss. Dl. 512 del 1983; Art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Art. 67, c. 1, lett. c-quater) del Tuir METALLI PREZIOSI ALLO STATO GREZZO O MONETATO Art. 67, c. 1, lett. c-ter) del Tuir 10

11 Calcolo dei redditi di capitale Ricostruzione analitica Dai suddetti strumenti derivano come detto redditi di capitale e redditi diversi. A differenza di quanto avviene nell'ambito dei redditi diversi, per i redditi di capitale rilevano esclusivamente i proventi realizzati, senza alcuna deduzione di spese ed oneri accessori. Ai sensi dell art. 18 del TUIR (cd. tassazione separata ), i redditi di capitale corrisposti da soggetti non residenti a soggetti residenti nei cui confronti in Italia si applica la ritenuta a titolo di imposta o l'imposta sostitutiva di cui all'articolo 2, c. 1-bis, del decreto legislativo 1 aprile 1996, n. 239, sono soggetti ad imposizione sostitutiva delle imposte sui redditi con la stessa aliquota della ritenuta a titolo d'imposta. Il contribuente ha la facoltà di non avvalersi del regime di imposizione sostitutiva (tranne nel caso di dividendi da partecipazioni non qualificate - non Black List e di interessi provenienti da obbligazioni e titoli similari che rientrano nell ambito del D.Lgs. 239/1996 per i quali il regime sostitutivo è obbligatorio): in tal caso compete il credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero. Nella maggior parte dei casi, l imposizione sostitutiva risulta più favorevole sia per le aliquote inferiori a quelle progressive IRPEF (cfr. slides successive) sia per le oggettive incertezze legate alla possibilità di usufruire del credito per imposte estere in caso di opzione per la tassazione ordinaria. 11

12 Redditi di capitale azioni (dividendi) TIPOLOGIE Aliquota vigente fino al Aliquota vigente dal al Azioni (e Quote) relative a partecipazioni non qualificate NO paradisi fiscali 12,5% 20% (ora 26%) Azioni (e Quote) relative a partecipazioni qualificate emesse NO paradisi fiscali 49,72% per aliquota marginale IRPEF 49,72% per aliquota marginale IRPEF Azioni estere relative a partecipazioni non qualificate QUOTATE in mercati regolamentati => paradisi fiscali 12,5% 20% (ora 26%) Azioni estere relative a partecipazioni qualificate o non qualificate NON QUOTATE in mercati regolamentati => paradisi fiscali 100% per aliquota marginale IRPEF 100% per aliquota marginale IRPEF 12

13 Redditi di capitale obbligazioni e titoli similari (interessi) TIPOLOGIE Aliquota vigente fino al Aliquota vigente dal al Titoli pubblici italiani ed equiparati Titoli pubblici emessi da Stati white list 12,50% se durata > 18 mesi 27% se durata inferiore 12,50% se durata > 18 mesi 27% se durata inferiore 12,50% 12,50% Titoli di stato emessi da soggetti diversi dai precedenti 12,50% se durata > 18 mesi 27% se durata inferiore 20% (ora 26%) Obbligazioni estere 12,50% se durata > 18 mesi 27% se durata inferiore 20% (ora 26%) Obbligazioni di banche e di società residenti quotate 12,50% se durata > 18 mesi 27% se durata inferiore 20% (ora 26%) Obbligazioni di società residenti non quotate > 18 mesi 12,50% in mercati regolamentati degli Stati UE e SEE White List 20% (ora 26%) in mercati regolamentati degli Stati UE e SEE White List Obbligazioni di società residenti non quotate < 18 mesi 27% 20% (ora 26%) 13

14 Redditi di capitale fondi e altri strumenti (proventi e interessi) TIPOLOGIE Aliquota vigente fino al Aliquota vigente dal al OICR italiani (diversi dagli immobiliari) 12,50% 20% (ora 26%) OICVM comunitari armonizzati e non armonizzati equiparati 12,50% 20% (ora 26%) Altri OICR esteri 100% per aliquota marginale IRPEF 100% per aliquota marginale IRPEF Fondi immobiliari italiani (eccezione: tassazione per trasparenza per investitori qualificati non istituzionali) 12,50% 20% per fondi a ristretta base partecipativa 20% (ora 26%) Polizze vita e di capitalizzazione 12,50% 20% (ora 26%) Pronti contro termine 12,50% 20% (ora 26%) Conti correnti, depositi vincolati e certificati di deposito 27% 20% (ora 26%) Titoli atipici 27% 20% (ora 26%) 14

15 Calcolo dei redditi diversi Ricostruzione analitica I redditi diversi sono calcolati ai sensi dell art. 68 del TUIR come differenza tra il corrispettivo percepito (ovvero la somma o il valore normale dei beni rimborsati) ed il costo (ovvero il valore d acquisto), aumentato di ogni onere inerente alla loro produzione (es: commissioni d intermediazione, tassa sui contratti borsa, etc.), esclusi gli interessi passivi; Il capital gain di partecipazioni, titoli, strumenti finanziari, contratti, certificati e diritti, nonché di valute e metalli preziosi è calcolato secondo il metodo LIFO (art. 67 c. 1-bis TUIR); Il capital gain dei fondi (armonizzati e non) è calcolato secondo il metodo del Costo medio ponderato (art. 26-quinquies c. 3 DPR 600/73 e art. 10-ter L. 77/1983); per effetto delle modifiche introdotte dal D.Lgs. 44/2014 in caso di riscatto, liquidazione, cessione, solo l eventuale differenza negativa rientra nei redditi diversi, mentre l eventuale differenza positiva è qualificata come reddito di capitale. Le plusvalenze di cui alle lettere c-bis), diverse da quelle di cui al c. 4 e c-ter) del c. 1 dell'articolo 67 sono sommate algebricamente alle relative minusvalenze, nonché ai redditi ed alle perdite di cui alla lett. c-quater) e alle plusvalenze ed altri proventi di cui alla lett. c-quinquies) del c. 1 dello stesso articolo 67; se l'ammontare complessivo delle minusvalenze e delle perdite è superiore all'ammontare complessivo delle plusvalenze e degli altri redditi, l'eccedenza può essere portata in deduzione, fino a concorrenza, dalle plusvalenze e dagli altri redditi dei periodi d'imposta successivi ma non oltre il quarto, a condizione che sia indicata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta nel quale le minusvalenze e le perdite sono state realizzate. 15

16 Calcolo dei redditi diversi Ricostruzione analitica Determinazione del costo d acquisto: Nel caso di acquisto per successione, si assume come costo il valore definito o, in mancanza, quello dichiarato agli effetti dell'imposta di successione, nonché, per i titoli esenti da tale imposta, il valore normale alla data di apertura della successione. Nel caso di acquisto per donazione si assume come costo il costo del donante. Per le azioni, quote o altre partecipazioni acquisite sulla base di aumento gratuito del capitale il costo unitario è determinato ripartendo il costo originario sul numero complessivo delle azioni, quote o partecipazioni di compendio. Per le valute estere cedute a termine si assume come costo il valore della valuta al cambio a pronti vigente alla data di stipula del contratto di cessione. Il costo o valore di acquisto è documentato a cura del contribuente. Per le valute estere prelevate da depositi e conti correnti, in mancanza della documentazione del costo, si assume come costo il valore della valuta al minore dei cambi mensili accertati ai sensi dell'articolo 110, comma 9, nel periodo d'imposta in cui la plusvalenza è realizzata. Per le cessioni di metalli preziosi, in mancanza della documentazione del costo di acquisto, le plusvalenze sono determinate in misura pari al 25 per cento del corrispettivo della cessione 16

17 Calcolo dei redditi diversi Ricostruzione analitica Determinazione delle plusvalenze e minusvalenze: dal corrispettivo percepito o dalla somma rimborsata, nonché dal costo o valore di acquisto si scomputano i redditi di capitale maturati ma non riscossi; per le valute estere prelevate da depositi e conti correnti si assume come corrispettivo il valore normale della valuta alla data di effettuazione del prelievo; per le cessioni a titolo oneroso poste in essere in dipendenza dei rapporti indicati nella lettera c-quater), del comma 1 dell'articolo 67 (contratti derivati), il corrispettivo è costituito dal prezzo di cessione, eventualmente aumentato o diminuito dei premi pagati o riscossi su opzioni; i premi pagati e riscossi su opzioni, salvo che l'opzione non sia stata chiusa anticipatamente o ceduta, concorrono a formare il reddito nel periodo d'imposta in cui l'opzione è esercitata ovvero scade il termine stabilito per il suo esercizio. qualora a seguito dell'esercizio dell'opzione siano cedute le attività di cui alle lettere c), c-bis) o c-ter), dell'articolo 67, i premi pagati o riscossi concorrono alla determinazione delle plusvalenze o minusvalenze i redditi di cui alla lettera c-quater), del comma 1 dell'articolo 67 (contratti derivati) sono costituiti dalla somma algebrica dei differenziali positivi o negativi, nonché degli altri proventi od oneri, percepiti o sostenuti, in relazione a ciascuno dei rapporti ivi indicati. 17

18 Redditi diversi (capital gain) TIPOLOGIE Aliquota vigente fino al Aliquota vigente dal al Partecipazioni qualificate o non qualificate da paesi Black List 100% per aliquota marginale IRPEF 100% per aliquota marginale IRPEF Partecipazioni non qualificate 12,5% 20% (ora 26%) Partecipazioni qualificate 49,72% per aliquota marginale IRPEF 49,72% per aliquota marginale IRPEF Titoli di Stato Italia e White List 12,50% 12,50% Titoli di Stato diversi dai precedenti 12,50% 20% (ora 26%) Obbligazioni 12,50% 20% (ora 26%) Derivati 12,50% 20%(ora 26%) Valute (se la giacenza ha superato ,69 per almeno 7 gg consecutivi) 12,50% 20% (ora 26%) 18

19 Voluntary disclosure punti aperti su calcolo analitico La circolare dell Agenzia delle Entrate n. 10/E del non ha contributo a risolvere alcuni dubbi che semplificherebbero il lavoro degli operatori: possibilità di effettuare la valorizzazione iniziale dei titoli al termine dell ultimo anno non più accertabile al costo medio indicato dall intermediario nella situazione patrimoniale o, in assenza, al prezzo di mercato rilevato in tale documento; nel caso di titoli espressi in valuta estera, possibilità di utilizzare il cambio medio indicato dall intermediario, ovvero il cambio annuale dell ultimo anno non più accertabile; in caso di omessa dichiarazione di successione, possibilità di assumere il costo del de cuius (analogamente a quanto accade per le successioni aperte successivamente alla data del 25 ottobre 2001 e fino al 2 ottobre 2006) anziché il valore di mercato alla data di apertura della successione; in caso di titoli esteri posseduti al termine di più esercizi, possibilità di utilizzare il costo storico senza convertirlo al cambio medio annuale di ciascun periodo, utilizzando quindi il costo fiscale come base imponibile per le sanzioni del Quadro RW (fino al 2012); possibilità di portare in compensazione le minusvalenze realizzate nel corso di un anno con le plusvalenze realizzate negli esercizi successivi; 19

20 Voluntary disclosure punti aperti su calcolo analitico Per quanto riguarda i redditi di capitale: tassazione al lordo o al netto dell'eventuale ritenuta estera (cd. netto frontiera ) subita per i redditi di capitale (interessi e dividendi) percepiti all'estero senza il tramite di un intermediario residente (le istruzioni del Modello UNICO PF parlano infatti di lordo ); possibilità di escludere dai redditi tassabili gli interessi già assoggettati ad Euroritenuta, che per una quota del 75% è già stata trasferita dallo Stato estero allo stato italiano; possibilità di applicare retroattivamente le modifiche alla disciplina applicabile ai fondi comuni d investimento per semplificare il calcolo di redditi di capitale e redditi diversi; Infine, nel caso in cui in uno o più periodi d imposta non sia possibile ottenere la necessaria documentazione prevista dall art. 5-quater c. 1 lett. a), possibilità di fare ricorso all art. 6 del Dl 167/1990 (rendimento dell 1,25% nel 2009/2010/2011, 1% nel 2012, 0,54% nel 2013%). 20

21 Indice Premessa Calcolo dei redditi derivanti da attività estere di natura finanziaria L opzione per la determinazione forfettaria dei rendimenti Esempio di calcolo analitico e calcolo forfettario 21

22 Opzione per la ricostruzione dei rendimenti cd. forfait Su istanza del contribuente, da formulare nella richiesta di cui all articolo 5-quater, c. 1, lett. a), l ufficio, in luogo della determinazione analitica dei rendimenti delle attività finanziarie, (non dei redditi che servirono per acquistarle o costituirle né a quelli derivanti da attività diverse da quelle di natura finanziaria) calcola gli stessi applicando la misura percentuale del 5% al valore complessivo della loro consistenza alla fine dell anno e determina l ammontare corrispondente all imposta da versare utilizzando l aliquota del 27%. Tale istanza può essere presentata solo nei casi in cui la media delle consistenze di tali attività finanziarie risultanti al termine di ciascun periodo d imposta oggetto della collaborazione volontaria non ecceda il valore di 2 milioni di euro senza tener conto della presunzione legale di ripartizione della disponibilità fra più cointestatari delle stesse, prevista dal c. 9 dell articolo 5-quinquies del decreto legge. La semplificazione derivante dal calcolo forfettario dei rendimenti non ha alcun impatto sulla relazione da allegare all istanza e in particolare sulle informazioni da fornire all agenzia circa: formazione del patrimonio, apporti, prelievi, procure, prospetto per la determinazione di IVIE e IVAFE, etc etc 22

23 Opzione per ricostruzione dei rendimenti forfait Ipotizzando un capitale stabile, il costo in percentuale dell opzione forfait può essere così quantificato: Black List Infedele Dichiarazione Omessa Dichiarazione Numero anni accertabili 8 10 Rendimento totale (5% annuo) 40% 50% Imposta (Aliquota media 27%) 10,8% 13,5% Sanzioni (dal 2008 raddoppiate) 3,2% 3,6% Interessi (3,5% annuo su imposta) 1,7% 2,6% Totale costo 15,7% 19,7% White List / Black List "collaborativo" Infedele Dichiarazione Omessa Dichiarazione Numero anni accertabili 4 5 Rendimento totale (5% annuo) 20% 25% Imposta (Aliquota media 27%) 5,4% 6,8% Sanzioni 0,9% 1,1% Interessi (3,5% annuo su imposta) 0,5% 0,7% Totale costo 6,8% 8,6% A detto costo andrà poi aggiunta la sanzione per il quadro RW. 23

24 Alcune riflessioni sull opzione per il calcolo forfettario L opzione per il calcolo cd. forfait consente di semplificare e accelerare la procedura e ridurre i costi professionali ma è vincolante per tutti i periodi d imposta oggetto di collaborazione volontaria internazionale: la norma, infatti, ha la finalità di semplificare la quantificazione della base imponibile e non già di permettere al contribuente di scegliere, anno per anno, il regime più conveniente. Nella grande maggioranza dei casi la ricostruzione forfetaria dei rendimenti si rivela più costosa rispetto a quella analitica, con un delta di 2/3 punti percentuali. L opzione non prevede significative semplificazioni per la base di calcolo delle sanzioni del quadro RW, e neppure per il calcolo dell IVAFE, dovendosi attenere alle regole di valorizzazione ai fini della compilazione del quadro RW applicabili nello specifico anno di detenzione (eccezione: per il 2013 rileva esclusivamente il valore delle attività possedute a fine anno). Le semplificazioni per la determinazione dei redditi «a forfait» vanno valutate anche alla luce della compilazione del Modello UNICO 2015 relativo ai redditi 2014 che vanno calcolati assumendo come costo non già l ultimo valore regolarizzato (come previsto invece per lo scudo fiscale) ma l effettivo costo storico determinato in modo analitico. 24

25 Indice Premessa Calcolo dei redditi derivanti da attività estere di natura finanziaria L opzione per la determinazione forfettaria dei rendimenti Esempio di calcolo analitico e calcolo forfettario 25

26 Esempio di calcolo analitico * * Calcoli effettuati da Generale Servizi Amministrativi SAGL 26

27 Esempio di calcolo analitico DETTAGLIO REDDITI Capital Gain Capital Gain azioni Capital Gain obbligazioni Capital Gain titoli di stato Capital gain titoli atipici Capital Gain prodotti strutturati Capital Gain altre attività Capital Gain fondi non armonizzati (solo minusvalenze) Capital Gain fondi armonizzati (solo minusvalenze) Capital gain valute Opzioni Futures TOTALE Redditi di capitale Interessi obbligazioni di durata non inferiore ai 18 mesi Interessi obbligazioni di durata inferiore ai 18 mesi Interessi titoli di stato Interessi titoli atipici Interessi conto corrente Interessi pronti contro termine Dividendi azioni Proventi fondi armonizzati (incluse plusvalenze) Proventi fondi non armonizzati (incluse plusvalenze) TOTALE Costi Interessi passivi Delta cambi Costi vari Imposte Altro TOTALE RISULTATO REALIZZATO

28 Esempio di calcolo analitico SINTESI REDDITI TASSAZIONE ORDINARIA IMPOSTA SOSTITUTIVA 12,5% IMPOSTA SOSTITUTIVA 27% IMPOSTA SOSTITUTIVA 20% MINUS NON UTILIZZABILI check IMPOSTE SU REDDITI TASSAZIONE ORDINARIA IMPOSTA SOSTITUTIVA 12,5% IMPOSTA SOSTITUTIVA 27% IMPOSTA SOSTITUTIVA 20% TOTALE IMPOSTE SANZIONI (133% RIDOTTO DEL 25%) 0% 0% 0% 100% 100% 100% 100% 100% RIDUZIONE 1/6 0,00% 0,00% 0,00% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% SANZIONI INTERESSI (3,5%)

29 Esempio di calcolo analitico SANZIONI PER QUADRO RW VALORE "WHITE O BLACK COLLABORATIVO" SANZIONI BASE 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% RIDUZIONE 50% E 1/3 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% SANZIONI RIDOTTE IVAFE BASE IMPONIBILE IMPOSTA SANZIONI BASE 100% 100% RIDUZIONE 1/6 16,67% 16,67% SANZIONI RIDOTTE VALORE ODIERNO ATTIVITA' REGOLARIZZATE INCIDENZA COSTO TOTALE / VALORE ODIERNO 6,29% 29

30 Esempio di calcolo forfettario SINTESI REDDITI ex art 5-quinquies, co. 8 del DL 167/ IMPOSTA SOSTITUTIVA 27% IMPOSTE SU REDDITI IMPOSTA SOSTITUTIVA 27% TOTALE IMPOSTE WHITE O BLACK COLLABORATIVO SANZIONI (133%/160% RIDOTTO DEL 25%) 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% RIDUZIONE 1/6 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% 16,67% SANZIONI INTERESSI (3,5%) SANZIONI PER QUADRO RW VALORE "WHITE O BLACK COLLABORATIVO" SANZIONI BASE 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% RIDUZIONE 50% E 1/3 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% 0,50% SANZIONI RIDOTTE IVAFE BASE IMPONIBILE IMPOSTA SANZIONI BASE RIDUZIONE 1/6 SANZIONI RIDOTTE VALORE ODIERNO ATTIVITA' REGOLARIZZATE DELTA VS ANALITICO INCIDENZA COSTO TOTALE / VALORE ODIERNO 8,59% DELTA VS ANALITICO % 2,30% 30

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività»

CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività» CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività» «La fiscalità italiana sui beni immobiliari detenuti in Francia»: lo Post-Scudo Fiscale TER Presentazione di Mauro MICHELINI,

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary Disclosure relativa alle attività detenute all estero (attività finanziarie, polizze, società, immobili ed altri beni): profili di tassabilità in

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

TITOLI e PARTECIPAZIONI

TITOLI e PARTECIPAZIONI TITOLI e PARTECIPAZIONI Regole civilistiche VALUTAZIONE TITOLI DELL ATTIVO CIRCOLANTE Costo < valore di mercato Costo > valore di mercato Mantenimento del costo Valore: quotazione al 31/12 media di dicembre

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

ATTIVITÀ FINANZIARIE

ATTIVITÀ FINANZIARIE Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ATTIVITÀ FINANZIARIE Francesco Dal Santo ATTIVITÀ FINANZIARIE Ø Definizioni Ø Redditi di capitale Ø

Dettagli

Tassazione delle rendite finanziarie

Tassazione delle rendite finanziarie Tassazione delle rendite finanziarie Qual'è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sulle rendite finanziarie? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti

Dettagli

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie Circolare Monografica 16 giugno 2014 n. 1992 TASSE E IMPOSTE Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie La guida alla nuova disciplina di Angelo Luca Ottaviano Il D.L. n. 66/2014 (Decreto

Dettagli

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 320 06.11.2014 Ivafe: le novità della europea bis Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie Con

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità 16 gennaio 2012- Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le novità della riforma e le conferme S.A.F.

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 marzo 2013 Oggetto: Circolare n. 6/2013 del 01 marzo 2013

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

Circolare N.77 del 30 Maggio 2014

Circolare N.77 del 30 Maggio 2014 Circolare N.77 del 30 Maggio 2014 Interessi e capital gain. Sugli investimenti l imposta passa dal 20 al 26 per cento Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 66/2014 il

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE E LE PATRIMONIALI ESTERE a cura di Ennio Vial Venezia 12 giugno 2014 1 NOVITA MODULO RW L art. 9 della legge n. 97/2013 ha introdotto importanti modifiche alla disciplina del Modulo RW riscrivendo integralmente

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE-

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- MASSIMILIANO SIRONI 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

PARLAMENTO ITALIANO. Decreto Legislativo 21 novembre 1997, n. 461

PARLAMENTO ITALIANO. Decreto Legislativo 21 novembre 1997, n. 461 Page 1 of 21 PARLAMENTO ITALIANO Decreto Legislativo 21 novembre 1997, n. 461 "Riordino della disciplina tributaria dei redditi di capitale e dei redditi diversi, a norma dell'articolo 3, comma 160, della

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20%

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% La tassazione degli altri (interessi) AUSTRIA 25,00% BELGIO 15,00% DANIMARCA 39,00% FINLANDIA 29,00% FRANCIA 25,00% GERMANIA (*) 0,00% GRECIA 10,00% IRLANDA

Dettagli

Scienza delle finanze 30018 Cleam2

Scienza delle finanze 30018 Cleam2 1 Scienza delle finanze 30018 Cleam2 La tassazione delle rendite finanziarie (1) Tassazione delle attività finanziarie Quadro generale 1. Problemi tradizionali. 2. Problemi nati dalla crescente integrazione

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI INTRODUZIONE La tassazione è una materia in costante evoluzione,pertanto riteniamo

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli Diritto Tributario Redditi di capitale Redditi diversi Bergamo, 27/11/15, LL.M. 2015 T.U.I.R. D.P.R. 917/86 TITOLO I IRPEF 1. Disposizioni generali 2. Redditi fondiari 3. Redditi di capitale 4. Redditi

Dettagli

2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie e patrimoniali

2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie e patrimoniali 78 VOLUNTARY DISCLOSURE giorno di detenzione) e al termine dello stesso (ovvero al termine del periodo di detenzione nello stesso)» 6. Secondo le istruzioni sulla compilazione del modello di accesso alla

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti).

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti). RELAZIONE TECNICA Artt. 3 e 4, commi da 1 a 10 (Disposizioni in materia di redditi di natura finanziaria) Le disposizioni in esame prevedono l incremento di sei punti percentuali, a decorrere dal luglio

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014.

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 146 21.05.2014 La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014 Quadro RL e RW Categoria: Unico Sottocategoria: Persone fisiche La proprietà o

Dettagli

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Anno 2013 N.RF100 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 RIFERIMENTI CM 12/2013 E 13/2013 - ART. 19 C. 13-23 DL 201/2011;

Dettagli