Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie"

Transcript

1 AICQ Manutenzione e Service nel Settore Ferroviario: opportunità e vincoli Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie Leonardo SOLERA Alstom Train Life Services - Italia Firenze, 18 Ottobre 2012

2 Indice ALSTOM TLS nel MONDO ALSTOM TLS ITALIA TLS: PRINCIPALI PROGETTI DI MANUTENZIONE MANUTENZIONE, 3 DIVERSE PROPOSTE E SOLUZIONI INNOVAZIONE GRAZIE A TLS TRAIN TRAINING center page 2

3 Alstom TLS nel mondo Ricambi e Servizi 32% Modernizzazione 20% dipendenti in 30 Paesi 90 siti 70 depositi di manutenzione 13 centri riparazioni e ricambi 7 siti di modernizzazione Manutenzione 48% page 3

4 ALSTOM TLS Train Life Services solida & provata esperienza Anni di prestazioni di disponibilità Depositi, fabbriche e centri di riparazione Per cento dei ricambi venduti non Alstom Veicoli con contratti di manutenzione Dipendenti per garantire performances giornaliere M di fatturato nel 2010/2011 Km al giorno grazie al supporto di TLS page 4

5 ALSTOM TLS Un Organizzazione al servizio delle Imprese Ferroviarie Alstom TLS ( Train Life Services) specializzata nella manutenzione di materiale ferroviario, dispone di piattaforme trasversali in tutti i siti del gruppo Alstom che le permettono di sfruttare al meglio le esperienze, le implementazioni tecniche ed i processi manutentivi maturati nel mondo. Ogni piattaforma è legata al network aziendale e può sfruttare l implementazione, l utilizzo e la standardizzazione di software comuni a tutte le piattaforme, ma per garantire la flessibilità nei servizi manutentivi è totalmente indipendente nella gestione delle attività manutentive sui veicoli. - Alstom Rolling Stock Progetta e Produce Treni nel mondo, con piattaforme e gruppi di lavoro dedicati Alstom TLS gestisce ed organizza attività di Manutenzione con piattaforme trasversali nei vari siti page 5

6 Alstom in Italia La presenza sul territorio 13 siti e più di dipendenti MILANO SAN PELLEGRINO (BG) NOVENTA DI PIAVE (VE) GRID LECCO Osvaldo Cariboni VERONA POWER SESTO SAN GIOVANNI (MI) SAVIGLIANO (CN) BOLOGNA SESTO SAN GIOVANNI (MI) ROMA ROMA Sede centrale Alstom Italia GUIDONIA (Roma) BARI TRANSPORT COLLEFERRO (Roma) page 6

7 Alstom TLS Italia MILANO SESTO BOLZANO TRENTO NOVARA VERONA TORINO SAVIGLIANO CUNEO FIRENZE ROMITO TREVISO VICENZA BOLOGNA ANCONA Alstom TLS Italia è presente sul territorio nazionale con : 3 Siti Savigliano, Sesto S.G. e Nola FIRENZE OSMANNORO ROMA BENEVENTO PESCARA BARI 23 Depositi Clienti Oltre 400 Dipendenti NAPOLI CAGLIARI NOLA PALERMO REGGIO CALABRIA SIRACUSA page 7

8 ALSTOM TLS Quadro Normativo vs. Sistema Ferroviario Quadro normativo Direttiva 2004/49/CE Sicurezza del Sistema Ferroviario TE D.Lgs. 162/2007 Attuazione Direttive Direttiva 2008/57/CE Interoperabilità Sistema Ferroviario TE Direttiva 2008/110/CE Sicurezza Ferrovie Comunitarie ANSF Decreto n.1/2009 D.Lgs. 191/2010 Attuazione Direttiva 2008/57/CE Regolamento (UE) N. 445/2011 Certificazione soggetti respons. Manut. D. Lgs. 43/2011 Attuazione Direttiva 2008/110/CE ANSF Decreto n 4 /2012- Norme per la qualificazione del personale Proposte di manutenzione Competenze e loro gestione e mantenimento. Organizzarsi come SRM (ECM) e certificarsi Conoscenze dei processi manutentivi e di assistenza Know-how dei Veicoli Gestione «Technical File» Organizzazioni Dedicate/Specializzate Fabbricanti / Fornitori servizi di manutenzione page 8 Imprese Ferroviarie Manutenzione di apparati tecnologicamente evoluti Parco ricambi dimensionato al servizio Gestione Documentazione Tecnica Gestione obsolescenze tecnologiche Risorse formate ed abilitate ai sensi delle Direttive e Decreti e mantenimento delle Competenze. Organizzarsi come SRM (ECM)

9 Manutenzione: una gamma di Proposte e Soluzioni verso le esigenze del sistema ferroviario TIPO D OFFERTA FRANCHISE MANUTENZIONE TECNICA (Full Service) MANUTENZIONE COMPLETA (Global Service) Treni pronti all uso (chiavi in mano) Valore aggiunto per il Cliente Gestione della struttura e Disponibilità della flotta garantita Ottimizzazione del processo manutentivo: risorse e materiali Accesso all esperienza di Alstom TLS nella manutenzione, riprogettazione, gestione obsolescenza, ecc page 9

10 Manutenzione: una gamma di Proposte e Soluzioni verso le esigenze del sistema ferroviario Franchise Contratto di Manutenzione Tecnica (Full Service) Contratto di Manutenzione Completa (Global Service) Disponibilità e prestazioni dei veicoli Consegne Operative Impegno Gestione dei processi manutentivi Gestione dei materiali di Preventiva e Correttiva Monitoraggio e Gestione delle scadenze manutentive Efficienza nella gestione del personale del Cliente Piena responsabilità delle attività manutentive dei veicoli ad esclusione delle pulizie e del service giornaliero Monitoraggio e Gestione delle scadenze manutentive Definizione e gestione della forza lavoro Piena responsabilità delle attività manutentive dei veicoli e dei depositi Monitoraggio e Gestione delle scadenze manutentive Definizione e gestione della forza lavoro Obiettivi prefissati Organizzazione e formazione della struttura manutentiva utilizzando la forza lavoro del Cliente Ottimizzazione della manutenzione tecnica a livello flotta Organizzazione ed ottimizzazione della manutenzione tecnica a livello flotta e di deposito Incremento del valore aggiunto per l Impresa Ferroviaria page 10

11 Manutenzione: una gamma di Proposte e Soluzioni che incontrano le esigenze del sistema ferroviario Franchise Contratto di Manutenzione Tecnica (Full Service) Contratto di Manutenzione Completa (Global Service) Condivisione del rischio Responsabilità della prestazione della flotta mentre il rischio Sociale resta al Cliente Pulizia eseguita dal Cliente Rimango in carico al Cliente la pulizia e le attività di controlli giornalieri prima del servizio Responsabilità assunta completamente da Alstom Relazioni Integrazione delle risorse Gestione a carico di Alstom per le attività di Preventiva e Correttiva Forza lavoro del Cliente Gestione a carico di Alstom per le attività di Preventiva e Correttiva Forza lavoro di Alstom Gestione a carico di Alstom di tutte le attività di manutenzione Forza lavoro di Alstom Durata del contratto Indicato per un periodo di medio termine (~7 anni) Indicato per un periodo di lungo termine (da 10 a 30 anni) Indicato per un periodo di lungo termine (da 10 a 30 anni) Crescita della responsabilità assunta da Alstom page 11

12 Modello di Franchise DEFINIZIONE BENEFICI PER L IMPRESA FERROVIARIA Gestione delle attività di manutenzione utilizzando personale del Cliente, coordinato da ALSTOM. DESCRIZIONE ALSTOM fornisce metodologie, processi, formazione e strumenti oltre alla gestione delle risorse umane Il Cliente fornisce il personale Impegno sulla disponibilità e l affidabilità del treno o Conformità al piano di manutenzione o Conformità ai processi manutentivi Competenza delle risorse umane Alstom dispone dei materiali Operazioni di manutenzione ottimizzate: Garantita la disponibilità del treno Garantita affidabilità di servizio del treno Garantiti processi di manutenzione e ricambi originali Capitalizzazione dell esperienza del personale dell Impresa Gestione dei problemi legati alla obsolescenza Tale schema manutentivo è indicato per un periodo di medio termine (~7 anni) page 12

13 Proposta di Manutenzione Tecnica (Full Service) DEFINIZIONE BENEFICI PER L IMPRESA FERROVIARIA Gestione delle attività di manutenzione utilizzando le risorse umane di ALSTOM. DESCRIZIONE ALSTOM fornisce metodologie, processi, formazione e strumenti così come il personale Impegno sulla disponibilità e la prestazione del treno, fatta eccezione per le attività di pulizia ALSTOM dispone dei materiali Operazioni di manutenzione ottimizzate: o Garantita la disponibilità del treno o Garantita l affidabilità di servizio del treno o Garantiti processi di manutenzione e parti di ricambio originali Gestione dell obsolescenza Gestione diretta dell Impresa Ferroviaria relativamente le attività manutentive legate a pulizia e servicing giornaliero. Tale schema manutentivo è indicato per un periodo di lungo termine (da 10 ad oltre 30 anni) page 13

14 Proposta di Manutenzione Completa (Global Service) DEFINIZIONE BENEFICI PER L IMPRESA FERROVIARIA Manutenzione integrata e totalmente in carico ad Alstom impegno sulla disponibilità del treno DESCRIZIONE ALSTOM fornisce metodologie, processi, formazione e strumenti oltre che le risorse umane Impegno sulla disponibilità e la prestazione del treno, inclusa la pulizia ALSTOM dispone dei materiali Operazioni di manutenzione ottimizzate: o Garantita la disponibilità del treno o Garantita l affidabilità di servizio del treno o Garantiti processi di manutenzione e parti di ricambio originali Gestione dell obsolescenza Impresa Ferroviaria focalizzata sul core : fornire servizi all utenza. Tale schema manutentivo è applicabile per un periodo di lungo termine ( da 10 ad oltre 30 anni) page 14

15 TLS: Pricinpali progetti di manutenzione in corso CO2 EMISSIONS per passenger per kilometre 2,2 gr CO2 30 gr CO2 115 gr CO2 Trenitalia Manutenzione preventiva e correttiva per le flotte Nuovo Pendolino e Minuetto (Full Service) Trenord Manutenzione preventiva e correttiva per la flotta Coradia Meridian (Full Service) NTV Manutenzione preventiva e correttiva per la flotta AGV (Global Service) 153 gr CO2 page 15

16 TLS e l innovazione: dai Dati all Informazione per Manutentori, Operatori & Detentori dei veicoli Server Data Base Train Tracer Sistema Esperto GPRS page 16

17 TRAINING CENTER- Le competenze delle risorse umane: un "patrimonio" del fornitore dei servizi di manutenzione Nel Quadro Normativo in cui è stata individuata la figura del Fornitoredeiservizidi manutenzione,cui è stata attribuita la responsabilità di fornire detti servizi, gli obiettivi del Training Center si articolano sui seguenti punti: Inserimento e Formazione del personale interno ed esterno, Mantenere le competenze e la formazione del personale, Accrescere il livello di competenze del personale tramite l utilizzo di software ed hardware, Gestire le abilitazioni e le qualifiche del personale manutentivo, Garantire la massima sicurezza ed affidabilità dei veicoli, Consentire all Impresa Ferroviaria di focalizzarsi sui servizi da erogare all utenza. page 17

18 Training Center Il razionale che l accompagna Approfondita conoscenza del prodotto e dei componenti, Personale di formazione qualificato in grado di gestire e facilitare la formazione Spazi dedicati alla formazione Treni reali e componenti a disposizione come palestra formativa Test finali per valutare la formazione in tempo reale Possibilità di proporre la formazione ad altre Unità Alstom, Fornitori e Clienti page 18

19 Training Center Il Contesto Il sistema di gestione delle competenze si articola in sette macro-aree: 1. Iscrizione del personale all albo manutentori e gestione dell albo manutentori 2. Acquisizione delle competenze professionali necessarie per l esecuzione delle attività previste 3. Verifica del possesso delle competenze 4. Mantenimento delle competenze 5. Processi speciali 6. Abilitazione agli interventi di manutenzione su apparecchiature del sotto sistema di bordo 7. Qualificazione del personale tecnico che rilascia i rotabili all Impresa Ferroviaria al termine della manutenzione page 19

20 Training Center Il Contesto Per ogni cantiere in cui si svolgono le attività di manutenzione da parte di Alstom TLS i manutentori che operano sugli organi di sicurezza sono inseriti in un albo. Ogni manutentore deve acquisire delle conoscenze e delle capacità operative. Queste conoscenze e competenze vengono acquisite, per ciascun manutentore, attraverso: a. Processi di formazione interna e affiancamento b. Specifici corsi Definizione delle competenze dei referenti d organo, dei manutentori competenti e dei manutentori in affiancamento. Dettaglio page 20

21 Training Center -Panoramica dei corsi I corsi vengono organizzati su 4 livelli di approfondimento: A Base per neo manutentori in affiancamento B Avanzatoper manutentori già esperti C Specializzato per esperti nella ricerca guasti e riparazione D Formativo per istruttori Icorsisonoerogatidapartediungruppodiformatoriinterniedesterni Alstom. Il progetto prevede il rinnovamento dei corsi già in erogazione, insieme alla definizione e implementazioni di nuovi corsi secondo le esigenze emergenti. page 21

22 Training Center Fatti e cifre Identificati tipi di formazione diversi 4 livelli, 5 Famiglie di treni (Coradia Meridian, Minuetto, Pendolino, AGV, X-trapolis) 200 Basici: componenti elettrici, parti meccaniche, ecc. 320 Sistemi di sicurezza (carrelli, segnalamento, freni, porte, ecc.) 640 Formazione aggiuntiva per vari sistemi: (toilette, TCMS, etc.) 20 Addetti alla formazione interni Da Novenbre 2011 ad Giugno 2012: ore di formazione effettuate 350 Persone formate (di cui 80 fornitori esterni) 35 Corsi di formazione effettuati page 22

23 Training center Dati ad oggi Corsi di formazione/tipologia Introduzione generale (compresi Politica della qualità, Sicurezza del Prodotto, Introduzione al Progetto, Contratto ed organizzazione) Introduzione alla Manutenzione, RailSys e Certificazione EHS (basici e specifici, Rischi Elettrici, Lavori in quota ecc.) 8 Equipaggiamenti di sicurezza dedicati alla formazione: Carrelli, Sale montate, porte, Impianto Elettrico, Segnalamento, Cassa, Accoppiatore, Sistema di frenatura Manutenzione Preventiva Crimpatura Coppia di Serraggio Operazioni di RailSys Supply Chain di RailSys (Pianificazione del materiale & Acquisti) page 23

24 Training center Strumenti a supporto della formazione Sale 3D La 3D room rappresenta un aula multimediale per la formazione teorica e pratica dei manutentori Permette di simulare interventi manutentivi in ambiente virtuale senza l ausilio di un prototipo reale. Materiali reali page 24

25 page 25

26 Training Center Il Contesto Per ogni cantiere in cui si svolgono le attività di manutenzione da parte di Alstom TLS, i manutentori che operano sugli organi di sicurezza sono inseriti in un albo, in cui, in base al livello di conoscenze e competenze possedute, il personale risulta suddiviso in: - R - Referenti d organo - C - Manutentori competenti - A - Manutentori in affiancamento Ogni manutentore deve acquisire delle conoscenze e delle capacità operative relativamente a: a. Competenze di base dell attività di manutenzione di riferimento b. Competenze specifiche su un organo di sicurezza c. Conoscenza di piani di manutenzione e normative applicabili ai sistemi interessati Queste conoscenze e competenze vengono acquisite, per ciascun manutentore, attraverso: a. Processi di formazione interna e affiancamento alle attività di manutenzione b. Corsi specifici volti a colmare carenze di competenze e conoscenze Per ogni manutentore sia le competenze a livello generale che le competenze specifiche sono riepilogate in una scheda personale, oltre che nel curriculum e nella scheda individuale. Definizione delle competenze Le competenze dei referenti d organo, dei manutentori competenti e dei manutentori in affiancamento sono definite in: a. Conoscenza b. Capacità c. Esperienza e si suddividono in competenze generali e competenze specifiche. Indietro page 26

LA MANUTENZIONE LE REFERENZE IN ITALIA

LA MANUTENZIONE LE REFERENZE IN ITALIA LA MANUTENZIONE LE REFERENZE IN ITALIA ESPERIENZA SOLIDA E COLLAUDATA AL SERVIZIO DEGLI OPERATORI FERROVIARI Indipendentemente dalla tipologia di materiale rotabile, le esigenze degli operatori ferroviari

Dettagli

UNO SGUARDO SU ALSTOM ITALIA

UNO SGUARDO SU ALSTOM ITALIA UNO SGUARDO SU ALSTOM ITALIA Leader mondiale nelle infrastrutture ferroviarie e nella produzione e trasmissione di energia. Quattro settori di attività: n Transport - infrastrutture e equipaggiamenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014)

CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014) CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014) Cognome: SCHIAVON Nome: Massimo Stato civile: Coniugato Luogo di nascita: Chioggia (VE) Data di nascita: 16/07/1960 Servizio militare: Assolto dal 1/6/85 al 31/5/86 in Aeronautica

Dettagli

Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009

Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009 Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009 TRENITALIA 1. Equipaggio treno L ampio confronto, iniziato tra il febbraio e l aprile 2008 e proseguito a partire dallo scorso mese di settembre

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

IL TRASPORTO PUBBLICO IN ITALIA ... RETE FERROVIARIA. La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km. 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt)

IL TRASPORTO PUBBLICO IN ITALIA ... RETE FERROVIARIA. La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km. 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt) La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt) 112 km a scartamento ridotto (1 mt) il resto é a scartamento standard (1,435 mt) 1 NAZIONALE l elettrificazione

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

Famiglia Coradia MERIDIAN

Famiglia Coradia MERIDIAN Famiglia Coradia MERIDIAN Marzo 2011 CORADIA MERIDIAN Il nuovo volto del trasporto regionale: l'innovazione al servizio del passeggero P 1 Alta capacità Media capacità Coradia Meridian: una famiglia di

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE

INDICE PRESENTAZIONE Direzione Tecnica e Acquisti Industriali Stabilimento di OMC Bologna Modena, 6 giugno 2007 INDICE PRESENTAZIONE SITI MANUTENZIONE CICLICA FLOTTA TRENITALIA. STABILIMENTO OMC BOLOGNA E SUE DIMENSIONI OPERATIVE.

Dettagli

PERSONE ATTIVE SUL MERCATO

PERSONE ATTIVE SUL MERCATO PERSONE ATTIVE SUL MERCATO Car Server nasce come società per azioni nel 1994 e da subito si distingue sul mercato per l attenzione alle esigenze del cliente e la capacità di fornire soluzioni innovative:

Dettagli

SERVIZI DI FORNITURA RICAMBI PER OTTIMIZZARE LE VOSTRE PRESTAZIONI DI MANUTENZIONE

SERVIZI DI FORNITURA RICAMBI PER OTTIMIZZARE LE VOSTRE PRESTAZIONI DI MANUTENZIONE SERVIZI DI FORNITURA RICAMBI PER OTTIMIZZARE LE VOSTRE PRESTAZIONI DI MANUTENZIONE Alstom Transport 1 Un approccio meticoloso e anticipativo della fornitura dei ricambi riduce al minimo l impatto delle

Dettagli

LA NORMATIVA ECM. (in Italia il D.Lgs. 43/11 crea ufficialmente al figura del Responsabile della Manutenzione Certificato)

LA NORMATIVA ECM. (in Italia il D.Lgs. 43/11 crea ufficialmente al figura del Responsabile della Manutenzione Certificato) LA NORMATIVA ECM Nel Maggio 2011 la Commissione Europea ha emesso il Regolamento (EU) N 445/2011 che definisce le Linee guida e le specifiche per l implementazione di un Sistema di Gestione della Manutenzione

Dettagli

SerForm: il Centro di Servizio e Formazione qualificata

SerForm: il Centro di Servizio e Formazione qualificata SerForm: il Centro di Servizio e Formazione qualificata January, 2014 SERFORM SerForm: chi siamo SerForm è un Centro di Formazione riconosciuto con Decreto ANSF N 03/2013 in grado di offrire a Professionisti

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

in sintesi Roma, 6 Dicembre 20110

in sintesi Roma, 6 Dicembre 20110 La rete dei PatLib e PIP in sintesi Roma, 6 Dicembre 20110 Alessio Misurii PatLib I PATLIB attualmente attivi sono 20 Ancona Bologna Bolzano Caltanissetta Campobasso Cosenza Firenze Genova Lecce Milano

Dettagli

PORTFOLIO. Organizzazione e miglioramento dei processi. Cliente Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A.

PORTFOLIO. Organizzazione e miglioramento dei processi. Cliente Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A. Organizzazione e miglioramento dei processi Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A. 2008-2009 OBIETTIVI Definizione requisiti e specifiche per la qualificazione delle reti

Dettagli

INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA

INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA 2 Alstom Transport AV TORINO MILANO NAPOLI TRAM LINEE 2 E 3 FIRENZE M5 MILANO RFI LOTTI FILO- BUS NAPOLI / TGS Transport Global Solutions è la divisione

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Interventi completati nel biennio 2004/2005. Voghera Vicenza Milano S. Rocco Foligno Firenze Osmannoro Foggia Lecce Palermo

Interventi completati nel biennio 2004/2005. Voghera Vicenza Milano S. Rocco Foligno Firenze Osmannoro Foggia Lecce Palermo INVESTIMENTI Interventi completati nel biennio 2004/2005 Voghera Vicenza Milano S. Rocco Foligno Firenze Osmannoro Foggia Lecce Palermo Interventi in corso nei seguenti siti Torino Orbassano Genova Brignole

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

delle Ferrovie dello Stato: organizzazione ed esperienza al servizio del trasporto

delle Ferrovie dello Stato: organizzazione ed esperienza al servizio del trasporto Direzione Sanità La Direzione Sanità delle Ferrovie dello Stato: organizzazione ed esperienza al servizio del trasporto La Direzione Sanità svolge un attività diversificata in materia di sorveglianza sanitaria

Dettagli

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana -

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - SICUREZZA STRADALE Politiche ed esperienze europee a confronto Bari, 11 luglio 2008 www.progettomost.org SINTESI DEL PROGETTO MO.S.T. www.progettomost.org

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Email PIERLUIGI NAPOLI Via Mario Rapisardi, 48 00137 Roma 3479367838

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

MANUTENZIONE E SERVICE NEL SETTORE FERROVIARIO: OPPORTUNITA E VINCOLI 18 OTTOBRE 2012

MANUTENZIONE E SERVICE NEL SETTORE FERROVIARIO: OPPORTUNITA E VINCOLI 18 OTTOBRE 2012 MANUTENZIONE E SERVICE NEL SETTORE FERROVIARIO: OPPORTUNITA E VINCOLI 18 OTTOBRE 2012 FAIVELEY TRANSPORT OGGI 2 FAIVELEY TRANSPORT OGGI FAIVELEY OGGI SERVICE E MANUTENZIONE Oggi FAIVELEY TRANSPORT opera

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

Gli effetti dei trasporti sulla distribuzione dei consumi

Gli effetti dei trasporti sulla distribuzione dei consumi Gli effetti dei trasporti sulla distribuzione dei consumi alberto.milotti@unibocconi.it giuseppe.siciliano@unibocconi.it CERTeT Università Bocconi MEMIT Master in Economia dei Trasporti memit.unibocconi.it

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

AudiOutdoor non solo audience. Dentro Media Consultants 17 giugno 2011

AudiOutdoor non solo audience. Dentro Media Consultants 17 giugno 2011 AudiOutdoor non solo audience Dentro Media Consultants 17 giugno 2011 Concessionarie in AudiOutdoor Servizi AudiOutdoor Controllo e certificazione campagne Disponibilità Impianti Inpedoc - Documentazione

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

COMUNICAZIONE GESTIONALE N. 960/DRUO DEL 25 FEBBRAIO 2010

COMUNICAZIONE GESTIONALE N. 960/DRUO DEL 25 FEBBRAIO 2010 informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 076 - MARZO 2010 DIVISIONE PASSEGGERI N/I DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA N. 959/AD

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani L indagine

Dettagli

COMUNICAZIONE OPERATIVA n. 57/DRUO del 7 dic 2005. Direzione Operazioni Tecniche IMC, OMC

COMUNICAZIONE OPERATIVA n. 57/DRUO del 7 dic 2005. Direzione Operazioni Tecniche IMC, OMC Direzione Risorse Umane e Organizzazione il Direttore COMUNICAZIONE OPERATIVA n. 57/DRUO del 7 dic 2005 Direzione Operazioni Tecniche IMC, OMC Con la presente Comunicazione Operativa si trasmette l assegnazione

Dettagli

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente Low and Medium voltage service ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente ABB Power Care ABB Power Care permette di gestire in modo ottimale il sistema di elettrificazione, massimizzando

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 078 - MARZO 2010 DIVISIONE PASSEGGERI REGIONALE DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA

Dettagli

info pages Esplorare Sessa Klein ITA TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK

info pages Esplorare Sessa Klein ITA TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK info pages Esplorare Sessa Klein ITA FOGLIO INFORMATIVO REDATTO DA SESSA KLEIN SUI RECENTI SVILUPPI NEL COMPANY PROFILE Information Notes Version: 4.0 Language: Italiano

Dettagli

Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009

Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009 Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO SOCIETA' VENDITA GAS METANO - ENERGIA ELETTRICA SO.MET SOCIETA' DISTRIBUTRICE GAS METANO SERVIZI GESTIONE CALORE GRUPPO SOMET v. G. Testore,

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO PROTESTE SINDACALI PROCLAMATE IN ADESIONE ALLO SCIOPERO GENERALE: FILT - FIT - UILT Segreterie Regionali Emilia Romagna - RFI S.p.A., Trenitalia S.p.A. personale tutto dalle ore 09:01 alle ore 13:00 del

Dettagli

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Roma, 28 Giugno2005 Arrivi, partenze, relazioni, Ferrovie e Comuni insieme per la qualità della vita di tutti i cittadini Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Arch. Norberta Valentino

Dettagli

Affidamento a soggetti esterni di servizi di manutenzione dei veicoli e degli organi di sicurezza

Affidamento a soggetti esterni di servizi di manutenzione dei veicoli e degli organi di sicurezza n. 30.4/ del 6 agosto 2013 dei veicoli e degli organi di sicurezza Con la procedura allegata vengono definiti: i requisiti ai sensi della Disposizione 23/2004 del G.I. e del decreto ANSF 4/2012 Allegato

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

Nuovi Mezzi e Nuove Tecnologie per incrementare l offerta di trasporto e la riduzione dei costi operativi

Nuovi Mezzi e Nuove Tecnologie per incrementare l offerta di trasporto e la riduzione dei costi operativi Seminario di Alta Formazione Rimini, 16 dicembre 2010 ore 10,00 Sala Marvelli - Provincia di Rimini via Dario Campana 64 Nuovi Mezzi e Nuove Tecnologie per incrementare l offerta di trasporto e la riduzione

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Regolamento (CE) n. 1371/2007, relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario Servizio di assistenza in stazione ai passeggeri con disabilità

Dettagli

Solution. Innovation GAEM 2.0. Gestione del Life Cycle degli Asset Elettromedicali

Solution. Innovation GAEM 2.0. Gestione del Life Cycle degli Asset Elettromedicali Solution Innovation GAEM 2.0 Gestione del Life Cycle degli Asset Elettromedicali 1. Cos è GAEM 2.0 - Gestione Asset Elettromedicale - è un sistema modulare e web oriented proposto da b! Spa, system integrator

Dettagli

La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a Paolo GENOVESI. Il Responsabile ha sede Roma.

La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a Paolo GENOVESI. Il Responsabile ha sede Roma. l Amministratore Delegato ORDINE DI SERVIZIO n. 111/AD del 30 set. 2010 Rete Ferroviaria Italiana Direzione Tecnica La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a

Dettagli

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office Allegato 1 MP - Servizi al Cliente Evoluzione Back Office 22 febbraio 2011 Evoluzione del Back Office Integrato Il percorso evolutivo del modello di assistenza al Cliente e agli UP intrapreso all interno

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità Roma, martedi 27 aprile 2004 L esperienza italiana nel contesto internazionale Gestori Circuito I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il Car sharing in Italia è

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

CRUSCOTTO DI CONTROLLO

CRUSCOTTO DI CONTROLLO PIANIFICAZIONE STRATEGICA E CONTROLLO DI GESTIONE Corso Nazionale* sul CRUSCOTTO DI CONTROLLO LA BALANCED SCORECARD ITALIANA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Come RIVOLUZIONARE il modo di gestire l azienda

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI MOBILITA ORIZZONTALE TRA I PROFILI DEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE

ACCORDO IN MATERIA DI MOBILITA ORIZZONTALE TRA I PROFILI DEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE ACCORDO IN MATERIA DI MOBILITA ORIZZONTALE TRA I PROFILI DEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE sottoscritto il 9 giugno 2015 in Roma PER L INPS Il Presidente delle delegazione trattante Il Direttore Generale

Dettagli

Relativamente al supporto tecnico operativo relativo alla certificazione ISO 9001:2008, si precisa quanto segue: Il perimetro del SGQ da supportare a

Relativamente al supporto tecnico operativo relativo alla certificazione ISO 9001:2008, si precisa quanto segue: Il perimetro del SGQ da supportare a CAPITOLATO TECNICO SUPPORTO TECNICO-OPERATIVO ALL IMPLEMENTAZIONE, ALLA CERTIFICAZIONE E AL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PROCESSI AZIENDALI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ ISO

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

SPECIALISTI IN MACCHINE PER TORNIRE

SPECIALISTI IN MACCHINE PER TORNIRE SPECIALISTI IN MACCHINE PER TORNIRE UTIMAC : Un'impresa entrata nel trentesimo anno di attività nel settore delle macchine per tornire: tanta è l'esperienza acquisita che siamo in grado di offrire. Sfera

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

723 IC ROMA TERMINI 7:39 PALERMO C.LE 19:00 treno Classifica Partenza ora Arrivo ora 727 IC ROMA TERMINI 11:39 SIRACUSA 22:30 785 ICN MILANO CENTRALE

723 IC ROMA TERMINI 7:39 PALERMO C.LE 19:00 treno Classifica Partenza ora Arrivo ora 727 IC ROMA TERMINI 11:39 SIRACUSA 22:30 785 ICN MILANO CENTRALE Allegato 3 LISTA TRENI Lista completa e dettagliata dei treni su cui si applicano le agevolazioni tariffarie (aggiornabile al cambio orario giugno 2013 e dicembre 2013). Treno Classifica Partenza ora Arrivo

Dettagli

Oggetto: servizi offerti alle Procedure Concorsuali presentazione della società FAST FINANCE S.p.A. e del prodotto rendimax.

Oggetto: servizi offerti alle Procedure Concorsuali presentazione della società FAST FINANCE S.p.A. e del prodotto rendimax. Fast Finance S.p.A. a socio unico Sede Legale Bologna, Italia 40124 Via L.C. Farini, 6 Capitale Sociale euro 3.033.000 i.v. C.F. / Reg. Imprese Bologna 02681990400 P.IVA 02159701206 REA CCIAA Bologna 408746

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Servizi al Cliente e Qualità. Versione: 01 Servizi al Cliente e Qualità Gestione Operativa e Controllo

Servizi al Cliente e Qualità. Versione: 01 Servizi al Cliente e Qualità Gestione Operativa e Controllo Gestione Operativa e Controllo Organizzazione SCQ: dislocazione territoriale operatori TOTALE FTE: 208 Dato aggiornato a marzo 2009 Torino Milano Venezia Genova Firenze Roma Napoli Bari Cagliari Palermo

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE MANUTENZIONE E LOGISTICA, la cui titolarità è confermata ad interim all ing. Roberto TESTORE,

Dettagli

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Verona, 7 giugno 2013 Accessibilità e disabilità in ferrovia: a che punto siamo? Molto è stato fatto e il

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. Alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato è istituita la DIREZIONE GENERALE OPERATIVA PASSEGGERI (in seguito DGOP),

Dettagli

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office MP - Servizi al Cliente Evoluzione Back Office 15 Dicembre 2010 Evoluzione del Back Office Integrato Il percorso evolutivo del modello di assistenza al Cliente e agli UP intrapreso all interno di MP, finalizzato

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma PI 04133671000 CF 10086440152 2 Direzione Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467376 Area Gestione e Interventi Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/064467292 www.strataspa.net

Dettagli

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo ECORailS Energy efficiency and environmental criteria in the awarding of regional rail transport vehicles and services Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo SCHEMA DI PROTOCOLLO

Dettagli

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari. Direzione Centrale Accertamento RISOLUZIONE N. 64/E Roma, 18 maggio 2005 Oggetto: Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Dettagli

Tavola rotonda LE INNOVAZIONI DI SISTEMA NEGLI ENTI LOCALI: RISULTATI E PROSPETTIVE DEL PROGRAMMA ELISA FORUM P.A. FIERA DI ROMA, 17 maggio 2010 Il Ministro per i Rapporti con le Regioni, On. Raffaele

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

La bigliettazione elettronica 2.0: due casi di eccellenza in Italia.

La bigliettazione elettronica 2.0: due casi di eccellenza in Italia. La bigliettazione elettronica 2.0: due casi di eccellenza in Italia. Dott. Giuseppe Mascino Responsabile Gare e Progetti Speciali Pluservice Srl Coordinato da: Organizzato da: 30 31 gennaio 2014 Company

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Systems. Components. Services. Facility Management. www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4

Systems. Components. Services. Facility Management. www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4 Components Services Facility Management www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4 Systems Services SAUTER Services A salvaguardia del patrimonio tecnologico. Systems

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli