Via Cimabue Pioltello Prof. Rosario Berardi. 12 giugno Relazione finale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Cimabue 9 20096 Pioltello berardi@rosarioberardi.it. Prof. Rosario Berardi. 12 giugno 2007. Relazione finale"

Transcript

1 . Via Cimabue Pioltello Prof. Rosario Berardi 12 giugno 2007 Relazione finale

2 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2 Assistenza, consulenza e coordinamento all'utilizzo delle nuove tecnologie. - R E L A Z I O N E F I N A L E Periodo Settembre 2006 / Giugno 2007 Anno scolastico 2006/2007 Il Dirigente scolastico, con comunicazione datata 28/09/2006, vista la delibera del collegio Docenti, considerata la mia disponibilità, conferiva al sottoscritto la titolarità della figura di Funzione strumentale dell area 2 Assistenza, consulenza e coordinamento all'utilizzo delle nuove tecnologie delineandone gli ambiti di competenza che di seguito si elencano: a) Ristrutturazione, manutenzione e aggiornamento periodico del sito Internet della scuola b) Manutenzione ordinaria necessaria al funzionamento software ed hardware delle attrezzature informatiche e telematiche della scuola. c) Consulenza e supporto per l'utilizzo del sito web della scuola per fini educativi e formativi. d) Consulenza alla progettazione e all impiego didattico dei servizi a tecnologia avanzata e) Gestione delle reti della scuola dal punto di vista del loro uso quotidiano f) Configurazione e gestione dei sistemi in corso di acquisizione g) Partecipazione ad iniziative istituzionali riguardanti le nuove tecnologie e relative applicazioni didattiche h) Manutenzione software necessaria al funzionamento delle dotazioni informatiche e telematiche. i) Coordinamento dell'utilizzo delle tecnologie avanzate finalizzato ottimizzare il livello organizzativo j) Consulenza e collaborazione al Dirigente per le scelte di ======================= implementazione tecnologica della scuola k) Supporto ai docenti della scuola per l uso degli strumenti tecnologici l) Elaborazione e/o supporto stesura capitolati d appalto e di manutenzione straordinaria apparecchiature informatiche m) Frequenza corsi di aggiornamento e di qualificazione inerenti l espletamento della funzione ATTIVITA SVOLTA L anno di attività di riferimento della presente è stato denso di lavoro nei variegati ambiti di competenza enumerati ed in particolare per quanto attiene ai punti a-e-g-m. Infatti, se per buona parte dei compiti assegnatimi si è trattato di attivare operazioni di prassi e per lo più ripetitive, rispetto agli anni precedenti, lo stesso non si può dire per gli aspetti citati, che hanno richiesto tempo, impegno e determinazione, grazie ai quali è oggi possibile verificare, seppure parzialmente, i risultati prodotti. Gli interventi a cui si accennerà hanno inteso promuovere attività con un unico comune denominatore: valorizzare gli strumenti dell informatica nelle forme e nelle modalità più ampie possibili con una particolare attenzione alla comunicazione in rete secondo le proposte più attuali e innovative. Ciò ha comportato per il sottoscritto l attivazione di canali, parzialmente 1

3 abbandonati nell anno scolastico precedente, costituiti dalle varie agenzie istituzionali di formazione e di aggiornamento, quali l Ufficio Scolastico per la Lombardia, quello provinciale di Milano, l IRRE oggi Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica ecc., attraverso i quali essere costantemente in linea con le innovazioni attinenti il mondo delle nuove tecnologie applicabili all universo della formazione. Diverse, conseguentemente, le iniziative, attivate dai soggetti citati, alle quali ho assicurato la partecipazione con livelli di coinvolgimento diversificati. Tra queste, quelle che hanno rivestito un ruolo di maggiore significatività, sono rappresentate dai seguenti progetti: Progetto Scuola e Servizi del Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per Sistemi Informativi Qualificare l inserimento del Syllabus ECDL nelle scuole secondarie di primo grado dell Ufficio Scolastico per la Lombardia Progetto ABIWEB (Abitare il Web) MOODLE: utilizzo della piattaforma Progetto InFORMate, l'informatica al servizio della matematica Tra un progetto e l altro qualche convegno ha completato il quadro di riferimento sul versante formativo: Web accessibile a Scuola School Day: Nuove Tecnologie per la Didattica Dei progetti su esposti Scuola e Servizi ha certamente rappresentato quello più impegnativo, sia sul versante formativo che su quello applicativo. L adesione allo stesso ha comportato, quale prerequisito, la partecipazione ad una fase di formazione mirata a creare le figure professionali, operanti presso le scuole, in grado di creare e gestire un sito scolastico di elevata qualità per fornire servizi alle famiglie. Tali figure professionali sono deputate a fare da collegamento con il portale nazionale: A tal fine è stata costituita la squadra d Istituto comprendente, oltre allo scrivente, figura referente, la prof.ssa Casagrande, anch essa formatasi e il prof. Miscioscia, non ancora formato. L'attività di formazione è stata erogata a distanza tramite l'utilizzo della piattaforma di e-learning SINFODIA, ma l obiettivo del progetto non era la formazione - la formazione è stato solo il primo passo verso l implementazione di servizi per le famiglie. Il progetto formativo ha trattato i seguenti corsi : CORSO 1 - Approccio e-learning CORSO 2 - Presentazione del Progetto CORSO 3 - Aspetti metodologici e Policy CORSO 4 - Introduzione alle tecnologie Internet CORSO 5 - Introduzione alla Sicurezza Informatica CORSO 6 - Siti web: comunicazione, contenuti e linguaggio CORSO 7 - Come costruire un sito web: XHTML e CSS 2 CORSO 8 - La qualità di un sito web: Accessibilità e Usabilità CORSO 9 - I servizi offerti dal progetto CORSO 10 - Content Management Corsi di II livello Corso 11 - Come costruire un sito web - parte II, Utilizzo avanzato del linguaggio XHTML e dei CSS Corso 12 - Il "logo" di accessibilità, Come verificare che il proprio sito scolastico rispetti i requisiti per l'accessibilità 2

4 Corso 13 - Web writing, Come comunicare efficacemente tramite il proprio sito Il progetto "Scuola e Servizi" è stato approvato dal Comitato dei Ministri per la Società dell'informazione come una delle iniziative di e-government del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, nell'ambito del filone "Servizi prioritari ai cittadini on-line". Esso si inserisce nella più generale strategia del MIUR, nell'ambito dell'information and Comunication Technology (ICT) e dei sistemi informativi, che prevede di: garantire il supporto ai processi amministrativi tradizionali (organici, mobilità, graduatorie, assicurando anche l'interazione via internet) riposizionare e ristrutturare il proprio sistema informativo, in un ottica di servizio per le scuole stesse, per i docenti e per le famiglie stimolare all innovazione attraverso progetti mirati, definiti in collaborazione con il Dipartimento per le Tecnologie ed il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA). Il Portale Nazionale delle Scuole presenterà pertanto una piattaforma unificata per l erogazione di servizi ai cittadini, che includerà anche la possibilità di consultare, in modo strutturato, una serie di informazioni alle scuole e dalle scuole. Il Portale Nazionale delle Scuole ha come finalità: fornire servizi efficienti e di qualità alle famiglie, attraverso la realizzazione del portale nazionale degli istituti scolastici italiani e dei siti d'istituto, utilizzando una piattaforma standardizzata migliorare sensibilmente la comunicazione scuola-famiglia, mostrando contemporaneamente i vantaggi derivanti dall'uso dell'information and Comunication Technology (ICT) e della rete internet facilitare l'interazione e il dialogo fra la scuola e i suoi utenti istituire, nelle scuole italiane, figure professionali in grado di: coordinare le fasi di creazione del sito dell'istituto di appartenenza e i successivi aggiornamenti gestire l'erogazione dei servizi offerti dal sito scolastico mantenere e aggiornare il sito dell'istituto e fare da collegamento con il Portale Nazionale Completata la fase di formazione è iniziata per il sottoscritto la fase di creazione del nuovo sito, senza abbandonare quello in essere, già online, ma ancora da completare e implementare con i servizi periodicamente forniti dal portale e richiedenti, ogni volta, l analisi degli stessi e la loro attivazione in collegamento con l esistente. Il lavoro di questo impegno è visibile all indirizzo: uolaeservizi.it/index.htm, raggiungibile comunque, con apposito link da Il secondo progetto, in linea con quello appena descritto è stato ABIWEB, implementato con Moodle:utilizzo della piattaforma. Le premesse da cui ha preso avvio sono enucleate nella presentazione della coordinatrice: Le riflessioni che hanno per oggetto l uso della rete nei processi formativi in genere tendono a sottolineare alcuni orientamenti innovativi che le nuove tecnologie offrono all educazione, in particolare a coloro che insegnano ma soprattutto ai ragazzi che apprendono. In breve questi orientamenti sono riconducibili a tre aspetti della rete : l inesauribile 3

5 disponibilità di informazioni, la multimedialità e l interattività. Queste le cifre del nuovo mondo Web con cui la scuola dovrebbe misurarsi. Sulle potenzialità formative degli ambienti tecnologici si è scritto molto, ma quando dalle considerazioni generali si passa alla fase operativa, cioè alla predisposizione di percorsi didattici per l apprendimento degli alunni, quando cioè le riflessioni pedagogiche nutrono l ambizione di declinarsi in pratiche didattiche, capita che emergano nodi irrisolti e sorgano nuove domande. Per esempio, se - come sostengono tutti - l informazione in rete è, almeno potenzialmente, disponibile da parte di tutti, essa lo diventerà in realtà soprattutto per coloro che avranno gli strumenti per accedervi ed utilizzarla in modo critico e consapevole. Il progetto di ricerca ABIWEB (ABITARE IL WEB), promosso dall IRRE Lombardia, si propone allora come percorso formativo che cerchi di fornire ai docenti strumenti utili per accompagnare i propri studenti in un percorso che li renda abitanti attivi e protagonisti nel nuovo mondo che il Web rappresenta oggi In virtù dell adesione al progetto, il sottoscritto, quale docente sperimentatore, è stato chiamato a lavorare in un gruppo attraverso un percorso di autoformazione che ha richiesto la partecipazione ad una piattaforma on line e la frequenza a tre incontri in presenza. L'impegno complessivo ha richiesto, oltre al breve corso di formazione riguardo lo strumento da sperimentare (3-6 ore in presenza) circa 30 ore di collaborazione-lavoro on line e 9 ore negli incontri in presenza, oltre alla sperimentazione diretta in classe, con le due classi terze. La sperimentazione è ancora in corso e documentata sull apposita piattaforma Moodle deli IRRE LOMBARDIA. A integrazione/sperimentazione del lavoro succintamente descritto ed allo scopo di mettere a disposizione per attività simili da attivare nel prossimo anno, l estensore della presente ha proceduto ad installare sul proprio dominio internet la piattaforma in questione visibile all indirizzo: I restanti due progetti, uno ultimato e l altro ancora in itinere, hanno come filo conduttore la didattica dell informatica nella scuola secondaria di primo grado. Attraverso Qualificare l inserimento del Syllabus ECDL nelle scuole secondarie di primo grado dell Ufficio Scolastico per la Lombardia, si è teso a formare i partecipanti nella progettazione e nella pratica didattica necessaria a preparare gli studenti al conseguimento dell ECDL, implementando l uso dell ICT nella didattica ordinaria e valorizzando le esperienze che già, a vari livelli, caratterizzano l insegnamento in questo ciclo scolastico. Organizzato con attività in presenza per 27 ore ed attività on-line per 9 ore ha contemplato una sperimentazione dei contenuti nelle classi prime, attività anche queste documentate nella piattaforma Eun Community. CONSIDERAZIONI E NOTE FINALI Le brevi note riportate, non solo quale adempimento del mandato conferitomi, dovrebbero testimoniare, per quanto concerne la didattica e le nuove tecnologie, di una situazione in continuo movimento nella quale il rimanerne fuori genera gap conoscitivi molto significativi. Su un altro versante c è però da annoverare la scarsa ricaduta applicativa delle 4

6 novità sperimentate o in via di sperimentazione, il che impone una riflessione sulle ragioni che rendono problematiche le applicazioni delle metodologie didattiche legate alle nuove tecnologie. Sicuramente, queste ultime richiedono, almeno inizialmente, un notevole impegno progettuale e ancor prima di conoscenza, ad un corpo docente non sempre messo nelle condizioni di impadronirsi delle competenze necessarie e raramente stimolato a farlo attraverso politiche di incentivazione assolutamente mancanti nella politica scolastica di qualsiasi livello. L attività di puro volontariato, in questo ambito, tende di conseguenza a generare sperimentazioni su sperimentazioni senza la necessaria ricaduta, se non in misura limitata, su coloro per i quali l investimento viene pianificato: gli alunni. Anche la nostra scuola, pur in presenza di una politica che ha da sempre investito sull informatica, presenta sì una situazione complessivamente positiva sul versante dell alfabetizzazione, ma comincia ad accusare ritardi sulle nuove sperimentazioni che attengono all uso attivo della rete secondo i nuovi dettami del web2 (generazione di Internet, più maturo e peculiare, caratterizzato dalla partecipazione degli utenti, dall'apertura e da effetti di rete). Sarebbe quindi opportuno prendere in considerazione, nel corso dell anno scolastico 2007/2008, una seconda tornata di aggiornamento sugli aspetti menzionati per promuovere in tutta la scuola processi di apprendimento innovativi contemplanti il potenziamento delle interazioni comunicative. Così come risulta non più procrastinabile, la costituzione, a livello organizzativo, di una equipe informatica, così come teorizzata dal progetto Scuola e Servizi (squadra d Istituto), per rendere sempre più calzanti i servizi da mettere a disposizione di alunni, docenti e famiglie, attraverso il nuovo sito, progettato sia nel rispetto della normativa sull accessibilità ( vedere a tal fine le due modalità di visione del sito : grafica e solo testo), che per gestire la nuova fase del web2. Non più e soltanto sito informativo e documentale, ma sito di servizio, collegato eventualmente a piattaforme, blog e forum, quali strumenti di partecipazione attiva dei ragazzi alla vita di rete. Sul versante hardware risulta necessario proseguire sulla strada degli investimenti, finalizzati sia ad ampliare il parco macchine che a sostituire quelle ormai obsolete e dotando i laboratori delle due succursali, di nuove periferiche, stampanti A3 e scanner di nuova generazione. Giugno 2007 Funzione strumentale Area 2 Prof. Rosario Berardi 5

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto AREA 1 - profilo 1 Comunicazione/ SITO WEB dell Istituto, gestire e coordinare

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO RELAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO 2013/ Prof. Rosario Berardi

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO RELAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO 2011/ Prof. Rosario Berardi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

Scuola e Servizi Il Portale Nazionale delle Scuole. Ministero della Pubblica Istruzione

Scuola e Servizi Il Portale Nazionale delle Scuole. Ministero della Pubblica Istruzione Scuola e Servizi Il Portale Nazionale delle Scuole www.scuolaeservizi.it Ministero della Pubblica Istruzione Rosita Bacchelli HANDImatica - 30 novembre 2006 www.cineca.it Scuola e Servizi: il Portale Nazionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Tel. e Fax. 055/9102637-055/9102704

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Mattei Di Vittorio Via Bizet 1 20096 Pioltello Mi. Prof. Rosario Berardi ANNO SCOLASTICO 2007/2008.

Scuola Secondaria di Primo Grado Mattei Di Vittorio Via Bizet 1 20096 Pioltello Mi. Prof. Rosario Berardi ANNO SCOLASTICO 2007/2008. Scuola Secondaria di Primo Grado Mattei Di Vittorio Via Bizet 1 20096 Pioltello Mi Prof. Rosario Berardi ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Relazione finale FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2 Assistenza, consulenza e

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole

Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Le reti per la promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Uno strumento che si ritiene fondamentale per dare compiuta attuazione alle iniziative

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

FORMAZIONE E. Indicazioni per l utilizzo delle somme disponibili. U.S.P. Varese 19 gennaio 2009

FORMAZIONE E. Indicazioni per l utilizzo delle somme disponibili. U.S.P. Varese 19 gennaio 2009 FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA. AREA ICT. Indicazioni per l utilizzo delle somme disponibili U.S.P. Varese 19 gennaio 2009 Referente prof. Giuseppe Potente AMBITI D INTERVENTO Utilizzo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Pag. 1 di 5 Descrizione e finalità del progetto. Il progetto Scuole di montagna finanziato dal Fondo Sociale

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Nella sezione 5 del RAV sono state indicate alcune priorità che la scuola intende perseguire nella sua azione di miglioramento e i relativi risultati/traguardi previsti

Dettagli

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Le esperienze da multimedializzare Nell ambito del percorso di lavoro Documentare

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE L Associazione culturale Alice in Città nasce nel 2005 per dare forma istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi.

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE OFFERTA FORMATIVA

FUNZIONE STRUMENTALE OFFERTA FORMATIVA 1 di 6 RELAZIONE FINALE DOCENTE FUNZIONE STRUMENTALE OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2006 2007 2 di 6 DOCENTE: Michele Basile FUNZIONE OBIETTIVO AREA 2 :Attività do progettazione e sviluppo della multimedialità

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Lettera Rev. 4 del 01/06/2010

Documentazione SGQ SIRQ Lettera Rev. 4 del 01/06/2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALLEGATA AL CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO DELL ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il P.O.F. dell Istituzione Scolastica, regolarmente predisposto e deliberato

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Prof. Carmelo La Porta Al Dirigente Scolastico Liceo Scientifico E. Fermi RAGUSA RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Gli interventi effettuati

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 LEGGE 9 gennaio 2004, n. 4 Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. Vigente al: 11-11-2015 La Camera dei deputati ed

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Le applicazioni della legge Stanca nell accessibilità delle risorse didattiche

Le applicazioni della legge Stanca nell accessibilità delle risorse didattiche Le applicazioni della legge Stanca nell accessibilità delle risorse didattiche Intervento di Alessandro Musumeci Direttore Generale Sistemi Informativi Ministero dell'istruzione, dell'università e della

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Piano Digitale Triennale

Piano Digitale Triennale Trani A.S. 2016/2019 TELEFONO/FAX EMAIL WEB Corso Imbriani, 233 0883583437 bamm252007@istruzione.it smsboviotrani.gov.it Premessa Il 27 ottobre 2015, con decreto del Ministro dell istruzione, dell Universita

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi A.F.A.E. Associazione Famiglie degli Audiolesi Etnei PROGETTO per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi 1. Premessa Il presente progetto per la gestione

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF Premessa L Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, avrà il compito di coordinare

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Progetto di formazione di docenti e studenti dei tecnici e professionali del settore turisticoalberghiero in Sicilia Sicily is a Treasure Island for tourism

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della ALLEGATO TECNICO ALL ACCORDO NAZIONALE 12 MARZO 2009 tra il Ministero dell istruzione, della ricerca e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2, comma 3, della

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico- Liceo delle Scienze Applicate - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

Eurosofia: Offerta formativa 2015/2016. Offerta formativa 2015/2016

Eurosofia: Offerta formativa 2015/2016. Offerta formativa 2015/2016 Offerta formativa 2015/2016 Eurosofia: chi siamo EUROSOFIA Ente Italiano di Formazione Europea Professionale e di Ricerca è un associazione, la cui mission è istituire servizi di formazione e di ricerca-studio

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

PROGETTO FONDI PON 2014-2020

PROGETTO FONDI PON 2014-2020 PROGETTO FONDI PON 2014-2020 Avviso MIUR 9035 del 13 luglio 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione, l ampliamento o l adeguamento delle infrastrutture di

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Premessa Il presente piano è frutto della rielaborazione di un documento collaborativo condiviso mediante un gruppo pubblico di Animatori

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI

Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI E.p.c. Ai Coordinatori degli AA.TT.PP. della Regione Calabria LORO SEDI

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

CONCORSO REGIONALE DIGITAL MEDIA 3ª EDIZIONE 2015

CONCORSO REGIONALE DIGITAL MEDIA 3ª EDIZIONE 2015 CONCORSO REGIONALE DIGITAL MEDIA 3ª EDIZIONE 2015 L Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico e l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto hanno sottoscritto un protocollo d intesa

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli POLO QUALITÀ DI NAPOLI - istituito con

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla formazione del personale docente con riguardo al progetto: Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali Firenze, 25 marzo 2009

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI"

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI" Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

regolamento scuola primaria e secondaria

regolamento scuola primaria e secondaria regolamento scuola primaria e secondaria La mia biblioteca FINALITÀ ED OBIETTIVI GENERALI Sostenere e valorizzare gli obiettivi delineati nel progetto educativo e nel curriculo; Sviluppare e sostenere

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli