Versione 9.3 INSTALLAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Versione 9.3 INSTALLAZIONE"

Transcript

1 Versione 9.3 INSTALLAZIONE pag. 1 di 40

2 Premessa Sistemi operativi supportati La versione 9.3 di Gestionale2 può funzionare su architetture miste. In una stessa installazione si possono avere client diversi: per esempio terminali e client grafici possono convivere collegati a un server Linux, mentre posso avere architetture con server Windows e client tradizionali o thin, secondo questo schema: Server : Unix o Linux Client : terminali pc con emulazione terminale pc windows thinclient Server : Windows Client : pc windows client pc windows thinclient I sistemi operativi supportati per i server sono: Unix SCO o superiore Linux Red Hat 7.2 o superiore, Fedora core 2 o superiore (glibc 2.2, 2.3, 2.4) Windows 2000 Server Windows 2003 Server Tutti questi server possono, opzionalmente, montare il database DBMaker, sia in modalità completa, nel qual caso occorrerà aver pianificato ed eseguito la migrazione dei dati da Vision, sia in modalità solo InfoVision, in cui il DBMaker viene adoperato solo per il data warehouse. La migrazione dei dati da Vision a DBMaker non è oggetto di questa documentazione, ma viene rilasciata e documentata con un apposito modulo. Il database DBMaker è obbligatorio se si desidera avere il modulo Data warehouse. Poiché il Data warehouse (InfoVision) è un'applicazione windows, le macchine client che lo adoperano devono essere pc windows. Se si desidera adoperare il database DBMaker, sia in modalità completa che in modalità solo InfoVision, è obbligatorio che il DBMaker server site venga installato prima del server di Gestionale2. pag. 2 di 40

3 Che cosa occorre all'installatore CD di Gestionale CD di Gestionale xx (solo per aggiornamento versione <9.2) CD InfoVision Codici di attivazione per DBMaker Eventuali personalizzazioni create o migrate in ambiente 9.3, sotto forma di file ZIP contenente la struttura di cartelle in cui vanno copiati i vari files personalizzati La versione 9.3 di Gestionale2 viene fornita su un CD che comprende il Gestionale2 e il database DBMaker, mentre per Infovision 2 viene fornito un CD a parte. L'installatore deve pertanto essere munito di entrambi i CD. E' necessario inoltre che l'installatore abbia a disposizione il CD di Gestionale2 versione xx, nel caso in cui dovesse trovarsi ad aggiornare una versione 9.01.x. Se siamo in procinto di installare un Gestionale2 munito di DBMaker, prima di procedere occorre assicurarsi di avere i codici di attivazione del database per i vari sistemi operativi. pag. 3 di 40

4 Aggiornamento da una versione xx Leggere attentamente La versione può essere installata ex novo, oppure come aggiornamento della versione o successive. Non è possibile installare la su versioni precedenti la E' di fondamentale importanza che venga eseguito un backup completo di tutta la cartella server dell'applicazione, poiché l'installazione eseguirà automaticamente la migrazione di alcuni archivi e tabelle nel formato richiesto dalla 9.3. Poiché tale operazione non è ricoverabile, in caso di interruzione forzata dell'aggiornamento occorrerà assolutamente ripristinare la copia di backup dell'installazione (cfr. l'appendice 1). Occorre inoltre eseguire una copia di backup dei files g2z*.ini: tali files si trovano nella cartella di sistema (c:\winnt o c:\windows) in caso di Windows, nella cartella /etc in caso di unix/linux. Se si aggiorna una versione xx con DBMaker, sia completo che solo InfoVision, è necessario disporre fin da subito del codice di attivazione della licenza del DBMaker stesso: diversamente, il database non si avvierà e l'installazione fallirà. L'aggiornamento dalla xx alla comporta la reinstallazione di tutti i client Windows (sia standard che thinclient) eventualmente presenti: le icone di lancio restano valide e vengono conservate. Al contrario, i client a caratteri (terminali ed emulatori) non necessitano di reinstallazione. Se si dispone del modulo Tentata vendita, dopo l aggiornamento occorre entrare nel programma GES1K0 Tabella parametri generali della tentata vendita e controllare ed eventualmente completare i parametri richiesti. Se si dispone del modulo G2 DataNavigator e si vogliono recuperare i dati produzione ora gestiti nel navigatore articolo, occorrerà rigenerare i files di questo modulo lanciando con [F7] il programma di utilità 92evnini. Per recuperare la data di inizio calcolo nella primanota per competenza è necessario eseguire l utility utirrt. Il folder legato ai clienti, fornitori, clienti potenziali, articoli, mastri non è piu presente come tab nelle notizie ma è una nuova voce della lista di programmi collegati. Negli zoom sulle anagrafiche (clienti, fornitori, potenziali) per visualizzare la colonna nickname e le nuove funzioni del menu popup relative alle chiamate Skype, occorre effettuare ripristina le impostazioni originali dal bottone imposta dello zoom e salvare le impostazioni in uscita. Consultare la documentazione presente sul CD installazione G2 rel per i dettagli sulle implementazioni e novità della nuova release. pag. 4 di 40

5 Migrazione archivi da release precedenti L aggiornamento di release esegue automaticamente la migrazione di alcuni archivi nel formato richiesto dalla 9.3. Gli archivi che vengono migrati sono: 92SCO - Scadenzario ordini (navigatore) OCR - Righe ordini clienti OFR - Righe ordini fornitori DVT - Testata documenti di vendita DVR - Righe documenti di vendita RFR - Righe richieste ordini fornitori PVR - Righe preventivi clienti RRT - Testata primanota (ratei/risconti) PCZ - Trascodifica codici per collegamento mod.zucchetti IPC/IPS - Trascodifca codici per collegamento mod.paghe La migrazione prende in considerazione tutti gli archivi presenti sotto la root directory dell installazione, prestare attenzione quindi ad eventuali backup o copie di file che non vengono piu utilizzati in quanto anche questi verranno migrati aumentando i tempi di elaborazione (spostarli oppure eliminarli per evitare la migrazione). I tempi necessari per la migrazione degli archivi variano a seconda della grandezza dei files e naturalmente anche dalle caratteristiche hardware dei pc; indicativamente, con una configurazione hardware standard, possiamo stimare un tempo di migrazione di record al minuto (win2000sp4, Pentium4 1Ghz CPU, Kb RAM). In presenza di archivi corposi, prima di eseguire l aggiornamento di release consigliamo di effettuare una stima dei tempi necessari per la migrazione (tempo di di fermo-macchina). pag. 5 di 40

6 Aggiornamento di una 9.2 con personalizzazioni Le personalizzazioni 9.2, di qualunque tipo, non funzionano sulla versione 9.3. Se stiamo aggiornando una versione 9.2 personalizzata, qualunque sia la natura delle personalizzazioni, occorre essere muniti del file.zip contenente i componenti personalizzati per la versione 9.3. Tale file deve essere scaricato sull' hard disk del server prima di iniziare il setup di Gestionale2, in quanto verrà richiesto dalla procedura di installazione. Preparazione all'aggiornamento di una 9.2 Server Windows Se è presente il servizio acurcl (application server per thinclient): arrestare acurcl e rimuovere il servizio col comando rcl remove che si trova nella cartella server di Gestionale2. Se è presente il database DBMaker: arrestare il DBMaker tramite Jserver Manager Modificare il file dmconfig.ini, nella cartella c:\windows o c:\winnt, aggiungendo le righe: DB_LTimO = 0 DB_MXCMD = 2560 Eseguire un backup completo degli archivi e/o del database. Server Unix/Linux Se è presente il servizio acurcl (application server per thinclient): arrestare acurcl col comando bin/rcl stop. La cartella bin che contiene il comando si trova all'interno della cartella server di Gestionale2. Se è presente il database DBMaker: arrestare il DBMaker tramite la shell sql dmsqls: lanciare la shell sql dmsqls (solitamente si trova in /home/dbmaker/4.1/bin o in /usr/dbmaker/4.1/bin) dare il comando connect to gestionale2; dare il comando terminate db; uscire dalla shell con quit; Modificare il file dmconfig.ini, nella cartella \home\dbmaker\data, aggiungendo le righe: DB_LTimO = 0 DB_MXCMD = 2560 Eseguire un backup completo degli archivi e/o del database. pag. 6 di 40

7 Installazione DBMaker su Windows Collegarsi al server Windows in qualità di amministratore del sistema, inserire il CD e attendere l' autorun. Se l' autorun è disattivato, lanciarlo a mano. Dalla schermata iniziale dell'installazione, scegliere Gestionale2/DBMaker 4.2 e confermare, fino a quando si presenta questa videata: Il server site, che sceglieremo ora, installa i programmi del database server e i tools di manutenzione. Il client site installa i tools di manutenzione e il driver ODBC. Benché non sia obbligatorio, può essere comodo avere il client site installato su qualche PC client. Il driver site installa solo il driver ODBC di DBMaker. Questa installazione deve essere eseguita solo se un certo client necessita del driver ODBC per connettersi a DBMaker da parte di applicazioni terze. Ricordiamo che Gestionale2 non si connette a DBMaker via ODBC, ma adopera direttamente le primitive linkate nel runtime DCI. Scegliamo pertanto di installare il server site. Se siamo in possesso del codice di licenza per DBMaker, scegliamo la versione registrata, altrimenti possiamo installare la versione evaluation che scade dopo 90 giorni, attivando la licenza in un secondo momento. Se si sta aggiornando una versione 9.2 già dotata di DBMaker, è assolutamente necessario fornire il codice di attivazione della licenza. Se il DBMaker viene lasciato in modalità demo, l'aggiornamento non verrà eseguito correttamente, in quanto senza licenza il database già presente non potrà essere avviato, essendo stato creato più di 90 giorni addietro. pag. 7 di 40

8 Quando richiesto, compiliamo i dati relativi alla licenza : Confermiamo ora tutte le successive videate senza modificare nulla, fino a installazione avvenuta. Alla richiesta setup type selezioneremo typical come proposto. pag. 8 di 40

9 Installazione DBMaker su Unix/Linux Sui sistemi Unix, per ottenere un corretto funzionamento di DBMaker è necessario ampliare la shared data area, portandola almeno a 10Mb. Prima di installare DBMaker su un server Unix, pertanto, eseguire i passi descritti all appendice 6: impostazione shared data per DBMaker. Collegarsi al sistema come utente root. Creare sul sistema un utente dbmaker. Inserire e montare il CD col comando : Linux: mount o lower /dev/cdrom /mnt/cdrom Unix: mount o lower /dev/cd0 /mnt Collegarsi al sistema come utente dbmaker. Posizionarsi nella cartella dove si è montato il CD, quindi lanciare lo script./setup. Scegliere 2 = Installazione DBMaker. Verrà eseguito lo script di installazione del server DBMaker, che presenterà questa videata: pag. 9 di 40

10 Lasciamo pure le impostazioni proposte, e diamo inizio all'installazione con [Y] Start Install. L'installazione da questo punto in avanti è completamente automatica. Se siamo in possesso del codice di attivazione di DBMaker, a questo punto possiamo attivare la licenza, eseguendo i passaggi descritti nell'appendice 5: attivazione della licenza di un DBMaker evaluation copy su Unix/Linux. Se non siamo in possesso del codice di attivazione, la versione evaluation del DBMaker ha una scadenza di novanta giorni, durante i quali è possibile attivare la licenza in qualsiasi momento. Se si sta aggiornando una versione 9.2 già dotata di DBMaker, è assolutamente necessario eseguire l'attivazione della licenza. Se il DBMaker viene lasciato in modalità demo, l'aggiornamento non verrà eseguito correttamente, in quanto il database già presente non potrà essere avviato, essendo stato creato più di 90 giorni addietro. n.b. FAQ 327 se si riceve l'errore "bad interpreter" quando cerco di eseguire./setup da cd Questo errore avviene quando il cdrom e' montato con l'opzione noexec che inibisce l'esecuzione degli eseguibili. per sistemarlo bisogna controllare le opzioni di mount nel file /etc/fstab. la riga cdrom avra' come opzione "user", bisogna aggiungere, exec ed il gioco e' fatto. pag. 10 di 40

11 Gestionale2 server Windows Se si sta aggiornando una versione xx, prima di procedere consultare la pagina Aggiornamento da una versione xx. Se l'installazione comprende delle personalizzazioni, prima di iniziare il setup scaricare su hard disk, in una cartella di comodo, il file ZIP contenente le personalizzazioni stesse. Collegarsi al server Windows in qualità di amministratore del sistema, inserire il CD e attendere l'autorun. Se l'autorun è disattivato, lanciarlo a mano. Dalla schermata iniziale dell'installazione, scegliere Gestionale2/Installa aggiorna - Rel. 9.3.x. Attenzione: se si desidera adoperare il database DBMaker, sia in modalità completa che in modalità solo Infovision, il DBMaker server site deve essere installato prima del server di Gestionale2. In questo caso, abbandonare l'installazione dei Gestionale2 ed eseguire l'installazione del server DBMaker per Windows. Se si esegue un aggiornamento da una versione precedente di Gestionale2, prima di proseguire è assolutamente consigliabile effettuare un backup completo della vecchia installazione. L'installazione server di Gestionale2 prevede cinque componenti: 1. Il server di Gestionale2 2. Il database DBMaker, sia in modalità completa che solo InfoVision 3. L' application server ACURCL, necessario se desidero adoperare i thinclient 4. Gli archivi demo ditta L'aggiornamento filesystem (migrazione degli archivi) alla nuova versione pag. 11 di 40

12 Di questi componenti, il primo (Server di Gestionale2) è sempre obbligatorio. L'aggiornamento filesystem è obbligatorio nel caso in cui si sta aggiornando una versione precedente di Gestionale2. Gli altri componenti possono essere installati in un secondo momento. Naturalmente è possibile installare due o più componenti contemporaneamente. Scegliere l'installazione server: la procedura richiede di selezionare i componenti che desideriamo installare: Significato delle scelte: 1. Server di Gestionale2: se non viene rilevata una vecchia versione di Gestionale2, la destinazione proposta sarà c:\g2zserver. Se il programma di installazione rileva la presenza di una versione 9.x di Gestionale2, allora nel campo Destinazione viene proposta la cartella della vecchia versione, per l'aggiornamento. Se è presente una vecchia versione ma il programma di installazione non riesce a rilevarla, e si vuole comunque eseguire un aggiornamento, inserire manualmente la cartella della vecchia versione 9.x di Gestionale2. 2. DBMaker: se si desidera, selezionare il componente DBMaker. Il database DBMaker deve essere già stato installato sul sistema: verificare che il campo Cartella DBMaker contenga il percorso alla cartella di DBMaker (solitamente c:\dbmaker). Selezionare inoltre se si desidera adoperare il database DBMaker solo per le applicazioni data warehouse (Infovision), oppure per tutta la base dati di Gestionale2. 3. Acurcl application server: selezionare questo componente se il server deve funzionare come application server, se deve cioè installare e attivare il processo Acurcl per i thinclient. 4. Archivi demo: questa opzione installerà i consueti archivi dimostrativi. Attenzione: gli archivi dimostrativi (ditta 000) sovrascrivono quelli eventualmente già presenti sul sistema: non selezionare questo componente se si sta eseguendo l'aggiornamento da una precedente versione di Gestionale2, dove gli archivi 000 potrebbero essere i veri archivi dell'applicazione. pag. 12 di 40

13 5. Aggiornamento filesystem: questa opzione esegue automaticamente l'aggiornamento del filesystem alla versione 9.3 di Gestionale2, sia Vision che DBMaker. Se si sta eseguendo un aggiornamento da una versione 9.2, è obbligatorio che l'opzione sia selezionata Attenzione: le voci Archivi demo e Aggiornamento filesystem non possono essere selezionate contemporaneamente, gli archivi demo essendo già in formato 9.3. Nella schermata successiva occorre indicare il percorso e il nome del file ZIP contenente le eventuali personalizzazioni. Se non ci sono personalizzazioni da caricare, lasciare il campo vuoto e proseguire. Verificare i componenti selezionati, quindi premere il bottone Installa. pag. 13 di 40

14 File di configurazione Se abbiamo eseguito un aggiornamento dalla 9.2.x, nella cartella di Gestionale2 server troveremo i vecchi file di configurazione rinominati come bak*, cioè: config config.std config.user dci_config.cfg dbconfig dbconfig.infovision bak.config bak.config.std bak.config.user bak.dci_config.cfg bak.dbconfig bak.dbconfig.infovision Ricordiamo che i files di configurazione standard non devono mai essere modificati presso l'utente finale, poiché possono essere sovrascritti da futuri aggiornamenti. I files di configurazione utente modificabili sono unicamente: config.user dci_config.user per personalizzare la configurazione del runtime per personalizzare la configurazione dell'interfaccia DCI Questi file di configurazione non vengono mai sovrascritti dagli aggiornamenti. Al termine dell'installazione, è consigliabile eseguire un riavvio del server, per verificare che tutti i componenti installati (specialmente DBMaker e/o Acurcl) partano regolarmente. Verifica del servizio Acurcl Se si è scelto di impostare il server come application server per i thinclient, il servizio Acurcl è stato installato e avviato automaticamente. Non è necessario nessun intervento manuale da parte dell'installatore. Il servizio adopera per default la porta In ogni caso, nella cartella del server è presente lo script rcl.bat, che consente di gestire Acurcl. Normalmente, l'utilizzo di questo script non è necessario; tuttavia, le sue opzioni sono queste: rcl start avvia il servizio rcl stop ferma il servizio rcl remove rimuove il servizio rcl info mostra informazioni sul servizio Possiamo quindi eseguire rcl info per verificare che il servizio sia correttamente in funzione: la risposta dovrà essere no child runtimes are currently executing (nessun thinclient è in esecuzione) Server port: 7233, Server PID: xxx, AcuLaunch Version Verifica del DBMaker Se è stato scelto il componente DBMaker, l'installazione ha provveduto ad avviare il database e a installarlo come servizio di Windows, in modo che venga fatto ripartire automaticamente ad ogni riavvio del computer. Se una volta riavviato il server il database non parte, allora occorre installare a mano il servizio, operando come segue: 1. Dal menu Start di Windows, scegliere Programmi>DBMaker 4.2>JServer Manager 2. Selezionare dalla barra di menu Database>NT Service pag. 14 di 40

15 3. Premere Install 4. Scegliere GESTIONALE2 con start mode Auto started, premere OK Verificare che il servizio sia installato, come in figura pag. 15 di 40

16 Unix/Linux Se si sta aggiornando una versione xx, prima di procedere consultare la pagina Aggiornamento da una versione xx. Se l'installazione comprende delle personalizzazioni, prima di iniziare il setup scaricare su hard disk, in una cartella di comodo, il file ZIP contenente le personalizzazioni stesse. Collegarsi al server come utente root, inserire e montare il CD col comando Linux: Unix: mount o lower /dev/cdrom /mnt/cdrom mount o lower /dev/cd0 /mnt Posizionarsi nella cartella dove è stato montato il CD, quindi lanciare lo script./setup. Attenzione: se si desidera adoperare il database DBMaker, sia in modalità completa che in modalità solo Infovision, il DBMaker server site deve essere installato prima del server di Gestionale2. In questo caso, abbandonare l'installazione dei Gestionale2 ed eseguire l'installazione del server DBMaker per Unix/Linux. Se si esegue un aggiornamento da una versione precedente di Gestionale2, prima di proseguire è assolutamente consigliabile effettuare un backup completo della vecchia installazione. pag. 16 di 40

17 L'installazione server di Gestionale2 prevede cinque componenti: 1. Il server di Gestionale2 2. Il database DBMaker, sia in modalità completa che solo InfoVision 3. L' application server ACURCL, necessario se desidero adoperare i thinclient 4. Gli archivi demo ditta L'aggiornamento filesystem (migrazione degli archivi) alla nuova versione Di questi componenti, il primo (Server di Gestionale2) è sempre obbligatorio. L'aggiornamento filesystem è obbligatorio nel caso in cui si sta aggiornando una versione precedente di Gestionale2. Gli altri componenti possono essere installati in un secondo momento. Naturalmente è possibile installare due o più componenti contemporaneamente. Scegliere l'installazione server: la procedura richiede di selezionare i componenti che desideriamo installare: Significato delle scelte: 1. Server di Gestionale2: se non viene rilevata una vecchia versione di Gestionale2, la destinazione proposta sarà /usr/g2z. Se il programma di installazione rileva la presenza di una pag. 17 di 40

18 versione 9.x di Gestionale2, allora nel campo Destinazione viene proposta la cartella della vecchia versione, per l'aggiornamento. Se è presente una vecchia versione ma il programma di installazione non riesce a rilevarla, e si vuole comunque eseguire un aggiornamento, inserire manualmente la cartella della vecchia versione 9.x di Gestionale2. 2. DBMaker: se si desidera, selezionare il componente DBMaker. Il database DBMaker deve essere già stato installato sul sistema: verificare che il campo Cartella DBMaker contenga il percorso alla cartella di DBMaker (solitamente /usr/dbmaker). Selezionare inoltre se si desidera adoperare il database DBMaker solo per le applicazioni data warehouse (Infovision), oppure per tutta la base dati di Gestionale2. 3. Acurcl application server: selezionare questo componente se il server deve funzionare come application server, se deve cioè installare e attivare il processo Acurcl per i thinclient. 4. Archivi demo: questa opzione installerà i consueti archivi dimostrativi. Attenzione: gli archivi dimostrativi (ditta 000) sovrascrivono quelli eventualmente già presenti sul sistema: non selezionare questo componente se si sta eseguendo l'aggiornamento da una precedente versione di Gestionale2, dove gli archivi 000 potrebbero essere i veri archivi dell'applicazione 5. Aggiornamento filesystem: questa opzione esegue automaticamente l'aggiornamento del filesystem alla versione 9.3 di Gestionale2, sia Vision che DBMaker. Se si sta eseguendo un aggiornamento da una versione 9.2, è obbligatorio che l'opzione sia selezionata. Attenzione: le voci Archivi demo e Aggiornamento filesystem non possono essere selezionate contemporaneamente, gli archivi demo essendo già in formato 9.3. Nella schermata successiva occorre indicare il percorso e il nome del file ZIP contenente le eventuali personalizzazioni. Se non ci sono personalizzazioni da caricare, lasciare il campo vuoto e proseguire. pag. 18 di 40

19 Verificare i componenti selezionati, quindi premere il bottone Installa. File di configurazione Se abbiamo eseguito un aggiornamento dalla 9.2x, nella cartella di Gestionale2 server troveremo i vecchi file di configurazione rinominati come bak*, cioè: config config.std config.user dci_config.cfg dbconfig dbconfig.infovision bak.config bak.config.std bak.config.user bak.dci_config.cfg bak.dbconfig bak.dbconfig.infovision Ricordiamo che i files di configurazione standard non devono mai essere modificati presso l'utente finale, poiché possono essere sovrascritti da futuri aggiornamenti. I files di configurazione utente modificabili sono unicamente: config.user dci_config.user per personalizzare la configurazione del runtime per personalizzare la configurazione dell'interfaccia DCI Questi file di configurazione non vengono mai sovrascritti dagli aggiornamenti. Al termine dell'installazione, è consigliabile eseguire un riavvio del server, per verificare che tutti i componenti installati (specialmente DBMaker e/o Acurcl) partano regolarmente. Verifica del servizio Acurcl Se si è scelto di impostare il server come application server per i thinclient, il servizio Acurcl è stato installato e avviato automaticamente. Non è necessario nessun intervento manuale da parte dell'installatore. Il servizio adopera per default la porta In ogni caso, nella cartella del server è presente lo script rcl, che consente di gestire Acurcl. Normalmente, l'utilizzo di questo script non è necessario; tuttavia, le sue opzioni sono queste: rcl start avvia il servizio rcl stop ferma il servizio pag. 19 di 40

20 rcl info mostra informazioni sul servizio Possiamo quindi eseguire rcl info per verificare che il servizio sia correttamente in funzione: la risposta dovrà essere no child runtimes are currently executing (nessun thinclient è in esecuzione) Server port: 7233, Server PID: xxx, AcuLaunch Version Verifica del DBMaker Se è stato scelto il componente DBMaker, l'installazione ha provveduto ad avviare il database e a impostare lo script di startup: /etc/rc5.d/s99zucchetti per Linux /etc/rc2.d/s99zucchetti per Unix in modo che il database di avvii automaticamente ad ogni partenza del computer. Smontaggio del cd Per smontare il CD, in modo da poterlo estrarre dal lettore, abbandonare la cartella su cui è montato il CD (per esempio con cd /) e dare il comando: Linux: umount /mnt/cdrom oppure semplicemente eject Unix: umount /mnt Utente zucchetti per aggiornamenti Infine, per la gestione degli aggiornamenti via FTP, occorre creare sul sistema un utente g2zftp con password g2zftp. pag. 20 di 40

21 Installazione client Windows Attenzione: se si desidera adoperare il datawarehouse Infovision, PRIMA di installare il client Windows è necessario: 1. installare sul pc il Driver Site o il Client Site di DBMaker 2. installare Infovision Se non lo si è fatto, abbandonare l'installazione del client di Gestionale2 ed eseguire queste due installazioni. - Se si vuole installare un client standard, dalla directory client che si trova nella cartella dell'installazione server, lanciare setup.exe. - Se si vuole installare un thinclient, occorre partire dal CD di installazione. Naturalmente è possibile eseguire l'installazione client dal CD in qualsiasi caso, ma per il client standard conviene lanciare il setup dalla cartella client del server: in questo modo il processo di installazione sarà pilotato, con campi precompilati e mascherati. Come si può vedere dalle illustrazioni, le opzioni Client standard e Thinclient sono vicendevolmente esclusive: - in caso di client standard, occorre fornire il percorso del server (tale percorso viene automaticamente impostato se si esegue il setup client dal server) - in caso di thinclient, occorre fornire l'ip del server e la porta su cui il servizio Acurcl è in ascolto : tale porta è, per default, la Se occorre montare il servizio su un'altra porta, occorre contattare l'ufficio Ricerca e Sviluppo Software di Zucchetti Gorle per avere istruzioni in tal senso. Esempio di installazione di client standard lanciato dal server: si è obbligati a scegliere il client standard, mentre il percorso del server è precompilato e non modificabile: pag. 21 di 40

22 L'illustrazione successiva, invece, mostra l'installazione di un thinclient che è anche abilitato all'esecuzione del data warehouse InfoVision: Infatti, sono stati selezionati i seguenti componenti: 1. Client di Gestionale2, opzione thinclient. Il percorso proposto per il client è c:\g2z_thinclient. Occorre compilare l'indirizzo IP dell'application server, specificando la porta 7233 su cui è in ascolto il servizio Acurcl. L'IP va specificato con la notazione xxx.xxx.xxx.xxx: Client per Infovision. Selezionando tale opzione, automaticamente si attiva il componente. 3. Database DBMaker, opzione solo Infovision. In questo caso occorre dichiarare l'indirizzo IP del server su cui è in esecuzione il DBMaker, nonché la porta su cui è in ascolto. Per default, la porta del DBMaker è la L'IP va specificato con la notazione xxx.xxx.xxx.xxx: Notate che in caso di thinclient il percorso server non è, ovviamente, necessario. Al termine dell'installazione client, prima di eseguire l'applicazione, tenere presente quanto segue: pag. 22 di 40

23 1. se il client ha il componente DBMaker, ed è un client standard (non thinclient) windows NT/2000/XP professional, sarà necessario scollegarsi dal sistema, poiché l'installazione ha creato delle variabili di environment che vengono acquisite solo in fase di collegamento. Non è necessario riavviare, basta disconnettersi e riconnettersi. La variabile che ci interessa è dci_config = dci_config.cfg. 2. Se il client ha il componente DBMaker, ed è un client standard (non thinclient) windows 98SE, occorrerà inserire nel file c:\autoexec.bat la riga set dci_config=dci_config.cfg L'impostazione di questa variabile non è necessaria in caso di thinclient. pag. 23 di 40

24 Terminal Server Il client Windows per gli utenti di terminal server viene installato come un client Windows standard, una sola volta. La command line di lancio dell'applicazione deve essere: [client_path]\g2.exe path [server_path] task [numero_task], ad esempio: d:\g2z_clientterminal\g2.exe path d:\g2z_server task 10 Se si è installato il componente DBMaker, occorre assicurarsi che tutti gli utenti che si connettono al server trovino il file dmconfig.ini all'interno della cartella di sistema c:\winnt. Pertanto, configurando il profilo dell'utente di Terminal Server dovremo specificare la local path sulla root del disco di sistema del server, in questo modo: pag. 24 di 40

25 Unix/Linux Per installare il client terminale sui sistemi Unix/Linux, dalla directory client che si trova nella cartella dove abbiamo installato il server: 1. collegarsi al server con la login dell'utente 2. Posizionarsi nella directory client che si trova all'interno della cartella di installazione 3. lanciare lo script./setup Scegliendo Avanti, si presenta questa videata: pag. 25 di 40

26 Verificare che il percorso del server sia quello corretto. Il percorso del client, ovviamente, deve coincidere con quello del server. Confermando, verrà creato (o modificato, se già presente) lo script:.profile.bash_profile per i sistemi Unix, oppure per i sistemi Linux il precedente profile viene salvato come.sav nella medesima cartella. Il nuovo.profile imposta la variabile di ambiente $TASK e richiama lo script g2run che si trova nella cartella di installazione. pag. 26 di 40

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Risoluzione di altri problemi di stampa

Risoluzione di altri problemi di stampa di altri problemi di stampa Nella tabella riportata di seguito sono indicate le soluzioni ad altri problemi di stampa. 1 Il display del pannello operatore è vuoto o contiene solo simboli di diamanti. La

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli