COMPENDIO a cura di Liana Taverniti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPENDIO a cura di Liana Taverniti"

Transcript

1 Requisitidiuniformitàpermanoscrittipresentatia riviste biomediche: scrittura e redazione di pubblicazioni biomediche Edizione 2008 dell International Committee of Medical Journals Editors Traduzione italiana A cura del Servizio informatico, documentazione, biblioteca ed attività editoriali ISS Rapporti Istisan 09/16 COMPENDIO a cura di Liana Taverniti Biblioteca e Centro di documentazione multimediale ISG INMP

2 I Requisisti di uniformità per manoscritti presentati a riviste biomediche:scrittura e redazione di pubblicazioni biomediche (nella traduzione italiana del titolo ) è un documento prodotto dall International Committee of Medical Journal Editors che affronta le problematiche connesse al processo di pubblicazione di un articolo scientifico di una rivista biomedica ed è rivolto a chi si affaccia per la prima volta alle tematiche dell editoria scientifica e a chi cerca soluzioni a specifici problemi. I temi trattati sono etici e tecnici relativi alla gestione di una rivista scientifica, a partire dall authorship ai conflitti di interesse, al processo di revisione, alle modalità di presentazione di un manoscritto, ecc Gli autori troveranno utile seguire le raccomandazioni sia perché ciò consente di migliorare la qualità con cui vengono presentati i manoscritti, sia perché gli autori devono imparare ad utilizzare le Istruzioni per gli autori specifiche della rivista alla quale hanno deciso di presentare il manoscritto

3 L International Committee of Medical Journal Editors (ICMJE) ha prodotto numerose edizioni dei Requisiti di uniformità delle quali l ultima è del Le riviste che a tutt oggi partecipano all ICMJE sono 12. Le riviste che sono d accordo a utilizzare i Requisiti di uniformità devono dichiararlo nelle loro istruzioni per gli autori Le riviste che desiderano apparire nel sito ICMJE devono contattare la Segreteria dell ICMJE al seguente indirizzo: Christine Laine, MD,MPH presso ICMJE Secretariat Office, American College of Physicians, 190 N. Independence Mall West, Philadelphia, PA USA

4 AUTORI DI UN LAVORO Si considera autore colui che fornisce un contributo intellettuale a uno studio pubblicato; l autorship (paternità intellettuale di un lavoro) ha, oggi importanti implicazioni accademiche, sociali, finanziarie. L authorship,secondo i criteri raccomandati dall ICMJE,dovrebbe basarsi su: 1)un contributo sostanziale al disegno dello studio,all acquisizioni e interpretazioni dei dati 2)stesura dell articolo o sua revisione critica per quanto attiene al contributo intellettuale 3)approvazione finale della versione da pubblicare Contributorship è colui che ha semplicemente contribuito all articolo Garantorship è colui che è garante dell articolo e che è in grado di spiegare la presenza degli autori nel contributo e l ordine in cui essi appaiono e che si assume la responsabilità dell integrità del lavoro dall inizio del processo fino alla sua pubblicazione Quando il lavoro è svolto da un gruppo multicentrico, il gruppo dovrebbe identificare le persone che hanno la diretta responsabilità del manoscritto che devono indicare come deve essere citato il gruppo e tutti gli autori individuali. Oggi sempre più frequentemente l authorship di trial multicentrici è attribuita a un gruppo i cui membri, che vengono definiti autori, dovranno rispondere ai suddetti criteri per l authorship. Generalmente nei ringraziamenti compaiono i nomi di tutti coloro che hanno contribuito al lavoro (La NLM indicizza anche questi nomi che compaiono nei ringraziamenti di un lavoro di gruppo) Non spetta all editor prendere decisioni relative all autorship/contributorship di una pubblicazione né può dirimere conflitti relativi all authorship

5 EDITORSHIP L editor di una rivista non corrisponde in italiano a editore (che in inglese è publiser) ma a curatore o redattore capo L editor di una rivista è la persona responsabile del suo intero contenuto ed ha, pertanto, pieno potere nel determinare il contenuto editoriale della rivista, nel rispetto del concetto della libertà editoriale basando le decisioni sulla validità dei lavori e non sul successo commerciale della rivista. Gli editor dovrebbero essere liberi di esprimere pareri critici ma responsabili su tutti gli aspetti della medicina anche se tali pareri sono in contrasto con gli obiettivi commerciali della casa editrice Iproprietarihanno invece il diritto di conferire nomine, richiedere le dimissioni dell editor e prendere decisioni importanti da un punto di vista gestionale e non dovrebbero interferire nella valutazione, selezione e redazione dei singoli articoli nè tantomeno creare un ambiente tale da influenzare fortemente le decisioni dell editor I proprietari e gli editor di una rivista condividono l obiettivo comune : la pubblicazione di una rivista prodotta nel rispetto degli obiettivi dichiarati e dei relativi costi.

6 La peer review è la revisione critica dei manoscritti sottoposti per la pubblicazione ad una rivista, effettuata da esperti che non fanno parte dello staff editoriale. Una rivista peer reviewed è una rivista che sottopone a revisione esterna la maggior parte degli articoli di ricerca pubblicati. Il conflitto di interesse si configura quando un autore, un revisore o un editor hanno relazioni finanziarie o personali (ad esempio un rapporto di impiego, una consulenza, un onorario oppure rapporti personali, competitività accademica)tali da influenzare il giudizio conferito ad un lavoro. Tutti i revisori dovrebbero dichiarare le relazioni che potrebbero essere considerate come potenziali conflitti di interesse Gli editor possono utilizzare queste dichiarazioni come base per le loro decisioni editoriali.

7 I potenziali conflitti di interesse possono essere relativi alle attività degli autori persona Gli autori quando presentano un manoscritto devono dichiarare qualsiasi relazione finanziaria. Devono citare le persone che hanno fornito assistenza nella scrittura dei testi o altro tipo di collaborazione Gli editor devono decidere se pubblicare le informazioni dichiarate dagli autori sui possibili conflitti

8 I potenziali conflitti di intereresse possono essere relativi ai finanziamenti del progetto I singoli studi ricevono spesso un supporto finanziario da società commerciali, le condizioni per cui vengono affidati i finanziamenti potrebbero influenzare la ricerca Gli autori dovrebbero descrivere nel lavoro il ruolo degli sponsor nel disegno dello studio,raccolta analisi interpretazione dei dati Gli editor possono richiedere agli autori di uno studio finanziato da un ente di firmare una dichiarazione di assunzione di piena responsabilità dei dati e accuratezza della loro analisi Gli editor che prendono le decisioni finali circa l accettazione di un manoscritto non devono avere alcun coinvolgimento personale, professionale o finanziario in nessuna delle questioni che sono tenuti a giudicare

9 Privacy e riservatezza I pazienti, partecipanti allo studio hanno diritto alla privacy che non dovrebbe mai essere violata senza un consenso informato e pertanto, informazioni che possono permettere l identificazione non andrebbero pubblicate a meno che non siano essenziali allo scopo scientifico e il paziente non dia un consenso informato scritto alla pubblicazione (consenso che va indicato nell articolo) I manoscritti vanno revisionati con il rispetto della riservatezza dell autore (i diritti potrebbero essere violati qualora vengano rivelati dettagli durante la revisione del manoscritto) Gli editor non devono rivelare informazioni relative ai manoscritti a nessun altro ad eccezione degli autori e revisori I manoscritti inviati per la revisione sono di proprietà privata dell autore pertanto i revisori sono tenuti a restituire o distruggere le copie dei lavori non pubblicati Nelle istruzioni per gli autori delle riviste viene dichiarato l anonimato o meno dei revisori Alcune riviste pubblicano i commenti dei revisori insieme ai manoscritti Quando si riportano esperimenti su soggetti umani, gli autori dovrebbero indicare se le procedure sono in accordo con gli standard etici del comitato responsabile della sperimentazione umana istituzionale e con la Dichiarazione di Helsinki del 1975

10 Questioni editoriali e redazionali relative alla pubblicazione su riviste biomediche Obbligo di pubblicare studi negativi Gli editor dovrebbero considerare seriamente per la pubblicazione ogni studio senza considerare se i risultati siano significativi. La mancata pubblicazione di risultati per mancanza di significatività statistica è una causa importante di distorsione nella pubblicazione. Correzioni, ritrattazioni ed espressioni di preoccupazione Gli editor devono partire dal presupposto che i lavori degli autori siano basati su osservazioni oneste. Tuttavia possono emergere due tipi di difficoltà: 1)Primo: in articoli già pubblicati possono osservarsi degli errori che necessitano, pertanto di una errata corrige relativa a una parte del lavoro 2)Il secondo tipo di difficoltà è la frode scientifica (nel caso in cui emergano dubbi sull onestà del lavoro, è compito dell editor affrontare la questione di solito con l ente finanziatore degli autori). Il testo della ritrattazione o l espressione di preoccupazione dovrebbe spiegare il motivo per cui l articolo viene ritratto. Il Comitato sull etica delle pubblicazioni (Committee on Publication Ethics, COPE) ha l obiettivo di fornire una cassa di risonanza per gli editor che si impegnano a trovare il modo migliore per affrontare le possibili violazioni dell etica della ricerca e della pubblicazione. Copyright Molte riviste chiedono agli autori il trasferimento del copyright (diritto d autore). Ciò non avviene per le riviste in open access. Lo stato di copyright degli articoli di una rivista può variare (alcuni contenuti quali ad esempio articoli scritti dal personale del governo statunitense, non possono essere coperti da copyright)

11 Sovrapposizioni di pubblicazioni Doppia presentazione La maggior parte delle riviste non considera per la pubblicazione manoscritti che siano stati presi in considerazione da altre riviste per le seguenti motivazioni 1)potenziale disaccordo nel caso in cui due o più riviste reclamino il diritto a pubblicare un manoscritto sottoposto contemporaneamente a più riviste 2) possibilità che due o più riviste intraprendano inconsapevolmente il lavoro di peer review e pubblichino lo stesso articolo Pubblicazione ridondante La pubblicazione ridondante o doppia è la pubblicazione di un articolo che si sovrappone con un altro già pubblicato a stampa o attraverso mezzo elettronico I lettori devono poter contare sul fatto che ciò che leggono sia originale. Questa condizione si basa su leggi internazionali sul copyright, condotta morale e uso costo efficacia delle risorse. La maggior parte delle riviste non desidera ricevere documenti che trattano di uno studio in gran parte già riportato in un articolo pubblicato. Ciò tuttavia non preclude che le riviste possano prendere in considerazione un contributo presentato ad un meeting scientifico ma non pubblicato per intero

12 L ICMJE non considera come prima pubblicazione i risultati inseriti nei registri dei trial clinici se tali risultati vengono presentati nel registro sotto forma di breve abstract o di tabella. Quando si sottopone un documento, l autore deve dichiarare all editor tutti gli invii per la pubblicazione e i rapporti precedenti che possano essere considerati come pubblicazione doppia. L autore deve avvisare l editor se il manoscritto contiene argomenti su cui l autore ha già pubblicato un precedente rapporto. Copia di tale materiale dovrebbe essere allegata al manosctritto sottoposto per facilitare l editor nella decisione. Se si prova e si riesce a pubblicare un lavoro ridondante o doppio può essere intrapresa un azione editoriale contro gli autori Riferire preliminarmente informazioni scientifiche, contenute in un articolo accettato e ancora non pubblicato viola la politica di molte riviste. Ciò tuttavia, può essere autorizzato quando si tratta di progressi terapeutici importanti o rischi di salute pubblica.

13 Pubblicazione secondaria accettabile Alcuni articoli, come ad esempio linee guida governative,hanno necessità di raggiungere un pubblico più ampio possibile. In questi casi gli editor possono pubblicare materiale in pubblicazione in altre rivister con l accordo degli autori e degli editor di quelle riviste. Una pubblicazione secondaria, nella stessa lingua o in altre è giustificabile alle seguenti condizioni: 1)Gli autori hanno ricevuto l approvazione degli editor di entrambe le riviste 2)La priorità della pubblicazione primaria viene garantita da un intervallo di pubblicazione di almeno una settimana 3)Un lavoro per una pubblicazione secondaria è destinato ad un gruppo diverso di lettori 4)La pubblicazione secondaria riflette fedelmente i dati e le interpretazioni della versione primaria 5)La nota a piè pagina sulla pagina del titolo della versione secondaria, informa i lettori sulla versione primaria già pubblicata 6)Il titolo della pubblicazione secondaria dovrebbe indicare che si tratta di una pubblicazione secondaria di una pubblicazione precedente 7) La NLM indicizza la versione nella lingua originale

14 Manoscritti in competizione basati sullo stesso studio Vengono presi in considerazione due tipi di presentazione di manoscritti : di colleghi in disaccordo sull analisi e interpretazione del loro studio e di colleghi in disaccordo sui fatti e dati da riportare manoscritti. Se le controversie non possono essere risolte e lo studio merita di essere pubblicato, andrebbero pubblicate entrambi le versioni. Se la controversia si incentra su opinioni diverse su ciò che è stato effettivamente fatto, l editor dovrebbe rifiutare la pubblicazione fino a quando il disaccordo non venga risolto. Manoscritti in competizione basati su uno stesso database Gli editor, talvolta ricevono manoscritti da gruppi di ricerca separati che hanno analizzato lo stesso set di dati. I manoscritti possono differire nei metodi e nelle conclusioni manoscritti, in tal caso è ragionevole dare la preferenza per la pubblicazione al primo manoscritto ricevuto anche se in queste circostanze può essere giustificato prendere in considerazione delle sottomissioni multiple.

15 Corrispondenza L autore/garante ha la responsabilità per la corrispondenza della rivista, tuttavia gli editor dovrebbero inviare copia di tutta la corrispondenza a tutti gli autori in elenco Le riviste dovrebbero fornire ai lettori uno strumento per sottoporre commenti,domande o critiche sugli articoli pubblicati e agli autori degli articoli discussi nella corrispondenza dovrebbe essere data la possibilità di replicare. Gli editor hanno la facoltà di rifiutare corrispondenza non pertinente ma hanno la responsabilità di permettere l espressione di opinioni diverse.

16 Supplementi, fascicoli monografici e serie speciali I supplementi sono raccolte di articoli che trattano argomenti e temi correlati e sono pubblicati come fascicoli separati o come sezioni separate di un fascicolo regolare. I supplementi possono avere finalità diverse, educazione,scambio di informazioni,miglioramenti di collaborazione tra università e altre organizzazioni. Poiché le fonti che erogano i finanziamenti potrebbero influenzare i contenuti di un supplemento, le riviste dovrebbero valutare seriamente l opportunità di adottare i seguenti principi di seguito descitti.

17 1) L editor deve assumersi la piena responsabilità dei contenuti relativi ai supplementi e deve avere il controllo totale sulla decisione di pubblicare o meno ciascuna parte di un supplemento 2) L editor deve mantenere la facoltà di inviare i manoscritti di un supplemento a revisori esterni e di rifiutarne la pubblicazione 3) Le fonti di finanziamento per la ricerca, pubblicazione e i prodotti che vengono presi in considerazione dovrebbero essere chiaramente indicati e collocati bene in vista nel supplemento stesso 4) La pubblicità all interno dei supplementi dovrebbe seguire le stesse regole che vengono applicate alla rivista 5) Gli editor della rivista non devono accettare remunerazioni personali da parte di enti finanziatori dei supplementi 6) La ripubblicazione di articoli già pubblicata altrove dovrebbe essere chiaramente indicata citando l articolo originale; la ripubblicazione di linee guida o di altro materiale di pubblico interesse potrebbe essere considerata appropriata 7) I principi relativi all autorship dovrebbero essere applicati anche ai supplementi

18 Pubblicazioni elettroniche La maggioranza delle riviste biomediche è oggi pubblicata sia in formato elettronico che cartaceo, e alcune solo in formato elettronico La natura della pubblicazione elettronica richiede particolari considerazioni: I siti web dovrebbero indicare: nomi,credenziali, conflitti di interesse dei curatori, informazioni sul copyrigth, dichiarazione di proprietà del sito,identificazioni di sponsorizzazioni, pubblicità e finanziamenti di natura commerciale Le riviste dovrebbero fornire il link ad altri siti con grande cautela Gli editor dovrebbero sviluppare rendere disponibili per gli autori e promuovere politiche su questioni specifiche relative alla pubblicazione elettronica. Per nessun motivo una rivista dovrebbe togliere un articolo dal proprio sito o archivio La conservazione degli articoli in formato elettronico in un archivio permanente è essenziale per la registrazione storica

19 Pubblicità La maggior parte delle riviste mediche contiene annunci pubblicitari che generano profitti per le case editrici; tuttavia non si dovrebbe consentire che essi influenzino le scelte editoriali. L editor deve assumersi la piena e totale responsabilità riguardo all approvazione della pubblicità e dovrebbe far ricorso al giudizio di organismi indipendenti affinchè questi effettuino una revisione della pubblicità L inserimento di pagine pubblicitarie all interno della paginazione degli articoli interrompe il flusso editoriale relativo al contenuto e pertanto dovrebbe essere scoraggiato La pubblicità non dovrebbe essere venduta accettando la condizione che essa appaia nello stesso fascicolo come fosse un articolo particolare Gli editor dovrebbero prestare attenzione alla pubblicazione di annunci che provengano esclusivamente da una o più agenzie pubblicitarie in quanto i lettori possono supporre che esse possano aver avuto qualche influenza sull editor Le riviste non dovrebbero riportare pubblicità di prodotti riconosciuti dannosi alla salute

20 Riviste mediche e mass media A volte sono gli stessi ricercatori e istituzioni di ricercaapromuovereladiffusionedirisultatidi ricerche sui media di carattere non medico prima ancora della effettiva pubblicazione su una rivista scientifica Le riviste biomediche sono pubblicate principalmente per i propri lettori, tuttavia il pubblico generale detiene un legittimo interesse nel loro contenuto e pertanto un giusto equilibrio dovrebbe guidare l interazione della rivista scientifica con i mass media. I resoconti dei mass media su ricerche scientifiche prima del vaglio dei revisori potrebbe portare alla diffusione di conclusioni imprecise e premature.

21 Raccomandazioni Gli editor che intendono stabilire politiche su questi particolari temi possono trovare utili le seguenti raccomandazioni: 1)Gli editor possono favorire la regolare trasmissione al pubblico di informazioni mediche provenienti dai ricercatori attraverso le riviste peer reviewed attraverso un accordo con gli autori che si impegnano a non pubblicizzare il lavoro mentre il manoscritto è in corso di valutazione e con i media che si impegnano a non diffondere notizie prima della pubblicazione della ricerca 2)Gli editor non devono dimenticare che un sistema di embargo (che crea un terreno di gioco imparziale e che viene apprezzato dai giornalisti in quanto riduce la pressione nei loro confronti per la pubblicazione di notizie che non hanno avuto il tempo di preparare adeguatamente), si basa solo su un principio di onestà Le politiche stabilite per limitare la diffusione anticipata di pubblicazioni non dovrebbero riguardare l annuncio sui media di comunicazioni a convegni scientifici. I ricercatori che presentano i propri lavori a congressi scientifici dovrebbero sentirsi liberi di discutere le proprie presentazioni con i giornalisti

22 Obbligo di registrazione dei trial clinici L ICMJE ritiene importante promuovere un dtabase completo e pubblico dei trial clinici. Le riviste affiliate all ICMJE richiederanno, come condizione affinchè un manoscritto venga considerato per la pubblicazione, che i trial clinici siano riportati su un registro pubblico accessibile al pubblico gratuitamente (FDAAA,Clinical Trials.gov). L ICMJE raccomanda che le riviste pubblichino il numero di registrazione dei trial alla fine dell abstract. In Italia i trial vengono registrati dal Comitato Etico dei vari Enti.Ogni Ente attribuisce un numero di registrazione del trial.

23 Preparazione e invio del manoscritto per la pubblicazione su una rivista biomedica A.1.a Principi generali Il testo di articoli sperimentali è usualmente diviso nelle seguenti sezioni: Introduzione,Metodi, Risulta e Discussione. Altritipidiarticoliqualiades.icase report, le rassegne e gli editoriali, necessitano una formattazione differente Lasciare una spaziatura doppia in tutte le parti del manoscritto e ampi margini renderà possibile per editor e revisori correggere il testo riga per riga Gli autori dovrebbero numerare tutte le pagine del manoscritto in forma consecutiva, per facilitare il processo editoriale

24 A.1.b Linee guida per pubblicare specifici disegni di studio Sono state sviluppate linee guida per la pubblicazione di resoconti di studio che alcune riviste consigliano agli autori di seguire: CONSORT Trial controllati e randomizzati STARD Studi di accuratezza diagnostica QUOROM Revisioni sistematiche e meta analisi STROBE Studi osservazionali in epidemiologia MOOSE Meta analisi di studi di osservazioni in epidemiologia

25 A.2 Pagina del titolo La pagina del titolo dovrebbe contenere le seguenti informazioni: 1) Gli autori dovrebbero includere nel titolo tutte le informazioni che rendano pertinente e specifico il recupero elettronico dell articolo 2) Nomi degli autori e affiliazioni; alcune riviste pubblicano il più elevato titolo/i accademico/i, mentre altre non lo fanno 3) Nome dipartimento /i e della /e istituzione/e al quale il lavoro dovrebbe essere attribuito 4) Clausole di esclusione della responsabilità se presenti 5) Contatti dell autore corrispondente che può essere o non garante dell integrità dello studio 6) Nome e indirizzo dell autore al quale vanno inoltrate le richieste di estratti 7) Fonte/i di sostegno nella forma di contratti, attrezzature, farmaci etc. 8) Alcune riviste richiedono un titolo corrente corto oppure una nota a piè pagina, di solito non superiore a 40 caratteri 9) Conteggio delle parole permette all editor e ai revisori di valutare se le informazioni contenute nell articolo giustificano la quantità di spazio ad esse dedicata 10) Numero figure e tabelle

26 A.3 Pagina di notifica del conflitto di interesse Affinché l informazione su un potenziale conflitto di interesse non passi inosservata, è necessario che ne faccia parte integrante. A.4 Abstract L abstract dovrebbe fornire al lettore il contesto o la base dello studio e indicarne gli scopi, le procedure di base, le scoperte maggiormente rilevanti e le conclusioni principali. Poiché l abstract è l unica parte sostanziale di un articolo che viene indicizzata in molte basi dati elettroniche, gli autori dovrebbero controllare con attenzione che l abstract rifletta con accuratezza il contenuto dell articolo L ICMJE raccomanda che le riviste pubblichino il numero di registrazione del trial alla fine dell abstract.

27 A.5 Introduzione Fornire un contesto o la base da cui parte lo studio. Dichiarare lo scopo specifico o l obiettivo della ricerca, oppure l ipotesi formulata, relativi allo studio o all osservazione; l obiettivo della ricerca è spesso precisato in modo più incisivo se formulato attraverso una domanda A.6 Metodi La sezione Metodi dovrebbe comprendere qualsiasi informazione disponibile al momento in cui il piano o il protocollo dello studio sono stati redatti

28 A.6.a Selezione e descrizione dei partecipanti Descrivere in modo chiaro la selezione dei partecipanti dal punto di vista osservazionale e sperimentale comprendendo criteri di eleggibilità e di esclusione e una descrizione della popolazione d origine. Gli autori dovrebbero spiegare l utilizzo delle variabili quali ad esempio sesso e età quando esse siano incluse nel rapporto di studio A.6.b Informazioni tecniche Gli autori che intendono presentare manoscritti di rassegne dovrebbero includere una sezione che descriva i metodi utilizzati per individuare, selezionare, estrarre e sintetizzare i dati. Questi dati dovrebbero essere riassunti nell abstract A.6.c Statistica Descrivere i metodi statistici con sufficiente dettaglio per consentire ad un lettore esperto di accedere ai dati originali e verificare i risultati riportati. Definire i termini statistici, le abbreviazioni e il maggior numero di simboli Specificare il software informatico utilizzato

29 A.7 Risultati 1) Presentare i risultati in sequenza logica nel testo 2) Non ripetere i dati contenuti in grafici o tabelle 3) Materiali extra e dettagli tecnici possono essere riportati in appendice oppure pubblicati nella sola versione elettronica 4) Limitare numero di tabelle o grafici a quelle necessarie per la comprensione del testo 5) In statistica evitare l utilizzo di termini in modo non tecnico quali normale, significativo, correlazione etc A.8. Discussione Mettere in evidenza gli aspetti nuovi dello studio. Per gli studi sperimentali è utile iniziare la discussione riassumendo i risultati principali, confrontare e contrapporre i risultati con quelli di altri importanti studi Evitare dichiarazioni non qualificate e conclusioni non supportate dai dati

30 A.9 Bibliografia A.9.a Considerazioni generali sulla bibliografia Ai lettori dovrebbero essere indicate le voci bibliografiche relative alle fonti originali della ricerca E preferibile una bibliografia ridotta ma riferita ad articoli chiave originali ( considerando che oggi la bibliografia completa può essere aggiunta alla sola versione elettronica) Le informazioni relative a manoscritti presentati per la pubblicazione ma non accettati dovrebbero essere citate nel testo come osservazioni non pubblicate Alcune riviste controllano l accuratezza delle citazioni bibliografiche Gli autori hanno la responsabilità di verificare che nessun riferimento bibliografico citi articoli ritrattati. L ICMJE considera Pub Med fonte autorevole per ogni informazione sulle ritrattazioni. Gli autori possono individuare in Medline gli articoli ritrattati utilizzando il termine di ricerca in cui pt tra parentesi quadre indica il tipo di pubblicazione: Retracted publication [pt] in Pubmed

31 A.9.b Stile e formato del riferimento bibliografico Lo stile del riferimento bibliografico dei Requisiti di uniformità si basa in gran parte su uno stile dell American National Standards institute, adottato dalla NLM. I riferimenti bibliografici dovrebbero essere numerati in modo consecutivo secondo l ordine nel quale compaiono nel testo dell articolo. I riferimenti citati solo nelle tabelle dovrebbero essere numerati secondo la sequenza in cui essi compaiono nel testo dell articolo per la prima volta I titoli delle riviste dovrebbero essere abbreviati secondo lo stile utilizzato nell elenco delle riviste indicizzate da Medline Gli autori dovrebbero consultare le Istruzioni per gli autori della rivista a cui intendono sottoporre il loro contributo

32 A.10. Tabelle Le tabelle riportano le informazioni e le rappresentano in modo efficace. Includere i dati nelle tabelle anziché nel testo spesso rende possibile ridurre la lunghezza del testo Digitare o stampare ogni tabella con una doppia spaziatura su un foglio separato. Numerare le tabelle in modo consecutivo seguendo l ordine della prima citazione del testo Dare a ogni colonna un intestazione breve o abbreviata Assicurarsi che ogni tabella venga citata nel testo Tabelle aggiuntive, troppo estese per essere pubblicate nella versione a stampa, possono essere pubblicate nella versione elettronica della rivista oppure messe a disposizione dei lettori direttamente dagli autori

33 A.11. Illustrazioni Le figure dovrebbero essere o disegnate o fotografate con strumenti professionali. Alcune riviste, oltre a richiedere una versione adatta alla stampa, chiedono file elettronici delle figure in un formato (ad esempio, JPEG o GIF) che potrà essere riprodotto in immagini di alta qualità Per le pellicole radiografiche, inviare stampe fotografiche ben definite su carta lucida in bianco e nero o colori, di solito in formato 127x173 mm. Le figure dovrebbero essere il più comprensibile possibile poiché molte di esse potranno essere usatenelcorsodipresentazionididiapositive Le fotomicrografie dovrebbero avere i marcatori di scala interna Le fotografie di persone riconoscibili devono essere accompagnata dall autorizzazione scritta alla sua riproduzione Per le illustrazioni a colori, accertarsi se la rivista richiede negativi a colori Alcune riviste pubblicano illustrazioni a colori solo se l autore versa un contributo di spesa addizionale Gli autori dovrebbero consultare la rivista per conoscere i requisiti richiesti A.12.Legenda delle illustrazioni (figure) Digitare o stampare le legende delle illustrazioni con doppia spaziatura su un foglio separato, con numeri arabi corrispondenti alle illustrazioni.14 Abbreviazioni e simboli A.13.Unità di misura Gli autori devono consultare le Istruzioni per gli autori della singola rivista e indicare i dati di laboratorio sia mediante il sistema locale sia mediante il Sistema Internazionale di unità di misura A. 14 Abbreviazioni e simboli Utilizzare solo abbreviazioni standard per non creare confusione ai lettori.

34 IV.B. Invio del manoscritto alla rivista Un numero crescente di riviste accetta ora l invio dei lavori in formato elettronico, o su disco o come allegato a una mail, o riversando l articolo direttamente nel sito web della rivista Nel caso venga presentata una copia cartacea del manoscritto, inviare il numero richiesto di copie del lavoro e delle figure. Ai manoscritti deve essere allegata una lettera di accompagnamento, che dovrebbe includere le seguenti informazioni: 1)Dichiarazione all editor di precedenti lavori presentati Dichiarazione che segnali la presenza di relazioni finanziarie o di altro tipo che possano configurarsi come conflitto di interesse Dichiarazione che attesti che tutti gli autori abbiano letto e approvato l articolo, che siano stati rispettati tutti i requisiti dell authorship Nome, indirizzo e telefono dell autore corrispondente Se il manoscritto è stato precedentemente inviato a un altra rivista, è utile allegare i precedenti commenti dell editor e dei revisori alla versione del manoscritto presentata. Ciò può accelerare il processo di revisione

Requisiti di Uniformità per i Manoscritti da Sottoporre alle Riviste Biomediche per la Pubblicazione: Stesura ed Editing di Pubblicazioni Scientifiche

Requisiti di Uniformità per i Manoscritti da Sottoporre alle Riviste Biomediche per la Pubblicazione: Stesura ed Editing di Pubblicazioni Scientifiche Requisiti di Uniformità per i Manoscritti da Sottoporre alle Riviste Biomediche per la Pubblicazione: Stesura ed Editing di Pubblicazioni Scientifiche International Committee of Medical Journal Editors,

Dettagli

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE SCOPI Il Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione (GIFF) è un periodico di aggiornamento

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Requisiti di uniformità per manoscritti presentati a riviste biomediche: scrittura e redazione di pubblicazioni biomediche

Requisiti di uniformità per manoscritti presentati a riviste biomediche: scrittura e redazione di pubblicazioni biomediche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Requisiti di uniformità per manoscritti presentati a riviste biomediche: scrittura e redazione di pubblicazioni biomediche Edizione 2008 dell International Committee of Medical

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Italian Journal on Addiction & Droganews:

Italian Journal on Addiction & Droganews: Italian Journal on Addiction & Droganews: strumenti di informazione scientifica Open access Eugenio Francesco Valenzi Roma, 26 luglio 2011 www.italianjournalonaddiction.it www.droganews.it sono strumenti

Dettagli

Requisiti di uniformità per presentare Manoscritti a Riviste Biomediche: Testo e Presentazione per Pubblicazioni Biomediche

Requisiti di uniformità per presentare Manoscritti a Riviste Biomediche: Testo e Presentazione per Pubblicazioni Biomediche 1 Requisiti di uniformità per presentare Manoscritti a Riviste Biomediche: Testo e Presentazione per Pubblicazioni Biomediche Aggiornato ad ottobre 2008 NB. Può accadere che il termine Editor della corrente

Dettagli

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 -FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 BANDO IN MEDICINA TERMALE RIABILITATIVA E OTORINOLARINGOIATRICA PROGETTI DI RICERCA FoRST invita a sottoporre proposte di finanziamento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica:

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: Norme per gli autori La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: articoli (ricerche originali); contributi (revisioni della letteratura, messe a punto

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

STATUTO del COMITATO ETICO presso l Istituto Leonarda Vaccari. Art. 1 - Costituzione

STATUTO del COMITATO ETICO presso l Istituto Leonarda Vaccari. Art. 1 - Costituzione STATUTO del COMITATO ETICO presso l Istituto Leonarda Vaccari Art. 1 - Costituzione E istituito il comitato Etico presso l Istituto Leonarda Vaccari (d ora in poi: CEV) in Roma viale Angelico 22. Il CEV

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

SOGGETTI VALUTATI QUALI PRODOTTI POSSONO ESSERE PRESENTATI E LORO CARATTERISTICHE

SOGGETTI VALUTATI QUALI PRODOTTI POSSONO ESSERE PRESENTATI E LORO CARATTERISTICHE Elenco argomenti: SOGGETTI VALUTATI Un struttura è valutata attraverso i prodotti di quali figure? Sono valutati i prodotti dei professori ordinari, dei professori associati e dei ricercatori anche a tempo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche Versione 1.0 10/12/2015 Sommario Obiettivi del documento... 3 Parte I: dati dell addetto alla ricerca...

Dettagli

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e Storico-Artistiche Versione 1.0 10/12/2015 Sommario Obiettivi del documento...

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione)

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) Commissioni Il Consiglio Direttivo provvede a costituire Commissioni

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati PROCEDURA SGQ PRO-DOD Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...2

Dettagli

CASA CASA BUSINESS REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA PARTE DEGLI INCARICATI CASA BENESSERE (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY)

CASA CASA BUSINESS REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA PARTE DEGLI INCARICATI CASA BENESSERE (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY) BENESSERE BENESSERE REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA BENESSERE PARTE DEGLI INCARICATI (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY) Regolamentazione Europea per la creazione di siti da parte degli

Dettagli

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY Pagine 1 di 5 PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY PERCHE QUESTO AVVISO La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori

Dettagli

Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale

Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale Il Consiglio direttivo dell ANVUR, visto l art. 16, comma 3, lettere a), b), c) e h) della legge

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I C a r o l i n a G u a l t i e r i U. O. E n d o s c o p i a D i g e s t i v a C h i r u r g i c a U n i v e

Dettagli

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 Costituzione Il Comitato Etico della Provincia di Bergamo (di seguito CE) è un organismo indipendente istituito con Delibera

Dettagli

Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali

Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali Privacy Policy Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali Con la presente nota Studioforward intende informare gli utenti visitatori del dominio

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 La Fondazione Umberto Veronesi bandisce un pubblico concorso

Dettagli

CONDIZIONI D USO E INFORMATIVA SULLA PRIVACY

CONDIZIONI D USO E INFORMATIVA SULLA PRIVACY CONDIZIONI D USO E INFORMATIVA SULLA PRIVACY FINALITA DEL SITO La consultazione del Sito comporta l accettazione dei termini e delle condizioni di utilizzo di seguito indicate. Nel caso in cui non si intenda

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Servizi offerti dal sito

Servizi offerti dal sito Roma In Catering rispetta la privacy degli utenti dei suoi servizi on line ed assicura che il trattamento dei dati raccolti avverrà nel pieno rispetto del D.Lgs. numero 196/03 (Codice in materia di protezione

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA

TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA Possibile soluzione per una divulgazione certificata dell informazione Silvia Molinari, Formazione & Informazione Direzione Scientifica IRCCS Istituto Neurologico

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013 < Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia Bando interno per l anno 2013 La Direzione Scientifica emana per l anno 2013 un bando interno per finanziare mediante il budget della Ricerca Corrente

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice:

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: SCHEDA DI RILEVAZIONE SULLE RIVISTE DI SOCIOLOGIA ITALIANE Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: Componenti il comitato di

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO Dichiarazione di tutti i Soci del COCIR COCIR si dedica al progresso della scienza medica e al miglioramento della cura dei

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROPRIETA INTELLETTUALE

PROPRIETA INTELLETTUALE NOTE LEGALI L accesso e la fruizione del presente sito da parte degli utenti è subordinato all accettazione dei termini e delle condizioni di cui alle presenti note legali, di cui l utente prende atto.

Dettagli

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Convegno Nazionale GISCI (Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma) 2015 Workshop precongressuale Finalborgo (SV) 20 maggio 2015 La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Franca D

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

BANDO PREMIO DI LAUREA TSRM SVILUPPO E PROGRESSO SANITA 2014-1 E I IONE-

BANDO PREMIO DI LAUREA TSRM SVILUPPO E PROGRESSO SANITA 2014-1 E I IONE- BANDO PREMIO DI LAUREA TSRM SVILUPPO E PROGRESSO SANITA 2014-1 E I IONE- Riservato ai laureati in Tecniche di radiologia medica, per Immagini e Radioterapia Anni accademici 2010/2011-2011/2012-2012/2013

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003

Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003 (Provincia di Trento) N. 1799 di prot. Sover, 28/04/2011 Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003 Copyright Marchi, domini e segni distintivi Tutti i marchi registrati e non, di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA CONDUZIONE DI STUDI CLINICI SPONTANEI PROPOSTI DAI RICERCATORI

RACCOMANDAZIONI PER LA CONDUZIONE DI STUDI CLINICI SPONTANEI PROPOSTI DAI RICERCATORI RACCOMANDAZIONI PER LA CONDUZIONE DI STUDI CLINICI SPONTANEI PROPOSTI DAI RICERCATORI Partecipanti al gruppo di lavoro: SIF: SIFO: SSFA: Mario Del Tacca, Alessandro Mugelli Anna Malesci, Stefano Visintin

Dettagli

Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003

Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 Gentile Utente, l Hotel Eurolido (di seguito, Società ) rispetta e tutela la Sua privacy. Ai sensi dell art. 13 del Codice della Privacy (d.lgs. 196 del 30 giugno

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente E.C.M. Educazione Continua in Medicina MyEcm Manuale utente Versione 1.3.3 Ottobre 2014 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 3 1. Introduzione 4 2. Registrazione 5 3. Accesso a myecm 8 3.1

Dettagli

Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 1

Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 1 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 1 Introduzione Questo documento intende costituire una guida per i membri del Comitato Tecnico Operativo (CTO) del CIBER nello svolgimento delle loro attività.

Dettagli

Informativa trattamento dei dati personali. Micro-tec srl

Informativa trattamento dei dati personali. Micro-tec srl Informativa trattamento dei dati personali Micro-tec srl Informativa ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 sul trattamento dei dati personali. Il D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia

Dettagli

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club ITALIANO (IT) RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club La presentazione della domanda di sovvenzione globale del tuo club dimostra il suo impegno ad

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I S A L E R N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I S A L E R N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I S A L E R N O Regolamento per la gestione, tenuta e tutela delle tesi dell Università degli Studi Salerno INDICE CAPO I PRINCIPI, AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI...

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CELLASHIRLEY.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Il Viaggio dello Scrittore è un percorso di scrittura di Laboratorio Ebook Edizioni, proprietà e gestione a cura di Formula Start Up ( Sito )

Il Viaggio dello Scrittore è un percorso di scrittura di Laboratorio Ebook Edizioni, proprietà e gestione a cura di Formula Start Up ( Sito ) Il Viaggio dello Scrittore è un percorso di scrittura di Laboratorio Ebook Edizioni, proprietà e gestione a cura di Formula Start Up ( Sito ) Il Viaggio dello Scrittore è un percorso di scrittura di Laboratorio

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C VSOP 5 Emesso dalla Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no: 5 Data di

Dettagli

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Descrivere la gestione della documentazione e delle registrazioni del sistema di gestione 3. APPLICABILITÀ La presente procedura

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA

GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA Copyright: Società Italiana di Nefrologia ISSN 0393-5590 E-ISSN 1724-5990 Recensito in: Embase/Excerpta Medica Index Medicus/MEDLINE (G Ital Nefrol) Periodicità: bimestrale

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Premessa Il CCS Energetica recepisce il Regolamento della Prova Finale della

Dettagli

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Helsinki - uno dei documenti cardine sui principi etici

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione dei documenti e del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. VQR 2004-2010 Valutazione della Qualità della ricerca. Allegato tecnico

Università degli Studi di Perugia. VQR 2004-2010 Valutazione della Qualità della ricerca. Allegato tecnico Università degli Studi di Perugia VQR 2004-2010 Valutazione della Qualità della ricerca Allegato tecnico 1 INDICE 1 INDICE 1 2 Introduzione 2 2.1 Penalizzazioni per l Ateneo 2 3 Utilizzo piattaforma U-GOV

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CASATASSO.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli