PSICOPATOLOGIA DELL OBESITA. ORDINE DEI MEDICI RAGUSA 20 OTTOBRE 2012 DR. GIUSEPPE SAPIENZA psichiatra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PSICOPATOLOGIA DELL OBESITA. ORDINE DEI MEDICI RAGUSA 20 OTTOBRE 2012 DR. GIUSEPPE SAPIENZA psichiatra"

Transcript

1 PSICOPATOLOGIA DELL OBESITA ORDINE DEI MEDICI RAGUSA 20 OTTOBRE 2012 DR. GIUSEPPE SAPIENZA psichiatra

2 Traccia della presentazione La dimensione del fenomeno Indicazioni sulla prevenzione I quadri clinici in psicopatologia Le ipotesi neurobiologiche Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Gli interventi riabilitativi

3 La dimensione del fenomeno Obesità è ormai emergenza mondiale Un epidemia mondiale Negli USA l obesità infantile è epidemica L obesità infantile è un problema di notevole rilevanza a socae sociale I bambini mangiano troppo e male Obesità sempre più bambini dal chirurgo Sempre più bimbi da chirurgo per obesità

4 La dimensione del fenomeno L allarme dell OMS Nel mondo 300 ml di obesi Numero destinato ad aumentare Grave in USA ed Europa, anche in Asia, India, Cina e Giappone. Non assente in alcune regioni dell Africa e Sud America Circa 4% dei bb. In Europa è obeso con tendenza ad aumentare Circa 2-8% costi sanitari dovuti ad obesità

5 Indicazioni sulla prevenzione Gli elementi chiave per la prevenzione ed il trattamento dell obesità sono identificati: 1.Alimentazione i corretta 2.Ruolo o delle e famiglie 3.Attività fisica

6 Indicazioni sulla prevenzione Ministero della Salute (campagne prevenzione) prima regola prevenire: Abituare il b. a 3 pasti regolari + 2 spuntini Non premiare il b. con troppi spuntini i Non insistere ste e quando il b. è sazio Bilanciare l apporto proteico Abituare il b. ai giochi all aperto e all attività fisica

7 Indicazioni sulla prevenzione La cultura della corretta alimentazione inizia dalla mamma: Lo stile femminile attivo, tipico delle donne, con attività extradomestica risulta più attento e fa parte di un progetto di benessere e forma fisica Le madri di famiglia più tradizionali sono più distanti da stili salutistici: meglio seguire la tradizione con pasti completi, abbondanti e gradevoli

8 Indicazioni sulla prevenzione La cultura della corretta alimentazione si impara da bambini: I b. non vanno lasciati «liberi di mangiare come e quando vogliono», è difficile far amare ai b. la frutta e verdura con meno dolci, aiutarli a capire qual è un rapporto sano ed equilibrato con il cibo, anche a causa degli spot pubblicitari

9 I quadri clinici in psicopatologia Fattori etiopatogenetici nell organizzazione di anomale forme strutturanti l immagine corporea: - Studi psicodinamici - Studi cognitivo-comportamentali - Studi teoria dell attaccamento (Bowlby)

10 Sin dalla nascita, si susseguono delle tappe ognuno dei quali caratterizzata t da pulsioni i libidiche dominanti, e da successive modalità di appagamento. Ogni stadio dello sviluppo ha in sé un significato evolutivo e, a seconda delle gratificazioni i i o delle frustrazioni ottenute durante il suo decorso, saranno presenti nella personalità dell'adulto d lt dei trattitti riconducibili al loro adeguato superamento oppure fissazionii i o regressioni, i dovuti ad insuccesso

11 Durante il primo anno di vita (fase orale) il bambino entra in contatto libidico con il mondo principalmente mediante la bocca, connessa alla funzione alimentare. Poppare, succhiare sono le prime espressioni della pulsione sessuale eilseno materno è il suo primo oggetto. La relazione oggettuale è però ambivalente, in quanto lamadre è oggetto d'amore quando gratifica il suo bisogno o di odio quando lo nega. Posizione schizo-paranoide (Melania Kleine) Se il bambino, in questa fase orale, sperimenta buon equilibrio nella sua «relazione oggettuale» e, quindi, nella connessa funzione alimentare, troverà tale equilibrio anche nell'età adulta, senza dover ricorrere, di fronte alle difficoltà e strss della vita, arapporti di forte dipendenza da figure affettivamente significative. Se invece v è stata una relazione oggettuale frustrante, le situazioni stressanti della vita adulta potranno indurre fenomeni di regressione e comportamenti di dipendenza ricorrendo al cibo come strategia di adattamento di fronte a situazioni problematiche ed emotivamente coinvolgenti.

12 L OBESITA RAPPRESENTA IL FRUTTO DI UNA TIPICA MODALITA RELAZIONALE OVE SONO STATI ACCUDITI I BISOGNI MATERIALI DEL BAMBINO A SCAPITO DELE SUE ESIGENZE PSICHICHE SI CREA UN MASSICCIO MECCANISMO DI INTROIEZIONE GLI OBESI HANNO BISOGNO DI UN OGGETTO RASSICURANTE CHE IDENTIFICANO CON IL CIBO IL SOGGETTO, ATRAVERSO L INTROIEZIONE, TENDE A MANTENERE IL POSSESSO DELL OGGETTO, OGGETTO DETERIORATO. CIRCOLO VIZIOSO CHE SI PRESENTA COME DINAMICA TOSSICOFILICA CHE NON HA POSSIBILITA DI ESSERE SODDISFATTA.

13 L obesità, così come i Disturbi del Comportamento Alimentare in genere, sarebbe dunque la manifestazione di un mancato o insoddisfacente superamento della fase orale dello sviluppo psicosessuale e questo fa pensare all'individuo obeso come - soggetto debole - Carattere fragile - eccessivamente bisognoso di affetto e di gratificazioni i i immediate che, qualora non vengano immediatamente soddisfatte, lo condurrebbero alla ti tristezza. t

14 Secondo i principi del comportamentismo, ogni tipo di comportamento è il risultato dell'interazione tra individuo e ambiente, e la sua emissione sarà tanto più frequente quanto più numerosi e frequenti saranno gli stimoli ambientali rinforzanti. Un comportamento sarà destinato ad estinguersi quando verranno meno i rinforzi positivi o quando, anche in presenza degli stessi, verranno emessi comportamenti alternativi più vantaggiosi.

15 lo stile alimentare dell'obeso: -fornisce dei rinforzi i positivi, i strettamente tt t connessi con il cibo, quali il soddisfacimento del gusto e la soddisfazioneione della fame -fornisce altri rinforzi, non direttamente connessi con il cibo e la fame, ma spesso più potenti, nel perpetuare il comportamento di ricerca ed assunzione del cibo, quali la riduzione dell'ansia e della tristezza.

16 Orientamento interno/esterno Orientamento internalizzato: le emozioni primarie sono ben discriminate (fin dal primo anno di vita) in quanto la figura di riferimento esprime il proprio stato emotivo in modo non ambiguo Orientamento esternalizzato: basato su uno stile di attaccamento caratterizzato da atteggiamenti ambivalenti della figura di riferimento. L individuo si definisce solo a partire da una referenza esterna (prevalente nei soggetti con DCA)

17 Campo dipendenza/ indipendenza Questa dimensione i fa riferimento i alla tendenza a ricercare nell ambiente percettivo informazioni e punti di vista degli altri Soggetti campo dipendenti : fanno affidamento ai riferimenti esterni (notevole sensibilità ai segnali emotivi provenienti dal contesto interpersonale) Soggetti campo indipendenti :meno sensibili all ambiente relazionale esterno, alle relazioni sociali

18 Organizzazione di tipo Disturbi Alimentari Psicogeni Bisogno incondizionato di approvazione degli altri + paura di una disconferma NECESSITA /TIMORE DI UN RIFERIMENTO ESTERNO Ricerca di sintonia i con le aspettative ti dell altro lt Ipercritica verso gli altri per neutralizzare l impatto di eventuali rifiuti o disconferme

19 I patterns genitoriali Brunch (1973): genitori dei pazienti con DCA mostrano una eccessiva focalizzazione sull alimentazione (cibo= mezzo per dare conforto e sollievo) Rizzuto e coll. (1981): la madre non riesce ad adempiere al ruolo di specchio

20 Organizzazione di tipo Disturbi Alimentari Psicogeni CONTESTO FAMILIARE: scarsa o distorta comunicazione degli affetti alternanza tra momenti di comprensione e di distacco alternanza tra piena approvazione e ipercriticismo DELUSIONE

21 I patterns genitoriali Il controllo sulla relazione prevale su tenerezza e calore emotivo Ruolo genitoriale con attenzione verso aspetti formali e scarso piacere verso la relazione LE INTERAZIONI NON SONO MODULATE DAI COMPORTAMENTI T O DAI SEGNALI EMOTIVI DEL BAMBINO MA DAGLI STATI INTERNI DELLE MADRI

22 Hilde Bruch, facendo propri alcuni presupposti dell'impostazione psicodinamica ed integrandoli con osservazioni dirette sulle famiglie dei bambini e degli adolescenti obesi, ha fornito un modello patogenetico dell'obesità di grande interesse. Non sempre i genitori riconoscono adeguatamente i bisogni del bambino. Il cibo diventa l'unico o quantomeno il principale strumento per rispondere alle esigenze infantili e il bambino, ricevendo cibo, in modo del tutto indipendente dai suoi bisogni, diventerà da una parte incapace di riconoscere le proprie sensazioni di fame e sazietà, dall'altro ricorrerà passivamente al cibo ogniqualvolta provi sensazioni sgradevoli.

23 LA FAMIGLIA DELL OBESO Padre scialbo e debole, spesso sottomesso alla figura materna. Madre aggressiva e prepotente. Non riesce ad elargire sicurezza ed affetto e compensa con iperalimentazione. Non riconosce i bisogni del figlio e questo fa si che il figlio non riconosca i suoi stimoli interni. Vive nel terrore dell allontanamento del figlio e gli impedisce qualsiasi attività che possa renderlo più autonomo. Ambiente ambivalente ed incoerente. Il figlio non riesce a delineare la propria identità. HILDE BRUCH (1973)

24 LA FAMIGLIA DELL OBESO Vari tipi di transazioni familiari che hanno in comune una modalità: la presenza di legami fragili che scoraggiano lo sviluppo dell individuo e la sua autonomia. Clima di pseudoarmonia che è l espressione di una eccessiva protezione e di una incapacità di risolvere i conflitti. Estrema passività, ità scarsastima di sé, forte paura di essere respinti, grande bisogno di essere aiutati e riconosciuti dagli altri. S. MINUCHIN (1976)

25 Il modello della Bruch ha posto in rilievo: la difficoltà a riconoscere adeguatamente le proprie sensazioni corporee, ed in particolare, quelle della fame e della sazietà, nonché a descrivere con il termine "fame"" bisogni, i sensazioni i o stati ti emotivi del tutto diversi tra loro.

26 HILDE BRUCH (1973) La Bruch individua quattro tipi di obesità psicogena: OBESITA EGOSINTONICA OBESITA REATTIVA OBESITA EVOLUTIVA OBESITA SCHIZOIDE

27 OBESITA EGOSINTONICA Persone che per una serie di eventi personali, familiari, culturali e spesso anche genetici hanno sviluppato una tendenza all obesità allobesità che però vivono senza problemi. Sono persone in genere estroverse, brillanti, che raggiungono posizioni i i sociali anche molto importanti, hanno un buon senso della realtà e non hanno problemi di immagine corporea. A volte durante l adolescenza hanno tentato di dimagrire, ma le difficoltà, il malumore, l irritabilità scatenata dalle restrizioni alimentari li hanno convinti a desistere. Sono persone psichicamente sane e se vengono incluse tra gli obesi psicogeni è per indicare che all origine non c è una causa organica, ma semplicemente una tendenza di fondo, una scelta, che nasce sicuramente dall introiezione di modelli culturali, ma soprattutto da situazioni familiari dove il cibo è stato proposto come oggetto piacevole e non colpevolizzante.

28 OBESITA REATTIVA Tipica dell età adulta. In questi casi l aumento di peso segue eventi di perdita o di fallimento materiali o affettivi. i Si tratterebbe, in definitiva, di una forma di depressione larvata, in cui il vissuto di perdita stimola un bisogno compulsivo a mangiare. I soggetti sono consapevoli dei loro eccessi e vorrebbero fare qualcosa, ma non ci riescono. L l i i d di di tt d i La compulsione a mangiare spesso accade di sera o di notte quando i pz si sentono più soli ed abbandonati. Cibo come elemento sedativo e consolatorio. Gli AA anglosassoni parlano di mangiatori notturni.

29 OBESITA REATTIVA HILDE BRUCH (1973) -BINGE EATING DISORDER -NIGHT EATING SYNDROME AJ. STUNKARD (1959)

30 OBESITA EVOLUTIVA HILDE BRUCH (1973) Caratterizzata da un più complesso intreccio di eventi familiari e psicologici che l autrice fa risalire ad un eccesso di gratificazioni materiali, tra cui il cibo, a scapito di scarse gratificazioni psichiche, all interno di una pseudoarmonia domestica dove, nel contesto di una insanabile e perenne crisi di coppia, la rabbia ed il rancore rimangono inespresse e quindi non riconoscibili dal bambino. Il momento del pasto, quindi, assumerebbe un valore simbolico: bisogna ingoiare tutto, mostrarsi estremamente passivi. Il cibo viene vissuto come una panacea per tutti i problemi e tutti i conflitti. Il bambino, posto di fronte ad una situazione di questo genere, svilupperebbe ansia, rabbia ed un senso di frustrazione continua, che i genitori cercano di sedare con il cibo. Il bambino non riesce più a riconoscere i suoi reali bisogni e a sviluppare una g situazione di autonomia e individualità.

31 OBESITA SCHIZOIDE HILDE BRUCH (1973) Questi pazienti hanno una scarsa autonomia, un identità molto labile, una difficoltà a stabilire un confine tra il sé e il non sé, per cui hanno spesso la sensazione di poter essere guidati da forze esterne. L isolamento è notevole e la soglia alle frustrazioni è molto bassa, spesso tendono ad evitare qualsiasi contatto con gli altri, escluso il cerchio familiare, entro il quale si rinchiudono. A volte tentano una cura dimagrante, ma si fermano perché spesso sono spaventati dalle reazioni di rabbia e di malessere da cui sono presi, vivono un senso di inadeguatezza molto forte, sono convinti di non essere idonei ai compiti, anche i più semplici, vi è una notevole abulia che è aggravata da una fuga in un mondo interno di fantasticherie. Sono soggetti che spesso tendono a scompensarsi e così evidenziare i Sono soggetti che spesso tendono a scompensarsi e così evidenziare i sottostanti processi psicopatologici, come succede, a volte, dopo cure dimagranti.

32 IL CARATTERE DELL OBESO Modalità relazionale che tende a costituirsi come una forte dipendenza da un oggetto esterno che dovrebbe essere fonte di sicurezza e di aumento della autostima ti e della forza. Il cibo assolve la funzione di un oggetto sostitutivo. Essi presentano una dinamica di bramosia molto intensa, che può spostarsi, quando non si fissa sul cibo, anche su situazioni o altre sostanze costituendo una TENDENZATOSSICOFILICA DI BASE. Difficoltà a riconoscere e differenziare gli stimoli interni: grande difficoltà a distinguere tra fame e voracità (alexitimia: incapacità di verblizzare le emozioni). Difficoltà ad esprimere una opposizione, a dire di no. Il rifiuto dell altro è vissuto come una minaccia di morte alla propria integrità. Il mangiare serve per compensare questo senso di morte: cibo come fonte di vita e di forza. INGOIANO TUTTO. INVADERE LO SPAZIO

33 COMPORTAMENTI ALIMENTARI PSICOPATOLOGICI GRIGNOTTAGE IPERFAGIA PRANDIALE ABBUFFATA

34 IPERFAGIA PRANDIALE PIACERE PER IL CIBO ASPETTO PREVALENTEMENTE CONVIVIALE MANTENIMENTO DEL CONTROLLO SULLE QUANTITA ASSENZA DI MALESSERE PSICOLOGICO LEGATO ALL ASSUNZIONE DEL CIBO STESSO RISULTATODICONSOLIDATEABITUDINI FAMILIARI

35 GRIGNOTTAGE Mangiucchiare piccole quantità di cibo, soprattutto dolci e grassi durante buona parte della giornata Mangiare lentamente t e apprezzare ciò che si sta mangiando Mangiucchiare in risposta a noia o malesseri vari Bassa autostima, tratti ansiosi, veri e propri disturbi d ansia edell umore

36 ABBUFFATA Assunzione di cibo caratterizzta da: - quantità enormi - assunzione disordinata e caotica - assunzione automatica e passiva - bisogno di mangiare inarrestabile e veloce - mancanza di controllo - mancanza di piacere - cessazione per dolore o per la fine del cibo - sensi di colpa, di angoscia, vergogna - assunzione di cibo in solitudine

37 OBESITA e DISTURBI della CONDOTTA ALIMENTARE BINGE EATING DISORDER (BED) ASPETTO SOGGETTIVO SENSAZIONE PERDITA CONTROLLO ASPETTO OGGETTIVO QUANTITA CIBO INGERITA Fairburn e Cooper, 1993

38 OBESITA e DISTURBI della CONDOTTA ALIMENTARE BINGE EATING DISORDER (BED) - Caratterizzato dalla frequente comparsa di gravi abbuffate che si verificano, in media, almeno due volte alla settimana in un arco di tempo di almeno sei mesi. -Le crisi di voracità, oactà,durante le quali il pz assume grandi ga quantità tà di cibo cboin poco tempo, non sono seguite da comportamenti mirati a consumare le calorie a non assorbire i nutrienti, quali il vomito o l abuso di lassativi e diuretici. -Intaledisturboil piacere per il cibo è scomparso e l unico parametro considerato è quello quantitativo. - L aspetto conviviale è totalmente scomparso ed il cibo risulta essere un grande problema attorno al quale ruota buona parte dell esistenza e per questo viene speso detestato dal soggetto che se ne sente schiavo.

39 OBESITA e DISTURBI della CONDOTTA ALIMENTARE FAMILIARITA PSICHIATRICA POSITIVA ESPOSIZIONE EVENTI TRAUMATICI SOVRAPPESO DIETA RESTRITTIVA BED Stice et al., 2002; Tanofsky-Kraff et al., 2004; Tanofsky-Kraff et al., 2006

40 NIGHT EATING SINDROME Un altro quadro peculiare associato all obesità è la NES non ancora caratterizzata come un quadro sindromico indipendente e non presente nel DSM. Già nel 1955 Stunkard e coll. hanno descritto per la prima volta l associazione tra abbuffate serali e/o notturne, insonnia e anoressia mattutina. Tali caratteristiche circadiane si accompagnano a simili variazioni del tono dell umore, essendo il disturbo spesso associato all Episodio Depressivo Maggiore con caratteristiche atipiche. La NES è poco frequente nella popolazione generale (circa 1,5%), mentre nelle casistiche cliniche la prevalenza oscilla tra il 7.9% ed il 43% dei soggetti obesi.

41 NIGHT EATING SINDROME Birketvedt e coll. hanno riscontrato, fra le caratteristiche associate a NES, insonnia iniziale e centrale, elevati livelli di cortisolo e una cronica attivazione dell Asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene, con ridotta risposta dell ACTH e del cortisolo al CRH. Questo particolare assetto endocrino può, secondo gli autori, conseguire da un esaurimento delle capacità di risposta dell asse HPA per iperattivazione cronica e sarebbe coerente, quindi, con l idea che la NES sia una condizione correlata allo stress. Diversamente dai binge eaters, i night eaters mangiano, in ogni episodio, piccole quantità di cibo, in genere carboidrati e il numero di risvegli è di 1.7 per notte. Le differenze fondamentali tra BED e NES sono, quindi, le dimensioni dell abbuffata, il momento in cui questa ha luogo e le caratteristiche di comorbidità, in quanto la NES è associato più frequentemente al Disturbo Depressivo Maggiore.

42 EATING EMOZIONALE Situazione vissuta da quei soggetti che mescolano le emozioni con l'assunzione di cibo e usano il cibo per far fronte alle emozioni che ogni giorno incontrano. L eating emozionale comprende vari stili alimentari e le diverse motivazioni ed emozioni che accompagnano la necessità di usare il cibo, spesso in grande quantità, con il fine ultimo di affrontare situazioni di noia, di ansia, di rabbia o di depressione.

43 EATING EMOZIONALE MANGIATORI ANSIOSI Il legame tra ansia e alimentazione i è da tempo riconosciuto. Esso è frequentemente sperimentato quando si verifica un senso di apprensione o di preoccupazione p per un evento futuro che sarà spiacevole o pericoloso.

44 EATING EMOZIONALE MANGIATORI ANNOIATI La noia è fortemente associata all eating emozionale ed è forse la più comune forma di mediazione emozionale nell alimentazione. A volte il cibo, per alcuni pazienti, può essere l unica motivazione legittima per interrompere un attività noiosa. E molto frequente nelle casalinghe che si ritrovano a non sapere cosa fare, perciò iniziano a cucinare e a mangiare. Poiché la noia non è associata a sintomi evidenti, talora può essere difficile da identificare. Può essere utile, perciò, analizzare, insieme al paziente, la registrazione del cibo consumato e verificare se i momenti della giornata, in cui più frequentemente perde il controllo, si associano asituazioni i i in cui egli non aveva niente di stimolante t da fare.

45 EATING EMOZIONALE MANGIATORI TRISTI Una delle più comuni immagini che tutti hanno di un individuo affetto da eating emozionale è quella di cercare di sconfiggere la tristezza mangiando. La tristezza deve essere tenuta ben distinta dalla depressione. In entrambi i casi c è cè un esperienza di perdita, ma mentre la tristezza può essere considerata una risposta fisiologica dell organismo, la depressione no. La tristezza, infatti, può essere una reazione desiderata che deriva da unarealistica analisi i di un evento spiacevole di perdita o di delusione.

46 EATING EMOZIONALE MANGIATORI SOLI La solitudine è spesso associata all eating emozionale perché il cibo è usato come sostituto di qualcosa che manca. Tuttavia l aumento di peso conseguente non fa altro che accrescere le difficoltà di instaurare un adeguata relazione con gli altri. Nella definizione i i di solitudine si contemplano sia la mancanza di contatto con gli altri che contatti presenti ma superficiali.

47 EATING EMOZIONALE MANGIATORI ARRABBIATI E ampiamente dimostrato che in molte persone la rabbia, sotto forma di risentimento, amarezza, gelosia, indignazione e frustrazione, è associata all Eating emozionale e al mangiare in eccesso. Assai spesso questi sentimenti derivano dal fatto che non si riesce ad ottenere quello che si desidera. Ci sono molti modi per scaricarla, tra i quali il mangiare è uno dei più frequenti: numerosi studi hanno infatti evidenziato che esiste una relazione molto stretta tra alimentazione in eccesso e rabbia repressa, definibile come un sentimento vissuto ma non espresso manifestamente. Il mangiare può essere per molte persone un modo per far fronte alla rabbia che non sono in grado di esprimere apertamente.

48 EATING EMOZIONALE MANGIATORI CELEBRATIVI Sono quei soggetti che trovano impossibile gioire di qualcosa di positivo e di importante senza abusare con il cibo. Il mangiare nella nostra cultura gioca un ruolo primario in quasi tutte le relazioni sociali, perciò chi abitualmente t usa il cibo per rendere la propria vita sociale felice trova molta difficoltà nel prendere parte ad un evento senza mangiare o bere in eccesso.

49 Altri AA. hanno trovato altre tipologie di modelli alimentari: 1 Emotional eating ( mangiare per gestire i sentimenti ) 2 Fresh food,fast f food ( cibi precotti,ad alto contenuto t calorico; pochi alimenti freschi ) 3 Task snacking ( mangiare mentre si fanno altre cose ) 4 Sensory,spiritual nourishment ( insaporire al cibo con significati ) 5 Eating atmosphere (l estetica e l ambiente del pasto ) 6 Social fare ( mangiare da soli vs mangiare in compagnia) Per concludere che. SONO AUSPICABILI ALTRE RICERCHE PER VALUTARE IN CHE MISURA PRATICARE E IMPLEMENTARE QUESTI EATING STYLES POSSONO INTERAGIRE CON IL SOVRAPPESO E L OBESITA

50 Sindromi psichiatriche L obesità si riscontra frequentemente in molteplici sindromi: - Sindromi ansiose - Sindromi i depressive - Disturbo Bipolare - Disturbi di Personalità - Disturbo controllo impulsi - Sindromi Schizofreniche

51 Bulimia Nervosa Criteri diagnostici DSM IV 1. Presenza di crisi i bulimiche i (abbuffate); discontrolli comportamento alimentare con ingestione di una grande quantità di cibo in un intervallo di tempo generalmente piuttosto breve (2 ore) 2. Alla crisi bulimica, che si verifica in assoluta solitudine, seguono sensi di colpa e depressione dell umore conseguenti al fatto di aver perso il controllo sul proprio p comportamento alimentare 3. Successivamente comportamenti compensatori (digiuno, iperattività fisica, vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici etc.) atti a ridurre l impatto dell abbuffata 4. Come nell"anoressia Nervosa sono presenti sia la paura dell aumento di peso che la non corretta valutazione del proprio aspetto fisico ma non si arriva all emaciazione

52 Le ipotesi neurobiologiche un recente studio su Lancet ha evidenziato, iato mediante PET, che i soggetti obesi hanno carenza di recettori dopaminergici direttamente proporzionale p all indice di massa corporea B.D.I. (tanto maggiore l indice quanto minore il numero di recettori) (Wang et al. 2001). La carenza di recettori DA è responsabile della carenza delle sensazioni di piacere e disfunzione del sistema della ricompensa

53 Le ipotesi neurobiologiche La carenza di recettori DA, responsabile delle sensazioni di ricompensa e di piacere è tipica delle forme di dipendenza ed è stata riscontrata anche nel cervello dei tossico- dipendenti e degli alcolisti. Volkow et al. 2003, hanno dimostrato che la DA svolge un ruolo nella assunzione del cibo indipendentemente da quello svolto nella regolazione del piacere.

54

55 Le ipotesi neurobiologiche Ciò comporta una spinta ad una eccessiva alimentazione per stimolare, nel cervello, più intensamente i circuiti del piacere (reward). La carenza dei recettori DA può spiegare gli insuccessi nel mantenere i risultati delle diete e conseguente crollo dell autostima L esercizio fisico interviene anche nei circuiti DA-ergici e può giovare su questo fronte.

56 Gli interventi riabilitativi È stata proposta, con successo, l uso della realtà virtuale nel trattamento dell obeso in quanto permette di modificare anche gli aspetto neuropsicologici (body image). G.Riva Istituto auxologico italiano Milano, 2008

57 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea studi sul corpo quale «rappresentazione»: - Neurologici (Bonnier, 1905; Head, 1926; Simmel, 1956) - Psichiatrici (Kolb, 1954 Schoenfeld, 1966) - Psicodinamici (Federn, 52; Erikson, 50; Fisher & Cleveland, 68 - Fenomenologici (Mereau Ponty, 65; Galimberti, 1983) - Clinici (Stunkard &Mendelson, 61; Casper et al. 1979) - Sociologici (Featherstone, 82; Frank, 91; Schilling, 83) - Psico-sociali sociali (Garner et al. 80; Cash&Green, 86;Kaltenbach, 91) h 91)

58 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Tutte le rappresentazioni del corpo umano stanno in due concetti fondamentali: - Schema corporeo (tutte tt le rappresentazioni di tipo percettivo) - Immagine corporea (tutte le rappresentazioni di tipo affettivo e cognitivo)

59 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Lo schema corporeo è la rappresentazione corporea ottenuta dalla comparazione ed integrazione continua a livello prevalentemente corticale delle passate esperienze sensoriali con le sensazioni attuali (posturali, tattili, visive, cinestetiche, vestibolari). (Head; Merleau-Ponty) Sedi anatomiche prioritarie: aree primarie e secondarie parietali (temporali, talamo, reticolare mesenc.)

60 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Immagine corporea è il modo in cui si vive e sperimenta il proprio corpo: «il modo in cui il corpo appare a noi stessi» (Schilder, 1950). L esperienza personale del proprio corpo. Non è un concetto cetto neurologico, og ma psicologico. Implica lo studio della situazione emotiva ed esistenziale, ricordi, motivazioni, propositi ed intenzioni. Si modifica nel corso della vita.

61 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea tre sostanziali differenze: 1- l intenzionalità è presente in body image, assente in body schema 2- impersonalità in body schema, identifica= zione in body image (è il mio corpo) 3- body image viene sperimentata anche per alcune parti corporee, body schema è sempre olistico e automatico

62 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Quale rapporto fra i due? Anche se gli studi cognitivi e neurofisiologici non hanno trovato continuità anatomiche o funzionali fra le rappresentazioni percettivo motorie e quelle simbolico-ricostruttive, si può supporre che le due modalità possano reciprocamente influenzarsi. (Antinucci, 1993)

63 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea In sintesi la nostra percezione del corpo è mediata dal nostro sistema cognitivo e dalle nostre emozioni, sensazioni e vissuti. L immagine del corpo è qualcosa di più di una percezione o schema, è una FORMA STRUTTURANTE, legata anche al nostro essere parte di un gruppo sociale, soggetta a influenze culturali, quindi elastica ed esposta agli stimoli ambientali.

64 Introduzione ai concetti di schema corporeo e immagine corporea Se non si modifica l immagine corporea i dati oggettivi sono inefficaci. Un recente studio in Danimarca ha mostrato che il 10% di donne «oggettivamente» magre, continua a percepirsi grasso. L insoddisfazione conduce ad un ciclo di diete e recupero di peso (sindrome yo-yo) y con esito finale nell obesità!

65 Gli interventi riabilitativi La realtà virtuale modifica l organizzazione cognitiva (body schema) La semplice esposizione al sistema virtuale stimola il livello di DA (Wang & all.) e l attività mentale così indotta stimola il metabolismo La realtà virtuale, inserita in un sistema terapeutico più ampio, modifica in modo permanente l attività metabolica del cervello misurata con la PET (Optale & all)

66 Gli interventi riabilitativi Le tecniche terapeutiche che utilizzano, in maniera integrata la realtà virtuale (Terapia Esperienziale Integrata - TEI), sembrano in grado di produrre miglioramenti stabili in quanto capaci di modificare il sistema neuro- Cognitivo (neurocognitiv enhancement). «The use of alternative delivery system technologies in the treatment of patients with eating disorders» (International Journal of eating disorders)

67 Psicopatologia dell obesità Grazie per l attenzione!

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008).

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008). OBESITÁ PSICOGENA Il costante e rilevante incremento dei disturbi dell alimentazione nella popolazione adolescenziale e tardo giovanile, costituisce un dato osservativo di immediato riscontro per gli operatori

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS Vanda Braida 14/05/2015 Shabkar CHE COSA SONO? COME SI MANIFESTANO? COME SI PREVENGONO? COME SI AFFRONTANO? I disturbi

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

I disturbi alimentari

I disturbi alimentari I disturbi alimentari Molti genitori del giorno d'oggi si preoccupano per i disturbi alimentari. Alle parole 'disturbo alimentare' si è data una tale attenzione negli ultimi anni che non è inusuale che

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia. I GENITORI IN ABA SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI NUMERO VERDE: 800 16 56 16 E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.it I DISTURBI ALIMENTARI 02 I disturbi alimentari sono un modo

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Binge eating disorder:

Binge eating disorder: Binge eating disorder: caratteristiche psicopatologiche VALDO RICCA 1, GIOVANNI CASTELLINI 1, CARLO FARAVELLI 2 1 U.O. Psichiatria Universitaria, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze 2 Dipartimento

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI Il Cibo nemico ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI - Il cibo nemico. (prima parte) Da quando esiste la vita, nutrimento e cibo sono elementi fondamentali per la sopravvivenza di qualsiasi

Dettagli

Donne, corpo e contraccezione

Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione A cura di Questa guida nasce per aiutarti ad individuare quali sono i campanelli d allarme da cogliere per accorgerti dello scivolamento verso

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA Che cos è l ansia? L ansia è uno stato di attivazione fisiologica e cognitiva in previsione di un pericolo futuro. E un termine che deriva

Dettagli

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici Dr. Enza Sansone L IVG, oltre a costituire un trauma legato alla perdita stessa, rappresenta un momento di particolare sofferenza psichica

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON D O T T. S S A L U C I A C R E T E L L A PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON -Problemi psicologici correlati alla malattia (che

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea In FormAzione Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea ANORESSIA-BULIMIA AL MASCHILE di Francesco Bergamin L anoressia nervosa,

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director Strumenti e modelli di Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Modena, 9 luglio 2013 www.persolog.it Stress e Percezione Quanto ti

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale Dipartimento di Neuroscienze Direttore: Prof. Claudio Mencacci Corso di Porta Nuova 23, 20121 Milano Tel. 0263631 Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Tesi di laurea L INTEGRAZIONE DELL EMDR NELLA PSICOTERAPIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. di Gamba Martina Anno Accademico 2004-2005 Ai

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO Ospedale L. Confalonieri -Luino- Azienda Ospedaliera Fondazione Macchi Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione 2012 IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE

Dettagli

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE Dr.Franco Badii Responsabile Struttura Semplice Abuso e Dipendenza da sostanze illegali S.C.Area Dipendenze Ser.T.

Dettagli

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Dipartimento di Psicologia Facoltà di Medicina e Psicologia Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Caterina Lombardo caterina.lombardo@uniroma1.it Negli ultimi secoli si è assistito

Dettagli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli I disturbi d ansia nel bambino La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli Fobia Sociale Disturbo internalizzante Paura marcata, persistente e irrazionale relativa a situazioni

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli