con il contributo della Camera di Commercio di Modena Presentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "con il contributo della Camera di Commercio di Modena Presentazione"

Transcript

1 con il contributo della Camera di Commercio di Modena Presentazione Quella che segue è la documentazione raccolta in 5 anni di lavoro, dal 2002 al 2007, attingendo a studi effettuati da esperti della materia e da esperienze e progetti che hanno visto CAT FEASA in qualità di consulente di diverse Amministrazioni Comunali, molte volte insieme ai CAT delle altre Associazioni di categoria: CNA.COM, Confesercenti, Confcommercio. Questa pubblicazione si pone l obiettivo di essere di aiuto a tutti coloro che in veste di commercianti, di responsabili di Consorzi o Associazioni di promozione, di Pubblici Amministratori o di Funzionari di Associazione sono quotidianamente impegnati a valorizzare e riqualificare il commercio e i luoghi del commercio. FEASA CAT Marco Poletti 1

2 IL MARKETING URBANO DEFINIZIONE DI MARKETING URBANO Oggi la città rappresenta un sistema integrato di sviluppo che coinvolge diverse componenti. Tra le principali possiamo elencare esigenze sociali di benessere e qualità della vita, interessi economici, dinamiche di sviluppo territoriale. E per questo motivo che si tende sempre più ad affrontare problemi e proposte di riqualificazione urbana, ed in particolare di riqualificazione dei centri storici, attraverso politiche di marketing urbano in alternativa a semplici interventi di trasformazione edilizia che ineriscono al solo tessuto fisico della città. Il concetto di marketing urbano, di radici storiche prevalentemente anglosassoni, nasce dal riconoscimento che anche il territorio produce uno scambio volontario di valori con chi ci vive, ci opera e lo frequenta. Pertanto città e territorio hanno l esigenza di rispondere alle domande che vengono poste dai residenti, dalle attività economiche e produttive nell'ambito delle trasformazioni sociali di benessere e miglioramento della qualità della vita. Sviluppare una politica di marketing urbano (market=mercato, to market=operare, marketing=attività di mercato) significa pertanto rendere concreto un processo decisionale inerente operazioni di trasformazione o riqualificazione territoriale, sociale ed economica basato su azioni di analisi, pianificazione, progettazione, realizzazione e controllo dei risultati. Le politiche di riqualificazione dei centri storici impostate come azioni di marketing urbano, stanno ora assumendo una notevole centralità in quanto si pongono l obiettivo di realizzare interventi di trasformazione territoriale, di crescita e di innovazione del commercio e dei servizi, di sviluppo di politiche di attrazione della città, della ricettività e del tempo libero. Ciò significa adeguare l offerta della città ai bisogni e alle esigenze del mercato. La Legge 41/97 della Regione Emilia Romagna ha assegnato un ruolo sempre più importante allo sviluppo di una politica 2

3 attiva di riqualificazione e rivitalizzazione dell offerta nei centri cittadini. Sono pertanto gli obiettivi di sviluppo indicati dalle Amministrazioni locali a dover essere coniugati con gli interessi, i bisogni ed i desideri dei potenziali utenti e utilizzatori dei singoli interventi. Da questo punto di vista la politica di marketing urbano si prospetta anche come un processo decisionale e tecnico fortemente democratico, che deve necessariamente assumere gli interessi ed il punto di vista degli utenti/clienti per fornire adeguate risposte circa l'obiettivo definito. Per questo motivo le politiche di marketing e riqualificazione territoriale vengono spesso gestite attraverso azioni di partnership con soggetti privati sotto diverse forme: dalla costituzione di società di scopo per singoli interventi, alla definizione di specifici project financing, ad attività di gestione dell'iniziativa etc. Il marketing urbano diviene a questo scopo lo strumento fondamentale per fornire una regia ai processi decisionali legati ad operazioni di trasformazione o riqualificazione territoriale, sociale ed economica, oltre che per sviluppare il sistema dell offerta e rafforzare l attrattività dei centri come luoghi da vivere, piacevoli da frequentare e in cui realizzare gli acquisti. La presenza ed il diretto intervento del partner pubblico nelle operazioni di trasformazione e riqualificazione territoriale e, dunque, nella gestione delle politiche di marketing urbano ha le seguenti finalità: - quella di assicurare la coerenza e lo sviluppo degli interventi secondo gli obiettivi strategici definiti all'interno degli strumenti di pianificazione pubblica; - quella, specie in città e in comuni di medio-piccole dimensioni, di fungere da promotore ed attivatore di iniziative che assumono valenza di interesse pubblico e rispondono ad interessi di carattere generale; - quella di assicurare il controllo del processo che si avvia attivando anche politiche di riequilibrio territoriale (finanziare interventi in zone a scarso valore aggiunto) ed economico (riequilibrio nello sviluppo e nel benessere tra diverse zone della città). 3

4 - far si che il piano di marketing urbano, governato dall ente pubblico, possa rispondere anche alle esigenze di creazione di una identità del territorio o del centro storico e del Centro Commerciale Naturale basata sulla individuazione delle eccellenze e delle potenzialità, - la definizione di una strategia di comunicazione caratterizzata da azioni promozionali come la creazione di un marchio/logo che consenta di veicolare il "prodotto" territorio o il prodotto centro storico o centro commerciale naturale sui propri mercati-obiettivo. In sintesi il marketing è un vero e proprio strumento di politica urbana mirato alla riqualificazione dell area non solo dal punto di vista della sua attrattività economica ma anche nell ottica del benessere sociale e della vivibilità. Per questa ragione si parla anche di marketing urbano strategico inteso come strumento efficiente per guidare lo sviluppo urbano nella direzione desiderata. Si tratta, in sostanza, di incrementare il grado di attrattività del territorio nel senso più ampio del termine come: > zona residenziale > localizzazione per le imprese punto di attrazione per il turismo valorizzazione del commercio riqualificazione dei luoghi e degli spazi pubblici Gli obiettivi della politica urbana diventano quindi: la prosperità economica e il benessere sociale interdipendenti tra loro in quanto una migliore qualità della vita corrisponde ad una maggiore prosperità economica. Si può affermare pertanto che il marketing urbano è il processo attraverso cui le attività e le funzioni urbane concorrono a massimizzare l efficienza sociale ed economica per dare risposta alla domanda dei vari target di consumatori. Questi principi possono essere applicati a diverse scale spaziali e così il marketing urbano può essere visto come parte di un più esteso marketing geografico (marketing del territorio). 4

5 METODOLOGIA DI LAVORO Nel passaggio da una analisi teorica dei contenuti e dei concetti chiave del marketing urbano alla sua implementazione concreta nella realtà di riferimento, si è affinata una modalità di approccio che ha definito una metodologia operativa nella realizzazione del piano di marketing. Si sono individuati tre fattori che sono propedeutici al decollo del piano. 1) ANALISI DEI PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA L analisi dei punti di forza e di debolezza aiuta a determinare la migliore posizione competitiva della città, del centro storico e del Centro Commerciale Naturale ad esempio identificando, mettendo in evidenza aspetti positivi ed aspetti negativi, le minacce e le opportunità. 2) COOPERAZIONE E CONSENSO SOCIALE Per una politica di marketing urbano di successo, i diversi attori pubblici e privati dovrebbero operare in maniera integrata e coordinata. Nell ambito di una città o di un comune, le amministrazioni comunali e le imprese private dovrebbero collaborare proficuamente e svolgere attività complementari contribuendo assieme a sviluppare il concetto di città nato da una visione comune del futuro dell area urbana. 5

6 3) GLI ATTORI DEL MARKETING URBANO Una operazione di significativa trasformazione urbana impegna attivamente sempre una numerosa serie di soggetti pubblici e privati costituenti potenzialmente un insieme disaggregato di centri decisionali ciascuno dei quali tende ad ottimizzare il proprio interesse e il proprio ruolo: 1. I DECISORI PUBBLICI 2. GLI INVESTITORI PUBBLICI 3. I PROGETTISTI 4. GLI OPERATORI PRIVATI, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA (COMMERCIANTI, ARTIGIANI, PICCOLI PROPRIETARI IMMOBILIARI) LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI 5. GLI UTENTI 6. I MEZZI DI INFORMAZIONE 7. GLI STAKE - HOLDERS 6

7 FASI DEL PIANO OPERATIVO DI MARKETING URBANO Come descritto precedentemente il marketing urbano strategico deve essere orientato alla individuazione degli obiettivi e delle priorità che consentono di attuare in modo definitivo uno sviluppo sostenibile della città. Dai postulati e dalle affermazioni di principio occorre passare alla individuazione delle fasi concrete su cui è strutturato il piano operativo di marketing urbano. Ecco una check list delle azioni da intraprendere. 1) ANALISI DEL MERCATO Il primo passo da compiere nella strutturazione di una politica orientata al marketing consiste nel riconoscere e studiare i meccanismi tipici del mercato in cui il consumatore e l insieme delle attrezzature urbane esistenti si collocano. Lo strumento impiegato in questa fase è l auditing (interno ed esterno); strumento solitamente utilizzato nel marketing aziendale per valutare le caratteristiche di un mercato. Auditing esterno: la sua funzione consiste nell identificazione delle sollecitazioni che l ambiente esterno esercita sulla città al fine di attuare manovre di sviluppo urbano che consentano di sfruttare le opportunità di crescita. Fase questa caratterizzata da una operazione di monitoraggio per la definizione dello scenario macroeconomico: * variabili economiche e dei consumi regionali e provinciali * cambiamento nel comportamento dei consumatori * opportunità e minacce/problemi Auditing interno: procedura rivolta al microambiente che si prefigge di delineare il contesto economico-sociale cittadino e l area di gravitazione della città. L analisi potrà essere sviluppata, da un punto di vista economico, nell individuazione dell andamento dei vari settori presenti sul territorio, attribuendo a ciascuno di essi un valore relativo al grado di sviluppo raggiunto. L importanza di questa analisi consiste nell individuazione del tipo di evoluzione che i fattori determinanti dell atmosfera urbana stanno perseguendo. 7

8 Sarà così possibile definire tempestivamente adeguate scelte strategiche. Lo strumento di indagine costituito da questi due tipi di auditing si definisce, nel linguaggio del marketing: ANALISI SWOT (punti di forza e punti di debolezza, opportunità e minacce). 2) DEFINIZIONE DEL PRODOTTO Nella fase successiva l attenzione va rivolta alla natura del prodotto urbano soprattutto se inteso nel suo insieme (the nuclear product). Per rendere possibile la descrizione del prodotto città è stata necessaria l elaborazione di quelle che gli studiosi chiamano tassonomie o classificazioni. Sono stati individuati tre criteri di classificazione: a) Il criterio di ordine fisico - edilizio: con tale criterio viene considerato il patrimonio edilizio della città, con particolare riguardo alle sue emergenze monumentali e culturali perché questo è uno dei principali fattori di attrazione del centro urbano. b) il criterio d ordine economico: in questo caso vengono privilegiati elementi di ispirazione economica cioè saranno usati fattori di valutazione tradizionali dell analisi economica della città, quali: la dimensione delle imprese, la ripartizione delle attività, il tasso di ricerca e di innovazione, la diffusione di nuove tecnologie, il livello di qualificazione della manodopera, l offerta di servizi e infrastrutture, l offerta di terreni ed edifici, l offerta commerciale e l offerta turistica. c) Il criterio di ordine sociologico Il modo di vita della comunità urbana. Rappresenta le credenziali possano privilegiare un apprezzamento positivo del prodotto città (diffusione dell Associazionismo culturale, sociale, sportivo, dotazione di servizi pubblici a domanda individuale, trasporti, tempo libero, ecc.) 8

9 3) DEFINIZIONE DELL IDENTITÀ Il concetto di identità sta ad indicare il ruolo che la città deve sostenere in ambito locale, provinciale, regionale, nazionale e può essere determinato dai suoi vantaggi in termini di funzione economica; in pratica l idea della città viene associata all immagine del centro commerciale naturale (centro storico) o ad altri elementi caratteristici o identificativi della città. L identità di una città può essere pensata come una sorta di pre-condizione del processo di comunicazione di identità stesso. Ne consegue che l immagine della città non sempre corrisponde a quello che la città vorrebbe essere: il prodottocittà è infatti una nozione astratta che l utente associa con la sua esperienza soggettiva. 9

10 4) DEFINIZIONE DELLE LINEE DIRETTRICI DEL PIANO DI MARKETING URBANO (DALLA TEORIA ALLA PRATICA) Riportiamo di seguito un esempio di linee di intervento di un piano di marketing urbano tratto da molteplici esperienze fatte sul campo. L obiettivo principale di tutti i casi da noi analizzati è stato quello di intervenire sul centro commerciale naturale della città (centro storico o centro urbano). Sono state individuate cinque piste di lavoro considerate come aree caratterizzanti il piano di marketing: la riqualificazione dell offerta commerciale e turistica, la comunicazione e promozione del centro, l accessibilità dall esterno, la cura dell ambiente urbano e dei luoghi del commercio, l integrazione delle normative. In ogni area si sono individuate delle ipotesi di proposte e di progetti concreti per raggiungere l obiettivo fissato dal marketing strategico. I) RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA COMMERCIALE E TURISTICA a) Proposta: ELEMENTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA *RIDUZIONE SERRAMENTI CIECHI *RIALLESTIMENTO VETRINE E SPAZI PER LA CLIENTELA b) Proposta: CONSULENZA E FORMAZIONE *ANALISI DI SCENARIO *NUOVE FORME DI COLLABORAZIONE FRA IMPRESE *PERCORSI DI FORMAZIONE SU TEMI SPECIFICI PER TITOLARI E DIPENDENTI 10

11 c) Proposta: POLITICHE DEI FATTORI E DEI SERVIZI *MODULAZIONE ORARI *SERVIZI ALLA CLIENTELA *INCENTIVI PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE d) Proposta: INCREMENTO DIMENSIONI MEDIE AZIENDALI DIVERSIFICAZIONE MECEOLOGICA *INSERIMENTO MEDIA STRUTTURA SPECIALISTICA *AVVIO NUOVE ATTIVITÀ IN SETTORI NON COPERTI e) Proposta: COMMERCIO SU AREA PUBBLICA *RICOLLOCAZIONE MERCATI NELLE PIAZZE E VIE DEL CENTRO f) Proposta: POLITICHE DI FIDELIZZAZIONE CLIENTELA *NUOVE FORME DI PROMOZIONE ALL ACQUISTO (FIDELITY CARD, TELEMARKETING, ECC) 11

12 II) COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DEL CENTRO a) Proposta: MARCHIO IDENTIFICATIVO *LOGO PER TUTTI I NEGOZI b) Proposta: IDENTIFICAZIONE AREE DI RITROVO STRATEGICHE *PUNTI DI INCONTRO DAVANTI A PUBBLICI ESERCIZI c) Proposta: INIZIATIVE DI ANIMAZIONE *PIANO DI COMUNICAZIONE ANNUALE *EVENTI - MANIFESTAZIONI - GIORNATE A TEMA d)proposta: ASSI E PERCORSI COMMERCIALI *SEGNALAZIONE SU LOCALIZZAZIONE ATTIVITÀ e) Proposta: INTERVENTI PER UTENZA *ANIMAZIONE IN SPAZI ESTERNI, SERVIZI A CLIENTELA, INFORMAZIONI SU OPPORTUNITÀ PRESENTI f) Proposta: OFFERTE PER SEGMENTI DI MERCATO *PERCORSI COMMERCIALI SUL SITO INTERNET DEL COMUNE 12

13 III) ACCESSIBILITÀ DALL ESTERNO a) Proposta: SISTEMA DELLA SOSTA *VERIFICA AZIONI DI PIANO *POSSIBILI SINERGIE TRA OFFERTE COMMERCIALI E SOSTA b) Proposta: SISTEMI INNOVATIVI DI TRASPORTO MERCI *PROPOSTA DI ASSETTO LOGISTICO URBANO c) Proposta: COLLEGAMENTI PEDONALI FRA PARCHEGGI E CENTRO *DEFINIZIONE E CURA DEI PERCORSI d) Proposta: TRAFFICO VEICOLARE DA/VERSO IL CENTRO *VERIFICHE SU INTERMODALITÀ *IPOTESI DI MODIFICA ZONE A TRAFFICO LIMITATO 13

14 IV) CURA DELL AMBIENTE URBANO E DEI LUOGHI DEL COMMERCIO a) Proposta: INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA *LOCALIZZAZIONE ED ATTUAZIONE b) Proposta: SICUREZZA DELL AREA CENTRALE *CONSOLIDAMENTO SISTEMI DI SORVEGLIANZA VIDEOSORVEGLIANZA c) Proposta: ELEMENTI DI ARREDO URBANO *CURA E MANUTENZIONE d) Proposta: ILLUMINAZIONE DEL CENTRO *FORME DI COORDINAMENTO PUBBLICO - PRIVATO e) Proposta: RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE *INCENTIVI PER RISISTEMAZIONE FACCIATE *SERVIZI CULTURALI IN EDIFICI DI VALORE f) Proposta: SOCIALITÀ IN CENTRO *RIFUNZIONALIZZAZIONE LUOGHI SIGNIFICATIVI 14

15 V) INTEGRAZIONE DELLE NORMATIVE a) Proposta: DISPOSITIVI PER IL MIGLIORAMENTO DELL OFFERTA *ATTUAZIONE PIANI DI SETTORE (Pubblici Esercizi) *NUOVE NORMATIVE DI SETTORE (Orari Pubblici Esercizi) b) Proposta: DISPOSITIVI PER IL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE *CANONI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO *PROGETTI VALORIZZAZIONE COMMERCIALE DI AREE E IMPRESE (L.R.41/97) *SEMPLIFICAZIONI AMMINISTRATIVE *PROVVEDIMENTI SULLA FISCALITÀ LOCALE E SULLA NORMATIVA URBANISTICA ED EDILIZIA 15

16 5) CREAZIONE DEL SOGGETTO PUBBLICO/PRIVATO Lo strumento operativo I progetti di marketing urbano che non hanno previsto la costituzione di una società o Ente di promozione o di una agenzia di sviluppo del territorio, nel tempo hanno perso incisività e l attività si è andata via via riducendo. Non sono sufficienti le buone idee, le eccellenti intuizioni per far marciare un piano di marketing urbano. È necessario che qualcuno, in modo qualificato e costante si occupi di organizzazione, di coordinamento, di realizzazione e di monitoraggio delle diverse azioni. Per tale ragione, a nostro giudizio, è indispensabile prevedere la costituzione di un soggetto pubblico-privato (ATI, CONSORZIO, ASSOCIAZIONE) con queste funzioni: *Definizione degli indirizzi e dei programmi annuali di intervento *Programmazione e coordinamento delle iniziative per la promozione del territorio *Organizzazione di eventi e attività di animazione urbana *Iniziative per lo sviluppo della rete commerciale e del tessuto economico *Iniziative di promozione turistica e di valorizzazione del territorio *Comunicazione *Attività di monitoraggio Gli organi del soggetto Pubblico- privato Lo statuto prevederà quali organi dirigenti: l Assemblea, che rappresenterà l universalità dei soggetti partecipanti, il Consiglio Direttivo, la Presidenza. Il coordinamento operativo delle attività potrà essere affidato ad una società, un consulente, un referente comunale. 16

17 IL RUOLO DEGLI OPERATORI COMMERCIALI NELLA REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING URBANO 17

18 Il confronto, la collaborazione e la concertazione fra pubblico e privato, in particolare con le imprese del commercio, sono gli elementi fondamentali per garantire un buon successo al piano di marketing urbano. Solo così si possono individuare e mettere in campo i nuovi interventi per i Centri Commerciali Naturali che puntano alla valorizzazione del tessuto commerciale. Il piano di marketing pertanto non si limita unicamente ad un rilancio dell offerta commerciale ma diventa uno strumento che può imprimere valore aggiunto a tutto il tessuto urbano. In questo processo un ruolo determinante è attribuito alla rete dei negozi al dettaglio che da semplice spettatrice diventa protagonista nel processo di sviluppo della città. Non sono solo gli investimenti infrastrutturali o le macro opere, come la riqualificazione di piazze, di vie, ecc. a consentire lo sviluppo e la riqualificazione dei luoghi del commercio, condizione per altro indispensabile per assicurare il raggiungimento degli obiettivi che il piano di marketing si pone. Esistono, infatti, e qui le abbiamo individuate, una serie di azioni e di micro interventi a carico dei commercianti che concorrono a pieno titolo allo sviluppo economico di una città, di un centro storico, di un Centro Commerciale Naturale e che possono essere inclusi in una programmazione condivisa. L articolo 10 bis della Legge Regionale E.R. 41/97 ha istituito i Programmi di Intervento Locali (PIL) intesi come Piano di azioni coordinate ai fini dell adeguamento dell offerta e del miglioramento del servizio al consumatore. Cosa prevedono i PIL: Interventi volti a riqualificare le attività presenti nella zona, anche attraverso: introduzione di innovazioni nelle tecniche di vendita e nel servizio alla clientela (orari, informazioni, nuove tecnologie informatiche, ecc.) adeguamento di vetrine, arredamenti, insegne, ecc. formazione del personale e degli imprenditori su temi comuni di servizio 18

19 Interventi sulla mobilità della zona (studi sui flussi di traffico, modifiche dell accessibilità e della circolazione, anche ciclopedonale) e nella regolamentazione della sosta, interventi sul trasporto pubblico e creazione di zone di scambio tra mezzo privato e mezzo pubblico, ecc; Servizi comuni per la logistica, per l ottimizzazione della gestione dei rifiuti e per la creazione di servizi comuni a più imprese per le consegne a domicilio dei clienti, ecc; Interventi significativi di arredo urbano; Piano di marketing e comunicazione che può svilupparsi attraverso le seguenti attività: realizzazione di una immagine coordinata definizione di un piano di iniziative di comunicazione e animazione creazione di carte fedeltà o sistemi di fidelizzazione avanzati creazione di un sito internet dell Associazione attuazione di servizi di accoglienza alla persona Creazione di una struttura di supporto alla realizzazione del programma anche utilizzando i Centri di Assistenza Tecnica; Monitoraggio e valutazione dell efficacia degli interventi rispetto agli obiettivi del programma; Provvedimenti sulla fiscalità locale; Provvedimenti sulla normativa urbanistica ed edilizia; Acquisizione di immobili per attività commerciali. 19

20 AREE DI INTERVENTO E DETTAGLIO DELLE AZIONI REALIZZABILI 20

21 OBIETTIVO AUMENTARE L OFFERTA COMMERCIALE AZIONI - favorire nascita di negozi con nuove merceologie/servizi - favorire l apertura di nuove attività in aree non servite e di espansione urbanistica - favorire la specializzazione - favorire il rinnovo merceologico di vecchi esercizi, ricambio generazionale 21

22 OBIETTIVO QUALIFICARE L IMMAGINE AZIONI - immagine coordinata dei negozi - vetrine/riduzione serramenti ciechi - insegne/segnaletica: sistema di riconoscimento e di orientamento - colori tendoni - vetrofanie - colori facciate dei negozi - riqualificazione portici - tavoli e sedie dei pubblici esercizi - ristrutturazione dei negozi 22

23 OBIETTIVO AUMENTARE L ACCOGLIENZA, SERVIZI, L ATTRATTIVITÀ AZIONI - sperimentare nuovi orari/concomitanza eventi e iniziative - serate di apertura/domeniche di apertura - consegna spesa domicilio - piantine dei parcheggi - ticket per sosta gratuita - hostess e steward/informazione - musica in centro storico - istituzione aree gioco per bambini/mamme che fanno spesa - fruizione gratuita di biciclette - formule di promozione degli acquisti 23

24 - identificazione di aree di ritrovo strategiche - valorizzare/istituire punti di incontro in prossimità dei p.e. - piani di localizzazione delle attività e dell offerta - offerte per segmenti di mercato OBIETTIVO FAR RISALTARE LA PROFESSIONALITÀ/INNOVAZIONE/ AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO AZIONI - sviluppo della capacità di differenziarsi - aggredire gruppi omogenei di consumatori: offrire risposte coerenti con le attese dei vari target - lavorare insieme: convenzioni e contratti collettivi - organizzare incontri di sensibilizzazione 24

25 - organizzare percorsi di formazione/aggiornamento - favorire lo scambio di esperienze tramite il confronto con operatori di altre città - favorire la crescita professionale tramite l introduzione di nuovi sistemi e programmi di gestione del negozio/magazzino - creazione banca dati della clientela - adozione di programmi per il controllo di gestione OBIETTIVO PIANO DI MARKETING E PROMOZIONE DA AZIONI SINGOLE AD AZIONI COORDINATE AZIONI - creazione di un gruppo di lavoro permanente per piano di marketing - creazione di una immagine coordinata - piano di iniziative di animazione e comunicazione 25

26 - sito internet - servizi di accoglienza - iniziative comuni tra commercio fisso e commercio ambulante - esposizione merce fuori dai negozi - creazione di circuiti tra commercianti - iniziative di fidelizzazione: fidelity card - kit di benvenuto ai nuovi residenti comune/commercianti: promozione, sconti servizi e offerte - lotterie, concorsi a premi - vetrine a tema - partecipazione a fiere e mercati per promuovere l immagine della città OBIETTIVO COMUNICAZIONE AZIONI - creazione di un logo/marchio identificativo del centro commerciale naturale 26

27 - realizzazione di campagne pubblicitarie e di comunicazione integrata - realizzazione di una rivista del centro commerciale naturale e dell Associazione - creazione di un sito internet - invio periodico di newsletter 27

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto IL PERCORSO REALIZZATO STUDI DI BASE E ANALISI DEI CONSULENTI TAVOLO DI CONFRONTO

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Sintesi dei principali elementi dei progetti sperimentali non presentati singolarmente

Sintesi dei principali elementi dei progetti sperimentali non presentati singolarmente Osservatorio regionale del commercio LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Sintesi

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Dalla crisi un nuovo modello di sviluppo Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell

Dettagli

1. Programmi di intervento locali per la promozione e lʹattivazione di ʺCentri commerciali naturaliʺ

1. Programmi di intervento locali per la promozione e lʹattivazione di ʺCentri commerciali naturaliʺ INDIRIZZI E MODALITAʹ DI COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI DELEGATE ALLE PROVINCE IN MATERIA DI CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO PER LʹANNO 2009. 1. Programmi di intervento locali per la

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO. Un'opportunità di crescita per Comune, commercianti e cittadini

DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO. Un'opportunità di crescita per Comune, commercianti e cittadini Un'opportunità di crescita per Comune, commercianti e cittadini Un'opportunità di crescita per Comune, commercianti e cittadini Con Regolamento Regionale del 15 luglio 2011 n. 15, la Regione Puglia ha

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Allegato. Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda

Allegato. Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda Allegato Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda Pianura da Scoprire49 Indice Carta Europea Introduzione e piano d azione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia

Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia 4 Le Condizioni e i requisiti per lo start up dei CCN 2 1. Operatori: con volontà di azioni congiunte (investimento in iniziative di promozione

Dettagli

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Filippo BARETTI

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Filippo BARETTI Workshop Promozione della sostenibilitàenergetica. Qualitàdei dati per sostenere l azione a livello locale. Sessione 1 Dai dati alle azioni. Le strategie di pianificazione energetica a supporto delle Amministrazioni

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO Relazione Tecnica Settembre 2014 SOMMARIO 2 1 PREMESSA Il presente documento rappresenta la Relazione tecnica

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE 40 ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE Le attività di accoglienza ed di MARINA COSTA Negli incontri di formazione nel progetto Sportello per il Microcredito si sono affrontate diverse

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE Piano di azione integrato per la Rivitalizzazione Commerciale AREA DI INTERVENTO L area oggetto d intervento comprende le principali arterie viarie e commerciali limitrofe

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Principi Guida per la promozione di Progetti di Sviluppo per Destinazione e Prodotti Turistici Regionali e la costituzione e il riconoscimento

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

RUOLO E RIVITALIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Iginio Rossi Docente di Analisi economica urbana - Politecnico di Milano

RUOLO E RIVITALIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Iginio Rossi Docente di Analisi economica urbana - Politecnico di Milano INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE: TESTIMONIANZE PER LO SVILUPPO DELLA PROFUMERIA SELETTIVA Milano, 19 novembre 2007 RUOLO E RIVITALIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Iginio Rossi Docente di Analisi economica urbana

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2.

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2. BANDO 2011 - PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO, IN ATTUAZIONE DEL D.M. 17 APRILE 2008 (L. 266/1997, ART. 16, COMMA 1), DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE 1842/2008. AZIONE 2 - PROGETTI

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere Profilo STRATEGA si occupa dello sviluppo d impresa, seguendola passo a passo nella pianificazione marketing, studio della comunicazione e affiancamento vendita.

Dettagli

La ricetta ideale per una progettazione coerente PROGRAMMI BIBLIOTECONOMICI PROGETTI DI RIFUNZIONALIZZAZIONE STUDI DI FATTIBILITA

La ricetta ideale per una progettazione coerente PROGRAMMI BIBLIOTECONOMICI PROGETTI DI RIFUNZIONALIZZAZIONE STUDI DI FATTIBILITA La ricetta ideale per una progettazione coerente PROGRAMMI BIBLIOTECONOMICI PROGETTI DI RIFUNZIONALIZZAZIONE STUDI DI FATTIBILITA In questi 10 anni di esperienza acquisita, il CSBNO ha assunto le vesti

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

35 CATANIA CITTA METROPOLITANA

35 CATANIA CITTA METROPOLITANA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 35 CATANIA CITTA METROPOLITANA CT IDEA FORZA Caratteristiche Obiettivi Poiché le innovazioni (nel vivere e nell agire) avvengono in conseguenza di azioni che si svolgono

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Fare clic per inserire titolo

Fare clic per inserire titolo inserire titolo L Agenda Urbana nel POR FESR Emilia Romagna 2014-2020 del Morena sottotitolo Diazzi dello Autorità di Gestione La strategia del Programma e l attenzione ai territori Riprendere un percorso

Dettagli

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica La riqualificazione urbana Trasformazione della concezione urbanistica Nuova filosofia normativa: Dalla rigida prescrizione del PRG al modello PPP, alla capacità di coniugare due elementi: - l interesse

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDICE. Premessa...3 Attività continuative e istituzionali da realizzare nel corso dell anno...5

INDICE. Premessa...3 Attività continuative e istituzionali da realizzare nel corso dell anno...5 PIANO DELLE ATTIVITA 2009 Dicembre 2008 INDICE Premessa...3 Attività continuative e istituzionali da realizzare nel corso dell anno...5 1. Partecipazione ai tavoli di concertazione sui temi dello sviluppo

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione Newsletter n.70 Dicembre 2009 Approfondimento_10 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE III - INCLUSIONE SOCIALE E SERVIZI PER LA QUALITÀ DELLA VITA E L'ATTRATTIVITÀ TERRITORIALE Linee di intervento, azioni e stato

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Il Comune di Barletta, con sede in corso Vittorio Emanuele, rappresentato dal Sindaco ing. Nicola MAFFEI;

PROTOCOLLO D INTESA. Il Comune di Barletta, con sede in corso Vittorio Emanuele, rappresentato dal Sindaco ing. Nicola MAFFEI; PROTOCOLLO D INTESA Il Comune di Barletta, con sede in corso Vittorio Emanuele, rappresentato dal Sindaco ing. Nicola MAFFEI; l Associazione Industriali della Provincia di Bari Confindustria Bari - Sezione

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA AVVISO pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate alla redazione del PIANO CITTÀ PORTICI e contratto di valorizzazione

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate CARTA DI FIRENZE Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate Firenze, Palazzo Medici Sala Luca Giordano Giovedì 9 novembre 2006 CARTA DI FIRENZE per una

Dettagli

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Dipartimento VI - Politiche della programmazione e pianificazione del territorio U.O. 11 Interventi di Qualità RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Concorso internazionale di architettura per la trasformazione

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO.

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. Allegato A LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. 1. Premessa Indice 2. Funzioni e competenze

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 SINTESI 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle Attività

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

1. Tipologie commerciali e definizioni

1. Tipologie commerciali e definizioni Testo coordinato Allegato parte integrante alla deliberazione della Giunta provinciale n. 1339 di data 01 luglio 2013 come modificato dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 678 di data 09 maggio

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI IPOTESI PROGETTUALI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA FARMACIA COMUNALE 1.1 ANDAMENTO FARMACIA COMUNALE I Bilanci degli ultimi anni dell Azienda Speciale evidenziano, per

Dettagli

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL ( a cura di Paolo Bonelli) 1) La Legge Regionale 16 Aprile 2004, N 8, Norme per il turismo in Lombardia. La nuova

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli