INDICE DEI CONTENUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE DEI CONTENUTI"

Transcript

1 Indice dei Contenuti INDICE DEI CONTENUTI 1. COMUNE DI ARZANA ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE RAFFORZARE LA COESIONE SOCIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI BARISARDO ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA

2 Indice dei Contenuti MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI CARDEDU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI ELINI ANALISI DEL TERRITORIO

3 Indice dei Contenuti QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI JERZU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE

4 Indice dei Contenuti 6. COMUNE DI LANUSEI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI LOCERI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE

5 Indice dei Contenuti 1.5 POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI OSINI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI PERDASDEFOGU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO

6 Indice dei Contenuti LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI SEUI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI TERTENIA ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO

7 Indice dei Contenuti ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI ULASSAI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI USSASSAI

8 Indice dei Contenuti 1.1 ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO)

9 Indice dei Contenuti IL PIANO DI COMUNICAZIONE

10 1. COMUNE DI ARZANA 1.1 Analisi del territorio Quadro generale Provincia: Nuoro Subregione: Ogliastra Abitanti: Estensione: 163 Kmq Altitudine: 672 mt s.l.m. Posizione geografica: Arzana si trova nel versante sudorientale del Monte Idolo Come arrivare: da Cagliari, percorrere per circa 140 Km la S.S. 125; da Tortoli, percorrere per circa 25 Km la S.S. 198; da Olbia, via Nuoro (171 Km) Vocazione del territorio 10

11 A - Elementi geografici ed ambientali Il territorio di Arzana si estende dalla cima del Gennargentu fino alla piana di Tortolì, con un'appendice costiera che confina con la provincia di Cagliari. Nell'ambiente montano i tesori più preziosi. I tassi secolari, i ginepri, le ginestre che in primavera si vestono d'oro giallo. Gli endemismi vegetali come la digitale, preziosa per le sue proprietà terapeutiche. E poi ontani, corbezzoli cisti e lecci, habitat ideale di cinghiali, cervi e mufloni. Testimoni di un fiorente passato, le vestigia del villaggio nuragico di Ruinas sono visibili ancora oggi a 1300 mt s.l.m. Ad una quota inferiore ma sempre notevole, le rovine di Silisè ci dicono che anche i romani arrivarono fin quassù. Il suo territorio è molto vasto, ma sicuramente il settore più interessante è quello montano, compreso tra le sponde del Lago Alto Flumendosa e Punta La Marmora, dove si può trovare una flora costituita dalle specie più varie, che vanno dalle piante di erica, ai ciclamini, ai secolari tassi e ginepri e altre bellissime specie. Per la fauna, invece, si può vedere il muflone, l'aquila e il falco pellegrino, oltre ad altre numerose specie. B - Manifestazioni Convegno "Erbe medicinali della Sardegna", a maggio. Sagra del formaggio e gara di tosatura, a luglio. S. Giovanni Battista, il 24 giugno. San Vincenzo Ferreri, ultima domenica di agosto. "Il porcino d'oro" e "il novello d'oro": sagra e competizione gastronomica, a novembre. A cent'annus e prusu: festa per gli anziani, a dicembre. C - Patrimonio storico archeologico Di notevole interesse archeologico sono i monumenti di pietra, da quelli neolitici delle domus de janas di Perdixi alle numerose testimonianze nuragiche di Unturgiadore, Sa' e Corrocce, Sa Tanca, Ruinas, a cui si 11

12 associano i meno evidenti resti di villaggi di capanne e i ruderi di tombe megalitiche in rovina. A Tedderieddu e nel villaggio scomparso di Silisé permangono tracce di insediamenti di età romana come l'impianto termale venuto alla luce dentro il paese nella zona di Su Bangiu. Nel XVI secolo, era stato abbandonato il villaggio medioevale che ha lasciato tracce cospique vicino al complesso nuragico di Ruinas. Medioevale è anche la croce di bronzo, conservata nella chiesa della parrocchia, che si vuole sia stata trovata a Silisé. Dentro la chiesa, intitolata a San Giovanni Battista, si conserva un ostensorio del Seicento, attribuito al maestro cagliaritano Antioco Canavera, di particolare valore artistico Analisi settoriale A - Il tessuto produttivo/commerciale L area in questione è caratterizzata dall esiguità e dalla non omogenea distribuzione sul territorio della base imprenditoriale. Emerge una terziarizzazione dell economia che investe soprattutto il commercio; poco significativo risulta essere il ramo delle attività immobiliare e informatico. L incidenza del settore manifatturiero risulta significativo per le attività di fabbricazione della pasta-carta, per la fabbricazione dei prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi e per la fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo. L agricoltura in questa zona è organizzata sostanzialmente attraverso due modelli: il primo di essi fa capo ad imprese medio-piccole a conduzione diretta con indirizzo agro-zootecnico-viticolo che sono in condizioni di sfruttare al meglio le possibilità irrigue e che, in attesa che esse diventino operanti, si orienta su una agricoltura seminativa in asciutto. Il secondo modello si poggia su una realtà già irrigua, con aziende prevalentemente piccole e con indirizzi caratterizzati dall olivo, dalla vite, dagli ortaggi da pieno campo irrigati con acque di sorgenti e da una limitata presenza di seminativi con frutteti misti ad essenze forestali 12

13 Per quanto riguarda il profilo turistico, l offerta alberghiera consta di 47 camere con 94 posti letto Punti di Forza e Debolezza A - Punti di forza del Comune di Arzana Permangono criticità acute e diffuse sia nel sistema delle imprese e nell approccio al mercato, che nel contesto generale (popolazione enti pubblici infrastrutture formazione). Invecchiamento progressivo della comunità. Debolezza e frammentazione delle filiere agrozootecniche e diffusione del sommerso. B - Punti di debolezza del Comune di Arzana Risorse naturali, ambientali e storico-culturali di notevole varietà e rilevanza. In quanto caratterizzanti il territorio della Provincia, mantengono sotto il profilo della potenzialità economica valore elevato, soprattutto in confronto con aree d Italia e d Europa sempre più affette da alta densità abitativa e inquinamento. La forte vocazione naturalistica del Nuorese è peraltro sempre più percepita, in relazione alle possibilità di sviluppo di attività imprenditoriali finalizzate alla valorizzazione economica (equilibrata) delle risorse. Diffusa presenza di attività produttive tradizionali, con elevati standard di qualità e genuinità. Le produzioni tradizionali, basate su saperi locali accumulati nel tempo: (agroalimentare, artigianato e, più di recente, anche attività di servizio collegate al turismo) stanno rispondendo in misura crescente quanto meno in termini di genuinità e qualità alta alle esigenze di fasce di domanda interessate. Elevata specializzazione, in prospettiva, nel settore turistico e nelle produzioni tipiche. Nel turismo, il settore continua del resto a conseguire promettenti risultati, in termini non solo di attività ma anche di qualità delle strutture ricettive. L elevato potenziale rimane tuttavia non utilizzato; vi è la possibilità di attivare ulteriori iniziative produttive, nonché di potenziare quelle valide già 13

14 esistenti (nel rispetto del vincolo ambientale). Nel turismo e nelle produzioni tipiche risiede il sentiero di sviluppo prevalente certo non l unico che l imprenditoria locale può realisticamente percorrere Minacce ed opportunità A - Opportunità per il Comune di Arzana Deterioramento del capitale conoscitivo locale. Carente integrazione tra ambiente e turismo. Concorrenza di altre aree regionali con più forte struttura economica. B - Minacce per il Comune di Arzana Possibilità di attivare percorsi turistici integrati fra le diverse aree grazie alla rete dei centri abitati, dei beni culturali e delle aree forestali gestite. Alto numero di immobili potenzialmente disponibili per l uso turistico. Presenza di potenziali itinerari eno-gastronomici. 14

15 1.2 Analisi della domanda del territorio La dinamica demografica Si tratta di un comune con forti problemi demografici. Fino a tutti gli anni 70, un saldo naturale decisamente positivo aveva in parte tamponato le perdite; ma, a partire dagli anni 80, anche questa capacità di resistenza è venuta meno: nell ultimo decennio, anzi, il numero dei nati non riesce neppure a compensare quello dei deceduti. Con queste caratteristiche evolutive, le previsioni per gli anni a venire non sono certo confortanti: il trend è decisamente negativo e, se prevalessero i fattori meno favorevoli ad uno sviluppo demografico, nel 2016 la popolazione residente scenderebbe al di sotto delle 2mila unità. D altro canto, se anche si verificassero le condizioni più favorevoli, la popolazione crescerebbe pochissimo, rimanendo praticamente invariata e non riuscendo comunque a risalire al di sopra delle 3mila unità. L analisi della distribuzione della popolazione per classi d età evidenzia fenomeni noti, quali quello del progressivo invecchiamento. Si può richiamare qualche dato, giusto per dare un idea della misura di tale fenomeno: gli abitanti di età inferiore ai 14 anni erano 941 nel 1961 e potrebbero ridursi a soli 279 nel 2016; per converso, gli anziani di 65 anni e più, che erano 370 nel 1961, secondo sarebbero 664 nel Area di business I settori produttivi dove necessariamente si evidenziano elevati margini di crescita risultano essere: settore zootecnico: il settore sta superando una delle crisi sanitarie più difficili degli ultimi anni, ed i segmenti di maggiore specializzazione sono quello ovino, caprino, suino, cui va aggiunto il settore avicolo, che ha conosciuto nell ultimo decennio una crescita rilevante; 15

16 settore alimentare:la rilevanza di tale settore caratterizza tutti i comuni dell area, in considerazione anche del profondo legame con l attività agricola e zootecnica; settore turistico: gli elementi principali di interesse turistico sono riconducibili al ricco patrimonio ambientale e naturalistico, ancora largamente intatto, ma anche al patrimonio culturale del territorio, caratterizzato da tratti di marcata originalità. 1.3 Analisi delle offerte territoriali concorrenti Il territorio delimitante la Gallura, nella Sardegna nord-orientale, si attesta come principale concorrente dell area Ogliastra, nella quale Arzana ricade, in considerazione sia dello sviluppo già raggiunto che dei potenziali di crescita rilevanti che l area stessa evidenzia. In particolare, la Costa Smeralda, si trova nella zona nord-orientale della Sardegna, in Gallura. Sostanzialmente segue l'andamento della strada panoramica che porta da Cugnana a Baia Sardinia. La morfologia costiera, detta "a rias", presenta innumerevoli rientranze, promontori, cale, isole e faraglioni. Nonostante i massicci interventi di sfruttamento turistico, la zona mantiene sempre un fascino notevolissimo, grazie alle incredibili colorazioni del mare, alle rocce granitiche talvolta foggiate dal tempo in modi bizzarri, alle splendide spiaggette e ad una lussureggiante vegetazione mediterranea. E' una terra ricca di rocce granitiche di oltre 300 milioni di anni fa che, levigate dal mare e dal vento, hanno assunto aspetti singolari, soprattutto sembianze di animali, quasi fossero state modellate ad arte. Il granito è l'elemento più rappresentativo della zona e ne costituisce l'inconfondibile ossatura, sia sotto l'aspetto di vera e propria catena montuosa, sia con le straordinarie cascate di massi che costituiscono le sue scogliere. La Gallura è nota nel mondo soprattutto per la presenza della Costa Smeralda con le sue movimentate scogliere e le sue splendide spiagge; ma 16

17 in realtà tutto il territorio, è ricco di coste e spiagge di grande bellezza paesaggistico-naturalistica, dotate di ottime infrastrutture turistiche. Sul piano archeologico è sede della cultura "dei circoli megalitici" o "di Arzachena", una testimonianza che si fa risalire al III millennio a.c., e che presenta caratteri di assoluta originalità all'interno delle varie fasi preistoriche della Sardegna. La Gallura si distingue nettamente dal resto della Sardegna per il suo patrimonio boschivo, costituito da quercia e da alberi di sughero, oltre che da un rigoglioso sottobosco di erica, corbezzolo, ginestra, lilastro. L'artigianato, soprattutto del sughero e tessile, la lavorazione del granito, la pesca, la caccia, la produzione del Vermentino, i particolari tipi di insaccati (salami, salsicce, prosciutti), diverse specialità gastronomiche (ziminu, suppa cuata, mazzafrissa, pulilgioni), sono il frutto della laboriosità delle genti di Gallura. 1.4 Strategie di marketing territoriale Gli assetti produttivi dell Ogliastra e di Arzana nello specifico sono determinati da situazioni strutturali non risolvibili se non a lungo termine. La sola offerta di opportunità economiche non è comunque sufficiente. La forza di attrazione delle aree è già adesso e sarà ancora di più in futuro tale da non consentire credibili azioni di protezione dei territori a meno di non operare un radicale cambiamento nell impostazione degli interventi. Un atteggiamento di difesa è sicuramente perdente, è indispensabile invece ricostruire i legami sociali e culturali non sulla base di atteggiamenti di chiusura e difesa della propria identità, ma come affermazione positiva del radicamento in un territorio. Per arrivare a questo risultato, non è sufficiente valorizzare i prodotti tipici o proporne di innovativi. Nel contesto ogliastrino, la valorizzazione dei prodotti è un passaggio fondamentale, anzi decisivo, ma deve essere inserito in un quadro più ampio, che deve integrare le singole iniziative pilota per produrre un intervento complessivo costruito non su illusioni di difesa che producono solo chiusura agli stimoli esterni ma, piuttosto, sulla volontà di favorire una ridefinizione in positivo del senso di 17

18 appartenenza collettiva al territorio. Le azioni dovranno essere progettate per aprire e mettere in contatto operatori, comunità, spazi vissuti, che tendono attualmente a fare vita propria e separata dal territorio complessivo, ma anche e soprattutto per stimolare un processo di ricostruzione dell identità fondata sulla qualità della vita e del produrre, sulle scelte meditate ed organizzate piuttosto che sullo sforzo di interdizione delle attività altrui. Le azioni di valorizzazione dei prodotti, di certificazione delle filiere, il completamento delle stesse filiere, sono quindi finalizzate non solo alla costruzione di una offerta di prodotti tipici che attualmente non è significativa, ma soprattutto all attivazione ed al rafforzamento delle reti di coesione la cui presenza rappresenta l unica possibilità per avviare un processo di crescita sociale e culturale tale da consentire un reale miglioramento nelle condizioni della vita economica e sociale. Obiettivo generale Strategia Obiettivo specifico Linea d intervento Obiettivo specifico Linea d intervento Obiettivo specifico Linea d intervento Reti integrate per la coesione sociale ed economica di Arzena Migliorare la qualità della vita economica e sociale rafforzando un senso di identità e di appartenenza all area fondato sulla qualità della vita e delle produzioni e consolidando la consuetudine alla collaborazione ed al partenariato tra i soggetti che operano nel territorio Attivazione delle reti di coesione con particolare attenzione alla valorizzazione dei prodotti tipici e del territorio e delle reti sociali per favorire la modificazione degli assetti economici, sociali e culturali attuali Sostenere la coesione dei settori di attività e del territorio per migliorare la capacità organizzativa Coesione economica Coesione sociale e formativa Coesione del territorio Rafforzare la coesione economica Integrazione e rafforzamento delle filiere produttive Qualità delle produzioni Valorizzazione prodotti tipici innovativi Reti di commercializzazione su breve raggio Promozione del territorio interna ed esterna Rafforzare la coesione sociale Servizi per la coesione Valorizzazione dell ambiente Valorizzazione delle risorse culturali Il miglioramento della qualità della vita è interpretato, quindi, non solo come il risultato di un incremento quantitativo dei servizi e/o delle opportunità di 18

19 valorizzazione di prodotti ed aree. La concezione di rete di tutte le iniziative è finalizzata al rafforzamento della consuetudine alla collaborazione tra i soggetti operanti nel territorio fino a rendere scontata la necessità di attivare reti di partenariato non solo formali. L attuazione delle Azioni/interventi previsti dovrà generare un processo di mobilitazione sociale, da attivare grazie alle reti di sostegno alla coesione del territorio che assumono un ruolo centrale nell articolazione complessiva del piano di sviluppo locale. Nel rispetto di quanto previsto sia dal Programma LEADER + Sardegna che dal Complemento di Programma LEADER +, le Azioni/Intervento previste dovranno essere sviluppate attraversando i diversi temi catalizzatori per costruire delle reti di relazioni finalizzate al miglioramento della qualità della vita nell area grazie all offerta di una serie di attività legate ai settori produttivi tradizionali, alla valorizzazione dell ambiente, al miglioramento di servizi essenziali come i trasporti, che in definitiva devono motivare i residenti non soltanto a restare nel territorio ma anche a ridefinire in senso positivo l identità locale, attualmente frammentata nelle specificità dei singoli comuni. 1.5 Politiche di marketing mix territoriali Interventi nell area delle componenti del territorio: definizione pacchetto localizzativi (prodotto e territorio) 1 - Miglioramento e valorizzazione del sistema produttivo locale a) Miglioramento ambientale e produttivo dell allevamento suino: realizzazione di piccoli allevamenti suini in regime semibrado, integrati con strutture di accrescimento ed ingrasso presso aree da destinare allo scopo. b) Miglioramento ambientale e produttivo dell allevamento caprino:sostegno all adozione di sistemi di tracciabilità all interno delle aziende di allevamento caprino e stabilizzazione delle imprese operanti nel settore. 19

20 c) Miglioramento aziendale delle strutture produttive nel settore agroalimentare: creazione di piccole iniziative e supporto all attività di aziende nel settore caseario e della lavorazione delle carni tipiche. d) Attivazione di circuiti locali di commercializzazione:adozione di mezzi di trasporto idonei a garantire il mantenimento delle caratteristiche qualitative dei prodotti agroalimentari 2 - Miglioramento della qualità della vita a) Servizi di trasporto a chiamata: realizzazione di un servizio di pubblica utilità di trasporto a chiamata con prenotazione telefonica, capace di garantire la micro e macro accessibilità, ossia la mobilità all interno del territorio e verso l esterno in connessione con il sistema regionale b) Rete per l orientamento alla autoimprenditorialità di giovani e donne. 3 - Valorizzazione delle risorse naturali e culturali a) Sviluppare nuove forma di fruizione economica che si integrino rispetto all utilizzo tradizionale e si inseriscano in una logica di sistema economico territoriale integrato. b) Itinerari di turismo naturalistico: creazione di circuiti turistici per itinerari che valorizzino le specificità naturalistiche ed ambientali della zona mediante la predisposizione di apposite aree, la dotazione di spazi e attrezzature per escursionismo, arrampicata sportiva, mountain bike, turismo a cavallo. c) Realizzazione di aree attrezzate per i camper. d) Interventi per la valorizzazione della cultura materiale tradizionale attraverso la realizzazione di itinerari enogastronomici: attività di promozione del territorio attraverso lo studio di tracciati escursionistici e stradali che colleghino aziende agricole, artigiane, strutture ricettive e di ristorazione, punti vendita di prodotti tipici. 20

21 4 - Rafforzamento della competitività nell ambito dei Piani di Sviluppo Locale a) Attività di promozione del territorio: iniziative di promozione consistenti nella produzione di materiali pubblicitari ed informativi e nell attivazione di occasioni di incontro con gli operatori di settore. b) Costruzione della base informativa su risorse e potenzialità dell area: realizzazione di una mappatura fine della struttura produttiva, delle caratteristiche socioeconomiche, del patrimonio ambientale e archeologico-culturale dell area Il Piano di comunicazione Il Piano di Comunicazione per il Comune di Arzana si svilupperà in tre direttrici: comunicazione istituzionale dell area complessiva; comunicazione più specifica relazionata ai diversi target dell offerta; comunicazione interna verso gli operatori. A - Comunicazione istituzionale dell area complessiva Questa linea di comunicazione sarà prevalentemente sviluppata attraverso attività rivolte al pubblico generale, esterno rispetto al Comune di Arzana, nell ottica di un miglioramento della sua visibilità. Lo sviluppo di questa linea di comunicazione presuppone la scelta del posizionamento competitivo del Comune di Arzana, ossia l individuazione di quelle caratteristiche dominanti che possono essere evidenziate per differenziarlo rispetto alle altre mete turistiche e di insediamento produttivo. Una volta stabilito il posizionamento, questo deve essere comunicato in modo chiaro ed efficace. A) Definizione di un marchio. La forma grafica e verbale con la quale verrà comunicato il 21

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO quando tradizione, passione e innovazione diventano sapere d impresa 1 L azienda agricola L azienda agricola biologica Nicola Romano si trova nel Parco Nazionale

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati 2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI 2.1. Inquadramento L inquadramento socio - economico del territorio oggetto di analisi permette di cogliere alcuni suoi aspetti fondamentali. Anche se non direttamente

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 delibera della Giunta Regionale n. 5/21784 del 23 Aprile 1992 la gestione armonica del territorio in funzione della sua salvaguardia

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE L analisi delle diverse indagini conoscitive effettuate e riportate dai diversi esperti nel Piano di Assetto

Dettagli

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico Torre di Mosto, 12 novembre 2015 VeGAL: il PSL risultati 2007/13 ll Programma di Sviluppo Locale (PSL) Itinerari, paesaggi e prodotti della terra gestito

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) La valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali nella Grande Distribuzione Imprese agroalimentari sul totale delle imprese censite Addetti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile.

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. Carta di Valorizzazione del Territorio DNV Certification La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. DNV e la Carta di Valorizzazione del Territorio. MANAGING RISK Valorizzare il Territorio:

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

COSA E IL GAL IL GAL MURGIA PIU COSA E STATO FINANZIATO

COSA E IL GAL IL GAL MURGIA PIU COSA E STATO FINANZIATO COSA E IL GAL GAL significa Gruppo di Azione Locale. Tre parole che insieme danno il senso della missione che l Unione Europea ha affidato a questi organismi, nati per aiutare il territorio a crescere

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE 40 ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE Le attività di accoglienza ed di MARINA COSTA Negli incontri di formazione nel progetto Sportello per il Microcredito si sono affrontate diverse

Dettagli

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l.

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l. Turismo Lento Cosa è e quali opportunità offre ai territori? - Punto 3 s.r.l. 1 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di Ferrara 2000 Master in Gestione Integrata dell ambiente presso lo IUSS

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda Come Arrivare Costa Rossa Sardegna è la nuova espressione identitaria di Trinità d Agultu e Vignola, comune nel Nord Sardegna situato in Gallura, di grande interesse turistico, in provincia di Olbia -

Dettagli

SARDEGNA LE SPIAGGE PIU BELLE D ITALIA

SARDEGNA LE SPIAGGE PIU BELLE D ITALIA SARDEGNA LE SPIAGGE PIU BELLE D ITALIA CARTINA FISICA La Sardeg na ha cos te roccios e che s ono s tate modellate dal v ento e dal mare. Nell entroterra s i trov ano g ruppi montuos i. La s ua pianura

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 10 ottobre 2014 Anno 2013 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2013 il numero delle aziende agrituristiche (aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo) è pari a 20.897, 423 in più rispetto

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

NAUTICA & TURISMO Pag. 1

NAUTICA & TURISMO Pag. 1 Pag. 1 C AMPAGNA DI C OMUNICAZIONE PER LA N AUTICA ED IL T URISMO COSTIERO Piano per la qualificazione dell immagine nazionale e internazionale del turismo e della nautica da diporto ATTORI Pubbliche amministrazioni,

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali ADRIATIC IONIAN INTIATIVE: SUSTAINABLE CHILD AND YOUTH TOURISM FOR RURAL DEVELOPMENT IN ADRIATIC- IONIAN REGION Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali International

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo?

Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo? Mare, terra, filiera corta: quali opportunità per l agroalimentare costiero di qualità? Olbia, 17 giugno 2011 Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo? Pietro Pulina

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli