INDICE DEI CONTENUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE DEI CONTENUTI"

Transcript

1 Indice dei Contenuti INDICE DEI CONTENUTI 1. COMUNE DI ARZANA ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE RAFFORZARE LA COESIONE SOCIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI BARISARDO ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA

2 Indice dei Contenuti MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI CARDEDU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI ELINI ANALISI DEL TERRITORIO

3 Indice dei Contenuti QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI JERZU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE

4 Indice dei Contenuti 6. COMUNE DI LANUSEI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI LOCERI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE

5 Indice dei Contenuti 1.5 POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI OSINI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI PERDASDEFOGU ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO

6 Indice dei Contenuti LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI SEUI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI TERTENIA ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO

7 Indice dei Contenuti ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI ULASSAI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI USSASSAI

8 Indice dei Contenuti 1.1 ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO) IL PIANO DI COMUNICAZIONE COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI ANALISI DEL TERRITORIO QUADRO GENERALE VOCAZIONE DEL TERRITORIO ANALISI SETTORIALE PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA MINACCE ED OPPORTUNITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DEL TERRITORIO LA DINAMICA DEMOGRAFICA AREA DI BUSINESS DEL TERRITORIO ANALISI DELLE OFFERTE TERRITORIALI CONCORRENTI STRATEGIE DI MARKETING TERRITORIALE POLITICHE DI MARKETING MIX TERRITORIALI INTERVENTI NELL AREA DELLE COMPONENTI DEL TERRITORIO: DEFINIZIONE PACCHETTO LOCALIZZATIVI (PRODOTTO E TERRITORIO)

9 Indice dei Contenuti IL PIANO DI COMUNICAZIONE

10 1. COMUNE DI ARZANA 1.1 Analisi del territorio Quadro generale Provincia: Nuoro Subregione: Ogliastra Abitanti: Estensione: 163 Kmq Altitudine: 672 mt s.l.m. Posizione geografica: Arzana si trova nel versante sudorientale del Monte Idolo Come arrivare: da Cagliari, percorrere per circa 140 Km la S.S. 125; da Tortoli, percorrere per circa 25 Km la S.S. 198; da Olbia, via Nuoro (171 Km) Vocazione del territorio 10

11 A - Elementi geografici ed ambientali Il territorio di Arzana si estende dalla cima del Gennargentu fino alla piana di Tortolì, con un'appendice costiera che confina con la provincia di Cagliari. Nell'ambiente montano i tesori più preziosi. I tassi secolari, i ginepri, le ginestre che in primavera si vestono d'oro giallo. Gli endemismi vegetali come la digitale, preziosa per le sue proprietà terapeutiche. E poi ontani, corbezzoli cisti e lecci, habitat ideale di cinghiali, cervi e mufloni. Testimoni di un fiorente passato, le vestigia del villaggio nuragico di Ruinas sono visibili ancora oggi a 1300 mt s.l.m. Ad una quota inferiore ma sempre notevole, le rovine di Silisè ci dicono che anche i romani arrivarono fin quassù. Il suo territorio è molto vasto, ma sicuramente il settore più interessante è quello montano, compreso tra le sponde del Lago Alto Flumendosa e Punta La Marmora, dove si può trovare una flora costituita dalle specie più varie, che vanno dalle piante di erica, ai ciclamini, ai secolari tassi e ginepri e altre bellissime specie. Per la fauna, invece, si può vedere il muflone, l'aquila e il falco pellegrino, oltre ad altre numerose specie. B - Manifestazioni Convegno "Erbe medicinali della Sardegna", a maggio. Sagra del formaggio e gara di tosatura, a luglio. S. Giovanni Battista, il 24 giugno. San Vincenzo Ferreri, ultima domenica di agosto. "Il porcino d'oro" e "il novello d'oro": sagra e competizione gastronomica, a novembre. A cent'annus e prusu: festa per gli anziani, a dicembre. C - Patrimonio storico archeologico Di notevole interesse archeologico sono i monumenti di pietra, da quelli neolitici delle domus de janas di Perdixi alle numerose testimonianze nuragiche di Unturgiadore, Sa' e Corrocce, Sa Tanca, Ruinas, a cui si 11

12 associano i meno evidenti resti di villaggi di capanne e i ruderi di tombe megalitiche in rovina. A Tedderieddu e nel villaggio scomparso di Silisé permangono tracce di insediamenti di età romana come l'impianto termale venuto alla luce dentro il paese nella zona di Su Bangiu. Nel XVI secolo, era stato abbandonato il villaggio medioevale che ha lasciato tracce cospique vicino al complesso nuragico di Ruinas. Medioevale è anche la croce di bronzo, conservata nella chiesa della parrocchia, che si vuole sia stata trovata a Silisé. Dentro la chiesa, intitolata a San Giovanni Battista, si conserva un ostensorio del Seicento, attribuito al maestro cagliaritano Antioco Canavera, di particolare valore artistico Analisi settoriale A - Il tessuto produttivo/commerciale L area in questione è caratterizzata dall esiguità e dalla non omogenea distribuzione sul territorio della base imprenditoriale. Emerge una terziarizzazione dell economia che investe soprattutto il commercio; poco significativo risulta essere il ramo delle attività immobiliare e informatico. L incidenza del settore manifatturiero risulta significativo per le attività di fabbricazione della pasta-carta, per la fabbricazione dei prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi e per la fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo. L agricoltura in questa zona è organizzata sostanzialmente attraverso due modelli: il primo di essi fa capo ad imprese medio-piccole a conduzione diretta con indirizzo agro-zootecnico-viticolo che sono in condizioni di sfruttare al meglio le possibilità irrigue e che, in attesa che esse diventino operanti, si orienta su una agricoltura seminativa in asciutto. Il secondo modello si poggia su una realtà già irrigua, con aziende prevalentemente piccole e con indirizzi caratterizzati dall olivo, dalla vite, dagli ortaggi da pieno campo irrigati con acque di sorgenti e da una limitata presenza di seminativi con frutteti misti ad essenze forestali 12

13 Per quanto riguarda il profilo turistico, l offerta alberghiera consta di 47 camere con 94 posti letto Punti di Forza e Debolezza A - Punti di forza del Comune di Arzana Permangono criticità acute e diffuse sia nel sistema delle imprese e nell approccio al mercato, che nel contesto generale (popolazione enti pubblici infrastrutture formazione). Invecchiamento progressivo della comunità. Debolezza e frammentazione delle filiere agrozootecniche e diffusione del sommerso. B - Punti di debolezza del Comune di Arzana Risorse naturali, ambientali e storico-culturali di notevole varietà e rilevanza. In quanto caratterizzanti il territorio della Provincia, mantengono sotto il profilo della potenzialità economica valore elevato, soprattutto in confronto con aree d Italia e d Europa sempre più affette da alta densità abitativa e inquinamento. La forte vocazione naturalistica del Nuorese è peraltro sempre più percepita, in relazione alle possibilità di sviluppo di attività imprenditoriali finalizzate alla valorizzazione economica (equilibrata) delle risorse. Diffusa presenza di attività produttive tradizionali, con elevati standard di qualità e genuinità. Le produzioni tradizionali, basate su saperi locali accumulati nel tempo: (agroalimentare, artigianato e, più di recente, anche attività di servizio collegate al turismo) stanno rispondendo in misura crescente quanto meno in termini di genuinità e qualità alta alle esigenze di fasce di domanda interessate. Elevata specializzazione, in prospettiva, nel settore turistico e nelle produzioni tipiche. Nel turismo, il settore continua del resto a conseguire promettenti risultati, in termini non solo di attività ma anche di qualità delle strutture ricettive. L elevato potenziale rimane tuttavia non utilizzato; vi è la possibilità di attivare ulteriori iniziative produttive, nonché di potenziare quelle valide già 13

14 esistenti (nel rispetto del vincolo ambientale). Nel turismo e nelle produzioni tipiche risiede il sentiero di sviluppo prevalente certo non l unico che l imprenditoria locale può realisticamente percorrere Minacce ed opportunità A - Opportunità per il Comune di Arzana Deterioramento del capitale conoscitivo locale. Carente integrazione tra ambiente e turismo. Concorrenza di altre aree regionali con più forte struttura economica. B - Minacce per il Comune di Arzana Possibilità di attivare percorsi turistici integrati fra le diverse aree grazie alla rete dei centri abitati, dei beni culturali e delle aree forestali gestite. Alto numero di immobili potenzialmente disponibili per l uso turistico. Presenza di potenziali itinerari eno-gastronomici. 14

15 1.2 Analisi della domanda del territorio La dinamica demografica Si tratta di un comune con forti problemi demografici. Fino a tutti gli anni 70, un saldo naturale decisamente positivo aveva in parte tamponato le perdite; ma, a partire dagli anni 80, anche questa capacità di resistenza è venuta meno: nell ultimo decennio, anzi, il numero dei nati non riesce neppure a compensare quello dei deceduti. Con queste caratteristiche evolutive, le previsioni per gli anni a venire non sono certo confortanti: il trend è decisamente negativo e, se prevalessero i fattori meno favorevoli ad uno sviluppo demografico, nel 2016 la popolazione residente scenderebbe al di sotto delle 2mila unità. D altro canto, se anche si verificassero le condizioni più favorevoli, la popolazione crescerebbe pochissimo, rimanendo praticamente invariata e non riuscendo comunque a risalire al di sopra delle 3mila unità. L analisi della distribuzione della popolazione per classi d età evidenzia fenomeni noti, quali quello del progressivo invecchiamento. Si può richiamare qualche dato, giusto per dare un idea della misura di tale fenomeno: gli abitanti di età inferiore ai 14 anni erano 941 nel 1961 e potrebbero ridursi a soli 279 nel 2016; per converso, gli anziani di 65 anni e più, che erano 370 nel 1961, secondo sarebbero 664 nel Area di business I settori produttivi dove necessariamente si evidenziano elevati margini di crescita risultano essere: settore zootecnico: il settore sta superando una delle crisi sanitarie più difficili degli ultimi anni, ed i segmenti di maggiore specializzazione sono quello ovino, caprino, suino, cui va aggiunto il settore avicolo, che ha conosciuto nell ultimo decennio una crescita rilevante; 15

16 settore alimentare:la rilevanza di tale settore caratterizza tutti i comuni dell area, in considerazione anche del profondo legame con l attività agricola e zootecnica; settore turistico: gli elementi principali di interesse turistico sono riconducibili al ricco patrimonio ambientale e naturalistico, ancora largamente intatto, ma anche al patrimonio culturale del territorio, caratterizzato da tratti di marcata originalità. 1.3 Analisi delle offerte territoriali concorrenti Il territorio delimitante la Gallura, nella Sardegna nord-orientale, si attesta come principale concorrente dell area Ogliastra, nella quale Arzana ricade, in considerazione sia dello sviluppo già raggiunto che dei potenziali di crescita rilevanti che l area stessa evidenzia. In particolare, la Costa Smeralda, si trova nella zona nord-orientale della Sardegna, in Gallura. Sostanzialmente segue l'andamento della strada panoramica che porta da Cugnana a Baia Sardinia. La morfologia costiera, detta "a rias", presenta innumerevoli rientranze, promontori, cale, isole e faraglioni. Nonostante i massicci interventi di sfruttamento turistico, la zona mantiene sempre un fascino notevolissimo, grazie alle incredibili colorazioni del mare, alle rocce granitiche talvolta foggiate dal tempo in modi bizzarri, alle splendide spiaggette e ad una lussureggiante vegetazione mediterranea. E' una terra ricca di rocce granitiche di oltre 300 milioni di anni fa che, levigate dal mare e dal vento, hanno assunto aspetti singolari, soprattutto sembianze di animali, quasi fossero state modellate ad arte. Il granito è l'elemento più rappresentativo della zona e ne costituisce l'inconfondibile ossatura, sia sotto l'aspetto di vera e propria catena montuosa, sia con le straordinarie cascate di massi che costituiscono le sue scogliere. La Gallura è nota nel mondo soprattutto per la presenza della Costa Smeralda con le sue movimentate scogliere e le sue splendide spiagge; ma 16

17 in realtà tutto il territorio, è ricco di coste e spiagge di grande bellezza paesaggistico-naturalistica, dotate di ottime infrastrutture turistiche. Sul piano archeologico è sede della cultura "dei circoli megalitici" o "di Arzachena", una testimonianza che si fa risalire al III millennio a.c., e che presenta caratteri di assoluta originalità all'interno delle varie fasi preistoriche della Sardegna. La Gallura si distingue nettamente dal resto della Sardegna per il suo patrimonio boschivo, costituito da quercia e da alberi di sughero, oltre che da un rigoglioso sottobosco di erica, corbezzolo, ginestra, lilastro. L'artigianato, soprattutto del sughero e tessile, la lavorazione del granito, la pesca, la caccia, la produzione del Vermentino, i particolari tipi di insaccati (salami, salsicce, prosciutti), diverse specialità gastronomiche (ziminu, suppa cuata, mazzafrissa, pulilgioni), sono il frutto della laboriosità delle genti di Gallura. 1.4 Strategie di marketing territoriale Gli assetti produttivi dell Ogliastra e di Arzana nello specifico sono determinati da situazioni strutturali non risolvibili se non a lungo termine. La sola offerta di opportunità economiche non è comunque sufficiente. La forza di attrazione delle aree è già adesso e sarà ancora di più in futuro tale da non consentire credibili azioni di protezione dei territori a meno di non operare un radicale cambiamento nell impostazione degli interventi. Un atteggiamento di difesa è sicuramente perdente, è indispensabile invece ricostruire i legami sociali e culturali non sulla base di atteggiamenti di chiusura e difesa della propria identità, ma come affermazione positiva del radicamento in un territorio. Per arrivare a questo risultato, non è sufficiente valorizzare i prodotti tipici o proporne di innovativi. Nel contesto ogliastrino, la valorizzazione dei prodotti è un passaggio fondamentale, anzi decisivo, ma deve essere inserito in un quadro più ampio, che deve integrare le singole iniziative pilota per produrre un intervento complessivo costruito non su illusioni di difesa che producono solo chiusura agli stimoli esterni ma, piuttosto, sulla volontà di favorire una ridefinizione in positivo del senso di 17

18 appartenenza collettiva al territorio. Le azioni dovranno essere progettate per aprire e mettere in contatto operatori, comunità, spazi vissuti, che tendono attualmente a fare vita propria e separata dal territorio complessivo, ma anche e soprattutto per stimolare un processo di ricostruzione dell identità fondata sulla qualità della vita e del produrre, sulle scelte meditate ed organizzate piuttosto che sullo sforzo di interdizione delle attività altrui. Le azioni di valorizzazione dei prodotti, di certificazione delle filiere, il completamento delle stesse filiere, sono quindi finalizzate non solo alla costruzione di una offerta di prodotti tipici che attualmente non è significativa, ma soprattutto all attivazione ed al rafforzamento delle reti di coesione la cui presenza rappresenta l unica possibilità per avviare un processo di crescita sociale e culturale tale da consentire un reale miglioramento nelle condizioni della vita economica e sociale. Obiettivo generale Strategia Obiettivo specifico Linea d intervento Obiettivo specifico Linea d intervento Obiettivo specifico Linea d intervento Reti integrate per la coesione sociale ed economica di Arzena Migliorare la qualità della vita economica e sociale rafforzando un senso di identità e di appartenenza all area fondato sulla qualità della vita e delle produzioni e consolidando la consuetudine alla collaborazione ed al partenariato tra i soggetti che operano nel territorio Attivazione delle reti di coesione con particolare attenzione alla valorizzazione dei prodotti tipici e del territorio e delle reti sociali per favorire la modificazione degli assetti economici, sociali e culturali attuali Sostenere la coesione dei settori di attività e del territorio per migliorare la capacità organizzativa Coesione economica Coesione sociale e formativa Coesione del territorio Rafforzare la coesione economica Integrazione e rafforzamento delle filiere produttive Qualità delle produzioni Valorizzazione prodotti tipici innovativi Reti di commercializzazione su breve raggio Promozione del territorio interna ed esterna Rafforzare la coesione sociale Servizi per la coesione Valorizzazione dell ambiente Valorizzazione delle risorse culturali Il miglioramento della qualità della vita è interpretato, quindi, non solo come il risultato di un incremento quantitativo dei servizi e/o delle opportunità di 18

19 valorizzazione di prodotti ed aree. La concezione di rete di tutte le iniziative è finalizzata al rafforzamento della consuetudine alla collaborazione tra i soggetti operanti nel territorio fino a rendere scontata la necessità di attivare reti di partenariato non solo formali. L attuazione delle Azioni/interventi previsti dovrà generare un processo di mobilitazione sociale, da attivare grazie alle reti di sostegno alla coesione del territorio che assumono un ruolo centrale nell articolazione complessiva del piano di sviluppo locale. Nel rispetto di quanto previsto sia dal Programma LEADER + Sardegna che dal Complemento di Programma LEADER +, le Azioni/Intervento previste dovranno essere sviluppate attraversando i diversi temi catalizzatori per costruire delle reti di relazioni finalizzate al miglioramento della qualità della vita nell area grazie all offerta di una serie di attività legate ai settori produttivi tradizionali, alla valorizzazione dell ambiente, al miglioramento di servizi essenziali come i trasporti, che in definitiva devono motivare i residenti non soltanto a restare nel territorio ma anche a ridefinire in senso positivo l identità locale, attualmente frammentata nelle specificità dei singoli comuni. 1.5 Politiche di marketing mix territoriali Interventi nell area delle componenti del territorio: definizione pacchetto localizzativi (prodotto e territorio) 1 - Miglioramento e valorizzazione del sistema produttivo locale a) Miglioramento ambientale e produttivo dell allevamento suino: realizzazione di piccoli allevamenti suini in regime semibrado, integrati con strutture di accrescimento ed ingrasso presso aree da destinare allo scopo. b) Miglioramento ambientale e produttivo dell allevamento caprino:sostegno all adozione di sistemi di tracciabilità all interno delle aziende di allevamento caprino e stabilizzazione delle imprese operanti nel settore. 19

20 c) Miglioramento aziendale delle strutture produttive nel settore agroalimentare: creazione di piccole iniziative e supporto all attività di aziende nel settore caseario e della lavorazione delle carni tipiche. d) Attivazione di circuiti locali di commercializzazione:adozione di mezzi di trasporto idonei a garantire il mantenimento delle caratteristiche qualitative dei prodotti agroalimentari 2 - Miglioramento della qualità della vita a) Servizi di trasporto a chiamata: realizzazione di un servizio di pubblica utilità di trasporto a chiamata con prenotazione telefonica, capace di garantire la micro e macro accessibilità, ossia la mobilità all interno del territorio e verso l esterno in connessione con il sistema regionale b) Rete per l orientamento alla autoimprenditorialità di giovani e donne. 3 - Valorizzazione delle risorse naturali e culturali a) Sviluppare nuove forma di fruizione economica che si integrino rispetto all utilizzo tradizionale e si inseriscano in una logica di sistema economico territoriale integrato. b) Itinerari di turismo naturalistico: creazione di circuiti turistici per itinerari che valorizzino le specificità naturalistiche ed ambientali della zona mediante la predisposizione di apposite aree, la dotazione di spazi e attrezzature per escursionismo, arrampicata sportiva, mountain bike, turismo a cavallo. c) Realizzazione di aree attrezzate per i camper. d) Interventi per la valorizzazione della cultura materiale tradizionale attraverso la realizzazione di itinerari enogastronomici: attività di promozione del territorio attraverso lo studio di tracciati escursionistici e stradali che colleghino aziende agricole, artigiane, strutture ricettive e di ristorazione, punti vendita di prodotti tipici. 20

21 4 - Rafforzamento della competitività nell ambito dei Piani di Sviluppo Locale a) Attività di promozione del territorio: iniziative di promozione consistenti nella produzione di materiali pubblicitari ed informativi e nell attivazione di occasioni di incontro con gli operatori di settore. b) Costruzione della base informativa su risorse e potenzialità dell area: realizzazione di una mappatura fine della struttura produttiva, delle caratteristiche socioeconomiche, del patrimonio ambientale e archeologico-culturale dell area Il Piano di comunicazione Il Piano di Comunicazione per il Comune di Arzana si svilupperà in tre direttrici: comunicazione istituzionale dell area complessiva; comunicazione più specifica relazionata ai diversi target dell offerta; comunicazione interna verso gli operatori. A - Comunicazione istituzionale dell area complessiva Questa linea di comunicazione sarà prevalentemente sviluppata attraverso attività rivolte al pubblico generale, esterno rispetto al Comune di Arzana, nell ottica di un miglioramento della sua visibilità. Lo sviluppo di questa linea di comunicazione presuppone la scelta del posizionamento competitivo del Comune di Arzana, ossia l individuazione di quelle caratteristiche dominanti che possono essere evidenziate per differenziarlo rispetto alle altre mete turistiche e di insediamento produttivo. Una volta stabilito il posizionamento, questo deve essere comunicato in modo chiaro ed efficace. A) Definizione di un marchio. La forma grafica e verbale con la quale verrà comunicato il 21

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO Click to edit Master subtitle style CONTESTO TERRITORIALE Qual'e' il territorio interessato? - Area Grecanica parco Nazionale dell'aspromonte Localizzazione:

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Fare Impresa Ecco l alternativa Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA VI Mercury S.r.l. RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Negozio mobile con banchi di vendita refrigerati da energia rinnovabile Descrizione estesa del risultato Sicurezza e qualità alimentare sono i concetti che hanno suggerito

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali ADRIATIC IONIAN INTIATIVE: SUSTAINABLE CHILD AND YOUTH TOURISM FOR RURAL DEVELOPMENT IN ADRIATIC- IONIAN REGION Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali International

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Una chance per fare impresa: gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

MULTIFUNZIONALITÀ AZIENDALE: UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE FEMMINILI E IL TERRITORIO VERONICA NAVARRA PRESIDENTE DELEGATO ONILFA

MULTIFUNZIONALITÀ AZIENDALE: UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE FEMMINILI E IL TERRITORIO VERONICA NAVARRA PRESIDENTE DELEGATO ONILFA MULTIFUNZIONALITÀ AZIENDALE: UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE FEMMINILI E IL TERRITORIO VERONICA NAVARRA PRESIDENTE DELEGATO ONILFA Sul filo del lavoro Nuove trame per lo sviluppo della filiera tessile e

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Le reti di imprese e Il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Rialto, 21 aprile 2016 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL CONTRATTO DI RETE: NECESSARI Presenza di più imprenditori

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Il quadro odierno: l anno doloroso

Il quadro odierno: l anno doloroso Il quadro odierno: l anno doloroso 2 E ritiene che negli ultimi 12 mesi la situazione economica della sua azienda sia: 2 18 48 25 7 migliorata di molto migliorata rimasta la stessa peggiorata peggiorata

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli