EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO"

Transcript

1 Diocesi di Tortona Ente di Diritto Ecclesiastico Centro PAOLO VI o.n.l.u.s. CENTRO DI RIABILITAZIONE EXTRAOSPEDALIERA CASALNOCETO (AL) EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO Dott. Maurizio Pilone Psicologo Psicoterapeuta Responsabile Psicopedagogico Cooperativa Sociale Genova Integrazione a marchio ANFFAS Responsabile Servizio Valutazione e Cura dell Autismo Centro Paolo VI Casalnoceto Past President AIRiM Onlus Milano, 1 giugno 2013

2 CENTRO PAOLO VI onlus SERVIZIO DI VALUTAZIONE E CURA DELL AUTISMO PROGETTO AUTISMO SERVIZIO PER L INTERVENTO SUI DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO IL CENTRO PAOLO VI OFFRE INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE CON DIAGNOSI DI AUTISMO E DI DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA, ARTICOLATI IN: INTERVENTI RESIDENZIALI INTERVENTI DIURNI INTERVENTI AMBULATORIALI INTERVENTI DI FORMAZIONE DEI GENITORI (PARENT TRAINING) INTERVENTI NELL AMBITO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

3 Nel caso di bambini nello spettro autistico diventa necessario ben focalizzare gli ambiti dell intervento, nella logica di perseguire obiettivi rilevanti che consentono di migliorare il più possibile la qualità della loro vita e di quella delle loro famiglie.

4 IL NOSTRO MODELLO DI LAVORO, CHE ABBIAMO CHIAMATO OBIETTIVO INDIPENDENZA, IDENTIFICA COME FINALITA GENERALI DELL INTERVENTO: L INDIPENDENZA E L AUTODETERMINAZIONE L INDIPENDENZA VIENE INTESA IN TRE DIVERSE ACCEZIONI: INDIPENDENZA DALL ASSISTENZA INDIPENDENZA NELLA VITA QUOTIDIANA INDIPENDENZA NELLA SOCIETA

5 Nel caso di «basso funzionamento» o «in fase iniziale». l obiettivo è sviluppare: INDIPENDENZA DALL ASSISTENZA cioè: RAGGIUNGERE L AUTONOMIA NELLE PRATICHE DI BASE DELLA CURA PERSONALE ED ESSERE LIBERI DALLA NECESSITA DI AIUTO COSTANTE PER: ALIMENTAZIONE IGIENE PERSONALE SVESTIRSI VESTIRSI CONTROLLO SFINTERICO FUNZIONI COMUNICATIVE ELEMENTARI SPOSTAMENTO E LOCOMOZIONE

6 GLI INTERVENTI MIRATI PER LO SVILUPPO DELL INDIPENDENZA DALL ASSISTENZA SONO: Intervento psicoeducativo si ispira all approccio cognitivo - comportamentale e relazionale ed è particolarmente indicato per lo sviluppo di abilità funzionali (programma TEACCH e ABA). Intervento di C.A.A.(pcs,pecs) particolarmente indicato per lo sviluppo di abilità di comunicazione di base Intervento di facilitazione e modificazione ambientale che si basa su

7 ORGANIZZAZIONE FACILITANTE DELL AMBIENTE E FONDAMENTALE UNA RIORGANIZZAZIONE AMBIENTALE ISPIRATA A PRINCIPI DI FACILITAZIONE CON L UTILIZZO DI ICONE CHE IN QUANTO STIMOLI AD ALTO LIVELLO DI PERMANENZA AIUTANO I BAMBINI AD ETICHETTARE E RICONOSCERE GLI UTILIZZI DEGLI AMBIENTI E DEGLI SPAZI.

8 In questa logica d intervento, uno degli obiettivi sicuramente centrali è STABILIZZARE il comportamento e lavorare nell ambito di prerequisiti quali: contatto oculare, esecuzione di richieste verbali, stare seduti al compito per tempi sufficienti collaborazione al compito La riduzione e il controllo dei comportamenti problema quali: aggressività autolesionismo stereotipie Iperattività Potenziare le competenze comunicative verbali e non verbali (comunicazione ricettiva e produttiva) Potenziare l autonomia personale per la quale talvolta l unico obiettivo realistico è quello di potenziare/garantire un minimo di collaborazione o la minor resistenza possibile del bambino alle pratiche di autonomia quotidiana.

9 Nel caso di «alto funzionamento» o «in fase avanzata». l obiettivo è sviluppare INDIPENDENZA NELLA VITA QUOTIDIANA E NELLA SOCIETA, cioè: ESSERE LIBERI DALLA NECESSITA DI AIUTO COSTANTE E MIGLIORARE I LIVELLI DI FUNZIONAMENTO PER: AUTONOMIA PERSONALE AVANZATA COLLABORAZIONE IN AMBIENTE DOMESTICO GESTIONE DEL TEMPO LIBERO ABILITA SOCIO - RELAZIONALI DI BASE CAPACITA COMUNICATIVE FUNZIONALI ABILITA INTEGRANTI USO DEI SERVIZI DELLA COMUNITA ATTIVITA OCCUPAZIONALE/LAVORATIVA ABILITA COMUNICATIVE ABILITA SOCIALI

10 GLI INTERVENTI MIRATI PER LO SVILUPPO DELL INDIPENDENZA NELLA VITA QUOTIDIANA E NELLA SOCIETA SONO: Intervento Psicoeducativo - utilizzo di curricoli di insegnamento strutturati (uso del denaro, orologio, telefono, autonomia esterna, ecc.) metodologia del lavoro indipendente Potenziamento della comunicazione scritta/verbale/gestuale/ecc. per istruzioni, regole, richieste, ecc. Potenziamento dell intersoggettività sviluppo di abilità sociali, di coping, problem solving interpersonale, planning, autodeterminazione, riconoscimento e gestione delle emozioni, ecc.

11 DUNQUE... IL NOSTRO PERCORSO RIABILITATIVO SI BASA SUL SEGUENTE MODELLO INTEGRATO:

12 INDIPENDENZA CURRICOLI: AB. ACCADEMICHE AB. INTEGRANTI OCCUPAZIONALI META COGNITIVI RDI, PER AUMENTARE LA FLESSIBILITA COMPORTAMENTALE, POTENZIARE L INTERSOGGETTIVITA COMUNICAZIONE VERBALE E SCRITTA FUNZIONALE PER ISTRUZIONI REGOLE SCAMBIO COMUNICAZIONE FUNZIONALE E SUL PIANO CONCRETO C.A.A. CON IMMAGINI IN SITUAZIONI DI BISOGNO MODELLO INTEGRATO FACILITAZIONE, INTERVENTO PSICOEDUCATIVO PROGRAMMA TEACCH E ABA, MODIFICAZIONE AMBIENTALE

13 QUESTE CONSIDERAZIONI CI HANNO PORTATO AD INTEGRARE DIVERSI MODI DI OPERARE, QUALI: LE METODOLOGIE TEACCH E ABA LA COMUNICAZIONE ALTERNATIVA AUMENTATIVA LA STIMOLAZIONE SENSORIALE INTERVENTI BIOLOGICI (farmacoterapia) RDI: Relationship Development Intervention INTERVENTI TRADIZIONALI DI RIABILITAZIONE: Logopedia, Psicomotricità, ecc.

14 PROMOZIONE DELL INDIPENDENZA E DELL AUTODETERMINAZIONE, AUMENTO DELLA GAMMA DI ATTIVITA E DELLA PARTECIPAZIONE E CURRICOLI SPECIFICI DI INSEGNAMENTO RELATIONSHIP DEVELOPMENT INTERVENTION, INTERVENTO PSICOMOTORIO E MUSICOTERAPICO COMUNICAZIONE ALTERNATIVA AUMENTATIVA, INTERVENTO LOGOPEDICO INTERVENTO PSICOEDUCATIVO SU BASE COGNITIVO COMPORTAMENTALE, PROGRAMMI TEACCH/ABA, FARMACOTERAPIA, STIMOLAZIONI SENSORIALI, FACILITAZIONE AMBIENTALE

15 PER LA VERIFICA DEI RISULTATI VIENE UTILIZZATO IL MODELLO SPERIMENTALE SU CASO SINGOLO SECONDO IL SEGUENTE SCHEMA: A B / A B / A B ecc. A = fase di valutazione iniziale B = fase d intervento A = rivalutazione con gli stessi strumenti della valutazione iniziale B = ripresa dell intervento con eventuali modifiche ecc. Le fasi di rivalutazione e riprogettazione dell intervento avvengono con cadenza annuale.

16 GLI STRUMENTI VALUTATIVI DA NOI UTILIZZATI SONO: CHAT CARS STA-DI ADOS/ ADI-R PEP-R/PEP3 ; AAPEP/TTAP VAP-H La scelta degli strumenti utilizzati è in relazione alle caratteristiche cliniche dei singoli bambini, all età, ecc.

17 1 caso esemplificativo Antonio

18 Antonio nato il 26/07/2005 MOTIVO DELL INVIO: Trattamenti riabilitativi ambulatoriali per disturbo generalizzato dello sviluppo di tipo autistico. DIAGNOSI DI INVIO: Disturbo generalizzato dello sviluppo di tipo autistico VALUTAZIONE INIZIALE, eseguita nel (età 3 anni) Strumenti utilizzati: PEP-R (Profilo psicoeducativo rivisitato) VAP-H (Test per la valutazione degli aspetti psicopatologici nella persona disabile); CARS (Scala di valutazione per l autismo infantile); Valutazioni dei terapisti della riabilitazione

19 2008 presa in carico PEP-R (Profilo psicoeducativo rivisitato) che indica uno sviluppo prestazionale di 10 mesi con un possibile sviluppo valutato sugli emergenti a 26 mesi. Alla VAP-H si evidenziano tratti di rigidità e perseverazione sul piano cognitivo e comportamentale, la presenza di comportamenti iperattivi e stereotipati. Si osservano aspetti di oppositivismo. La CARS propone un quadro di autismo lieve. Antonio è un bambino grazioso di tre anni, dal primo incontro segue la terapista in stanza per mano, disciplinatamente. Il contatto oculare è discreto, osserva le persone durante il tragitto, saluta con la mano. Entra in stanza, osservando il tutto con attenzione e soffermandosi oltremisura sui palloncini e nuvolette colorate appese al muro. Accetta il contatto fisico e ride per il solletico. Non è verbale, spesso prende la mano per chiedere aiuto o per avere ciò che desidera. Sono presenti stereotipie.

20

21 Sulla base delle valutazioni e delle osservazioni svolte sono identificate le seguenti finalità generali nell ambito dello sviluppo e del potenziamento delle autonomie, delle competenze comunicative e relazionali. In particolare: - Potenziare la collaborazione al compito; - Incrementare il linguaggio ricettivo e l esecuzione su comando verbale; - Potenziare la capacità di indicare; - Incrementare le capacità di comunicazione verbale ed extra verbale; Trattamenti effettuati dal Centro Paolo VI: Trattamento psicoeducativo (2 volte a settimana) Logopedia (2 volte a settimana) Counseling familiare (1 volta al mese) Counseling alla scuola (1 incontro ogni 3 mesi) Trattamenti effettuati dalla ASL: Neuropsicomotricità (1 volta a settimana) Musicoterapia (1 volta a settimana) Educativa domiciliare (3 ore settimanali) Frequenza scolastica a tempo pieno PIANO DEI TRATTAMENTI:

22 Il progetto nel suo complesso, organizzato in lavoro di rete coinvolge e vede collaborare le seguenti agenzie: Scuola Centro Paolo VI ANTONIO ASL Famiglia

23 2009 Nell aprile 2009 è stata condotta una nuova valutazione dei livelli di sviluppo prestazionale, utilizzando il PEP-R. Il profilo psicoeducativo di Antonio ha presentato un quadro di sviluppo prestazionale intorno ai 20 mesi, con un possibile sviluppo valutato sugli emergenti a 26 mesi.

24 E stato aggiornato il programma di lavoro, con nuovi obiettivi specifici in tutte le aree TEACCH previste dal programma per le fasce d età successive, poiché esauriti tutti gli obiettivi previsti dal primo programma d intervento. Nell ottobre dello stesso anno s inseriscono nel programma specifici obiettivi A.B.A./VB (Analisi Applicata del Comportamento), vale a dire: - Etichettare (TACTS) oggetti 3D, animali, colori; - Ripetizione di vocaboli (ECHOICS); - Richieste verbali in acquisizione (MANDS). Sempre in questo periodo sono valutate le autonomie personali e si segnala la necessità di perfezionare la capacità di vestirsi, lavarsi mani e viso, lavarsi i denti, per le quali si avvia uno specifico lavoro di Parent Training con la famiglia e di collaborazione con l educativa domiciliare e la scuola.

25 2010 Nell ottobre 2010, come ogni anno, è stato aggiornato il profilo psicoeducativo che presenta un quadro prestazionale globale intorno ai 32 mesi, con un possibile sviluppo valutato sugli emergenti a 48 mesi. COMPARE IL LINGUAGGIO

26 È stato aggiornato il programma di lavoro con nuovi obiettivi specifici in tutte le aree TEACCH e si rinnovano gli obiettivi specifici A.B.A., evidenziando un discreto miglioramento sulla conoscenza di oggetti, animali, colori. Considerate le potenzialità del bambino e il suo interesse per le parole scritte, il programma prevede l abbinamento d immagini e parole, con e senza modello; inoltre, è prevista un attività di gioco al computer, mediante il software Comunicazione aumentativa e apprendimento della letto-scrittura. Antonio indica sullo schermo le immagini o le parole. Antonio collabora e accetta ogni proposta, dimostrando però poca spontaneità; pertanto, nuovo obiettivo è stimolare spirito d iniziativa e ottenere il suo consenso/dissenso sugli esercizi da svolgere.

27 2011 Nell ottobre 2011 il profilo psicoeducativo presenta un quadro prestazionale globale intorno ai 43 mesi, con un possibile sviluppo valutato sugli emergenti a 60 mesi.

28 Durante quest anno il bambino completa le attività TEACCH per la fascia d età 4/5 anni, si ampliano gli obiettivi con approccio ABA lavorando in particolare sul Verbal Behavior, con lo scopo di aumentare la comunicazione e la spontaneità. Nel programma s inseriscono inoltre alcuni obiettivi di abilità sociali con lo scopo, oltre al significato intrinseco, di potenziare la funzione sociale del linguaggio. Negli ultimi mesi si sono manifestati episodi di frustrazione e rabbia in tutti gli ambiti, di fronte a divieti o difficoltà di comprensione/esecuzione: si è concordato in equipe di sviluppare le capacità del bambino di fronte alle difficoltà e ridurre la sua dipendenza dall approvazione, incrementando attività piacevoli quali alcuni giochi a tavolino (gioco della frutta e gioco dell oca modificato) e attività al computer (matching, ricomposizione d immagini, giochi di memoria).

29 2012 Nel novembre 2012 il profilo psicoeducativo presenta un quadro prestazionale globale intorno ai 56 mesi, con un possibile sviluppo valutato sugli emergenti a 69 mesi.

30 Livello globale di sviluppo espresso in mesi in base alle sole riuscite

31 Livello globale di sviluppo espresso in mesi confronto tra riuscite ed emergenti

32 Il programma di lavoro prevede, al momento, il completamento delle attività TEACCH in tutte le aree di sviluppo (Antonio ha alcune difficoltà nell area cognitiva, ad esempio con le sequenze o con le categorie). I nuovi obiettivi con approccio ABA prevedono: imparare a fornire informazioni personali, lavorare sulle categorie con materiale disparato, imitare e ripetere suoni, parole e frasi modificando tono, volume e velocità della voce.

33 Quest anno il comportamento di Antonio è caratterizzato da rigidità e chiusura, in equipe ipotizziamo che l inizio della scuola primaria abbia contribuito a questo cambiamento: il bambino non riesce a capire e controllare tutto ciò che accade e si sfoga in particolare con i genitori con comportamenti aggressivi e prepotenti. In ambito psicoeducativo i labirinti sono un esempio rappresentativo: non tollera di dover modificare il percorso. Ciò che al momento permette di affrontare queste difficoltà è il gioco: Antonio sceglie i giochi preferiti (utilizzando la scelta obbligata e lavorando sul cambiamento del gioco) partecipando con il sorriso, verbalizzando la sua soddisfazione (e non), ridendo apertamente in situazioni divertenti, incrementando così la spontaneità e la comunicazione.

34 Il lavoro continua... dall autismo non si guarisce ma si può migliorare e anche molto. La prossima rivalutazione è prevista per ottobre 2013.

35 LE REGISTRAZIONI VIDEO SONO IN OGNI CASO UN OTTIMO SISTEMA DI DOCUMENTAZIONE DEI RISULTATI.

Clemente Ghisi F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

Clemente Ghisi F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Clemente Ghisi Italiana Data di nascita 24/11/1968 ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 2001

Dettagli

PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA

PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA PRI-A Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico Centro HUB Area Vasta Emilia Centro (BO, FE, IMOLA) PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA SEMINARIO REGIONALE AUTISMO: RISORSE E STRUMENTI

Dettagli

L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo

L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo Pinerolo, 20/11/2015 L intervento neuropsicomotorio nei bambini con autismo Donatella Elia, Marianna Cometto TNPEE, C.A.S.A. Centro Autismo e Sindrome di Asperger, Mondovì Parleremo di Cornici metodologiche

Dettagli

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Centro Territoriale per l Integrazione Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE

Dettagli

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Dott.ssa Gazzi Mara Psicologa dell'età Evolutiva e della psicopatologia dell'apprendimento Esperta in Neuropsicologia Clinica ADHD

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

DISTURBI NELLO SPETTRO AUTISTICO: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI E REGOLATORI

DISTURBI NELLO SPETTRO AUTISTICO: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI E REGOLATORI Diocesi di Tortona Ente di Diritto Ecclesiastico Centro PAOLO VI o.n.l.u.s. CENTRO DI RIABILITAZIONE EXTRAOSPEDALIERA CASALNOCETO (AL) DISTURBI NELLO SPETTRO AUTISTICO: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI E REGOLATORI

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO PERCORSI DI DIAGNOSI E PRESA IN CARICO NELL ASL TO 3 Dr.ssa B.Giannini, S.C. PSICOLOGIA ASL TO 3 Preoccupazione per lo sviluppo del bambino (sospetto ASD) PEDIATRA S.C.

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

TTAP TEACCH TRANSITION ASSESSMENT PROFILE

TTAP TEACCH TRANSITION ASSESSMENT PROFILE TTAP TEACCH TRANSITION ASSESSMENT PROFILE Raffaella Faggioli FONDAZIONE TEDA PER L AUTISMO TORINO OFFICINA PSICOEDUCTIVA MILANO-VERCELLI Adattamento italiano a cura di Raffaella Faggioli Tiziana Sordi

Dettagli

Progetto S.O.S. Autismi

Progetto S.O.S. Autismi Progetto S.O.S. Autismi 2013/2014 in collaborazione con: con il contributo di: No Profit Il programma di intervento e di ricerca e' rivolto a 30 bambini/ragazzi (2-16 anni) con diagnosi di Disturbo dello

Dettagli

NOI E L AUTISMO: GLI INTERVENTI E LA CONTINUITA DI CURA

NOI E L AUTISMO: GLI INTERVENTI E LA CONTINUITA DI CURA NOI E L AUTISMO: GLI INTERVENTI E LA CONTINUITA DI CURA Il Disturbo autistico è un disordine dello sviluppo che compromette il funzionamento globale e si traduce in un funzionamento cognitivo atipico.

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

Dott.ssa Marilisa Fiorilla

Dott.ssa Marilisa Fiorilla Informazioni personali Dott.ssa Marilisa Fiorilla Via Don Giovanni Verità n 5, Padova (Pd) 0492021366 3922834904 marilisa.fiorilla@gmail.com http://psicologiacoves.wix.com/coves https://www.facebook.com/anchioapprendo

Dettagli

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Carta dei Servizi sede operativa via Roma, 36 SPINADESCO edizione luglio 2013 SOMMARIO CARTA DEI SERVIZI pag. 1 Dove siamo 06 2 Informazioni

Dettagli

ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD

ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD Paola Francesca Ajmone, Gaia Kullmann Gruppo di lavoro Malattie rare e Disabilità complessa UONPIA Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano

Dettagli

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO Educazione/Riabilitazione Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato Villa Dott.ssa Laura Centro

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA CENTRO Centro Territoriale di Supporto

ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA CENTRO Centro Territoriale di Supporto Ai Docenti delle scuole Rete CTS Falconara M.ma Loro Sedi Oggetto: attività di formazione sui disturbi dello spettro autistico. Si comunica l avvio della formazione in oggetto a partire dal 26 gennaio

Dettagli

MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEDICATI ALL AUTISMO Provincia di Milano Aula Guicciardini 19 /20 Febbraio- 19 /20 Marzo 2010

MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEDICATI ALL AUTISMO Provincia di Milano Aula Guicciardini 19 /20 Febbraio- 19 /20 Marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEDICATI ALL AUTISMO Provincia di Milano Aula Guicciardini 19 /20 Febbraio- 19 /20 Marzo 2010 Direttore di Settore: Luisa Anzaghi Responsabile Servizi: Oscar Vavassori

Dettagli

Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico

Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico Inquadramento clinico dei disturbi dello spettro autistico Prospettive per la didattica Dott. Maddalena Petrillo Referente aziendale ASL 8 per i disturbi dello spettro autistico in età evolutiva Arezzo

Dettagli

Il Modello SIFne: il contesto educativo

Il Modello SIFne: il contesto educativo CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO Trento, 20-21 maggio 2011 Il Modello SIFne: il contesto educativo di Simona Bossoni - Maurizio Brighenti 1 Modello di intervento educativo Elaborazione di un progetto educativo

Dettagli

Gli interventi educativi/abilitativi. Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci

Gli interventi educativi/abilitativi. Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci Gli interventi educativi/abilitativi Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci CHI SIAMO AUTISMO&SOCIETA DIRETTORE SCIENTIFICO DOTT. L.MODERATO METODO SUPERABILITY INTERVENTI ABILITATIVI-EDUCATIVI

Dettagli

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior EIP Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior 30 ottobre 2014 Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA Supervisor EIP Associazione Pianeta Autismo onlus Compromissione

Dettagli

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a:

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a: ( denominazione scuola) P.E.I. (piano educativo individualizzato) classe: sez. alunno/a: nato/a a: Ins. Specializzato/a Ins. Curricolari Operatori A.S.L. Genitori Anno Scolastico 20 20 NOTIZIE DELL ALUNNO/A

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè PREMESSA Il Centro nasce nel 2006, grazie al lavoro coordinato, iniziato nel 2004, tra l Associazione Onlus Una casa

Dettagli

Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire

Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire (terza parte) Paola Bellandi paobell1960@gmail.com 5 MARZO 2015 A. LUNARDI -BRESCIA- L alunno con disturbi relazionali e della comunicazione

Dettagli

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi ARPA Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l'autismo Viadel~herino,90 00193 Roma Te!. 06 6280728-06 66165298 PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI Contesto Sociale

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

Autismo in età adulta: bisogni, interventi e servizi

Autismo in età adulta: bisogni, interventi e servizi Autismo in età adulta: bisogni, interventi e servizi Seminario Regionale 27-28 gennaio 2011 Facoltà di Psicologia Piazza A. Moro, 90 Cesena La presa in carico dell adulto con autismo: un modello di intervento

Dettagli

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana Dr. Lucio MODERATO Psicologo - Psicoterapeuta Direttore Servizi Diurni

Dettagli

AREA AUTISMO Carta dei servizi

AREA AUTISMO Carta dei servizi AREA AUTISMO Carta dei servizi La cooperativa sociale MOMO, ha attiva una specifica Area Autismo, attraverso la quale eroga interventi rivolti a famiglie e soggetti affetti da Autismo e altri Disturbi

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

CURRICULUM VITAE GJOKA LUCIE

CURRICULUM VITAE GJOKA LUCIE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GJOKA LUCIE via Famiano Strada 8, scala B, interni 1, Roma, Italia Telefono 3496572236 E-mail gjokalucia@yahoo.it Posizione ricoperta Psicologa, P.IVA:

Dettagli

Equipe del Centro Clinico Cavour

Equipe del Centro Clinico Cavour V Equipe del Centro Clinico Cavour Tarcisio Sartori Elisa Melgazzi Alice Miglioli Chiara Pasotti Annalisa Pintossi Claudia Zanardini Comunità scientifiche di riferimento AIRIPA: Associazione Italiana per

Dettagli

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle?

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Siamo ricercatori nell ambito dell analisi del comportamento applicata

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO:

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: INDICI DI RISCHIO E DIAGNOSI PRECOCE Federico Bianchi di Castelbianco Magda Di Renzo Francesca Zaza Progetto Tartaruga Trovare strumenti di indagine idonei alla complessità

Dettagli

«Ha sempre le mani nei pantaloni...» Autismo, comportamenti problema e sessualità

«Ha sempre le mani nei pantaloni...» Autismo, comportamenti problema e sessualità «Ha sempre le mani nei pantaloni...» Autismo, comportamenti problema e sessualità 1 D O T T. S S A A L E S S A N D R A B A L L A R È A S S O C I A Z I O N E C A S C I N A SAN V I N C E N Z O Le singolarità

Dettagli

Le tecniche di educazione speciale

Le tecniche di educazione speciale Le tecniche di educazione speciale P.Venuti Laboratorio di Osservazione e Diagnostica FunzionaleDISCoF- Università di Trento www.odflab.unitn.it Progetto di formazione I disturbi dello spettro autistico

Dettagli

Le sfide della ricerca didattica sull autismo

Le sfide della ricerca didattica sull autismo Le sfide della ricerca didattica sull autismo Antonella Valenti Dipartimento di Studi Umanistici Università della Calabria (Cosenza) Da dove vengono le spiegazioni degli insegnanti? Come decidono cosa

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Eric Shopler, Margaret D.Lansing, Robert J. Reichler, Lee M. Marcus PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Valutazione psicoeducativa Individualizzata TEACCH per bambini con DSA Descrizione del

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria?

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Francesca degli Espinosa Valentina Bandini Elena Clò L autismo Un bambino su 100 (Baird 2006) si presenta con una sintomatologia

Dettagli

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dipartimento di Salute Mentale Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Modena, 29 Novembre 2014 LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dott.ssa Milena Gibertoni LE ORIGINI 1996-1998: costituzione

Dettagli

La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento

La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento Auditorium Ospedale N.S di Montallegro Rapallo novembre 2011 Lavorare in Terapia con un bambino autistico Dott.ssa Enrica Lusetti Dott. Anton Maria

Dettagli

IL 1 MASTER IN DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: VALUTAZIONE DIAGNOSI - TRATTAMENTO

IL 1 MASTER IN DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: VALUTAZIONE DIAGNOSI - TRATTAMENTO Il Centro Italiano di Consulenza ed Alta Formazione www.cicaf.it ORGANIZZA A PALERMO IL 1 MASTER IN DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: VALUTAZIONE DIAGNOSI - TRATTAMENTO Anno 2015/2016 Palermo DIREZIONE

Dettagli

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A.

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A. Individualizzare la formazione La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico I Protagonisti Formare in rete La famiglia

Dettagli

PROGETTO HOME AUTISMO

PROGETTO HOME AUTISMO CITTA DI CLUSONE Provincia di Bergamo Assessorato Politiche Sociali PROGETTO HOME AUTISMO Anno 2006 PREMESSA La tematica della disabilità nel territorio è articolata e trova diversificate risposte in molteplici

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento 2 aprile 2014 Percorso di formazione Dall autismo all inclusione sociolavorativa Obiettivi della lezione Presentare strumenti

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI GRUPPO AUTISMO E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE FORMAZIONE A D Operatori sanitari Università Servizi Territoriali Medicina

Dettagli

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS AUTISMO E ABA Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS L AUTISMO L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato, con esordio nei primi 3 anni di vita.

Dettagli

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA AZIENDA ULSS N. 8 OPERE PIE D ONIGO STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA attività innovativa (delibera del Direttore Generale dell Azienda ULSS n. 8 del 29 novembre 2007 n.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1.Visione corto-animato «Mon petit frére de la lune»

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO

PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO Istituto Comprensivo Statale F. FILZI Via Ravenna 15 MILANO PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO NASCE nel 1996 con l iscrizione di un bambino con autismo e la formazione di alcuni

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Che cos è la LOGOPEDIA? Chi è il LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Attività di logopedia domiciliare Logopedista Valentina Padoan La logopedia

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def. Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.pdf Istituto Superiore di Sanità Organo tecnico del Ministero

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

L'Équipe multidisciplinare

L'Équipe multidisciplinare L'Équipe multidisciplinare Struttura di Neuropsichiatria Infantile ASL CN1 - Presidio Ospedaliero di Mondovì, Direttore: Dott. Franco FIORETTO e-mail: npi@asl16.sanitacn.it Centro Autismo e Sindrome di

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico LE RAGIONI DELLA PROPOSTA L intento di promuovere un percorso di formazione è nato all interno dell esperienza

Dettagli

Che cos è il T.E.A.C.C.H?

Che cos è il T.E.A.C.C.H? Che cos è il T.E.A.C.C.H? TREATMENT AND EDUCATION OF AUTISTIC AND RELATED COMMUNICATION HANDICAPPED CHILDREN Nato nel 1978 in Nord Carolina ( USA ) PROGRAMMA di STATO per bambini e adulti con autismo Il

Dettagli

Autismo Modelli applicativi nei servizi L esperienza della formazione in service Bresso 20 giugno 2009 Tina Lomascolo Psicologa- Tutor Il Modello dell Formazione in service Buone prassi nell organizzazione

Dettagli

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE IDEE E STRATEGIE OPERATIVE CONSIDERARE IL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO DELLA PERSONA Valutazione approfondita e realistica delle competenze e delle abilitàdella persona: cosa sa fare in modo autonomo e

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli di Mirandola (Mo) La musica è un linguaggio

Dettagli

L allievo con autismo a scuola. Quattro parole chiave per l integrazione

L allievo con autismo a scuola. Quattro parole chiave per l integrazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Scienze della formazione L allievo con autismo a scuola. Quattro parole chiave per l integrazione Lucio Cottini Cattedra di: Didattica speciale Quando i punti

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016 via dei Castagni, 10-19020 Bolano (SP) tel. 0187933789 - e-mail : spic80400g@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno

Dettagli

Data: Da agosto a settembre 2015

Data: Da agosto a settembre 2015 CURRICULUM VITAE Monica Giorgetti INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIORGETTI MONICA Indirizzo VIA CONCILIAZIONE 24, 20027, RESCALDINA (MILANO) Telefono - 339 1354678 - E-mail giorgettimonica83@gmail.com Nazionalità

Dettagli

CURRICULUM V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI DOTT.SSA MONICA GALASSINI. Psicologo/a

CURRICULUM V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI DOTT.SSA MONICA GALASSINI. Psicologo/a CURRICULUM V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI Psicologo/a Data e luogo di nascita DOTT.SSA MONICA GALASSINI 24/05/1979 MILANO Studio P.zza XXIV maggio 1, Rubiera ( RE ) Via F.lli Cervi 75/b, Reggio Emilia

Dettagli

Progetto di collaborazione tra l IRCCS Associazione Oasi Maria SS di Troina (EN) e il CUAMJ Onlus (Centro Universo Autistismo Meridionale Jonico)

Progetto di collaborazione tra l IRCCS Associazione Oasi Maria SS di Troina (EN) e il CUAMJ Onlus (Centro Universo Autistismo Meridionale Jonico) COORDINAMENTO REGIONALE PUGLIESE FAMIGLIE DI DISABILI GRAVI GRAVISSIMI Progetto di collaborazione tra l IRCCS Associazione Oasi Maria SS di Troina (EN) e il CUAMJ Onlus (Centro Universo Autistismo Meridionale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE LUNGHI LAURA INFORMAZIONI PERSONALI

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE LUNGHI LAURA INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUNGHI LAURA Nazionalità Italiana Data di nascita NOVARA, 30/08/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Il lavoro del Gruppo Autismo e Disturbi Generalizzati dello Sviluppo all interno della U.O.N.P.I.A. di Brescia: esperienze passate e progetti futuri.

Il lavoro del Gruppo Autismo e Disturbi Generalizzati dello Sviluppo all interno della U.O.N.P.I.A. di Brescia: esperienze passate e progetti futuri. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia U.O. di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Polo Territoriale Direttore: Dott.ssa A. Tiberti Il lavoro del Gruppo Autismo e Disturbi Generalizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di CORINALDO

ISTITUTO COMPRENSIVO di CORINALDO ISTITUTO COMPRENSIVO di CORINALDO Con sedi staccate di Ostra Vetere e Castelleone di Suasa Via Dante 45 60013 Corinaldo (AN) Tel. 071.67161 Fax 071.7978021 E-mail anic834008@istruzione.it - anic834008@pec.istruzione.it

Dettagli

Curriculum vitae e professionale

Curriculum vitae e professionale Curriculum vitae e professionale Carlo Pascoletti Dati personali Luogo di nascita: Gorizia Data di nascita: 08/03/1944 Residenza: Via Cragnutto,33, 33078- San Vito al Tagliamento (PN) Tel. 0434.81807 -

Dettagli

Il programma TEACCH. programma TEACCH

Il programma TEACCH. programma TEACCH Il programma TEACCH programma TEACCH 1 Il programma TEACCH Strutturazione Rinforzo e aiuto Comportamento e interventi. programma TEACCH 2 Che cosa è il programma TEACCH? Il programma TEACCH deriva dall

Dettagli

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese Welfare di seconda generazione per il benessere e la salute Genova, 12.1.2015 Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile

Dettagli

PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI

PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI Le tappe dell Associazione Nata nel 2007 come semplice Associazione di genitori, si è di seguito trasformata in Ente Promotore di Servizi Qualificati per l Autismo

Dettagli

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO ENTE: CENTRO STUDI ERICKSON PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Periodo II Quadrimestre 2009/2010

Dettagli