Istituto Superiore d Arte ADOLFO VENTURI Modena. ESAME DI STATO a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Superiore d Arte ADOLFO VENTURI Modena. ESAME DI STATO a.s. 2014-2015"

Transcript

1

2 Istituto Superiore d Arte ADOLFO VENTURI Modena ESAME DI STATO a.s DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PERCORSO FORMATIVO DELLA CLASSE 5 N Istituto Professionale Grafica Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato Indirizzo produzioni artigianali Coordinatrice: Prof.ssa Silvia Cavicchioli 1

3 INDICE 1. COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE pag ELENCO DEGLI ALUNNI pag PRESENTAZIONE SINTETICA DELL'ISTITUTO pag QUADRO ORARIO ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA pag PRESENTAZIONE DELLA CLASSE pag OBIETTIVI DIDATTICI - RISULTATI RAGGIUNTI pag ATTIVITÀ EXTRA - CURRICOLARI pag VERIFICHE E VALUTAZIONI pag METODI, ATTREZZATURE E MEZZI ADOTTATI pag ESERCITAZIONI E PROPOSTE PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE 11. INDICAZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE RELATIVE ALL ATTRIBUZIONE DEL BONUS pag. 13 pag. 14 ALLEGATO 1 Griglie di valutazione pag. 15 ALLEGATO 2 pag. 20 Relazioni finali e programmi svolti dai docenti componenti il C. di C. Lingua e Letteratura Italiana pag. 21 Storia pag. 26 Inglese pag. 28 Matematica pag. 31 Tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi pag. 37 Disegno professionale - Rappresentazioni Grafiche e Digitali pag. 40 Progettazione e Realizzazione del prodotto pag. 40 Storia delle Arti Applicate pag. 45 Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni pag. 50 Tecniche di Distribuzione e Marketing pag. 54 Religione pag. 58 Scienze Motorie pag. 61 ALLEGATO 3 Simulazioni di terza prova pag. 64 ALLEGATO 4 Relazione sugli alunni con DSA ALLEGATO 5 Relazione sugli alunni con H 2

4 1. COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Simonetti Pietro Simonetti Pietro Mura Maria Teresa Bellodi Cristina Saguatti Roberto Lingua e letteratura italiana Storia Inglese Matematica Tecnologie applicate ai materiali Molinari Antonella Disegno Professionale - Rappresentazioni grafiche e digitali Molinari Antonella Cavicchioli Silvia Ganzerla Alessandra Bergamini Alessandra Banzi Francesca Raguzzoni Orianna Janni Janez Anna Maria Campioli Susanna Maselli Anna Maria Gammuto Francesco Progettazione e Realizzazione del prodotto Storia delle Arti Applicate Laboratorio Esercitazioni Laboratorio Esercitazioni Laboratorio Esercitazioni Tecniche di distribuzione e marketing Religione Scienze Motorie Sostegno Sostegno 3

5 2. ELENCO DEGLI ALUNNI 1. Anderlini Sofia 2. Brogli Francesco 3. Chaid Nadia 4. Cipriano Antonio 5. Consoli Martina 6. Di Fusco Carla 7. Fraccascia Giulia 8. Galiani Christofel 9. Generali Alice 10. Gualmini Eleonora 11. Marchi Sara 12. Marinelli Alessia 13. Morini Alessandra 14. Peggi Ilaria 15. Quirito Alessandra 16. Sisto Vita 17. Tonde Yobyanda Valerie 18. Vaccaro Consuelo Maria 19. Venturelli Martina 20. Venturelli Tabata 4

6 3. PRESENTAZIONE SINTETICA DELL'ISTITUTO L Istituto Professionale Grafica trae le sue radici dalla tradizione e soprattutto dall aspetto professionale operativo dello storico Istituto d Arte A.Venturi. Il corso nasce dalla possibilità, prevista dalla Riforma dell Istruzione di secondo grado, di poter confluire in Istituti professionali legati all industria e all artigianato,e si pone come prima finalità quella di creare un operatore tecnico-professionale con competenze artistico-artigianali che lo rendano atto all inserimento flessibile nel mondo del lavoro, in medie e piccole aziende, in studi tecnici ma anche ad avviarsi alla libera professione con le competenze necessarie ad affrontare un mondo in continuo divenire. Le varie discipline previste dal corso concorrono, con la stessa dignità e importanza, alla formazione complessiva di uno studente dotato di abilità tecniche coadiuvate e supportate da senso artistico e sensibilità progettuale. Vengono, quindi, privilegiate modalità di apprendimento che consentono di collegare sistematicamente la formazione in aula con l esperienza pratica, arricchendo la formazione acquisita nel percorso scolastico e formativo con l acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro. Il biennio iniziale del corso si presenta particolarmente indirizzato alla preparazione di competenze di base per lo studente, mentre il triennio successivo affinerà le competenze tecniche legate alla progettazione avvalendosi anche di stretti rapporti con il mondo del lavoro non solo nell area dell industria della grafica ma anche in aree affini. L Istituto professionale di Grafica è inserito nella rete degli Istituti professionali della Regione Emilia Romagna. 5

7 4. QUADRO ORARIO ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA ore settimanali Discipline 1 biennio 2 biennio 5 anno I II III IV V DISCIPLINE COMUNI Lingua e letteratura italiana 3* 3* Lingua e cultura straniera Storia, Cittadinanza e Costituzione Geografia generale ed economica 1 Matematica 3* 3* Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate (scienze della terra e biologia) 2 2 Scienze motorie Religione / Attività alternative ore complessive DISCIPLINE CARATTERIZZANTI Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 4* 4* Scienze integrate - Fisica 2 2 di cui in compresenza 2 Scienze integrate - Chimica 2 2 di cui in compresenza 2 Tecnologie dell'informazione e della comunicazione 2 2 Laboratori tecnologici ed esercitazioni 4* 4* DISCIPLINE DI INDIRIZZO- Produzioni artigianali del territorio - IPAT** Laboratori tecnologici ed esercitazioni Tecnologie applicate ai materiali Progettazione e realizzazione del prodotto Tecniche di distribuzione e marketing 2 3 Disegno professionale - Rappresentazioni grafiche digitali Storia delle arti applicate ore complessive - disc. caratterizzanti e di indirizzo ore settimanali totali Nel primo biennio con delibera del Collegio docenti, ai sensi della vigente normativa, le ore di * Lingua e letteratura italiana e di Matematica sono ridotte rispettivamente a 3 (in luogo di 4): tale riduzione è compensata dall aumento delle ore di Tecnologia e Tecniche di rappresentazione grafica e dei Laboratori tecnologici. ** Discipline d indirizzo del triennio: con delibera collegiale è stata attivata l opzione ministeriale che consente di sviluppare competenze professionali relative alla grafica e di introdurre la Storia delle Arti applicate. 6

8 ISTITUTO 5. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe 5 N è composta da 20 studenti: 17 femmine e 3 maschi. Due alunni sono con DSA e due con H (per la trattazione specifica si rimanda ai relativi Allegati). La classe nasce dalla fusione tra due seconde dell'istituto professionale grafico; nel triennio si sono aggiunti due alunni provenienti da altre scuole. La classe si presenta varia per area geografica di provenienza, infatti buona parte degli alunni sono pendolari e provengono da paesi limitrofi. Il Consiglio di classe è costituito da alcuni docenti (Lettere, Laboratorio Esercitazioni) che hanno avuto in carico la classe fin dalla prima. L'insegnante di Matematica è subentrata in seconda, i docenti di Storia dell'arte, Progettazione e Laboratorio sono presenti dalla classe terza, l'insegnante di Inglese e di Marketing dalla quarta, mentre quelli di Tecnologia e Scienze Motorie sono subentrati in quinta. Durante gli ultimi tre anni è stato comunque possibile garantire la continuità nelle materie di indirizzo. Nel corso del triennio finale si sono evidenziate alcune problematiche relazionali derivate per lo più dal diverso approccio con cui certi studenti hanno affrontato l'impegno scolastico. In particolare la significativa discontinuità nella frequenza e le assenze strategiche in occasione delle verifiche programmate da parte di alcuni allievi non hanno contribuito a innestare nella classe un clima sempre collaborativo ed equilibrato. Ciò ha piuttosto creato una suddivisione in gruppi formati dagli studenti con maggiori affinità scolastiche e comportamentali. Gli insegnanti hanno cercato di offrire spazi di dialogo nell'intento di evitare che venissero compromessi gli instabili rapporti raggiunti di volta in volta. In generale una parte degli alunni ha manifestato minore interesse per le regole e una metodica discontinuità nell'impegno mentre altri hanno mostrato una maggiore attenzione per le regole scolastiche e per lo studio. 6 OBIETTIVI DIDATTICI - RISULTATI RAGGIUNTI L'offerta formativa predisposta dal Consiglio di Classe ha tenuto conto delle lacune preesistenti e delle difficoltà emerse nel corso del tempo. All'inizio dell'anno, in sede di programmazione delle attività didattico - educative sono stati individuati i seguenti obiettivi: consolidamento delle capacità di prendere appunti imparando a riconoscere i concetti principali e quelli secondari; sviluppo delle capacità di esporre oralmente e per iscritto opinioni e conoscenze; sviluppo delle capacità di 7

9 operare collegamenti tra le discipline; sviluppo delle capacità di ideazione e progettazione; sviluppo delle capacità espressive e creative. Benché tali obiettivi siano stati sostenuti dalle programmazioni e dalle attività proposte dal Consiglio, il processo di apprendimento ha solo in parte sortito i risultati attesi. Solo una parte della classe ha lavorato in modo sistematico, costante e continuativo nell'arco di tutto il triennio. Le prestazioni del gruppo sono pertanto rimaste disomogenee e alcune situazioni in difficoltà persistono tuttora con chiara evidenza. Lo svolgimento delle diverse attività curricolari ed extracurricolari ha consentito di raggiungere alcuni degli obiettivi generali indicati nella programmazione di classe. Gli alunni, dotati di buone capacità, soprattutto nelle discipline di indirizzo, hanno partecipato con interesse alle iniziative proposte evidenziando capacità ideative, progettuali e organizzative. La classe ha raggiunto risultati più modesti nelle discipline teoriche, con riferimento agli obiettivi specifici, caratterizzandosi per una sostanziale disomogeneità di rendimento e per un "approccio impressionistico" allo studio, non adeguatamente approfondito e poco incline alla ricerca e all'elaborazione autonoma. Non sempre adeguato è stato in particolare l'impegno individuale e lo studio domestico. In generale si sono riscontrati problemi espressivi, evidenti più all'orale che nello scritto, da parte di un numero consistente di alunni. Questa fragilità è stata rilevata soprattutto da alcuni insegnanti, pertanto le considerazioni sui risultati più strettamente scolastici dovranno essere differenziate e in proposito si rimanda alle singole presentazioni della classe. Verso la fine dell'anno, in vista dell'esame, una parte degli studenti ha in genere dimostrato un maggior impegno e interesse nell'apprendimento pervenendo a migliori risultati. Altri non sono stati in grado di affrontare il ritmo di studio sostenuto richiesto per le prove e le verifiche finali, evidenziando le loro lacune. E' importante segnalare che i programmi ministeriali, soprattutto di alcune discipline, sono stati ridimensionati per varie ragioni, tra cui la necessità di inserire pause didattiche di varia estensione per assecondare i tempi di apprendimento. 8

10 Inoltre le svariate attività integrative (incontri di orientamento, partecipazione ad iniziative organizzate dalla scuola, progetti e concorsi inerenti alle materie di indirizzo e relative premiazioni), concentratesi negli ultimi mesi del secondo quadrimestre, hanno poi inevitabilmente ridotto il numero di ore disponibili per le materie umanistiche e scientifiche, impedendo ad alcuni insegnanti di completare la programmazione didattica pianificata ad inizio anno. In conclusione si può affermare che nel corso dell'anno è stato raggiunto mediamente un livello sufficiente/discreto sul piano delle conoscenze e delle competenze, grazie alla partecipazione costruttiva di una parte della classe. 7. ATTIVITA' EXTRACURRICOLARI Nel corso del triennio, la classe, o in qualche caso piccoli gruppi o singoli alunni, ha preso parte a progetti, molti dei quali rivolti all esterno della scuola: dalla partecipazione a concorsi, fino a lavori commissionati specificamente. I progetti promossi tendono a favorire una partecipazione attiva e propositiva verso i problemi posti, stimolano la capacità di collaborare insieme agli altri nella realizzazione di soluzioni, potenziano il pensiero creativo, consentono agli studenti di mostrare i prodotti del loro operato e di entrare in contatto con la realtà locale e contribuiscono a creare un curriculum di esperienze spendibili sul mercato del lavoro. Allo stesso modo, le visite di istruzione a città d arte, a mostre di pittura e/o fotografia, a spettacoli e rappresentazioni teatrali, a proiezioni di film inerenti le materie di studio, lo stage presso ditte e studi grafici e fotografici, ecc. hanno contribuito a sviluppare curiosità e a potenziare la creatività degli studenti. Attività di questo genere sono pertanto da considerarsi parte fondante del curriculum di studi della nostra scuola. Anno scolastico 2012/13 Corso di Web Design della durata di 1 settimana (36 ore) Progetto di Confindustria e Ceramica Tile Graphis Design con stage finale presso aziende ceramiche del territorio (10 partecipanti) - durata biennale. Visita al Duomo di Modena. Anno scolastico 2013/14 9

11 Progetto Semi di giustizia, fiori di legalità (in collaborazione con l'associazione Libera) -Ottobre 2013 Marzo 2014 Modena di corsa con l'accademia Militare: concorso per la progettazione di una cartolina celebrativa del 20 anno della manifestazione ArtMeccanica (convenzione scolastica con l'azienda) Ideazione e realizzazione delle cartoline promozionali e della cartellinacontenitore Progetto condotto con la compresenza di es. di laboratorio: riprese in loco e still life in studio MUMO scuola di danza, canto e musica Progetto della locandina dello spettacolo di fine corsi Progetto Latuaideadimpresa Fare Impresa PG seguito da Confindustria Ceramica per l'università Luiss lavoro di gruppo (suddivisione della classe in 2 gruppi, per 2 progetti) ricerca e proposta di un prodotto innovativo ideazione della start up, con approfondimenti sulla strutturazione necessaria alle attività progettuali, produttive e commerciali progettazione di un marchio preparazione della presentazione video (magliette, cartelloni, prove di registrazione) compilazione del businnes plan Un piccolo gruppo realizza un video sulla scuola per la presentazione all'evento conclusivo nella sede del Cerform del progetto Latuaideadimpresa Fare Impresa PG seguito da Confindustria Ceramica per l'università Luiss. Preparazione dei cartelloni con i marchi per le riprese in concorso a Latuaideadimpresa Fare Impresa Realizzazione dei manifesti per la manifestazione a Roma, per il progetto sulla legalità col prof. Simonetti con Libera Presso Fondazione Fotografia, visite guidate: 1. Walter Chappell sul tema enternal impermanence. 2. Axel Hutte Nell'area dell'appennino Modenese. 3. Eduard Weston; Franco Fontana; Luigi Ghirri; Franco Vaccari; Beppe Zagaglia. Visita alla città di Firenze e al Museo degli Uffizi. Partecipazione alle Giornate FAI di Primavera, Complesso Monacale delle Suore Domenicane a Modena, lavoro di apprendisti ciceroni (alcuni alunni). 10

12 Progetto "Sicurezza sul lavoro" con esame finale e rilascio del certificato di superamento dell'esame. Progetto con madrelingua inglese Janet Rice (12 ore, gennaio maggio 2014) Visita didattica Praga-Salisburgo. (8-12 aprile 2014) Tutti gli studenti hanno partecipato ad attività di stage presso aziende nel corso del quarto anno (due settimane). Anno scolastico 2014/15 Alcuni alunni partecipano al concorso: Modena di corsa con l'accademia Militare, progettazione di una cartolina celebrativa della manifestazione. Studio di un audiovisivo sul Duomo di Modena. L'azienda a scuola: pianificazione della campagna pubblicitaria di una linea di prodotti per il Caffè Molinari. Realizzazione della locandina per lo spettacolo del progetto col prof. Simonetti con Libera. Progetto Semi di giustizia, fiori di legalità - Dicembre 2014 Marzo 2015 (prof. P. Simonetti dott. Gerardo Bisaccia). Giornata di Orientamento presso l'università degli studi di Bologna (3 marzo 2015). Visita d'istruzione al Vittoriale d'italia - Gardone Riviera (31 marzo 2015). Due incontri di due ore con un esperto (Dott. Vologni) sul tema "Tecniche e strumenti di vendita" nel contesto del progetto sul Cibo. Visita all'expo a Milano nell'ambito del concorso Together in EXPO (7 maggio 2015) Visita a Milano al Museo del Novecento e alla Pinacoteca di Brera (15 maggio 2015). Corso di 10 ore con madrelingua inglese JANET RICE (gennaio - aprile 2015) Partecipazione al Progetto Davide Vignali/ edizione 2015, in collaborazione con Fondazione Fotografia. Proiezione documentario Il Sale della Terra " di Sebastiao Salgado, Regia di Wim Wenders. 11

13 Fondazione Fotografia Modena, visita guidata ai fotografi: 1. Mimmo Jodice, sul tema Arcipelago del mondo antico ; 2. Kenro Izu, sul tema Territori dello spirito ; 3. Hiroshi Sugimoto, sul tema Stop Time. Partecipazione al progetto "Un treno per Auschwitz". Concorso fotografico Shoesbook: parliamo di scarpe d'intesa con il M.I.U.R. Progetto "Educazione alla salute: AVIS-ADMO donazione del sangue". Corso di rianimazione cardio-polmonare. 8. VERIFICHE E VALUTAZIONI Sono state realizzate diverse tipologie di prove (progettuali, di laboratorio, scritte, orali, grafiche, strutturate, elaborati argomentativi). Per la valutazione sommativa i docenti hanno tenuto conto del raggiungimento dei requisiti minimi, dell'ampiezza della preparazione, dell'interesse e dell'impegno dimostrati, del contesto situazionale specifico di ogni alunno e dei progressi manifestati rispetto alla situazione di partenza. In tutte le discipline sono state attuate attività di recupero in itinere. Per le valutazioni si fa riferimento alla griglia di valutazione concordata in Consiglio di Classe di seguito riportata. 12

14 Valutazione in Valutazione in 10 mi mi 15 Giudizio Livello di preparazione Gravemente Preparazione molto lacunosa insufficiente e/o compromessa da gravi fraintendimenti Insufficiente Preparazione lacunosa e/o compromessa da fraintendimenti Preparazione fragile sul piano e diffuse carenze Insufficienza concettuale e incompleta sul non grave piano informativo, ma sostanzialmente esente da gravi 6 10 Sufficiente Preparazione circoscritta ai contenuti ed alle abilità essenziali Preparazione non particolarmente ampia e 7 11 Più che sufficiente consolidata ma sostanzialmente corretta nell impianto complessivo ed adeguatamente sostenuta sul piano informativo dei mezzi espressivi Discreto / Preparazione solida, omogenea, consapevolmente più che discreto assimilata, con buona proprietà concetti e mezzi espressivi Buono / Preparazione approfondita ed autonomamente rielaborata con più che buono sicuro possesso dei metodi, Preparazione approfondita ed Ottimo / Eccellente autonomamente rielaborata, con ottima padronanza dei metodi, concetti e mezzi espressivi 9. METODI, ATTREZZATURE E MEZZI ADOTTATI Lezioni frontali e interattive, discussioni guidate, lavori di gruppo in laboratorio, ricerche tematiche e progetti, libri di testo, fotocopie di argomenti per approfondimento o integrazione, LIM, presentazioni in Power Point e Prezi, fotocamera digitale, strumenti informatici presenti nei vari laboratori di indirizzo, programmi di grafica (Illustrator, Photoshop, In Design Première), laboratorio di posa e di sviluppo, visite guidate. 10. ESERCITAZIONI E PROPOSTE PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE Nel corso dell'anno il Consiglio ha preparato gli alunni ad affrontare le prove specifiche previste per l'esame di Stato. Per quanto riguarda la terza prova scritta, la classe ha svolto due esercitazioni nei mesi di marzo e aprile, secondo il seguente calendario: - 25 marzo 2015, materie: matematica, inglese, marketing, storia. 13

15 - 29 aprile 2015, materie: matematica, inglese, marketing, storia dell arte. La simulazione della prima prova si è svolta il 21 aprile 2015, quella della seconda prova il 6 maggio (Le terze prove sottoposte alla classe sono allegate al presente documento). L'esperienza maturata nel corso delle attività didattiche e le discussioni svolte dai Consigli inducono a ritenere che la modalità più consona alle risorse della classe sia la tipologia B, la quale prevede quesiti a risposta singola e aperta con l'indicazione del numero massimo di righe. Per quanto riguarda la prova orale, ogni alunno è stato informato della necessità di preparare con cura uno o più argomenti con i quali cominciare il colloquio. A tal fine alcuni studenti redigeranno un testo scritto di approfondimento su aspetti specifici di una o più discipline o una mappa concettuale in cui indicheranno gli argomenti che intendono esporre. Gli alunni potranno avviare il colloquio partendo eventualmente dal portfolio personale contente gli elaborati prodotti nelle materie di indirizzo durante l'ultimo triennio. Benché non sia mai stata svolta nel corso dell'anno la simulazione di un colloquio su tutte le discipline, nel corso della normale attività didattica gli alunni sono stati invitati a curare gli aspetti interdisciplinari e trasversali della loro preparazione. 11. INDICAZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE RELATIVE ALL ATTRIBUZIONE DEL BONUS (da 1 a 5 punti) Il Consiglio di Classe propone che la Commissione d Esame, per l attribuzione del bonus, tenga conto di: - Presentazione del candidato e relativo punteggio di ammissione - Eccellenza in una o più prove d esame - Originalità della traccia scelta dal candidato per aprire il colloquio. 14

16 ALLEGATO 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE 15

17 ISA A. VENTURI -MODENA ESAME DI STATO - anno scolastico GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA SCRITTA DI ITALIANO TIPOLOGIA: A B C D Candidato Classe V N Indicatori Descrittori Range Punti Pertinenza 1.Comprensione e rispetto della consegna 2.Aderenza alla tipologia testuale scelta Contenuti Tipologia A: -Comprensione -Analisi -Riflessione e approfondimento personali 0-2 (suff. 2) 0-5 (suff. 3) Organicita e coerenza Tipologia B: -Comprensione dei materiali -Rielaborazione efficace -Capacità di argomentazione -Approfondimento critico Tipologia C e D: -Livello di conoscenza dei contenuti -Capacità di contestualizzazione -Capacità di argomentazione -Approfondimento critico 1.Articolazione fra le parti 2.Equilibrio fra le parti 3.Coesione e coerenza 1-3 (suff. 2) Correttezza espressiva e stile 1.Morfosintassi 2.Lessico 3.Ortografia 4.Punteggiatura 5.Caratteristiche stilistiche 0-5 (suff. 3) P.TOT /15 I COMMISSARI 16

18 ISA A. VENTURI -MODENA ESAME DI STATO - anno scolastico GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA PROGETTAZIONE GRAFICA Candidato Classe V N Indicatori Descrittori Range Punti Ideazione progettuale Comprensione del problema Grado di analisi e di sintesi Coerenza e originalità dell'impostazione del progetto 1 : molto scarsa 2 : scarsa 3 : incompleta 4 : parziale 5 : esauriente Sviluppo grafico-esecutivo Realizzazione pratica e comunicazione del progetto Organizzazione dello sviluppo grafico Scelta tipologica degli elementi grafici nella visualizzazione del messaggio Adeguatezza nella scelta dei programmi di infografica per eseguire ogni lay out necessario Presentazione del lavoro 1 : molto scarsa 2 : scarsa 3 : incompleta 4 : parziale 5 : esauriente 1 : molto scarsa 2 : scarsa 3 : incompleta 4 : parziale 5 : esauriente I COMMISSARI TOTALE /15 17

19 ISA A. VENTURI -MODENA ESAME DI STATO - anno scolastico GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA (PLURIDISCIPLINARE Tipologia B) Candidato Classe V N Indicatori Pertinenza alla richiesta Conoscenza dei contenuti Utilizzo linguaggio specifico, correttezza espressiva e/o del calcolo Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo /3 3 TOTALE:.. / 15 I COMMISSARI 18

20 ISA A. VENTURI -MODENA ESAME DI STATO-anno scolastico GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO Candidato Classe V N Indicatori Punteggio max Livelli e relativi punteggi Punteggio assegnato Competenza linguistica (correttezza sintattica, proprietà lessicale, uso della terminologia specifica) 12 Grav. Insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente Conoscenze (pertinenza, correttezza e completezza delle informazioni) 12 Grav. Insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente Capacità nei collegamenti, di argomentare e approfondire ( uso delle conoscenze nei collegamenti, nell'analisi, sintesi e risoluzione di problemi; efficacia dell'argomentazione e apporti personali) 6 Grav. Insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente TOTALE:.. / 30 I COMMISSARI 19

21 ALLEGATO 2 RELAZIONI FINALI E PROGRAMMI SVOLTI DAI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE 20

22 RELAZIONE FINALE DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof. Pietro Simonetti LIBRO DI TESTO R. Luperini, P. Cataldi, L. Marchiani, F. Marchese, Il nuovo Manuale di letteratura, voll. 3 a e 3 b, G.B. Palumbo Editore PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La composizione attuale della classe, è il risultato di successivi innesti, che si sono susseguiti negli anni. Questo ha impedito che si creasse un amalgama utile per una resa costantemente ottimale in entrambe le discipline ed ha causato l'insorgere di dinamiche, a volte conflittuali, sopite, in parte, soltanto nel corso dell'ultimo anno scolastico. Ciò nonostante, alcuni allievi sono riusciti a mettersi in evidenza per la loro sensibilità verso tematiche culturali e sociali e l'interesse nell'affrontare, in modo anche brillante, le discipline. La classe, nel suo complesso, ha mostrato, soprattutto negli ultimi tre anni, di essere entusiasticamente partecipe alle attività extracurricolari, ma meno interessata ad uno studio costante e coerente. Gli studenti non si sono mai segnalati per atteggiamenti irriguardosi nei confronti dell insegnante, col quale nel corso di cinque anni hanno mantenuto un ottimo rapporto, rafforzatosi sempre più nel corso degli anni, o dell'istituzione scolastica, preferendo, a volte, dimostrarsi semplicemente poco reattivi a determinate sollecitazioni. OBIETTIVI MINIMI Acquisizione chiara della specifica natura del testo letterario capacità di comprendere gli aspetti essenziali della cultura letteraria saper operare una contestualizzazione adeguata dei testi letterari saper individuare gli aspetti fondamentali dei singoli testi, secondo criteri appresi negli anni precedenti e avvicinarsi consapevolmente ai testi saper esporre per iscritto un'analisi testuale che rispetti la traccia proposta saper operare alcuni confronti critici relativi ai vari contesti storico-letterari studiati collegandoli con altre discipline saper codificare testi espositivi ed argomentativi coerenti e coesi saper esporre oralmente e per iscritto in modo pertinente e articolato, utilizzando il linguaggio specifico della disciplina Conoscere i caratteri fondamentali delle arti in Italia e in Europa dal Medioevo al Novecento. 21

23 Tecniche di ricerca e catalogazione di produzioni multimediali e siti web, anche dedicati. PROGRAMMA SVOLTO 1) Giacomo Leopardi La vita, il pensiero, La poetica del vago e indefinito. Leopardi e il Romanticismo Il primo Leopardi: le Canzoni e gli Idilli Le Operette morali I grandi idilli Leopardi tra '800 e '900 Analisi metrico-stilistica, parafrasi e commento dei seguenti testi: L'Infinito, Dialogo della Natura e di un Islandese, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, La ginestra o il fiore del deserto. APPROFONDIMENTI: Visione del film di Mario Martone Il giovane favoloso. 2) Naturalismo e Simbolismo ( ) Le parole chiave: Naturalismo, Simbolismo, Decadentismo Le ideologie, le trasformazioni dell immaginario, i temi della letteratura e dell arte La figura dell artista e la perdita dell aureola Il successo del romanzo e la specializzazione del linguaggio lirico Il positivismo da Comte a Darwin e Spencer Nietzsche e la rottura filosofica di fine secolo; l estetica di Croce APPROFONDIMENTI: Le arti: dal Realismo e dall Impressionismo all Espressionismo. Le tendenze musicali da Debussy a Schönberg La tendenza al realismo nel romanzo La tendenza al Simbolismo e le due linee della poesia europea L Italia postunitaria: la Scapigliatura lombarda e piemontese Il Naturalismo francese e il Verismo italiano: poetiche e contenuti Il Simbolismo europeo: la poetica di Rimbaud, Verlaine, Mallarmé Il Decadentismo europeo come fenomeno culturale e artistico Dal Realismo al Naturalismo: Flaubert e Zola Analisi e commento del testo: E. Zola, L inizio dell Ammazzatoio, [cap. I]; Gli Scapigliati fra romanzo e novella: De Amicis e Collodi 3) Giovanni Verga e I Malavoglia La rivoluzione stilistica e tematica di Verga La vita e le opere 22

24 I romanzi giovanili e Nedda. L adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti Rosso Malpelo e le altre novelle di Vita dei campi I Malavoglia: Il titolo e la composizione; il progetto letterario e la poetica; il romanzo come opera di ricostruzione intellettuale ; la struttura e la vicenda, il sistema dei personaggi, Simbolismo e Naturalismo nei Malavoglia; il tempo e lo spazio; la lingua, lo stile, il punto di vista; la filosofia di Verga. Analisi e commento dei seguenti testi: L inizio di Nedda; Rosso Malpelo da Vita dei campi; L addio di Ntoni da I Malavoglia [cap.xv]. 4) La poesia Charles Baudelaire ed i suoi eredi: Verlaine, Rimbaud, Mallarmé La nascita della poesia moderna Analisi metrico-stilistica, parafrasi e commento della poesia L albatro [ Spleen e Ideale,II] 5) Giovanni Pascoli - Myricae La vita: tra il nido e la poesia. La poetica del fanciullino. Myricae e Canti di Castelvecchio: il simbolismo naturale e il mito della famiglia. I Poemetti: narrazione e sperimentalismo. Analisi metrico-stilistica, parafrasi e commento dei seguenti testi lirici: Il gelsomino notturno [Canti di Castelvecchio]; Digitale purpurea [Primi poemetti]; Myricae: Composizione e storia del testo; il titolo; Struttura e organizzazione interna; Le forme e la poetica di Myricae: il simbolismo impressionistico; Temi: la natura e la morte, l orfano e il poeta. Analisi metrico-stilistica, parafrasi e commento dei seguenti testi lirici: Novembre [In campagna, XVIII]; Temporale [In campagna, XII]; Lavandare [L ultima passeggiata, IV] 6) Gabriele D Annunzio Vita e opere. Il panismo del superuomo. La produzione poetica fra il 1879 e il I primi tre libri delle Laudi ( ) e la produzione poetica successiva. Le prose. Dalle novelle abruzzesi al Notturno. Il Piacere, romanzo dell estetismo decadente. Alcyone: Composizione e storia del testo; struttura e organizzazione interna; i temi; lo stile, la lingua, la metrica. Analisi metrico-stilistica, parafrasi e commento dei seguenti testi lirici e narrativi: Sensazioni e allucinazioni [Notturno]; Ritratto di Andrea Sperelli [Il piacere, Libro I, cap. II]; La pioggia nel pineto; I pastori; Qui giacciono i miei cani. 23

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli