Modulo: Metodologia Epidemiologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo: Metodologia Epidemiologica"

Transcript

1 Cd LM LM-67 - Scienze e Tecniche delle attività motorie preventive e adattate C.I. Epidemiologia e valutazione degli stili di vita sulla salute Modulo: Metodologia Epidemiologica Prof. Giovanni Capelli (Cattedra di Igiene Università di Cassino -

2 Cd LM LM-67 - Scienze e Tecniche delle attività motorie preventive e adattate Le fonti dei dati Le indagini ad hoc: questionari Prof. Giovanni Capelli (Cattedra di Igiene Università di Cassino -

3 Indagini ad hoc esaustive campionarie Questionari Interviste Dirette Acquisizione dei dati di interesse sanitario Telefoniche 3

4 Il Questionario Il questionario è un mezzo per la rilevazione di dati atti alla quantificazione di determinati fenomeni E uno strumento di misura, del quale vanno determinate: La sensibilità (rilevazione di differenze nel livello del fenomeno in esame) La specificità (indicazioni relative solo al fenomeno in esame) L affidabilità (o replicabilità) (risultati replicabili nel tempo) La precisione (assenza di errore sistematico) 4

5 Iter per la elaborazione di questionari ed il loro impiego e in medicina Pianificazione della ricerca Elaborazione del questionario Validazione (pretest) del questionario Impiego del questionario 5

6 Pianificazione della ricerca Definire l oggetto e gli obiettivi della ricerca costrutti dimensioni indicatori misurabili Determinare i dati da rilevare Verificare se esistono modalità di rilevazione dei dati diverse rispetto al questionario Individuare la popolazione da esaminare ed acquisire dati su di essa (età, sesso, residenza, livello di scolarità, ecc.) 6

7 Dal concetto agli indici Il processo di specificazione che va dal concetti agli indici viene suddiviso in quattro fasi: individuazione sintetico-intuitiva del concetto [costrutto] da sottoporre ad analisi specificazione del concetto attraverso l individuazione dei suoi aspetti o dimensioni scelta degli indicatori significativi rispetto alle dimensioni individuate ed alle loro specifiche misurazioni empiriche formazione di indici sintetici che rappresentano la sintassi delle misurazioni degli indicatori selezionati come significativi in relazione alle dimensioni scelte come costitutive del concetto o dell insieme Zeppetella A, Alcuni problemi connessi alla costruzione di indici di impatto ambientale, In: P.Schimidt di Friedberg (a cura di),

8 Misura degli stati di salute con questionari Trasformare i concetti in misure Domande Scale Compositi Domini C o n c e tt o Produzione questionario Analisi Psicometrica Modello concettuale d i s a l u t e 8

9 Misura degli stati di salute con questionari Tradurre le risposte in stati Domande Scale Compositi Domini S t a t o d i Risposte dei pazienti Analisi statistica Interpretazione teorica s a l u t e 9

10 La lettera di presentazione E necessario allegare al questionario una lettera di presentazione, che dovrà: spiegare gli scopi dello studio convincere i rispondenti che lo studio è utile per loro stessi o la società rendere consapevoli i rispondenti che il loro contributo è determinante per lo studio fornire assicurazioni sulla tutela dell anonimato assicurare un feedback sui risultati dello studio ringraziare per la collaborazione 10

11 Elaborazione del questionario Formulazione dei quesiti tipologia ed oggetto delle domande Abbinamento tra dati ricercati e domande formulazione di quesiti relativi a tutti i dati che si intende rilevare verifica per quesiti superflui Verifica della formulazione delle domande mediante la check-list Formato tipografico del questionario 11

12 Tipologia delle domande Scelta chiusa (unica o multipla) il rispondente deve selezionare una o più opzioni tra una serie preordinata di risposte Scelta mutuamente esclusiva (vero-falso; si-no) Scelta graduata le risposte sono ordinate secondo un gradiente di giudizio Completamento viene richiesto il completamento di una frase o di uno spazio bianco Aperte (a risposta libera) 12

13 Tipo di domanda e tipo di dato ottenibile Scelta chiusa Dati categorici nominali Scelta mutuamente esclusiva Dati categorici binomiali Scelta graduata Dati categorici ordinali A completamento Dati numerici Testo (omogeneo) Aperte Testo (libero) 13

14 Vantaggi e svantaggi delle domande a risposta aperta Vantaggi Adatte all acquisizione di opinioni Utili nelle indagini preliminari per individuare aspetti tipici delle popolazioni in esame Utili per acquisire critiche e suggerimenti Svantaggi Maggiori difficoltà nella formulazione della risposta Richiedono più tempo e concentrazione da parte di chi risponde Elaborazione statistica delle risposte più complicata 14

15 Vantaggi e svantaggi delle domande a scelta chiusa Vantaggi Risposta più facile e rapida Elaborazione statistica più agevole Svantaggi Elaborazione delle domande più impegnativa Questionario più lungo ed articolato 15

16 Oggetto delle domande Conoscenze Attitudini ciò che il soggetto conosce es: quali sono le vie di trasmissione delle malattie infettive? ciò che il soggetto afferma di volere o pensare es: lei intende seguire questo corso a tempo pieno? Opinioni e giudizi ciò che il soggetto ritiene sia vero Esperienze es: secondo lei, gli ospedali sono ben amministrati? ciò che è accaduto al soggetto in passato o ciò che accade ora es: vive o ha vissuto vicino a linee dell alta tensione? Comportamenti Attributi ciò che il soggetto fa, ha fatto, farà es: ha mai consumato droghe leggere? ciò che il soggetto è es: che scuola ha frequentato? di che sesso è? 16

17 Quantificazione della risposta La quantificazione della intensità di determinati fenomeni può essere effettuata con due modalità principali: Scale di valutazione basate su categorie Per cortesia scegli la frase che meglio descrive l intesità del dolore da te percepito: Lieve Tollerabile Intenso Intollerabile Scale analogico-lineari (o Visuali - VAS) Per cortesia segna sulla linea il punto che meglio descrive l intensità del sintomo da te percepito: Lieve X Intollerabile 17

18 Concettualizzazione categorica e dimensionale (Streiner DL & Norman GR, Health Measurement Scales, Oxford Med. Publ., 1995) Modello categorico La diagnosi richiede che siano soddisfatti più criteri, ciascuno dei quali ha una soglia Il fenomeno differisce qualitativamente e quantitativamente a diversi livelli di gravità Le differenze tra casi e non casi sono implicite nella definizione La gravità è minima quando i criteri diagnostici sono appena soddisfatti Una diagnosi spesso esclude le altre Modello dimensionale La presenza a livelli importanti di alcune caratteristiche può compensare l assenza di altre Il fenomeno differisce solo quantitativamente a diversi livelli di gravità Le differenze tra casi e non casi sono meno chiaramente definite La gravità è più bassa nei soggetti che sono meno influenzati Un soggetto può avere in diversa misura diverse malattie 18

19 La Checklist per la valutazione preliminare delle domande di un questionario Woodward CA, Questionnaire construction and question writing for research in medical Education, Medical Education Jul; 22(4): Department of Clinical Epidemiology and Biostatistics, McMaster University, Hamilton, Ontario. ABSTRACT: This booklet describes the basic principles of questionnaire construction and design using examples applicable to research in medical education. It is intended for medical educators and researchers who plan to construct questionnaires to gather data about a course, curriculum component or medical education programme. An easy-to-use list of problems to consider when writing questions for a questionnaire is provided. As well, information is provided about the structure of a questionnaire and of the covering letter sent to potential respondents. 19

20 Check #1: Le parole usate sono semplici, dirette e comprensibili a tutti? Il linguaggio deve essere adatto al livello culturale dei rispondenti Le abbreviazioni vanno usate poco, e solo dopo avere usato la parola completa in associazione con la sua abbreviazione I termini stranieri, gergali e dialettali devono essere evitati Ad esempio: Il suo ECG più recente ha mostrato segni di alterazione del ritmo sinusale? Ha mai provato sintomi ascrivibili alla Sick Building Syndrome? 20

21 Check #2: La domanda è sufficientemente chiara e specifica? Se la domanda è vaga la risposta non sarà attendibile Se la domanda è troppo specifica rischia di rimanere senza risposta Esempi: Hai fumato recentemente? Sarebbe stato meglio: Hai fumato negli ultimi 12 mesi? Il tuo bambino ha mai avuto una delle seguenti malattie? (se sì, a che età è stata diagnosticata per la prima volta? Morbillo SI NO Età Sinusite SI NO Età Bronchite SI NO Età Croup SI NO Età Pertosse SI NO Età 21

22 Check #3: La domanda è doppia? Se la domanda comprende due quesiti la risposta non sarà facile da interpretare Esempio: Come giudichi la forma ed il contenuto delle campagne informative sull AIDS? (a) ottimo (b) buono (c) discreto (d) scadente Sarebbe stato meglio: Come giudichi il contenuto delle campagne informative sull AIDS? (a) ottimo (b) buono (c) discreto (d) scadente 22

23 Check #4: La domanda contiene una doppia negazione? La doppia negazione mette in difficoltà il rispondente Esempio: Non fumare in gravidanza non comporta rischi per il feto (a) vero (b) falso 23

24 Check #5: La domanda è troppo complessa? Esempio: Nella lista seguente sono indicati alcuni aspetti relativi all assistenza ospedaliera. (a) Preparazione dei medici (b) Attenzioni ricevute dai medici (c) Informazioni ricevute dai medici (d) Preparazione del personale infermieristico (e) Attenzioni ricevute dal personale infermieristico (f) Informazioni ricevute dal personale infermieristico (g) Qualità degli esami diagnostici effettuati (h) Qualità delle cure ricevute (i) Rispetto delle tue opinioni (l) Considerazione delle tue necessità (m) Rispetto della tua intimità (n) Pulizia della stanza (o) Qualità del cibo Facendo riferimento al tuo ricovero in ospedale, ordina i suddetti aspetti dal più soddisfacente al meno soddisfacente, utilizzando la lettera dell alfabeto corrispondente a ciascun aspetto Era meglio: Facendo riferimento al tuo ricovero in ospedale, indica i tre aspetti più soddifacenti ed i tre meno soddisfacenti (segna la lettera corrispondente a ciascun aspetto)» Aspetti più soddisfacenti» Aspetti meno soddisfacenti 24

25 Check #6: La domanda influenza la risposta? Se la domanda suggerisce già una risposta preferita o ben accetta la risposta non sarà attendibile Esempio: Sapendo che il fumo provoca malattie dell apparato respiratorio o cardiovascolare, quali dei seguenti sintomi presenti abitualmente? (a) tosse (b) affanno (c) debolezza (d) catarro (e) nessuno Sarebbe stato meglio: Tra i seguenti sintomi, quale presenti abitualmente (a) tosse (b) affanno (c) debolezza (d) catarro (e) nessuno 25

26 Check #7: La domanda si applica a tutti i rispondenti? Alcune domande si applicano solo ad alcuni dei soggetti esaminati Per evitare che tali domande generino confusione si adotta un pattern di scavalcamento Esempio: (a) Hai mai fumato sigarette (rispondi NO se hai funato meno di 20 pacchetti di sigarette nella tua vita o meno di una sigaretta al giorno per un anno» SI NO Se hai risposto SI alla precendente: (b) Ora fumi sigarette? SI NO Era meglio: (a) Hai mai fumato sigarette (rispondi NO se hai funato meno di 20 pacchetti di sigarette nella tua vita o meno di una sigaretta al giorno per un anno» NO -> passa alla domanda (c)» SI Se hai risposto SI alla precendente: b) Ora fumi sigarette? SI NO 26

27 Check #8: La domanda si può abbreviare senza perdere chiarezza e precisione? Domande troppo lunghe possono confondere sulla natura del problema PERO --> domande troppo corte possono risultare poco chiare Esempi: Nel corso della tua recente esperienza, ritieni di poter affermare di essere stato affetto da patologie infettive dell albero respiratorio? Hai infezioni? 27

28 Check #9: La domanda è imbarazzante? E opportuno evitare domande relative a questioni intime o che suscitano imbarazzo nei rispondenti (sessualità, droghe, alcool, malattie) Se questo non è possibile, è opportuno: Inserire tali domande alla fine del questionario Fornire categorie di risposta ampie Creare un contesto che attenui l impatto della domanda Far precedere la domanda da altre domande che consentano di superare gradualmente l impatto dell interlocutore Si tratta in genere di dati sensibili (legge 675/96 sulla privacy ) ma, a seconda del contesto, potrebbero essere imbarazzanti o offensive domande che normalmente non lo sono... 28

29 Check #10: Le risposte possono essere influenzate dall atteggiamento dell interlocutore? L atteggiamento di chi risponde potrebbe essere caratterizzato da: acquiescenza verso la tesi implicita nel questionario conformismo verso comportamenti socialmente accettati Quindi, il vestiario, il comportamento di chi consegna il questionario (o degli intervistatori) e anche il formato del questionario devono manatenere la massima neutralità pena la raccolta di risultati del tutto deviati 29

30 Check #11: Abbiamo considerato la possibilità che il soggetto non sappia rispondere? E possibile che il soggetto che compila il questionario non sappia cosa rispondere non ricordi E sempre opportuno inserire tra le risposte anche l opzione Non so ovvero Non ricordo 30

31 Check #12: E indicato nel questionario un riferimento temporale appropriato? Per facilitare i ricordi dell interlocutore, è opportuno fornire riferimenti temporali non vaghi Nel corso dell ultimo anno... Nell inverno appena trascorso Va considerata la differenza tra i riferimenti a misure temporali precise es. 30 giorni e il fatto che siamo abituati a pensare il tempo come legato ad eventi specifici e quindi la misura mese precedente viene anche involontariamente legata ad un evento fisiologico, affettivo (un compleanno), sociale (una festività), lavorativo (un impegno) 31

32 Check #13: Le risposte possono essere comparate con i dati esistenti? Perché abbia senso confrontare i propri risultati con quelli di altri ricercatori è opportuno utilizzare questionari uguali o, se si tratta di traduzioni da una lingua diversa che le proprietà psicometriche del nuovo formato testuale siano state opportunamente ed approfonditamente studiate 32

33 Check #14: I termini usati possono assumere differenti significati per diversi interlocutori? I termini utilizzati sono fondamentali nelle misure realizzate attraverso questionari gli stessi termini possono assumere significati diversi in regioni diverse della stessa nazione tra diverse generazioni tra diversi livelli culturali E la massima attenzione va posta sui sinonimi veri ed apparenti soprattutto nelle traduzioni da una lingua all altra o negli adattamenti culturali 33

34 Check #15: Le risposte proposte sono esaustive delle diverse possibilità? Nelle domande a scelta chiusa, bisogna assicurarsi che le risposte possibili siano esaustive esauriscano cioè tutte le possibilità Infatti, quando vengono stilate delle opzioni di risposta è facile per il ricercatore pensare ad opzioni alle quali LUI risponderebbe ma è possibile che un compilatore non trovi una opzione adeguata al suo pensiero Se non ne siamo sicuri aggiungiamo una ultima opzione aperta Altro (Specificare) 34

35 Formato finale del questionario Alcuni consigli Carta e formato usare carta resistente usare un formato libro Codici interni assegnare un numero codice ad ogni questionario assegnare ad ogni domanda un numero progressivo Domande lasciare spazio sufficiente tra i quesiti non spezzare le domande tra due pagine usare caratteri di stampa diversi per le istruzioni, le domande e le relative risposte evidenziare con vari artifici le parti più importanti delle domande 35

36 Le singole domande del questionario Alcuni consigli Domande Utilizzare differenti caratteri per differenti sezioni di diverse domande es. maiuscolo per la domanda, neretto per le risposte alternative, corsivo per le istruzioni Aggiungere specifiche istruzioni e suggerimenti (per gli intervistatori) a ciascuna domanda Risposte chiuse Usare il formato verticale per la risposta Pre-codificare tutte le domande a risposta chiusa Utilizzare sempre lo stesso numero di codice per particolari categorie di risposte Individuare le risposte alle domande a risposta chiusa circondando il numero di codice o la risposta alternativa Considerare la fruibilità dei formati per l input su calcolatore ad es. spostare i codici di risposta contro il margine destro della pagina Risposte aperte Riservare spazi o caselle per le domande a risposta aperta 36

37 La numerosità del campione sul quale si esegue l indagine influenza il formato del questionario A. Su piccoli campioni (studi pilota, studi ad hoc) si può prendere in considerazione anche la raccolta di dati che presentano problemi di codifica: Risposte testuali aperte Risposte multiple (es. tutti i mestieri che hai fatto nella vita ) B. Su grandi campioni (studi di popolazione, questionari spediti per via postale) è necessario: Far scegliere tra più opzioni chiuse precodificate Inserire un codice altro per le eccezioni Ridurre al massimo i salti condizionati (es. se Maschio vai alla domanda X, se Femmina vai alla domanda Y) Ridurre al massimo il testo 37

38 Validazione del questionario (1) Consiste nella somministrazione preliminare del questionario ad uno o più gruppi di soggetti allo scopo di identificare eventuali difetti dello stesso e correggerli prima di utilizzarlo nell indagine specifica Si debbono considerare alcuni aspetti: Accettabilità valutabile in base Affidabilità alla velocità di compilazione, ed alla percentuale di difficoltà dichiarata dai compilatori esprime la misura della replicabilità dei risultati ottenuti ed indica anche l entità dell errore casuale associato 38

39 Validazione del questionario (2) Validità del contenuto indica in che misura il questionario soddisfa i requisiti indicati nella check-list delle domande Validità predittiva indica in che misura i risultati ottenuti dal questionario si accordano con quelli ottenuti con altro metodo standard Validità del costrutto fornisce indicazioni circa la misura in cui le domande del questionario esplorano aspetti (costrutti) diversi del fenomeno in esame 39

40 Verifica e fasi finali della messa a punto di un questionario Correggere la prima bozza del questionario Somministrare il questionario a un campione facilmente accessibile Parenti amici, colleghi, voi stessi Fornire le istruzioni per l uso e addestrare gli intervistatori mediante un test pilota Se ci sono dei problemi, vanno risolti in questa fase Testare il questionario su un campione di persone Rappresentativo della popolazione a cui appartengono i soggetti da esaminare Raccogliere le osservazioni degli intervistatori e degli intervistati, possibilmente per iscritto Correggere le domande che mettono in difficoltà Ripetere il test e rivedere gli eventuali punti critici Elaborare corrette istruzioni e preparare gli intervistatori per l avvio dello studio Se emergono altri problemi effettuare un ulteriore revisione. Seguire attentamente le prime fasi dello studio ed esser pronti a ulteriori modifiche, se necessario 40

41 Metodi di misura dell esposizione in epidemiologia Metodo di misura Dato Tempo Tipo esposizione Soggettivo Oggettivo Presente Passato Attributo personale Esposizione ambientale Intervista Questionario Diario Osservatore esterno Cartelle cliniche Misure fisiche o chimiche sull'individuo Misure fisiche o chimiche sull'ambiente

42 1. Capacità di ottenere un campione rappresentativo Caratteristica Tutti i membri della popolazione hanno l'opportunità di essere inclusi nel campione Intervista diretta Intervista telefonica Questionario postale * Elenco completo dei soggetti elevata elevata elevata * Elenco incompleto dei soggetti (es. occupanti di una abitazione) Controllo della selezione dei rispondenti all'interno dei campioni elevata media media elevato elevato medio Probabilità che i rispondenti selezionati siano individuati media elevata elevata Tasso di risposta * Campioni eterogenei (es. popolazione generale) elevato elevato medio * Campioni omogenei specializzati (es. medici, infermiere, studenti) elevato elevato elevato 42

43 2. Impostazione e costruzione del questionario Caratteristica Intervista Intervista Questionario diretta telefonica postale Numero complessivo di domande del questionario elevato medio medio Tipo di domande * Grado di complessità elevato basso medio * Utilizzabilità delle domande a risposta aperta elevato elevato basso * Possibilità di controllo della sequenza delle domande elevato elevato basso * Risposta nel caso di domande "delicate" elevato medio basso Capacità di evitare la mancanza di risposta elevata elevata media Indipendenza dalle modalità di compilazione del questionario elevata media bassa 43

44 3. Capacità di ottenere risposte accurate Caratteristica Probabilità di evitare Intervista diretta Intervista telefonica Questionario postale * Errori connessi all'accettabilità bassa media alta * Distorsioni da parte dell'intervistatore bassa media alta * Influenza da parte di altre persone media alta media Probabilità di ottenere * un consulto se necessario media bassa media 44

45 4. Requisiti di carattere amministrativo Caratteristica Intervista Intervista Questionario diretta telefonica postale Probabilità di soddisfare le esigenze dello staff bassa alta alta Rapidità di realizzazione bassa alta bassa Economicità * Costi per singolo contatto alti medi bassi * Influenza delle distanze geografiche alta media bassa 45

46 Confronto tra interviste e questionari: riepilogo Caratteristica 1. Capacità di ottenere un campione rappresentativo Intervista diretta Intervista telefonica Questionario postale 2. Impostazione e costruzione del questionario e disegno 3. Capacità di ottenere risposte accurate 4. Requisiti di carattere amministrativo 46

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Nozioni metodologiche di base e pratiche consigliate per rilevazioni statistiche dirette o basate su fonti amministrative Marco Fortini Istituto Nazionale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Piergiorgio Corbetta METODOLOGIA E TECNICHE DELLA RICERCA SOCIALE

Piergiorgio Corbetta METODOLOGIA E TECNICHE DELLA RICERCA SOCIALE Piergiorgio Corbetta METODOLOGIA E TECNICHE DELLA RICERCA SOCIALE LA LOGICA DELLA RICERCA SOCIALE 2 I PARADIGMI DELLA RICERCA SOCIALE Kuhn e i paradigmi delle scienze La parola paradigma è stata utilizzata

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Questionario per l arto superiore DASH

Questionario per l arto superiore DASH Questionario per l arto superiore DASH (Disability of the Arm, Shoulder and Hand) Italian Version Istruzioni: Il presente questionario riguarda i Suoi sintomi e la Sua capacità di compiere alcune azioni.

Dettagli