Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)"

Transcript

1 Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà di quelli massimi assegnati la vostra preparazione è insufficiente. Consegna: Progettare una proposta di empirica valutazione (domande guida per autovalutarsi) I punti da trattare sono: (1) tema, obiettivo di e problema conoscitivo; (2) quadro teorico; (3) ipotesi/domanda di lavoro; (4) disegno di ; (5) fattori dipendenti, indipendenti, intervenienti, moderatori; (6) definizione operativa dei fattori; (7) popolazione di riferimento, numerosità del campione e tipologia di campionamento; (8) tecniche, strumenti di rilevazione dei dati; (9) piano di raccolta dei dati; (10) tecniche di analisi dei dati proposte e linee guida per l'interpretazione dei risultati; (11) aspetti etici e cronoprogramma e (12) revisione della letteratura. Sono presenti nell'elaborato? Sono formulati in? C'è coerenza tra le varie fasi? La terminologia metodologica viene utilizzata in e coerente? Sono presenti tutte le informazioni necessarie? Un tore sarebbe in grado di mettere in atto il vostro progetto di basandosi solo sulle informazioni presenti? Quali sono a vostro avviso i punti di forza del vostro progetto? E quali i punti di debolezza? Sono chiari il tema, problema conoscitivo di partenza e l obiettivo di che dovranno guidare lo studio e derivano dai risultati dell analisi della letteratura? Il quadro teorico è presentato con una mappa concettuale e due pagine di descrizione che esplicitano lo stato dell arte della letteratura. E coerente e appropriato per l obiettivo conoscitivo fissato. Ipotesi di lavoro e/o domanda di e disegno di : la domanda di deriva dai risultati della revisione? E coerente con l obiettivo di? E chiara, precisa e formulata correttamente? Il disegno di è quello più appropriato per rispondere alla domanda di? Perché? E fattibile? Quali limiti e quali implicazioni etiche? Fattori dipendenti e indipendenti (ed eventuali fattori intervenienti e moderatori): sono identificati i fattori all'interno delle ipotesi, esplicitando fattori dipendenti, indipendenti, intervenienti, moderatori, e eventuali relazioni da esplorare? Definizione operativa dei fattori: sono esplicitati i fattori (generali e specifici), gli indicatori (uno o più) relativi a ciascun fattore, e, se si propone di usare un questionario, le domande del questionario corrispondenti a ciascun indicatore? Es. Fattori Indicatori Domande del questionario Attitudine all uso dei test cognitivi XY Frequenza di uso nella pratica professionale (misurato attraverso una scala a 7 punti da mai a sempre) Con quale frequenza usa il test XY con pazienti? (domanda 5) assegnazione del punto per ogni criterio soddisfatto in (minimo 0, massimo 12 punti) 1

2 Progettare una proposta di empirica valutazione (domande guida per autovalutarsi) - segue Popolazione di riferimento, numerosità del campione e tipologia di campionamento: sono indicati in modo esplicito e chiaro la popolazione presa come riferimento, la dimensione del campione proposta (se è il caso) e la motivazione della scelta, la strategia scelta per estrarre il campione giustificando la scelta? Tecniche e strumenti di rilevazione dei dati: sono descritte in modo chiaro le tecniche e gli strumenti che si intendono usare per la raccolta dei dati, sono resi espliciti i passaggi che hanno portato dagli indicatori dei fattori considerati alle domande del questionario o alla scaletta/griglia di intervista o alla griglia di osservazione? Una copia non compilata degli strumenti proposti per la raccolta dati è riportata nell appendice della proposta di? Piano di raccolta dei dati: sono indicati in modo esplicito e chiaro le modalità con cui i dati saranno raccolti e organizzati per la loro analisi. Tecniche di analisi dei dati usate e interpretazione dei risultati: Se la è di impostazione quantitativa l'analisi dei dati deve indicare come sarà condotta l analisi monovariata e bivariata. Se la è di impostazione qualitativa l'analisi dei dati deve far riferimento alle tecniche e agli strumenti qualitativi(costruzione di categorie a posteriori, mappe concettuali, unità di significato, ecc.). assegnazione del (si veda sopra) 2

3 Valutare la preparazione per l esame orale: Consegna: valutazione (domande guida per autovalutarsi) le differenze tra qualitativa e quantitativa le operazioni concettuali della in logopedia dell analisi dei dati basata sulla matrice dei dati della interpretativa della per esperimento della analitica osservazionale della azione Qual è la logica di fondo nei due approcci (realismo, interpretativismo, ecc.)? Sapete le differenze in modo esaustivo? Come affrontano i problemi i due approcci? Quali vantaggi e svantaggi hanno? La terminologia metodologica che usate è Quali operazioni concettuali sono considerate più importanti dai vari approcci studiati (realismo, interpretativismo, ecc.)? La terminologia Quali sono di questa strategia? Cosa differenzia questa strategia dalle altre? Quali approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) adottano questa strategia di analisi e a che scopo? Per rispondere a quale tipo di problemi conoscitivi è utile questa strategia? Come viene fatto il disegno della? Quali tecniche e strumenti di raccolta e di elaborazione dati vengono utilizzate? La terminologia metodologica che avete utilizzato è Cosa differenzia questo approccio dagli altri? Quali approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) adottano questa strategia di e a che scopo? Per rispondere a quale tipo di problemi conoscitivi è utile questa? Come viene fatto il disegno della? Quali tecniche e strumenti di raccolta e di elaborazione dati vengono utilizzate? La terminologia Cosa differenzia questo metodo dagli altri? Quali approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) adottano questa strategia di e a che scopo? Per rispondere a quale tipo di problemi conoscitivi è utile questa? Come viene fatto il disegno della? Quali tecniche e strumenti di raccolta e di elaborazione dati vengono utilizzate? Che cosa differenzia uno studio sperimentale da uno studio quasi sperimentale?la terminologia metodologica usate è Cosa differenzia questo metodo dagli altri? Quali approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) adottano questa strategia di e a che scopo? Per rispondere a quale tipo di problemi conoscitivi è utile questa? Come viene fatto il disegno della? Quali tecniche e strumenti di raccolta e di elaborazione dati vengono utilizzate? La terminologia metodologica usate è Cosa differenzia questa strategia dalle altre? Quali approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) adottano questa strategia di e a che scopo? Per rispondere a quale tipo di problemi conoscitivi è utile questa? Come viene fatto il disegno della? Quali tecniche e strumenti di raccolta e di elaborazione dati vengono utilizzate? La terminologia 3

4 le fasi della individuano problemi e obiettivi di le funzioni del quadro teorico costruisce e si esplicita un quadro teorico cercano le informazioni attraverso la rete costruiscono le ipotesi costruisce una definizione operativa valutazione (domande guida per autovalutarsi) - segue In quali strategie sono presenti? In quali non sono presenti? I vari approcci (realismo, interpretativismo, ecc.) danno la stessa importanza a ciascuna singola fase? Che cosa si intende per coerenza infra fase e interfase? La terminologia metodologica usate è Quali problemi si possono considerare di di interesse logopedico e quali no? Come si formula un problema di? Cosa distingue un problema rilevante da uno non rilevante? Che relazione c'è tra problemi e obiettivi di? E tra problemi e domande/ipotesi di? E tra domande/ipotesi di e metodi di? La terminologia Quali funzione assolve l'esame della letteratura esistente in una? Perché il quadro teorico guida la? Cosa potrebbe succedere se non ci fosse? Che ruolo assegnano al quadro teorico i vari approcci (realismo, ecc.)? Che funzione ha il quadro teorico nei diversi metodi di? La terminologia Come si cercano le informazioni? Secondo quali strategie? Come si compongono nel quadro teorico? Come si esplicita il prodotto ottenuto? Quali forme di rappresentazione sono possibili (tipologie, ecc.)? La terminologia Quali sono gli strumenti di (banche dati, ecc.)? Come vanno utilizzati? Come si può trovare effettivamente quello che serve? Come si evita di trovare troppa informazione o troppo poca? La terminologia Come si passa dal problema conoscitivo alle ipotesi? Quali caratteristiche deve avere un'ipotesi? Quali tipi di ipotesi possiamo avere? E quali tipi di relazioni tra fattori? Come si identificano i fattori nelle ipotesi? La terminologia metodologica che usate è Perché è importante la definizione operativa? Come si passa dai fattori astratti alla loro definizione operativa? La terminologia 4

5 i tipi di relazione tra fattori esplicitabili nelle ipotesi cosa sono gli indicatori il problema della validità e dell'attendibilità nella empirica i livelli di scala delle variabili i tipi di campione la validità ed attendibilità del processo di rilevazione dei dati la logica dell'analisi dei dati quantitativi e del controllo delle ipotesi valutazione (domande guida per autovalutarsi) - segue Come si possono influenzare tra di loro i fattori? Le relazioni sono sempre dirette? Che cosa si intende per causalità? La terminologia Che relazione c'è tra fattori astratti e indicatori? Cos'è il rapporto di indicazione? Come si individuano gli indicatori? Quando un indicatore è valido? Come possono essere classificati gli indicatori (dati personali, comportamenti, ecc.)? Quando gli indicatori sono buoni indicatori? Gli indicatori si usano da soli? La terminologia Quanti e quali tipi di validità e di attendibilità ci sono? I vari approcci (realismo, ecc.) quali adottano? Quali metodi vengono utilizzati per controllare la validità e l'attendibilità? Quali vengono usati nei diversi metodi di? La terminologia metodologica che usate è Quanti tipi di variabili ci sono? Cosa li contraddistingue? Quali operazioni possiamo fare sui vari tipi di variabili? La terminologia Quali tecniche di campionamento sono possibili? A quali esigenze vengono incontro? Quali sono gli svantaggi e quali i vantaggi di ciascuna tecnica? Quali vengono utilizzate nei diversi disegni di? La terminologia Quali fattori incidono sulla validità interna ed esterna del processo di rilevazione? Quali sono i rimedi possibili? La terminologia Cosa vuol dire analizzare i dati? Come si controlla un'ipotesi? Come si interpretano i risultati dell'analisi? La terminologia 5

6 la logica della comparazione tra fattori la logica dell'analisi dei dati qualitativi il ruolo della nella pratica professionale raccolgono dati ad alta strutturazione raccolgono dati a bassa strutturazione costruisce un questionario le differenze tra intervista e colloquio valutazione (domande guida per autovalutarsi) - segue Perché si compara? Quali tecniche vengono utilizzate? In quali casi? La terminologia Come si analizza un dato in forma testuale? Quali sono le tecniche utilizzabili? Come si possono dividere? Quali sono i vantaggi delle varie tecniche? E quali i limiti? La terminologia Perché la è importante per la pratica professionale? In che modo il logopedista beneficia dei risultati di e contribuisce alla? Che differenza c è tra evidence based practice e? La terminologia metodologica che usate è Quali strategie utilizzano questo tipo di raccolta dei dati? Quali sono i vantaggi? Quali gli svantaggi? Quali tecniche vengono usate? Quali strumenti? Che vantaggi/svantaggi ha ciascuno? La terminologia Quali strategie utilizzano questo tipo di raccolta dei dati? Quali sono i vantaggi? Quali gli svantaggi? Quali tecniche vengono utilizzate? Quali strumenti? Che vantaggi/svantaggi ha ciascuno? La terminologia Quando si utilizza il questionario? Quali sono le fasi di costruzione? Quali sono i tipi di domande? Cosa rilevano? Come devono essere formulate le domande? Come si accerta la validità del questionario? La terminologia Cosa rilevano? Con che motivazione vi si accostano gli attori? Chi utilizza l'intervista? Chi il colloquio? La terminologia 6

7 i tipi di intervista faccia a faccia l'intervista non direttiva l'intervista biografica l'intervista ermeneutica i tipi di intervista di gruppo i criteri per la conduzione dell'intervista l'osservazione come strumento di rilevazione dei dati valutazione (domande guida per autovalutarsi) segue Sapete i principali tutti i tipi? Quali sono le peculiarità di ciascuno? A cosa servono? Quando si usano? La terminologia Quali scopi ha? Come si conduce? Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi? Come si analizzano i dati raccolti? La terminologia metodologica usate è Quali scopi ha? Come si conduce? Quali sono i vantaggi e quali i rischi? Come si analizzano i dati raccolti? La terminologia Quali scopi ha? Come si conduce? Quali sono i vantaggi e quali i rischi? Come si analizzano i dati raccolti? La terminologia Sapete i tipi principali? Quali scopi hanno? Quali sono i vantaggi/svantaggi di ciascuno? Che ruolo assume l'intervistatore nei vari tipi? Come interagiscono i partecipanti? Come vengono strutturati i dati? La terminologia metodologica che usate è Cosa deve fare l'intervistatore? Sapete i principali criteri? Come si deve comportare l'intervistatore con gli adulti? E come con i bambini? Quali difese possono essere messe in atto dagli intervistati? La terminologia metodologica che usate è Quali scopi ha? Come si possono classificare i tipi di osservazione? Cosa si osserva? Che ruolo ha l'interpretazione? La terminologia 7

8 i tipi di osservazione gli strumenti per la strutturazione dei dati di osservazione i criteri per la conduzione dell'osservazione la rilevazione dei dati attraverso analisi dei documenti valutazione (domande guida per autovalutarsi) - segue Sapete i tipi principali? Quali sono le loro peculiarità? Quali sono i loro scopi? Quale ruolo ha l'osservatore? Che strumenti usa? In quale ambiente opera? La terminologia Sapete i principali strumenti? Quando si usano? Quali sono i vantaggi/svantaggi di ciascuno? Che tipo di dati producono? La terminologia Come si deve comportare l'intervistatore? Sapete i criteri principali? Quali errori può fare? Come può porvi rimedio? La terminologia Come si raccolgono dati attraverso i documenti? Quali documenti si utilizzano? Quali sono gli strumenti? Quali sono le possibili fonti di invalidità? La terminologia Resoconto di autovalutazione Dopo aver svolto le autovalutazioni, rispondere alle seguenti domande: quali sono le difficoltà ricorrenti incontrate nello svolgere le consegne? quali potrebbero essere le cause di queste difficoltà? quali potrebbero essere le strategie per superarle? quale contributo può dare l interazione con il docente? si pensa di essere riusciti a cogliere gli elementi importanti per rispondere alle domande prima di leggere i criteri di valutazione? si pensa di aver compreso quali sono i criteri di valutazione per ciascuna domanda? quali sono i punti non chiari? 8

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: II A afm Materia: Italiano Docente: E. Bertoldi Situazione di partenza della classe La classe 2 a A è costituita da 21 alunni (13 maschi e

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati Il questionario Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale Modulo: Rilevazione dei dati IV lezione Simona Ballabio Federico Denti Le prime fasi del processo di ricerca 1 2 Teoria Ipotesi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

I METODI DELLA RICERCA EDUCATIVA (ROBERTO TRINCHERO)

I METODI DELLA RICERCA EDUCATIVA (ROBERTO TRINCHERO) I METODI DELLA RICERCA EDUCATIVA (ROBERTO TRINCHERO) Introduzione Educatori e insegnanti costruiscono rappresentazioni dell'altro e degli eventi che avvengono nella relazione con l'altro. Una buona rappresentazione

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA TRAGUARDI DELLE AL TERMINE della CLASSE I L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti e strumenti coerentemente

Dettagli

Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2

Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2 Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2 Introduzione Questo documento stabilisce gli standard minimi ai quali i Corsi di Livello 2 approvati dal Bach Centre devono uniformarsi.

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Conoscenza. Metodo scientifico

Conoscenza. Metodo scientifico Conoscenza La conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di fatti, verità o informazioni ottenuti attraverso l'esperienza o l'apprendimento (a posteriori), ovvero tramite l'introspezione (a priori).

Dettagli

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pierpaolo Limone Università degli Studi di Foggia La ricerca qualitativa E un attività situata, che colloca l osservazione nella realtà: si compone

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Il mondo intorno a noi Ordine scolastico Professionale Proponenti Marco Lega Data Inizio 15/01/2015 Data Fine 19/03/2015 Destinatari 27 studenti classe 2N Ipia

Dettagli

RILEVARE LA LITERACY SCIENTIFICA: LE PROVE PISA 2006

RILEVARE LA LITERACY SCIENTIFICA: LE PROVE PISA 2006 Le competenze scientifiche degli studenti lombardi RILEVARE LA LITERACY SCIENTIFICA: LE PROVE PISA 2006 Milano 6 febbraio 2008 Caratteristiche delle prove CONTENUTI/PROCESSI TIPO DI QUESITO Cosa viene

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Uso delle fonti Organizzazione delle Traguardi per lo sviluppo delle competenze Riconosce elementi significativi del passato del suo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. Esplora i fenomeni

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 TECNOLOGIA CLASSE

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DI PROGETTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEGROTTO TERME Via Claudiana, 5-35036 Montegrotto Terme (PD) Tel. 049/793487 049/8911673 - Fax 049/793420 Cod. Fisc.: 80018840282 - Cod. Scuola: PD IC 866008 - e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

Lavoro di gruppo: Ipotesi di progettazione didattica per competenze

Lavoro di gruppo: Ipotesi di progettazione didattica per competenze Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli Segreteria Direttore Generale - 0815576624-356

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015 La compilazione del RAV sezioni 4 e 5 Tivoli 14 aprile 2015 di che parliamo oggi come è fatto il RAV la raccolta dati dall auto-analisi all auto-valutazione dall auto-valutazione al piano di miglioramento

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione P. Atzeni, P. Merialdo, P. Russo, G. Sindoni, G. Sissa Paolo Merialdo Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA!

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! Leggiamo quello che mangiamo PROGETTO VERTICALE D ISTITUTO a.s. 2014/15 FERMO chiama Classe II D L'occasione dell'expo 2015 dedicato

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA classe 1^ COMPETENZE CHIAVE Competenza in campo scientifico-tecnologico Competenza digitale Imparare a imparare TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno: riconosce

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione Processi relazionali definiti dal 626 (istituti relazionali) o Informazione ( e istruzioni) o Formazione ( e addestramento) o Consultazione

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012 TIC e Formazione in ambito sanitario Introduzione teorica La formazione in ambito sanitario si concretizza in un approccio di tipo olistico alla professione ed all utenza che ne deriva, intersecandosi

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO La programmazione delle attività avviene mediante l assegnazione

Dettagli

Le aree del Progetto Educativo Individualizzato

Le aree del Progetto Educativo Individualizzato Dott.ssa Viviana Cipulli Le aree del Progetto Educativo Individualizzato Compilazione di un PEI Non è sufficiente affermare che la relazione educativa c è e c è sempre: è struttura ineliminabile del lavoro

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli