PROGRAMMA PER LE SCUOLE: ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA PER LE SCUOLE: ANNO SCOLASTICO 2015/2016"

Transcript

1 STOP BULLYING! A HUMAN RIGHTS BASED APPROACH TO TACKLING DISCRIMINATION IN SCHOOLS JUST/2013/DAP/AG/5578 PROGRAMMA PER LE SCUOLE: ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Amnesty International attraverso progetti di Educazione ai diritti umani si propone da anni di diffondere nelle nuove generazioni il rispetto e la diffusione dei diritti umani in ambito scolastico. Quest anno il programma di Amnesty International per le scuole secondarie di secondo grado si arricchisce di un nuovo importante progetto internazionale: Stop Bullying! A human rights based approach to tackling discrimination in schools. Il progetto, che ha come obiettivo il contrasto di ogni forma di discriminazione e bullismo a scuola, prevede il coinvolgimento diretto di tutte le componenti scolastiche e si inserisce nel programma europeo Daphne, istituito nel 2000 dall Unione Europea per contribuire alla prevenzione e alla lotta contro tutte le forme di violenza che si verificano in ambito pubblico e privato. La durata delle attività previste dal progetto è biennale e riguarderà 17 scuole secondarie di secondo grado in Italia, Irlanda, Portogallo e Polonia. Di seguito le azioni previste: QUESTIONARIO Come primo passo, verrà chiesto alle scuole di compilare un questionario online (anonimo) che servirà a capire quanto nella propria scuola siano diffusi episodi di discriminazione e bullismo e la loro tipologia (discriminazione di genere, bullismo omofobico ). Il questionario dovrà essere compilato da tutte le componenti scolastiche (studentesse/i, professoresse/i, personale ATA, segreteria, dirigente scolastico..) e i suoi risultati serviranno come base per stabilire un piano condiviso per contrastare ogni forma di discriminazione e bullismo. Nel mese di febbraio Amnesty International fornirà alla scuola un link attraverso il quale ognuno potrà accedere alla pagina web del questionario. FORMAZIONE Già dal primo anno di progetto tutte le componenti scolastiche saranno coinvolte in una serie di appuntamenti finalizzati all elaborazione di proposte e strategie per rendere la scuola un ambiente sicuro dai fenomeni discriminatori e dal bullismo. Per i docenti (20 per ogni scuola) è previsto un percorso di formazione partecipativo con educatori ed esperti, finalizzato alla creazione di proposte concrete per migliorare la situazione della propria scuola riguardo ai temi del bullismo e della discriminazione. Il percorso formativo sarà di 12 ore, i tempi e la distribuzione delle ore saranno concordati con i partecipanti. Gli studenti (20 per ogni scuola) parallelamente al corpo insegnante saranno invitati a partecipare a workshop in cui si confronteranno insieme sui temi ed elaboreranno soluzioni per rendere la propria scuola un luogo sicuro e accogliente. I workshop avranno una durata di 12 ore, anche in questo caso i tempi e la distribuzione delle ore saranno concordati con i partecipanti.

2 Anche il personale parascolastico (10 per ogni scuola), visto il ruolo chiave che può avere nella prevenzione e nel contrasto di episodi di discriminazione e bullismo, è invitato a partecipare al percorso di formazione e di costruzione delle competenze pensato per supportare ed integrare al meglio il loro importante lavoro. La formazione avrà una durata di 5 ore, i tempi e la distribuzione delle ore saranno concordati con i partecipanti. Durante il ciclo di formazione due rappresentanti di ogni componente scolastica (professori, studenti, personale parascolastico) verranno invitati a costituire un gruppo di lavoro misto che avrà a disposizione un piccolo fondo per realizzare eventi di sensibilizzazione sul tema del bullismo e della discriminazione nella propria scuola. Compito del gruppo di lavoro sarà inoltre quello di redigere un vademecum in cui vengano evidenziate soluzioni pratiche e proposte concrete per la prevenzione di fenomeni di discriminazione e bullismo. Obiettivi generali della formazione Identificare relazioni di causa tra bullismo e discriminazione. Riflettere sulle relazioni tra bullismo e violazione dei diritti umani. Analizzare la capacità di tutelare e difendere i diritti umani nei propri contesti scolastici. Riconoscere attitudini e comportamenti discriminatori e definire modalità di intervento. Realizzare azioni concrete e consigli pratici per contrastare il bullismo nei contesti scolastici. Metodologia Negli incontri verranno proposte diverse metodologie e tecniche. Le attività potranno variare in base al gruppo di partecipanti e ai loro bisogni formativi specifici, mantenendo immutati obiettivi di apprendimento e prediligendo un approccio partecipativo che valorizzi esperienze e idee di ogni componente del gruppo. PROGRAMMA DEI CORSI DI FORMAZIONE WORKSHOP STUDENTI 12 ore (tre incontri da 4 ore) 20 studenti e studentesse Primo incontro (4 ore) Il primo incontro formativo servirà da introduzione al tema del bullismo e di pianificazione condivisa delle attività future. Le ore saranno suddivise in tre sessioni conseguenti: introduzione, approfondimento, pianificazione. Introduzione: Laboratorio interattivo in Educazione ai Diritti Umani su bullismo e discriminazione, relazioni di causa e effetto. Analisi di casi studio e gruppi di lavoro: riconoscere e contrastare il fenomeno a scuola.

3 Presentazione delle attività in programma e loro adattamento sulla base dei feedback Secondo e terzo incontro (8 ore) Il secondo e il terzo incontro saranno di tipo laboratoriale e si concentreranno sulla comunicazione corporea e la percezione dell immagine di sé e dell altro. Il laboratorio si svilupperà in due percorsi che si intrecceranno fra loro: il lavoro in sala sul CORPO e in un set fotografico, il lavoro sull IMMAGINE. Il lavoro su IL CORPO L attività in sala si concentrerà sul lavoro legato al corpo e al movimento: attraverso l approccio fisico si sperimenteranno le pratiche di relazione, comunicazione e conoscenza di sé e dell altro. Semplici esercizi saranno utilizzati per creare un confronto su quelle che sono le dinamiche relazionali ed emotive che sono alla base della definizione dei ruoli all interno di gruppi e contesti sociali. Il GIOCO sarà il punto focale attraverso cui si svolgeranno le attività laboratoriali: i partecipanti lavoreranno sul proprio corpo e quello dell altro per allargare la propria percezione e dare nuovi strumenti per modificare e leggere in modo diverso e più sensibile le dinamiche del quotidiano. Il lavoro su L IMMAGINE Su ispirazione della silhouette, una tecnica di ritratto utilizzata verso la metà del XVIII secolo, in un vero studio fotografico ricostruito in sala, le persone lavoreranno in coppia simulando il lavoro di uno scultore con la sua materia. Chi interpreterà il ruolo dello scultore sarà invitato a modellare il corpo di un'altra persona per creare una sequenza d immagini. Le fotografie saranno riprese in controluce su fondo bianco, il nero dei corpi non sarà mai totale ma si potranno vedere piccoli dettagli a colori: del viso, delle mani, degli abiti etc.. Il lavoro sul corpo e la percezione di sé si tradurrà in immagine fotografica, astratta e concreta allo stesso tempo, e diverrà strumento attivo e di comunicazione utile al confronto e al ragionamento sul tema del bullismo. La ricerca intimista realizzata in sala nel set fotografico si amplificherà divenendo mezzo di trasmissione di contenuti e messaggi. Le immagini potranno divenire poster, proiezioni o altro, attraverso cui attivare delle azioni di sensibilizzazione sul bullismo nelle scuole. FORMAZIONE DOCENTI 12 ore (tre incontri da 4 ore) 20 professori e professoresse

4 Primo incontro (4 ore) Il primo incontro formativo servirà introdurre il tema del bullismo, favorire lo scambio di nuove pratiche e pianificare insieme attività future. Le ore saranno suddivise in tre sessioni conseguenti: introduzione, approfondimento, pianificazione. Introduzione: Scambio di esperienze e competenze su temi e attività del progetto. Inquadramento dei fenomeni di bullismo e discriminazione, relazioni di causa e effetto. Analisi del contesto scolastico, principali sfide e punti di forza. Approfondimento metodologico: l Educazione ai Diritti Umani per riconoscere e contrastare il fenomeno a scuola, analisi di buone pratiche. Presentazione delle attività in programma e loro adattamento sulla base dei feedback Secondo e terzo incontro (8 ore) Il secondo e il terzo incontro saranno di tipo laboratoriale e si concentreranno sulla comunicazione corporea e la percezione dell immagine di sé e dell altro. Il laboratorio si svilupperà in due percorsi che si intrecceranno fra loro: il lavoro in sala sul CORPO e in un set fotografico, il lavoro sull IMMAGINE. ll lavoro su IL CORPO L attività in sala si concentrerà sul lavoro legato al corpo e al movimento: attraverso l approccio fisico si sperimenteranno le pratiche di relazione, comunicazione e conoscenza di sé e dell altro. Semplici esercizi saranno utilizzati per creare un confronto su quelle che sono le dinamiche relazionali ed emotive che sono alla base della definizione dei ruoli all interno di gruppi e contesti sociali. Il GIOCO sarà il punto focale attraverso cui si svolgeranno le attività laboratoriali: i partecipanti lavoreranno sul proprio corpo e quello dell altro per allargare la propria percezione e dare nuovi strumenti per modificare e leggere in modo diverso e più sensibile le dinamiche del quotidiano. Il lavoro su L IMMAGINE Su ispirazione della silhouette, una tecnica di ritratto utilizzata verso la metà del XVIII secolo, in un vero studio fotografico ricostruito in sala, le persone lavoreranno in coppia simulando il lavoro di uno scultore con la sua materia. Chi interpreterà il ruolo dello scultore sarà invitato a modellare il corpo di un'altra persona per creare una sequenza d immagini. Le fotografie saranno riprese in controluce su fondo

5 bianco, il nero dei corpi non sarà mai totale ma si potranno vedere piccoli dettagli a colori: del viso, delle mani, degli abiti etc.. Il lavoro sul corpo e la percezione di sé si tradurrà in immagine fotografica, astratta e concreta allo stesso tempo, e diverrà strumento attivo e di comunicazione utile al confronto e al ragionamento sul tema del bullismo. La ricerca intimista realizzata in sala nel set fotografico si amplificherà divenendo mezzo di trasmissione di contenuti e messaggi. Le immagini potranno divenire cartoline, poster, proiezioni o altro, attraverso cui attivare delle azioni di sensibilizzazione sul bullismo nelle scuole. PERSONALE PARASCOLASTICO 5 ore 20 studenti e studentesse Sessione introduttiva: Scambio di esperienze e competenze su temi e attività del progetto. Inquadramento dei fenomeni di bullismo e discriminazione, relazioni di causa e effetto. Analisi del contesto scolastico, principali sfide e punti di forza. Presentazione delle attività in programma e loro adattamento sulla base dei feedback IL CAMPO INTERNAZIONALE Entro la fine del primo anno scolastico ogni scuola dovrà individuare due studenti e un rappresentante dei docenti per partecipare, nell autunno 2015, a un campo internazionale di 6 giorni aperto a tutte le scuole europee che aderiscono al progetto. Il campo, si svolgerà in Italia e sarà un vero e proprio laboratorio di idee in cui studentesse e studenti potranno confrontarsi, condividere proposte e modalità di azione e infine mobilitarsi per contrastare il bullismo e la discriminazione a scuola. Il campo servirà come base per costruire una rete internazionale che nell anno scolastico dovrà realizzare, in ognuno dei Paesi coinvolti nel progetto, tre attivazioni contro il bullismo e la discriminazione. Le ragazze e i ragazzi che avranno partecipato al campo riporteranno la propria esperienza a scuola e condivideranno con gli altri studenti le competenze e le conoscenze acquisite.

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

SEZIONE ITALIANA EDUCARE AI DIRITTI UMANI CON AMNESTY INTERNATIONAL

SEZIONE ITALIANA EDUCARE AI DIRITTI UMANI CON AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA EDUCARE AI DIRITTI UMANI CON AMNESTY INTERNATIONAL 2015-2016 EDUCARE PER IL CAMBIAMENTO Ogni persona ha il diritto di conoscere, chiedere e ricevere informazioni su tutti i diritti umani

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

APERTA_MENTE UN PROGETTO SUL DISAGIO GIOVANILE NELLE SCUOLE DI ROMA

APERTA_MENTE UN PROGETTO SUL DISAGIO GIOVANILE NELLE SCUOLE DI ROMA APERTA_MENTE UN PROGETTO SUL DISAGIO GIOVANILE NELLE SCUOLE DI ROMA Anche quest'anno è partito nel mese di marzo il progetto ApertaMente, realizzato da Di Gay Project - DGP in collaborazione con l'ufficio

Dettagli

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro Progetto per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

Progetto Volontariato e professionalità

Progetto Volontariato e professionalità Progetto Volontariato e professionalità Unione Nazionale Associazioni Immigrati ed Emigrati www.unaie.it - info@unaie.it ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE CULTURA AMBIENTALE E LAVORO SOLIDALE www.aikal.eu -

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Storie di Leadership

Storie di Leadership Università degli Studi di Perugia Dipartimento di specialità medico chirurgiche e sanità pubblica CENTRO SPERIMENTALE PER L EDUCAZIONE SANITARIA Storie di Leadership Formarsi alla leadership per sostenere

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica,

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica, GIOVANI E SICUREZZA COMPETENZE TRASVERSALI PER COMPORTAMENTI RESPONSABILI 1. INTRODUZIONE Il concetto di competenza, in particolare se intesa come trasversale, si presta molto bene a essere applicato al

Dettagli

D@P - DIRITTI al PUNTO

D@P - DIRITTI al PUNTO D@P - DIRITTI al PUNTO percorsi formativi per gli studenti delle scuole medie superiori del Lazio contro l omofobia e le altre forme di discriminazione. ABSTRACT L esperienza e l impegno personale e professionale

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices.

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Contro l Omofobia. Strumenti delle Amministrazioni Pubbliche locali dell'unione Europea. SITOGRAFIA SUL TEMA DEL CONTRASTO ALL

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. Questura di Firenze. Progetto

Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. Questura di Firenze. Progetto Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Questura di Firenze Progetto Bullyng o BULLISMO = Prepotenze tra pari in contesto di gruppo Progetto DAVIDE Reati in danno di minore Attività

Dettagli

La Buona scuola dalla A alla Z

La Buona scuola dalla A alla Z Lessico della Riforma Renzi La Buona scuola dalla A alla Z Le nuove voci in ordine alfabetico di questo patto educativo, con le definizioni testuali riportate nel documento governativo Alternanza obbligatoria

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli

Diritti umani e giornalismo partecipativo

Diritti umani e giornalismo partecipativo Corso Diritti Umani e Giornalismo Partecipativo Diritti umani e giornalismo partecipativo La comunicazione umanitaria Corso specialistico rivolto agli studenti del triennio a cura di Il corso si propone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

Pace e sviluppo del potenziale umano.

Pace e sviluppo del potenziale umano. AIESEC è un organizzazione internazionale di studenti presente in oltre 124 paesi del mondo, è considerato il più grande network global di studenti universitari e neolaureati. AIESEC nasce nel 1948 con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Valorizzare il sistema scolastico. Investire sulla conoscenza

Valorizzare il sistema scolastico. Investire sulla conoscenza Valorizzare il sistema scolastico Investire sulla conoscenza MANUTENZIONE AUTONOMIA CULTURA MEMORIA AUTONOMIA: BANDO ON DEMAND 2,1 MILIONI DI EURO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI NELLE SCUOLE DEL LAZIO

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Relazione finale. Coerentemente con le suddette priorità si colloca il modulo proposto la matematica al servizio delle scienze e della tecnologia

Relazione finale. Coerentemente con le suddette priorità si colloca il modulo proposto la matematica al servizio delle scienze e della tecnologia Relazione finale PON obiettivo C1- FSE La matematica al servizio delle scienze e della tecnologia DOCENTE ESPERTO: Prof. Roberto Capone DOCENTE TUTOR : Prof. Ssa TEMPI DI REALIZZAZIONE: Dal.al., per complessive..

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

Progetto Scuole in Movimento. Premessa

Progetto Scuole in Movimento. Premessa Progetto Scuole in Movimento Premessa Premesso che il Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca, di seguito denominato MIUR, ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, nel protocollo d intesa siglato

Dettagli

www.take-your-ti me.it

www.take-your-ti me.it SERVIZI PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE E MANAGERIALE Prendi il tuo tempo e crea il tuo www.take-your-ti me.it TAKE YOUR TIME è un marchio AMBIRE S.r.l. - Partita IVA 06272851004 - info@take-your-time.it

Dettagli

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS Progetto In Vitro Progetto formativo Formazione degli operatori dei servizi sanitari, socio-educativi, bibliotecari e dei lettori volontari per la promozione della lettura da 6 mesi a 6 anni di vita Quadro

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Comunicato stampa L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Migliorare l efficacia dell insegnamento delle scienze e la capacità di

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE (2012) Dino Cristanini LE INDICAZIONI 2012 L INDICE CULTURA

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

L analisi dei fabbisogni formativi

L analisi dei fabbisogni formativi L analisi dei fabbisogni formativi 0 Premessa In un contesto come quello attuale di difficile congiuntura economica, la Formazione assume un ruolo strategico per le organizzazioni che vogliono essere competitive

Dettagli

Come procedere nella compilazione del Rapporto di Autovalutazione:

Come procedere nella compilazione del Rapporto di Autovalutazione: COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA Come procedere nella compilazione del Rapporto di Autovalutazione: COMPETENZE CHIAVE ALCUNI ESEMPI SU COME PROCEDERE NELLA VALUTAZIONE DELLE ABILITA SOCIALI E RELAZIONALI

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola Pagina1 Progettare una unità didattica per la LIM Autore: Tania Iommi Descrizione della situazione di partenza Descrizione del contesto Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una

Dettagli

Percorso Benessere Organizzativo

Percorso Benessere Organizzativo Proposta di progetto Percorso Benessere Organizzativo Revisione 00 del 15/04/2014 Redatto dal Gruppo di Lavoro Approvato dal Comitato di Direzione Pagina 1 di 11 Sommario 1 Premessa...3 2 Obiettivi...4

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro Scuola Media Liceo Istituto Professionale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS - Oulx - SPP Servizio di Prevenzione e Protezione S Sistema di Gestione G della Salute e S Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Andrea Mantegna Via G. Gonzaga, 8 MANTOVA Tel.: 0376 320688 Fax: 0376 310580 Cod. Mecc. MNTE01000B www. itetmantegna.it Mail: itetmantegna@itetmantegna.it mnte01000b@istruzione.it

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

I Quaderni sino ad ora pubblicati sono reperibili all indirizzo http://corecom.consiglioveneto.it/corecom/ alla voce Ricerche e pubblicazioni.

I Quaderni sino ad ora pubblicati sono reperibili all indirizzo http://corecom.consiglioveneto.it/corecom/ alla voce Ricerche e pubblicazioni. 2/2014 Tel. 041.2701650 Fax 041.2701659 e-mail: corecom@consiglioveneto.it Pec: corecom@consiglioveneto.legalmail.it sito: http://corecom.consiglioveneto.it/corecom/ FRIENDS ONLINE Sintesi delle attività

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta OBIETTIVI L International Coach Federation (ICF - www.icf-italia.org)

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

GO GREEN: VOLONTARI PER NATURA

GO GREEN: VOLONTARI PER NATURA GO GREEN: VOLONTARI PER NATURA Un progetto di aggregazione dei giovani attraverso il volontariato ambientale e attività naturalistiche collegate nella Riserva regionale di interesse locale di Ca Roman

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo AREA D Supporto alla Scuola e alla Didattica Ufficio per le attività studentesche e la partecipazione

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole (ISC) 2 Italy Chapter: curezza in Internet per le Scuole Milano, 15/10/2015 Gentile Dott.ssa Righi, Preside Istituto Comprensivo Narcisi via Narcisi 2, Milano (ISC) 2 Italy Chapter è il capitolo italiano

Dettagli

IL PROGETTO DI.SCOL.A.

IL PROGETTO DI.SCOL.A. IL PROGETTO DI.SCOL.A. Il Progetto DI.SCOL.A. DISPERSIONE SCOLASTICA ADDIO - La professionalità docente per garantire il successo scolastico nasce dall'esigenza di rispondere all'obiettivo di migliorare

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

F O R M A R E p e r I N N O V A R E

F O R M A R E p e r I N N O V A R E PRESENTAZIONE PROGETTO PROVINCIA DI FERMO Settore formazione professionale e politiche del lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per le Marche-

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n. 107

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del : Descrizione di sintesi

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

1. DONNE: SPEZZARE IL SILENZIO

1. DONNE: SPEZZARE IL SILENZIO MOSTRE DI Un'Organizzazione non governativa indipendente, apolitica, apartitica e non confessionale. Una comunità globale di difensori dei diritti umani che si riconosce nei principi della solidarietà

Dettagli

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile.

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. PROGETTO CONTENUTI Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. L iniziativa, che si compone dell organizzazione di eventi e di una campagna

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie. Politecnico di Milano Polo di Como RELAZIONE FINALE

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie. Politecnico di Milano Polo di Como RELAZIONE FINALE Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano Polo di Como RELAZIONE FINALE Modulo di Progettazione Intervento formativo attuato nell anno scolastico 2006-2007

Dettagli

Lex-Operators. all together for women victims of intimate partner violence (LEXOP) Grant Agreement JUST/2009/DAP3/AG/1344

Lex-Operators. all together for women victims of intimate partner violence (LEXOP) Grant Agreement JUST/2009/DAP3/AG/1344 Grant Agreement JUST/2009/DAP3/AG/1344 Lex-Operators all together for women victims of intimate partner violence (LEXOP) CERCHIO DEGLI UOMINI Associazione ONLUS ATTIVITA FORMATIVA e RETE a cura di Donne

Dettagli

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Anno Accademico 2007/2008 Corso di perfezionamento e di aggiornamento

Dettagli

Promozione della salute

Promozione della salute Promozione della salute Azioni di promozione della salute nella scuola Serena Consigli Seminario Divertirsi Guadagnando Salute-Giovani e mondo adulto per scelte salutari:cosa si può fare Lido di Camaiore,

Dettagli

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH)

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Scriviamo un racconto, insieme! Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) Resoconto Obiettivi Il workshop si è svolto dal 15 al 17

Dettagli

Questionario Insegnanti

Questionario Insegnanti Questionario Insegnanti Il questionario è anonimo; le risposte che ci fornirà saranno utilizzate nel massimo rispetto della privacy e analizzate solo in forma aggregata. Le sue risposte sono completamente

Dettagli

Formazione Immigrazione

Formazione Immigrazione Formazione Immigrazione Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri e comunitari I edizione Workshop conclusivo

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0 MILANO STATALI 20 46 66 PARITARIE 3 8 11 23 54 77 Dom.1 Nella stesura delle documentazioni scolastiche (regolamento, piano di lavoro annuale, relazioni finali, registri, ecc.) e nelle comunicazioni interne

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE BRASCHI -QUARENGHI VIA DI VILLA SCARPELLINI snc - 00028 SUBIACO (RM)

Dettagli