PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010"

Transcript

1 Realizzazione del Piano di Gestione del SIC IT Dolomiti Friulane e del SIC IT Forra del Torrente Cellina Realizzazione e coordinamento del percorso partecipativo, a valersi sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Friuli Venezia Giulia, Misura 323, azione 2 "stesura dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000" PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010 dott.ssa Luisa Capitan e dott.ssa Elena Maiulini

2 INDICE 1. Premessa Metodologia di realizzazione della prima campagna di questionari Statistiche Sesso 1.2 Etá (indicare gli anni compiuti) 1.3 Quale lavoro svolge tra i seguenti 1.4 Titolo di studio 1.5 Se lavora, dov è il suo luogo prevalente di lavoro? 1.6 Risiede in questo comune stabilmente? 1.7 Nel suo tempo libero pratica delle attività quali: 1.8 Fa parte di qualche associazione? Se si, quali? Con che ruolo? 1.9 Fa parte di un amministrazione pubblica? Se si, con che ruolo? 1.10 Lei vive qui dalla nascita? Se no, di dove è originario/a? 1.11 Se potesse, andrebbe a vivere altrove? 1.12 Da 0 minimo a 5 massimo qual è secondo Lei la qualità della vita nel suo comune? 2.1 Sa dov è collocata la sede del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane? 2.2 Sa dirmi se la Forra del Torrente Cellina si trova all interno dei confini del Parco? 2.3 Per Lei il Parco è: 2.4 Secondo Lei l area del Parco compresa nel suo Comune è: 2.5 Lei conosce i confini del Parco? 2.6 Lei frequenta l area del Parco? 2.7 Secondo Lei, le aree abitate dovrebbero rientrare nell area parco? 2.8 Ritiene sarebbe importante per le attività imprenditoriali locali avere un Marchio di qualità del Parco 3.1 Sa che cos è un Sito di Importanza Comunitaria o SIC? Se si, indichi cosa intende per SIC 3.3. Sa cos è il Piano di Gestione del SIC/ZPS? 3.4 Sa cos è il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco o PCS? 3.5 Lei sa che il Parco dovrebbe dotarsi del PCS? 3.6 Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Conservazione e 2

3 Sviluppo del Parco? 3.7 Da 0 minimo a 5 massimo su cosa dovrebbe puntare l Ente Parco per un maggiore sviluppo dell area? 1.Conservare il paesaggio la natura 2.Salvaguardare la cultura e le tradizioni locali 3. Migliorare le infrastrutture (sentieri, manufatti,..) 4. Sviluppare il turismo 5. Sostenere le attività agricole 6. Incentivare la ripresa dell attività malghiva 7. Migliorare la gestione e sfruttamento del bosco 8. Sostenere l artigianato 9. Altro (specificare) 3.8 Da 0 minimo a 5 massimo quanto sarebbe favorevole al fatto che il Piano di Gestione preveda la definizione di aree, con relativi vincoli, per favorire una maggiore tutela dell ambiente? 3.9 Quanto possono essere utili secondo lei incentivi economici per la ripresa delle attività legate alle malghe ed al pascolo? 4.1 Lei sa da quando l area delle Dolomiti è stata riconosciuta Patrimonio dell Umanità? 4.2 Secondo Lei quali tra queste Provincie fanno parte delle dolomiti UNESCO? 4.3 Il suo Comune fa parte della zona UNESCO? 4.4 Secondo Lei il riconoscimento UNESCO porterà altri vincoli per la zona interessata? 4.5 Con il riconoscimento come Patrimonio dell UNESCO, ci saranno secondo Lei maggiori opportunità di sviluppo? 5. Ha altre considerazioni o proposte da fare? 4. Allegati.49 3

4 Premessa Questa indagine rientra nell ambito del processo partecipativo inerente la realizzazione del Piano di Gestione (PdG) del SIC e della ZPS IT Dolomiti Friulane, del SIC IT Forra del Torrente Cellina e del Piano di Conservazione e Sviluppo (PCS) del Parco delle Dolomiti Friulane. La campagna ha previsto la somministrazione di 600 questionari ad un campione casuale della popolazione dei comuni del Parco e dei comuni fuori Parco, poiché i confini del Parco non combaciano con i confini del SIC e della ZPS, sono stati infatti somministrati questionari anche ai comuni di Ampezzo e Socchieve e al comune di Barcis per la Forra del Torrente Cellina. Obiettivo dell indagine è avere un quadro sommario della realtà anagrafica e socio economica dei rispondenti, comprendere la percezione da parte di questi del Parco delle Dolomiti Friulane, individuare la percentuale di persone che conoscono termini tecnici quali SIC ZPS - PdG PCS, raccogliere suggerimenti che possano essere inseriti sia nel PdG che nel PCS. La parte finale del questionario riguarda invece la percezione e la conoscenza di dati relativi al sito come patrimonio dell UNESCO. A questa prima campagna ne seguirà una seconda, presumibilmente nei mesi di ottobre, novembre e dicembre del 2011, di 400 questionari, con lo scopo di confrontare i risultati delle due campagne a conclusione del processo partecipativo che vedrà coinvolta la popolazione ed i portatori di interesse in diversi momenti di confronto. 4

5 Metodologia di realizzazione della prima campagna di questionari Durante l anno il gruppo di lavoro, supportato dall Università degli Studi di Udine in particolare deal Prof. Mauro Pascolini e dall antropologa dott.ssa Sabrina Tonutti, è stato impegnato nell avvio della prima campagna di questionari da somministrare ad un campione casuale della popolazione formato da 600 individui residenti nei comuni del SIC. Sinteticamente le fasi operative sono state: - richiesta ai comuni delle liste elettorali per l individuazione del campione, - elaborazione delle liste per l estrazione del campione,che ha comportato: o il passaggio da file txt a file word, o pulizia dei dati, o trasposizione dei dati in file Excel, - individuazione dei criteri per il campionamento (comune di residenza, incidenza della popolazione del comune sul totale della popolazione dei comuni del SIC e ZPS dolomiti friulane e Forra del Cellina, sesso ed età anagrafica) - suddivisione in fasce di età , anno compiuto - calcolo percentuale dei questionari da somministrare in ogni comune in base alla popolazione residente, - calcolo percentuale dei questionari da somministrare ad ogni singola fascia di età per comune, - calcolo percentuale maschio femmina per comune Il campionamento è riassunto nella tabella seguente: Comuni del Parco Comuni fuori Parco Fasce Età D U D U D U Totale Andreis Cimolais Claut Erto e Casso Forni di Sopra Forni di Sotto Tramonti di Sopra Frisanco Ampezzo Socchieve Barcis Totale Le quantità iniziali di questionari stabilite per comune hanno subito modifiche per difetto da un lato a causa della non disponibilità degli abitanti a sottoporsi ai rilevatori per la compilazione dei questionari mentre per eccesso in alcuni ambiti territoriali imputabile alla maggior disponibilità della popolazione stessa. A fronte dei 600 questionari stabili e programmati con relativa individuazione dei nominativi, sono stati raccolti n. 395 questionari nei comuni del Parco e n. 201 questionari nei comuni non facenti parte per un totale di 596. Il maggior numero dei questionari mancanti riguarda il comune di Erto e Casso. Per un maggiore approfondimento, in particolare sui comuni di Cimolais, Erto e Casso, Andreis, Barcis e 5

6 Claut, si allega la relazione presentata dalla dott.ssa Nadia Boz nella quale vengono analizzate le difficoltà incontrate dai rilevatori nella somministrazione dei questionari. Una volta determinato il numero di questionari da somministrare a ciascuna fascia di età suddivisa per sesso e comune di appartenenza, l individuazione del campione è stato effettuato attraverso l utilizzo di un software, denominato Generatore di numeri casuali messo a disposizione dalla Regione Emilia Romagna sul proprio sito (http://www.regione.emiliaromagna.it/sin_info/generatore/). Ad ogni cittadino/a suddiviso per comune di appartenenza sesso e fascia d età è stato assegnato un numero. Volendo semplificare la spiegazione viene riportato un esempio: dalle liste elettorali del comune di Claut risulta che il numero di uomini della fascia di età dai 30 ai 51 comprende 155 nominativi tra questi in base ai calcoli fatti dovevano esserne estratti 19. Nel software è stato inserito il range: ed il numero necessario, con queste informazioni il programma ha indicato 19 numeri casuali es : 2, 13, 16, 24,.che sono stati utilizzati per individuare i nominativi. Contemporaneamente questo lavoro è stato fatto anche per un campione di riserva a cui attingere nel caso uno o più nominativi del campione principale non fossero disponibili a rispondere al questionario. Parallelamente il gruppo di lavoro ha proceduto alla stesura di due questionari: uno per i comuni interni all area Parco ed uno per i comuni esterni, i quali si differenziano solo per l assenza nel secondo di alcune domande specifiche sul Parco delle Dolomiti Friulane. Entrambi i questionari sono stati realizzati in blocchi tematici: - parte anagrafica, - domande inerenti la percezione e la conoscenza del parco delle dolomiti friulane, - domande inerenti la conoscenza della terminologia SIC, ZPS, - proposte di azioni dai inserire nel PDG O PCS a seconda che il comune di residenza sia trovi o meno all interno del Parco, - domande inerenti le tematiche di sviluppo che il piano deve affrontare, - domande inerenti la conoscenza delle Dolomiti come patrimonio Unesco, - spazio per commenti o osservazioni. Negli allegati vengono inseriti entrambi i questionari. Terminata la definizione del campione e realizzati i questionari si è proceduto all individuazione dei rilevatori, non senza difficoltà. È stato realizzato un primo bando per individuare tre persone, residenti nei comuni di rilevazione suddivisi territorialmente in tre zone: la Valcellina ovvero Erto e Casso Cimolais - Claut Barcis; la parte più meridionale del Parco comprendente i comuni di Andreis Frisanco e Tramonti di Sopra; area SIC in provincia di Udine ovvero Ampezzo - Forni di Sopra - Forni di Sotto Socchieve. Al primo avviso, distribuito in tutti i comuni, ha risposto solamente Elisa Capellari per l area udinese. È stato fatto in seguito un secondo bando per la parte pordenonese a cui non ha risposto nessuno. La dott.ssa Nadia Boz è stata in seguito contattata dalla dott.ssa Sabrina Tonutti mentre Talita Palermo e Francesca Titolo sono state individuate e contattate dall Ente Parco, in seguito tramite il passaparola sono state coinvolte anche Paola Fabbro e Dina Giordani. Di seguito i nomi delle rilevatrici ed i comuni di rilevamento competenza: 1. Elisa Cappellari: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto e Socchieve 2. Nadia Boz: Barcis, Erto e Casso, Cimolais e Andreis 3. Talita Palermo: Frisanco 6

7 4. Francesca Titolo: Tramonti di Sopra 5. Paola Fabbro: Claut 6. Dina Giordani: Claut. All individuazione dei rilevatori è seguita ad opera della dott.ssa Sabrina Tonutti la loro formazione, sulla struttura del questionario, sui contenuti e su come affrontare la somministrazione; la dott.ssa Tonutti ha inoltre seguito passo per passo le rilevatrici contattandole settimanalmente per fare il punto della situazione. La campagna di rilevamento ha avuto inizio dal mese di ottobre 2010 protraendosi fino al mese di gennaio Da metà mese di gennaio 2011 è iniziato l inserimento dei dati di ogni singolo questionario su supporto informatico utilizzando il programma EXCEL, durato fino fine mese di febbraio. I dati che poi sono stati trasportati sul software di analisi statistica SPSS, acronimo di Statistical Package for Social Science, uno dei programmi di statistica più utilizzati, perché permette di svolgere numerose operazioni che con i software di calcolo classici non è possibile effettuare. 7

8 Di seguito sono elencate le domande dei questionari con la relativa elaborazione dei dati, per i comuni rientranti nell area del Parco e dei comuni fuori Parco. 1.1 Sesso Non emergono differenze significative del campione tra i comuni del Parco e quelli esterni riguardo al sesso. 1.2 Età 8

9 Non emergono differenze significative del campione tra i comuni del Parco e quelli esterni riguardo alle fasce d età. 1.3 Quale lavoro svolge tra i seguenti: Nei comuni del Parco e nei comuni esterni all area Parco la condizione professionale più diffusa è quella dell operaio/a con il 27,7% - 24,9% segue la condizione di pensionato/a con il 19,6%- 18,4%. COMUNI AREA PARCO Altro dato interessante per i comuni all interno del Parco è la differenza tra la condizione professionale tra uomo e donna, per entrambi i sessi la condizione professionale più diffusa è 9

10 quella di operaio/a, seguita per le donne dalla condizione di casalinga e per gli uomini da quella di pensionato. COMUNI FUORI PARCO Anche nei comuni esterni all area Parco la condizione professionale più diffusa per gli uomini è quella di operaio seguita da quella di pensionato, mentre per le donne è la condizione di casalinga seguita da quella di operaia e di pensionata. Altra differenza da mettere in rilievo rispetto l area Parco è che cresce il numero delle studentesse ma tra gli intervistati non c è alcun studente maschio. 1.4 Titolo di studio 10

11 Nei comuni del parco e nei comini fuori parco il titolo di studio maggiormente diffuso è quello di scuola media inferiore seguito dal titolo di scuola superiore. La differenza tra i due ambiti di rilevazione è che nei comuni dell area Parco il titolo di studio più diffuso è quello di scuola media inferiore, mentre per i comuni esterni all area Parco è quello di scuola superiore 1.5 Se lavora, dov è il suo luogo prevalente di lavoro? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco la maggioranza delle persone lavora nello stesso comune in cui vive per il 44,2% mentre il 33,1% lavora fuori dall area Parco. 11

12 COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco la maggioranza dei rispondenti, il 27,4% lavora in altro comune fuori dall area Parco, il 25,9% nello stesso comune in cui vive ed il 9,5% lavora in più comuni. 1.6 Risiede in questo comune stabilmente? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco il 93,1% dei rispondenti al questionario risiede stabilmente nel comune di rilevazione, il 5,1% risiede solo per alcuni periodi dell anno, di questi il 57,1% viene presso uno dei comuni del parco ogni fine settimana vi risiede solo il 42,9%. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 96% degli intervistati risiede stabilmente nel comune di rilevazione, il 3,5% ci viene solo per alcuni periodi dell anno. 1.7 Nel suo tempo libero pratica delle attività? Quali? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco gli hobby maggiormente praticati riguardano le attività legate all Agricoltura, cura dell orto, del giardino e del bosco 32% e l attività sportiva 30% seguite dal volontariato sociale 11% e dalle attività culturali 9%. In fine in ordine decrescente la caccia e la pesca con il 8%, il piccolo artigianato ed il bricolage con il 5% ed il volontariato civile 5%. COMUNI FUORI PARCO 12

13 Nei comuni esterni all area Parco l hobby maggiormente praticato riguarda l attività di agricoltura, orto, giardino e cura del bosco con una percentuale del 40%, seguito dalle attività sportive con una percentuale del 22% dal volontariato sociale 10% della caccia, pesca ed attività culturali al 9%. 1.8 Fa parte di qualche associazione? COMINI AREA PARCO Nei comuni del Parco il 65,3% dei rispondenti non fa parte di alcuna associazione mentre il 32,4% è membro di un associazione. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 62,7% dei rispondenti non fa parte di alcuna associazione mentre il 35,3% è membro di un associazione Se si, quali? 13

14 COMINI AREA PARCO Del 33,2% degli appartenenti ad associazione il 43% è iscritto ad un associazione sportiva, il 30,30% di un associazione che persegue fini sociali ed il 26,70% di un associazione per la valorizzazione del territorio e culturale. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 35,3% membro di un associazione risulta per il 50,60% come iscritto un associazione che persegue fini sociali, il 34, 20% di un associazione sportiva mentre solo il 13,90% di un associazione che si occupa di attività culturali o di valorizzazione del territorio. A differenza dell area Parco è da notare anche un 1,30% è membro di un associazione legata all ambito agricolo o artigianale Con che ruolo? COMUNI AREA PARCO 14

15 Degli intervistati membri di un associazione il 67,1% sono semplici associati, il 22,9 % sono membri del direttivo ed il 10% ricoprono il ruolo di direttore o presidente. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 74,3% degli intervistati ricopre il ruolo di semplice associato all interno di una associazione, il 20,3% è membro di un direttivo ed il 4,1% è direttore o presidente, da notare la differenza con i comini del Parco in cui è presente anche un 1,4% di dipendenti di associazione 1.9 Fa parte di un amministrazione pubblica? COMUNI AREA PARCO Degli intervistati il 3,5% ricopre un ruolo elettivo in un amministrazione pubblica. COMUNI FUORI PARCO Degli intervistati il 4,5% ricopre un ruolo elettivo in un amministrazione pubblica Se si, con che ruolo? COMUNI AREA PARCO Sono stati intervistati 15 consiglieri comunali. COMUNI FUORI PARCO Sono stati intervistati un sindaco, due assessori e sei consiglieri comunali Lei vive qui dalla nascita? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del parco il 75,7% degli intervistati vive nel comune di nascita, mentre il 23,8% proviene da altro comune. COMUNI FUORI PARCO 15

16 Nei comuni esterni all area parco il 69,7% della popolazione vive nel comune di nascita mentre il 29,4% proviene da altro comune Se no, di dove è originario/a? COMUNI AREA PARCO Tra coloro che sono nati in un comune diverso da quello in cui risiedono il 35,6% proviene da un comune della regione Friuli Venezia Giulia, il 28,7% da un comune fuori dalla regione, il 26,4% è nato in uno stato estero ed il 9% è nato nell area parco. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area del parco, coloro che provengono da un comune differente ripsetto al comune in cui risiedono il 52,7% proviene da un comune della regione Friuli Venezia Giulia, il 30,9% da un comune esterno alla regione, 12,7% da uno stato estero ed il 3,6% da un altro comune interno all area parco Se potesse andrebbe a vivere altrove? COMUNI AREA PARCO 16

17 Tra gli intervistati all interno dell area parco il 57,2% non andrebbe a vivere altrove, il 27,3% si trasferirebbe mentre il 13,2% ha risposto non so. Tra gli intervistati quelli che hanno dimostrato un maggiore legame con il luogo in cui vivono si trovano nei comuni di Cimolais in cui il 68,60% dei rispondenti ha risposto che non andrebbero a vivere altrove, a Forni di Sopra il 67,50% ed a Claut il 66,30%. Gli intervistati che hanno espresso una maggiore volontà di andare a vivere altrove si trovano nei comuni di Erto e Casso in cui il 44% dei rispondenti ha ripsoto che andrebbe a vivere altrove seguito da Frisanco con il 40,7% e da Forni di Sotto con il 31,5%. COMUNI FUORI PARCO Tra gli intervistati nei comuni esterni all interno dell area parco il 64,7% non andrebbe a vivere altrove, il 20,4% si trasferirebbe mentre il 11,9% ha risposto non so. 17

18 Tra gli intervistati nell area esterna al Parco quelli che hanno dimostrato un maggiore legame con il luogo in cui vivono si trovano nel comune Barcis in cui il 78,3% dei rispondenti ha risposto che non andrebbero a vivere altrove, segito da Socchieve 67,1% e da Ampezzo 64,1%. Mentre gli intervistati che hanno espresso una maggiore volontà di andare a vivere altrove si trovano sempre nel come di Barcis in cui il 21,7% dei rispondenti ha ripsoto che andrebbe a vivere altrove seguito da Socchieve con il 67,1% e da Ampezzo 64,1% Da 0 minimo a 5 massimo qual è secondo Lei la qualità della vita nel suo comune? COMUNI AREA PARCO 18

19 Tra i comuni dell area Parco che hanno espresso una valutazione positiva vi sono Andreis in cui il 27,3% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è ottima seguito da Forni di Sopra 16,5% e da Tramonti di Sopra 16,1%. Tra i comuni che invece hanno dato una valutazione negativa vi sono Erto e Casso con il 14,8% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è pessima, seguito da Cimolais 11,4% e Forni di Sotto 10,9%. Il voto più rilevante riferito alla qualità della vita è Discreta. Tra i comuni tale risposta è stata data dalla maggioranza degli intervitati è Andreis con il 54,5%, seguito da Forni di Sopra con il 43,5%. COMUNI FUORI PARCO 19

20 Tra il comune dell area esterna al Parco che ha espresso la valutazione migliore è Ampezzo in cui il 16% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è ottima. Il comune che invece hanno dato la peggiore sulla qualità della vita nel proprio comune è Barcis con l 8,7%. Il voto più rilevante riferito alla qualità della vita anche in questo caso è discreta, il comune in cui tale risposta ha avuto la maggioranza è Socchieve con 46,30% delle risposte. 20

21 2.1 Sa dov è collocata la sede del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane? COMUNI DEL PARCO Il 75,7% degli intervistati sa dove si trova la sede del Parco delle Dolomiti Friulane, con un piccolo errore 6,6% di persone che hanno risposto Claut nei comuni di Forni di Sopra e Forni di Sotto. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area invece la maggioranza dei rispondenti li 38,8% ritiene che la sede del parco si trovi a Forni di Sopra, il 30,8% non ha risposto mentre il 24,9% sa dove si trova la sede. 2.2 Sa dirmi se la Forra del torrente Cellina si trova all interno dei confini del Parco? 21

22 Questa domanda è stata posta solo ai comuni interni all area del Parco i quali hanno risposto per il 40,3% che la Forra del torrente Cellina si trova all interno del Parco delle Dolomiti Friulane per il 38,7% hanno risposto che non sanno e il 15,5% ha risposto che la Forra si trova all esterno dei confini del Parco. 2.3 Per lei il Parco è COMUNI PARCO La valutazione data dai comuni dell area Parco è per il 44,6% abbastanza importante e per il 24,8% molto importante. 22

23 Del 7,6% del totale degli intervistati che ha risposto Altro il 53,6% ritiene il parco indifferente, il 21,4% non si è fatta un idea in proposito, il 14,3% ne da una valutazione positiva mentre il 10,7% una negativa. Tra i comuni del Parco Tramonti di Sopra ha valutato positivamente il Parco, il 32,3% degli intervistati del comune ha infatti riposto che per loro il Parco è molto importante e per il 54,8% abbastanza importante. I comuni con la valutazione negativa più alta sono stati Erto e Casso e Forni di Sotto il 7,7% dei rispondenti che ritiene che sarebbe meglio se il Parco non ci fosse. In una posizione intermedia si pongono Frisanco e Cimolais. 23

24 COMUNI FUORI PARCO La valutazione data dai comuni fuori Parco è per il 47,3% abbastanza importante e per il 33,3% molto importante. Del 6,5% del totale degli intervistati che ha risposto altro il 61,5% ritiene il parco indifferente, il 23,1% non si è fatta un idea in proposito il 7,7% ne da una valutazione positiva così come coloro che ne danno una negativa. 24

25 Tra i comuni esterni all area Parco, Ampezzo ha dato una valutazione migliore al Parco. Infatti il 35,1% degli intervistati del comune ha riposto che per loro il Parco è molto importante e per il 46,8% abbastanza importante, contemporaneamente è anche il comune con la valutazione negativa più alta al 3,2%. I Comuni fuori Parco danno una valutazione migliore del Parco: 33,3% dei rispodondenti ritiene che esso sia molto importante rispetto ai comuni interni all ara Parco: 24,8%. La valutazione negativa proviene dai comuni del Parco con un 5,3% sarebbe meglio che non ci fosse a differenza dei comuni esterni al Parco in cui hanno dato questa valutazione il 2,5%. 25

26 2.4 Secondo Lei l area del Parco compresa nel suo Comune è? Questa domanda è stata posta solo ai comuni del Parco, i rispondenti di Andreis ritengono che l area del parco nel comune sia marginale 18,2% o poco vasta 36,4%, a Cimolais e Claut invece il maggior numero di risposte sono state: molto vasta (62,9% e 62,7%) e tutto il comune (11,4% e 7,2%). 2.5 Lei conosce i confini del Parco? 26

27 I rispondenti dei comuni del Parco ritengono di conoscere con precisione i confini del Parco per il 7,6% a differenza di coloro che vivono nell area esterna 2,5%. Nei comuni esterni è stato per lo più risposto che i confini non si conoscono 49,8%. 2.6 Lei frequenta l area del Parco? Nei comuni del Parco il 20,3% dei rispondenti frequenta abitualmente il Parco a differenza di coloro che vivono nell area esterna in cui solo il 6,5% dei rispondenti visita l area protetta. Il 41,3% dei rispondenti che risiedono nei comuni non appartenenti all area Parco non vi si reca mai. 2.7 Secondo Lei, le aree abitate dovrebbero rientrare nell area Parco? 27

28 Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni nell ara Parco che per il 60% hanno risposto che non ritengono opportuno far rientrare le zone abitate nell area protetta. 2.8 Ritiene sarebbe importante per le attività imprenditoriali locali avere un Marchio di qualità del Parco? Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni del Parco che per il 62% ritengono importante avere un Marchio d Area. 3.1 Sa che cos è un Sito di Importanza Comunitaria o SIC? 28

29 Sia nei comuni del Parco che quelli esterni la maggioranza degli intervistati (80,8% e 83,6%) ha risposto di non sapere cosa sia un SIC (Sito di Interesse Comunitario) Se si, indichi che cosa intende per SIC Tra coloro che hanno risposto di conoscere il significato del termine Sito di Interesse Comunitario solo l 11,7% dei comuni del parco ne ha dato una definizione corretta ed il 7,4% degli intervistati dei comuni fuori Parco. Il 36,7% nei comuni del Parco ed il 37% nei comuni fuori Parco ne ha dato una definizione completamente errata. 3.2 Sa che cos è una Zona di Protezione Speciale o ZPS? 29

30 Anche nel caso del termine Zona di Protezione Speciale la maggioranza dei rispondenti afferma di non conoscere il termine, ma rispetto al SIC aumenta leggermente la percentuale di coloro che affermano di conoscere il significato del termine. 30

31 3.2.1 Se si, indichi che cosa intende per ZPS Tra coloro che hanno risposto di conoscere il significato del termine Zona di Protezione Speciale solo l 8,6% dei comuni del parco ne ha dato una definizione corretta ed il 7,1% degli intervistati dei comuni fuori Parco. Il 35,8% nei comuni del Parco ed il 50% nei comuni fuori Parco ne ha dato una definizione completamente errata. 3.3 Sa cos è il Piano di Gestione del SIC/ZPS? 31

32 Sia nei comuni del Parco che quelli esterni più dell 80% dei rispondenti non sa cosa sia il Piano di Gestione, solo il 4,1% dei comuni del Parco e lo 0,5% dei comuni fuori Parco sa di cosa si tratta. 3.4 Sa cos è il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco o PCS? Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni del Parco che per il 72,7% non sanno che cosa sia il Piano di Conservazione e Sviluppo, solo il 4,6% risponde di conoscere il termine. 3.5 Lei sa che il Parco dovrebbe dotarsi del PCS? Il dato in percentuale riportato nel grafico a barre, che tiene in considerazione di tutte le risposte date dagli informatori nei comuni all interno della zona Parco, rileva una netta prevalenza della risposta negativa. 32

33 3.6 Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco? Il quesito prevedeva una risposta aperta volta a raccogliere i suggerimenti degli intervistati e contestualmente anche ad indicare quali siano le priorità di azione contemplate. La frequenza di risposta, pur essendo di una percentuale rispetto al totale indubbiamente ridotta (253 su 395 questionari hanno registrato un non risposto), ha consentito comunque di raccogliere indicazioni preziose. In base hai suggerimenti emersi quindi sono state formulate delle aggregazioni concettuali che hanno identificato le seguenti macroaree: Maggiore tutela flora e fauna Migliorare i servizi del parco Sviluppare e preservare le attività economiche Tutela cultura locale/tradizioni Coinvolgimento/informazione popolazione locale Gestione e cura del territorio Chiarezza dei confini Valorizzazione/sviluppo area parco Gestione del bosco Creare sistema tra enti Il grafico ad anello sottostante riporta il valore riscontrato per macroarea all interno dei comuni del Parco: Il tema della maggiore tutela della fauna e della flora riscontra il massimo pari al 43,3% delle rilevazioni totale nel comune di Frisanco ed un minimo del 1,7% ad Erto e Casso mentre la gestione e la cura del territorio trova particolare sensibilità presso il Comune di Forni di Sopra (32,1 %). Frisanco pone tra i suoi maggiori interessi la valorizzazione e lo sviluppo dell area Parco con il 33

34 37% insieme a Forni di Sopra (25%). Un altra macroarea che ha registrato più riscontri è quello che riguarda lo sviluppo e il mantenimento delle attività economiche sul territorio che registra segnalazioni in tutti Comuni analizzati per una punta massima a Claut (26,5%) e minima ad Andreis, Erto e Casso e Tramonti (2,9%) Per quanto riguarda l area fuori parco l interrogazione è stata adattata sostituendo il Piano di Conservazione e Sviluppo, strumento di cui si dovrà dotare solo la zona del Parco, con il Piano di Gestione del SIC/ZPS (ovvero Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Gestione? ). Il grafico sottostante riporta le relative casistiche. La numerosità della casistica ha necessariamente risentito della minore dimensione del territorio coinvolto e del minor numero di informatori coinvolti. Le macroaree sono state modificate tenendo conto quindi dello status diverso ed l elenco risultante è il seguente: - Maggiore tutela della fauna e della flora - Gestione e cura del territorio - Gestione del bosco - Valorizzazione e sviluppo dell area SIC - Chiarezza dei confini del Parco - Miglioramento dei servizi del parco - Tutela della cultura locale e delle tradizioni - Sviluppare e preservare le attività economiche - Coinvolgimento e informazione della popolazione locale All interno del comune di Socchieve sono state registrate il più alto numero di segnalazioni rispetto ad Ampezzo e Barcis in particolare sulle tematiche riguardanti la necessità di una maggiore tutela della fauna e della flora e il bisogno di coinvolgimento e informazione della popolazione locale. Per 34

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per Enpa, Lav, Legambiente, Lipu, Wwf Italia - sintetizzati in 10 punti. 1. Il 70% degli italiani si dichiara fortemente

Dettagli

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Pag. . Premessa Il sondaggio on line Buona mobilità affrontava un tema di grande interesse e dal forte impatto sulla vita

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL UFFICIO STATISTICA - VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE Anno 2010 Sondaggio sulle opinioni degli utenti a cura dell del Agosto 2010 ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL

Dettagli

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi Ischia, 25 ottobre 2014 (Rif. 1914v114) Indice 2 Obiettivi e metodologia pag. 3 Le principali evidenze 4 La frequentazione dell isola di

Dettagli

Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS

Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS Iacolettig Gabriele Venzone,, 7 ottobre 2011 Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari

Dettagli

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Premessa La qualità delle relazioni tra i cittadini e la Polizia Municipale rappresenta un elemento di centrale interesse per il Corpo,

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa?

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Rapporto quantitativo Milano, Maggio 2011 (Rif. 1412v111) Indice 2 Pag. La ricerca 3 Principali evidenze 4 Cap. 1 Gli italiani

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Gli italiani e il solare V RAPPORTO

Gli italiani e il solare V RAPPORTO Gli italiani e il solare V RAPPORTO Focus su Città e bioedilizia Settembre 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

Progetto Gio-Polis. Rapporto conclusivo

Progetto Gio-Polis. Rapporto conclusivo Progetto Gio-Polis Indagine conoscitiva sulla disoccupazione giovanile e l esclusione sociale Rapporto conclusivo A cura del Gruppo di lavoro n 2 Componenti: Mario Casserà, Maria Elena Conte, Calogero

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Casino Nobile Musei di Villa Torlonia

Casino Nobile Musei di Villa Torlonia Data 10/11/2011 Indagini di Customer Satisfaction Casino Nobile Musei di Villa Torlonia Settembre Ottobre 2011 2 Indice Il documento si articola nei seguenti capitoli: Premessa e nota metodologica Sintesi

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Questionario progetto "Turismo"

Questionario progetto Turismo Questionario progetto "Turismo" Buongiorno, mi chiamo e sono una/un ricercatrice/tore della Fondazione Eni Enrico Mattei, organizzazione no profit che opera nel settore della ricerca su economia, turismo

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 795 clienti TIEMME SpA (errore di campionamento +/ 2%) rappresentativo della popolazione obiettivo,

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

CAR POOLING SCOLASTICO C3897.01 ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO

CAR POOLING SCOLASTICO C3897.01 ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO CAR POOLING SCOLASTICO ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO 2 3 Sommario Premessa... 4 Obiettivi... 4 Il progetto... 4 Attività di progetto... 4 I risultati... 5 Risultati complessivi... 5 Scuola primaria

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

PROCESSO PARTECIPATIVO

PROCESSO PARTECIPATIVO PIANO DI GESTIONE DELL AREA NATURA 2000 SIC IT 3310004 FORRA DEL TORRENTE CELLINA PROCESSO PARTECIPATIVO GRUPPO DI LAVORO Michele Cassol - Dottori forestali associati Cassol e Scariot Antonio Borgo - Dottore

Dettagli

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Descrizione generale Le giornate della trasparenza, previste dal D.Lgs /, sono strumenti di coinvolgimento degli stakeholders per la valorizzazione

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 1. Le caratteristiche degli studenti di Uninettuno... 3 2. Il questionario

Dettagli

Indagine Federfarma: L immagine delle Farmacie. Principali risultati dello studio condotto su popolazione e opinion leader

Indagine Federfarma: L immagine delle Farmacie. Principali risultati dello studio condotto su popolazione e opinion leader Indagine Federfarma: L immagine delle Farmacie Principali risultati dello studio condotto su popolazione e opinion leader Le farmacie raccolgono una vera ovazione di consensi: voti positivi dal 94% della

Dettagli

La percezione e l utilizzo l navigatori satellitari da parte del pubblico consumer

La percezione e l utilizzo l navigatori satellitari da parte del pubblico consumer Presentano: La percezione e l utilizzo l dei navigatori satellitari da parte del pubblico consumer in occasione di Autodromo di Monza, 14 novembre 2007 Sala Villeneuve Obiettivi della ricerca Obiettivo

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet Indagine realizzata con il contributo della Direzione Generale Cinema Ministero per i Beni e le Attività Culturali Presentazione dei risultati Roma, 6 febbraio 2007 Premessa L ANICA ha chiesto all'istituto

Dettagli

Opinioni e atteggiamenti dei cittadini

Opinioni e atteggiamenti dei cittadini Il mercato del gas in Italia: Opinioni e atteggiamenti dei cittadini (Da Osservatorio Energia 3 monitor maggio 2011) Milano, 5 luglio 2011 (Rif. 1126v211) Indice 2 Obiettivi e metodologia Pag. 3 Dati di

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI. Toni Zambon

L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI. Toni Zambon L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI Toni Zambon Alleanza nelle Alpi vuole applicare la Convenzione delle Alpi lì, dove la politica è più vicina alle persone lì, dove

Dettagli

Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta

Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta L a n u o v a d i m e n s i o n e Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta Rapporto realizzato per AVEDISCO Azienda: GIOEL srl Maggio 2010 Obbiettivi dell indagine VERIFICARE

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

Mezzo utilizzato per venire al lavoro

Mezzo utilizzato per venire al lavoro L ecosostenibilità in ufficio: miraggio o realtà? Una rappresentazione della situazione dei nostri uffici ed un occasione di valutazione delle strategie dell Ente e dei comportamenti dei singoli Gli Italiani,

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 373 clienti di Tiemme Spa sede operativa di Piombino (errore di campionamento +/- 2%) rappresentativo

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I risultati dell indagine statistica

I risultati dell indagine statistica Riqualificazione del turismo sostenibile nel Delta del Po Ariano nel Polesine, 25 ottobre 2007 Percezioni, conoscenze e comportamenti per un turismo sostenibile nel Parco. I risultati dell indagine statistica

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013 Seconda edizione CONFERENZA STAMPA Indagine presso le famiglie Torino, 13 settembre 2013 (Rif. 1621v112) Partner dell Osservatorio 2 Patrocinio 3 Cap.1 - Il

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 Il Contesto Europeienordamericanisprecanoatestaall incircatrai95ei115kgdiciboall

Dettagli

NUOVE GEOMETRIE DI INFLUENZA

NUOVE GEOMETRIE DI INFLUENZA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Cattedra di Teorie e Tecniche delle Analisi di Mercato prof. Umberto Costantini Gruppo di lavoro: prof.

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA COSES Indagini sulla qualità di alcuni servizi erogati dal Comune di Venezia CENTRO MAREE. per quanto di competenza a cura di

COMUNE DI VENEZIA COSES Indagini sulla qualità di alcuni servizi erogati dal Comune di Venezia CENTRO MAREE. per quanto di competenza a cura di RAPPORTO 85/1 COMUNE DI VENEZIA COSES Indagini sulla qualità di alcuni servizi erogati dal Comune di Venezia CENTRO MAREE V.Colladel C.Pedenzini per quanto di competenza a cura di E.Camporese M.Magagnato

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli

I GIORNALISTI ITALIANI, L ETICA PROFESSIONALE, L INFORMAZIONE ON LINE

I GIORNALISTI ITALIANI, L ETICA PROFESSIONALE, L INFORMAZIONE ON LINE I GIORNALISTI ITALIANI, L ETICA PROFESSIONALE, L INFORMAZIONE ON LINE sintesi della ricerca quantitativa realizzata da AstraRicerche per il Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti L indagine è

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

Cellule staminali: cosa ne sanno gli italiani?

Cellule staminali: cosa ne sanno gli italiani? Cellule staminali: cosa ne sanno gli italiani? Prof. Renato Mannheimer Dott.ssa Claudia Brunelli Roma, 14 novembre 2013 Sala Conferenze Stampa, Palazzo Montecitorio Obiettivi e metodologia dell indagine

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa Area 2^- Economico finanziaria - Sviluppo informatico e tecnologico - Servizi demografici. Ufficio Statistica

Comune di Bassano del Grappa Area 2^- Economico finanziaria - Sviluppo informatico e tecnologico - Servizi demografici. Ufficio Statistica Area 2^- Economico finanziaria - Sviluppo informatico e tecnologico - Servizi demografici LA QUALITÀ DELLE ATTIVITÀ ESTIVE PER RAGAZZI ANNO 2005 ANALISI DEI RISULTATI DELL INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it

Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Analisi dei risultati del questionario sull usabilità della banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme Dipartimento di Scienze Aziendali Comune di Monsummano Terme LA PAROLA AI TURISTI INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE Marzo 2012 dott.ssa Ilaria Ferrati dott.ssa Eva Accardo

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

L OPINIONE DEGLI SPETTATORI DEL TEATRO DIEGO FABBRI DI FORLÌ (STAGIONE 2014/15) Rapporto di ricerca

L OPINIONE DEGLI SPETTATORI DEL TEATRO DIEGO FABBRI DI FORLÌ (STAGIONE 2014/15) Rapporto di ricerca L OPINIONE DEGLI SPETTATORI DEL TEATRO DIEGO FABBRI DI FORLÌ (STAGIONE 2014/15) Rapporto di ricerca 1 Settembre 2015 Rapporto elaborato da: Barbara Calderone, Associazione culturale Città di Ebla Con:

Dettagli

Studio strategico Malcantone Ovest

Studio strategico Malcantone Ovest Studio strategico Malcantone Ovest Dal presente al futuro in un ottica strategica Risultati della serata pubblica e pianificazione della fase II Redazione Andrea Huber Docente-ricercatore Centro competenze

Dettagli

INDAGINE SULLE ESCO IN ITALIA

INDAGINE SULLE ESCO IN ITALIA RELAZIONE SINTETICA INDAGINE SULLE ESCO IN ITALIA Sommario Caratteristiche generali dell indagine... 3 Somministrazione del questionario ed elaborazione statistica... 3 Universo di riferimento... 3 Composizione

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 Indice Premessa Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1 Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 L utilizzo delle bicicletta nella Città di Torino pag. 6 Bicicletta in Città gruppi a confronto

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

«Rifornimento comodo» Indagine ISPO per Unione Petrolifera. Executive Summary (giugno 2012)

«Rifornimento comodo» Indagine ISPO per Unione Petrolifera. Executive Summary (giugno 2012) «Rifornimento comodo» Indagine ISPO per Unione Petrolifera Executive Summary (giugno 2012) Gli italiani sono quasi unanimemente convinti che nel nostro Paese il carburante sia più caro che altrove e attribuiscono

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia.

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia. Percorsi Palermo microinterventi di ricucitura del tessuto urbano Pedonalizzare il centro storico di Palermo: cosa ne pensi? risultati del questionario arch. Michelangelo Pavia febbraio 2013 spazio al

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Indagine di soddisfazione dell utenza A.A.2008 2009

Indagine di soddisfazione dell utenza A.A.2008 2009 Università degli Studi di Padova Biblioteca biologico-medica Vallisneri Indagine di soddisfazione dell utenza A.A.2008 2009 a cura di Annamaria Soldera 2 Sommario Indagine di soddisfazione dell utenza...1

Dettagli

Attitudini e preferenze dei residenti verso il turismo Il caso di Follonica

Attitudini e preferenze dei residenti verso il turismo Il caso di Follonica Attitudini e preferenze dei residenti verso il turismo Il caso di Follonica Salvatore Bimonte, Teresa Pratelli e Lionello F. Punzo Introduzione In continuità e coerentemente con l analisi svolta sui turisti

Dettagli

LAVORO PRECARIO E SALUTE

LAVORO PRECARIO E SALUTE LAVORO PRECARIO E SALUTE BOLOGNA GIUGNO 2005 L indagine è stata condotta attraverso l invio di un questionario postale a 4.020 lavoratori che costituiscono un campione rappresentativo della popolazione

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Struttura del campione Il campione di 1425 individui intervistati è per il 48,7% costituito da persone di età compresa tra i 40 e i

Dettagli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli Igiene urbana Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma Anno 2011 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest - Università degli Studi di Torino SOMMARIO

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

L atteggiamento degli italiani verso il VOIP

L atteggiamento degli italiani verso il VOIP 20154 Milano - Viale Pasubio, 6 Tel. 02-45467.1 Fax 02-45467.328 www.telesurvey.it e-mail: telesurvey@telesurvey.it L atteggiamento degli italiani verso il VOIP I risultati di un sondaggio d opinioned

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE CAPO I OGGETTO E DIRETTIVE CONTABILI E FISCALI Art. 1 Oggetto Il presente regolamento concerne l oggetto, le modalità di

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli