PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010"

Transcript

1 Realizzazione del Piano di Gestione del SIC IT Dolomiti Friulane e del SIC IT Forra del Torrente Cellina Realizzazione e coordinamento del percorso partecipativo, a valersi sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Friuli Venezia Giulia, Misura 323, azione 2 "stesura dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000" PRIMA CAMPAGNA DI QUESTIONARI OTTOBRE - DICEMBRE 2010 dott.ssa Luisa Capitan e dott.ssa Elena Maiulini

2 INDICE 1. Premessa Metodologia di realizzazione della prima campagna di questionari Statistiche Sesso 1.2 Etá (indicare gli anni compiuti) 1.3 Quale lavoro svolge tra i seguenti 1.4 Titolo di studio 1.5 Se lavora, dov è il suo luogo prevalente di lavoro? 1.6 Risiede in questo comune stabilmente? 1.7 Nel suo tempo libero pratica delle attività quali: 1.8 Fa parte di qualche associazione? Se si, quali? Con che ruolo? 1.9 Fa parte di un amministrazione pubblica? Se si, con che ruolo? 1.10 Lei vive qui dalla nascita? Se no, di dove è originario/a? 1.11 Se potesse, andrebbe a vivere altrove? 1.12 Da 0 minimo a 5 massimo qual è secondo Lei la qualità della vita nel suo comune? 2.1 Sa dov è collocata la sede del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane? 2.2 Sa dirmi se la Forra del Torrente Cellina si trova all interno dei confini del Parco? 2.3 Per Lei il Parco è: 2.4 Secondo Lei l area del Parco compresa nel suo Comune è: 2.5 Lei conosce i confini del Parco? 2.6 Lei frequenta l area del Parco? 2.7 Secondo Lei, le aree abitate dovrebbero rientrare nell area parco? 2.8 Ritiene sarebbe importante per le attività imprenditoriali locali avere un Marchio di qualità del Parco 3.1 Sa che cos è un Sito di Importanza Comunitaria o SIC? Se si, indichi cosa intende per SIC 3.3. Sa cos è il Piano di Gestione del SIC/ZPS? 3.4 Sa cos è il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco o PCS? 3.5 Lei sa che il Parco dovrebbe dotarsi del PCS? 3.6 Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Conservazione e 2

3 Sviluppo del Parco? 3.7 Da 0 minimo a 5 massimo su cosa dovrebbe puntare l Ente Parco per un maggiore sviluppo dell area? 1.Conservare il paesaggio la natura 2.Salvaguardare la cultura e le tradizioni locali 3. Migliorare le infrastrutture (sentieri, manufatti,..) 4. Sviluppare il turismo 5. Sostenere le attività agricole 6. Incentivare la ripresa dell attività malghiva 7. Migliorare la gestione e sfruttamento del bosco 8. Sostenere l artigianato 9. Altro (specificare) 3.8 Da 0 minimo a 5 massimo quanto sarebbe favorevole al fatto che il Piano di Gestione preveda la definizione di aree, con relativi vincoli, per favorire una maggiore tutela dell ambiente? 3.9 Quanto possono essere utili secondo lei incentivi economici per la ripresa delle attività legate alle malghe ed al pascolo? 4.1 Lei sa da quando l area delle Dolomiti è stata riconosciuta Patrimonio dell Umanità? 4.2 Secondo Lei quali tra queste Provincie fanno parte delle dolomiti UNESCO? 4.3 Il suo Comune fa parte della zona UNESCO? 4.4 Secondo Lei il riconoscimento UNESCO porterà altri vincoli per la zona interessata? 4.5 Con il riconoscimento come Patrimonio dell UNESCO, ci saranno secondo Lei maggiori opportunità di sviluppo? 5. Ha altre considerazioni o proposte da fare? 4. Allegati.49 3

4 Premessa Questa indagine rientra nell ambito del processo partecipativo inerente la realizzazione del Piano di Gestione (PdG) del SIC e della ZPS IT Dolomiti Friulane, del SIC IT Forra del Torrente Cellina e del Piano di Conservazione e Sviluppo (PCS) del Parco delle Dolomiti Friulane. La campagna ha previsto la somministrazione di 600 questionari ad un campione casuale della popolazione dei comuni del Parco e dei comuni fuori Parco, poiché i confini del Parco non combaciano con i confini del SIC e della ZPS, sono stati infatti somministrati questionari anche ai comuni di Ampezzo e Socchieve e al comune di Barcis per la Forra del Torrente Cellina. Obiettivo dell indagine è avere un quadro sommario della realtà anagrafica e socio economica dei rispondenti, comprendere la percezione da parte di questi del Parco delle Dolomiti Friulane, individuare la percentuale di persone che conoscono termini tecnici quali SIC ZPS - PdG PCS, raccogliere suggerimenti che possano essere inseriti sia nel PdG che nel PCS. La parte finale del questionario riguarda invece la percezione e la conoscenza di dati relativi al sito come patrimonio dell UNESCO. A questa prima campagna ne seguirà una seconda, presumibilmente nei mesi di ottobre, novembre e dicembre del 2011, di 400 questionari, con lo scopo di confrontare i risultati delle due campagne a conclusione del processo partecipativo che vedrà coinvolta la popolazione ed i portatori di interesse in diversi momenti di confronto. 4

5 Metodologia di realizzazione della prima campagna di questionari Durante l anno il gruppo di lavoro, supportato dall Università degli Studi di Udine in particolare deal Prof. Mauro Pascolini e dall antropologa dott.ssa Sabrina Tonutti, è stato impegnato nell avvio della prima campagna di questionari da somministrare ad un campione casuale della popolazione formato da 600 individui residenti nei comuni del SIC. Sinteticamente le fasi operative sono state: - richiesta ai comuni delle liste elettorali per l individuazione del campione, - elaborazione delle liste per l estrazione del campione,che ha comportato: o il passaggio da file txt a file word, o pulizia dei dati, o trasposizione dei dati in file Excel, - individuazione dei criteri per il campionamento (comune di residenza, incidenza della popolazione del comune sul totale della popolazione dei comuni del SIC e ZPS dolomiti friulane e Forra del Cellina, sesso ed età anagrafica) - suddivisione in fasce di età , anno compiuto - calcolo percentuale dei questionari da somministrare in ogni comune in base alla popolazione residente, - calcolo percentuale dei questionari da somministrare ad ogni singola fascia di età per comune, - calcolo percentuale maschio femmina per comune Il campionamento è riassunto nella tabella seguente: Comuni del Parco Comuni fuori Parco Fasce Età D U D U D U Totale Andreis Cimolais Claut Erto e Casso Forni di Sopra Forni di Sotto Tramonti di Sopra Frisanco Ampezzo Socchieve Barcis Totale Le quantità iniziali di questionari stabilite per comune hanno subito modifiche per difetto da un lato a causa della non disponibilità degli abitanti a sottoporsi ai rilevatori per la compilazione dei questionari mentre per eccesso in alcuni ambiti territoriali imputabile alla maggior disponibilità della popolazione stessa. A fronte dei 600 questionari stabili e programmati con relativa individuazione dei nominativi, sono stati raccolti n. 395 questionari nei comuni del Parco e n. 201 questionari nei comuni non facenti parte per un totale di 596. Il maggior numero dei questionari mancanti riguarda il comune di Erto e Casso. Per un maggiore approfondimento, in particolare sui comuni di Cimolais, Erto e Casso, Andreis, Barcis e 5

6 Claut, si allega la relazione presentata dalla dott.ssa Nadia Boz nella quale vengono analizzate le difficoltà incontrate dai rilevatori nella somministrazione dei questionari. Una volta determinato il numero di questionari da somministrare a ciascuna fascia di età suddivisa per sesso e comune di appartenenza, l individuazione del campione è stato effettuato attraverso l utilizzo di un software, denominato Generatore di numeri casuali messo a disposizione dalla Regione Emilia Romagna sul proprio sito (http://www.regione.emiliaromagna.it/sin_info/generatore/). Ad ogni cittadino/a suddiviso per comune di appartenenza sesso e fascia d età è stato assegnato un numero. Volendo semplificare la spiegazione viene riportato un esempio: dalle liste elettorali del comune di Claut risulta che il numero di uomini della fascia di età dai 30 ai 51 comprende 155 nominativi tra questi in base ai calcoli fatti dovevano esserne estratti 19. Nel software è stato inserito il range: ed il numero necessario, con queste informazioni il programma ha indicato 19 numeri casuali es : 2, 13, 16, 24,.che sono stati utilizzati per individuare i nominativi. Contemporaneamente questo lavoro è stato fatto anche per un campione di riserva a cui attingere nel caso uno o più nominativi del campione principale non fossero disponibili a rispondere al questionario. Parallelamente il gruppo di lavoro ha proceduto alla stesura di due questionari: uno per i comuni interni all area Parco ed uno per i comuni esterni, i quali si differenziano solo per l assenza nel secondo di alcune domande specifiche sul Parco delle Dolomiti Friulane. Entrambi i questionari sono stati realizzati in blocchi tematici: - parte anagrafica, - domande inerenti la percezione e la conoscenza del parco delle dolomiti friulane, - domande inerenti la conoscenza della terminologia SIC, ZPS, - proposte di azioni dai inserire nel PDG O PCS a seconda che il comune di residenza sia trovi o meno all interno del Parco, - domande inerenti le tematiche di sviluppo che il piano deve affrontare, - domande inerenti la conoscenza delle Dolomiti come patrimonio Unesco, - spazio per commenti o osservazioni. Negli allegati vengono inseriti entrambi i questionari. Terminata la definizione del campione e realizzati i questionari si è proceduto all individuazione dei rilevatori, non senza difficoltà. È stato realizzato un primo bando per individuare tre persone, residenti nei comuni di rilevazione suddivisi territorialmente in tre zone: la Valcellina ovvero Erto e Casso Cimolais - Claut Barcis; la parte più meridionale del Parco comprendente i comuni di Andreis Frisanco e Tramonti di Sopra; area SIC in provincia di Udine ovvero Ampezzo - Forni di Sopra - Forni di Sotto Socchieve. Al primo avviso, distribuito in tutti i comuni, ha risposto solamente Elisa Capellari per l area udinese. È stato fatto in seguito un secondo bando per la parte pordenonese a cui non ha risposto nessuno. La dott.ssa Nadia Boz è stata in seguito contattata dalla dott.ssa Sabrina Tonutti mentre Talita Palermo e Francesca Titolo sono state individuate e contattate dall Ente Parco, in seguito tramite il passaparola sono state coinvolte anche Paola Fabbro e Dina Giordani. Di seguito i nomi delle rilevatrici ed i comuni di rilevamento competenza: 1. Elisa Cappellari: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto e Socchieve 2. Nadia Boz: Barcis, Erto e Casso, Cimolais e Andreis 3. Talita Palermo: Frisanco 6

7 4. Francesca Titolo: Tramonti di Sopra 5. Paola Fabbro: Claut 6. Dina Giordani: Claut. All individuazione dei rilevatori è seguita ad opera della dott.ssa Sabrina Tonutti la loro formazione, sulla struttura del questionario, sui contenuti e su come affrontare la somministrazione; la dott.ssa Tonutti ha inoltre seguito passo per passo le rilevatrici contattandole settimanalmente per fare il punto della situazione. La campagna di rilevamento ha avuto inizio dal mese di ottobre 2010 protraendosi fino al mese di gennaio Da metà mese di gennaio 2011 è iniziato l inserimento dei dati di ogni singolo questionario su supporto informatico utilizzando il programma EXCEL, durato fino fine mese di febbraio. I dati che poi sono stati trasportati sul software di analisi statistica SPSS, acronimo di Statistical Package for Social Science, uno dei programmi di statistica più utilizzati, perché permette di svolgere numerose operazioni che con i software di calcolo classici non è possibile effettuare. 7

8 Di seguito sono elencate le domande dei questionari con la relativa elaborazione dei dati, per i comuni rientranti nell area del Parco e dei comuni fuori Parco. 1.1 Sesso Non emergono differenze significative del campione tra i comuni del Parco e quelli esterni riguardo al sesso. 1.2 Età 8

9 Non emergono differenze significative del campione tra i comuni del Parco e quelli esterni riguardo alle fasce d età. 1.3 Quale lavoro svolge tra i seguenti: Nei comuni del Parco e nei comuni esterni all area Parco la condizione professionale più diffusa è quella dell operaio/a con il 27,7% - 24,9% segue la condizione di pensionato/a con il 19,6%- 18,4%. COMUNI AREA PARCO Altro dato interessante per i comuni all interno del Parco è la differenza tra la condizione professionale tra uomo e donna, per entrambi i sessi la condizione professionale più diffusa è 9

10 quella di operaio/a, seguita per le donne dalla condizione di casalinga e per gli uomini da quella di pensionato. COMUNI FUORI PARCO Anche nei comuni esterni all area Parco la condizione professionale più diffusa per gli uomini è quella di operaio seguita da quella di pensionato, mentre per le donne è la condizione di casalinga seguita da quella di operaia e di pensionata. Altra differenza da mettere in rilievo rispetto l area Parco è che cresce il numero delle studentesse ma tra gli intervistati non c è alcun studente maschio. 1.4 Titolo di studio 10

11 Nei comuni del parco e nei comini fuori parco il titolo di studio maggiormente diffuso è quello di scuola media inferiore seguito dal titolo di scuola superiore. La differenza tra i due ambiti di rilevazione è che nei comuni dell area Parco il titolo di studio più diffuso è quello di scuola media inferiore, mentre per i comuni esterni all area Parco è quello di scuola superiore 1.5 Se lavora, dov è il suo luogo prevalente di lavoro? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco la maggioranza delle persone lavora nello stesso comune in cui vive per il 44,2% mentre il 33,1% lavora fuori dall area Parco. 11

12 COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco la maggioranza dei rispondenti, il 27,4% lavora in altro comune fuori dall area Parco, il 25,9% nello stesso comune in cui vive ed il 9,5% lavora in più comuni. 1.6 Risiede in questo comune stabilmente? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco il 93,1% dei rispondenti al questionario risiede stabilmente nel comune di rilevazione, il 5,1% risiede solo per alcuni periodi dell anno, di questi il 57,1% viene presso uno dei comuni del parco ogni fine settimana vi risiede solo il 42,9%. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 96% degli intervistati risiede stabilmente nel comune di rilevazione, il 3,5% ci viene solo per alcuni periodi dell anno. 1.7 Nel suo tempo libero pratica delle attività? Quali? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del Parco gli hobby maggiormente praticati riguardano le attività legate all Agricoltura, cura dell orto, del giardino e del bosco 32% e l attività sportiva 30% seguite dal volontariato sociale 11% e dalle attività culturali 9%. In fine in ordine decrescente la caccia e la pesca con il 8%, il piccolo artigianato ed il bricolage con il 5% ed il volontariato civile 5%. COMUNI FUORI PARCO 12

13 Nei comuni esterni all area Parco l hobby maggiormente praticato riguarda l attività di agricoltura, orto, giardino e cura del bosco con una percentuale del 40%, seguito dalle attività sportive con una percentuale del 22% dal volontariato sociale 10% della caccia, pesca ed attività culturali al 9%. 1.8 Fa parte di qualche associazione? COMINI AREA PARCO Nei comuni del Parco il 65,3% dei rispondenti non fa parte di alcuna associazione mentre il 32,4% è membro di un associazione. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 62,7% dei rispondenti non fa parte di alcuna associazione mentre il 35,3% è membro di un associazione Se si, quali? 13

14 COMINI AREA PARCO Del 33,2% degli appartenenti ad associazione il 43% è iscritto ad un associazione sportiva, il 30,30% di un associazione che persegue fini sociali ed il 26,70% di un associazione per la valorizzazione del territorio e culturale. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 35,3% membro di un associazione risulta per il 50,60% come iscritto un associazione che persegue fini sociali, il 34, 20% di un associazione sportiva mentre solo il 13,90% di un associazione che si occupa di attività culturali o di valorizzazione del territorio. A differenza dell area Parco è da notare anche un 1,30% è membro di un associazione legata all ambito agricolo o artigianale Con che ruolo? COMUNI AREA PARCO 14

15 Degli intervistati membri di un associazione il 67,1% sono semplici associati, il 22,9 % sono membri del direttivo ed il 10% ricoprono il ruolo di direttore o presidente. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area Parco il 74,3% degli intervistati ricopre il ruolo di semplice associato all interno di una associazione, il 20,3% è membro di un direttivo ed il 4,1% è direttore o presidente, da notare la differenza con i comini del Parco in cui è presente anche un 1,4% di dipendenti di associazione 1.9 Fa parte di un amministrazione pubblica? COMUNI AREA PARCO Degli intervistati il 3,5% ricopre un ruolo elettivo in un amministrazione pubblica. COMUNI FUORI PARCO Degli intervistati il 4,5% ricopre un ruolo elettivo in un amministrazione pubblica Se si, con che ruolo? COMUNI AREA PARCO Sono stati intervistati 15 consiglieri comunali. COMUNI FUORI PARCO Sono stati intervistati un sindaco, due assessori e sei consiglieri comunali Lei vive qui dalla nascita? COMUNI AREA PARCO Nei comuni del parco il 75,7% degli intervistati vive nel comune di nascita, mentre il 23,8% proviene da altro comune. COMUNI FUORI PARCO 15

16 Nei comuni esterni all area parco il 69,7% della popolazione vive nel comune di nascita mentre il 29,4% proviene da altro comune Se no, di dove è originario/a? COMUNI AREA PARCO Tra coloro che sono nati in un comune diverso da quello in cui risiedono il 35,6% proviene da un comune della regione Friuli Venezia Giulia, il 28,7% da un comune fuori dalla regione, il 26,4% è nato in uno stato estero ed il 9% è nato nell area parco. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area del parco, coloro che provengono da un comune differente ripsetto al comune in cui risiedono il 52,7% proviene da un comune della regione Friuli Venezia Giulia, il 30,9% da un comune esterno alla regione, 12,7% da uno stato estero ed il 3,6% da un altro comune interno all area parco Se potesse andrebbe a vivere altrove? COMUNI AREA PARCO 16

17 Tra gli intervistati all interno dell area parco il 57,2% non andrebbe a vivere altrove, il 27,3% si trasferirebbe mentre il 13,2% ha risposto non so. Tra gli intervistati quelli che hanno dimostrato un maggiore legame con il luogo in cui vivono si trovano nei comuni di Cimolais in cui il 68,60% dei rispondenti ha risposto che non andrebbero a vivere altrove, a Forni di Sopra il 67,50% ed a Claut il 66,30%. Gli intervistati che hanno espresso una maggiore volontà di andare a vivere altrove si trovano nei comuni di Erto e Casso in cui il 44% dei rispondenti ha ripsoto che andrebbe a vivere altrove seguito da Frisanco con il 40,7% e da Forni di Sotto con il 31,5%. COMUNI FUORI PARCO Tra gli intervistati nei comuni esterni all interno dell area parco il 64,7% non andrebbe a vivere altrove, il 20,4% si trasferirebbe mentre il 11,9% ha risposto non so. 17

18 Tra gli intervistati nell area esterna al Parco quelli che hanno dimostrato un maggiore legame con il luogo in cui vivono si trovano nel comune Barcis in cui il 78,3% dei rispondenti ha risposto che non andrebbero a vivere altrove, segito da Socchieve 67,1% e da Ampezzo 64,1%. Mentre gli intervistati che hanno espresso una maggiore volontà di andare a vivere altrove si trovano sempre nel come di Barcis in cui il 21,7% dei rispondenti ha ripsoto che andrebbe a vivere altrove seguito da Socchieve con il 67,1% e da Ampezzo 64,1% Da 0 minimo a 5 massimo qual è secondo Lei la qualità della vita nel suo comune? COMUNI AREA PARCO 18

19 Tra i comuni dell area Parco che hanno espresso una valutazione positiva vi sono Andreis in cui il 27,3% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è ottima seguito da Forni di Sopra 16,5% e da Tramonti di Sopra 16,1%. Tra i comuni che invece hanno dato una valutazione negativa vi sono Erto e Casso con il 14,8% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è pessima, seguito da Cimolais 11,4% e Forni di Sotto 10,9%. Il voto più rilevante riferito alla qualità della vita è Discreta. Tra i comuni tale risposta è stata data dalla maggioranza degli intervitati è Andreis con il 54,5%, seguito da Forni di Sopra con il 43,5%. COMUNI FUORI PARCO 19

20 Tra il comune dell area esterna al Parco che ha espresso la valutazione migliore è Ampezzo in cui il 16% degli intervistati ha risposto che la qualità della vita nel proprio comune è ottima. Il comune che invece hanno dato la peggiore sulla qualità della vita nel proprio comune è Barcis con l 8,7%. Il voto più rilevante riferito alla qualità della vita anche in questo caso è discreta, il comune in cui tale risposta ha avuto la maggioranza è Socchieve con 46,30% delle risposte. 20

21 2.1 Sa dov è collocata la sede del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane? COMUNI DEL PARCO Il 75,7% degli intervistati sa dove si trova la sede del Parco delle Dolomiti Friulane, con un piccolo errore 6,6% di persone che hanno risposto Claut nei comuni di Forni di Sopra e Forni di Sotto. COMUNI FUORI PARCO Nei comuni esterni all area invece la maggioranza dei rispondenti li 38,8% ritiene che la sede del parco si trovi a Forni di Sopra, il 30,8% non ha risposto mentre il 24,9% sa dove si trova la sede. 2.2 Sa dirmi se la Forra del torrente Cellina si trova all interno dei confini del Parco? 21

22 Questa domanda è stata posta solo ai comuni interni all area del Parco i quali hanno risposto per il 40,3% che la Forra del torrente Cellina si trova all interno del Parco delle Dolomiti Friulane per il 38,7% hanno risposto che non sanno e il 15,5% ha risposto che la Forra si trova all esterno dei confini del Parco. 2.3 Per lei il Parco è COMUNI PARCO La valutazione data dai comuni dell area Parco è per il 44,6% abbastanza importante e per il 24,8% molto importante. 22

23 Del 7,6% del totale degli intervistati che ha risposto Altro il 53,6% ritiene il parco indifferente, il 21,4% non si è fatta un idea in proposito, il 14,3% ne da una valutazione positiva mentre il 10,7% una negativa. Tra i comuni del Parco Tramonti di Sopra ha valutato positivamente il Parco, il 32,3% degli intervistati del comune ha infatti riposto che per loro il Parco è molto importante e per il 54,8% abbastanza importante. I comuni con la valutazione negativa più alta sono stati Erto e Casso e Forni di Sotto il 7,7% dei rispondenti che ritiene che sarebbe meglio se il Parco non ci fosse. In una posizione intermedia si pongono Frisanco e Cimolais. 23

24 COMUNI FUORI PARCO La valutazione data dai comuni fuori Parco è per il 47,3% abbastanza importante e per il 33,3% molto importante. Del 6,5% del totale degli intervistati che ha risposto altro il 61,5% ritiene il parco indifferente, il 23,1% non si è fatta un idea in proposito il 7,7% ne da una valutazione positiva così come coloro che ne danno una negativa. 24

25 Tra i comuni esterni all area Parco, Ampezzo ha dato una valutazione migliore al Parco. Infatti il 35,1% degli intervistati del comune ha riposto che per loro il Parco è molto importante e per il 46,8% abbastanza importante, contemporaneamente è anche il comune con la valutazione negativa più alta al 3,2%. I Comuni fuori Parco danno una valutazione migliore del Parco: 33,3% dei rispodondenti ritiene che esso sia molto importante rispetto ai comuni interni all ara Parco: 24,8%. La valutazione negativa proviene dai comuni del Parco con un 5,3% sarebbe meglio che non ci fosse a differenza dei comuni esterni al Parco in cui hanno dato questa valutazione il 2,5%. 25

26 2.4 Secondo Lei l area del Parco compresa nel suo Comune è? Questa domanda è stata posta solo ai comuni del Parco, i rispondenti di Andreis ritengono che l area del parco nel comune sia marginale 18,2% o poco vasta 36,4%, a Cimolais e Claut invece il maggior numero di risposte sono state: molto vasta (62,9% e 62,7%) e tutto il comune (11,4% e 7,2%). 2.5 Lei conosce i confini del Parco? 26

27 I rispondenti dei comuni del Parco ritengono di conoscere con precisione i confini del Parco per il 7,6% a differenza di coloro che vivono nell area esterna 2,5%. Nei comuni esterni è stato per lo più risposto che i confini non si conoscono 49,8%. 2.6 Lei frequenta l area del Parco? Nei comuni del Parco il 20,3% dei rispondenti frequenta abitualmente il Parco a differenza di coloro che vivono nell area esterna in cui solo il 6,5% dei rispondenti visita l area protetta. Il 41,3% dei rispondenti che risiedono nei comuni non appartenenti all area Parco non vi si reca mai. 2.7 Secondo Lei, le aree abitate dovrebbero rientrare nell area Parco? 27

28 Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni nell ara Parco che per il 60% hanno risposto che non ritengono opportuno far rientrare le zone abitate nell area protetta. 2.8 Ritiene sarebbe importante per le attività imprenditoriali locali avere un Marchio di qualità del Parco? Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni del Parco che per il 62% ritengono importante avere un Marchio d Area. 3.1 Sa che cos è un Sito di Importanza Comunitaria o SIC? 28

29 Sia nei comuni del Parco che quelli esterni la maggioranza degli intervistati (80,8% e 83,6%) ha risposto di non sapere cosa sia un SIC (Sito di Interesse Comunitario) Se si, indichi che cosa intende per SIC Tra coloro che hanno risposto di conoscere il significato del termine Sito di Interesse Comunitario solo l 11,7% dei comuni del parco ne ha dato una definizione corretta ed il 7,4% degli intervistati dei comuni fuori Parco. Il 36,7% nei comuni del Parco ed il 37% nei comuni fuori Parco ne ha dato una definizione completamente errata. 3.2 Sa che cos è una Zona di Protezione Speciale o ZPS? 29

30 Anche nel caso del termine Zona di Protezione Speciale la maggioranza dei rispondenti afferma di non conoscere il termine, ma rispetto al SIC aumenta leggermente la percentuale di coloro che affermano di conoscere il significato del termine. 30

31 3.2.1 Se si, indichi che cosa intende per ZPS Tra coloro che hanno risposto di conoscere il significato del termine Zona di Protezione Speciale solo l 8,6% dei comuni del parco ne ha dato una definizione corretta ed il 7,1% degli intervistati dei comuni fuori Parco. Il 35,8% nei comuni del Parco ed il 50% nei comuni fuori Parco ne ha dato una definizione completamente errata. 3.3 Sa cos è il Piano di Gestione del SIC/ZPS? 31

32 Sia nei comuni del Parco che quelli esterni più dell 80% dei rispondenti non sa cosa sia il Piano di Gestione, solo il 4,1% dei comuni del Parco e lo 0,5% dei comuni fuori Parco sa di cosa si tratta. 3.4 Sa cos è il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco o PCS? Questa domanda è stata posta solo ai residenti dei comuni del Parco che per il 72,7% non sanno che cosa sia il Piano di Conservazione e Sviluppo, solo il 4,6% risponde di conoscere il termine. 3.5 Lei sa che il Parco dovrebbe dotarsi del PCS? Il dato in percentuale riportato nel grafico a barre, che tiene in considerazione di tutte le risposte date dagli informatori nei comuni all interno della zona Parco, rileva una netta prevalenza della risposta negativa. 32

33 3.6 Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Conservazione e Sviluppo del Parco? Il quesito prevedeva una risposta aperta volta a raccogliere i suggerimenti degli intervistati e contestualmente anche ad indicare quali siano le priorità di azione contemplate. La frequenza di risposta, pur essendo di una percentuale rispetto al totale indubbiamente ridotta (253 su 395 questionari hanno registrato un non risposto), ha consentito comunque di raccogliere indicazioni preziose. In base hai suggerimenti emersi quindi sono state formulate delle aggregazioni concettuali che hanno identificato le seguenti macroaree: Maggiore tutela flora e fauna Migliorare i servizi del parco Sviluppare e preservare le attività economiche Tutela cultura locale/tradizioni Coinvolgimento/informazione popolazione locale Gestione e cura del territorio Chiarezza dei confini Valorizzazione/sviluppo area parco Gestione del bosco Creare sistema tra enti Il grafico ad anello sottostante riporta il valore riscontrato per macroarea all interno dei comuni del Parco: Il tema della maggiore tutela della fauna e della flora riscontra il massimo pari al 43,3% delle rilevazioni totale nel comune di Frisanco ed un minimo del 1,7% ad Erto e Casso mentre la gestione e la cura del territorio trova particolare sensibilità presso il Comune di Forni di Sopra (32,1 %). Frisanco pone tra i suoi maggiori interessi la valorizzazione e lo sviluppo dell area Parco con il 33

34 37% insieme a Forni di Sopra (25%). Un altra macroarea che ha registrato più riscontri è quello che riguarda lo sviluppo e il mantenimento delle attività economiche sul territorio che registra segnalazioni in tutti Comuni analizzati per una punta massima a Claut (26,5%) e minima ad Andreis, Erto e Casso e Tramonti (2,9%) Per quanto riguarda l area fuori parco l interrogazione è stata adattata sostituendo il Piano di Conservazione e Sviluppo, strumento di cui si dovrà dotare solo la zona del Parco, con il Piano di Gestione del SIC/ZPS (ovvero Secondo la sua opinione, cosa dovrebbe prevedere il Piano di Gestione? ). Il grafico sottostante riporta le relative casistiche. La numerosità della casistica ha necessariamente risentito della minore dimensione del territorio coinvolto e del minor numero di informatori coinvolti. Le macroaree sono state modificate tenendo conto quindi dello status diverso ed l elenco risultante è il seguente: - Maggiore tutela della fauna e della flora - Gestione e cura del territorio - Gestione del bosco - Valorizzazione e sviluppo dell area SIC - Chiarezza dei confini del Parco - Miglioramento dei servizi del parco - Tutela della cultura locale e delle tradizioni - Sviluppare e preservare le attività economiche - Coinvolgimento e informazione della popolazione locale All interno del comune di Socchieve sono state registrate il più alto numero di segnalazioni rispetto ad Ampezzo e Barcis in particolare sulle tematiche riguardanti la necessità di una maggiore tutela della fauna e della flora e il bisogno di coinvolgimento e informazione della popolazione locale. Per 34

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli