SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE"

Transcript

1 SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE L Amministrazione per salvaguardare l ambiente e migliorare la qualità della vita intensificherà la promozione di comportamenti e abitudini sempre più responsabili nei confronti del territorio. (A. Alessandrini )

2 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE I servizi previsti dalle linee programmatiche: 4.1 Incrementare ulteriormente la quota di raccolta differenziata a partire dalla frazione umida, migliorando la performance già ragguardevole del 53% attualmente raggiunta; potenziare la raccolta differenziata delle imprese.

3 Obiettivi: L obiettivo è incrementare la raccolta differenziata attraverso attività di sensibilizzazione e informazione rivolte alla cittadinanza e alle imprese presenti sul territorio. Target: Cittadini, city users e imprese sul territorio Centro di responsabilità: Sezione Ambiente ed Ecologia Risorse: 23 mila 100 euro per la campagna informativa SEGRATE ECOLOGICA , comprensiva di brochure dettagliata relativa ai nuovi servizi di igiene ambientale e alle modalità per effettuare correttamente la raccolta differenziata inviata casella per casella ai nuclei familiari segratesi

4 Cosa abbiamo fatto: La consegna dell opuscolo Segrate Ecologica è stata conclusa nel mese di settembre 2011, affinché la cittadinanza fosse informata sulle modalità di raccolta differenziata previste dal nuovo appalto prima dell avvio effettivo. L Amministrazione, in forma gratuita e su richiesta, fornisce a privati cittadini e aziende del territorio i cassonetti per la raccolta differenziata di carta e cartone, imballaggi in vetro e frazione organica (umido). Ha proposto inoltre alle imprese l opportunità di noleggiare cassoni da 25 metri cubi per la raccolta di rifiuti assimilabili agli urbani. Si prevede di continuare a dotare ogni famiglia del territorio di una fornitura gratuita e annuale di sacchetti biodegradabili per la raccolta della frazione organica, come avviene dal Da maggio 2012 grazie all'intesa tra Corepla, Anci e Conai, piatti e bicchieri usa e getta si buttano insieme alla plastica. Un importante novità che farà crescere le percentuali di raccolta e quindi di riciclo e recupero. Nelle sedi e negli edifici comunali è stato implementato il numero dei contenitori multivano per la raccolta differenziata interna di plastica, lattine e vetro. La percentuale di raccolta differenziata raggiunta nel 2011 è del 53,5%. Si prevede di toccare il 54% nel 2012 e il 54,5% nel 2013.

5 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE I servizi previsti dalle linee programmatiche: 4.a Monitorare con attenzione il rispetto dei limiti di rumorosità per i sorvoli aerei previsti dall accordo del maggio 2009 e dalla nuova mappa acustica, promuovendo al contempo la destinazione di contributi mirati al contenimento acustico e alla diffusione delle misure antirumore per i quartieri vicini all aeroporto. Approvare subito il piano di azzonamento acustico di tutta la città e le conseguenti misure di risanamento.

6 Obiettivi: Tutelare il benessere pubblico dallo stress acustico urbano, esigenza garantita dalla legislazione statale e regionale che impone ai Comuni di suddividere il proprio territorio in classi acustiche in funzione della destinazione d'uso delle varie aree (residenziali, industriali, ecc.) stabilendo poi, per ciascuna classe, i limiti delle emissioni sonore tollerabili. Il Piano di Zonizzazione Acustica è proprio lo strumento di pianificazione del territorio che ne disciplina l'uso e vincola le modalità di sviluppo delle attività svolte su di esso. E quindi parte integrante della pianificazione territoriale dell'amministrazione Comunale. Target: Cittadini, city users e imprese sul territorio Centro di responsabilità: Sezione Ambiente ed Ecologia Risorse: le risorse complessive stanziate per la stesura del Piano comunale di Zonizzazione Acustica, del Piano comunale di Risanamento Acustico e del Regolamento di Attuazione del Piano comunale di Zonizzazione Acustica sono pari ad Euro ,6.

7 Cosa abbiamo fatto: Una volta divenuto esecutivo il Piano di Governo del territorio (PGT), l Amministrazione aveva messo in agenda di approvare immediatamente il Piano di Zonizzazione Acustica. Il Piano è stato approvato all unanimità nella seduta consiliare del 25 giugno il Piano comunale di Zonizzazione Acustica è stato redatto ai sensi della normativa di settore: Legge n. 447/1995, legge quadro in materia di inquinamento acustico; D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 194 Attuazione della direttiva 2002/49/Ce relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale ; Legge Regionale n. 13/2001, recante disposizioni e indicazioni tecniche in merito alla redazione della classificazione acustica del territorio comunale e ai piani di risanamento; Delibera della Giunta Regionale n del 2 luglio 2002, recante Criteri tecnici di dettaglio per la redazione della classificazione acustica del territorio comunale. Si tratta di un provvedimento di riattivazione, con azzeramento della procedura avviata nel 2004 e che riparte da nuova adozione, comportando l abrogazione automatica di ogni effetto della precedente deliberazione consiliare n. 82/2004, ad oggetto: Adozione Piano di Azzonamento Acustico del territorio di Segrate, in quanto alla stessa non è seguita delibera di approvazione, ai sensi della legislazione regionale in materia. L'esigenza di tutelare il benessere pubblico dallo stress acustico urbano è garantita dalla legislazione statale e regionale che impone ai Comuni di suddividere il proprio territorio in classi acustiche in funzione della destinazione d'uso delle varie aree (residenziali, industriali, ecc.) stabilendo poi, per ciascuna classe, i limiti delle emissioni sonore tollerabili. Il Piano di Zonizzazione Acustica è proprio lo strumento di pianificazione del territorio che ne disciplina l'uso e vincola le modalità di sviluppo delle attività svolte su di esso. E quindi parte integrante della pianificazione territoriale dell'amministrazione Comunale. Tale classificazione, con il Piano di Zonizzazione Acustico è stata adottata anche sul territorio comunale, che è stato suddiviso in cinque zone acustiche omogenee. A ciascuna sono stati assegnati i valori limite di emissione, di immissione, i valori di attenzione, i valori di qualità stabiliti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 novembre 1977 e dalle disposizioni statali emanate in attuazione della legge 447/1995. Contestualmente al Piano di Zonizzazione Acustica, è stato approvato il correlato Regolamento di attuazione del Piano comunale di Zonizzazione Acustica, che stabilisce le modalità per l'attuazione, per quanto di competenza dell'amministrazione Comunale, delle disposizioni dettate dalla Legge 26 ottobre 1995 n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e dalla Legge Regionale per la Lombardia 10 agosto 2001 n. 13 Norme in materia di inquinamento acustico. Una volta che il Piano di Zonizzazione Acustica sarà definitivamente approvato in Consiglio comunale, si potrà procedere con la stesura del successivo Piano Comunale di Risanamento Acustico.

8 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE I servizi previsti dalle linee programmatiche: 4.c Valorizzare ulteriormente la risorsa acqua, oro blu di Segrate, facendone il vero e proprio motore dell azione di tutela ambientale 4.d Estendere l utilizzo dell acqua di prima falda e falda superficiale per l irrigazione pubblica e privata

9 Obiettivi: Il progetto ha finalità anzitutto ambientali. Si propone infatti di: evitare l impiego di acqua di rete per gli usi non potabili aumentare la disponibilità di acqua potabile fornita dal civico acquedotto e destinata al consumo umano contribuire alla protezione attiva delle falde profonde ridurre i costi per la collettività, grazie al risparmio sulle bollette per la fornitura di acqua potabile Target: Cittadini, city users Centro di responsabilità: Direzione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici

10 Cosa abbiamo fatto: Presso il Parco Europa di Milano Oltre è stato realizzato in convenzione con Cap Holding un pozzo che garantisce l irrigazione dell intera area utilizzando l acqua di prima falda anziché quella potabile dell acquedotto. Il Comune ha chiesto a Cap Holding la possibilità di realizzare altri tre pozzi: - al Centroparco - in zona Cassanese - nel quartiere MilanoSantaMonica

11 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE I servizi previsti dalle linee programmatiche: 4.e Favorire l utilizzo della risorsa acqua per la produzione di energia e calore mediante l utilizzo della geotermia e delle pompe di calore, incentivando il privato a ricercare l efficienza energetica della propria abitazione

12 Obiettivi: Ricorrere alle fonti di rinnovabili energia, nello specifico l energia geotermica, per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici e nel contempo, abbattere i consumi e tutelare l ambiente Target: Cittadini, city users Centro di responsabilità: Sezione Lavori Pubblici e Progettazione Risorse: 299 mila euro per l installazione dell impianto di climatizzzazione a pompe di calore geotermiche al nido XXV Aprile, di cui oltre 234 mila finanziati da Regione Lombardia.

13 Cosa abbiamo fatto: A luglio 2012 sono partiti i lavori al nido comunale di via XXV Aprile dove verrà installato un impianto di climatizzazione a pompe di calore geotermiche, che sfruttano l energia rinnovabile fornita dal terreno per riscaldare o raffrescare i locali, scelta per la quale il Comune si è aggiudicato il bando di Regione Lombardia che finanzia l 80% del costo delle opere con un contributo pari a oltre 234 mila euro, il massimo previsto, su un totale di circa 299 mila euro. La pompa di calore geotermica sfrutta un bacino termico (terreno o acqua) che si trova a una temperatura costante (12 C circa) durante tutto l anno (tempera tura maggiore di quelle dell aria in inverno e più fresca in estate). In particolare, la pompa di calore terra-acqua utilizza l energia immagazzinata in forma di calore sotto la crosta terrestre che, attraverso le sonde poste a circa cento metri di profondità, viene trasmessa all impianto (pompa di calore) che la diffonde all ambiente attraverso i terminali (fan-coil o radiatori). Essendo minima la differenza tra la temperatura esterna (il terreno rimane a una temperatura pressochè costante di C) e la temperatura interna (20-24 C), è evidente che le prestazioni di un sistema geotermico sono maggiori rispetto a quelle di un sistema ad aria. L intervento in corso di realizzazione al nido di via XXV Aprile prevede l installazione di 15 sonde geotermiche a una profondità di 100 metri circa che, attraverso tubazioni, si connetteranno a una pompa di calore posizionata nella centrale termica dell edificio a sua volta collegata ai fan coil e ai radiatori delle aule del nido. Questo consentirà di scollegare l attuale caldaia, e, di conseguenza, di azzerare i consumi di gas per il riscaldamento del nido, nonchè di annullare le emissioni di CO2 in atmosfera. I costi d esercizio di un impianto geotermico, infatti, sono inferiori fino al 60% rispetto a quelli di un impianto tradizionale. Secondo il rapporto EPA (Environmental Protection Agency), inoltre, gli impianti geotermici sono il sistema con il più basso valore di emissioni di CO2 fra tutte le tecnologie disponibili per la climatizzazione. La pompa di calore in funzione all asilo sarà alimentata a energia elettrica e, grazie al suo alto rendimento rispetto a una caldaia di tipo tradizionale, a consumi nettamente inferiori, permetterà una maggiore produzione di energia termica per il riscaldamento e l acqua calda sanitaria, permettendo anche di raffrescare l edificio nel periodo estivo. La resa della pompa di calore è rappresentata da un coefficiente chiamato COP, che nel caso dell intervento sul nido è pari a 5: questo significa che per ogni KWh di energia elettrica consumata, si producono 5 KWh di energia termica. L intervento permetterà di migliorare le prestazioni energetiche della struttura, che passerà dall attuale classe energetica F raggiunta grazie a un intervento sull involucro realizzato nel 2008, a una classe D. Porterà inoltre a un risparmio di energia termica almeno pari a 43 mila 0,20 KWh e a una riduzione di CO2 immessa nell ambiente almeno pari a 9,3 tonnellate l anno. E in fase di studio la realizzazione di un impianto fotovoltaico in grado di alimentare la nuova pompa di calore, azione che porterebbe a un ulteriore risparmio di 46 mila KWh e a un ulteriore riduzione di CO2 immessa in atmosfera di 9,8 tonnellate l anno.

14 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE Le azioni previste dalle linee programmatiche: 4.g Incentivare e promuovere l utilizzo delle fonti di energia rinnovabile a partire dal fotovoltaico e termico solare, estendendone l applicazione anche al maggior numero possibile di edifici pubblici.

15 Obiettivi: L obiettivo è quello di incrementare l utilizzo dell energia solare attraverso politiche di incentivazione e di sostegno economico agli interventi di applicazione delle fonti rinnovabili. Target: Cittadini e imprese sul territorio Centro di responsabilità: Sezione Ambiente ed Ecologia Risorse: serviranno per l erogazione dei contributi per l installazione di collettori solari termici e sistemi fotovoltaici previsti dal bando ; ,58 sono stati già erogati ai nove cittadini che ne hanno fatto richiesta con il bando

16 Cosa abbiamo fatto: In collaborazione con Infoenergia, l Amministrazione offre consulenza in materia di energia e di risparmio energetico ai cittadini e alle aziende attraverso uno sportello operativo il mercoledì nell area di via I Maggio. L Amministrazione, inoltre, per incentivare e promuovere l utilizzo delle fonti di energia rinnovabile e visto il successo delle precedenti edizioni, ha riproposto per gli anni 2011 e 2012 il bando che disciplina le procedure dirette alla concessione ed erogazione di un contributo a beneficio di soggetti privati proprietari di prima casa residenti sul territorio per l installazione di impianti solari termici e fotovoltaici. Il è il termine ultimo per presentare le domande che saranno vagliate dalla Commissione preposta.

17 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE Le azioni previste dalle linee programmatiche: 4.h Incrementare ulteriormente il patrimonio arboreo provvedendo inoltre alla puntuale manutenzione dell esistente e alla sostituzione delle essenze ammalate

18 Obiettivi: L obiettivo è quello di salvaguardare il patrimonio verde esistente e di incrementarlo per rendere la città più vivibile e più accogliente Target: Cittadini e city users Centro di responsabilità: Sezione Arredo Urbano e Verde Pubblico Risorse: oltre 740 mila euro, tra piantumazioni e impianti di irrigazione

19 Cosa abbiamo fatto: Tra maggio 2010 e luglio 2012 sono state messe a dimora sul territorio oltre 3800 essenze, tra piante e arbusti. Gli alberi malati o ammalorati sono stati sostituiti con nuove piantumazioni.

20 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE Le azioni previste dalle linee programmatiche: 4.i Promuovere la sperimentazione di metodi di contrasto ecologico per contenere la diffusione delle zanzare

21 Obiettivi: La tutela dell ambiente e della salute è un obiettivo perseguito attraverso un programma di interventi di disinfestazione e derattizzazione previsti da un appalto della durata di cinque anni che scadrà nel Target: Cittadini Centro di responsabilità: Sezione Ambiente ed Ecologia Risorse: sono stati utilizzati per gli interventi previsti nell appalto dei servizi di disinfestazione e derattizzazione per il periodo compreso tra l 1/4/2010 e il 31/3/2015.

22 Cosa abbiamo fatto: Il servizio di disinfestazione, attuato secondo le modalità e i tempi stabiliti dal contratto, prevede interventi negli edifici pubblici e nelle aree a verde pubblico e azioni supplementari a richiesta per ogni manifestazione organizzata dall Amministrazione. Per il 2012 sono in programma: 10 interventi larvicidi tra marzo e settembre su fossi, canali, ristagni d'acqua, fontanili, zone di sollevamento d'acqua e strutture relative alle fognature presenti sul territorio di Segrate e sui 4000 tombini stradali; 10 interventi adulticidi tra maggio e ottobre nelle aree verdi di proprietà comunale; 60 interventi adulticidi a richiesta che saranno effettuati prima di ogni manifestazione organizzata dall Ente; interventi adulticidi a richiesta che saranno effettuati all interno degli edifici comunali. Al fine di contrastare in modo pienamente efficace la proliferazione delle zanzare, l Amministrazione invita la cittadinanza ad adottare una serie di misure indicate ogni anno in un apposita ordinanza sindacale.

23 4. SEGRATE ATTENTA ALL AMBIENTE Le azioni previste dalle linee programmatiche: 4.l Istituire azioni volte a sensibilizzare i cittadini al rispetto dell ambiente e alla pulizia di strade, parchi e giardini attraverso iniziative quali, per esempio, Puliamo Segrate

24 Obiettivi: Coinvolgere, educare e stimolare sin da piccoli al rispetto per l ambiente, un modus vivendi fatto di gesti semplici, ma fondamentali per salvaguardare il territorio Target: Cittadini, in particolare giovani e studenti Centro di responsabilità: Sezione Ambiente ed Ecologia Risorse: Per Puliamo il Mondo ,00; per Puliamo il Mondo ,00

25 Cosa abbiamo fatto: Nel 2010 "Puliamo il Mondo", manifestazione svoltasi in data 24 settembre 2010 presso il Centroparco, ha coinvolto 184 ragazzi delle scuole secondarie di I grado, delle scuole Schweitzer e Sabin (succursale di Redecesio). La programmazione prevedeva lo svolgimento di attività di raccolta rifiuti, attraverso un percorso animativo caraterizzato da giochi e quiz sulle tematiche dei rifiuti, organizzato da un'associazione ambientalista incaricata dal Comune. E' seguita una dimostrazione da parte del personale Amsa sull'esecuzione dei servizi di igiene ambientale, mediante l'uso dei mezzi adibiti alla pulizia meccanizzata e alla raccolta dei rifiuti. Nel 2011 "Puliamo il Mondo", manifestazione svoltasi in data 23 settembre 2011 presso il Centroparco, ha coinvolto 130 ragazzi della scuola secondaria di I grado, della scuola Schweitzer. La programmazione prevedeva lo svolgimento di attività di raccolta rifiuti, attraverso un percorso di caccia al tesoro, atto a coinvolgere e stimolare gli alunni rispetto al problema dei rifiuti attraverso giochi, indovinelli e piccole prove di abilità, organizzato da un'associazione ambientalista incaricata dal Comune. E' seguita una dimostrazione da parte del personale Amsa sull'esecuzione dei servizi di igiene ambientale, mediante l'uso dei mezzi adibiti alla pulizia meccanizzata e alla raccolta dei rifiuti. Per quanto riguarda il 2012, l'assessorato all'ambiente sta valutando la fattibilità della manifestazione, eventualmente diretta anche a scolaresche di altra fascia di età.

26 Le opere che restano da realizzare entro il 2015: 1. Realizzare altre Case dell Acqua sulla positiva esperienza di quella di Piazza 9 Novembre Nel periodo da aprile 2010 a maggio 2012 la Casa dell Acqua di Segrate ha erogato poco più di un milione di litri d acqua ( ), con un risparmio di quasi 800mila bottiglie di plastica I servizi che restano da attuare entro il 2015: 2. Avviare la rete di teleriscaldamento e cogenerazione da estendere progressivamente in tutta la città (già oggi la copertura è pari al 25%) Le azioni che restano da attuare entro il 2015: 2. Mettere a disposizione della cittadinanza, mediante apposita convenzione, il laghetto di Redecesio e le sue strutture sportive da integrare con quelle appena realizzate del Centro Sportivo Don Giussani 6. Attivare, d intesa con altri Comuni della Martesana, politiche di tutela e difesa del bene acqua inteso come bene pubblico, nel rispetto della normativa nazionale e regionale

27 Percentuale di raggiungimento degli obiettivi:

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile. Bassano del Grappa, 29 aprile 2014

Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile. Bassano del Grappa, 29 aprile 2014 Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile Bassano del Grappa, 29 aprile 2014 Dalla buona gestione del territorio, una più alta qualità della vita per tutti Il contesto territorio in

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Convegno Risparmio Energetico e Uso di Fonti Rinnovabili in Edilizia Parma, 2 febbraio 2006 INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Sara Moretti IL TELERISCALDAMENTO: COS E Per teleriscaldamento

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020 Impiantistica in case ad energia quasi zero Architetto Stefano Belcapo Consulente esperto Agenzia Casaclima PREMESSE L approccio progettuale integrato al sistema edificio-impianto Potenza ed energia Temperatura

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

LE STRATEGIE D INTERVENTO. Michele Vio presidente AiCARR

LE STRATEGIE D INTERVENTO. Michele Vio presidente AiCARR LE STRATEGIE D INTERVENTO L utilizzo delle fonti rinnovabili è OBBLIGATORIO per tutti gli edifici ad USO PUBBLICO qualora non vi siano impedimenti di natura tecnica o economica. Il calcolo economico deve

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

NORDOVEST. energie rinnovabili ONTI ENERGETICHE

NORDOVEST. energie rinnovabili ONTI ENERGETICHE NORDOVEST energie rinnovabili NORDOVEST ONTI ENERGETICHE Chi Siamo: Nord Ovest sul territorio. Nord Ovest Energie Rinnovabili è impegnata sul territorio nella realizzazione di impianti civili ed industriali.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 12/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 12/E QUESITO RISOLUZIONE N. 12/E Roma, 7 febbraio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Richiesta di consulenza giuridica detrazione d imposta del 55% per l installazione di sistemi termodinamici a concentrazione

Dettagli

Il Ruolo degli Enti Locali nello sviluppo delle Energie Rinnovabili, del Risparmio Energetico e della Mobilità sostenibile

Il Ruolo degli Enti Locali nello sviluppo delle Energie Rinnovabili, del Risparmio Energetico e della Mobilità sostenibile Il Ruolo degli Enti Locali nello sviluppo delle Energie Rinnovabili, del Risparmio Energetico e della Mobilità sostenibile Roma, Mercoledì 4 febbraio 2009 Sala Conferenze dell ANCI - Via dei Prefetti 46,

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Produzione di calore ad alto rendimento

Produzione di calore ad alto rendimento Produzione di calore ad alto rendimento Negli edifici di nuova costruzione e in quelli in cui è prevista la completa sostituzione dell'impianto di riscaldamento o del solo generatore di calore, è obbligatorio

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini Lab. di Ecologia del Paesaggio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Monte San Pietro, 8 giugno 2011 LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Incontro di sensibilizzazione dello Sportello Risparmio Energetico Monte San Pietro, 8 giugno 2011

Dettagli

Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA

Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA Riello nuove energie per il clima TUTTE LE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. La tecnologia per

Dettagli

Energie nuove per l Italia

Energie nuove per l Italia con le amministrazioni locali per ridurre sprechi e bollette Fare Verde è impegnata da alcuni anni nella promozione di tecnologie e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici e la diffusione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia verso una progettazione in classe A Trasporto su strada EUROPA Entro 2020 Caldaie (funzione solo riscaldamento) Acqua calda

Dettagli

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico;

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico; BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA I l 22 dicembr e 2006, il Consiglio dei minist ri ha approvat o in via definit iva un decreto legislat ivo che spinge l industria it aliana delle costr uzioni verso

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Il consumo energetico degli edifici Gli edifici, nella loro costruzione e utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

Gli impianti geotermici

Gli impianti geotermici Gli impianti geotermici Valutazioni generali Nell ambito della provincia di Verona, qualunque sia il contesto geologico in cui realizzare l impianto geotermico, il criterio generale prevede di utilizzare

Dettagli

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Fonte: Comune di Nova Ponente Abitanti: 3.923 (2011) Superficie / di cui insediativa: 112 km² / 19 km 2 Altitudine: 1357

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario. Enrico Cerrai. Milano, 27 maggio 2009

Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario. Enrico Cerrai. Milano, 27 maggio 2009 Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario Costruire città sostenibili Enrico Cerrai Università degli Studi Facoltà di Scienze Politiche Milano, 27 maggio 2009 Da A Un Ecopiano per Milano

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE!

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! perché il fotovoltaico sul mio tetto? 50% detrazione irpef Le soluzioni Enerpoint IMPIANTO FOTOVOLTAICO CHIAVI IN MANO 1 OPZIONE

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. L attestato che misura i consumi della casa...e non solo.

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. L attestato che misura i consumi della casa...e non solo. LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI L attestato che misura i consumi della casa...e non solo. Quali sono gli obiettivi che si pone la certificazione energetica? Il primo obiettivo è quello di sensibilizzare

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

CENTRALI FRIGORIFERE

CENTRALI FRIGORIFERE CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Caesar s Hotel- via Darwin 2/4 Cagliari 8 maggio 2014 - CAGLIARI Delibera AEEG del 19 dicembre 2013 n.607/2013/r/eel: La nuova tariffa elettrica

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI Come tutelare l ambiente ed accrescere lo sviluppo sostenibile attraverso i nostri comportamenti quotidiani Il manuale che state per leggere intende promuovere

Dettagli

Un escursione per scoprire come raggiungere una maggiore sostenibilità energetica

Un escursione per scoprire come raggiungere una maggiore sostenibilità energetica alto adige energia da esplorare Un escursione per scoprire come raggiungere una maggiore sostenibilità energetica INVITO OMAGGIO ESCURSIONE ENERTOUR Iniziativa sostenuta dal Ministero dell Ambiente nell

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE Gorle, 15 maggio 2013 IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI RELATORE: Gianluigi Piccinini Presidente Ressolar s.r.l. Alessio Ronchi Marco Vitali SOCIETA : Ressolar srl s.r.l. PRINCIPALI ATTIVITÀDIRESSOLAR

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Ecomondo Fiera di Rimini 5 novembre 2014

Dettagli

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo.

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. Maggiore efficienza energetica sistema radiante = maggiore comfort, minori consumi Lo scopo di tutti

Dettagli

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A. Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI PROVINCIA DI VENEZIA SERVIZIO GEOLOGICO E TUTELA DEL TERRITORIO, GEOTERMIA AUDITORIUM PROVINCIA DI VENEZIA Convegno: Energie rinnovabili per la climatizzazione L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano RISORSAMBIENTE Green Globe Banking Conference Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano La Banca delle Comunità Locali Costituita nel 1893, quale banca locale, la Cassa Rurale di Treviglio

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

SWP. Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere

SWP. Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere SWP Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere Scaldacqua a pompa di calore SWP AERMEC tutta l acqua calda che vuoi, ad altissima efficienza

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA Pianezza, 7 maggio 2009 Andrea Camarlinghi, Corintea soc. coop. Sommario

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso È stato finalmente pubblicato il decreto che contiene le istruzioni definitive e complete relative

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI L ENERGIA SOLARE UN OPPORTUNITA PER TUTTI IMPIANTI SOLARI TERMICI lunedì 29 marzo 2010 Per. Ind. Luca Tommasoni 1 CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ACS L energia necessaria per la preparazione di acqua calda nelle

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012 Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro Roma 2012 La situazione del patrimonio edilizio pubblico e privato costituisce uno degli aspetti in cui si misura la distanza che spesso

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008 Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene Roma, Progetto Città Mia: un impegno comune per l ambiente Il progetto La comunicazione I risultati 2 Progetto Città Mia: il modello La Banca Popolare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Pistoia 11-13 13 Settembre 2008 INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Ing.Patrizio Pastacaldi PERCHE LE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE? - Aspetti ambientali: - Aspetti economici: - l energia geotermica

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE Si stima che il 30% dei consumi di energia fossile sia utilizzato, nei Paesi Sviluppati, per la Climatizzazione estiva ed il Riscaldamento

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

energie straordinarie

energie straordinarie energie straordinarie ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE 3_8 GREEN ENERGY 9_13 PERCHé SCEGLIERE Gelsia 14 ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGIA ENERGY ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGY GAS NATURALE

Dettagli

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Seminario Strumenti finanziari ed incentivi a supporto del risparmio energetico Incentivi statali la Finanziaria 2007 La Finanziaria 2007 ha introdotto

Dettagli

ENERGIA GEOTERMICA. GeoLogic S.r.l.

ENERGIA GEOTERMICA. GeoLogic S.r.l. ENERGIA GEOTERMICA L energia geotermica è l energia generata per mezzo di fonti geologiche di calore. Energia Geotermica ad alta entalpia E' quella che riscontriamo in corrispondenza di anomalie geologiche

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE

RASSEGNA STAMPA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE RASSEGNA STAMPA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE 2011 A cura di Pragmatika Srl Energia 24 - N.38 - Settembre 2011 (tiratura:20000) La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla

Dettagli

MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO

MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO 1 Presentazione dei risultati raggiunti da MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO nell ambito del progetto FACCIAMO ENERGIA Progetto promosso e realizzato insieme a GUARDIACIVICA e ARCOCONSUMATORI Realizzato nell'ambito

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli