**** RELAZIONE SULLA GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "**** RELAZIONE SULLA GESTIONE"

Transcript

1 EUROCONS S.R.L. SOCIETA PER LA CONSULENZA AZIENDALE A SOCIO UNICO Sede in Torino - Via Perugia, 56 Ufficio del Registro delle Imprese di Torino n Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento ai sensi dell art. 2497, Cod. Civ. da parte di EUROGROUP S.c. a r.l. **** RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Soci, secondo il recente bollettino economico della Banca d Italia l attività economica ha accelerato negli Stati Uniti, ma le prospettive a breve e a medio termine per l economia mondiale restano incerte, a causa della debolezza nell area euro e in Giappone, del rallentamento in Cina e della frenata dell economia Russa. Per quanto riguarda i dati del nostro paese, negli ultimi trimestri i consumi hanno ripreso a crescere, seppur in misura contenuta, ma permane la flessione degli investimenti, frenati dagli ampi margini di capacità inutilizzata, dall elevata incertezza sulle prospettive della domanda e dalle difficoltà dell edilizia. Nei mesi estivi del 2014 il numero di occupati era aumentato, ma la ripresa dell occupazione tuttavia è fragile, perché le aspettative delle imprese circa l evoluzione della domanda di lavoro nei primi mesi del 2015 continuano a essere negative. Secondo le indicazioni della Banca d Italia le condizioni di offerta di credito alle imprese sono migliorate, ma restano difficili per quelle di minore dimensione e la dinamica dei finanziamenti rimane ancora frenata per la persistente debolezza degli investimenti e per l alto rischio che alcune categorie imprenditoriali presentano nei confronti degli istituti di credito. Le proiezioni della Banca d Italia prefigurano per l economia italiana una crescita modesta per il 2015 e più sostenuta il prossimo, attorno allo 0,4 per cento e all 1,2 per cento, rispettivamente. Ma l istituto centrale sottolinea l ampia incertezza relativamente a questi valori, perché molto dipenderà dalla spesa per gli investimenti delle imprese che potrebbe crescere in funzione di un miglioramento delle prospettive di domanda e delle condizioni finanziarie, nonostante l elevato grado di capacità produttiva inutilizzata. Sul fronte imprenditoriale, secondo i dati ufficiali sulla nati-mortalità risultanti dal Registro Imprese, diffusi da Unioncamere a inizio di febbraio, il sistema delle imprese sembra tornare alla crescita, registrando a fine 2014 un saldo positivo tra aperture e chiusure corrispondente ad un tasso di crescita dello 0,51% con un numero delle imprese registrate pari a circa 30 mila unità in più rispetto al Il dato, a detta di Unioncamere, è il migliore dal 2010, segna la frenata all emorragia di imprese registrata in tutti questi anni e segnala una probabile inversione di tendenza nelle attese degli imprenditori, che intravvedono la possibilità di un effettivo rilancio delle attività nel corso del *** In questo contesto è di interesse approfondire le dinamiche relative al mercato della consulenza alle imprese sul territorio italiano. Dal 2008, anno di riferimento del Quinto Rapporto sulle attività di consulenza di Assoconsult 1, il mercato continua a vivere una situazione di contrazione (-0,3%) con una 1 Assoconsult, Associazione Federativa Imprese di Consulenza, Il Management Consulting in Italia: Quinto Rapporto , Università di Roma Tor Vergata. 1

2 composizione competitiva altamente frammentata ( imprese sul territorio) ed un fatturato complessivo che si aggira intorno ai 3,1 miliardi di euro su base annua. La polarizzazione è elevata, 35 imprese generano il 47% del fatturato. All interno d questa composizione però si assiste ad una reazione ben distinta tra medio grandi imprese di consulenza che crescono del 2,8% e piccole che perdono oltre l 8% di fatturato, dati che continuano a spingere verso operazioni di aggregazione e fusione. L occupazione si mantiene in crescita (+3,3%) mentre diminuisce il fatturato pro capite (-3,5%) trainato dal calo del pricing medio giornata (-4,7%). All interno delle aree di specializzazione crescono Marketing, Formazione, IT ed Operations mentre registrano dati in contrazione l area HR e Change Management, Strategia e l area Finance. Oltre il 50% delle attività sono prestate ai settori servizi, il 40% al manifatturiero ed il 10% alla PA in costante contrazione dal Da registrare una forte contrazione del fatturato estero (-12,6%) che attesta il volume di internazionalizzazione delle società di consulenza al di sotto del 10% su base nazionale trainato in negativo dalle piccole e piccolissime realtà. *** Dopo l analisi generale è opportuno scendere nel dettaglio operativo della Società che ha risentito del contesto economico e dell'incertezza che ha caratterizzato tutto l'anno In primo luogo è opportuno evidenziare che nel 2014 si è concretizzato il conferimento delle aree di business deliberato il 21/11/2013 dal Consiglio di Amministrazione Eurogroup Scarl e perfezionato con decorrenza 31/12/2013, che ha conferito in Eurocons Srl il ramo d azienda relativo all attività di fornitura di servizi diretti a promuovere lo sviluppo e la razionalizzazione della gestione delle imprese; per effetto di tale conferimento il capitale di Eurocons Srl è aumentato a , detenuto al 100% da Eurogroup Scarl. Per le sopra esposte motivazioni il bilancio al 31/12/2014 vede una situazione patrimoniale che recepisce già gli effetti del conferimento, mentre il c/economico registra l intera attività svolta nel corso del L analisi dei ricavi complessivi è la seguente: - Finanza agevolata ,44 - Consulenza Qualità ,93 - Prodotti Intermediati ,13 - Consulenza direzionale ,35 - Consulenza energia ,29 - Network PASS ,18 - Consulenza gestionale ,13 Per un totale pari a 17,8 milioni. La crisi economica, che ha caratterizzato anche il 2014, ha determinato ripercussioni negative sul conto economico di Eurocons: i ricavi relativi alle aree di business hanno subito dinamiche differenti a seconda delle differenti possibilità di penetrazione del mercato, comunque il fatturato complessivo paragonato alle attività oggetto di conferimento è in riduzione del 7% rispetto al dato 2013 della conferente Eurogroup Scarl. A conferma che il mondo delle PMI riconosce in Eurocons un valido e concreto strumento per assisterle anche in momenti difficili comunque sono in crescita la Finanza Agevolata (+2%) e la Consulenza Direzionale e Strategica (+ 29%) mentre registra le peggiori condizioni di mercato (-56%) la Consulenza Energia, sofferente per l ormai definitiva eliminazione degli incentivi alle fonti rinnovabili. 2

3 Da quanto esposto il Consiglio di Amministrazione ritiene ci siano i presupposti per la continuità aziendale. Esaminiamo in dettaglio l'attività delle sei "aree prodotto". Network Pass: Il servizio Network Pass genera un fatturato di mila Euro, con un decremento del 4% rispetto all analogo dato del Un elemento fondamentale del 2014 per la ripresa della crescita dei ricavi di quest area è rappresentato dalla sua clusterizzazione e trasformazione contenutistica, che, attraverso una serie di interventi di innovazione di prodotto e canale, potrà generare nuove opportunità di business. Finanza Agevolata: Rappresenta l area storica di interesse della società. Nel 2014 il fatturato è stato pari a mila Euro con un incremento del 2,05% rispetto al L attività di tale settore è fortemente influenzata dall attivazione da parte dei vari soggetti pubblici di bandi o misure agevolative nei confronti delle imprese. Valore aggiunto del servizio è il monitoraggio di tutto il panorama agevolativo nazionale e comunitario aggiornato in tempo reale. Nel 2014 sono partite le programmazioni comunitarie che vedranno i primi risultati nell esercizio Anche nel 2014 la divisione si è confermata ai vertici nazionali nella presentazione delle domande di agevolazione ai sensi del bando Inail per il miglioramento delle condizioni di lavoro con oltre 500 domande presentate ed una percentuale di successo superiore al 50% contro una media nazionale inferiore al 20%. Consulenza Qualità: Si tratta dell attività di consulenza ed assistenza finalizzata all ottenimento di certificazioni di prodotto e processo da parte delle imprese socie. Il fatturato è pari a mila Euro con un decremento del 18% rispetto al Si registra in particolare un periodo di stagnazione sulle certificazioni di sistema in attesa delle nuove linee guida ISO attese per il Mantiene invece la propria posizione l area dedicata al tema di sicurezza sul lavoro. Consulenza Gestionale: E il servizio di Consulenza personalizzato relativo alla pianificazione e gestione d impresa; Eurocons è in grado di fornire alle imprese supporto nell analisi economico-finanziaria, nella redazione di business plan e in diversi altri ambiti relativi al tema pianificazione e controllo. Ha registrato un fatturato complessivo di mila Euro con una contrazione del 9%. Consulenza Direzionale e Strategica: E il servizio di consulenza legato ai temi di finanza straordinaria sia dedicati alla crescita aziendale (valutazione d azienda, M&A, ecc.) che alle situazioni di crisi (ristrutturazione del debito, cost reduction ecc.). Nel corso del 2014 il servizio ha registrato un fatturato complessivo di mila Euro con un incremento del 29% rispetto al Energia: Si tratta dell attività di consulenza rivolta alla valutazione di progetti di investimento in impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili piuttosto che di progetti dedicati al risparmio energetico. Condizionata dalle continue modifiche dell assetto normativo di riferimento, la divisione si è concentrata nel 2014 nello sviluppo delle tematiche di energy saving registrando però una forte contrazione in termini di valore assoluto a causa della minore dimensione di queste attività rispetto a quelle legate alle fonti rinnovabili; il fatturato complessivo di 545 mila Euro è in decremento del 54% rispetto al A seguito degli avvenimenti descritti, il bilancio di esercizio evidenzia che: - le immobilizzazioni tecniche immateriali ammontano ad Euro ; - le immobilizzazioni finanziarie sono pari ad Euro , a seguito di svalutazioni imputate in chiusura dell esercizio per Euro ; - i crediti ammontano ad Euro ; - i debiti sono pari ad Euro ; 3

4 - il valore della produzione ammonta ad Euro ; - i costi della produzione sono pari ad Euro ; - il saldo positivo della gestione finanziaria è pari ad Euro 6.697; - non sono presenti componenti economiche straordinarie; - la fiscalità - corrente, anticipata e differita - complessivamente a carico dell esercizio ammonta ad Euro Il Valore aggiunto nell esercizio 2014 è stato pari a Euro Il Margine operativo lordo nell esercizio 2014 ammonta ad Euro Il Risultato operativo nell esercizio 2014 è stato pari a Euro Oltre ai sopraccitati indici riteniamo opportuno sottolineare gli elementi caratterizzanti delle nostre risorse umane. Il personale complessivo al 31/12/14 è di 159 risorse di cui 79 uomini e 80 donne. L età media è di 39 anni, il 76 % è laureato. Nel corso dell anno sono state inserite n. 2 nuove risorse, mentre è cessato il rapporto di 17 persone. Il costo, solo relativo a servizi esterni, per la formazione e la crescita professionale, è stato di Euro 8093,00 pari all 0,10% del costo complessivo del personale. Inoltre sottolineiamo che Eurocons S.r.l. è da considerarsi parte correlata a: Eurofidi S. C. a R. L.; Eurogroup S. C. a R. L. (società controllante); Euroenergy S.p.A., ed Energy Green 1 S.r.l. (società sottoposte a controllo diretto o indiretto da parte della controllante Eurogroup S. C. a R. L.); ACF S.p.A. ed IBS Consulting S.r.l. (società collegate). e che i rapporti economico-patrimoniali sono i seguenti: Eurofidi S.C. a R. L. Crediti ,00 Debiti ,92 Costi ,92 Ricavi ,00 Euroenergy S.p.A. Crediti ,86 Ricavi ,00 Energy Green 1 S.r.l. Crediti 2.012,40 Ricavi 3.915,00 Eurogroup S. C. a R. L. Crediti ,31 Debiti ,98 Costi ,32 I rapporti economico-patrimoniali intercorsi con la società partecipata IBS S.r.l. sono i seguenti: Crediti ,21 Debiti ,79 4

5 Costi ,79 Ricavi ,47 I rapporti economico-patrimoniali intercorsi con la società partecipata ACF S.p.A. sono i seguenti: Crediti ,07 Debiti ,61 Costi ,87 Ricavi ,86 Ai sensi del Decreto Legge semplificazioni del 3 febbraio 2012 art. 45 comma D la Società non è tenuta alla redazione del Documento Programmatico della Sicurezza. In riferimento a quanto specificatamente richiesto dall art c.c., comma 2, segnaliamo: ELENCO SEDI SECONDARIE PESCARA - Viale Vittoria Colonna, Pescara BOLOGNA - Via Piero Gobetti, Bologna FORLÌ - Via Costanzo II, Forlì ROMA - Viale del Poggio Fiorito, Roma GENOVA - Via Bombrini, Genova BERGAMO - Via Fiume Po, Stezzano (BG) BRESCIA - Via Flero, Brescia GALLARATE - Piazza Francesco Buffoni, Gallarate (VA) MILANO NORD - Via Stephenson, Milano MILANO SUD - Viale Milanofiori, Strada Uno - Palazzo F Assago (MI) ANCONA - Via I Maggio, Ancona PESARO - Largo Ascoli Piceno, Pesaro ASTI - Corso Don Minzoni, Asti BIELLA - Via Torino, Biella BORGOMANERO - Viale Kennedy, Borgomanero (NO) CUNEO - Corso Nizza, Cuneo TORINO MIRAFIORI Strada del Drosso, Torino FIRENZE - Via Volturno, 10/ Località Osmannoro - Sesto Fiorentino (FI) PISA - Via Sterpulino, 1/G, località Ospedaletto Pisa PERUGIA - Via Pievaiola, 207/B-2-Bis Località San Sisto Perugia (PG) ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO Nel corso dell esercizio 2014 sono state effettuate attività di ricerca e sviluppo legate a 2 principali progetti: - Nuove misure di agevolazione per le imprese - Nuovo prodotto PASS Tali progetti hanno dato luogo a capitalizzazione dei costi del personale coinvolto per complessivi come ampiamente descritto in Nota Integrativa. RAPPORTI CON IMPRESE CONTROLLATE, COLLEGATE, CONTROLLANTI Si precisa che la società detiene partecipazioni, così come riportato in Nota Integrativa, nelle seguenti società, per la cui valorizzazione dei rapporti economico-patrimoniali si rimanda alla sezione parti correlate della presente relazione: ACF S.p.A., quota detenuta 35%, con la quale si sviluppano i servizi di Consulenza Gestionale e Direzionale sul territorio lombardo acquisendo la capacità produttiva necessaria per realizzare il venduto e presso cui sono distaccate 3 risorse. 5

6 IBS Consulting S.r.l., quota detenuta 30%, con la quale si sviluppano i servizi di Finanza Agevolata sul territorio lombardo acquisendo la capacità produttiva necessaria per realizzare il venduto e presso cui sono distaccate 2 risorse. La società è controllata al 100% dalla società: Eurogroup S. C. a R. L., la quale fornisce attraverso contratto di outsourcing i servizi di Affari generali e Societario, Amministrazione Finanza e Controllo, Amministrazione del Personale, IT, Logistica, Telefonia e Dati, Pubbliche Relazioni e Comunicazione. La società è collegata alle seguenti società sottoposte a controllo diretto o indiretto da parte della controllante Eurogroup S. C. a R. L.: Euroenergy S.p.A., alla quale fornisce attività di consulenza per la redazione dei piani economicofinanziari sugli investimenti da essa realizzati. Energy Green 1 S.r.l., che non ha rapporti diretti con la Società. AZIONI PROPRIE E DI SOCIETA CONTROLLANTI La società non detiene azioni proprie né direttamente né per tramite di società fiduciarie o interposta persona e non è soggetta al vincolo di controllo da parte di alcuna società o gruppo societario. La Società inoltre, non ha, nel corso dell esercizio, né acquisito né alienato azioni proprie direttamente o per tramite società fiduciaria o per interposta persona. USO DI STRUMENTI FINANZIARI RILEVANTI PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA E DEL RISULTATO ECONOMICO DELL ESERCIZIO La società e le sue partecipate non utilizzano strumenti finanziari. PROSPETTI E TABELLE ALLEGATI ALLA RELAZIONE SULLA GESTIONE Al fine di evidenziare in modo organico e strutturato le più significative variazioni di bilancio, nonché le loro ragioni e proiezioni sull andamento gestionale, anche grazie all ausilio di opportuni indici ed indicatori, in calce alla presente relazione sono riportati: lo stato patrimoniale riclassificato secondo criteri finanziari (tavola A); il conto economico riclassificato con evidenza di significativi risultati intermedi (tavola B); il rendiconto finanziario evidenziante i flussi finanziari generati dalla gestione reddituale, dall attività di investimento e dall attività di finanziamento, redatto secondo il "metodo indiretto" in ottemperanza al principio contabile OIC 10, in vigore per i bilanci chiusi a partire dal 31 dicembre 2014 (tavola C); una sintesi dei principali indici patrimoniali ed economici (tavola D). Si segnala che, come indicato nella nota integrativa, in ossequio al principio della chiarezza nonché al fine di consentire una informativa in continuità con gli schemi e le modalità di rappresentazione adottate nei documenti di bilancio della Società conferente, relativi ai precedenti esercizi si è ritenuto opportuno allegare alla relazione sulla gestione alcune ulteriori tabelle esplicative delle variazioni e della composizione di talune voci di bilancio. Il contenuto delle stesse non forma oggetto di specifico commento nella presente relazione, ma è richiamato nel testo della nota integrativa in sede di commento delle singole voci di bilancio. In particolare risultano allegate le seguenti tabelle: Tabella n.1: movimenti delle immobilizzazioni immateriali; Tabella n. 2: elenco delle partecipazioni in imprese collegate; Tabella n. 3: variazione della consistenza della voce crediti; Tabella n. 4: rilevazione delle imposte differite e anticipate ed effetti conseguenti; Tabella n. 5: variazione della consistenza del patrimonio netto; Tabella n. 6: origine, disponibilità e distribuibilità delle voci di patrimonio netto; Tabella n. 7: conferimento di ramo di azienda da Eurogroup S.C. a R. L.: attività e passività ricevute. 6

7 FATTI DIRILIEVO DOPO LA CHIUSURA DELL ESERCIZIO Si evidenzia, inoltre, che dopo la chiusura dell esercizio è stato lanciato il Nuovo Pass, progetto di fidelizzazione delle imprese clienti che dovrebbe migliorare sensibilmente la capacità di incasso dei crediti. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Il 2015 sarà certamente un anno di assestamento e sarà influenzato sia dall'andamento economico generale, sia dai risultati delle nuove attività di sviluppo con particolare riferimento al Pass ed ai nuovi servizi introdotti nella Finanza Agevolata e nella Consulenza Gestionale. Il conto economico previsionale 2015 chiude con un fatturato complessivo di 21 milioni dovuto alla sostanziale conferma di tutte le linee di business e al lancio di nuovi servizi ed un avanzo di gestione ante imposte di 0,3 milioni. GESTIONE DEL RISCHIO FINANZIARIO: La crescita del volume di crediti da incassare, dovuta alla maggiore difficoltà delle imprese clienti a soddisfare il pagamento dei servizi ricevuti ed alla crisi generale, ha riflessi significativi sulla gestione finanziaria della società, tuttavia l attività ha sempre generato liquidità dimostrando la sostenibilità del business anche in assenza di affidamenti bancari. Nel caso in cui si rendesse opportuna comunque l eventualità di una maggiore copertura dell attivo, sarà valutato il ricorso all indebitamento a breve sul sistema. RISCHIO DI MERCATO La crisi che ha investito tutta l economia mondiale e in particolare, per quanto ci riguarda, il comparto della piccola e media impresa italiana, ha avuto conseguenze negative anche sullo sviluppo di Eurocons. Come sopra evidenziato il fatturato delle sei aree di business è decresciuto complessivamente del 8%. Evidenziamo però che la nostra struttura dei ricavi è sufficientemente stabile: il 45% è rappresentato dalle quote del servizio di assistenza continuativa "Pass" che hanno sottoscritto i nostri clienti e solo il 65% può risentire delle fasi cicliche dell economia. Inoltre sottolineiamo che anche in fase recessiva l attività di consulenza trova un adeguato spazio di mercato. RISCHIO DI CREDITO Il monitoraggio dei crediti è effettuato con esecuzione della procedura insoluti per l incasso dei crediti e la gestione dello scaduto mediante azioni di recupero, eventuali piani di rientro o passaggi delle posizioni alle società di recupero crediti. RISCHIO DI PREZZO Il posizionamento di mercato della società e dei suoi servizi è particolarmente competitivo; nonostante una riduzione media del prezzo/giornata del 20% circa, la società si posiziona ancora al di sotto del valore medio di mercato per cui non vi sono riflessi negativi attesi rispetto alla possibile continua flessione dei prezzi dei servizi di consulenza erogati. Signori Soci, *** A conclusione di questa relazione ci sia consentito di formulare dei ringraziamenti. In primo luogo a tutti i nostri collaboratori che pur in un momento difficile a causa della negativa contingenza economica hanno dimostrato impegno e professionalità nel rappresentare la Società promuovendo i nostri prodotti sui territori di competenza. In secondo luogo al Collegio Sindacale che ci ha supportati con esperienza e impegno. E poi permettetemi un ringraziamento ai colleghi del Consiglio di Amministrazione per il supporto e l impegno profuso. 7

8 Signori Soci, Nel chiudere, ringraziandovi per la fiducia accordataci, Vi invitiamo a voler deliberare il riporto a nuovo della perdita di esercizio pari a , corrispondenti ad ,60. Sottoponiamo alla Vs. approvazione la seguente proposta di D E L I B E R A Z I O N E L assemblea ordinaria dei soci, visti i risultati dell esercizio chiuso al , sentite la relazione sulla gestione del Consiglio di Amministrazione e la relazione del Collegio Sindacale D E L I B E R A di approvare la relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione e il bilancio chiuso al , in ogni sua parte e nel complesso nonché il riporto a nuovo della perdita di esercizio. Torino, 26 marzo 2015 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Massimo Nobili 8

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli