INVALSI English Language Test

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVALSI English Language Test"

Transcript

1 INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012

2 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati del progetto pilota per la lingua inglese condotto nelle classi terze della scuola secondaria di primo grado, tra la fine di maggio e gli inizi di giugno 2012, su un campione di scuole distribuite sul territorio nazionale. Il progetto è stato realizzato dall INVALSI con il supporto e la collaborazione di Cambridge ESOL. Gli obiettivi di seguito indicati definiscono la base del progetto: definizione del livello di conoscenza della lingua inglese della popolazione campione (ultimo anno della scuola secondaria inferiore) in relazione al Quadro comune Europeo di riferimento per le Lingue (CEFR); adeguatezza della tipologia di test proposto, in termini di contenuto, livello, struttura degli item, durata e somministrazione; produzione di un test finale da proporre per una somministrazione più ampia. Il test si focalizza sulla comprensione della lettura e l uso della lingua inglese (vocabolario, grammatica e funzioni della lingua). Il test, nel suo complesso, misura la capacità di comprensione della lettura del testo scritto, a livello di parola, frase, periodo e testo intero. Il test è composto da 45 item che coprono dal livello A1 al livello B1 del Quadro comune europeo, con una particolare attenzione al livello A1. Il tempo massimo per completare il test è stato stabilito in 45 minuti. Per limitare l ansia da esame gli item sono predisposti, dove possibile, in ordine crescente di difficoltà. 2

3 Guida alla lettura Alfa di Cronbach. L Alfa di Cronbach è un indice statistico utilizzato per misurare la precisione (affidabilità o reliability) di uno strumento di misura (test, questionario). In particolare l Alfa rileva la consistenza interna di uno strumento. L idea sottostante è che se gli item (domande, prove) di un test misurano lo stesso costrutto, allora questi dovranno essere coerenti fra loro, cioè dovranno esprimere un certo grado di covariazione o intercorrelazione. Maggiore è l intercorrelazione tra gli item, maggiore sarà il valore di Alfa. Oltre all intecorrelazione, Alfa è sensibile al numero di item: pochi item, anche se particolarmente correlati tra loro, daranno valori di Alfa non particolarmente elevati. I valori di Alfa variano da zero (nessuna coerenza interna) a 1 (coerenza perfetta). Nella pratica applicativa si usano i seguenti valori di riferimento per giudicare il grado di affidabilità di uno strumento: Alfa α 0,90 Consistenza interna Eccellente 0,80 α < 0,90 Buona 0,70 α < 0,80 Accettabile 0,60 α < 0,70 Discutibile 0,50 α < 0,60 Scarsa α < 0,50 Non accettabile Per poter esprimere un giudizio sulla coerenza interna di uno strumento, comunque, si deve tenere conto degli obiettivi, della struttura (unica scala o batteria) e del numero di item. Deviazione standard. La deviazione standard è un indice statistico della variabilità di una distribuzione. È una misura di dispersione e indica quanto i valori della distribuzione si discostano dalla media. Maggiore è la variabilità dei dati, maggiore è il valore della deviazione standard. Viene calcolata facendo la radice quadrata del rapporto tra il quadrato degli scarti dei valori dalla media e il numero di casi 3

4 Errore standard di misura. Corrisponde alla quota di errore presente nel punteggio in un test. Secondo la Teoria Classica dei Test non è possibile determinare il punteggio vero di un individuo in un test. Formalmente, il punteggio osservato (X o ) in un test è dato dalla somma del punteggio vero (X v ) con una quota di errore (X e ). Il concetto sottostante è che gli strumenti di misura contengono in sé una quota di imprecisione dovuta al fatto che gli item in un test costituiscono un campione possibile di tutti gli item che si potrebbero prendere, e che di solito la misurazione di un determinato comportamento (atteggiamento, processo cognitivo, ecc.) avviene su un campione di individui in un unica occasione. In sostanza, l errore standard di misura indica quanto è precisa la stima del punteggio del singolo individuo in un test. L errore standard di misura è ricavabile conoscendo la variabilità (deviazione standard) dei punteggi nel test e la sua affidabilità (cfr. Alfa di Cronbach). Una volta noto l errore standard è possibile ricavare un intervallo entro il quale si stima potrebbe cadere il punteggio vero del rispondente. Media aritmetica. È un indice statistico di tendenza centrale di una distribuzione. Riassume numericamente il baricentro della distribuzione dei valori. Per calcolarla si sommano tutti i valori e si divide il risultato per il loro numero. 4

5 Metodologia L INVALSI English Language test è una prova che dura 45 minuti, composta da 45 quesiti suddivisi in sette parti. Ogni quesito vale un punto. Gli studenti hanno utilizzato il foglio di risposta, consegnato a parte, dove hanno selezionato le risposte scelte. Tabella 1. Struttura dell INVALSI English Language Test. Descrizione dei compiti, livelli CEFR e numero di item Parte Tipo di compito e formato di risposta Obiettivo del compito Nr. di Items Livello CEFR del compito 1 Domanda a scelta multipla con Comprendere brevi annunci e segnali, originali o 5 Al di sotto di A1/ tre alternative di risposta su brevi adattati. Leggere per una comprensione generale. A1 messaggi. Mostrare conoscenza di un lessico di base. 2 Trovare la corrispondenza di Comprendere brevi definizioni che si trovano nel 5 A1 cinque definizioni tra otto dizionario di base. Mostrare la conoscenza di possibili termini dello stesso termini lessicali al fine di trovare la corrispondenza ambito lessicale. tra definizioni e lessico appropriato. 3 Completamento di brevi Linguaggio funzionale misurazione delle abilità 5 A1/A2 conversazioni scegliendo lo dello studente di comprendere espressioni familiari Schema verbale adatto. di uso quotidiano. Leggere e individuare la risposta adeguata. 4 Quesiti di cloze a scelta Utilizzo della grammatica nell ambito della 8 A2 multipla. lettura di un breve brano adattato. Forme verbali, pronomi, preposizioni e congiunzioni. Comprensione di relazioni strutturali a livello di frase, periodo e paragrafo. 5 Lettura di un brano con domande Lettura e comprensione di un testo e individuazione 7 A2 a scelta multipla. Brano di delle idee principali. I testi sono adattati per renderli parole. accessibili agli studenti. I testi possono includere un vocabolario non familiare a studenti al di sotto del livello CEFR B1. Questo testo richiede abilità di lettura avanzate, ma non interferisce con la capacità di risposta degli studenti. 6 Lettura di un brano con domande Lettura e comprensione di un testo che, oltre a fornire 5 A2/B1 a scelta multipla. Brano di informazioni fattuali, richiede di capire in maniera parole approfondita i contenuti e le riflessioni dell autore. 7 Quesiti di cloze a scelta multipla Comprensione del vocabolario e della grammatica 10 B1 con quattro opzioni di risposta. di un testo adattato. Valutazione delle competenze grammaticali e lessicali. Il testo può essere informativo o narrativo. Il testo include pronomi, verbi modali, connettivi e preposizioni. 5

6 Il Campione Gli studenti coinvolti nel pretest sono stati 1814, distribuiti su 87 classi. Le scuole (23) sono state estratte secondo un campione di giudizio con una copertura delle principali aree geografiche (Nord est, Nord ovest, Centro, Sud, Sud e Isole). La tabella 2 mostra i numeri e le percentuali di studenti partecipanti nella scuola; la tabella 3 mostra una sintesi delle informazioni demografiche che hanno fornito gli studenti rispetto ad alcune variabili; la tabella 4 mostra i numeri e le percentuali degli studenti partecipanti per genere, area geografica e totale; la tabella 5 mostra i numeri e le percentuali di studenti partecipanti per classe, area geografica e totale. Tabella 2. Numero e percentuale di studenti partecipanti Scuola N % Settembrini, Roma Area N % Centro Totale Tabella 3. Informazioni demografiche degli studenti partecipanti (sul campione totale di studenti coinvolti) N % Candidati che non sono nati in Italia Candidati che hanno studiato fuori dall Italia Candidati che hanno la madre nata all estero Candidati che hanno il padre nato all estero Tabella 4. Numero e percentuale di studenti partecipanti per genere 1 Scuola Genere Maschi Femmine Settembrini, Roma 52 45% 63 55% Area Centro % % Totale % % 1 I totali potrebbero non coincidere con il totale dei rispondenti a causa delle risposte mancanti alla domanda relativa al genere. 6

7 Tabella 5. Numero e percentuale di studenti partecipanti per classe Scuola Classe Totale N % Settembrini, Roma Area Centro Totale Somministrazione del test La prova è stata somministrata alla fine dell anno scolastico 2012, tra il 21 maggio e l 8 giugno. Le 23 scuole del campione hanno partecipato anche al pretest 2012 per le prove di Italiano e Matematica. Il test è stato somministrato dai docenti della scuola che hanno assicurato il rispetto delle procedure di svolgimento della prova. In alcune scuole (4) la prova si è svolta alla presenza di un osservatore esterno, della Cambridge Esol o dell INVALSI. Tabella 6. Statistiche riassuntive generali del test INVALSI English Language Test Numero di partecipanti 1814 Numero di items 45 Punteggio medio Deviazione standard 8.55 Alfa di Cronbach 0.89 Errore standard di misura 2.82 Tabella 7. Statistiche riassuntive del test per parte 2 Parte Punteggio medio Dev. Std. Parte 1 (5 items) Parte 2 (5 items) Parte 3 (5 items) Parte 4 (8 items) Parte 5 (7 items) Parte 6 (5 items) Parte 7 (10 items) Il valore del punteggio medio corrisponde alla media aritmetica, calcolata sul numero dei rispondenti. Il predetto punteggio medio è calcolato rispetto al numero delle domande di ciascuna parte della prova alla quale le domande stesse si riferiscono. 7

8 Tabella 8. Punteggi medi e deviazioni standard per classe Classe Scuola N Media Dev. Std Media Dev. Std Media Dev. Std Media Dev. Std Media Dev. Std Media Dev. Settembrini Area Centro Totale

9 Tabella 9. Punteggio medio e deviazione standard per genere Scuola Genere Maschi Femmine Media Dev. Std. Media Dev. Std. Settembrini, Roma Area Centro Totale La tabella 10 riporta la distribuzione degli studenti di tutte le scuole campione secondo i livelli CEFR. La maggior parte degli studenti (58%) hanno una preparazione uguale o superiore al livello A2 e il 42% uguale o inferiore al livello A1. La distribuzione è rappresentata a livello geografico Tabella 10. Distribuzione percentuale dei livelli CEFR 3 Sotto A1 A1 A2 B1 Nord 5% 30% 36% 29% Centro 7% 32% 32% 29% Sud 11% 45% 26% 18% Totale 7% 34% 32% 26% La tabella 11 fornisce la distribuzione degli studenti per scuola, classe e livello CEFR. In generale, gli studenti si distribuiscono sui quattro livelli CEFR testati. La maggior parte delle classi ha al suo interno studenti che raggiungono almeno tre livelli CEFR. Tabella 11. Distribuzione percentuale dei livelli CEFR per scuola e classe Scuola/Classe Sotto A1 A1 A2 B1 Settembrini, 1% 13% 34% 52% Roma Classe 01 0% 11% 22% 67% Classe 02 0% 22% 41% 37% Classe 03 0% 4% 29% 67% Classe 04 8% 0% 42% 58% Classe 05 8% 38% 38% 15% 3 I totali potrebbero non sommare a 100 a causa dell arrotondamento. 9

10 Conclusioni Nel complesso il test, in ogni sua parte, è risultato affidabile e attendibile. I quesiti relativi alla parte 7, tutti relativi a un grado di difficoltà di livello B1, hanno permesso di discriminare tra gli studenti che hanno raggiunto il livello A2 e quelli che sono invece arrivati al livello B1, rilevando che il 26% degli studenti raggiunge questo livello. Il restante 58% si distribuisce tra i seguenti livelli: 32% Livello A2 e 26% Livello B1. La distribuzione degli studenti sui livelli CEFR indica che il test dovrebbe mantenere questo livello di difficoltà. Ringraziamento alle scuole Il gruppo di lavoro dell INVALSI desidera esprimere il proprio ringraziamento ai dirigenti scolastici e ai docenti delle scuole partecipanti che, con grande senso di responsabilità e devozione per il proprio lavoro e, dunque, per i propri studenti, hanno permesso la realizzazione di questo progetto pilota per la lingua inglese. Il nostro auspicio è che, anche grazie a queste collaborazioni costruttive, possano emergere ulteriori future esperienze che avvicinino l INVALSI alle scuole in un ottica di reciproco supporto. 10

11 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Settembrini, Roma (21-01) Class 01 Class 02 Candidate CEFR level Candidate CEFR level Candidate CEFR level B B A B B A B B A B A A B A A A A A B B A B B Sotto A B B A B A B B B A B A A A B B A B B B A A B B A B B A B B A B B B B A A B A B B B A B A A A B A B A B B A B A A A A A A B A B A A B B A A B B A B B B B A B A A B A A A B B A A A B B1 Class 03 Class 04 Class 05 11

Presentazione delle prove ITALIANO. Alessia Mattei - Ricercatrice INVALSI 10 luglio 2014

Presentazione delle prove ITALIANO. Alessia Mattei - Ricercatrice INVALSI 10 luglio 2014 Presentazione delle prove ITALIANO Alessia Mattei - Ricercatrice INVALSI 10 luglio 2014 Cosa contiene il QdR Esplicita i punti di riferimento concettuali e i criteri operativi utilizzati nella costruzione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore.

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore. La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: un esperienza di prova d ingresso comune per il primo anno della secondaria superiore. XXX CONVEGNO UMI - CIIM BERGAMO 25-27 OTTOBRE 2012 Antonio

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

Un approfondimento sull Italia

Un approfondimento sull Italia Un approfondimento sull Italia Carlo Di Chiacchio - Sabrina Greco - Angela Romagnoli I GIOVANI E L EDUCAZIONE FINANZIARIA IL RAPPORTO OCSE PISA 2012 SULL ALFABETIZZAZIONE FINANZIARIA Mercoledì 9 luglio

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Esami di Stato primo ciclo

Esami di Stato primo ciclo Esami di Stato primo ciclo Il giudizio di idoneità, oltre a considerare i risultati ottenuti nelle singole discipline, terrà conto anche dei seguenti elementi: partecipazione alle attività didattiche;

Dettagli

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI PREMESSA I corsi per lo sviluppo di competenze in Lingua Inglese sono tutti orientati alla preparazione di esami Cambridge e

Dettagli

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per:

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per: Esami British Institutes Gli esami British Institutes si rivolgono a tutti coloro desiderino certificare le proprie competenze linguistiche: studenti della scuola pubblica e privata di ogni genere e grado,

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Rilevazione degli apprendimenti- Popolazione di riferimento I livelli scolari coinvolti : classi II e V della scuola

Dettagli

IL TEST DI ACCESSO AI CORSI DI STUDIO TRIENNALI DI PSICOLOGIA

IL TEST DI ACCESSO AI CORSI DI STUDIO TRIENNALI DI PSICOLOGIA AI CORSI DI STUDIO TRIENNALI DI PSICOLOGIA Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Psicologia 1 OUTLINE - Le prove del test - Il bando: localizzazione e contenuti - La difficoltà

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI LA STATISTICA NEI TEST INVALSI 1 Prova Nazionale 2011 Osserva il grafico seguente che rappresenta la distribuzione percentuale di famiglie per numero di componenti, in base al censimento 2001. Qual è la

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

Per aiutarli a scoprire le loro possibilità

Per aiutarli a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutarli a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità. Per preparare

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^ TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE NUCLEO FONDANTE: Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza una parte consistente del curricolo disciplinare e si sviluppa

Dettagli

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Milano, 7 Marzo 2006 Lorena Parretti Testo base per le lingue straniere del Consiglio d Europa Quadro Comune Europeo

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione Lingua Straniera Francese a.s. 2015/2016 I docenti di Lingue Straniere cureranno l insegnamento attraverso un metodo funzionale-comunicativo,

Dettagli

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica Un po di statistica Christian Ferrari Laboratorio di Matematica 1 Introduzione La statistica è una parte della matematica applicata che si occupa della raccolta, dell analisi e dell interpretazione di

Dettagli

Fattori cognitivi e non-cognitivi associati alla literacy finanziaria dei quindicenni italiani

Fattori cognitivi e non-cognitivi associati alla literacy finanziaria dei quindicenni italiani Fattori cognitivi e non-cognitivi associati alla literacy finanziaria dei quindicenni italiani Carlo Di Chiacchio - INVALSI Sabrina Greco - INVALSI PISA 2012: Contributi di approfondimento 27 Febbraio

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE RILEVAZIONE APPRENDIMENTI a.s. 2009/10 classi II e V primaria e. I secondaria di primo grado

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE RILEVAZIONE APPRENDIMENTI a.s. 2009/10 classi II e V primaria e. I secondaria di primo grado SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE RILEVAZIONE APPRENDIMENTI a.s. 2009/10 classi II e V primaria e I secondaria di primo grado INVALSI Roma, 29.10.2009 Il mandato Direttive 74/08 e 76/09: La direttiva 76

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI L incidenza dei DSA nella scuola superiore - I disturbi specifici dell apprendimento non scompaiono con l ingresso alla scuola

Dettagli

Presentazione dei risultati Gli indici statistici

Presentazione dei risultati Gli indici statistici Le competenze economicofinanziarie degli italiani Presentazione dei risultati Gli indici statistici Carlo Di Chiacchio - INVALSI I comportamenti finanziari Il possesso di una competenza in campo economico

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Le rilevazioni degli apprendimenti A.S. 2010 11 Gli esiti del Servizio nazionale di valutazione 2011 e della Prova nazionale 2011 ABSTRACT Le rilevazioni degli

Dettagli

ESAME DI STATO. Istruzioni per l uso

ESAME DI STATO. Istruzioni per l uso ESAME DI STATO Istruzioni per l uso Per i maniaci della legge Circolare «permanente» n.48 del 31 maggio 2012 E, ancor prima, le Circolari 50 e 51 del 26 maggio 2009, nonché il corposo DPR 122 del 22 giugno

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI

ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI Anno Scolastico Data iscrizione nella scuola Cognome e Nome Data di nascita Anno di arrivo in Italia Nazionalità Lingua materna Paese di Provenienza

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE ALL ESAME DI 3ª MEDIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE ALL ESAME DI 3ª MEDIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

Esame di Stato alla fine del Primo Ciclo d'istruzione Classi Terze

Esame di Stato alla fine del Primo Ciclo d'istruzione Classi Terze Istituto Comprensivo Statale di Marano Vicentino Scuola Secondaria di Primo Grado V.Alfieri Esame di Stato alla fine del Primo Ciclo d'istruzione Classi Terze A.s. 2014-15 E il primo esame della vostra

Dettagli

RILEVAZIONI NAZIONALI DEGLI APPRENDIMENTI 2014 15

RILEVAZIONI NAZIONALI DEGLI APPRENDIMENTI 2014 15 RILEVAZIONI NAZIONALI DEGLI APPRENDIMENTI 214 15 La rilevazione degli apprendimenti nelle classi II e V primaria, nella classe III (Prova nazionale) della scuola secondaria di primo grado e nella II classe

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

Le prove di lettura di tipo cloze

Le prove di lettura di tipo cloze Prove INVALSI di italiano Le prove di lettura di tipo cloze Napoli dicembre 2014 1 Sommario 1. Che cos è una prova cloze? 2. Breve esempio 3. Vantaggi e svantaggi delle prove cloze 4. Principali versioni

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Scuola secondaria di I grado «A. Balzico»

Scuola secondaria di I grado «A. Balzico» Scuola secondaria di I grado «A. Balzico» La scuola secondaria di I grado A. Balzico ha, negli ultimi anni, intensificato le attività di autovalutazione e valutazione dei processi e delle risorse con azioni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

Saluto Ministro La presentazione del Rapporto INVALSI sulle prove standardizzate condotte dagli studenti italiani è una importante scadenza per il mondo della scuola. Le prove condotte dall INVALSI forniscono

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Ivrea 1

Istituto Comprensivo Ivrea 1 Istituto Comprensivo Ivrea 1 RILEVAZIONI NAZIONALI SUGLI APPRENDIMENTI DATI PROVE INVALSI 2014 SCUOLA PRIMARIA Classe II Italiano Classe V Italiano Classe II Matematica Classe V Matematica SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

PROGETTO DI CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE

PROGETTO DI CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE PROGETTO DI CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE REFERENTE DEL PROGETTO: DOTT.SSA VITTIMBERGA ERIKA DESTINATARI : ALUNNI SCUOLA PRIMARIA (CLASSI V) E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO(I-II-III) ALUNNI SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

INGLESE CLASSE PRIMA

INGLESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende oralmente i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che affronta normalmente a scuola. ASCOLTO (Comprensione orale) Capire i punti

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Uno studio sui livelli di competenza: la Rasch Analysis dei dati OCSE-PISA 2012 per la misura delle differenze tra gli studenti delle regioni italiane

Uno studio sui livelli di competenza: la Rasch Analysis dei dati OCSE-PISA 2012 per la misura delle differenze tra gli studenti delle regioni italiane Uno studio sui livelli di competenza: la Rasch Analysis dei dati OCSE-PISA 2012 per la misura delle differenze tra gli studenti delle regioni italiane Tullio Menini menini@unior.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Esame di Stato per il diploma di licenza media. Scuola Dame Inglesi Vicenza Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2014/2015

Esame di Stato per il diploma di licenza media. Scuola Dame Inglesi Vicenza Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2014/2015 Esame di Stato per il diploma di licenza media Scuola Dame Inglesi Vicenza Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2014/2015 Fin dall'istituzione della scuola secondaria di primo grado, il triennio

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Oggetto: Diffusione cultura statistica nelle scuole. Disponibilità pacchetti didattici.

Oggetto: Diffusione cultura statistica nelle scuole. Disponibilità pacchetti didattici. Dipartimento per l integrazione, la qualità e lo sviluppo delle reti di produzione e ricerca Direzione centrale per lo sviluppo e il coordinamento della rete territoriale e del Sistan Sede per la Sardegna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee

OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee Circolare n. 56a Lecco, 23 maggio 2016 A tutti i docenti del CPIA Ai docenti esterni OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee Con

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE. Laboratorio Stefania Porchia

QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE. Laboratorio Stefania Porchia QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE Laboratorio Stefania Porchia Incontri e argomenti trattati nel laboratorio 29 marzo 14.00 15.30 l indagine qualitativa come strategia di formulazione

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola A.S. 2015/2016 CLASSE: PRIMA INDIRIZZO DI STUDI: LINGUISTICO COMPETENZE LINGUISTICHE Alla fine del primo anno di studio della lingua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi

8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi 8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi Obiettivo del RAV è la definizione del Piano di Miglioramento di Istituto I dati INVALSI, relativi ai livelli di apprendimento, vanno correlati con altri indicatori

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA

CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA CURRICOLO INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità Lingua Conoscere il lessico, le strutture e le funzioni relativi a: espressioni di saluto e socializzazione dati personali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF Didattica 1 anno, corso annuale P1 ; (monte ore 96).

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: Inglese, Spagnolo, Francese. Traguardi di sviluppo delle competenze prima e seconda lingua straniera L alunno: organizza il proprio apprendimento; utilizza lessico,

Dettagli

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Il Questionario insegnante e il Questionario scuola: quadro di riferimento

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE CILS I livelli e le prove. Centro CILS Siena, 7 maggio 2014

LA CERTIFICAZIONE CILS I livelli e le prove. Centro CILS Siena, 7 maggio 2014 LA CERTIFICAZIONE CILS I livelli e le prove Centro CILS Siena, 7 maggio 2014 LA STRUTTURA DELLA CILS La CILS è articolata in livelli che corrispondono a gradi di competenza progressivamente più ampi e

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 Ordinamento Triennale/Quinquennio in Giurisprudenza Corsi di Laurea CLEAM, CLEF, CLEACC, CLES,

Dettagli

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti Tommaso Agasisti Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale e. tommaso.agasisti@polimi.it Premessa In questa sezione, si riportano

Dettagli

GE_002 General English A1-A2 Elementary Dipendenti, impiegati, quadri e dirigenti aziende e studi professionali Nr 2 partecipanti - 2to1

GE_002 General English A1-A2 Elementary Dipendenti, impiegati, quadri e dirigenti aziende e studi professionali Nr 2 partecipanti - 2to1 CATALOGO OFFERTA FORMATIVA 2014 Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all

Dettagli

Da dove siamo partiti

Da dove siamo partiti Da dove siamo partiti SNV 2010/2011 Riferimenti per i risultati della prova di Matematica Classe II secondaria di II grado 65,0 60,0 55,0 50,0 45,0 40,0 35,0 30,0 Trento_L Nord est_l Italia_L Trento_T

Dettagli