Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani"

Transcript

1 A05

2

3 Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani Gli scenari strategici per Roma e per la Regione Lazio a cura di Contributi di Giorgio Alleva, Marco Antognoli, Carlo Blasi, Maurizio Boccacci Mariani, Antonio Boccia, Agostino Bruno, Luigi Campanella, Mattia Crespi, Stefano De Caro, Livio De Santoli, Pasquale De Stefanis, Vanessa Giannetti, Giuseppe La Torre, Aldo Laganà, Maria Claudia Lucchetti, Gabriele Malavasi, Alice Mannocci, Roberto Merli, Umberto Nanni, Andrea Palleschi, Alessandro Paregiani, Alessandra Polettini, Raffaella Pomi, Giancarlo Ruocco, Rosella Saulle, Saverio Scarpellino, Luigi Toro, Teodoro Valente, Nicola Verdone

4 Il volume è stato realizzato con il coordinamento dell Area Supporto alla Ricerca della Sapienza Università di Roma, Ufficio Progetti e Fundraising. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: giugno 2013

5 LaGestionedeiRifiutiaRoma: considerazionieproposte SOMMARIO Introduzione...7 Area Tecnologica: Dallo sviluppo di tecnologie innovative al recupero integrato di materia ed energie...9 I. La raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclo dei materiali livelli di performance della filiera del riciclo con riferimento ai principali materiali oggetto di raccolta differenziata...9 II. Impianti: Quadro di riferimento e spunti di riflessione...19 Area Logistica e Sistemi Informativi: Gestione della movimentazione e dell Informazione...35 III. Trasporti e Logistica - Quadro di riferimento e spunti metodologici...35 IV. Tecnologie dell Informazione...55 Area Impatto Sociale e Territorio: Dalla raccolta allo smaltimento dei rifiuti: il ruolo delle famiglie e delle imprese V. La valutazione delle componenti naturalistiche e paesaggistiche quale contributo alla definizione di un metodo per la localizzazione delle discariche VI. La gestione dei rifiuti e i nuovi modelli sociali per una società a emissioni zero e rifiuti zero VII. Beni Culturali VIII. La gerarchia nella gestione dei rifiuti e gli aspetti economici legati alla raccolta differenziata dei rifiuti d imballaggio Area Ambiente e Sanità: Dallo smaltimento dei rifiuti alle ricadute sull ambiente e sul territorio..175 IX. Monitoraggio X. Igiene Area Sensibilizzazione e Formazione: Cultura della Gestione dei rifiuti e sostenibilità economica 193 XI. Proposte per la formazione sul ciclo dei rifiuti

6

7 Introduzione La gestione integrata del ciclo dei rifiuti ha, ad oggi, assunto una rilevanza centrale nel dibattito sulla individuazione e sulla messa a punto di strategie ambientali sostenibili. Le problematiche associate ricoprono una vasta area di argomenti e coinvolgono aspetti sia di politica economica, industriale ed ambientale, sia di natura giuridicoamministrativa e socioculturale. La complessità del problema è ulteriormenteaggravatadadatichemostranounachiaratendenzaallacrescitadellaproduzionedirifiuti procapite. Lariduzionedell impattoambientale,conunimpiegopiùaccortodellerisorse,èstrettamentecorrelatoa scelte di modelli sociali, a principi scientifici, ad aspetti tecnologici ed è tale da richiedere una strategia territoriale su piccola scala, estendibile in ambiti più ampi. Ecodesign, riutilizzo, raccolta differenziata, recuperodienergiaedimateria,smaltimentoinsicurezza,sonoalcunedelleparolechiavedallequali,in modelliavanzatiecosostenibili,nonèpiùpossibileprescindere. È altresì necessario individuare soluzioni di lungo termine con il coinvolgimento di una molteplicità di Attori,qualiIstituzioniNazionali,Regionali,ComunaliImprese,ilmondodellaRicerca,iCittadini,perla definizionediscelteconsapevoli. IntalequadroSapienzahacoltol urgenza,adoperandosinell organizzazione,giàall iniziodel2012,diuna giornata aperta sulla Gestione Sostenibile dei Rifiuti Urbani. Lo scopo è stato quello di affrontare la tematica nella sua complessità ed approfondire i possibili scenari strategici per far emergere soluzioni compatibiliconilraggiungimentodeglistandardeuropeiedegliobiettiviprefissati.ciòinsintoniaconil ruolodiateneopromotoredellaconoscenzaedell innovazione,aserviziodellasocietàcivileeportatoredi competenzemultidisciplinari. Sono stati chiamati a partecipare alla giornata esperti di settore e rappresentanti delle Istituzioni, del mondo della Ricerca, delle Imprese e dei Comitati dei Cittadini, avviando un gruppo di lavoro interno all Ateneo. Il gruppo, su tavoli tecnici differenziati per competenze scientifiche, ha quindi elaborato un insieme di riflessioni con un approccio integrato e multidisciplinare. Il tema della gestione ottimale non può, infatti, prescindere dall adozione di metodi che integrino aspetti economici, di fattibilità tecnica, di impattosocialeedambientale. I Tavoli Tecnici di Sapienza hanno elaborato il presente documento, articolato nelle aree tematiche Tecnologia Logistica e Sistemi Informativi Impatto Sociale e Territorio Ambiente e Sanità SensibilizzazioneeFormazione.Scopodelvolumeèfornireuncontributoconriflessioniestese,necessarie perindividuarestrategieefficacisulterritorioe,piùimportante,perilbenedelterritorioedeisuiabitanti. GiancarloRuocco TeodoroValente 7

8

9 AreaTecnologica: Dallosviluppoditecnologieinnovativealrecuperointegratodi materiaedenergie I. LARACCOLTADIFFERENZIATADEIRIFIUTIEILRICICLODEIMATERIALI LIVELLIDIPERFORMANCE DELLAFILIERADELRICICLOCONRIFERIMENTOAIPRINCIPALIMATERIALIOGGETTODIRACCOLTA DIFFERENZIATA Luigi Toro (SAPIENZA Università di Roma), Agostino Bruno e Saverio Scarpellino (AMA Roma S.p.A.) e AlessandroParegiani(InTIMES.r.l.) Nel presente documento viene proposta una rappresentazione dei livelli di performance della raccolta differenziata e delle attività di riciclo e recupero dei rifiuti nel Comune di Roma. I dati di partenza dell analisi sono relativi ai quantitativi di raccolta differenziata e indifferenziata nel Comune di Roma nell anno2011.alfinedistimarelequantitàdirifiutoeffettivamentericiclate,recuperateenergeticamente oeffettivamentesmaltiteindiscaricaèstatopresoariferimentoilmetododefinitonellostudiorealizzato dalcentrointeruniversitariohtrnel2009/2010sudatidel2008.siipotizzainoltrechel organizzazionedel servizioeladestinazionedeirifiutiavalledelleoperazionidiraccoltasianorimasteinvariaterispettoall annualitàoggettodianalisinellostudiocitato.sullabaseditaliassunzionieapplicandoaiflussidirifiuti oggetto di raccolta differenziata le stesse percentuali di rendimento emerse nello studio in riferimento all anno 2008, sono stati calcolati i quantitativi effettivamente riciclati e recuperati nell anno 2011, i cui risultativengonodiseguitoriportati. 1. Introduzione Illavorosièpostol obiettivodivalutareleperformancedellefilieredelriciclodeirifiutidiimballaggio,al finediindividuarneisegmentidiprocessodimaggiorcriticità.laricercahaesaminatoidifferentimodelli organizzativi relativi alla raccolta differenziata delle frazioni di rifiuti di imballaggio in diversi contesti territoriali, mirando nello specifico alla determinazione delle quantità di scarto generate nelle fasi di lavorazione del rifiuto finalizzate al riciclo. In particolare, partendo dai dati della raccolta, sono stati considerati tutti i passaggi operativi finalizzati al riciclo del materiale: la selezione, la separazione, il trattamento,finoalpuntoincuiilrifiutoassumevalenzadi materiaprimaseconda (MPS). L'attenzione è stata concentrata sui rifiuti da imballaggio costituiti da carta e cartone, plastica, vetro, acciaio e alluminio. L annualità di interesse ai fini dell analisi è il Il lavoro ha avuto come focus principalel analisidelleperformancedelcontestoromano,incuièstatopossibileacquisireunaaccurata valutazionedeidiversiflussidimateriacheconcorronoaiquantitatividiscartoedimps. 2. L ambitonormativodiriferimento L Unioneeuropea,conl emanazionedelladirettivasuirifiuti(2008/98/ce,recepitanelnostroordinamento conildecretolegislativo205del3dicembre2010),hadefinito,nell articolo4,leattivitànecessarieperuna correttagestionedegliscartiurbani,attivitàchecompongonol ormainotastrategiadelle4r:riduzione, riutilizzo,riciclaggio,recuperoenergetico.taliazionisonoconsiderateprioritarierispettoallosmaltimento 9

10 10 Luigi Toro, Agostino Bruno, Saverio Scarpellino, Alessandro Paregiani indiscarica.gliobiettividiraccoltadifferenziata,riciclaggioeriutilizzostabilitidalladirettiva2008/98/ce sonodiseguitoelencati. Tabella1 ObiettiviriportatinellaDirettiva2008/98/CE OBIETTIVI QUANTITÀ SCADENZA raccoltadifferenziataistituitaalmenoper:carta,metalli,plasticaevetro entroil2015 preparazione per riutilizzo e riciclaggio di rifiuti quali, come minimo, carta, metalli,plasticaevetroprovenientidainucleidomestici,epossibilmentedi altra origine, nella misura in cui tali flussi di rifiuti sono simili a quelli domestici preparazione per riutilizzo, riciclaggio e altri tipi di recupero di materiale, incluse operazioni di colmatazione che utilizzano i rifiuti in sostituzione di altrimateriali,dirifiutidacostruzioneedemolizionenonpericolosi,[...] almenoal50%in terminidipeso almenoal70%in terminidipeso entroil2020 entroil2020 IlriferimentonormativonazionaleèrappresentatodalDecretoLegislativodirecepimentodelladirettiva 98, n. 205 del 2010, che ha modificato il decreto 152 del 3 aprile 2006, recante Norme in materia ambientale. 3. Ilcontestoorganizzativodiriferimento Il ciclo di gestione dei rifiuti provenienti da raccolta differenziata è un sistema complesso, che prevede diversi circuiti, ciascuno con appositi processi e metodi, in funzione dello specifico materiale trattato e comportalapartecipazionedidiversisoggetti,ciascunooperanteinunospecificosegmentodellacatena. Inlineagenerale,ilciclodeirifiutidaraccoltadifferenziatasegueunflussoditrepassaggi: a. Raccolta Ilsistemadiconferimento/raccoltadeirifiutidiimballaggiodeveesseregestitodaicomuniattraversola raccolta differenziata. In generale, la raccolta è diversificata a seconda del tipo di utenza (domestica o commerciale) e delle modalità di conferimento (collettiva o porta a porta, monomateriale o multimateriale). b. TrasformazioneinMPS Il rifiuto raccolto deve essere sottoposto a diversi trattamenti finalizzati alla trasformazione in materia primaseconda. Nelcasodisistemidiraccoltamonomateriale,gliimballaggiincartaecartone,vetro,acciaioealluminio vengonoconferitipressopiattaformecheeffettuanooperazionidiselezioneepulitura.lasceltadiquesti impianti può essere regolata dalle convenzioni del sistema ANCICONAI ovvero effettuata sul libero mercato.

11 La raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclo dei materiali [ ] 11 Il materiale in uscita da queste piattaforme è classificato come materia prima seconda e può essere utilizzatodagliimpiantidiproduzionecomeinputdiprocessosulmercato. Gli imballaggi in plastica, provenienti da raccolta monomateriale, vengono avviati ad impianti che effettuanooperazionidipulituraeseparazioneperclassedipolimero.ilselezionato,ancorarifiuto,viene quindivendutoadimpiantidiriciclochelolavorano,alfinediotteneremateriaprimasecondadacollocare sulmercato.nelcasoincuisiaattivalaconvenzioneconcorepla,l impiantocheeffettualaselezioneviene concordato con il consorzio stesso, che diviene proprietario del rifiuto, e il materiale separato viene venduto tramite contratti diretti o attraverso procedure d asta. Requisito di accreditamento per partecipare alle procedure d asta Corepla è la titolarità di un impianto di riciclo idoneo a convertire i ProdottiSelezionatiinmateriaprimasecondariaconformeallespecificheUNIPLASTUni10667 ;sonoquindi esclusituttigliimpiantichesvolgonoattivitàdiverse,tracuilatermovalorizzazione. LatrasformazionedarifiutoinMPS,asecondadeltipodimaterialetrattato,avvienequindiinmomenti diversi: a seguito delle operazioni effettuate nelle piattaforme concordate con i consorzi, per quanto riguardagliimballaggiinvetro,acciaio,alluminio,cartaecartone; all uscita dagli impianti privati accreditati Corepla che acquistano i lotti di rifiuto selezionati nei Centridiselezioneconsorziati,perquantoconcernegliimballaggiinplastica. Laraccoltamultimaterialerichiede,invece,unapreliminareoperazionediselezione,alfinedisepararele diversefrazionimerceologicheedeliminareleimpurità.unavoltaseparate,lefrazioniseguonoilpercorso descrittosoprarelativoallealiquoteraccolteinformadimonomateriale. c. Mercatodellematerieprimeseconde Dall analisidelrapportofiseunire,risultache,nelsettoredell acciaioedeimetalli,l utilizzodimateriali recuperati incide sul 64% della produzione finale di metalli, nel settore della carta e cartone per oltre il 55%,nelvetrocavoperoltreil50%,nelsettoredellaplasticaperil18%. Oltrealladomandainternadimaterialidapartedell industrianazionale,unruolosemprepiùimportanteè giocato dalla domanda dall estero. I flussi transfrontalieri delle materie recuperate rappresentano una realtàcheriguardatuttiiprincipalisettoridelriciclaggioinitaliaechemuovegrandiquantitàdimaterialiin entrata(oltre7,5milioniditonnellate)einuscita(oltre1,2milioniditonnellate). Ilsettoredellacarta,adesempio,havistosaturarenegliultimiannilacapacitàdiriciclaggiodeimateriali raccoltidapartedell industriacartarianazionale,tantodaportarel Italiaadiventareesportatricenettadi macero. Lacapacitàdiriciclaggiointernoneglialtrisettoririmanecomunque,almomento,superioreallaraccolta totaledimaterialidismessiinitalia,compresiglisfrididiproduzione.perilriciclaggiodeimetallisihaun importonettodi5,6milioniditonnellate,perillegnodioltre700milatonnellate,perlaplasticadi385mila tonnellateeperilvetrodi202milatonnellate. L Italia,perciò,siconfermacomeimportatricenettadimaterialidirecupero.

12 12 Luigi Toro, Agostino Bruno, Saverio Scarpellino, Alessandro Paregiani Figura1 Flussodeimaterialiprovenientidaraccoltadifferenziataall internodelciclodigestione deirifiutiurbani 4. Ilcontestoromano Lagestionedelserviziodiraccoltadifferenziatafinalizzataalriciclopresentanelcontestoromanoalcuni elementi di complessità, dovuti a diversi fattori, quali le dimensioni, la configurazione urbanistica e le notevolifluttuazionidovuteapendolarieturisti.nonostantetalicomplessità,ilivellidiefficaciaaifinidel ricicloerecuperodeimaterialirisultanoessereconfrontabiliconilivellidialtri contestiurbaninazionali analizzati.interminiquantitativi,laraccoltadifferenziataaromanel2011sièattestataa ,82t. Tale quantitativo è costituito principalmente da tre flussi: multimateriale (81.322,51 t), carta e cartone ( ,28t),verde,mercataleeumido(85.648,54t).Perquantoriguardailsecondoflusso,essoèstato inparteconferitoallepiattaformeconvenzionatecomieco,senzaperditediprocessointermedie. Il flusso di multimateriale è stato invece selezionato al fine di separare le diverse frazioni valorizzabili (plastica, vetro, acciaio e alluminio), prima del conferimento ai rispettivi consorzi. Tale selezione è stata eseguitapressoidueimpiantigestitidirettamentedaamaepressounterzoimpianto,operanteinconto lavorazione per la stessa azienda d igiene urbana; un ulteriore quota è stata ceduta senza trattamenti preliminari a soggetti terzi. È evidente che nella fase di separazione del multimateriale, una aliquota variabiletrail15%eil20%vieneperduta(avviatainparteatermovalorizzazioneeinparteasmaltimento indiscaricacomerifiutospeciale).iltrattamentodegliscartiprodottiinquestafaseèacaricodell azienda diigieneurbana. La competenza dell azienda d igiene urbana termina a questo punto, nel momento in cui i rifiuti sono conferitiallepiattaformeconcordateconiconsorzi,afrontedelpagamentodapartedeiconsorziversole aziendestessedelcontributoprevistonell AccordoQuadroANCICONAI.

13 La raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclo dei materiali [ ] 13 Dall analisi complessiva delle operazioni che portano alla trasformazione in materia prima seconda del rifiutoraccoltocomemultimateriale,sievincechenell annoinanalisiil69,63%deltotaleraccoltoetrattato èstatovalorizzatocomemps.pertanto,unapercentualevariabiletrail25%eil30%harappresentatolo scartoavviatoatermovalorizzazione,ovveroasmaltimentoindiscarica. Relativamenteaiflussidicartaecartone,ilmaterialeraccoltodaAMAvieneconferitodirettamentealle piattaformeconcordateconilconsorzio,nellequalisubisceoperazionidiselezioneedipulituraalfinedi raggiungere le caratteristiche qualitative della materia prima seconda. In questa fase, considerando le frazionidiraccoltacongiuntaeselettivainmodoaggregato,circail6,54%delrifiutoconsegnatodiviene scarto.diconseguenza,il93,46%haassuntovalenzadimateriaprimaseconda. Considerandolaraccoltasiadelmultimateriale,siadellacartaecartoneinmodocongiunto,esserisultano pariacircail65,9%dellaraccoltadifferenziatatotale.ilquantitativovalorizzatocomempsdaquestidue flussidiraccolta,rispettoaltotaledird,èparial57,19%. Valutando invece tali quantitativi rispetto al rifiuto urbano complessivamente raccolto nel Comune di Roma, comprendendo quindi anche la raccolta indifferenziata, emerge una prospettiva interessante che metteinrelazioneirisultatiraggiuntinell ambitodellaraccoltaedelriciclodellacartaedelcartonecon quelliottenutiperilmultimateriale. Inparticolare,ilquantitativodicartaecartoneraccoltoèpariall 11,71%deltotaleRSUprodotto,mentreil valorizzato è pari al 10,95%. Il multimateriale raccolto è molto inferiore, pari al 4,52% del totale RSU prodotto;ledifferentifrazionivalorizzateetrasformateinmpsvariano,semprerispettoaltotaledeglirsu, tral 2,24%delvetroelo0,0045%dell alluminio.lampsprodottadaiflussidimultimaterialeèparia3,15% deltotalerifiutoraccoltodaamanel2011. La MPS prodotta, considerando sia i flussi di multimateriale che di carta e cartone, è pari a 13,74% del totalerifiutoraccolto. Da questi risultati e da altre considerazioni riportate nel rapporto, sembrerebbe che la modalità organizzativadiraccoltachepermettediraggiungereelevatilivellidiqualitàsia: ilmonomaterialeperlefrazionidiimballaggioinvetro; ilmonomaterialeperlefrazionidiimballaggioincartaecartone; ilmultimaterialequandocompostodaimballaggiinplasticaeinmetallo,facilmenteseparabili. AnalizzandoirisultatiottenutiperilComunediRomaCapitalerispettoalquadronazionale,ladifferenza piùrilevanteperquantoriguardaimaterialivalorizzatiinmpssiriscontrasulvetroeappareimputabile principalmenteallemodalitàdiraccolta,chenelcontestoromanorisultanodifferenti*rispettoaquelleche siattuanonelleprincipalicittàitaliane.infatti,nellamaggiorpartedeicontestiurbaniilvetrovieneraccolto come monomateriale e ciò determina dei livelli di frazioni estranee inferiori rispetto a quelli che si riscontranonellaraccoltadelmultimateriale.lacausaprincipalediquestadifferenza,però,risiedenelfatto che con la raccolta multimateriale (sia nella fase stessa della raccolta, sia in quella del trasporto e della movimentazione)sideterminaunafrazionepiùampiadimaterialefrantumato,cioèdivetrofine.questo * Nell ambitodellariorganizzazioneprogressivadellaraccoltadifferenziataavviataaromadalnovembre2012,anchenellacapitalelaraccoltadel vetroavverràcompletamenteinmodalitàmonomateriale,tramitecampanestradali,sututtoilterritoriodellacittàentroiprossimitreanni.

14 14 Luigi Toro, Agostino Bruno, Saverio Scarpellino, Alessandro Paregiani materiale,chepresentaunapezzaturainferioreai15mm,rappresentaunacriticitànelprocessodiriciclo, in quanto per essere trattato richiede una operazione intermedia di polverizzazione al fine del reinserimentonelciclodilavorazione,conconseguenteaggraviodicosti. PerquantoriguardalacartavalorizzatainMPS,invece,ladifferenzatraildatonazionaleeildatoromano (datientrambirelativialpesodelvalorizzatosultotaledeglirsu)èinterpretabileconsiderandoilfattoche neldatonazionalediraccoltasonopresentisoltantogliimballaggicellulosici,mentreneldatoromanopesa lacomponentedellaraccoltacongiunta,costituitaperil75%dallafrazionemerceologicasimilare(f.m.s.,la cosiddetta cartaccia ). Inoltre,nelcontestosocioeconomicodiRoma(caratterizzatodaunapresenzamoltofortedegliufficidella pubblicaamministrazioneoltrechedelterziarioedelterziarioavanzato)sitendeaconsumareunelevato quantitativo di materiali cellulosici e questo consente di effettuare un alto livello di raccolta. Tale caratteristicaèconfermatadaiseguentidati:afrontediunpesomediodeimaterialicellulosicisultotale delle frazioni raccolte in forma differenziata l incidenza dei prodotti cellulosici sul totale delle frazioni differenziateeraccoltearomaarrivaalvalorebenpiùaltodel47,52%.

15 Figura2 Roma,Anno2011.Valoripercentualicalcolatirispettoaltotaletrattato valoriassolutiespressiintonnellate La raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclo dei materiali [ ] 15

16 Figura3 Roma,Anno20011.Valoripercentualicalcolatirispettoal totalerd valoriassolutiespressiintonnellate 16 Luigi Toro, Agostino Bruno, Saverio Scarpellino, Alessandro Paregiani

17 Figura4 Roma,Anno2011.Valoripercentualicalcolatirispettoaltotalersuraccolto valoriassolutiespressiintonnellate La raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclo dei materiali [ ] 17

18

19 II. IMPIANTI:QUADRODIRIFERIMENTOESPUNTIDIRIFLESSIONE NicolaVerdone(SAPIENZAUniversitàdiRoma),PasqualeDeStefanis(ENEA) 1. Introduzione Questodocumentoredattonell ambitodeltavolotecnicorelativoall areatecnologica settoreimpianti contienealcunispuntidiriflessioneriguardantilagestioneintegratadeirifiuticonspecificoriferimentoalla situazione che caratterizza la Regione Lazio. L analisi è perciò condizionata dalle particolari esigenze di intervento tempestivo per l individuazione di soluzioni tecniche di gestione immediatamente applicabili, stanteilcaratterediurgenzachesemprepiùcaratterizzalagestionecomplessivadelproblemarifiutinella regione. 2. Riferimentinormativi Lagestioneintegratadeirifiutièstataintrodottanell art.19deldecretolegislativo5febbraio1997,n.22, c.d.decretoronchi,comeilcomplessodiattivitàvolteadottimizzareilriutilizzo,ilriciclaggio,ilrecuperoe losmaltimentodeirifiuti. PerquantoriguardairifiutiurbanilacompetenzadellagestioneintegrataèattribuitaalleRegioni,che,con lapredisposizione,l adozioneel aggiornamentodeipianiregionali,devonoprogrammarelarealizzazione diunaretediimpianticheconsentailcoordinamentoottimaledelrecuperoedellosmaltimento. Nellapredisposizionedeipianidigestionedeirifiutiilcitatodecretofissavacomevincolinormativi: ilrispettodegliobiettivistabilitiperlaraccoltadifferenziata:15%,25%e35%rispettivamenteentro due,quattroeseiannidall entratainvigoredeld.lgs.n.22/1997; ildivietodismaltireindiscaricairifiutitalquali,stabilitonell art.5,commabdeld.lgs.n.22/1997 eribaditodald.lgs.13gennaio2003,n.36edaldm13marzo2003. Venivapostopoiunterzovincolodinaturaeconomica,cuiinrealtàildecretoRonchifacennosolocon riferimentoalleattivitàdismaltimento(art.5,comma3),machedovrebbeessereestesoanchealleattività direcuperoinmododaevitarechetuttalagestioneintegratadeirifiuti,purnelrispettodellaesigenzadi assicurare un elevata protezione dell ambiente, non abbia a comportare costi inutilmente elevati per la collettività. IlsuccessivoD.Lgs.3aprile2006n.152 Normeinmateriaambientaledefinisceraccoltadifferenziata(Art. 183Definizioni)laraccoltaidonea,secondocriteridieconomicità,efficacia,trasparenzaedefficienza,a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, al momento della raccolta o, per la frazioneorganicaumida,anchealmomentodeltrattamento,nonchéaraggruppareirifiutidiimballaggio separatamente dagli altri rifiuti urbani, a condizione che tutti i rifiuti sopra indicati siano effettivamente destinatialrecupero. 19

20 20 Nicola Verdone, Pasquale De Stefanis Come si può notare, non solo sono stati esplicitamente introdotti i criteri di economicità, efficacia, trasparenzaedefficienzachedovrebberocaratterizzareleoperazionidiraccoltadifferenziata,maèstata addiritturastabilitalacondizionefondamentalechetuttiirifiutiraccoltisianoeffettivamentedestinatial recupero, laddove l avverbio effettivamente avrebbe dovuto prevedere una forma di controllo o di verificadicui,invece,nonv ètraccia. Infatti,ilmedesimodecreto(Art.205 Misureperincrementarelaraccoltadifferenziata)stabiliscesoloche inogniambitoterritorialeottimaledeveessereassicurataunaraccoltadifferenziatadeirifiutiurbanipari alleseguentipercentualiminimedirifiutiprodotti almenoiltrentacinquepercentoentroil31dicembre2006 almenoilquarantacinquepercentoentroil31dicembre2008 almenoilsessantacinquepercentoentroil31dicembre2012. Nell evoluzionedellanormativaintemadigestionedeirifiuti,icitaticriterisonostatievidentemente giudicati talmente importanti da introdurli specificatamente mediante la integrale sostituzione dei contenutidell Articolo178(Finalità)adoperadelD.Lgs.3dicembre2010n.205Disposizionidiattuazione delladirettiva2008/98/cedelparlamentoeuropeoedelconsigliodel19novembre2008relativaairifiutie cheabrogaalcunedirettive.difatto,ilvigentearticolo178orarecita: Articolo178 (Principi) 1. La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione, di prevenzione, di sostenibilità,diproporzionalità,diresponsabilizzazioneedicooperazionedituttiisoggetticoinvoltinella produzione, nella distribuzione, nell'utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, nonché del principio chi inquina paga. A tale fine la gestione dei rifiuti è effettuata secondo criteri di efficacia, efficienza, economicità, trasparenza, fattibilità tecnica ed economica, nonché nel rispetto delle norme vigentiinmateriadipartecipazioneediaccessoalleinformazioniambientali. Ancheperilcontrollodegliesitidellaraccoltadifferenziata,ilD.Lgs.3dicembre2010n.205haintrodotto importanti novità con la sostituzione dei contenuti dell Articolo 181 del D.Lgs. 3 aprile 2006 n L Articolo 181 vigente prevede che, entro il 2020, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio di rifiuti quali,comeminimo,carta,metalli,plasticaevetroprovenientidainucleidomestici,epossibilmentedialtra origine, nella misura in cui tali flussi di rifiuti sono simili a quelli domestici, sarà aumentata complessivamente almeno al 50% in termini di peso. Per preparazione per il riutilizzo si intende il complesso delle operazioni di controllo, pulizia, smontaggio e riparazione attraverso cui prodotti o componenti di prodotti diventati rifiuti sono preparati in modo da poter essere reimpiegati senza altro pretrattamento. Nel rispetto di questi vincoli le Regioni hanno ampia libertà di scelta sulle caratteristiche della rete di impiantidaprogrammarenell ambitodelpianodigestionedeirifiuti. Inestremasintesilasceltasiriduceadueopzionifondamentalicheriguardanolagestionedellapartedei rifiutichenonèstataraccoltainmanieradifferenziata(figura.1):

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS ACCORDO DI PROGRAMMA tra REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS La Regione Autonoma della Sardegna, in persona dell Assessore della Difesa dell Ambiente, prof.ssa Donatella Emma Ignazia Spano (di seguito REGIONE

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

"Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata".

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 3688/06 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 FEBBRAIO 2006) L anno duemilasei, il giorno di mercoledì quindici del mese di febbraio, alle ore 14,15,

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità.

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità. Protocollo RC n. 4461/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 26 FEBBRAIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di lunedì ventisei del mese di febbraio, alle ore 9,20,

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Le tariffe per attività di selezione delle frazioni secche dei rifiuti urbani raccolte in maniera differenziata per tipologia e caratteristiche degli impianti Relazione

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni esterne

Dettagli

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI Il CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, con sede in Roma, Via Tomacelli 132, in persona del Vice Direttore Generale,

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO Principali Novità RICREA: nascita, scopo, obiettivo Il Consorzio Nazionale Acciaio (RICREA) è stato costituito in data 18 novembre

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA

ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA METODOLOGIA e RISULTATI PRELIMINARI COMITATO TECNICO SCIENTIFICO ATIA-ISWA ITALIA ANTONELLA FIORE SIMONETTA TUNESI ECOMONDO 5 NOVEMBRE 2014 perché

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l impegno dell ISPRA affinché le informazioni

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti,

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, CONAI, ANCI, ANCI-Toscana; Confservizi Cispel Toscana; COREVE, REVET S.p.A, LA REVET VETRI S.r.l. FINALIZZATO ALLA RACCOLTA MONOMATERIALE DEL VETRO NONCHE ALLA

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

ano i sv l uppo ella raccol ta iff differenziata a Roma

ano i sv l uppo ella raccol ta iff differenziata a Roma Piano di sviluppo della raccolta differenziata i a Roma 28 novembre 2013 Gli elementi di contesto Patto per Roma Protocollo di intesa Roma Capitale-AMA- CONAI Il 4 agosto 2012 è stato stipulato tra Ministero

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

Insieme Verso l Economia Circolare

Insieme Verso l Economia Circolare Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Insieme Verso l Economia Circolare Cagliari, 21 Dicembre 2015 Impianto nel cuore della Trexenta nel Comune di Guasila

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

Le opportunità economiche del riciclo

Le opportunità economiche del riciclo Le opportunità economiche del riciclo Duccio Bianchi Presidente ASM Pavia coordinatore ricerca End Waste della Fondazione Symbola L Italia, leader europeo nell economia del riciclo L Italia è uno dei leader

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014

RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014 Organizzazione e redazione a cura di: Provincia di Torino: Servizio Pianificazione e Gestione

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Organizzazione a cura dell Osservatorio Rifiuti Provinciale con la collaborazione dei Servizi

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl

Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl CiAl - Consorzio Imballaggi Alluminio N. Registro I-000492 Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl Gino Schiona, Direttore Generale Milano, 30 gennaio 2008 Network Sviluppo Sostenibile Camera di Commercio

Dettagli

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi.

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi. Direzione Servizi Ambientali Coordinamento Tecnico ed Innovazione Modelli territoriali i a confronto e FOCUS CDR Novembre 2013 Presentazione L analisi ha avuto l obiettivo di individuare la qualità delle

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT FINALITA DELL INDAGINE o o o o o Verifica del costo di trattamento dei rifiuti e incidenza della percentuale di RD e della produzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata Programmi di comunicazione sulla raccolta differenziata Il comune gestisce attraverso Amiu SpA la realizzazione di programmi di comunicazione sulla R.D attraverso iniziative nelle scuole La campagna di

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 CHI SIAMO Ancitel Energia e Ambiente è la società del Gruppo ANCI, controllata da Ancitel S.p.A., nata nel 2007 per realizzare progetti e servizi per i Comuni italiani

Dettagli

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015 C I T T A' D I G A L A T I N A Provincia di Lecce ********** DIREZIONE TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 Ai sensi dell art. 196 del D.lgs.152, sono di competenza della Regione: la predisposizione, l adozione e l aggiornamento

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Carlo Montalbetti Comieco: un sistema imprenditoriale per il raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclo

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI : CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA

CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI : CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI : CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI UN FINANZIAMENTO DI 25.000 EURO A SOSTEGNO DI ATTIVITA DI COMUNICAZIONE LOCALE Il punto 9 dell Accordo Anci Conai prevede

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura di

La Chimica nella Scuola. a cura di A03 La Chimica nella Scuola a cura di Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO 26 settembre 2013 Mario Sunseri Labelab www.rifiutilab.it Progetto sviluppato a partire

Dettagli

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO GENERALE N 1086 del 01/07/2014 SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO SETTORE N 248 DEL 01/07/2014 CORSO TEORICO-PRATICO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI ISPETTORI

Dettagli

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA OBIETTIVO LA DECISIONE VERITAS VUOLE STRUTTURARE UN PROCESSO DI VERIFICA E VALIDAZIONE DELLA QUALITA E DELL AVVIO A RECUPERARE DEL

Dettagli

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l.

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. Milano 18.04.2009 1 STORIA La Società Centro Riciclo Vedelago Srl gestisce dal 1999 un impianto di stoccaggio e selezione (meccanica) di rifiuti ai fini del recupero di materiali

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Agenzia Regionale Recupero Risorse Lucia Corsini Audizione VI

Dettagli

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD San Costanzo (PU), 15 aprile 2014 Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio CONAI è il sistema privato per la gestione degli imballaggi

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli