Il Consorzio CBI. I Consorziati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consorzio CBI. I Consorziati"

Transcript

1 Il Consorzio CBI Il Consorzio CBI, creato sotto l egida dell Associazione Bancaria Italiana, gestisce il Servizio CBI, il Servizio CBILL e i servizi di Nodo, definendone le regole e gli standard tecnico-normativi in ambito cooperativo; l infrastruttura tecnica messa a disposizione dal Consorzio CBI permette l interconnessione e il colloquio telematico degli Istituti Finanziari Consorziati con la loro clientela per l erogazione di servizi, in un ottica di interoperabilità a livello nazionale ed internazionale. Inoltre, il Consorzio CBI certifica i Soggetti Tecnici che abilitano l accesso all infrastruttura di Rete per assicurare la massima qualità dei servizi offerti, oltre a realizzare attività informative e formative per migliorare la conoscenza dei servizi da parte di tutti gli stakeholder. La peculiarità delle attività realizzate fanno del Consorzio CBI una best practice riconosciuta a livello internazionale. I Consorziati Possono partecipare al Consorzio tutti gli Intermediari Finanziari e gli altri soggetti autorizzati ad operare, sulla base delle proprie leggi nazionali e delle regole europee, nell area dei servizi di pagamento in Italia e nel territorio dell Unione Europea. La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 1

2 La struttura organizzativa del Consorzio CBI ASSEMBLEA CONSIGLIO DIRETTIVO DIRETTORE GENERALE STAKEHOLDER FORUM BUSINESS E OPERATION DILIGENCE E COMPLIANCE MARKETING COMUNICAZIONE ED EVENTI STANDARD E ARCHITETTURA 2 Consorzio CBI

3 Ai Gruppi di Lavoro partecipano specialisti finanziari e tecnici appartenenti ai principali Istituti Finanziari consorziati e alle Strutture Tecniche Delegate. GdL Business Cross Border GdL Business GdL Marketing e Comunicazione GdL Standard GdL F24-CBI GdL Governance GdL Normativa GdL Architettura Il Consorzio CBI partecipa a Working Group ed Organismi Internazionali al fine di condividere gli indirizzi di sistema finalizzati a garantire la massima compliance con lo scenario internazionale. EBA - Euro Banking Association Multistakeholder Forum IPFA - International Payments Framework Association EPC - European Payment Council CGI - Common Global Implementation ISO TC68 F.S. - ISO (RMG) CEN WS e-procurement CEN PC-434 UN/CEFACT - PDA Supply Chain (Finance & Payments Domain) UNINFO e-business WG Il Consorzio CBI partecipa ai principali tavoli istituzionali italiani per lo sviluppo delle infrastrutture di interconnessione tra la Pubblica Amministrazione e l Industria Bancaria Italiana. La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 3

4 I nostri Valori Determinazione Coraggio Disponibilità Eccellenza Appartenenza Lungimiranza 4 Consorzio CBI

5 La Rete CBI La Rete CBI, gestita in modalità peer-topeer ovvero di comunicazione diretta tra i Consorziati, si basa su standard XML, e permette di soddisfare le esigenze di riconciliazione, tracciatura, sicurezza e velocità. Lo scambio di flussi nella Rete CBI può avvenire non solo tra imprese e Istituti Finanziari, ma anche tra le stesse imprese del circuito CBI per il tramite dei rispettivi Istituti Finanziari nel ruolo di proponenti del servizio. L autenticità e l integrità dei flussi immessi in rete è garantita inoltre dalla possibilità di utilizzo della firma digitale in linea con quanto previsto dalla normativa vigente, tramite l impiego di Certificatori accreditati nell apposito Elenco dei Certificatori CBI. Al fine di poter offrire ai Consorziati servizi sempre più innovativi e allineati ai nuovi scenari di mercato, il Consorzio CBI ha sviluppato una Rete Online CBI, come nuova partizione logica della Rete CBI, caratterizzata dall utilizzo di una tecnologia basata su web services. Tali servizi vengono offerti dai Consorziati in modalità competitiva ai propri clienti (Imprese/P.A./ Cittadini). Il Servizio CBI Il Servizio CBI consente a ciascun cliente mono/ multibancarizzato di selezionare uno solo tra i propri Istituti Finanziari (che viene definito Proponente) per effettuare operazioni di tesoreria con tutti gli altri Istituti Finanziari con cui intrattiene rapporto di conto corrente (definiti Passivi). Il Servizio CBI è commercializzato dagli Istituti Finanziari Consorziati in modalità competitiva, nel rispetto delle regole definite in La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 5

6 seno al Consorzio CBI secondo un principio di white labeling. Il Servizio CBI contempla oltre 40 funzioni di incasso, pagamento, informativa e di gestione documentale basate su standard CBI, integrabili tra loro e che rappresentano l offerta che l consorziato presenta alla propria clientela. Area 1 - Cliente - Proponente Area 3 - Interbancaria per Clearing and Settlement Impresa / P.A. Proponente Area 2 - Interbancaria sottoposta a governance CBI Passivo Destinatario Passivo Impresa / P.A. Proponente Clearing and Settlement DIRECTORY COMMUNITY CBI Passivo Destinatario Impresa / P.A. Impresa / P.A. Impresa / P.A. Impresa / P.A. (E2E) 6 Consorzio CBI

7 Il Servizio CBILL cbill Gli attuali servizi di pagamento online delle bollette consentono al cliente di pagare cbill solo quelle delle aziende/pa che hanno sottoscritto specifici accordi con l Istituto Finanziario del cliente stesso. Con il Servizio CBILL tutti i privati/aziende che hanno un conto online presso un qualsiasi Istituto Finanziario possono consultare e pagare online le bollette di tutte le aziende/pa che hanno aderito al CBILL. CBILL permette ai Fatturatori di mettere a disposizione elettronicamente i dati delle bollette ai propri clienti retail, corporate e PA, che potranno pagarle in logica multicanale (Internet Banking, ATM, mobile, ecc.). Gli Intermediari possono inoltre offrire alla propria clientela ulteriori funzionalità competitive associate al Servizio CBILL. Informazioni dettagliate sono disponibili sul sito Utente Mobile Home Banking ATM 1 Richiesta visualizzazione bolletta 2 Richiesta dati bolletta 2 Richiesta dati bolletta 2 Richiesta dati bolletta Fatturatore 4 Visualizzazione bolletta 3 Invio dati bolletta 3 Invio dati bolletta 3 Invio dati bolletta 5 Iniziazione pagamento bolletta Intermediario dell Utente Allineamento posizioni debitorie/creditorie Fornitore del Servizio 6 Aggiornamento dati bolletta Rete Online CBI La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 7

8 Il Nodo CBI Dal 2009 il Consorzio CBI, in qualità di soggetto super partes rappresentante dei Consorziati, permette l interfacciamento delle Pubbliche Amministrazioni Centrali con l Industria Bancaria. Attraverso il Nodo CBI gli Enti Pubblici Centrali possono infatti agevolmente accedere in modalità telematica a servizi bancari dispositivi, informativi e di gestione documentale. La flessibilità del servizio consente inoltre di soddisfare esigenze peculiari della Pubblica Amministrazione sviluppando progetti ad hoc la cui interoperabilità è garantita da e verso l Industria Bancaria. Nodo dei Pagamenti SPC Aziende P.A. Centrale e P.A. Locali Nodo CBI Rete CBI Istituti Finanziari P.A. Centrale P.A. Locali 8 Consorzio CBI

9 I trend di crescita del Servizio CBI A fine 2013, risultano consorziati 600 Istituti Finanziari, tra cui Poste Italiane e CartaLis. Queste istituzioni finanziarie rappresentano l 86,8% dell industria bancaria italiana e il 100% delle banche che offrono servizi di corporate banking. Oltre 1,2 milioni di aziende sono contrattualizzate in base alla normativa CBI, di queste sono censite sul Directory CBI; la restante parte ha quindi rapporti monobanca ovvero viene gestita in modalità intra-pool. Tali utenti, seppure non censiti direttamente sul Directory, rappresentano un interessante target per l offerta di servizi di gestione documentale. Per quanto riguarda la distribuzione geografica degli utenti CBI, si evince chiaramente una diffusione capillare al Nord (66,6% del totale) con una preponderanza delle regioni del Nord-Ovest. Consorziati (%dell intera industria bancaria) 88,2% Utenti 88% 87% 86,3% 87,2% 87,4% 87,1% % 85,6% 85,6% 85,3% % CAGR 1,6% CAGR 6% % Distribuzione geografica Utenti CBI 7% 4% 4% 37% Ordini di incasso/ordini di pagamento % Centro RI.BA Nord Est RID Nord Ovest MAV 31% Sud e Isole DISP. PAG. Per quanto riguarda le disposizioni di incasso e di pagamento, i dati disponibili mostrano complessivamente una generale tendenza positiva , a cui è legato anche l ulteriore sviluppo del Servizio CBI. Infine, al 31 dicembre 2013, i volumi di traffico delle informazioni contabili in termini di numero di righe di estratto conto transitate sono risultati pari a , in aumento rispetto all anno 2012 (+10%). Per ogni ulteriore approfondimento sulle statistiche di sistema del CBI, si rimanda alla lettura del dettagliato Report statistico CBI, disponibile sul portale web del Consorzio nella sezione Statistiche.

10 Il Servizio CBI e le sue Funzioni Nella tabella sono riportate tutte le Funzioni CBI ad oggi disponibili ed in fase di sviluppo. Funzioni tradizionali Servizi domestici SEPA compliant Nuovi servizi cross border Gestione documentale Invio/ricezione E2E documenti strutturati e non strutturati tra aziende aderenti al Nuovo CBI Anticipo Fatture Invio Fattura PA Incassi/ Pagamenti Disp. ed esito per RID e RiBa Disp.ed esito per MAV AEA-RID Servizio bollettino bancario Trasferibilità RID Bonifico Italia e Bonifico estero Esito Bonifico F24 (con quietanza telematica) Market Place Bonifico ordinario XML SEPA Esito bonifico verso Ordinante e Beneficiario Incassi SEPA Direct Debit AOS SEDA Avvisatura bonifico in entrata ed istruzioni di utilizzo Bonifico XML estero Informativa Rendicontazione periodica di movimenti e saldi C/C Rendicontazione dossier Titoli Rendicontazione conti anticipi Avvisatura e pagamento effetti Allineamento Elettronico IBAN Rendicontazione di Portafoglio Rendicontazione strutturata Rendicontazione saldi intraday Rendicontazione contabile bonifici esteri Il Servizio CBILL Consultazione e pagamento bollette

11 Servizio Pagamento F24 CBI Il servizio di Pagamento F24 CBI consente a ciascun contribuente, dotato di un sistema informatico collegato al proprio, di eseguire i pagamenti delle imposte tramite collegamento remoto e di ricevere, sempre in remoto, le attestazioni di conferma degli avvenuti pagamenti. Modello funzionale del servizio Pagamento F24 CBI Istituti Finanziari Passivi 5 Aziende/Contribuenti Utente (Commercialisti, Associazioni di categoria, Consulenti,...) Istituto Finanziario Proponente BANCA D ITALIA AGENZIA DELLE ENTRATE 1 Il contribuente predispone direttamente, o per il tramite di un utente CBI autorizzato (Commercialisti, Associazioni di categoria, Consulenti), le deleghe F24 da trasmettere per l esecuzione dei pagamenti attraverso un proprio sistema informatico; 2 L utente, cliente CBI, invia i dati dei pagamenti da eseguire all proponente 1 ; 3 L proponente, previa attività diagnostica (da parte del software di connessione) sulle deleghe elettroniche acquisite, invia i dati destinati agli Istituti Finanziari passivi e trattiene, per le successive operazioni, le deleghe F24 di propria competenza; 4 L passivo, ricevuti i dati, deve inviare al mittente, per il tramite dell proponente, la conferma di ricezione del flusso telematico, strutturata secondo quanto previsto per lo standard CBI 2 ; 5 L passivo deve inoltre: a. controllare la completezza e la correttezza dei dati delle deleghe F24 ed inviare all utente CBI per il tramite dell proponente le informazioni relative a quelle accettate e rifiutate; b. controllare eventuali richieste di revoca ed inviare all utente CBI per il tramite dell proponente le informazioni relative alle revoche accettate e rifiutate; 6 L passivo trasmette telematicamente all utente, per il tramite dell proponente, le attestazioni elettroniche delle deleghe F24 regolarmente pagate e gli estremi delle deleghe F24 non pagate. Il rilascio delle attestazioni elettroniche agli utenti deve essere effettuato dall passivo che ha eseguito il pagamento in quanto delegato dai singoli contribuenti; 7 L passivo esegue i pagamenti per tutte le deleghe F24 risultate corrette, riversa le somme in Banca d Italia e invia le informazioni di dettaglio all Agenzia delle Entrate. 1 Il servizio prevede attualmente un limite temporale per la trasmissione delle deleghe fissato per le ore 24 del giorno di scadenza di legge. 2 Il messaggio di esito sarà disponibile entro le ore 17 se il flusso viene inviato entro le ore 11, altrimenti entro le 11 del giorno seguente.

12 La funzione Fattura Elettronica CBI Funzionamento generale e servizi correlati La Fattura Elettronica rappresenta l anello di congiunzione tra i processi amministrativi ed i processi finanziari, consentendo una completa integrazione dell intero ciclo ordine-consegna-fatturazione pagamento. L adozione della Fattura Elettronica può spingere le organizzazioni verso elevati livelli di efficienza e competitività favorendo la riduzione dei costi e un miglioramento complessivo dell efficacia e qualità dei processi. Tra le funzioni offerte dai Consorziati ai clienti, riveste pertanto particolare importanza il servizio di Invio end-to-end di documentazione strutturata (Fattura Elettronica), appartenente all Area dei servizi di Gestione Documentale. Tale funzione è stata definita sulla base di standard riconosciuti a livello internazionale (tra i quali la messaggistica finanziaria XML definita dallo standard ISO ed i business requirements UN/CEFACT) garantendo la piena interoperabilità tra i formati adottati dalle diverse comunità finanziarie. Alla Fattura Elettronica possono essere connessi altri servizi più tipicamente finanziari, quali ad esempio le funzioni CBI di Richiesta Anticipo Fatture, di pagamento SEPA (es. Credit Transfer), di anticipo/cessione di crediti certificati, nonché ulteriori servizi offerti competitivamente dagli Istituti Finanziari, quali l archiviazione a norma, la gestione delle dispute, i crediti documentari, etc. L integrazione tra fattura e pagamenti/finanziamenti consente, oltre ad una accresciuta celerità e semplificazione dei processi, un sensibile risparmio, che può arrivare fino al 70-80% rispetto alla tradizionale fattura cartacea ed ai relativi costi di gestione. Il modello di Servizio Riconciliazione fattura e pagamento Acquirente/ Debitore Proponente del Debitore Passivo del Debitore COMPENSAZIONE E REGOLAMENTO Riconciliazione fattura e pagamento Venditore/ Creditore Proponente del Creditore Passivo del Creditore Fattura elettronica Pagamenti Esiti Rendicontazione Richiesta Anticipo Fattura

13 La Fattura Elettronica e la Pubblica Amministrazione In relazione all obbligo per le imprese fornitrici della Pubblica Amministrazione di utilizzo di Fattura Elettronica, il Consorzio CBI rappresenta un ulteriore canale di efficienza nel processo di dialogo tra aziende e P.A. Il tema della fatturazione elettronica obbligatoria nei rapporti tra operatori economici e Pubbliche Amministrazioni, anche ad ordinamento autonomo, ha conosciuto una prima importante statuizione normativa con la l. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge Finanziaria per il 2008). Tale legge, nello stabilire detto obbligo di fatturazione elettronica per coloro che prestano servizi o vendono beni alle Pubbliche Amministrazioni, ha peraltro subordinato l entrata in vigore di tale obbligo alla emanazione di due distinti provvedimenti attuativi, il primo dei quali è stato emanato il 7 marzo 2008 con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze (che ha individuato in SOGEI il gestore del sistema di interscambio della fatturazione elettronica nonché le relative attribuzioni e competenze) ed il secondo il 3 aprile 2013, n. 55, sempre con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze. A disciplinare i termini previsti per l effettiva attuazione dell obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione, è intervenuto anche il recente D.L. del 24/4/2014 n. 66 (cd. Decreto Irpef 2014) che ha stabilito gli obblighi anche per le Amministrazioni diverse da quelle centrali. Alla luce di tali riferimenti normativi: 1. dal 6 giugno 2014: obbligo di fatturazione elettronica nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali, Enti nazionali di previdenza ed assistenza sociale; 2. dal 31 marzo 2015: obbligo nei confronti di tutte le restanti amministrazioni. Per ulteriori informazioni si rimanda al sito istituzionale Il Consorzio CBI ha definito un modello architetturale che permette la trasmissione, e quindi l emissione, delle fatture elettroniche verso le Pubbliche Amministrazioni attraverso la Rete CBI. In particolare, la funzione CBI Fattura PA consente ad un Consorziato di interfacciarsi con il Sistema di Interscambio (SdI) per: l invio di fatture elettroniche per conto dei propri clienti (aziende creditrici delle Pubbliche Amministrazioni); la ricezione di fatture elettroniche per conto delle proprie clienti Pubbliche Amministrazioni debitrici. Fornitore PA PSP CBI PSP CBI PA PSP CBI PA SdI Nodo CBI PA Utente CBI PSP CBI PA Fattura Elettronica verso PA Utente CBI Fattura Elettronica verso PA non Utente CBI PA

14 Il CBI nel contesto internazionale Il CBI ha instaurato rapporti con vari stakeholder e decision maker in ambito nazionale ed internazionale, al fine di condividere gli indirizzi di sistema finalizzati a garantire la massima compliance con lo scenario internazionale. Il costante monitoraggio all interno di consessi riconosciuti ed operanti a livello globale si traduce nella partecipazione a: EPC - European Payment Council SPS STF (SEPA Payment Scheme Standard Task Force): Task Force costituita in ambito SEPA avente l obiettivo di manutenere le linee guida e gli standard della SEPA (Credit Transfer, Direct Debit), nonché raccomandare la massima omogeneità di applicazione sulla tratta Customer-to-bank in ambito UE. SSG / SPTF (Standards Support Group / Security of Payments Task Force): la Security of Payments Task Force (SPTF), costituita in ambito EPC, si occupa di definire le raccomandazioni per assicurare la sicurezza nell ambito dei pagamenti. SSG / SPTF EPC SPS EMTF (Standards Support Group / Security of Payments Task Force/ emandate Task Force): la E-Mandate Task Force è stata costituita in ambito EPC per elaborare un modello specifico di gestione del mandato del Direct Debit SEPA in forma elettronica (denominato E-mandate ). ISO - TC68 F.S./ISO (RMG) TC68 (Technical Committee 68 - Financial Services): organismo ISO deputato alla definizione e sviluppo di standard e report tecnici relativi ai servizi finanziari. RMG (Registration Management Group): gruppo costituito in ambito ISO volto alla valutazione delle richieste di registrazione nel Repository ISO degli standard di messaggistica finanziaria; riporta direttamente a TC68. Payments and Trade Services SEG (Standard Evaluation Group): gruppo che si occupa della valutazione tecnica degli standard oggetto di inserimento nel Repository ISO CEN Workshop - e-procurement (European Committee for Standardization): il CEN Workshop plenario relativo alla e-invoice, si occupa di definire principi di alto livello volti a garantire l interoperabilità delle funzioni di fattura elettronica in Europa, a livello normativo, commerciale e di standardizzazione. La finalità del BII3 è stata estesa rispetto alle prime due fasi: infatti i lavori non sono focalizzati esclusivamente sull e-public Procurement ma considerano anche la prospettiva B2B. UN/CEFACT - PDA Supply Chain (Finance & Payments Domain) La United Nation Centre for Trade Facilitation and Electronic Business / Trade & Business Processes Group ha l obiettivo di migliorare la qualità delle organizzazioni di affari, di commercio e amministrative, nelle economie sviluppate e in via di sviluppo, per scambiare efficacemente prodotti e i relativi servizi contribuendo alla crescita del commercio globale. Nell ambito della Programme Development Area denominata Supply Chain (SC), la dott.ssa Liliana Fratini Passi ricopre dal 2012 il ruolo di domain coordinator del dominio Finance & Payments e di Liaison Officer di UN/CEFACT verso ISOTC68, con l obiettivo di ricercare la più estesa integrazione ed interoperabilità nell ambito dei servizi finanziari. IPFA - International Payments Framework Association L International Payment Framework (IPF) è un iniziativa della IPF Association (IPFA) volta a definire un framework comune di regole di business, standard e procedure operative al fine di migliorare i servizi cross-border non urgenti di Credit Transfer, abilitando l interoperabilità tra differenti sistemi domestici e regionali ed assicurando transazioni extra-sepa in modalità STP ed in molteplici valute su scala world-wide. CGI - Common Global Implementation Il Common Global Implementation (CGI) è una community SWIFT, di istituti finanziari e non, che ha l obiettivo di sviluppare implementazioni Corporate-to-Bank, basate sull uso di messaggi ISO 20022, e le relative attività nel dominio dei pagamenti. La mission è diffondere e semplificare l adozione per le aziende di ISO come standard XML comune tra Corporate e Banks. EBA - Euro Banking Association Electronic invoicing working Group (EIWG): Gruppo di lavoro che ha la finalità di realizzare una proposizione concreta e operativa per quanto riguarda lo scambio di fatture elettroniche sia a livello nazionale che cross-border. European e-invoicing Service Providers Association (EESPA): Associazione costituita presso EBA tra providers della fattura elettronica che si pone l obiettivo di definire regole valide per i propri associati e fornire loro altresì una voce nelle commissioni. Multistakeholder Forum Il Consorzio CBI ha preso parte sin dall inizio ai lavori volti alla creazione di un framework europeo in materia di fattura elettronica in quanto membro dell Expert Group on e-invoicing della Commissione Europea. Questa attività riveste carattere strategico per l intero sistema in quanto strettamente legata sia all ambito competitivo dei servizi bancari sia alla integrazione in chiave SEPA sui servizi di pagamento. I lavori, terminati a febbraio del 2010 con il rilascio dello European E-Invoicing Framework Final Report e di cinque raccomandazioni con delega tecnica al CEN, sono ripresi sotto la nuova veste del c.d. Multistakeholder Forum on e-invoicing. L obiettivo del MultiStakeholder Forum resta quello di addivenire ad una diffusione massiva delle soluzioni di fattura elettronica in Europa entro il UNINFO e-business WG Commissione che tratta i temi della normazione nazionale ed internazionale, monitorando i lavori dei forum e consorzi europei ed internazionali sul commercio elettronico (e-business).

15 La compliance del CBI con la SEPA La creazione della Single Euro Payments Area (SEPA) ha l obiettivo di offrire ai cittadini residenti nella comunità europea la possibilità di effettuare pagamenti (Credit Transfer) ed incassi (Direct Debit) a favore di controparti situate in qualsiasi Paese dell area Euro, attraverso l utilizzo di un insieme di strumenti di pagamento armonizzati. All interno della SEPA tutti i pagamenti in Euro sono considerati domestici. Viene pertanto meno invece la distinzione fra pagamenti nazionali e transfrontalieri all interno dell area dell Euro. La SEPA è costituita da: strumenti di pagamento armonizzati (bonifici, addebiti diretti e carte di pagamento); infrastrutture europee per il trattamento dei pagamenti in euro; standard tecnici e prassi operative comuni (ISO XML); base giuridica armonizzata; nuovi servizi in continua evoluzione orientati alla clientela. L organo decisionale e di coordinamento del settore bancario europeo per la creazione della SEPA è l EPC (European Payments Council), il quale ha definito il piano formale che renderà possibile il passaggio graduale dagli strumenti di pagamento nazionali a quelli paneuropei equivalenti. Il Consorzio CBI, oltre a partecipare ai più importanti Gruppi di Lavoro nazionali ed internazionali (UN/CEFACT TBG 5, SEG, CEN, ISO Registration Management Group, ed altri), partecipa, assieme ad altre istituzioni/associazioni, al Comitato Nazionale per la Migrazione alla SEPA, presieduto dall Associazione Bancaria Italiana e dalla Banca d Italia ed avente funzioni di indirizzo e monitoraggio. Il Consorzio supporta le imprese abilitando sia l erogazione dei nuovi servizi XML, sia le procedure di conversione a partire dagli attuali formati legacy, in linea con il Regolamento end-date e le previsioni in deroga di Banca d Italia riguardo all utilizzo obbligatorio del formato XML sulla tratta cliente-banca, tipica dell ambito di operatività del CBI, fino al 1 febbraio Oltre tale data gli ordini massivi dovranno essere necessariamente trasmessi attraverso il formato ISO20022 XML. Inoltre, nell ambito dei lavori sulla SEPA, il Consorzio CBI ha definito, oltre agli AOS (Additional Optional Services) derivanti dalle SCT C2B Implementation Guidelines, specifici AOS di Canale (CBI): Credit Transfer SEPA compliant per la tratta customer-to-bank: il rilascio del servizio di Credit Transfer SEPA compliant ( Disposizioni di pagamento XML ) sul CBI è avvenuto a partire dal 28 gennaio 2008, coerentemente con la prima milestone EPC; Esito verso Ordinante e Beneficiario: le specifiche di tale servizio, compliant al Rulebook di SEPA Credit Transfer e alle relative Implementation Guidelines, sono già state rilasciate da CBI, includendo la comunicazione della data di accettazione al beneficiario. A partire dal 28 gennaio 2008, unitamente al servizio di Credit transfer SEPA compliant, la funzione può essere offerta dai Consorziati aderenti al Consorzio CBI; Extended Remittance Information: tale funzionalità è incorporata nel Credit transfer SEPA compliant garantendo una maggiore ampiezza di informazioni rese disponibili dal canale CBI (cfr. Esito verso Beneficiario) rispetto al vincolo definito nell interbancario SEPA; a novembre 2009 è avvenuta la partenza del SEPA Direct Debit CBI in linea con lo schema basic EPC, suddiviso nelle due distinte componenti Core (B2C) e B2B. Le relative specifiche sono pubblicamente disponibili sul sito web consortile e costantemente aggiornate sulla base delle relative SDD C2B Guidelines pubblicate da EPC. Le imprese riconoscono il ruolo chiave del Servizio CBI in qualità di canale di accesso verso l industria bancaria ed in grado di valorizzare l offerta di AOS evoluti, necessari per rendere la SEPA realmente vantaggiosa per le stesse imprese. Al fine di supportare Consorziati ed imprese nel delicato passaggio alla SEPA, il Consorzio CBI ha pubblicato sul proprio sito apposite FAQ relative al SEPA end date con particolare focus sulle attività del Consorzio CBI.

16 Servizio di Nodo CBI Monitoraggio finanziario e il progetto CAPACI Il progetto CAPACI - Creating Automated Procedures Against Criminal Infiltration of public contracts (CAPACI) rappresenta l evoluzione in chiave internazionale del progetto di Monitoraggio finanziario, il cui modello di servizio, basato sul Servizio di Nodo CBI, è stato sviluppato dal Consorzio CBI su richiesta del Ministero dell Interno e di altri soggetti istituzionali quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la Programmazione ed il Coordinamento della Politica Economica (DIPE), il Ministero Economia e Finanze - Dipartimento del Tesoro, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Comitato di Sorveglianza Grandi Opere, e la Direzione Investigativa Antimafia (DIA). In particolare tali soggetti hanno manifestato l esigenza di monitorare i flussi di natura finanziaria legati alla realizzazione di Grandi Opere pubbliche, sia per acquisire una maggiore conoscenza dell utilizzo del denaro pubblico, ma soprattutto per fornire supporto alle indagini volte a prevenire l infiltrazione della criminalità negli appalti pubblici. Azienda ordinante monitorata Proponente CBI Passivo CBI 1 Invio disposizione con richiesta di esito 2 Inoltro disposizione Invio esito a Istituto Finanziario Proponente dell Azienda ordinante 4 Inoltro esito verso Istituto Finanziario Proponente del GSM 4 5 Inoltro esito verso GSM 6 Inoltro disposizione P.A. 8b Clearing and Settlement 7 Inoltro disposizione 8a 8a Invio rendicontazioni a Istituto Finanziario Proponente GSM Proponente GSM di accredito 8b Invio rendicontazioni a Istituto Finanziario Proponente GSM 9 Inoltro rendicontazioni a GSM 5 GSM 9 8a 7 Workflow servizio di bonifico XML Workflow servizio di esito Workflow servizio di rendicontazione La sperimentazione del Monitoraggio finanziario è stata avviata nel mese di luglio 2009 in merito alla realizzazione della tratta T5 della Metro C di Roma ed è stata estesa grazie al finanziamento erogato dalla Commissione Europea al progetto CAPACI, presentato dal Ministero dell Interno in partnership con il Consorzio CBI e Formez PA alla Variante di Cannitello ed al Grande Progetto Pompei. Nel 2014 inoltre il Ministero dell Interno ed il DIPE hanno avviato i lavori per l estensione della sperimentazione ad una nuova grande opera pubblica: la realizzazione della metropolitana M4 di Milano, per attivare la prima tratta a maggio 2015 per l evento dell EXPO, consentendo un funzionale e conveniente collegamento tra l aeroporto di Linate e Rho Fiera. Per quanto concerne il progetto internazionale, una delegazione italiana composta da DIPE, DIA, Formez e Consorzio CBI ha incontrato le comunità estere (Spagna, Svizzera e Croazia) per diffondere la best practice italiana. Il progetto CAPACI è stato annoverato nella Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo sulla lotta alla corruzione in Italia - presentata a Bruxelles il 3 febbraio come una delle migliori pratiche di gestione in materia di contratti ed appalti pubblici per contrastare la criminalità grazie all invio dei flussi finanziari ad una banca dati monitorata dalle autorità. Con DL 90 del 24/6/2014 il Monitoraggio Finanzario è divenuto obbligatorio per tutti i lavori relativi ad infrastrutture strategiche ed insediamenti produttivi.

17 Servizio di Nodo CBI Fondo Unico Giustizia e tesoreria Gruppo Equitalia Equitalia Giustizia S.p.A., con l obiettivo di razionalizzare la gestione delle somme amministrate dal sistema giustizia nell ambito del Fondo Unico Giustizia - FUG, ed in ottemperanza a quanto previsto dal D.L. 143/2008, convertito nella Legge 181/2008, recante Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario, ha individuato nel Consorzio CBI il soggetto attraverso il quale realizzare, in modalità accentrata, un servizio abilitante il controllo telematico dei rapporti riconducibili al FUG. Nel corso del 2009 il Consorzio CBI ha implementato, attraverso l utilizzo dei servizi di Nodo CBI, una connessione telematica tra Equitalia Giustizia S.p.A e l Industria Bancaria, al fine di consentire a quest ultima di: a. ricevere le rendicontazioni elettroniche dei suddetti rapporti e la misura del tasso attivo a questi applicato; b. movimentarne le disponibilità. Si riporta di seguito una sintesi dei principali adempimenti degli Istituti Finanziari depositari di rapporti FUG. a. Comunicazioni Rapporti Fondo Unico Giustizia Gli Istituti Finanziari CBI inviano ad Equitalia Giustizia le informazioni relative a conti correnti, depositi a risparmio liberi/ vincolati e deposito titoli Equitalia Giustizia SpA c/c giudiziario Nodo CBI c/c giudiziario Anagrafe dei rapporti Rete CBI c/c giudiziario b. Movimentazione rapporti Fondo Unico Giustizia Equitalia Giustizia opera direttamente sui propri conti Equitalia Giustizia SpA c/c giudiziario Nodo CBI c/c giudiziario Anagrafe dei rapporti Rete CBI c/c giudiziario Il Consorzio CBI ha individuato una soluzione architetturale per le tre tipologie di rapporti da rendicontare (conti correnti, depositi a risparmio, depositi titoli), che consente agli Istituti Finanziari italiani l invio delle informazioni richieste secondo tracciati standard tramite canale CBI o caricamento su apposita interfaccia web. Entrambe le modalità di comunicazione sono state messe a disposizione di Equitalia Giustizia dalle funzionalità di Nodo CBI. Per ogni ulteriore approfondimento sul tema si rimanda al portale del Consorzio CBI e al sito web di Equitalia Giustizia alla sezione Fondo Unico Giustizia. Su richiesta della capogruppo Equitalia S.p.A., il Consorzio CBI ha inoltre esteso il servizio alla gestione della tesoreria di tutto il Gruppo Equitalia.

18 Servizio di Nodo CBI Pagamenti da Portale SISTER - Agenzia delle Entrate Il Consorzio CBI ha attivato nel corso del 2010 un progetto con l Agenzia del Territorio (successivamente incorporata nell Agenzia delle Entrate) con l obiettivo di analizzare possibili modalità per ottimizzare il colloquio tra quest ultima e gli Istituti Finanziari. Tale collaborazione rientra nell ambito dell Accordo Quadro tra l ABI e l Agenzia, sottoscritto in data 23 dicembre 2009 e finalizzato ad individuare ed espletare attività di reciproco interesse istituzionale quali, tra le altre, il miglioramento dei dati e dei servizi immobiliari dell Agenzia. Nello specifico, il Consorzio CBI ha attivato con l Agenzia il progetto Pagamenti telematici da portale SISTER con la finalità di realizzare un modello efficiente di cooperazione tra il portale web gestito dall Agenzia e gli istituti finanziari, facilitando l accesso ai servizi finanziari dispositivi ed informativi. Le informazioni utili per i clienti sono disponibili anche sul portale SISTER dell Agenzia delle Entrate (sister.agenziaentrate.gov.it). Il modello di Servizio 2 Invio Richiesta pagamento CBI utente 1 Richiesta servizio Portale SISTER 6 Rilascio servizio Banca dell utente Nodo CBI Servizio CBI 3 Esito CBI 4 Trasferimento fondi 5 Comunicazione avvenuto accredito Banca dell ADT 1 L Utente, verificate le modalità di attivazione del servizio presso il proprio Intermediario (cfr. lista intermediari aderenti di seguito riportata), si collega al Portale SISTER e richiede il pagamento tramite bonifico indicando il c/c sul quale effettuare l addebito e firmando digitalmente l ordine; 2 Il Portale SISTER compone la richiesta di pagamento secondo lo standard CBI Disposizioni di pagamento XML SEPA e tramite il Servizio di Nodo CBI la invia all Intermediario indicato dall Utente verificando che quest ultimo sia aderente al servizio; 3 L Intermediario dell Utente esegue l operazione di addebito del c/c dell Utente, eseguendo eventuali ulteriori controlli sulla disposizione ritenuti opportuni secondo policy interne ed invia l esito di avvenuto addebito al Portale SISTER tramite il Servizio di Nodo CBI nel formato previsto dalla funzione Esiti di addebito bonifico/distinta ordinario XML verso l Ordinante ; 4 L Intermediario dell Utente esegue il bonifico verso l Intermediario di Accredito; 5 L Intermediario di Accredito comunica al Portale SISTER l avvenuta ricezione fondi; 6 Il Portale SISTER rilascia all Utente il servizio richiesto. La lista aggiornata dei Consorziati aderenti è disponibile sul portale del Consorzio CBI.

19 Servizio di Nodo CBI Certificazione Crediti In attuazione della normativa vigente, nel corso del 2012 il Ministero dell Economia e Finanze (MEF) ha realizzato una Piattaforma elettronica per la Certificazione dei Crediti per consentire ai Creditori della P.A. di richiedere la certificazione dei crediti relativi a somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti e di tracciare le eventuali successive operazioni di anticipazione, compensazione, cessione e pagamento, a valere sui crediti certificati. La Convenzione sottoscritta in data 22 ottobre 2012 tra l Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF), ha quindi definito le modalità di accesso da parte delle banche e degli intermediari finanziari alla suddetta piattaforma elettronica con l obiettivo di: verificare la sussistenza della Certificazione, l autenticità della certificazione, il relativo importo nonché che il credito non sia già stato oggetto di cessione/anticipazione da parte di altri intermediari ovvero in parte pagato o compensato da parte della PA; segnalare - in caso di cessione di tali crediti - alla PA l acquisto della titolarità del credito o in caso di anticipazione, l acquisizione di un mandato irrevocabile all incasso; consentire alle banche e gli intermediari finanziari di effettuare, per nome e per conto del creditore della PA, le operazioni necessarie per ottenere la certificazione del credito. Il Consorzio CBI è stato individuato quale interfaccia di cui si potranno avvalere i soggetti erogatori (banche e intermediari finanziari) per collegarsi alla piattaforma elettronica del MEF. In particolare il Consorzio CBI, in accordo con Sogei S.p.A. (società di cui si avvale il MEF), ha individuato una soluzione tecnica abilitante l accesso alla piattaforma MEF da parte dei soggetti erogatori. La soluzione individuata prevede l interfacciamento dei Soggetti Erogatori con la Piattaforma MEF per il tramite dei Servizi di Nodo CBI. Il Nodo CBI si configura pertanto come punto di accesso alla Piattaforma MEF per i Soggetti Erogatori, occupandosi del colloquio telematico con la stessa. Al Nodo CBI i Soggetti Erogatori possono collegarsi tramite la Rete CBI, in conformità ai servizi attualmente operativi. I Soggetti Erogatori non Consorziati potranno accedere al Servizio per il tramite di uno dei Consorziati abilitati. Di seguito si riporta una sintetica rappresentazione del modello di servizio di Anticipo e cessione di crediti certificati: Rete CBI Azienda creditrice Soggetto erogatore del credito Piattaforma MEF Richiesta anticipo/cessione 1 Aggiornamento 4 Erogazione credito 2 Comunicazione anticipo/cessione 5 credito PA debitrice 3 Conferma anticipo/cessione Verifica credito Il Servizio di Nodo CBI per l Accesso alla Piattaforma Certificazione Crediti del MEF, attivo dal 10 aprile 2013, abilita quindi ad oggi tutti gli Istituti Finanziari italiani, siano essi Consorziati o meno: alla visualizzazione dei dati relativi ai crediti commerciali verso le Pubbliche Amministrazioni certificati dalle stesse, alla comunicazione dell anticipo o cessione degli stessi (cioè segnalazione - in caso di cessione di tali crediti - alla PA l acquisto della titolarità del credito o in caso di anticipazione, l acquisizione di un mandato irrevocabile all incasso). La lista aggiornata dei Consorziati aderenti è disponibile sul portale del Consorzio CBI.

20 Servizio di Nodo CBI Anagrafe Tributaria Nel contesto normativo che prevede obblighi di comunicazione dell industria bancaria all Anagrafe Tributaria, il Consorzio CBI è uno dei Nodi abilitati al colloquio telematico con Sogei S.p.A, quest ultima operante per conto dell Agenzia delle Entrate, nella collezione dei dati sensibili oggetto della normativa in materia. Gli Operatori Finanziari sono destinatari di molteplici obblighi di segnalazione all Anagrafe tributaria che rappresenta uno strumento conoscitivo, per attività ricognitive e di controllo, su tutti i soggetti in essa censiti, persone fisiche o meno in possesso di codice fiscale. La creazione di questa banca dati, ed in particolare di una sezione in esso contenuta denominata Archivio dei Rapporti Finanziari, consente alle istituzioni preposte di accedere in tempi rapidi alle notizie relative ai soggetti da controllare, individuando immediatamente con quali banche o operatori finanziari questi intrattengono rapporti. Il servizio facoltativo Trasmissione comunicazioni Anagrafe Tributaria nasce quindi dall esigenza di fornire agli Operatori Finanziari CBI la possibilità di inviare le comunicazioni relative ai saldi e movimenti annuali dei rapporti di conto all Agenzia delle Entrate per il tramite del Servizio di Nodo CBI, che consente agli Istituti Consorziati CBI di adempiere agli obblighi informativi introdotti dal Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 25 marzo 2013 n. 2013/ Nel citato provvedimento e relativi allegati è descritto il modello previsto affinché un Operatore Finanziario possa inviare le comunicazioni dei saldi annuali dei rapporti di conto all Agenzia delle Entrate per il tramite del Sistema di Interscambio Dati (SID). Il modello di Servizio AMBITO DI OPERATIVITÀ DEL NODO CBI Agenzia delle Entrate Invio dati rapporti firmato + cifrato 1b 1a Inoltro flusso dati 2 Inoltro esiti Inoltro esiti 3 Invio esiti Nodo CBI 4a CBI 4b Operatori Finanziari In particolare, in tale modello si possono individuare quattro attori che interagiscono tra loro, con caratteristiche differenti in funzione del ruolo svolto nel processo: Operatori Finanziari: i soggetti obbligati che intendono utilizzare la piattaforma SID per la trasmissione delle comunicazioni; Nodi di interscambio: gli operatori finanziari possono avvalersi di Intermediari per il collegamento al Sistema di Interscambio Dati; Sistema di Interscambio Dati: presidia il processo di ricezione e successivo inoltro delle comunicazioni all Agenzia delle Entrate; Agenzia delle Entrate: è il destinatario delle comunicazioni che transitano dal Sistema di Interscambio Dati. Al fine di consentire ad un Operatore Finanziario CBI di inviare il file, opportunamente firmato e crittografato, relativo ai saldi dei rapporti, verso l Agenzia delle Entrate per il tramite della propria Banca Proponente CBI (che può coincidere con l Operatore stesso), è stato definito un modello architetturale che vede il Nodo CBI assumere il ruolo di gateway tra la Rete CBI ed il Sistema d Interscambio Dati.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti Schema SEPA per gli addebiti diretti Beneficiari Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base e SEPA per gli addebiti diretti B2B (SEPA Core e B2B Direct Debit) per beneficiari di pagamenti

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE

SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE Allegato A alle "Linee guida per l'effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento Versione 1.0, 16 febbraio 2010 Indice 1 Premessa... 7 1.1 Contenuti di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Sistema di compensazione BI-COMP

Sistema di compensazione BI-COMP Sistema di compensazione BI-COMP Guida per gli operatori Febbraio 2014 I N D I C E SEZIONE A IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP CAPITOLO I - IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP... 9 1.LINEAMENTI GENERALI...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2 Prevenzione dei rischi software in ambito finanziario. L esperienza del Gruppo SIA Armando Bolzoni, direttore Software Factory SIA SpA SIA Chi siamo SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SPECIFICHE ATTUATIVE DEL NODO DEI PAGAMENTI-SPC

SPECIFICHE ATTUATIVE DEL NODO DEI PAGAMENTI-SPC SPECIFICHE ATTUATIVE DEL NODO DEI PAGAMENTI-SPC Allegato B alle "Linee guida per l'effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi" Versione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli