Il Consorzio CBI. I Consorziati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consorzio CBI. I Consorziati"

Transcript

1 Il Consorzio CBI Il Consorzio CBI, creato sotto l egida dell Associazione Bancaria Italiana, gestisce il Servizio CBI, il Servizio CBILL e i servizi di Nodo, definendone le regole e gli standard tecnico-normativi in ambito cooperativo; l infrastruttura tecnica messa a disposizione dal Consorzio CBI permette l interconnessione e il colloquio telematico degli Istituti Finanziari Consorziati con la loro clientela per l erogazione di servizi, in un ottica di interoperabilità a livello nazionale ed internazionale. Inoltre, il Consorzio CBI certifica i Soggetti Tecnici che abilitano l accesso all infrastruttura di Rete per assicurare la massima qualità dei servizi offerti, oltre a realizzare attività informative e formative per migliorare la conoscenza dei servizi da parte di tutti gli stakeholder. La peculiarità delle attività realizzate fanno del Consorzio CBI una best practice riconosciuta a livello internazionale. I Consorziati Possono partecipare al Consorzio tutti gli Intermediari Finanziari e gli altri soggetti autorizzati ad operare, sulla base delle proprie leggi nazionali e delle regole europee, nell area dei servizi di pagamento in Italia e nel territorio dell Unione Europea. La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 1

2 La struttura organizzativa del Consorzio CBI ASSEMBLEA CONSIGLIO DIRETTIVO DIRETTORE GENERALE STAKEHOLDER FORUM BUSINESS E OPERATION DILIGENCE E COMPLIANCE MARKETING COMUNICAZIONE ED EVENTI STANDARD E ARCHITETTURA 2 Consorzio CBI

3 Ai Gruppi di Lavoro partecipano specialisti finanziari e tecnici appartenenti ai principali Istituti Finanziari consorziati e alle Strutture Tecniche Delegate. GdL Business Cross Border GdL Business GdL Marketing e Comunicazione GdL Standard GdL F24-CBI GdL Governance GdL Normativa GdL Architettura Il Consorzio CBI partecipa a Working Group ed Organismi Internazionali al fine di condividere gli indirizzi di sistema finalizzati a garantire la massima compliance con lo scenario internazionale. EBA - Euro Banking Association Multistakeholder Forum IPFA - International Payments Framework Association EPC - European Payment Council CGI - Common Global Implementation ISO TC68 F.S. - ISO (RMG) CEN WS e-procurement CEN PC-434 UN/CEFACT - PDA Supply Chain (Finance & Payments Domain) UNINFO e-business WG Il Consorzio CBI partecipa ai principali tavoli istituzionali italiani per lo sviluppo delle infrastrutture di interconnessione tra la Pubblica Amministrazione e l Industria Bancaria Italiana. La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 3

4 I nostri Valori Determinazione Coraggio Disponibilità Eccellenza Appartenenza Lungimiranza 4 Consorzio CBI

5 La Rete CBI La Rete CBI, gestita in modalità peer-topeer ovvero di comunicazione diretta tra i Consorziati, si basa su standard XML, e permette di soddisfare le esigenze di riconciliazione, tracciatura, sicurezza e velocità. Lo scambio di flussi nella Rete CBI può avvenire non solo tra imprese e Istituti Finanziari, ma anche tra le stesse imprese del circuito CBI per il tramite dei rispettivi Istituti Finanziari nel ruolo di proponenti del servizio. L autenticità e l integrità dei flussi immessi in rete è garantita inoltre dalla possibilità di utilizzo della firma digitale in linea con quanto previsto dalla normativa vigente, tramite l impiego di Certificatori accreditati nell apposito Elenco dei Certificatori CBI. Al fine di poter offrire ai Consorziati servizi sempre più innovativi e allineati ai nuovi scenari di mercato, il Consorzio CBI ha sviluppato una Rete Online CBI, come nuova partizione logica della Rete CBI, caratterizzata dall utilizzo di una tecnologia basata su web services. Tali servizi vengono offerti dai Consorziati in modalità competitiva ai propri clienti (Imprese/P.A./ Cittadini). Il Servizio CBI Il Servizio CBI consente a ciascun cliente mono/ multibancarizzato di selezionare uno solo tra i propri Istituti Finanziari (che viene definito Proponente) per effettuare operazioni di tesoreria con tutti gli altri Istituti Finanziari con cui intrattiene rapporto di conto corrente (definiti Passivi). Il Servizio CBI è commercializzato dagli Istituti Finanziari Consorziati in modalità competitiva, nel rispetto delle regole definite in La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 5

6 seno al Consorzio CBI secondo un principio di white labeling. Il Servizio CBI contempla oltre 40 funzioni di incasso, pagamento, informativa e di gestione documentale basate su standard CBI, integrabili tra loro e che rappresentano l offerta che l consorziato presenta alla propria clientela. Area 1 - Cliente - Proponente Area 3 - Interbancaria per Clearing and Settlement Impresa / P.A. Proponente Area 2 - Interbancaria sottoposta a governance CBI Passivo Destinatario Passivo Impresa / P.A. Proponente Clearing and Settlement DIRECTORY COMMUNITY CBI Passivo Destinatario Impresa / P.A. Impresa / P.A. Impresa / P.A. Impresa / P.A. (E2E) 6 Consorzio CBI

7 Il Servizio CBILL cbill Gli attuali servizi di pagamento online delle bollette consentono al cliente di pagare cbill solo quelle delle aziende/pa che hanno sottoscritto specifici accordi con l Istituto Finanziario del cliente stesso. Con il Servizio CBILL tutti i privati/aziende che hanno un conto online presso un qualsiasi Istituto Finanziario possono consultare e pagare online le bollette di tutte le aziende/pa che hanno aderito al CBILL. CBILL permette ai Fatturatori di mettere a disposizione elettronicamente i dati delle bollette ai propri clienti retail, corporate e PA, che potranno pagarle in logica multicanale (Internet Banking, ATM, mobile, ecc.). Gli Intermediari possono inoltre offrire alla propria clientela ulteriori funzionalità competitive associate al Servizio CBILL. Informazioni dettagliate sono disponibili sul sito Utente Mobile Home Banking ATM 1 Richiesta visualizzazione bolletta 2 Richiesta dati bolletta 2 Richiesta dati bolletta 2 Richiesta dati bolletta Fatturatore 4 Visualizzazione bolletta 3 Invio dati bolletta 3 Invio dati bolletta 3 Invio dati bolletta 5 Iniziazione pagamento bolletta Intermediario dell Utente Allineamento posizioni debitorie/creditorie Fornitore del Servizio 6 Aggiornamento dati bolletta Rete Online CBI La gestione dei servizi a supporto dell interazione Istituti Finanziari-Pubblica Amministrazione-Imprese-Cittadini 7

8 Il Nodo CBI Dal 2009 il Consorzio CBI, in qualità di soggetto super partes rappresentante dei Consorziati, permette l interfacciamento delle Pubbliche Amministrazioni Centrali con l Industria Bancaria. Attraverso il Nodo CBI gli Enti Pubblici Centrali possono infatti agevolmente accedere in modalità telematica a servizi bancari dispositivi, informativi e di gestione documentale. La flessibilità del servizio consente inoltre di soddisfare esigenze peculiari della Pubblica Amministrazione sviluppando progetti ad hoc la cui interoperabilità è garantita da e verso l Industria Bancaria. Nodo dei Pagamenti SPC Aziende P.A. Centrale e P.A. Locali Nodo CBI Rete CBI Istituti Finanziari P.A. Centrale P.A. Locali 8 Consorzio CBI

9 I trend di crescita del Servizio CBI A fine 2013, risultano consorziati 600 Istituti Finanziari, tra cui Poste Italiane e CartaLis. Queste istituzioni finanziarie rappresentano l 86,8% dell industria bancaria italiana e il 100% delle banche che offrono servizi di corporate banking. Oltre 1,2 milioni di aziende sono contrattualizzate in base alla normativa CBI, di queste sono censite sul Directory CBI; la restante parte ha quindi rapporti monobanca ovvero viene gestita in modalità intra-pool. Tali utenti, seppure non censiti direttamente sul Directory, rappresentano un interessante target per l offerta di servizi di gestione documentale. Per quanto riguarda la distribuzione geografica degli utenti CBI, si evince chiaramente una diffusione capillare al Nord (66,6% del totale) con una preponderanza delle regioni del Nord-Ovest. Consorziati (%dell intera industria bancaria) 88,2% Utenti 88% 87% 86,3% 87,2% 87,4% 87,1% % 85,6% 85,6% 85,3% % CAGR 1,6% CAGR 6% % Distribuzione geografica Utenti CBI 7% 4% 4% 37% Ordini di incasso/ordini di pagamento % Centro RI.BA Nord Est RID Nord Ovest MAV 31% Sud e Isole DISP. PAG. Per quanto riguarda le disposizioni di incasso e di pagamento, i dati disponibili mostrano complessivamente una generale tendenza positiva , a cui è legato anche l ulteriore sviluppo del Servizio CBI. Infine, al 31 dicembre 2013, i volumi di traffico delle informazioni contabili in termini di numero di righe di estratto conto transitate sono risultati pari a , in aumento rispetto all anno 2012 (+10%). Per ogni ulteriore approfondimento sulle statistiche di sistema del CBI, si rimanda alla lettura del dettagliato Report statistico CBI, disponibile sul portale web del Consorzio nella sezione Statistiche.

10 Il Servizio CBI e le sue Funzioni Nella tabella sono riportate tutte le Funzioni CBI ad oggi disponibili ed in fase di sviluppo. Funzioni tradizionali Servizi domestici SEPA compliant Nuovi servizi cross border Gestione documentale Invio/ricezione E2E documenti strutturati e non strutturati tra aziende aderenti al Nuovo CBI Anticipo Fatture Invio Fattura PA Incassi/ Pagamenti Disp. ed esito per RID e RiBa Disp.ed esito per MAV AEA-RID Servizio bollettino bancario Trasferibilità RID Bonifico Italia e Bonifico estero Esito Bonifico F24 (con quietanza telematica) Market Place Bonifico ordinario XML SEPA Esito bonifico verso Ordinante e Beneficiario Incassi SEPA Direct Debit AOS SEDA Avvisatura bonifico in entrata ed istruzioni di utilizzo Bonifico XML estero Informativa Rendicontazione periodica di movimenti e saldi C/C Rendicontazione dossier Titoli Rendicontazione conti anticipi Avvisatura e pagamento effetti Allineamento Elettronico IBAN Rendicontazione di Portafoglio Rendicontazione strutturata Rendicontazione saldi intraday Rendicontazione contabile bonifici esteri Il Servizio CBILL Consultazione e pagamento bollette

11 Servizio Pagamento F24 CBI Il servizio di Pagamento F24 CBI consente a ciascun contribuente, dotato di un sistema informatico collegato al proprio, di eseguire i pagamenti delle imposte tramite collegamento remoto e di ricevere, sempre in remoto, le attestazioni di conferma degli avvenuti pagamenti. Modello funzionale del servizio Pagamento F24 CBI Istituti Finanziari Passivi 5 Aziende/Contribuenti Utente (Commercialisti, Associazioni di categoria, Consulenti,...) Istituto Finanziario Proponente BANCA D ITALIA AGENZIA DELLE ENTRATE 1 Il contribuente predispone direttamente, o per il tramite di un utente CBI autorizzato (Commercialisti, Associazioni di categoria, Consulenti), le deleghe F24 da trasmettere per l esecuzione dei pagamenti attraverso un proprio sistema informatico; 2 L utente, cliente CBI, invia i dati dei pagamenti da eseguire all proponente 1 ; 3 L proponente, previa attività diagnostica (da parte del software di connessione) sulle deleghe elettroniche acquisite, invia i dati destinati agli Istituti Finanziari passivi e trattiene, per le successive operazioni, le deleghe F24 di propria competenza; 4 L passivo, ricevuti i dati, deve inviare al mittente, per il tramite dell proponente, la conferma di ricezione del flusso telematico, strutturata secondo quanto previsto per lo standard CBI 2 ; 5 L passivo deve inoltre: a. controllare la completezza e la correttezza dei dati delle deleghe F24 ed inviare all utente CBI per il tramite dell proponente le informazioni relative a quelle accettate e rifiutate; b. controllare eventuali richieste di revoca ed inviare all utente CBI per il tramite dell proponente le informazioni relative alle revoche accettate e rifiutate; 6 L passivo trasmette telematicamente all utente, per il tramite dell proponente, le attestazioni elettroniche delle deleghe F24 regolarmente pagate e gli estremi delle deleghe F24 non pagate. Il rilascio delle attestazioni elettroniche agli utenti deve essere effettuato dall passivo che ha eseguito il pagamento in quanto delegato dai singoli contribuenti; 7 L passivo esegue i pagamenti per tutte le deleghe F24 risultate corrette, riversa le somme in Banca d Italia e invia le informazioni di dettaglio all Agenzia delle Entrate. 1 Il servizio prevede attualmente un limite temporale per la trasmissione delle deleghe fissato per le ore 24 del giorno di scadenza di legge. 2 Il messaggio di esito sarà disponibile entro le ore 17 se il flusso viene inviato entro le ore 11, altrimenti entro le 11 del giorno seguente.

12 La funzione Fattura Elettronica CBI Funzionamento generale e servizi correlati La Fattura Elettronica rappresenta l anello di congiunzione tra i processi amministrativi ed i processi finanziari, consentendo una completa integrazione dell intero ciclo ordine-consegna-fatturazione pagamento. L adozione della Fattura Elettronica può spingere le organizzazioni verso elevati livelli di efficienza e competitività favorendo la riduzione dei costi e un miglioramento complessivo dell efficacia e qualità dei processi. Tra le funzioni offerte dai Consorziati ai clienti, riveste pertanto particolare importanza il servizio di Invio end-to-end di documentazione strutturata (Fattura Elettronica), appartenente all Area dei servizi di Gestione Documentale. Tale funzione è stata definita sulla base di standard riconosciuti a livello internazionale (tra i quali la messaggistica finanziaria XML definita dallo standard ISO ed i business requirements UN/CEFACT) garantendo la piena interoperabilità tra i formati adottati dalle diverse comunità finanziarie. Alla Fattura Elettronica possono essere connessi altri servizi più tipicamente finanziari, quali ad esempio le funzioni CBI di Richiesta Anticipo Fatture, di pagamento SEPA (es. Credit Transfer), di anticipo/cessione di crediti certificati, nonché ulteriori servizi offerti competitivamente dagli Istituti Finanziari, quali l archiviazione a norma, la gestione delle dispute, i crediti documentari, etc. L integrazione tra fattura e pagamenti/finanziamenti consente, oltre ad una accresciuta celerità e semplificazione dei processi, un sensibile risparmio, che può arrivare fino al 70-80% rispetto alla tradizionale fattura cartacea ed ai relativi costi di gestione. Il modello di Servizio Riconciliazione fattura e pagamento Acquirente/ Debitore Proponente del Debitore Passivo del Debitore COMPENSAZIONE E REGOLAMENTO Riconciliazione fattura e pagamento Venditore/ Creditore Proponente del Creditore Passivo del Creditore Fattura elettronica Pagamenti Esiti Rendicontazione Richiesta Anticipo Fattura

13 La Fattura Elettronica e la Pubblica Amministrazione In relazione all obbligo per le imprese fornitrici della Pubblica Amministrazione di utilizzo di Fattura Elettronica, il Consorzio CBI rappresenta un ulteriore canale di efficienza nel processo di dialogo tra aziende e P.A. Il tema della fatturazione elettronica obbligatoria nei rapporti tra operatori economici e Pubbliche Amministrazioni, anche ad ordinamento autonomo, ha conosciuto una prima importante statuizione normativa con la l. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge Finanziaria per il 2008). Tale legge, nello stabilire detto obbligo di fatturazione elettronica per coloro che prestano servizi o vendono beni alle Pubbliche Amministrazioni, ha peraltro subordinato l entrata in vigore di tale obbligo alla emanazione di due distinti provvedimenti attuativi, il primo dei quali è stato emanato il 7 marzo 2008 con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze (che ha individuato in SOGEI il gestore del sistema di interscambio della fatturazione elettronica nonché le relative attribuzioni e competenze) ed il secondo il 3 aprile 2013, n. 55, sempre con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze. A disciplinare i termini previsti per l effettiva attuazione dell obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione, è intervenuto anche il recente D.L. del 24/4/2014 n. 66 (cd. Decreto Irpef 2014) che ha stabilito gli obblighi anche per le Amministrazioni diverse da quelle centrali. Alla luce di tali riferimenti normativi: 1. dal 6 giugno 2014: obbligo di fatturazione elettronica nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali, Enti nazionali di previdenza ed assistenza sociale; 2. dal 31 marzo 2015: obbligo nei confronti di tutte le restanti amministrazioni. Per ulteriori informazioni si rimanda al sito istituzionale Il Consorzio CBI ha definito un modello architetturale che permette la trasmissione, e quindi l emissione, delle fatture elettroniche verso le Pubbliche Amministrazioni attraverso la Rete CBI. In particolare, la funzione CBI Fattura PA consente ad un Consorziato di interfacciarsi con il Sistema di Interscambio (SdI) per: l invio di fatture elettroniche per conto dei propri clienti (aziende creditrici delle Pubbliche Amministrazioni); la ricezione di fatture elettroniche per conto delle proprie clienti Pubbliche Amministrazioni debitrici. Fornitore PA PSP CBI PSP CBI PA PSP CBI PA SdI Nodo CBI PA Utente CBI PSP CBI PA Fattura Elettronica verso PA Utente CBI Fattura Elettronica verso PA non Utente CBI PA

14 Il CBI nel contesto internazionale Il CBI ha instaurato rapporti con vari stakeholder e decision maker in ambito nazionale ed internazionale, al fine di condividere gli indirizzi di sistema finalizzati a garantire la massima compliance con lo scenario internazionale. Il costante monitoraggio all interno di consessi riconosciuti ed operanti a livello globale si traduce nella partecipazione a: EPC - European Payment Council SPS STF (SEPA Payment Scheme Standard Task Force): Task Force costituita in ambito SEPA avente l obiettivo di manutenere le linee guida e gli standard della SEPA (Credit Transfer, Direct Debit), nonché raccomandare la massima omogeneità di applicazione sulla tratta Customer-to-bank in ambito UE. SSG / SPTF (Standards Support Group / Security of Payments Task Force): la Security of Payments Task Force (SPTF), costituita in ambito EPC, si occupa di definire le raccomandazioni per assicurare la sicurezza nell ambito dei pagamenti. SSG / SPTF EPC SPS EMTF (Standards Support Group / Security of Payments Task Force/ emandate Task Force): la E-Mandate Task Force è stata costituita in ambito EPC per elaborare un modello specifico di gestione del mandato del Direct Debit SEPA in forma elettronica (denominato E-mandate ). ISO - TC68 F.S./ISO (RMG) TC68 (Technical Committee 68 - Financial Services): organismo ISO deputato alla definizione e sviluppo di standard e report tecnici relativi ai servizi finanziari. RMG (Registration Management Group): gruppo costituito in ambito ISO volto alla valutazione delle richieste di registrazione nel Repository ISO degli standard di messaggistica finanziaria; riporta direttamente a TC68. Payments and Trade Services SEG (Standard Evaluation Group): gruppo che si occupa della valutazione tecnica degli standard oggetto di inserimento nel Repository ISO CEN Workshop - e-procurement (European Committee for Standardization): il CEN Workshop plenario relativo alla e-invoice, si occupa di definire principi di alto livello volti a garantire l interoperabilità delle funzioni di fattura elettronica in Europa, a livello normativo, commerciale e di standardizzazione. La finalità del BII3 è stata estesa rispetto alle prime due fasi: infatti i lavori non sono focalizzati esclusivamente sull e-public Procurement ma considerano anche la prospettiva B2B. UN/CEFACT - PDA Supply Chain (Finance & Payments Domain) La United Nation Centre for Trade Facilitation and Electronic Business / Trade & Business Processes Group ha l obiettivo di migliorare la qualità delle organizzazioni di affari, di commercio e amministrative, nelle economie sviluppate e in via di sviluppo, per scambiare efficacemente prodotti e i relativi servizi contribuendo alla crescita del commercio globale. Nell ambito della Programme Development Area denominata Supply Chain (SC), la dott.ssa Liliana Fratini Passi ricopre dal 2012 il ruolo di domain coordinator del dominio Finance & Payments e di Liaison Officer di UN/CEFACT verso ISOTC68, con l obiettivo di ricercare la più estesa integrazione ed interoperabilità nell ambito dei servizi finanziari. IPFA - International Payments Framework Association L International Payment Framework (IPF) è un iniziativa della IPF Association (IPFA) volta a definire un framework comune di regole di business, standard e procedure operative al fine di migliorare i servizi cross-border non urgenti di Credit Transfer, abilitando l interoperabilità tra differenti sistemi domestici e regionali ed assicurando transazioni extra-sepa in modalità STP ed in molteplici valute su scala world-wide. CGI - Common Global Implementation Il Common Global Implementation (CGI) è una community SWIFT, di istituti finanziari e non, che ha l obiettivo di sviluppare implementazioni Corporate-to-Bank, basate sull uso di messaggi ISO 20022, e le relative attività nel dominio dei pagamenti. La mission è diffondere e semplificare l adozione per le aziende di ISO come standard XML comune tra Corporate e Banks. EBA - Euro Banking Association Electronic invoicing working Group (EIWG): Gruppo di lavoro che ha la finalità di realizzare una proposizione concreta e operativa per quanto riguarda lo scambio di fatture elettroniche sia a livello nazionale che cross-border. European e-invoicing Service Providers Association (EESPA): Associazione costituita presso EBA tra providers della fattura elettronica che si pone l obiettivo di definire regole valide per i propri associati e fornire loro altresì una voce nelle commissioni. Multistakeholder Forum Il Consorzio CBI ha preso parte sin dall inizio ai lavori volti alla creazione di un framework europeo in materia di fattura elettronica in quanto membro dell Expert Group on e-invoicing della Commissione Europea. Questa attività riveste carattere strategico per l intero sistema in quanto strettamente legata sia all ambito competitivo dei servizi bancari sia alla integrazione in chiave SEPA sui servizi di pagamento. I lavori, terminati a febbraio del 2010 con il rilascio dello European E-Invoicing Framework Final Report e di cinque raccomandazioni con delega tecnica al CEN, sono ripresi sotto la nuova veste del c.d. Multistakeholder Forum on e-invoicing. L obiettivo del MultiStakeholder Forum resta quello di addivenire ad una diffusione massiva delle soluzioni di fattura elettronica in Europa entro il UNINFO e-business WG Commissione che tratta i temi della normazione nazionale ed internazionale, monitorando i lavori dei forum e consorzi europei ed internazionali sul commercio elettronico (e-business).

15 La compliance del CBI con la SEPA La creazione della Single Euro Payments Area (SEPA) ha l obiettivo di offrire ai cittadini residenti nella comunità europea la possibilità di effettuare pagamenti (Credit Transfer) ed incassi (Direct Debit) a favore di controparti situate in qualsiasi Paese dell area Euro, attraverso l utilizzo di un insieme di strumenti di pagamento armonizzati. All interno della SEPA tutti i pagamenti in Euro sono considerati domestici. Viene pertanto meno invece la distinzione fra pagamenti nazionali e transfrontalieri all interno dell area dell Euro. La SEPA è costituita da: strumenti di pagamento armonizzati (bonifici, addebiti diretti e carte di pagamento); infrastrutture europee per il trattamento dei pagamenti in euro; standard tecnici e prassi operative comuni (ISO XML); base giuridica armonizzata; nuovi servizi in continua evoluzione orientati alla clientela. L organo decisionale e di coordinamento del settore bancario europeo per la creazione della SEPA è l EPC (European Payments Council), il quale ha definito il piano formale che renderà possibile il passaggio graduale dagli strumenti di pagamento nazionali a quelli paneuropei equivalenti. Il Consorzio CBI, oltre a partecipare ai più importanti Gruppi di Lavoro nazionali ed internazionali (UN/CEFACT TBG 5, SEG, CEN, ISO Registration Management Group, ed altri), partecipa, assieme ad altre istituzioni/associazioni, al Comitato Nazionale per la Migrazione alla SEPA, presieduto dall Associazione Bancaria Italiana e dalla Banca d Italia ed avente funzioni di indirizzo e monitoraggio. Il Consorzio supporta le imprese abilitando sia l erogazione dei nuovi servizi XML, sia le procedure di conversione a partire dagli attuali formati legacy, in linea con il Regolamento end-date e le previsioni in deroga di Banca d Italia riguardo all utilizzo obbligatorio del formato XML sulla tratta cliente-banca, tipica dell ambito di operatività del CBI, fino al 1 febbraio Oltre tale data gli ordini massivi dovranno essere necessariamente trasmessi attraverso il formato ISO20022 XML. Inoltre, nell ambito dei lavori sulla SEPA, il Consorzio CBI ha definito, oltre agli AOS (Additional Optional Services) derivanti dalle SCT C2B Implementation Guidelines, specifici AOS di Canale (CBI): Credit Transfer SEPA compliant per la tratta customer-to-bank: il rilascio del servizio di Credit Transfer SEPA compliant ( Disposizioni di pagamento XML ) sul CBI è avvenuto a partire dal 28 gennaio 2008, coerentemente con la prima milestone EPC; Esito verso Ordinante e Beneficiario: le specifiche di tale servizio, compliant al Rulebook di SEPA Credit Transfer e alle relative Implementation Guidelines, sono già state rilasciate da CBI, includendo la comunicazione della data di accettazione al beneficiario. A partire dal 28 gennaio 2008, unitamente al servizio di Credit transfer SEPA compliant, la funzione può essere offerta dai Consorziati aderenti al Consorzio CBI; Extended Remittance Information: tale funzionalità è incorporata nel Credit transfer SEPA compliant garantendo una maggiore ampiezza di informazioni rese disponibili dal canale CBI (cfr. Esito verso Beneficiario) rispetto al vincolo definito nell interbancario SEPA; a novembre 2009 è avvenuta la partenza del SEPA Direct Debit CBI in linea con lo schema basic EPC, suddiviso nelle due distinte componenti Core (B2C) e B2B. Le relative specifiche sono pubblicamente disponibili sul sito web consortile e costantemente aggiornate sulla base delle relative SDD C2B Guidelines pubblicate da EPC. Le imprese riconoscono il ruolo chiave del Servizio CBI in qualità di canale di accesso verso l industria bancaria ed in grado di valorizzare l offerta di AOS evoluti, necessari per rendere la SEPA realmente vantaggiosa per le stesse imprese. Al fine di supportare Consorziati ed imprese nel delicato passaggio alla SEPA, il Consorzio CBI ha pubblicato sul proprio sito apposite FAQ relative al SEPA end date con particolare focus sulle attività del Consorzio CBI.

16 Servizio di Nodo CBI Monitoraggio finanziario e il progetto CAPACI Il progetto CAPACI - Creating Automated Procedures Against Criminal Infiltration of public contracts (CAPACI) rappresenta l evoluzione in chiave internazionale del progetto di Monitoraggio finanziario, il cui modello di servizio, basato sul Servizio di Nodo CBI, è stato sviluppato dal Consorzio CBI su richiesta del Ministero dell Interno e di altri soggetti istituzionali quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la Programmazione ed il Coordinamento della Politica Economica (DIPE), il Ministero Economia e Finanze - Dipartimento del Tesoro, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Comitato di Sorveglianza Grandi Opere, e la Direzione Investigativa Antimafia (DIA). In particolare tali soggetti hanno manifestato l esigenza di monitorare i flussi di natura finanziaria legati alla realizzazione di Grandi Opere pubbliche, sia per acquisire una maggiore conoscenza dell utilizzo del denaro pubblico, ma soprattutto per fornire supporto alle indagini volte a prevenire l infiltrazione della criminalità negli appalti pubblici. Azienda ordinante monitorata Proponente CBI Passivo CBI 1 Invio disposizione con richiesta di esito 2 Inoltro disposizione Invio esito a Istituto Finanziario Proponente dell Azienda ordinante 4 Inoltro esito verso Istituto Finanziario Proponente del GSM 4 5 Inoltro esito verso GSM 6 Inoltro disposizione P.A. 8b Clearing and Settlement 7 Inoltro disposizione 8a 8a Invio rendicontazioni a Istituto Finanziario Proponente GSM Proponente GSM di accredito 8b Invio rendicontazioni a Istituto Finanziario Proponente GSM 9 Inoltro rendicontazioni a GSM 5 GSM 9 8a 7 Workflow servizio di bonifico XML Workflow servizio di esito Workflow servizio di rendicontazione La sperimentazione del Monitoraggio finanziario è stata avviata nel mese di luglio 2009 in merito alla realizzazione della tratta T5 della Metro C di Roma ed è stata estesa grazie al finanziamento erogato dalla Commissione Europea al progetto CAPACI, presentato dal Ministero dell Interno in partnership con il Consorzio CBI e Formez PA alla Variante di Cannitello ed al Grande Progetto Pompei. Nel 2014 inoltre il Ministero dell Interno ed il DIPE hanno avviato i lavori per l estensione della sperimentazione ad una nuova grande opera pubblica: la realizzazione della metropolitana M4 di Milano, per attivare la prima tratta a maggio 2015 per l evento dell EXPO, consentendo un funzionale e conveniente collegamento tra l aeroporto di Linate e Rho Fiera. Per quanto concerne il progetto internazionale, una delegazione italiana composta da DIPE, DIA, Formez e Consorzio CBI ha incontrato le comunità estere (Spagna, Svizzera e Croazia) per diffondere la best practice italiana. Il progetto CAPACI è stato annoverato nella Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo sulla lotta alla corruzione in Italia - presentata a Bruxelles il 3 febbraio come una delle migliori pratiche di gestione in materia di contratti ed appalti pubblici per contrastare la criminalità grazie all invio dei flussi finanziari ad una banca dati monitorata dalle autorità. Con DL 90 del 24/6/2014 il Monitoraggio Finanzario è divenuto obbligatorio per tutti i lavori relativi ad infrastrutture strategiche ed insediamenti produttivi.

17 Servizio di Nodo CBI Fondo Unico Giustizia e tesoreria Gruppo Equitalia Equitalia Giustizia S.p.A., con l obiettivo di razionalizzare la gestione delle somme amministrate dal sistema giustizia nell ambito del Fondo Unico Giustizia - FUG, ed in ottemperanza a quanto previsto dal D.L. 143/2008, convertito nella Legge 181/2008, recante Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario, ha individuato nel Consorzio CBI il soggetto attraverso il quale realizzare, in modalità accentrata, un servizio abilitante il controllo telematico dei rapporti riconducibili al FUG. Nel corso del 2009 il Consorzio CBI ha implementato, attraverso l utilizzo dei servizi di Nodo CBI, una connessione telematica tra Equitalia Giustizia S.p.A e l Industria Bancaria, al fine di consentire a quest ultima di: a. ricevere le rendicontazioni elettroniche dei suddetti rapporti e la misura del tasso attivo a questi applicato; b. movimentarne le disponibilità. Si riporta di seguito una sintesi dei principali adempimenti degli Istituti Finanziari depositari di rapporti FUG. a. Comunicazioni Rapporti Fondo Unico Giustizia Gli Istituti Finanziari CBI inviano ad Equitalia Giustizia le informazioni relative a conti correnti, depositi a risparmio liberi/ vincolati e deposito titoli Equitalia Giustizia SpA c/c giudiziario Nodo CBI c/c giudiziario Anagrafe dei rapporti Rete CBI c/c giudiziario b. Movimentazione rapporti Fondo Unico Giustizia Equitalia Giustizia opera direttamente sui propri conti Equitalia Giustizia SpA c/c giudiziario Nodo CBI c/c giudiziario Anagrafe dei rapporti Rete CBI c/c giudiziario Il Consorzio CBI ha individuato una soluzione architetturale per le tre tipologie di rapporti da rendicontare (conti correnti, depositi a risparmio, depositi titoli), che consente agli Istituti Finanziari italiani l invio delle informazioni richieste secondo tracciati standard tramite canale CBI o caricamento su apposita interfaccia web. Entrambe le modalità di comunicazione sono state messe a disposizione di Equitalia Giustizia dalle funzionalità di Nodo CBI. Per ogni ulteriore approfondimento sul tema si rimanda al portale del Consorzio CBI e al sito web di Equitalia Giustizia alla sezione Fondo Unico Giustizia. Su richiesta della capogruppo Equitalia S.p.A., il Consorzio CBI ha inoltre esteso il servizio alla gestione della tesoreria di tutto il Gruppo Equitalia.

18 Servizio di Nodo CBI Pagamenti da Portale SISTER - Agenzia delle Entrate Il Consorzio CBI ha attivato nel corso del 2010 un progetto con l Agenzia del Territorio (successivamente incorporata nell Agenzia delle Entrate) con l obiettivo di analizzare possibili modalità per ottimizzare il colloquio tra quest ultima e gli Istituti Finanziari. Tale collaborazione rientra nell ambito dell Accordo Quadro tra l ABI e l Agenzia, sottoscritto in data 23 dicembre 2009 e finalizzato ad individuare ed espletare attività di reciproco interesse istituzionale quali, tra le altre, il miglioramento dei dati e dei servizi immobiliari dell Agenzia. Nello specifico, il Consorzio CBI ha attivato con l Agenzia il progetto Pagamenti telematici da portale SISTER con la finalità di realizzare un modello efficiente di cooperazione tra il portale web gestito dall Agenzia e gli istituti finanziari, facilitando l accesso ai servizi finanziari dispositivi ed informativi. Le informazioni utili per i clienti sono disponibili anche sul portale SISTER dell Agenzia delle Entrate (sister.agenziaentrate.gov.it). Il modello di Servizio 2 Invio Richiesta pagamento CBI utente 1 Richiesta servizio Portale SISTER 6 Rilascio servizio Banca dell utente Nodo CBI Servizio CBI 3 Esito CBI 4 Trasferimento fondi 5 Comunicazione avvenuto accredito Banca dell ADT 1 L Utente, verificate le modalità di attivazione del servizio presso il proprio Intermediario (cfr. lista intermediari aderenti di seguito riportata), si collega al Portale SISTER e richiede il pagamento tramite bonifico indicando il c/c sul quale effettuare l addebito e firmando digitalmente l ordine; 2 Il Portale SISTER compone la richiesta di pagamento secondo lo standard CBI Disposizioni di pagamento XML SEPA e tramite il Servizio di Nodo CBI la invia all Intermediario indicato dall Utente verificando che quest ultimo sia aderente al servizio; 3 L Intermediario dell Utente esegue l operazione di addebito del c/c dell Utente, eseguendo eventuali ulteriori controlli sulla disposizione ritenuti opportuni secondo policy interne ed invia l esito di avvenuto addebito al Portale SISTER tramite il Servizio di Nodo CBI nel formato previsto dalla funzione Esiti di addebito bonifico/distinta ordinario XML verso l Ordinante ; 4 L Intermediario dell Utente esegue il bonifico verso l Intermediario di Accredito; 5 L Intermediario di Accredito comunica al Portale SISTER l avvenuta ricezione fondi; 6 Il Portale SISTER rilascia all Utente il servizio richiesto. La lista aggiornata dei Consorziati aderenti è disponibile sul portale del Consorzio CBI.

19 Servizio di Nodo CBI Certificazione Crediti In attuazione della normativa vigente, nel corso del 2012 il Ministero dell Economia e Finanze (MEF) ha realizzato una Piattaforma elettronica per la Certificazione dei Crediti per consentire ai Creditori della P.A. di richiedere la certificazione dei crediti relativi a somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti e di tracciare le eventuali successive operazioni di anticipazione, compensazione, cessione e pagamento, a valere sui crediti certificati. La Convenzione sottoscritta in data 22 ottobre 2012 tra l Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF), ha quindi definito le modalità di accesso da parte delle banche e degli intermediari finanziari alla suddetta piattaforma elettronica con l obiettivo di: verificare la sussistenza della Certificazione, l autenticità della certificazione, il relativo importo nonché che il credito non sia già stato oggetto di cessione/anticipazione da parte di altri intermediari ovvero in parte pagato o compensato da parte della PA; segnalare - in caso di cessione di tali crediti - alla PA l acquisto della titolarità del credito o in caso di anticipazione, l acquisizione di un mandato irrevocabile all incasso; consentire alle banche e gli intermediari finanziari di effettuare, per nome e per conto del creditore della PA, le operazioni necessarie per ottenere la certificazione del credito. Il Consorzio CBI è stato individuato quale interfaccia di cui si potranno avvalere i soggetti erogatori (banche e intermediari finanziari) per collegarsi alla piattaforma elettronica del MEF. In particolare il Consorzio CBI, in accordo con Sogei S.p.A. (società di cui si avvale il MEF), ha individuato una soluzione tecnica abilitante l accesso alla piattaforma MEF da parte dei soggetti erogatori. La soluzione individuata prevede l interfacciamento dei Soggetti Erogatori con la Piattaforma MEF per il tramite dei Servizi di Nodo CBI. Il Nodo CBI si configura pertanto come punto di accesso alla Piattaforma MEF per i Soggetti Erogatori, occupandosi del colloquio telematico con la stessa. Al Nodo CBI i Soggetti Erogatori possono collegarsi tramite la Rete CBI, in conformità ai servizi attualmente operativi. I Soggetti Erogatori non Consorziati potranno accedere al Servizio per il tramite di uno dei Consorziati abilitati. Di seguito si riporta una sintetica rappresentazione del modello di servizio di Anticipo e cessione di crediti certificati: Rete CBI Azienda creditrice Soggetto erogatore del credito Piattaforma MEF Richiesta anticipo/cessione 1 Aggiornamento 4 Erogazione credito 2 Comunicazione anticipo/cessione 5 credito PA debitrice 3 Conferma anticipo/cessione Verifica credito Il Servizio di Nodo CBI per l Accesso alla Piattaforma Certificazione Crediti del MEF, attivo dal 10 aprile 2013, abilita quindi ad oggi tutti gli Istituti Finanziari italiani, siano essi Consorziati o meno: alla visualizzazione dei dati relativi ai crediti commerciali verso le Pubbliche Amministrazioni certificati dalle stesse, alla comunicazione dell anticipo o cessione degli stessi (cioè segnalazione - in caso di cessione di tali crediti - alla PA l acquisto della titolarità del credito o in caso di anticipazione, l acquisizione di un mandato irrevocabile all incasso). La lista aggiornata dei Consorziati aderenti è disponibile sul portale del Consorzio CBI.

20 Servizio di Nodo CBI Anagrafe Tributaria Nel contesto normativo che prevede obblighi di comunicazione dell industria bancaria all Anagrafe Tributaria, il Consorzio CBI è uno dei Nodi abilitati al colloquio telematico con Sogei S.p.A, quest ultima operante per conto dell Agenzia delle Entrate, nella collezione dei dati sensibili oggetto della normativa in materia. Gli Operatori Finanziari sono destinatari di molteplici obblighi di segnalazione all Anagrafe tributaria che rappresenta uno strumento conoscitivo, per attività ricognitive e di controllo, su tutti i soggetti in essa censiti, persone fisiche o meno in possesso di codice fiscale. La creazione di questa banca dati, ed in particolare di una sezione in esso contenuta denominata Archivio dei Rapporti Finanziari, consente alle istituzioni preposte di accedere in tempi rapidi alle notizie relative ai soggetti da controllare, individuando immediatamente con quali banche o operatori finanziari questi intrattengono rapporti. Il servizio facoltativo Trasmissione comunicazioni Anagrafe Tributaria nasce quindi dall esigenza di fornire agli Operatori Finanziari CBI la possibilità di inviare le comunicazioni relative ai saldi e movimenti annuali dei rapporti di conto all Agenzia delle Entrate per il tramite del Servizio di Nodo CBI, che consente agli Istituti Consorziati CBI di adempiere agli obblighi informativi introdotti dal Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 25 marzo 2013 n. 2013/ Nel citato provvedimento e relativi allegati è descritto il modello previsto affinché un Operatore Finanziario possa inviare le comunicazioni dei saldi annuali dei rapporti di conto all Agenzia delle Entrate per il tramite del Sistema di Interscambio Dati (SID). Il modello di Servizio AMBITO DI OPERATIVITÀ DEL NODO CBI Agenzia delle Entrate Invio dati rapporti firmato + cifrato 1b 1a Inoltro flusso dati 2 Inoltro esiti Inoltro esiti 3 Invio esiti Nodo CBI 4a CBI 4b Operatori Finanziari In particolare, in tale modello si possono individuare quattro attori che interagiscono tra loro, con caratteristiche differenti in funzione del ruolo svolto nel processo: Operatori Finanziari: i soggetti obbligati che intendono utilizzare la piattaforma SID per la trasmissione delle comunicazioni; Nodi di interscambio: gli operatori finanziari possono avvalersi di Intermediari per il collegamento al Sistema di Interscambio Dati; Sistema di Interscambio Dati: presidia il processo di ricezione e successivo inoltro delle comunicazioni all Agenzia delle Entrate; Agenzia delle Entrate: è il destinatario delle comunicazioni che transitano dal Sistema di Interscambio Dati. Al fine di consentire ad un Operatore Finanziario CBI di inviare il file, opportunamente firmato e crittografato, relativo ai saldi dei rapporti, verso l Agenzia delle Entrate per il tramite della propria Banca Proponente CBI (che può coincidere con l Operatore stesso), è stato definito un modello architetturale che vede il Nodo CBI assumere il ruolo di gateway tra la Rete CBI ed il Sistema d Interscambio Dati.

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD SPIN 2010 Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD Liliana Fratini Passi Segretario Generale Consorzio CBI Membro dell Expert Group on Electronic Invoicing della Commissione Europea Roma

Dettagli

Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio CBI

Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio CBI Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio Il Consorzio - Customer to Business Interaction Infrastruttura di rete Comunità estesa 580 Istituti finanziari Consorziati (compreso Poste e CartaLis)

Dettagli

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza.

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. 3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi

Dettagli

I benefici per le imprese dell utilizzo della Fatturazione Elettronica tramite CBI

I benefici per le imprese dell utilizzo della Fatturazione Elettronica tramite CBI I benefici per le imprese dell utilizzo della Fatturazione Elettronica tramite CBI Liliana Fratini Passi Segretario Generale del Consorzio CBI Membro dell Expert Group on Electronic Invoicing (CE) 1 Agenda

Dettagli

Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto internazionale

Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto internazionale Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio CBI Firenze, 22 giugno 2012 Agenda della sessione n Il CBI a supporto dell'innovazione delle

Dettagli

I servizi CBI Pag. 4. La rete CBI Pag. 7

I servizi CBI Pag. 4. La rete CBI Pag. 7 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA STAMPA Uno sguardo d insieme Pag. 1 I servizi CBI Pag. 4 La rete CBI Pag. 7 La struttura organizzativa Pag. 8 I trend di crescita Pag. 10 Scheda di sintesi Pag.

Dettagli

Le certificazioni internazionali: il processo di standardizzazione ISO20022

Le certificazioni internazionali: il processo di standardizzazione ISO20022 Le certificazioni internazionali: il processo di standardizzazione ISO20022 Liliana Fratini Passi Responsabile Segreteria Tecnica ACBI ASSOCIAZIONE PER IL CORPORATE BANKING INTERBANCARIO - ACBI X CONVENTION

Dettagli

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante Claudio Mauro Direttore RA Computer S.p.A. SIA Milano, 4 Dicembre 2012 SIA Verso il futuro:

Dettagli

Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA

Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA Michela Tocci Segreteria Tecnica ACBI Associazione per il Corporate Banking Interbancario - ACBI INNOVAZIONE NEL SISTEMA DEI PAGAMENTI 1 Milano, 18 aprile 2007

Dettagli

Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi ed opportunità per aziende, banche e professionisti.

Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi ed opportunità per aziende, banche e professionisti. lo snodo e l interoperabilità verso altri ecosistemi. Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi ed opportunità per aziende, banche e professionisti. Roma, 20 gennaio 2016 Con

Dettagli

EVOLUZIONI NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA: CBI E FATTURAZIONE ELETTRONICA

EVOLUZIONI NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA: CBI E FATTURAZIONE ELETTRONICA Sistemi di pagamento: percorsi di innovazione per il mercato retail e corporate EVOLUZIONI NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA: CBI E FATTURAZIONE ELETTRONICA Liliana Fratini Passi Segretario Generale Consorzio

Dettagli

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Comitato PagamentiItalia Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Nel 2014 gli schemi di bonifico e addebito diretto SEPA (Single Euro Payments Area) hanno definitivamente

Dettagli

Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I. SEPA e PSD: compliance CBI. Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale

Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I. SEPA e PSD: compliance CBI. Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I SEPA e PSD: compliance CBI Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale Roma, 11 dicembre 2009 Luogo, Data 1. Stato dell arte relativo alle

Dettagli

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza Ivana Gargiulo Project Manager Standard e Architettura Consorzio CBI Milano, 14 ottobre 2013 Luogo, Data Evoluzione e ruolo del Consorzio CBI 1995 2001

Dettagli

LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI

LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI WORKSHOP TECNICO SUL CBI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI Michela Tocci Luogo, Data Il CBI Il CBI è una rete di payment

Dettagli

CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese. Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta

CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese. Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese 1 CBI - Corporate Banking Interbancario 2 CBI 2 - nuovo CBI 3 Nuovi servizi

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

Domenico Santececca Responsabile dell Area Servizi di Mercato ABI

Domenico Santececca Responsabile dell Area Servizi di Mercato ABI L Evoluzione della SEPA: la Realizzazione delle Infrastrutture e il Nuovo Quadro Normativo Domenico Santececca Responsabile dell Area Servizi di Mercato ABI Roma, 16 giugno 2006 Struttura presentazione

Dettagli

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment)

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) 1 Obiettivo Gli Schemi SEPA Direct Debit (SDD) Core e B2B definiti dall EPC consentono di addebitare in modo automatico il conto del Debitore sulla

Dettagli

Deleghe F24 telematiche

Deleghe F24 telematiche Deleghe F24 telematiche C.B.I. Ordine dei Dottori Commercialisti 28/9/2006 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE 1. Il Corporate Banking Interbancario C.B.I. 2. Deleghe F24 telematiche 3. Gli sviluppi futuri del

Dettagli

Michelangelo Merola. Componente Focus Group Consorzio CBI. Componente Task Force del Forum Imprese per la Migrazione alla SEPA

Michelangelo Merola. Componente Focus Group Consorzio CBI. Componente Task Force del Forum Imprese per la Migrazione alla SEPA Michelangelo Merola Responsabile Servizi Finanziari di Gruppo e Gestione Tecnica dei Flussi Gestione Flussi e Contabilità Finanziaria Direzione Finanza Enel Componente Focus Group Consorzio CBI Componente

Dettagli

La strategia di UniCredit nel supporto all Agenda Digitale della PA

La strategia di UniCredit nel supporto all Agenda Digitale della PA La strategia di UniCredit nel supporto all Agenda Digitale della PA I contenuti dell offerta a supporto della Digitalizzazione della PA & Il Pilota con la Regione Veneto Roma, 1 Dicembre 2014 Agenda o

Dettagli

La Value Proposition del processo di fatturazione elettronica tramite CBI

La Value Proposition del processo di fatturazione elettronica tramite CBI La Value Proposition del processo di fatturazione elettronica tramite CBI Liliana Fratini Passi Segretario Generale CONSORZIO CBI CUSTOMER TO BUSINESS INTERACTION Roadshow CBI 2 e Fattura Elettronica Edizione

Dettagli

L'operatività domestica e cross-border del CBI 2

L'operatività domestica e cross-border del CBI 2 L'operatività domestica e cross-border del CBI 2 Liliana Fratini Passi Segretario ACBI Associazione per il Corporate Banking Interbancario - ACBI SPIN 2007: Crescere per Competere. Tendenze economiche

Dettagli

Le nuove tendenze della standardizzazione internazionale: la next generation della Supply Chain Finance. Fabio Sorrentino

Le nuove tendenze della standardizzazione internazionale: la next generation della Supply Chain Finance. Fabio Sorrentino Le nuove tendenze della standardizzazione internazionale: la next generation della Supply Chain Finance Fabio Sorrentino Responsabile Ufficio Standard e Architettura Consorzio CBI Convegno CBI Roma, 21

Dettagli

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Indice del documento 1. Sepa End Date: key points 2. Le risposte CREVAL 3. I

Dettagli

Gli impatti della end-date sui servizi CBI. Fabio Sorrentino. Manager Area Standard e Architettura Consorzio CBI. Firenze, 22 giugno 2012.

Gli impatti della end-date sui servizi CBI. Fabio Sorrentino. Manager Area Standard e Architettura Consorzio CBI. Firenze, 22 giugno 2012. Gli impatti della end-date sui servizi CBI Fabio Sorrentino Manager Area Standard e Architettura Consorzio CBI Firenze, 22 giugno 2012 Luogo, Data Regolamento SEPA end-date Ambito di applicazione (art.1)

Dettagli

CONTENUTI DOCUMENTO. SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer. SEPA Direct Debit. Glossario

CONTENUTI DOCUMENTO. SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer. SEPA Direct Debit. Glossario LA SEPA IN BREVE CONTENUTI DOCUMENTO SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer SEPA Direct Debit SEDA Glossario 2 COS È SEPA SEPA La SEPA, Single Euro Payments Area (Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

Tutte le novità sulla fatturazione elettronica

Tutte le novità sulla fatturazione elettronica GUIDA PRATICA PER LE IMPRESE CHE HANNO RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Tutte le novità sulla fatturazione elettronica Introduzione Lo sviluppo delle tecnologie digitali rappresenta l'obiettivo

Dettagli

Il Progetto Speciale SEPA e la Pubblica Amministrazione. Forum PA - Roma, 25 maggio 2007

Il Progetto Speciale SEPA e la Pubblica Amministrazione. Forum PA - Roma, 25 maggio 2007 Il Progetto Speciale SEPA e la Pubblica Amministrazione Forum PA - Roma, 25 maggio 2007 Agenda 1 > Il Progetto SEPA 1.1 > Cosa cambierà con la SEPA? 1.2 > Gli Stakeholders nella SEPA 1.3 > La Direttiva

Dettagli

Efficienza e innovazione nella PA

Efficienza e innovazione nella PA Roma, 10 dicembre 2009 Efficienza e innovazione nella Fausto Bolognini CEO Agenda Lo scenario di riferimento per la Le soluzioni di Quercia Software per la Le nuove opportunità legate al nodo CBI 2 I principali

Dettagli

Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A.

Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A. Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A. Arnaldo Cis, Direttore Commerciale Istituto Centrale delle Banche Popolari Roma, 02 dicembre 2010 Il Gruppo ICBPI oggi G O V E R N A N C

Dettagli

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 1 I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 24 gennaio 2014 Servizio Sistema dei pagamenti Marco Piccinini - 1 - 2 Sommario Il Sistema dei pagamenti: definizione,

Dettagli

SEPA END DATE II - 1 FEBBRAIO 2016

SEPA END DATE II - 1 FEBBRAIO 2016 SEPA END DATE II - 1 FEBBRAIO 2016 COSA CI ASPETTA E COME ARRIVARE PREPARATI CONFERENCE CALL 14 Gennaio 2016 SEPA: il percorso (in sintesi) Forti criticità di sistema (banche, infrastrutture tecniche,

Dettagli

I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA GUIDA PER LE AZIENDE LA SEPA INCLUDE 33 PAESI 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

http://www.abicloud.it/articolo?urn=urn:abi:abi:cir.tec:2013;14&pr=idx,0;artic,1;artic...

http://www.abicloud.it/articolo?urn=urn:abi:abi:cir.tec:2013;14&pr=idx,0;artic,1;artic... Page 1 of 12 CIRCOLARIABI SERIE TECNICA N. 14-10 GIUGNO 2013 SEPA COMPLIANT ELECTRONIC DATABASE ALIGNMENT (SEDA): IL SERVIZIO OPZIONALE AGGIUNTIVO DEGLI SCHEMI SEPA DIRECT DEBIT Premessa Con circolari

Dettagli

Pagamenti telematici spese di giustizia

Pagamenti telematici spese di giustizia Pagamenti telematici spese di giustizia Riferimenti Oggetto: Modello Documento: CBI.doc Nome File: PagamentiTelematiciGiustiziaLineeGuidaCBIv05.doc : Pagine 14 Ultimo aggiornamento: 14/06/2010 10.46 creazione:

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia SEPA Single Euro Payments Area FAQ SEPA Banca d Italia Che cosa è la SEPA? SEPA è l acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un area nella quale

Dettagli

Il percorso di migrazione alla SEPA degli strumenti di addebito diretto RID. Reggio nell Emilia, 25 Settembre 2013

Il percorso di migrazione alla SEPA degli strumenti di addebito diretto RID. Reggio nell Emilia, 25 Settembre 2013 Il percorso di migrazione alla SEPA degli strumenti di addebito diretto RID. Reggio nell Emilia, 25 Settembre 2013 1 L area unica dei pagamenti in euro Le tappe di un percorso Inserire testo 01/01/2002

Dettagli

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA ABI SPIN, Payment and Cash Management Napoli, 11/06/2013 Lidia Scarpelli Financial Banking Director DDway

Dettagli

L evoluzione del modello del servizio CBI a supporto della P.A.

L evoluzione del modello del servizio CBI a supporto della P.A. CBI 2008 e Forum Internazionale sulla Fattura Elettronica L evoluzione del modello del servizio CBI a supporto della P.A. Luca Poletto Responsabile Product & Marketing Cash management BNL Gruppo BNP Paribas

Dettagli

pagopa: i servizi del Gruppo Intesa Sanpaolo Torino, 22 febbraio 2016

pagopa: i servizi del Gruppo Intesa Sanpaolo Torino, 22 febbraio 2016 pagopa: i servizi del Gruppo Intesa Sanpaolo Torino, 22 febbraio 2016 Che cos è «pagopa» - «Nodo dei Pagamenti» PagoPA è il sistema dei Pagamenti elettronici disposti favore delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS. Le imprese Italiane di fronte alla SEPA

L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS. Le imprese Italiane di fronte alla SEPA L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS Roma, 16 giugno 2009 Le imprese Italiane di fronte alla SEPA Servizi di Amministrazione Ciclo Attivo - Telecom Italia SpA Membro del Consiglio

Dettagli

CBI 2004. La Nuova Architettura CBI. Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità. Liliana Fratini Passi. Renato A. Sica

CBI 2004. La Nuova Architettura CBI. Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità. Liliana Fratini Passi. Renato A. Sica CBI 2004 Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità La Nuova Architettura CBI Liliana Fratini Passi Resp. Segreteria Tecnica ACBI Renato A. Sica Principal Arthur D. Little Resp. Consulenza ACBI

Dettagli

Fattura No Problem BancoPosta

Fattura No Problem BancoPosta Fattura No Problem BancoPosta L integrazione dei processi di Fattura Elettronica per la riduzione dei costi e l efficientamento nei rapporti con imprese, banche, P.A., e fornitori Lucia Cimmino Sistemi

Dettagli

Guida Facile al servizio di e-billing Cbill. Servizio di e-billing CBILL. Incassi e Pagamenti. La doppia funzione.

Guida Facile al servizio di e-billing Cbill. Servizio di e-billing CBILL. Incassi e Pagamenti. La doppia funzione. Guida Facile al servizio di e-billing Cbill 1 Servizio di e-billing CBILL Incassi e Pagamenti. La doppia funzione. 2 GUIDA FACILE AL NUOVO SERVIZIO Servizio di e-billing CBILL Cos è il servizio di e-billing

Dettagli

Banche e PA: insieme verso la digitalizzazione

Banche e PA: insieme verso la digitalizzazione Banche e PA: insieme verso la digitalizzazione Alessandro Zollo Responsabile Marketing e Innovazione ICBPI Forum Banche e PA Roma, 16 luglio 2013 Agenda La rivoluzione delle agende digitali e la digitalizzazione

Dettagli

PUBBLICO, UTILE, MODERNO, AGILE. L offerta completa e innovativa di SIA per il Settore Pubblico

PUBBLICO, UTILE, MODERNO, AGILE. L offerta completa e innovativa di SIA per il Settore Pubblico PUBBLICO, UTILE, MODERNO, AGILE L offerta completa e innovativa di SIA per il Settore Pubblico PUBBLICO, UTILE, MODERNO, AGILE L offerta completa e innovativa di SIA per il Settore Pubblico L ammodernamento

Dettagli

C.B.I.2:.2: potenzialità di Business nel nuovo dialogo Banca-Impresa

C.B.I.2:.2: potenzialità di Business nel nuovo dialogo Banca-Impresa Roma, 13-14 ottobre 2005 C.B.I.2:.2: potenzialità di Business nel nuovo dialogo Banca-Impresa Guido Gennari Direttore Commerciale Agenda Scenario di riferimento Nuovi modelli di servizio: DESQ::invoice

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Introduzione alla SEPA La SEPA in sintesi Dal 1 febbraio 2014 bonifici nazionali in euro e RID sono stati sostituiti dai corrispondenti servizi europei che potranno essere

Dettagli

Se il Creditore non possiede tali informazioni o ha il dubbio di non avere nei propri archivi i dati aggiornati ha due possibilità:

Se il Creditore non possiede tali informazioni o ha il dubbio di non avere nei propri archivi i dati aggiornati ha due possibilità: Istruzioni Operative ADDEBITI DIRETTI SEPA RECUPERARE L'IBAN DI ADDEBITO DELLA PROPRIA CLIENTELA La prima condizione indispensabile affinché il Creditore possa gestire Addebiti Diretti SEPA è che disponga

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Impatti generali del passaggio alla SEPA Il passaggio alla SEPA comporta impatti sui processi o sui sistemi della mia azienda? Dal punto di vista dei processi, gli impatti

Dettagli

SINGLE EURO PAYMENTS AREA (SEPA): BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI COSA CAMBIA PER LE IMPRESE

SINGLE EURO PAYMENTS AREA (SEPA): BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI COSA CAMBIA PER LE IMPRESE SINGLE EURO PAYMENTS AREA (SEPA): BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI COSA CAMBIA PER LE IMPRESE Arezzo, 22 maggio 2014 SEPA: cosa è, obiettivi, contesto e normativa di riferimento Benefici per le Aziende Quali

Dettagli

Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO. Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA

Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO. Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA LA SEPA INCLUDE 33 PAESI: 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CBI ATTIVO Aziende Corporate

FOGLIO INFORMATIVO CBI ATTIVO Aziende Corporate FOGLIO INFORMATIVO CBI ATTIVO Aziende Corporate INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Barclays Bank PLC Sede Legale: 1, Churchill Place London E14 5HP (UK) Sede in Italia: Via della Moscova 18-20121

Dettagli

Le esigenze della PA per il Fondo Unico Giustizia

Le esigenze della PA per il Fondo Unico Giustizia Le esigenze della PA per il Fondo Unico Giustizia 11 dicembre 2009 Relatore Patrizia Gabrieli Equitalia Giustizia SpA Responsabile Organizzazione Sistemi Informativi 1 Indice 1. Chi siamo 1.1 Le attività

Dettagli

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS SULLA SEPA

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS SULLA SEPA FREQUENTLY ASKED QUESTIONS SULLA SEPA 1. Che cosa significa SEPA? SEPA è l acronimo di Single Euro Payments Area, ossia Area Unica dei Pagamenti in Euro. 2. Quali Paesi appartengono alla SEPA? La SEPA

Dettagli

Il ruolo della Banca nel processo di innovazione della Pubblica Amministrazione e le sinergie con il Consorzio DAFNE

Il ruolo della Banca nel processo di innovazione della Pubblica Amministrazione e le sinergie con il Consorzio DAFNE Claudio G. Fornaro Intesa Sanpaolo - Direzione Marketing Small Business Il ruolo della Banca nel processo di innovazione della Pubblica Amministrazione e le sinergie con il Consorzio DAFNE Coverciano,

Dettagli

InfoCert e Sia per una digitalizzazione di sistema delle transazioni commerciali

InfoCert e Sia per una digitalizzazione di sistema delle transazioni commerciali Forum Banche e PA 2015 FATTURAZIONE ELETTRONICA E E- PROCUREMENT InfoCert e Sia per una digitalizzazione di sistema delle transazioni commerciali Fabrizio Leoni Npd Manager, Infocert Spa 23 Novembre 2015,

Dettagli

FAQ. Quale sarà l'impatto sugli utenti del passaggio ai nuovi bonifici e addebiti diretti? (Fonte Banca d Italia) 4

FAQ. Quale sarà l'impatto sugli utenti del passaggio ai nuovi bonifici e addebiti diretti? (Fonte Banca d Italia) 4 Domande frequenti Sommario Che cosa è la SEPA? (Fonte Banca d Italia) 2 Quali sono i contenuti della SEPA? (Fonte Banca d Italia) 2 Perché realizzare la SEPA? (Fonte Banca d Italia) 2 Quali sono i vantaggi

Dettagli

Perché una Banca come partner?

Perché una Banca come partner? Perché una Banca come partner? Affidabilità BANCA Gestione delle filiere Sicurezza PA Offerta personalizzata a PA e fornitori FORNITORI PA Integrazione servizi finanziari 1 Dir. Global Transaction Banking

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Introduzione alla SEPA La SEPA in sintesi Da agosto 2014 è entrata pienamente in vigore la normativa SEPA che ha l'obiettivo di offrire ai cittadini, alle imprese e alle

Dettagli

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 2 guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 3 INDICE 1 Cos è la SEPA?

Dettagli

Corporate & Retail Banking. Front End per i servizi di Corporate Banking Interbancario

Corporate & Retail Banking. Front End per i servizi di Corporate Banking Interbancario Corporate & Retail Banking Front End per i servizi di Corporate Banking Interbancario Canali e Core Banking Front End Unico Soluzione integrata per l operatività di filiale Internet e Mobile Banking Soluzioni

Dettagli

Pagamenti elettronici e MUDE Piemonte

Pagamenti elettronici e MUDE Piemonte P. Palermo Direzione Soluzioni Applicative Area Bilancio, Programmazione e Procurement Torino, novembre 2014 La Piattaforma Pagamenti Piemonte 2 Pagamenti elettronici: situazione attuale Pagamenti elettronici

Dettagli

La SEPA include 33 Paesi:

La SEPA include 33 Paesi: I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO COME CAMBIANO PAGAMENTI E INCASSI CON LA SEPA GUIDA PER LE AZIENDE La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

Expanding the Horizons of Payment System Development. Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma

Expanding the Horizons of Payment System Development. Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma Expanding the Horizons of Payment System Development Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma Domenico Santececca Vice Direttore Generale ICBPI I sistemi di pagamento: confronto

Dettagli

Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: la Fattura Elettronica

Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: la Fattura Elettronica Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: la Fattura Elettronica Marco Ghio, Responsabile Prodotti Transazionali Imprese Direzione Marketing Roma, 28 Maggio 2014 Come stanno cambiando i criteri

Dettagli

Fatturazione elettronica, imprese e Pa: l intervista a Liliana Fratini Passi di CBI Te...

Fatturazione elettronica, imprese e Pa: l intervista a Liliana Fratini Passi di CBI Te... Pagina 1 di 10 Un progetto ideato e diretto da Stefano Epifani Home Interviste Fatturazione elettronica, imprese e Pa: l intervista a Liliana Fratini Passi di CBI Fatturazione elettronica, imprese e Pa:

Dettagli

La Fatturazione elettronica

La Fatturazione elettronica La Fatturazione elettronica Audizione del Presidente e Amministratore Delegato di Sogei S.p.A. Ing. Cristiano Cannarsa Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria 3 Dicembre 2014 1 Quadro

Dettagli

La SEPA include 33 Paesi:

La SEPA include 33 Paesi: SEPA - I NUOVI SERVIZI DI ADDEBITO DIRETTO E BONIFICO COME CAMBIANO GLI INCASSI E I PAGAMENTI CON L AREA SEPA GUIDA PER LE AZIENDE La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro

Dettagli

Obbligo generalizzato di emissione della fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione dal 31.03.2015

Obbligo generalizzato di emissione della fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione dal 31.03.2015 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 10 MARZO 2015 Obbligo generalizzato di emissione della fattura elettronica verso la Pubblica

Dettagli

La SEPA include 33 Paesi:

La SEPA include 33 Paesi: I SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO COME CAMBIANO PAGAMENTI E INCASSI CON LA SEPA GUIDA PER LE AZIENDE La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana

Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana 1 I pagamenti elettronici nella Strategia di Crescita Digitale SPID Obiettivi

Dettagli

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro.

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. Milano, 6 febbraio 2009 SEPA DIRECT DEBIT B2C B2B Problemi aperti e proposte di miglioramento Servizi di Amministrazione

Dettagli

Digitale per la crescita: dall innovazione all attuazione. Francesco Orlandini Direttore Public Sector

Digitale per la crescita: dall innovazione all attuazione. Francesco Orlandini Direttore Public Sector Francesco Orlandini Direttore Public Sector Priorità per il piano industriale 1 Contribuire allo sviluppo della Pubblica Amministrazione in Italia 2 Innovare 3 Accelerare la crescita all estero 2 I mercati

Dettagli

I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO

I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO COME CAMBIANO PAGAMENTI E INCASSI CON LA SEPA GUIDA PER LE IMPRESE Pagina 1 di 10 Un supporto alle imprese Premesso che il progetto SEPA introduce notevoli

Dettagli

SSBConnet Interactive Corporate Banking Fabrizio Canedoli - Dir. Mercato

SSBConnet Interactive Corporate Banking Fabrizio Canedoli - Dir. Mercato Roma 13 ottobre 2005 SSBConnet Interactive Corporate Banking Fabrizio Canedoli - Dir. Mercato Agenda SSB nell evoluzione del CBI La proposta SSB per il nuovo CBI Il Valore Aggiunto di SSB 2 SSB un Gruppo

Dettagli

SINGLE EUROPEAN PAYMENT AREA LE COMPLESSITÀ DI UNA SEMPLIFICAZIONE

SINGLE EUROPEAN PAYMENT AREA LE COMPLESSITÀ DI UNA SEMPLIFICAZIONE SINGLE EUROPEAN PAYMENT AREA LE COMPLESSITÀ DI UNA SEMPLIFICAZIONE Luca Vanini UniCredit Banca d Impresa Direzione Estero Commerciale SEPA DAL PUNTO DI VISTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE CLIENTI DI UNICREDIT

Dettagli

Dalla fatturazione elettronica alla Digital Supply Chain: prospettive di innovazione per banche, imprese e PA

Dalla fatturazione elettronica alla Digital Supply Chain: prospettive di innovazione per banche, imprese e PA Dalla fatturazione elettronica alla Digital Supply Chain: prospettive di innovazione per banche, imprese e PA Cristiano Salvini Responsabile Sviluppo Mercato Corporate e P.A., ICBPI Luogo, giorno Mese

Dettagli

Lo scambio telematico delle informazioni nel rapporto banca-impresa Giovanni Carosio, Vice Direttore Generale Banca d Italia

Lo scambio telematico delle informazioni nel rapporto banca-impresa Giovanni Carosio, Vice Direttore Generale Banca d Italia Lunedì 19 novembre 08.30 Registrazione dei partecipanti e welcome coffee SESSIONE PLENARIA DI APERTURA Chair: Giuseppe Zadra, ABI 09.30 Il processo di internazionalizzazione delle imprese e le nuove tendenze

Dettagli

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA 2006 Milano, Giovedì 26 Ottobre 2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Telecom Italia Verso la SEPA Agenda 1. Gruppo Telecom Italia: accentramento della tesoreria 2. Verso la SEPA 1 Il Gruppo Telecom

Dettagli

SEPA Direct Debit il nuovo RID Europeo

SEPA Direct Debit il nuovo RID Europeo SEPA Direct Debit il nuovo RID Europeo Gli impatti sulla gestione degli incassi e sulla liquidità Aziendale Daniele Danese Manager, International Payment Services & Cash Management Funzione Estero - Banco

Dettagli

SESSIONE PARALLELA D La banca social: e i pagamenti? Progetto nazionale per sviluppare i Mobile Payments: il ruolo del Consorzio CBI

SESSIONE PARALLELA D La banca social: e i pagamenti? Progetto nazionale per sviluppare i Mobile Payments: il ruolo del Consorzio CBI SESSIONE PARALLELA D La banca social: e i pagamenti? Progetto nazionale per sviluppare i Mobile Payments: il ruolo del Consorzio CBI 2 Dicembre 2014 Simona David, Head of Business and Operations Consorzio

Dettagli

Forum banche e PA 2012

Forum banche e PA 2012 Forum banche e PA 2012 Gli sviluppi del progetto Equitalia Giustizia Patrizia Gabrieli Equitalia Giustizia Responsabile Organizzazione e Sistemi Informativi Indice 1. Equitalia Giustizia 2. Fondo Unico

Dettagli

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit + Pianificare, gestire e controllare Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit Novità del corporate treasury Nuovi processi Nuove tecnologie Nuovi bisogni 2014 domani Nuove normative 2013 2009.ieri..oggi

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO 1. Misure per il credito alle PMI Confronto con ABI pag. 1 2. Fondo di Garanzia per le PMI pag. 1 FINANZA 3. Crowdfunding Raccolta di capitali di rischio

Dettagli

Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI

Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI guida_psd_impresa_def.indd 1 11/06/10 10.51 Indice I BONIFICI: cosa cambia 1 Ricezione ed

Dettagli

Il sistema dei pagamenti a favore delle PA

Il sistema dei pagamenti a favore delle PA Il sistema dei pagamenti a favore delle PA Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche 1 Agenda Digitale Agenda Digitale Europea: programma di facilitazione all utilizzo del

Dettagli

EASY FATTURA. Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: operatività transazionale on line e fattura elettronica.

EASY FATTURA. Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: operatività transazionale on line e fattura elettronica. Soluzioni globali e servizi integrati per le imprese: operatività transazionale on line e fattura elettronica. EASY FATTURA Una soluzione globale per le imprese La nuova offerta di fatturazione elettronica

Dettagli

SEPA Credit Transfer - Descrizione del Servizio

SEPA Credit Transfer - Descrizione del Servizio SEPA Credit Transfer Descrizione del Servizio ISC Codice documento: Progetto: SIA-SSB SEPA CT - DS Versione: 1.0 Interbank Sepa Credit Transfer - ISC Data emissione: Gennaio 2009 Classificazione: Distribuzione:

Dettagli

I nuovi sistemi di incasso per la Pubblica Amministrazione

I nuovi sistemi di incasso per la Pubblica Amministrazione 1 I nuovi sistemi di incasso per la Pubblica Amministrazione Il Nodo dei Pagamenti AgID ed il ruolo di Poste Italiane come intermediario Giuseppe Palermo BancoPosta Responsabile Pubblica Amministrazione

Dettagli

Dal CAD alla PA senza carta: la sfida dello switch off

Dal CAD alla PA senza carta: la sfida dello switch off Forum PA 2013 Dal CAD alla PA senza carta: la sfida dello switch off I progetti paperless del Gruppo Intesa Sanpaolo I servizi offerti alla P.A. Intesa Sanpaolo Presenza in Italia Attenzione al territorio

Dettagli

Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici. Venezia 10 Luglio 2014 1

Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici. Venezia 10 Luglio 2014 1 Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici Venezia 10 Luglio 2014 1 I servizi di fatturazione elettronica attivati in IPA Strategia Europa 2020 per superare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la Banca ) Sede Legale e Direzione

Dettagli