QUANDO FINISCE LA VITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUANDO FINISCE LA VITA"

Transcript

1 PAOLO BECCHI QUANDO FINISCE LA VITA La morale e il diritto di fronte alla morte

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: aprile 2009

3 Indice Prefazione Nota al testo PARTE I La morte e la morale Premessa Capitolo I Il dilemma dell eutanasia volontaria Capitolo II Lineamenti di un etica cadaverica Capitolo III A cuore battente Corollario A chi dà, sarà dato Il problema: la scarsità degli organi, Le tentazioni del mercato, Donazione e distribuzione: il criterio della reciprocità, Reciprocità debole e logica del dono, 84 9

4 10 Indice PARTE II La morte e il diritto Capitolo I Definizione di morte e suo accertamento nella legislazione italiana Cenni sull avvento della nozione di morte cerebrale, La l. 578/1993 riguardante l accertamento e la certificazione della morte e il connesso regolamento n. 582 del 1994, Il nuovo regolamento del 2008 riguardante le modalità per l accertamento e la certificazione della morte, Elementi per una critica radicale, 111 Capitolo II Trapianto di organi e tessuti da soggetti definiti cadaveri Gli organi e i tessuti prelevabili, La manifestazione di volontà in merito alla donazione degli organi (con particolare attenzione alla l. 91/1999), La disciplina transitoria prevista dall attuale legge, L ordinanza e i decreti attuativi del Ministero della Sanità, 132 Capitolo III Cremazione e dispersione delle ceneri La dispersione delle ceneri nella l. 130/2001. Significato e limiti, La cremazione nella l. 130/2001, L attuale confusa situazione normativa tra riforma nazionale del settore funerario in itinere e leggi regionali in vigore, Il problema dell affidamento delle urne cinerarie, 165 Indice dei nomi

5 Prefazione In questo lavoro tento un accostamento alla questione della morte in una prospettiva etica e giuridica. L idea che lo guida è la seguente: la morale e il diritto moderni si sono occupati prevalentemente della condizione umana tra i due estremi ben definiti della nascita e della morte; gli enormi sviluppi tecnologici e scientifici applicati alla medicina ci pongono tuttavia di fronte a una situazione radicalmente nuova: procreazione artificiale (all inizio) e prolungamento artificiale (alla fine) non possono non richiamare l attenzione sulla tutela della persona sia prima della sua nascita sia dopo quella condizione di morte cerebrale che per molti oggi identifica la morte reale. E come già esiste una tutela della vita prenatale (per quanto in relazione agli interessi della madre e comunque con dei limiti legali per quel che concerne l interruzione di gravidanza), non si vede per quale ragione non dovrebbe pure esistere una tutela della vita che sta spegnendosi. Alla vita organica che si sviluppa gradualmente riconosciamo una certa tutela, dovremmo fare la stessa cosa per la vita organica che altrettanto gradualmente finisce. Beninteso, tutto ciò non vuole mettere in discussione la liceità dei trapianti: quello che piuttosto si intende sostenere è che essi vanno sottoposti non come si è fatto finora ad una pretesa definizione scientifica della morte (la cosiddetta morte cerebrale ), bensì a determinate regole etiche e giuridiche. I morti cerebrali non sono ancora completamente morti e pertanto non possiamo trattarli come cadaveri, ma per loro è già iniziato il processo del morire e in quel processo, in presenza di determinate condizioni, è ammissibile il prelievo dei loro 11

6 12 Prefazione organi. Questa è la tesi principale che vorrei dimostrare offrendo nella prima parte i lineamenti di una tanatologia critica etica e giuridica e nella seconda sottoponendo ad un esame critico la legislazione italiana in merito alla definizione e all accertamento della morte, nonché in merito al prelievo degli organi sulla base di tali presupposti. Non dobbiamo tuttavia dimenticare che anche i cadaveri non sono puramente e semplicemente delle cose con le quali si può fare quel che si vuole. Anche i defunti hanno una loro dignità. E dignità in questo contesto significa trattarli pietosamente: la pietà è un sentimento che sembra avere a che fare più con la morale che con il diritto, e tuttavia una traccia di essa è ancora presente nei codici penali (che tutelano il sentimento religioso e la pietà dei defunti), a testimonianza del fatto che neppure una società secolarizzata come la nostra può fare a meno di essa. Ecco perché l ultimo capitolo della seconda parte affronta problematiche funerarie come la cremazione e la dispersione delle ceneri che negli ultimi anni hanno subìto notevoli innovazioni nella nostra legislazione. Paolo Becchi

7 Nota al testo Le origini della prima parte di questo lavoro vanno ricercate nel saggio: La morte. La questione irrisolta, pubblicato nella parte monografica della rivista Ragion pratica (anno X, 2002, n. 19, pp ), dedicata a Questioni di fine vita, che ho curato insieme a Donato Carusi. L articolo è confluito in una mia dispensa universitaria, da tempo esaurita, dal titolo La morte nell età della tecnica. Lineamenti di una tanatologia etica e giuridica, Genova, Compagnia dei Librai, 2002, pp Il Corollario è stato recentemente pubblicato con il titolo Il problema dell allocazione degli organi. Plaidoyer per una terza via tra il puro dono e il libero mercato, in Aa.Vv., Filosofia e realtà del diritto. Studi in onore di Silvana Castignone, a cura di I. Fanlo Cortés e R. Marra, Torino, Giappichelli, 2008, pp Viene qui riprodotto con qualche modifica. Nella seconda parte sono confluiti, pressoché integralmente rielaborati, i seguenti lavori: Definizione di morte e suo accertamento, Trapianti di organi e tessuti da soggetti definiti cadaveri e Cremazione e dispersione delle ceneri, tutti apparsi in I diritti della persona. Tutela civile, penale, amministrativa, a cura di P. Cendon, Torino, UTET Giuridica, Il primo e il terzo saggio nel volume III (rispettivamente il primo alle pagine , e il secondo alle pagine ), il secondo nel volume IV (alle pagine ). Ringrazio per la loro fattiva collaborazione i dottori Rosangela Barcaro, Carlo Barbieri e Roberto Morani. A quest ultimo devo in particolare la messa in opera del progetto editoriale, l aiuto nella correzione delle bozze, nonché la realizzazione dell indice dei nomi. 13

8

9 Capitolo III A cuore battente Quanto detto presuppone, ovviamente, che si tratti di cadaveri e su questo presupposto è fondata la nostra legislazione, come del resto quella di molti altri paesi; ma l ipotesi più inquietante è che i soggetti a cui si prelevano gli organi cadaveri non lo siano ancora 1. Per chiarire questo aspetto bisogna anzitutto considerare come viene definita la morte di una persona. Sino a qualche decennio fa si riteneva che la morte fosse la cessazione totale ed irreversibile di ogni funzione vitale dell organismo e questa veniva attestata dall arresto cardiocircolatorio e dall assenza del respiro. È questa la tradizionale definizione del criterio di morte per arresto cardiorespiratorio o cardiopolmonare. Con lo sviluppo delle tecniche rianimatorie ci si trovò negli anni Sessanta di fronte alla possibilità di tenere in vita persone in condizione disperata garantendo artificialmente la respirazione e la continuazione del battito cardiaco. Ma se da un lato le procedure di rianimazione potevano in tal modo consentire di salvare la vita di pazienti, grazie all aiuto di un respiratore che suppliva momentaneamen- 1 Su questo punto si vedano le due seguenti antologie: Aa.Vv., Questioni mortali. L attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti, a cura di R. Barcaro e P. Becchi, Napoli, ESI, 2004; Aa.Vv., Finis vitae. La morte cerebrale è ancora vita?, a cura di R. De Mattei, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, Cfr. ora anche P. Becchi, Morte cerebrale e trapianto di organi. Una questione di etica giuridica, Brescia, Morcelliana, 2008 e R. Barcaro, P. Becchi, P. Donadoni, Prospettive bioetiche di fine vita. La morte cerebrale e il trapianto di organi, Milano, Franco Angeli, Importante, infine, anche il volume di C.A. Defanti, Soglie. Medicina e fine della vita, Torino, Bollati Boringhieri,

10 60 PARTE I La morte e la morale te ad alcune funzioni vitali dell organismo, dall altro comportò pure che altri pazienti non uscivano più dallo stato di coma: il cuore continuava a battere, ma il cervello era irrimediabilmente danneggiato. Il coma era dunque irreversibile e, viste le condizioni cliniche generali, il soggetto sembrava destinato ad andare incontro ad arresto cardio circolatorio entro breve tempo. Ebbene una Commissione di Harvard, formata prevalentemente da medici, fu incaricata di studiare la questione e nel 1968 pubblicò una relazione finale nella quale veniva affermato che pazienti i quali si trovassero in quelle condizioni di coma irreversibile in realtà non erano più pazienti, ma cadaveri 2. Nacque così la nuova definizione di morte come cessazione irreversibile di tutte le funzioni cerebrali, che in molte legislazioni sui trapianti costituisce la condizione necessaria per effettuare il prelievo. Quella che sino ad allora era stata una prognosi infausta, diventava una diagnosi di morte. La nuova definizione ottenne il plauso pressoché generale: essa infatti consentiva di staccare il respiratore senza che questo potesse comportare alcun problema etico e giuridico, dal momento che il soggetto sottoposto a misure rianimatorie veniva preventivamente dichiarato morto. Ma essa consentiva altresì di tenere acceso il respiratore dopo aver definito morto il paziente, in modo da poter avere una banca di organi freschi prelevabili a cuore battente da poter essere utilizzati per i trapianti, i quali potevano così avvenire nelle migliori condizioni. Ora se sullo staccare il respiratore si poteva essere d accordo, sul tenerlo attaccato in quelle condizioni l accordo di per sé non era per 2 Cfr. Ad Hoc Committee of the Harvard Medical School, A Definition of Irreversible Coma, in Journal of American Medical Association, 205, 1968, 6, pp Il testo dichiarava esplicitamente: «Il nostro obiettivo principale è di definire come un nuovo criterio di morte il coma irreversibile. La necessità di una definizione è legata a due ragioni: 1) il miglioramento delle procedure di rianimazione e di mantenimento in vita ha prodotto una moltiplicazione dei tentativi di salvare anche persone in condizioni disperate. A volte questi sforzi colgono successi soltanto parziali che hanno come risultato un individuo il cui cuore continua a battere, ma il cui cervello è irreversibilmente danneggiato. Questa situazione comporta difficoltà enormi per i pazienti permanentemente privi delle capacità intellettive, per le loro famiglie, per gli ospedali e per tutti coloro che hanno bisogno dei posti letto occupati da questi pazienti in coma. 2) I criteri di morte obsoleti possono generare controversie in caso di reperimento di organi da destinare al trapianto» (p. 337). Mentre il primo motivo porta a ritenere lecita l interruzione del trattamento, il secondo rivela già lo scopo pratico connesso ai trapianti.

11 3 A cuore battente 61 nulla pacifico. Si trattava infatti di tenere in una sorta di vita simulata un organismo umano, per uno scopo a lui del tutto estrinseco. Questa nuova possibilità offerta dalla tecnica poteva sin dall inizio anche avere effetti dirompenti per l etica della professione medica. Il rischio per il medico era quello di cominciare a considerare i pazienti non più come uomini sofferenti per una malattia o morti a causa di essa, bensì come macchine le cui parti potevano essere a piacimento sostituite o al limite (nel caso della morte cerebrale) rottamate. Eppure la definizione di Harvard soprattutto per i vantaggi che offriva riguardo ai trapianti non incontrò resistenze. L ostacolo venne semplicemente aggirato definendo morto il paziente sottoposto al prelievo e considerando decisivo il fatto che utilizzando i suoi organi si potevano salvare altre vite umane. L immediato effetto benefico finì per occultare i rischi a lungo termine. Una delle poche voci fuori dal coro fu rappresentata da Hans Jonas che subito mise il dito nella piaga, con un saggio che rimase un classico nella letteratura 3. Ma la sua critica risultò allora per i più una fumosa speculazione filosofica, priva di reale fondamento scientifico, dal momento che la morte cerebrale veniva interpretata come la dissoluzione del centro integrativo dell intero organismo e quindi come morte di quella individualità corporea nella sua interezza. Su questa premessa, in fondo, si reggeva la scientificità della definizione della morte cerebrale supportata dalla convinzione che le funzioni vitali del corpo di un individuo cerebralmente morto potessero comunque essere mantenute per breve tempo. 3 Cfr. H. Jonas, Morte cerebrale e banca di organi umani: sulla ridefinizione pragmatica della morte, in Id., Tecnica, medicina ed etica. Prassi del principio responsabilità, cit., pp In queste pagine sono raccolti un breve commento a caldo scritto nel 1968, il saggio vero e proprio dal titolo Against the Stream, scritto nel 1970, ma pubblicato nel 1974 e due poscritti del 1976 e del 1985: segno della costante attenzione di Jonas per questo tema. A tale proposito cfr. P. Becchi, La nuova definizione di morte e il problema del trapianto di organi, in Ragion pratica, XXVII, 2006, pp ; anche in Filosofia e Teologia, XX, 2006, 1, pp (il saggio è ora ricompreso nel volume P. Becchi, La vulnerabilità della vita. Contributi su Hans Jonas, cit., pp ). Tra i primi critici della definizione di morte cerebrale va pure annoverato il filosofo Josef Seifert che, da cattolico, rappresentò l unica voce di dissenso nella Pontificia Accademia delle Scienze, la quale, nel dicembre 1989, convocò un gruppo di lavoro per esaminare la nuova definizione di morte, giungendo alla fine ad accettarla. I risultati dell incontro sono contenuti nel volume The Determination of Brain Death and Its Relationship to Human Death, ed. by R.J. White, H. Angstwurm, I. Carrasco de Paula, Città del Vaticano, Pontificia Accademia delle Scienze, 1992.

12 62 PARTE I La morte e la morale Jonas già da allora contestò tutto ciò e lo fece, a ben vedere (anche se il punto non viene da lui stesso esplicitato) sulla base del tentativo, da lui sviluppato in ricerche più risalenti nel tempo, di fondare contro le tendenze riduzionistiche allora predominanti nelle scienze una «nuova biologia» incentrata sulla funzione del metabolismo e sull idea dell unità psico fisica dell essere umano. Non è certo questo il luogo per approfondire questo aspetto 4. Il fatto interessante è però che le acquisizioni delle scienze neurologiche confermano in larga parte le intuizioni di Jonas 5. Vi sono almeno due argomenti che vanno qui schematicamente riassunti. Il primo è che la morte cerebrale come cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell encefalo non risulta effettivamente diagnosticabile sulla base dei criteri operazionali e test standard attualmente previsti. È quanto emerge da uno studio di Truog e Fackler, dei primi anni Novanta 6. A sostegno della loro tesi, i due medici portano quattro argomenti che si possono riassumere nel modo seguente. In primo luogo, in molti pazienti giudicati in stato di morte cerebrale, secondo gli esami in uso, non è venuta meno la funzione endocrino ipotalamica, segno che l ipotalamo regola ancora l attività ormonale; in secondo luogo, in alcuni pazienti che si trovano in tale stato è conservata l attività elettrica in gruppi di cellule della corteccia cerebrale; in terzo 4 L opera chiave di Jonas è a tale proposito Organismus und Freiheit. Aufsätze zu einer philosophischen Biologie, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 1973; tr. it. Organismo e libertà. Verso una biologia filosofica, a cura di P. Becchi, Torino, Einaudi, 1999, p. 26. Sul tema si veda anche Macht oder Ohnmacht der Subjektivität? Das Leibe Seele Problem im Vorfeld des Prinzips Verantwortung; tr. it. Potenza o impotenza della soggettività? Il problema anima corpo quale preambolo del Principio responsabilità, a cura di P. Becchi e R. Franzini Tibaldeo, Milano, Medusa, Cfr. U. An der Heiden, G. Roth, H. Schwegler, Die Organisation der Organismen: Selbstherstellung und Selbsterhaltung, in Funktionelle Biologie und Medizin, V, 1985, pp ; cfr. anche G. Roth, U. Dicke, Das Hirntodproblem aus der Sicht der Hirnforschung, in Aa.Vv., Wann ist der Mensch tot? Organverpflanzung und Hirntodkriterium, hrsg. von J. Hoff und J. in der Schmitten, Reinbeck bei Hamburg, Rowohlt, 1994, pp Cfr. R.D. Truog, J.C. Fackler, Rethinking Brain Death, in Critical Care Medicine, XX, 1992, 12, pp Truog ha continuato ad occuparsi del tema, cercando in lavori più recenti di trovare una diversa giustificazione etica per la donazione degli organi centrata sui principi di non maleficenza (non maleficence) e consenso. Cfr. R.D. Truog, Is It Time to Abandon Brain Death?, in Hastings Center Report, XXVII, 1997, 1, pp L articolo è ora tradotto in italiano nell antologia di scritti Questioni mortali. L attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti, cit., pp

13 3 A cuore battente 63 luogo, alcuni pazienti continuano, insospettabilmente, a reagire agli stimoli esterni; in quarto luogo, in molti pazienti definiti cerebralmente morti sono conservati i riflessi spinali. Da tutto ciò gli autori giungevano alla conclusione, in seguito non smentita da altri ricercatori, che gli attuali mezzi clinici adoperati per accertare la morte cerebrale totale in realtà accertano soltanto la cessazione di alcune funzioni, ma non di tutte. Il secondo argomento su cui vorrei brevemente richiamare l attenzione è che organismi clinicamente definiti in stato di morte cerebrale sopravvivono, attaccati alle macchine, molto più a lungo di quanto si potesse immaginare e ciò fa pensare che il cervello non sia così essenziale per il funzionamento dell intero corpo come invece si riteneva. Insomma, la constatazione che la (presunta) morte del cervello sia un indicatore dell imminenza della morte si è rivelata falsa. Ma se la morte del cervello non è più un indicatore della morte ravvicinata dell organismo ciò significa che viene a cadere il presupposto fisiologico su cui si reggeva la morte cerebrale. Alan Shewmon, il neurologo che in ricerche risalenti alla fine degli anni Ottanta è arrivato a questa conclusione, ne ha tratto le dovute conseguenze, facendo una esplicita autocritica: lui, cattolico, che aveva difeso il criterio della morte cerebrale è giunto esplicitamente a respingere qualsiasi definizione della morte sulla base di criteri esclusivamente neurologici. Ciò che Shewmon contesta è l idea, oggi ancora molto diffusa, che il cervello rappresenti l organo responsabile del funzionamento integrato delle diverse parti di un organismo e che, come tale, ne costituisca il sistema critico. In realtà il corpo non possiede un sistema di questo genere localizzato in un organo. L unità integrativa di un organismo non è qualcosa di imposto dall alto (dal cervello), ma un fenomeno olistico fondato sulla mutua interazione di tutte le parti del corpo 7. E questo 7 Cfr. D.A. Shewmon, Brain Stem Death, Brain Death and Death: A Critical Re evaluation of the Purported Equivalence, in Issues in Law and Medicine, XIV, 1998, 2, pp ; il testo tradotto in italiano è contenuto in Aa.Vv., Questioni mortali. L attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti, cit., pp Secondo il neurologo questa sua idea del controllo dell unità integrativa non localizzato nell encefalo fornirebbe una spiegazione per le sopravvivenze prolungate (nel record del paziente denominato TK fino a oltre 20 anni) di soggetti, in gran parte pazienti pediatrici, nei quali erano state diagnosticate le condizioni tipiche della morte cerebrale. La permanenza di alcune funzioni, che erano ritenute di pertinenza dell encefalo regolazione della temperatura corporea, omeostasi

14 64 PARTE I La morte e la morale comporta che l essere umano non è ancora completamente morto quando è morto il suo cervello. Con questa conclusione egli ha radicalmente messo in discussione il dogma che l encefalo sia l organo unico responsabile dell integrazione corporea e, di conseguenza, che la morte dell encefalo provochi inevitabilmente la dis integrazione tra le componenti del corpo e dunque il decesso. La morte dell individuo è piuttosto il risultato di danni che interessano più sistemi di organi. Per il neurologo il raggiungimento di una soglia critica, il punto di non ritorno, che segna l avvio del processo di morte e rende i- nefficace qualsiasi intervento medico finalizzato a scongiurare l exitus, indica che si sta verificando la progressiva dis integrazione corporea. Certo, anche per Shewmon non ha alcun senso continuare a tenere in vita pazienti il cui cervello ha irreversibilmente smesso di funzionare. Ma una cosa è sospendere in questi casi il trattamento di sostegno vitale, un altra cosa intervenire su di lui per prelevargli gli organi quando si trova ancora in quella condizione ambigua di una vita che con il respiratore acceso continua, nonostante il cervello abbia smesso di funzionare. Nel 1968 contro la definizione della morte cerebrale la linea difensiva prospettata da Jonas portava in primo luogo a sospendere la respirazione artificiale, poi a lasciar passare un periodo di tempo breve, ma sufficiente per escludere la possibilità di una ripresa spontanea delle funzioni vitali, e solo successivamente a procedere al prelievo degli dei fluidi, reazione alle infezioni, crescita corporea è segno della conservazione di un certo livello di attività integrata delle molteplici componenti dell organismo. Per Shewmon dunque è errato ritenere che la morte dell encefalo sia un indicatore dell imminenza della morte. Per procedere alla dichiarazione di morte non si dovrebbe dunque diagnosticare soltanto la morte cerebrale, ma si dovrebbe fare riferimento a più parametri, ossia quelli connessi all attività respiratoria, circolatoria e neurologica. Quando risultasse chiaro che è avvenuto il superamento di un punto di non ritorno, il paziente verrebbe scollegato dalle apparecchiature per la ventilazione artificiale e dopo venti minuti di attesa, un tempo che Shewmon giudica necessario per ottenere la sicurezza dell impossibilità di una ripresa spontanea delle funzioni vitali del soggetto, verrebbe dichiarato morto, e solo allora si potrebbe procedere al prelievo degli organi. Cfr. anche D.A. Shewmon, The Brain and Somatic Integration: Insights Into the Standard Biological Rationale for Equating Brain Death with Death, in Journal of Medicine and Philosophy, 26, 5, 2001, pp ; D.A. Shewmon, Brain Body Disconnection: Implications for the Theoretical Basis of Brain Death, in Aa.Vv., Finis vitae: is Brain Death still Life?, a cura di R. de Mattei, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, 2006, pp ; tr. it. Disconnessione tra encefalo e corpo: implicazioni per il fondamento teorico della morte cerebrale, in Aa.Vv., Finis Vitae. La morte cerebrale è ancora vita?, cit., pp

15 3 A cuore battente 65 organi. Non molto diverse, nei loro esiti pratici, mi sembrano le più recenti conclusioni di Shewmon, che respingendo la definizione di morte cerebrale non ha negato la liceità dei trapianti ritenendo tuttavia che essi dovrebbero avvenire dopo la cessazione definitiva del battito cardiaco e della circolazione. L interrogativo che qui si apre è se rispettando tali criteri risulterebbero ancora fruttuosamente realizzabili i trapianti. Alcune ricerche pilota dimostrano che perlomeno per alcuni organi si possono ottenere buoni risultati anche effettuando il prelievo da donatori a cuore fermo 8. In questo caso, tuttavia, il grosso problema è stabilire quanti minuti siano necessari prima di dichiarare la morte del paziente. E i venti minuti che vengono di norma ritenuti un lasso di tempo sicuro, sono troppi per assicurare una buona conservazione degli organi prelevati. Perlomeno per alcuni organi, allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, non resta quindi che il prelievo a cuore battente, con tutti i problemi giuridici ed etici che ciò comporta, una volta che si ammetta (come prima o poi si dovrà pur fare) che la morte cerebrale non è ancora la morte di una persona, che il morto cerebrale, pur avendo perso una possibilità di recupero, non è ancora un cadavere. Se le cose stanno in questi termini ciò non può non avere ripercussioni anzitutto sotto il profilo giuridico. Occorre infatti dire che se il presupposto legale per il prelievo degli organi (e la nostra legge, come vedremo, va esattamente in questa direzione) è l accertamento della cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell encefalo, allora pazienti che non soddisfano quella condizione non possono essere, sotto il profilo giuridico, considerati dei cadaveri. E se non possono essere considerati tali a rigor di legge non si potrebbe neppure configurare la liceità del prelievo, poiché il prelievo deve avvenire da cadavere. Ma non è necessariamente questa la strada da seguire. La legislazione giapponese sui trapianti, in modo del tutto originale, evita ac- 8 Cfr. M. Weber, D. Dindo, N. De Martines, P.M. Ambühl, P. A. Clavien, Kidney Transplantation from Donors without a Heartbeat, in New England Journal of Medicine, 347, 2002, 4, pp Si tratterebbe, per certi versi, di un ritorno al passato. All inizio dell attività del trapianto, infatti, gli organi erano prelevati da soggetti il cui decesso era dichiarato dopo alcuni minuti di arresto cardiocircolatorio. Per notizie ulteriori su questo punto cfr. R. Barcaro, P. Becchi, Introduzione a Aa.Vv., Questioni mortali. L attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti, cit., pp

16 66 PARTE I La morte e la morale curatamente di identificare la morte con la condizione della morte cerebrale, consentendo tuttavia in presenza di alcuni requisiti morali il prelievo degli organi in quella condizione 9. Sotto il profilo morale, inoltre, il prelievo potrebbe configurarsi come una caso particolare di eutanasia, ma con la precisazione che si tratta di una caso del tutto diverso da quello che abbiamo analizzato nelle pagine precedenti. Se il soggetto interessato, che in precedenza aveva acconsentito a donare gli organi, nel momento in cui subisce il prelievo è ancora in qualche modo vivo ciò vuol dire che abbiamo a che fare con una sorta di eutanasia: non più per pietà nei confronti di chi se ne va, ma per solidarietà nei confronti di coloro che restano. Rispetto al caso paradigmatico dell eutanasia sopra considerato (quello del malato terminale cosciente che chiede di morire) qui abbiamo un paziente che ha perso in modo irreversibile la capacità di essere cosciente e che tuttavia prima di perderla ha deciso di donare i suoi organi. Ora, se egli pur essendo correttamente informato del fatto che il prelievo avviene quando il suo organismo è ancora vivo, avesse comunque dato il suo esplicito consenso, come dovremmo valutare questa sua scelta? Non si può pretendere da lui che doni i suoi organi; tanto più se il prelievo avviene quando il soggetto si trova ancora in una condizione ambigua tra la vita e la morte. Ma se decide ugualmente di farlo, dovremmo rispettare questa sua scelta. Egli non ha alcun dovere di donare i suoi organi, ma bisogna riconoscergli il diritto di farlo anche in quella condizione estrema. Se, come abbiamo visto, un malato terminale cosciente, ha il diritto (in senso morale) di morire per non far soffrire gli altri (oltre che se stesso), un paziente il cui cervello ha irreversibilmente smesso di funzionare dovrebbe avere il diritto di decidere, quando era nelle condizioni di poterlo fare, di sacrificare ciò che di vitale ancora resta di sé per la vita degli altri. 9 Sulla legislazione giapponese rimane fondamentale il volume di H. Kawaguchi, Strafrechtliche Probleme der Organanansplantation in Japan, Freiburg. i.b, edition iuscrim, Per un confronto interculturale interessante la raccolta di saggi Rechtliche und ethische Fragen der Transplantationstechnologie in einem interkulturellen Vergleich, hrsg. von H. Kawaguchi und K. Seelmann, Wiesbaden, F. Steiner, Per gli aspetti più propriamente etico filosofici decisivo il volume di M. Morioka, Noshi no Hito, Tokio 1989 (ristampa 2000). Del medesimo autore cfr. Reconsidering Brain Death: a Lesson from Japan s Fifteen Years of Experience, in Hastings Center Report, XXXI, 2001, 4, pp

17 3 A cuore battente 67 Questa scelta sarebbe di alto valore morale e richiederebbe qualcosa di più di un mero consenso informato: occorrerebbe accertare che l informazione data sia stata anche consapevolmente recepita dal destinatario. Solo una decisione pienamente motivata e consapevole potrà giustificare il prelievo effettuato come oggi accade con il respiratore acceso e controbilanciare quel ruolo reificante in cui il soggetto si viene a trovare quando in quella condizione diventa oggetto di tale intervento. Si potrà replicare che così il numero dei donatori è destinato a diminuire. Se è già difficile ottenere il consenso alla donazione di organi da cadaveri, ancora più difficile è possibile che sia ottenerlo nel caso in cui si dovesse ammettere che il prelievo avviene quando in realtà non si è ancora cadaveri. Ma non ci sono alternative eticamente sostenibili: o si stacca il respiratore e dopo un tempo ragionevole (ed il problema è proprio di stabilire quale) si procede al prelievo, rispettando le condizioni etiche già discusse, oppure lo si lascia acceso, ma allora non ci si può più trincerare dietro alla finzione della morte cerebrale e bisogna avere l onestà di ammettere che il paziente non è ancora morto quando viene sottoposto al prelievo. Il soggetto deve sapere proprio in questo caso a cosa va incontro e la sua scelta deve essere assolutamente consapevole. Resta tuttavia da chiedersi, come già nel caso del malato terminale che chiede di morire, se il medico possa procedere al prelievo a cuore battente, senza venir meno alla sua etica professionale. (E qui, tra l altro, il dilemma risulterebbe insolubile: solo un chirurgo infatti può realizzare questo delicatissimo intervento). Se il paziente è ancora vivo al momento dell intervento allora sembrerebbe essere proprio l incisione chirurgica a ucciderlo. Dovremmo pertanto concludere che anche ammesso il valore morale di donare gli organi in quella condizione, il medico dovrebbe astenersi dall intervenire per non compiere un atto eutanasico? Non credo che si debba giungere a questa conclusione, senza per questo mettere in discussione la tesi che ho precedentemente sostenuto. Il medico non deve spingersi sino al punto di uccidere un malato terminale che nel pieno possesso delle sue facoltà mentali glielo chiede, ma il caso che stiamo ora discutendo è completamente diverso. Anche se il paziente il cui cervello ha smesso di funzionare non è an-

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT)

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Giampaolo Azzoni Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Perché si pone il problema delle DAT 1. Straordinari progressi della bio-medicina 2. Emancipazione del paziente nei rapporti con il medico

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE CITTA DI VITTORIA DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) Ai sensi dell articolo 32 della Costituzione Italiana, io sottoscritto/a......... nato/a a...... Prov...... il............... residente

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude St. Jude Medical Neurom modulation Divisio on 6901 Pr reston Road Plano, TX 75024 USA Tel 972 309 8000 Fax 972 309 8150 IMPORTANTE INFORMAZIONE SUL DISPOSITIVO MEDICO Eon Mini Codice Prodotto 65-3788 (Stimolatore

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli