LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE."

Transcript

1 Regione Molise -73- Resoconti Consiliari LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE. Bene. Passiamo al punto numero 4. Prima di dare il via alla discussione generale, preannuncio soltanto che il sottoscritto lascerà la Presidenza di questa seduta pomeridiana del Consiglio Regionale alle ore 19:00, lasciando, ovviamente, il Vicepresidente di turno a presiedere la prosecuzione dei lavori. Prego, è aperta la discussione generale. Prego, Relatore Totaro, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE TOTARO Ha detto aperta discussione generale? Avrei anche fatto a meno di fare la relazione, in questo caso. Precisiamo, perché così resti agli atti, è aperta la discussione sulla proposta di Legge, con la lettura della relazione da parte del Relatore; dopo apriremo la discussione generale e preciso, nel contempo, che mi assenterò per motivi personali. Grazie. CONSIGLIERE TOTARO Grazie a lei, Presidente. La Legge nazionale numero 130 del marzo del 2001 disciplina la pratica funeraria della cremazione e della dispersione delle ceneri. Entro sei mesi dall'entrata in vigore della norma, le Regioni avrebbero dovuto elaborare piani di coordinamento e normative autonome ma, a dodici anni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, la Regione Molise non ha ancora recepito le disposizioni. La presente inadempienza nega il diritto al rito funebre, generando anche notevoli problematiche di carattere giuridico; infatti, la dispersione non autorizzata costituisce reato ai sensi dell'articolo 411 del Codice penale ed è punita con una reclusione da due a sette anni, sarebbe occultamento di cadavere, credo. Assodata la possibilità di conservazione delle ceneri in un loculo, in una tomba o nel cinerario del cimitero comunale, urge la procedura di dispersione delle medesime anche al di fuori delle cinta murarie dei camposanti, per garantire il rispetto della volontà del defunto e tutelare la salute dei cittadini. Le ceneri non sono pericolose, tuttavia, la loro dispersione è consentita esclusivamente in aree appositamente individuate, siano esse private o pubbliche, entro i limiti dell'articolo 3 della Legge 130 del La dispersione è sempre vietata nei centri abitati, ad esempio, ma può avvenire nei boschi, in mare, nei laghi e nei fiumi - se liberi da natanti e da manufatti - al fine di rendere effettivo un diritto di acquisito in altre realtà territoriali, salvaguardando la dignità dei singoli e rispettando le convinzioni religiose e culturali di ognuno. Si reputa indispensabile un intervento normativo al fine di regolamentare la prassi, il trasporto, la conservazione e dispersione

2 Regione Molise -74- Resoconti Consiliari delle ceneri, nonché l'individuazione di luoghi idonei alla pratica e, pertanto, ne chiedo l'approvazione a questo Onorevole Consiglio Regionale. Grazie. Grazie, Presidente Totaro. Apriamo la discussione generale. Chi chiede la parola? Prego Consigliere Sabusco, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE SABUSCO Io avevo cercato di dire al Relatore Parpiglia che, nel momento in cui ci occupiamo di dispersione delle ceneri, forse è il caso di tornare, un momentino, alla Legge sulla cremazione, che era già stata proposta in altre Legislature. Prima della dispersione io credo che dovremmo occuparci della produzione delle ceneri, visto che, attualmente, la tecnologia prevede anche la possibilità di avere un diamante di uno o due carati dal carbonio che viene liberato dalla cremazione delle ceneri. In ogni caso, al di là di questo che, comunque, è un fatto reale, sembrerebbe una barzelletta, ma stanno già realizzando in Svizzera, al costo di 2 mila euro, la possibilità di ricavare il diamante dal carbonio che viene liberato dalla cremazione delle ceneri, però, in ogni caso, al di là di questo che è un aspetto importante, non secondario, secondo me, per chi ci crede naturalmente, nel momento in cui ci occupiamo di dispersione, dovremmo preoccuparci anche della produzione. Sono d'accordo con il Relatore Parpiglia che dice: "Non ritardiamo ulteriormente", ma prego l'aula - anche valorizzando quello che è stato fatto nelle Legislature precedenti, mi risulta che il Presidente Niro si sia già occupato anche di questa Legge - di tornarci a breve con una Legge che possa prevedere la realizzazione di un forno inceneritore a Campobasso. Insomma, visto che noi ci preoccupiamo delle ceneri che, attualmente, vengono prodotte fuori Regione, penso che sia opportuno che anche la Regione Molise si doti di questa possibilità. Grazie, Consigliere Sabusco. Ci sono altri interventi? Prego, Consigliere Fusco, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE FUSCO PERRELLA Signor Presidente, considerato che comunque la Regione Molise si debba dotare di una Legge oggi proposta nel rispetto della volontà delle persone e soprattutto nel rispetto dei valori che le persone esprimono, io vorrei fare alcune considerazioni che mi impongono la coscienza e anche il mio modo di pensare e di essere. Negli ultimi anni in Italia si è largamente diffusa la pratica della dispersione delle ceneri e della cremazione dei defunti, difatti i dati statistici raccolti parlano di centomila casi, con una crescita esponenziale del quindici per cento rispetto al 2011, una diffusione sicuramente favorita dal proliferare delle leggi regionali modellate e in attuazione dello schema fornito dal modello della Legge nazionale, la numero 130 del 30 marzo 2001, recante disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri, testo approvato dal Parlamento e che come principale novità fa venir meno il divieto di disperdere le ceneri, abolendo di fatto l'obbligo della conservazione nei cimiteri. Salvaguardando in ogni caso il

3 Regione Molise -75- Resoconti Consiliari rispetto della volontà del defunto, mi permetto di sollevare qualche dubbio su questo rituale diffuso, soprattutto nel rispetto della sepoltura dal punto di vista etico-religioso. Già nel lontano 1963 la chiesa cattolica, con l'instructio piam et constantem, della Suprema Congregazione del Santo Ufficio, ribadì l'invito dei vescovi di predicare il rito della tumulazione, passo fondamentale della prassi tradizionale della chiesa. Un indirizzo deciso, ribadito anche nel Codice di Diritto Canonico, quanto al Codice 1176, viene sancito che la chiesa raccomanda vivamente che si conservi la pia consuetudine di seppellire i corpi dei defunti, tuttavia non proibisce la cremazione, a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana. Nel corso degli anni la chiesa, adeguandosi di fatto al corso dei tempi e al cambiamento di abitudini, si è avvicinata a questa pratica, sancendo un'apertura condizionata alla cremazione dei defunti e l'esempio concreto ci viene dalle direttive della conferenza episcopale italiana espresse nel rito delle esequie del 2011, con un'appendice specifica dedicata alle esequie in caso di cremazione. La chiesa, anche se non si oppone alla cremazione dei corpi quando non viene fatta in odium fidei, ritiene comunque la sepoltura del corpo dei defunti la forma più corretta ed idonea ad esprimere la fede nella resurrezione della carne; sicuramente il passo più importante è quello che stabilisce come la cremazione possa ritenersi conclusa solamente con la deposizione dell'urna nel cimitero. La prassi di spargere le ceneri in natura, oppure conservarle in altri luoghi diversi dal cimitero, come ad esempio nelle abitazioni private, solleva molte domande e molte perplessità, sempre rimanendo per intesa che siamo in un Paese democratico e dobbiamo rispettare la volontà della persona; la prassi di spargere le ceneri in natura oppure di conservarle in altri luoghi diversi, nelle abitazioni private, ha portato la chiesa, ma io credo tutti i credenti, ad essere contraria a simili pratiche che possono portare a concezioni panteistiche o naturalistiche, soprattutto nel caso di spargimento in un luogo preciso, anonimo, si impedisce così la possibilità di esprimere con riferimento a un luogo di dolore comunitario e nella Legge c'è il senso comunitario, che poi andrò a spiegare. Per le generazioni successive, la vita di coloro che le hanno precedute, scompare senza lasciare traccia, questa è la conferenza episcopale, ci chiediamo quindi se sia giusto, rimettendo la coscienza di ciascuno di noi anche al modo di sentire e di vivere queste ed altre situazioni, se sia giusto far venir meno il senso commemorativo e memoriale della morte. Nella proposta di Legge c'è un richiamo importante al senso comunitario della morte, che prevede l'apposizione di una targa all'interno del cimitero, ma sicuramente il valore etico non è lo stesso ma costituisce solamente un piccolo palliativo, perché in noi è veramente forte il pensiero di perdere il luogo comune della memoria. Da ulteriori analisi della proposta di Legge presentata, riteniamo fondamentale e necessario un intervento normativo a più ampio raggio, lo abbiamo detto anche in commissione al relatore, che interessi il settore funerario nel suo ampio complesso, quindi mi auguro che la commissione, la quarta commissione, Presidenti, si possa occupare, come giustamente ha detto anche il Consigliere Sabusco, di integrare e portare a un più ampio intervento normativo. Di conseguenza, un intervento legislativo complessivo e relativo alla materia che non costituisca una mera esecuzione, attuazione della Legge 130, ma che colmi una lacuna importante della nostra Regione che riguarda le procedure funerarie. Poi c'è il titolo quinto della Costituzione, che ha consentito a tutte le regioni di legiferare e di recepire la Legge nazionale, parliamo di normative a tutto tondo che riguardano un area più

4 Regione Molise -76- Resoconti Consiliari complessiva, presenti anche nelle altre regioni. C'è un fatto, l'accento fondamentale deve essere posto sui regolamenti comunali che regolano le attività funebri, cimiteriali e di polizia mortuaria, organizzando con le norme delle indicazioni e delle linee guida in maniera organica e difforme, quindi dovremmo anche aiutare, dovreste aiutare e dovrebbe aiutare la Giunta i Comuni, a regolamentare in una maniera uniforme soprattutto le parti più importanti del regolamento, non sono quelle che riguardano l'organizzazione nella struttura cimiteriale, quindi trasporti, inumazione, tumulazione ed altro. Io non posso non dimenticare, pur condividendo da cittadina italiana che la Legge va approvata e va applicata con tutto quello che comporta, però non posso dimenticare, da persona che crede in certi valori, sol chi non lascia eredità d'affetti poca gioia ha dell'urna e io non posso non dire questo, avendo per trentaquattro anni esercitato l'insegnamento di una materia e soprattutto avendo un amore particolare per Petrarca, per Foscolo. E' importante la tomba, ma è importante anche rispettare la volontà di cittadini, siamo in una Repubblica in cui la volontà del cittadino è una volontà sacrosanta, deve essere rispettata e deve considerata come un diritto. Grazie. Grazie Consigliere Fusco. Chiede la parola il Presidente Ioffredi. Prego, Presidente. Parpiglia? Il Consigliere Ioffredi concede l'anticipazione dell'intervento al Presidente Parpiglia. Prego, Presidente Parpiglia, ne ha facoltà. CONSIGLIERE PARPIGLIA Allora, condivido le diverse sensibilità, in modo particolare quella del Consigliere Fusco e dichiaro la mia fede cattolica - cristiana e, quindi, la contrarietà personale ad una possibilità di cremazione. Già l'ho detto a mia figlia, per essere chiari: Non voglio essere cremato, questo è evidente. Però, comunque, sono primo firmatario perché c'è la necessità di rispettare la dignità di ognuno, le condizioni di ogni cittadino, al di là delle usanze tradizionali cattoliche che, naturalmente, non prevedono la possibilità della cremazione, come giustamente ricordava il Consigliere Fusco. Quindi, voglio dire, le sensibilità sono simili, uguali, però siamo spinti da una situazione diversa che comporta una legge che, in qualche modo, vada ad uniformare la Regione Molise alle altre Regioni. Voglio dire, non è più pensabile che un fatto di dignità e di rispetto ed un fatto che naturalmente non può essere vietato, sia diventato, invece, un reato di legge, addirittura con la possibilità di essere condannati per due - sette anni. Quindi, voglio dire, c'è la necessità di recepire le disposizioni della normativa nazionale, della legge addirittura del 2001, che riguarda il trasporto, l'affido e la conservazione ed anche, oltre alla cremazione, la dispersione delle ceneri. Quindi, penso che sia necessario, in questo momento, approvare questa legge. Evidentemente condivido appieno le altre sensibilità e le altre idee proposte in modo particolare dal Consigliere Sabusco e sono assolutamente disponibile a valorizzare questa idea ed a lavorare insieme per presentare una legge più articolata, più complessa, più ad ampio raggio, che riguarda poi la cremazione in modo particolare. Però, io penso che in questo momento forse è giusto e necessario andare ad approvazione della legge sulle dispersioni e poi, come ho già detto, sono assolutamente

5 Regione Molise -77- Resoconti Consiliari favorevole e sono veramente disponibile, in collaborazione con il Consigliere Sabusco, a vedere di elaborare e di proporre una legge che, in modo più articolato, affronti anche la questione della cremazione. Grazie Presidente Parpiglia. Presidente Ioffredi, prego ne ha facoltà. CONSIGLIERE IOFFREDI Credo che sia il caso di rimarcare alcuni principi che sono stati presenti nella compilazione di questa legge. Il fatto che la religione cattolica, la nostra religione, preferisca, o in passato addirittura proibisse la cremazione, preferendo o obbligando all'inumazione dei cadaveri, è un fatto che merita rispetto, così come meritano rispetto le altre volontà. L'istituzione di questa legge serve a sanare una situazione che diventa ridicola, come è stata ridicola per un certo periodo di tempo la situazione che prevedeva che gli airbag in Italia fossero considerati arma da fuoco. C'è stato un periodo - i primissimi tempi in cui c'erano gli airbag alle macchine in cui le macchine con l'airbag in Italia non potevano essere importate perché, siccome c'è una carica esplosiva e non c'era una legge che regolava la materia, si poteva essere arrestati perché cioè era un'arma da fuoco, figuriamoci un po'. E così adesso lo stesso ridicolo io lo sento quando si parla della cremazione e si tira fuori l'occultamento di cadavere. Credo che questa legge permetta ad ognuno, nel rispetto delle proprie convinzioni, religiose o non religiose, di procedere nel percorso dopo la propria morte nel modo che preferisce. Contempla anche, come da dettato della legge nazionale, la proibizione di disperdere le ceneri in prossimità di centri abitati e quant'altro. Mi pare che sia un modo per consentire a chiunque voglia utilizzare quella modalità di sepoltura, di poterle utilizzare. Mi sembra strano l'atteggiamento del Consigliere Fusco, mi dispiace che sia andata via, che rimarcava come se fosse meglio ostacolare un percorso del genere. Non è obbligatorio per nessuno farsi cremare, si continua ad avere la via che si preferisce, si continua ad avere il luogo dove continuano ad essere messe le targhette se uno ha bisogno di un luogo dove andare a ricordare i propri defunti e mi pare che sia quanto di più democratico si possa ipotizzare. Grazie Presidente Ioffredi, ci sono altri interventi? CONSIGLIERE SABUSCO Torno a dire che correttamente - io rifaccio di nuovo la proposta - andrebbe salvaguardata anche la possibilità, nel rispetto delle singole credenze e dei singoli desideri, anche di arrivare presto... questo non vuol dire rinviare l'approvazione di questo, anche se sembrerebbe un poco particolare che noi ci occupiamo prima delle ceneri e non della produzione. Faccio un appello soprattutto al Presidente della Commissione, affinché si possa tornare presto in Commissione, sentendo anche in audizione le... perché ci sono delle associazioni per la cremazione, di arrivare presto a quello che già in qualche Legislatura fa è stato cominciato, ad una legge organica sulle cremazioni. Grazie.

6 Regione Molise -78- Resoconti Consiliari Grazie Consigliere Sabusco, ci sono altri interventi? Prego, Presidente Totaro. CONSIGLIERE TOTARO Presidente, solo per chiedere un minuto di sospensione, visto che manca il Governo Regionale, per avere un parere. Allora, abbiamo sempre concesso la sospensione e questa volta, a maggior ragione, perché mi pare che il Presidente e l'assessore al ramo stiano ascoltando i dipendenti dell'atm, quindi qualche minuto di sospensione. Grazie. (Il Consiglio è sospeso alle ore 17:41)

7 Regione Molise -79- Resoconti Consiliari RIPRESA DEL CONSIGLIO - Ore 18:23 - Riprendiamo i lavori dopo la sospensione, ci eravamo fermati prima della chiusura della discussione generale, per ascoltare il parere del Governo Regionale sulla proposta di legge numero 29, che riguarda la dispersione delle ceneri derivante dalla cremazione dei defunti. Il Governo Regionale? Presidente Petraroia mi chiedeva lei di fare l'intervento per conto del Governo? Prego, ne ha facoltà Vicepresidente Petraroia. ASSESSORE PETRAROIA Solo per esprimere un apprezzamento per la sensibilità dimostrata dai colleghi che hanno raccolto la proposta di un compagno del Partito Comunista Italiano, il dottor Italo Testa, che sono almeno venti anni che ha promosso per le vie brevi a Campobasso un comitato o un'associazione anche nelle precedenti Legislature. Si era reso promotore anche di contatti individuali con i Consiglieri Regionali per fare arrivare anche in Molise una normativa che in altre Regioni è stata adottata da tempo. Anche se questo argomento si presta evidentemente a battute e ad interpretazioni, credo sia, invece, un argomento molto delicato, molto importante. Ricordo che il Dottor Italo Testa aveva fatto un coordinamento con diverse persone di diversa estrazione anche culturale, aveva provato a fare innovare, fare avanzare questo nostro territorio adeguandolo ad altre Regioni italiane, così che si mettesse a disposizione di tutti quello che poi è una scelta, una scelta individuale anche della persona, del cittadino. Il fatto che in maniera così condivisa da parte dell'aula, ci sia la possibilità oggi di restituire al Molise un provvedimento che nel corso delle prossime settimane permetterà a quei cittadini di poter fare anche questa scelta, è la dimostrazione e la conferma che quando il Consiglio Regionale vuole operare, può adoperarsi, come è stato per la proposta di legge contro la violenza di genere, come è stato anche per la proposta di legge del recepimento sui tirocini. Cioè, durante questo periodo - lo dico a tutti quanti i colleghi - ci sono state delle occasioni in cui probabilmente anche qualche accento critico fatto dall'esterno aveva un suo fondamento, e su questo forse dovremmo riflettere tutti con maggiore serenità, ma ci sono stati anche momenti - e questo è uno di quei momenti - in cui abbiamo restituito la dimensione di un agire collettivo ed istituzionale che è corretto e che va al di là anche degli schieramenti e delle appartenenze individuali. In queste circostanze, in cui il Consiglio come istituzione opera in maniera costruttiva e responsabile ed adotta provvedimenti importanti, dovremmo essere un po' più bravi a saper comunicare all'esterno, anche le cose positive che siamo stati in grado di fare. Lo dico perché, altrimenti, tra nostri errori e qualche chiave interpretativa dove si parla solo un linguaggio non positivo sull'attività istituzionale, la sommatoria di questi due elementi porta i cittadini ad avere un'idea dell'attività di questa istituzione, che è la massima istituzione della Regione Molise, che non è corretta e che non è nemmeno giusta e che lede anche la dignità di ciascuno di noi. Perché noi, prima di essere

8 Regione Molise -80- Resoconti Consiliari Consiglieri, siamo delle persone e poiché siamo delle persone che riteniamo di adoperarci per il bene comune, al di là delle idee che ciascuno di noi porta avanti o dei provvedimenti specifici, io credo che in qualche circostanza si debba difendere meglio la qualità e la quantità di alcuni provvedimenti che parlano a tutti. Io, poiché mi avevate tirato per la giacca, ho voluto ricordare l'attività ventennale del dottor Italo Testa a cui mi lega un'amicizia personale ed un legame, se volete, anche di carattere culturale, ideale e valoriale. Ma, al di là del dottor Italo Testa, questa è una cosa che parla praticamente a tutti, così come tanti altri provvedimenti che abbiamo adottato parlano a tutti, parlano al bene di questo territorio. Però facciamo in modo che quando adottiamo leggi e provvedimenti che sono seri ci sia la possibilità anche di trasmettere all'esterno che si fanno anche delle cose positive in quest'aula. Guardate, questo non è il momento in cui si può pensare di difendere l'immagine del Consiglio Regionale, della Giunta Regionale all'esterno con atti individuali. Il Consiglio è un Organo, la percezione che si ha all'esterno: o che c'è una utilità dell'organo, che ha una sua dignità, o altrimenti una barca che affonda porta con sé tutti coloro che su quella barca ci stanno. Questo lo dico nell'immaginario di chi sta fuori dal Palazzo, e noi oggi dobbiamo difendere le istituzioni democratiche. Questo è uno di quei periodi bui della storia di questo Paese e di questo territorio in cui è facile cavalcare l'onda, se volete anche del disagio, del malessere sociale che c'è. Tocca a noi, ma non con le parole, tocca a noi con le azioni, perciò ho menzionato alcune azioni, se volete portate avanti in maniera unitaria dal Consiglio, costruendo e condividendo nelle sedi preposti questi provvedimenti, cioè noi abbiamo fatto una serie di cose ed altre cose le possiamo fare. Io mi permetto di dire al Consiglio Regionale: dobbiamo costruire il , dobbiamo fare una serie di atti di programmazione, mi ero permesso sbagliando - e chiedo scusa al Presidente della Giunta - di suggerire un coinvolgimento del Consiglio Regionale sulle questioni dell'indebitamento dei residui attivi, e ho sbagliato, io gli chiedo scusa pubblicamente. Cioè, se abbiamo approntato a suo tempo quella Commissione, che cos'era? Era un modo per restituire alla massima Assise di questa Regione un ruolo e una funzione che non si limitasse semplicemente a verificare gli effetti, ma che fosse in grado di risalire alle cause della situazione di difficoltà, in cui tutti ci troviamo, attraverso un lavoro collegiale, che coinvolgeva tutte le diverse rappresentanze. Questo Consiglio ha ritenuto, legittimamente - e io ho grande rispetto per l'autonomia del Consiglio - di non occuparsi di questo problema. Oggi è il 29 di ottobre, noi non abbiamo approvato il Bilancio Consuntivo del 2011, del 2012, non possiamo fare quello del 2013, non possiamo fare l'assestamento. Noi dovremmo, in base alla Legge di Contabilità, aver fatto già il DPEF e quant'altro, perché stiamo bloccati rispetto a quelle vicende, che però abbiamo voluto mettere sotto al tappeto, come la polvere. Come a dire: "Noi non ci occupiamo di questo, preferiamo magari tornare su una singola questione", paventando giustamente, che mancano le risorse per la risoluzione di quello specifico problema.

9 Regione Molise -81- Resoconti Consiliari Ma le risorse stanno nel bilancio, e il bilancio lo dobbiamo approvare. E se c'è un problema di contestazione del Ministero del Tesoro, quantomeno lo dobbiamo conoscere, altrimenti di cosa parliamo? Allora, grazie all'assessore Petraroia. Passiamo all'esame degli articoli della proposta di legge numero 29, avente ad oggetto Dispersioni delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Col testo approvato dalla Quarta Commissione, alla seduta del 23 settembre Passiamo all'esame dell'articolo 1. Finalità. Ci sono interventi? Non ci emendamenti. Articolo 2, Affidamento e dispersione delle ceneri. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti. Pongo in votazione l'articolo 2. Articolo 3, Modalità di conservazione. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti, nessun intervento. Pongo ai viti l'articolo 3. Articolo 4, Luoghi idonei alla dispersione delle ceneri. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti.

10 Regione Molise -82- Resoconti Consiliari Pongo ai voti l'articolo 4. Articolo 5, Interventi comunali. Interventi? Non ci sono interventi, non ci sono emendamenti. Pongo ai voti l'articolo 5. Articolo 6, Senso comunitario della morte. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti, pongo in voto l'articolo 6. Articolo 7, Informazione ai cittadini. Non sono emendamenti, ci sono interventi? Prima di passare all'approvazione del testo definitivo, ci sono interventi per dichiarazioni di voto? Nessun intervento per dichiarazione di voto.

11 Regione Molise -83- Resoconti Consiliari Pongo ai voti il testo della proposta di legge regionale, numero 29 di iniziativa dei Consiglieri Regionali Parpiglia, Di Pietro, Lattanzio, Ciocca, Ioffredi, Totaro, concernente Dispersione delle ceneri funerarie nella Regione Molise. Votiamo il coordinamento tecnico del testo. Favorevoli al coordinamento tecnico? Ora, come avevo preannunciato, lascio l'aula per impegni personali al Vicepresidente Di Pietro, il Vicepresidente di turno, che farà poi le comunicazioni finali, rispetto sia all'ordine del giorno che alle sedute successive. Grazie a tutti e arrivederci.

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale Proposta di legge di modifica della legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti) Sommario Preambolo Art. 1 Sostituzione

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE Il Consigliere Quintino Pallante CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX LEGISLATURA -------------------- PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N. Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 240 Presentata dai Consiglieri Ciani, Ciriani, Di Natale,

Dettagli

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e dei loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione ( B.U. REGIONE BASILICATA

Dettagli

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44)

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Legge regionale n. 20 del 31 ottobre 2007 Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 21

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 27/03/2007 Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri

COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera C.C. n. 32

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente

Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente ~rlr;l(' "' Iflfln I""! q " 1" 1 j " ~ 1 i' -1 \i 'J ~- ~I~I~I[' "'c'ci,rif(: çi'\1f~"') "-,,-,,,,,," Att; ConSiliari A TTO N 1770/BIS Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente SERVIZI E POLITICHE

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Libretto Servizi Funebri 21-03-2007 11:26 Pagina 1 1955 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Programma generale di intervento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1159 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALFONZI, EMPRIN GILARDINI, VALPIANA, RUSSO SPENA e TURIGLIATTO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 NOVEMBRE 2006 Nuove

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

C O M U N E D I U R B I N O

C O M U N E D I U R B I N O C O M U N E D I U R B I N O REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 26

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti I CIMITERI Il Comune di Cremona gestisce i seguenti cimiteri: il Civico Cimitero di Cremona (foto 1) via Cimitero 1 - Cremona 1 il Cimitero

Dettagli

L. 30-3-2001 n. 130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri Pubblicata nella Gazz. Uff. 19 aprile 2001, n.

L. 30-3-2001 n. 130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri Pubblicata nella Gazz. Uff. 19 aprile 2001, n. L. 30-3-2001 n. 130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri Pubblicata nella Gazz. Uff. 19 aprile 2001, n. 91 Epigrafe 1. Oggetto. 2. Modifiche all'articolo 411 del codice penale.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO Regione Molise -4- Resoconti Consiliari XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL NIRO - ORE 12:13 - APERTURA DELLA SEDUTA, APPROVAZIONE DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA PRECEDENTE E COMUNICAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Art. 1. (Oggetto e finalita')

Art. 1. (Oggetto e finalita') Legge regionale n. 11 del 13/10/2008 Disposizioni in materia di destinazione delle ceneri da cremazione. Art. 1 (Oggetto e finalita') 1. La presente legge disciplina l'affidamento delle ceneri derivanti

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI REGIONE DELL'UMIBRIA Consiglio ~~&~~~ Regionale Atti C onsiliarl VII LEGISLATURA ATTO N. 1770 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI Attuazione della legge 30/3/2001,

Dettagli

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE.

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Regione Molise -10- Resoconti Consiliari RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Prego i Consiglieri di prendere posto. Riprendiamo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE (n. 4)

LEGGE REGIONALE (n. 4) LEGGE REGIONALE (n. 4) approvata dal Consiglio regionale nella seduta antimeridiana del 30 settembre 2008 ----- ----- - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Tel. 0122/755955 Fax 0122/755935 COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE DI CESANA PROVINCIA DI TORINO Via Principale 25 C.A.P. 10054 E-mail info@comune.sauzedicesana.to.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

a. Cremazione di cadaveri

a. Cremazione di cadaveri Comune di Firenze Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. (Deliberazione C.C. n 128 del 21 dicembre 2004) Art. 1

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI PONTEBBA Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.ro 60 del 30/11/2013 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri.

LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri. LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio Allegato A Comune di Teglio Provincia di Sondrio Disciplinare per l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri - procedure individuazione luoghi destinati alla dispersione delle ceneri derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CREMAZIONE, DELLA DISPERSIONE E DELL AFFIDAMENTO DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CREMAZIONE, DELLA DISPERSIONE E DELL AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso per favorire nel

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze)

COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER CREMAZIONE, DISPERSIONE CENERI E AFFIDAMENTO URNA CINERARIA Allegato B (Deliberazione C.C. n. del 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART 1 Finalità

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. Approvato con Delibera C.C. n. 75 del 30/10/2007 IN VIGORE DAL 17/11/2007 Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere originale VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale OGGETTO: Consegna ai familiari delle ceneri di persona defunta e dispersione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

XII COMMISSIONE PERMANENTE

XII COMMISSIONE PERMANENTE Martedì 14 marzo 2000 106 Commissione XII XII COMMISSIONE PERMANENTE (Affari sociali) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: Sui lavori della Commissione... 106 SEDE REFERENTE: Cremazione. C. 307 Scalia, C. 585

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P.

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Grazie Presidente. Parto dall'ultima considerazione che faceva il collega Monteventi con cui mi trovo assolutamente d'accordo, nel senso che credo anch'io che ci

Dettagli

Regione Molise -16- Resoconti Consiliari

Regione Molise -16- Resoconti Consiliari Regione Molise -16- Resoconti Consiliari ORDINE DEL GIORNO, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FEDERICO E MANZO, COLLEGATO ALLA MANOVRA FINANZIARIA 2014, PER IMPEGNARE IL DELLA GIUNTA REGIONALE AD ADOTTARE IL PIANO

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 84 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Riconoscimento tomba della Famiglia Faggioni - Merzari nel Cimitero dell abitato di

Dettagli

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Provincia di Livorno Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 192 del

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma Regolamento di Polizia Mortuaria. (Approvato con delibera di C.C. n. 69 del 20.09.1999) (Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 12.12.2001) INDICE GENERALE TITOLO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 Comune di NOGAROLE ROCCA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 OGGETTO: DELIMITAZIONE AREA ALL'INTERNO DEL CIMITERO DI NOGAROLE ROCCA-CAPOLUOGO E DEL CIMITERO DI BAGNOLO DA DESTINARE

Dettagli

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto e finalità Il presente

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli