LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE."

Transcript

1 Regione Molise -73- Resoconti Consiliari LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: DISPERSIONE DELLE CENERI FUNERARIE NELLA REGIONE MOLISE APPROVAZIONE. Bene. Passiamo al punto numero 4. Prima di dare il via alla discussione generale, preannuncio soltanto che il sottoscritto lascerà la Presidenza di questa seduta pomeridiana del Consiglio Regionale alle ore 19:00, lasciando, ovviamente, il Vicepresidente di turno a presiedere la prosecuzione dei lavori. Prego, è aperta la discussione generale. Prego, Relatore Totaro, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE TOTARO Ha detto aperta discussione generale? Avrei anche fatto a meno di fare la relazione, in questo caso. Precisiamo, perché così resti agli atti, è aperta la discussione sulla proposta di Legge, con la lettura della relazione da parte del Relatore; dopo apriremo la discussione generale e preciso, nel contempo, che mi assenterò per motivi personali. Grazie. CONSIGLIERE TOTARO Grazie a lei, Presidente. La Legge nazionale numero 130 del marzo del 2001 disciplina la pratica funeraria della cremazione e della dispersione delle ceneri. Entro sei mesi dall'entrata in vigore della norma, le Regioni avrebbero dovuto elaborare piani di coordinamento e normative autonome ma, a dodici anni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, la Regione Molise non ha ancora recepito le disposizioni. La presente inadempienza nega il diritto al rito funebre, generando anche notevoli problematiche di carattere giuridico; infatti, la dispersione non autorizzata costituisce reato ai sensi dell'articolo 411 del Codice penale ed è punita con una reclusione da due a sette anni, sarebbe occultamento di cadavere, credo. Assodata la possibilità di conservazione delle ceneri in un loculo, in una tomba o nel cinerario del cimitero comunale, urge la procedura di dispersione delle medesime anche al di fuori delle cinta murarie dei camposanti, per garantire il rispetto della volontà del defunto e tutelare la salute dei cittadini. Le ceneri non sono pericolose, tuttavia, la loro dispersione è consentita esclusivamente in aree appositamente individuate, siano esse private o pubbliche, entro i limiti dell'articolo 3 della Legge 130 del La dispersione è sempre vietata nei centri abitati, ad esempio, ma può avvenire nei boschi, in mare, nei laghi e nei fiumi - se liberi da natanti e da manufatti - al fine di rendere effettivo un diritto di acquisito in altre realtà territoriali, salvaguardando la dignità dei singoli e rispettando le convinzioni religiose e culturali di ognuno. Si reputa indispensabile un intervento normativo al fine di regolamentare la prassi, il trasporto, la conservazione e dispersione

2 Regione Molise -74- Resoconti Consiliari delle ceneri, nonché l'individuazione di luoghi idonei alla pratica e, pertanto, ne chiedo l'approvazione a questo Onorevole Consiglio Regionale. Grazie. Grazie, Presidente Totaro. Apriamo la discussione generale. Chi chiede la parola? Prego Consigliere Sabusco, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE SABUSCO Io avevo cercato di dire al Relatore Parpiglia che, nel momento in cui ci occupiamo di dispersione delle ceneri, forse è il caso di tornare, un momentino, alla Legge sulla cremazione, che era già stata proposta in altre Legislature. Prima della dispersione io credo che dovremmo occuparci della produzione delle ceneri, visto che, attualmente, la tecnologia prevede anche la possibilità di avere un diamante di uno o due carati dal carbonio che viene liberato dalla cremazione delle ceneri. In ogni caso, al di là di questo che, comunque, è un fatto reale, sembrerebbe una barzelletta, ma stanno già realizzando in Svizzera, al costo di 2 mila euro, la possibilità di ricavare il diamante dal carbonio che viene liberato dalla cremazione delle ceneri, però, in ogni caso, al di là di questo che è un aspetto importante, non secondario, secondo me, per chi ci crede naturalmente, nel momento in cui ci occupiamo di dispersione, dovremmo preoccuparci anche della produzione. Sono d'accordo con il Relatore Parpiglia che dice: "Non ritardiamo ulteriormente", ma prego l'aula - anche valorizzando quello che è stato fatto nelle Legislature precedenti, mi risulta che il Presidente Niro si sia già occupato anche di questa Legge - di tornarci a breve con una Legge che possa prevedere la realizzazione di un forno inceneritore a Campobasso. Insomma, visto che noi ci preoccupiamo delle ceneri che, attualmente, vengono prodotte fuori Regione, penso che sia opportuno che anche la Regione Molise si doti di questa possibilità. Grazie, Consigliere Sabusco. Ci sono altri interventi? Prego, Consigliere Fusco, ne ha la facoltà. CONSIGLIERE FUSCO PERRELLA Signor Presidente, considerato che comunque la Regione Molise si debba dotare di una Legge oggi proposta nel rispetto della volontà delle persone e soprattutto nel rispetto dei valori che le persone esprimono, io vorrei fare alcune considerazioni che mi impongono la coscienza e anche il mio modo di pensare e di essere. Negli ultimi anni in Italia si è largamente diffusa la pratica della dispersione delle ceneri e della cremazione dei defunti, difatti i dati statistici raccolti parlano di centomila casi, con una crescita esponenziale del quindici per cento rispetto al 2011, una diffusione sicuramente favorita dal proliferare delle leggi regionali modellate e in attuazione dello schema fornito dal modello della Legge nazionale, la numero 130 del 30 marzo 2001, recante disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri, testo approvato dal Parlamento e che come principale novità fa venir meno il divieto di disperdere le ceneri, abolendo di fatto l'obbligo della conservazione nei cimiteri. Salvaguardando in ogni caso il

3 Regione Molise -75- Resoconti Consiliari rispetto della volontà del defunto, mi permetto di sollevare qualche dubbio su questo rituale diffuso, soprattutto nel rispetto della sepoltura dal punto di vista etico-religioso. Già nel lontano 1963 la chiesa cattolica, con l'instructio piam et constantem, della Suprema Congregazione del Santo Ufficio, ribadì l'invito dei vescovi di predicare il rito della tumulazione, passo fondamentale della prassi tradizionale della chiesa. Un indirizzo deciso, ribadito anche nel Codice di Diritto Canonico, quanto al Codice 1176, viene sancito che la chiesa raccomanda vivamente che si conservi la pia consuetudine di seppellire i corpi dei defunti, tuttavia non proibisce la cremazione, a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana. Nel corso degli anni la chiesa, adeguandosi di fatto al corso dei tempi e al cambiamento di abitudini, si è avvicinata a questa pratica, sancendo un'apertura condizionata alla cremazione dei defunti e l'esempio concreto ci viene dalle direttive della conferenza episcopale italiana espresse nel rito delle esequie del 2011, con un'appendice specifica dedicata alle esequie in caso di cremazione. La chiesa, anche se non si oppone alla cremazione dei corpi quando non viene fatta in odium fidei, ritiene comunque la sepoltura del corpo dei defunti la forma più corretta ed idonea ad esprimere la fede nella resurrezione della carne; sicuramente il passo più importante è quello che stabilisce come la cremazione possa ritenersi conclusa solamente con la deposizione dell'urna nel cimitero. La prassi di spargere le ceneri in natura, oppure conservarle in altri luoghi diversi dal cimitero, come ad esempio nelle abitazioni private, solleva molte domande e molte perplessità, sempre rimanendo per intesa che siamo in un Paese democratico e dobbiamo rispettare la volontà della persona; la prassi di spargere le ceneri in natura oppure di conservarle in altri luoghi diversi, nelle abitazioni private, ha portato la chiesa, ma io credo tutti i credenti, ad essere contraria a simili pratiche che possono portare a concezioni panteistiche o naturalistiche, soprattutto nel caso di spargimento in un luogo preciso, anonimo, si impedisce così la possibilità di esprimere con riferimento a un luogo di dolore comunitario e nella Legge c'è il senso comunitario, che poi andrò a spiegare. Per le generazioni successive, la vita di coloro che le hanno precedute, scompare senza lasciare traccia, questa è la conferenza episcopale, ci chiediamo quindi se sia giusto, rimettendo la coscienza di ciascuno di noi anche al modo di sentire e di vivere queste ed altre situazioni, se sia giusto far venir meno il senso commemorativo e memoriale della morte. Nella proposta di Legge c'è un richiamo importante al senso comunitario della morte, che prevede l'apposizione di una targa all'interno del cimitero, ma sicuramente il valore etico non è lo stesso ma costituisce solamente un piccolo palliativo, perché in noi è veramente forte il pensiero di perdere il luogo comune della memoria. Da ulteriori analisi della proposta di Legge presentata, riteniamo fondamentale e necessario un intervento normativo a più ampio raggio, lo abbiamo detto anche in commissione al relatore, che interessi il settore funerario nel suo ampio complesso, quindi mi auguro che la commissione, la quarta commissione, Presidenti, si possa occupare, come giustamente ha detto anche il Consigliere Sabusco, di integrare e portare a un più ampio intervento normativo. Di conseguenza, un intervento legislativo complessivo e relativo alla materia che non costituisca una mera esecuzione, attuazione della Legge 130, ma che colmi una lacuna importante della nostra Regione che riguarda le procedure funerarie. Poi c'è il titolo quinto della Costituzione, che ha consentito a tutte le regioni di legiferare e di recepire la Legge nazionale, parliamo di normative a tutto tondo che riguardano un area più

4 Regione Molise -76- Resoconti Consiliari complessiva, presenti anche nelle altre regioni. C'è un fatto, l'accento fondamentale deve essere posto sui regolamenti comunali che regolano le attività funebri, cimiteriali e di polizia mortuaria, organizzando con le norme delle indicazioni e delle linee guida in maniera organica e difforme, quindi dovremmo anche aiutare, dovreste aiutare e dovrebbe aiutare la Giunta i Comuni, a regolamentare in una maniera uniforme soprattutto le parti più importanti del regolamento, non sono quelle che riguardano l'organizzazione nella struttura cimiteriale, quindi trasporti, inumazione, tumulazione ed altro. Io non posso non dimenticare, pur condividendo da cittadina italiana che la Legge va approvata e va applicata con tutto quello che comporta, però non posso dimenticare, da persona che crede in certi valori, sol chi non lascia eredità d'affetti poca gioia ha dell'urna e io non posso non dire questo, avendo per trentaquattro anni esercitato l'insegnamento di una materia e soprattutto avendo un amore particolare per Petrarca, per Foscolo. E' importante la tomba, ma è importante anche rispettare la volontà di cittadini, siamo in una Repubblica in cui la volontà del cittadino è una volontà sacrosanta, deve essere rispettata e deve considerata come un diritto. Grazie. Grazie Consigliere Fusco. Chiede la parola il Presidente Ioffredi. Prego, Presidente. Parpiglia? Il Consigliere Ioffredi concede l'anticipazione dell'intervento al Presidente Parpiglia. Prego, Presidente Parpiglia, ne ha facoltà. CONSIGLIERE PARPIGLIA Allora, condivido le diverse sensibilità, in modo particolare quella del Consigliere Fusco e dichiaro la mia fede cattolica - cristiana e, quindi, la contrarietà personale ad una possibilità di cremazione. Già l'ho detto a mia figlia, per essere chiari: Non voglio essere cremato, questo è evidente. Però, comunque, sono primo firmatario perché c'è la necessità di rispettare la dignità di ognuno, le condizioni di ogni cittadino, al di là delle usanze tradizionali cattoliche che, naturalmente, non prevedono la possibilità della cremazione, come giustamente ricordava il Consigliere Fusco. Quindi, voglio dire, le sensibilità sono simili, uguali, però siamo spinti da una situazione diversa che comporta una legge che, in qualche modo, vada ad uniformare la Regione Molise alle altre Regioni. Voglio dire, non è più pensabile che un fatto di dignità e di rispetto ed un fatto che naturalmente non può essere vietato, sia diventato, invece, un reato di legge, addirittura con la possibilità di essere condannati per due - sette anni. Quindi, voglio dire, c'è la necessità di recepire le disposizioni della normativa nazionale, della legge addirittura del 2001, che riguarda il trasporto, l'affido e la conservazione ed anche, oltre alla cremazione, la dispersione delle ceneri. Quindi, penso che sia necessario, in questo momento, approvare questa legge. Evidentemente condivido appieno le altre sensibilità e le altre idee proposte in modo particolare dal Consigliere Sabusco e sono assolutamente disponibile a valorizzare questa idea ed a lavorare insieme per presentare una legge più articolata, più complessa, più ad ampio raggio, che riguarda poi la cremazione in modo particolare. Però, io penso che in questo momento forse è giusto e necessario andare ad approvazione della legge sulle dispersioni e poi, come ho già detto, sono assolutamente

5 Regione Molise -77- Resoconti Consiliari favorevole e sono veramente disponibile, in collaborazione con il Consigliere Sabusco, a vedere di elaborare e di proporre una legge che, in modo più articolato, affronti anche la questione della cremazione. Grazie Presidente Parpiglia. Presidente Ioffredi, prego ne ha facoltà. CONSIGLIERE IOFFREDI Credo che sia il caso di rimarcare alcuni principi che sono stati presenti nella compilazione di questa legge. Il fatto che la religione cattolica, la nostra religione, preferisca, o in passato addirittura proibisse la cremazione, preferendo o obbligando all'inumazione dei cadaveri, è un fatto che merita rispetto, così come meritano rispetto le altre volontà. L'istituzione di questa legge serve a sanare una situazione che diventa ridicola, come è stata ridicola per un certo periodo di tempo la situazione che prevedeva che gli airbag in Italia fossero considerati arma da fuoco. C'è stato un periodo - i primissimi tempi in cui c'erano gli airbag alle macchine in cui le macchine con l'airbag in Italia non potevano essere importate perché, siccome c'è una carica esplosiva e non c'era una legge che regolava la materia, si poteva essere arrestati perché cioè era un'arma da fuoco, figuriamoci un po'. E così adesso lo stesso ridicolo io lo sento quando si parla della cremazione e si tira fuori l'occultamento di cadavere. Credo che questa legge permetta ad ognuno, nel rispetto delle proprie convinzioni, religiose o non religiose, di procedere nel percorso dopo la propria morte nel modo che preferisce. Contempla anche, come da dettato della legge nazionale, la proibizione di disperdere le ceneri in prossimità di centri abitati e quant'altro. Mi pare che sia un modo per consentire a chiunque voglia utilizzare quella modalità di sepoltura, di poterle utilizzare. Mi sembra strano l'atteggiamento del Consigliere Fusco, mi dispiace che sia andata via, che rimarcava come se fosse meglio ostacolare un percorso del genere. Non è obbligatorio per nessuno farsi cremare, si continua ad avere la via che si preferisce, si continua ad avere il luogo dove continuano ad essere messe le targhette se uno ha bisogno di un luogo dove andare a ricordare i propri defunti e mi pare che sia quanto di più democratico si possa ipotizzare. Grazie Presidente Ioffredi, ci sono altri interventi? CONSIGLIERE SABUSCO Torno a dire che correttamente - io rifaccio di nuovo la proposta - andrebbe salvaguardata anche la possibilità, nel rispetto delle singole credenze e dei singoli desideri, anche di arrivare presto... questo non vuol dire rinviare l'approvazione di questo, anche se sembrerebbe un poco particolare che noi ci occupiamo prima delle ceneri e non della produzione. Faccio un appello soprattutto al Presidente della Commissione, affinché si possa tornare presto in Commissione, sentendo anche in audizione le... perché ci sono delle associazioni per la cremazione, di arrivare presto a quello che già in qualche Legislatura fa è stato cominciato, ad una legge organica sulle cremazioni. Grazie.

6 Regione Molise -78- Resoconti Consiliari Grazie Consigliere Sabusco, ci sono altri interventi? Prego, Presidente Totaro. CONSIGLIERE TOTARO Presidente, solo per chiedere un minuto di sospensione, visto che manca il Governo Regionale, per avere un parere. Allora, abbiamo sempre concesso la sospensione e questa volta, a maggior ragione, perché mi pare che il Presidente e l'assessore al ramo stiano ascoltando i dipendenti dell'atm, quindi qualche minuto di sospensione. Grazie. (Il Consiglio è sospeso alle ore 17:41)

7 Regione Molise -79- Resoconti Consiliari RIPRESA DEL CONSIGLIO - Ore 18:23 - Riprendiamo i lavori dopo la sospensione, ci eravamo fermati prima della chiusura della discussione generale, per ascoltare il parere del Governo Regionale sulla proposta di legge numero 29, che riguarda la dispersione delle ceneri derivante dalla cremazione dei defunti. Il Governo Regionale? Presidente Petraroia mi chiedeva lei di fare l'intervento per conto del Governo? Prego, ne ha facoltà Vicepresidente Petraroia. ASSESSORE PETRAROIA Solo per esprimere un apprezzamento per la sensibilità dimostrata dai colleghi che hanno raccolto la proposta di un compagno del Partito Comunista Italiano, il dottor Italo Testa, che sono almeno venti anni che ha promosso per le vie brevi a Campobasso un comitato o un'associazione anche nelle precedenti Legislature. Si era reso promotore anche di contatti individuali con i Consiglieri Regionali per fare arrivare anche in Molise una normativa che in altre Regioni è stata adottata da tempo. Anche se questo argomento si presta evidentemente a battute e ad interpretazioni, credo sia, invece, un argomento molto delicato, molto importante. Ricordo che il Dottor Italo Testa aveva fatto un coordinamento con diverse persone di diversa estrazione anche culturale, aveva provato a fare innovare, fare avanzare questo nostro territorio adeguandolo ad altre Regioni italiane, così che si mettesse a disposizione di tutti quello che poi è una scelta, una scelta individuale anche della persona, del cittadino. Il fatto che in maniera così condivisa da parte dell'aula, ci sia la possibilità oggi di restituire al Molise un provvedimento che nel corso delle prossime settimane permetterà a quei cittadini di poter fare anche questa scelta, è la dimostrazione e la conferma che quando il Consiglio Regionale vuole operare, può adoperarsi, come è stato per la proposta di legge contro la violenza di genere, come è stato anche per la proposta di legge del recepimento sui tirocini. Cioè, durante questo periodo - lo dico a tutti quanti i colleghi - ci sono state delle occasioni in cui probabilmente anche qualche accento critico fatto dall'esterno aveva un suo fondamento, e su questo forse dovremmo riflettere tutti con maggiore serenità, ma ci sono stati anche momenti - e questo è uno di quei momenti - in cui abbiamo restituito la dimensione di un agire collettivo ed istituzionale che è corretto e che va al di là anche degli schieramenti e delle appartenenze individuali. In queste circostanze, in cui il Consiglio come istituzione opera in maniera costruttiva e responsabile ed adotta provvedimenti importanti, dovremmo essere un po' più bravi a saper comunicare all'esterno, anche le cose positive che siamo stati in grado di fare. Lo dico perché, altrimenti, tra nostri errori e qualche chiave interpretativa dove si parla solo un linguaggio non positivo sull'attività istituzionale, la sommatoria di questi due elementi porta i cittadini ad avere un'idea dell'attività di questa istituzione, che è la massima istituzione della Regione Molise, che non è corretta e che non è nemmeno giusta e che lede anche la dignità di ciascuno di noi. Perché noi, prima di essere

8 Regione Molise -80- Resoconti Consiliari Consiglieri, siamo delle persone e poiché siamo delle persone che riteniamo di adoperarci per il bene comune, al di là delle idee che ciascuno di noi porta avanti o dei provvedimenti specifici, io credo che in qualche circostanza si debba difendere meglio la qualità e la quantità di alcuni provvedimenti che parlano a tutti. Io, poiché mi avevate tirato per la giacca, ho voluto ricordare l'attività ventennale del dottor Italo Testa a cui mi lega un'amicizia personale ed un legame, se volete, anche di carattere culturale, ideale e valoriale. Ma, al di là del dottor Italo Testa, questa è una cosa che parla praticamente a tutti, così come tanti altri provvedimenti che abbiamo adottato parlano a tutti, parlano al bene di questo territorio. Però facciamo in modo che quando adottiamo leggi e provvedimenti che sono seri ci sia la possibilità anche di trasmettere all'esterno che si fanno anche delle cose positive in quest'aula. Guardate, questo non è il momento in cui si può pensare di difendere l'immagine del Consiglio Regionale, della Giunta Regionale all'esterno con atti individuali. Il Consiglio è un Organo, la percezione che si ha all'esterno: o che c'è una utilità dell'organo, che ha una sua dignità, o altrimenti una barca che affonda porta con sé tutti coloro che su quella barca ci stanno. Questo lo dico nell'immaginario di chi sta fuori dal Palazzo, e noi oggi dobbiamo difendere le istituzioni democratiche. Questo è uno di quei periodi bui della storia di questo Paese e di questo territorio in cui è facile cavalcare l'onda, se volete anche del disagio, del malessere sociale che c'è. Tocca a noi, ma non con le parole, tocca a noi con le azioni, perciò ho menzionato alcune azioni, se volete portate avanti in maniera unitaria dal Consiglio, costruendo e condividendo nelle sedi preposti questi provvedimenti, cioè noi abbiamo fatto una serie di cose ed altre cose le possiamo fare. Io mi permetto di dire al Consiglio Regionale: dobbiamo costruire il , dobbiamo fare una serie di atti di programmazione, mi ero permesso sbagliando - e chiedo scusa al Presidente della Giunta - di suggerire un coinvolgimento del Consiglio Regionale sulle questioni dell'indebitamento dei residui attivi, e ho sbagliato, io gli chiedo scusa pubblicamente. Cioè, se abbiamo approntato a suo tempo quella Commissione, che cos'era? Era un modo per restituire alla massima Assise di questa Regione un ruolo e una funzione che non si limitasse semplicemente a verificare gli effetti, ma che fosse in grado di risalire alle cause della situazione di difficoltà, in cui tutti ci troviamo, attraverso un lavoro collegiale, che coinvolgeva tutte le diverse rappresentanze. Questo Consiglio ha ritenuto, legittimamente - e io ho grande rispetto per l'autonomia del Consiglio - di non occuparsi di questo problema. Oggi è il 29 di ottobre, noi non abbiamo approvato il Bilancio Consuntivo del 2011, del 2012, non possiamo fare quello del 2013, non possiamo fare l'assestamento. Noi dovremmo, in base alla Legge di Contabilità, aver fatto già il DPEF e quant'altro, perché stiamo bloccati rispetto a quelle vicende, che però abbiamo voluto mettere sotto al tappeto, come la polvere. Come a dire: "Noi non ci occupiamo di questo, preferiamo magari tornare su una singola questione", paventando giustamente, che mancano le risorse per la risoluzione di quello specifico problema.

9 Regione Molise -81- Resoconti Consiliari Ma le risorse stanno nel bilancio, e il bilancio lo dobbiamo approvare. E se c'è un problema di contestazione del Ministero del Tesoro, quantomeno lo dobbiamo conoscere, altrimenti di cosa parliamo? Allora, grazie all'assessore Petraroia. Passiamo all'esame degli articoli della proposta di legge numero 29, avente ad oggetto Dispersioni delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Col testo approvato dalla Quarta Commissione, alla seduta del 23 settembre Passiamo all'esame dell'articolo 1. Finalità. Ci sono interventi? Non ci emendamenti. Articolo 2, Affidamento e dispersione delle ceneri. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti. Pongo in votazione l'articolo 2. Articolo 3, Modalità di conservazione. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti, nessun intervento. Pongo ai viti l'articolo 3. Articolo 4, Luoghi idonei alla dispersione delle ceneri. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti.

10 Regione Molise -82- Resoconti Consiliari Pongo ai voti l'articolo 4. Articolo 5, Interventi comunali. Interventi? Non ci sono interventi, non ci sono emendamenti. Pongo ai voti l'articolo 5. Articolo 6, Senso comunitario della morte. Ci sono interventi? Non ci sono emendamenti, pongo in voto l'articolo 6. Articolo 7, Informazione ai cittadini. Non sono emendamenti, ci sono interventi? Prima di passare all'approvazione del testo definitivo, ci sono interventi per dichiarazioni di voto? Nessun intervento per dichiarazione di voto.

11 Regione Molise -83- Resoconti Consiliari Pongo ai voti il testo della proposta di legge regionale, numero 29 di iniziativa dei Consiglieri Regionali Parpiglia, Di Pietro, Lattanzio, Ciocca, Ioffredi, Totaro, concernente Dispersione delle ceneri funerarie nella Regione Molise. Votiamo il coordinamento tecnico del testo. Favorevoli al coordinamento tecnico? Ora, come avevo preannunciato, lascio l'aula per impegni personali al Vicepresidente Di Pietro, il Vicepresidente di turno, che farà poi le comunicazioni finali, rispetto sia all'ordine del giorno che alle sedute successive. Grazie a tutti e arrivederci.

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA

IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA 1. Caratteristiche generali e principi Il nuovo Statuto della Calabria si caratterizza per la sua essenzialità, limitandosi a fissare princìpi rinviando alle leggi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli