SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE"

Transcript

1 SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

2 indice INTRODUZIONE...3 L INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA...4 L OFFERTA DI SERVIZIO TRIANGOLARE WILLIS FOOD and DRINK...5 I VANTAGGI PER I CLIENTI WILLIS...6 I PRINCIPALI RISCHI E LE RELATIVE SOLUZIONI ASSICURATIVE...7 A. DANNI MATERIALI DIRETTI AI BENI... 7 B. PROTEZIONE DEI RICAVI... 8 DANNI DIRETTI E INDIRETTI: LE SOLUZIONI ASSICURATIVE...8 C. RESPONSABILITÀ CIVILE TERZI E RESPONSABILITÀ CIVILE PRODOTTI... 9 D. RICHIAMO DEL PRODOTTO/CONTAMINAZIONE... 9 RESPONSABILITÀ CIVILE: LE SOLUZIONI ASSICURATIVE...10 E. Responsabilità Ambientale...11 Rischi ambientali: le soluzioni assicurative...11 F. TRASPORTI...12 TRASPORTO MERCI: LE SOLUZIONI ASSICURATIVE...12 G. SUPPLY CHAIN...13 SUPPLY CHAIN: LE SOLUZIONI ASSICURATIVE...13 CONTATTI...14 SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis

3

4 Introduzione L analisi dei rischi è un elemento fondamentale per conoscere, governare e prevenire i rischi tipici connessi alle attività. Le peculiarità del settore alimentare richiedono specializzazione ed esperienza e la scelta di un consulente assicurativo capace ed affidabile è la prima forma di prevenzione e di controllo dei rischi. In base alla nostra esperienza, maturata in anni di attività al servizio di clienti che operano nel settore alimentare, abbiamo rilevato che, di norma, l attenzione viene maggiormente destinata dagli addetti ai lavori a tutti quei rischi che sono strettamente connessi all igiene alimentare. L igiene rappresenta sicuramente un importante area di interesse per il settore, tuttavia vi sono aree di rischio altrettanto importanti che necessitano di analisi approfondite. Willis mette a disposizione dei propri clienti un team di risorse specializzato nell analisi e nel trasferimento assicurativo dei rischi per le imprese che operano nel mercato alimentare. Attraverso un processo di mappatura e analisi dei rischi siamo in grado di individuare le misure di prevenzione e protezione più idonee e di fornire ai nostri clienti utili strumenti per una gestione attiva degli stessi. Nelle pagine seguenti vengono affrontati sinteticamente i temi principali legati ai rischi del settore, per fornire un primo spunto di riflessione e dare una visione di insieme dei nostri servizi e del nostro approccio. SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis 3

5 L industria alimentare in Italia L industria alimentare, con un fatturato di 120 miliardi di euro, aziende e addetti, rappresenta il secondo comparto produttivo del Paese. Al Nord la produzione è caratterizzata principalmente da cereali, barbabietola da zucchero, soia, carne e latticini mentre frutta, verdura, olio di oliva, vino e grano duro sono più concentrati al Sud. L industria della carne e quella avicola rappresentano circa il 16% della produzione totale alimentare in termini di valore. La lavorazione e la conservazione della frutta e della verdura (un segmento che include la produzione di olio d oliva), costituiscono il secondo maggior settore (12,5% del totale), mentre la produzione di pane e i prodotti del settore dolciario rappresentano circa il 10% del valore della produzione totale del settore. Altre produzioni chiave sono quelle delle bevande alcoliche (quasi il 9% del totale), del cioccolato (5.4%), della pasta (4.5%), la produzione di bibite e di acqua minerale (3.7%), la lavorazione del pesce (3%) e la produzione di tè e caffé (2.5%). L industria della produzione alimentare italiana si caratterizza come altamente frammentata, ma, negli ultimi anni, nel settore si è assistito al crescente consolidarsi di piccole imprese e all incremento di joint ventures. Le 10 aziende leader dell Industria alimentare coprono circa il 40% del settore vendite, escluso l export. La crescita negli ultimi anni è stata maggiore nel settore dei surgelati, della pasta e della torrefazione del caffé anche se gran parte delle materie prime deve essere importata. La crescita del settore in termini economici è stata modesta; ciò è dovuto in parte alla congiuntura economica negativa e in parte alla crescente popolarità dei discount e dei prodotti private label. Le categorie di prodotti che hanno trainato le vendite negli altri mercati dell Europa occidentale, come alimenti legati alla salute e al benessere, hanno visto una più lenta diffusione in Italia. L attenzione verso prodotti biologici ha comunque visto una crescita superiore alla media negli ultimi anni di pari passo al livello di consapevolezza dei consumatori. L Italia è il quinto maggior esportatore mondiale di prodotti agro-alimentari. I maggiori partners commerciali europei sono la Germania (che riceve circa il 18% dell export italiano), la Francia (13%) e il Regno Unito (7%). L UE rappresenta il 55% del totale dell export italiano e il 61% del suo import totale. Fonte: BMI 2010 ITALY AGRICULTURE AND FOOD PRODUCTION SECTORS Anche gli USA sono per l Italia un importante partner commerciale e rappresentano il 7% dell export e il 5% dell import totale. Other Meat and Poultry Dairy Fruit and Vegetable Processing Bread and Baked Goods Alcoholic Beverages 20.3% 16.0% 13.2% 12.5% 10.0% 8.9% Chocolate and Confectionary Pasta Mineral Water and Soft Drinks Fish Tea and Coffee 5.4% 4.5% 3.7% 3.0% 2.5% Source: Eurostat, BMI 4 Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

6 L offerta di servizio triangolare Willis Food and Drink RISK EVALUATION RISK MITIGATION RISK TRANSFER INSURANCE SOLUTION Identificazione dei rischi a cui è esposta l azienda. Valutazione dell impatto economico dei rischi identificati. Attuazione di controlli per la mitigazione dei rischi. Definizione della migliore strategia di gestione del rischio. Ricerca sui mercati assicurativi globali delle migliori soluzioni assicurative. Polizza All Risk PD/BI Polizza RCT/P/O Polizza Responsabilità Ambientale Polizza Trasporti Polizza Supply Chain Abbiamo un team internazionale esperto e dedicato al settore Food and Drink che dispone di numerose risorse specializzate che ci permettono di offrire ai nostri clienti un servizio completo ed efficace. Il nostro Servizio Triangolare è fondato su tre principi cardine: Risk Evaluation: il nostro metodo si basa sull identificazione e sull analisi del profilo di rischio delle aziende più che sulla semplice preparazione di una presentazione per il mercato assicurativo Risk Transfer: offriamo un unico team di brokeraggio globale che assicura ai nostri clienti in tutto il mondo l accesso ai mercati assicurativi più appropriati. Willis è impegnata a fornire i propri servizi ad aziende operanti nel settore alimentare fin dalle sue origini. Recentemente, per meglio sfruttare le conoscenze trasversali acquisite, il Gruppo ha deciso di strutturare le risorse ed il knowhow a livello globale, per formare un team di esperti specializzati nel settore Food and Drink. Risk Mitigation: forniamo strumenti per l implementazione di politiche di riduzione dei rischi mediante metodologie specifiche per il settore Food and Drink SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis

7 I vantaggi per i clienti Willis Esperienza e conoscenza del settore Grazie all elevato livello di esperienza nel settore, Willis è in grado di ottenere le migliori coperture presenti sul mercato a prezzi estremamente competitivi. La specializzazione ci permette di condividere con i nostri clienti le migliori pratiche e fornire soluzioni innovative per la risoluzione delle problematiche assicurative e di gestione dei rischi. Format e testi di polizza dedicati Abbiamo concordato con i sottoscrittori delle principali compagnie assicurative wording di polizza specifici, grazie ai quali garantiamo ai nostri clienti del settore Food and Drink i più alti standard di mercato. Esperienza pratica nella gestione dei sinistri La gestione dei sinistri rappresenta uno dei nostri punti di forza. Non ci limitiamo a supportare il cliente nella semplice amministrazione dei sinistri una volta avvenuti ma, in linea con un approccio di tipo analitico e consulenziale, siamo in grado di proporre soluzioni per prevenirli, per limitarne gli effetti negativi e per assicurarne una pratica e veloce definizione. Benchmark Siamo in grado di fornire ai nostri clienti valutazioni circa la loro situazione assicurativa anche in base al confronto con realtà appartenenti al medesimo segmento industriale. Questa attività ci permette di dare indicazioni sul loro posizionamento all interno del panorama assicurativo globale in relazione ai costi ed al livello di protezione raggiunto. Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

8 I principali rischi e le relative soluzioni assicurative Il contesto socio-economico in cui si trovano ad operare le imprese moderne del settore Food and Drink è caratterizzato dall insorgere di nuovi rischi complessi da identificare ed analizzare. Di seguito si presenta una sintesi dei potenziali rischi del settore. A. Danni materiali diretti ai beni Le principali cause di danni materiali diretti nel settore Food and Drink sono riconducibili a tre macro categorie: Tipologia costruttiva degli stabilimenti Rischi tipici del processo produttivo Rischi di stoccaggio A causa di un fenomeno elettrico un caseificio ha subito ingenti danni conseguenti alla variazione della temperatura in ambiente sottoposto a refrigerazione. I danni hanno riguardato le merci, che sono andate perse, l impianto di refrigerazione, che è stato soggetto a fermo a causa delle operazioni di ripristino e le spese sostenute per smaltire i prodotti, conformemente a quanto previsto dalla normativa CE Tipologia costruttiva degli stabilimenti La tipologia costruttiva degli edifici industriali del settore Food and Drink è generalmente mirata ad ottenere condizioni igieniche, termogrometriche e logistiche (produzione e immagazzinamento) idonee per un azienda alimentare. Per questa ragione molto spesso gli stabilimenti sono realizzati con annessi isolanti sandwich contenenti schiuma in poliuretano espanso e senza compartimentazioni antincendio efficaci. Le strutture di questo tipo sono combustibili pertanto un eventuale incendio non controllato che colpisca questi edifici può potenzialmente causare gravi danni, fino al danneggiamento irreversibile delle strutture stesse o seri danni da fumo ( a causa dei fumi tossici derivanti dalla combustione dei pannelli sandwich) ai prodotti alimentari stoccati nelle vicinanze. Processo produttivo I principali rischi legati al processo produttivo del settore sono: Incendio/esplosione da ammoniaca o altre sostanze refrigeranti utilizzate in quantità elevata nei circuiti di refrigerazione Incendio di olio diatermico generalmente utilizzato per il riscaldamento degli impianti nelle diverse fasi di produzione Esplosione di gas naturale utilizzato nei forni Incendio di liquidi infiammabili solitamente impiegati per la pulizia e disinfezione dei macchinari produttivi Rischi di stoccaggio I luoghi di immagazzinamento sono spesso costituiti da un singolo open space dove le merci vengono impilate su graticci o fissate su pallets. Senza compartimenti o muri divisori, un incendio può avere accesso ad aree in cui sono stoccati i prodotti con estrema facilità. Una ricerca della British Research Establishment (BRE) mostra come le fiamme possono raggiungere la cima di scaffalature alte dieci metri in due minuti. L immagazzinamento può dunque rappresentare causa di esposizione al rischio se le strutture di stoccaggio non sono provviste delle dovute precauzioni e adeguatamente progettate. SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis 7

9 B. Protezione dei ricavi Ogni azienda moderna deve essere in grado di valutare attentamente quali scenari si potrebbero verificare in caso di fermo della propria attività conseguente ad un evento dannoso. A seguito di un danno materiale diretto, infatti, molto spesso ci sono ripercussioni negative sui profitti delle imprese, in parte dovute alla diminuzione dei ricavi derivanti dalle vendite (dovute all impossibilità o alla limitata possibilità di produrre), in parte dovute al potenziale aumento dei costi di esercizio (incorsi per limitare l impatto negativo dell evento). Per le aziende del settore alimentare questo è sicuramente un tallone d Achille. Danni diretti e indiretti: le soluzioni assicurative Per tutte queste tipologie di danni Willis è in grado di fornire un adeguata risposta definendo il tipo di programma assicurativo migliore per l esigenza di qualunque realtà aziendale (sia che si tratti di una multinazionale che di una realtà locale), combinando coperture per danni materiali diretti a edifici, impianti, apparecchiature, etc. a coperture per eventuali perdite finanziarie conseguenti ad un danno materiale diretto. Dopo ogni evento, infatti, prima di poter ricominciare l attività, la struttura produttiva deve ritornare agli stessi standard che precedono il sinistro. Se aziende appartenenti ad altri settori possono ricominciare a produrre subito dopo una perdita (ad esempio con strutture provvisorie), nel settore alimentare, prima di poter ripristinare la produzione, è necessario tornare in condizioni igienico sanitarie ottimali. In molti casi, quindi, il danno da interruzione di attività può superare di gran lunga il danno materiale diretto ai beni. RISCHI POTENZIALI Danni a beni da incendio, esplosione, fulmini, caduta di aeromobili Danni dovuti ad agenti atmosferici Danni da terremoto Danni dovuti all acqua Furto e rapina Danni a merci negli impianti di refrigerazione Guasto a macchinari e strumentazione Atti Vandalici, sciopero, disordini civili, sommosse, ecc. Spese straordinarie per la rimozione dei detriti, compensi professionali, onorari dei periti, ecc. Interruzione dell attività a seguito di danno materiale o a perdite per guasto ai macchinari Interruzione di esercizio dovuta a una prolungata difficoltà di accesso al sito Polizza Property All Risk Danni Materiali e Danni da Interruzione di esercizio 8 Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

10 C. Responsabilità Civile Terzi e Responsabilità Civile Prodotti Ogni realtà aziendale deve essere pronta a far fronte agli impatti finanziari negativi derivanti dalla responsabilità civile alla quale potrebbe essere assoggettata per danni causati a terzi. Questo discorso vale sia per danni direttamente ricollegabili all esercizio della propria attività, per quelle responsabilità ascrivibili a fatto di persone delle quali l impresa deve rispondere (i propri dipendenti, appaltatori, subappaltatori, etc.), e, in particolar modo per il settore alimentare, per tutti quei danni riconducibili a difetto di prodotti propri o commercializzati per conto di terzi. Con particolare riferimento alla Responsabilità Civile Prodotti, le leggi in materia per chi opera sul suolo europeo si sono inasprite nel corso degli ultimi anni. Una società che produce acqua minerale, a seguito dell esplosione di una bottiglia di acqua gasata causata da un difetto di imbottigliamento, ha dovuto risarcire un consumatore per le lesioni gravi subite a causa dell evento Recenti casi, che hanno coinvolto anche aziende multinazionali, hanno evidenziato come una scorretta gestione di tali rischi possa risultare rovinosa per un azienda. In prima istanza vi è una forte componente legata alla natura risarcitoria dei danni causati a terzi (che nel settore alimentare sono strettamente legati alla sfera umana e all incolumità delle persone), in secondo luogo, in presenza di un difetto conclamato di un proprio prodotto (anche se componente di un prodotto finito differente) può essere imposto un richiamo massiccio della tipologia di prodotto lesivo (o potenzialmente tale) con conseguente ingente esborso economico da parte dell impresa per far fronte all emergenza e per risarcire eventuali danni a terzi (nel caso in cui il proprio prodotto difettoso sia componente di un altro prodotto che diventa oggetto del richiamo). D. Richiamo del prodotto/ Contaminazione Un errore nella fabbricazione, produzione, trasformazione, preparazione, assemblaggio, miscelazione, nell imballaggio o nell etichettatura di qualsiasi prodotto, così come nello stoccaggio e nella distribuzione, può portare a lesioni personali, malattie o addirittura alla morte, se questi prodotti sono usati o consumati dai consumatori. Un altro fenomeno che si ripete con crescente frequenza negli ultimi anni è quello della contaminazione dei prodotti sia essa intenzionale e riconducibile ad atti criminali o accidentale, quindi dovuta a semplici errori umani. Un produttore di uova ha dovuto richiamare più di 380 milioni di uova dal mercato a causa di una contaminazione da salmonella In queste situazioni raramente il richiamo di un prodotto si sottrae all eco mediatica e questo è ancor più vero se si parla di prodotti legati all industria alimentare. Ogni azienda operante in questo settore dovrebbe affrontare lo scenario del richiamo dei prodotti come uno degli elementi chiave nella propria strategia di gestione dei rischi. Se non vengono prese in anticipo misure adeguate, un simile evento può compromettere l immagine dell azienda, minarne il marchio e la reputazione e causare perdite finanziarie dirette ed indirette di ingenti proporzioni Number of Notifications source: Rasff annual report 2008 Presunte contaminazioni nel settore alimentare UE SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis

11 Responsabilità Civile: le soluzioni assicurative I nostri professionisti sono in grado di mettere a disposizione soluzioni specifiche nell ambito delle coperture di Responsabilità Civile su misura per tutti i tipi di clienti del settore e per ogni livello di capacità richiesta. Tra le coperture che Willis può fornire includiamo: RC Terzi; RC Prestatori d Opera; RC Prodotti/Product Recall; Polizza Tampering RISCHI POTENZIALI Responsabilità per Danni materiali e/o consequen ziali causati a terzi Responsabilità per danni commessi da eventuali appaltatori e/o sub-appaltatori Responsabilità per infortuni sul lavoro Responsabilità a seguito di danni da inquinamento accidentale Costi di difesa Responsabilità per danni causati a terzi ricollegabili alla proprietà o conduzione di immobili Responsabilità per danni causati a terzi da difetto di prodotti e contaminazione Responsabilità per costi sostenuti da terzi per campagne di richiamo di prodotti dell assicurato che sono componente di prodotti di terzi Responsabilità per interruzione di attività di terzi Spese per il ritiro dal mercato di prodotti difettosi/contaminati Polizza di Responsabilità Civile Terzi/Prodotti/Prestatori di lavoro Polizza Tampering 10 Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

12 E. Responsabilità Ambientale La responsabilità ambientale è un tema che riguarda sempre più da vicino il settore alimentare e deve essere affrontato con grande attenzione dagli operatori del settore. Negli ultimi anni l Unione Europea ha emanato delle direttive atte a regolare in modo sempre più severo le responsabilità legate ai danni arrecati all ambiente. Le direttive, ratificate da tutti i Paesi Membri a più riprese, vincolano le autorità locali ad identificare i soggetti inquinatori (e questi ad auto denunciarsi) ed a mettere in atto tutte le procedure atte a garantire che chi ha inquinato provveda alla bonifica delle aree interessate ed al ristoro dei danni arrecati a terzi, secondo il noto principio chi inquina paga. Bisogna considerare attentamente i rischi ambientali derivanti dallo svolgimento della propria attività. Questi rischi possono ricondursi ad eventi di natura accidentale e/o legati al carattere graduale della fonte di inquinamento. In entrambi i casi il soggetto inquinatore rischia di dover far fronte a spese di bonifica ingenti (sia per bonificare i siti di proprietà, che per bonificare aree di terzi) e a dover risarcire somme importanti a terze parti danneggiate dagli eventi inquinanti. Inoltre l inquinatore potrebbe subire delle interruzioni di attività, con conseguenti perdite di profitto, dovute alle operazioni di bonifica insistenti sui propri siti produttivi che potrebbero comportare la chiusura temporanea degli stabilimenti o di una parte di essi. Casi recenti dimostrano inoltre che, in mancanza dell identificazione del soggetto inquinatore, il proprietario del sito o colui che lo occupa può essere ritenuto responsabile dell inquinamento ed obbligato a sostenere tutti i costi di bonifica. Rischi ambientali: le soluzioni assicurative Le coperture relative a questi rischi possono andare dall estensione di garanzia all inquinamento prevista nell ambito del contratto di Responsabilità Civile al ricorso ad una copertura autonoma, con massimale dedicato, atta a tutelare il cliente contro il rilascio improvviso, accidentale e anche graduale nell arco di un tempo prolungato di sostanze inquinanti. RISCHI POTENZIALI Danni a terzi derivanti da inquinamento graduale Costi per la bonifica di inquinamento insistente sui siti produttivi Costi sostenuti per porre rimedio a danni a specie o habitat protetti Responsabilità ambientale ereditata a seguito di fusioni e/o acquisizioni Costi per la bonifica di inquinamento insistente su terreni di terzi Responsabilità per danni causati dal trasporto di sostanze Polizza di Responsabilità Ambientale SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis 11

13 F. Trasporti Il successo di molte imprese dipende dalla loro capacità di approvvigionamento e/o fornitura di beni. Nel settore alimentare, la manipolazione ed il trasporto sicuro dei beni in tutta la catena di distribuzione è un punto di fondamentale importanza. Se ci si affida a clienti o fornitori, trasportatori o spedizionieri per assicurare la propria merce nella catena di distribuzione, si rischia di essere esposti a perdite non assicurate. C è anche il rischio di pagare premi significativi per coperture inadeguate e non necessarie ed in particolar modo di perdere il controllo sui propri beni danneggiati. Durante il trasporto marittimo di pesce in container refrigerati, a causa di un guasto, si è verificato il totale scongelamento di parte del carico, con un danno diretto per l azienda alimentare importatrice In caso di danni ai propri prodotti ci sono implicazioni potenzialmente gravi anche per la reputazione del proprio marchio. Si pensi a tal proposito ad una contaminazione accidentale, oppure ad una conservazione erronea in corso di viaggio. Questi sono rischi che possono avere un impatto importante nel settore alimentare. Nonostante la tendenza ad esternalizzare funzioni logistiche come il confezionamento, il deposito e il trasporto dei beni, gestire attivamente l assicurazione del trasporto dei propri beni significa proteggerli lungo tutta la catena di distribuzione. Trasporto merci: le soluzioni assicurative Willis si occupa delle garanzie assicurative per i danni diretti subiti dalle merci trasportate, offrendo prodotti assicurativi fortemente innovativi che combinano ampiezza di copertura, semplicità e snellezza nella gestione, economicità dei costi, velocità nella liquidazione dei sinistri. RISCHI POTENZIALI Danni subiti dalle merci acquistate durante il trasporto Danni subiti dalle merci vendute durante il trasporto Furto di merci durante il trasporto Danni subiti dalle merci durante la partecipazione a fiere e mostre Danni subiti dalle merci in giacenza temporanea presso magazzini di transito in corso di viaggio Danni subiti dalle merci in lavorazione presso terzi Polizza Merci Trasportate 12 Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

14 G. Supply Chain I rischi legati alla catena di distribuzione sono oggetto di grande interesse ed attualità per chi si occupa di analisi e gestione dei rischi. Diverse ricerche indicano che ci sono diverse realtà aziendali che sottostimano l impatto di un interruzione della propria Supply Chain e che non sarebbero in grado di far fronte ad eventi di carattere significativo. Le imprese moderne si trovano ad operare in un contesto sempre più complesso, contraddistinto da un livello crescente di competizione globale. Questo si traduce in Supply Chain caratterizzate da una complessa rete di relazioni, con una conseguente esposizione a fattori di rischio spesso difficilmente prevedibili, ma in grado di condizionare in maniera significativa la profittabilità del business. In particolare per il settore Food and Drink le performance della Supply Chain possono essere un reale differenziale competitivo. La gestione efficace della Supply Chain e dei suoi rischi non solo contribuisce al raggiungimento delle prestazioni volute, ma può addirittura costituire un prerequisito fondamentale per il successo. Incidenti lungo la catena di distribuzione che hanno impattato negativamente sui risultati aziendali riportati da CEO 1000 NUMBER OF INCIDENTS YEAR Fonte: Procurement Strategy Council article published in the CPO Agenda Winter 2008 Supply Chain: le soluzioni assicurative Una polizza Supply Chain può garantire l impresa da tutti quei danni derivanti dall interruzione delle attività produttive, dalla perdita di clienti agli eventuali danni all immagine e alla reputazione aziendale. RISCHI POTENZIALI Perdita di clienti Danno di immagine, reputazione o brand Riduzione del prezzo delle azioni Maggior costo del capitale Incapacità di mantenere il servizio al cliente Inosservanza dei requisiti legali o regolamentari Ritardo nei progetti, nella realizzazione dei prodotti o altro Danni da interruzione di attività Polizza Supply Chain SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Willis 13

15 Contatti Valerio Ceserani Food and Drink Specialist Grandi Clienti Willis Italia S.P.A. Via Tortona, Milano Tel: Milano Via Tortona, Milano Tel: Fax: Genova Piazza Dante, Genova Tel: Fax: Vicenza Via Trieste, 29/C Vicenza Tel: Fax: Roma Via Kenia, Roma Tel: Fax: Firenze Via dei Rustici, Firenze Tel: Fax: Catania Corso delle Province, Catania Tel: Fax: Torino Via Padova, Torino Tel: Fax: Bologna Via G. Amendola, Bologna Tel: Fax: Willis SOLUZIONI DI RISK MANAGEMENT PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

16 Willis Limited The Willis Building 51 Lime Street London, EC3M 7DQ United Kingdom Tel: +44 (0) Fax: +44 (0) Willis Limited, Registered number: England and Wales. Registered address: 51 Lime Street, London, EC3M 7DQ. A Lloyd s Broker. Authorised and regulated by the Financial Services Authority. 9238/01/11

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Tech in One Macchine e installazioni tecniche L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Assicurare le macchine e le installazioni tecniche Tech in One, l assicurazione semplice Perché

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli