Introduzione. Gianni Canal, Enrico Marocco, Vinicio Vercellone. Le applicazioni peer-to-peer utilizzate per file-sharing sono oggi responsabili di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Gianni Canal, Enrico Marocco, Vinicio Vercellone. Le applicazioni peer-to-peer utilizzate per file-sharing sono oggi responsabili di"

Transcript

1 Cooperazione tra Internet Service Provider ed applicazioni peer-to-peer architetture Le applicazioni peer-to-peer utilizzate per file-sharing sono oggi responsabili di Gianni Canal, Enrico Marocco, Vinicio Vercellone una notevole parte del traffico Internet e di una quota significativa dei costi per aumentare la capacità di trasporto nelle reti dei service provider. Tale traffico può anche essere causa di congestioni di rete e, in generale, influire sulle prestazioni di applicazioni web, giochi online, streaming e VoIP. Questo articolo, oltre a fornire gli elementi necessari a comprendere la natura del traffico peer-to-peer, illustra i possibili approcci che i Service Provider hanno a disposizione per controllare questo tipo di traffico, miranti in vari modi a rendere più locale lo scambio di contenuti e tentare di sviluppare nuove occasioni di business. Viene inoltre presentata un'iniziativa per standardizzare una soluzione tecnica per la collaborazione tra applicazioni e reti recentemente avviata in IETF (Internet Engineering Task Force) e promossa da Telecom Italia. 1 Introduzione Il traffico Internet sta subendo da anni una trasformazione caratterizzata dall'incremento dell'incidenza del traffico generato da applicazioni peer-to-peer (P2P), utilizzate dapprima per file-sharing e di recente anche per comunicazioni real-time e streaming di contenuti live. Tale traffico, che secondo le stime costituisce tra il 40% e l'85% del totale [1] 1, può essere causa fenomeni di congestioni di rete. 1 Stime più recenti evidenziano un impatto molto maggiore del traffico video. La differenza sostanziale tra i due tipi di traffico è dovuta al fatto che, mentre i contenuti forniti da > 4

2 P2P > Figura 1 - incidenza del traffico P2P (Fonte: cachelogic) FTP Web CacheLogic Research I Internet Protocol Breakdown servizi centralizzati come YouTube o IPTV sono generalmente replicati tramite soluzioni di cache nella rete locale, il traffico P2P rimane dominante nei link inter-dominio La caratteristica distintiva delle applicazioni P2P BitTorrent, emule, Gnutella, Skype, GoogleTalk, Sopcast e PPLive consiste nel fatto che gli utenti accedono a risorse come file o media relay disponibili in centinaia o talvolta migliaia di istanze distribuite su tutta la rete (Figura 1). Se da una parte l'altissimo livello di delocalizzazione è alla base del successo di tali applicazioni, allo stesso tempo ne costituisce il punto debole in termini di prestazioni. Infatti, dal momento che lo strato applicativo non ha generalmente accesso ad alcun tipo di informazione a riguardo della topologia della rete, quando un peer deve selezionare una specifica istanza della risorsa a cui accedere, ad esempio uno o più utenti da cui scaricare un determinato file, spesso non può fare altro che ricorrere ad una scelta casuale. A causa di tale dis-ottimizzazione, sono molto frequenti casi paradossali in cui, ad esempio, i download di file occupano risorse su link oceanici, mentre gli stessi contenuti sono disponibili a pochi chilometri di distanza. Studi recenti [2] mostrano che, introducendo negli algoritmi P2P meccanismi per allineare l'overlay costituito dalle connessioni tra i peer alla topologia delle reti sottostanti, è possibile ottenere un notevole miglioramento delle performance delle applicazioni stesse, ad esempio in termini di velocità di down-load, riducendo allo stesso tempo il consumo di risorse di rete. Il grafico in figura 2 mostra come vari la distribuzione delle connessioni tra i nodi di un overlay Gnutella nel caso in cui la selezione dei peer tenga in conto della posizione geografica. Negli ultimi anni sono stati proposti diversi meccanismi per ottimizzare i sistemi P2P in base alla topologia delle reti sottostanti. Un primo approccio consiste in algoritmi distribuiti basati su misurazioni effettuate dai peer stessi, mirate a stimare proprietà dei link fisici quali delay, jitter e packet loss rate. I risultati delle misurazioni vengono poi condivisi tra i vari peer del sistema, al fine di comporre un'approssimazione condivisa della mappa della rete che ogni client può utilizzare per effettuare la scelta dei peer a cui connettersi. Oltre ad 70 avere attratto grande interesse da parte della comunità scientifica, alcuni di questi algoritmi [3, 4] sono stati implementati nelle applicazioni più diffuse e sono tut t'ora utilizzati con discreti risultati. 20 Il limite più evidente di tale 10 approccio consiste nel fatto che le misurazioni che si 0 possono effettuare dagli endpoint della rete sono generalmente o troppo costose ad esempio stime di throughput richiedono scambi di grandi quantità di dati o poco significativi ad esempio semplici misurazioni di Round Trip Time Percentage of Internet Traffic 5

3 Figura 2 - rappresentazione geografica di un overlay Gnutella nel caso in cui la selezione dei peer avvenga in maniera casuale (a sinistra) e con il supporto di informazioni di topologia (a destra) (Fonte: technishe Universitat Berlin) (RTT) non danno indicazioni sull effettiva disponibilità di banda, cruciale nel caso del file-sharing. Un approccio alternativo, investigato negli ultimi anni sia in ambito accademico che industriale, prevede un ruolo attivo degli Internet Service Provider (ISP) nel guidare le applicazioni P2P ad effettuare la selezione dei peer a cui connettersi. Tale approccio, che parte dal presupposto che l'ottimizzazione del traffico P2P è di interesse sia per gli utenti che per i provider, prevede l'esposizione da parte degli ISP di informazioni di topologia di rete in maniera controllata, in modo da permettere alle applicazioni di effettuare scelte ottimali senza però svelare dettagli di implementazione generalmente ritenuti confidenziali. Le soluzioni più promettenti su questa linea sono state proposte nel 2008 da Deutsche Telekom [2] e, quasi contemporaneamente, da una partnership industriale fondata da Verizon, Yale University e Pando Networks (un distributore di contenuti che fa uso di tecnologie P2P), diventata discretamente famosa con il nome di Provider Portal for P2P Applications (P4P) [5]. I risultati ottenuti da simulazioni e da sperimentazioni con client BitTorrent-like mostrano miglioramenti nelle performance delle applicazioni in termini di velocità di download, che variano tra il 15% e l'85%, ed una riduzione del traffico inter-dominio compresa tra il 34% e l'80%. Nel corso del 2008 Telecom Italia si è impegnata nel coordinamento del processo di creazione di un working group nell'internet Engineering Task Force (IETF) per la standardizzazione di una tale soluzione ed ora ne è alla guida insieme ad Alcatel-Lucent e Neustar. 2 Caratteristiche del traffico P2P Una prima serie approfondita di studi sulle caratteristiche del traffico P2P e sull effi- 6

4 Figura 3 - Distribuzione degli oggetti P2P in funzione della dimensione (Fonte: University of Washington) cienza delle strategie di caching è stata condotta da University of Washington [6]. Le analisi sono state effettuate nel 2002 sulla base di tracce reali raccolte sulla rete del campus universitario un bacino di oltre utenti ed hanno preso in esame il protocollo Kazaa in un periodo di 200 giorni, per un volume totale di 20TB di traffico corrispondenti a circa 1,6M di richieste di trasferimento di file. Alcune interessanti osservazioni riguardano le caratteristiche del traffico P2P analizzato. Il tipico mix di traffico di un applicazione P2P è costituito da vari tipi di oggetti, quali audio, video, eseguibili ed immagini. La natura variegata dei contenuti trasferiti si riflette sull'andamento del workload risultante (Figura 3), che evidenzia la presenza di tre diversi segmenti corrispondenti ad altrettanti tipi di oggetti: di piccola taglia (inferiore a 10 MB), di medie dimensioni (da 10 a 100 MB) e di grandi dimensioni, tipicamente vicine ad 1 GB. Come si nota dal grafico, mentre la maggioranza delle richieste (91%) si riferisce ad oggetti inferiori a 10 MB, principalmente audio, la maggior parte dei byte trasferiti (65%) è costituita da oggetti grandi, generalmente video. Da ciò si deduce tra l'altro che, se l'obiettivo è contenere il consumo di banda, bisognerà fare leva su questi ultimi; viceversa, se lo scopo è di migliorare la user experience complessiva, si dovrà tenere conto della fonte della maggioranza delle richieste. Una semplice ma importante differenza tra gli oggetti multimedia Kazaa ed il tipico workload web è dovuta al fatto che i primi sono immutabili, mentre le pagine web non lo sono. La natura dei contenuti scambiati ha delle implicazioni che si riflettono sulle caratteristiche del traffico P2P e lo rendono differente da quello web. Infatti, a differenza di quanto avviene con le pagine web, gli utenti P2P scaricano un certo contenuto solitamente una volta sola; dalle tracce di traffico Kazaa raccolte nello studio si deduce che questo si verifica per il 94% del tempo. Un'altra indicazione emersa riguarda la durata spesso limitata della popolarità degli oggetti P2P. A differenza delle pagine web più popolari, che tendono a rimanere relativamente stabili nel tempo, gli oggetti audio/video più condivisi sono spesso rimpiazzati da nuovi contenuti nell'arco di poche settimane; ciò si verifica in misura maggiore 7

5 per i contenuti audio, che tendono a perdere la loro popolarità più rapidamente di quelli video. In questa dinamica di sostituzione i contenuti più popolari tendono ad essere costituiti da oggetti apparsi di recente, specie nel caso dei contenuti audio. Tuttavia, analizzando la distribuzione delle richieste, si può constatare come la maggior parte degli accessi si riferisca invece, complessivamente, ad oggetti più vecchi: ben 72% delle richieste per quelli di grandi dimensioni e 52% per quelli piccoli. Le caratteristiche intrinseche del traffico P2P si traducono in una diversa distribuzione statistica della popolarità dei contenuti rispetto a quella del web. Mentre quest'ultima può essere notoriamente modellata da una distribuzione di tipo Zipf 2, come ampiamente riportato in letteratura, lo studio ha Figura 4 - Distribuzione di popolarita` degli oggetti web e P2P Kazaa (Fonte: University of Washington) permesso di verificare che la distribuzione di popolarità dei contenuti P2P se ne discosta in qualche misura. L'andamento è evidenziato nel grafico di figura 4, che riporta il numero di richieste per un certo oggetto in 2 La distribuzione Zipf esprime la relazione tra la frequenza (denominata anche size ) di un evento ed il suo rank, ossia la sua posizione nella classifica di popolarità relativa all insieme degli eventi considerati. Applicazioni per file-sharing: emule Il client emule è la più popolare applicazione di file sharing basata sul protocollo edonkey; di seguito ne è descritto brevemente il funzionamento. Identificativi di client e file All avvio di emule, il client sceglie un server tra quelli presenti in una apposita lista sul quale si registra stabilendo una connessione ed ottenendo un identificativo (Client ID). Dopo l assegnazione dell'id, il client invia al server della rete edonkey la sua lista di file condivisi. Ad ogni file è assegnato un File ID, che lo identifica in base al suo contenuto. In particolare, il file viene diviso in parti di 9.28 MB, alle quali viene applicato l algoritmo di hashing MD4, ottenendo degli Hashset che combinati formeranno il File ID, utilizzato anche per verificare l integrità del file scaricato. Ricerca di un file La ricerca di un file può avvenire secondo due diverse modalità. In modalità Server, il client invia un messaggio Search Files contenente le keyword di ricerca al server principale con il quale ha stabilito la connessione, e ne riceve in risposta una lista con i risultati della ricerca. Tale lista contiene, per ciascun file: il File ID, l'indirizzo IP di uno dei client che > 8

6 funzione del suo rank. Si può notare che la prima parte della curva si discosta dall andamento della distribuzione Zipf rappresentata dalla retta di interpolazione (tale scostamento è enfatizzato dall'impiego di una scala logaritmica su entrambi gli assi), anche se la correlazione rimane sempre molto elevata. In pratica, come si vede dal grafico, la curva è appiattita nella parte corrispondente ai contenuti più popolari, indicando che questi ultimi sono richiesti complessivamente un numero di volte inferiore a quanto previsto dalla distribuzione Zipf. I precedenti risultati sono confermati anche da altri studi indipendenti che mostrano inoltre come l'andamento sia caratteristico della fruizione di contenuti video, indipendentemente dal fatto che il canale utilizzato sia il download, invece che il noleggio o il botteghino. 2.1 Efficienza delle tecniche di caching L analisi condotta da University of Washington ha prodotto anche una serie di interessanti valutazioni [6] riguardo all'efficienza delle politiche di caching. È opportuno pre- > possiede il file ed ulteriori dati tra cui il nome del file, la dimensione ed il numero di fonti. In modalità Global, attivata quando il numero delle fonti non è sufficiente, il meccanismo precedente viene arricchito da una ricerca parallela, contattando altri server della sua lista, alla ricerca di ulteriori risultati. Ricerca delle fonti Individuato il file che intende scaricare, l utente lo inserisce nella lista dei trasferimenti ed invia al server su cui è registrato un messaggio Get Sources, che ne specifica il File ID, ricevendo come risposta un messaggio Found Sources con la lista degli indirizzi dei client che condividono il file. Se il numero di fonti individuate è inferiore ad un determinato valore di soglia, il client invia anche dei messaggi Get Sources ad altri server presenti nella lista, per ottenere ulteriori indirizzi di peer. Dialogo tra peer e trasferimento dei file Ottenuti gli indirizzi, il client (A) instaura una connessione con ognuno dei peer (B) nella lista, avviando una procedura di handshake che ne consente la mutua identificazione. Al termine di questa fase, A può richiedere a B il file desiderato, tramite i messaggio di File Request e File Status Request, a cui B risponde con un File Request Answer, contenente il nome del file e un File Status, che ne specifica il File ID e quali parti del file possiede. Al successivo invio a B della richiesta di download, tramite il messaggio Slot Request, possono verificarsi due situazioni: La coda di servizio di B è vuota: A riceve un messaggio di Slot Given ed avvia il download effettivo indicando le parti del file che desidera scaricare tramite il messaggio Request Parts. La coda di servizio di B non è vuota: in tal caso B comunica ad A la sua posizione all interno della coda, tramite il messaggio Queue Ranking; in funzione del ranking, la connessione può essere chiusa e riaperta da B quando A raggiungerà la testa della coda, per iniziare il download come descritto al punto precedente. In tal caso si attiva un meccanismo di keep-alive per aggiornare A sulla sua posizione in coda. Infine, al temine della ricezione delle parti del file specificate nei messaggi Request Parts, A invia a B un messaggio di Slot Release e chiude la connessione. Il messaggio Offer Files Per comunicare al server su cui è registrato la propria lista di file condivisi il client utilizza il messaggio Offer Files, nel quale specifica anche se sono disponibili interamente e parzialmente, che viene emesso al momento della connessione e rinnovato periodicamente. Il messaggio serve inoltre ad aggiornare il server quando la lista dei file condivisi cambia, in particolare al termine di un download. 9

7 mettere che si tratta di risultati teorici, ottenuti mediante simulazione di un modello ideale di cache, che rappresentano senza dubbio un limite superiore alle prestazioni ottenibili nella pratica. Gli studi mostrano in sostanza che le performance del caching di traffico P2P, valutate in termini di hit rate 3, sono paragonabili e generalmente superiori a quelle ideali del caching di traffico web [7]. La figura 5 riporta, a titolo di esempio, l andamento delle prestazioni della cache in funzione della numerosità dei client. Il grafico mostra l hit rate riferito al traffico uscente. Si può osservare che una popolazione di 1000 client percepirebbe un hit rate del 40% circa, che salirebbe al crescere del numero di peer fino a raggiungere un valore introno all'85%, nel caso di client. Ciò dimostra che l'efficacia del caching di traffico P2P, già vantaggioso per un numero contenuto di peer, aumenta significativamente al crescere della popolazione. Lo studio di University of Washington ha indagato anche i benefici derivanti dall eventuale adozione di politiche di reinstradamento delle richieste verso peer locali, come strategia equivalente al caching. L obiettivo della politica, denominata locality-aware routing, è quindi quello di sfruttare le repliche dei contenuti già presenti in ambito locale; essa si fonda sull'osservazione che, in base alle tracce analizzate, ben l 86% dei byte scaricati da peer esterni era già presente in un altro peer all interno del campus al momento della richiesta. In pratica quindi, favorendo, quando possibile, la scelta di peer locali, si realizza una sorta di caching distribuito dei contenuti. I principali risultati dell'analisi di questa strategia, assumendo un modello ideale 4, evidenziano come le prestazioni (hit rate) varino tra il 68% ed il 37%, in funzione della dimensione degli oggetti. Gli studi mostrano anche che uno dei principali fattori che influenzano l'efficienza di queste politiche è rappresentato dal livello di disponibilità dei peer che sono in grado di servire il contenuto richiesto. Infatti, la disponibilità dell oggetto richiesto non è più garantita intrinsecamente dalla presenza delle cache. Per questo, la presenza di un sottoinsieme di peer con elevata disponibilità rappresenta una condizione necessaria e sufficiente per raggiungere una buona efficienza del sistema. 3 L'hit rate è definito come la percentuale di successi nell'accesso ai contenuti all'interno della cache. 4 Il modello presuppone una conoscenza completa della disponibilità dei peer e degli oggetti serviti, assume inoltre che i peer siano dotati di capacità di storage illimitata e che non appena hanno scaricato un oggetto lo rendano dispo- Figura 5 - Prestazioni ideali del caching di traffico P2P Kazaa (Fonte: University of Washington) 10

8 Applicazioni per file-sharing: BitTorrent BitTorrent è un protocollo di file sharing peer-to-peer che conta svariate implementazioni tra cui BitComet, μtorrent ed Azureus. Su scala mondiale il protocollo è molto diffuso, mentre in ambito Europeo, ed in particolare in Italia, il traffico BitTorrent è ancora inferiore a quello edonkey. Funzionamento del protocollo Per effettuare un download, gli utenti devono procurarsi, collegandosi solitamente ad un sito web, un file con estensione.torrent che contiene informazioni sul contenuto richiesto e l indirizzo del tracker che funge da coordinatore della distribuzione. Collegandosi al tracker indicato nel file.torrent, il client ottiene la lista dei peer che sono attualmente coinvolti nella condivisione del file. In particolare, quelli che dispongono di una intera copia del file sono denominati seeder, mentre quelli che devono ancora terminarne il download leecher. Il client si connette quindi ad un sottoinsieme di questi peer scegliendo indistintamente seeder e leecher ed ottiene i diversi pezzi in cui è suddiviso il file. Il gruppo di peer connessi fra loro per realizzare il trasferimento di un file è denominato swarm. Scelta del frammento da scaricare Dopo aver ottenuto dal tracker la lista dei peer, il client inizia a contattarli per procedere alla richiesta del file. Per facilitare il download, questo viene suddiviso in pezzi, che vengono scambiati tra i peer; la decisione di quale frammento scaricare da ogni peer segue regole precise: Rarest first: prevede di scegliere per primi i pezzi condivisi dal minor numero di peer e mira ad evitare il rischio di una loro indisponibilità; Random First Piece: eccezione alla regola precedente, viene applicata all inizio del download, quando il peer non ha ancora pezzi del file per l'upload e quelli rari potrebbero essere disponibili solo su un peer; Endgame Mode: modalità utilizzata nella fase finale del download. Per evitare di scaricare pezzi da peer molto lenti, si inviano richieste per i pezzi mancanti a tutti i peer, seguite da messaggi di cancel non appena il blocco viene scaricato. Tit-for-tat L allocazione delle risorse non viene realizzata in modo centralizzato in BitTorrent, ma ogni peer si preoccupa di massimizzare la propria velocità di download. L efficienza complessiva del trasferimento dipende infatti fortemente dalle politiche utilizzate dai client per determinare a quali peer inviare o richiedere i vari pezzi del file. Per raggiungere questo obiettivo BitTorrent adotta una strategia conosciuta come tit-for-tat al fine di approssimare un sistema Pareto-efficiente. Secondo questa politica, che mira a stabilire un principio di reciprocità, nell'effettuare l'upload dei loro pezzi del file, i client privilegiano quei peer che forniscono loro altri dati in cambio. Per gestire l'upload, in modo da realizzare la strategia tit-for-tat, viene utilizzato il cosiddetto choke algorithm. Il choking consiste infatti in un temporaneo rifiuto ad inviare dati verso un peer (ma non a riceverli); il client BitTorrent decide quali peer sbloccare basandosi su criteri piuttosto elaborati, privilegiando tipicamente i peer che gli offrono la maggiore velocità di download. La lista dei peer da sbloccare viene ricalcolata ogni 10 secondi, per permettere al trasferimento di raggiungere una situazione di regime. Per ovviare a limitazioni che insorgerebbero in particolari condizioni, viene adottato un meccanismo aggiuntivo denominato optimistic unchoking. Il client riserva cioè una porzione della sua banda di upload a peer scelti in modo casuale. L'optimistic unchoking ottiene il duplice scopo di saggiare la capacità di download di nuovi peer e di gestire la fase iniziale di bootstrap all'aggiunta di un nuovo peer nello swarm. 11

9 Vale la pena notare che l utilizzo di criteri di instradamento locality-aware ha il vantaggio di permettere di superare le implicazioni di carattere legale collegate al caching di contenuti protetti da copyright. L'interesse per queste tecniche di ottimizzazione ha quindi portato alla nascita di svariate proposte che si ispirano alla strategia di locality awareness, discusse nel seguito del documento. 3 Stato dell'arte delle tecniche di ottimizzazione Tra le tecniche per l'ottimizzazione delle prestazioni dei sistemi P2P, le prime proposte in letteratura avevano lo scopo di permettere alle applicazioni di ottenere informazioni riguardanti le infrastrutture di rete per migliorare la selezione dei peer a cui connettersi ad esempio per scaricare un determinato contenuto (BitTorrent, emule), o per avere supporto per NAT traversal (Skype). Una delle prime proposte in questo senso è il sistema Global Network Positioning (GNP) [8], che ha aperto la strada al filone di ricerca dei cosiddetti Internet Coordinate System (ICS). In tali sistemi, nati con lo scopo di determinare in maniera distribuita le coordinate geografiche degli indirizzi Internet, i nodi che vi partecipano effettuano misurazioni di RTT tra di loro e calcolano la loro posizione tramite tecniche di triangolazione. GNP, pur essendo un sistema distribuito, richiede un'infrastruttura composta da nodi ben noti, detti landmark, di cui sono conosciute le coordinate geografiche. Per ovviare a questa limitazione, ricercatori del Microsoft Research Center hanno proposto una variante di GNP, Practical Internet Coordinates (PIC) [9]. L'estensione introdotta in PIC consiste essenzialmente in un meccanismo che permette di utilizzare come landmark dei nodi qualsiasi di cui sia già stata calcolata la posizione, limitando gli eventuali errori di approssimazione. Sia GNP che PIC danno ottime approssimazioni a patto che non si verifichino violazioni della diseguaglianza triangolare, ovvero che presi tre punti, A, B, C, la distanza tra A e B non risulti maggiore della somma delle distanze tra A e C e tra C e B. Purtroppo, mentre tali violazioni non si verificano nello spazio euclideo, esse sono molto comuni nelle complesse architetture di rete che compongono Internet (cioè, presi tre nodi a caso, A, B, C, non è raro che il RTT tra i nodi A e B sia significativamente maggiore della somma dei RTT tra A e C e tra C e B). Per ottenere buone approssimazioni anche in presenza di diseguaglianze triangolari, il sistema Vivaldi [3], oltre a latitudine e longitudine, introduce una terza dimensione con lo scopo di limitare errori ed anomalie, e definisce un processo continuo di approssimazione. Vivaldi si è rivelato un metodo particolarmente accurato per stimare le latenze tra nodi, tanto da venire implementato in Azureus, uno dei client BitTorrent più diffusi. Non tutte le soluzioni proposte in letteratura mirano però a realizzare un ICS. In Meridian [10], ad esempio, ogni nodo tiene traccia di un sottoinsieme di nodi vicini, organizzandoli in anelli concentrici in base alla loro distanza. Utilizzando interrogazioni ricorsive, Meridian riesce ad ottenere elevati livelli di accuratezza e, anche se il sistema risulta meno generico di un ICS, fornisce informazioni di estremo valore alle applicazioni P2P che devono ottimizzare la scelta dei peer con cui scambiare dati. Un approccio sicuramente meno rigoroso dal punto di vista scientifico, ma altrettanto efficace, è quello adottato da Ono [4], un progetto della Northwestern University. L'idea è molto semplice: invece di realizzare un sistema complesso di misurazioni e scambio di dati, il software Ono invia delle richieste fittizie ai server di Akamai, una delle 12

10 maggiori Content Delivery Network (CDN), ed utilizza i messaggi di ridirezione che ottiene come risposta per avere una stima approssimata della propria posizione. La particolarità di Ono è dovuta in parte al fatto che l'overhead di traffico generato per ottenere le informazioni è praticamente nullo, ed in parte alla popolarità che ha raggiunto come plugin del client Azureus. 4 Ottimizzazione tramite collaborazione tra ISP e P2P Invece di stimare la topologia della rete a livello applicativo tramite misurazioni end-toend ed algoritmi distribuiti, tale informazione può essere esposta dalle entità che gestiscono la rete stessa generalmente ISP ed operatori di rete. Infatti, essi hanno completa conoscenza della topologia delle reti che amministrano e, al fine di ridurre le congestioni sui link critici, sono interessati ad aiutare le applicazioni ad ottimizzare il traffico che esse generano. È essenziale notare che, affinché sia possibile un effettiva collaborazione tra ISP ed applicazioni P2P, è necessario che lo scambio di informazioni preservi un elevato livello di privacy su entrambi i fronti. Da un lato, i service provider devono essere in grado di dare indicazioni alle applicazioni senza svelare dettagli confidenziali a riguardo dell'implementazione delle proprie reti e senza comprometterne la sicurezza; dall'altro lato, gli utenti devono potere accedere alle informazioni esposte dagli ISP senza essere costretti ad indicare quale uso abbiano intenzione di farne. 4.1 P4P: Provider Portal for P2P Applications L'architettura proposta da Yale University [5] è stata adottata dal working group P4P della Distributed Computing Industry Association (DCIA), un gruppo che vede la partecipazione di numerosi ISP, vendor di hardware e software, compagnie che utilizzano tecnologie P2P ed università, riuniti con lo scopo di definire meccanismi per accelerare la distribuzione di contenuti ed ottimizzare l'utilizzo delle risorse di rete. Nell'architettura P4P (Figura 6), giocano il ruolo principale server chiamati itracker, controllati dai service provider ed acceduti dalle applicazioni o, più in generale, da elementi dei sistemi P2P per ottimizzare la scelta dei peer a cui connettersi. Un itracker può offrire tre interfacce: info: permette agli elementi del sistema P2P di ottenere informazione opaca associata ad un determinato indirizzo IP. Tale informazione è mantenuta opaca per nascondere l'effettiva topologia di rete, Figura 6 - architettura della soluzione P4P (Fonte: Yale University) 13

11 ma può comunque essere utilizzata per calcolare la distanza tra diversi indirizzi IP; policy: permette agli elementi del sistema P2P di ottenere informazioni sulle preferenze dell'operatore per quanto riguarda l'utilizzo della propria rete. Ad esempio, l'isp può utilizzare questa interfaccia per indicare un insieme di sottoreti da preferire nella scelta dei peer, in quanto provviste di accessi ad altissima velocità; capability: permette agli elementi del sistema P2P di richiedere specifiche capability, ad esempio un determinato livello di banda garantita o l'accesso ad una cache. La soluzione P4P è stata valutata con simulazioni ed esperimenti su PlanetLab 5, ed in field trial utilizzando il software di content delivery distribuito da Pando Networks (variante di BitTorrent); i risultati di tale valutazione hanno mostrato notevoli miglioramenti, sia per quanto riguarda le performance delle applicazioni che in termini di utilizzo delle risorse di rete. ISP la lista degli indirizzi dei potenziali peer che condividono una risorsa a cui l'utente è interessato un determinato file o un relay media, ad esempio per poi riceverla ordinata in base alle policy di rete. Per esempio, l'isp può preferire i peer all'interno della propria rete, magari assegnando una priorità più alta a quelli geograficamente più vicini o con accessi a capacità maggiore. Quando l'applicazione avrà ottenuto la lista ordinata, sarà poi sua responsabilità stabilire connessioni con i peer che potrà scegliere autonomamente, ma a quel punto avrà sufficiente informazione per effettuare una selezione ottimale. Tale soluzione che, oltre alla semplicità, ha il pregio di riuscire a guidare la scelta dei peer mantenendo nascosta la topologia della rete, è stata valutata con simulazioni ed esperimenti nel testbed PlanetLab e ha mostrato una significativa riduzione del traffico P2P nei link inter-dominio ed un miglioramento delle performance anche quando solo un sottoinsieme dei peer fa effettivamente uso dell'oracolo. 4.2 L'Oracolo In maniera analoga a quanto previsto dall'architettura P4P, nella soluzione proposta dai ricercatori di Technishe Universitat Berlin e Deutsche Telekom, ogni operatore di rete mette a disposizione un server, chiamato oracolo, che ha lo scopo di aiutare le applicazioni P2P a scegliere peer ottimali. A differenza della soluzione P4P, invece di fornire informazione di topologia opaca, l'oracolo espone una funzionalità di ordinamento di peer. Il meccanismo è semplice: un'applicazione P2P invia all'oracolo gestito dal proprio 5 Testbed composto di circa 900 nodi distribuiti in tutto il mondo, utilizzato da università ed enti di ricerca (http://www.planet-lab.org/). 5 Miglioramenti: dove, come e quanto Le tecniche di ottimizzazione del traffico P2P, siano esse basate su caching, su misurazioni a livello applicativo o su esposizione di informazioni a riguardo della topologia della rete, hanno il duplice scopo di migliorare le prestazioni delle applicazioni e di razionalizzare l'utilizzo delle risorse di rete. In particolare, le soluzioni proposte negli ultimi anni sono state studiate in simulazioni e field trial utilizzando per lo più applicazioni di file-sharing al fine di valutare i miglioramenti in termini di velocità di download e riduzione del traffico inter-dominio. Tra gli studi più completi ed interessanti sono sicuramente da segnalare le già citate 14

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli