DELIVERY UNIT CAMPANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIVERY UNIT CAMPANIA"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA Piazza S. Maria della Fede n Napoli Tel.: 081/ Fax: 081/269972; Dirigenza 081/ Codice Meccanografico NATF Distretto 48 Codice Fiscale Partita IVA PEC: Web:itisvoltanapoli.com AFYL0001 Specializzazioni: Elettrotecnica ed Automazione- Informatica Industriale; -Informatica Abacus n DELIVERY UNIT CAMPANIA ITI VOLTA NAPOLI: Un laboratorio di Qualità Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento A cura dei proff. M.Letizia De Sanctis e Luigi Cagnazzo Il Dirigente Scolastico Prof. Salvatore Aviani

2 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento A cura dei proff. M.Letizia De Sanctis e Luigi Cagnazzo Presentazione dell'esperienza progettuale Il contesto - Il progetto è stato realizzato dagli studenti di una classe quinta dell'indirizzo Informatico Abacus dell'itis Alessandro Volta di Napoli e presentato dagli stessi in sede di Esame di Stato a.s. 2010/2011. Una ricerca-azione in progress - Gli studenti sono stati motivati a realizzare prodotti informatici con un'esperienza dal forte contenuto professionalizzante per sviluppare, utilizzare e quindi presentare alla Commissione le competenze acquisite. L esperienza nello stesso tempo ha rappresentato il punto di partenza di un più ampio lavoro: nell'anno in corso il testimone passerà infatti agli studenti di altre classi dell'istituto, anche grazie all'azione di tutoraggio peer to peer che i ragazzi ex-allievi potranno svolgere con i colleghi dell'attuale quinta classe. Si realizzerà quindi un trasferimento di competenze e verranno messe le basi per svilupparne di nuove grazie anche al contributo originale dei nuovi allievi coinvolti nel progetto. Sviluppo della professionalità, dunque, affiancata allo sviluppo di una comunità attiva e propositiva. Un compito di realtà tra attualità e interdisciplinarità: nasce così la motivazione L'attività proposta dai docenti della classe ha preso le mosse dall'attualità, consentendo agli allievi da un lato di misurasi in modo originale con le celebrazioni dei 150 anni dell'unità d'italia (gli allievi della classe avevano d'altra parte partecipato nel mese di settembre 2010 alla manifestazione di apertura dell'anno scolastico 2010/2011 presso il Palazzo Reale e questa proposta ha dunque consentito loro di approfondire e sviluppare un'esperienza della quale erano stati protagonisti a livello cittadino e nazionale) dall'altro di realizzare un software in architettura client-server in grado di far condividere agli allievi ed ai docenti della scuola conoscenze e risorse che negli anni possono diventare un vero patrimonio didattico e scientifico in entrambi i casi attraverso lo svolgimento di un Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 2

3 compito di realtà. progetto 1 - realizzazione e pubblicazione sul web di un sito relativo al processo di unificazione nazionale progetto 2 progettazione e realizzazione di un file-sharing ovvero di un applicazione che consenta a chiunque si registri al servizio di condividere appunti, materiale didattico, applicazioni, progetti con la comunità scolastica. Parte integrante del compito di realtà è stata in entrambi i progetti sviluppati la sperimentazione sul campo della trasversalità dei saperi e delle competenze (il lavoro si è infatti svolto come progetto interdisciplinare attraverso il coinvolgimento delle discipline Informatica, Sistemi e Storia), di crescere attraverso la contemporanea acquisizione di competenze specificamente tecnico- professionali e più ampiamente di cittadinanza. Basti pensare in proposito allo svolgimento di un'interazione fattiva con i Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 3

4 docenti e con i pari in autonomia e responsabilità (attraverso il lavoro di equipe con circolazione e scambio di saperi e competenze tra docenti e studenti) e alla riflessione sul valore civico e ideale del nostro Risorgimento ma anche del lavoro svolto per la comunità scolastica. Lavorare e prendere decisioni in autonomia e responsabilità: l'acquisizione delle competenze A proposito dello sviluppo di autonomia e responsabilità nello svolgimento del lavoro è necessario sottolineare che le capacità di impegno e di organizzazione del lavoro si sono espresse anche attraverso il lavoro svolto a casa, le sollecitazioni frequentemente rivolte ai docenti per incontri lavorativi extra orario scolastico, la prosecuzione del lavoro anche attraverso la discussione e lo scambio di materiali online. In sintesi dunque le attività svolte in questo ambito progettuale hanno consentito agli allievi di mettere alla prova, nell ambito di un compito di realtà, le competenze gradualmente acquisite: i ragazzi hanno dimostrato di essere in grado di compiere scelte autonome, di lavorare in equipe, di utilizzare le competenze tecniche e digitali, espressive e comunicative. Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 4

5 Struttura e Sviluppo dei progetti Discipline coinvolte : SISTEMI INFORMATICA STORIA. La realizzazione dei progetti è stata possibile: 1) per obiettivi specifici grazie alle conoscenze e le tecniche di analisi, progettazione e programmazione acquisite nel triennio di specializzazione nelle materie di Informatica e Sistemi; 2) per obiettivi trasversali grazie alle competenze acquisite nel corso del triennio sperimentale in tutte le discipline. Il lavoro, per quanto riguarda l applicazione locale, è stato ideato, progettato e realizzato nelle ore di sistemi, informatica, storia come applicazione dei contenuti e metodi studiati relativamente a BASE di DATI : metodologie di analisi, progettazione e realizzazione con relativi linguaggi di creazione e consultazione. Per quanto riguarda la parte web, è stato sviluppato nelle ore di laboratorio di sistemi e di storia come applicazione di quanto studiato relativamente a reti e a linguaggi web. Modalità operative:gli allievi e i docenti hanno collaborato in ogni fase del progetto mettendo a disposizione del gruppo di lavoro le proprie competenze. Il lavoro è stato sviluppato sia con la presenza di uno solo dei docenti coinvolti che in compresenza, sia utilizzando il Web da casa. E' SEMPRE STATA UTILIZZATA UNA METODOLOGIA LABORATORIALE. STRUMENTI: LABORATORIO INFORMATICO MULTIMEDIALE DOTATO DI COLLEGAMENTO STABILE AD INTERNET E CON RETE LOCALE IMPLEMENTATA RISORSE SOFTWARE: DREAMWEAVER, per la creazione di pagine web SWISHMAX, per la creazione e l animazione di immagini e testi SERVER WEB: APACHE INTERPRETE PHP Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 5

6 MYSQL, per l implementazione e la gestione del database EXCEL E BLOCCO NOTE, per le modifiche rapide dell elenco ricavato da pagine web esistenti LINGUAGGI UTILIZZATI: HTML CSS PHP JAVASCRIPT Progetto 1 L'Unità d'italia e i Mille Il prodotto in sintesi - Gli studenti hanno realizzato una serie di pagine web imperniate sul processo di unificazione (a partire da carte storiche storiche interattive/animate), nell ambito del quale un particolare impegno è stato riversato nella costruzione di un database sui Mille interrogabile da remoto. Le pagine sono strutturate in maniera dinamica usando per la programmazione server/side il linguaggio php in ambiente Apache. L elenco presentato permette di ordinare i nomi per età, residenza, professione, luogo di nascita, luogo di morte, area di provenienza, regione, provincia. E' stata inoltre realizzata una mappa interattiva dell Italia preunitaria attraverso la quale è possibile avere notizia in un frame dedicato degli eventi bellici che vi si sono svolti durante le Guerre d Indipendenza. I materiali e le fonti utilizzati - Alcune pagine permettono il collegamento ad un DataBase (mysql), costruito riprendendo ed elaborando documentazione storica ricercata su Internet relativa alla composizione della spedizione apparsa sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d Italia del 12 novembre Questi dati sono stati confrontati in alcuni casi con quelli dell Archivio di Stato di Torino che riporta online i nomi di Garibaldini. I problemi affrontati e le scelte operate - Il lavoro ha consentito di sviluppare le capacità di ricerca, selezione, sintesi delle informazioni relative al processo di unificazione dai moti risorgimentali alla Prima Guerra Mondiale (utilizzo dei manuali scolastici e di Internet) e naturalmente quelle relative all'utilizzo di un linguaggio chiaro e corretto che tenesse conto di una equilibrata e efficace compresenza di testo scritto e immagini. Il lavoro ha poi naturalmente posto al gruppo problemi concreti legati alla sia alla ricerca storica e all'interpretazione delle fonti (sviluppando negli studenti un approccio critico e consapevole al loro utilizzo), sia ad una fruizione agevole del database da parte degli utenti. Si riportano di seguito alcune scelte operate per le categorizzazioni e le relative motivazioni: Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 6

7 A) Per semplificare la gestione delle date di nascita si è integrato il database con un campo età nel quale si è calcolata l età dei volontari alla data della partenza della spedizione. Le date che mancavano di mese ed anno sono state convenzionalmente riportate al 1 giugno dello stesso anno, quelle che mancano del solo giorno sono state riportate al primo dello stesso mese. B) Per attualizzare la provenienza dei Garibaldini rispetto alla struttura amministrativa dell Italia odierna si è confrontata la documentazione dell epoca con il database Istat delle province e comuni; abbiamo inoltre creato per una più efficace interrogazione del database i campi regione e area geografica. C) Si è proposto di attualizzare anche le informazioni relative alle professioni svolte dai Mille creando insiemi omogenei per facilitare l'interrogazione del data base da parte degli utenti: militari, professionisti, artigiani, commercianti, possidenti, impiegati, operai. Abbiamo così scoperto la presenza di diversi ristoratori tra i quali abbiamo inserito bettoliere, caffettiere, oste ma anche di girovaghi tra i quali un burattinaio e un prestigiatore e molte categorie di artigiani in relazione a mestieri che naturalmente non esistono più o che non rientrano nell'esperienza quotidiana degli studenti. Allo stesso modo è stato inserito un titolo di studio presunto: laurea per i professionisti, istruzione superiore per gli impiegati, ufficiali dell'esercito. Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 7

8 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO A CURA DEGLI STUDENTI PRESENTATO ALL'ESAME DI STATO A.S. 2010/2011 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 8

9 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 9

10 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 10

11 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 11

12 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 12

13 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 13

14 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 14

15 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 15

16 Progetto 2 Un file sharing per la scuola DESCRIZIONE DEL PRODOTTO A CURA DEGLI STUDENTI PRESENTATO ALL'ESAME DI STATO A.S. 2010/2011 Nel corso di quest anno scolastico abbiamo progettato e realizzato un file-sharing ovvero un applicazione che consenta a chiunque si registri al servizio di condividere appunti, materiale didattico, applicazioni, progetti con il resto della scuola. Questa idea nasce dal fatto che date le enormi dimensioni della scuola risulta difficile condividere il sapere e quindi il materiale con gli altri studenti dell istituto. Inoltre il materiale didattico sviluppato durante i diversi anni da alunni e docenti viene spesso perso, mentre potrebbe essere disponibile per tutti. Nasce così V-Monkey dove V sta per Volta mentre per Monkey è stato preso spunto dal nome di una delle più famose reti P2P. Architettura V-Monkey L obiettivo di partenza è stato quello di sviluppare un applicazione P2P, cioè che consenta la condivisione dei file tra i computer connessi alla medesima rete. Ecco come vengono condivisi i files Nelle reti peer-to-peer a differenza di quelle Client/Server cambia la modalità di fornitura e di reperimento delle informazioni. In pratica il server smette di esistere e tutti i calcolatori connessi alla rete possono contemporaneamente Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 16

17 agire come server e/o come client, tutti i calcolatori possono quindi allo stesso tempo rendere disponibili informazioni e reperirne dagli altri. Alcuni calcolatori svolgono funzione di server solamente per le funzioni di centralizzazione degli indici di informazioni disponibili. Tramite questi indici i singoli computer possono scoprire chi metta a disposizione certe informazioni sulla rete e collegarsi direttamente a questi per il loro reperimento. Il dialogo relativo alle informazioni vere e proprie è quindi sempre diretto fra il fornitore ed il fruitore di informazioni senza l'intermediazione di un server. I server per l'indicizzazione sono necessari in quanto i singoli calcolatori possono collegarsi e scollegarsi alla rete di dialogo. I singoli calcolatori una volta collegati in rete si connettono a questi server per comunicare quali informazioni loro rendano disponibili e per conoscere quali informazioni siano già disponibili e presso chi. Uno degli approcci più immediati per localizzare i contenuti è fornire una directory centralizzata, come nel caso di Napster, che è stata la prima azienda commerciale a fornire un applicazione per la distribuzione di MP3 da pari a pari su larga scala. In questa architettura il servizio di condivisione di file P2P usa un grande server per fornire il servizio di directory. Quando un utente lancia l applicazione di condivisione di file, l applicazione contatta il server di directory informandolo del suo indirizzo IP e dei nomi degli oggetti contenuti nel suo disco locale che rende disponibili per la condivisione. In questo modo il server di directory sa quali oggetti il pari ha a disposizione per la condivisione. Il server raccoglie queste informazioni di ogni pari che si attiva mediante un database centralizzato che mette in corrispondenza ogni nome di oggetto con uno o più indirizzi IP. L idea di base è stata poi arricchita con l idea di un servizio web «controllato» e quindi con una dovuta registrazione per evitare l immissione sulla rete di file poco pertinenti. Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 17

18 Alla normale condivisione dei file sono stati aggiunti dei moduli per la ricerca dei file ed indagini statistiche. Riguardo la sicurezza si è pensato di inserire un modulo captcha per evitare che sulla rete scolastica dei malintenzionati attivino dei Bot opportunamente preparati per intasare il database centrale (flodding) registrando un infinito numero di account finti. Il progetto è stato interamente sviluppato utilizzando i linguaggi PHP, HTML e CSS. La struttura del servizio è molto semplice: ci sono quattro pagine web rispettivamente home, login, registrazione e P2P. All interno della home avremo anche il modulo dove gli utenti potranno effettuare il login. La pagina P2P costituirà il cosiddetto nucleo dell applicazione, esso infatti conterrà il modulo per la scansione delle cartelle condivise e la ricerca dei file. Il nucleo La pagina P2P è sostanzialmente formata da due parti: una parte comune a tutte le pagine del servizio contente lo stile (richiamando il file css), intestazione e moduli principali quali la modifica dell account; mentre un altra parte realizzata in PHP contenente il modulo per la scansione delle cartelle. Tale scansione viene effettuata utilizzando la funzione PHP Glob il quale riceve due parametri. Il primo di essi è la path o meglio pattern che corrisponderà al percorso relativo della cartella condivisa stabilita al momento della registrazione, mentre nel secondo parametro andranno i cosiddetti flags che nel nostro caso non utilizzeremo. Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 18

19 La funzione sopracitata restituirà un array contenente i nomi dei file trovati all interno della cartella scansionata. Successivamente, tale array, utilizzando un ciclo foreach verrà processato e scomposto in modo da prelevare la dimensione di ciascun file utilizzando la funzione filesize($nomefile). Ciascun file processato verrà poi inserito in un altro array aggiungendo la dimensione calcolata precedentemente, il nome dell utente che ha condiviso la risorsa ed infine il nome del file con il protocollo File. Ciascun elemento presente in quest ultimo array avrà un nome file del tipo: file://nomecomputer /cartellacondivisa/file.estensione In questo modo nella pagina web contenente tutti gli elementi dell array riportati in una tabella, si attiverà un link per ciascun file che renderà possibile il download all utente che desidera scaricare la risorsa. Limiti e prospettive I limiti di V-Monkey possono essere individuati innanzitutto nel range di azione ridotto. La condivisione dei file può infatti avvenire soltanto attraverso i computer presenti sulla rete in cui è installato il servizio. Inoltre in questa rete P2P non è possibile condividere più di una cartella contemporaneamente. Le prospettive per il futuro sono senza dubbio rappresentate dall estensione del servizio all esterno della rete. In tal modo sarà possibile accedere anche da casa alle risorse condivise all interno della rete scolastica. Questo potrebbe rivelarsi utile per le comunicazioni ai genitori ma anche per gli studenti favorendo l e-learning direttamente da casa. Napoli 15 settembre 2011 Sviluppare esperienze concrete migliora la qualità dell apprendimento 19

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

TITOLO LEGITTIMAZIONE APPRENDIMENTO UNITARIO DISCIPLINA DI RIFERIMENTO

TITOLO LEGITTIMAZIONE APPRENDIMENTO UNITARIO DISCIPLINA DI RIFERIMENTO TITOLO UNITÀ D APPRENDIMENTO DI DIDATTICA LABORATORIALE CLASSE V INDIRIZZO INFORMATICO Prof. Silvana Spedaliere ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA Piazza S. Maria della Fede n 16-80141

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Indirizzo: Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica

Indirizzo: Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica Indirizzo: Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica L Istituto Luigi di Savoia si pone come obiettivo generale la formazione culturale di giovani e adulti, nonché la loro promozione umana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: Evangelista Antonella MATERIA: Informatica CLASSE: 4 Q Sistemi Informativi Aziendali Anno scolastico 2012-2013 N. ore settimanali nella classe : 5 h

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue:

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: I AFM / TUR. Introduzione all informatica Conoscenza del pacchetto Office in relazione

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA Profilo d uscita L alunno: Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE San Benedetto PIANO DI LAVORO Docente Stefano Maggi Disciplina INFORMATICA Libro di testo INFORMATICA 2 di Gallo Sirsi ed. Minerva Scuola Classe/Sezione Terza Anno scolastico

Dettagli

2012 Le Nuove Indicazioni

2012 Le Nuove Indicazioni REPORT CONCLUSIVO DELL ATTIVITA DI RICERCA-AZIONE: 2012-Le Nuove Indicazioni ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE (LE) 2012 Le Nuove Indicazioni RESTITUZIONE FINALE CONDIVISIONE DEI PERCORSI DIDATTICI EFFETTUATI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

IL FITOFOR: UNO STRUMENTO PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI FITOSANITARIE. Marino Vignoli, Elisa Moneti, M. Miozzo DREAM - Italia

IL FITOFOR: UNO STRUMENTO PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI FITOSANITARIE. Marino Vignoli, Elisa Moneti, M. Miozzo DREAM - Italia IL FITOFOR: UNO STRUMENTO PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI FITOSANITARIE Marino Vignoli, Elisa Moneti, M. Miozzo DREAM - Italia FITOFOR è un software basato su un linguaggio semplice, completo e standard,

Dettagli

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI anno scolastico 2014-2015

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI anno scolastico 2014-2015 Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Scuol@2.0 Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06135 Centralino 075.31045

Dettagli

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Relazione finale progetto II anno Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Premessa Si fa riferimento ad un progetto sviluppato nel corso dell attuale anno scolastico (2009-10) presso l Istituto

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Progettare esperienze per generare competenze

Progettare esperienze per generare competenze Progettare esperienze per generare competenze L insegnamento della matematica nella prospettiva della ricerca-azione Ins. Facondina Salvatore Premessa (dalle Nuove Indicazioni) Obiettivo della scuola è

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009 Istituto Tecnico Industriale Statale Sen. Onofrio Jannuzzi Viale Antonio Gramsci n. 40-70031 ANDRIA (BA) Distretto Scolastico n. 3 - Codice Fiscale: 81006150726 Tel. Centr. 0883/599941 - Tel. Presidenza/Fax

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Proposta UNIF Progetto: Portale delle fonti di energia rinnovabile. Obiettivi

Proposta UNIF Progetto: Portale delle fonti di energia rinnovabile. Obiettivi Proposta UNIF Progetto: Portale delle fonti di energia rinnovabile Pag.1 Obiettivi Il progetto, Portale delle fonti di energia rinnovabile, ha l obiettivo di facilitare lo scambio di informazioni e notizie

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA NAPOLI PRESENTAZIONE ISTITUTO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA NAPOLI PRESENTAZIONE ISTITUTO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA NAPOLI PRESENTAZIONE ISTITUTO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO VOLTA NAPOLI STUDIARE ALL ITIS. A. VOLTA NAPOLI STUDIARE ALL ITIS A.VOLTA

Dettagli

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche Le reti consentono: La condivisione di risorse software e dati a distanza La condivisione di risorse hardware e dispositivi (stampanti, hard disk, modem,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

Buone prassi per l inclusione. Prof.Torretta Claudia

Buone prassi per l inclusione. Prof.Torretta Claudia Buone prassi per l inclusione Il progetto che verrà presentato riguarda un processo educativo che è stato realizzato nell a.s.2013-2014 con la classe I B di Maltignano. Esso è stato pensato all interno

Dettagli

, il ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA

, il ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA , il ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA PROFESSORI: RAFFAELLA LISI SALVATORE GIUFFRIDA (ITP) CLASSE: 5 B INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015 LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO CLASSICO G. BODONI 12037 SALUZZO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA FISICA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2013/2014 MATERIA Informatica e Sistemi Automatici CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO Liceo DOCENTI Proff. Laino Antonio Santoro Francesco ORE DI LEZIONE 3 settimanali (in laboratorio)

Dettagli

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software Viterbo, 10 Dicembre 2008 Presentazione a cura di Slide n.1 AVIPA: l'ambiente software Queste slides rappresentano le prime indicazioni sul lavoro

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale.

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. Per agevolare e potenziare la gestione delle informazioni di un organizzazione, azienda, ente pubblico si ricorre generalmente

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

I.T.I. E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

I.T.I. E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 I.T.I. E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Indirizzo: Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Telecomunicazioni Disciplina: Informatica Classe

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Andrea Sgroi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 13 studenti di cui una sola ragazza.

Dettagli

ITCG e Liceo Scienze Applicate "ANGIOJ" Carbonia A.S. 2013-2014 Classe VB Lic.Sc. Tecnologico Documento del Consigli di classe SCHEDA OPERATIVA DISCIPLINA: INFORMATICA E SISTEMI DOCENTI: Melis Salvatore,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Tecnologia A.S. 2014/15 X di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i quinta 1) PREREQUISITI Conoscenza dei processi e strutture dati Terminologia tecnica adeguata Capacità

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Sede di Ancona Anno Accademico 2011-2012 Corso di Tecnologie WEB Docente prof. Alessandro

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Tredicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademyLearning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Sede: Misano di Gera d Adda Ordine di scuola: Scuola Primaria Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Docente responsabile: Simona Pontoglio Destinatari: tutti gli alunni della scuola Docenti

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE TECNOLOGICO "G. MARCONI" CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE - MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA -ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Piazza

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE PROVINCIALE PER DOCENTI

PIANO DI FORMAZIONE PROVINCIALE PER DOCENTI Corso 1: Dal banco al web Conoscere e saper utilizzare le risorse multimediali per implementare una didattica attiva. Obiettivi: Il percorso si propone di: progettare e sperimentare percorsi didattici

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: Rigoni Carla Disciplina: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI GESTIONALI Classe 5^ BP A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: estratti del testo redatto

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE 4BLST DISCIPLINA: INFORMATICA E SISTEMI INSEGNANTI: NOTARANGELO MARIA BARBAGALLO SALVATORE MONTE ORE PREVISTO: (ore settimanali x 33 settimane) = 99 (di cui 66 in compresenza)

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Web. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Laboratorio di Programmazione Web. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Laboratorio di Programmazione Web Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Contenuti Testi di Riferimento Informazioni Generali del Corso 30/05/2012 2 Contenuti Il corso Laboratorio di Programmazione

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA 1. AZIENDE E PP.AA. ITS Tito Acerbo - PE INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE 2 RETI AZIENDALI Architettura client/server

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI 1 2 ELENCO MODULI ARGOMENTI PRINCIPALI STRUMENTI PERIODO Base di Dati

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Politica d Uso Accettabile della scuola

Politica d Uso Accettabile della scuola ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON MILANI Viale delle Regioni, 62 70132 - Bari Telefono 080-5371951 Fax 080-5375520 e_mail: baic812002@istruzione.it - c.f. 93403070720 PEC baic812002@pec.istruzione.it www.donmilanibari.it

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F.

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2014/15 3. PIANI DI STUDIO 3.1 Finalità e obiettivi

Dettagli

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi Progetto didattico per accesso ai fondi!1 TITOLO Laboratori mobili per l apprendimento. DESCRIZIONE Grazie a questo progetto sarà possibile trasformare l ambiente di apprendimento e potenziare, grazie

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013)

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Web PHP Tematiche Trattate

Dettagli