UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA Sistemi di trading quantitativi Relatrice: Prof.ssa Patrizia Pia Correlatore interno: Prof. Luigi Bollani Correlatore esterno: Dott. Riccardo Granero Candidata: Sara Giugiario Matricola: Anno accademico

2 Indice Premessa... 5 CAPITOLO La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni... 7 Introduzione La Teoria dei mercati efficienti Confutazioni della Teoria dei mercati efficienti Contraddizioni logiche Contraddizioni empiriche Resistenze a rifiutare la teoria dei mercati efficienti Il metodo scientifico elaborato da Popper L evoluzione del pensiero di Popper avanzata da Soros La finanza comportamentale Carenti giudizi di probabilità Inadeguata percezione del rischio La funzione valore Schemi di decisione influenzati dal contesto del problema Confronto fra la Teoria dell Utilità Attesa e la Prospect Theory Scienze sociali e scienze naturali CAPITOLO

3 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione L analisi fondamentale e l analisi tecnica Analisi qualitativa e quantitativa Impostazione della ricerca Rilevazione Analisi dei dati Risultati Conclusioni L Analisi tecnica L analisi tecnica soggettiva e l analisi tecnica oggettiva La validità illusoria dell analisi tecnica soggettiva Il metodo scientifico e il ruolo fondamentale della statistica Eliminazioni componenti di analisi tecnica soggettiva Esempio di oggettivazione di una figura soggettiva di analisi tecnica Suddivisione dell analisi tecnica oggettiva Eliminazione delle componenti distorsive dall analisi tecnica oggettiva I fattori che incidono sul data mining bias Come gestire il data mining bias La normativa europea nel calcolo dell indicatore di rischio (SRRI) e di htf trading CAPITOLO

4 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Osservazione Ipotesi Previsione Verifica Concettualizzare e formulare una strategia di trading Descrizione dettagliata: traduzione dell idea in una strategia verificabile Valutare la robustezza della Strategia di Trading Commenti sui risultati del test L out of sample Migliorare e rifinire la strategia Conclusione Conclusioni finali Bibliografia Siti internet visitati

5 I miti conferiscono ordine al disordine della percezione umana 1. 1 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.86, Milano, Il saggiatore 4

6 Premessa Affidarsi ad un modello di investimento che garantisca una certa solidità e un livello adeguato di affidabilità è diventata un esigenza fondamentale a cui gli operatori finanziari devono abituarsi a far fronte per restare al passo con chi, invece, è capace di proporre nuove soluzioni. La crisi è stato l ultimo dei fattori scatenanti la necessità di un nuovo approccio. Gli investitori che hanno subito perdite consistenti nella congiuntura economica negativa, che non dà tregua ai mercati da ormai circa cinque anni, non sono più disposti a sentirsi dire che l evento che ha causato la rovina dei loro risparmi è stato eccezionale e ingestibile. Per proporsi di restare dalla parte di coloro che sanno adattarsi ai cambiamenti e prendere spunto dalle situazioni di difficoltà, l obiettivo della tesi è quello di costruire un modello operativo che, partendo da solide basi teoriche e statistiche, sappia affrontare in modo critico e costruttivo la realtà. Lo schema di base a cui si aspira deve essere abbastanza chiaro e attendibile da sapersi adattare ai diversi contesti, ma allo stesso tempo occorre evitare di cadere nell ottusità che provoca il consegnarsi ciecamente ai dogmi di alcune teorie, come ad esempio quella dei mercati finanziari efficienti, che sarà esposta all inizio del Primo Capitolo. La necessità che emerge da questo inquadramento introduttivo e a cui cerca di dare una risposta questa tesi è, dunque, quella di coniugare un approccio procedurale stabile con una visione dinamica, senza che ciò costituisca un controsenso. Il lavoro si suddivide in tre parti. La prima ha il compito di rispondere a chi si interroga sull effettiva possibilità di trarre un profitto superiore al mercato. In altri termini, ci si domanda se l obiettivo che si prefiggono i sistemi di trading è legittimo oppure no. 5

7 Dalle considerazioni a cui giunge il capitolo precedente, si sviluppa la parte centrale che ambisce a promuovere il modello di ricerca ritenuto fondamentale per strutturare i modelli di investimento. Si tratta del metodo scientifico-quantitativo. Il rigore che caratterizza questa tipologia di analisi emerge con forza anche grazie ad un confronto efficace con chi non la applica, come le forme più rudimentali di analisi tecnica. Il parallelo che verrà proposto può essere letto come una sorta di monito che consente di identificare gli errori in cui non bisogna incorrere. Un punto nodale della suddetta trattazione è proprio quello di individuare e eliminare ogni orientamento soggettivo nell azione, sia che esso si traduca in un errata attitudine nel consigliare gli investimenti, sia che corrisponda a abitudini sbagliate e talvolta consolidate nel valutare certi patterns. In alternativa, ci si propone di esporre con chiarezza le componenti caratteristiche di qualunque approccio scientifico che, cercando di non perdere mai il contatto con le evidenze empiriche, grazie a continui test, consente di monitorare e di contenere gli effetti anche di quegli eventi considerati imprevedibili. La trattazione teorica è l indispensabile presupposto per addentrarsi nel caso pratico che viene presentato nell ultima parte, come conclusione logica del lavoro. Consiste in un esempio di sviluppo di una strategia di trading, il cui processo si propone di attenersi ai requisiti descritti nel capitolo che lo precede. Applicare le argomentazioni scientifiche e quantitative alla ricerca operativa costituisce il fine ultimo della tesi. 6

8 CAPITOLO 1 La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni Introduzione Fin dall origine l essere umano ha mostrato l esigenza di interpretare e conoscere il mondo nel quale vive. La realtà, però, in ogni occasione si è rivelata complessa, imprevedibile e sfaccettata. Per tentare di padroneggiarla, si è sempre ricorso a schemi riduttivi in grado di semplificare l ambiente di riferimento e le relazioni fra i diversi eventi. Dal mondo percepito si é passati a un universo misurabile, costruito sulla base di entità teoriche poco ancorate all evidenza empirica 2. Taleb definisce questo fenomeno come fallacia narrativa, associata alla vulnerabilità umana all eccesso di interpretazione e alla predilezione per le storie coerenti rispetto a verità che non possono essere schematizzabili. Le spiegazioni tengono insieme i fatti, semplificano la loro memorizzazione, contribuiscono a renderli più sensati. Questa propensione diventa negativa quando rafforza la nostra impressione di aver capito 3. Ciò provoca una distorsione della visione del mondo perché si diventa vittime dell incapacità di osservare sequenze di fatti senza aggiungervi una spiegazione, senza imporre un collegamento logico, una qualche relazione. Tale atteggiamento, secondo l operatore di Borsa e filosofo libanese, assume una particolare gravità quando c è di mezzo l evento raro, il cosiddetto Cigno nero, che non rientra nella semplificazione. Esso si produce laddove è 2 P. Legrenzi (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, pag.23, Milano, Il Sole 24 Ore 3 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.83, Milano, Il saggiatore 7

9 pericolosamente ampio il divario tra ciò che si sa e ciò che si crede di sapere. Il confine tra la confusa realtà e la mentalità platonica è definita dall autore piega platonica. La platonicità consiste nel concentrarsi su forme pure e ben definite, a scapito di strutture più confuse e meno trattabili. In altre parole, è la tendenza a confondere la mappa con il territorio 4. Questo processo si è sviluppato non solo nelle scienze naturali, come la fisica e l astronomia, ma anche in alcune scienze sociali, come l economia e la finanza. Le discipline economiche, via via che si sono formalizzate, hanno espulso il punto di vista dell uomo comune. E vero che gli economisti fondano le loro analisi e i loro modelli a partire dai comportamenti teorici di attori individuali, ma quest attore è stato ridefinito avvicinando gli uomini ad angeli ultra-terreni, esseri dotati di razionalità perfetta, di illimitata capacità informativa e potenza di calcolo e, contemporaneamente, privi di emozioni e istinti tipici di esseri la cui origine è biologica. Individui non appartenenti a una storia naturale, non plasmati da forme di adattamento ad ambienti ostili, ma inventati a tavolino 5. La teoria a cui fa riferimento Legrenzi, che incarna esattamente l idea di homo oeconomicus e il concetto di platonicità, è l ipotesi di mercato efficiente, a cui è dedicato il capitolo. 4 Cfr. N.N. Taleb (2007), op. cit., pag Cfr. P. Legrenzi (2006), op. cit., pag.24. 8

10 CAPITOLO 2 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione Una volta decretato che é possibile realizzare anticipazioni sul futuro, nella pratica finanziaria è fondamentale stabilire come prevedere il percorso a venire di una serie temporale di dati. Prima di procedere con il seguito della trattazione, risulta essenziale fissare quali sono stati i criteri di fondo che si è scelto di adottare in questa ricerca. La logica privilegiata è quella di rendere il modello da sviluppare abbastanza semplice per gli investitori che lo applicano e adeguato alla rimozione di elementi di soggettività che interferiscono nell intraprendere le decisioni. I principi seguiti sono stati incentrati su: 1) una logica puramente meccanica e quantitativa, non discrezionale, basata su un approccio scientifico; 2) un solo modello e gli stessi parametri per ogni asset class; 3) priced-based only. Esistono varie metodologie volte alla previsione dell andamento futuro dei mercati. Fra di esse, le più utilizzate sono l analisi fondamentale e l analisi tecnica. Alcuni operatori ritengono che per migliorare l attendibilità della futura evoluzione degli scenari e, quindi, per incrementare la probabilità di successo, la miglior strategia consista nell integrare le diverse analisi (oltre a quella fondamentale e tecnica, anche l analisi 59

11 macroeconomica e dei volumi). L Analisi Integrata, secondo questa versione, consentirebbe di tener conto di tutti gli aspetti che potrebbero influire domani sulle contrattazioni. Per contro, altri sostengono che ogni analisi debba essere considerata singolarmente, in quanto non sussisterebbe un beneficio reale nell unire le varie metodologie che, anzi, potrebbero in alcuni casi discordare fra loro e creare confusione. La ragione principale per cui in questo lavoro il focus di attenzione è concentrato, in un primo tempo, sull analisi tecnica, è che essa si basa su un unica variabile di riferimento, il prezzo dei titoli (priced-based only), rendendo questa tipologia di analisi la base di partenza più valida. E possibile concentrare le proprie osservazioni e ricerche interamente su questo dato, che racchiude in sé tutte le informazioni necessarie, evitando inutili dispersioni in termini di tempo e di costo. Il prezzo è il risultato di tutte le notizie, le aspettative, le sensazioni, gli umori e le speranze che aleggiano sul mercato. Su tale base, ogni altro valore risulta superfluo, siccome è già incorporato nella sola variabile utile. Nonostante ciò, non è sufficiente avvalersi dell analisi tecnica in generale per ottenere rendimenti apprezzabili. Tale disciplina, infatti, è a sua volta molto sfaccettata e ampia, al punto da contenere molti elementi non profittevoli e accettabili in termini scientifici. Proprio per tale ragione, l obiettivo che si prefigge il seguente capitolo è quello di esaminare l analisi tecnica nelle sue molteplici sfumature, allo scopo di pervenire ad una materia che sia affidabile e applicabile con successo attraverso sistemi di trading automatici. Per perseguire il fine appena enunciato, è necessario eliminare quelle componenti soggettive e distorsive che alterano questo approccio (logica non discrezionale, scientifica). Il passaggio ultimo è dunque quello di lavorare su un tipo di analisi che non si definisce più come analisi tecnica, bensì come un evoluzione di essa, denominata analisi quantitativa. 60

12 Si dimostrerà che la finanza comportamentale riveste un importante ruolo nell ambito dell analisi tecnica. Può sembrare paradossale che errati convincimenti sulla validità dell analisi tecnica soggettiva e la legittima profittabilità di alcune forme di analisi tecnica oggettiva, siano entrambe l effetto di peculiarità cognitive. Con ciò si intende affermare che, in senso lato, la finanza comportamentale costituisce la base essenziale della materia, perché sostiene l esistenza di una relazione tra psicologia umana e determinazione dei prezzi nel mercato mobiliare 83. Tale interazione offre nuove ipotesi falsificabili che asseriscono la possibilità di effettuare strategie profittevoli. In concomitanza, nello specifico, permette di spiegare molte distorsioni che incidono sull analisi tecnica soggettiva, come si leggerà nel seguito della trattazione. Dunque, come sostiene Azzopardi, l integrazione della finanza comportamentale, con la rappresentazione dei movimenti dei prezzi di mercato e la loro verifica oggettiva tramite il metodo scientifico (e perciò il supporto imprescindibile dell analisi statistica) attiverà la ricerca e trasformerà molte delle conoscenza sulla finanza 84. In questo capitolo si tenta di fornire un primo input in tale direzione, con lo scopo ultimo di aumentare la probabilità di successo degli investimenti. Analisi tecnica Analisi statistica Finanza comportamentale Fonte: adattato da P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 83 J. J. Murphy (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, pag.15, Milano, Hoepli 84 P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 61

13 CAPITOLO 3 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Lo sviluppo di una strategia di trading è un processo complesso che comprende numerose fasi interconnesse fra loro. Al fine di applicare il metodo scientifico illustrato precedentemente, oltre a riprendere i vari accorgimenti proposti nel corso del Capitolo 2 per cercare di metterli in pratica, si seguiranno i passaggi procedurali indicati alla fine del paragrafo 2.7. riferiti all approccio scientifico ai problemi, integrandoli con una trattazione più mirata allo sviluppo di una strategia di trading, sulla base delle fasi operative esposte da Pardo in merito allo stadio della verifica. Innanzitutto, si specifica che, attenendosi alle indicazioni fornite all inizio del Capitolo centrale, l unica variabile utilizzata nell analisi è il prezzo dei titoli (variabile dipendente), unitamente al tempo (adottata come variabile indipendente). Si è scelto di illustrare un caso in cui la strategia non è relativa ad un classica formazione dell analisi tecnica, proprio perché ci si propone di superare le tradizionali metodologie spesso inefficaci 144, per arrivare ad un operatività profittevole che derivi da modelli quantitativi ben delineati, un evoluzione al di là delle classificazioni dell analisi tecnica. 144 Si veda, al paragrafo , l esempio ripreso da Chang e Osler che dimostra lo scarso potere previsionale della figura più tipica dell analisi tecnica, il testa e spalle. 124

14 L esperienza di ricerca è stata svolta grazie al contributo indispensabile fornito da 4Timing, una società di consulenza finanziaria con sede a Torino che, grazie ad un team di studio sempre aggiornato, attento e dinamico, è in espansione in una fase di mercato in cui la maggior parte degli operatori si trova in difficoltà. L azienda ha seguito con attenzione e estrema disponibilità la stesura del lavoro fin dalle fasi iniziali. Oltre ad avermi permesso di usufruire delle risorse tecniche necessarie per lo svolgimento pratico del lavoro, come le serie storiche dei dati e programmi quali Multichart e Analysis, ha messo a disposizione il suo prezioso e consolidato patrimonio di esperienza sul campo. 4Timing è il modello di riferimento che ha ispirato l intero lavoro. 125

15 Bibliografia Arditti F. D. (1978), Can analysts distinguish between real and randomly generated stock prices?, Financial Analysts Journal, vol.34, num.6 Aronson D. (2007), Evidence-based technical analysis, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Azzopardi P. V. (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, Petersfield (GB), Harriman House Ltd Basel Committee on Banking supervision (2012), Fundamental review of the trading book, Beker V. A. (2005), Is economics e science? A discussion of some methodological issues, University of Belgrano Berry M. J. A. e Linoff G., (1997), Data Mining techniques, New York, John Wiley & Sons Bertocchi M. (maggio 2011), Modifiche al Regolamento in materia di Emittenti conseguenti al recepimento della c.d. Direttiva UCITS IV Blaug M. (1992), The Methodology of Economics, New York, Cambridge University Press Bloomfield R. (2010), Traditional vs Behavioral Finance, Johnson School Research Paper Series, num.22, Cornell University Caracino U. e Pavesi F. (luglio 2009), Prime riflessioni sulle nuove disposizioni del Regolamento Emittenti in materia di offerta al pubblico di quote o azioni OICR italiani aperti, Rivista di Diritto Bancario CESR s guidelines on the methodology for the calculation of the synthetic risk and reward indicator in the Key Investor Information Document del 1 luglio 2010 (CESR / ) Chang P. H. K. e Osler C. L. (1999), Methodical Madness: technical analysis and the irrationality of exchange-rate forecasts, Economic Journal, vol.109 Comunicazione Consob n.dme/ del 4/4/2012: Adempimenti per le piattaforme di negoziazione (mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione) in recepimento degli Orientamenti contenuti nel documento dell'esma "Orientamenti sui sistemi e controlli in un ambiente automatizzato per piattaforme di negoziazione, imprese di investimento e autorità competenti", pubblicato il 22 dicembre 2011, in attuazione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) Consob (aprile 2009), Un approccio quantitativo risk-based per la trasparenza dei prodotti d investimento non-equity, Quaderno di finanza num

16 Corbetta P. (1999), Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Bologna, Il Mulino Cutler D., Poterba J., e Summers L. (1991), Speculative dynamics, Review of Economic Studies, vol.58 De Bondt W. e Thaler R. (1985), Does the stock market overreact?, The Journal of finance, vol.40 Direttiva 85/611/EEC Egan A. (2007), The distribution of S&P 500 Index Return, Social Science Research Network Faber M. T. (2009), A quantitative approach to tactical asset allocation, The Journal of Wealth management Friedman M. (1953), The methodology of positive economics, Essays in Positive economics, Chicago, University of Chicago Press Grossman S.J. e Stiglitz J.E. (1980), On the impossibility of informally efficient markets, American Economic Review, vol.70, n 3 Griffioen G. A. W. (2003), Technical Analysis in Financial Markets, University of Amsterdam Guida Reuters (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Apogeo Guidelines on systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Final Report del 22 dicembre 2011 (Esma 2011/456) Hausman D. M. (1992), The inexact and separate science on economics, Cambridge, Cambridge University Press Jegadeesh N. e Titman S. (1993), Returns to buying winners and selling losers: implication for stock market efficiency, The Journal of finance, vol.48 Jensen M. (1978), Some anomalous evidence regarding market efficiency, Journal of financial Economics, vol.6 Jurs H. W. (1998), Applied Statistics for the behavioral sciences, Boston, Houghton Mifflin Company Kahneman D. e Tversky A. (1979), Prospect Theory: An Analysis of Decision Making under risk, Econometrica, vol.47 Kahneman D., Slovic P. e Tversky A. (1982), Judgement under uncertainty: Heuristics and biases, Cambridge (UK), Cambridge University Press 170

17 Kahneman D. e Riepe M. (1998), Aspects of investor psychology, Journal of Portfolio Management, vol.24 Kaufman P. J. (2011), Alpha Trading: profitable strategies that remove directional risk, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Kuhn T. S. (1962), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino, Einaudi Legrenzi P. (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, Milano, Il Sole 24 Ore Macchiati A. (1992), Decisioni finanziarie e mercati dei capitali, Bologna, Il Mulino Malkiel B. G. (2003), A random walk down wall street: the time-tested strategy for successful investing, New York, W. W. Norton & company Ltd Marzo G. (2002), La relazione tra rischio e rendimento: proposte teoriche e ricerche empiriche, Paper 22, Università degli Studi di Brescia Miglietta N. e Battisti E. (2011), Impresa, management e distorsioni comportamentali: un approccio cognitivo alla gestione dell impresa: l Ego Biased Approach (EBLA), Torino, Giappichelli Editore Mishkin F., Eakins S., Forestieri G. (2007), Istituzioni e mercati finanziari, Bologna, Pearson Paravia Murphy J. J. (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Hoepli Pardo R. (2008), The evaluation and optimization of trading strategies, Hoboken, New Jersey, John Wiley & Sons Popper K. R. (1972), Congetture e confutazioni: Lo sviluppo della conoscenza scientifica, Bologna, Il Mulino Rumiati R., Rubaltelli E., Mistri M. (2008), Psicologia economica, Roma, Carocci Editore Samuelson P. A. (1965), Proof that properly anticipated prices fluctuate randomly, Industrial Management Review, vol.6 Shiller R. (1981), Do stock prices move too much to be justified by subsequent changes in dividends, American Economic Review, vol.71 Shleifer A.(2000), Inefficient Markets: an introduction to behavioral finance, New York, Oxford University press Siegel J. (2008), Rendimenti finanziari e strategie d investimento: i rendimenti finanziari nel lungo periodo, Bologna, Il Mulino 171

18 Systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Guidelines del 24 febbraio 2012 (Esma 2012/122) Soros G. (1998), La crisi del capitalismo globale, Milano, Ponte alle Grazie Statman M. (1999), Behavioral Finance versus Standard Finance, Santa Clara University Taleb N.N. (2007), Il cigno nero, Milano, Il saggiatore Ventura A. (2010), Scienza e metodo nelle discipline economiche, Rivista di studi sullo Stato : Saggi e Articoli Von Neumann J. e Morgenstern O. (1944), Theory of Games and Economic Behavior, Princeton NJ, Princeton University Press Siti internet visitati

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Le strategie di trading basate sull effetto momentum

Le strategie di trading basate sull effetto momentum Tesi di Dottorato in BANCA E FINANZA CICLO XIX Le strategie di trading basate sull effetto momentum RELATORE Chiar.mo Prof. Alessandro Carretta CANDIDATO D.ssa Francesca Battaglia COORDINATORE CHIAR.MO

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli