UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA Sistemi di trading quantitativi Relatrice: Prof.ssa Patrizia Pia Correlatore interno: Prof. Luigi Bollani Correlatore esterno: Dott. Riccardo Granero Candidata: Sara Giugiario Matricola: Anno accademico

2 Indice Premessa... 5 CAPITOLO La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni... 7 Introduzione La Teoria dei mercati efficienti Confutazioni della Teoria dei mercati efficienti Contraddizioni logiche Contraddizioni empiriche Resistenze a rifiutare la teoria dei mercati efficienti Il metodo scientifico elaborato da Popper L evoluzione del pensiero di Popper avanzata da Soros La finanza comportamentale Carenti giudizi di probabilità Inadeguata percezione del rischio La funzione valore Schemi di decisione influenzati dal contesto del problema Confronto fra la Teoria dell Utilità Attesa e la Prospect Theory Scienze sociali e scienze naturali CAPITOLO

3 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione L analisi fondamentale e l analisi tecnica Analisi qualitativa e quantitativa Impostazione della ricerca Rilevazione Analisi dei dati Risultati Conclusioni L Analisi tecnica L analisi tecnica soggettiva e l analisi tecnica oggettiva La validità illusoria dell analisi tecnica soggettiva Il metodo scientifico e il ruolo fondamentale della statistica Eliminazioni componenti di analisi tecnica soggettiva Esempio di oggettivazione di una figura soggettiva di analisi tecnica Suddivisione dell analisi tecnica oggettiva Eliminazione delle componenti distorsive dall analisi tecnica oggettiva I fattori che incidono sul data mining bias Come gestire il data mining bias La normativa europea nel calcolo dell indicatore di rischio (SRRI) e di htf trading CAPITOLO

4 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Osservazione Ipotesi Previsione Verifica Concettualizzare e formulare una strategia di trading Descrizione dettagliata: traduzione dell idea in una strategia verificabile Valutare la robustezza della Strategia di Trading Commenti sui risultati del test L out of sample Migliorare e rifinire la strategia Conclusione Conclusioni finali Bibliografia Siti internet visitati

5 I miti conferiscono ordine al disordine della percezione umana 1. 1 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.86, Milano, Il saggiatore 4

6 Premessa Affidarsi ad un modello di investimento che garantisca una certa solidità e un livello adeguato di affidabilità è diventata un esigenza fondamentale a cui gli operatori finanziari devono abituarsi a far fronte per restare al passo con chi, invece, è capace di proporre nuove soluzioni. La crisi è stato l ultimo dei fattori scatenanti la necessità di un nuovo approccio. Gli investitori che hanno subito perdite consistenti nella congiuntura economica negativa, che non dà tregua ai mercati da ormai circa cinque anni, non sono più disposti a sentirsi dire che l evento che ha causato la rovina dei loro risparmi è stato eccezionale e ingestibile. Per proporsi di restare dalla parte di coloro che sanno adattarsi ai cambiamenti e prendere spunto dalle situazioni di difficoltà, l obiettivo della tesi è quello di costruire un modello operativo che, partendo da solide basi teoriche e statistiche, sappia affrontare in modo critico e costruttivo la realtà. Lo schema di base a cui si aspira deve essere abbastanza chiaro e attendibile da sapersi adattare ai diversi contesti, ma allo stesso tempo occorre evitare di cadere nell ottusità che provoca il consegnarsi ciecamente ai dogmi di alcune teorie, come ad esempio quella dei mercati finanziari efficienti, che sarà esposta all inizio del Primo Capitolo. La necessità che emerge da questo inquadramento introduttivo e a cui cerca di dare una risposta questa tesi è, dunque, quella di coniugare un approccio procedurale stabile con una visione dinamica, senza che ciò costituisca un controsenso. Il lavoro si suddivide in tre parti. La prima ha il compito di rispondere a chi si interroga sull effettiva possibilità di trarre un profitto superiore al mercato. In altri termini, ci si domanda se l obiettivo che si prefiggono i sistemi di trading è legittimo oppure no. 5

7 Dalle considerazioni a cui giunge il capitolo precedente, si sviluppa la parte centrale che ambisce a promuovere il modello di ricerca ritenuto fondamentale per strutturare i modelli di investimento. Si tratta del metodo scientifico-quantitativo. Il rigore che caratterizza questa tipologia di analisi emerge con forza anche grazie ad un confronto efficace con chi non la applica, come le forme più rudimentali di analisi tecnica. Il parallelo che verrà proposto può essere letto come una sorta di monito che consente di identificare gli errori in cui non bisogna incorrere. Un punto nodale della suddetta trattazione è proprio quello di individuare e eliminare ogni orientamento soggettivo nell azione, sia che esso si traduca in un errata attitudine nel consigliare gli investimenti, sia che corrisponda a abitudini sbagliate e talvolta consolidate nel valutare certi patterns. In alternativa, ci si propone di esporre con chiarezza le componenti caratteristiche di qualunque approccio scientifico che, cercando di non perdere mai il contatto con le evidenze empiriche, grazie a continui test, consente di monitorare e di contenere gli effetti anche di quegli eventi considerati imprevedibili. La trattazione teorica è l indispensabile presupposto per addentrarsi nel caso pratico che viene presentato nell ultima parte, come conclusione logica del lavoro. Consiste in un esempio di sviluppo di una strategia di trading, il cui processo si propone di attenersi ai requisiti descritti nel capitolo che lo precede. Applicare le argomentazioni scientifiche e quantitative alla ricerca operativa costituisce il fine ultimo della tesi. 6

8 CAPITOLO 1 La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni Introduzione Fin dall origine l essere umano ha mostrato l esigenza di interpretare e conoscere il mondo nel quale vive. La realtà, però, in ogni occasione si è rivelata complessa, imprevedibile e sfaccettata. Per tentare di padroneggiarla, si è sempre ricorso a schemi riduttivi in grado di semplificare l ambiente di riferimento e le relazioni fra i diversi eventi. Dal mondo percepito si é passati a un universo misurabile, costruito sulla base di entità teoriche poco ancorate all evidenza empirica 2. Taleb definisce questo fenomeno come fallacia narrativa, associata alla vulnerabilità umana all eccesso di interpretazione e alla predilezione per le storie coerenti rispetto a verità che non possono essere schematizzabili. Le spiegazioni tengono insieme i fatti, semplificano la loro memorizzazione, contribuiscono a renderli più sensati. Questa propensione diventa negativa quando rafforza la nostra impressione di aver capito 3. Ciò provoca una distorsione della visione del mondo perché si diventa vittime dell incapacità di osservare sequenze di fatti senza aggiungervi una spiegazione, senza imporre un collegamento logico, una qualche relazione. Tale atteggiamento, secondo l operatore di Borsa e filosofo libanese, assume una particolare gravità quando c è di mezzo l evento raro, il cosiddetto Cigno nero, che non rientra nella semplificazione. Esso si produce laddove è 2 P. Legrenzi (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, pag.23, Milano, Il Sole 24 Ore 3 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.83, Milano, Il saggiatore 7

9 pericolosamente ampio il divario tra ciò che si sa e ciò che si crede di sapere. Il confine tra la confusa realtà e la mentalità platonica è definita dall autore piega platonica. La platonicità consiste nel concentrarsi su forme pure e ben definite, a scapito di strutture più confuse e meno trattabili. In altre parole, è la tendenza a confondere la mappa con il territorio 4. Questo processo si è sviluppato non solo nelle scienze naturali, come la fisica e l astronomia, ma anche in alcune scienze sociali, come l economia e la finanza. Le discipline economiche, via via che si sono formalizzate, hanno espulso il punto di vista dell uomo comune. E vero che gli economisti fondano le loro analisi e i loro modelli a partire dai comportamenti teorici di attori individuali, ma quest attore è stato ridefinito avvicinando gli uomini ad angeli ultra-terreni, esseri dotati di razionalità perfetta, di illimitata capacità informativa e potenza di calcolo e, contemporaneamente, privi di emozioni e istinti tipici di esseri la cui origine è biologica. Individui non appartenenti a una storia naturale, non plasmati da forme di adattamento ad ambienti ostili, ma inventati a tavolino 5. La teoria a cui fa riferimento Legrenzi, che incarna esattamente l idea di homo oeconomicus e il concetto di platonicità, è l ipotesi di mercato efficiente, a cui è dedicato il capitolo. 4 Cfr. N.N. Taleb (2007), op. cit., pag Cfr. P. Legrenzi (2006), op. cit., pag.24. 8

10 CAPITOLO 2 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione Una volta decretato che é possibile realizzare anticipazioni sul futuro, nella pratica finanziaria è fondamentale stabilire come prevedere il percorso a venire di una serie temporale di dati. Prima di procedere con il seguito della trattazione, risulta essenziale fissare quali sono stati i criteri di fondo che si è scelto di adottare in questa ricerca. La logica privilegiata è quella di rendere il modello da sviluppare abbastanza semplice per gli investitori che lo applicano e adeguato alla rimozione di elementi di soggettività che interferiscono nell intraprendere le decisioni. I principi seguiti sono stati incentrati su: 1) una logica puramente meccanica e quantitativa, non discrezionale, basata su un approccio scientifico; 2) un solo modello e gli stessi parametri per ogni asset class; 3) priced-based only. Esistono varie metodologie volte alla previsione dell andamento futuro dei mercati. Fra di esse, le più utilizzate sono l analisi fondamentale e l analisi tecnica. Alcuni operatori ritengono che per migliorare l attendibilità della futura evoluzione degli scenari e, quindi, per incrementare la probabilità di successo, la miglior strategia consista nell integrare le diverse analisi (oltre a quella fondamentale e tecnica, anche l analisi 59

11 macroeconomica e dei volumi). L Analisi Integrata, secondo questa versione, consentirebbe di tener conto di tutti gli aspetti che potrebbero influire domani sulle contrattazioni. Per contro, altri sostengono che ogni analisi debba essere considerata singolarmente, in quanto non sussisterebbe un beneficio reale nell unire le varie metodologie che, anzi, potrebbero in alcuni casi discordare fra loro e creare confusione. La ragione principale per cui in questo lavoro il focus di attenzione è concentrato, in un primo tempo, sull analisi tecnica, è che essa si basa su un unica variabile di riferimento, il prezzo dei titoli (priced-based only), rendendo questa tipologia di analisi la base di partenza più valida. E possibile concentrare le proprie osservazioni e ricerche interamente su questo dato, che racchiude in sé tutte le informazioni necessarie, evitando inutili dispersioni in termini di tempo e di costo. Il prezzo è il risultato di tutte le notizie, le aspettative, le sensazioni, gli umori e le speranze che aleggiano sul mercato. Su tale base, ogni altro valore risulta superfluo, siccome è già incorporato nella sola variabile utile. Nonostante ciò, non è sufficiente avvalersi dell analisi tecnica in generale per ottenere rendimenti apprezzabili. Tale disciplina, infatti, è a sua volta molto sfaccettata e ampia, al punto da contenere molti elementi non profittevoli e accettabili in termini scientifici. Proprio per tale ragione, l obiettivo che si prefigge il seguente capitolo è quello di esaminare l analisi tecnica nelle sue molteplici sfumature, allo scopo di pervenire ad una materia che sia affidabile e applicabile con successo attraverso sistemi di trading automatici. Per perseguire il fine appena enunciato, è necessario eliminare quelle componenti soggettive e distorsive che alterano questo approccio (logica non discrezionale, scientifica). Il passaggio ultimo è dunque quello di lavorare su un tipo di analisi che non si definisce più come analisi tecnica, bensì come un evoluzione di essa, denominata analisi quantitativa. 60

12 Si dimostrerà che la finanza comportamentale riveste un importante ruolo nell ambito dell analisi tecnica. Può sembrare paradossale che errati convincimenti sulla validità dell analisi tecnica soggettiva e la legittima profittabilità di alcune forme di analisi tecnica oggettiva, siano entrambe l effetto di peculiarità cognitive. Con ciò si intende affermare che, in senso lato, la finanza comportamentale costituisce la base essenziale della materia, perché sostiene l esistenza di una relazione tra psicologia umana e determinazione dei prezzi nel mercato mobiliare 83. Tale interazione offre nuove ipotesi falsificabili che asseriscono la possibilità di effettuare strategie profittevoli. In concomitanza, nello specifico, permette di spiegare molte distorsioni che incidono sull analisi tecnica soggettiva, come si leggerà nel seguito della trattazione. Dunque, come sostiene Azzopardi, l integrazione della finanza comportamentale, con la rappresentazione dei movimenti dei prezzi di mercato e la loro verifica oggettiva tramite il metodo scientifico (e perciò il supporto imprescindibile dell analisi statistica) attiverà la ricerca e trasformerà molte delle conoscenza sulla finanza 84. In questo capitolo si tenta di fornire un primo input in tale direzione, con lo scopo ultimo di aumentare la probabilità di successo degli investimenti. Analisi tecnica Analisi statistica Finanza comportamentale Fonte: adattato da P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 83 J. J. Murphy (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, pag.15, Milano, Hoepli 84 P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 61

13 CAPITOLO 3 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Lo sviluppo di una strategia di trading è un processo complesso che comprende numerose fasi interconnesse fra loro. Al fine di applicare il metodo scientifico illustrato precedentemente, oltre a riprendere i vari accorgimenti proposti nel corso del Capitolo 2 per cercare di metterli in pratica, si seguiranno i passaggi procedurali indicati alla fine del paragrafo 2.7. riferiti all approccio scientifico ai problemi, integrandoli con una trattazione più mirata allo sviluppo di una strategia di trading, sulla base delle fasi operative esposte da Pardo in merito allo stadio della verifica. Innanzitutto, si specifica che, attenendosi alle indicazioni fornite all inizio del Capitolo centrale, l unica variabile utilizzata nell analisi è il prezzo dei titoli (variabile dipendente), unitamente al tempo (adottata come variabile indipendente). Si è scelto di illustrare un caso in cui la strategia non è relativa ad un classica formazione dell analisi tecnica, proprio perché ci si propone di superare le tradizionali metodologie spesso inefficaci 144, per arrivare ad un operatività profittevole che derivi da modelli quantitativi ben delineati, un evoluzione al di là delle classificazioni dell analisi tecnica. 144 Si veda, al paragrafo , l esempio ripreso da Chang e Osler che dimostra lo scarso potere previsionale della figura più tipica dell analisi tecnica, il testa e spalle. 124

14 L esperienza di ricerca è stata svolta grazie al contributo indispensabile fornito da 4Timing, una società di consulenza finanziaria con sede a Torino che, grazie ad un team di studio sempre aggiornato, attento e dinamico, è in espansione in una fase di mercato in cui la maggior parte degli operatori si trova in difficoltà. L azienda ha seguito con attenzione e estrema disponibilità la stesura del lavoro fin dalle fasi iniziali. Oltre ad avermi permesso di usufruire delle risorse tecniche necessarie per lo svolgimento pratico del lavoro, come le serie storiche dei dati e programmi quali Multichart e Analysis, ha messo a disposizione il suo prezioso e consolidato patrimonio di esperienza sul campo. 4Timing è il modello di riferimento che ha ispirato l intero lavoro. 125

15 Bibliografia Arditti F. D. (1978), Can analysts distinguish between real and randomly generated stock prices?, Financial Analysts Journal, vol.34, num.6 Aronson D. (2007), Evidence-based technical analysis, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Azzopardi P. V. (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, Petersfield (GB), Harriman House Ltd Basel Committee on Banking supervision (2012), Fundamental review of the trading book, Beker V. A. (2005), Is economics e science? A discussion of some methodological issues, University of Belgrano Berry M. J. A. e Linoff G., (1997), Data Mining techniques, New York, John Wiley & Sons Bertocchi M. (maggio 2011), Modifiche al Regolamento in materia di Emittenti conseguenti al recepimento della c.d. Direttiva UCITS IV Blaug M. (1992), The Methodology of Economics, New York, Cambridge University Press Bloomfield R. (2010), Traditional vs Behavioral Finance, Johnson School Research Paper Series, num.22, Cornell University Caracino U. e Pavesi F. (luglio 2009), Prime riflessioni sulle nuove disposizioni del Regolamento Emittenti in materia di offerta al pubblico di quote o azioni OICR italiani aperti, Rivista di Diritto Bancario CESR s guidelines on the methodology for the calculation of the synthetic risk and reward indicator in the Key Investor Information Document del 1 luglio 2010 (CESR / ) Chang P. H. K. e Osler C. L. (1999), Methodical Madness: technical analysis and the irrationality of exchange-rate forecasts, Economic Journal, vol.109 Comunicazione Consob n.dme/ del 4/4/2012: Adempimenti per le piattaforme di negoziazione (mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione) in recepimento degli Orientamenti contenuti nel documento dell'esma "Orientamenti sui sistemi e controlli in un ambiente automatizzato per piattaforme di negoziazione, imprese di investimento e autorità competenti", pubblicato il 22 dicembre 2011, in attuazione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) Consob (aprile 2009), Un approccio quantitativo risk-based per la trasparenza dei prodotti d investimento non-equity, Quaderno di finanza num

16 Corbetta P. (1999), Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Bologna, Il Mulino Cutler D., Poterba J., e Summers L. (1991), Speculative dynamics, Review of Economic Studies, vol.58 De Bondt W. e Thaler R. (1985), Does the stock market overreact?, The Journal of finance, vol.40 Direttiva 85/611/EEC Egan A. (2007), The distribution of S&P 500 Index Return, Social Science Research Network Faber M. T. (2009), A quantitative approach to tactical asset allocation, The Journal of Wealth management Friedman M. (1953), The methodology of positive economics, Essays in Positive economics, Chicago, University of Chicago Press Grossman S.J. e Stiglitz J.E. (1980), On the impossibility of informally efficient markets, American Economic Review, vol.70, n 3 Griffioen G. A. W. (2003), Technical Analysis in Financial Markets, University of Amsterdam Guida Reuters (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Apogeo Guidelines on systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Final Report del 22 dicembre 2011 (Esma 2011/456) Hausman D. M. (1992), The inexact and separate science on economics, Cambridge, Cambridge University Press Jegadeesh N. e Titman S. (1993), Returns to buying winners and selling losers: implication for stock market efficiency, The Journal of finance, vol.48 Jensen M. (1978), Some anomalous evidence regarding market efficiency, Journal of financial Economics, vol.6 Jurs H. W. (1998), Applied Statistics for the behavioral sciences, Boston, Houghton Mifflin Company Kahneman D. e Tversky A. (1979), Prospect Theory: An Analysis of Decision Making under risk, Econometrica, vol.47 Kahneman D., Slovic P. e Tversky A. (1982), Judgement under uncertainty: Heuristics and biases, Cambridge (UK), Cambridge University Press 170

17 Kahneman D. e Riepe M. (1998), Aspects of investor psychology, Journal of Portfolio Management, vol.24 Kaufman P. J. (2011), Alpha Trading: profitable strategies that remove directional risk, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Kuhn T. S. (1962), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino, Einaudi Legrenzi P. (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, Milano, Il Sole 24 Ore Macchiati A. (1992), Decisioni finanziarie e mercati dei capitali, Bologna, Il Mulino Malkiel B. G. (2003), A random walk down wall street: the time-tested strategy for successful investing, New York, W. W. Norton & company Ltd Marzo G. (2002), La relazione tra rischio e rendimento: proposte teoriche e ricerche empiriche, Paper 22, Università degli Studi di Brescia Miglietta N. e Battisti E. (2011), Impresa, management e distorsioni comportamentali: un approccio cognitivo alla gestione dell impresa: l Ego Biased Approach (EBLA), Torino, Giappichelli Editore Mishkin F., Eakins S., Forestieri G. (2007), Istituzioni e mercati finanziari, Bologna, Pearson Paravia Murphy J. J. (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Hoepli Pardo R. (2008), The evaluation and optimization of trading strategies, Hoboken, New Jersey, John Wiley & Sons Popper K. R. (1972), Congetture e confutazioni: Lo sviluppo della conoscenza scientifica, Bologna, Il Mulino Rumiati R., Rubaltelli E., Mistri M. (2008), Psicologia economica, Roma, Carocci Editore Samuelson P. A. (1965), Proof that properly anticipated prices fluctuate randomly, Industrial Management Review, vol.6 Shiller R. (1981), Do stock prices move too much to be justified by subsequent changes in dividends, American Economic Review, vol.71 Shleifer A.(2000), Inefficient Markets: an introduction to behavioral finance, New York, Oxford University press Siegel J. (2008), Rendimenti finanziari e strategie d investimento: i rendimenti finanziari nel lungo periodo, Bologna, Il Mulino 171

18 Systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Guidelines del 24 febbraio 2012 (Esma 2012/122) Soros G. (1998), La crisi del capitalismo globale, Milano, Ponte alle Grazie Statman M. (1999), Behavioral Finance versus Standard Finance, Santa Clara University Taleb N.N. (2007), Il cigno nero, Milano, Il saggiatore Ventura A. (2010), Scienza e metodo nelle discipline economiche, Rivista di studi sullo Stato : Saggi e Articoli Von Neumann J. e Morgenstern O. (1944), Theory of Games and Economic Behavior, Princeton NJ, Princeton University Press Siti internet visitati

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Roma, 21 Gennaio 2014 Giuseppe Tripodi PhD Banking and Finance Università degli studi di Roma Tor Vergata giuseppe.tripodi@uniroma2.it 1 Indice

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge LINEE GUIDA per la partecipazione alla LSE Digital Innovation Challenge Condizioni di partecipazione La Sapienza Università di Roma partecipa alla seconda edizione 2014-2015 della competizione sull Innovazione

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Le imprese artigiane e la crisi d impresa

Le imprese artigiane e la crisi d impresa Corso di Laurea in Economia Aziendale Prova finale di Laurea Le imprese artigiane e la crisi d impresa Relatrice Ch.ma Prof.ssa Maria Silvia Avi Laureanda Lara Citon Matricola 826904 Indice Pag. Introduzione..

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Behavioral Funds Agenda Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Introduzione alla Finanza Comportamentale La finanza comportamentale

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE La sicurezza delle applicazioni web si sposta a un livello più complesso man mano che il Web 2.0 prende piede.

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

Key Investor Information Document (KIID)

Key Investor Information Document (KIID) Key Investor Information Document (KIID) Guida alle novità sui documenti di vendita QUESTIONS & ANSWERS Introduzione al KIID 1. Cos è il KIID e qual è il suo obiettivo? Il KIID (Key Investor Information

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it L attendibilità della testimonianza di un minore: realtà, fantasia, suggestione. Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it Attendibilità = accuratezza e credibilità L accuratezza riguarda la valutazione delle

Dettagli

VIII. Modelli macroeconomici: cenni introduttivi

VIII. Modelli macroeconomici: cenni introduttivi 5 Indice Introduzione... 7 I. La rappresentazione degli scambi in un economia di baratto... 11 1.1 Il vincolo di bilancio, p. 12 1.2 Un sistema economico con due agenti, p. 13 1.3 Un sistema economico

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale Interventi sussidiari e forme organizzative

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE S A B R I N A L E O POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE Novembre 2013 (21-22 novembre) Sapienza Università di Roma. Partecipazione Corso di Formazione Come presentare una proposta di successo

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University Press, 2000. Fra i fenomeni che appaiono incomprensibili alla scienza economica, uno ha

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

Allegato 6/A Giudizi individuali complessivi finali sui candidati che hanno sostenuto la prova

Allegato 6/A Giudizi individuali complessivi finali sui candidati che hanno sostenuto la prova Allegato 6/A Giudizi individuali complessivi finali sui candidati che hanno sostenuto la prova orale Giudizi individuali del professor Giancarlo Corsetti: Pierpaolo BENIGNO è Assistant Professor of Economics

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana FORUM FOOD & MADE IN ITALY NUOVI SCENARI PER L'AGROALIMENTARE Milano, 30 GIUGNO 2015 Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana AGENDA Introduzione Etichettatura: l evoluzione

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO

COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO Roma, 19 NOVEMBRE 2010 sede Fondazione CRUI Programma del seminario Il Centro di Counseling nella rete dei servizi: modelli a confronto INTRODUZIONE AL SEMINARIO Il

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae Elvira Anna Graziano Curriculum Vitae DATI ANAGRAFICI Cognome e Nome Elvira Anna Graziano Data di nascita 06/02/1984 Luogo di nascita Cariati (CS) Residenza Via Beata Teodora, 14 87067 Rossano (CS) Domicilio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Financial Services Banking Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Enrico Trevisan, Sara Zanichelli www.simon-kucher.com 1 Introduzione Storicamente la consulenza finanziaria è sempre

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO STUDIO SPERIMENTALE SUI

Dettagli

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano)

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) D1. Siete d'accordo con la valutazione delle caratteristiche degli strumenti di consulenza finanziaria automatizzata presentati

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 Introduzione al Trading Automatico Il flusso di elaborazione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

La profilatura del rischio nel contesto della Direttiva MiFID: stato dell arte e prospettive future Nicoletta Marinelli Università degli Studi di Macerata Ricercatrice in Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE Pagina 1 di 7 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE Area Gestione Risorse Umane e Formazione Settore Personale Docente PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO di Maurizio Nizzola Introduzione L obiettivo di questo lavoro è svolgere un analisi

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli