UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO. Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA Laurea Magistrale in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari TESI DI LAUREA Sistemi di trading quantitativi Relatrice: Prof.ssa Patrizia Pia Correlatore interno: Prof. Luigi Bollani Correlatore esterno: Dott. Riccardo Granero Candidata: Sara Giugiario Matricola: Anno accademico

2 Indice Premessa... 5 CAPITOLO La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni... 7 Introduzione La Teoria dei mercati efficienti Confutazioni della Teoria dei mercati efficienti Contraddizioni logiche Contraddizioni empiriche Resistenze a rifiutare la teoria dei mercati efficienti Il metodo scientifico elaborato da Popper L evoluzione del pensiero di Popper avanzata da Soros La finanza comportamentale Carenti giudizi di probabilità Inadeguata percezione del rischio La funzione valore Schemi di decisione influenzati dal contesto del problema Confronto fra la Teoria dell Utilità Attesa e la Prospect Theory Scienze sociali e scienze naturali CAPITOLO

3 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione L analisi fondamentale e l analisi tecnica Analisi qualitativa e quantitativa Impostazione della ricerca Rilevazione Analisi dei dati Risultati Conclusioni L Analisi tecnica L analisi tecnica soggettiva e l analisi tecnica oggettiva La validità illusoria dell analisi tecnica soggettiva Il metodo scientifico e il ruolo fondamentale della statistica Eliminazioni componenti di analisi tecnica soggettiva Esempio di oggettivazione di una figura soggettiva di analisi tecnica Suddivisione dell analisi tecnica oggettiva Eliminazione delle componenti distorsive dall analisi tecnica oggettiva I fattori che incidono sul data mining bias Come gestire il data mining bias La normativa europea nel calcolo dell indicatore di rischio (SRRI) e di htf trading CAPITOLO

4 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Osservazione Ipotesi Previsione Verifica Concettualizzare e formulare una strategia di trading Descrizione dettagliata: traduzione dell idea in una strategia verificabile Valutare la robustezza della Strategia di Trading Commenti sui risultati del test L out of sample Migliorare e rifinire la strategia Conclusione Conclusioni finali Bibliografia Siti internet visitati

5 I miti conferiscono ordine al disordine della percezione umana 1. 1 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.86, Milano, Il saggiatore 4

6 Premessa Affidarsi ad un modello di investimento che garantisca una certa solidità e un livello adeguato di affidabilità è diventata un esigenza fondamentale a cui gli operatori finanziari devono abituarsi a far fronte per restare al passo con chi, invece, è capace di proporre nuove soluzioni. La crisi è stato l ultimo dei fattori scatenanti la necessità di un nuovo approccio. Gli investitori che hanno subito perdite consistenti nella congiuntura economica negativa, che non dà tregua ai mercati da ormai circa cinque anni, non sono più disposti a sentirsi dire che l evento che ha causato la rovina dei loro risparmi è stato eccezionale e ingestibile. Per proporsi di restare dalla parte di coloro che sanno adattarsi ai cambiamenti e prendere spunto dalle situazioni di difficoltà, l obiettivo della tesi è quello di costruire un modello operativo che, partendo da solide basi teoriche e statistiche, sappia affrontare in modo critico e costruttivo la realtà. Lo schema di base a cui si aspira deve essere abbastanza chiaro e attendibile da sapersi adattare ai diversi contesti, ma allo stesso tempo occorre evitare di cadere nell ottusità che provoca il consegnarsi ciecamente ai dogmi di alcune teorie, come ad esempio quella dei mercati finanziari efficienti, che sarà esposta all inizio del Primo Capitolo. La necessità che emerge da questo inquadramento introduttivo e a cui cerca di dare una risposta questa tesi è, dunque, quella di coniugare un approccio procedurale stabile con una visione dinamica, senza che ciò costituisca un controsenso. Il lavoro si suddivide in tre parti. La prima ha il compito di rispondere a chi si interroga sull effettiva possibilità di trarre un profitto superiore al mercato. In altri termini, ci si domanda se l obiettivo che si prefiggono i sistemi di trading è legittimo oppure no. 5

7 Dalle considerazioni a cui giunge il capitolo precedente, si sviluppa la parte centrale che ambisce a promuovere il modello di ricerca ritenuto fondamentale per strutturare i modelli di investimento. Si tratta del metodo scientifico-quantitativo. Il rigore che caratterizza questa tipologia di analisi emerge con forza anche grazie ad un confronto efficace con chi non la applica, come le forme più rudimentali di analisi tecnica. Il parallelo che verrà proposto può essere letto come una sorta di monito che consente di identificare gli errori in cui non bisogna incorrere. Un punto nodale della suddetta trattazione è proprio quello di individuare e eliminare ogni orientamento soggettivo nell azione, sia che esso si traduca in un errata attitudine nel consigliare gli investimenti, sia che corrisponda a abitudini sbagliate e talvolta consolidate nel valutare certi patterns. In alternativa, ci si propone di esporre con chiarezza le componenti caratteristiche di qualunque approccio scientifico che, cercando di non perdere mai il contatto con le evidenze empiriche, grazie a continui test, consente di monitorare e di contenere gli effetti anche di quegli eventi considerati imprevedibili. La trattazione teorica è l indispensabile presupposto per addentrarsi nel caso pratico che viene presentato nell ultima parte, come conclusione logica del lavoro. Consiste in un esempio di sviluppo di una strategia di trading, il cui processo si propone di attenersi ai requisiti descritti nel capitolo che lo precede. Applicare le argomentazioni scientifiche e quantitative alla ricerca operativa costituisce il fine ultimo della tesi. 6

8 CAPITOLO 1 La teoria dei mercati efficienti e sue confutazioni Introduzione Fin dall origine l essere umano ha mostrato l esigenza di interpretare e conoscere il mondo nel quale vive. La realtà, però, in ogni occasione si è rivelata complessa, imprevedibile e sfaccettata. Per tentare di padroneggiarla, si è sempre ricorso a schemi riduttivi in grado di semplificare l ambiente di riferimento e le relazioni fra i diversi eventi. Dal mondo percepito si é passati a un universo misurabile, costruito sulla base di entità teoriche poco ancorate all evidenza empirica 2. Taleb definisce questo fenomeno come fallacia narrativa, associata alla vulnerabilità umana all eccesso di interpretazione e alla predilezione per le storie coerenti rispetto a verità che non possono essere schematizzabili. Le spiegazioni tengono insieme i fatti, semplificano la loro memorizzazione, contribuiscono a renderli più sensati. Questa propensione diventa negativa quando rafforza la nostra impressione di aver capito 3. Ciò provoca una distorsione della visione del mondo perché si diventa vittime dell incapacità di osservare sequenze di fatti senza aggiungervi una spiegazione, senza imporre un collegamento logico, una qualche relazione. Tale atteggiamento, secondo l operatore di Borsa e filosofo libanese, assume una particolare gravità quando c è di mezzo l evento raro, il cosiddetto Cigno nero, che non rientra nella semplificazione. Esso si produce laddove è 2 P. Legrenzi (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, pag.23, Milano, Il Sole 24 Ore 3 Cfr. N.N. Taleb (2007), Il cigno nero, pag.83, Milano, Il saggiatore 7

9 pericolosamente ampio il divario tra ciò che si sa e ciò che si crede di sapere. Il confine tra la confusa realtà e la mentalità platonica è definita dall autore piega platonica. La platonicità consiste nel concentrarsi su forme pure e ben definite, a scapito di strutture più confuse e meno trattabili. In altre parole, è la tendenza a confondere la mappa con il territorio 4. Questo processo si è sviluppato non solo nelle scienze naturali, come la fisica e l astronomia, ma anche in alcune scienze sociali, come l economia e la finanza. Le discipline economiche, via via che si sono formalizzate, hanno espulso il punto di vista dell uomo comune. E vero che gli economisti fondano le loro analisi e i loro modelli a partire dai comportamenti teorici di attori individuali, ma quest attore è stato ridefinito avvicinando gli uomini ad angeli ultra-terreni, esseri dotati di razionalità perfetta, di illimitata capacità informativa e potenza di calcolo e, contemporaneamente, privi di emozioni e istinti tipici di esseri la cui origine è biologica. Individui non appartenenti a una storia naturale, non plasmati da forme di adattamento ad ambienti ostili, ma inventati a tavolino 5. La teoria a cui fa riferimento Legrenzi, che incarna esattamente l idea di homo oeconomicus e il concetto di platonicità, è l ipotesi di mercato efficiente, a cui è dedicato il capitolo. 4 Cfr. N.N. Taleb (2007), op. cit., pag Cfr. P. Legrenzi (2006), op. cit., pag.24. 8

10 CAPITOLO 2 Il metodo scientifico, l analisi tecnica e i modelli quantitativi Introduzione Una volta decretato che é possibile realizzare anticipazioni sul futuro, nella pratica finanziaria è fondamentale stabilire come prevedere il percorso a venire di una serie temporale di dati. Prima di procedere con il seguito della trattazione, risulta essenziale fissare quali sono stati i criteri di fondo che si è scelto di adottare in questa ricerca. La logica privilegiata è quella di rendere il modello da sviluppare abbastanza semplice per gli investitori che lo applicano e adeguato alla rimozione di elementi di soggettività che interferiscono nell intraprendere le decisioni. I principi seguiti sono stati incentrati su: 1) una logica puramente meccanica e quantitativa, non discrezionale, basata su un approccio scientifico; 2) un solo modello e gli stessi parametri per ogni asset class; 3) priced-based only. Esistono varie metodologie volte alla previsione dell andamento futuro dei mercati. Fra di esse, le più utilizzate sono l analisi fondamentale e l analisi tecnica. Alcuni operatori ritengono che per migliorare l attendibilità della futura evoluzione degli scenari e, quindi, per incrementare la probabilità di successo, la miglior strategia consista nell integrare le diverse analisi (oltre a quella fondamentale e tecnica, anche l analisi 59

11 macroeconomica e dei volumi). L Analisi Integrata, secondo questa versione, consentirebbe di tener conto di tutti gli aspetti che potrebbero influire domani sulle contrattazioni. Per contro, altri sostengono che ogni analisi debba essere considerata singolarmente, in quanto non sussisterebbe un beneficio reale nell unire le varie metodologie che, anzi, potrebbero in alcuni casi discordare fra loro e creare confusione. La ragione principale per cui in questo lavoro il focus di attenzione è concentrato, in un primo tempo, sull analisi tecnica, è che essa si basa su un unica variabile di riferimento, il prezzo dei titoli (priced-based only), rendendo questa tipologia di analisi la base di partenza più valida. E possibile concentrare le proprie osservazioni e ricerche interamente su questo dato, che racchiude in sé tutte le informazioni necessarie, evitando inutili dispersioni in termini di tempo e di costo. Il prezzo è il risultato di tutte le notizie, le aspettative, le sensazioni, gli umori e le speranze che aleggiano sul mercato. Su tale base, ogni altro valore risulta superfluo, siccome è già incorporato nella sola variabile utile. Nonostante ciò, non è sufficiente avvalersi dell analisi tecnica in generale per ottenere rendimenti apprezzabili. Tale disciplina, infatti, è a sua volta molto sfaccettata e ampia, al punto da contenere molti elementi non profittevoli e accettabili in termini scientifici. Proprio per tale ragione, l obiettivo che si prefigge il seguente capitolo è quello di esaminare l analisi tecnica nelle sue molteplici sfumature, allo scopo di pervenire ad una materia che sia affidabile e applicabile con successo attraverso sistemi di trading automatici. Per perseguire il fine appena enunciato, è necessario eliminare quelle componenti soggettive e distorsive che alterano questo approccio (logica non discrezionale, scientifica). Il passaggio ultimo è dunque quello di lavorare su un tipo di analisi che non si definisce più come analisi tecnica, bensì come un evoluzione di essa, denominata analisi quantitativa. 60

12 Si dimostrerà che la finanza comportamentale riveste un importante ruolo nell ambito dell analisi tecnica. Può sembrare paradossale che errati convincimenti sulla validità dell analisi tecnica soggettiva e la legittima profittabilità di alcune forme di analisi tecnica oggettiva, siano entrambe l effetto di peculiarità cognitive. Con ciò si intende affermare che, in senso lato, la finanza comportamentale costituisce la base essenziale della materia, perché sostiene l esistenza di una relazione tra psicologia umana e determinazione dei prezzi nel mercato mobiliare 83. Tale interazione offre nuove ipotesi falsificabili che asseriscono la possibilità di effettuare strategie profittevoli. In concomitanza, nello specifico, permette di spiegare molte distorsioni che incidono sull analisi tecnica soggettiva, come si leggerà nel seguito della trattazione. Dunque, come sostiene Azzopardi, l integrazione della finanza comportamentale, con la rappresentazione dei movimenti dei prezzi di mercato e la loro verifica oggettiva tramite il metodo scientifico (e perciò il supporto imprescindibile dell analisi statistica) attiverà la ricerca e trasformerà molte delle conoscenza sulla finanza 84. In questo capitolo si tenta di fornire un primo input in tale direzione, con lo scopo ultimo di aumentare la probabilità di successo degli investimenti. Analisi tecnica Analisi statistica Finanza comportamentale Fonte: adattato da P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 83 J. J. Murphy (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, pag.15, Milano, Hoepli 84 P. V. Azzopardi (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, pag.168, Petersfield (GB), Harriman House Ltd 61

13 CAPITOLO 3 Il processo di sviluppo di una strategia di trading quantitativa: un caso operativo Introduzione Lo sviluppo di una strategia di trading è un processo complesso che comprende numerose fasi interconnesse fra loro. Al fine di applicare il metodo scientifico illustrato precedentemente, oltre a riprendere i vari accorgimenti proposti nel corso del Capitolo 2 per cercare di metterli in pratica, si seguiranno i passaggi procedurali indicati alla fine del paragrafo 2.7. riferiti all approccio scientifico ai problemi, integrandoli con una trattazione più mirata allo sviluppo di una strategia di trading, sulla base delle fasi operative esposte da Pardo in merito allo stadio della verifica. Innanzitutto, si specifica che, attenendosi alle indicazioni fornite all inizio del Capitolo centrale, l unica variabile utilizzata nell analisi è il prezzo dei titoli (variabile dipendente), unitamente al tempo (adottata come variabile indipendente). Si è scelto di illustrare un caso in cui la strategia non è relativa ad un classica formazione dell analisi tecnica, proprio perché ci si propone di superare le tradizionali metodologie spesso inefficaci 144, per arrivare ad un operatività profittevole che derivi da modelli quantitativi ben delineati, un evoluzione al di là delle classificazioni dell analisi tecnica. 144 Si veda, al paragrafo , l esempio ripreso da Chang e Osler che dimostra lo scarso potere previsionale della figura più tipica dell analisi tecnica, il testa e spalle. 124

14 L esperienza di ricerca è stata svolta grazie al contributo indispensabile fornito da 4Timing, una società di consulenza finanziaria con sede a Torino che, grazie ad un team di studio sempre aggiornato, attento e dinamico, è in espansione in una fase di mercato in cui la maggior parte degli operatori si trova in difficoltà. L azienda ha seguito con attenzione e estrema disponibilità la stesura del lavoro fin dalle fasi iniziali. Oltre ad avermi permesso di usufruire delle risorse tecniche necessarie per lo svolgimento pratico del lavoro, come le serie storiche dei dati e programmi quali Multichart e Analysis, ha messo a disposizione il suo prezioso e consolidato patrimonio di esperienza sul campo. 4Timing è il modello di riferimento che ha ispirato l intero lavoro. 125

15 Bibliografia Arditti F. D. (1978), Can analysts distinguish between real and randomly generated stock prices?, Financial Analysts Journal, vol.34, num.6 Aronson D. (2007), Evidence-based technical analysis, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Azzopardi P. V. (2010), Behavioral Technical Analysis: an introduction to behavioral finance and its role in technical analysis, Petersfield (GB), Harriman House Ltd Basel Committee on Banking supervision (2012), Fundamental review of the trading book, Beker V. A. (2005), Is economics e science? A discussion of some methodological issues, University of Belgrano Berry M. J. A. e Linoff G., (1997), Data Mining techniques, New York, John Wiley & Sons Bertocchi M. (maggio 2011), Modifiche al Regolamento in materia di Emittenti conseguenti al recepimento della c.d. Direttiva UCITS IV Blaug M. (1992), The Methodology of Economics, New York, Cambridge University Press Bloomfield R. (2010), Traditional vs Behavioral Finance, Johnson School Research Paper Series, num.22, Cornell University Caracino U. e Pavesi F. (luglio 2009), Prime riflessioni sulle nuove disposizioni del Regolamento Emittenti in materia di offerta al pubblico di quote o azioni OICR italiani aperti, Rivista di Diritto Bancario CESR s guidelines on the methodology for the calculation of the synthetic risk and reward indicator in the Key Investor Information Document del 1 luglio 2010 (CESR / ) Chang P. H. K. e Osler C. L. (1999), Methodical Madness: technical analysis and the irrationality of exchange-rate forecasts, Economic Journal, vol.109 Comunicazione Consob n.dme/ del 4/4/2012: Adempimenti per le piattaforme di negoziazione (mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione) in recepimento degli Orientamenti contenuti nel documento dell'esma "Orientamenti sui sistemi e controlli in un ambiente automatizzato per piattaforme di negoziazione, imprese di investimento e autorità competenti", pubblicato il 22 dicembre 2011, in attuazione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) Consob (aprile 2009), Un approccio quantitativo risk-based per la trasparenza dei prodotti d investimento non-equity, Quaderno di finanza num

16 Corbetta P. (1999), Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Bologna, Il Mulino Cutler D., Poterba J., e Summers L. (1991), Speculative dynamics, Review of Economic Studies, vol.58 De Bondt W. e Thaler R. (1985), Does the stock market overreact?, The Journal of finance, vol.40 Direttiva 85/611/EEC Egan A. (2007), The distribution of S&P 500 Index Return, Social Science Research Network Faber M. T. (2009), A quantitative approach to tactical asset allocation, The Journal of Wealth management Friedman M. (1953), The methodology of positive economics, Essays in Positive economics, Chicago, University of Chicago Press Grossman S.J. e Stiglitz J.E. (1980), On the impossibility of informally efficient markets, American Economic Review, vol.70, n 3 Griffioen G. A. W. (2003), Technical Analysis in Financial Markets, University of Amsterdam Guida Reuters (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Apogeo Guidelines on systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Final Report del 22 dicembre 2011 (Esma 2011/456) Hausman D. M. (1992), The inexact and separate science on economics, Cambridge, Cambridge University Press Jegadeesh N. e Titman S. (1993), Returns to buying winners and selling losers: implication for stock market efficiency, The Journal of finance, vol.48 Jensen M. (1978), Some anomalous evidence regarding market efficiency, Journal of financial Economics, vol.6 Jurs H. W. (1998), Applied Statistics for the behavioral sciences, Boston, Houghton Mifflin Company Kahneman D. e Tversky A. (1979), Prospect Theory: An Analysis of Decision Making under risk, Econometrica, vol.47 Kahneman D., Slovic P. e Tversky A. (1982), Judgement under uncertainty: Heuristics and biases, Cambridge (UK), Cambridge University Press 170

17 Kahneman D. e Riepe M. (1998), Aspects of investor psychology, Journal of Portfolio Management, vol.24 Kaufman P. J. (2011), Alpha Trading: profitable strategies that remove directional risk, Hoboken NJ, John Wiley & Sons Kuhn T. S. (1962), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino, Einaudi Legrenzi P. (2006), Psicologia e investimenti finanziari: come la finanza comportamentale aiuta a capire le scelte di investimento, Milano, Il Sole 24 Ore Macchiati A. (1992), Decisioni finanziarie e mercati dei capitali, Bologna, Il Mulino Malkiel B. G. (2003), A random walk down wall street: the time-tested strategy for successful investing, New York, W. W. Norton & company Ltd Marzo G. (2002), La relazione tra rischio e rendimento: proposte teoriche e ricerche empiriche, Paper 22, Università degli Studi di Brescia Miglietta N. e Battisti E. (2011), Impresa, management e distorsioni comportamentali: un approccio cognitivo alla gestione dell impresa: l Ego Biased Approach (EBLA), Torino, Giappichelli Editore Mishkin F., Eakins S., Forestieri G. (2007), Istituzioni e mercati finanziari, Bologna, Pearson Paravia Murphy J. J. (2002), Analisi tecnica dei mercati finanziari, Milano, Hoepli Pardo R. (2008), The evaluation and optimization of trading strategies, Hoboken, New Jersey, John Wiley & Sons Popper K. R. (1972), Congetture e confutazioni: Lo sviluppo della conoscenza scientifica, Bologna, Il Mulino Rumiati R., Rubaltelli E., Mistri M. (2008), Psicologia economica, Roma, Carocci Editore Samuelson P. A. (1965), Proof that properly anticipated prices fluctuate randomly, Industrial Management Review, vol.6 Shiller R. (1981), Do stock prices move too much to be justified by subsequent changes in dividends, American Economic Review, vol.71 Shleifer A.(2000), Inefficient Markets: an introduction to behavioral finance, New York, Oxford University press Siegel J. (2008), Rendimenti finanziari e strategie d investimento: i rendimenti finanziari nel lungo periodo, Bologna, Il Mulino 171

18 Systems and controls in an automated trading environment for trading platforms, investment firms and competent authorities, Guidelines del 24 febbraio 2012 (Esma 2012/122) Soros G. (1998), La crisi del capitalismo globale, Milano, Ponte alle Grazie Statman M. (1999), Behavioral Finance versus Standard Finance, Santa Clara University Taleb N.N. (2007), Il cigno nero, Milano, Il saggiatore Ventura A. (2010), Scienza e metodo nelle discipline economiche, Rivista di studi sullo Stato : Saggi e Articoli Von Neumann J. e Morgenstern O. (1944), Theory of Games and Economic Behavior, Princeton NJ, Princeton University Press Siti internet visitati

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Roma, 21 Gennaio 2014 Giuseppe Tripodi PhD Banking and Finance Università degli studi di Roma Tor Vergata giuseppe.tripodi@uniroma2.it 1 Indice

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge LINEE GUIDA per la partecipazione alla LSE Digital Innovation Challenge Condizioni di partecipazione La Sapienza Università di Roma partecipa alla seconda edizione 2014-2015 della competizione sull Innovazione

Dettagli

Le imprese artigiane e la crisi d impresa

Le imprese artigiane e la crisi d impresa Corso di Laurea in Economia Aziendale Prova finale di Laurea Le imprese artigiane e la crisi d impresa Relatrice Ch.ma Prof.ssa Maria Silvia Avi Laureanda Lara Citon Matricola 826904 Indice Pag. Introduzione..

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana FORUM FOOD & MADE IN ITALY NUOVI SCENARI PER L'AGROALIMENTARE Milano, 30 GIUGNO 2015 Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana AGENDA Introduzione Etichettatura: l evoluzione

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse.

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse. Marzo 2012 ACTA Consulting S.r.l. P.IVA: 08697660010 Sede legale: Via Des Ambrois 4 Sede Uffici: Via Cavour 1 10123 TORINO Tel. +39 011 08 88 190 Fax: +39 011 08 88 181 http://www.actaconsulting.it acta@actaconsulting.it

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE Annuncio Pubblicitario CONOSCERE I NOSTRI CLIENTI I bisogni, le aspettative ed il modo di interpretare gli investimenti sono differenti per ogni Cliente. Siamo certi che

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Behavioral Funds Agenda Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Introduzione alla Finanza Comportamentale La finanza comportamentale

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Pietro Antonietti consulente del lavoro

Pietro Antonietti consulente del lavoro Pietro Antonietti consulente del lavoro Firenze 18 maggio 2011 1 La storia Lo studio è nato nel gennaio 1980 a Novara. L'idea di intraprendere questa attività è maturata dalla parziale insoddisfazione,

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 Introduzione al Trading Automatico Il flusso di elaborazione

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

MODI NUOVI UNIVERSITY

MODI NUOVI UNIVERSITY in collaborazione con MODI NUOVI UNIVERSITY l università degli installatori ANNO 2007 MODI NUOVI UNIVERSITY La Modi Nuovi S.a.s., dopo un ventennio di attività, ha raggiunto la leadership nella produzione

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE La sicurezza delle applicazioni web si sposta a un livello più complesso man mano che il Web 2.0 prende piede.

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 9 Edizione marzo / luglio 2015 Ottimizzazione di un sistema

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium SHORT NOTES SERIES N. 1 Fondi pensione ed equity risk premium Giuseppe Marotta (Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin) Giugno 2007 CEFIN Centro Studi di Banca e Finanza Dipartimento di Economia

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Studiare a Economia Valore al tuo futuro

Studiare a Economia Valore al tuo futuro Studiare a Economia Valore al tuo futuro a.a. 2011/2012 1 Studiare a Economia Economia Il mondo contemporaneo parla il linguaggio dell Economia. L Economia non solo domina le relazioni sociali e politiche,

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Reti Neurali Artificiali per la Finanza (7 CFU)

Reti Neurali Artificiali per la Finanza (7 CFU) Reti Neurali Artificiali per la Finanza (7 CFU) Facoltà di Economia - Università di Foggia CdLM in Finanza a.a. 2011/2012 Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it Premessa Le tecniche adottate per l'analisi

Dettagli